Sei sulla pagina 1di 4

Convegno Nazionale GRICU 2012

Estrazione di metalli pesanti da suoli contaminati tramite EDTA M. Bientinesi1, A. Ferraro2, L. Petarca3
1

Consorzio Polo Tecnologico Magona, via Magona, Cecina (LI), 57023 matteo.bientinesi@polomagona.it
2

Gruppo Ageco, Via della Madonnina, Lunata, Capannori (LU), 55012 ferraro.a@gruppoageco.it
3

Dipartimento di Ingegneria chimica, Chimica industriale e Scienza dei materiali, Universit di Pisa, Largo L. Lazzarino 1, Pisa, 56122 l.petarca@diccism.unipi.it
Sommario. Lestrazione in acqua di metalli pesanti con lutilizzo di acido etilendiamminotetraacetico (EDTA) stata studiata in una serie di esperimenti condotti in un reattore batch, per diversi campioni di suoli contaminati. I test sono stati condotti variando pH (tra 4 e 7), concentrazione di EDTA (0.05 mol/L e 0.2 mol/L), rapporto liquido/solido secco (4 e 6 L/kg). Ogni campione stato sottoposto a pi stadi (fino a 3) di lisciviazione e filtrazione. Utilizzando un opportuno eccesso di EDTA rispetto allo stechiometrico, il trattamento risultato efficace e selettivo rispetto a metalli quali piombo, rame, zinco e manganese, mentre la rimozione del mercurio risultata limitata. E stata valutata la possibilit di recuperare lEDTA dalle soluzioni di lisciviazione, attraverso acidificazione delle stesse. I risultati hanno mostrato livelli di recupero del reagente superiori al 95%.

Parole Chiave. Metalli pesanti, bonifica di suoli, EDTA


Abstract. Heavy metal extraction from soil by ethylenediaminetetraacetic acid (EDTA) was studied in batch experiments for different kinds of contaminated soil. The tests were performed at different values of pH (ranging from 4 to 7), EDTA concentration (0.05 M and 0.2 M), and liquid/dry solid ratio (4 and 6 L/Kg). Using excess EDTA, the treatment results effective, with a high selectivity of EDTA towards lead, copper, zinc and manganese. The treatment was ineffective for mercury. The possibility of recovering excess EDTA from the spent solution was experimentally evaluated by adding hydrochloric acid. Results showed EDTA recovery over 95% can be obtained.

Keywords. Heavy metals, soil remediation, EDTA

1. INTRODUZIONE
Linquinamento dei suoli da metalli pesanti (quali piombo, mercurio, arsenico, cromo, cadmio, rame) e la conseguente contaminazione delle falde acquifere rappresentano un problema comune a molti siti industriali. Gli approcci possibili al trattamento di tali suoli contaminati sono

M. Bientinesi et al.

molteplici. Fra le pratiche in uso prevista lestrazione per lavaggio con soluzioni acquose [1-3]. Tra i reagenti chimici capaci di rimuovere i metalli pesanti da suoli contaminati, gli agenti chelanti sono tra i pi studiati, in quanto comportano un impatto minimo sulle caratteristiche del suolo e possono avere azione selettiva. In questo studio, stato selezionato come reagente lacido etilendiamminotetraacetico (EDTA), principalmente per le rese di rimozione elevate evidenziate in studi precedenti e perch non altera sensibilmente le propriet fisiche e chimiche del terreno [2, 4-6]. Lo scopo di questo studio stato quello di determinare lefficienza di estrazione dellEDTA per due tipologie di suoli provenienti da diversi siti contaminati, cercando di ottimizzare i parametri chimici, fisici ed economici del processo, e stimando la possibilit di recuperare e riciclare lagente chelante.

2. METODOLOGIA
Sono stati considerati quattro campioni di suolo prelevati in aree industriali. Due campioni (A330 e A1070) si riferiscono ad un impianto di electroplating e sono contaminati essenzialmente con zinco. Altri due altri campioni (1262-HM e 1581-HM) sono stati prelevati in siti contaminati con diverse specie metalliche (Tabella 1).
Terreno A330 A1070 1262-HM 11600 113 1581-HM 12520 162 1 1 92 3240 48970 47 254 54060 42 25 604 103 4558 19 385 59 3315 19 Al As Cd Cr Cu Fe Hg Mn Ni Pb Se Zn 317 1014 697 444 Corg 3% 3% 6.5% 15%

Tabella 1: Contenuto di metalli pesanti (in ppm) e carbonio organico dei campioni di terreno.

