Sei sulla pagina 1di 33

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

ALL'INTERNO GLI ARTICOLI DEL NUOVO CORSO DI GIORNALISMO

3 Fatti Di Napoli, Napoli umiliato da Denis; 4 Juve inCONTEntabile, Inter battuta 3 - 1; 5 Cagliari - Fiorentina, cade la viola; 6 Derby di Genova, la spunta la Samp; 7 Catania - Livorno, Show al Massimino; 8 Le altre partite, vincono Udinese e Verona; 9 Il Punto sulla Serie A, i risultati di giornata;

10 Supersfiida, Klose contro Totti; 11 Fatto di Calciomercato, il pagellone; 12 Un occhio allestero, i principali campionati europei; 15 Campionato primavera, 15 giornata; 18 Fatto di Pallanuoto; 21 Fatto di tutti gli Sport; 24 Scoviamo gli sport, Skeleton;

Il Napoli si piega dinanzi allAtalanta con un turnover da serie minori e regala la partita ai bergamaschi causa tre errori gravissimi. Benitez schiera: Reina, Maggio, Fernandez, Albiol, Reveillere, Inler, Dzemaili, Callejon, Pandev, Mertens, Zapata. Mentre Colantuono: Consigli, Benalouane, Stendardo, Yepes, Del Grosso, Raimondi, Baselli, Migliaccio, Bonaventura, Moralez, Denis.

Inizio insidioso per gli Azzurri con Mertens mai decisivo sempre poco preciso. Primo tempo decisamente noioso, secondo tempo catastrofico per gli Azzurri primo errore di Dzemaili che si lascia rubare la palla concedendo a Denis il gol del vantaggio che scivola tra le mani di Reina al 2. Finalmente entra HIguin per Zapata ma il risultato non cambia, anzi Mertens si lascia sfuggire il pareggio. Solo Atalanta in questo secondo tempo, Denis che di poco sbaglia recupera poco dopo con una doppietta personale erroraccio di Inler che passa ai piedi dellavversario. Al 26 lAtalanta chiude la partita con laltro argentino Maxi Moralez.

Karina Ornella Palomba

La sfida tra i Campioni dItalia e i nerazzurri si sa , non mai una partita come le altre. Confronto che inizia fuori dal campo quando i tifosi bianconeri accolgono il pullman interista con lancio di uova e sassi. Bilancio: un vetro rotto e 4 tifosi fermati. Gesti che hanno poco a vedere con il calcio e che per nulla si addicono ad una sfida come questa. I riflettori poi si accendono sul campo. Il derby dItalia ha inizio. Lichtsteiner, Chiellini e Vidal strapazzano lInter e a nulla serve la rete di Rolando nel finale. Altri 3 punti conquistati dalla Vecchia Signora che, approfittando del rinvio dellOlimpico, allunga momentaneamente a pi 9 mettendo pressione alla Roma inseguitrice. La squadra di Conte, dopo il pareggio nella scorsa giornata contro la Lazio, si conferma schiacciasassi in casa, con 11 vittorie su 11 e rifilando 3 goal a tutte le big (3-0 a Roma e Napoli e 3-2 al Milan). Per i nerazzurri invece un risultato pesante da digerire (lennesimo) e gli uomini di Mazzarri hanno sofferto il ritmo bianconero, senza mai dare limpressione di entrare in partita se non nelle battute finali. Otto punti nelle ultime 10 gare sono numeri da zona bassa della classifica. I milanesi perdono la quinta piazza, ora occupata dal Verona di Mandorlini con 35 punti, e si ritrovano sesti in classifica con 33 punti insieme al Torino. LInter ha bisogno di una scossa perch Parma, Lazio e Milan sono subito dietro, pronti ad approfittare di un passo falso. Sintesi - I padroni di casa si schierano con i titolarissimi con il solo Storari a rilevare Buffon squalificato. Mazzarri invece schiera i suoi con un 3-5-1-1 rilanciando Kovacic, Taider rimpiazza linfortunato Cambiasso, e Alvarez in avanti a supporto dellunica punta Palacio. Pronti - via e dopo 3 giri di lancette dagli sviluppi di un calcio dangolo Handanovic miracoloso salvando per 2 volte su Tevez. LInter prova a ripartire ma la manovra risulta lenta e i passaggi imprecisi. Al 12 la Juve sfiora il vantaggio con un buon pallone di Pogba per Llorente che stacca indisturbato tra Campagnaro e Rolando, ma non inquadra lo specchio. E solo il preludio al goal che arriva dopo 3 minuti con Lichtsteiner: Pirlo viene lasciato solo al limite, il regista trova lesterno svizzero che in tuffo di testa trova la rete dell1-0. I bianconeri continuano a spingere e vogliono subito il raddoppio ma purtroppo i passaggi sotto porta non sono precisi. Pogba, Tevez e Llorente hanno le occasioni per chiudere subito la gara ma nessuno dei 3 riesce ad inquadrare lo specchio. Alla mezzora la Vecchia Signora su angolo sfiora il raddoppio con Bonucci. La manovra dellInter lenta e macchinosa per i nerazzurri al 40 hanno una reazione, anche se timida: Kovacic orchestra una buona ripartenza e scarica su Palacio ma largentino conclude sopra la traversa. Asamoah sulla fascia di competenza un treno e fa impazzire Jonathan (sostituito poi al 58). E sul finire proprio lesterno ghanese a provare una gran conclusione ma Handanovic salva tutto. Si conclude un primo tempo non eccezionale con i bianconeri meritatamente in vantaggio e i nerazzurri lenti e privi di idee. La ripresa inizia con una Juve a trazione anteriore e bastano 2 minuti per passare: da un angolo bianconero Nagatomo sbaglia il disimpegno, ne approfitta Vidal tentando il tiro ma viene murato. Sulla palla si fionda immediatamente Pogba che di forza serve Chiellini in area, e larcigno difensore di destro fa 2-0. Gli uomini di Mazzarri si rifanno vivi con Alvarez bravo a servire in area Palacio al 52 ma lattaccante ancora una volta spara alto. Passano altri 4 giri di lancette e la Madama fa tris. Questa volta i bianconeri approfittano di un errore di Juan Jesus che lascia la strada libera a Llorente, lattaccante basco appoggia per Pogba che tenta la conclusione, Handanovic riesce a respingere ma sulla ribattuta Vidal rapido a infilare in rete. Reazione dorgoglio nerazzurra si vede a 20 minuti dalla fine con Rolando che risolve una mischia in area bianconera e accorcia le distanze con un diagonale che batte Storari. All80 Palacio conferma il suo momento no quando, dopo un errore di disimpegno di Pogba, si ritrova un buon pallone sulla testa ma per la terza volta in serata manda alto da 2 passi. Lultima emozione della gara di marca bianconera e la regala il neo entrato Vucinic che, servito da Tevez, si libera al tiro ma coglie il palo. Dopo 2 minuti di recupero larbitro Rocchi pone fine alle ostilit e manda tutti negli spogliatoi. Vincenzo Vitale

Dopo tre ko consecutivi e una vittoria che manca da quasi due mesi, il Cagliari ritrova i primi tre punti del 2014 contro una Fiorentina volata in Sardegna senza qualit e determinazione. Il finale questa volta non triste come la sconfitta contro il Milan, ma rabbioso e voluto. La squadra di Lopez sta usando ogni mezzo per raggiungere una salvezza non facile, senza uno stadio a norma e con presidente con la testa ormai in Premier League rivolta al suo Leeds. Montella sin dallinizio deve fare a meno di Borja Valero e Cuadrado ed il neo acquisto Anderson impiegato dal primo minuto sembra ancora balbettante, come del resto i suoi compagni di squadra per tutto il primo tempo. Il Cagliari paziente e cerca di sfruttare ogni minimo errore ed al 39 Roncaglia confuso dallagilit di Sau, lo stende in area di rigore. Pinilla trasforma il primo rigore segnato dai rossobl in stagione (dopo 3 penalty sbagliati) e fa volare al 13 posto in classifica la squadra di Lopez. Nella ripresa Montella cerca di riparare i danni con lingresso di BorjaValero, che pu solo migliorare la manovra, ma Avramov a fine partita resta quasi uno spettatore. Siamo mancati di qualit, ma larbitro ci ha penalizzato interrompendo troppo il gioco per i loro ostruzionismo. Un insolito e stizzito Montella per una volta commenta e va contro loperato degli arbitri: Non sono un lamentino come mi ha chiamato Mazzoleni, ma cerco sempre il dialogo. Classifica avara per i viola che con questo secondo scivolone consecutivo manca laggancio al Napoli e vede il terzo posto ancora lontano. Tre punti doro, invece, per il Cagliari. Ferruccio Montesarchio

stato un derby fantastico quello di Genova, dove, oltre al bel gioco, ha preso vita uno spettacolo, sia fuori che dentro lo stadio, con protagonisti le due tifoserie. Visto gli eventi che hanno preceduto la partita, con conseguente posticipazione dellincontro che doveva essere il lunch match di domenica, si temevano problemi di ordine pubblico, invece si assistito ad un esempio di grande sportivit: le due tifoserie sono arrivate allo stadio insieme come due vecchi amici e si sono separate solo allentrata per occupare i rispettivi settori; allinterno dello stadio coreografie magnifiche hanno incantato persino i giocatori che uscivano dal tunnel degli spogliatoi.

