Sei sulla pagina 1di 130

Oliver Rouillou

Lo Strapping
I bendaggi adesivi
applicati al1 'arto superiore,
al rachide e al tronco
Volume l o
parte 1%
Oliver Rouillon
Medico
Massaggiatore-Kinesiterapista
Medico della Nazionale Francese di basket
Membro della commissione medica nazionale
della Federazione francese di basket.
Lo Strapping
I bendaggi adesivi
applicati all'arto superiore,
al rachide e al tronco
Volume l o
parte 1-
Edizioni C.E.L.I.
Gruppo Editoriale Faenza Editrice S.p.A.
Dello stesso autore:
Lo strapping
I bendaggi adesivi applicati all'arto inferiore
Illustrazioni: B. Tandille
Tutti i diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento sono riservati per tutti i paesi,
comprese la Svezia e la Norvegia.
E' vietata la riproduzione anche parziale della presente opera. Qualunque copia o riproduzione
con qualsiasi mezzo effettuata, fotografia, microfilm, nastro magnetico, disco o altro,
costituisce una contraffazione passibile delle pene previste dalla legge 11 marzo 1957 per la
salvaguardia dei diritti d'Autore.
Editions Vigot, 1988
Deposito legale: luglio 1988. I.S.B.N.: 2-711 4-1 079-X
Edizione speciale fuori commercio riservata
alla Classe Medica da
Titolo:
Le Strapping by O. Rouillon
Edizione Originale Francese
0 1987, Editions Vigot, Paris (Vol. 1)
0 1988, Editions Vigot, Paris (Vol. 2)
Traduzione a cura del:
C.S. L. Centro Servizi Linguistici, Bologna
Videoimpaginazione:
Fotocomposizione Giuliana, Faenza
Fotoliti copertina:
Graphic Line, Faenza
O 2000 Edizione italiana by Edizioni C.E.L.I.
del Gruppo Editoriale Faenza Editrice S.p.A.
Via Pier De Crescenzi, 44 - 48018 Faenza
Tel. 0546.663488
Telefax 0546.660440
E-mail: info@faenza.com
Finito di stampare nel mese di febbraio 2000
dalla Litografica Faenza S.r.l. - Faenza
Indice
Prefazione ..........................................................................................................
Introduzione ......................................................................................................
1 . Materiali necessari per la realizzazione delle contenzioni adesive ..........
A . Strato protettivo in gommapiuma .........................................................
B . Spray adesivo protettivo .......................................................................
C . Sottostrato in gommapiuma .................................................................
D . Le fasce elastiche ................................................................................
E . Le fasce non elastiche .........................................................................
F . Altri strumenti necessari per l'applicazione e la rimozione
delle contenzioni adesive ........................................................................
2 . Le contenzioni adesive: principi generali ...................................................
A . Scelta dei materiali ...............................................................................
B . Le precauzioni necessarie per la realizzazione di una contenzione
..................................................................................................... adesiva
C . Elementi fondamentali comuni alle diverse tecniche di contenzione
..................................................................................................... adesiva
3 . La distorsione dell'articolazione metacarpo-falangea del pollice ............
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
C . Indicazioni ............................................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
4 . Distorsione dell'articolazione interfalangea prossimale di una delle
ultime quattro dita .............................................................................................
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
............................................................................................ C . Indicazioni
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
5 . Contenzione limitativa dell'estensione della prima falange di una delle
ultime quattro dita sul metacarpo ...................................................................
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
C . Indicazioni ............................................................................................
................................................................................. D . Lista dei materiali
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
LO STRAPPING
6 . Contenzione limitativa della flessione della prima falange di una delle
ultime quattro dita sul metacarpo ...................................................................
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
C . Indicazioni ............................................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
7 . Contenzione del tipo a "mezzo guanto" .....................................................
............................................................................................. A . Premessa
B . Indicazioni ............................................................................................
C . Approccio terapeutico ..........................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
8 . Distorsione del polso ...................................................................................
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
C . Indicazioni ............................................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
9 . Contenzione di stabilizzazione e limitativa dell'estensione del gomito ..
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
. C Indicazioni ............................................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
..................................................................................................
1 O . Epicondilite
A . Premessa .............................................................................................
B . Approccio terapeutico ...........................................................................
C . Indicazioni ............................................................................................
D . Lista dei materiali .................................................................................
E . Esecuzione tecnica ..............................................................................
Bibliografia .......................................................................................................
Prefazione
La presente opera si pone in una prospettiva che supera di gran lunga le consuete
finalit dei volumi dedicati alle contenzioni adesive, esponendo numerose e precise
considerazioni sulle varie patologie e sul comportamento da tenere nel corso dell'in-
tero trattamento.
N.B.Come nel precedente volume dello stesso autore la terminologia "contenzione
adesiva" viene utilizzata per comodit ma non ha riscontro nella terminologia ortope-
dica italiana. Deve intendersi comunque "bendaggio adesivo" (applicato all'arto
superiore, al rachide ed al tronco). Vedi sottotitolo in copertina.
Personalmente, ho apprezzato in modo particolare la parte dedicata alle patologie del
tronco, e soprattutto del rachide lombare. Ho infatti avuto modo di constatare come
una contenzione adesiva sufficientemente rigida e spessa sia in grado di dare sollievo
ai pazienti affetti da lombalgia, consentendo I'immobilizzazione in posizione antalgica
senza bisogno di ricorrere al gesso. La contenzione ovviamente non sostituisce i busti
di vario tipo, tuttavia rappresenta un valido supporto terapeutico.
Nell'utilizzare queste tecniche, di fondamentale importanza la conoscenza delle
diverse indicazioni delle contenzioni elastiche e delle contenzioni rigide. L'uso dei
diversi prodotti oggi disponibili sul mercato consente infatti di ottenere risultati tali da
soddisfare anche il medico pi esperto ed esigente.
Pur avendo cercato di trovare una giustificazione scientifica della sensazione di
benessere soggettivo provata dall'atleta quando l'articolazione lesa protetta da una
contenzione, dobbiamo riconoscere di non aver trovato alcuna risposta. Abbiamo
tentato invano di dimostrare con varie ricerche che la contenzione della capsula
articolare potesse diminuire i tempi di recupero grazie al ristabilimento della II%ia
afferente (sensibilit cutanea e recettori meccanici della capsula), ipotesi suggerita
da alcuni studi sul ginocchio del cane.
E' comunque fuori discussione che, al momento di affrontare la ripresa degli allena-
menti, l'atleta infortunato tragga giovamento dalla contenzione precedentemente
applicata.
Sono felice di constatare la sempre maggiore diffusione di una tecnica che si rivelata
tanto utile agli atleti di ogni livello, sia in fase di allenamento che di competizione vera
e propria. Kinesiterapisti e medici sportivi troveranno in questo manuale una guida
6 LO STRAPPING
indispensabile, che affronta ogni argomento entrando anche nei minimi dettagli della
realizzazione pratica.
Ho trovato molto utile l'elenco di termini tecnici, con relative definizioni, presentati in
ordine alfabetico alla fine del volume. La bibliografia non ha trascurato i grandi nomi
- francesi e non - che si sono cimentati in questa particolare tecnica specialistica.
L'autore ha acquisito una notevole esperienza sul campo, seguendo squadre di
basket di altissimo livello. Gli stage nazionali di preparazione rappresentano I'occa-
sione per introdurre i giovani medici alla tecnica delle contenzioni, applicata in
condizioni reali, e di istruirli sulle indicazioni e sull'evoluzione di questa disciplina.
L'opera frutto dell'esperienza diretta dell'autore e merita anche per questo un'ampia
diffusione.
Prof. dott. E. Viel
Direttore della scuola di kinesiterapia
<<Ecole de Cadres), di Bois-Larris
Introduzione
Talvolta la comparsa del secondo volu-
me di un'opera risponde pi ad un'esi-
genza di completezza che ad una reale
necessit di approfondire l'argomento
considerato.
Questo non vale per le tecniche di con-
tenzione adesiva, la cui applicazione non
limitata all'arto inferiore. L'uso dello
strapping infatti si rivela particolarmente
interessante in numerose patologie del-
l'arto superiore, del rachide e del tronco.
Questo secondo volume rappresenta
quindi il naturale prosieguo del primo,
consentendoci di trattare le indicazioni
delle contenzioni adesive non trattate in
precedenza.
Per un addetto ai lavori, medico o kine-
siterapista, altrettanto importante sa-
per realizzare uno strapping per una di-
storsione dell'articolazione della falange
metacarpale del pollice che per una di-
storsione del polso, o per una distorsio-
ne della caviglia.
Possiamo constatare come il bendaggio
gessato venga sempre meno utilizzato
dai chirurghi nel trattamentodi lesioni del
tipo della lieve distorsione. Per i medici
diviene dunque indispensabile acquisire
l'abilit necessaria per realizzare con-
tenzioni adesive efficaci e non fasciature
mal realizzate, inutili e che risultano ad-
dirittura pericolose per la sicurezza illu-
soria che procurano.
I l lettore trover nel testo tutte le patolo-
gie dell'arto superiore, del tronco e del
rachide suscettibili di trarre giovamento
dall'uso della contenzione adesiva.
Ogni capitolo contiene in premessa i
necessari riferimenti anatomici e10 fisio-
patologici, cui fa seguito la descrizione
dettagliata della tecnica utilizzata.Per
ogni patologia descritta verr quindi pre-
sentato un quadro riassuntivo delle fasi
pi importanti dello strapping realizzato.
Vorrei ringraziare il prof. Eric Viel, Diret-
tore della Scuola di Kinesiterapia di
Bois-Larris, per aver accettato di redige-
re la prefazione di quest'opera. Spero
che trovi qui una testimonianza della mia
ammirazione per la battaglia che da anni
conduce personalmente per una miglior
qualit dell'insegnamento della kinesite-
rapia.
Desidero inoltre ringraziare per la gentile
collaborazione ed i preziosi consigli il
dott. Jacques HUGUET e il dott. Marc
LECHABLE. Un ringraziamento anche a
Nicole MINGAUD, Yan OLIVETTAe Ber-
nard PINEAU.
Mi auguro che quest'opera possa ri-
spondere, almeno in parte, agli interro-
gativi che si pongono molti addetti ai
lavori (medici, kinesiterapisti, infermieri)
riguardo le contenzioni adesive dell'arto
superiore, del rachide e del tronco.
Olivier ROUILLON, una personalit singolare:
-assiduo praticante di basket;
-tennista professionista;
-kinesiterapista delle squadre nazionali francesi;
-medico sportivo delle squadre nazionali francesi.
Olivier ROUIL LON divenuto nel corso degli anni il corrispondente della commissione
medica della Federazione Francese di Basket pi adatto a recepire le esigenze degli
allenatori e dei giocatori internazionali.
Non si limitato all'attivit di ricercatore, e, dedicandosi quotidianamente al lavoro sul
campo, ha deciso di comunicarci le sue riflessioni sullo STRAPPING con questa
preziosa opera editoriale.
Lo STRAPPING rappresenta, non solo per iprofessionistidello sport, un grande passo
avanti riguardo la qualit del trattamento in un'ottica di:
-prevenzione;
-trattamento vero e proprio;
-possibilit per l'atleta di giocare senza timore e senza ulteriori rischi.
Il miglioramento apportato grazie alla commissione medica, e ad Olivier ROUILLON
in particolare, alle nazionali francesi, al basket nazionale ed allo sport in generale
difficilmente valuta bile e quantificabile.
Un solo esempio pu valere a sostegno di questa affermazione: in undici anni di attivit
dell'quipe medica a seguito delle nazionali di Francia - di cui otto al servizio della
nazionale A maschile - nessun giocatore stato costretto a rinunciare ad una partita
a causa di una lesione che richiedesse una contenzione.
Che cosa potrebbe chiedere di pi un allenatore ad un 'quipe medica?
Olivier ROUILLON diventato un ricercatore la cui considerazione e conoscenza dello
STRAPPING ha permesso al mondo dello sport di modificare il proprio atteggiamento
riguardo il trattamento di determinate lesioni.
L'esperienza maturata mi porta ad affermare I'impottanza e la necessit dello STRAP-
PING nel trattamento delle lesioni. Ci non toglie che gli allenatori, e pi ancora i
preparatori atletici e i giocatori, non debbano dimenticare che i'uso costante della
contenzione durante gli allenamenti e gli incontri riduce la propriocettivit anzich
migliorarla . . .
Data l'importanza della propriocettivit nella prevenzione di lesioni quali tendiniti,
stiramenti o distorsioni, assolutamente necessario sottoporsi ad allenamenti speci-
fici per ristabilirla.
E' con grande piacere che preserito questo libro di Olivier ROUILLON, che per me
stato ed tuttora un valido collaboratore ed un amico.
Ancora complimenti: caro Olivier, con Iaugurio che i tuoi consigli possano servire la
causa di uno sport che tutti amiamo: il BASKET:
Pierre DA0
Direttore Tecnico del!a Nazionale di Basket
Simboli dei materiali utilizzati
POLYFORM
BENDA ELASTICA
BENDA INESTENSIBILE
BENDA COESIVA
1 1BENDA ESTENSIBILE
1. Materiali necessari per la
realizzazione delle contenzioni
adesive
A. Strato protettivo in
gommapiuma
Quando la patologia in oggetto rende
indispensabile l'applicazione ripetuta di
contenzioni adesive, necessario proteg-
gere i tendini pi superficiali e le zone
cutanee di massima frizione, che verran-
no sottoposti in modo continuativo all'attri-
to esercitato dalla contenzione adesiva.
A scopo protettivo si possono usare
quadratini di gommapiuma con 5 o 6 cm
di lato e 2 mm di spessore, talvolta di
difficile reperibilit. E' anche possibile
confezionare una protezione nel modo
seguente: sufficiente munirsi di un ro-
tolo di gommapiuma elastica o di under-
wrap e ripiegarlo sovrapponendo i vari
strati fino a raggiungere lo spessore de-
siderato.
Questa protezione in gommapiuma
pu anche essere sostituita da piccole
compresse di garza applicate con la
stessa tecnica.
In ogni caso, sia che si utilizzi l'uno o
l'altro di questi metodi, consigliabile
applicare una sostanza protettiva sul
tendine, spalmando un po'di vaselina tra
la pelle e la protezione con l'aiuto di un
abbassalingua.
Si noti infine che tutte le contenzioni
adesive riguardanti il torace rendono ne-
cessaria la protezione di uno o di en-
trambi i capezzoli, notoriamente molto
delicati.
B. Spray adesivo
protettivo
Questa sostanza si presenta sotto for-
ma di bomboletta spray (Elastospray,
Ercefilm, Tuf-skin) e dovr essere spruz-
zata in modo da ricoprire tutta la super-
ficie cutanea interessata dalla conten-
zione adesiva, permettendo cos una
buona aderenza del sottostrato in gom-
mapiuma.
C. Sottostrato in
gommapiuma
La comparsa sul mercato di questo
sottile foglio di gommapiuma ha reso le
contenzioni adesive molto pi conforte-
voli eliminando i notevoli disagi (dolore,
ecc.) al momento della rimozione della
contenzione anche nei casi in cui era
stata preventivamente rasa o depilata la
parte.
In effetti, questo sottostrato, offre una
protezione totale di tutta la superficie
cutanea interessata, e al momento della
rimozione della contenzione, il sistema
pilifero del soggetto non subisce alcun
danno. E' necessario sottolineare che il
fatto che la contenzione, confortevole e
LO STRAPPING
facile da rimuovere, non pregiudica in
alcun modo la sua efficacia, contrariamen-
te a un'opinione ancora molto diffusa.
D'altronde, non mai consigliabile
applicare la contenzione adesiva diretta-
mente sulla pelle, poich ci pu provo-
care dolore da tensione cutanea.
I prodotti attualmente presenti sul
mercato sono i seguenti:
Elastomousse (Fisch), altezza 7,5 cm
e 10 cm;
Under-wrap (Cramer), altezza 7 cm;
Sottostrato Medisport, altezza 7, 5 cm.
Nella maggior parte dei casi si utiliz-
zano altezze tra 7 e 7, 5 cm.
D. Le fasce elastiche
La fascia di uso pi comune I'Ela-
stoplaste (Fisch), disponibile in diverse
altezze: 3 cm, 6 cm, 8 cm, 10 cm, ecc.
E' opportuno precisare sin d'ora un
piccolo dettaglio tecnico: questa benda
va tagliata con le forbici prima di togliere
la protezione dell'adesivo; in caso con-
trario il taglio sarebbe reso problematico
dall'aderenza dell'adesivo alle forbici.
Questo tipo di benda pu trovare diversi
impieghi :
nello strapping: tutte le contenzioni di
tipo elastico verranno ovviamente rea-
lizzate con benda elastica;
come base per contenzioni di qualun-
que tipo;
come rivestimento delle contenzioni
stabilizzanti, per aumentarne la resi-
stenza;
nelle contenzioni rachide.
Esiste infine anche un altro tipo di
benda elastica: la fascia estensibile
Fisch. A differenza dalla benda normale,
che elastica solo in senso longitudina-
le, questa fascia si dilata in entrambi i
sensi, e ci pu rivelarsi utile per ridurre
il rischio di compressione vascolare.
E. Le fasce
elastiche
La loro comparsa
non
ha permesso di am-
pliare notevolmente il campo delle indi-
cazioni relative alle contenzioni adesive.
Se usate da mani esperte, queste fasce
sono infatti in grado di assicurare un'ef-
ficacia quasi assoluta nel settore delle
contenzioni finalizzate alla protezione
articolare.
L'indicazione principale natural-
mente la contenzione articolare di tipo
preventivo (quale ad esempio il taping
della caviglia), ma le bende non elasti-
che possono anche essere utilizzate in
particolari tecniche di contenzione ela-
stica.
I quattro prodotti attualmente disponi-
bili sono:
Strappal (Fisch), altezza 4 cm e 2,5
cm;
Tape (Cramer), altezza 4 cm;
Urgostrap, altezza 4 cm;
Tape (Medisport), altezza 4 cm.
Questo tipo di benda si strappa con le
dita e non necessario ricorrere alle
forbici. Per tagliarla, si consiglia di met-
tere la benda in tensione e di spezzarla
con le dita afferrando il tessuto adesivo
tra il pollice e l'indice delle due mani
ravvicinate.
MATERIALI NECESSARI PER LA REALIZZAZIONE DELLE CONTENZIONI ADESIVE
F. Altri strumenti
necessari per
l'applicazione e la
rimozione delle
contenzioni adesive
Innanzitutto, indispensabile dispor-
re di un paio di forbici, preferibilmente
con le punte arrotondate, unico strumen-
to veramente necessario per eseguire
tutte le operazioni richieste.
Per la rimozione delle contenzioni, so-
no utilissimi anche i cutter (disponibili nelle
marche Fisch e Cramer), che tuttavia non
sostituiscono completamente le forbici.
