Sei sulla pagina 1di 9

Gli intestini: 7 metri di guai

La maggior parte dei problemi di salute, oggi diffusi nelle societ industrializzate, dovuta ad un cattivo stato di pulizia intestinale!(dott. Bernard Jensen in Intestino libero Macro Ed.).

PREMESSA ESSENZIALE

Guarire vuol dire liberarsi dalle sostanze velenose e dei danni da loro provocati, mentre essere sani significa essere liberi da sostanze velenose e lesioni tossiche (H.H. Reckeweg).

Siamo nel 2005, la Medicina ha fatto innegabili progressi, ma purtroppo vi sono sempre pi ammalati cronici a cui il medico non riesce a fornire una cura risolutiva. Senza entrare nei dettagli basti pensare che il 10% degli italiani soffre di malattie osteoarticolari (reumatismo, artrite, artrosi, gotta, osteoporosi), altri soffrono di mal di testa, problemi cardiaci, allergie e/o intolleranze alimentari, ed altri ancora per una lunga serie di malattie definite incurabili.

Perch stiamo vivendo una simile situazione? Le risposte sono molte e non certo questa la sede pi adatta per metterle in discussione, vi comunque un motto che costituir il "filo di Arianna" in questi nostri incontri mensili, questo motto "Dio non rispetta le persone, ma le condizioni" (Atti, 10:34). Ci significa che esistono delle Leggi che governano sia l'Universo che il corpo umano, se tali Leggi vengono osservate ne risulter la buona salute, se non lo sono, prima o poi arriveranno disfunzioni o malattie.

I medici, purtroppo, non vengono istruiti per trovare le cause profonde delle malattie. I loro studi vertono solo sul come fare una diagnosi (in cui viene considerato solo il corpo fisico), e quale farmaco utilizzare per rimuovere il problema. Per essi il fatto che esistano dei corpi sottili, i Meridiani dell'Agopuntura, il prana, la coscienza cellulare oppure un intestino sporco sede di putrefazioni e parassiti, non rappresenta qualcosa che rientri nelle loro competenze.

Si comprende allora come difficilmente la cura proposta potr rimuovere la causa della malattia, essa sar semplicemente tamponata con un opportuno medicinale, che rimuove la sintomatologia, ma non la causa profonda della malattia.

Vorremmo precisare che quanto verr esposto in questa serie di articoli non frutto di fantasia, ma rappresenta il risultato di anni di lavoro ed esperienza di un gruppo di terapeuti che lavorano in modo olistico, ovvero considerando l'uomo come un complesso in cui ogni parte, sia essa visibile o invisibile, rappresenta la tessera di un mosaico che non deve mai essere trascurata.

BREVI RICHIAMI DI FISIOLOGIA

Gli intestini rappresentano la terza tappa che il cibo assunto nei pasti incontra nei suo viaggio dentro di noi. Prima trova la bocca, dove dovrebbe essere ben masticato e insalivato, poi lo stomaco, ove avviene buona parte della digestione, e quindi questo lungo tubo dove si completa la digestione, vengono assorbiti i nutrimenti e ci che resta viene reso solido per poter essere eliminato.

Ne risulta che tutti i giorni, per almeno tre volte, transitano negli intestini gli alimenti e le bevande che assumiamo nei pasti principali.

LA FARINA BIANCA, GUAI A NON FINIRE

Quando si pensa alla farina di frumento viene spontaneo un ringraziamento, pensando che con essa si sfamata l'umanit dagli albori del tempo. Dobbiamo per precisare che la farina usata nei tempi passati era integrale, e le massaie che hanno provato ad impastare la pasta del pane, sanno bene quanto sia difficile da usare se non mescolata con della normale farina bianca.

E la farina bianca, raffinata, presenta purtroppo un grande inconveniente, tanto pericoloso quanto sconosciuto: collosa!. Questo fatto lo si riscontra facendo cuocere acqua e farina bianca a fuoco lento, ne sortisce una colla tanto buona che serve ancor oggi per rilegare il libri antichi.