Leroe di giornata stato, al debutto, largentino Maxi Lopez, tornato alla Sampdoria proprio in questa sessione di mercato, che al 24, servito da Eder, insacca incrociando alle spalle di Perin. Lintera partita stata alquanto spumeggiante, con capovolgimenti di fronte continui e ritmi elevatissimi. Ottimo anche larbitraggio: annullati giustamente due reti al Genoa entrambe in fuorigioco. Se tutto questo non fosse gi abbastanza, alla fine della partita le due compagini si sono rincontrate e insieme hanno fatto ritorno a casa. Francesco Perfetto

Termina a suon di goal lo scontro salvezza tra Catania e Livorno. Un match dalle 2 facce: un primo tempo abbastanza noioso e povero di occasioni, ma una ripresa spettacolare, ricca di 6 reti. Emeghara migliore in campo, autore del goal del vantaggio e del 3-2, con in mezzo il rigore siglato da Paulinho. Buona la seconda gara per il Livorno di Di Carlo che ha sfiorato la vittoria con lattaccante svizzero sugli scudi. Catania invece in versione rincorsa capace di acciuffare il risultato con Bergessio prima e Barrientos poi, per ottenere solo nel finale il pareggio con Almiron. Un pareggio che per non serve a nessuna delle 2 squadre per uscire dai bassifondi della classifica. Ne sono coscienti i tifosi etnei che prima del fischio iniziale contestano il presidente Pulvirenti per un mercato di riparazione povero. Sintesi La prima frazione di gioco vede in campo 2 squadre schierate a specchio e molto tese. La noia padrone del match e le occasioni latitano. Il Livorno ben organizzato nella fase di non possesso e ci prova con Paulinho, il pi vivace dei suoi, all11 con una bella conclusione al volo che si spegne sul fondo, e poi al 25 con un tiro sopra la traversa. Il Catania prova a spingere invece sulle fasce con Biraghi e Peruzzi ma i loro cross non trovano nessuno compagno pronto a finalizzare. Termina cos il primo tempo con Bardi e Frison praticamente spettatori non paganti. Tuttaltra musica la ripresa. I padroni di casa scendono in campo con un altro piglio e dopo solo 2 giri di lancette ci prova Biraghi con una bella conclusione costringendo Bardi a deviare in angolo. Gli amaranto invece ci provano al 50 ma Spolli miracoloso nellintercettare un ottimo pallone di Emeghara diretto a Paulinho. Tempo 60 giri di lancette e i toscani per trovano il vantaggio: botta da fuori di Emerson, Frison respinge corto ed Emeghara insacca in rete. Il Catania non ci sta e al primo tentativo passa in vantaggio con Bergessio con una doppia conclusione sfruttando lassist di Barrientos. Il ritmo di gara sale e al 72 Frison combina una frittata atterrando in area Emeghara e procurando il rigore agli avversari. Dagli 11 metri si presenta Paulinho e lattaccante brasiliano fa 2-1. Non c nemmeno tempo di esultare perch il vantaggio toscano dura giusto 2 minuti, quando Barrientos bravo a sfruttare un incertezza della difesa livornese dagli sviluppi di un calcio dangolo e batte Bardi. Ma ancora show al Massimino. Passano altri 120 secondi, Duncan si invola, Frison respinge ed Emeghara, come in occasione del primo goal, trova il tap-in vincente. Proprio quando tutto sembra finito, il Catania trova lo scatto dorgoglio con uno dei suoi uomini simbolo, Almiron: stop in area e botta di prima che si infila sotto le braccia di Bardi. Termina cos il match salvezza: tanto spettacolo, ma per la salvezza serve qualcosa di pi. Vincenzo Vitale

Nel primo anticipo della 22esima giornata lUdinese si gusta il sapore della vittoria dopo quattro sconfitte consecutive, facendo ritornare il sereno sulla panchina di Guidolin, un po criticata in questi ultimi mesi, ma sempre difesa dal Patron Pozzo, condannando il Bologna al quartultimo posto condito dalla prima sconfitta della gestione Ballardini e dalla protesta degli ultras rossobl (con striscione: per un po di pubblicit getti merda sulla tua citt) nei confronti del loro presidente onorario Gianni Morandi, che in occasione nel match contro i partenopei ha criticato i propri tifosi per i cori discriminatori contro il Napoli sulle note di Caruso di Lucio Dalla. Di Natale apre le marcature al 15esimo su rigore generoso chiamato da Calvareseai danni di Pazienza che ingenuamente atterra Lazzari in area. Il capitano la piazza nellangolino basso alla destra di Curci, che pu solo intuire la traiettoria. Il Bologna, troppo rinunciatario, regala il primo tempo ai bianconeri con lanci sbagliati e tanta confusione. Solo Diamanti al 33 regala lemozione della prima parata in serie A allazzurrino Under17, Simone Scuffet (che ha rimpiazzatoBrkic). Nella ripresa finalmente il Bologna gioca a calcio costringendo lUdinese a schiacciarsi nella propria met campo, con un Diamanti scatenato che rasenta il pareggio ed ispira la squadra. Nel finale Guidolin getta nella mischia luruguaiano Lopez che prima sfiora e poi sigilla la partita sullo 0-2 finalizzando un contropiede letale inventato da Maicousel. Ventata daria fresca sui bianconeri, ora a +5 in classifica dai rossobl. Ferruccio Montesarchio

Non sono serviti i nuovi innesti e il cambio di allenatore al Sassuolo per vincere. pur vero che limpegno della squadra di Malesani non era dei pi semplici: il Verona, la rivelazione del campionato, si imposto con il risultato di 1 - 2 in modo alquanto facile. Dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, la grossolana e sfortunata autorete di Manfredini su cross di Hallfredsson a rompere lequilibrio del match; il Sassuolo cerca di cambiare il corso della partita inserendo Sansone e Floro Flores, ma lHellas a fare paura, vedendosi vanificare due ottime azioni da gol, prima del raddoppio materializzatosi a 4 minuti dalla fine con un delizioso pallonetto di Luca Toni, lanciato in contropiede. Utile solo alle statistiche il gol di Floro Flores in pieno recupero sugli sviluppi di un calcio di punizione di Berardi. La squadra di Mandorlini torna alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive e balza al quinto posto in classifica. Malesani esce dal campo scuro in volto, ma il suo avvento non poteva cambiare cos radicalmente e velocemente la situazione degli emiliani, raggiunti dal Livorno a 17 punti. Francesco Perfetto

La ventiduesima giornata vedeva nel posticipo domenicale il big match di giornata, la sfida tra Juventus e Inter. La gara andata a favore dei bianconeri, che senza alcun timore e con molta sfrontatezza hanno battuto i rivali di sempre con un secco tre a uno. Per la Juventus sono andati a segno Lichtsteiner, Chiellini e Vidal, solo Rolando, per i nerazzurri, ha reso la serata meno amara di quanto gi lo era. La squadra di Antonio Conte non solo macina punti su punti, ma ormai diventata unammazza grandi. Brutte notizie, invece, per le inseguitrici. La Roma non ha giocato a causa delle forti precipitazioni che si sono abbattute sulle capitale, per cui la gara contro il Parma stata rinviata (probabilmente ai primi di aprile). Tonfo Napoli a Bergamo. I partenopei inceppano contro la squadra orobica, e lex Denis con una doppietta e Moralez trafiggono per tre volte la porta difesa dal rientrante Reina. Un Napoli da rivedere assolutamente, e che forse, con questa sconfitta, pu dire addio ai sogni tricolore. Giornata amara anche per la viola, che nellanticipo delle 18:00 del sabato si divisa la posta con il Cagliari. Allo stadio SantElia la partita terminata con il risultato di uno a uno. Contemporaneamente a questo match si giocato anche a Bologna, dove lUdinese ha servito un bel piattino ai rossobl. Di Natale e Nico Lopez hanno fatto gioire i bianconeri, ma hanno inguaiato la squadra felsinea che ora a un solo punto dalla zona rossa. Nelle posizioni europee troviamo ancora lHellas Verona, che anche questa domenica ha raggiunto lobiettivo dei tre punti. Toni e compagni hanno espugnato anche il campo del Sassuolo vincendo due a uno. Continua la sua marcia positiva il Torino, che nellanticipo serale del sabato andato a prendersi un punticino in quel di Milano. A San Siro infatti, il Milan non andato oltre luno a uno contro i ragazzi di Ventura che comunque hanno espresso un buon gioco. Seedorf ha reso combattivi i suoi uomini, ma le alchimie del neo allenatore ancora devono essere apprese in pieno da Kak e company. La Lazio sbanca il Bentegodi di Verona, dove ha vinto contro il Chievo di Corini per due a zero. In rete Candreva e il giovane Keita. A Catania pirotecnico tre a tre nello scontro salvezza tra Catania e Livorno. La partita stata un susseguirsi di emozioni terminata con un punto a testa per le compagini in lizza per non retrocedere. Ma la giornata si chiusa con un monday night deccezione, il cosiddetto Derby della Lanterna di Genova. E la Sampdoria di Mihajlovic a spuntarla grazie a un gol al ventiquattresimo minuto di Maxi Lopez. Largentino, dopo un periodo travagliato a Catania, ritrova il gol e regala al pubblico blucerchiato di Marassi una grande gioia a discapito dei cugini rossobl. Ora sotto con la prossima giornata che presenter due match di altissimo livello: Napoli-Milan e Lazio-Roma. Dario Mainieri

SUPERSFIDA una rubrica che mette a confronto i big che si affronteranno nella prossima giornata di campionato. Nel prossimo turno di Serie A andr in scena il derby della capitale: Lazio-Roma. Allo stadio Olimpico di Roma saranno scintille tra gli uomini di Reja e quelli di Garcia. I giallorossi vogliono vincere per cercare di stare sempre col fiato sul collo alla Juventus. I biancocelesti, invece, proveranno il colpaccio contro i cugini per accumulare punti in cascina in vista delle posizioni per lEuropa. Ad animare la gara ci penseranno due bomber che gi hanno lasciato il segno. Stiamo parlando di Miroslav Klose e Francesco Totti. Due attaccanti che vorranno lasciare il segno in questa importantissima gara, aiutando la causa della propria squadra di appartenenza. Andiamo a scoprire chi avr vinto la nostra SUPERSFIDA!

