Sei sulla pagina 1di 4
CREMONESE – PERUGIA 11 OTTOBRE 2009 SEMPRE IN MOVIMENTO Cremonese – Perugia, mi ricorda quello
CREMONESE – PERUGIA
11 OTTOBRE 2009
SEMPRE IN MOVIMENTO
Cremonese – Perugia, mi ricorda quello spareggio giocato contro il Livorno proprio in quel di Perugia, vinto con quel
goal di Guarneri durante i tempi supplementari, vinto in 600 contro 20 mila, vinto assieme a tutti quei presenti che
TIFARONO PER 120 minuti, non smettendo mai di urlare e CREDERCI, vinto con PULCE e IVANO, saliti in cielo negli
anni a venire…ma mai dimenticati.
Oggi in definitiva non ci giochiamo uno spareggio, ma ritengo che questa partita sia molto importante, primo, perché la
GENTE deve tornare allo ZINI, deve CREDERE nella SQUADRA, nella SOCIETA’, nella CURVA, e si deve tornare a
parlare di CREMONESE in ogni luogo, in palestra, dal barbiere, al cinema ( sottovoce
eheheh)
al bar, con gli amici del
calcetto, insomma ci siamo capiti BENISSIMO, cosa intendo, voglio ( parolone dittatoriale…ma ce vò) che LA NOSTRA
CREMO, venga seguita da tutti e sempre, anche per quelli che alla CREMO, mancano da anni…ecco perché abbiamo
organizzato le serate degli aperitivi ( a tal proposito, vi ricordo CHE IL 14 OTTOBRE ALLE 19,30 INZIAMO LE DANZE
CON GLI APERITIVI, CON LA MAGICA SERATA AL “SOIREE” IN VIA MILANO …APERITIVO, BUFFET, ESTRAZIONE
LOTTERIA, VIDEO “IO SONO CREMONESE” E LA SORPRESA DELLA FAMIGLIA DI ERMINIO FAVALLI PRESENTI) ed è
nostra intenzione dare e fare il possibile perché questa CITTA’ e la parte della PROVINCIA che ancora MANCA, si unisca
e dia quella spinta necessaria per VOLARE IN ALTO.
Crediamo che ( per una volta toccherebbe a noi…non credete anche voi???) qualcuno nel cielo, ERMINIO per primo, ci
darà una mano e poi…c1 o b non cambierà molto…mi auguro che si torni allo ZINI, e che possiamo essere sempre
orgogliosi dei nostri calciatori e COLORI, E RICORDATE CHE LE BANDIERE ENTRANO…BASTA PORTARLE E USARLE.
Foto di Perugina, CREMO – Livorno 1 a 0, 1997, con la promozione in b della CREMONESE…
ROMA (7 ottobre) - Due secoli di carcere sono stati chiesti dalla Procura di Roma
ROMA (7 ottobre) - Due secoli di carcere sono stati chiesti dalla Procura di Roma per i 19
ragazzi che tra il giugno del 2007 ed il febbraio del 2008 presero d’assalto caserme e
locali dopo gli scontri seguiti all’uccisione di Gabriele Sandri. Esattamente sono stati 182
gli anni di galera chiesti dal pm Pietro Saviotti. Richieste di condanne esemplari che
vanno dai 14 anni in giù a seconda delle singole posizioni. Le pene più severe sono state
domandate per P. M. (14 anni e 6mesi), F. C. (13anni e 9mesi), R. S. (13 anni e 7mesi),
F. F.(13 anni e 6mesi).
Quindici imputati, molti dei quali si trovano agli arresti domiciliari mentre nessuno è in
carcere, sono accusati di associazione per delinquere, devastazione, saccheggio, violenza,
lesioni a pubblico ufficiale. La requisitoria del pm ha occupato molte ore, necessarie
d’altronde a ripercorre le tappe di una lunga serie di episodi violenti di cui si sarebbero
macchiati a vario titolo gli accusati.
Dall’assalto alle caserme avvenuto l’11 novembre del 2007 a poche ore dalla morte di
Gabriele Sandri, all’irruzione ad un concerto rock della Banda Bassotti a Villa Ada
risalente al giugno del 2007 per finire all’incursione al locale Sally Brorwn del febbraio
2008. Secondo l’accusa, la maggior parte degli imputati sono stati mossi da motivi di odio
politico e disprezzo verso le forze dell’ordine. Molti degli accusati, tra i 22 anni e i 35anni,
erano tifosi che frequentavano le curve di Roma e Lazio mentre tutti erano accomunati da
simpatie di estrema destra, come dimostrerebbe la provenienza di alcuni da ambienti
contigui a Forza Nuova. Il cuore della requisitoria del pubblico ministero è stato dedicata
all’11 novembre del 2007, la giornata trasformatasi in triste simbolo della contesa tra
tifosi violenti e Stato.
Fu quello il giorno della morte di Gabriele Sandri, l’involontaria miccia che accese gli
animi di sedici tra quegli imputati che lanciarono l’assalto alle caserme delle forze
dell’ordine.