"Ed allora?, chieder qualcuno, cosa centra tutto ci con la buona salute?". Centra, e molto, perch con il passare degli anni i cibi contenenti farina bianca, lasciano una patina sulle pareti dell'intestino,

specialmente sulla parte finale, detto intestino crasso o colon. Questa patina, giorno dopo giorno, pu diventare tanto spessa che nello spazio centrale (detto "lume") riesce a passare a stento una matita.

LE INCROSTAZIONI FECALI

Met delle persone, che dicono di essere in buona salute, portano continuamente con s, fin dall'infanzia, parecchi chili di sostanze mai eliminate. Una buona evacuazione al giorno non ha alcun significato (Prof. Amold Ehret, in "The mucusless diet").

Sembra davvero incredibile, anche perch generalmente i medici non ne parlano, ma molti problemi e malattie nascono proprio a causa di un malfunzionamento dell'intestino, generalmente causato da un cattivo stato delle sue pareti che perdono la dovuta impermeabilit. Negli USA vi sono diversi studi su questo problema che viene definito "Leaky Gut Syndrome" (Sindrome causata dalla perdita di impermeabilit intestinale).

Una delle maggiori cause dei problemi intestinali, specialmente del colon, va ricercata nella patina di cui sopra che, nel corso degli anni, diventa una vera e propria incrostazione, che, sono le parole del dr. Jensen, assomiglia ai pneumatici delle automobili. ovvio che tali incrostazioni non sono le uniche responsabili, ad esse si devono aggiungere: il poco movimento, l'inquinamento ambientale, l'uso di medicinali non naturali ed anche un'alimentazione sbilanciata, assai ricca di zuccheri, di alimenti raffinati e additivi chimici che, nel contempo, risulta povera di elementi importanti, come fibre, vitamine e sali minerali.

Tutto questo, a cui si dove aggiungere lo stress, determina un'alterazione delle pareti intestinali, provocando una contrazione eccessiva o insufficiente. Questa condizione, non solo causa un accumulo di scorie e l'aumento delle incrostazioni fecali descritte in precedenza, ma pu influenzare la flora batterica, rallentando i processi biologici propri dell'intestino.

SALUTE INTESTINALE E MALATTIE

La maggior parte dei problemi di salute, oggi diffusi nelle societ industrializzate, dovuta ad un cattivo stato di pulizia intestinale! (dott. Bernard Jensen in "Intestino libero", Macro Edizioni).

Cosa succede quando le pareti del colon non sono sane? Succede qualcosa di assai pericoloso per la buona salute: la mucosa si infiamma e perde la sua impermeabilit, ovvero permette a sostanze tossiche, eventuali parassiti o particelle di cibo non ben digerite, di attraversarla ed entrare nei liquidi organici.

Queste sostanze, diffondendosi nell'intero organismo, posso generare i sintomi pi disparati, tra essi citiamo: emicranie croniche, allergie, acne, psoriasi ed altre malattie della pelle, disturbi alla prostata, diverticoli, gravi costipazioni, prolassi intestinali, artriti, reumatismi, disturbi cardiaci, asma, problemi respiratori, noduli al seno, perdita di vitalit, stanchezza, depressione, mancanza di concentrazione, aggressivit, attacchi di panico, infezioni, infiammazioni, poliartrite, problemi ai capelli, parassitosi intestinale che porta a digrignare i denti nella notte, e molti altri disturbi.

Nei prossimi articoli prenderemo in considerazione alcune di queste malattie ed andremo ad analizzarne l'eziologia (cause determinanti), proporremo quindi le indicazioni pi opportune per poterle eliminare dalla nostra vita.

PER ORA, COSA POSSIAMO FARE?

Purtroppo i lassativi, oggi largamente usati, danno solo un beneficio momentaneo perch, a lungo termine, tendono a danneggiare la mucosa intestinale. Per pulire l'intestino in modo radicale si potrebbe fare qualche seduta (max 4-5) di Idrocolonterapia ( vedi http://www.procaduceo.org/it_strum/idrocolo.htm ), oppure una cura completa di Colon Supra ( vedi:

http://www.procaduceo.org/it_strum/colon_supra.htm ).