SUPERSFIDA KLOSE 8,5 9,5 9,5 7,5 8 8,5 TIRO COLPO DI TESTA SENSO DEL GOL TECNICA VELOCITA GIOCO DI SQUADRA TOTALE 51,5 54 TOTTI 10 8,5 9 10 7,5 9

10 A cura di Dario Mainieri

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO
La finestra di gennaio ha regalato una serie di colpi di scena mica da ridere: lo scambio Vucinic-Guarin saltato al secondo piano di un'agenzia di viaggi, il colpo di coda di Thohir e i parametri zero di Galliani, sono soltanto alcune delle tante trattative che hanno caratterizzato questo effervescente mercato di riparazione. Atalanta 6+. Cambia poco e fa benissimo, vedi la scoppola ai danni del Napoli. Benalouane un prezioso jolly difensivo, mentre la velocit a la duttilit di Estigarribia possono far comodo a mister Colantuono. Bologna 5. La societ non ha ceduto Diamanti ai ricchi cinesi, ma siamo sicuri che rester? Il mercato asiatico chiuder a fine febbraio e mister Lippi sembra intenzionato a mettere sul piatto nuovo cash. Altro punto di domanda resta l'arrivo del trequartista brasiliano Ibson, giocatore tutto da scoprire Cagliari 4. Cellino ha venduto Nainggolan e in pratica ha acquistato il Leeds. Con i soldi (tanti) derivanti dalla cessione del belga sono arrivati due incognite: Adryan e Vecino Catania 5. Lodi tornato a casa. Detto questo i tifosi siciliani aspettavano che il presidente Pulvirenti cacciasse i "piccioli" per una salvezza a questo punto assai improbabile. Fedato proveniente dal Bari e il centrocampista Paredes sono le due nuove pedine per Maran Chievo 6+. La societ veneta ha lavorato in sordina, piazzando dei colpi a sorpresa. In difesa arriva Agazzi, messo fuori rosa da Cellino e la solidit del centrale Canini. Rimpolpata la mediana con Tiberio Guarente, mai pervenuto a Catania. Fantasia e imprevedibilit in avanti con i rientranti Stoian, Obinna e il talentuoso Paredes, parcheggiato dalla Roma fino a giugno Fiorentina 7+. I viola sono diventati grandi grazie ai colpi di mercato di Prad e Macia. Arrivano in prestito 3 prezzi da novanta: Matri, Anderson e Diakit daranno un valore aggiunto a Montella che a questo punto pu sognare il terzo posto. Genoa 7-. Nessun via vai. Preziosi ha puntato sullusato sicuro e Gasperini potr contare su Burdisso, i juventini De Ceglie e Motta e il pupillo Sculli Inter 6+. Che confusione. Thohir, appena arrivato a Milano, afferma che bisogna vendere per comprare e mette Guarin sul mercato. Poi fa marcia indietro e sborsa 20 milioni per Hernanes. Prezzo salato anche per il fluidificante Dambrosio. Storia a parte il gran gesto di Chivu, il quale decide di ritirarsi dal calcio giocato per i troppi infortuni Juventus 7+. Osvaldo gratis e un attacco a 6 punte. Lo scudetto in tasca Lazio 5. Lotito ha venduto Floccari ed Hernanes sul gong. Tifosi imbufaliti. Il ds Tare riuscito comunque a piazzare qualcosina: Postiga e Kakuta saranno utili alla causa? Livorno 5+. Siligardi rimasto mentre Schiattarella sceso in B. Allultimo secondo arrivato il giovane Belfodil in uscita dallInter. La salvezza sar dura Milan 5+. Galliani in pratica ha elemosinato qua e l per lEuropa riuscendo a pescare anche qualche ferro arrugginito. Essien e Taarabt dalloltremanica e la fantasia samurai di Honda risolleveranno le sorti del diavolo rossonero? Intanto un gol del colosso f rancese Ram ha permesso al Milan di guadagnare un punticino in classifica Napoli 6+. Che colpo Giorginho, qualit e quantit a centrocampo, ma la societ partenopea si fatta scippare dalla Roma i talentuosi Bastos e Nainggolan. Dal Sud America arrivato il polivalente Enrique, difensore vecchia maniera ma alloccorrenza anche centrocampista. Nuova linfa sulla fascia sinistra con il giovane Ghoulam . Ceduti Cannavaro ed Armero Parma 6-. La societ emiliana aveva bisogno di far cassa e alla fine Biabiany ha detto di no al Milan per circa 7 milioni. Rossini, Schelotto e Pozzi restano delle valide alternative Roma 8. Sabatini lavora da talent scout e ha lavorato su tanti giovani di sicuro avvenire. Gente come Toloi, Berisha, Golubovic (senza dimenticarsi di Sanabria e Paredes, girati a Sassuolo e Chievo) potrebbe rappresentare il futuro giallorosso.Nainggolan e Bastos sono la ciliegina sulla torta. I capitolini sono riusciti anche a far cassa con la cessione di Bradley per oltre 7 milioni. Inoltre se ne sono andati gli ingaggi pesanti di Burdisso e Borriello, questultimo ceduto al West Ham Sampdoria 5+. Mihajlovic sta lavorando bene ma Maxi Lopez, Okaka e Sestu sono un po pochino, no? Sassuolo 7+. La Serie A vale tanta roba e il presidente ha messo mano al portafoglio mettendo a disposizione del subentrante Malesani ben 12 nuove forze fresche. Una vera e propria rivoluzione per la permanenza nella massima serie: Cannavaro, Biondini, Sanabria, Brighi, Manfredini, Sansone, Floccari e chi ne ha pi ne metta Torino 6+. Mercato pressoch inesistente ma aver monetizzato per DAmbrosio gi tanto. Ventura vuole rilanciare Il greco Tachtsidis decisamente in ombra nella parentesi di Catania. Kurtic pu dare grande sostanza in mediana Udinese 5+. I Pozzi, nonostante una classifica esaltante, hanno puntato ancora una volta su giovani sconosciuti: Beleck, Vutov e Douglas. Dalla Spagna arriva il roccioso Yebda Verona 6+. Il ds Sogliano prepara le valige destinazione Milano sponda rossonera. Nel frattempo i veneti piazzano il colpo Pillud e il prestito di Marquinho dalla Roma. 11 Valerio Castorelli

Premier League Nella 24 giornata di campionato di Premier League lArsenal ringrazia il Chelsea. Gli uomini di Wenger scappano soli in testa battendo per 2-0 il Crystal Palace, mentre laltra parte di Londra ha battuto il City, grazie alla rete di Ivanovic. A seguire, il Liverpool e il Tottenham pareggiano, mentre lo United perde dando cos vantaggio allEverton . Nelle parti basse della classifica, invece il Fulham inizia a tremare, infatti lunica, che non ha portato punti a casa tra le ultime 3, e ora chiude come fanalino di coda a 19 punti.

LIGA BBVA Sorpresa nella 22 giornata di Liga, infatti dopo un anno il Barcellona cade in casa, contro il Valencia, e ad approfittarne lAtletico la Real Sociedad con il roboante risultato di 4-0. Passo falso anche per il Madrid, che aggancia il Barcellona al secondo posto, e in casa madrilena sorge anche il problema Ronaldo, infatti il neo pallone doro CR7 si fatto espellere per reazione, ed ora rischia fino a 5 giornate di squalifica. Intanto per il quarto posto continua la lotta tra A.Bilbao e Villareal, infatti ora entrambi si trovano a 43 punti. Nella zona a rischio guadagnano un punto il Rayo e il Valladolid su Osasuna e Almeria, che invece perdono entrambe.

12

Bundesliga Vincono le prime 4 della classifica, lasciando invariato il distacco tra loro. Al comando c sempre i Bayern di Guardiola, mentre torna alla vittoria il Dortmund. In scia del Bayern c ancora il Leverkusen, ma il distacco di 13 punti da la quasi certezza sul vincitore finale. Tra le ultime 4 vince solo il Norimberga, scavalcando cosi Amburgo e Friburgo in un colpo solo

Ligue 1 In Francia il Psg sempre pi vicino al titolo, infatti batte anche il Bordeaux e allunga a pi cinque dal Monaco, che pareggia 2-2 in casa del Lorient. Il Lille non sa pi vincere ed ora rischia il terzo posto, infatti il Saint Etienne si porta a -1. Nelle zone basse della classifica respira il Sochaux, che batte il Nantes e si avvicina al Valenciennes, che perde 3-0 e allEvian, che pareggia con il fanalino di coda Ajaccio. Stefano Limongelli
13

In attesa dell' attesissimo posticipo tra le prime due del campionato cadetto, Empoli e Palermo, che andr di scena al Castellani, la 23' giornata ha visto il Cesena approfittare del pareggio interno degli irpini ( 1-1 con il Latina) per accorciare sull' Avellino al terzo posto, vincendo di misura col Crotone. Anche il Trapani ottiene un' importantissima vittoria in quel di Pescara, scavalcando ben due posizioni e piazzandosi al quinto posto. Passo falso del Lanciano a Reggio calabria, Barill sigla il gol che decide il match. Minimo vantaggio pure per il Siena sul Novara, decisiva la rete di Rosina. Lo Spezia non va oltre l' 1-1 contro la Juve Stabia. Pioggia di gol al Braglia ed all' Euganeo, dove il Modena schiaccia il Varese, ed il Carpi supera in trasferta il Padova, entrambe con risultato di 4-1. Stesso esito (2-1) accomuna Brescia e Ternana che battono rispettivamente Bari e Cittadella. Nota di merito per la punta del Trapani, Gambino, e per Rodriguez del Cesena, eroi della 23' giornata.
Indovina chi una rubrica che mette alla prova la conoscenza calcistica dei nostri lettori. Come si gioca? Verranno scelte delle figurine di calciatori e allenatori che hanno militato nel nostro campionato, alle quali verr cancellato il nome. Saranno cos bravi i nostri cari lettori ad indovinarli lo stesso? Naturalmente saranno dati dei piccoli suggerimenti, non siamo poi cos cattivi.

