Sei sulla pagina 1di 2

Mundus imaginalis e il simbolo delluovo Il mundus imaginalis una categoria che stata usata da uno dei pi grandi islamisti,

i, Henry Corbin, per indicare un ordine di realt ben preciso che corrisponde a un certo tipo di percezione altrettanto preciso. uesto termine naturale che ci !accia venire subito alla mente il termine "immaginazione, ma di #uesto termine Corbin non poteva essere soddis!atto, perch$ il concetto di "immaginario, nelluso che se ne !a ordinariamente, ha assunto il signi!icato di non%reale, #ualcosa di diverso dalla dimensione dellessere e dellesistente. Corbin invece, con il termine di mundus imaginalis, vuole andare in ben altra direzione, la direzione seguita da #uei teoso!i islamici #uando parlano di "ottavo clima e dellorgano che percepisce #uesta realt, #uellorgano che egli chiama "coscienza immaginativa o "immaginazione cognitiva. uesti autori usano un termine che ci accompagner nel nostro parlare del mundus imaginalis& Na-koja-Abad, termine persiano composto dalla parola 'bad (citt, regione, territorio) e da *a%+o,a (nessun dove), #uindi che signi!ica la "-erra di *essundove. .acciamo ri!erimento al grande /ohravardi, il giovane /hay+ che, nel secolo 0II !u il restauratore della teoso!ia dellantica 1ersia nellIran islamico. Corbin !u attento studioso e traduttore di /ohravardi e proprio nei suoi scritti incontra #uesto termine, *a%+o,a%'bad. *el racconto "Il !rullo delle ali di 2abriele appare l'rcangelo 3osso il #uale, #uando gli si domanda da dove venga, risponde& 41rovengo da *a%+o,a%'bdal5. In un altro racconto, "6ademecum del .edele d'more, la -ristezza appare personi!icata a 7a#ab piangendo per 2iuseppe nella terra di Canaan e alla domanda 4 uale orizzonte hai attraversato per giungere #ui85 viene data analoga risposta& 4Io vengo da *a%+o,a%'bad5. /embra che il termine *a%+o,a%'bad sia stato coniato dallo stesso /ohravardi. 9 non signi!ica : ribadiamolo : un #ualcosa di inesistente. /i a!!erma con precisione che #uesta regione inizia sulla super!icie della *ona /!era, la /!era delle /!ere, cio la s!era che include il cosmo intero. In altre parole la *a%+o,a%'bad ha inizio appena ci si eleva oltre la /!era suprema. 9d evidente che appena si superato il vincolo spaziale che circoscritto proprio da #uesta s!era, la domanda "dove8 (+o,a) non ha pi valore& non si pi allinterno dellordine di uno spazio sensoriale. Cosa dice /ohravardi8 *el suo ";ibro delle Conversazioni scrive #uesta cosa& 4 uando hai imparato dai trattati degli antichi saggi che esiste un mondo dotato di dimensioni e di estensione, diverso dal pleroma delle Intelligenze (cio al di sotto di #uello delle pure Intelligenze angeliche), e diverso dal mondo governato dagli /piriti delle /!ere (cio il mondo dei !enomeni sensoriali), un mondo in cui vi sono innumerevoli citt <=>, non precipitarti a de!inirlo menzogna, perch$ i pellegrini dello spirito possono contemplare #uel mondo e trovarvi tutto ci? che si pu? desiderare5. ueste poche righe ci introducono a uno schema tripartito su cui i !iloso!i che appartengono a #uesta corrente concordano& uno schema a tre universi. C il mondo !isico sensoriale, c il mondo soprasensibile governato dall'nima o dalle 'nime angeliche : in cui si trovano le citt mistiche : che comincia sulla super!icie della *ona /!era, e vi luniverso delle pure Intelligenze 'rcangeliche. ' #uesti tre universi corrispondono poi i tre organi di conoscenza& i sensi, limmaginazione e lintelletto. 9 a #uestultima triade corrisponde la triade antropologica& corpo, anima, spirito. uindi abbiamo a che !are con un mondo intermedio che i nostri autori chiamano "alam al%mithal, il mondo dellImmagine, mundus imaginalis& un mondo ontologicamente reale, allo stesso modo dei

mondo dei sensi e dellintelletto, un mondo che, come gli altri due mondi, richiede una speci!ica !acolt percettiva per venirne a contatto, una !acolt reale come la !acolt della percezione sensoria o come #uella dellintuizione intellettiva. uesta !acolt il potere immaginativo, che ben altra cosa per? dellimmaginazione che solitamente noi moderni identi!ichiamo con la !antasia. Il termine arabo "alam al mithal si pu? tradurre anche : dice Corbin : con mundus archetypus@ in!atti #uesta parola la stessa che viene usata in arabo per indicare le idee platoniche, le immagini archetipe di cose individuali e singolari e il mondo in cui si trovano le !orme di tutte le opere compiute, le !orme dei nostri pensieri e desideri, dei presentimenti e dei comportamenti. -utto #uesto compone lalam al%mithal, il mundus imaginalis. Avvio che le !orme e le con!ormazioni del mundus imaginalis non esistono allo stesso modo delle realt empiricamente constatabili del mondo !isico. /e !osse cosB, chiun#ue potrebbe percepirle. Ma neppure possono sussistere nel mondo puramente intelligibile, perch$ le realt del mundus imaginalis possiedono estensione e dimensione, una sorta di materialit immateriale, che ha certamente #ualche !orma di relazione con il mondo sensoriale, ma che di !atto ha una propria corporeit e spazialit, che si distingue dalle "cose del mondo sensoriale. 1er lo stesso motivo bisogna escludere che le realt del mundus imaginalis abbiano come substrato solo il pensiero, perch$ altrimenti sarebbero irreali, nulla. 'llora la realt del mondo intermedio appare meta!isicamente necessaria. ;e !unzioni cognitive dellImmaginazione sono ordinate su di esso. /i tratta di un mondo il cui livello ontologico al di sopra di #uello del mondo sensibile e al di sotto di #uello intelligibile@ pi immateriale del primo e meno immateriale del secondo. Ca #uesto mondo, per i teoso!i islamici, dipesa sempre la validit della testimonianza visionaria che percepisce e relazione gli eventi del Cielo e la validit dei sogni, dei riti simbolici, dei luoghi creati nella meditazione intensa, la realt delle visioni immaginative, ecc. ;Immaginazione attiva il luogo epi!anico delle Immagini del mondo archetipale. ;a !unzione immaginativa #uindi !unzione mediatrice, !unzione che permette a tutti gli universi di simbolizzarsi luno con laltro, cio produce la relazione simbolica luno con laltro, e ci porta a riconoscere che le stesse realt sostanziali assumono !orme in relazione a ciascun universo. D proprio #uesta !unzione cognitiva dellImmaginazione