Esiste anche un modello pi sofistica-
to di cutter, commercializzato da Cramer
col nome di <<Shark)>. Questo strumento
pi efficiente dei cutter classici, ma il
prezzo piuttosto elevato.
Il medico dovr comunque avere tra i
suoi strumenti un paio di forbici abbastan-
za lunghe e con le punte arrotondate.
La realizzazione di una contenzione
adesiva tradizionale non necessita di al-
tri materiali o strumenti. Tuttavia, altri
elementi di secondaria importanza,
eventualmente necessari per eseguire
una fasciatura particolare, verranno pre-
sentati di volta in volta nella parte riser-
vata alle applicazioni pratiche.
2. Le contenzioni adesive:
principi generali
A seconda della patologia in causa e
del risultato che ci si prefigge, verr rea-
lizzata una contenzione elastica oppure
non elastica. E' possibile individuare
schematicamente tre grandi gruppi di
patologie che possono trarre giovamen-
to dall'uso delle contenzioni adesive:
1. La patologia tendinea, del tipo ten-
dinite o tenosinovite, in cui il medico
opter generalmente per una contenzio-
ne elastica, ma talvolta anche non ela-
stica, finalizzata a:
- posizionare il tendine in corsa interna,
in modo da provocarne un lieve accor-
ciamento, permettendo cos una rela-
tiva messa a riposo;
- creare un richiamo elastico o un rallen-
tamento del movimento che stira il ten-
dine, e che di conseguenza sollecita la
lesione (si evitano cos le sollecitazio-
ni, in massima estensione, sul tendi-
ne).
2. La patologia articolare e dei lega-
menti, vedi distorsione, dove la conten-
zione adesiva potr essere:
- elastica, se il medico ritiene di dover
optare per una messa a riposo con
sola soppressione dell'attivit sporti-
va, nel quadro di un trattamento imme-
diato della lesione ma anche in funzio-
ne propriocettiva nel caso in cui l'arto
venga rimesso in appoggio.
- non elastica, nei casi in cui la conten-
zione sia finalizzata ad impedire il mo-
vimento responsabile della lesione, e
questo sia nel quadro di una ripresa
dell'attivit sportiva che in un'ottica pi
vasta di prevenzione.
3. La patologia muscolare, che, in que-
sto secondo volume, riguarda essenzial-
mente le contenzioni rachide. Qui le
diverse contenzioni saranno elastiche
nella misura in cui il medico riterr di
dover accentuare la posizione antalgica
per facilitare la scomparsa della contrat-
tura muscolare.
A. Scelta dei materiali
La scelta del tipo di contenzione di-
pendeva fino a non molto tempo fa sol-
tanto dall'esperienza personale e dalle
convinzioni del medico. E' ora possibile
far riferimento a un certo numero di lavo-
ri, il pi interessante dei quali ci sembra
quello di P. Vaes et al. (cfr. O. Rouillon -
Lo Strapping. Le contenzioni adesive
applicate ail'arto inferiore - ed. Vigot
1987).
E' importante sottolineare ancora una
volta la necessit di usare bende non
elastiche (tipo Strappal) per le conten-
zioni adesive per la prevenzione di pato-
logie a carico dei legamenti, vedi distor-
sioni. Verranno quindi accantonati mate-
riali ormai superati, come IIElastoplaste
da 8 cm impiegata nei pronto soccorso
degli ospedali pubblici, o la fascia <<Vel-
peau )).
Per concludere, non si deve dimenti-
LE CONTENZIONI ADESIVE: PRINCIPI GENERALI
care una considerazione importante che
verr ripresa anche in seguito: la pelle
un tessuto molto importante del corpo
umano e necessita di protezione. E' dun-
que nostro preciso dovere non trascura-
re nulla che possa difenderla dagli even-
tuali danni causati dalla contenzione
adesiva. D'altronde, come ha sempre
sottolineato il dottor J. Huguet, ((lo strap-
ping un abito su misura)), e questo
deve portare il medico a concepire la
contenzione in funzione del singolo indi-
viduo e del singolo caso patologico.
B. Le precauzioni
necessarie per la
realizzazione di una
contenzione adesiva
Il medico deve innanzitutto assicurar-
si che non vi siano piaghe o eccoriazioni
cutanee. In caso contrario, queste do-
vranno essere protette con una com-
pressa sterile imbevuta di eosina in so-
luzione acquosa al 2%. Al momento del-
la rimozione, la piaga dovr essere ac-
curatamente disinfettata con un antiset-
tico cutaneo.
Nel caso siano presenti vesciche o
flittne a livello della zona cutanea inte-
ressata dalla contenzione adesiva, esse
dovranno essere curate, poi protette con
una medicazione o, meglio ancora, rico-
perte da uno strato di ((seconda pelle,, o
((second skin,,, una sorta di gel idratante
molto efficace in questi casi. Il trattamen-
to delle vesciche, normalmente adottato
in patologia sportiva, dovr essere co-
munque effettuato senza essere in alcun
modo influenzato dall'applicazione della
contenzione adesiva.
C. Elementi
fondamentali comuni
alle diverse tecniche
di contenzione
adesiva
La protezione della pelle e delle parti
anatomiche sporgenti (quali ad esem-
pio l'articolazione acromio-clavicola-
re) un' operazi one pri ori t ari a,
indispensabile per la corretta realizza-
zione di ogni contenzione adesiva. Per
questa ragione il sottostrato in gom-
mapiuma deve avere uno spessore
sufficiente ( sempre preferibile opera-
re in eccesso che in difetto).
La realizzazione di una contenzione
confortevole, oltre che efficace, deve
rappresentare l'obiettivo prioritario del
medico.
Le basi o ancoraggi, sempre necessari
per l'applicazione delle fasce cosid-
dette ((attive),, dovranno essere avvol-
ti intorno all'arto senza esagerare nella
tensione per non compromettere la cir-
colazione distrettuale.
Una contenzione realizzata corretta-
mente non deve presentare pieghe.
E' la tensione delle bende, applicata
nei punti giusti, a determinare in larga
misura l'efficacia di qualunque conten-
zione adesiva.
3. La distorsione dell'articolazione
metacarpo-falangea del pollice
Questa patologia di frequente riscon-
tro nei portieri di calcio e di pallamano, nei
giocatori di basket e di rugby, negli sport
di lotta (judo, karat ...) e nello sci (per la
particolare impugnatura della racchetta).
A. Premessa
L'articolazione metacarpo-falangea
di tipo condiloideo particolare (sellare),
ed a differenza delle articolazioni condi-
loidee classiche, presenta tre gradi di
libert, anzich due:
- la flessione-estensione;
- i movimenti laterali, che sono molto
limitati, per quanto esista una compen-
sazione a livello dell'articolazione tra-
pezio-metacarpale;
- la rotazione assiale, che dipende es-
senzialmente dall'elasticit dei lega-
menti ed indispensabile al movimen-
to di opposizione del pollice (vedi pren-
sione a pinza pollice-indice).
L'articolazione metacarpo-falangea
del pollice presenta due legamenti late-
rali, interno ed esterno, tesi durante la
flessione e parzialmente distesi durante
l'estensione. Essi limitano i movimenti
laterali deil'articolazione stessa.
Sono questi i legamenti maggiormen-
te interessati al momento della distorsio-
ne metacarpo-falangea.
Esiste d'altra parte un legamento an-
teriore che limita I'estensione di questa
articolazione, mentre i muscoli adduttore
breve. flessore breve ed adduttore breve
concorrono alla sua stabilit.
B. Approccio
terapeutico
Di fronte ad un trauma in rotazione
forzata verso l'esterno o verso l'interno
dell'articolazione metacarpo-falangea
del pollice, il medico dovr immediata-
mente raffreddare la parte lesa con ap-
plicazioni di ghiaccio, quindi procedere
come descritto:
- far eseguire normali radiografie (polli-
ce visto in antero-posteriore ed in late-
rale).
- Richiedere radiografie comparative
con pollice varo e10 valgo forzato (a
seconda della diagnosi clinica), per
evidenziare un'eventuale distorsione
con rottura dei legamenti.
Queste radiografie risultano spesso
dolorose se eseguite subito dopo il trau-
ma; talvolta necessario rimandarle di
qualche giorno.
In questo caso, non resta che iniziare
il trattamento descritto pi a-vanti, ed
eseguire le radiografie soltanto dopo 3 o
4 giorni. Alcuni autori includono nel nor-
male iter diagnostico l'esame artrografico.
A questo punto, possono verificarsi
due eventualit:
- Le radiografie rivelano o una grave
distorsione o una distorsione associa-
ta a frattura, nel qual caso il paziente
verr indirizzato al chirurgo ortopedico.
- Le radiografie appaiono normali, e de-
notano quindi la presenza di una di-
storsione lieve dell'articolazione meta-
carpo-falangea del pollice interria op-
LA DISTORSIONE GELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
pure esterna (statisticamente, il caso
pi frequente riguarda la distorsione
del legamento laterale interno).
In quest'ultimo caso, l'approccio tera-
peutico comprender i seguenti provve-
dimenti:
Messa a riposo dell'articolazione con
soppressione dell'attivit sportiva per
un periodo compreso tra 3 e 8 giorni.
Somministrazione di farmaci anti-in-
fiammatori non steroidei (per 7 giorni)
e di farmaci antalgici qualora il pazien-
te ne sentisse la necessit.
Crioterapia in tutte le sue forme, per
una durata di almeno 20 minuti tre
volte al giorno.
Kinesiterapia, basata in un primo tem-
po sulla fisioterapia (a scopo antalgico
e anti-infiammatorio), poi su tecniche
finalizzate al recupero delle funzioni
articolari e al rafforzamento del tono
muscolare, per ripristinare la perfetta
stabilit attiva del pollice.
Applicazione di una contenzione ade-
siva, realizzata cor; tecniche diverse a
seconda che il paziente sia costretto a
riposo o sia in fase di ripresa dell'atti-
vita sportiva.
Di solito possibile riprendere gli al-
lenamenti dopo 5-7 giorni dal trauma
iniziale (qualora la distorsione non abbia
comportato rottura dei legamenti), ma
sempre con I'ausilio della contenzione
adesiva.
Verranno di seguito descritti tre diver-
si tipi di contenzione:
- Contenzione elastica di stabilizzazio-
ne dell'articolazione metacarpo-falan-
gea del pollice;
- Contenzione rigida di stabilizzazione
dell'articolazione metacarpo-falangea
del pollice;
- Contenzione limitativa dell'apertura
della prima commissura.
C. Indicazioni
1 .La contenzione elastica
(flessibile)
- Nel paziente che pratica un'attivit
sportiva:
Questa contenzione verr applicata
durante il periodo di riposo (con soppres-
sione dell'attivit sportiva). Dovr essere
rimossa prima di ogni seduta di kinesite-
rapia e ripristinata al termine della stessa.
- Nel paziente che non pratica sport:
La contenzione elastica potr essere
mantenuta per l'intera durata del tratta-
mento.
Si noti che la stessa contenzione pu
essere impiegata con pari efficacia nel
trattamento della distorsione esterna e
della distorsione interna dell'articolazio-
ne metacarpo-falangea del pollice.
2. La contenzione rigida
- Nel paziente che pratica un 'attivit
sportiva:
Questa contenzione dovr essere ap-
plicata al momento della ripresa dell'at-
tivit sportiva (allenamenti e competizio-
ni) e mantenuta per un periodo variabile
dalle 3 alle 6 settimane a seconda dei
casi e dello sport praticato.
- Nel paziente che non pratica sport:
La contenzione rigida trover un vali-
dc impiego nei casi di pazienti che eser-
citano un'intensa attivit manuale, in
particolare nei primi tempi dopo la ripre-
sa del lavoro.
- Infine, la contenzione rigida pu rappre-
sentare un valido strumento di preven-
zione nei casi di atleti che presentano
iina instabilit cronica dell'articolazione
metacarpc-falangea del pollice (insorta
in seguito ad un trattamento inadegua-
toj. Questo strumento di prevenzione si
rivela particolarmente utile nei portieri.
LO STRAPPING
Come la contenzione elastica, anche
la contenzione rigida pu essere impie-
gata con pari efficacia nel trattamento
della distorsione esterna e della distor-
sione interna dell'articolazione metacar-
po-falangea del pollice.
3. La contenzione limitativa
dell'apertura della prima
commissura
Secondo alcuni autori, questo tipo di
contenzione pu sostituire la contenzio-
ne elastica, soprattutto in caso di grave
edema. Tuttavia, essa probabilmente
meno efficace ed applicabile soltanto
ai casi di distorsione interna dell'artico-
lazione metacarpo-falangea del pollice.
\
D. Lista dei materiali
. La contenzione elastica
Spray adesivo protettivo (Tenspray,
Tuf-skin, Ercefilm).
Sottostrato in gommapiuma: un rotolo
(Elastomousse, Underwrap).
Benda elastica ipoallergica da 6 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
Benda elastica ipoallergica da 3 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
Forbici con punte arrotondate.
2. La contenzione rigida
- Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
- Sottostrato in gommapiuma: un rotolo
Faccia palmare
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
(Elastomousse, Underwrap).
- Benda elastica ipoallergica da 6 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
- tre collarini realizzati con benda coesi-
va (Coheban, Dynagrip, Tonigrip).
- Benda inestensibile da 2,5 cm: un ro-
tolo (Strappal).
- Forbici con punte arrotondate.
3. La contenzione limitativa
dell'apertura della prima
commissura
- Spray adesivo protettivo (Tenspray,
Tuf-skin, Ercefilm): una bomboletta.
- Benda inestensibile da 2,5 cm: un ro-
tolo (Strappal).
- Forbici con punte arrotondate.
E. Esecuzione tecnica
1. Tecnica n. 1 : la contenzione
elastica
Il paziente viene fatto sedere di fronte
al medico, con la mano in avanti e il
pollice rivolto verso l'alto (in posizione
neutra sul piano della pronazione-supi-
nazione), le altre dita rilasciate e il polso
in asse con la mano e l'avambraccio.
Si spruzza poi lo spray adesivo pro-
tettivo su tutta la superficie cutanea inte-
ressata dalla contenzione (polso, pollice
ed eminenza tenar).
Faccia dorsale
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
LO STRAPPING
Si avvolge quindi il sottostrato in gom- benda elastica ipoallergica da 6 cm, ap-
mapiuma intorno al polso, ricoprendolo plicata senza tensione.
poi con un ancoraggio realizzato con
Faccia palmare
ancoraggio
realizzato
con benda elastica
ipoallergica da 6 cm.
Faccia dorsale
LA DISTORSIONE DELLARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE 21
Si ritaglia a questo punto una striscia
lunga 10 cm, sempre in benda elastica
ipoallergica da 6 cm, e la si applica con
tensione sulla zona dorsale del pollice.
Questa fascia dovr essere applicata sul
dorso della prima falange, appena sopra
I'articolazione interfalangea (in modo
che quest'ultima, necessaria per attivit
quali ad esempio la scrittura, rimanga
libera) e dovr ricoprire tutto il pollice fino
a raggiungere la base del polso (a livello
dell'estrernit radiale).
Questa fascia limita la flessione del-
I'articolazione metacarpo-falangea, che
sottoporrebbe a tensione i legamenti la-
terali.
Si ritagliano a questo punto 4 strisce
lunghe 15 cm, in benda elastica ipoaller-
gica da 3 cm, che dovranno stabilizzare
l'articolazione metacarpo-falangea limi-
tando i movimenti laterali e la rotazione
assiale (con un richiamo elastico di que-
st'ultirno movimento).
Nel caso di distorsione del legamento
laterale interno, le 4 fasce dovranno es-
sere applicate nel modo di seguito de-
scritto:
- La prima fascia ha la funzione di impe-
dire sia l'allontanamento dall'asse me-
diale (limitando l'apertura della prima
commissura) che la rotazione verso
l'interno dell'articolazione metacarpo-
falangea. Per questo motivo essa de-
ve essere applicata sulla parte dorsale
dell'articolazione metacarpo-falangea
per poi girare intorno ad essa passan-
do successivamente sui lati interno,
palmare, esterno e dorsale dell'artico-
lazione, raggiungendo quindi I'anco-
raggio sulla parte dorsale del polso.
Quest'ultimo passaggio va eseguito
con tensione.
Lato radiale Lato radiale
22 L 0 STRAPPING
- La seconda fascia ha la funzione di
impedire sia l'avvicinamento all'asse
mediale (limitando la chiusura della
prima commissura) che la rotazione
esterna dell'articolazione metacarpo-
falangea. Per questo motivo essa de-
ve essere applicata sulla parte dorsale
dell'articolazione metacarpo-falangea
per girare intorno ad essa passando
successivamente sui lati esterno, pal-
mare, interno e dorsale dell'articola-
zione, raggiungendo quindi I'ancorag-
gio sulla faccia palmare del polso.
Quest'ultimo passaggio va eseguito
con tensione.
Nel girare intorno all'articolazione non
va esercitata alcuna tensione sulla ben-
da (rischio di compressione); la tensione
va esercitata solamente dopo (sul tratto
di benda che dall'articolazione si dirige
verso l'ancoraggio applicato sul polso).
- La terza e quarta fascia vengono di-
sposte allo stesso modo della prima e
della seconda rispettivamente, so-
vrapponendosi ad esse per met.
Esse devono essere applicate distal-
mente rispetto alle prime due fasce. De-
vono quindi partire a livello della prima
falange del pollice.
Si osservino in figura le direzioni di-
vergenti assunte dalle 4 fasce, grazie
alle quali possibile limitare, oltre ai
movimenti laterali, le rotazioni assiali.
Lato radiale Lato radiale
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
La contenzione viene completata con
un secondo ancoraggio applicato a livel-
lo del polso, realizzato con benda elasti-
ca ipoallergica da 6 cm. Lo scopo
quello di mantenere al loro posto i lembi
superiori delle 5 fasce appena applicate.
Non necessario fissare i lembi infe-
riori, poich questo tipo di contenzione
concepito proprio per realizzare una
specie di auto-blocco a questo livello.
2. Tecnica n. 2:
La contenzione rigida
Le fasi iniziali da seguire per I'applica-
zione di questa tecnica sono le stesse
con benda
descritte per la contenzione elastica:
- sistemazione del paziente nella posi-
zione migliore
- nebulizzazione dello spray adesivo
protettivo
- applicazione del sottostrato in gom-
mapiuma
- realizzazione di un ancoraggio sul pol-
so con benda elastica ipoallergica da
6 cm.
Lato radiale
A questo punto, si dovr proteggere
l'articolazione metacarpo-falangea del
pollice con 3 ((collarini)) ricavati da una
benda coesiva.
collarino realizzato con
benda coesiva
LO STRAPPING
Questi <(collarini )> vanno disposti uno
sopra l'altro, in modo da realizzare una
vera e propria imbottitura dell'articola-
zione metacarpo-falangea, per rendere
dei tre collaririi
pi confortevole la contenzione.
