Sei sulla pagina 1di 7

ESTRATTO GRATUITO SECONDA PARTE LIBRO RISPARMIA SUBITO!

Prima di tutto, grazie per aver scelto di leggere questo breve report gratuito. Si tratta di un report che vi propone una parte introduttiva di uno degli argomenti trattati nel libro relativi alla mia parte (Mirko Rizzi), ricordo che la prima parte del libro curata dalla giornalista e scrittrice Lara Zavatteri che espone tecniche varie per risparmiare, tra cui come spendere meno per lacqua, il gas, la luce, i rifiuti, ma anche per la spesa. Inoltre, fornisce indicazioni per lo stile, i viaggi, il tempo libero, il lavoro. e pagine successive espongono !i"terve"to #ui #erra$e"ti, come riportato nel sommario tratto anche altri argomenti sempre relativi al risparmio energetico, senza trascurare la qualit! e con un occhio attento alla tutela dellambiente, evidenziando alcuni sistemi di certificazione per i materiali da utilizzare con anche indicazioni di possibili applicazioni di risparmio energetico autocostruite ed inoltre risorse utili per la progettazione tecnica come programmi e applicazioni a basso costo o gratuiti. "nche la carta su cui stampato il libro %#&, ovvero proveniente da foreste controllate, quindi nel rispetto della natura.

#i aspetto sul blog del libro dove potete scaricare elenco argomenti e introduzione cliccando sul sito di 'ou&a"pri"t (dove potete acquistare il testo), il libro acquistabile su molti store online come I(#, La %e tri"e i, i"Mo")a)ori, potete or)i"ar o i" i(reria o ri&*ie)er o a "oi autori. $ un print on demand, per cui devessere prima stampato e poi spedito, quindi ci vorr! un po pi% di tempo per ricevere il libro, ma per risparmiare ne vale la pena. Seguite me e ara sul blog *ttp+,, i(rori#par$ia#u(ito-( og#pot-it, trovate anche una pagina omonima su &aceboo'. (uona lettura)

ELENCO ARGOMENTI TRATTATI NELLA SECONDA PARTE DEL LIBRO+

RISPARMIO ENERGETICO I"tro)uzio"e I"terve"ti #ui #erra$e"ti I"terve"ti #u !i#o a$e"to ter$i&o .e#ter"o e) i"ter"o/ I"terve"ti )o$oti&a I"terve"ti i$pia"ti ri#&a )a$e"to0 a&1ua &a )a #a"itaria e 2otovo tai&o %INITURE INTERNE E MATERIALI Certi2i&azio"i )ei $ateria i Si#te$i )i 2i"itura i"ter"i a #e&&o Rive#ti$e"ti i" pia#tre e )i &era$i&a Rive#ti$e"ti i" pia#tre e a)e#ive PROGRAMMI PROGETTAZIONE E %ORMAZIONE Progra$$i progettazio"e ar&*itetto"i&a Progra$$i i"terve"ti ri#trutturazio"e e"ergeti&a Progra$$i progettazio"e #truttura e
Progetto e veri2i&a #trutture i" eg"o Progetto e veri2i&a #o ai 34La$ i" eg"o Progra$$i i"geg"eri

RISPARMIO ENERGETICO I"tro)uzio"e Il risparmio energetico risulta ormai far parte della societ! e quindi un po tutti ne abbiamo sentito parlare oppure ci siamo imbattuti in questo argomento cercando, in seguito al continuo aumento dei costi dellenergia, degli interventi che permettano la riduzione dei consumi dellenergia stessa. *onsiderando una singola abitazione oppure un appartamento, il costo energetico pi% elevato rappresentato da riscaldamento+raffrescamento e acqua calda sanitaria che rappresenta mediamente circa l,-. dei consumi energetici totali. Il restante /-. costituito dallenergia elettrica per elettrodomestici e illuminazione. 0a questi dati si pu1 notare che interventi che riguardano, in prima analisi, la riduzione dellenergia per riscaldamento+raffrescamento possono essere molto convenienti e portare notevoli riduzioni al consumo di energia. Se considerate quindi una abitazione esistente, la prima cosa a cui dovete pensare, se volete ridurre il consumo di energia per riscaldamento+raffrescamento, ad una )iag"o#i )e !i"vo u&ro e)i izio che pu1 essere fatta da un tecnico esperto in risparmio energetico e che metta in evidenza lo stato attuale di murature perimetrali, solai, coperture, finestre e le dispersioni di energia per riscaldamento ad essi correlate. Il tecnico pu1 quindi concludere la sua analisi producendo un attestato di qualifica energetica che vi d! indicazioni sul consumo energetico per riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Il consumo energetico per riscaldamento viene calcolato considerando le norme di riferimento che definiscono, a seconda di un parametro che i gradi giorno del comune dove si trova ledificio, la durata del riscaldamento e le temperature di riferimento. 0a questo punto di partenza potrete cos2 iniziare ad analizzare i vari interventi possibili come ad esempio la sostituzione delle finestre e lisolamento termico delle pareti perimetrali, dei solai e della copertura.

