Sei sulla pagina 1di 6

PROVA DI RECUPERO – 11/09/2001

Esercizio n°2 – Cemento Armato

Si consideri il portale in cemento armato indicato in figura costituito da una trave di base b t =30 cm e altezza h t =60 cm, e da due pilastri identici con dimensioni in sezione b p =h p =30 cm, e soggetto ad un carico di calcolo distribuito di 40 kN/m. I diagrammi delle sollecitazioni, comprensivi dell’effetto dovuto al peso proprio degli elementi strutturali, sono indicati nella stessa figura. Sulla base di tali dati, si effettui

1)

Il progetto delle armature longitudinali della trave nella sezione di mezzeria e all’appoggio;

2)

La verifica a flessione con doppia armatura della trave nella sezione di mezzeria;

3)

Il progetto delle armature trasversali della trave utilizzando solo staffe;

4)

Il progetto delle armature del pilastro utilizzando il diagramma di interazione allegato;

A tale scopo le caratteristiche dei materiali da adottare sono le seguenti:

Calcestruzzo:

Acciaio :

R ck = 30 N/mm 2 ( f

Feb44k

cd = 13.23 N/mm 2 )

(f yd = 374 N/mm 2 )

P d = 40 Linea d’asse della Trave 30 x 60 3.0 Pilastri 30 x
P d
=
40
Linea
d’asse
della
Trave 30 x 60
3.0
Pilastri 30 x 30
6.0
Domini di interazione per sezioni rettangolari e/d= 0.40 0.7 e/d= 3.20 e/d= 1.60 A com
Domini di interazione per sezioni rettangolari
e/d= 0.40
0.7
e/d= 3.20
e/d= 1.60
A com /A tesa = 1.00
e/d= 0.80
d 1 /d = 0.100
0.6
µ = 0.50
ε y =1.82e-003
µ = 0.47
µ = (A s ⋅ f y )/(b ⋅ d⋅ f c )
µ = 0.45
µ = 0.42
µ = 0.40
0.5
µ = 0.38
µ = 0.35
µ = 0.32
µ = 0.30
0.4
µ = 0.28
e/d= 0.20
µ = 0.25
d 2 f c )
µ = 0.23
µ = 0.20
µ = 0.18
0.3
µ = 0.15
µ = 0.13
µ = 0.10
µ = 0.08
0.2
e/d= 0.10
µ = 0.05
µ = 0.03
0.1
0
-1
-0.5
0
0.5
1
1.5
2
N/(b d f c )
1) Progetto delle armature longitudinali all’appoggio 16000 M AB 2 A f = = =
1) Progetto
delle
armature
longitudinali
all’appoggio
16000
M AB
2
A
f =
=
= 8.34 cm
0.9
×
d
×
f
0.9
×
57
×
37.4
yd
2
A
f =
2
φ
16
+
2
φ
18
=
2
×
2.01
+
2
×
2.54
=
9.11cm
A
× f yd
9.11
× 37.4
f
µ
=
=
=
0.15
s
b
× d
×
30
× 57
×
1.32
f cd
M
4600
A
2
A
=
=
= 2.4 cm
f
0.9
×
d
×
f
0.9
× 57
×
37.4
yd
2
A
=
2
φ
16
=
2
×
2.01
=
4.02 cm
f
A
× f yd
4.02
× 37.4
f
µ
=
= =
0.066
s
b
× d
×
30
× 57
×
1.32
f cd

della

trave

nella

sezione

di

mezzeria

e

2) Verifica a flessione con doppia armatura della trave nella sezione di mezzeria Come armatura a compressione nella sezione AB è sufficiente far proseguire in campata come correnti superiori i ferri progettati a trazione per l’appoggio A, per cui si ha:

A'

f =

φ

2

16

=

4 02 cm

.

2

µ'

s

=

0 066

.

Per determinare il meccanismo di rottura della sezione si determina la percentuale meccanica di armatura corrispondente alla rottura bilanciata:

σ ' s µ (2-3) = 0.210 + µ ' s s f yd µ
σ
'
s
µ
(2-3)
=
0.210
+
µ
'
s
s
f yd
µ
µ
(2-3)
è certamente inferiore di
(
µ
=
0.15
<
s
s
s
(Regione 3)
σ
'
s
0.81K
= µ
µ
'
s
s
f yd
Si
ipotizza
ε '
>
ε
σ
'(
ε
'
)
=
f
s
yd
s
yd
0.81K
= µ
µ
'
s
s
0.15 - 0.066
K =
= 0.104
0.81
d '
3
δ
=
=
= 0.052
d
57
(K -
δ
) ×
ε
(0.104
0.052)
×
10
°
/
sl
oo
ε
'
= =
s
1- K
1
− 0.104

0.21), per cui la sezione è debolmente armata

=

0.58 /

°

oo

εs <ε yd

Ipotesi non verificata; è necessario correggere l’equazione di equilibrio alla

0.81K

2

(0.81

+

µ

s

+

'

µ α

s

l

)K

+

µ

s

+

µ αδ

s

'

l

=

0

ε

sl

10

×

10

3

α

l

=

ε

yd

2

2

×

10

3

K

0.15

+

0.362)

+

0.168

=

0

=

= 5.49

1.82

(0.81

1.322

− +

0.81K

0.81K

K

+

0.15

+

0.0188

K

1

=

1.49

K

2

=

0.139

=

0

traslazione

Poiché K=y c /d si deve avere 0K1, quindi la soluzione K 1 =1.49 non è accettabile e

pertanto K=K 1 =0.139

Il momento ultimo si ottiene dall’equilibrio alla rotazione intorno alla risultante del cls

compresso:

M

u

ε

σ

'

s

'

s

=

=

=

A

f

×

f

yd

×

( .

d

0 416y

c

)

+

A

'

f

×

σ

'

s

×

(

0 . 416y

c

d

' )

=

1 . 01

°

/

oo

20 . 7 kN

/

cm

2

(

0 . 139

0 . 052

)

×

10

°

/

oo

 

1

0 139

.