Le fasi successive richiedono I'impie-
go di benda inestensibile da 2,5 cm.
Si dispongono innanzitutto 5 fasce
longitudinali, partendo dalla seconda fa-
lan;e del pollice fino a raggiungere I'an-
coraggio situato alla base del polso.
~Ato radiale
Faccia palrnare
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
i tre collarini
Faccia dorsale
Queste 5 fasce devono essere appli-
cate sul pollice in posizione neutra, con
leggera tensione, sia per limitare la fles-
sione dell'articolazione metacarpo-fa-
langea, che per stabilizzarla lateralmen-
te (la stabilit assicurata da queste fasce
comunque solo parziale).
La prima fascia si applica sul lato in-
terno del pollice, mentre la seconda va
posta leggermente pi in fuori, sovrap-
posta alla prima per 213.
La terza, quarta e quinta fascia ven-
gono poi disposte sempre pi in fuori e
parzialmente sovrapposte l'una all'altra,
in modo da ricoprire tutta la zona dorsale
del polso. Nel loro insieme, le 5 fasce
longitudinali sono leggermente diver-
genti in direzione del polso.
\
Lato radiale
LO STRAPPING
Si applica quindi una benda inesten- sulla sua faccia anteriore. Questa benda
sibile da 2,5 cm sulla zona palmare della ha la funzione di limitare l'estensione del
seconda falange del pollice, si passa poi pollice concorrendo cos alla stabilizza-
sulla faccia anteriore dell'articolazione zione dell'articolazione metacarpo-fa-
metacarpo-falangea e dell'eminenza te- langea.
nar, e si raggiunge l'ancoraggio del polso
fascia palmare
realizzata con benda
inestensibile da 2,5 cm
Faccia palmare
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
Si applicano quindi 4 bende inesten-
sibili da 2,5, per limitare i movimenti
laterali e le rotazioni assiali dell'articola-
zione metacarpo-falangea.
Esse saranno disposte allo stesso
modo delle 4 bende elastiche ipoallergi-
che da 3 cm utilizzate per la tecnica n. 1.
Si fissano ora le 6 fasce a livello della
seconda falange (appena sopra l'unghia
del pollice) e sull'ancoraggio del polso. Il
blocco viene eseguito con benda ine-
stensibile da 2,5 cm applicata senza ten-
sione.
circolare di chiusura superiore
realizzata con benda inestensibile
Lato radiale
inestensibile da
\
Lato radiale
LO STRAPPING
Lato radiale Lato radiale
Trattandosi di benda inestensibile, sa-
r necessario applicare le 4 fasce sola-
mente a livello della faccia palmare della
prima fa!ange del pollice, per evitare la
formazione di pieghe.
La contenziorie verr poi completata
con l'applicazione di un secondo anco-
raggio a livello del polso, realizzato con
benda elastica ipoallergica da 6 cm, ap-
plicata senza tensione.
Le ultime 4 bende dovranno essere
poi fissate a livello della prima falange
del pollice con una fascia circolare rea-
lizzata con benda inestensibile da 2,5
cm, applicata senza tensione.
Nota:
Non si deve dimenticare di verificare
I'eff icacia della contenzione rigida. Poi-
ch si deve consentire al soggetto di
riprendere l'attivit sportiva, questa deve
necessariamente assicurare una perfet-
ta stabilizzazione dell'articolazione me-
tacarpo-falangea del pollice.
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZ\ONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLiCE
3. Tecnica n. 3:
Perch questa contenzione venga
Contenzione limitativa
realizzata correttamente, necessario
che la prima commissura sia leggermen-
dell'apertura della prima
te pi chiusa di quantn richiesto per le
commissura due tecniche precedenti.
Il paziente viene fatto accomodare
Si dispone poi senza tensione un an-
nella posizione sopra descritta. Si nebu-
coraggio circolare realizzato con benda
lizza quindi lo spray adesivo protettivo
inestensibile da 2,s cm, appena dietro le
sul pollice e sulla mano (faccia dorsale
teste metacarpali.
e palmare).
ancoraggio ral i zza: ~
con benda
inectensible da 2.5 ciri
Faccia palmare
LO STRAPPING
A questo punto si applica sull'anco-
raggio la fascia attiva, realizzata con
fascia attiva
realizzata con
benda inestensibile da 2,5 cm, appog-
giandola prima sul dorso della mano,
inestensibile da
facendola poi passare sulla prima falan-
ge del pollice, quindi sul palmo e infine
di nuovo sul dorso della mano.
Lato radiale
Faccia palmare
fascia attiva
realizzata con
benda
inestensibile da
A 2 . 5 cm
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE 3 1
Si uniscono ora i due lembi di questa prima commissura, collegando per il
fascia a livello della prima commissura, pollice all'indice, anzich alla mano.
con un pezzetto di benda inestensibile Seguendo questa variante, si dispone
da 2,5 cm. una benda inestensibile da 2,5 cm tra la
Faccia dorsale
Perch la contenzione sia efficace,
la prima commissura deve avere un'a-
pertura a met, al momento dell'appli-
cazione.
Esiste una variante a questa tecnica,
che permette di limitare l'apertura della
benda
inestensibile da
2,5 cm
prima falange dell'indice e la prima falan-
ge del pollice. Come nel caso preceden-
te, i due lembi della fascia vengono uniti
a livello della prima commissura con I'a-
iuto di un pezzetto di benda inestensibile
da 2,5 cm.
Faccia dorsale
LO STRAPPING
benda
inestensibile da
Faccia dorsale
Questa variante ci sembra comunque Nota:
meno efficace della tecnica descritta in E' possibile in entrambe le varianti
precedenza, nella misura in cui la mobi- raddoppiare la fascia attiva, per aumen-
lit dell'indice influisce sull'apertura della tare l'efficacia della contenzione realiz-
prima commissura. zata.
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE
METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
TECNICA N. 1 :
LA CONTENZIONE ELASTICA
Lista dei materiali Principi 1 per una corretta
fondamentali a
* Spray adesivo pro-
tettivo: 1 bombo-
letta (Tenspray,
Tuf-skin, Ercefilm)
stoplaste) 1 ;e a livello della
Sottostrato in gom-
mapiuma: 1 rotolo
(Elastomousse,
Underwrap di mar-
ca Cramer o Medi-
Sport)
Benda elastica
ipoallergica da 6
cm: 1 rotolo (Ela-
Forbici con punte
prima falange del
arrotondate pollice e dell'arti-
colazione metacar-
Limitare la flessio-
ne dell'articolazio-
ne metacarpo-fa-
-
come Pure i movi-
menti laterali e le
rotazioni assiali.
Esercitare una ten-
sione simmetrica
sulle diverse fa-
sce.
Evitare la com-
pressione vascola-
1 po-falangea.
* Applicare la fascia
nell'asse longitudi-
nate con tensione.
P
Esercitare tensio-
ne solamente sul-
l'ultimo tratto delle
4 fasce applicate
intorno all'articola-
zione metacarpo-
falangea.
lanclea del pollice, I
Fare in modo che
le 4 tasce applica-
te intorno all'artico-
lazione metacar-
po-talangea del
pollice divergano
simmetricamente
dall'asse del polli-
ce.
Errori possibili 1
Applicazione priva
di tensione della
prima fascia longi-
tudinale (rischio di
inefficacia!)
Eccessiva com.
pressione dell'arti-
colazione metacar-
po-falangea.
Applicazione delle 1
4 fasce diveraenti
con una tensrone
non simmetrica,
con conseguente
squilibrio statico e
dinamico del polli-
ce.
LO STRAPPING
TECNICA N. 2: LA CONTENZIONE RIGIDA
Lista
dei materiali
Spray adesivo
protettivo: 1 bom-
boletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
E rcefi l m)
Benda coesiva
da 10 cm: 1 roto-
lo (Coheban, To-
nigrip, Dynagrip)
Sottostrato in
gommapiuma: 1
rotolo (Elasto-
mousse, Under-
wrap di marca
Cramer o Medi-
sport)
Benda elastica
ipoallergica da 6
cm: 1 rotolo (Ela-
stoplaste)
Banda inestensi-
bile da 2,5 cm
(Strappal, Tape
di marca Cramer
o Medisport)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Stabilizzare per-
fettamente il polli-
ce limitando la
flessione, I'esten-
sione, i movimen-
ti laterali e le rota-
zioni assiali.
Applicare la con-
tenzione sul polli-
ce in posizione
neutra.
Non esercitare
una tensione ec-
cessiva sulle 4 fa-
sce applicate in-
torno all'articola-
zione metacarpo-
falangea.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Applicare le fa-
sce longitudinali
sulla parte dorsa-
le, interna ed
esterna del polli-
ce con leggera
tensione, in mo-
do che siano leg-
germente diver-
genti in direzione
dell'ancoraggio
del polso.
Le fasce avvolte
intorno all'artico-
lazione metacar-
po-falangea de-
vono essere ap-
plicate con dire-
zioni e tensioni
simmetriche.
Errori possibili
Mancata verifica
della corretta po-
sizione del polli-
ce prima e duran-
te la realizzazio-
ne della conten-
zione.
Mancata applica-
zione della fascia
limitativa dell'e-
stensione (fascia
palmare)
Applicazione del-
le 4 fasce diver-
genti con tensio-
ni e direzioni non
simmetriche.
Mancata verifica
dell'efficacia del-
lo strapping pri-
ma di permettere
all'atleta la ripre-
sa dell'attivit.
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE
METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
TECNICA N. 3:
LIMITAZIONE DELL'APERTURA DELLA PRIMA COMMISSURA
Lista
dei materia1 i
Spray adesivo
protettivo: 1 bom-
boletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
E rcef i I m)
Benda inestensi-
bile da 2,5 cm
(Strappal, Tape
di marca Cramer
o Medisport)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Limitare I'apertu-
ra della prima
commissura, im-
pedendo l'abdu-
zione del pollice
rispetto all'asse
della mano.
Realizzare la
contenzione sul
pollice in posizio-
ne neutra (semi-
opposizione).
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Applicare un an-
coraggio sulla
mano, tale da
consentire una
buona aderenza
della fascia attiva.
Prendere appog-
gio sulla prima fa-
lange del pollice
e sull'articolazio-
ne interfalangea,
ma non sulla se-
conda falange.
Preferire la tecni-
ca di collegamen-
to del pollice alla
mano, piuttosto
che all'indice.
Errori possibili
Applicazione del-
la contenzione
con il pollice in
abduzione com-
pleta (apertura to-
tale della prima
commissura).
Ripresa dell'attivi-
t sportiva con
questa contenzio-
ne, che pu dare
solo una sicurez-
za illusoria.
LO STRAPPING
Distorsione dell'articolazione metacarpo-falangea del pollice
Fasi comuni alle
tre tecniche
N$
fascia che Iirr
del1 artcolam
iila la
me
langea ,
benda
ergica
1
all'asse
mone
:last,ca
cm
fascia n 1 Iiniita
l allanlamamenlo dall'acce
mediale e la rotazone
ni erna benda elastca
poailergica da 3 cm
le quanro fasce elacliche
poallergiche da 3 cm
poallergica da 6 cm
LA DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE METACARPO-FALANGEA DEL POLLICE
Tecnica n. 2
A
5.- da'
LO STRAPPING
Tecnica n. 3
4. Distorsione dell'articolazione
interfalangea prossimale
di una delle ultime quattro dita
Questa patologia si riscontra soprat-
tutto negli atleti che praticano sport co-
me il basket, la pallamano e la pallavolo,
ma anche nei portieri di calcio e di palla-
mano.
A. Premessa
L'articolazione interfalangea prossi-
male un'articolazione trocleare, che
possiede quindi un solo grado di libert:
la flessione-estensione.
Tuttavia, sono possibili movimenti
passivi di lieve rotazione assiale e di
spostamento laterale minimo (pratica-
mente quasi nullo).
E' necessario considerare che in caso
di distorsione del legamento laterale in-
terno o esterno, questi movimenti laterali
possono aumentare di ampiezza, so-
prattutto per quanto riguarda I'estensio-
ne, poich i legamenti laterali sono tesi
durante la flessione e parzialmente di-
stesi in estensione.
B. Approccio
terapeutico
Di fronte a qualsiasi trauma delle dita,
il medico dovr innanzitutto accertare
l'assenza di fratture. Questo pu risulta-
re difficile ad un primo approccio clinico,
soprattutto nel caso di distacchi ossei di
minima entit (riguardanti per lo pi il
punto di inserzione di un legamento la-
terale).
Per questa ragione necessario in
questi casi eseguire sistematicamente
l'esame radiologico, anche se l'atleta
stato in grado di riprendere l'attivit dopo
il trauma iniziale.
Se le radiografie dovessero rivelare
una frattura, opportuno chiedere il pa-
rere di un chirurgo ortopedico prima di
iniziare il trattamento.
In assenza di frattura, si potr appli-
care alla distorsione dell'articolazione in-
terfalangea prossimale di una delle quat-
tro dita il trattamento qui di seguito de-
scritto:
- ripetute applicazioni di freddo, per al-
meno 20 minuti tre volte al giorno, per
ridurre l'edema e la sensazione di do-
lore;
- somministrazione di farmaci anti-in-
fiammatori non steroidei (per 7 giorni
circa) e di farmaci antalgici qualora i l
paziente ne sentisse la necessit;
- realizzazione di una contenzione ade-
siva.
In questo caso il contributo apportato
dalla kinesiterapia trascurabile, in
quanto il trattamento fisioterapico risulta
di difficile applicazione.
Alcuni autori consigliano l'impiego del
laser, che a loro dire troverebbe in questi
casi una indicazione privilegiata.
In seguito a questo tipo di trauma,
raramente l'articolazione interfalangea
LO STRAPPING
prossimale si irrigidisce. Per evitare pro-
blemi articolari, potrebbe essere talvolta
consigliabile prescrivere alcune sedute
di rieducazione per ripristinare I'ampiez-
za articolare.
In questo capitolo verranno descritte
tre semplici tecniche di contenzione ade-
siva del dito (nel caso di distorsione in-
terfalangea prossimale):
- una contenzione che prevede la fa-
sciatura del solo dito leso;
- due contenzioni in cui il dito leso viene
collegato al dito vicino nella fasciatura.
Nel caso degli atleti la scelta del tipo
di contenzione dipende dallo sport prati-
cato. Ad esempio:
- in un giocatore di basket si applicher
la contenzione sul solo dito leso, poi-
ch il lancio della palla esige l'assoluta
indipendenza delle cinque dita;
- in un giocatore di rugby, si potr invece
fasciare il dito leso con un altro dito
senza creare all'atleta particolari pro-
blemi.
C. Indicazioni
Queste contenzioni vengono realiz-
zate allo scopo di:
- mantenere a riposo il legamento inte-
ressato in qualunque circostanza;
- consentire una ripresa precoce dell'at-
tivit sportiva;
- dare generalmente maggior sicurezza
al giocatore nel periodo successivo
alla distorsione di una articolazione
interfalangea prossimale.
- Queste tecniche vengono utilizzate da
alcuni autori statunitensi anche nei ca-
si di distacco osseo multiplo (dove la
contenzione sostituisce l a stecca).
D. Lista dei materiali
Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
Uno o due rettangoli di gommapiuma.
Benda inestensibile da 2,5 cm: un ro-
tolo (Strappal).
Benda elastica ipoallergica da 3 cm:
un rotolo (Elastoplaste), facoltativo.
Forbici con punte arrotondate.
Si noti che per le tre contenzioni di
seguito descritte viene utilizzata benda
inestensibile da 2,5 cm, che pu tuttavia
essere sostituita da benda elastica ipo-
allergica da 3 cm, tagliata in due nel
senso della lunghezza. Questa variante
risulta di pi facile impiego ma meno
efficace. D'altra parte, l'uso di benda
elastica fa aumentare sensibilmente lo
spessore della contenzione, creando
notevoli difficolt di prensione.
Esecuzione tecnica
1 .Contenzione limitata al di t o l eso
Si spruzza lo spray adesivo protettivo
su tutta l a superficie del dito leso (zona
palmare e dorsale).
Si applicano quindi due ancoraggi in
benda inestensibile da 2,5 cm:
- un ancoraggio superiore a livello della
prima falange, realizzato avvolgendo
la benda intorno al dito senza tensio-
ne;
- un ancoraggio inferiore a livello della
seconda falange, realizzato avvolgen-
do l a benda intorno al dito senza ten-
sione.
Alcuni autori consigliano di applicare
l'ancoraggio inferiore sull'articolazione
interfalangea distale, ma ci pu risulta-
re fastidioso in quanto impedisce all'atle-
ta di stringere il pugno.
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE INTERFALANGEA PROCSIMALE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA 4 1
ancoraggi
realizzati con
benda
inestensibile
d a 2 5 c m
Faccia palmare
ancoraggi
realizzati con
benda
inestensibile
da 2.5 cm
7
Faccia dorsale
Pu essere utile in qualche caso ap-
plicare questi ancoraggi sotto forma di
circolari aperte, soprattutto nei casi di
grave edema (per ridurre al minimo il
rischio di compressione vascolare).
Il paziente dovr distendere la mano
con il palmo rivolto verso il basso e le dita
leggermente rilasciate, in modo che I'in-
terfalangea prossimale si trovi tra 5 e 10
gradi di flessione.
Si dispongono a questo punto 6 ben-
de inestensibili da 2,5 cm (si possono
anche utilizzare bende da 1,25 cm, otte-
nute tagliando la benda inestensibile nel
senso della lunghezza):
a) 2 fasce longitudinali: una interna e
una esterna, disposte tra I'ancorag-
gio superiore e l'ancoraggio inferiore
con lieve tensione.
fascia longitudinale realizzata con
benda inestensibile da 2,5 cm (o
da 1 ,25 cm)
Faccia laterale
ancoraggio realizzato con
semi-circolari inestensibili
da 2,5 cm
Faccia laterale
42 LO STRAPPING
b) 2 fasce incrociate: una interna e una sul lato interno dell'articolazione inter-
esterna, incrociate pi in alto dell'ar- falangea prossimale e raggiunge la
ticolazione interfalangea prossimale, faccia palmare della seconda falange.
sul dorso del dito:
- La fascia interna segue un percorso
- la fascia esterna parte dal lato esterno esattamente simmetrico.
della prima falange, si dirige obliqua-
mente verso l'alto fino a raggiungere il Queste fasce devono essere applica-
dorso della prima falange, poi passa te con lieve tensione.
Faccia esterna Faccia interna
Faccia dorsale Faccia palmare
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE INTERFALANGEA PROSSIMALE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA
43
C) 2 fasce incrociate: una interna e una - La fascia esterna parte dalla faccia
esterna, incrociate pi in basso del- anteriore esterna della prima falange,
l'articolazione interafalangea prossi-
passa sul lato esterno dell'articolazio-
male, sul dorso del dito. ne interfalangea prossimale e raggiun-
ge il dorso della seconda falange.
