Sei sulla pagina 1di 22

Capitolo 7 SISTEMI DI MEMORIA Memoria un insieme di costellazione e processi di sistemi diversi.

. Non una facolt unitaria come alcuni studiosi pensavano. Endel Tulving sostiene che ricordare significa viaggiare nel tempo, cio in un tempo mentale , che segna il trascorre della nostra vita e determina la continuit della nostra identit. Il ricordo fatto di elementi diversi:immagini, suoni,odori , emozioni che derivano dal funzionamento di sistemi mnestici differenti ma in interazione tra loro. Per avere il ricordo linformazione deve essere Recuperata in un preciso tempo e luogo e con un riferimento a se stessi in quanto partecipanti allepisodio. In un ricordo entra in gioco il SISTEMA DI MEMORIA , che fornisce la conoscenza concettuale, IL SISTEMA DI MEMORIA EPISODICA che ci fa ricordare il tempo e il luogo in cui lepisodio avvenuto , IL SISTEMA DI MEMORIA VISIVA che ci dice come sono fatte le cose, IL SISTEMA DI MEMORIA PROCEDURALE che ci dice come si fa una cosa, ILSISTEMA DI MEMORIA VERBALE che ci permette di tradurre i pensieri in parole , infine IL SITEMA DI MEMORIA AUTOBIOGRAFICA che ci fa riferire a noi stesi levento rievocato. UN SISTEMA insieme di elementi collegati a formare una totalit strutturale e funzionale. Ogni struttura neurale svolge un ruolo specializzato allinterno del sistema. Perch ci sia ricordo linformazione deve essere acquisite cio ci deve essere una qualche forma di apprendimento. Tre aspetti del ricordo : Codifica :acquisire linformazione, e il modo in cui la nuova informazione viene inserita in un contesto di informazioni precedenti. La codificazione avviene sia attraverso il codice visivo( caratteristiche fisiche delloggetto) , che un codice semantico (significato della parola delloggetto). Ritenzione : linformazione deve essere mantenuta in memoria. In una nota teoria dei livelli di elaborazione si sostiene che se si codifica linformazione sul significato (elaborazione profonda)si ottiene una migliore ritenzione La strategie per immagazzinare linformazione la ripetizione (reiterazione). Recupero ripescare linformazione cio riportarla allo stato attivo: in cui le caratteristiche del contesto e la natura dei suggerimenti (in inglese cue) presenti nellambiente , facilitano la fase di recupero del ricordo. Quindi ci che una persona ricorda di un evento dipende dallinformazione che stata immagazzinata e dalla sua disponibilit nel momento del recupero cio dalle propriet delle tracce mnestiche. Secondo TULVING le tracce mnestiche sono disposizioni o potenzialit. Affinch il recupero avvenga deve essere presente un suggerimento (cue) appropriato che attivi la traccia mnestica. Cio la compatibilit tra le propriet della traccia e le caratteristiche fornite al recupero cio la traccia di un evento ed il suggerimento presente durante il recupero devono essere compatibili perch il ricordo si verifichi. Questo principio noto come PRINCIPIO DI SPECIFICITA DELLA CODIFICA :interazione tra informazione immagazzinata e informazione presente al recupero. La compatibilit pu significare che esiste una relazione di tipo associativo. La qualit del ricordo dipende da come levento stato codificato, dalla tracia e dalla presenza nel contesto di indizi di recupero appropriato. 3. La durata dei ricordi: memoria sensoriale , memoria a breve termine e memoria a lungo termine. La memoria divisa in due entit: una che ci permette di ricordare un informazione per un tempo breve ed una che ci permette di conservare linformazione per tutta la vita. William James distinse la memoria in : memoria primaria (la memoria a breve termine) consisteva nei contenuti della coscienza; memoria secondaria(memoria a lungo termine) permanente. Lesperimento di Sperling basato sulla tecnica del resoconto parziale ha dimostrato lesistenza di un magazzino di memoria sensoriale a brevissimo termine. Questo tipo di memoria viene chiamato da Neisser memoria iconica e memoria ecoica che sono dei sistemi di memoria visiva e uditiva di brevissima durata distinti dalla memoria a breve termine. Memoria a breve termine (MBT) equivale a ricordo temporaneo. Detta oggi memoria di lavoro ,la quale mantiene ed elabora informazione durante lesecuzione di compiti cognitivi. Ha una capacit limitata e pu mantenere le informazioni solo per un breve periodo di tempo. La qualit del ricordo ,dipende da quanto

tempo lelaborazione dellinformazione rimane nella memoria a breve termine , pi lunga lelaborazione pi probabile che il ricordo passi nella memoria a lungo termine e diventa permanente, ma dipende anche dalla codifica dllinformazione. Memoria a breve termine visiva: la cui traccia menestica dura circa 2 secondi. Memoria uditiva a breve termine:la cui traccia dura da 2 a 20 secondi. Effetto del suffisso: cio inferenza degli stimoli presentati nella stessa modalit. Memoria a lungo termine(MLT) :RICORDO PERMANENTE. Memoria a lungo termine visiva: Noi ricordiamo con precisione lapparenza visiva di oggetti , eventi , o persone anche dopo lunghissimi periodi di tempo. Esiste un fenomeno noto come IPERMNESIA che consiste nel fatto che noi ricordiamo meglio con il passar del tempo le figure , mentre le parole tendono ad essere dimenticate. Secondo Loftus parte del riconoscimento di una scena frutto di processi di ricostruzione e riorganizzazione. Per laggiunto di nuovi elementi alterano il ricordo originario. Memoria uditiva a lungo termine : riguarda la dimensione semantica del linguaggio . E capace di immagazzinare caratteristich sensoriali come le voci o i tono. Il riconoscimenro per i suoni arriva a livelli molto alti. La memoria a lungo termine formata dalla memoria episodica e la memoria semantica . MEMORIA EPISODICA si riferisce a specifici eventi ed esperienze di vita , contengono informazioni spazio temporali che specificano dove e quando si verificato levento, ed organizzata cronologicamente. MEMORIA SEMANTICA si riferisce a conoscenze astratte e generali, trascende le condizioni temporali e spaziali in cui la traccia si formata, ed organizzata in modo tassonomico e associativo. Memoria dichiarativa e memoria procedurale , Ryle le distingue in :Sapere cosa e sapere come. Memoria procedurale :sapere come si riferisce alle informazioni di cui facciamo uso nellattuare un compito, un tipo di conoscenza tacita cio non consapevole , non riguarda solo le abilit motorie , anche la risoluzione di un problema. Memoria dichiarativa: sapere cosa si riferisce alla conoscenza dei fatti come la definizione di una parola o le circostanze in cui abbiamo conosciuto una persona , ed un tipo di conoscenza accessibile alla coscienza. La distinzione tra memoria procedurale e dichiarativa confermata dai dati su pazienti neurologici . Infatti vi sono lesioni cerebrali che danneggiano selettivamente la memoria dichiarativa: i pazienti non sono in grado di apprendere nuove conoscenze ma sono in grado di apprendere nuove procedure. Il tipo di test :memoria implicita e memoria esplicita. Test impliciti e espliciti : cercando di comprendere come le persone rispondono ad essi. Nei test impliciti le istruzioni fanno specifico riferimento al recupero cosciente dellinformazione men tre nei test impliciti l a memoria uno strumento per lo svolgimento di un comito non direttamente connesso con il recupero cosciente dellinformazione. Uno dei paradigmi della memoria implicita Identificazione percettiva : I soggetti devono identificare delle parole presentate per un tempo molto breve. Alcune parole sono state gi mostrate in precedenza altre sono nuove. Conclusione: i soggetti identificano pi facilmente parole nuove. Memoria retrospettiva : Recuperiamo dalla memoria fatti o episodi e le conseguenti azione ad esse associate del passato. Memoria prospettica ricordiamo piani , azioni, intenzioni che vogliamo svolgere in futuro. Ogni compito di memoria prospettica presente anche una componete della memoria retrospettiva cio il richiamo alla memoria una serie di eventi passati.Ci sono 5 fasi che caratterizzano il processo che porta il ricordo di un intenzione:

Formazione e codifica di un intenzione e dell azione ad essa associata(cosa fare) Intervallo di ritenzione:intervallo tra il momento della codifica dellintenzione(la decisone fare qualcosa) e linzio dellintervallo potenziale di prestazione. Intervallo di prestazioni cio il periodo durante il quale linenzione deve essre recuperata ed collegata ad una situazione ben precisa.(quando fare lazione) Inizio di esecuzione dellazione che si ha intenzione di compiere che si verifica quando si inzia lazione cio della compilance :portare a termine un compito nel modo in cui stato assegnato. Si ha compilance quando il soggetto si ricorda che qualcosa deve essere fatto , in un determinato momento, in cosa consiste, e se decide volontariamente di iniziare lazione. Le cause di non compilance possono essere anche: mancanza di abilit o di conoscenze necessarie. Valutazione del risultato.

Il processo di recupero delle intenzione si conclude con una fase di cancellazione : output-monitoring: registrazione delle azioni compiute e quelle che devono essere ancora svolte. Memoria autobiografica si rifersice al ricordo di informazioni legate a s. Comprende 3 livelli organizzati gerachicamente: estesi periodi della vita, eventi generali(giorni o settimane), eventi specifici(ore). Hanno carattere ricostruttivo , infatti in molti casi la rievocazione di un evento comporta lintegrazione di dettagli estratti da episodi simili memoria riepisodica. Cap 8 Memoria semantica e categorizzazione Memoria una struttura multifunzionale e multisistemica. Memoria semantica : Rappresentazioni di specifici riferimenti spazio-temporali, personali. Memoria episodica : rappresentazioni di informazioni astratte e generali , linguistico-simboliche , ma anche non linguistiche , i concetti.La distinzione sta nel ricordare e sapere. Memoria semantica essa la base di conoscenze che ci permette di agire in modo funzionale nel mondo che ci circonda.QUESTA CONOSCENZE SONO CRETAE A PARTIRE DAL MONDO SENSORIALE ATTRAVERSO LESPERIENZA. Le conoscenze rappresentate nella mente intorno ai concetti includono: informazione sulla funzione delloggetto; informazioni percettive legate alle dverse modalit;informazioni sulla relazione degli oggetti. Il formato in cui sono rappresentate le conoscenze sui concetti deve essere sufficientemente :astratto (slegato dalla specifica modalit di elaborazione. Luso delle conoscenze sui concetti veloce e automatico. I modelli della memoria semantica : riguardo al formato delle rappresentazione distinguiamo tre gruppi di modelli: Modelli a arappresentazione astratta le informazioni sono mantenute in memoria semantica in un formato amodale, cio slegato dalle informazioni sensoriali motorie. Modelli esemplari : il sistema concettuale costituito dalle memorie o tracce mnestiche degli esemplari che sono stati codificati nel tempo. Questi modelli si inseriscono nella cosidetta cognizione situata, secondo la quale il contesto, cio la specifica situazione in cui il soggetto e il mondo interagisce svolgono un ruolo fondamentale nel determinare i processi cognitivi I modelli conessionisti : vi sono un insieme di attributi di base , condivisi da un numero variabile di concetti che si attivano in configurazione appropriate in riferiemento al concetto rilevante. I PROCESSI DI CATEGORIZZAZIONE La memoria semantica organizzata su base categoriale . Infatti le categorie hanno un ruolo importante sia come principio di organizzazione che struttura il sistema di una rappresentazione , sia come chiave di recupero delle informazioni . Attraverso il processo di categorizzazione gli elementi vengono classificati