 

1 01

.

×

10

3

×

205

×

10

2

=

y

c

=

Kd

=

0 . 139

×

57

M

u

=

9 11

.

×

37 . 4

(

57

= 7 92 cm

.

3 29

.

+

)

3) Progetto delle armature trasversali della trave

4 . 02

×

20 . 7

(

3 . 29

3

)

=

18323 kN - cm

=

183.23 kN - m

0.83R 0 83 . × 30 ck 2 f = = = 15 56 N/mm
0.83R
0 83
.
× 30
ck
2
f
=
=
= 15 56 N/mm
.
cd
γ
1 6
.
c
2
0.7
× f
0.7
×
0.27
×
3 R
2 0 7
.
×
0 27
.
×
3 30
f ctk
ctm
ck
f
=
=
=
=
ctd

γ

c

γ

c

γ

c

1 6

.

= 1 14 N/mm

.

2

Verifica a taglio in assenza di apposita armatura

V cu =0.25×f ctd ×r(1+50ρl) ×b×d×δ

r=max(1.6-d ; 1)=1.03

ρl=0

δ=1

Il

taglio assorbito dal conglomerato vale:

V

cu =0.25×0.114×1.03×30×57= 63.2 kN

V

cu < V d =138 kN

Sezione non verificata, è necessario adottare una apposita armatura

a taglio

Verifica delle bielle compresse, la cui resistenza deve essere maggiore del taglio di calcolo

V

d 0.3×f cd ×b×d0.3×1.556×30×57790 kN

Verificato

Il

taglio assorbito dal conglomerato vale:

V

cu = 0.60 f ctd ×b×d×δ=0.60×0.114×30×57= 117 kN

 

Poiché risulta

V cu > V d /2

allora

V su = V d /2=69 kN

A

sw

V

d

69

0 . 036

cm

2

3 . 6

cm

2

=

=

=

=

s

f

yd

×

0.9d

37 . 4

×

+

0 . 15

0 9

d

×

57

b

=

. Il quantitativo minimo di armatura previsto dalla normativa risulta :

cm

+

m

30

A

sw

0 . 10 1

=

0 . 10 1

57

cm

0 . 15

×

=

3 . 9

2

s

min

b

  ×

30

  ×

m

A sw

<

 

s

A sw

min

 

s

si deve assumere che l’armatura assorba almeno metà del taglio

E’ sufficiente adottare il minimo di normativa. Scegliendo ferri φ8 si ha: A t = 0.50 cm 2

Il passo delle staffe che si ottiene adottando ferri φ8 è:

 

2A

t

=

2

×

0.50

=

0.26 m

=

26 cm

s =

A

sw

/s

 

3.9

Il passo minimo previsto dalla normativa vale:

s norm =min (33 cm ; 0.8d)= min (33 cm ; 45.6 cm)= 33 cm

s< s norm

Verificato

In corrispondenza degli appoggi, per una lunghezza pari a d=57cm, il passo deve essere

s<12φ (diametro minimo dei ferri longitudinali adottati)

quindi

s=12×1.6=19.2 cm ⇒ s=19 cm
s=12×1.6=19.2 cm
s=19 cm
passo deve essere s<12 φ (diametro minimo dei ferri longitudinali adottati) quindi s=12×1.6=19.2 cm ⇒ s=19

4) Progetto delle armature del pilastro

Calcolo dei valori adimensionali della forza normale e del momento ultimi alla base:

n

d

m

d

 

N

d

 

146

 

b

×

d

×

M

f

cd

d

=

30

×

27

1 326

×

2200

.

 

=

b ×

d

2

×

f

cd

30

×

27

2

×

1 326

.

=

=

= 0.14

= 0.08

Riportando i valori di n d e m d sul grafico si ottiene µ s =0.03 L’armatura a pressoflessione strettamente necessaria risulta dunque:

A

f

=

µ

s

×

b

×

d

×

f

cd

=

0 03

×

30

×

57

×

1 326

.

= 0.86 cm

 

.

 

f yd

 

37 4

.

 

2

Calcolo dei valori adimensionali della forza normale e del momento ultimi in sommità:

n

d

m

d

=

=

 

N

d

138

 

b

×

d

×

M

f

cd

d

=

30

×

27

1 326

×

4600

.

 

=

b × d

2

f

30

×

27

2

×

1 326

= 0.128

= 0.158

× Riportando i valori di n d e m d sul grafico si ottiene µ s =0.12 L’armatura a pressoflessione strettamente necessaria risulta dunque:

cd

.

A

f

=

µ

s ×

b

×

d

×

f

cd

30

×

57

×

1 326

.

=

0 12

.

×

f

yd

37 4

.

φ

Quindi si adottano 4 12

= 4 52 cm

.

2

=

3 44 cm

.

2

>

0 86 cm

.

2

=

pilastro

armatura minima ai piedi del