Sei sulla pagina 1di 8

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

PALERMO
FACOLTA DI INGEGNERIA
Dipartimento di Ingegneria Strutturae e
Geote!ni!a
A"A" #$$%&#$$'
FONDA(IONI
Veri)i!a a !ari!o imite
di un *er+atoio
a pianta !ir!oare
Do!ente,
Pro)" Ing" M" (i!!arei
Aie-o,
Ing" Giu*eppe Renna
ESERCITAZIONE
Considerando il serbatoio contenente nafta in figura si determini il coefficiente di sicurezza nel caso
in cui il livello della falda sia I1 e I2 e nella C e CN
c!" 1 t#m
$
!" 2$%

sat
" 1&'( t#m
$
Cu " '&) t#m
$
E!" 2$** t#m
2
!" *&2'

nafta
" *&'+ t#m
$

c,a,
" 2&+ t#m
$

a
" -&'+ t#m
$
Occorre innanzi tutto verificare& c.e il dimensionamento del serbatoio sia corretto& e in /articolar
modo lo s/essore del serbatoio 0+ cm1, A tal fine viene utilizzata la formula di 2ariotte
/articolarizzata /er il caso in esame, 3acendo riferimento a una striscia alla base del serbatoio& /ari
a un metro& lo sforzo agente sulla sezione di 4uesta striscia 5 uguale a6
2
$2** 1**
ma7
cm cm p
T

" +1(&'* t
dove p
max
5 la /ressione c.e agisce alla base del serbatoio& ed 5 /ari a6
h p
nafta

ma7 8 / " 7 . " *&'+ 7 $' " $2&$ t#m
2
essendo h 5 il livello della nafta ris/etto alla base del serbatoio, Nella formula /recedente& si 5
assunto c.e la /ressione sia costante /er l!altezza di un metro& in effetti l!andamento 5 tra/ezoidale,
Sa/endo c.e la tensione ammissibile dell!acciaio 5 /ari a
a
" 21** 9g#cm
2
cm
cm
T
s
acc
$: & 2
1**

al risultato si evince c.e lo s/essore di +cm 5 ben al di so/ra dello s/essore minimo, Oltre alla
verifica a//ena effettuata& occorrerebbe effettuare la verifica sia del base del serbatoio& c.e della
co/ertura, ;uesti elementi /ossono essere visti come delle /iastre,
Calcolo delle forze /eso del sistema6
<
3
" /eso fondazione " 2&+ =$ 7 0$2
2
7 >1#)? " (*$1&'( t
<
N
" /eso nafta " *&'+ =$' 7 0$2
2
7 >1#)? " 2+:--&2* t
<
a
" /eso acciaio " $2 7 > 7 *&*+ 7 $' 7 -&'+ @ 0$2
2
7 >1#) 7 *&*+ 7 -&'+ " 1'1+&(- t
<
TOT
" <
3
@ <
N
@ <
a
" $$'2)&-$ t
Considerando c.e il serbatoio /oggia su un terreno saturo d!ac4ua e .a un affondamento ris/etto al
/,c, di + metri& il carico d!esercizio vale6
q
es
= (P
tot
S
w
)/A = (33824,73 4021,25)/804,25 = 37 t/m
2
dove6
S
A
" B 7
A
" + 7 '*)&2+ 7 1 " )*21& 2+ t
5 la sottos/inta esercitata dal li4uido interstiziale alla base del serbatoio,
Sa/endo c.e la struttura 5 /osta in una zona sismica S"12 calcoliamo C"0SC21#1**"*&1*
con il 4uale& in /ro/orzione al carico verticale& determiniamo la forza sismica6
3
sism
" <
tot
7 *&1 " $$'2&+ t
;uesta 5 a//licata al baricentro del serbatoio e /recisamente a 1'&*+ metri dal /iano di a//oggio
della fondazione,
Il calcolo 5 stato eseguito considerando le seguenti masse in cui 5 stato diviso il sistema6
C massa 16 fondazione in calcestruzzo armatoD
C massa 26 /areti del serbatoioD
C massa $6 naftaD
C massa )6 co/erc.io serbatoio,
masse volume (m
3
) P (t) S (t) bracci (m) momenti (t m)
1 2412,74 6031,86 603,19 1,50 904,78
2 190,71 1497,08 149,71 22,00 3293,57
3 29571,47 25135,75 2513,58 21,50 54041,87
4 40,21 315,67 31,57 41,03 1295,02
I bracci si riferiscono solo alle forze orizzontali& a//licando infatti il teorema di Barignon& ris/etto
al /unto A& le forze verticali non com/iono momento, A//licando il suddetto teorema si trova il
/unto di a//licazione della risultante delle forze ris/etto alla base e il conseguente momento6
punto applicaione
!alla base (m) momento (t m)
18,05 59535,24
Considerando il /unto A& l!e4uilibrio del sistema& determina una risultante R da a//licare a una
distanza e dal baricentro della base di a//oggio6
2 " 3
sism
7 . " +)12* tm " R 7 e 8 e " 2#R " 1&'* m
dove R " <
tot
E S
A
" 2:-+-&2+ t
/rocediamo ora al calcolo del carico limite6
lim
1
F F F
2
c cF ci q qF qi F i
q c N qN R N

+ +
ove /er !" 2$% 8 Nc"1'&*+ N4"'&(( N"'&2*
4 " 7 ! " + 7 *&'( " )&$ t#m
2

c3
&
43
&
3
sono i coefficienti di forma /ari a6
F
1
F
cF
B Nq
L Nc
+ 1,48
F
1 F
F
qF
B
tg
L
+ 1,42
F
1 *& )
F
F
B
L

