Sei sulla pagina 1di 24

Classificazione delle Reazioni Avverse ad Alimenti

R e a z io n i A v v e rs e a d A lim e n ti
R e a z io n i n o n to s s ic h e R e a z io n i Im m u n o lo g ic h e A L L E R G IE A L IM E N T A R I N o n Ig E m e d ia te Ig E m e d ia te E n z im a tic h e

R e a z io n i T o s s ic h e

R e a z io n i n o n i m m u n o lo g ic h e IN T O L L E R A N Z E A L IM E N T A R I F a rm a c o lo g ic h e M e c c a n is m i s c o n o s c iu ti

Reazioni tossiche
Sono prevedibili e possono interessare ogni individuo, essendo imputabili alla presenza di sostanze tossiche naturali negli alimenti, o di tossine prodotte da batteri o funghi che hanno contaminato gli alimenti stessi durante le lavorazioni della catena alimentare, che comprende varie fasi: Produzione Lavorazione Conservazione Trasporto

Reazioni tossiche
Queste reazioni sono intimamente correlate non solo con la dose ma anche con la particolare azione tossica della sostanza stessa Esempio di queste reazioni sono:
Le intossicazioni da funghi velenosi Le gastroenteriti causate da tossine batteriche contenute in alimenti avariati (botulino) Le manifestazioni nervose dovute ad intossicazioni alcoliche o da caffeina

Il termine intolleranza alimentare viene utilizzato per definire le reazioni avverse ad alimenti sottese da un meccanismo non immunologico La gravit della reazione avversa dipende dalla quantit di cibo ingerito

asi patogenetiche della maggiore incidenza di allergia alimentare in et! pediatrica


Il GAL !"AL alla nascita non # ancora completamente sviluppato e un deficit di cellule che producono immunoglobuline pu$ essere presente fino all%et& di '( anni Le IgA sono le immunoglobuline a sviluppo pi) tardivo e la loro concentrazione nella mucosa intestinale non raggiunge i livelli dell*adulto per molti mesi (per questo da alcuni autori # ritenuto importante l*allattamento al seno attraverso cui vengono passate dalla madre al figlio le IgA)

asi patogenetiche dell"allergia alimentare


Si ipotizza che le reazioni allergiche agli alimenti siano dovute alla carenza della tolleranza orale o dalla mancata induzione della stessa#

asi patogenetiche dell"allergia alimentare


$attori che possono influenzare il meccanismo della tolleranza: %n particolare bac&ground genetico a rischio Reazioni infiammatorie ricorrenti a livello intestinale 'interferiscono con la via di presentazione dell"antigene( )ancanza dei normali meccanismi di immunoesclusione Immaturit! del sistema immunitario nei primi mesi di vita Altri fattori: L%esposizione ad allergeni alimentari dotati di caratteristiche allergeniche particolari +na sensibilizzazione primitiva ad allergeni inalatori (cross!reattivit&)

Tolleranza orale
Si svolge a livello dell"epitelio intestinale Immunoesclusione Immunoeliminazione Immunoregolazione

Classificazione degli allergeni alimentari


Allergeni alimentari completi:
agenti in grado di indurre una sensibilizzazione Ig*+medita, di legarsi alle Ig* specifiche e di dar luogo a vere e proprie reazioni Ig*+mediate 'parvalbumina, ovoalbumina(

,on sensitizing elicitors:


agenti in grado di legarsi mediante un fenomeno di cross+ reattivit! ad Ig* specifiche preformate e di reagire con esse, dando luogo a manifestazioni cliniche 'allergeni vegetali che cross+reagiscono con le Ig* dei pollini#(

Sensitizing non elicitors:


agenti in grado di legarsi per cross+reattivit! a Ig* specifiche preformate senza dar luogo a manifestazioni cliniche Ig*

)odificazione dell"allergenicit! degli alimenti


)odificazioni indotte negli alimenti dalle tecnologie agro+alimentari possono aumentare il potere allergenico degli alimenti per:
%tilizzo di proteine alimentari come additivi Conservazione in frighi 'stoccaggio( Procedimenti chimico+fisici nel trattamento degli alimenti 'riscaldamento( Creazione di cibi transgenici