I"terve"ti #ui #erra$e"ti a sostituzione dei serramenti risulta essere sicuramente un intervento importante dal punto di vista economico ma soprattutto da quello energetico perch3 consente di ridurre le dispersioni termiche e considerato che i serramenti rappresentano comunque il punto pi% debole dellinvolucro edilizio, costituito da pareti perimetrali, solai e copertura, sempre positivo aumentare la loro qualit! energetica, sempre per1 entro certi limiti della spesa. Sempre in riferimento ai serramenti, vi possono essere delle situazioni in cui sono recenti e quindi magari sufficiente intervenire con la sostituzione o linserimento di nuove guarnizioni di tenuta. 4uesta operazione non difficile, si tratta semplicemente di munirsi di una guar"izio"e per 2i"e#tre, &*io)i per i 2i##aggio e #igi a"te oppure procuratevi direttamente delle guar"izio"i autoa)e#ive vi"i i&*e che sono anche economiche. Per avere indicazioni per lutilizzo delle guarnizioni potete visitare il sito 555-($p-it sul quale potete scaricare un catalogo sulle guarnizioni che contiene indicazioni utili per capire quale guarnizione utilizzare per le diverse applicazioni. 4ui potete trovare indicazioni sulla tipologia di guarnizione da utilizzare a seconda delle vernici utilizzate per il serramento e molto altro. "ltri prodotti e informazioni utili li potete trovare visitando il sito 555-te#aita ia-it, sul quale nella #ezio"e te#a$o potete trovare diverse tipologie di guarnizioni adesive a seconda del materiale, schiuma, gomma e silicone, e delle dimensioni della fessura che avete sul serramento. e soluzioni in silicone e gomma garantiscono una elevata durabilit! grazie allelevata resistenza alle intemperie. 4uesti prodotti potete acquistarli nei negozi di ferramenta oppure anche online ad esempio al sito 555-(ri&o2er-org oppure 555-2erra$e"tate&"otre-&o$. 5n riferimento che pu1 aiutarvi a capire gli interventi di sostituzione dei serramenti lo potete trovare visitando il sito 555-po#a& i$a-it. 4ui trovate anche guide alla posa, depliant dei prodotti e video che illustrano le varie applicazioni. Se dovete affrontare la scelta della tipologia di finestre e portefinestre da installare nelledificio da ristrutturare o nuovo, chiedete supporto al vostro tecnico che potr! darvi le indicazioni necessarie per capire la qualit! dei prodotti che le aziende produttrici vi propongono e scegliere la soluzione migliore. Per i serramenti (finestre, portefinestre, porte esterne pedonali, finestre da tetto) attualmente secondo la norma UNI EN 6789646, i prodotti presenti sul mercato hanno lobbligo di essere marcati CE. a marcatura *6 dei prodotti prevede una serie di caratteristiche prestazionali rilevanti, secondo il tipo di prodotto (finestre, porte, finestre da tetto). Per alcune di

