Sei sulla pagina 1di 18

GLI INDICI DI POSIZIONE

sono indici sintetici che evidenziano le caratteristiche essenziali della distribuzione del carattere Qual il voto medio riportato nella prova intermedia di Statistica dagli studenti del II anno???? Attraverso gli indici di posizione possibile confrontare statistiche che rappresentano i livelli/valori tipici di due diverse distribuzioni

INDICI DI POSIZIONE

Statistica I - a.a.2009/2010
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Hanno riportato voti pi alti le femmine o i maschi ????


93
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

94

Definizione di un indice di posizione


Date n osservazioni v1,v2,,vn o la variabile statistica X (modalit+frequenze)

PROPRIETA GENERALI

1) internalit (condizione di Cauchy)

l indice di posizione deve essere compreso tra il minimo ed il massimo dei dati osservati

un indice di posizione (o statistica o media) una funzione dei dati = (v1,v2,,vn) =(X)
che gode delle seguenti propriet:

xmin (X) xmax 2) monotonicit


se due v.s. hanno modalit minori o uguali una dellaltra allora la stessa relazione vale per i rispettivi indici di posizione

se X Y (X) (Y) 3) moltiplicativit (cambiamento di u.m.)


se le modalit di una v.s. sono moltiplicate per una costante allora anche il valore dellindice di posizione viene moltiplicato per la stessa costante

(cX) = c (X)
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

95

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

96

osservazioni: - 1) 2) e 3) indice di posizione (media) in senso stretto - la propriet di Cauchy irrinunciabile - se non valgono 2) o 3) indice di posizione (media) in senso lato

ALCUNI INDICI TIPICI


- moda - percentili di ordine p - mediana - medie potenziate aritmetica armonica geometrica quadratica.

non analitici

analitici

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

97

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

98

MODA
modalit/valore di massima frequenza
esempio 1: carattere qualitativo ni 19 11 4 2 36

Modi di calcolo differenti a seconda della tipologia del carattere.

caratteri qualitativi/ quantitativi discreti x* = Mo(X) = {xj : nj = max ni}

idoneo II scelta difettoso scarto

max ni =19

moda=Mo(X)=idoneo

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

99

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

100

esempio 2: carattere quantitativo discreto punti vendita 5 6 7 10 ni 141 200 249 115 695 moda=Mo(X)=7
101

caratteri quantitativi continui classe modale x* = Mo(X) = {xc : nj = max ni} (valore centrale classe di max frequenza)

max ni =249
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

102

esempio 3: carattere quantitativo continuo


7 9 11 13 xi 9 11 13 15 ni 4 5 15 14 38

caratteri quantitativi continui con diversa ampiezza x* = Mo(X) = {xc : nj/aj = max ni/ai}

max ni

(valore centrale classe di max densit di frequenza)

Classe modale

11 13 (punto centrale)

Mo(X)=(11+13)/2=12

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

103

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

104

esempio 4: carattere quantitativo continuo xi ni ai 40 2 7.5 9.5 9.5 11.5 25 2 11.5 15.5 120 4 15.5 21.5 145 6 330 Mo(X)=(11.5+15.5)/2=13.5 ni/ai 20.00 12.50 30.00 24.17

Osservazione 1

la moda media solo in senso lato cadendo la monotonicit esempio:


X={1 1 2 2 2 2 3 3 3 3 3 4} Y={1 1 2 2 2 2 3 3 3 4 4 4} 2 4 3 5 4 1 yi ni 1 2 2 4 3 3 4 3

(punto centrale)

xi ni

1 2

ATTENZIONE: guardando la colonna delle frequenze assolute si sarebbe individuata in modo errato la classe modale !!!!!
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Mo(X)=3

Mo(Y)=2

105

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

nel ns. caso: anche se yixi abbiamo Mo(Y) < Mo(X) !!