Indizi:
-Si tratta di un portiere e di unattaccante, - Sono entrambi italiani, - Uno dei due foggiano, laltro padovano; -Uno dei due ha mosso i primi passi nelle giovanili della Sampdoria, conquistando in 3 anni la casacca della prima squadra. Metter a segno 3 reti in 8 incontri in massima serie, prima di essere ceduto alla Fidelis Andria, nel campionato cadetto. Nella cittadina pugliese realizzer 15 reti in 34 incontri, che gli faranno guadagnare il ritorno in massima serie. A prenderlo il Padova neopromosso, dove per nonostante i 14 gol realizzati non riuscir ad evitare ai biancorossi la retrocessione. Su di lui piomba la Juventus, 7 miliardi di lire per indossare la casacca bianconera. 4 stagioni con la vecchia signora, arricchite da 9 reti. Dal 99 al 2005 cambier maglia ogni stagione, restando per sempre nella massima serie. Indosser la maglia del Perugia, del Napoli, ancora della Juve, ancora Perugia, poi Como, Modena e Messina. 37 reti per lui in questo arco di tempo. Poi lamore con la Reggina, 3 anni in amaranto, evitando una retrocessione che sembrava ormai cosa fatta a causa della penalizzazione dei calabresi (-11) a causa del calcio scommesse. In Calabria realizzer 40 reti e il suo 100 gol in massima serie. Nel 2008 ancora in giro per lItalia, giocher per il Torino, il Siena, il Parma e lAtalanta, si svincoler poi dai bergamaschi e scender in C2 per indossare nuovamente la casacca del Perugia. Si ritirato nel 2011. -laltro inizia la sua carriera nelle giovanili dellUSMA di Caselle Selvezzano, passer poi per le giovanili del Montebelluna prima di approdare a quelle del Milan. Nella stagione 90-91 i rossoneri lo manderanno in prestito al Verona, dove praticamente non scender mai in campo. Verr poi girato la stagione successiva al Trento, dove con sudore e sacrificio si conquister il posto da titolare. Una grandissima stagione gli aprir le porte della Serie B, ad acquistarlo a titolo temporaneo il Ravenna, neopromosso. Anche con i giallorossi Francesco, il suo nome, sar protagonista di una grandissima stagione, convincendo i dirigenti della Fiorentina ad acquistarlo in compropriet dai rossoneri. Lanno successivo esordir in serie A, e sar il migliore in tante partite, anche in Champions League. Nel 1995 il riscatto dellaltra met con i viola che sborseranno la bellezza di 4 miliardi di vecchie lire nelle casse milaniste. Con i viola rester dal 1993 al 2001, vincendo 2 Coppa Italia e anche una Supercoppa Italiana proprio contro il Milan. Da beniamino del pubblico viola diverr ben presto beniamino del pubblico interista. Dopo 8 stagioni Francesco verr acquistato dallInter di Moratti, diventando il numero 1 in Italia. Dopo i primi 4 anni da titolare, rester ancora in nerazzurro da secondo, al suo posto un brasiliano che risponde al nome di Julio Cesar. Con i nerazzurri vincer 5 scudetti, 3 Coppa Italia, 3 Supercoppa Italiana e 1 Champions League. Nel 2010 il suo ritiro. -Uno dei due ha giocato solamente nella nazionale italiana U-21; -Laltro invece diventato con la casacca della Nazionale Italiana maggiore, lincubo degli olandesi durante gli Europei del 2000, svolti proprio nei Paesi Bassi. Nella Semifinale di Amsterdam, contro lOlanda, parer 3 rigori, 1 durante lo svolgimento regolamentare della partita, gli altri 2 dopo i supplementari;

La soluzione dello scorso numero


-Luciano Siqueira de Olivera, conosciuto pi semplicemente con il nome di Luciano, e in precedenza di Eriberto. Cambi la sua identit perch ritenuto troppo vecchio per poter sostenere un provino calcistico; dunque si affid ad un faccendiere brasiliano che gli don un nuovo nome e una nuova et (ben 3 in meno). Identit che per nel bel mezzo della sua carriera gli creer delle crisi di personalit, che lo costringeranno a svuotare il sacco, obbligandolo anche ad una squalifica. In Italia tutti lo conoscono perch punto di riferimento del Chievo dei miracoli, quella favola guidata da mister Del Neri che da port i gialloblu, neopromossi, alla qualificazione alla Coppa Uefa. Ha indossato anche la maglia dellInter. -Simone Inzaghi, piacentino doc, anche nella carriera. Proprio nella sua citt natia muover i primi passi, dapprima nelle giovanili, poi, dopo qualche prestito, indosser la maglia biancorossa della prima squadra. 15 reti in 30 partite gli fanno guadagnare la Lazio di Eriksson, una squadra ricca di campioni (Nedved, Nesta, Veron, Mancini ecc) nella quale riesce comunque a ritagliarsi il suo spazio. 5 stagioni, gol importanti prima del declino. Prestiti a raffica per lattaccante romagnolo, che indosser le maglie di Sampdoria e Atalanta prima degli ultimi 2 anni di carriera con la casacca biancoceleste. Negli ultimi 6 anni, prima del ritiro, solamente 2 reti.

La soluzione verr svelata solamente nel prossimo numero, intanto prova a giocare sulla nostra pagina Facebook FATTO DI SPORT

Nel girone A nemmeno il Carpi riesce a frenare il Torino. I granata vincono 1-3 e con 39 punti, sono sempre pi primi. LEmpoli non molla la presa e, con uno strepitoso 3-5 conquista i tre punti, ai danni del Novara. La Sampdoria rifila quattro gol al Siena e, approfitta della gara rinviata della Juventus, per portarsi a quota 28 punti, agguantando proprio i bianconeri. Partita rinviata, quella tra Juventus e Cesena, causa limpraticabilit del terreno di gioco, per le abbondanti nevicate che hanno colpito Torino e lintero Piemonte. Ancora incerta, la data per il recupero della gara. A cinque punti dal duo SampdoriaJuventus, il Parma vince il derby emiliano. Contro il Sassuolo la gara termina 20, grazie alla doppietta di Cerri, arrivata negli ultimi dieci minuti di gioco. Lo Spezia, in casa del Bologna vince 0-3 e, si porta, cos a 23 punti, insieme alla squadra emiliana. In una giornata in cui non si sono verificati pareggi, anche il Modena conquista i tre punti. Contro il Genoa, ultimo in classifica, alla penultima della classe basta la rete di Dezai, arrivato al 6 minuto del primo tempo, per allontanare il grifone. Nel girone B lAtalanta fa man bassa di vittorie e non fa sconti. Mal capitato della giornata il Pescara di Gianpaolo. Le 5 reti, fanno volare in, completa, solitaria i bergamaschi a 41 punti. Duplice vittoria per lAtalanta, che approfitta, anche, della sconfitta del Chievo, per allontanarsi sempre pi dalle inseguitrici. La squadra veronese incappa nel Milan di Filippo Inzaghi. Il 4-2 consente ai rossoneri di agguantare il Chievo in classifica, a 34 punti. Staccata di un punto, lInter vince 1-3 sul Cittadella. Rinviate, causa mal tempo, le sfide di met classifica: Udinese- Verona e Brescia- Cagliari. Il Varese vince 1-0 sul Lanciano, grazie alla rete di Ruzzittu. Vittoria, per 1-0, anche per il Padova in casa della Ternana. Nel girone C la Lazio, dopo il piccolo passo falso subito con il Napoli, ritorna a vincere. Con il Lanciano, la gara tutta di stampo biancoceleste. Passerella per la squadra della capitale, che vince per 6 a 0. Unimportante vittoria, per la Fiorentina. Dopo la vittoria in Coppa Italia con la Juventus, i viola battono la Roma, per non perdere la scia dei biancocelesti, che distano un punto. E Gulin, luomo partita, che al 39 del secondo tempo, spiazza Proietti Gaffi. Con la sconfitta subita, i giallorossi vengono staccati di cinque lunghezze dai cugini capolisti.La Juve Stabia anella la quarta vittoria in campionato, con il Livornofinisce 1-0. Approfitta della sconfitta dei toscani, il Catania, per portarsi a pari punti, 26. A Latina, basta la rete di Caruso a regalare agli etnei la vittoria. Ad un solo punto dai siciliani, al quinto posto, il Napoli vince 2 a 0 contro il Crotone. Le reti di Tutino, al 36, e DAuria, al 81. Alle spalle dei partenopei, il Palermo pareggia 3 a 3 con il Bari. Il pari contro la Reggina, a rete inviolate, regala allAvellino il secondo punto in questo campionato. Annalisa Moccia

La Spagna piange ma non sola, tutto il Mondo del calcio si lascia andare per la morte di uno dei suoi miti, a 75anni ci lascia Luis Aragones. Non solo un allenatore ma bensi un maestro di calcio e di vita, che da oggi far sentire pi che mai la sua assenza dalla panchina. E stato precursore dei suoi tempi e un precursore dei tempi moderni quando, nonostante la sua et avanzata, ha dato il via al ciclo straordinario della sua Spagna, vincendo lEuropeo del 2008. Una vita mangiando pane e calcio che ha iniziato a metterlo in luce gi nel 1965, lanno in cui vinse il suo primo trofeo, una Coppa del Re da giocatore dellAtletico Madrid. Aveva poco deciso di ritirarsi definitivamente anche se la sua ultima esperienza, lunica allestero con il Fenerbache, si era conclusa gi nel 2009. Ha allenato praticamente quasi tutte le big spagnole ma alla lunga, come dicono i giornali iberici, tornava sempre li, allAtletico, segno di unamore viscerale che per non stato mai confessato pubblicamente. E stato da sempre amato e contestato allo stesso modo. Aragones non era mai banale e per questo molte sue frasi sono state nellocchio del ciclone. Le accuse di razzismo per un incitamento molto colorito al suo giocatore Reyes per spronarlo a fare meglio del negro Henry, sono state forse lunica vera macchia della sua straordinaria carriera. Infiniti i messaggi daffetto da parte di tutti i suoi allievi e di tutto il panorama calcistico. Il capitano della Spagna e del Real Madrid Casillas ha sintetizzato in maniera perfetta il suo modo di essere e la sua bravura: Luis ha influito in maniera determinante sulla crescita di unintera generazione di calciatori spagnoli. Io lo ricordo per la grande capacit di starti vicino, di essere franco e sincero. Ha sempre pensato al bene della squadra, non ho alcun dubbio, ha cambiato la storia della nostra nazionale, stato creato il nostro modello di gioco che gi ha portato a grandi vittorie. NellEuropeo del 2008 cambiato tutto per noi. Addio maestro. Antonio Greco

Non c pace per Alexandre Pato. Lex Milan a soli 24 anni sta attraversando da quasi due anni una fase di declino improvviso che ha offuscato quella che sembrava la stella di un futuro campione. Il Corinthians deluso dalle prestazioni dellattaccante, lacquisto pi costoso della sua storia, e ha deciso che sar ceduto la prossima estate. La rottura stata decisa e definitiva e non sembra che ci sia alcuna possibilit di fare un passo indietro. Dello stesso avviso del club sono anche i tifosi, inferociti con il Papero. Infatti un centinaio di ultras hanno fatto irruzione durante un allenamento della squadra e hanno provato ad aggredirlo. Insieme a Pato, bersaglio dei facinorosi stato anche il compagno Emerson Sheik. Alcuni addetti del Corinthians sono riusciti a salvare dal linciaggio i due giocatori ma la tensione ha stentato a placarsi. I tifosi hanno cos raggiunto lhotel della squadra per riprovare ad avere un contatto con gli imputati. La reception stata messa sotto sopra e con essa sono stati minacciati molti inservienti della struttura. Per la ressa anche svenuto il consulente medico del Corinthians mentre sono stati sottratti tre celllulari ad alcuni dirigenti. La societ ha pesantemente condannato laccaduto con un forte comunicato apparso sul proprio sito.
Antonio Greco

