Sei sulla pagina 1di 2

La tradizione enologica francese certamente uno dei pi importanti modelli di produzione enologica del mondo; la Francia, infatti, stato

to il primo Paese a dedicare molta attenzione alle tecniche enologiche e alla qualit delle uve, tanto da diventare un modello per molti altri Paesi. Nel corso dei secoli, la coltivazione delle viti, le tecniche produttive e di commercializzazione del prodotto finito sono cresciute fino ad arrivare ad uno standard unico. Le superfici coltivate a vite si estendono su quasi tutto il territorio nazionale. lcune aree geografiche si distinguono per la qualit della produzione, ad esempio la zona di !ordeau" conosciuta soprattutto per i vitigni #erlot, $a%ernet &auvignon e $a%ernet Franc; la 'alle della Loira per il &auvignon !lanc. ( Le principali uve coltivate in Francia sono) $hardonna*, $henin !lanc, #oscato %ianco, #uscadet, Pinot !ianco, +iesling, &auvignon !lanc, &,millon, &ilvaner, -gni !lanc .uve %ianche/. ( $a%ernet Franc, $a%ernet &auvignon, $arignano, 0ama*, 0renache, #erlot, Pinot Nero, &*rah .uve rosse/. Le zone AOC francesi sono dieci: l nord a%%iamo la Champagne che produce vini spumanti con il metodo champenoise derivati da uve $hardonna*, Pinot Nero e Pinot #eunier, e vini fermi .%ianchi, rossi e rosati/. L1Alsazia produce vini %ianchi derivati da uve 0e23rztraminer, +iesling, #oscato %ianco, Pinot 0rigio e vendemmie tardive; tra tutti i vini prodotti nella zona ricordiamo i Slection de Grains Nobles .vini dolci liquorosi/. Le 4$ sono soltanto tre) lsace, lsace 0rand $ru e $r,mant d5 lsace. l centro troviamo la Jura e la Savoia. La 6ura nota per i Vins de Paille e i Vins Launes. Le 4$ della 6ura sono r%ois, L57toile, $8tes du 6ura, $h9teau $h9lon, #acvin du 6ura e $r,mant du 6ura. Le 4$ della &avoia sono $r,p*, +oussette de &avie, &e*ssel e 'in de &avie. La Borgogna produce vini rossi e %ianchi. Le principali 4$ per i rossi sono lo"e:$orton, 0evre*: $ham%ertin, Pommard, #ercure*, !eau;olais, #oulin::'ent; tra le 4$ per i %ianchi citiamo $ha%lis, &aint: ',ran, !ourgogne ligot, !ouzeron e +ull*. La Valle della Loira produce vini %ianchi, rossi, rosati e 'in de Pa*s. <ra le 4$ principali ricordiamo n;ou, $hevern*, #uscadet de &vre:et:#aine e #uscadet des $8tes de 0randlieu. l sud troviamo la Valle del Rodano, famosa per i vini rossi. <ra le oc ricordiamo $lairette de =ie, $r,mant de =ie, $8tes du +h8ne, $h9teau:0rillet, $8te:+8tie e $ondrieu. La Languedoc-Roussillon produce vini %ianchi, rossi e Vins Doux Naturels (Muscat de Rivesaltes, Muscat de Lunel, Muscat de Frontignan, etc/. Le 4$ principali sono $8tes du +oussillon:'illages, $ollioure, Faugres, Fitou e Limou". La rancia Sud-occiden!ale produce vini %ianchi e rossi. Le 4$ principali sono !uzet, $8tes du Frontonnais, $8tes de &aint:#ont, #on%azillac, <ursan e &aussignac. La "rovenza e la Corsica sono note per i vini rosati, %ianchi e rossi. Le 4$ principali della Provenza sono !andol, $assis, $oteau" d5 i":en:Provence et Les !au":de:Provence, $8tes de Provenne e Palette. Le 4$ della $orsica sono ;accio, #uscat du $ap $orse, Patrimonio e 'in de $orse. La zona di Bordeau# la pi vasta zona vitata della Francia; si producono soprattutto vini rossi derivati dai cosiddetti uvaggi bordolesi .$a%ernet Franc, $a%ernet &auvignon e #erlot/. <ra le principali 4$ per i vini rossi sono Pessac:L,ognan, 0raves, #,doc e >aut:#,doc; per i vini %ianchi ricordiamo $,rons, $adillac, &auternes et !arsac, ?ntre:=eu":#ers. @l sistema di controllo di qualit dei vini francesi . 