Sei sulla pagina 1di 2

1/16/2014

Real estate, Ict pilastro della ripresa

GIOVED 16 GENNAIO 2014


DirettoreResponsabile:GildoCampesato

HOME IT World Real estate, Ict pilastro della ripresa

OSSERVATORIPOLIMI

Realestate,Ictpilastrodellaripresa
Senzaunadeguatosostegnoinformaticoleaziendedelsettorerischianoseriedifficoltdecisionali.L'inefficienzasi traduceinmaggiorionericheilcomparto,inparticolarequellopubblico,nonpupermettersi.Alfabetizzazione degliaddettiilnododasciogliere
diClaudioRorato
Ict sinonimo di sviluppo. Su queste pagine, nel corso dei mesi, abbiamo riportato situazioni concrete e risultati di ricerche, che supportano lequivalenza iniziale. Gli esempi che testimoniano il valore economico delle Ict hanno riguardato il settore pubblico, la sanit, ma anche il mondo dellimpresa privata. La diffusione tecnologica nellambito dei processi di acquisto e di vendita, dei sistemi di pagamento, della gestione amministrativa dei documenti legati alle transazioni commerciali, generano tali e tanti benefici in termini di maggiore efficienza, qualit degli output, risparmi di risorse, che non risulta spiegabile la lentezza con cui il Paese si sta muovendo verso una pi marcata diffusione delle tecnologie nellambito dei processi lavorativi. Anche il settore dellEdiliziaResidenzialePubblica(Erp ) non si sottrae a questa regola. Qualche dato , per, utile per descriverne i confini quantitativi e quelli di adozione delle Ict. In Italia si stima circa un milione di edifici di residenza pubblica, pari a 100mila mq, che generano un fabbisogno di manutenzione per quasi 4 miliardi. Nella sola Lombardia lAler - ora trasformata in Alpe(AziendaLombardaPubblicaEdilizia) - gestisce con i suoi 1.200 dipendenti distribuiti in 20 uffici, circa 110mila unit immobiliari, l80% delle quali di natura residenziale, per un totale di 2 milioni di mq. Gli attori del Real Estate afferma MarioCaputi , responsabile scientifico dellOsservatorioIctnelRealEstatedellaSchoolofManagementdelPolitecnicodiMilano - si dividono tra proprietari utilizzatori, che comprendono banche, aziende ospedaliere, grandi imprese private, proprietari gestori, prevalentemente di natura pubblica e, infine, investitori finanziari, cio le Sgr, concentrate sulla gestione dei fondi immobiliari. Senza dimenticare gli outsourcer specializzati, che supportano i soggetti citati nelle attivit di gestione del patrimonio immobiliare. Le necessit conoscitive dei singoli attori abbracciano una sfera che va dal censimento dei beni alla consapevolezza sullo stato di conservazione degli stessi, fino alla determinazione del loro valore potenziale, grazie ad azioni da porre in essere per incrementarne il valore di mercato. La complessit, dovuta al contenuto delle attivit da svolgere, alla quantit delle informazioni da gestire e al numero dei soggetti coinvolti - prosegue Caputi - rende imprescindibile il ricorso alle Ict. Senza un adeguato sostegno informatico le organizzazioni del Real Estate rischiano di non avere adeguati supporti alle decisioni da prendere. Linefficienza, che significa costi superiori al necessario, pu rendere insopportabile, soprattutto in ambito pubblico, lonere di alcune attivit, anche se di rilievo sociale. Solo il 5% dei proprietari gestori - spiega AndreaGaschi , responsabile della RicercadellOsservatorioIctnelRealEstate - copre con le Ict tutti i processi gestionali. Il 40%, costituito prevalentemente dai gestori di Edilizia Residenziale Pubblica, ha una copertura parziale e, di solito, non integrata con il sistema informativo aziendale. Chi preoccupa , tuttavia, il 55% dei soggetti che hanno una copertura limitata dei processi tramite le Ict. Comuni, Province e Regioni ancora una volta cedono il passo. La gestione delle anagrafiche dei locatari, delle graduatorie, dei contratti con i relativi adeguamenti, delle morosit, dei preventivi e dei consuntivi di spesa, degli abbinamenti tra domanda e offerta, necessitano di un supporto informatico diffuso e specialistico. La sua mancanza induce alla gestione non solo inefficiente, ma pone dubbi sulla sua sostenibilit, in antitesi con un bisogno sociale da soddisfare. Solo gli investitori finanziari rivelano una propensione allutilizzo diffuso delle Ict, segno che la necessit di garantire risultati ai sottoscrittori stimola la ricerca dellefficienza funzionale al risultato. Il campione intervistato individua alcune cause della scarso utilizzo delle Ict nel Real Estate: la mancanza di budget, il pay-back time ritenuto eccessivo e, cosa pi grave, vertici aziendali non in grado di riconoscere alle Ict la capacit di generare valore. Lalfabetizzazione, grazie anche allattivit dei fornitori, insieme alla necessit di un avvicendamento non solo generazionale nelle posizioni apicali, diventano, quindi, le strade da percorrere con una certa urgenza, per rendere economica la gestione dei patrimoni immobiliari.
RIPRODUZIONE RISERVATA

16 Settembre 2013

TAG: osservatorio ict real estate, politecnico milano, polimi, claudio rorato, mario caputi, andrea gaschi

ARTICOLICORRELATI

SHOPPING

PUBBLICITA'ONLINE

Ipsos:ecommerce trainaisaldi, venditea+10%

Osservatorio Polimi:+130%di advertisingsui devicemobiliinun soloanno

OSSERVATORIO TRIMESTRALE

OSSERVATORIOPOLIMI

Agcom:Dslalpalo mainforte aumentotraffico datimobile

Mobile,banchein "esplorazione"

http://www.corrierecomunicazioni.it/it-world/23130_real-estate-ict-pilastro-della-ripresa.htm

1/2

1/16/2014

Real estate, Ict pilastro della ripresa


Resta sempre aggiornato, SEGUICISUTWITTER
Segui @Cor_Com o su facebook Like 772 people

ISCRIVITIALLA NEWSLETTER
DELCORRIEREDELLE COMUNICAZIONI

SCARICA L'APP PER IL TUO SMARTPHONE O TABLET

REGISTRATI

Quotidiano online d'informazione sull'ICT: notizie, approfondimenti e analisi sul mondo dell'Information Technology, il digitale nella pubblica amministrazione, i nuovi media, le telecomunicazioni e la sat economy. MAPPA DEL SITO | CONTATTACI CORPO 10 SOC. COOP. A R.L. LARGO DI TORRE ARGENTINA 11 00186 ROMA P.IVA: 08650251005 corrierecomunicazioni.it iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma n. 54/2009 in data 12/02/2009

http://www.corrierecomunicazioni.it/it-world/23130_real-estate-ict-pilastro-della-ripresa.htm

2/2