Faccia dorsale Faccia dorsale
Faccia esterna
LO STRAPPING
- La fascia interna segue un percorso
esattamente simmetrico.
Queste fasce devono essere applica-
te con lieve tensione.
Si termina quindi la contenzione ap-
plicando altri due ancoraggi che blocca-
no le 6 bende inestensibili a livello della
le quattro fasce
incrociate
prima e della seconda falange.
In caso di necessit possibile, an-
che in questo caso, realizzare gli anco-
raggi sotto forma di circolari aperte.
E' interessante a questo punto con-
statare che il dito leso perfettamente
circolare di
chiusura
sulla
seconda
falange
circolare di
chiusura
sulla prima
falange
Faccia dorsale
Faccia dorsale
bloccato per quanto riguarda i movimenti
laterali e le rotazioni assiali, mentre la
flessione-estensione dell'articolazione
interfalangea prossimale del tutto libe-
ra. Ci consente al giocatore di aprire e
chiudere il pugno senza problemi.
le 2 fasce
incrociate e la fascia
longitudinale
Faccia laterale
Nota
Gli autori americani applicano sola-
mente le 4 fasce incrociate e non le 2
fasce longitudinali. Questo permette una
libert ancora maggiore nel movimento
di flessione-estensione deII1articolazio-
ne interfalangea prossimale, ma ne ridu-
ce al contempo la stabilit.
Sar quindi consigliabile far provare
all'atleta entrambe le contenzioni e ap-
plicare poi la pi confortevole (realizzan-
do un compromesso tra funzionalit e
stabilit).
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE INTERFALANGEA PROSSIMALE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA
45
2. Tecnica di unione completa del dito
leso con il dito adiacente
Si spruzza lo spray adesivo protettivo
su entrambe le dita (faccia palmare e
dorsale). Si applica poi nello spazio tra
le due dita un rettangolo di gommapiuma
di lunghezza pari alla distanza tra la
commksura e l'articolazione interfalan-
gea distale.
E' necessario praticare nel rettangolo
di gommapiuma un'incisione a livello
dell'articolazione interfalangea prossi-
male, in modo che lo spessore del ma-
teriale non ostacoli la flessione-esten-
sione.
rettangolo di
gommapiuma
I Ae s s i o n e
incisione sul punto
corrispondente all'articolazione
interfalangea prossimale
Si applicano quindi due fasce circolari
per unire le due dita:
- una fascia a livello delle prime falangi
- una seconda fascia a livello delle se-
conde falangi.
Queste fasce devono essere applica-
te senza tensione, e realizzate con ben-
da inestensibile da 2,s cm.
Si noti che anche in questa contenzio-
ne possibile utilizzare circolari aperte
fascia circolare distale
(sulla seconda falange)
realizzata con benda
inestensibile da 2,5 cm
fascia circolare
Faccia dorsale
E' interessante constatare come an-
che in questo caso il movimento di fles-
sione-estensione dell'articolazione in-
terfalangea prossimale sia del tutto libe-
ro, consentendo l'apertura e la chiusura
(4 in tutto). del pugno.
LO STRAPPING
3. Tecnica di unione relativa del dito
leso al dito adiacente
Questa variante tecnica viene utiliz-
zata da diversi trainers americani, in par-
ticolare quando necessaria la presa
della palla (portieri nel football america-
no). Tuttavia, l'efficacia di questa con-
tenzione minima rispetto alle due de-
scritte in precedenza.
Innanzitutto si spruzza lo spray adesi-
vo protettivo sulla seconda falange delle
due dita da unire.
Poi si allargano le dita di circa 2 cm e
si applica all'altezza della seconda falan-
ge una benda inestensibile da 2,5 cm
che va da un dito all'altro.
Questa benda inestensibile da 2,5 cm
viene incollata su se stessa tra le due
dita. Questo tratto viene poi rinforzato
con un pezzetto di benda inestensibile
da 2,5 cm.
Tale contenzione lascia ovviamente
una grande libert funzionale, ma la sta-
bilizzazione del dito cos ottenuta molto
relativa.
Nota
E' il tipo di attivit sportiva a determi-
nare la scelta della tecnica da utilizzare,
in funzione dei gesti tecnici richiesti dallo
sport praticato.
La tecnica n. 2 offre certamente la
massima sicurezza e dovrebbe essere
preferita, ove possibile, alle altre due.
Faccia dorsale
Faccia dorsale
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE INTERFALANGEA PROSSIMALE DI UNA DELLE ULTIME QUAmRO DITA
47
Lista
dei materiali
Spray adesivo
protettivo: 1 bom-
boletta (Ten-
spray. Tuf-skin,
Ercefilm)
Uno O due rettan-
goli di gommapiu-
m a
Benda inestensi-
bile da 2,5 cm: 1
rotolo (Strappal,
Tape di marca
Cramer o Medi-
sport)
Benda elastica
ipoallergica da 3
cm: 1 rotolo (Ela-
stoplaste), facol-
tativo.
Forbici con punte
I arrotondate
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE
INTERFALANGEA PROSSIMALE
DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA
Principi
fondamentali
L'articolazione
colpita deve es-
sere in leggera
flessione al mo-
mento dell'appli-
cazione della
contenzione.
Quando il dito
presenta un ede-
ma, si devono
sempre preferire
gli ancoraggi in
forma di circolare
aperta (minimo ri-
schio di compres-
sione vascolare).
Nel caso si scel-
ga la tecnica n.
2, non bisogna di-
menticare di ap-
plicare il
rettangolo di
gommapiuma tra
le due dita.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Applicare gli an-
coraggi supe-
riore e inferiore
senza tensione.
I punti di congiun-
zione delle ben-
de incrociate
devono sempre
trovarsi pi in al-
to o pi in basso,
ma mai sopra
l'articolazione col-
pita.
Applicare le varie
bende inestensi-
bili esercitando
una lieve tensio-
ne (questo evita
la formazione di
pieghe).
Nella tecnica n.
2, praticare sem-
pre un'incisione
nel rettangolo di
gommapiuma (a
livello dell'artico-
lazione interfalan-
gea prossimale)
per consentire la
flessione delle di-
ta.
gran lunga miglio- ,
re). i
Errori possibili
Applicazione de-
gli ancoraggi so-
pra le
articolazioni (in-
terfalangea pros-
simale e
interfalangea di-
stale). Ci rende
impossibile la
chiusura della
mano.
Applicazione del-
le sole fasce lon-
gitudinali
(nessuna stabili-
t effettiva in que-
sto caso).
Blocco delle va-
rie fasce con ben-
de circolari
applicate con ten-
sione (rischio di
compressione va-
scolare).
Nella tecnica n.
2. mancato inseri-
mento del rettan-
golo di
gommapiuma tra
le dita ed ecces-
le bende di
siva tensione del-
sindattilizzazione. 1
Optare per la tec-
nica n. 3 quando
sarebbe possibi-
le applicare le
tecniche n. 1 o n.
2(cheoffrono i
una stabilit di
LO STRAPPING
Distorsione dell'articolazione interfalangea prossimale
di una delle ultime quattro dita
Tecnica n. 1
DISTORSIONE DELL'ARTICOLAZIONE INTERFALANGEA PROSSIMALE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA 49
I Tecnica n. 2
5. Contenzione limitativa
dell'estensione della prima falange di
una delle ultime quattro dita sul
metacarpo
A. Premessa
Le articolazioni metacarpo-falangee
sono di tipo condiloideo, e possiedono
quindi due soli gradi di libert:
- la flessione-estensione;
- i movimenti laterali (inclinazione cubi-
tale e radiale).
Ognuna di queste articolazioni pos-
siede due tipi di legamenti:
- un legamento metacarpo-glenoideo;
- due legamenti laterali, che sono diste-
si in estensione e tesi in flessione.
Di conseguenza, esiste una reale
possibilit di movimenti laterali solamen-
te in estensione.
Si deve infine rilevare che la lassit
legamentosa permette le rotazioni as-
sial i passive.
B. Approccio
terapeutico
La contenzione adesiva si inserisce in
un protocollo terapeutico che prevede:
- crioterapia (applicazione di freddo in
tutte le forme, pi volte al giorno);
- somministrazione di farmaci anti-infiam-
matori non steroidei (per 5 giorni circa);
- kinesiterapia: inizialmente attuata a
scopo antalgico e anti-infiammatorio,
successivamente con finalit pi spe-
cifiche per restituire forza e mobilit
all'articolazione.
E' chiaro che dovr essere preventi-
vamente eseguito un esame radiografi-
co, per escludere l'ipotesi di lesioni os-
see.
C. Ind icazioni
Le indicazioni sono le seguenti:
- traumi in iper-estensione dell'articola-
zione metacarpo-falangea di una delle
quattro dita;
- alge post-traumatiche provocate dal-
I'iper-estensione dell'articolazione
metacarpo-falangea di una delle quat-
tro dita;
- la contenzione sar utilizzata anche al
momento della ripresa dell'attivit
sportiva.
D. Lista dei materiali
- Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
- Sottostrato in gommapiuma: 1 rotolo
(Elastomousse, Under-wrap), facolta-
tivo.
- Benda elastica ipoallergica da 6 cm: 1
rotolo (Elastoplaste).
- Benda inestensibile da 4 cm: 1 rotolo
(Strappal, Tape di marca Cramer o
Medisport).
- Benda inestensibile da 2'5 cm: 1 rotolo
(Strappal).
- Forbici con punte arrotondate.
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DELLA PRIMA FALANGE 51
E. Esecuzione tecnica
Il paziente viene fatto sedere con la
mano tesa e il palmo rivolto in alto.
Si spruzza lo spray adesivo protettivo
sul polso, sulla mano e sul dito da immo-
bilizzare (nel nostro esempio, il dito me-
dio).
Faccia palmare
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
LO STRAPPING
ancoraggio realizzato con
benda inestensibile da 2,5 cm
Si pu poi avvolgere il sottostrato in
gommapiuma per due o tre volte intorno
al polso (questo non indispensabile).
L'applicazione del sottostrato in gomma-
piuma a livello della mano risulta difficile,
essendo quasi impossibile evitare la for-
mazione di pieghe.
Si dispone quindi un ancoraggio sul
polso, realizzato con benda elastica ipo-
allergica da 6 cm, applicata senza ten-
sione.
L'ancoraggio pu anche essere rea-
lizzato con benda inestensibile da 4 cm
(sotto forma di due circolari parzialmente
sovrapposte).
Si applica poi un ancoraggio sulla ter-
za falange del dito leso, avvolgendola
con una benda inestensibile da 2,5 cm
applicata senza tensione.
Si dispone ora l'articolazione meta-
carpo-falangea del dito leso a 30 gradi di
flessione, applicando quindi una benda
preparata nel modo di seguito descritto:
Si ritaglia una striscia di benda ine-
stensibile da 4 cm con lunghezza uguale
alla distanza tra le estremit dei due
ancoraggi: segmento d. Si praticano poi
due incisioni nel punto corrispondente
all'articolazione metacarpo-falangea.
incisione sul punto corrispondente all'articolazione metacarpo-falangea
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DELLA PRIMA FALANGE
La benda che va distesa sulla faccia
palmare della mano, tra I'ancoraggio si-
tuato sul polso e l'ancoraggio posto sul
dito, deve trovarsi i n asse col dito leso (e
quindi in asse con i tendini flessori).
A livello del palmo, la benda deve
essere applicata con molta cura, quindi
ripiegata lateralmente lungo il lato inter-
no ed esterno delle tre falangi.
Si blocca poi la benda avvolgendo
intorno al dito tre fasce circolari inesten-
sibili da 2,5 cm, applicate senza tensione
a livello della terza, della seconda e della
prima falange. Le fasce circolari non de-
vono mai essere poste sulle articolazioni
interfalangea distale e interfalangea
prossimale, per non impedire la flessio-
ne-estensione delle due articolazioni.
Si blocca infine la benda sul polso con
un nuovo ancoraggio (avvolgendo intor-
no al polso una fascia circolare senza
tensione), realizzata con:
- benda elastica ipoallergica da 6 cm,
oppure
- benda inestensibile da 4 cm (sotto for-
ma di due circolari parzialmente so-
vrapposte).
circolare di chiusura
sulla terza falanae
Faccia palmare Faccia palmare
LO STRAPPING
Infine, si applica una fascia circolare Variante
inestensibile da 4 cm dietro le teste me- La fascia longitudinale inestensibile
tacarpal i. da 4 cm posta in asse col dito leso pu
Si appoggia dapprima la fascia sul essere sostituita da 2 fasce inestensibili
palmo della mano, ripiegando poi le due da 2,5 cm, parzialmente sovrapposte.
estremit senza tensione sul dorso della
Questa tecnica, apparentemente
mano stessa.
semplice in teoria, non si rivela altrettat-
tanto facile nella pratica corrente.
In alcuni casi, questa contenzione
pu essere eseguita con benda elastica
ipoallergica da 3 cm, ma l'efficacia risulta
di gran lunga inferiore e si limita ad un
richiamo elastico dell'estensione della
prima falange sul metacarpo.
Faccia palmare
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DELLA PRIMA FALANGE
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE
DELLA PRIMA FALANGE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA
SUL METACARPO
Lista
dei materiali
Spray adesivo
protettivo: 1 bom-
boletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
Ercefilm)
Sottostrato in
gommapiuma: 1
rotolo (Elasto-
mousse, Under-
wrap di marca
Cramer o Medi-
sport), facoltativo
Benda elastica
ipoallergica da 6
cm: 1 rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda inestensi-
bile da 4 cm: 1
rotolo (Strappal,
Tape di marca
Cramer o Medi-
sport)
Benda inestensi-
bile da 2,5 cm: 1
rotolo (Strappal,
Tape di marca
Cramer o Medi-
sport)
Forbici con punte
arrotondate.
Principi
fondamentali
Il dito leso deve
essere disposto
in leggera flessio-
ne (30 gradi cir-
ca a livello dell'ar-
ticolazione meta-
carpo-falangea).
L'ancoraggio sul
dito deve essere
applicato a livello
della terza falan-
ge (e non sull'in-
terfalangea dista-
le).
Per una corretta
esecuzione
tecnica
La fascia attiva
palmare realizza-
ta con benda ine-
stensibile da 4
cm deve essere
preparata prima
dell'applicazione
(in particolare
per quanto riguar-
da le due incisio-
ni).
Di s~orre attenta-
meke la fascia
attiva palmare in
modo che si trovi
esattamente in
asse col dito leso.
Errori possibili
Mancata disposi-
zione del dito le-
so in leggera fles-
sione prima di
realizzare la con-
tenzione.
Mancata applica-
zione della fascia
circolare sulla
mano, subito die-
tro le teste meta-
carpali (fascia uti-
lissima!).
Applicazione de-
gli ancoraggi sul
dito sopra le arti-
colazioni (anzi-
ch sopra le fa-
langi!).
LO STRAPPING
Contenzione limitativa dell'estensione della prima falange
di una delle quattro dita sui metacarpali.
6. Contenzione limitativa della
flessione della prima falange di una
delle ultime quattro dita sul metacarpo
A. Premessa
Si veda il capitolo dedicato alla ( con-
tenzione limitativa dell'ectencione della
primafalange di una delle quattro dita sul
metacarpo,,
B. Approccio
terapeutico
L'approccio terapeutico identico a
quello esposto nel capitolo precedente.
E' opportuno ricordare ancora una volta
la necessit assoluta dell'esame radio-
logico prima di decidere qualsiasi terapia.
C. Indicazioni
Le indicazioni sono le seguenti:
-traumi da iper-flessione dell'articola-
zione metacarpo-falangea di una delle
quattro dita;
-algie post-traumatiche provocate
dalla flessione dell'articolazione meta-
carpo-falangea di una delle quattro dita;
-distorsioni dell'articolazione meta-
carpo-falangea di una delle quattro dita
(i legamenti laterali vengono messi in
tensione proprio dalla flessione).
Questo tipo di contenzione in grado
di mantenere i legamenti in posizione
accorciata, e dovr essere utilizzata an-
che al momento della ripresa dell'attivit
sportiva.
D. Lista dei materiali
- Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
- Sottostrato in gommapiuma: l rotolo
(Elastomousse, Under-wrap), facolta-
tivo.
- Benda inestensibile da 4 cm: 1 rotolo
(Strappal, Tape di marca Cramer o
Medisport).
- Benda inestensibile da 2.5 cm: 1 rotolo
(Strappal).
- Benda elastica ipoallergica da 3 cm:
un rotolo (Elastoplaste), da utilizzare
unicamente per la variante.
- Forbici con punte arrotondate.
E. Esecuzione tecnica
Il paziente viene fatto sedere con I'a-
vambraccio appoggiato su un cuscino, il
dorso della mano rivolto verso l'alto, le
dita leggermente divaricate e il dito leso
in estensione.
Si spruzza lo spray adesivo protettivo
sul polso, sulla mano e sul dito da immo-
bilizzare (nel nostro esempio, il dito me-
dio).
LO STRAPPING
Faccia dorsale
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
Si avvolge poi il sottostrato in gomma-
piuma per due o tre volte intorno al polso
(tale operazione non indispensabile:
infatti I'ancoraggio pu essere appog-
giato sul polso anche direttamente sulla
pelle).
Questo ancoraggio, realizzato con
benda inestensibile da 4 cm, formato
da due fasce circolari indipendenti, par-
zialmente sovrapposte e applicate sen-
za tensione (I'ancoraggio pu anche es-
sere realizzato con benda elastica ipoal-
lergica da 6 cm).
Si applica poi un ancoraggio sul dito
leso, avvolgendo intorno alla terza falan-
ge una benda inestensibile da 2,5 cm,
applicata senza tensione.
ancoraggio realizzato
con benda inestensibile
da 2,5 cm (sulla terza
falange)
Faccia dorsale
CONTENZIONE LIMITATIVA DELLA FLESSIONE DELLA PRIMA FALANGE
Si dispone a questo punto una benda
preparata nel modo descritto: si ritaglia
una striscia di benda inestensibile da 4
cm, di lunghezza pari alla distanza che
separa le estremit dei due ancoraggi:
segmento d. Si praticano poi due incisio-
ni nel punto corrispondente all'articola-
zione metacarpo-falangea.
ancoraggio
realizzato con
benda inestensibile
da 4 cm
Faccia dorsale
all'articolazione
t
metacarpo-falangea
La benda viene poi distesa sul dorso
della mano e del dito leso, in asse con il
tendine estensore, tra l'ancoraggio si-
tuato sul polso e I'ancoraggio posto sulla
terza falange del dito.
A livello del dito, la benda va ripiegata
lateralmente lungo il lato interno ed
esterno delle tre falangi.