4$, ppellation d54rigine $ontr8l,e, detto anche $, ppellation $ontr8l,e/ nato intorno agli anni 1AB del secolo scorso, sulla %ase del modello sta%ilito qualche anno prima dal !arone Le +o* per produrre i propri vini. Nel CDAE nato l5@N 4 .@nstitut National des ppelations d54rigine/, con lo scopo di disciplinare la produzione delle singole 4$. @ criteri che permettono ad un vino di ottenere la denominazione di origine controllata sono sette) uve, territorio, pratic e colturali, resa, tecnic e enologic e, grado alcolico e controlli organolettici . @l sistema di qualit prevede inoltre quattro categorie) ppellation d54rigine $ontr8l,e, 4$; 'in =,limit, de Fualit, &up,rieure, '=F&; 'in de Pa*s; 'in de <a%le. @n molte etichette vengono inoltre utilizzate altre diciture per descrivere la qualit del vino, ad esempio $ru per indicare una determinata zona, ma anche un singolo vigneto, che produce vini con caratteristiche uniche; 0rand $ru, termine utilizzato in !orgogna, nella $hampagne e nell5 lsazia per indicare un vino prodotto con uve di qualit superiore; 0rands $rus $lass,s, termine utilizzato nei vini di !ordeau" per indicare un vino appartenente alla classifica voluta da Napoleone @@@ nel CGEE e modificata nel CDHA .si distinguono cinque classi, Premiers crus, =eu"imes crus, <roisimes crus, Fuatrimes crus, $inquimes crus/; $ru !ourgeois, per indicare i vini del %ordolese; &up,rieur indicare un vino con grado alcolico maggiore rispetto alla tipologia di appartenenza; $h9teau indica un1azienda vinicola, ed seguito dal nome dell1azienda. Sau!ernes e Barsac: grandi vini dolci francesi

=ei viticoltori francesi non si puI certo dire che manchino d1ingegno) sem%ra che nei secoli scorsi la cantina Cha!eau d$%&uem, nel comune di &auternes .posto nella zona di !ordeau"/ a%%ia su%ito con gli attacchi di una muffa, la !otr*tis cinerea .comunemente detta Jmuffa grigiaK/. L1infestazione avre%%e potuto rovinare i raccolti, ma per fortuna si limitI a rendere il vino particolarmente dolce e alcolico. ? straordinariamente %uono, tanto che divenne uno dei vini preferiti alla corte dello zar di +ussia. La produzione di %ianchi dolci nella zona interessata .cinque comuni in tutto/ continua almeno dal 'V(( secolo, accompagnata da quella di rossi secchi .tipici della zona %ordolese/, ma solo con la vinificazione di grappoli attaccati dalla Jmuffa no%ileK che si iniziI ad ottenere un vino veramente eccezionale. @ vitigni utilizzati sono &emignon .GBL circa/ , &auvignon !lanc .dall1CC al MBL circa/ ed eventualmente #uscadelle .dallo B al DL, anche se a%itualmente se ne impiegano percentuali minime/. L1attacco della muffa diminuisce la quantit di acqua presente negli acini e aumen!a la concen!razione di zuccheri, aggiungendo allo stesso tempo sostanze aromatiche peculiari. La vendemmia va eseguita rigorosamente a mano .l1uva ha una %uccia molto sottile e si rovinere%%e impiegando mezzi meccanici/ selezionando solo i grappoli giunti a una perfetta sovrammaturazione. L1operazione va ripe!u!a diverse vol!e .fino a CM/, quindi si passa a una pigiatura molto delicata e a una fermentazione lunga circa un anno. La resa %assissima) da una pian!a di vite si ottiene non pi di un )icchiere di vino. L1affinamento dura un minimo di M :A anni, ma puI protrarsi molto pi a lungo .fino ad un secolo ed