16

Per giocare a Napoli ed essere il Capitano perfetto ,devi avere due requisiti fondamentali: nascere a Napoli o amarla come se ci fossi nato. I fratelli Cannavaro nascono nel quartiere di Soccavo e come tutti i ragazzini napoletani crescono con un pallone tra i piedi trascinandolo per i vicoli. Calcio come salvezza da una vita difficile, la squadra azzurra come sogno da realizzare. Prima Fabio realizza questo sogno dal settore giovanile alla Serie A, ma capita in un momento difficile di questo club e si sacrifica per salvare la sua squadra del cuore. Per sanare i problemi economici, del Napoli, viene ceduto al Parma, poi allInter, alla Juve e al Real Madrid, diventando un vero campione, sempre pi leader di una Nazione che diventa campione mondiale, un difensore centrale da pallone dOro. Poi c Paolo, che invece viene sacrificato per la squadra. Paolo quella speranza che tutti i napoletani hanno di avere una bandiera in squadra, come Totti per la Roma, come lui stesso sogna/va di essere. Con la difesa meno battuta, nel 2007 Paolo contribuisce alla promozione in Serie A del suo Napoli. Momenti che molti dimenticheranno, impressi nella mente di tanti altri. Un gol indimenticabile di rovesciata alla Juventus, in Coppa Italia nel 2007; la prima partita Champions contro il Manchester City nel 2011 e infine alza la Coppa Italia 2012. Un Capitano che con lera Benitez trova sempre meno spazio fino alla cessione al Sassuolo. Non sappiamo se chi prender il tuo posto sar migliore ma tu hai scritto la Storia del Napoli e noi non ti dimenticheremo mai. Grazie Capitano. Karina Ornella Palomba

La protesta era nellaria ma nessuno si sarebbe aspettato un simile epilogo. E durata infatti solo 58secondi la gara di Coppa del Re tra Racing Santander e Real Sociedad. Sembra tutto normale, nonostante le bufere societarie la squadra di Santander , squadra di Serie C, in campo per il ritorno dei quarti di finale della coppa nazionale per ribaltare il 3-1 subito in trasferta. I calciatori si riscaldano normalmente e larbitro da il fischio dinizio. Il Real Sociedad batte e inizia a far girare la palla, di fronte a loro invece, un gruppo unito e compatto si abbracciava fermo e immobile a centrocampo. Il direttore di gara dopo essere andato a parlare con il capitano della squadra, ha decretato, appena 58secondi dallinizio, stato costretto a decretare la fine della gara. I tifosi hanno applaudito i propri calciatori dimostrando di essere pi che mai dalla loro parte. E come non potrebbe non essere cos, per una squadra che nonostante lassenza di stipendi da mesi, sta dominando il proprio campionato e ha raggiunto risultati straordinari in coppa. Eliminate infatti a domicilio sono state infatti due big di Liga come Siviglia e Almeria. Epico il risultato proprio contro questultimi, quando, sobbarcandosi un viaggio in pulman di 1300km sono andati a vincere in casa dei pi quotati avversari. Un comunicato dei giocatori gi in settimana aveva minacciato scioperi nel caso non si fosse dimessa tutta la societ in blocco. Ora si rischia lesclusione dalla manifestazione il prossimo anno ma i problemi sono ben altri, il club potrebbe scomparire. 17
Antonio Greco

DI NUNZIA CASOLARO

Tripletta per la pallanuoto partenopea che vince in ogni dove, in casa e fuori casa, riparando allo strafalcione dellultima giornata di campionato A1 dove la tripletta era invertita: tre sconfitte su tre! Fortunatamente ci sono poi giornate come questultima in cui si ricorre ai ripari, ma sarebbe forse meglio avere giornate del genere senza dover riparare nessun danno.
Occupano i due punti diametralmente opposti della classifica ma ci non dava nulla di scontato in questo match, anzi cera la certezza da parte dei rossoverdi di dover far fronte ad un match per nulla rilassante, visto la sete di punti della penultima in classifica. La dimostrazione di quanto detto la ritroviamo nel fatto che i ragazzi di Cufino siano riusciti a definire la vittoria solo a partire dalla terza fazione. Infatti dopo la parit delle tre reti del primo quarto ad opera di Gallo, Renzuto Iodice e Radovic per il Dooa e di Tomasic e la doppietta di Astarita per il Promogest, si sussegue un secondo quarto in cui il Posillipo riesce a mettere a segno solo due reti, di Radovic e Gallo ancora, al cospetto dellunica rete dei sardi, di Russo, ottenendo un minimo vantaggio che sarebbe potuto essere sventato. I rossoverdi per finalmente nella terza fazione riescono a sbloccare questa pericolosa situazione mettendo a punto un 2-0 grazie a Radovic e Saccoia, che gli fa conquistare un vantaggio di 3 punti quantomeno pi rassicurante. Nellultimo quarto il Promogest prova a rispondere con Russo che va a rete per primo, ma che viene poco dopo neutralizzato prima dalla rete di Renzuto Iodice e poi da quella di Radovic. Anche in questo match la situazione in classifica non cambia con il Posillipo che si riconferma al terzo posto ad un solo punto dai biancoazzurri dellAcquachiara, e il Promogest che resta ancora una volta penultimo in classifica con limminente paura di retrocessione. Promogest: Volarevic, Beltrame, Rinaldi, Steardo, Tullio, Simonetti, Pagliara, Sassanelli, Licata, Tomasic 1, Astarita 2, Russo 2, Fara Mattia. All. Pettinau Dooa Posillipo: Cappuccio, Dolce, Rossi, Foglio, Mattiello, Radovic 4 (1R), Renzuto Iodice 2, Gallo 2, Klikovac, Bertoli, Mandolini, Saccoia 1, Negri. All. Cufino Arbitri: Piano e Riccitelli 18

Dopo un match alquanto combattuto, la Canottieri prende e porta a casa i tre punti contro il Bogliasco, ripetendo la storia del girone dandata. Arrivati all 1-3 in favore degli ospiti in casa Scandone per le reti di Boero, Lanzoni e Marziali di fronte allunica rete giallorossa di Primorac, i ragazzi di Cufino cercano di regolare i conti con le quattro reti di Brguljan, Parisi, Buonocore e ancora Primorac, a cui nulla pu fare lulteriore rete del Bogliasco di Camilleri che non riesce a mettersi in pari. Dopo il primo quarto terminato in vantaggio per i padroni di casa per 5-4, il vantaggio viene riconfermato anche nel secondo quarto conclusosi con un parziale di 3-2 che permette ai ragazzi del Molosiglio di andare a pi due. Gli autori delle reti di casa sono stati Velotto e Brguljan che mette a punto una doppietta, mentre le due reti bogliasche sono entrambe opera di Lanzoni. Nella terza fazione nulla cambia visto il parziale in parit per i tre punti ciascuno messi in rete da Lanzoni, Di Somma e Camilleri per il Bogliasco, e Velotto e doppietta di Primorac per i napoletani. Nellultimo quarto ancora un punto di scarto del parziale che si aggiunge agli altri due conquistati nel primo e secondo quarto e che conduce i giallorossi alla vittoria conquistata e sudata durante tutto il match. Nulla pu infatti la doppietta di Camilleri e la rete di Di Somma nei confronti della tripletta messa a segno dal giovane Esposito, accompagnata dalla rete di Ronga, mettendo un punto a questa partita. Bella vittoria, partita giocata con grande determinazione senza mai perdere la testa. Bravi ragazzi, continuiamo cos e ci divertiremo Ancora di pi. Ecco le parole del capitano Buonocore che da buon capitano ringrazia la sua squadra per lottima prestazione invogliandoli a proseguire con la stessa determinazione in questa nuova avventura dellA1. I tre punti conquistati dai giallorossi non cambiano la situazione classifica dove resta sesta classificata, cos come il Bogliasco resta decimo, ma meglio acquisire punteggio in vista del derby con i cugini rossoverdi dove bisogner cambiare le carte che laltra volta sono state messe in tavola a favore del Posillipo.

Circolo Canottieri Napoli: Turiello, Buonocore 1, Campopiano, Borrelli, Brguljan 3(1 rig.), Morelli, Ronga 1, Primorac 4, Parisi 1, Velotto 2, Baraldi, Esposito 3, Vassallo. All. Zizza
Bogliasco: Dinu, Marziali 1, Di Somma, Vergano, Di Somma 2, Guidaldi, Camilleri 4, Boero 1, Barillari, Lanzoni 4 (1 rig.), Calcagno Mattia, Bruni, Vespa. All. Bettini Arbitri: Paoletti e Fusco. 19

Una Carpisa Yamamay Acquachiara in ottima forma e con il giusto grado di concentrazione ha annullato sin dal primo quarto tutte le speranze del Como di poter vincere e portare a casa questi tre punti che le permettevano di tenere la sesta posizione in classifica accompagnata dalla Canottieri, e viene dunque costretta a retrocedere al settimo posto. Al primo quarto i biancoazzurri vanno a rete in due, Di Costanzo e Draskovic, cos come vanno a rete in due anche nel secondo quarto con Saviano e ancora Di Costanzo mentre Kacic concede una sola rete ai lariani messa a punto da Hrosik. Altre due reti nella terza fazione per i ragazzi di De Crescenzo ad opera di Petkovic e ancora una volta Di Costanzo a cui il Como risponde con ununica rete di Pagani. Nellultimo quarto si volatilizzano tutte le speranze dei lariani di portare a casa una vittoria per le ancora due reti dei biancoazzurri sempre messe a punto da Petkovic e Di Costanzo che si fa protagonista dellintero match con queste quattro reti. Ci provano Cesini e Gaffuri a riaprire il conto ma Gambacorta lo chiude in favore della squadra partenopea. Il Como slitta dunque al settimo posto della classifica, alle spalle della Canottieri ma la situazione resta invariata per lAcquachiara che ad un solo punto di scarto appena al di sotto del podio alle spalle dei cugini rossoverdi.