Allergeni alimentari
%ovo Caseina lattalbumina Soia Arachide Pesce Sedano -amberetto )ela Carne di maiale

Cross+reattivit! tra alimenti


Mela Latte di mucca &o%a esca Arachidi Gam$eretto Merluzzo #arota isello
atata carota Latte di ca"ra o d'asina O%oal$umina o%omucoide Al$icocca "rugna $anana Noci noci americane Granchio aragosta calamaro Tonno salmone sgom$ro !edano mela anice "atata Lenticchie soia fagioli

Cross+reattivit! tra alimenti ed allergeni inalanti


,etulla arietaria Graminacee Acari #om"osite Late+
Al$icocca( carota( ciliegia( finocchio( fragola( noci( )i*i( lam"one( mandorla( mela( "era( "esca( sedano( fragola ,asilico( ciliegia( melone( gelso Al$icocca( anguria( ciliegia( )i*i( mandorla( "esca( "omodoro( "rugna Gam$eri( molluschi( lumache ,anana( carota( castagna( sedano( tarassaco( miele -contaminato da "olline. Al$icocca( $anana( castagna( )i*i( mela( "atata( "esca( "omodoro( u%a

.iagnosi delle allergie alimentari


Anamnesi Test cutanei .osaggio Ig* specifiche Challenge test orali .iete di eliminazione

Anamnesi
I sintomi di allergia alimentare si verificano ad ogni ingestione dell"alimento anche per piccole /uantit! La storia clinica deve /uindi stabilire:
Il periodo di latenza tra l"ingestione dell"alimento e la comparsa dei sintomi L"evoluzione temporale della reazione La riproducibilt! dei sintomi

Test cutanei
S&in Pric& test con estratti commerciali
Spesso non sono standardizzati

Pric& b0 pric& con alimento fresco


1iene punto con una lancetta prima l"alimento poi la cute del soggetto 2uesta tecnica 3 la pi4 riproducibile

Challenge test orali


Provocazione in aperto
.i facile esecuzione ma soggetta a false risposte positive

Test in doppio cieco con cibo fresco


Richiede un"idonea /uantit! di cibo accuratamente mascherato 5a il vantaggio di accertare la dose soglia di cibo scatenante i sintomi

Test in doppio cieco contro placebo


Con alimenti liofilizzati *" ritenuto il 6gold standard7 della diagnostica per alimenti C"3 per8 la necessit! di somministrare molte capsule ,on 3 in grado di elicitare sintomi orali ,on 3 in grado di determinare la dose soglia per mancanza di e/uivalenze col cibo fresco

.iete di eliminazione
Sono utili per indurre la remissione dei sintomi Sono spesso molto restrittive ,on devono essere protratte per pi4 di 9:+9; giorni 'inutili se sintomi sporadici( Possono essere seguite da test di scatenamento in aperto

)anifestazioni cliniche
C%TA,**: dermatite atopica<eczema, orticaria<angioedema, flushing, dermatite da contatt=# R*SPIRAT=RI*: asma, rinite, congiuntivite SI,.R=)* =RAL* ALL*R-ICA I,T*STI,ALI: diarrea, vomito, dolori addominali, malassorbimento S5=C> A,A$ILATTIC= PAT=L=-I* .% I*: colon irritabile, otite media sierosa, chronic fatigue s0ndrome, cefalea<emicrania, sindrome ipercinetica del bambino, malattie reumatiche

La sindrome orale allergica '=AS(


)anifestazioni tipicamente Ig*+ 'o immuno+( mediata, ad insorgenza immediata 'entro minuti( dall"assunzione di cibo: / Prurito orale e faringeo / Pomfi periorali / *dema della lingua e delle labbra / *dema della glottide *" fre/uente in soggetti con allergia respiratoria a pollini che assumano alimenti vegetali cross+reagenti#