oltre/ se eseguito nelle condizioni ideali. @l risultato un tipico vino da medi!azione oppure da accompagnare a formaggi saporiti; per i francesi l1a%%inamento con il foie gras d1o%%ligo. Fuesto vero per le anna!e favorevoli) in effetti, se non si verificano le condizioni climatiche ideali, l1attacco della muffa potre%%e essere insufficiente o eccessivo, quindi la vendemmia sare%%e persa. l contrario, le annate particolarmente felici producono vini eccezionali e memora%ili destinati a lasciare il segno negli annali degli appassionati, nonch, sul loro portafogli. 0i, perch, le caratteristiche produttive di questo vino determinano cos!i al!issimi, soprattutto per quanto riguarda le cantine pi %lasonate. <ra queste si distingue Cha!eau d$%&uem, che fin dal CGEE si fregia di una denominazione di qualit creata appositamente per i propri vini, essendo l1unico Premier $ru &up,rieur tra i &auternes. Pur senza raggiungere le vette di prezzo di questo vero fuoriclasse, i prezzi dei &auternes sono sempre piuttosto elevati, e in effetti nel nostro Paese si trovano pi facilmente delle piccole %ottiglie da AH,E cl rispetto a quelle classiche da HE cl, che costano comunque non meno di *+,*- .. <rattandosi di un vino da centellinare .anche per via della gradazione alcolica che supera facilmente i CGN/ la spesa non tutto sommato proi%itiva per gli appassionati. @ produttori del comune di Barsac, il pi settentrionale, possono utilizzare la denominazione &auternes o la pi particolare !arsac) la seconda opzione scelta dai produttori pi prestigiosi per distinguere i loro vini, che comunque hanno sostanzialmente le stesse caratteristiche dei &auternes. &i tratta comunque di un prodotto di nicchia non facilmente reperi%ile e costosissimo. -n %uon &auternes il vino pi difficile, costoso e faticoso da produrre al mondo, per cui la ricompensa per il viticoltore alquanto minima. tale riguardo, si deve convenire col punto di vista del conte le"andre de L-+:& L-$?&, proprietario dello $hateau d5Oquem, che dopo oltre trentanni di vari tentativi di conquistare un sostegno popolare per la produzione vinicola, quando gli venne chiesto di giustificare l5elevato prezzo di Oquem, disse semplicemente che PQi miei vini non sono fatti per tutti, ma solo per coloro che possono davvero permetterseloP. ?h gi, purtroppo la verit, se si considera che l5annata CDGB, %ottiglia da HE cl., in enoteca venduta mediamente da HEB a CBBB R, per cui senz5altro vale la pena di assaggiare questo nettare %acchicoSSS &i presenta giallo paglierino intenso con evidenti e marcate sfumature dorate, tendenti all5am%rato se giustamente affinato per oltre CE:MB anni. Profumi e dolci sentori potenti che sfidano i sensi ed impressionano per la complessit evolutiva dalla trama di frutta %ianca molto matura ed essiccata quali, ananas, pesca ed al%icocca ed i caratteri del costoso legno nuovo di llier si evidenziano in una molteplice sontuosit di vaniglia, miele e spezie dolci, mor%ido ed avvolgente dalla grande struttura ed armonicit, caldo di alcol dal raro, delicato e personalissimo finale amarognolo. @n particolare, un evidente e riconosci%ile carattere %otritizzato. @l Pmarige parfaitP ci conduce al fois gras, a formaggi cremosi dolci ma aggressivi e piccanti, a dolci ricchi di struttura, aromi e potenzialit gustativa come mousse, %avarese o savarin anche riccamente cioccolatosi. &ervire in piccoli tulipani a CT:CUN$ eQ. la sant,S