queste caratteristiche le prestazioni dovranno essere necessariamente accertate presso un 6nte 7otificato, per altri sar! compito del costruttore valutare il livello prestazionale offerto dai propri prodotti, senza per forza rivolgersi ad un 6nte 7otificato. Il parametro pi% importante per valutare lefficienza energetica di un serramento sicuramente la trasmittanza U5 che rappresenta un parametro globale del singolo serramento e tiene conto di tutto ci1 che lo compone. Infatti tiene conto delle dimensioni del serramento, della composizione della vetrocamera, cio del sistema dei vetri, e del telaio. 4uesto parametro 58 rappresenta la dispersione termica che avviene attraverso lelemento serramento per unit! di superficie e quindi minore il suo valore e migliore sar! lefficienza energetica. elemento migliore dal punto di vista dellefficienza energetica che compone il serramento la vetrocamera, la cui trasmittanza espressa con il parametro Ug, quindi molto importante non confondere questo parametro con 58 che sicuramente maggiore di 5g perch3 tutti i componenti aggiuntivi che costituiscono il serramento, cio il telaio, il giunto tra vetrocamera e telaio, nonch3 le dimensioni stesse della finestra, contribuiscono ad aumentare la dispersione termica della finestra. Per quanto riguarda i materiali di cui costituito il telaio del serramento, si pu1 dire che le principali tipologie sono9 eg"o0 eg"o4a u$i"io0 a u$i"io0 P:C. Il costo di queste tipologie dipende da molti fattori e quindi deve essere verificato chiedendo dei preventivi alle aziende produttrici: inoltre se tenete anche allambiente potete scegliere i serramenti in legno, oppure, avendo problemi di manutenzione dovuti allesposizione agli agenti atmosferici come il sole e la pioggia, potete adottare la soluzione legno+alluminio in modo da avere un serramento pi% protetto. "nche queste sono delle valutazioni che oltre ad essere estetiche sono anche economiche perch3 comportano un prolungamento della vita del serramento e una diminuzione della manutenzione. 7el caso di serramenti in legno recenti, sui quali volete intervenire con una verniciatura, allora pu1 esservi utile visitare il sito 555-2i"e#tre-re$$er#-it dove potete scaricare un manuale che d! molte informazioni sulle finestre in legno fornendo suggerimenti per evitare errori frequenti e indicazioni sulla verniciatura e la manutenzione dei serramenti. Se cercate una soluzione che vi permetta di avere elevate prestazioni termiche e anche una ridotta manutenzione nel tempo potete adottare la tipologia dei serramenti in legno trattati con prodotti di alta qualit!, oppure serramenti in P#* che hanno unottima resistenza agli agenti atmosferici e non hanno bisogno di nessuna manutenzione. In una situazione in cui avete dei locali che sono soggetti ad eccessivo surriscaldamento dovuto allesposizione al sole che li rende invivibili nei periodi estivi, allora dovete trovare una soluzione. a soluzione migliore sicuramente quella di applicare, se non presente, lisolamento termico alla muratura esterna e inoltre sostituire i serramenti con altri con elevate prestazioni, soprattutto in questo

caso verificare i valori del parametro fattore solare che rappresenta la percentuale di energia solare che entra dalla vetrata. 7elle vetrate semplici questo parametro intorno all,;. mentre nel caso di vetrate costituite da tre vetri, basso emissive e riempite con gas, si arriva a valori intorno al -;., ma ovviamente il costo di questi serramenti superiore a quello di un serramento standard. Se invece i serramenti non sono da sostituire allora potete pensare allapplicazione sui vetri di pe i&o e a"ti#o ari. Sono particolari pellicole da applicare alle superfici vetrate che riducono il calore che entra per irraggiamento, in modo da avere temperature pi% basse nei locali e quindi ridurre il consumo di energia per il raffrescamento sia nel caso si tratti di abitazione sia nel caso di uffici. 5n esempio di questi prodotti lo potete trovare visitando il sito dellazienda Seri#o ar, 555-#eri#o ar-&o$, che offre varie tipologie di schermature solari tra le quali ve ne sono anche con gradazioni pi% chiare che possono essere utilizzate per ambienti residenziali. e principali caratteristiche delle pellicole antisolari per ambienti residenziali sono9

<arantiscono resistenza e durata nel tempo: Sono disponibili nei colori bronzo=grigio e grigio=fum: >iflettono fino all,,. dell?energia solare rendendo gli ambienti pi% freschi e confortevoli, con unelevata trasmissione luminosa e una maggiore riflessione energetica: 7elle versioni pi% chiare consentono una buona schermatura solare lasciando quasi inalterata la trasparenza e visibilit! ed evitando effetti speculari.