LO STRAPPING
Si blocca poi l a benda avvolgendo
intorno al dito due fasce circolari inesten-
sibili da 2, 5 cm applicate sulla prima e
sulla seconda falange, quindi una fascia
circolare inestensibile da 4 cm sul polso.
circolare di
chiusura sulla
seconda falange,
realizzata con
benda inestensibile
da 2,5 cm
- - - 4-
circolare di chiusura
realizzata con benda
inestensibile da 4 cm
Si ritaglia ora una benda inestensibile
da 2,5 cm, in modo da ottenere una
striscia di lunghezza pari al doppio della
distanza che separa l'estremit prossi-
male dell'ancoraggio del polso dall'arti-
colazione interfalangea prossimale (d =
d' x 2) .
Si applica quindi l a parte centrale di
questa fascia sul lato palmare della pri-
ma falange; si ripiegano i due lembi in-
crociandoli sopra l'articolazione meta-
carpo-falangea e facendoli poi divergere
verso i bordi radiale e cubitale del polso.
Infine si fissano sull'ancoraggio.
principio della
fascia incrociata
Faccia dorsale
I
Faccia palmare
CONTENZIONE LIMITATIVA DELLA FLESSIONE DELLA PRIMA FALANGE 6 1
Si blocca ora la benda sull'ancoraggio Vananti
avvolgendo intorno al polso due fasce La fascia longitudinale posta in asse
circolari indipendenti, realizzate con col tendine estensore del dito leso, come
benda inestensibile da 4 cm, applicate pure la fascia incrociata, possono esse-
senza tensione. re realizzate con benda elastica ipoaller-
Allo stesso modo, si blocca la benda gica da 3 cm.
sulla prima falange, con una fascia cir- Tuttavia, anche qualora si -spezzi I'e-
colare inestensibile da 2,5 cm applicata lasticit,, della benda, la contenzione ri-
senza tensione. sulter meno efficace perch elastjca
Infine, si termina la contenzione appli-
cando senza tensione una fascia circo-
lare inestensibile da 4 cm sulla mano,
dietro le teste metacarpali.
circolare di chiusura
sulla prima falange
realizzata con
benda inestensibile
circolare d
chiusura
realizzata
benda
inestensib fascia circolare
da 4 cm
inestensibile da 4 cm
Faccia dorsale Faccia dorsale
LO STRAPPING
CONTENZIONE LIMITATIVA DELLA FLESSIONE
DELLA PRIMA FALANGE DI UNA DELLE ULTIME QUATTRO DITA
SUL METACARPO
Lista
dei materiali
l
a
Spray adesivo
protettivo: 1 bom-
boletta (Ten-
spray. Tuf-skin,
, Ercefilm)
Sottostrato in
gommapiuma: 1
rotolo (Elasto-
~
mousse, Under-
wrap di marca
Cramer o Medi-
l sport). facoltativo
Benda inestensi-
1
bile da 4 cm: 1
l rotolo (Strappal,
Tape di marca
Cramer o Medi-
I Benda inestensi-
1
bile da 2.5 cm: 1
, rotolo (Strappal,
I Tape Medisport)
Benda elastica
ipoallergica da 3
cm: 1 rotolo (Ela-
stoplaste) da
usare soltanto
j per la variante
1 Forbici con punte
l arrotondate
1 Principi
) fondamentali
- L'ancoraggio sul
dito deve essere
applicato a livello
1 della terza falan-
ge, e non sull'in-
trafalangea
1 distale.
1 Il dito leso deve
essere diritto per-
che la contenzio-
1 ne abbia la
massima effica-
cia.
I I diversi ancorag-
gi devono essere
realizzati senza
esercitare tensio-
1 ne.
-- -p
Per una corretta
esecuzione
tecnica
La fascia attiva
realizzata con
benda inestensi-
bile da 4 cm de-
ve essere
preparata prima
dell'applicazione
(in particolare
per quanto riguar-
da le due incisio-
ni).
I due lembi della
fascia inestensibi-
le da 2,5 cm de-
vono incrociarsi
a livello dell'arti-
colazione meta-
carpo-falangea.
Errori possibili
Applicazione del-
la fascia attiva
inestensibile da
4 cm con il dito
in flessione.
Non praticare le
due incisioni late-
rali sulla fascia
attiva inestensibi-
le da 4 cm.
Mancata a ~ ~ l i c a -
zione della' fascia
circolare a livello
della mano (an-
coraggio indi-
spensabile). 1
CONTENZIONE LIMITATIVA DELLA FLESSIONE DELLA PRIMA FALANGE
Contenzione limitativa della flessione della prima falange
di una delle quattro dita sul metacarpo.
i. .
7. Contenzione del tipo
a "mezzo guanto"
A. Premessa
e globale dei complessi articolari della
mano e del polso. Queste pratiche si
Si veda i l capitolo ((Contenzione limi-
effettuano normalmente tra i Piloti moto-
tativa dell'estensione della prima falan-
ciclisti, soprattutto al momento del cam-
ge di una delle ultime quattro dita sul
bio durante le gare di durata.
metacarpo), .
D. Lista dei materiali
B. Indicazioni
Non si pu parlare in questo caso di
indicazioni definite in funzione di precisi
principi fisiopatologici. Si pu comunque
affermare che questa contenzione assi-
cura la protezione e il benessere e mette
nelle condizioni migliori le ultime quattro
articolazioni metacarpo-falange della
mano.
Questo tipo di contenzione viene uti-
lizzato soprattutto nel motociclismo (in
particolare nelle prove di durata) e in
alcuni sport di lotta.
C. Approccio
terapeutico
Allo stesso modo, non possibile par-
lare in questo caso di una vera e propria
strategia terapeutica.
I piloti motociclisti sono i pi interes-
sati a questo tipo di contenzione, specie
se associata a mobilizzazione analitica
Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
Sottostrato in gommapiuma: un rotolo
(Elastomousse, Under-wrap di marca
Cramer o Medisport).
Benda elastica ipoallergica da 6 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
Benda elastica ipoallergica da 3 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
Benda inestensibile da 2,s cm: un ro-
tolo (Strappa1 o Tape Medisport).
Forbici con punte arrotondate.
E. Esecuzione tecnica
Si spruzza lo spray adesivo protettivo
su tutto i l polso e sul dorso della mano.
Si applica poi il sottostrato in gomma-
piuma avvolgendolo intorno al polso.
Si dispone quindi un primo ancorag-
gio sul polso, avvolgendo una benda
elastica ipoallergica da 6 cm, senza
esercitare tensione.
CONTENZIONE DEL TIPO A "MEZZO GUANTO"
Faccia dorsale
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
LO STRAPPING
Faccia palmare
ancoraggio realizzato
con benda elastica
. . . . . -
Faccia dorsale
CONTENZIONE DEL TIPO A "MEZZO GUANTO" 67
Si applica ora un secondo ancoraggio
dietro le teste metacarpali, awolgendo
sulla mano una benda elastica ipoaller-
gica da 3 cm senza tensione.
Si ritagliano poi 4 strisce in benda
elastica ipoallergica da 3 cm, ciascuna
lunga circa 20 cm. Si applica la prima
fascia nel modo seguente: si appoggia
la parte centrale della fascia sulla zona
palmare della prima falange dell'indice,
esercitando sulle due estremit una leg-
gera tensione; si incrociano poi i due
lembi laterali a livello della testa del se-
condo osso metacarpale, sul dorso della
mano, in modo che il lembo interno rag-
giunga l'ancoraggio del polso in asse
con il terzo osso metacarpale e che il
lembo esterno raggiunga l'ancoraggio in
asse con il pollice. La tensione applicata
sui due lembi deve essere simmetrica.
ancoraggio
ipoallergica
elastica da 6 cm
Faccia palmare Faccia dorsale
68 LO STRAPPING
La seconda, terza e quarta fascia van- so a livello del bordo cubitale.
no applicate allo stesso modo, rispetti- La contenzione viene completata con
vamente sul medio, sull'anulare e sul il blocco delle quattro fasce applicate in
mignolo. precedenza, avvolgendo intorno al polso
Si noti che il lembo interno della quar- una benda elastica ipoallergicada 6 cm,
ta fascia raggiunge l'ancoraggio del pol- senza tensione.
le 4 fasce elastiche ipoallergiche
da 3 cm
Faccia dorsale Faccia dorsale
CONTENZIONE DEL TIPO A "MEZZO GUANTO" 69
Allo scopo di rafforzare la contenzione, Si applicano poi altri due ancoraggi:
possibile ricopri re ciascuna delle quattro
- uno, sul polso, realizzato avvolgendo
fasce elastiche ipoallergiche da 3 cm con
una fascia elastica ipoallergica da 6
quattro fasce inestensibili da 2,5 cm.
cm senza tensione;
Questo irrigidimento pu per causa-
- un dietro le teste metacarpaii, reaiizza-
re difficolt nella presa con conseguenti
to avvolgendo una fascia elastica ipo-
importanti limitazioni per gli atleti di alcu-
allergica da 3 cm senza tensione.
ni sport.
Faccia dorsale Faccia dorsale
LO STRAPPING
LA CONTENZIONE DEL
Lista
dei materiali
Spray adesivo
protettivo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
Ercefilm)
Sottostrato in
gommapiuma:
un rotolo (Elasto-
mousse. Under-
wrap di marca
Cramer o Medi-
sport)
Benda elastica
ipoallergica da 6
cm: un rotolo
(Elastoplaste)
Benda elastica
ipoallergica da 3
cm: un rotolo
(Elastoplaste)
1 Benda inestensi-
bile da 2,5 cm:
un rotolo (Strap-
pai o Tape Medi-
- Forbici con punte
arrotondate
Stabilizzare le ar-
ticolazioni meta-
carpo-falange
delle quattro dita.
Realizzare una
contenzione ela-
stica, eventual-
mente rinforzata
con benda ine-
stensibile da 2,5
cm, che lasci libe-
ra la funzione di
prensione della
mano.
Verificare che le
articolazioni me-
tacarpo-falange
delle 4 dita si tro-
vino in estensio-
ne (a riposo!).
TIPO A "MEZZO GUANTO"
Per una corretta Errori possibili 1
esecuzione
tecnica
La tensione eser-
citata sulle due
estremit delle fa-
sce deve essere
perfettamente
simmetrica.
Il punto di incro-
cio dei due lembi
laterali di ciascu-
na fascia deve
trovarsi esatta-
mente sopra la
testa del meta-
carpo.
I due lembi late-
rali di ciascuna
fascia devono di-
vergere in modo
rigorosamente
simmetrico, per
non provocare
turbe statiche e10
dinamiche dell'ar-
ticolazione meta-
carpo-falangea.
, Mancata disposi-
zione dell'anco-
raggio in benda
elastica ipoaller-
gica da 3 cm die-
tro le teste meta-
carpali.
Incrociare i due
lembi laterali del-
la fascia dietro la
testa del meta-
carpo: questo po-
ne l'articolazione
metacarpo-falan-
gea in flessione!
1 Realizzazione
!
dell'intera conten-
zione con benda
inestensibile da
2,5 cm: risulta in-
fatti estremamen-
te difficile evitare
la formazione di
, pieghe e si ri-
schia di provoca-
re una compres-
sione vascolare
a livello della pri-
ma falange delle
1 dita.
l
CONTENZIONE DELTIPO A "MEZZO GUANTO
La contenzione del tipo a "mezzo guanto"
Distorsione del polso
A. Premessa
Il complesso articolare del polso
formato da due articolazioni:
- l'articolazione radio-carpica,
- l'articolazione medio-carpica.
Questo complesso articolare possie-
de due gradi di libert:
- la flessione-estensione.
- I'abduzione-adduzione.
Il gruppo dei legamenti del polso com-
prende:
- due legamenti laterali a livello dell'arti-
colazione radio-carpica: un legamento
interno ed uno esterno (durante I'ad-
duzione si tende il legamento esterno,
durante I'abduzione il legamento inter-
no).
- I legamenti anteriore e posteriore (du-
rante l'estensione si tende il legamen-
to anteriore, durante la flessione il le-
gamento posteriore).
- A livello dell'ariicolazione medio-carpi-
ca, esiste un sistema di legamenti
complesso e composto schematica-
mente dai vari legamenti che uniscono
le ossa tra loro. I pi grossi tra questi
legamenti convergono verso il grande
osso, che costituisce il <centro,, del
massiccio carpale.
B. Approccio
terapeutico
Dopo aver eseguito un esame radio-
logico per verificare la presenza di un'e-
ventuale lesione ossea, si dovr seguire
il seguente iter terapeutico:
- riposo;
- crioterapia: applicazione di freddo in
tutte le sue forme, pi volte al giorno;
- somministrazione di farmaci anti-in-
fiammatori non steroidei (per 7 giorni
circa);
- kinesiterapia: inizialmente attuata a
scopo antalgico e anti-infiammatorio;
successivamente con finalit pi spe-
cifiche per restituire forza e mobilit
all'articolazione. (Le sedute dovrebbe-
ro essere, se possibile, quotidiane. Ci
consigliabile per quasi tutti i traumi
sportivi).
- Realizzazione di una contenzione
adesiva, che inizialmente pu anche
essere elastica, ma che successiva-
mente deve essere sostituita da una
contenzione rigida, in particolare al
momento della ripresa dell'attivit
sportiva.
Il periodo di sospensione dell'attivit
va da 3 a 8 giorni.
ndicazioni
Nel caso di distorsione del polso
consigliabile:
- inizialmente, quando predominano
edema e dolore, la realizzazione di
una contenzione elastica;
- al momento della ripresa dell'attivit
sportiva (e comunque il pi presto pos-
sibile), I'associazione di una conten-
zione rigida alla contenzione elastica
per immobilizzare il polso nel modo pi
appropriato ed efficace.
DISTORSIONE DEL POLSO 73
Nota utilizzare un rotolo di benda estensibile
Al momento della ripresa dell'attivit
ipoallergica da 6 cm (Extensoplaste).
importante convincere il paziente che
- Benda inestensibile da 4 cm: un rotolo
solo l'applicazione di una contenzione
(Strappal o Tape di marca Cramer o
adesiva rigida in grado di garantire una
Medisport).
protezione efficace del polso. Devono
- Benda inestensibile da 2,5 cm: un ro-
essere sconsigliate quelle <<protesi ela-
tolo (Strappal), facoltativo.
stiche,, facilmente reperibili in commer-
- Forbici con punte arrotondate.
cio che, oltre ad essere inadeguate, dan-
no una sicurezza solo illusoria.
E. Esecuzione tecnica
D. Lista dei materiali
Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
Sottostrato in gommapiuma; un rotolo
(Elastomousse, Under-wrap).
Due compresse di garza (o un quadra-
to di gommapiuma), un vasetto di va-
selina e un abbassalingua.
Benda elastica ipoallergica da 6 cm:
un rotolo (Elastoplaste). Si pu anche
Le due tecniche di seguito descritte
possono essere utilizzate singolarmente
oppure associate:
- una contenzione elastica;
- una contenzione rigida.
La contenzione rigida, usata da sola,
pu essere sufficiente al momento della
ripresa dell'attivit, mentre la contenzio-
ne elastica dovr essere associata a
quella non elastica per essere efficace
(l'associazione delle due contenzioni ri-
sulta tra l'altro pi confortevole).
Faccia palmare /
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
LO STRAPPING
1. Fasi comuni alle due
tecniche
- Inizialmente, si spruzza lo spray ade-
sivo protettivo sulla mano (ad esclu-
sione delle dita) e sul primo terzo del-
l'avambraccio (in pratica, 10 cm sopra
la linea bi-stiloidea)
Faccia dorsale
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
I
DISTORSIONE DEL POLSO 75
- Si applica quindi il sottostrato in gom- - Il paziente dovr stare seduto, con il
mapiuma awolgendolo intorno all'a- braccio appoggiato sopra un cuscino
vambraccio ed alla mano fino a rag- e il polso diritto (o meglio in lieve esten-
giungere le teste metacarpali. sione), le dita rilasciate e in posizione
(Il pollice non va ricoperto con questo neutra.
sottostrato).
Faccia palmare Faccia palmare
76 LO STRAPPING
2. La contenzione elastica
Nel nostro esempio viene utilizzata
una benda elastica ipoallergica da 6 cm
(Elastoplaste), ma pu anche essere im-
piegata la benda estensibile ipoallergica
-
da 6 cm (Extensoplaste) che, essendo
elastica in entrambe le direzioni, risulta
di pi facile impiego.
Questa benda dovr essere applicata
-
con tensione moderata, per ridurre il ri-
schio di compressione vascolare.
- Si inizia appoggiando la benda sul bor-
do radiale dell'avambraccio, all'incirca
all'altezza del primo terzo e sulla fac-
cia palmare, la si avvolge poi intorno
all'arto in circolari parzialmente so-
vrapposte fino a raggiungere le pieghe
palmari inferiori del polso.
La si fa quindi passare sul dorso della
mano, seguendo un asse obliquo ver-
so il basso e verso l'esterno, fino a
raggiungere la prima commissura.
A questo punto, la benda ritorna sul
palmo della mano, a livello delle teste
metacarpali, e raggiunge i l bordo cubi-
tale della mano (a livello della stiloide
cubitale) per tornare ancora una volta
sul dorso.
Faccia dorsale
DISTORSIONE DEL POLSO 77
- Si dispone ora la benda in asse col dell'adesivo e si incide l'estremit di
pollice e la si taglia a circa 30 cm questo lembo nel mezzo.
dall'estremit del pollice stesso. - Si divide quindi la benda in due lembi
- Si toglie completamente la protezione per semplice trazione.
le fasce precedenti non sono
raffigurate
Faccia dorsale
LO STRAPPING
- Il lembo interno va ripiegato sul palmo
della mano, a livello del quinto osso
metacarpale, e viene fatto poi tornare
sul dorso della mano in direzione del
polso.
- Il lembo esterno passa nella prima
commissura, poi gira intorno al primo
osso metacarpale e infine raggiunge il
lato dorsale del polso.
Nota
Questa contenzione elastica deve ar-
rivare 4 o 5 dita sopra la stiloide radiale,
per offrire una stabilizzazione relativa
del polso e stabilizzare le articolazioni
trapezio-metacarpali e l'articolazione
metacarpo-falangea del pollice. Questa
contenzione risulta molto confortevole.
La tecnicadescritta presenta infatti un
grande interesse proprio per la sua co-
modit, poich consente la successiva
applicazione della contenzione rigida in
condizioni ottimali (nessun rischio di pie-
ghe).
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
DISTORSIONE DEL POLSO
3. La contenzione rigida
Si inizia con l'applicazione di due an-
coraggi in benda inestensibile da 4 cm:
- uno superiore a livello del primo terzo
dell'avambraccio;
- uno inferiore sopra le teste metacarpali.
Questi due ancoraggi sono realizzati
in forma di circolari applicate senza ten-
sione.
Qualora la contenzione elastica sia
gi stata applicata, i due ancoraggi non
sono indispensabili.
Si dispongono poi quattro fasce ine-
stensibili da 4 cm sul dorso della mano,
tra I'ancoraggio superiore e I'ancoraggio
inferiore. Queste fasce devono essere
parzialmente sovrapposte, ed applicate
con leggera tensione (controllando at-
tentamente che il polso rimanga diritto).