Tutti i campioni sono stati essiccati, setacciati su un vaglio con luce 2 mm per eliminare le particelle grossolane, e stoccati a umidit controllata in contenitori sigillati fino alle prove di lisciviazione. I test sono stati condotti con soluzioni a due diverse concentrazioni di EDTA (0.05 M e 0.2 M). La soluzione 0.05 M a pH 4.2. La soluzione 0.2 M stata portata a pH 5 per aggiunta di NaOH per evitare la precipitazione dellEDTA. Lanalisi ICP/AES stata utilizzata per determinare le concentrazioni di metalli nei suoli (dopo digestione acida con HNO 3/HCl/H2O2) e nelle soluzioni di lisciviazione. I test di lisciviazione sono stati condotti aggiungendo ai campioni di terreno le soluzioni di EDTA in un reattore agitato per 24 ore; la procedura stata ripetuta per due o tre volte su ciascun campione. Il

Estrazione di metalli pesanti da suoli contaminati tramite EDTA

rapporto liquido/solido secco per la lisciviazione stato di 4 L/kg o 6 L/kg.

3. RISULTATI E DISCUSSIONE 3.1 Suoli contaminati con zinco


I risultati dei test sui campioni A330 e A1070 sono sintetizzati in Figura 1. Tali risultati indicano che: a parit di rapporto solido/liquido, dato il largo eccesso di EDTA rispetto allo zinco, la quantit di zinco estratta indipendente dalla concentrazione di chelante; le rese di estrazione con tre stadi di lisciviazione superano in ogni caso l80%; le condizioni ottimali per il trattamento sono rapporto liquido/solido 6 L/kg, rapporto molare EDTA/metalli 10; pH tra 4 e 5.5.

Figura 1: Recupero di zinco in tre stadi successivi di lisciviazione per il campione A330 (a) e per il campione A1070 (b).

3.2 Suoli pluricontaminati


I risultati dei test sul campione 1262-HM contaminato con diverse specie metalliche sono riportati in Figura 2. Data lelevata concentrazione di ferro e alluminio, lagente chelante risulta in difetto rispetto alla totalit degli ioni metallici. Di conseguenza, le rese di rimozione risultano insufficienti per tutta una serie di elementi. Il trattamento risulta comunque selettivo per alcuni elementi, in particolare per il piombo, per cui si ottengono rese di rimozione superiori all80% con due soli stadi di lisciviazione. I risultati mostrano il seguente ordine preferenziale di estrazione con EDTA: Pb>CuCd>MnZn>Ni. La bassa rimozione di cromo pu essere attribuibile ai bassi livelli di concentrazione iniziale nel terreno. Il trattamento risulta invece inefficace per il mercurio e larsenico. Per il campione 1262-HM si sono ottenute rese di rimozione pi basse, probabilmente in conseguenza del pi elevato contenuto di materia organica, che esercita unazione legante competitiva con lEDTA [4,7].

M. Bientinesi et al.

Figura 2: Recupero di zinco in due stadi sul campione 1581-HM con a) e b) EDTA 0.05 M e rapporto L/S 4 L/kg, c) e d) EDTA 0.2 M e rapporto L/S 6 L/kg.

3.3 Recupero di EDTA


Sono state condotte prove di recupero di EDTA su campioni di soluzione 0.2 M utilizzati per lestrazione dei metalli, acidificandoli con HCl fino a pH 1. Ci comporta la formazione di un precipitato caratterizzato come EDTA, con rese di recupero dellordine del 95%.

BIBLIOGRAFIA
[1] Abumaizar RJ, Smith EH: Heavy metal contaminants removal by soil washing, J. Hazard. Mater. B70 (1999) 71-86. [2] Nami Kartal S: Removal of copper, chromium, and arsenic from CCAC treated wood by EDTA extraction, Waste Manage. 23 (2003) 537-546. [3] US EPA: A Citizens Guide to Soil Washing, EPA 542-F-96-002 (1996). [4] Lo IMC, Yang XY: EDTA extraction of heavy metals from different soil fractions and synthetic soils, Water Air Soil. Poll.109 (1999) 219-236. [5] Samani Z, et al.: Remediation of lead contaminated soil by column extraction with EDTA: II. Modelling, Water Air Soil. Poll. 102 (1998) 221238. [6] Heil DM, et al.: Remediation of lead contamined soil by EDTA. I. Batch and Column studies, Water Air Soil. Poll. 113 (1999) 77-95. [7] Strawn DG, Sparks DL: Effects of Soil Organic Matter on the Kinetics and Mechanisms of Pb(II) Sorption and Desorption in Soil, Soil Sci. Soc. Am. J. 64 (2000) 144-156.