Carpisa Yamamay Acquachiara: Kacic, Perez, Mattiello, Postiglione, Scotti Galletta, Petkovic 2(1 rig.), Gambacorta 1, Ferrone, Saviano 1, Draskovic 1, Di Costanzo 4, Sadovyy, La Moglia. All. De Crescenzo

Como Nuoto: Caprani, Foti, Susak, Pagani 1, Busilacchi, Ferraris, Hrosik 1, Jelaca, Gragnani, Pellegatta, Gaffuri 1, Cesini 1, Morbidelli. All. Piccardo
Arbitri: Brasiliano e Scappini

SEDICESIMA GIORNATA Dooa Posillipo - Circolo Canottieri Napoli Venerd 7 Febbraio ore 19:00 Rari Nantes Florentia Carpisa Yamamay Acquachiara Sabato 8 Febbraio ore 15:00
20

Comincia con una sconfitta il Sei Nazioni dellItalrugby che, si arrende al Galles 23-15. Al Millennium Stadium di Gardiff, contro i campioni in carica gli azzurri di Brunel non fanno una gara arrendevole. In campo con una squadra rimaneggiata e con due debuttanti: Esposito e Sarto, Parisse e compagni non sfigurano, realizzando due mete con Michele Campagnaro e, mettendo in difficolt gli avversari; ma alla fine devo inchinarsi ai gallesi. Lavvio di gara fa poco sperare in un colpaccio, dopo 4 minuti, Cuthbert schiaccia a terra la prima meta, che vola sul 7-0 dopo la trasformazione di Halfpenny. Con la punizione trasformata da Tommaso Allan, gli azzurri si fanno sotto, ma la speranza di agguantare gli avversari, svanisce quando Halfpenny, fissa il risultato su 17-3, dopo la meta di Williams. Nei primi 40 minuti, si vede una squadra azzurra, a risparmio energetico, ma nel secondo tempo, scende in campo la formazione migliore da quando alla guida c il tecnico francese. Subito sul terreno, gli azzurri accorciano le distanze con Campagnaro, ma sciupano loccasione di avvicinarsi ancora di pi. Allan sbaglia, infatti, la trasformazione, dopo la meta di Campagnaro.il vicentino sfortunato, quando, su punizione, centra il palo. Al 67, dopo un avvio tutto italiano, i gallesi ritornano protagonisti. Il solito Halfpenny, da calcio piazzato, regala ancora punti ai dragoni. Il migliore dei gallesi, per, sbaglia regalando, al migliore in campo nelle file azzurre, Campagnaro la seconda meta personale. Allan, questa volta non sbaglia la trasformazione e riduce a 5 i punti di svantaggio. Nel finale per il Galles tiene alta la pressione sugli azzurri e chiude i conti al 74' con un altro piazzato di Halfpenny: finisce 23-15. Per il Galles la diciottesima vittoria in 21 confronti con lItalia che, questa volta, esce dal terreno di gioco a testa alta e pu guardare con fiducia al prossimo impegno contro la Francia, a Roma. Annalisa Moccia

Vinsi il Giro della Campania a Sorrento nel 92, purtroppo quella manifestazione non c pi, sarebbe bello farla rinascere. Queste le parole del nuovo commissario tecnico azzurro Davide Cassani durante la presentazione della prima edizione dei 100km dellIsola Verde, gara ciclistica amatoriale che si disputer l11 Maggio ad Ischia.E un Cassani a 360gradi quello presente alliniziativa. Il selezionatore, oltre ad auspicarsi un pronto ritorno della corsa simbolo della regione, ha infatti parlato anche del territorio e dei giovani ciclisti campani. Qui ci sono sempre meno squadre giovanili ed difficile far crescere nuove speranza, fino a qualche anno fa cerano tanti bravi professionisti che venivano dalla Campania, ora tutto pi difficile. C tempo anche per parlare del percorso di gara : Ho potuto apprezzare la meravigliosa isola di Ischia lo scorso hanno al Giro dItalia, il percorso molto esigente perch di pianura ce n poca. Antonio Greco

Se non trovo una squadra entro 10-15 giorni mi ritiro. Queste parole pronunciate da un mostro sacro come Samuel Sanchez non potevano passare inosservate agli occhi degli addetti ai lavori. A 36anni c ancora posto nel mondo del ciclismo per uno che in fondo uno dei tanti non . Oro Olimpico a Pechino2008, un podio al Tour e ben tre alla Vuelta sono i punti pi alti di un palmares straordinario. Ad accoglierlo a braccia aperte, dopo il fallimento del suo ex team, gli spagnoli dellEuskaltel, la Bmc. La squadra, che tra le sue fila pu contare campioni del calibro di Evans e Gilbert e top team mondiale, non ha tardato ad offrirgli un contratto sfruttando il posto libero lasciato vuoto dalla squalifica di due anni inflitta ad Alessandro Ballan. Un altro vecchietto ad accasarsi il 41enne Cris Horner, fresco vincitore della scorsa Vuelta di Spagna. Lo statunitense invece si accaser invece alla Lampre. Antonio Greco

L'arco alpino piegato ai piedi della volont delle condizioni meteorologiche: programmi che si modificano, gare che si spostano, atleti che aspettano. L'1 febbraio in programma l'ultimo gigante femminile, a Kranjiskagora, prima della grande trasferta Russia. Gli uomini a St. Moritz (sui) hanno dovuto soccombere di fronte ai novi 50cm di neve caduti in pista, posticipando la partecipazione alla seconda prova della gara di Discesa libera. Dal po' in gi la situazione non migliore: il caldo si fa sentire e gli scrosci d'acqua sono troppo abbondanti impedendo il normale svolgimento della stagione invernale...insomma a chi troppo ed a chi poco! In attesa di maggiore benevolenza della "regina bianca" il mondo dello Sci Alpino arranca arrangiandosi come pu.. Speriamo che queste condizioni meteorologiche non inficino lo stato di preparazione e di forma degli atleti che viaggiano in direzione "fiamma olimpica". Chiara Carrat

Melissa Satta coroner presto il suo sogno di diventare mamma, regaler un figlio al noto calciatore Kevin Prince Boateng. Una gravidanza voluta fortemente, e giunta ormai al settimo mese. Momento magico per lex velina che per, le costata la rinuncia della conduzione di Tiki Taka, che ha dovuto abbandonare a causa della maternit. La futura mamma non ha nascosto infatti alla stampa e alle cronache rosa di aver lasciato a malincuore il suo ultimo impegno professionale, ammettendo: Mi dispiace per non aver potuto portare a termine la trasmissione. Solitamente non lascio mai niente a met, ma stavolta ho dovuto farlo per una causa nobilissima. Ma larrivo della cicogna non sar lunico evento imminente in casa Satta-Boateng: come annunciato dalla showgirl, infatti, la coppia di futuri ne-ogenitori coroner presto anche il sogno di convolare a nozze. Eleonora Brangi

Lo Skeleton deriva dal toboga, ma qui la slitta diventa sempre pi piccola fino a ridursi ad una specie di tappetino e il percorso contorto ed acrobatico. Diffuso in Svizzera, Usa e Canada principalmente, lo Skeleton si pratica slittando con la testa in avanti. Nato nel 1887, quando un certo Mc Cormick si lanci a testa in avanti per la prima volta, nel 1890 vedeva tutti i partecipanti all "Grand National" di St.Moritz lanciarsi allo stesso modo. Nel 1882 la slitta di metallo con lame di 22mm divent ufficiale, e lo Skeleton ebbe un nome. Nel 1906 il primo campionato in Austria, poi in Germania e nell'allora Unione Sovietica. Nel 1982 si svolto il primo World Championship presso St.Moritz. Ad oggi 27 nazioni presentano atleti per le gare di Skeleton. La disciplina dello Skeleton fece la prima apparizione ai Giochi olimpici invernali nelle edizione del 1928 e del 1948, entrambe disputate a St. Moritz in Svizzera, dove furono assegnate solo le medaglie nel singolo maschile. Dopo essere stato escluso dal programma olimpico per pi di mezzo secolo, nel 2002 a Salt Lake City negli Stati Uniti lo skeleton stato riproposto, con laggiunta della competizione femminile. Eleonora Brangi
Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Francesco Perfetto Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.

24

GLI ARTICOLI PER QUESTA VOLTA VERRANNO CORRETTI IN AULA

Al San Paolo di Napoli, lo scorso mercoled, andato in scena il match valido per laccesso alle semifinali di Coppa Italia tra i partenopei e la Lazio.La partita ha visto uscire vittoriosi gli uomini di Rafa Benitez per 1-0 grazie ad un goal di Gonzalo Higuain al 37 del secondo tempo. La Lazio di Eddy Reya con Klose indisponibile causa influenza, Floccari ceduto al Sassuolo, e Hdel Postiga in arrivo, si schiera in campo con un tridente di giovani, Felipe Anderson-Perea-Keita, 58 anni in tre, mentre Benitez si affida ai tenori Hamsik-Callejon-Insigne dietro lunica punta Higuain, a centrocampo esordio da titolare di Jorginho. Nel primo tempo le due squadre non giocano un buon calcio, poco ordinati in difesa e poche occasioni da goal, ma con il Napoli che assedia perennemente la met campo della biancoceleste senza trovare il guizzo vincente. Ci prova un buonissimo Jorginho che sfiora il goal con un tiro a giro che sinfrange sul palo. Nel secondo tempo sempre il Napoli a fare la partita e a schiacciare la Lazio nella propria met campo. E Higuain che riesce a sbloccare il risultato a 10 minuti dal termine, con un goal di tacco su un tiro-cross di Callejon. In semifinale il Napoli se la vedr contro la Roma di Rudi Garca, in gara doppia con andata il 5 febbraio 2014 allo Stadio Olimpico di Roma, cercando di rivendicare la bruciante sconfitta in campionato del 18 ottobre. Dario Vezzo

Ho

fiducia,anche se con la f minuscola, che Falcao possa esserci ai mondiali. Queste sono le parole del dottor Jos Noroha,un comunicato che ha fatto esultare unintera nazione, la Colombia, che adesso invoca ad alta voce il suo re: Radamel Falcao. Il giocatore in forza al Monaco di Claudio Ranieri si infortunato lo scorso 22 Gennaio nei sedicesimi di finale di Coppa di Francia contro Monts dOr Azergues. La diagnosi evidenziava una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Fine della storia? Neanche per sognoLintervento al ginocchio perfettamente riuscito e adesso El Tigre, soprannome datogli ai tempi del River Plate, sogna di andare in Brasile con la sua Colombia, che ha trascinato ai Mondiali a suon di gol. Falcao vuole entrare nella storia con la sua nazionale, che quest anno considerata una delle outsider per vincere il Mondiale. La corsa ai mondiali comincia adesso per El Tigre che vuole tornare a ruggire pi forte che mai.