106

Osservazione 2 la moda pu non essere unica (la distribuzione si dice plurimodale)

Attenzione .

esempio: carattere qualitativo colore dei capelli di 3 gruppi Nero Castano Biondo Altro G1 0.10 0.25 0.60 0.05 1 G2 0.30 0.30 0.30 0.10 1 G3 0.70 0.20 0.05 0.05 1

la moda la modalit cui associata la frequenza massima e non il valore massimo!!!


Data la seguente distribuzione della variabile X la moda non 8 (la modalit con valore massimo) ma 1 (cio la modalit cui associata la frequenza massima) in questo caso la modalit 1 ha frequenza 2 al contrario di 2,4,8 che hanno frequenza 1.

N.B. frequenze relative

{8,1,1,2,4}

G1: Mo(X)=Biondo G2: Mo(X)=Nero/Castano/Biondo ( plurimodale) G3: Mo(X)=Nero


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

107

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

108

PERCENTILI
modalit/valori che dividono la distribuzione di frequenza ordinata in pi parti
Alcuni esempi sono quartili dividono in 4 parti la distribuzione xmin permettono di rispondere ad es. alle seguenti domande: qual il reddito familiare che divide il 25% dei pi poveri dal resto 75% ? qual la soglia di reddito oltre cui sta la fascia dei pi abbienti ? quanti bambini di 6 anni pesano pi di 25 kg? decili dividono in 10 parti la distribuzione xmax

percentili

dividono in 100 parti la distribuzione

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

109

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

110

Per i QUARTILI

(lascia alla sua sinistra il 25% e alla sua destra il 75%)

x0.25 = Q1 = 1 quartile x0.50 = Q2 = 2 quartile

In generale: il percentile xp di ordine p (0<p<1) quella modalit che : - preceduta da almeno p*100% dei casi - superata da almeno (1p)*100% dei casi

(lascia alla sua sinistra il 50% e alla sua destra il 50%)

x0.75 = Q3 = 3 quartile
(lascia alla sua sinistra il 75% e alla sua destra il 25%)
Q1 Q2 Q3

In formula:
x : xp = xix fi p xix fi (1p)

xmin
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

xmax
111
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

112

MEDIANA
DUNQUE .

quartili
decili

percentili di ordine 0.25 0.50 0.75

modalit/valore che occupa la posizione centrale nella distribuzione ordinata dei dati
x : f 0.5 Me(X) = x x fi 0.5 xix i i

percentili di ordine 0.1 0.2 0.9

percentili

percentili di ordine 0.01 0.02 0.99

- preceduta da almeno 50% dei casi - superata da almeno 50% dei casi
numero dati dispari numero dati pari

Un esempio di calcolo sar fornito pi avanti.


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli


113
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli


114

per individuare il valore centrale si esamina la numerosit totale n: a) n = dispari posizione (n+1)/2 valore centrale = x (n+1)/2 b) n = pari posizioni n/2 ed n/2+1 valori centrali xn/2 e xn/2+1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

?? come si individuano sulla distribuzione di frequenza le posizioni n/2, n/2+1, (n+1)/2 ???

sulla colonna delle FREQUENZE CUMULATE !!!

si individua la prima frequenza cumulata maggiore o uguale della posizione cercata

115

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

116

ESEMPIO
n.difetti n.pezzi xi ni 0 2 1 7 2 4 3 2 4 1 16
3 4

1.

A partire dalla definizione

Ni 2 9 13 15 16

la 8-a e la 9-a unit statistica si trovano tra la 2-a e la 9-a

nel caso di caratteri quantitativi continui

2. Utilizzando le
formule di riferimento

si trova un INTERVALLO MEDIANO per cui tutti i suoi valori x[hi-1,hi] soddisfano la definizione per convenzione si prende il valore dato dalla formula Me(X) = hi-1+(P-Ni-1)ai/ni

0 0 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 3

n=16 pari POSIZIONI CENTRALI: n/2=8 e (n/2)+1=9

Me= 1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Me = (x8 + x9)/2 = = (1+1)/2 = 1


117
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

118

dove: hi-1 = limite inf della classe mediana Ni-1 = frequenza cumulata della classe precedente alla cl. med. P = posizione mediana n pari P = n/2 o n/2+1 n dispari P = (n+1)/2 ai = ampiezza classe mediana ni = frequenze assoluta classe mediana