Per mantenerlo pulito si dovrebbe riscoprire l'antica, saggia e salutare, abitudine di prendere una purghetta una volta al mese e quando si va in vacanza. Dice un'antica massima "Bella pelle, belle budelle", e la nostra esperienza insegna che tanti problemi di pelle, compresi quelli che appaiono dopo qualche giorno dopo aver iniziato le vacanza, sarebbero prontamente risolti con una purga o un clistere.

Se il corpo cerca di scaricare dei rifiuti sulla pelle, significa che ve ne sono troppi in circolo e i reni non ce la fanno a smaltirli. Se cerchiamo di eliminarli con una pomata corriamo il rischio di bloccare lo sfogo facendo in modo che il corpo vada ad accumulare i rifiuti in qualche organo. Ci creerebbe i presupposti per problemi assai pi gravi.

Seguono alcune direttive alimentari che hanno aiutato molti sofferenti a ritrovare una salute migliore.

COLAZIONE: frutta fresca di stagione. Una mela e qualche fico secco o prugna secca messa a mollo la sera prima, bere anche l'acqua. Yogurt naturale. Evitare gli alimenti in cui compare l'accostamento farinazucchero, perch acidificano l'organismo.

PRANZO: solo il primo piatto, meglio il riso della pasta, con ampio contorno di verdura cruda. Qualche oliva nera.

CENA: solo il secondo, sempre con verdura cruda. Alternare: pollo, pesce, uova, formaggi di capra o pecora, yogurth. Attenzione agli alimenti a base di soia perch fanno quasi sempre parte degli OGM (Organismi Geneticamente Modificati).

FRUTTA: meglio matura e di stagione, comunque sempre lontano dai pasti.

DOLCIUMI: ridurli al massimo, non assumerli dopo un pasto.

ELIMINARE: il cappuccino, latte e latticini di mucca. Salumi, insaccati e carni rosse. Bevande gasate, succhi di frutta conservati. Pane molliccio, pi molle e pi glutine contiene, meglio quello integrale oppure cracker o grissini di una buona marca.

Prima di continuare nel nostro viaggio alla ricerca delle cause profonde delle malattie, e dei modi in cui cercare di rimuoverle, vorremmo proporre ai nostri lettori l'esperienza di Sir Arbuthnot Lane, che fu un chirurgo del Re d'Inghilterra. Questo medico si era specializzato nell'asportare tratti malati di intestino, e nel ricucire i tronconi rimasti al fine di ridare all'organo la possibilit di funzionare.

Durante gli anni in cui lavor nel campo della chirurgia, ebbe modo di notare uno strano fenomeno: vi erano dei pazienti che qualche mese dopo l'intervento al colon, guarivano da malattie che non avevano alcun apparente collegamento con l'organo operato. Tra questi un ragazzo che guar da una grave forma di artrite e una donna che ebbe una completa guarigione dal gozzo che l'affliggeva. Queste ed altre esperienze

convinsero il dott. Lane che l'intossicazione intestinale poteva contribuire a far ammalare altre parti dell'organismo che, con il colon, pareva non avessero alcun collegamento.

Oggi la Medicina ufficiale dichiara chiaramente di non aver ancora scoperto la causa di molte malattie che affliggono l'umanit, tra esse il cancro, il tumore, le malattie autoimmuni, vari problemi della pelle (psoriasi, ecc.), le allergie ambientali e le allergie e/o intolleranza alimentari che si stanno diffondendo sempre di pi.

Perch non lo ha ancora scoperto? Perch in fatto di intossicazioni organiche prende in considerazione solo i veleni che possono arrivare dall'esterno (funghi, sostanze chimiche, gas, ecc.), e non valuta quelli che si possono creare nell'intestino, e quindi diffondersi pregiudicando la buona salute di altre aree dell'organismo. Questa negligenza attuale lascia alquanto stupiti perch la pulizia intestinale, fino a non molti anni fa, era considerata assai importante e la purga mensile, che molti di voi ricorderanno, ne era un segno evidente.