in classe o insiemi che si chiamano appunto categorie. Le funzioni del processo di categorizzazione :permette il recupero inferenziale di informazioni e caratteristiche non espliciatete ;permette di rilevare analogie e differenze fra oggetti a diversi livelli di astyrazione; semlifica lanalisi dellinput ambientale ai fini del riconosimento:permette di produrre risposte comportamentali riferite a una classe di oggetti cognitivamente equivalenti. La struttura gerarchica delle categorie La psicologa statunitese Eleonor Rosch ha proposto di analizzare le capacit categoriale umane sulla base di due dimensioni: verticale e orizzontale.Nella dimensione verticale , le categorie si strutturano su base gerarchica in funzione dellinclusione di classe. Dal punto di vista psicologico ci sono 3 caratteristiche della struttura gerarchica delle categoria che sono : la natura sempre pi astratta delle relazione (da livelli bassi a livelli alti di gerarchia; Il diverso peso cognitivo dei livelli;i meccanismi che permettono di mettere in relazione i diversi livelli. Alcuni studiosi hanno ipotizzati IL PRINCIPIO DI ECONOMIA COGNITIVA che la mente umana utilizzi un meccanismo di bilanciamento fra quantit di informazione rappresentate e quantit di elaborazione.Secondo il quale le propriet dei concetti sono rappresentate al livello pi alto della gerachia e vengono recuperate quando necessarie mediante processi inferenziali. Punto 2: la salianza cognitiva dei livelli: Rosch la definito livello di base perch il livello in cui vengono rappresentati gli attributi pi distintivi. Linterconessione fra i diversi livelli e i legami dei concetti avviene attraverso il meccanismo della diffusione dattivazione , secondo il quale quando un nodo concettuale viene attivato, lattivazione si propoga agli altri nodi in funzione del tempo e della vicinanza. Ci far si che i primi sono pi disponibili dei secondi nel caso in cui devono essre recuperatii. Questo meccanismo spiega il fenomeno priming. La struttura interna delle categorie La dimensione orizzontale la rappresentazione interna delle categorie. Rosch identifica due aspetti importanti dal punto di vista cognitivo: La struttura sfuocata delle categorie in cui sencondo la tradizione aristotelica , lappartenenza ad una categoria di tipo dicotomico tutto o niente , cio un elemento deve possedere tutte le caratteristiche della categoria .Per non si pu dire per tutte le categorie infatti un oggetto un quadrato se e solo possiede le propriet figura geometrica piana con 4 lati e 4 angoli uguali. Wittengenstein ci che caratterizza lae categorie semantiche un appartenenza graduata basata sul possedere in grado diverso alcune delle caratteristiche possedute da altri membri della categoria. Il prototipo corrisponde a un membro della categoria che possiede il valore medio sulla maggior parte delle caratteristiche dei membri della categoria. E il miglior esemplare della categoria: funge da punto di riferimento per gli altri esemplari. Le categorie sono rappresentate su 2 meccanismi: il nucleo concettuale costituito dallinsieme di criteri necessari e sufficienti che determinano lappartenenza categoriale; la funzione di identificazione costituita dallinsieme di procedure che permettono di attribuire su base probabilistica un certo elemento a una certa categoria. Capitolo 10 Memorie non coscienti La leggenda della Poca rola nn pu determiante lesistenza della memoria non cosciente perch non si pu verificare se sia coloro che sono stati esposti al fotogramma o e coloro che non sono stati esposti al fotogramma avrebbero consumato lo stesso la poca rola. Gli espeimenti di priming subliminale significa preparare , attivare. Le persone che prendono parte dellesperimento vengono fatte sedere una alla volta in una stanza insonorizzata davanti allo schermo di computer. Pu essere scomposto in due eventi successivi: Evento 1 :lo stimolo prime viene esposto per

breve durata ed seguito\preceduto dal mascheramento. Il soggetto non cosciente dello stimolo prime Evento2:stimolo target che viene esposto fino alla rilevazione della risposta, il soggetto cosciente dello stimolo target, Risposta allo stimolo target viene misurata durante lesperimento. La relazione concettuale prime-target la variabile indipendente la qual viena manipolata sistematicamente dalricercatore=bottiglia della Poca Rola nel fotogramma ed etichetta Poca Rola sul distributore. Attraverso il test di riconoscimento si pu stabilire se gli stimoli prime erano percepite coscientemente: Vengono presentate al soggetto lintera sequenza di stimoli a cui stato sottoposto precedentemente , e li deve indentificare. Questo dimostra linfluenza degli stimoli non coscienti sul comportamento. La breve durata dello stimolo prime comunque sufficiente a dare corso al processo di trasferimento dellaattivazione della MLT, perch anche livelli minimi di attivazioni di una rappresentazione sensoriale sono sufficienti ad innescare lattivazione delle informazioni concettuale asscoaiate allo stimolo visivo. Lo stimolo prime non pu essere cosciente perch non ne viene consolidata la relativa rappresentazione sensoriale. Leffetto Roelofs illusione ottica. Capitolo 11 APPRENDIMENTO I Comportamentisti definivano il termine apprendimento come linsieme dei cambiamenti osservabile nel comportamento dellindividuo in seguito a cambiamenti prodotti nella situazione in cui lindividuo stesso si trova. Oggi non si pu parlare solo di modifiche del comportamento dato che esistono vari tipi di apprendimento : limparare a parlare, ad andare in bicicletta ecc. Le teorie comportamentiste si basano sul presupposto che si pu studiare solo ci che osservabile quindi solo il comportamento esterno osservabile di un individuo pu essere studiato mentre il contenuto della mente e cio i processi cognitivi non pu essere oggetto di indagine scientifica dato che non osservabile. Lo studio dei comportamentisti si concentrata sulla relazioni tra variabile esterne e comportamento cio quali variabili osservabile e misurabili producono cambiamenti duraturi nel comportamento di un individuo?. Le teorie comportamentiste si dividono in condizionamento classico e condizionamento operante. Condizionamento classico : le teorie comportamentiste definiscono lapprendimento come la comparsa di un nuovo comportamento che si mantiene nel tempo. Secondo il condizionamento classico le condizioni del apprendimento associativo la contiguit temporale tra stimolo e risposta. Si crea un apprendimento quando stimolo e risposta sono presentati in tempi ravvicinati , e devono essere ripetuti pi volte. Ci era stato scoperto dal fisiologo Plavov studiando i processi digestivi del cane. Lesperimento di Pavlov consisteva nel misurare la produzione salivare in risposta a vari tipi di stimolazione gustativa,(es. mettendo del cibo nella bocca del cane , producendo un immediato aumento della saliva) dopo aver deviato il condotto salivare del cane. Pavlov not che i cani cominciavano a salivare gi alla semplice vista degli eventi che di solito precedono al cibo. Stimolo Neutro SN=stimolo sonoro o luminoso, accoppiato ad un stimolo incondizionato SI=Cibo che produce la salivazione. E si ha una Risposta incondizionata =salivazione. Lo scopo era quello di di stabilire se dopo un certo numero di ripetione dello Sn+SI ,animale iniziava a salivare anche solo con la presentazione dello SN. Plavov scopri che lanimale iniziava a salivare nel momento in cui compariva lo SN. Si era creata una associazione tra lo SN+RI , detta condizionamento SN era diventato SC=stimolo condizionato e RI era diventata una RC=risposta condizionata. Le leggi del condizionamento classico : Estinzione se si presenta lo SC ma non SI:la risposta condizionata perde di intensit fino a sparire; Recupero spontaneo: dopo lestinzione la risposta incondizionata tende a riapparire anche se non viene presentato alcuno stimolo condizionato. Generalizzazione dello stimolo condizionato cio il cane che imparato a salivare allaccensione di una luce gialla saliver anche se la luce bianca. Discriminazione Tramite la procedura del condizionamento lanimale pu apprendere a non rispondere a stimoli simili allo SC pur continuando a rispondere allo stesso SC. Una luce rossa presentata e seguita dallo SI=Condizonamento. Una luce blu presentata ma non seguita SI =graduale estinzione della risposta di

salivazione alla luce blu ma non alla rossa. Il condizionamento classico viene utilizzato per spiegare alcune manifestazioni emotive nelluomo. Watson un bambino di nome Albert cerca di afferrare un topolino bianco. Quando viene spaventato da un forte rumore ripetutamente mentre giocava con il topolino. Albert aveva paura alla solo vista del topo anche senza rumore. Questo pu spiegare alcune forme fobbiche. I riflessi condizionati hanno un valore adattivo , un esempio leffetto Garcia , cio quando un individuo acquisisce lavversione per un dato sapore Condizionamento operante. Thornidike fu il primo ad occuparsi del condizionamento operante. Propone la legge delleffetto ,la quale afferma che lo stabilirsi e il rafforzarsi di legami associativi tra stimolo e risposta non deriva dalla contiguit temporale ma dagli effetti che seguono una risposta. Il suo esperimento consisteva : nel collocare un gatto affamato allinterno di una gabbia, dalla quale lanimale poteva uscire solo premendo una leva. Si noto che il gatto emetteva una serie di comportamenti , tra cui casualmente anche quello di premere la leva oltre la quale cera il cibo e che dopo ci il gatto apriva la gabbia con maggiore frequenza. Thornidike spieg questo comportamento in base a due principi: Lapprendimento avveniva per prova ed errore cio il gatto emetteva una serie di comportamenti , tra cui quello casuale di aprire la gabbia. La legge delleffetto un comportamento viene appreso e si stabilizza solo se la risposta produce un certo effetto sullambiente e sullindividuo. Lassociazione tra stimolo (leva) e risposta(agire sulla leva) si stabilisce solo se la risposta ha un effetto sullanimale. Skinner : Esperimento skinner box: un animale viene messo in una scatola in cui presente una leva. Il premere una leva ha come conseguenza un evento positivo: una ricompensa o negativo una punizione. Noto che lazione del premere la leva , inizialmente casuale diventa sempre pi frequente perch essa ha una conseguenza positiva. Ci non accade invece nel caso in cui lagire sulla leva non dia mai luogo allerogazione di cibo. Il principio fondamentale per spiegare questo fenomeno il rinforzo cio la conseguenza positiva che produce un aumento della frequenza del comportamento=agire sulle leva. I rinforzi possono essere: positivi =che vengono aggiunti nella situazione ; negativi=che vengono eliminati mentre la punizione=realizzazione di una situazione sgradevole come la scossa elettrica. I rinforzi =bisogni quindi sono primari(cibo ,sonno ecc) e secondari (assicura gratificazione).La modalit di somministrazione comportamento-rinforzo pu essere: Continuo :Ogni volta che lanimale preme la leva vi lerogazione di cibo=ha una rapida estinzione quando lagire sulla leva non dava pi cibo. Rinforzo parziale:utile per mantenere un comportamento appreso. Non vi sempre lerogazione di cibo. Il rinforzo pu essere fornito a intervalli fissi o variabili(distribuzione dei rinforzi nel tempo). Intervallo fisso= il rinforzo si presenta a intervalli costanti nel tempo, es: ogni 2min.;Intervallo Variabile=il rinforzo si presenta a intervalli variabili nel tempo. Rapporto fisso: il rinforzo si presenta dopo un numero stabilito di rinforzo; Rapporto variabile: il numero di risposte fornite tra un rinforzo e laltro varia. I vari piani di rinforzo hanno differenti effetti sullapprendimento. Condizionamento operante e apprendimenti complessi:il linguaggio Secondo Skinner il linguaggio un insieme complesso di risposte operanti create in un bambino dai genitori ,insegnanti ecc. Esempio il bambino impara a dire la parola gatto quando ne vede uno: Gatto=stimolo discriminativo .Attraverso il rinforzo positivo dei genitori . Attraverso linterazione tra stimoli discriminativi gli oggetti e i rinforzi il bambino impara ad assegnare la giusta etichetta verbale ad un oggetto. Skinner cerc di applicare questo metodo anche alla composizione di frasi pi complesse , ma fu criticata da Chomosky. Chomosky il quale afferma che lo sviluppo del linguaggio non pu essere spiegato attraverso le teorie del comportamento operante perch non permette di spiegare luso di ipercorrettismi ci o l uso di forme errate esempio: dicete anzich dite e non permette di spiegare la possibilit delle lingue di generare un numero infinito di frasi. Le teorie comportamentiste che si sono sviluppate nellambito del comportamentismo