Dimostrazione

Si parte dal grafico delle frequenze cumulate .


ipotesi di equidistribuzione nelle classi
Ni

spezzata

Grafico a gradini

xi
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

119

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

120

Se Ni-1<P<Ni

classe i-esima (AB) = classe mediana

ni

I triangoli ABC e ADE sono simili per cui si pu impostare la seguente proporzione tra i lati: __ __ __ __ AD : DE = AB : BC dal grafico: __ - AD = Mediana hi-1 __ - DE = P Ni-1 __ - AB = hi hi-1 = ai __ - BC = Ni Ni-1 = ni Sostituendo nella proporzione si ha la seguente equazione: (Mediana hi-1)/(P Ni-1) = (hi hi-1)/(Ni Ni-1)
121
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

hi-1

Mediana ai

hi

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

122

esempio: carattere quantitativo continuo X=altezza


da cui Mediana = hi-1
cio
n=330 pari

(P Ni-1)(hi hi-1) + Ni Ni-1

7.5 9.5 11.5 15.5

xi ni Ni 40 40 9.5 65 11.5 25 15.5 120 185 21.5 145 330 330


n/2=165 n/2+1=166 cl med1=11.515.5 cl med2=11.515.5

Me(X) = hi-1+(P-Ni-1)ai/ni cvd


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Me1=11.5+(165-65)4/120 = 14.833 Me2=11.5+(166-65)4/120 = 14.866 MEDIANA= (Me1+Me2)/2 = 14.845


123
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

124

Caratteri quantitativi in classi

unaltra soluzione ragionare sulle frequenze relative anzich sulle assolute

Individuato lintervallo mediano, cio la classe cui corrisponde la prima frequenza relativa cumulata maggiore o uguale a 0,5, la mediana si calcola con la formula
Me(X) = hi-1+(0,5-Fi-1)ai/fi

Caratteri qualitativi o quantitativi discreti

La mediana la modalit cui corrisponde la prima frequenza relativa cumulata maggiore o uguale a 0,5

NB stessa formula precedente con P=0.5 dividendo e moltiplicando al secondo fattore per n
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

125

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

126

per completezza esempio sui PERCENTILI esempio: stessa distribuzione precedente


xi (altezza) 7.5 9.5 9.5 11.5 11.5 15.5 15.5 21.5 ni 40 25 120 145 fi 0.121 0.076 0.364 0.439 Ni 40 65 185 330 Fi 0.121 0.197 0.561 1

Con la stessa procedura del calcolo della mediana tramite le frequenze cumulate relative, si possono individuare i percentili Per i QUARTILI ad esempio si cercano le Fi=0.25;0.50;0.75
xi (altezza) 7.5 9.5 9.5 11.5 11.5 15.5 15.5 21.5 ni 40 25 120 145 fi 0.121 0.076 0.364 0.439 Ni 40 65 185 330 Fi 0.121 0.197 0.561 1

0.25 0.50 0.75

Utilizzo la formula con le frequenze relative: Me(X)=11.5+ 0.5-0.197 *4=14.8296 (giocano le approssimazioni!!!) 0.364

- I quartile: Fi 0.25 classe 11.5-15.5 - II quartile: Fi

Q1= valore centrale = 13.5 Q2= mediana =14.82


128

0.50 classe mediana 11.5-15.5

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

127

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

- III quartile: Fi 0.75 classe 15.5-21.5 Q3 = valore centrale = 18.5

PROPRIETA PROPRIETA : propriet di minimo della MEDIANA La mediana minimizza la somma dei valori assoluti degli scarti di ogni valore da un indice di posizione

RIASSUMENDO caso n dispari posizione (n+1)/2 - caratteri qualitativi/quantitativi discreti Me= x(n+1)/2 - caratteri quantitativi continui Individuato lintervallo mediano in corrispondenza della posizione (n+1)/2 Me = hi-1+((n+1)/2-Ni-1)ai/ni