Ges stesso, nel "Vangelo Esseno della Pace", raccomandava ai suoi Apostoli: "Non pensate che sia sufficiente che l'Angelo dell'acqua vi abbracci soltanto esternamente. Vi dico, in verit, l'impurit interna di gran lunga pi grande dell'impurit esterna. E colui che purifica se stesso esternamente, ma internamente rimane impuro, simile alle tombe che fuori sono ben dipinte, ma dentro sono piene di ogni sorta di orribili impurit e sozzura".

Fino a qualche anno fa vi era anche la sana abitudine di eseguire il test dell'indacano sulle urine. Questa test in grado di rivelare quanti e quali materiali tossici si sono accumulati nell'organismo (solitamente nell'intestino), e come esso cerchi di eliminarli attraverso i reni e l'urina. un test era assai utile perch pu identificare eventuali anomalie intestinali, tra cui la putrefazione che genera dei veri e propri veleni.

Perch oggi non si usa pi, cos come la purga mensile andata in disuso? Forse perch l'alimentazione pi sana? Non pensiamo proprio che sia cos... ed allora perch? Sarebbe interessante chiederlo al proprio medico di famiglia.

Fisiologia dell'intestino

Il tratto intestinale, anche se non considerato come tale, con la sua notevole area di contatto con i prodotti della digestione (circa 300 metri quadrati di superficie), rappresenta uno tra i pi importanti organi del corpo, svolge infatti importanti funzioni digestive, promuove l'assorbimento e collabora con reni, pelle e polmoni, nei processi di eliminazione.

Gli ultimi tratti dell'intestino, il colon (o intestino crasso) e il retto, sono certamente la parte pi importante perch in tale sede, grazie agli enzimi ed alla flora batterica, termina la digestione e vengono assorbite molte sostanze importanti: l'acqua, gli aminoacidi (i costituenti delle proteine) e parecchi dei prodotti medicinali eventualmente usati.

Esamineremo ora alcune delle condizioni che fanno del nostro intestino il punto iniziale di tante disfunzioni e malattie che, di primo acchito, nessuno penserebbe ad associare a tale organo. Fondamentalmente, anche in una persona sana, possibile riscontrare una o pi delle seguenti condizioni anomale:

1. Incrostazioni fecali 2. Disbiosi intestinale 3. SII (Sindrome di Intestino Irritabile) 4. Leaky Gut Syndrome (Sindrome di sgocciolamento dalla mucosa intestinale)

ovvio che tali condizioni sono correlate l'una con l'altra, anche se la diagnosi ne rileva solo una, essendo essa preponderante sulle restanti.

Incrostazioni fecali

Le abbiamo gi esaminate nei due articoli precedenti, si tratta dei residui dei farinacei che, essendo collosi, creano una patina sulle pareti intestinali destinata a diventare sempre pi spessa e difficile da eliminare.

La disbiosi intestinale

Nel colon vi una notevole flora batterica che pu essere soggetta a modificazioni che la rendono molto pericolosa per la salute. Quando la flora equilibrata ed utile all'organismo vi una condizione di salute che prende il nome di "eubiosi". Quando, invece, appaiono dei batteri non desiderati, l'equilibrio si altera e viene a crearsi la "disbiosi intestinale", una condizione, purtroppo, assai diffusa.

Un'alimentazione non consapevole (troppi zuccheri e proteine, errato accostamento dei cibi, poca e cattiva masticazione), pasti ingeriti con premura e l'uso di lassativi, antiacidi, antibiotici, ecc., creano un prodotto della digestione (bolo) ricco di proteine mal digerite e altre sostanze anomale, che predispongono allo sviluppo di varie sostanze tossiche e batteri della putrefazione, entrambi molto dannosi. Tutto questo,

purtroppo, trova riscontro nel forte aumento statistico delle patologie gravi del colon, tra cui troviamo: diverticoli, polipi, rettocolite ulcerosa, tumori, ecc.

La SII (Sindrome da Intestino Irritabile) o IBS (Irritable Bowel Syndrome).

Questa patologia mette l'intestino in condizioni di "spremere" il cibo digerito in modo troppo debole o troppo forte, facendo cos in modo che il transito del medesimo sia troppo lento o troppo veloce.