La prima fascia viene disposta in asse
con il quinto osso metacarpale, e ricopre
parzialmente il bordo cubitale dell'avam-
braccio e della mano.
Faccia dorsale Faccia dorsale
LO STRAPPING
La quarta fascia viene disposta in as-
se con il secondo osso metacarpale, e
ricopre parzialmente il bordo radiale del-
l'avambraccio (le fasce seconda e terza
saranno state applicate rispettivamente
in asse con il quarto ed il terzo osso
metacarpale).
Si dispongono poi due fasce incrocia-
te, realizzate con benda inestensibile da
4 cm, il cui punto di incrocio si situa a
livello della faccia dorsale dell'articola-
zione radio-carpale (articolazione del
polso).
Queste due fasce vanno applicate
con leggera tensione:
- la prima parte dall'ancoraggio inferiore
sopra la testa del quinto metacarpale
raggiungendo l'ancoraggio superiore
sul bordo radiale dell'avambraccio;
- la seconda fascia parte dall'ancorag-
gio inferiore sopra la testa del secondo
metacarpale raggiungendo I'ancorag-
gio superiore sul bordo cubitale dell'a-
vambraccio.
Faccia dorsale Faccia dorsale
DISTORSIONE DEL POLSO
Si procede poi allo stesso modo per il
palmo della mano, con una sola differen-
za: l'ultima fascia longitudinale parte dal-
l'ancoraggio inferiore sopra la testa del
secondo metacarpale e poi gira intorno
al primo metacarpale per terminare sulla
faccia dorsale del polso.
Si noti che questa fascia lascia libera
l'articolazione metacarpo-falangea, ma
blocca I'articolazione trapezio-metacar-
pale.
Anche qui vanno disposte le due fa-
sce incrociate, come precedentemente
descritto.
Prima di chiudere la contenzione, si
possono utilizzare due varianti, even-
tualmente associate:
Faccia palmare Faccia palmare
LO STRAPPING
a) l a variante: si dispongono nelle ulti-
me tre commissure tre quadratini di
gommapiuma, oppure tre piccole
compresse di garza, cosparse in pre-
cedenza di vaselina sul lato a contat-
to con la pelle.
Faccia dorsale
Si ritagliano due strisce di benda ine-
stensibile da 2,5 cm, in modo che risul-
tino di lunghezza pari al doppio della
distanza che separa le estremit dei due
ancoraggi (segmento d x 2).
Le due strisce vanno poi tagliate in due
nel senso della lunghezza; si ottengono
cos quattro fasce inestensibili da 1,25 cm
(ne verranno utilizzate soltanto tre).
La prima di queste fasce va ora ap-
poggiata con la parte centrale sopra il
quadratino di gommapiuma della terza
commissura; i due lembi vanno quindi
applicati, con lieve tensione, sul palmo e
sul dorso della mano, fino all'ancoraggio
superiore del polso.
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
84 LO STRAPPING
La seconda fascia tende a limitare Infine, la fascia forma una circolare e
l'inclinazione radiale: essa parte dalla raggiunge l'ancoraggio superiore.
prima commissura (a livello del bordo Per una maggiore efficacia della con-
radiale del secondo osso metacarpale), tenzione, possibile applicare altre due
passa sul dorso della mano seguendo fasce equivalenti sul palmo della mano.
un asse obliquo verso l'alto e verso I'in-
terno e giunge quindi al bordo cubitale
del polso.
fascia che limita
l'inclinazione radiale
(reaalizzata con benda
inestensibile da 4 cm)
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
le 2 fasce limitative
dell'inclinazione
laterale, applicate
sulla faccia
palrnare (e
realizzate con
benda inestensibile
da 4 cm)
Faccia palrnare
le fasce precedenti non sono raffigurate
DISTORSIONE DEL POLSO
Si procede allo stesso modo per la
seconda e la quarta commissura. Que-
sta variante rafforza la stabilit del carpo
e dei metacarpi e limita ulteriormente la
flessione-estensione del polso. Viene
utilizzata per lo pi in sport come il rugby
(o il football americano).
b) 2a variante: questa seconda variante
ha lo scopo di limitare il pi possibile
le 3 fasce
inestensibili
da 1,25 cm
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
l'inclinazione radiale e cubitale del
polso.
La prima fascia tende ad impedire
l'inclinazione cubitale: viene applicata
sul bordo cubitale della mano (a livello
del quinto osso metacarpale), passa poi
sul dorso della mano seguendo un asse
obliquo verso l'alto e verso l'esterno, per
arrivare quindi al bordo radiale del polso.
Infine, la fascia forma una circolare e
raggiunge l'ancoraggio superiore.
Faccia dorsale
le fasce precedenti non sono raffigurate
DISTORSIONE DEL POLSO
A questo punto, dopo aver applicato
una delle due varianti (in base allo sport
considerato ed allo stadio evolutivo della
lesione), si procede alla chiusura della
contenzione, che pu essere realizzata
in due diversi modi (ma sempre con
benda inestensibile da 4 cm).
- Applicando diverse fasce circolari indi-
pendenti senza tensione: tre o quattro
a livello dell'avambraccio, una dietro le
teste metacarpali.
- Applicando, sempre senza tensione,
una serie di doppie circolari aperte, al
fine di evitare il rischio di compressio-
ne vascolare.
Non resta ora che verificare l'efficacia
della contenzione di stabilizzazione del
polso.
In base al grado di stabilit richiesto
per ogni singolo caso, sar possibile
realizzare entrambe le varianti in aggiun-
ta alla contenzione elastica e alla con-
tenzione rigida.
Questo strapping, di massimo effetto,
presenta grande interesse soprattutto
negli sport in cui il contatto tra giocatori
quasi sempre violento, come il rugby,
la pallamano, e naturalmente, il football
americano.
chiusura ralizzata con
Faccia dorsale
le bende precedenti non sono raffigurate
LO STRAPPING
DISTORSIONE DEL POLSO
Lista
dei materiali
Spray adesivo
protettivo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
Ercefilm)
Sottostrato in
gommapiuma;
un rotolo (Elasto-
mousse. Under-
wrap di marca
Cramer o Medi-
sport)
Un rettangolo di
gommapiuma,
un vasetto di va-
selina e un ab-
bassalingua
Benda elastica
ipoallergica da 6
cm: un rotolo
(Elastoplaste o
Extensoplaste)
Benda inestensi-
bile da 4 cm: un
rotolo (Strappal o
Tape di marca
Cramer o Medi-
sport)
Benda inestensi-
bile da 2.5 cm:
un rotolo (Strap-
pal o Tape di
marca Cramer o
Medisport)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Non pensare che
la sola contenzio-
ne elastica sia
sufficiente al mo-
mento della ripre-
sa dell'attivit
sportiva.
Disporre il polso
in asse con la
mano e I'avam-
braccio prima di
iniziare la conten-
zione.
La contenzione
elastica deve ne-
cessariamente
comportare I'im-
mobilizzazione
del pollice.
La contenzione ri-
gida deve inclu-
dere la fasciatura
palmare e dorsa-
le; le varie fasce
vanno disposte
in asse con i me-
tacarpi seguendo
le diagonali della
mano. Soltanto
in questo modo
possibile limitare
i quattro movi-
menti del polso:
flessione, esten-
sione, inclinazio-
ne radiale e cubi-
tale.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
. . -p-
- Applicare siste-
maticamente la
contenzione ela-
stica prima della
contenzione rigi-
da; questo au-
menta la confor-
tevolezza ed evi-
ta la formazione
di pieghe (un ri-
schio reale quan-
do si usano ben-
de inestensibili
del tipo Strappal).
Applicare tutte le
fasce inestensibi-
li esercitando
una leggera ten-
sione dalla mano
verso I'avambrac-
cio, verificando
sempre che il pol-
so sia diritto, per
consentire una
buona stabilit
del polso.
Errori possibili
Ripresa dell'attivi-
t sportiva con il
supporto della so-
la contenzione
elastica.
Utilizzazione del-
la variante n. 1 in
pazienti che prati-
cano sport di abi-
lit come il ba-
sket o la pallavo-
lo.
Realizzazione
della contenzio-
ne rigida in modo
parziale (omet-
tendo di applica-
re le fasce palma-
ri), soprattutto in
vista di una ripre-
sa dell'attivit
sportiva.
DISTORSIONE DEL POLSO
Fasi comuni alle due
/-
p ~ ? I l r ~ c a d a 6 rni
Distorsione del polso
Tecnica n. 1
LO STRAPPING
iecnica n. 2
i
DISTORSIONE DEL POLSO
9. Contenzione di stabilizzazione e
limitativa dell'estensione del gomito
A. Premessa
Schematicamente, l'apparato dei le-
gamenti del gomito costituito da:
- un legamento laterale esterno formato
da tre fasci: anteriore, mediale e po-
steriore;
- un legamento laterale interno formato
anch'esso da tre fasci: anteriore, me-
diale e posteriore;
- la capsula articolare, rafforzata in
avanti dal legamento anteriore e dal
legamento obliquo anteriore.
I legamenti laterali formano un siste-
ma di tiranti che assicura la stabilit del-
l'articolazione ed impedisce i movimenti
laterali.
In questa breve premessa non sono
stati considerati i legamenti dell'articola-
zione radio-omerale e dell'articolazione
radio-cubitale superiore.
Approccio
terapeutico
In caso di trauma del gomito, di
prioritaria importanza prescrivere un
esame radiologico che consenta di veri-
ficare l'eventuale presenza di lesioni 0s-
see.
Nel caso di assenza di lesioni ossee,
sar possibile impostare la terapia di
seguito descritta (ad esempio in caso di
distorsione lieve del legamento laterale
interno del gomito):
- riposo;
- crioterapia (applicazione di freddo in
tutte le sue forme, pi volte al giorno);
- somministrazione di farmaci antalgici
e anti-infiammatori non steroidei (da 7
a 10 giorni circa);
- kinesiterapia: le sedute inizieranno il
pi presto possibile, inizialmente allo
scopo di ridurre il processo infiamma-
torio e il dolore. Successivamente, si
inizier un lavoro specifico per restitui-
re all'articolazione forza e mobilit (il
gomito tende infatti ad irrigidirsi molto
facilmente). E' opportuno sottolineare
a questo punto che il massaggio
assolutamente vietato, perlomeno du-
rante la prima fase, per il potenziale
rischio di osteoma e di calcificazione
di un eventuale ematoma.
- realizzazione di una contenzione ade-
siva di stabilizzazione dell'articolazio-
ne, che al tempo stesso limiti I'esten-
sione (in questo tipo di trauma, l'esten-
sione risulta infatti spesso molto dolo-
rosa).
L'attivit sportiva potr essere ripresa
con il supporto di una contenzione, ma
solo il medico potr decidere, in base
all'evoluzione clinica, la durata del perio-
do di riposo evitando una prematura ri-
presa dell'attivit.
ndicazioni
a. La contenzione elastica
limitativa dell'estensione del
gomito
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
Questo tipo di contenzione utilizzata:
- nelle algie post-traumatiche provocate
D. Lista dei materiali
dalla completa estensione del gomito,
in pazienti che non praticano sport o in
atleti che riprendono l'attivit sportiva,
soprattutto in alcuni sport quali: ba-
sket, pallavolo ...;
- nelle lesioni del tendine distale del bi-
cipite brachiale;
- nei casi di distorsione dei legamenti
laterali del gomito, soprattutto nell'im-
mediata fase post-traumatica, la con-
tenzione elastica non deve mai essere
utilizzata da sola.
b. La contenzione non
elastica limitativa
dell'estensione del gomito
Questa contenzione utilizzata:
- immediatamente dopo il trauma, nel
caso di gomito dolorante in estensione
completa;
- al momento della ripresa dell'attivit
sportiva, in pazienti che presentano
un'alga post-traumatica all'estensio-
ne completa del gomito, e che pratica-
no sport che prevendono il contatto
fisico (rugby, lotta, football america-
no...). In questo caso preferibile uti-
lizzare la tecnica di cui al punto C.
C. La contenzione di
stabilizzazione
dell'articolazione del gomito
Questa contenzione utilizzata:
- immediatamente dopo la distorsione
di un legamento laterale del gomito;
- al momento della ripresa dell'attivit
sportiva in pazienti che praticano sport
che prevedono il contatto fisico: rugby,
lotta, football americano .. .
- Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
- Sottostrato in gommapiuma; un rotolo
(Elastomousse, Under-wrap).
- Benda elastica ipoallergica da 8 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
- Benda elastica ipoallergica da 6 cm
(Elastoplaste), o meglio benda esten-
sibile da 6 cm (Extensoplaste) : un ro-
tolo.
- Benda inestensibile da 4 cm: un rotolo
(Strappa1 o Tape di marca Cramer o
Medisport).
- Forbici con punte arrotondate.
E. Esecuzione tecnica
In questo capitolo descriveremo tre
tecniche di contenzione adesiva:
- una contenzione elastica di limitazione
dell'estensione del gomito;
- una contenzione rigida di limitazione
dell'estensione del gomito;
-una contenzione rigida di stabilizza-
zione del gomito.
1. Fasi comuni alle tre tecniche
Il paziente deve stare seduto, con il
gomito flesso tra 30 e 45 gradi. Infatti
aumentando l'angolo di flessione, viene
limitatata progressivamente I'estensio-
ne.
Il polso deve poggiare su un cuscino
(o su un tavolo), e contemporaneamente
l'avambraccio deve trovarsi in posizione
supina.
Si spruzza innanzitutto lo spray ade-
sivo protettivo su tutta la superficie cuta-
nea interessata dalla contenzione, in
pratica dalla zona mediana del braccio
LO STRAPPING
alla zona mediana dell'avambraccio.
Si applica quindi il sottostrato in gom-
mapiuma, avvolgendolo intorno all'arto;
in questo caso particolare, possibile
aumentare I'eff icacia della contenzione
evitando l'applicazione del sottostrato in
gommapiuma a livello dei due ancorag-
gi, cio sulle zone mediane del braccio
e dell'avambraccio.
Si dispongono a questo punto due
ancoraggi in benda elastica ipoallergica
da 8 cm:
- uno superiore, sulla zona mediana del
braccio;
- uno inferiore, sulla zona mediana del-
l'avambraccio.
Questi due ancoraggi vanno applicati
senza eccessiva tensione, per evitare
l'eccessiva compressione durante la
contrazione muscolare.
2. Tecnica n. 1 :
Limitazione elastica dell'estensione
del gomito
Si taglia un tratto di benda elastica
ipoallergica da 8 cm, in modo che la sua
lunghezza sia uguale alla distanza che
separa i due ancoraggi (segmento d).
ancoraggio
superiore realizzato
con benda elastica
ipoallergica da 8 cm
gommapiuma
elastica
ancoraggio inferiore / K
realizzato con benda
I
elastica ipoallergica da 8 cm
Vista antero-interna
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
Vista antero-interna
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
Si applica questa fascia con tensione Si blocca quindi la fascia elastica a
tra I'ancoraggio superiore e I'ancoraggio livello dei due ancoraggi, con due circo-
inferiore. lari aperte realizzate con benda inesten-
sibile da 4 cm.
benda elastica
ipoallergica da 8 cm
Vista antero-interna
circolari di chiusura
(aperte) ralizzate con
benda inestensibile
I
Vista antero-interna
LO STRAPPING
Si prepara poi una benda elastica ipo-
allergica da 8 cm nel modo di seguito
descritto:
si taglia la benda su una lunghezza di
circa 50 cm;
si incidono le due estremit lasciando
integra solo la parte centrale (1 5 cm
circa) ;
si appoggia poi la parte centrale della
benda sul lato anteriore del gomito; si
avvolgono quindi i due lembi superiori
intorno al braccio senza tensione, fino
a raggiungere l'ancoraggio superiore,
e i due lembi inferiori intorno all'avam-
braccio fino a raggiungere I'ancorag-
gio inferiore.
benda elastica ipoallergica da 8 cm ) \
I
Vista antero-interna
benda elastica ipoallergica da 8 cm
La disposizione della benda elastica,
posta trasversalmente rispetto all'asse
longitudinale del braccio, aumenta I'effi-
cacia della contenzione, poich I'elasti-
cit della benda in senso trasversale
risulta praticamente trascurabile.
le fasce precedenti non sono raffigurate \ I
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO 95
Si completa poi la contenzione con
due chiusure distinte, realizzate con
benda elastica ipoallergica da 6 cm o,
meglio ancora, con benda estensibile
ipoallergica da 6 cm. Le due chiusure
vanno rispettivamente:
- dall'ancoraggio superiore fino al gomito;
- dal gomito fino all'ancoraggio inferiore.
chiusura superiore
realizzata con benda
estensibile ipoallergica
da 6 cm \
chiusura inferiore
realizzata con benda
estensibile ipoallergic
da 6 cm
I
Vista antero-interna
3. Tecnica n. 2: Limitazione rigida del-
l'estensione del gomito
Si dispone in questo caso un doppio
ventaglio di fasce inestensibili da 4 cm
tra I'ancoraggio superiore e I'ancoraggio
inferiore.
Questo doppio ventaglio comprende-
r 6-8 fasce e verr realizzato nel modo
di seguito descritto:
fascia n.1 realizzata
con benda
inestensibile da 4 cm
Vista antero-interna
E' possibile constatare in questo mo-
La fascia n. 1 si applica nell'asse del
do l'effettiva limitazione elastica dell'e-
braccio, facendola aderire su tutta la lun-
stensione, mentre resta libera la possi- ghezza.
bilit di flessione del gomito.
LO STRAPPING
Vista antero-interna
Vista antero-interna
Le fasce n. 2 e n. 3 si applicano se- Le fasce n. 4 e n. 5 si applicano se-
guendo un asse obliquo a 15 gradi ri- guendo un asse obliquo a 30 gradi ri-
spetto alla fascia n. 1, e facendole ade- spetto alla fascia n. 1, e facendole ade-
rire su tutta la lunghezza. rire su tutta la lunghezza.
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
fascia n. 6 realizzata
con benda
inestensibile
Vista antero-interna
circolare di chiusura inferiore (aperta)
realizzata con benda inestensibile / I 1
circolare di chiusura
superiore (aperta)
realizzata con benda
inestensibile da 4 cm
Vista antero-interna
La fascia n. 6 si applica in asse con il Le 6 fasce vengono quindi bloccate a
braccio sopra la fascia n. l , e viene fatta livello dei due ancoraggi con circolari
aderire su tutta la lunghezza. aperte realizzate con benda inestensibi-
le da 4 cm.
LO STRAPPING
Si completa poi la contenzione con
due chiusure distinte, che vanno rispet-
tivamente:
- dall'ancoraggio superiore fino alla pie-
ga del gomito;
- dalla piega del gomito fino all'ancorag-
gio inferiore.