D=

|xi | ni
i=1 = mediana = x0.5

D = minimo

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

129

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

130

MEDIE POTENZIATE
(ALGEBRICHE o ANALITICHE) caso n pari posizioni n/2 e n/2+1
-

Data la v.s. positiva X (xi > 0) si definisce MEDIA POTENZIATA di ordine r la seguente funzione
1/r k 1 r = x n n i i i=1

caratteri qualitativi Me= xn/2 e xn/2+1

- caratteri quantitativi discreti Me= (xn/2 + xn/2+1)/2 - caratteri quantitativi continui semisomma dei valori mediani individuati con la formula Me = hi-1+(P-Ni-1)ai/ni andando a sostituire a P=n/2 e poi (n/2)+1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

(r)

(r=1,2,)

131

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

132

CASI PARTICOLARI r=1 MEDIA ARITMETICA r = -1


(-1) =

MEDIA ARMONICA
1 k
-1 x ni n i

-1

(1)

1 k x n = == n i i i=1 k

i=1

k 1 n xi i i=1

(con le frequenze relative)

(con le frequenze relative)

i=1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

xi fi
133

k -1 -1 1 = x i f i k 1 i=1 xi f i i=1

- xi = 0 toglie significato - valori positivi e negativi potrebbero, inoltre, condurre a den nullo
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

134

r=2

MEDIA QUADRATICA

r0

MEDIA GEOMETRICA

(2)

1/2 k 1 2 x n = = n i i i=1

- per r=0 la media non definita (forma 1)

1 k 2 x n n i i i=1

- si ottiene (0) per continuit (limite)

(con le frequenze relative)

Mg = (0) = lim (r) = r0

i=1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

xi2 fi
135

n x1 1

n xk k

i=1

xini = xifi
i=1

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

136

ATTENZIONE alla formula precedente:


- contiene una produttoria invece che una sommatoria - la radice NON quadrata, ma n-esima (n=numero dei dati) - le frequenze sono alla potenza e NON moltiplicate alle modalit

Operativamente conviene allora passare ai logaritmi (ricordarsi le propriet) e calcolare la Mg in 2 passaggi: 1) media aritmetica dei logaritmi log (0) = 1 k (log xi) ni n i=1

i calcoli a volte risultano pesantissimi e nemmeno la calcolatrice supporta numeri cos grandi (nemmeno in notazione esponenziale) !!!!
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

2) fare linversa

(0) (0) = elog

137

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

138

esempio 1: voti in 6 esami di uno studente


esame voto 1 18 2 21 3 26 4 27 5 25 6 28

esempio 2: carattere quantitativo continuo X=altezze


le modalit hanno frequenze unitarie (n=k=6)!!!

Classi

valori centrali

xi

ni

xi n i

xi 2 n i

media aritmetica = xini/n = (18+21+26+27+25+28)/6 = 145/6 = 24.167 media armonica media quadratica media geometrica -1 = n/[(1/xi)ni ] = 6/(1/18+1/21+1/26+1/27+1/25+1/28) = = 6 / 0.254 = 23.586 2 = (xi2ni/n)1/2 =(182+212+262+272+252+282/6)1/2 =
= 3579/6 = 24.423

7.5 9.5 9.5 11.5 11.5 15.5 15.5 21.5

8.5 10.5 13.5 18.5

40 25 120 145 330

340.0 262.5 1620.0 2682.5 4905

2890.00 2756.25 21870.00 49626.25 77142.5

media aritmetica = xini/n = 4905 /330 = 14.8636 media quadratica


139

2 = (xi2ni/n)1/2 =( 77142.5 /330)1/2=15.2894


140

0 = (xini)1/n = (18 21 26 27 25 28 )1/6 = 23.886


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

TEOREMA FONDAMENTALE DELLE MEDIE POTENZIATE


xi 8.5 10.5 13.5 18.5 ni 40 25 120 145 330
(1/xi) ni

xi

ni

4.7058 2.3809 8.8889 7.8378 23.8135

1.5023E+37 3.3864E+25 4.366E+135 5.494E+183

log(xi) ni 85.60265 58.78438 312.3228 423.0768 879.7865

La funzione

(xi positivi e distinti) (r) =

k r 1/r x f i i i=1

(r = 1,2,)

media armonica media geometrica

-1 = n/[(1/xi)ni ]= 330 / 23.8135 = 13.8577 0 = (xini)1/n = ( prodotto )1/330 = . ????