ECCO COSA INTENDEVO QUELLE VOLTE CHE RIPETEVO, NON ABBIAMO FATTO
ABBASTANZA DOPO CHE IL VILE O VIGLIACCO SPACCAROTELLA UCCISE GABRIELE
SANDRI
ECCO COSA INTENDEVO
MI
SENTO UNA MERDA.
NON CI SONO PIU SCUSE, NON CI SONO PIU TEMPI, QUESTI RAGAZZI VANNO AIUTATI
E LO SI DEVE FARE TUTTI E SUBITO
VEDIAMO COSA SUCCEDERA' ADESSO NELLE CURVE
VEDIAMO
COSA SARANNO CAPACI
DI DIRE GLI ULTRAS BEN PENSANTI E GLI ULTRAS DI ALTRE PIAZZE, VEDREMO, ANCHE
SE, VISTI GLI ULTIMI EPISODI, CI SI POTREBBE ANCHE GEMELLARARE CON LA
FAMIGLIA SPACCAROTELLA, NON NE AVRA' UCCISI 39, MA DI SICURO IL MOVIMENTO
QUEL GIORNO SI E' DATA L'ESTREMA UNZIONE
ME
COMPRESO
SI,
ABBIAMO FATTO
QUELLO CHE IN LINEA DI MASSIMA, TUTTI FECERO, ZERO STRISCIONI, ZERO TIFO,
OFFESE E TENTATIVI DI CHISSA' CHE COSA, CON DEI FANTASMI, QUEL GIORNO A
CREMONA, GIOCAVA IL NOVARA, NEMMENO IL TEMPO DI VEDERLI ENTRARE CHE E
SENZA ESSERCI NE, VISTI E NE SENTITI, SIAMO PARTITI ASSIEME CONTRO QUESTO
STATO DI MERDA, MA TUTTO FINISCE LI, POI CI SONO LE PEZZE, GLI STRISCIONI
APPESI DI NOTTE, GLI ADESIVI, GLI SMS "non fermerete il vento
GIUSTIZIA
PER
GABRIELE", MA, TUTTO QUESTO NON E' NULLA, SE LO PARAGONO ALLA SENTENZA
SPACCAROTELLA CONTRO CHI, E USANDO QUASI LE LORO STESSE ARMI, O ALMENO
UNA PARTE DI ESSE, STAVA CERCANDO GIUSTIZIA, E SE LO VOGLIAMO PARAGONARE
ALLA SENTENZA SPACCAROTELLA, COSA DIRE DI PIU E NON MI FACCIANO RIDERE,
QUANDO MISCHIANO I CONCERTI E GLI ASSALTI NERI O ROSSI CHE SIANO, QUESTI
PAGANO L'ASSALTO ALLE ISTITUZIONI, MA DI QUALI ISTITUZIONI STIAMO PARLANDO:
DI QUELLE CHE AMMAZZANO COME CANI I PROPRI FIGLI? IO MI VERGOGNO DI QUESTA ITALIA,
DI
QUELLE CHE AMMAZZANO COME CANI I PROPRI FIGLI?
IO
MI VERGOGNO DI QUESTA ITALIA, MI VERGOGNO DI QUESTO MONDO ULTRAS, E DI ME
STESSO
ASPETTANDO
UN ALTRO STRESSATO CHE MI SPARI DA UN ALTRO AUTOGRILL
ONORE A QUESTI UOMINI
E NON CAGATE LE PALLE CON I BASSOTTI O ALTRO, QUI SI PAGA NON AVER CHINATO LA
TESTA
NE
ROSSI, NE NERI
AVENDO
LO STESSO AVVOCATO, SAPPIAMO, QUINDI
MANNAGGIA ALLE BANCHE
Sul sito della lega pro (ex serie c) abbiamo un elenco di motivi redatti a scopo di incentivare
la richiesta di tessera del tifoso, vi risparmio i primi sette punti che non ci interessano in
questa sede per quanto siano esilaranti vista la loro demenzialità, concentriamoci piuttosto
su:
8.
Ottenere una carta di pagamento ricaricabile Visa con un proprio IBAN senza
essere vincolati ad un conto corrente bancario; consente di ricevere bonifici,
accrediti di stipendio e trasferire in real time denaro da una carta all’altra (card to
card);
9. Operare in modo sicuro e veloce ottenendo sempre maggiori servizi e benefici
concreti; premi, merchandising, biglietti, convenzioni e scontistica di vario genere;
10. Sostituire il denaro contante: la tessera rappresenta un borsellino elettronico
che consente di fare operazioni di varia natura, acquisti online, prelevare contanti,
trasferire denaro, ricaricare il telefonino
dunque per rispondere alla domanda che dà il titolo a questo post iniziamo col dire le
banche.
Non a caso già da ora alcune società calcistiche si sono appoggiate a istituti di credito.
Ad essa è favorevole il presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, giancarlo abete,
cioè il fratello di luigi abete vicepresidente dell'Associazione Bancaria Italiana e presidente
della banca romana bnl.