Raffaele Agnello (Corso di Giornalismo Sportivo 2014)

stata svelata, tra la trepidante attesa dei tifosi del cavallino rampante, la nuova monoposto che parteciper al campionato mondiale di F 1 del 2014. Molto particolare il nome della vettura, che stato scelto con un sondaggio proposto sul web , che porter la dicitura: F 14 T. La particolarit sta nel fatto che il 14 proprio il numero scelto dal pilota di punta della rossa, Fernando Alonso, a testimoniare la grande empatia che lasturiano ha con i tifosi della Ferrari. Non era una scelta scontata in quanto solo da questanno le monoposto avranno i numeri fissi (come nel calcio) eccezion fata per il campione del mondo che garegger sempre con il numero 1. Liridato Sebastian Vettel ha gi opzionato, in caso di abdicazione al trono, il numero 5; Lewis Hamilton ha invece optato per il 44 mentre laltro ferrarista, Kimi Raikkonen, ha scelto il 7 (i maliziosi dicono che il motivo sia che il suo valore la met di quello di Alonso); per nulla scaramantici invece Pastor Maldonado e Jules Bianchi (allesordio) che scelgono rispettivamente il 13 e il 17, vedremo un po cosa combineranno in pista. Perfetto Giuseppe

Un

vecchio adagio degli sport americani recita cosi : gli attacchi vendono i biglietti, ma le difese vincono i campionati, e quanto mai questanno avremo la fortuna di testare questa affermazione. Ormai ci siamo, manca meno di una settimana allevento sportivo dellanno, il Superbowl , ospitato questanno al Metlife Stadium di East Rutherford in New Jersey, casa dei Giants. La finale della NFL (seguita da piu di 150 paesi mondiali in diretta televisiva), giunta ormai alla 48edizione, metter di fronte i Denver Broncos, vincitori della AFC, guidati da Payton Manning (nella foto in alto a sinistra) e detentori del primo attacco della nazione, contro i Seattle Seahawks, trionfatori della NFC, del probabile Defensive Player of the Year Richard Sherman (nella foto a destra) che guida la prima difesa della lega. Le due diverse facce della stessa moneta, lo Ying e lo Yang si affrontano quindi per alzare il Vince Lombardi Trophy; chi avr la meglio, la perfetta macchina da touchdowns di Manning (che con una vittoria consoliderebbe la sua carriera da Hall of Famer) o larcigna difesa della compagine dello stato di Washington? Appuntamento al 2 Febbraio insomma, quando al termine di una battaglia che si annuncia epica avremo finalmente la risposta. Angelo DAuria

Non voglio criticare l'operato del maestro Benitez che difatti vanta un curriculum tra i pi rispettosi ed invidiabili d'Europa e in ogni modo sta facendo una buonissima prima stagione in azzurro oltre ad essere un esempio per tutti coloro, i quali aspirano a sedersi su una panchina di un certo prestigio. Bens vorrei fare un piccolo appunto da persona che osserva e vive con passione il calcio ma in particolar modo il Napoli. Sicuramente il calcio in quanto calcio diverso da altri sport in cui la squadra pi esperta , di maggiore qualit individuale e corale ha una certezza del 99% di vincere contro una squadra che sulla carta notevolmente inferiore come spesso accade, un esempio potrebbe essere il rugby. Il calcio cos, bello proprio perch spesso imprevedibile ed impronosticabile ed l'incertezza della vittoria a rendere tutto pi entusiasmante e affascinante. Fatta questa premessa quando un tifoso segue con enfasi la squadra che ama da quando era bambino, riavvicinarsi agli anni doro del passato, diventando sempre pi una grande realt, tale da poter mettere in ginocchio club, tra i pi forti d'Europa, si incavola poi, quando vede la stessa squadra affrontare altre squadre decisamente pi alla portata con inspiegabile mediocrit. Allora mi chiedo al di l del sorprendente fattore campo e pallone e di eventuali rinforzi che non farebbero male al caso Napoli in particolare per aumentare la qualit di difesa e centrocampo, ma non il caso di provare a cambiare le carte e adattarsi qualche volta alle insidie tattiche di un calcio diverso da quello inglese o spagnolo?? Si spera ad ogni modo, prima o poi, di vedere un Napoli tenace sempre a prescindere dal livello dell'avversario.
(Enrico Izzo)

Nonostante la vittoria che permette il passaggio alle semifinali in cui la squadra partenopea incontrer la Roma di Rudi Garcia, il Napoli che va in scena nel mercoled di coppa risulta spento e senza idee. Partita decisa da una deviazione di istinto di Higuain su un tiro di Callejon al 35 del secondo tempo. Fronteggiato da una Lazio chiusa a riccio nella propria met campo, lundici schierato da Benitez appare lento e compassato. Undici, per, forse non proprio. In mezzo al campo, affiancato da un Inler pi che mai lontano dalla condizione migliore, c il neo acquisto Jorginho. Litalo-brasiliano conferma quanto di buono aveva fatto vedere nella prima parte del campionato disputato col Verona. Non solo piedi buoni, ma anche grande senso della posizione per questo ventitreenne che, in tutto larco della partita, si dimostra in grado in qualsiasi momento di prendere in mano le redini della squadra. Il centrocampista va anche vicino al gol quando, dal limite dellarea, fa partire un destro a giro che, dopo aver colpito il palo esterno, termina fuori. In attesa di un periodo di maggiore lucidit, Napoli pu festeggiare il passaggio del turno e godersi il suo nuovo numero 8. Domenico Annarumma

Nelle sale cinematografiche De Laurentiis il 19 dicembre presenta il suo cinepanettone "Colpi di fortuna", ma i tifosi partenopei infuriati per gli ultimi risultati attendono "colpi di mercato". Il presidente De Laurentiis risponde a suon di milioni comprando prima Henrique capitano del Palmeiras ed ex difensore del Barcellona , e Ghoulam terzino sinistro franco-algerino del Saint-Etienne. Colpi di mercato che pero non placano l'animo dei tifosi azzurri che stanchi di aspettare chiedono l'arrivo dei cosiddetti top player, per la rincorsa al secondo posto e per il conseguimento di traguardi importanti. C' da considerare, che oltre la vittoria in coppa con la Lazio, i partenopei hanno rallentato la loro marcia pareggiando esternamente con Bologna e Chievo , formazioni che lottano per non retrocedere in cadetteria. Per battere formazioni in lotta per la salvezza servono davvero colpi di mercato? Mattia Palermo

Mentre il Napoli cerca in Sud America e in Europa giovani talenti altre squadre gli rubano i talenti da sotto al naso. Testimonianza palese la storia di un ragazzo classe 98 che a soli 11 anni stato acquistato dal Milan. Cosimo La Ferrara questo il nome del talento sul quale oggi sono accesi i riflettori di Milanello. Era il 2007 quando venne visto dagli osservatori del Milan mentre lui si divertiva e faceva divertire giocando tra le file di una nota scuola calcio campana, la Mariano Keller. In quegli anni tante furano le squadre blasonate ad interessarsi al ragazzo nato a Secondigliano (NA), tra cui Barcellona, Inter e Manchester City, ma lui nel 2010 scelse il Milan. Grandi sono stati i miglioramenti sotto il profilo tecnico in questi anni e grande la stima conquistata da Cosimo tra gli addetti ai lavori. Attualmente gioca nella categoria Allievi ed allenato dallex calciatore di serie A Christian Brocchi ed anche nel giro della nazionale under 16. Non possiamo che augurargli un futuro ricco di successi e di soddisfazioni personali, in fondo nelle sue vene scorre sangue napoletano. TRAMONTANO ANTONIO

Jorge Luiz Frello Filho, in arte semplicemente Jorginho, faccia pulita e personalit da vendere, ieri enfant prodige nellHellas Verona, oggi centrocampista del Napoli. Nel match valido per quarti di finale di Coppa Italia contro la Lazio il giovane brasiliano viene buttato subito nella mischia e piazzato da Benitez al fianco di Inler dal 1minuto con lo scomodo compito di smistare il gioco, lui non fa una piega e risponde con carattere prendendo la squadra in mano. Non sembra avere piedi da regista Jorginho bens da trequartista, ma non conta, abbina la tecnica a una intelligenza tattica da veterano e con movimenti sempre precisi si smarca ponendosi sempre al centro del gioco aiutando i compagni, con massimo due tocchi velocizza la manovra tentando pi volte tenta di lanciare a rete i compagni del reparto avanzato con passaggi in profondit e, come se non bastasse, va vicino al gol con un tiro a giro che si stampa sul palo. Classe 1991 ha dimostrato che la bravura di un atleta non si vede dalla carta didentit e che passa prima dalla testa che dai piedi. Risultato si guadagna immediatamente stima del tecnico e al 90esimo minuto la Standing Ovation, concessagli da questultimo, davanti ai suoi nuovi, non facili, tifosi. Gianluca Castellano