1) monotona crescente : se ij allora (i) (j) (r) = xmin 2) lim r (r) = xmax lim r+

uso la formula operativa tramite i logaritmi log 0

3) ogni (r) una media in senso stretto

= log(xi)ni /n = 879.7865 / 330 = 2.666

0 = e2.666= 14.3926
141
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

142

Graficamente

in particolare si ha che:

(r)

xmax

(-1) (0) (2)


quadratica aritmetica geometrica armonica

armonicageometricaaritmeticaquadratica

x(min)

r
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

- vale leguaglianza se xi eguali (la variabile e degenere!!!!)


143
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

144

PROPRIETA DELLA MEDIA ARITMETICA


esempio :
classi
valori centrali

1) I PROPRIETA
xi ni

La media aritmetica rende nulla la somma degli scarti di ogni valore da un indice di posizione

7.5 9.5 9.5 11.5 11.5 15.5 15.5 21.5

8.5 10.5 13.5 18.5

40 25 120 145 330

(xi ) ni=0
i=1
Dim:
k k

se =
k k

(xi ) ni = (xi ni ni) = = xi ni ni


i=1 i=1 i=1 i=1 = n n = n (- ) k se = (xi ) ni=0 i=1

13.8577

14.3926

14.8636

15.2894

armonica

geometrica

aritmetica

quadratica
145

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

146

2) II PROPRIETA : proprieta di minimo La media aritmetica minimizza la somma dei quadrati degli scarti di ogni valore da un indice di posizione

(xi + )2 ni = (faccio il quadrato)


i=1

D=

(xi )2 ni=minimo
i=1

se =

[(xi )2 + ( )2 + 2(xi )( )] ni =

i=1 (moltiplico per ni e applico le propriet delle sommatorie)


2

Dim:

D=

(xi ) ni = (aggiungo e tolgo )


i=1
147

(xi )2 ni + ( )2 ni + 2 (xi )( ) ni =
i=1 i=1 i=1
148

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

k k 2 2 (x ) n + ( ) + 2 ( ) n i i (xi )ni = i i=1 i=1 i=1


=n

3) OPERATORE MEDIA ARITMETICA

assegna ad ogni X la sua media aritmetica


M(X) = = k 1 k xi ni = xi f i n i=1 i=1

=
Quantit che non dipende da

(xi )2 ni + ( )2 n
i=1

=0
per la I propriet della media

D=

(xi )2 ni + n( )2
i=1

simbolo sintetico utile quando la media aritmetica compare in formule matematiche pi complesse
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

saranno minimi i due addendi. Il primo fisso, rispetto ad , il secondo minimo (=0) quando = (media aritmetica)
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

D la somma di due quantit positive. Sar minimo se

149

150

con le seguenti propriet: 1) M(c) = M(costante) = c 2) M(cX) = c M(X) 3) M(XY) = M(X) M(Y)

4) un operatore lineare se Y = aX + b M(Y) = a M(X) + b


infatti M(Y) = M(aX + b) = =a
i=1

(axi + b) fi =

xi fi + b fi = a M(X) + b

Provate a dimostrarle!!!
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

151

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

152

Dimostrazioni:
1) M(c) =

4) PROPRIET ASSOCIATIVA DELLA MEDIA ARITMETICA


k

i=1

c fi = c fi = c
i=1

ipotesi : i dati elementari sono riuniti in h sottogruppi di cui si conoscono le medie e le rispettive numerosit

2) M(Y) = M(cX) =

i=1

cxi fi = c xi fi = c M(X)