operante e classico si basano sul principio associazionista cio sulla convinzione che si possa parlare di apprendimento nel caso in cui si osserva la comparsa di un comportamento in risposta alla presentazione di uno stimolo. Spiegano la relazione tra ambiente e comportamento e non i processi responsabili dellapprendimento. Teorie meccanicistiche :Lapprendimento costituita da una risposta diretta e automatica simile a un riflesso tra stimolo e risposta. Non vi sono rappresentazione mentali della risposta ,del rinforzo, della relazione. Teorie cognitiviste: Tra lo stimolo e la risposta=principio associativo vi una rappresentazione mentale cio delle aspettative. Edward Tolman infatti afferm come lapprendimento non si manifesta solo sul piano dei comportamenti osservabile ma anche sulle rappresentazioni mentali. Lapprendimento per segnali: Secondo Tolman lanimale apprende perch si crea una rappresentazione mentale della situazione, ed proprio questa a guidarne lazione. Esperimento:consiste nel mettere un ratto nel labirinto.Per imparare a percorrere il labirinto, lanimale deve imparare al mappa del labirinto cio averne una rappresentazione spaziale mentale.In base a ci pu trovare vie duscita , diverse da quelle impiegate se risultassero chiuse oppure posto del cibo che viene cambiato diverse volte. Oltre alle rappresentazione spaziale mentale ha una rappresentazione mentale della realazione tra azione e ricompensa. Tolman : apprendimento per segnali: il topo che trova la strada per il cibo in un labirinto non apprende semplicemente una sequenza di risposta ma impara una serie di segnali , che definiscono sequenze spaziali o sequenze temporali. Il segnale definibile come una aspettativa cio nel luogo A c loggetto X e lazione guidata da questa rappresentazione. Apprendimento Latente un animale che percorre senza alcuna ricompensa il labirinto per numerose volte poi in grado di scegliere la via pi breve per raggiungere del cibo quando questo viene posto nuovamente nel labirinto. Quindi attraverso lesperienza si possono creare nuove strutture cognitve , come ad esempio una mappa mentale di un ambiente nuovo. Al comportamento osservabile che indice lapprendimento si accompagna una modifica di processi di conoscenza che non sono osservabile ma che sono responsabile del comportamento osservabile.Interpretazione cognitiva dei processi di condizionamento:sul quaderno. Capitolo 12 Apprendimento memoria nelle reti neurali. Le reti neurali artificiali sono dei sistemi di elaborazione dellinformazione ispirati al funzionamento del cervello, caratterizzati dalla capacit di apprendere ,svolgere ,compiti complessi. Nellambito della psicologia e delle neuroscienze ,le reti neurali , sono dette anche modelli connessionisti sono Utilizzate per simulare le funzioni mentali allo scopo di comprenderne il funzionamento a partire dallattivit delle reti di neuroni. Gli elementi di base di una rete neurale : Nel cervello una rete neurale formata da un certo numero di neuroni che agiscono e si influenzano a vicenda attraverso le connessioni che le collegano. Ogni neurone rileva una condizione , ci che viene rilevato una rappresentazione. Ci lo segnala attraverso una frequenza di scarica. Una rete neurale ispirata al neurone biologico per capire i principi base del funzionamento. Il neurone: Un neurone formale semplice modello matematico che astrae gli aspetti fondamentali del funzionamento neuronale. Il neurone caratterizzato da uno stato di attivazione che varia in funzione dellattivazione dei neuroni che ricevono linput e che verr propagata ad altri neuroni (output) : Il calcolo dello stato di attivazione attraverso un processo a due stadi: il calcolo dellinput totale men tre il secondo prevede il calcolo di attivazione finale del neurone attraverso una funzione di output. La quale pu essere una funzione a sogli cio il neurone sar attivo solo se supere un certo valore di sogli ,oppure simula le propriet dei neuroni biologici. La funzione pi utilizzata la sigmoide che esprime la relazione tra i valori input totale ricevuto dal neurone e loutput del neurone stesso. Larchitettura della rete neurale uno schema di connettivit che identifica leventuale presenza di gruppi di neuroni diversi e il modo in cui i neuroni sono connessi tra loro.E costituita da 3 gruppi di neuroni, organizzati in strati: STRATO DI INPUT: le unit che ricevono linput direttamente dallambiente;STRATO DI OUTPUT: le unit che producono finale della rete.

UNITA NASCOSTE: tutti i neuroni che non sono in contatto con lambiente le quali possono essere organizzate in pi strati. Il numero delle unit dipende dal compito che la rete dovr apprendere. Nelle reti artificiali ogni connessione tra una coppia di neuroni caratterizzata da un peso sinaptico (non sinapsi) che indica la forza della connessione :pu essere positivo=connessione eccitatori oppure negativo=connessione inibitoria. Lo schema di connettivit tra strati : connessioni unidirezionali in avanti=input in poi; connessione bidirezionali indietro=dalloutput in poi. Connessioni intra strato cio tra unit che fanno parte dello stesso gruppo. La procedura di apprendimento nelle reti neurali: Lapprendimento consiste nel trovare linsieme di pesi sinaptici che permette alla reta di svolgere un certo compito. Donald Hebb :la regola di Hebb quando due neuroni connessi tra loro sono ripetutamente attivi aumenta lefficacia sinaptica , il peso si rinforza. Ci sono 3 tipi di apprendimento : Apprendimento supervisionato :imparare a produrre una risposta corretta output ogni volta che si presenta un nuovo stimolo input adeguato; Apprendimento per autoorganizzazione : costruire rappresentazione dellinput pi complesse per essere utilizzate per il ragionamento , decisione, comunicazione.; Apprendimento per rinforzo: imparare ad agire in modo che si massimizza il rinforzo nel lungo termine. Dopo lapprendimento la rete in grado di produrre loutput corretto ad ogni input, inoltre in grado di generalizzare cio di utilizzare in modo appropriato la conoscenza appresa anche di fronte a nuovi esempi del problema rispetto al quale ha avuto luogo lapprendimento. Reti neurali e memoria: le reti neurali non contengono un magazzino di memoria e neppure le tracce mnestiche per ogni configurazione appresa. Infatti i pesi delle connessioni rappresentano la conoscenza a lungo termine , mentre lo stato di attivazione delle sue unit rappresenta le informazioni specifiche presenti in un determinato istante di tempo, che decadono rapidamente alla scomparsa dello stimolo ma posso essere mantenute attive. Due sistemi complementari di apprendimento e memoria: Gli studi sulla memoria hanno dimostrato che lapprendimento di materiale nuovo interferisce con ci che stato appreso. Vi interferenza associativa nelluomo durante lapprendimento. Ci i soggetti tendono a ricordare meglio le associazioni apprese successivamente invece di quelle precedenti. Nelle reti neurali linterferenza molto pi grande, cio che le associazioni precedenti sono pari a zero rispetto a quelle successive.Diversi studi hanno messo in risalto come le cause di questo fenomeno sono: il grado di sovrapposizione delle rappresentazioni ; e il tasso di apprendimento cio la rapidit dellapprendimento. Lopposto dellinterferenza e lintegrazione, che un processo alla base delle nostre capacit per generalizzare e di compiere inferenze. I due sistemi complementari di apprendimento sono lippocampo :apprendimento rapido e non soggetto a inferenza , mentre la neocorteccia sistema attraverso il quale apprendiamo lentamente e la graduale integrazione dellesperianze estrae conoscenze generali del mondo. Capitolo 13 Lingue e linguaggio Il linguaggio la facolt mentale che permette ai membri della specie umana di usare uno o pi lingue, mentre le lingue sono un prodotto sociale: tutte le societ umane possiedono una lingua per mezzo della quale i loro membri comunicano tra loro. Le trasformazione delle lingue nel corso del tempo loggetto di studio della linguistica detta diacronica. Secondo Saussure una lingua un sistema di suoni dotati di significato , cio suoni usati per rifersi a qualcosaltro. Es burro si riferisce ad un derivato del latte. Ogni lingua possiede un sistema fonologico cio un insieme di suoni o fonemi come a\o\p. Stringhe di fonemi formano i morfemi cio le unit linguistiche pi piccole dotate di significato ad es tavol- che la radice di significato simile a tavolo, tavolino ecc. Le composizioni di morfemi come tavol- pi il suffisso maschile singolare formano le parole che assieme costituiscono il lessico. Non c nessuna relazione intrinseca tra suono e significato delle parole cio Arbitrariet delle lingue. Le parole si combinano in sintagmi, che costituiscono le parti di cui sono composte le frasi. Il modo in cui si combinano le frasi determinato dalle regole della sintassi che fa in modo di valutare la correttezza di unespressione. La strutture sintattiche delle frasi hanno carattere gerarchico; e la Ricorsivit cio la possibilit di includere una frase nellaltra ,che pu essere usato allinfinito. Per la memoria a breve termine pone dei limiti. La conoscenza delle regole di una lingua ha carattere implicito cio le persone non sono in grado di descrivere o rendere esplicite le regole

linguistiche che usano. Lo sviluppo del linguaggio :le tappe principali dello sviluppo del linguaggio:Il bambino ai primi mesi comincia a emettere suoni che sono simili a suoni linguistici, a 10-12 mesi emette le prime parole che sono generalmente mamma e pap.Quando il suo vocabolario ha raggiunto le 50-100 parole emergone le prime combinazioni sintattiche. A 3 anni conosce gi le strutture fondamentali della lingua. Chomosky afferma che il linguaggio una facolt autonoma , oltre che innata, infatti nel sistema mentale umano che si sviluppa e pu essere danneggiata indipendentemente da altre facolt. Secondo Piaget il linguaggio una forma di capacit simbolica si sviluppa insieme alla capacit simbolica e di estrazione del bambino.Le basi biologiche del linguaggio: Le aree primarie del linguaggio sono localizzate nellemisfero di sinistra e le lesioni in queste aree producono deficit linguistici come le afasie , dove non sono compromesse altre capacit : non ha difficolt di pensiero e la sua capacit di ragionamento intatta.Altre patologie come appunto quella di William si verifica invece il contrario. In questo caso persone con quoziente di intelligenza basso mostrano invece di possedere funzioni linguistiche. E questo fortifica la tesi di Chomosky.E possibile trovare delle basi del linguaggio in altre specie come i primati , ma questa capacit non sviluppata come la nostra, infatti lipotesi che il linguaggio si sia sviluppato principalmente per ragioni di natura sociale. Cap 14 Comprensione del linguaggio La percezione del parlato diversa dalle parole scritte per diverse ragioni: Uno per le condizioni di rumore ambientale in cui parliamo e sentiamo parlare; Due nel parlato a differenza dello scritto non possiamo decidere la quantit dinformazione da acquisire in una unit di tempo.Tre il processo di segmentazione d3el parlato difficile dellisolare le lettere di una parola scritta o determinare i confini f ra le parole o frasi(poco marcati). Come riconosciamo una parola mentre la sentiamo?La comprensione di una parola avviene attraverso 3 processi : Laccesso = in cui la rappresentazione linguistica usata per attivare la coorte che comprende e unit che condividono la parte iniziale es El =elefante, elicottero, elastico ecc.Man mano che un'altra informazione percettiva arriva , la coorte si restringer fin quando non resta una sola parola. Quindi la parola possiede dunque un punto di unicit che contraddistingue la parola dalla altre; La selezione e infine lintegrazione delle propriet sintattiche e semantiche della parola nella rappresentazione complessiva della frase. Come riconosciamo una parola mentre leggiamo:Per riconoscere le parole scritte non basta combinare le lettere che la formano ma deve intervenire anche una elaborazione globale dello stimolo. Ne da una dimostrazione indiretta leffetto di superiorit della parola nel quale una parola che contiene una lattere facilita il riconoscimento della parola stessa. La lettura di una parola avviene attraverso due modalit : Per via lessicale diretta dove viene riconosciuta la forma intera di una parola e il suo significato e la sua pronuncia vengono recuperati direttamente nel lessico mentale; Per via non-lessicale la parola viene analizzata in grafemi i quali vengono tradotti in fonemi secondo le regole di conversione grafema-fonema. Un fattore che influenza la corrispondenza fra ortografia e pronunci sono le caratteristiche dei vicini cio le parole che condividono un dato numero di lettere es cane,rane =pane.Dalla comprensione di una parola a quella di un discorso o di un testo: La comprensione di frasi o discorsi devono essere integrate informazioni sintattiche ,semantiche e pragmatiche. Ci sono due ipotesi sulla relazione di queste 3 fonti: Ipotesi interattiva: i 3 tipi di informazione interagiscono fra di loro contemporaneamente a ogni livello di elaborazione.Ipotesi modulare :i 3 tipi di informazione vengono analizzati luno indipendentemente dallaltro e solo successivamente vengo integrati. Produzione del linguaggio capitolo 15 Gli stadi della produzione di una frase sono 3: Il livello di concettualizzazione, della formulazione, e quella dellarticolazione. La concettualizzazione : il momento in cui una persona sceglie cosa vuole dire. Formulazione ,il parlante sceglie le parole da usare;Articolazione si recuperano i vari pezzi e vengono emessi nellordine appropriato, i suoni che compongono le frasi. Durante ala comunicazione possiamo avere delle esitazioni o pause oppure degli errori nella riproduzione. Ci sono 2 tipi di esitazioni : quelle vuote dove si rimane per breve tempo in silenzio, quelle piene avviene la ripetizione di una parola o farse , inserzioni di

vuoti ad intercalare. Le esitazioni non sono distribuite casualmente nel discorso, ma compaiono tra una frase e l'altra, all'interno di una frase tra un costituente e l'altro o dopo la prima parola di un costituente. La posizione delle pause in un discorso informativa, ad esempio la loro ditribuzione all'interno di una frase, indica che i costituenti vengono pianificati separatamente. Di solito le esitazioni vengono interpretate come indicatori di una momentanea difficolt del parlante. Le pause sono attimi in cui , il parlante prende il tempo necessario per la pianificare come continuare un discorso. Gli errori sono vere proprie deviazioni. .Gli errori di scambio (ho visto la barca di Piero ho visto la parca di Biero) errori di anticipazione (ho visto la barca di Piero ho visto la parca diPiero) errori di sostituzione (ho visto la barca di Piero ho visto la moto di Piero) errori di malapropismi (ho visto la barca di Piero ho visto la marca di Piero La scelta delle parole detta lessicalizzazione il processo mediante il quale trasformiamo una rappresentazione semantica , cio il significato di una parola nel suono corrispondente. Il modo in cu avviene questo processo pu essere spiegato attraverso linterferenza figura-parola :fu assegnato il compito di dire il pi velocemente possibile il nome di una figura presentata su uno schermo (per es un cane). Prima, dopo o contemporaneamente appare un distrattore. Il distrattore pu avere con la figura una relazione semantica (tartaruga), una relazionefonologica (pane) o nessuna relazione (ricotta). Quando il distrattore presentato prima o assieme alla figura la relazione semantica ritarda la risposta, mentre la relazione fonologica ininfluente. Quando il distrattore presentato dopo la figura, la relazione fonologica facilita la risposta mentre la relazione semantica ininfluente. La lessicalizzazione avviene in due fasi : la prima delle quali la selezione del lemma e la seconda la selezione del lessemma.Per i lemmi sono delle parole mute ed solo a livello dei lessemi dove sono rappresentati che le parole prendono forma. Il processo di selezione lessicale avviene attraverso un processo di competizione frai lemmi , cio a livello di concetti lessicali simili e deve vincere questa competizione per essere selezionato. Una volta selezionato il lemma target i distrattori che hanno con esso una relazione semantica non dovrebbero produrre effetto. Un secondo elemento per la formulazione la pianificazione sintattica ( sequenze appropriate delle parole). Avviene in parallelo con il recupero dellinformazione avviene in due tappe: quella funzionale( la pianificazione usa le informazioni semantiche recuperate dal lessico per assegnare ai lemmi selezionati la funzione che avranno nella frase) e quella posizionale(stabilisce lordine delle parole.)le quali corrispondono a unit sintattiche come sintagami. La conversazione: Per il successo di una conversazione i partecipanti devono attenersi al contesto nel quale si trovano e si attengano a principi condivisi che regolano la loro attivit linguistica. Chi partecipa ad una conversazione utilizza il principio di cooperazione , secondo il quale conversazione un impresa collaborativa e si realizza attraverso lutilizzo di una serie di massime:cio dellinformazioni relative allargomento.Un aspetto importante della conversazione la presa dei turni , perch necessario che non si parla tutti insieme per il procedere di essa. La presa dei turni", basata su tre regole: 1) Chi parla ha il diritto di scegliere chi parler dopo di lui 2) Se chi parla non sceglie, parla chi vuole. 3) Chi parla pu continuare, ma non obbligato a farlo. Le regole sono in ordine, la prima ha priorit sulla seconda e la seconda prevale sulla terza.

Esempio: se chi parla fa una domanda a B e contemporaneamente C si mette a parlare, sar quest'ultimo a tacere. Un altro aspetto della conversazione sono le procedure di apertura e chiusura di essa. Le prime sono una sequenza di chiamate e risposte. Le chiamate hanno lo scopo di richiamare lattenzione linterlocutore, da parte di chi decide di aprire una conversazione , le risposte segnalano la propria disponibilit. La chiusura di una conversazione un atto che richiede laccorso dei partecipanti. Capitolo 16 Lettura e scrittura(Sul quaderno) Capitolo 17 EMOZIONI Introduzione: Nel romanzo Albert Camus Lo Straniero , il protagonista si trova nella camera ardente di fronte alla madre morta e sperimenta la strana condizione di essere straniero a se stesso. Infatti attorno a lui , tutti esprimono sentimenti di dolore e partecipazione. Egli al contrario ,non prova alcuna emozione, si stupisce di se stesso. Questo ci fa capire come ci sia un forte legame fra evento emozione e come nella psiche questa relazione pu essere distorta, modificata o addirittura venir meno. Nella situazione dello straniero vi la rottura di un altro legame che quello fra motivazione ed emozione. La motivazione legata allesperienza emotiva ed la conseguenza dei processi cognitivi : scopi, decisioni, strategie, valutazioni, ecc che hanno guidato il percorso motivazionale. Che cosa sono le emozioni: Parole come rabbia , tristezza , gelosia , irritazione, felicit , rimpianto ,paura fanno parte delle termine emozioni. Nelle conversazione spesso, ci occupiamo di episodi emozionali riguardanti noi stessi o altri individui. Quando ci avviene vi esperienza emotiva , cio una componente, la causa. Le emozioni sono intese come esperienze , hanno infatti sempre un oggetto, riguardano un qualche evento specifico, detto antecedente emotigeno , che le suscita. Gli eventi emotigeni sono di vario tipo per esempio pu essere un ricordo allimprovviso , la morte di qualcuno , una frase che ci viene detta ecc.. L'emozione quindi il segnale saliente e soggettivamente percepito, del cambiamento del nostro mondo interno o esterno.Le emozioni sono dei processi compositi distinguibili in pi aspetti . Le emozioni come processi complessi: Le teorie attuali definiscono lesperienza emotiva come un processo (non come un stato) con un decoro temporale, articolato in pi componenti. Le strutture componenziali differenzia le emozioni da altri fenomeni psicologici come ad esempio i pensieri ,le percezioni etc. Gi i filosofi greci criteri in grado di discriminare le emozioni da altri fenomeni psicologi:). le componenti individuate furono la valenza (piacere-dolore, bene-male), la localizzazione (passato-futuro) e desiderabilit soggettiva dell'evento. Esempio: provare rabbia un'esperienza a valenza negativa che si associa ad una valutazione cognitiva dell'evento (lui mi ha insultato), che genera risposte fisiologiche (arrossire) ed espressive (serrare i denti), tendenze all'azione (aggredire) e comportamenti (insultare). In qualunque punto del processo temporale pu intervenire la regolazione (reprimere la tendenza all'aggressione) messa a punto dall'individuo. Le emozioni un ostacolo o una risorsa? Nelle concezioni classiche , elaborate a partire dai filosofi Greci lemozione uno stato pertubato\pertubatore ,quindi da evitare o tenere sotto controllo. Quindi l'individuo patisce le emozioni considerate uno stato perturbato e perturbatore con la conseguente dicotomia emozioneragione. Quelle che noi chiamiamo emozioni erano infatti definite dai Greci pathema corrispondente al nostro termine passioni non emozioni. Cartesio fu il primo a introdurre il termine emozione, aggiungendo al concetto di patimento, i concetti di disturbo, eccitazione, incontrollabilit. Oggi invece, considerando la presenza della componente di valutazione, si parla di razionalit delle emozioni e di competenza o intelligenza emotiva in grado di suggerire comportamenti ottimali in tutti quei casi in cui le emozioni sono implicate. Le emozioni quindi oggi hanno una funzione sociale, sono fenomeni interpersonali culturalmente definiti che mediano in modo adattativo e funzionale molte relazioni sociali. Esempio la reazione emotiva

spesso rappresentata da una particolare espressione del viso ed interpretabile in termini funzionali e sociali (paura = segnale di pericolo; tristezza = voglia di essere confortati; sorriso = incentivo ad avvicinarsi). Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che cognizione e stato emotivo si influenzano reciprocamente. Ad esempio chi si sente felice tende a dare giudizi pi benevoli, valuta le proprie prestazioni in maniera pi positiva, sorvola sui propri errori e attribuisce il proprio successo a cause interne e il proprio insuccesso a cause esterne. Chi si sente triste tende a vedere soprattutto i propri insuccessi, attribuisce il proprio successo a cause esterne, nota di pi chi felice, si sente la causa di un evento infelice e attribuisce ad altri la causa di eventi felici, ha aspettative negative per il futuro e cosi via. Ad oggi si pensa che le emozioni, soprattutto quando sono eccitate, prendano il controllo dell'organismo. Ma ci spesso positivo (sensazione di paura = scappare da un pericolo; piangere x le disgrazie altrui = aiuta la coesione sociale; mostrarsi arrabbiati per l'infedelt del partner = pu aiutare la relazione). Le emozioni sono risorse necessarie alle transazioni dell'individuo con il mondo, al successo che pu ottenere in un compito, al suo benessere, alle modalit con cui fa delle scelte e prende una decisione, alla coesione sociale. Complessit delle ricerche sulle emozioni Le emozioni sono fenomeni complessi studiati da discipline diverse (psicologia, sociologia, biologia, neuroscienze, etc.). L'integrazione tra le diverse teorie possibile se si tiene conto che si studiano identiche variabili strutturali a livelli diversi, quindi possibile che ad una stessa domanda vengano date risposte diverse (non necessariamente incompatibili) a seconda di quale variabile e a quale livello di analisi e a quali scopi la domanda viene fatta. Esempio: x capire come varia la capacita e il modo di rispondere a livello affettivo di un individuo, potremmo valutare le fluttuazioni ormonali se lo valutiamo a livello biologico, studiare il clima sociale che caratterizza la societ in cui vive l'individuo o il confronto tra culture diverse se ci interessa il livello sociale,a livello neurologico il confronto avviene tra persone normali e pazienti con lesioni cerebrali). Gli eventi emotigeni in rapporto allesperienza emotiva e alle sue componenti: L'esperienza emotiva solitamente suscitata da un evento che rappresenta l'oggetto cui l'individuo presta attenzione. Eventi antecedenti, loro valutazione e significato :Interesse=motivo,scopo,unvalore. Gli interessi individuali costituiscono predisposizioni emotive, infatti il beneficio o il danno a tale interesse che rende un evento emotivamente rilevante, infatti la considerazione che un evento possa essere emotigeno per un individuo e non per un altro o che per lo stesso individuo possa esserlo in un certo momento della sua vita e non in un altro, implica che le emozioni sono fortemente ancorate alle credenze e alle conoscenze dell'individuo e quindi alla sua storia personale. Uno stesso evento non suscita emozione in tutti gli individui, n suscita sempre la stessa emozione. L'appartenenza culturale dell'individuo e la sua storia personale intervengono in una codifica dell'evento e definiscono se quell'evento suscita emozione e in quel caso quale tipo di emozione. Esempio 1: nelle culture collettivistiche come quelle orientali sono molto importanti il giudizio del gruppo cosi che, l'evento di un individuo che avr violato alcune norme susciter una importante emozione di vergogna. Mentre nelle culture individualiste che sottolineano l'autostima e l'autonomia di un individuo avranno particolare rilevanze eventi che suscitano colpa. Esempio 2: Parlare in pubblico imbarazzante sia per un adolescente che per una persona ansiosa, mentre non lo per un attore.Esempio 3: La morte di qualcuno susciter tristezza, dolore, colpa, disperazione, rassegnazione o sollievo a seconda dell'importanza e delle implicazioni che tale perdita comporta per la persona. Multidimensionalit della valutazione degli eventi La valutazione di un evento un processo multidimensionale. Un evento emotigeno infatti riguarda il benessere dell'individuo (valenza: evento piacevole o spiacevole), la capacit dell'individuo di farvi fronte (potenziale di coping: l'evento tollerabile?) e ancora una serie di dimensioni quali la salienza (l'evento funzionale agli scopi dell'individuo?), la novit (l'evento familiare all'individuo?), il controllo (la situazione sotto il controllo dell'individuo?), la certezza (quanto probabile che l'evento abbia esito?), la fonte

causale(chi ha causato l'evento?), l'intenzionalit (l'evento stato causato intenzionalmente?).Le ricerche sulle emozioni hanno dimostrato che specifiche configurazioni di valutazione caratterizzano emozioni diverse. Esempio: la gelosia si caratterizza per valenza negativa e per il fatto che gli eventi che la scatenano sono inattesi o causati da altre persone. La gioia invece ha valenza positiva, e gli eventi che la producono sono inattesi ma possono essere anche causati dall'individuo che la prova. Le valutazioni analitiche e automatiche:La valutazione dellevento si base su cognizione analitiche cio dei ragionamento ed inferenze complesse:infatti senza la cognizione infatti l'evento emotigeno non provocherebbe tendenze all'azione specifiche (il voler attaccare nella rabbia, il voler fuggire nella paura, etc.) Ma pu accadere anche che la valutazione di un evento sia il risultato di valutazioni automatiche (proviamo imbarazzo senza sapere che il nostro desiderio di essere giudicati competenti sul piano sociale, o il nostro desiderio di essere accettati, ad essere minacciato). Il processo di valutazione di un evento emotigeno pu essere sia consapevole che automatico, ci dimostra che esistono emozioni legate alla riflessione e emozioni risultati da processi di pensiero poco strutturati. Protopicit dei rapporti evento-emozione: Un metodo utilizzate per studiare i legami tra emozioni ed eventi che le generano consiste nel chiede alle persone di descrive un evento che abbia fatto provare loro una data emozione.Per stabilire cosa accumuna specifici eventi. Nel caso della tristezza ad esempio si rileva che l'evento comune la perdita (di persone care, del lavoro, separazione dal coniuge etc), nel caso dell'invidia, il nucleo comune il desiderio di ottenere qualcosa che ha l'individuo con cui la persona si confronta. Ci dimostra che esiste un legame significativo emozione-evento e quindi possiamo affermare che certi tipi di eventi sono prototipici di certe emozioni: la perdita suscita tristezza, il pericolo paura, la violazione altri di propri valori rabbia e cosi via.I legami evento-emozione sono assimilabili a schemi concettuali connessi a pi ampi schemi emozionali di significati socialmente condivisi. Tali significati influiscono sull'attenzione che l'individuo presta agli eventi.Tra i significati dello schema emozionale vi sono le norme morale e sociali. I legami evento-emozione di tipo protopico sone per definizione probalistici e non assoluti,perch prevedere se e quale emozione prover una persona al verificarsi di un certo evento possibile,ma solo se siamo in grado di specificare il significato che attribuir a a tale evento,in quel momento della sua storia personale. Codifica di legami emozionali prototipici:il lessico emozionale La grande variet di termini che designano emozioni ci induce ad ipotizzare che il lessico emozionale codifichi un certo aspetto delle emozioni e sia funzionale ad esso. Esempi: indignazione e gelosia implicano che qualcun altro che offende i nostri valori o minaccia l'esclusivit del possesso di un bene; imbarazzo, vergogna e orgoglio designano emozioni provate anche quando l'agente non il S (mi imbarazzo quando il mio partner si rovescia il caff addosso mentre siamo a cena da amici); soddisfazione e delusione specificano eventi che confermano o vanificano aspettative; ammirazione e biasimo riguardano azioni di agenti diversi dal S, ma dirette sia verso il S sia verso altri individui; nostalgia, rammarico e rimpianto riguardano eventi-oggetti del passato mentre speranza eventi futuri. Inoltre tra le dimensioni del lessico emozionale troviamo il grado con cui un individuo fa fronte agli eventi (impotente, disperato, sicuro), l'intensit dell'emozione (terrore, estasi, giubilo, repulsione), il grado e la natura dell'attivazione fisiologica (eccitato, calmo, infuriato) e cosi via.Il lessico emozionale, per, codifica i vari aspetti del'esperienza emotiva(in particolare la valenza e lintensit) in modo disomogeneo in quanto ogni termine non pu descrivere (codificare) tutte le componenti. Il processo emotivo: Le componenti formano il nucleo del processo emotivo: la valutazione da parte dell'individuo di un evento provoca una tendenza all'azione accompagnata da risposte fisiologiche e espressive per poi tradursi in comportamenti.L'esperienza emotiva comprende anche una struttura intenzionale o atteggiamento emotivo cio un insieme di piani che il soggetto sviluppa per far fronte allevento (esempio: il rimorso comporta spesso il desiderio di fare qualcosa per rendere la propria colpa meno severa) che estende lo stato di tendenza all'azione e definisce la natura di un'emozione.Le emozioni si differenziano anche per il loro decorso temporale (alcune infatti hanno un chiaro inizio e una chiara fine, in altri casi l'esperienza discontinua e variabile. La durata reale dell'esperienza emotiva

dipender dall'impatto dell'evento emotigeno sull'individuo e dai processi di regolazione che questi mette in atto.I comportamenti messi in atto dall'individuo saranno determinati dal tipo specifico di emozione suscitata ma anche dalla valutazione di oggetti particolari associati a quell'evento (caso gelosia, il cui oggetto particolare l'interesse del partner per altri, l'individuo che la prova cerca di prevenire il ripetersi dell'evento che l'ha scatenata, impedendo al proprio partner di uscire).L'individuo spesso giudica l'emozione che prova sia come emozione provata dal S (approvandola o meno a seconda dei propri canoni) sia rispetto ai suoi effetti sugli altri. Esempio: provo invidia quindi mi dispiace di aver percepito negativamente un successo del mio rivale (valutazione dell'evento), rifiuto di accettare il mio desiderio di rovinare il suo successo ( tendenza all'azione), mi rammarico di aver fatto commenti malevoli su di lui (comportamento), o infine cercare di sentirmi felice per il suo successo. Il sistema emotivo un modulo che opera insieme ma indipendentemente da altri sistemi. Un'emozione pu insorgere anche se l'individuo impegnato in altra attivit. La valutazione emozionale degli eventi presumibilmente continua e contemporanea alle altre attivit in corso (almeno fino a quando l'emozione non eccitata). Il processo emotivo presuppone la presenza di alcune condizioni, quali i meccanismi e i processi che producono le valutazioni e i cambiamenti nella tendenza all'azione e le risorse che permettono i comportamenti. Se non ci si trova in uno stato ottimale mentale (esaurimento psicofisico) i processi non operano in modo adeguato modificando anche le emozioni. Come pure se le risorse energetiche dell'organismo non sono ottimali, diminuiscono la sensibilit e reattivit emotiva all'ambiente. Capitolo 18 La Motivazione Che cosa la motivazione : La parola motivazione deriva dal latino motus, cio movimento , e indica ci che porta un individuo a compiere un determinata azione,a perseguire un determinato obiettivo o a desistere nel mantenere il proprio stato. La persona motivata ha un obiettivo e compie sforzi e persiste in esso. Prova stati di irrequietezza, di tensione e di attivazione tanto che si potuto paragonare la Motivazione ad una forma mitigata dell'ossessione. Attraverso losservazione esterna non possiamo cogliere le motivazioni di una persona ma solo degli indizi di essa nel suo comportamento,e dunque trarne delle teorie ingenue. La motivazione dunque un concetto ipotetico chiamato in causa per spiegare la condotta. Perch ci comportiamo in un determinato modo. Cosa permette di sopportare fatiche o di tollerare frustrazioni ripetute (io sopporto De Negri per es.) per ottenere l'approvazione altrui? Risultano maggiormente motivanti i rinforzi esterni oppure le gratificazioni personali? Per illustrare il modo in cui affronteremo questi interrogativi consideriamo un esempio concreto. Quali sono i motivi che inducono una persona a sottoporsi ad una dieta. Supponiamo che il motivo scatenante sia stato trovare nell'armadio un abito divenuto troppo stretto per indossarlo ed il desiderio di diventare come qualche anno fa. Quindi la forte spinta motivazionale sono costituiti dallo spostarsi dell'ago della bilancia e la speranza e l'orgoglio per l'iniziale diminuzione di peso. Ebbene questa persona vivr la progressiva diminuzione di peso sia come vicinanza all'immagine corporea desiderata (richiamata dal vecchio abito) sia come ampio rafforzamento dell'autostima personale. In questo modo verr creato un sistema di auto motivazione in cui stimoli esterni (diminuzione del peso , variazione dell'aspetto corporeo e approvazione e complimenti altrui) e vissuti personali( soddisfazione, compiacimento, senso di controllo) si rinforzano reciprocamente. Quello che invece accade spesso che un regime alimentare molto rigido difficile da sostenere a lungo termine , unita all'idea di essersi sacrificati abbastanza e di non avere abbastanza forza di carattere per proseguire porta inevitabilmente ad una trasgressione. Il piacere immediato che ne deriva che una persona golosa impossibile che segui una dieta. A questo punto i chili perduti si recuperano , sopraggiungono i sensi di colpa e di inefficacia e la persona in questione si rifuger nei piaceri della tavola. Questi esempi servono a comprendere in seguito che la motivazione funzionalmente collegata ad un insieme di fattori sia esterni che interni. Le teorie della motivazione Una classica tassonomia distingue le motivazioni in Estrinseche ed Intrinseche.Le motivazioni estrinseche quali, i premi , gli elogi, gli incentivi, l'approvazione sociale, o il raggiungimento di uno status, avviene

quando un comportamento messo in atto per ottenere qualcosa che va al di l della motivazione in quanto tale.Le motivazioni intriseche quali l'interesse , la curiosit il successo o il potere sono motivazioni che fanno afrontare un compito fino a se stesso e non per finalit esterne. Se pensiamo all'es. Della dieta ci accorgiamo che la motivazione non un processo unitario ma un insieme di esperienze soggettive di origine intriseca o estrinseca , quali gli obiettivi , le aspettative, i processi emotivi, i valori, gli interessi personali. Dall'analisi emerge che esistono almeno 20 differenti termini motivazionali distinti tra quelli relativi alle motivazioni estrinseche ed intrinseche. Pulsioni e rinforzi: Diverse teorie asseriscono che il comportamento sia dettato da pulsioni ed istinti . La psicoanalisi di Freud, oppure l'etologia di Konrad Lorenz o il comportamentismo di Clark Hull. Freud sosteneva che la motivazione pulsione innata, ovvero istinto biologico che porta l'individuo a comportarsi in un certo modo sotto la spinta di componenti consce ed inconsce. Secondo Freud esistono due pulsioni primarie: La pulsione vita (eros) e quella di morte (Thanatos) . La prima comprende le pulsioni sessuali e di autoconservazione, la seconda racchiude impulsi di aggressione e distruzione e il desiderio di controllo e dominio. La teoria comportamentista ha elaborato una visione della motivazione e dell'apprendimento come prodotto di una serie di variabili controllabili attraverso la programmazione di gratificazioni e rinforzi di varia natura. La teoria del condizionamento sostiene che gli esseri umani a pari degli animali sono motivati a produrre comportamenti che portano a conseguenze positive nell'ambiente ed evitano quelle motivazioni che portano a conseguenze negative nell'ambiente. Secondo la legge dell'effetto di Edward Thorndike, le risposte seguite nel tempo da un effetto positivo tendono ad essere ripetute dall'animale quando questi si trova nella medesima situazione.La teoria dei bisogni: Secondo lo psicologo americano Abraham Maslow la motivazione la manifestazione di alcuni bisogni primari che vengono rinforzati od ostacolati dall'ambiente. Secondo Maslow c' una gerarchia dei bisogni in cui quelli di base,in quanto funzionali alla sopravvivenza hanno precedenza sugli altri.Lindividuo persegue i bisogni di ordine superiore solo dopo che i primi siano stati soddisfatti.Alla base della struttura gerachica piramidale vi sono: Bisogni fisiologici (fame, sete, ) Bisogni di sicurezza ( ricerca di un rifugio, sicurezza economica) , bisogni di appartenenza ( senso di intimit, amore) bisogni di stima , bisogno di autorealizzazione (espressione di attivit nobili quali i comportamenti altruistici). Cos una persona costretta a non mangiare per giorni, difficilmente rinuncer al cibo in nome di qualche causa politica. La gerarchia di tale teoria stata molto discussa. Infatti a volte accade che impegnati un in'occupazione particolarmente stimolante il tempo passa senza che ce ne rendiamo conto e dimentichiamo appuntamenti importanti e non si percepisce stanchezza e fame. Le teorie cognitive e sociocognitive: Secondo la prospettiva cognitivista la motivazione influenzata dalle convinzioni dell'individuo circa il suo valore e le sue abilit, gli obiettivi che si pone , le aspettative di successo o di fallimento e i sentimenti positivi o negativi che derivano dai suoi processi di autovalutazione. La teoria socio cognitiva sostiene anche che le altre persone e l'ambiente sociale e culturale influenzano significativamente tutti i fattori sopra indicati. Il nucleo centrale delle teorie sulla motivazione di tipo sociocognitivo si sposta dalle nozioni di spinta bisogno e pulsione, a quelle di ricompensa e incentivo estrinseco, nonch di aspettativa , obiettivo e atteggiamento personale. In altre parole nelle teorie sociocognitive la motivazione una configurazione d'esperienze soggettive che consente di spiegare l'inizio , la direzione , l'intensit e la persistenza di un compito finalizzato ad un determinato obiettivo. Una tale chiave di lettura ci spiega come una motivazione inizialmente estrinseca diventa in seguito intrinseca. Esempio se per necessit economiche accetto un determinato lavoro, successivamente scopro degli aspetti interessanti di tale attivit a cui posso ricavare una certa soddisfazione nel riuscirci, ecco che la motivazione diventa anche intrinseca. Per garantirsi la capacit di persistere nel conseguimento di risultati difficili e obiettivi lontani nel tempo, il creare le condizioni per favorire il passaggio tra questi due tipi di motivazioni pu essere di grande utilit. La motivazione alla riuscita: La motivazione alla riuscita rappresenta la necessit di fare le cose al meglio per un desiderio intrinseco di raggiungere il successo ed evitare il fallimento. Gi dai primi anni di vita i bambini mostrano il desiderio di fare anche quando non sono particolarmente rinforzati dai genitori. Molti studiosi affermano che vi nell'uomo una motivazione intrinseca di voler conoscere ed esplorare il mondo. Negli anni 30 gli psicologi Americani Atkinson e David Mc Clelland posero le basi della ricerca sulla motivazione partendo dall'assunto teorico di Kurt Lewin

secondo il quale il comportamento di una persona dipende dal suo spazio vitale che composto dalla persona e dall'ambiente psicologico permeabile dall'influenza dell'ambiente esterno, e che la motivazione scaturisce dalla tensione tra le forze di attrazione e di repulsione che percorrono tale spazio. Secondo Atkinson la motivazione alla riuscita risulta da 2 opposte tendenze :ottenere il risultato ed evitare il fallimento.In particolare Atkinson ha dimostrato che le differenze individuali legate alla motivazione alla riuscita si manifestano nella scelta di compiti di differente difficolt. Il modello di Atkinson delle scelte a rischio spiega in che modo una persona spinta da 2 opposte motivazioni /il desiderio di successo e la paura del fallimento) sceglie se affrontare o no il compito.Al crescere della difficolt del compito corrisponde un aumento dellincentivo, rappresentato dallemozione anticipata di orgoglio. La motivazione cresce quando la preoccupazione per la difficolt compensata dallemozione positiva data dalle prospettive di soddisfazione. Quando la difficolt del compito diviene eccessiva e la probabilit di riuscita si riduce anche la motivazione si riduce, perch la paura del fallimento prende il sopravvento.La situazione ottimale rappresentata dal punto di incontro tra le 2 dimensioni: incentivo adeguato e probabilit di riuscita, che si verifica quando i compiti appaiono di difficolt leggermente superiore alla media.Si dimostrato che le due tendenze ad ottenere il successo ed evitare il fallimento sono tra di loro indipendenti.Possono esistere 4 categorie di persone : Sovramotivati: con alta tendenza sia a ricercare il successo che evitare il fallimento Orientati al successo: con alta tendenza al successo e bassa tendenza a evitare il fallimento Orientati ad evitare il fallimento: con bassa tendenza al successo e alta tendenza a evitare il fallimento Orientati al fallimento: con bassa tendenza sia al successo sia a evitare il fallimento. Solo le persone orientate al successo hanno motivazione ottimale poich laspirazione al successo pi forte del timore di fallire. La misura alla motivazione predice il successo lavorativo. Una forma precoce di questo tipo di motivazione stata anche chiamata motivazione di competenza si pu osservare nel voler far da s del bambino che si ostina a fare da solo anche quando padroneggia poco. La psicologa americana Susan Harter ha esaminato lo sviluppo della motivazione di competenza nel bambino in relazione della presenza o assenza del sostegno da parte dei genitori. I risultati hanno dimostrato che se sostenuto e rafforzato nei primi tentativi , il bambino tende a sviluppare un sistema di autoricompensa, per cui il fatto stesso di compiere l'azione stimola l'adozione di quel comportamento a prescindere dall'approvazione esterna. Il bambino si percepisce pi competente e interiorizza una percezione di controllo rendendo autorinforzanti i tentativi di padronanza. Al contrario se il bambino viene scoraggiato e disapprovato in queste sue esperienze tende a sviluppare un continuo bisogno di approvazione.L'essere umano fin da piccolo manifesta il bisogno di conoscere e di sentirsi competente come dimostrato dalla teoria dell'autodeterminazione di scegliere le attivit da svolgere. Decy e Ryan individuano nell'autodeterminazione la soddisfazione di 3 bisogni:competenza, autonomia e relazione. La competenza consiste nella percezione di padronanza dell'azione e di controllo. L'autonomia riguarda la possibilit di scegliere attivit e modalit di svolgimento delle stesse. La relazione fa riferimento al bisogno di relazioni sociali. L'autodeterminazione consiste quindi nel fare le cose scelte personalmente nei tempi e nei modi voluti e nel sentirsi in queste non solo competenti ma anche approvati socialmente. Le cause del successo e le cause del fallimento: La teoria attributiva: Successi e fallimenti hanno effetti completamente diversi a seconda delle cause cui vengono attribuite. Nel caso del fallimento le conseguenze saranno diverse a seconda se la causa sia individuata in una scasa capacit o attribuita alla difficolt del compito o ad un impegno insufficiente. Quindi occorre distinguere le cause in esterne ed interne. Gli effetti dell'attribuzione sono diversi a seconda che riguardino i risultati propri (autoattribuzione) o altrui (eteroattribuzione).E' tendenza comune attribuire cause esterne ai fallimenti e interne ai successi per quanto riguarda i propri risultati, il contrario per gli altri. Questo effetto viene chiamato errore edonico di attribuzione , un errore di ragionamento imputabile ad una motivazione

fondamentale : la necessit di salvaguardare l'immagine di s. Altre distinzioni riguardano: la stabilit nel tempo della causa e la sua controllabilit. Le cause stabili sono: l'abilit e le caratteristiche del compito e causa meno stabili sono: l'impegno e la fortuna. Anche se si riconosce che un evento frutto di diverse cause, si portati a privilegiarne solo alcune. E' la localizzazione interna della causa a determinare sentimenti di orgoglio o vergogna. La teoria attributiva un'interpretazione in chiave cognitiva della posizione di Atkinsons. Nella teoria attributiva la motivazione non deriva dalle emozioni anticipate ma dai processi cognitivi che riflettono sulle cause dei propri risultati. Un fallimento determiner un'emozione di vergogna se attribuito alla scarsa abilit ma non se attribuito fattori casuali ; l'orgoglio e la soddisfazione si proveranno per un successo attribuito al proprio impegno ma non se imputato all'aiuto degli altri. Gli individui motivati al successo e quelli motivati ad evitare il fallimento si differenziano nello stile attributivo, Gli individui motivi al successo tendono ad attribuite il conseguimento dei propri obiettivi a fattori interni , primo fra tutti la propria abilit, ed i fallimenti a cause variabili come la sfortuna. Gli individui motivati ad evitare il fallimento hanno uno stile attributivo tendente a vedere il fallimento come causato da una scarsa abilit, ed il successo come risultato di fattori esterni. Lesperienza del libero flusso: Con l'esperienza di flusso (flow experience) lo psicologo Ungherese Mihalyi Csikszentmihalyi descrive un tipo di esperienza che cos piacevole e coinvolgente da diventare autelica cio fine a se stessa. Le attivit creative come lo sport, i giochi, i riti religiosi sono fonti tipiche di questi tipi di esperienza e rappresentano l'esempio estremo di motivazione intrinseca. Requisito fondamentale per raggiungere un tale stato che il livello di difficolt dell'azione sia superiore alla media delle abituali opportunit. Il flusso non ha bisogno di ricompense esterne. Gli elementi fondamentali dell'esperienza di flusso sono 3:Un grande investimento di attenzione sulla situazione in atto;Una sensazione di benessere e soddisfazione personale;La presenza di un impegno a cui corrispondono capacit personali adeguate. Motivazione e apprendimento: Gli studi sulla relazione tra motivazione ed apprendimento sono recenti.Tale relazione mediata da tante variabili, cos che la motivazione ad apprendere in una determinata situazione sar maggiore se si conosce e si applicano strategie di apprendimento ragionate e flessibili (in particolare di tipo metacognitivo) ; protrae nel tempo il suo impegno ; attribuisce a quest'ultimo i suoi successi o fallimenti, sceglie compiti di difficolt ottimale che gli consentano di mettersi realmente in gioco. Un modello teorico quello definito aspettative-valore esemplifica la relazione tra motivazione ed apprendimento. Secondo questo modello la motivazione, misurata nei termini della qualit della prestazione, nella scelta dei compiti impegnativi e nella persistenza in questi vista come determinata dal valore del compito cio l'importanza che assume per il soggetto che apprende e dalle aspettative della riuscita cio la probabilit di successo. Le aspettative di riuscita sono influenzate da quanto ci si ritiene abili in quella situazione. Queste credenze sono influenzate da valutazioni cognitive e sociali, come la spiegazione data ai successi/fallimenti e le aspettative che gli altri hanno nei nostri confronti. Tutte queste stime e valutazioni risultano centrali nel modello per la relazione bidirezionale che le lega alla percezione di s e agli obiettivi perseguiti. Obiettivi di apprendimento e teorie dellintelligenza: La spinta motivazionale all'apprendimento mediata da varie componenti di natura sia cognitiva sia affettiva. Premesso ci possibile chiedersi il perch alcune persone davanti ad un ostacolo si comportano come se fosse una dolorosa condanna ed altri come una sfida interessante. La psicologa americana Carol Dwech fa una distinzione nellapprendimento : gli obiettivi di padronanza (cio quello che ci porta ad imparare cose nuove)e obiettivi di prestazione. (cio quelli che ci portano a dimostrare le abilit).Tali obiettivi non sono tutto o niente nel senso che non si solo interessati a dimostrare di essere bravi oppure solo interessati ad imparare. Piuttosto in ognuno di noi ci pu essere che prevalga l'uno o l'altro. Le differenze individuali nella motivazione sono dovuti due tipi di atteggiamento relativo a se stessi e alla propria intelligenza. Quest'ultima viene intesa come un insieme di abilit in potenziale crescita(teoria incrementale) da chi si pone obiettivi di padronanza, mentre ritenuta maggioramene stabile e difficilmente modificabile (teoria entitaria) da chi si pone obiettivi di prestazione. Chi abbraccia teorie pi incrementali sceglie compiti pi difficili con minimo timore al fallimento; chi invece abbraccia teorie entitarie si cimenta in compiti pi

sicuri.Gli studenti che abbracciano teorie entitarie si sentono maggiormente minacciati dalle situazioni impegnative e in caso di fallimento si scoraggiano facilmente. Credono che ottenere buoni risultati senza impegnarsi molto sia sinonimo di intelligenza. Questa visione dell'intelligenza suscita preoccupazione di non essere troppo brillanti crea ansia e porta considerare i fallimenti come una misura della loro intelligenza. Secondo Dweck le teorie dell'intelligenza sono tratti relativamente stabili della loro personalit ma nel tempo stesso manipolabile e potenzialmente modificabile. Motivazione e autostima: un modello esplicativo Il concetto di autostima diverso dal concetto di s, inteso come insieme di elementi cui una persona fa riferimento per descrivere se stesso. L'autostima coincide con la valutazione delle informazioni contenute nel concetto di s. Se ad es. do un alto valore al fatto di essere uno studente modello ma invece sono uno studente medio la mia autostima sar bassa. William James definiva l'autostima come il rapporto tra il S reale ed il s ideale. Alcuni studi dimostrano che l'autostima si forma sin dalla tenera et dall'interazione di 4 fattori: il rapporto con i genitori, l'autocontrollo dei sentimenti negativi, l'auto accettazione, la condotta interpersonale. Chi ha un buon concetto di s ed una buona autostima ha approcci pi positivi rispetto a chi ha un concetto di s meno buono.Chi incerto circa la considerazione di se tende a mettere in atto strategie difensive dette di autosabotaggio (in ingl. Self-handicap), per giustificare eventuali fallimenti. Es. lo studente che devo l'indomani sostenere un esame , invece di ripassare decide di fare visita ad un amico triste e depresso . Nel caso in cui otterr un buon risultato all'esame avr un doppio motivo di orgoglio, nel caso dovesse andare male si giustificher per aver aiutato un amico .L'autostima deriva da un buon utilizzo delle proprie risorse personali nell'affrontare un compito. Se gli esiti del proprio impegno sono attribuiti a fattori interni possibile l'innesco di un processo di atuomotivazione di fronte ad una prestazione positiva. Al contempo esiti negativi non danneggiano il senso di autostima quando il valore di s fondato sulla consapevolezza di modificare le situazioni di apprendimento e non sull'evidenza dei singoli risultati. Nell'opposto versante di un'interpretazine entitaria del s l'autostima concepita come qualcosa che d all'altro dicendgli che ha tante buone qualit e che molto intelligente e nascondendogli o addolcendogli gli aspetti negativi Cio' porta a ricercare facile successi a misurarsi con gli insuccessi degli altri perch un'immagine di se stabile e immodificabile ha bisogno di continue conferme e non pu tollerare attacchi e frustrazioni. Capitolo 19 Intelligenza animale Introduzione:Pensiero e intelligenza :Le ultime pagine del romanzo Ulisse di James Joyce sono costituite dal monologo interiore , cio una tecnica narrativa che rappresenta ci che lo psicologo William James aveva definito flusso di coscienza. Monologhi come questo rappresenta 2 forme del pensiero umano :quando sogniamo ad occhi aperti come quando i nostri pensieri non hanno uno scopo preciso ,ma passano da un0idea allaltra,spesso per pura associazione; e i processi che ci permettono di fare calcolo mentali (per capire let di Stephen). Viene rappresentato il ragionamento deduttivo e infine un giudizio probalistico. Intelligenza animale: Lo psicologo Euan MacPhail , esaminando la letteratura di psicologia comparata afferma che non ci sono delle prove convincenti a favore di una qualsiasi differenza nelle capacit di apprendimento tra le diverse specie di vertebrati. Infatti un pesce rosso apprende una discriminazione tramite condizionamento nello stesso tempo e commettendo lo stesso numero di errori dello scimpanz. Il test di rotazione mentale nei colombi e negli esseri umani mette in evidenza che le due specie utilizzano strategie diverse per risolvere il problema. In cui la strategia messa in atto dai colombi risulta pi efficiente se parliamo in termini di velocit di prestazione. Lesperimento consiste nel presentare delle figure in cui si deve identificare il profilo che non centra. Gli animali in un primo momento imparano a discriminare tra 2 figure utilizzando la tecnica di confronto campione(nella parte centrale viene presentata una figura=stimolo campione, questa poi scompare e ai due lati compaiono 2 figure che sono gli stimoli confronto. Il colombo

riceve il cibo come premio solo quando becca lo stimolo di confronto uguale allo stimolo campione. Dopo ci gli stimoli confronto vengono presentati in maniera diversa cio sono ruotati di un certo angolo 45,90,180. Il caso della nocciolaia Clark un corvide che vive nel Nord America , manifesta notevoli capacit di memoria spaziale. Infatti essa nasconde durante lestate diverse quantit di cibo , in diversi nascondigli per poi andarlo a recuperarlo a distanza di mesi.. Quindi lintelligenza non una capacit unitaria ma piuttosto un insieme di abilit, alcune delle quali strettamente specializzate, che possono essere variamente diffuse tra le specie di animali in relazione a precisi adattamenti ecologici. Lintelligenza animale come kit di specializzazioni adattive Molte persone pensano che lintelligenza umana abbia una sorta di gerarchia intuitiva cio vi sarebbe una scala zoologica , che provvede un ordinamento per la complessit strutturale dei viventi , la quale sarebbe in qualche modo riflessa in una scala psicologica che a sua volta ordinerebbe la complessit delle funzioni mentali dei viventi.All idea della scala unilineare i biologi hanno sostituito lidea dellalbero darwiniano in cui levoluzione della vita sulla terra assomiglia allintrico delle ramificazione di un albero, un processo multilineare , dove gli apici sono rappresentati dagli esseri viventi che vivono oggi sul pianeta e che sono quindi dal punto evoluzionistico, tutte egualmente evolute. Con cui possiamo ricostruire la genealogia delle specie e comprendere le relazioni di parentale che legano tra loro i viventi. Levoluzione non implica necessariamente un aumento della complessit strutturale. Perch levoluzione produce solo un cambiamento. Lintelligenza un insieme di capacit adattive. In cui un intelligenza specializzate e il risultato di un adattamento specifico. Se consideriamo levoluzione della cognizione dal punto di vista biologico , cio della selezione naturale, si deve riconoscere che lintelligenza anima le costituita da un insieme di capacit specializzate che si sono evolute a problemi specifici. Intelligenza e socialit : levoluzione del comportamento altruistico e cooperativo: Il concetto di selezione parentale cio latto altruistico pu risultare biologicamente vantaggioso se vieni rivolta a consanguinei cio gli individui che sono portatori di copie degli stessi geni dellindividuo altruista. Altruismo reciproco :il quale pu evolversi solo nel caso che vi una certa probabilit che lindividuo beneficiato contraccambi in un secondo momento.Linguaggio e cognizione: Il linguaggio verbale una adattamento specie specifico cio un adattamento specifico degli esseri umani. Il contributo che il linguaggio fornisce ai processi di pensiero : cio se si pu affermare che il pensiero degli esseri umani sia diverso per qualche aspetto fondamentale dagli altri animali. Secondo la psicologia Elizabeth Spelke : la differenza sono i moduli cognitivi indipendenti cio che i sistemi cognitivi sono limitati sotto certi aspetti essendo specifici per un particolare compito, inoltre vi la capacit tipicamente umana del linguaggio che seve come medium per combinare insieme le rappresentazioni disponibili rese disponibili dai moduli cognitivi. Per Le persone e gli animali utilizzano strategie diverse , utilizzando il linguaggio come un medium, un veicolo del pensiero. Il linguaggio una funzione di veicolo per i processi di pensiero ma non rende diversi differenti processi , che sono gli stessi posseduti dagli altri animali. Il linguaggio rende semplicemente socialmente condivisibili prodotti dei processi di pensiero. Capitolo 20 pensare con i numeri Le rappresentazioni di numeri : Esistono due stime principali di espressione numerica :le parole numero=venticinque e i numeri arabi=25.In tutte e due i casi , gli elementi possono essere combinati attraverso regole sintattiche che ci permettono di leggere il numero e il contenuto( in 25 che 20,). Il numero deve essere posto in uno specifico contesto e pu assumere tre significati: Numerosit: cio il numero di elementi di un insieme. Posizioni seriale: cio lordine di un elemento in una sequenza;Etichetta: cio un modo arbitrario per identificare un oggetto .La linea numerica mentale: La rappresentazione mentale di numeri rappresentata in modo analogico e visuo-spaziale piuttosto che in modo simbolico-linguistico. Lesistenza di rappresentazioni visuo spaziale dei numeri risale al 800 quando Francis Galton chiese a persone normali di descrivergli come pensavano ai numeri. Molti riferirono di avere unimmagine visiva in

cui i numeri, a volte anche colorati erano disposti su di una linea continua orientata da sinistra verso destra (con i numeri piccoli allestremit sinistra). Questa divenne nota come linea numerica mentale. Questo tipo di esperienza introspettiva stata confermata in ricerche pi recenti, basate su interviste e questionari strutturati ,tuttavia, la percentuale di persone che riferisce esplicitamente di vedere nella mente una linea numerica relativamente bassa . A fianco del dato introspettivo, che ha una valenza scientifica piuttosto limitata anni sono emerse delle solide prove psicofisiche e neuropsicologiche a favore di una rappresentazione mentale dei numeri che ha delle caratteristiche spaziali riassumibili dalla metafora della linea numerica mentale. Leffetto SNARC (Spatial-Numerical Association of Response Codes), rappresenta unimportante prova dellorientamento spaziale della linea numerica mentale. Negli espe rimenti in cui tale effetto stato dimostrato, ai partecipanti vengono presentati, uno per volta e al centro di uno schermo, i numeri da 1 a 9 (escluso il 5). Il compito consiste nel classificare il numero come pari o dispari, premendo un pulsante o con la mano destra o con la sinistra . La variabile dipendente il tempo di reazione (TR), cio il tempo che intercorre fra la comparsa del numero sullo schermo e linizio della risposta manuale corretta. Ci che si osserva che i TR in risposta ai numeri piccoli (inferiori a 5) sono pi rapidi con la mano sinistra mentre i TR in risposta ai numeri grandi (superiori a 5) sono pi rapidi con la mano destra. Ad esempio, le risposte che classificano come numeri pari 2 e 4 sono pi rapide con la mano sinistra, mentre le risposte che classificano come numeri pari 6 e 8 sono pi rapide con la mano destra. Lo stesso rapporto fra mano che risponde e rapidit di risposta si ottiene per i numeri dispari. La spiegazione attribuita a questo fenomeno che la comparsa del numero al centro dello schermo attiva in modo automatico la rappresentazione della quantit corrispondente sulla linea numerica mentale. Le quantit pi piccole sono rappresentate a sinistra sulla linea numerica mentale (dunque, in corrispondenza della mano sinistra) e quelle pi grandi sono rappresentate a destra (dunque, in corrispondenza della mano destra). Come noto da tempo, le risposte sono pi rapide quando stimolo e risposta sono sullo stesso lato della linea mediana del corpo (compatibili) rispetto a quando sono su lati opposti (incompatibili). Il confronto di grandezza numerica: La capacit di scegliere il pi grande tra due numeri rappresenta il criterio di base per comprendere se un individuo comprende il significato dei numeri. Gli psicologi dellet evolutiva individuano nella capacit di ordinare i numeri per grandezza il momento in cui il bambino possiede il concetto di numero. Il confronto di grandezza numerica pu essere eseguito utilizzando come stimoli i numeri arabi, le parole-numero.Pi i numeri sono differenti pi le risposte sono rapide e accurate cio pi facile confrontare(5-3) piuttosto che (5-4), questo fenomeno noto come effetto distanza si osserva indipendentemente dal formato degli stimoli (parolenumero, numeri arabi, o insiemi di punti) e viene interpretato come una dimostrazione del fatto che le discriminazioni tra gli elementi numerici sono tanto pi facili quanto pi le quantit da confrontare sono distanti sulla linea numerica mentale. Pi i numeri sono differenti, pi le risposte sono rapide e accurate. Oltre alleffetto distanza, i risultati ottenuti nei compiti di confronto dimostrano lesistenza del cosiddetto effetto grandezza: a parit di distanza tra i numeri da comparare, le risposte rallentano con laumentare della grandezza dei numeri. Ad esempio, i TR sono pi rapidi per il confronto tra 3 e 5 che per il confronto tra 6 e 8 (in entrambe le coppie la distanza tra i due numeri di 2). Leffetto grandezza ha suggerito ad alcuni autori (Dehaene) lipotesi che la linea numerica mentale sia compressa logaritmicamente, cio che le quantit che essa rappresenta siano tanto pi vicine quanto pi grandi sono i numeri (seguendo quindi la legge psicofisica di Fechner). In altre parole, 6 e 8 sarebbero pi vicini (e quindi pi difficili da discriminare) di 4 e 6; a loro volta, 12 e 14 sarebbero pi vicini (e quindi pi difficili da discriminare) di 6 e 8. Unipotesi alternativa a quella della compressione della linea numerica sostiene che la rappresentazione dei numeri diventa imprecisa (rumorosa) in modo proporzionale alla grandezza numerica. La matematica mentale: La capacit di eseguire calcoli artimetici stato loggetto di molte ricerche.lesecuzioni delle operazioni artmetiche a mente a messo in risalto come le conoscenze possono essere recuperate dalla memoria sulla conoscenza dei concetti e la relazione numeriche. Le ricerche sul calcolo mentale hanno messo in evidenza che gli adulti utilizzano in combinazione il recupero di fatti artimetici dalla memoria,le procedure e perfino il conteggio. La difficolt o la facilit a un operazione mentale dovuta dalla grandezza del problema.

Il ragionamento capitolo 21 Ragionamento deduttivo:Lidea di ragionamento coincide con la logica. La maggioranza degli piscologi del pensiero partiva dal presupposto che il ragionamento comune fosse basato sullapplicazione di regole logiche. Infatti Piaget lo sviluppo cognitivo si compie nelladolescenza con lacquisizione delle operazioni formali cio delle regole formali della logica classica.La quale la possiamo definire teoria della logica mentale attualmente difesa da pochi psicologi perch non riesce a spiegare adeguatamente alcuni fenomeni del ragionamento. Il primo problema della teoria della logica menale quello degli errori di ragionamento. Modus ponens:argomento logicamente valido, cio le premesse di una argomento sono vere , la conclusione necessariamente vera.Modul tollens: rappresenta una delle regole dellinferenze valide della logica classica.Anche in questo caso se le premesse sono vere .la conclusione vera. Per lindividuo soggetto ad errore :Se nella mano c un asso, allora c un due,nella mano non c un due :infatti secondo alcune persone non possibile rispondere se nella mano c un asso o un due. Secondo la teoria dei modelli mentali proposta dallo psicologo Liard il ragionamento comune non dipende dallapplicazione di regole formali ma dalla costruzione e manipolazione delle rappresentazioni (modelli) mentali delle possibilit descritte dalle premesse. Capitolo 22 Decisoni Decisioni intuitive :Uno dei principi di base della scelta razionale quello di coerenza descrittiva:Lespressione di una preferenza dipende dal modo in cui sono descritte le opzioni. L a coerenza decsrittiva puo essere evidente , oppure vi la violazione del principio di coerenza descrittive: In cui vi una diversa descrizione delle stesse conseguenze per risolvere un dato problema. Nel problema della malattia asiatiche le persone compiono delle scelte che rappresentano una violazione del principio di coerenza descrittiva.