Queste fasce che devono essere ap-
plicate senza tensione sono realizzate
con benda elastica ipoallergica da 6 cm
o, meglio ancora, con benda estensibile
ipoallergica da 6 cm.
chiusura superiore realizzata
con benda estensibile
ipoallergica da 6 cm
realizzata con benda
estensibile ipoallergica
chiusura inferiore
realizzata con benda
estensibile ipoallergica
da 6 cm
Vista antero-esterna
Nota
Una variante di questa tecnica consiste
nel preparare il doppio ventaglio in benda
inestensibile da 4 cm su un piano, e appli-
carlo poi sui due ancoraggi, facendolo
infine aderire su tutta la lunghezza.
Il ventaglio viene poi bloccato a livello
dei due ancoraggi con circolari aperte,
procedendo come per le chiusure de-
scritte in precedenza.
Alcuni autori americani preferiscono
care, sul punto d'incrocio delle diverse
fasce, un pezzetto di benda inestensibile
da 4 cm che tiene insieme tutte le fasce
impedendo al contempo che aderiscano
all'arto.
Questa variante ha il vantaggio di
creare una zona di scorrimento, che fa-
vorisce la funzionalit del gomito nei pa-
zienti che praticano attivit sportiva.
Doppio ventaglio
chiusura
superiore
realizzata
con benda
estensibile
ipoallergica
fascia inestensibile
da 4 cm
questa tecnica per la possibilit di appli-
Vista antero-interna
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
4. Tecnica n. 3:
Contenzione non elastica di
stabilizzazione dell'articolazione
del gomito (e limitativa dell'estensione)
Innanzitutto, si procede alla stabiliz-
zazione del gomito disponendo alterna-
tivamente sei fasce inestensibili da 4 cm
(di tipo 1 e 2)' applicate con tensione. Il
gomito deve trovarsi a 45 gradi di fles-
sione e in posizione neutra, con il pollice
in alto sul piano della prono-supinazio-
ne. Quanto maggiore sar il grado di
flessione del gomito, tanto pi consisten-
te sar l'effetto di stabilizzazione dell'ar-
ticolazione. E' da rilevare che quando la
flessione supera i 45 gradi diventa im-
possibile praticare la maggior parte delle
attivit sportive.
a. Prima staffa del tipo 1
Questa staffa viene disposta orizzon-
talmente, e partendo dall'ancoraggio in-
feriore, raggiunge il lato opposto dello
stesso ancoraggio.
Si applica appoggiandone la parte
centrale sul lato posteriore dell'estremit
inferiore del braccio, e ripiegando i due
lembi laterali sull'avambraccio fino al-
l'ancoraggio inferiore.
b. Prima staffa del tipo 2
Questa staffa viene disposta vertical-
mente e, partendo dall'ancoraggio supe-
riore, raggiunge il lato opposto dello
stesso ancoraggio.
Si applica appoggiandone la parte
centrale sul lato inferiore dell'estremit
prossimale dell'avambraccio, e ripiegan-
do i due lembi laterali sul braccio fino
all'ancoraggio superiore.
la staffa di tipo 1
realizzata con
inestensibile
da 4 cm
Vista antero-esterna'
1 O0 LO STRAPPING
C. Seconda staffa del tipo 1 d. Seconda staffa del tipo 2
La seconda staffa si applica allo stes- La seconda staffa si applica allo stes-
so modo della prima, ma pi in alto, in so modo della prima, ma pi in avanti, in
modo che si sovrapponga per met alla modo che si sovrapponga per met alla
precedente. precedente.
Vista antero-esterna Vista antero-esterna
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
e. Terza staffa del tipo 1
La terza staffa si applica allo stesso
modo delle due precedenti, ma pi in
alto, in modo che si sovrapponga per
met alla seconda.
le 6 staffe
bloccate con 1 1
due circolari
realizzate con
inestensibili
v
Vista antero-esterna
f. Terza staffa del tipo 2
La terza staffa si applica appoggian-
done la parte centrale sul lato inferiore
dell'avambraccio, ma pi in avanti, in
modo che si sovrapponga per met alla
seconda. I due lembi laterali vanno ripie-
gati sui lati interno ed esterno del brac-
cio.
Si bloccano poi queste staffe a livello
degli ancoraggi superiore e inferiore con
circolari aperte realizzate con benda ine-
stensibile da 4 cm.
le 6 staffe bloccate con due
circolari aperte realizzate
le 6 staffe bloccate con due
circolari aperte realizzate
con bende inestensibili
da 4 cm
Vista antero-interna
LO STRAPPING
A questo punto, si dispongono tre fa-
sce limitative dell'estensione, che ver-
ranno realizzate con benda inestensibile
da 4 cm.
Queste tre fasce dovranno essere
esattamente sovrapposte, e applicate
tra I'ancoraggio superiore e I'ancoraggio
inferiore in asse con il braccio in senso
longitudinale.
La differenza rispetto alla tecnica n. 2
consiste nel fatto che queste fasce van-
no fatte aderire solamente sui 213 della
fasciatura, sull'avambraccio e sul brac-
cio, lasciando per libera la piega del
gomito (formando un <<ponte>> di 5-7 cm
circa) .
fascia limitativa
dell'estensione
(realizzata con
benda inestensibile \
da 4 cm) \ 1
Le fasce di limitazione dell'estensione
vengono poi fissate sui due ancoraggi,
con una circolare aperta realizzata con
benda inestensibile da 4 cm.
Si completa quindi la contenzione con
due chiusure, realizzate con una serie di
fasce semi-circolari in benda inestensi-
bile da 4 cm:
-Chiusura inferiore
Si applicano le semi-circolari sotto I'a-
vambraccio, dall'ancoraggio inferiore fi-
no a 2 dita dalla piega del gomito; si
applicano poi altre semi-circolari sopra
l'avambraccio, allo stesso modo.
chiusura inferiore
\ (semi-circolare inferiore
realizzata con benda
inestensibile da 4 cm) \
Vista antero-interna
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
-Chiusura superiore
Si applicanole semi-circolari dietro il
braccio,~dall1ancoraggio superiore fino a
I
2 dita dalla piega del gomito; si applicano
chiusura
poi altre semi-circolari nella parte ante-
inferiore
riore del braccio, allo stesso modo.
Vista antero-interna
chiusura superiore
Vista antero-interna
Per finire, con un pezzetto di benda
inestensibile da 4 cm, si uniscono soli-
chiusura inferiore
damente le tre fasce sovrapposte che
realizzata con benda
limitano I1estensiOne, al livello in cui for-
inestensibile da 4 cm)
mano il <<ponte)).
Nota
E' ugualmente possibile chiudere
questa contenzione nel modo descritto
per la tecnica n. 2, ma le due fasce che
formano il <<ponte)) rendono poco pratica
Vista antero-interna questa procedura.
Risulta quindi di gran lunga preferibile
la chiusura con benda inestensibile, rea-
lizzata con semi-circolari associate.
LO STRAPPING
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO.
TECNICA N. 1
Lista
dei materiali
Spr ay adesi vo
pr ot et t i vo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-ski n,
Ercefilm)
Sot t ost r at o i n
gommapiuma; un
r ot ol o ( El ast o-
mousse, Under-
wr ap di mar ca
Cramer o Medi-
SPO rt)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 8
cm: un rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 6
cm (Elastoplaste),
o meglio benda
estensibile da 6
cm (Extensopla-
ste): un rotolo
Benda inestensi-
bile da 4 cm: un
rotolo (Strappa1 o
Tape di mar ca
Cramer o Medi-
sport)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Il paziente deve
stare seduto, con
l'avambraccio in
posizione supina
ed i l gomito flesso
tra 30 e 45 gradi.
Trattandosi di una
contenzione ela-
stica, importante
flettere sufficien-
temente il gomito
prima di procedere
alla realizzazione
di una contenzione
sicuramente effi-
cace.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Far aderire bene
la fascia elastica
ipoallergica da 8
cm disposta per-
pendicolarmente
all'asse del brac-
cio sul lato ante-
riore del gomito,
prima di avvolgere
i 4 lembi (2 inferio-
ri e 2 superiori) in-
torno all'arto.
La chiusura deve
essere eseguita in
2 parti distinte, per
evi t are l a com-
pressi one del l a
piega del gomito.
Errori possibili
Realizzare la con-
tenzione con il go-
mito flesso a me-
no di 30 gradi.
Eseguire un'unica
chiusura con pos-
sibile compressio-
ne vascolare a li-
vello della piega
del gomito.
Real i zzar e l a
chi usur a appl i -
cando le semi-cir-
col ari con forte
tensione: ci com-
port erebbe una
compressione va-
scolare a livello
del braccio e del-
I'avam braccio.
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO.
TECNICA N. 2
Lista
dei materiali
Principi
fondamentali
Spr ay adesi vo
pr ot et t i vo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-ski n,
Ercefilm)
Sot t ost r at o i n
gommapiuma; un
r ot ol o (El ast o-
mousse, Under-
wr ap di mar ca
Cramer o Medi-
sport)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 8
cm: un rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 6
cm (Elastoplaste),
o meglio benda
estensibile da 6
cm (Extensopla-
ste): un rotolo
Benda inestensi-
bile da 4 cm: un
rotolo (Strappa1 o
Tape di mar ca
Cramer o Medi-
sport)
Disporre il gomito
in flessione tra 30
e 45 gradi, con la
mano in supina-
zione.
Real i zzar e un
doppio ventaglio
con benda i ne-
stensibile da 4 cm
(le varie fasce de-
vono essere di-
vergenti).
Far aderire le di-
verse fasce ine-
stensibili per tutta
la loro lunghezza.
Forbici con punte
arrotondate
Per una corretta
esecuzione
tecnica
La pri ma fascia
inestensibile da 4
cm deve essere
applicata esatta-
mente in asse con
l'arto superiore.
La chiusura deve
essere effettuata
in 2 parti distinte.
La chiusura deve
essere eseguita
disponendo le se-
mi-circolari dagli
ancoraggi verso la
piega del gomito
(che deve rimane-
re libero).
Errori possibili
Realizzazione
della contenzione
con il gomito fles-
so a meno di 30
gradi.
Non far aderire le
fasce inestensibili
da 4 cm a livello
della piega del go-
mito (il che riduce
l ' ef f i caci a del l a
contenzione).
Realizzazione di
una chiusura uni-
ca (rischio di com-
pressione vasco-
lare a livello della
piega del gomito).
LO STRAPPING
CONTENZIONE LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO.
TECNICA N. 3
Lista
dei materiali
Spr ay adesi vo
pr ot et t i vo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-ski n,
E rcefi l m)
Sot t ost r at o i n
gommapiuma; un
r ot ol o ( El ast o-
mousse, Under-
wr ap di mar ca
Cramer o Medi-
SPO
Benda el ast i ca
ipoallergica da 8
cm: un rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda inestensi-
bile da 4 cm: un
rotolo (Strappa1 o
Tape di mar ca
Cramer o Medi-
SPO rt)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Per una corretta
real i zzazi one di
questo tipo di con-
tenzione, neces-
sario che il gomito
rimanga a 45 gra-
di di flessione per
tutta la durata del-
l'applicazione.
L'avambraccio
deve trovarsi in
posizione neutra
sul pi ano del l a
prono-supinazio
ne (pollice in alto).
Le staffe orizzon-
tali e verticali de-
vono essere appli-
cate alternativa-
mente, per garan-
tire la stabilit del-
l'articolazione del
gomito.
-- --p-p-
Per una corretta
esecuzione
Quanto maggiore
sar il grado di
flessione del go-
mi t o, t ant o pi
consistente sar
l'effetto di stabiliz-
zazione dell'arti-
colazione. Tutta-
via, importante
rilevare che oltre i
45 gradi di flessio-
ne la pratica spor-
t i va di vent a al-
quant o di f f i ci l e
nella maggior par-
te delle discipline.
La pr i ma staffa
verticale deve es-
sere posta quanto
pi indietro possi-
bile.
Errori possibili
Posizionamento
del gomito a meno
di 30 gradi o a pi
di 60 gradi di fles-
sione.
Mancata applica-
zione delle tre fa-
sce sovrapposte
di limitazione del-
l'estensione.
Chi usur a del l a
contenzione a li-
vello della piega
del gomito.
Mancata verifica
dell'efficacia della
contenzione, pri-
ma di consentire
al paziente la ri-
presa dell'attivit
sportiva.
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
Contenzione di stabilizzazione e limitativa dell'estensione
del gomito
Fasi comuni
alle tre tecniche
benda elanica ipoaiiergca da 8 Cm
lembi infer8or8
iecnica n. 1
Tecnica n. 2
LO STRAPPING
e . - . - ,.
n,l,:i.I<V
e-.,,. *.-m
I. . . = . - . n Ti*,
h
Tecnica n. 3
CONTENZIONE DI STABILIZZAZIONE E LIMITATIVA DELL'ESTENSIONE DEL GOMITO
chiusura nferiore
realizzala con benda
inedensibile da 4 cm
chiusura supenore
b
le E slaiie bloccate con
2 circolari aperle
realizzate con bende
ineslensibili aa 4 cm
10. Epicondilite
A. Premessa
Ci sembra opportuno sottolineare che
in seguito si far riferimento solamente
alla classica epicondilite (infiammazione
che riguarda la zona d'inserzione dei
tendini epicondiloidei), escludendo volu-
tamente:
- I'epicondilalga di origine cervicale;
- le patologie a carico della testa del radio;
- I'osteocondromatosi e le diverse lesio-
ni cartilagnee;
- la sindrome del canale radiale, ecc. .. .
Nel quadro delle tendiniti dell'inser-
zione degli epicondiloidei, esistono molti
sport che sembrano favorire questa pa-
tologia: il tennis innanzitutto, ma anche
la scherma, il golf, l'alpinismo ed in ge-
nerale gli sport che prevedono il lancio
(atletica leggera etc).
Nella maggior parte dei casi, la pato-
logia unilaterale e colpisce il lato pre-
dominante, ma in alcuni sport come il
canottaggio si pu verificare la compar-
sa di forme bilaterali.
E' importante ricordare infine, senza
peraltro approfondire la procedura dia-
gnostica, che alcuni esami complemen-
tari possono essere utili per la formula-
zione della diagnosi, e consentono una
corretta diagnosi differenziale rispetto
ad altre patologie frequenti. Tali esami
comprendono:
- esami radiologici: gomito in antero-po-
steriore, di lato e di tre quarti, e talvolta
artrografia e scintigrafia;
- elettromiogramma.
E' compito del medico stabilire, sulla
base dei dati rilevati con l'esame clinico,
quali siano gli esami complementari pib
utili alla formulazione di una corretta dia-
gnosi.
Approccio
terapeutico
Una volta formulata la diagnosi, l'iter
terapeutico dovr comprendere:
1. Il riposo
Il riposo essenziale e rappresenta
un elemento fondamentale della terapia.
Nelle forme lievi, si tratter di riposo
relativo, evitando quei movimenti che
provocano un'eccessiva sollecitazione
dei tendini epicondiloidei.
Nelle forme gravi, il riposo sar invece
assoluto per un periodo variabile tra le
tre e le sei settimane.
Nella maggioranza dei casi saranno
sufficienti uno o due mesi di sospensio-
ne dell'attivit sportiva anche se talvolta
richiesto un periodo pi lungo (fino a 6
mesi ed oltre).
2. La contenzione adesiva
In questi casi, la contenzione adesiva
ha lo scopo di costringere a riposo gli
epicondiloidei; rappresenta quindi un
elemento essenziale nella terapia.
- ecografia;
- analisi biologiche (N.F.S., V.E.S., bi- 3. 11 trattamento locale
lancio fosfocalcico e lipidico. - In primo luogo la crioterapia, applicata
EPICONDILITE
pi volte al giorno.
- La fisioterapia, con particolare riferi-
mento alla ionizzazione (che associa
Celestene e Thiomucase al polo nega-
tivo con cloruro di calcio al polo positi-
vo) ed agli ultrasuoni.
- Il massaggio trasverso profondo (MTP
o Cyriax), con sedute trisettimanali di
15 minuti ciascuna.
4. La somministrazione di
farmaci
Quasi tutti gli autori sono concordi nel
prescrivere anti-infiammatori non steroi-
dei. Tuttavia, pu essere necessario ri-
correre ad infiltrazioni locali di farmaci
corticosteroidei (da 1 a 3 a seconda
dell'evoluzione clinica).
Il fatto che siano state praticate infil-
trazioni locali non dispensa il paziente
dalla terapia rieducativa, che, a nostro
avviso, indispensabile quanto la realiz-
zazione di una contenzione adesiva.
5. La kinesiterapia attiva
Una volta scomparsi il dolore e I'in-
fiammazione, si programmer una kine-
siterapia con lospecificoscopodi restituire
forza ed elasticit agli epicondiloidei.
C. Indicazioni
La contenzione adesivadi riposo com-
pleto indicata per l'intero periodo di
sospensione dell'attivit sportiva.
La contenzione che rende possibile la
pratica del tennis verr realizzata al
momento della ripresa dell'attivit; in
questa fase si dovr tener conto del
fatto che tale contenzione comporta
oltre agli innegabili effetti positivi bio-
meccanici un indubbio aiuto di tipo
psicologico.
D. Lista dei materiali
- Spray adesivo protettivo: una bombo-
letta (Tenspray, Tuf-skin, Ercefilm).
- Sottostrato in gommapiuma: un rotolo
(Elastomousse, Under-wrap).
- Benda elastica ipoallergica da 3 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
- Benda elastica ipoallergica da 6 cm:
un rotolo (Elastoplaste).
- Benda inestensibile da 4 cm: un rotolo
(Strappa1 o Tape di marca Cramer o
Medisport).
- Forbici con punte arrotondate.
E. Esecuzione tecnica
La prima operazione consiste nello
spruzzare lo spray adesivo protettivo su
tutta la superficie cutanea dell'avam-
braccio e della mano (escluse le dita).
Vista antero-esterna
nebulizzazioni dello spray adesivo protettivo
Si sistema poi il soggetto in modo che
il gomito poggi su un piano, con la mano
in pronazione (palmo rivolto verso il bas-
so).
LO STRAPPING
Si applica quindi il sottostrato in gom-
mapiuma avvolgendolo intorno all'a-
vambraccio dalla piega del gomito fino
al polso. In questo caso, la mano non
viene protetta, per evitare la formazione
di pieghe sul palmo.
Vista antero-esterna
1. Contenzione di riposo
completo
ancoraggio medio
realizzato con
benda elastica
- / \ L '
Si predispongono innanzitutto 3 anco-
raggi :
- uno superiore all'estremit prossimale
dell'avambraccio, realizzato applican-
do senza tensione una fascia circolare
in benda elastica ipoallergica da 6 cm;
- uno medio a livello del polso, realizza-
to applicando senza tensione una fa-
scia circolare in benda elastica ipoal-
lergica da 6 cm;
- uno inferiore a livello della mano, rea-
lizzato applicando, senza esercitare
tensione, due fasce semi-circolari, in
benda inestensibile da 4 cm, dietro le
teste metacarpal i.