Thorpedo ricoverato! Disintossicazione da alcool o semplice intervento alla spalla? Una prima versione vede lex campione olimpico ricoverato in una clinica a Sydney per riabilitazione da depressione e abuso di alcool. A richiedere il ricovero sarebbero stati i famigliari preoccupati per un incidente domestico avvenuto in casa dei genitori, segno dellaggravarsi del suo stato psicofisico. In poche ore la notizia ha fatto il giro del mondo, ma non si fatta attendere la smentita da parte della societ che gestisce limmagine di Thorpe, la quale afferma che Ian non era in ospedale per riabilitazione, ma per un intervento alla spalla, conseguenza di un infortunio causato sempre dal medesimo incidente domestico. Ma fu proprio lamato campione australiano a dichiarare nella sua biografia di soffrire di una depressione paralizzante usando lalcool come mezzo per liberarsi da pensieri terribili, tra i tanti quello di togliersi la vita. La cosa certa che non si dimentica chi ha fatto la storia di uno sport ed ora che lavversario da battere il pi duro, Thorpedo avr sempre il sostegno degli amanti del nuoto ai quali ha regalato grandi emozioni. Giusy Di Fusco

Il sette volte campione del mondo di formula 1, che da un mese lotta tra la vita e la morte, ha riaperto gli occhi e battuto le palpebre: segno, per i medici, di probabile uscita dal coma. Micheal Shumacher versa in queste condizioni dal 29 dicembre scorso, giorno in cui stato ricoverato a Grenoble a seguito di un misterioso fuoripista avvenuto nella localit sciistica di Meribel, ai confini con la Francia. Il coma farmacologico in cui stato indotto il pilota, si era reso necessario per favorirne la ripresa ed adesso sono state avviate le procedure di risveglio, che potr avere una durata molto variabile. Il team della Ferrari ha voluto incoraggiare Shumi durante i test di prova delle monoposto svolti in questi giorni a Jerez de la Frontera, facendo capeggiare su un cartello <<Forza Micheal>>. Numerosi attestati di stima sono giunti dai piloti delle altre scuderie e da tifosi e non del cavallino rampante, segnali di grande ammirazione e vicinanza nei confronti del pluricampione tedesco che sta correndo la sua gara pi difficile. Pasquale Sannino

Si parla spesso di danza e di tutti i benefici che questa dona al nostro corpo, ma ultimamente tra le modaiole si sente spesso parlare di BELLY DANCE o meglio DANZA DEL VENTRE. Oggi diverse scuole di danza hanno introdotto questa nuova disciplina da origini antichissime orientali. Si pu anche dire che una danza magica poich veniva danzata dalle donne in epoca arcaica durante i riti di fecondit e prosperit. Impiantata oggi anche in occidente viene spesso riproposta esclusivamente come danza sensuale di corteggiamento verso laltro sesso, ma non proprio cos! La danza del ventre una danza fatta dalle donne per le donne aiuta a trovare o ritrovare la femminilit che ogni donna possiede anche nella vita di tutti i giorni quando per ritmi frenetici non ci si guarda nemmeno allo specchio ma non solo, la danza del ventre porta benefici veri e propri al nostro corpo infatti, aiuta ad avere una postura migliore, i gruppi muscolari che si attaccano ai legamenti ed alle vertebre creano i movimenti dell area toracica e pelvica quindi la danza del ventre tonifica questi muscoli e garantisce flessibilit in modo sicuro ed efficace, perci viene anche utilizzata come esercizio pre-natale poich rinforza i muscoli utilizzati durante il parto, come i colpi di anca che sono simili agli esercizi insegnati ai corsi di pre-parto. Questa danza del benessere racchiude il linguaggio della femminilit, il ritmo della musica cattura il corpo delle danzatrici che si muovono sinuosamente con cinture ricche di medaglie allacciate in vita che permettono attraverso movimenti che coinvolgono anche braccia, busto e fianchi alla costruzione di una coreografia anche improvvisata con la combinazione di passi base che vedono in maniera simbolica la rappresentazione di diverse figura appartenenti alla natura. Lidiana Iocco

In

un calcio sempre pi governato dallesigenze del marketing, impoverito dei valori per lasciar spazio a fenomeni di corruzione e scandali sempre pi ricorrenti, bene riflettere su cosa ci tenga ancora ancorati al divano o (sempre pi di rado) al posto allo stadio : Il Fuoriclasse. grazie alla presenza di questi atleti speciali che riusciamo ancora ad emozionarci per un gesto tecnico impensabile effettuato da loro con la massima naturalezza. nello stupore di un bambino e nella sua voglia di emulare i grandi giocatori che il calcio si assicura la sua vita intesa come sport e non come meccanismo per produrre soldi . Il calcio di chi lo ama e vive dei sogni delle persone. Il fuoriclasse , che molto spesso viene identificato con la maglia numero 10 coincide nellimmaginario comune con il fantasista . Finch ci saranno giocatori come Francesco Totti , Messi , Del Piero, capaci di trasformare in poesia un semplice calcio ad un pallone la passione non svanir e le speranze di tutti i veri tifosi di assistere ad uno sport sano potranno realizzarsi. Salvatore Belardi

Sabato 01 Febbraio al Millennium Stadium di Cardiff, si svolta la prima partita di RUGBY SEI NAZIONI GALLES ITALIA. Nei primi cinque minuti il Galles riesce, grazie ad un errore di distrazione dellItalia, a fare meta ed incassa i primi 7 punti. Durante il primo tempo, lItalia riesce a conquistare due splendide mischie e grazie ad un calcio di punizione conquistano i loro primi 3 punti. Il Galles con delle bellissime azioni e grazie ad un altro errore dellItalia riesce a fare un altra meta, e dopo un po con un calcio di punizione da 36 metri di distanza segna altri punti e si porta in vantaggio nel primo tempo con 17-3. Iniziato il secondo tempo lItalia, partendo dalla difesa, riesce a fare una meta con una bellissima corsa che brucia tutto il campo. Moltissime azioni e scontri spettacolari da entrambe le squadre, con qualche infortunio non grave. La partita finisce con la vittoria del Galles 23 a 15.

Adriano Tomassi

Erik Thoir, neo presidente dellInter, ha appena superato il suo primo calciomercato tra alti e bassi. Lintenzione era di vendere per poi acquistare giocatori giovani, talentuosi e che sarebbero rientrati nei parametri richiesti dalla societ. Tutto ha inizio allinizio di gennaio quando la societ neroazzurra ha deciso di riportare a casa il giovane talento classe 1991 Ruben Botta, dato in prestito al Livorno. Poi il nulla. Tra le tante voci riguardo i giocatori accostati alla societ di Corso Vittorio Emanuele II veritiera stata quella di Danilo DAmbrosio, esterno di fascia sinistra prelevato dal Torino per una cifra intorno al milione e mezzo pi le compropriet di Benassi e Colombi. La trattativa che ha fatto discutere molto gli esperti di calcio, e fatto infuriare i tifosi, stata quella con la Juventus riguardante Guarin e Vucinic. A portare avanti la trattativa stato il direttore generale Fassone, il direttore sportivo Ausilio e il direttore dellarea tecnica Branca. Solo una telefonata di ET ha fermato tutto con lo stupore di tutti, unici felici i tifosi interisti giunti in massa sotto la sede dellInter. In seguito stata intavolata la trattativa per portare a Milano Hernanes, centrocampista tuttofare della Lazio che piace tantissimo a Mazzarri. Trattativa lunga e difficile che si resa concreta solo allultimo giorno di mercato per una cifra intorno ai 20 milioni di euro. Altra entrata stata quella del giovane peruviano classe 1994 del Deportivo San Martin, Andy Polo. In uscita, invece, si sono registrate le cessioni di Belfodil (prestito oneroso al Livorno); Alvaro Pereira (prestito con diritto di riscatto fino al 30 giugno 2015 al San Paolo); Samuele Longo (al Rajo Vallecano anchegli in prestito).

Dario Vezzo

Si avvicina la data di avvio del mondiale brasiliano e con esso si accentuano anche le problematiche inerenti al perfetto svolgimento della competizione,che vedr impegnate le pi forti e meritevoli compagini nazionali. In questa occasione oltre allaspetto prettamente calcistico , si discusso molto sui costi di gestione per lorganizzazione globale dellevento e, soprattutto, delle piaghe della prostituzione,problematica gi esistente allinterno della stessa nazione. Sui costi di gestione intervenuto il celebre calciatore Romario,ex pallone doro 1994,ora in politica, dichiarando: Quando ci stata assegnata lorganizzazione del Mondiale, il Governo assicuro che solo il 10% della spesa sarebbe stata pubblica, mentre per il 90% sarebbe stata assicurata da privati. Oggi abbiamo la certezza che la spesa pubblica salita fino al 100%.......sta di fatto che lintero popolo in rivolta per labnorme spesa che comporta l intera preparazione dell evento,protesta pi che fondata visto che a oggi il tasso di povert della famiglie di circa 60% Per quanto riguarda il problema della prostituzione tra giugno e luglio 2014 le stime prevedono un afflusso di 600mila turisti che si muoveranno all'interno del Paese per seguire le partite,cio comporta un incremento di tale mercato che potrebbe coinvolgere anche i minori proprio per la mancanza di denaro nelle famiglie, costringendo cos i genitori a vendere il corpo del proprio figlio,sfruttando appunto tale evento Quindi in conclusione con il mondiale alle porte si delineano contesti tutt altro che festosi ,niente a che vedere con limmagine briosa e affascinante di questo meravigliosa nazione Andrea Palladino

Roger Federer in carriera ha vinto tutto, o quasi. Perch anche nel suo incredibile palmars manca ancora un grande trofeo, lunica competizione a squadre nel mondo del tennis: la Coppa Davis, in realt snobbata pi volte in passato dal Campione svizzero. Ma il 2014, con la definitiva consacrazione del connazionale Wawrinka, potrebbe rappresentare la volta buona (se non lunica) per i rossocrociati. Un tabellone clemente ha offerto al primo turno la Serbia orfana di Djokovic, subito spazzata via, e nei quarti dar in pasto agli svizzeri una tra Kazakistan e Belgio, entrambi modesti rivali. Con altre temibili e blasonate avversarie gi fuori dai giochi (leggasi: la Spagna di Nadal), perch non approfittarne? Dopo la vittoria di Wawrinka agli Australian Open, la Svizzera pu contare su due autentici Campioni e disporre del team pi forte della propria storia. Federer non doveva neanche esserci a Novi Sad contro i Serbi: eppure, la sua presenza (annunciata allultimo momento) probabilmente servita a mandare un messaggio chiaro a tutti: questanno, per la Davis, c anche la Svizzera. Alessandro Testa

Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Giuseppe Vecchione Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.