Sei sulla pagina 1di 10

Sistema strutturale

Corso di Costruzioni in zona sismica Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Universit del Salento

LA CONCEZIONE STRUTTURALE
Marianovella Leone

Anno Accademico 2012/2013

Prof.ssa Maria Antonietta Aiello

La concezione strutturale

Il progetto strutturale dovrebbe accompagnare sin dallinizio lITER PROGETTUALE

Un progetto INTELLIGENTE tiene in debito conto delle esigenze strutturali


ESIGENZE STRUTTURALI

ESIGENZE FUNZIONALI

PROGETTO ARCHITETTONICO

ESIGENZE IMPIANTISTICHE

In REALTA?....

Il momento del progetto strutturale si concretizza nella fase esecutiva, nel momento in cui ottenuta la concessione sulla base di un progetto che definisce le FORME e le FUNZIONI si deve realizzare ledificio

I tempi lunghi e la rigidit amministrativa che si incontrano pongono un limite serio alle possibili modifiche a causa di problemi strutturali

GRAVI VINCOLI

PROGETTAZIONE NON RAZIONALE

La concezione strutturale

Gli aspetti fondamentali in una corretta concezione strutturale sono:

Rigidezza e resistenza flessionali secondo due direzioni;

Rigidezza e resistenza torsionali;

Rigidezza e resistenza dei solai;

Fondazioni adeguate;

Regolarit;

Iperstaticit;

Semplicit strutturale e simmetria;

RIGIDEZZA E RESISTENZA FLESSIONALI SECONDO DUE DIREZIONI

Assicurano un buon comportamento della struttura qualunque sia la direzione del moto sismico. La presenza di due sistemi resistenti orditi secondo due direzioni ortogonali e aventi valori di rigidezza simili estremamente importante se si considera limpossibilit di prevedere la direzione di azione del sisma.

La concezione strutturale

RESISTENZA E RIGIDEZZA TORSIONALI

Assicurano limitati effetti torsionali nella struttura e quindi riducono il rischio che spostamenti differenziali, dovuti a tali effetti nei diversi elementi strutturali, inducano sollecitazioni non uniformi.

RESISTENZA E RIGIDEZZA DEI SOLAI DEL PIANO

Assicurano capacit di ridistribuzione delle forze indotte dal sisma sul sistema proporzionalmente alla rigidezza e resistenza e un comportamento globale uniforme.

Predimensionamento: si possono ritenere valide le prescrizioni del D.M. 96 (spessore non inferiore a 1/25 della luce o 1/30 nel caso di nervature precompresse)

Deve adottarsi uno spessore con soletta di almeno 40 mm


con armatura di ripartizione ben ancorata alle travi di bordo. Si richiede un incremento di spessore nel caso le prescrizioni architettoniche richiedono luci superiori ai 5 m senza impiego di travi emergenti

Sotto queste ipotesi il solaio pu essere considerato RIGIDO.

La concezione strutturale

FONDAZIONI ADEGUATE

Assicurano uneccitazione sismica uniforme, riducendo il rischio di eventuali spostamenti dovuti a input asincrono. Il sistema dovr essere dotato di adeguata rigidezza nel piano e adeguata rigidezza flessionale. Dovr essere adottata una sola tipologia di fondazione per una data struttura in elevazione, a meno che la struttura stessa non consista di pi unit indipendenti.

IPERSTATICITA

Assicura una pi ampia ridistribuzione degli effetti dellazione sismica e dissipazione di energia

La concezione strutturale

REGOLARITA E SIMMETRIA

Risposta globale uniforme, si riducono le concentrazioni di sforzi e di elevata richiesta di duttilit

La concezione strutturale

SEMPLICITA STRUTTURALE

Assicura lesistenza di percorsi evidenti e diretti per la trasmissione delle forze sismiche riducendo le incertezze insite nelle varie fasi di progettazione ed esecuzione e rende quindi pi affidabile la previsione del comportamento della struttura soggetta al sisma.

La concezione strutturale

ATTENZIONE A PARTICOLARI DISPOSIZIONI

Sistema strutturale

Sistema strutturale

STRUTTURE A PARETI

Sono di due tipi: a pareti semplici o accoppiate

Una parete accoppiata consiste di due o pi pareti semplici collegate tra loro ai piani delledificio da travi di collegamento disposte in modo regolare lungo laltezza. Sotto azioni laterali si comportano come una mensola. Gli spostamenti relativi dei piani derivano dalla deformazione flessionale dei muri e quindi presentano una forma convessa dalla parte dei carichi.

La distribuzione del taglio proporzionale al momento di inerzia della sezione dei muri.