0,60
Nel nostro caso il carico .a una com/onente verticale ;
v
"R" 2:-+-&2+ t e una com/onente
orizzontale ;
.
"3
sism
" $$'2&+ t, I coefficienti correttivi dovuti all!inclinazione del carico valgono6
2
1 *& -'+
F
h
qi
v
Q
Q ctg

_


+
,
1
F
qi
ci qi
Nc tg

"*&-+-
$
1 *& (:+
F
h
i
v
Q
Q ctg

_


+
,
obbiamo /ure considerare il fatto c.e la risultante dei caric.i a//licati alla fondazione non /assa
/er il baricentro G& dell!area di im/ronta della fondazione stessa& ma /er un /unto C avente
eccentricitH r=e=1,80m dal baricentro,
<ertanto da 4uesta situazione troviamo un!area rettangolare o 4uadrata /er la 4uale sarH /ossibile
a//licare la formula trinomia del carico limite,
Area " (':&2: m4 8 04uadrato di lato 2+&2+ m1
8 q
lim
= 96,44 t/m
2
Il coefficiente di sicurezza 5 /ari a 3" 4
lim
#4
es
" :(&))#$- " 2&(1
Verifica a pun!nament!"
Effettivamente /rima di /rocedere al calcolo del carico limite della fondazione in esame& occorre
verificare il ti/o di rottura, Infatti la formula trinomia& /uI essere utilizzata solo /er il caso di
meccanismo di rottura generale& altrimenti occorre correggere la relazione con o//ortuni
coefficienti, Il /rocedimento c.e viene utilizzato& 5 4uello di Besic6
Calcolo dell!indice di /unzonamento critico6
F F
*& +e7/ $& $ *& )+ )+ )& $1
F 2
crit
B
# ctg
L
1
_ _


1
, , ]
I
r
J I
crit
8 no /unzonamento
F
2*:& ('
F F F
$
#r
c tg

+
doveD
F
F 1+:-& 22
201 F1
%
$

2
F F 1+& +: #
2
B
& t m
_
+

,

Verifica ne''a c!n(ii!ne n!n (renata
In 4uesto caso !" * 8 N"* N4"1 Nc"+&1)
Inoltre c!"Cu" resistenza non drenata e 4 "
tot
"
sat
7 " :&$ t#m
2
un4ue6
4
lim
" Cu Nc @ 4 N4 " '&+ 7 +&1) @ :&$ 7 1 "++&2 t#m
2
4
es
" $- t#m
2
3 " 4
lim
#4
es
" 1&+*
Consideriamo ora il caso in cui la falda si trova nella posizione I
2
_
q
es
= (Q
tot
S
w
)/A = (33824,73 8846,75)/804,25 = 31,06 t/m
2
R " 2):'* t
2 " 3
sism
7 . " $$'2&+ 7 1( " +)12* tm " R 7 e 8 e " 2#R " +)12*#2):'* " 2&1- m
!" 2$% 8 Nc"1'&*+ N4"'&(( N"'&2*
4 " 7 ! " + 7 *&'( " )&$ t#m
2
;
v
" R " 2):'* t
;
.
" 3
sism
" $$'2&+ t
2
1 *& -)-
F
h
qi
v
Q
Q ctg

_


+
,
1
F
qi
ci qi
Nc tg

"*&-1)
$
1 *& ()(
F
h
i
v
Q
Q ctg

_


+
,
Con l!aumento del livello della falda si .a una diminuzione della forza verticale agente alla base
della fondazioneD 4uesto com/orta un ovvio aumento della eccentricitH del /unto di a//licazione
della forza stessa, Sotto 4uesto ragionamento si determina un altro valore di area e4uivalente /ari a
A " ((+&'* 8 K!" 2+ m L!" 2(&(* m
I coefficienti correttivi c.e tengono conto della forma della fondazione valgono6
F
1
F
cF
B Nq
L Nc
+ 1,45
F
1 F
F
qF
B
tg
L
+ 1,40
F
1 *& )
F
F
B
L

0,624
q
lim
= 81,33
3 " 4
lim
#4
es
" '1&$$#$1&*( " 2&(2
Eseguiamo la verifica a /unzonamento
F 1+:-& 22
21(&1'
F F F 1 1+& *+ 2$
$
#r
c tg tg

+ +
I
r
J I
crit
8 oM
Berifica in CN6
4 "
tot
" ( 7
A
@ + 7
sat
"1+&$ t#m
2
dun4ue6
4
lim
" Cu Nc @ 4 N4 " '&+ 7 +&1) @ 1+&$ 7 1 " +'&:: t#m
2
4
es
" 0$$'2) -$ E '')(&-+1#'*)&2+ " $1&*(
3 " 4
lim
#4
es
" 1&:*
Verifica a galleggiamento
Nel caso in esame& risulta fondamentale effettuare una ulteriore verifica& 4uella a galleggiamento,
Tale verifica risulta /iN significativa a serbatoio vuoto, Le forze stabilizzante sono tutti i /esi
calcolati /recedentemente tranne il /eso della nafta& mentre la s/inta dell!ac4ua& c.e risulta diversa
/er i due casi& risulta essere la forza destabilizzante6
"stab (t) "!estab (t) "
caso 1 (livello #1) 7844,60 4021,25 1,95
caso 2 (livello #2) 7844,60 8846,75 0,89
Affinc.5 la verifica risulti soddisfatta il coefficiente deve essere su/eriore a 1&+, da come si /uI
notare e /reoccu/ante il caso 2, un /rovvedimento /otrebbe essere 4uello di aumentare il /eso del
serbatoio,