.
ancaraggio inferiore
realizzato con
benda ipoallergica Vista antero-esterna
da 6 cm
Si applicano quindi 4 fasce longitudi-
nali inestensibili da 4 cm tra l'ancoraggio
superiore e l'ancoraggio inferiore, con il
polso in leggera estensione.
Le fasce ricoprono il dorso della mano
e dell'avambraccio e sono parzialmente
sovrapposte tra loro.
Esse hanno lo scopo di limitare la
flessione del polso impedendo quindi lo
stiramento dei tendini epicondiloidei (ra-
diali, estensore comune delle dita, cubi-
tale posteriore).
La prima fascia si applica in asse col
dito indice.
EPICONDILITE
La seconda, terza e quarta fascia si Le 4 bende vengono quindi bloccate
dispongono poi rispettivamente in asse da tre fasce circolari aperte realizzate
col dito medio, con l'anulare e col migno- con benda inestensibile da 4 cm, e ap-
lo. plicate sui tre ancoraggi.
circolare di
chiusura
circolare circolare
di chiusura inferiore di chiusura media
(aperta) realizzata (aperta) realizzata
con benda con benda
inestensibile da 4 cm inestensibile da 4 cm
Vista antero-esterna Vista antero-esterna
114 LO STRAPPING
A questo punto, si procede all'applica-
zione di una fascia elastica ipoallergica
da 3 cm, destinata a creare un richiamo
elastico della flessione del polso e del-
l'inclinazione radiale e cubitale.
A questo scopo, si taglia una striscia
di benda elastica lunga circa 50 cm,
quindi si toglie la protezione dell'adesi-
vo. Si appoggia poi la parte centrale
della fascia sul palmo della mano, dietro
le teste metacarpali, e si dispongono
infine i due lembi con tensione nel modo
descritto :
- il lembo esterno viene fatto passare
nella prima commissura, incrocia il
dorso del polso e raggiunge poi il lato
esterno dell'ancoraggio superiore (di
fronte all'epicondilo).
- il lembo interno viene applicato in mo-
do simmetrico, per cui i due lembi si
incrociano proprio a livello del dorso
del polso.
La fascia viene quindi bloccata a livel-
lo dell'ancoraggio superiore e dell'anco-
raggio mediano con due circolari aperte
realizzate con benda inestensibile da 4
cm e applicate senza tensione.
chiusura mediana
(aperta) realizzata
con benda
inestensibile
da 4 cm
Vista antero-esterna Vista antero-esterna
EPICONDILITE 11 5
Si applica ora una fascia elastica ipo-
allergica da 6 cm, destinata a creare un
richiamo elastico della pronazione. Que-
sta fascia mantiene l'avambraccio in po-
sizione di supinazione relativa (pollice in
alto) .
Si applica innanzitutto la fascia sul
lato dorsale del polso (sopra l'ancorag-
gio mediano), quindi l a si fa passare sul
bordo cubitale del polso e infine sul lato
palmare del polso stesso.
Da qui, la fascia si dirige obliquamen-
te verso l'alto e verso l'esterno in direzio-
ne dell'ancoraggio superiore, per arriva-
re di fronte all'epicondilo.
La fascia deve essere applicata con
moderata tensione.
richiamo elastico
fascia di richiamo
della pronazione
elastico della
realizzata con
benda elastica
Vista antero-esterna Vista antero-esterna
LO STRAPPING
La contenzione va ora completata con
una chiusura, che potr essere realizza-
ta in due modi:
- applicando diverse fasce circolari indi-
pendenti in benda elastica ipoallergica
da 6 cm, senza tensione, tra I'ancorag-
gio superiore e l'ancoraggio mediano;
- applicando una serie di fasce semi-cir-
colari indipendenti in benda inestensi-
bile da 4 cm, tra I'ancoraggio superiore
e I'ancoraggio mediano.
chiusura realizzata
con benda elastica
E' quindi possibile constatare come
sia stata realizzata una contenzione che
limita:
- la flessione del polso;
- l'inclinazione radiale e cubitale;
- la pronazione.
In questo modo protegge perfetta-
mente i tendini epicondiloidi dalle solle-
citazioni, in massima estensione.
Vista antero-esterna Vista antero-esterna
Nota
In alcuni casi, quando l'esame clinico Questa operazione dovr essere ese-
rivela che l'estensione totale del gomito guita prima di chiudere la contenzione,
risulta dolorosa, il medico pu essere seguendo le indicazioni fornite per la
indotto a completare la contenzione con tecnica n. 2, nel capitolo dedicato alla
una fasciatura limitativa dell'estensione contenzione limitativa dell'estensione
del gomito. del gomito.
EPICONDILITE
2. Contenzione che consente
la pratica del tennis (e di
qualunque altra attivit
sportiva)
E' chiaro che la contenzione appena
descritta non pu essere utilizzata per la
pratica del tennis. Essa infatti troppo
restrittiva in molti punti, e d'altra parte
non lascia libero il palmo della mano.
Si comprende facilmente come per la
ripresa dell'attivit il tennista debba po-
ter utilizzare una contenzione pi legge-
ra con queste precise finalit:
- richiamo elastico della pronazione;
- effetto anti-vibrazioni a livello dell'e-
strernit prossimale dell'avambraccio.
Per realizzare questa contenzione, si
spruzza innanzitutto lo spray adesivo
protettivo su tutto l'avambraccio, poi si
applica il sottostrato in gommapiuma e
si dispongono i due ancoraggi superiore
e mediano (a livello dell'estremit pros-
simale dell'avambraccio e a livello del
polso).
Vista antero-esterna
ancoraggio
superiore
realizzato con
Vista antero-esterna
nebulizzazione dello spray adesivo protettivo
elastica
Vista antero-esterna
LO STRAPPING
Vista antero-esterna
Si applica quindi una fascia elastica
ipoallergica da 6 cm allo scopo di creare
un richiamo elastico della pronazione,
secondo la tecnica gi descritta in pre-
cedenza.
Si blocca ora questa fascia sugli an-
coraggi con una benda elastica ipoaller-
gica da 6 cm. A livello dell'ancoraggio
superiore, il blocco deve essere realiz-
zato esercitando una certa tensione.
Si ottiene cos una contenzione elasti-
inferiore realizzata
con benda elastica
ipoallergica da 6 cm
Vista antero-esterna
ca che lascia una perfetta libert di mo-
vimento al giocatore.
L'efficacia di questo strapping appare
tuttavia molto limitata. Esso soprattutto
indicato come strumento di protezione
relativa nel quadro di una ripresa dell'at-
tivit, ma ha anche lo scopo di rassicu-
rare il giocatore. In casi come questo
l'importanza della contenzione sul piano
psicologico appare particolarmente evi-
dente.
EPICONDILITE
Lista
dei materiali
EPICONDILITE
TECNICA N. 1 : CONTENZIONE DI RIPOSO
COMPLETO
Spray adesi vo
pr ot et t i vo: una
bomboletta (Ten-
spray, Tuf-skin,
Ercefilm)
Sot t ost rat o i n
gommapiuma: un
rot ol o (El ast o-
mousse, Under-
wr ap di mar ca
Cramer o Medi-
sport)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 3
cm: un rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 6
cm: un rotolo (Ela-
stoplaste)
Benda inestensi-
bile da 4 cm: un
rotolo (Strappa1 o
Tape di marca
Cramer o Medi-
sport)
Forbici con punte
arrotondate
Principi
fondamentali
Far sedere il pa-
ziente con la ma-
no in pronazione.
Limitare la flessio-
ne del polso, I'in-
clinazione radiale
e cubitale, la pro-
nazione.
Predisporre un ri-
chiamo elastico
della flessione del
polso e della pro-
nazione.
Talvolta neces-
sario limitare I'e-
st ensi one del
gomito, soprattut-
to quando, all'esa-
me clinico, questo
movimento provo-
ca il risveglio della
si nt omat ol ogi a
dolorosa.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Non applicare il
sot t ost rat o i n
gommapiuma sul-
la mano.
Disporre tutti e tre
gli ancoraggi.
Applicare le fasce
dorsali inestensi-
bili da 4 cm con il
polso in leggera
estensione.
Applicare la fascia
elastica ipoallergi-
cada 3 cm inizian-
do dal palmo della
mano.
Applicare la fascia
di richiamo elasti-
co della pronazio-
ne con tensione.
Errori possibili
Realizzazione
della contenzione
con il polso in fles-
sione.
Applicazione della
f asci a el ast i ca
ipoallergica da 3
cm esercitando
sulle due estremi-
t una tensione
non simmetrica.
Applicazione della
fascia di richiamo
elastico della pro-
nazi one senza
esercitare tensio-
ne.
Dimenticare che
questa contenzio-
ne uno strumen-
t o t erapeut i co
valido essenzial-
mente nelle epi-
condiliti insorte da
breve tempo (pa-
radossal mente,
relativamente po-
chi autori ne con-
sigliano l'utilizzo!).
LO STRAPPING
EPICC
TECNICA N. 2: CONTENZION
Lista
dei materiali
Spr ay adesi vo
protettivo: 1 bom-
boletta (Tenspray,
Tuf-skin, Ercefilm)
Sot t ost r at o i n
gommapiuma: 1
r ot ol o ( El ast o-
mousse, Under-
wr ap di mar ca
Cramer o Medi-
sport)
Benda el ast i ca
ipoallergica da 6
cm: 1 rotolo (Ela-
stoplaste)
Forbici con punte
arrotondate
INDILITE
f CHE CONSENTE LA PRATICA
DEL TENNIS
Principi
fondamentali
Applicare un ri-
chi amo el asti co
della pronazione.
Ottenere un effet-
to anti-vibrazioni a
livello dell'estre-
mi t prossimale
dell'avambraccio.
Real i zzare una
contenzione che
lasci il palmo della
mano completa-
mente libero.
Per una corretta
esecuzione
tecnica
Di sporre I'anco-
raggio superiore
( a l l ' e s t r e mi t
prossimale dell'a-
vambraccio) con
una certa tensio-
ne (migliore effet-
to anti-vibrazioni).
Errori possibili
Considerare que-
sta contenzione
come realmente
efficace, utilizzan-
dola nel normale
trattamento dell'e-
picondilite. In real-
t, la sua unica
indicazione la ri-
presa dell'attivit
sportiva del tenni-
sta. Si tratta in
pratica di un sup-
porto essenzial-
ment e di t i po
psicologico.
EPICONDILITE
EPICONDILITE
Tecnica n. 1
LO STRAPPING
Bi bliografia
Alleaume B. - Pour traiter les entorses bni-
gnes: le strapping, Giornate della commis-
sione medica della federazione francese
di basket, 1985. Le Quotidien du Mdecin
n. 3567, p. 15, 1986.
Andreasson G. et al. (Edberg - Peterson -
Renstrom) - Mekanisk funktionsanalys av
tejp (Analisi funzionale del meccanismo
d'azione dello strapping), Lakartidningen,
77, 41, p. 3627-3630, 1980.
Blanc J., Huguet J. - Principes des conten-
tions articulaires par bandages adhsifs et
lastiques. Cas particulier: la cheville, Re-
vue Medit. des sciences mdicales, n. 9,
Congresso Speciale del Gruppo Latino di
Medicina dello Sport, 20 anniversario,
Nizza, 1 977, p. 203-204.
Bonci C. M. - Adhesive Strapping Techniques
Symposium on ankle and foot problems in
the athlete clinics, in Sports medicine I, 1
marzo 1982, p. 99-1 16.
Briand & Coll. - The effects of ankle taping
and wrapping on motion strength andper-
formance, intervento a un congresso,
1983.
Broeck - Contentions adhsives non exten-
sibles, R. Van den Broeck Ed., distribuito
da Broodoorens, 1 981.
Carl E. Klafs - D. Arnheim D. - Modern prin-
ciples of athletic training, Mosby Ed.,
1981.
Decory B. - Contentions souples lastiques
adhsives, Mdecine du sport, 56, 1982,
n. speciale.
Ekstrand J. - Soccer Injuries and their pre-
vention, p. 35, Medical Dissertation, Lin-
koping University, 1 982.
Fisch F. - Rappel des principes rgissant la
contention adhsive, p. 41, Sport et m-
decine, n. 1 , marzo 1985.
Fisch F. - Intret des contentions adhsives
en pathologie sportive, p. 53,60, Mmoi-
res CES, Montpellier 1984.
Genety J., Brunet-Guedj E. - Les mthodes
d'immobil~sation, p. 24, Le strapping,
Traumatologie du sport en pratique mdi-
cale courante, Vigot Ed., 1 976.
Gray S. - Basic Strapping and bandaging
Skills. Modern Sports Strapping and ban-
daging techniques, n. 1 2 e 1 3, p. 34 e 35,
Betersdorf (Australia) Ed., 1979.
Gray M. - Contention souple de soutien - Les
blessures du footballeur: cc Diagnostic et
premiers soins,,, Amphora Ed., 1982.
Halkier K. L., Henriksen F. - Led of Ledban-
dsskader (Lesioni riportate nella pratica
sportiva) p. 55-58, Idraetsskader, J. Fr.
Clausens Ed., Copenhagen 1973.
Henry H. Jack, M. D. Lareau B., Meigut C. D.
- Frquence des accidents dans une qui-
pe professionnelle de basket-ball, San An-
tonio, Texas. Traduzione di J. Huguet. Ba-
sket-ball, aprile 1985. American orthopae-
dic society of sports medicine, 1982.
Hoover - Taping Techniques 2 Continuous
Application ankle taping.
Hughes L. Y., Stetts D. M. - A comparison of
ankle taping and a semirigid support. The
physician and sportsmedicine, 1 1 , 4,
1 983, 99-1 03.
Huguet J. - La contention par bandage
ccstrapping,,, p. 245-260: Le basket (Exp-
rience d'un mdecin de basket-ball), Edi-
tions mdicales et universitaires (distribui-
to da Chiron Ed.), 1977.
Kapandji I. A. - Physiologie articulaire, Fasc.
1, Le membre suprieur, Ed. Maloine.
Kapandji I. A. - Physiologie articulaire, Fasc.
3, Tronc et rachis, Ed. Maloine.
Kaspersen K. - Taping av Idrettsskader
(Strapping delle lesioni riportate nella pra-
tica sportiva). Norges Idrettsforbund Ed.,
quaderno n. 8, 1977.
Kaspersen K., Roberson M. - Praktiske Hjel-
pemidler, p. 62.63-80-85, Praktiske Hjel-
pemidler Ved Idrettsskader, 1 979.
Klafs C. E. - Adhesive Strapping. The Female
athlete, Mosby Company, 1973.
Kylberg F., Hovelius L. - Tejpning - En alter-
nativ bandageringsform (Lo strapping -
124 LO STRAPPING
Una forma di fasciatura alternativa), La-
kartidningen, 72, 35, 1975, 321 6-3218.
Le Boucher Ph. - Petite traumatologie: les
secrets du strapping, Tonus n. 1117, 17
settembre 1987.
Liljedahl S. O., Gillquist J. P. - 24 in Idrotis-
skador (Lesioni riportate nella pratica
sportiva), Utbildningsforlaget Ed. (Mal-
mo), 1974.
Loos T., Boelens P. - The effect of ankle tape
on lower limb muscle - Activity Int., J.
Sports Med. 5 45-46 suppl.
Myburgh K. H., Vaughan C. L., Isaacs S. K. -
The effects of ankle guards and taping on
joint motion before, during, and after a
squash match, The American Journal of
Sports Medicine, 12, 6, 441, 1984.
Nafpliotis - Taping Techniques, p.29 Soccer
injuries.
Neiger H. - Les contentions adhsives. Appli-
cations en traumatologie du sport et en
kinsithrapie. Monographies de Bois
Larris, Masson Ed, 1982.
Neiger H., Gosselin P. - Les contentions sou-
ples adhsives - Encycl. Med. Chir. Kin-
sithrapie, 261 60 BIO, 4, 10, 12, 7 p.
Nilson Bo Ravald B., Westlin N. - Sportska-
dor (Lesioni riportate nella pratica sporti-
va), Forband & Tejpning (Fasciatura e
Strapping), Ortosport (Malmo) Ed., 1983.
Peterson L., Renstrom P. - Skador inon idrot-
ten (2a ed.) (Ferite e lesioni riportate nella
pratica sportiva), Capitolo Tejpnin Fol-
ksam l Riwsidrotisforbundet 1 Tidens Fo-
riag Ed., p. 15311 59, 1 983.
Rodineau J. - Le coude du sportif: les tendi-
nites d'insertion. La pratique mdicale, 10,
1986.
Rodineau J. - L'entorse dupouce, La pratique
mdicale, 5, 1987.
Rodineau J. - Le traitement par contention
souple (strapping), p. 36-38, La cheville,
Besins Isoovesco Ed., 1978.
Rouillon O., Lechable M., Grunberg P. - Indi-
cations des diffrents types de strapping
en mdecine du basket-ball, Basket-ball,
marzo 1 986.
Rouillon O., Lechable M., Grunberg P. - LJin-
tret du strapping dans la prvention des
accidents articulaires de la cheville, Maxi-
basket, aprile 1986.
Rouillon O. - Matrielncessaire la ralisa-
tion des contentions adhsives, Maxiba-
sket, giugno 1986.
Rouillon O. - Le strapping: Les contentions
adhsives appliques au membre inf-
rieur, Ed. Vigot, 1987.
Sibue M. - Contention d'une cheville en vue
de la reprise du jeu aprs traumatisme.
Intervento alle giornate di medicina spor-
tiva della federazione francese di basket,
1973.
Smith N. J. - Emploi sportif des bandes col-
lantes inextensibles. Athletic Uses of
adhesive tape, Capitolo 22: Health care
for young athletes, American Academy of
Pediatrics Ed., 1983.
Soos Th. - Taping the injured athlete, The
injured athlete, Lippinoott Company Ed.
Sperryn Peter N. - Strapping p. 212-213,
Sport and medicine, Butterworths Ed.
Unen (Van) Jac. - Partteel Immobiliseren do-
or middel van bandages en tapes loh-
mann, Ed. Nerlandais.
Vaes P., de Broeck H., Handelberg F., Opde-
cam P. - Analisi in J. Traumatol. Sport
1985, 2, 53 in francese. Comparative ra-
diological study of the influence of ankle
joint bandages on ankle stability. Etude
comparative radiologique de diffrents
bandages de la cheville. Acta Orthop.
Belg. 1984, 50 636-644.
Westlin N. - Ger Tejpning av fotleder extra
belastning pa knalederna? (Lo strapping
della caviglia sovraccarica le articolazioni
del ginocchio?), Lakartidningen, 78, 9,
1981, 774.
Wingerden (Van) - Tape - En - Bandage
technieken de tijdstroom Ed., ISBN 90-
352-1 O17-4, 1 984.