Uno dei due gruppi bancari più importanti del paese è Intesa_Sanpaolo (a cui si è
appoggiato il milan, già rilasciate oltre 100mila tessere, e la fiorentina, quest'ultima tramite
la cr firenze). E cosi via con rcs mediagroup, mediobanca (dunque citiamo tra gli uomini più
importanti di essa geronzi l'ex patron di capitalia… uomo molto vicino a capitalia era franco
carraro).
Tornando a mediobanca nella stessa spa c'è tanta gente nota che ha ruoli di rilievo, da
marina berlusconi figlia di silvio alla figlia di Salvatore_Ligresti lui nel patto di sindacato rcs
e curiosamente leggo da wikipedia:
"I suoi avvocati hanno scovato un articolo del codice che fa tornare immacolata una fedina
"I suoi avvocati hanno scovato un articolo del codice che fa tornare immacolata una fedina penale sporca: quando siano passati
almeno cinque anni dall’espiazione della pena e il pregiudicato «abbia dato prove effettive e costanti di buona condotta». Ha
presentato domanda al Tribunale di sorveglianza di Milano, che nel settembre 2005 ha accolto la sua richiesta: ora Ligresti è
riabilitato". domando: ma per i tifosi sarà diverso? così dice l'articolo 9 della legge 41/2007. Ligresti è anche membro del consiglio
di amministrazione del Gruppo Unicredit, dunque torniamo vicini a geronzi sia per l'affare capitalia sia perchè unicredit è socio
importante in mediobanca. Che poi a proposito di figlie in carriera, quella di cesare, chiara geronzi lavora al tg5.comunque dopo
aver nominato un pò di banche (qualcuna delle quali più o meno direttamente certamente dalla tessera del tifoso avrà benefici) e i
legami con rcs mediagroup è curioso osservare come in rcs troviamo anche il gruppo benetton.
Bene, nell'azionariato di telecom italia troviamo le solite mediobanca e intesa che la controllano assieme ad altri soggetti tra cui la
"ex sintonia" del gruppo benetton.
ora la tecnologia applicata alla tessera del tifoso, sistema rfid per trovare la nostra/vostra collocazione con approssimazione di pochi
centimetri è offerta da telecom (per tutti?) stando a quel che ho letto almeno per la ex serie c dovrebbe essere così (vedi
tuttomercatoweb).
Un'altra società con dentro i Benetton che forse sarà in affare con la tessera del tifoso potrebbe essere autogrill, "sconti per i tifosi"
in viaggio? o magari per restare in famiglia autostrade o grandi stazioni spa, però qui siamo alle ipotesi dunque staremo a vedere.
Insomma ricapitolando possiamo dire che a breve avremo milioni di italiani che pagheranno una tantum (10 euro gli juventini) per
essere schedati e per chiedere il permesso alla questura di accedere in luoghi pubblici.
Ma i soldi col sistema tessera-del-tifoso-carta-di-credito continueranno ad uscire lentamente ed inesorabilmente dalle tasche degli
italiani per altri lidi. pochi spiccioli per volta ripetuti milioni di volte, all'infinito. soldi sicuri di fatto facendo niente visto che una volta
partito, il meccanismo fa tutto da solo, o meglio genera introiti da azioni altrui (quelle dei tifosi) e dalla tecnologia.
Poi come è ovvio immaginare da questa card ci saranno società che godranno di benefici indiretti, leggasi le pay-tv che vendono il
business calcio a chi sarà bloccato dalla burocrazia.
Oppure davvero qualcuno pensa che un padre di famiglia sia ben lieto di chiedere il permesso al questore per lui e suo figlio?
senza contare che i costi dei biglietti stadio non caleranno (tanto per dire 26,5euro per il settore ospiti di siena-roma) e ovviamente
chi farà la tessera per vedersi una o due partite all'anno dovrà tirare fuori la tantum (10euro a cranio?) dunque per i tifosi tiepidi
l'incidenza del costo tessera sarà superiore. (vero che qualcuno la tantum non la chiede, del resto è sicuro di rifarsi dopo).
I media oltre che una cronica difficoltà ad andare contro i centri di influenza del potere politico (la tessera è figlia della coppia
amato maroni) in questa occasione sono direttamente coinvolti dal punto di vista economico;
aspettarsi tutta la verità da loro è un pò come chiedere all'oste se il vino è buono
Casualmente articoli e commenti ostili alla tessera li troviamo sul guerin sportivo da parte del suo direttore matteo marani, e gianni
mura su repubblica; soggetti forti ed indipendenti che al massimo possono irritare qualche inserzionista pubblicitario. e chissà che
pure loro una certa influenza non l'abbiano, voi trattereste con i guanti i vostri migliori clienti?
ULTRAS CREMONA…RIBELLI IN MOVIMENTO…CI VEDIAMO AL SOIREE IL 14….
CI UNIAMO ALLE CONDOGLIANZE DELLA CREMONESE PER LA SCOMPARSA DI GIANNI UCCELLI … portiere della
Cremonese nelle stagioni dal 1969/70 fino al 1973/74.