3) M(X+Y) =

i=1

(xi + yi) fi = xi fi + yi fi =
= M(X) + M(Y)

si suppone cio che di un insieme di dati non si conoscano i valori assunti dal carattere X singolarmente su ciascuna unit statistica, ma si abbia conoscenza solo di alcuni risultati gi in forma aggregata: si conosca cio il valor medio di X e la numerosit in ciascuno degli h sottogruppi in cui linsieme stato suddiviso. es: se X=voto esame matematica, suppongo di conoscere il voto medio riportato da 100 maschi e da 80 femmine. Non conosco il voto di ciascuna delle 180 singole unit statistiche. Voglio calcolare la media di X sullintero insieme.
153
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

154

1 n1 1

2 n2 2

h nh h
I valori del carattere X saranno definiti da due indici: i=1,2,,h (i = indice del gruppo) j=1,2,,ni (j = indice del valore nel gruppo) media totale =

MEDIA GENERALE = MEDIA DELLE MEDIE PARZIALI


Dimostrazione: h ni = xij / n = (moltiplico e divido per ni) i=1j=1 h n i = n i=1 ni h

xij rappresenta il valore dellosservazione j-ma rilevata nel gruppo i-mo. - media dell i-mo gruppo:

ni i = xij / ni j=1
- media totale:

xij / ni = i fi = media delle medie parziali


j=1 i=1

h ni = xij /n i=1j=1
155
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

156

esempio 1: 1 = voto medio delle n1 femmine 2 = voto medio degli n2 maschi = n11 + n22 n1 + n2

esempio 3 (Tema desame 219 del 30/06/05)


Una piccola universit con 4 facolt ha 300 iscritti al I anno: 60 di lettere, 125 di economia, 75 di scienze politiche e 40 di chimica. I dati del voto medio di maturit (X) degli studenti delle 4 facolt sono:
Lettere Economia Sc. Politiche Chimica i 88 82 86 85 ni 60 125 75 40

esempio 2: dai dati di produzione media giornaliera alla media mensile o trimestrale

Calcolare il voto medio di maturit degli studenti di tutto lateneo. = (8860+82 125+86 75+8540)/300 = 84.60

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

157

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

158

ESEMPI PER RIFLETTERE - 1


RIASSUMENDO: - per caratteri qualitativi sconnessi si pu calcolare solo la MODA - per caratteri qualitativi ordinabili si possono calcolare la MODA e la MEDIANA - per caratteri quantitativi discreti/continui si possono calcolare TUTTI gli indici (MODA, MEDIANA, MEDIE)
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Supponiamo di avere osservato i seguenti nove valori:

10 11 15 17
media aritmetica= 9

moda = 8

mediana = 8

Gli scarti dalla mediana:

somma =9

-6 -7

-4 -5

-2 -3

0 -1

0 -1

2 1

3 2

7 6

9 8

somma ass=33

Gli scarti dalla media:

somma=0
somma ass= 34

Cosa si pu concludere alla luce delle propriet degli indici? 159


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

160

ESEMPI PER RIFLETTERE - 2


Gli scarti dalla mediana al quadrato: Si consideri la seguente serie statistica:

36 16 4

49 81

somma=199

11 13

Gli scarti dalla media al quadrato:

Senza effettuare calcoli si stabilisca se le seguenti affermazioni possono essere vere:

49 25 9

36 64

somma=190 1) (-1) = 8 2) (2) = 8 3) (0) = 7 4) (100) = 15

Cosa si pu concludere alla luce delle propriet di minimo?

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

161

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

162

ESEMPI PER RIFLETTERE - 3


Si consideri la seguente serie statistica degenere:

ESEMPI PER RIFLETTERE - 4


Si consideri la seguente serie statistica in cui presente un valore anomalo. Da 10 cartelle cliniche di un pediatra rilevata let corrispondente dei pazienti:

60

Si osservi che in questo caso tutti gli indici di posizione coincidono e sono tutti pari a 2.

Let media, pari a 10.5 poco rappresentativa perch nove pazienti su dieci risultano avere unet inferiore a questa.

2
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

60
164

La mediana 5.5
163
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli