Sei sulla pagina 1di 12

351

Lezione 25.
Calcolo integrale. Integrale indefinito.

5. Funzioni elementari e funzioni integrali.
6. Integrazione delle funzioni razionali fratte.
6.1. Integrazione di funzioni elementari razionali fratte.
6.2. Integrazione di funzioni razionali fratte.
7. Integrazione di speciali funzioni razionali.
8. Integrale dei binomi differenziali. Teorema di Chebyshev.


6. Integrazione delle funzioni razionali fratte.

6.1. Integrazione di funzioni elementari razionali fratte.

Classifichiamo convenzionalmente le seguenti funzioni come i tipi I IV:

( )
( )
2
2
. . . . . . .
k k
A A Mx N Mx N
I II III IV
x a x px q
x a
x px q
+ +
+ +

+ +
,

con { }
2
, , , , , , , \ 1 , A M N a p q k x px q e e + + un trinomio
quadratico irriducibile (cio con discriminante
2
4 0 p q < ).
Teorema. Lintegrale indefinito di funzioni razionali fratte elementari (dei tipi I
IV) una funzione elementare.


I. ln .
A
dx A x a C
x a
= +

}


II.
( )
( )
( )
( )
1
1
.
1 1
k
k k
k
x a
A A
dx A x a dx A C x a C
k k
x a
+

= = + = +
+

} }


III.
( )
2
2
2 2
2 2
ln arctan
2
4 4
Mx N M N Mp x p
dx x px q C
x px q
q p q p
+ +
= + + + +
+ +

}


Per dimostrare questo risultato differenziamo il denominatore e
rappresentiamo lintegrale come somma di due integrali:

( )
( )
( )
2
2 2
2
2
2
d x px q
x p dx
Mx N M
dx
x px q x px q
x p dx
+ + =
+
+
= = +
+ + + +
= +
} }


( )
2
1 2
ln
2 2 2
Mp dx M Mp
N x px q N I
x px q
| | | |
+ = + + +
| |
+ +
\ . \ .
}
.

352
Per determinare anche lintegrale
1
I , esprimiamo il denominatore come
una somma di quadrati:

2
2 2 2
2
1 2
2
2
2 2
2 ,
2 4 4 2 4
1 4
arctan ,
4
p p p p p
x x q x q
dx
I
x px q
dz z q p
C a
z a a a
| | | |
| |
+ + + = +
| | |
\ .
\ . \ .
= = =
+ +

= + =
+
}
}



2 2
2
2 2
arctan
4 4
p
x
C
q p q p
| |
+
|
\ .
= +

.
Ne consegue

( )
2
2
2 2
2 2
ln arctan
2
4 4
Mx N M N Mp x p
dx x px q C
x px q
q p q p
+ +
= + + + +
+ +

}
.

IV. Per determinare lintegrale del quarto tipo, procediamo nella seguente
maniera: esprimiamo il denominatore come un quadrato perfetto
( )
2 2
k k
dz
I
z a
=
+
}
. Questo pu essere calcolato usando i due metodi:

M1. con la formula ricorrente
( )
( ) ( )
1 2
2 2
1
1
2 1 1, 2,...
2
1
arctan
n n n
z
I n I n
na
z a
x
I C
a a
+
(
(
= + =
(
+

= +

dove lintegrale
1 n
I
+
corrispondente allindice 1 k n = + si calcola a partire
dallintegrale noto per k n = e cos di seguito fino allintegrale
1
I .

M2. con il metodo dei coefficienti indeterminati

( )
( )
( )
2 3
1 2
2 2
n
k k k
P x
Mx N dx
I dx
x px q
x px q x px q

+
= = +
+ +
+ + + +
} }
,
dove ( )
2 3 n
P x

un polinomio di ordine ( ) 2 3 n con coefficienti


indeterminati, da determinare differenziando il primo e secondo membro e
uguagliando i coefficienti corrispondenti delle stesse potenze dei numeratori.


Esempio.
Calcolare
( )
2
2
5 6
3
x
I dx
x
+
=
+
}
.
353

( )
( )
1 2 2 2
2
2,
5 6
2 3 1, 3 3
3
k
x Ax B dx
I dx P x Ax B
k x x
x

=
+ +
= = = + = +
= + +
+
} }

e quindi
( )
2 2 2
2
5 6
3 3
3
x Ax B dx
dx
x x
x

+ +
= +
+ +
+
} }
.
Differenziamo il primo e secondo membro:


( )
( ) ( )
( )
2
2 2 2
2 2
3 2
5 6
3
3 3
A x x Ax B
x
x
x x

+ +
+
= +
+
+ +
.

Da cui uguagliando i numeratori
( ) ( ) ( )
2 2
5 6 3 2 3 x A x x Ax B x + + + + + , e
raccogliendo le stesse potenze della x a secondo membro

( ) ( ) ( )
2
5 6 2 2 3 3 x A A x B x A + + + + .

Ne consegue che i coefficienti delle stesse potenze della x devono essere uguali:

2
0
0 2 ,
5 2 ,
6 3 3 .
x A A
x B
x A

= +
=
= +
cio
5
, , 1
2
A B A = = = e quindi
( )
2 2 2
5
2 5 1
2
arctan
3 3 2 3 3 3
x
dx x x
I C
x x x


= + = + +
+ + +
}
.

Consideriamo infine i due casi

( )
* *
2
2
. . .
k
Mx N Mx N
III IV
x px q
x px q
+ +
+ +
+ +
,

dove { }
2
, , , , , , \ 1 , M N a p q k x px q e e + + un trinomio quadratico
riducibile (cio con discriminante
2
4 0 p q > ).

* 1 2
1 2 2
1 2 2 1
. log log
M x N M x N Mx N
III dx x x x x C
x px q x x x x
+ + +
= + +
+ +
}

con
1 2
, x x zeri del trinomio: ( )( )
2
1 2
x px q x x x x + + =
(Se il discriminante positivo allora il denominatore fattorizzabile)

Poniamo
354
( )( ) ( ) ( )
1 2 1 2
Mx N A B
x x x x x x x x
+
= +

da cui
( )( )
( ) ( )
( )( )
2 1
1 2 1 2
A x x B x x
Mx N
x x x x x x x x
+
+
=

( )( )
( ) ( )
( )( )
2 1
1 2 1 2
x A B Ax Bx
Mx N
x x x x x x x x
+ +
+
=

e per confronto
1
1 2
2 1 2
2 1
M x N
A
x x A B M
Ax Bx N M x N
B
x x
+
=

+ =



= +

.
Pertanto si ha
1 2
2
1 2 1 2 1 2
1 2
1 2
1 2 2 1
1 1
log log
M x N M x N Mx N
dx dx dx
x px q x x x x x x x x
M x N M x N
x x x x C
x x x x
+ + +
= + =
+ +
+ +
= + +

} } }



( )
*
2
.
k
Mx N
IV dx
x px q
+

+ +
}

Consideriamo soltanto il caso 2 k = , ovvia essendo la generalizzazione a
2 k > . Dimostriamo che
( )
( )
( )
( )
**
2
2
1 2
1 2 1
2 3
1 2 2
1 2 1 2
.
2
1
log
Mx N
IV dx
x px q
M x x N
M x N M x N x x
C
x x x x x x
x x x x
+
=
+ +
+ + | | + +
= + +
|


\ .
}

Poniamo
( )( ) ( ) ( )
( ) ( )
2 2 2
1 2
1 2 1 2
Mx N A B C D
x x x x
x x x x x x x x
+
= + + +

(


da cui, procedendo come nel caso precedente (moltiplicando il secondo
membro e confrontando i numeratori dei due membri), si perviene a
( ) ( )
( )
( )
( )
( )
1 2
2 2
1 2 2 1
1 2 1 2
3 3
1 2 1 2
,
2 2
,
M x N M x N
A B
x x x x
M x x N M x x N
C D
x x x x
+ +
= =

+ + + +

= =

.
Pertanto si ha
355
( )
( ) ( ) ( ) ( )
( )
( )
( ) ( )
( )
( )
( )
1 2
2 2 2 2 2
2
1 2 1 1 2 2
1 2
3
1 2
1 2
1 2
1 2 1
2 3
1 2 2
1 2 1 2
1 1
2
1 1
2
1
log
M x N M x N Mx N
dx dx dx
x x x x x x x x
x px q
M x x N
dx dx
x x x x
x x
M x x N
M x N M x N x x
C
x x x x x x
x x x x
+ + +
= + +

+ +
( + +

(


+ + | | + +
= + +
|


\ .
} } }
} }



6.2. Integrazione di funzioni razionali fratte.

Ricordiamo alcune definizioni.
Il polinomio di ordine n a coefficienti reali

( )
1
1 1 0
n n
n n n
P x a x a x a x a

+ + + ,

con ( ) , 0,1,...,
k
n a k n e e = , si dice funzione razionale (intera).
Il numero
0
x uno zero di ( )
n
P x , se ( )
0
0
n
P x = .
Pertanto ( ) ( ) ( )
0 1 n n
P x x x x

= u (teorema di Bezout) e
0
x detto uno zero del
primo ordine. Se ( ) ( ) ( )
0
r
n n r
P x x x x

= u , allora
0
x uno zero di ordine r
( ( )
n r
x

u un polinomio di ordine n r ).
Da un teorema fondamentale dellalgebra (teorema di Gauss) il polinomio
( )
n
P x ha almeno uno zero nei numeri complessi e di conseguenza ammette n
zeri.

Teorema. (sullespansione di un polinomio a coefficienti reali)
( )
1
1 1 0
n n
n n n
P x a x a x a x a

+ + + =
( ) ( ) ( ) ( )
1
1 2 2
1 1 1
,
l
k
s s
r r
n k l l
a x x x x x p x q x p x q = + + + + (T1)

dove ( ) , , , 1,..., ; 1,..., ; , , , , ,
i j
n r s i k j l k l a p q
v u u
e = = e e
( )
2
0,1, 2,..., ; 1,..., ; 1,..., ;
i j j
n l x i k x p x q v u = = e = + + sono trinomi
quadratici irriducibili.
Definizione. Il rapporto di due polinomi
( )
( )
m
n
Q x
P x
a coefficienti reali una
funzione razionale fratta (o frazione razionale).

Se m n < , la frazione propria altrimenti, nel caso m n > , viene detta
impropria.

Ogni frazione razionale impropria si pu rappresentare come somma di un
polinomio (intero) e di una frazione razionale propria.

356
Esempio.
( )
( )
3
2
4
m
n
Q x
x
P x x
=

.
In questo caso 3 2 m n = > = . Dividendo
3 2
3
4
4
4
x x
x x x
x

. Da cui
3
2 2
4
4 4
x x
x
x x
= +

, dove lultima frazione propria
essendo
1
1 2 m n = < = .

Teorema. (sulla rappresentazione di frazioni razionali proprie come somma di
frazioni razionali elementari) Ogni frazione razionale propria la somma
di un numero finito di frazioni razionali appartenenti ai tipi I-IV:


( )
( )
( ) ( )
2
1 1 1 1
,
j j
r s
k l
ji ji ji m
i i
j i j i
n
j j j
A M x N Q x
P x
x x x p x q
= = = =
| | | |
+
| |
= +
| |
+ +
\ . \ .



dove
- ( ) ( ) ,
n m
P x Q x sono polinomi con coefficienti reali,
- m n <
- ( )
n
P x espresso mediante la formula (T1),
-
i
x sono radici reali con molteplicit
i
r
- il trinomio
2
j j
x p x q + + (irriducibile) si associa alla coppia di
radici complesse coniugate con molteplicit
j
s .
Esempio.

( )
( )
( ) ( )( )
3 2
2
2
2 2
2 3
2 1 3
m
n
Q x
x x
P x
x x x x x
+ +
= =
+ + +


( )
( )
3 1 2 1 1 2 2
2 2 2 2
2
2 1 3
2
3
A A A Px Q P x Q Mx N
x x x x x
x
x
+ + +
= + + + + +
+ + +

+
.
Esempio.
Calcolare
3 2
4 3 2
4 5 5 2
2 2
x x x
I dx
x x x x
+
=
+
}
.


Lintegrando una frazione razionale propria con 3 4 m n = < = .
Riscriviamo il denominatore nella forma
( ) ( )
4 3 2 3 2
2 2 2 2
n
P x x x x x x x x x = + = + e cerchiamo gli zeri del
polinomio di terzo grado.
Se
3 2
2 2 x x x + ha delle radici intere queste devono essere
divisori del termine noto ( ) 2 e cio 1; 2 . Proviamo se 2 x = + uno zero:
( )( )
3 2 3 2 2
2 2 2 2 2 0, 2 2 2 1 x x x x x + + = + .
357
Ne consegue
( ) ( )( )
2
2 1
n
P x x x x = + .
Da cui
( )
( )
2
2 1
m
n
Q x
A B Mx N
P x x x x
+
= + +
+
.

Portiamo il secondo membro a comune denominatore e confrontiamo i
coefficienti delle potenze di pari grado dei numeratori del primo e secondo
membro:

( )( ) ( ) ( ) ( )
3 2 2 2
4 5 5 2 2 1 1 2 x x x A x x Bx x Mx N x x + + + + + + . (T2)

Per determinare i coefficienti , , , A B M N si possono usare tre metodi diversi:

1. Confrontando i coefficienti delle stesse potenze della of x e risolvendo
il sistema


3
2
1
0
4 , 1,
5 2 2 , 2,
5 2 , 1,
2 2 , 1.
A B M A x
A N M B x
A B N M A x
A N x
= + + =
= + =
= + = =
= =


2. Sostituendo alcuni valori della x , che annullano i singoli addendi del
secondo membro di (T2)


( )( )
0: 2 2 1,
2: 20 10 2,
: 3 2 .
x A A
x B B
x i i i i Mi N
= = =
= = =
= + = +


Poich due numeri complessi per essere uguali devono avere la stessa
parte reale e la stessa parte immaginaria, si ha

3 2 , 1,
1 2 , 1.
M N M
M N N
= =

= =



3. Utilizzando entrambi i metodi. Facciamo prima delle sostituzioni come
in 2: 0 x = e 2 x = , da cui otteniamo 1, 2 A B = = . Quindi confrontiamo i
coefficienti di
1
x : 5 2 1 A B N N = + = e di
3
x :
4 1. A B M M = + + =

Ne consegue
2 2
1 2 1 2 1
2 1 2 1
x dx dx x
I dx dx
x x x x x x
| |
= + + = + + =
|
+ +
\ .
} } } }

( )
2
1
ln 2ln 2 ln 1 arctan
2
x x x x C = + + + + =
( )
2
2
ln 1 2 arctan . x x x x C = + +

358

Definizione. Un integrale si dice razionalizzato se mediante una qualche
trasformazione si pu ricondurre allintegrale di una frazione razionale.

7. Integrazione di speciali funzioni razionali.

Sia

( )
2 2
00 0 01 20 11 02 0
,
m
m
P u v a a u a v a u a uv a v a v = + + + + + + + ,

con ( ) , , 1,...,
ij
a i j m e = , un polinomio in due variabili , u ve .

Definizione. Il rapporto di due polinomi in due variabili , u v si dice una funzione
razionale ( ) , R u v in due variabili , u v .

Teorema. (della sostituzione universale)Sia ( ) , R u v una funzione delle due
variabili sin , cos u x v x = = , allora lintegrale
( ) sin , cos R x x dx
}
si
razionalizza con la sostituzione tan
2
x
t = .

Posto tan
2
x
t = cio ( ) arctan
2
x
t x t t = < < abbiamo
2
2
1
dt
dx
t
=
+
, da
cui, essendo
2 2
2
1
sin sin 2 2sin cos 2tan cos , cos
2 2 2 2 2 2
1 tan
2
x x x x x x
x
x
= = = =
+
,
ricaviamo
2
2
sin
1
t
x
t
=
+
.
Analogamente si ha
2
2 2 2 2
2
1
cos cos 2 cos sin cos 1 tan .
2 2 2 2 2 1
x x x x x t
x
t
| |
= = = =
|
+
\ .

Ne consegue ( )
2
2 2 2
2 1 2
sin , cos ,
1 1 1
t t dt
R x x dx R
t t t
| |
=
|
+ + +
\ .
} }
.

Poich una funzione razionale di frazioni razionali una frazione razionale
di qui segue la tesi.


Esempio.
Calcolare
3 2sin cos
dx
x x +
}
.

2 2 2
2 2
1 2
tan
2 1 3 2sin cos 2 1 2 2
3 2
1 1
dx x dt dt
t
t t x x t t t
t t
= = = = =
+ + +
+
+ +
} } }

359
( )
( )
2
arctan 1 arctan tan 1
2
1 1
dt x
t C C
t
| |
= = + = +
|
\ . +
}
.

Nota. In alcuni casi si possono ottenere frazioni razionali pi semplici
utilizzando le seguenti sostituzioni:
I. Se ( ) sin , cos R x x una funzione pari rispetto a entrambi
sin , cos x x , allora si pone tan t x = .
II. Se ( ) sin , cos R x x una funzione dispari rispetto a sin x , si
preferisce la sostituzione cos t x = .
III. Se ( ) sin , cos R x x una funzione dispari rispetto a cos x,
allora si pone sin t x = .

Esempio.
Calcolare
2
sin sin cos
dx
x x x
}
.
E un integrale del tipo I:

( )
( )
2
2
2 2 2
2
2 2
2
1 tan
cos
sin sin cos sin sin cos tan tan
cos
tan
1
log 1 log
1
1 tan
cos
cos
log 1
sin
dx
dx x
x
dx
x x x x x x x x
x
u x
du u u C
u u du dx x dx
x
x
C
x
+
= = =

=
= = = + =
= = +
= +
} } }
}



8. Integrazione dei binomi differenziali. Teorema di Chebyshev.

Definizione. Un binomio differenziale lespressione
( )
p
m n
x a bx + con , a be
e , , m n p numeri razionali.

Teorema. Lintegrale del binomio differenziale
( )
p
m n
x a bx dx +
}

si razionalizza nei tre casi seguenti:
1. pe con la sostituzione
s
x t = , dove s il minimo comune
multiplo delle frazioni m and n.
2.
1 m
n
+
e con la sostituzione
n l
a bx t + = , dove l il denominatore
di p.
360
3.
1 m
p
n
+
+ e con la sostituzione
n
l
n
a bx
t
x
+
= , dove l il
denominatore di p.

Questo teorema era gi noto ai tempi di Newton ma soltanto due secoli pi tardi il
matematico russo Chebyshev ha dimostrato il successivo teorema, che esclude
ogni altra possibilit di razionalizzare binomi differenziali:

Teorema (di Chebyshev) Soltanto nei precedenti casi 1,2,3 possibile
razionalizzare i binomi differenziali. Al di fuori di questi non possibile
esprimere lintegrale mediante funzioni elementari.

Esempi.
Calcolare: A.
( )
3
3
1 x
dx
x
+
}
. B.
4 4
1
dx
x +
}
. C.
5 4
1
dx
x +
}
.

A.
( )
3
3
1 1
3 2
3
1
3
1
1
1
2
3
A
m
x
I dx x x dx n
x
p

=
+
| |
= = + = =
|
\ .
= e
} }
.
Siamo nel caso 1.
Applichiamo la sostituzione
6 5
, 6 x t dx t dt = = e procedendo si ottiene il risultato
3 3 2 2 2 6 6
3 3 6
.
2 20 42 13
A
x x
I x x x x x C = + + + +

B.
( )
1
4
4
4 4
0 1 1
0
4 4
1 4
1 1
1
0
1
4 4
4
B
m n
m
dx
n
I x dx n
m n
x
p
p n

+ +
=
= = e
= = + = =
+
+
+ = = e
= e
} }
.
Siamo nel caso 3.
Applichiamo la sostituzione
4
4
4
1 x
t
x
+
= da cui
4 4 4
4
1
1 1 t x t
x

+ = + =

3
5 3 5 4 4
4 4
4 1 1
4 4 ; 1 .
4 1
t dt
x dx t dt dx x t x
x t

= = = =


Trasformiamo
( ) ( )
1 1 3 3 2
4 4 4 5 5 2 4
4 4
4
4 1
1
4 1 1
t dt t dt t dt
x dx t x x x t dt x
tx t

+ = = = =

.
Di qui si ha
361
( )
( )( )
2
2
4 2 4 2 2
1 1
arctan .
1 1 1 1 1
B
t
t dt dt dt
I dt t I
t t t t t
+
= = = =
+ +
} } } }

( )( ) ( )( )( )
2 2 2
1 1 1 1 1
dt dt
I
t t t t t
= =
+ + +
} }
.
( )( )( )
2 2
1
1 1 1 1 1 1
A B Mt N
t t t t t t
+
= + +
+ + + +


( )( ) ( )( ) ( )( )
2 2 2
1 1 1 1 1 1 A t t B t t Mt N t + + + + + + .
Poniamo nella riga precedente:
1
1 1 4 ;
4
1
1 1 4 .
4
t B B
t A A
= = =
= + = =

Confrontiamo i coefficienti :


3 0
1
: 0 0; : 1 .
2
t A B M M t A B N N = + + = = =
Da cui
1 1 1
ln arctan .
4 1 2
t
I t C
t

= +
+

E quindi
4 4
1 1 1 1
arctan ln
2 4 1
B
t x
I t C t
t x
| |
+
= + = |
|
+
\ .
.

C.
( )
1
4
5
5 4
1
1 0, 4,
5
0 1 1 0 1 1
1
,
4 4 4 5
B
x m n p
dx
I
m n m n
x
p
n n

+ = = = e
= =
+ + + +
+
= = e + = e
}
.

Questo integrale non rientra in nessuno dei tre casi citati dal teorema e quindi per
il teorema di Chebyshev non si pu esprimere mediante funzioni elementari.

Nota: Come abbiamo visto il problema dellintegrazione indefinita un
problema sufficientemente complicato che non sempre trova una
soluzione. Nella prossima lezione studieremo gli integrali definiti
(strettamente legati agli integrali indefiniti) che, nel caso non sia possibile
risolvere, possono comunque essere trattati numericamente ed (quasi)
sempre possibile avere una indicazione approssimata del risultato.

Esercizi.

Calcolare i seguenti integrali razionali fratti.

1.
3 3 2
log 1
1 3 2
x x x
dx x x C
x
= + + + +

}
.
362
2.
( )( )
1 3
log
1 3 2 1
dx x
C
x x x

= +

}
.
3.
( )
3 2
2
2 1 1
2 log 1
2 2 1
x x x
dx x x C
x
+
= + + +

}
.
4.
( )
2
2 2 log 2
2
x
dx x x C
x

= + + +
+
}
.
5.
( )( )
1 2
log
2 2
dx x
C
x x x t t t
+
= +
+ +
}
.
6.
2
3
log
5 6 2
dx x
C
x x x

= +
+
}
.
7. ( ) ( )
5 2
3 3
3
3 3
1 1
5 2 1
x dx
x x C
x
= + + +
+
}
.
8.
( )
2
1 1
log
1 1
1
dx x
C
x
x x
+
= +
+
+
}
.