Talvolta la SII causata dall'ansia o dallo stress, in molti casi, per, i test atti a determinare la permeabilit intestinale rivelano la presenza di una crescita eccessiva di funghi, parassiti e/o batteri patogeni. I microbi pi comunemente riscontrati sono il Blastocystis hominis e le varie speci di Candida. In certi casi le condizioni sono ulteriormente peggiorate dalla presenza di "leaky gut syndrome", ovvero dalla perdita di impermeabilit della mucosa intestinale (vedi pi innanzi).

Se si concede alla SII di procedere nel tempo, senza affrontare il dovuto trattamento, essa pu degenerare in disordini pi seri, come l'infezione da candida, la sensibilit chimiche multipla, la sindrome di affaticamento cronico, molte malattie autoimmuni e perfino il cancro.

Va notato che le cure mediche riescono raramente ad eliminare la SII. Per trattarla correttamente sono pi adatti i rimedi naturali e devono essere diretti anche alla rimozione della causa, al miglioramento delle funzioni gastrointestinali ed alla guarigione della mucosa intestinale.

La Leaky gut syndrome

Tradotta letteralmente significa "sindrome da intestino che sgocciola", viene comunemente tradotta come "perdita di impermeabilit della mucosa intestinale". Negli USA tale perdita conosciuta, studiata e fortemente sospettata di essere all'origine di varie patologie quali: malattia celiaca, infezione da Candida, malattia di Crohn, infestazione da Giarda, eczema atopico, problemi digestivi, fatica cronica, allergie alimentari, intolleranze alimentari, asma, mal di testa ed artrite. Prova ne sia che facendo una ricerca in www.google.it, con "leaking gut syndrome", vengono dati circa 10.000 riferimenti. In Italia, invece, non molto conosciuta, la ricerca di cui sopra produce infatti solo una decina di risultati.

Questa patologia dovuta agli spazi tra le cellule, che sono diventati talmente ampi da permettere l'entrata di materiale tossico nella circolazione sanguigna. Questa condizione anomala permette al grasso ed ai materiali di rifiuto, che non dovrebbero essere assorbiti (batteri, funghi, parassiti con le loro tossine, proteine non digerite), di "sgocciolare fuori" ed entrare nel sangue.

Se si considera la vasta superficie della mucosa intestinale e la sua grande capacit di assorbimento, si potr comprendere quanto sia importante che essa rimanga perfettamente impermeabile, per evitare che le sostanze tossiche possano filtrare nei liquidi esterni (sangue e linfa) ed essere distribuite nel corpo creando molteplici disfunzioni e malattie.

Da questa distribuzione di veleni deriva una serie di disturbi di carattere generale che, a prima vista, sembrano non avere nessuna relazione con l'intestino: mal di testa, nervosismo, ansia, depressione, alito cattivo, riniti, acne, dermatiti, eczemi, stanchezza cronica, invecchiamento della pelle, dolori articolari, artriti ed artrosi croniche, ecc. Viene anche ad instaurarsi una forte caduta delle difese organiche perch nell'intestino esistono dalle 100 alle 200 stazioni linfatiche (placche di Peyer) che rappresentano una buona parte del nostro potenziale immunitario. Questo, ovviamente, apre la porta a varie allergie o intolleranze alimentari.

Conclusione

Probabilmente questo articolo a qualcuno sembrer troppo tecnico e privo di significanze in un giornalino che si interessa di spiritualit. Vi assicuro che non lo in quanto permette di comprendere, seppure a grandi linee, dove si trova la maggior fonte di tossine interne e quanto esse possano giocare un ruolo fondamentale in tante disfunzioni e malattie, anche in alcune di quelle qualificate come "inguaribili". Tra esse possimo certamente collocare il mal di testa, in special modo quello frontale, chiamato cefalea.

DISCLAIMER. Resta intesto che tutte le metodologie, le tecniche, i rimedi suggeriti e quant'altro proposto in questo articolo, sono ad esclusivo scopo informativo. Pertanto sia l'autore che il sito www.studirosacrociani.com, non si assumono alcuna responsabilit per eventuali danni o problemi, causati dall'utilizzo delle informazioni proposte, oppure da una formulazione di diagnosi o autodiagnosi i cui risultati sono risultati nocivi.