Sei sulla pagina 1di 10

IL DIARIO COME GENERE

Spunti di lavoro

Sommario:
Il diario

Le definizioni del vocabolario Alcuni esem i ! C"iara Ra accini ! Anne #ran$ Ma%eriali di lavoro ! Il Diario di Anne #ran$ ! Il Diario di Daniel &ennac Si%o'rafia

Il diario Una cronaca degli avvenimenti della propria vita il diario, parola che significa di ogni giorno. Nel diario personale si esprimono i propri sentimenti pi nascosti, le idee, le aspirazioni, le osservazioni, scritte pi per riflettere in quel momento che per comunicare qualcosa a qualcuno. Il diario pertanto una cronaca ricca di emozioni personali i cui testi sono realizzati a scadenze fisse oppure quando si ha voglia di scrivere. Nel diario lautore, il protagonista e il destinatario coincidono gli avvenimenti sono scritti man mano che accadano con uno scarto temporale minimo tra laccadere degli eventi e la loro registrazione. Definizioni
drio s. m. [dal lat. diarium vitto giornaliero (usato di solito al plur., diaria orum: v. diaria) e nel lat. tardo registro giornaliero, der. di dies giorno]. 1. a. Forma elementare di storia in cui gli avvenimenti sono registrati giorno per giorno: per es., i Diar, in 58 volumi, del cronista vene iano !arin "anudo (#$%%#5&%). b. 'ell(uso com., )uaderno o sim. nel )uale si annotano e si commentano giorno

per giorno gli avvenimenti c*e si ritengono pi+ importanti, e spec., se a carattere personale, le proprie vicende intellettuali e sentimentali, si esprimono pensieri, osserva ioni e spesso con,essioni intime e segrete- le annota ioni stesse c*e si ,anno:diario di viaggio- il d. di una spedizione scientifica- scrivere nel d.- tenere un d.-pubblicare il d. di uno statista, di un poeta, ecc. .nc*e, titolo di opere a stampa c*e riproducono il contenuto del diario di uno scrittore, di un artista, di un uomo politico, ecc.: il Diario intimo di N. Tommaseo. 2. /egistro giornaliero: d. scolastico, li0riccino in cui gli alunni segnano le le ioni assegnate per ciascun giorno- d. di classe, registro dove gli insegnanti segnano giornalmente gli argomenti svolti nella le ione e i compiti assegnati. 1on sign. diverso, d. degli esami, specc*ietto in cui sono segnati i giorni predisposti per ciascuna prova di esame (d. delle prove scritte, d. delle prove orali). 3. ant., non com. 2iornale (anc*e come titolo di giornali: per es., il Diario di Roma, c*e si pu00lic3 a /oma dal #848 al #8$8).

Alcuni esempi
() *ues%o %es%o + una a'ina di diario di una ra'azzina c"e cerca di im edire alla mamma di le''ere il suo diario,
Gioved- no%%e. ore /0 Caro diario, sono davvero furiosa. Ancora una volta la mamma ti ha trovato. Lo so perch ieri sera, prima di chiuderti, avevo nascosto tra le tue pagine un coriandolo. Ora non c pi!, volato via,segno che limpicciona ti ha sfogliato scoprendo tutti i miei segreti. Deve essere successo stamattina mentre ero a scuola. " il terzo nascondiglio che cam#io in un mese. $%& 'i rendi conto che la mamma ha visto la foto di (icola appiccicata sulla pagina, )uella che ho ru#ato dal suo zaino a ricreazione* " che di conseguenza ha letto i commenti su di lui * Lo sai che vuol dire* Che la prima volta che mia madre chiama )uella di (icola, linsopporta#ile signora +erini, le spiffera tutto e di conseguenza la +erini lo va a dire a suo figlio. A )uel punto sono spacciata perch dopo tre secondi lo sa tutta la scuola. ,i vengono i #rividi solo a pensarci% ,a perch )uella viscida #ugiarda intrigante su#dola di mia madre non si fa i fattacci suoi* 'i giuro, caro diario, che, fosse pure lultima azione della mia vita, la punir- duramente e stavolta in modo definitivo. .ammi riflettere% Ci vuole una vendetta crudele ma allo stesso tempo raffinata. Ora, per-, vado a dormire perch sto morendo di sonno. Stavolta ti nascondo nella capannuccia del

presepe. C"iara Ra accini. Mama. 1uena 2is%a. /334

/& "cco due pagine del !iario di Anne .ran0, del /1 e /2 maggio 3455.
Gioved- /5 ma''io (600 Cara 6itt7, ogni giorno una novit8. Stamane stato arrestato il nostro verduriere9 aveva due e#rei in casa. "un grave colpo per noi: non soltanto )uei poveri e#rei sono di nuovo sulorlo della#isso, ma una cosa terri#ile anche per luomo. Il mondo va alla rovescia: le persone rispetta#ili sono spedite in campi di concentramento, in prigione e in celle isolate, mentre la schiuma governa su ricchi e poveri, giovani e vecchi. Luno si fa prendere per il mercato nero, laltro perch aiuta e#rei e clandestini: nessuno che non stia nel +artito (azista sa )uel che lattende domani. $%& 2enerd- /7 ma''io (600 Cara 6itt7, .inalmente, finalmente posso sedermi tran)uilla al tavolino davanti allo spiraglio della finestra e scriverti tutto, tutto. ,i sento cos; infelice come mai mi sono sentita da mesi9 nemmeno dopo la visita dei ladri ero cos; accasciata di spirito e di corpo. .ino a )uando potremo resistere a )uesta pressione )uasi insopporta#ile e sempre crescente* Siamo diventati molto pi! paurosi dopo la faccenda del verduriere: senti mormorare continuamente <sst, sst=, tutti si muovono piano. La polizia l8 ha forzato la porta, )uindi neppure noi siamo pi! sicuri> " se un giorno anche noi% no, non posso scriverlo, ma non so li#erarmi da )uesto du##io, anzi la paura per cui sono gi8 passata mi si ripresenta in tutto il suo orrore. $%& Anne #ran$. Diario. 8orino. Einaudi

Ma%eriali di lavoro
A) Anne #ran$. Diario
3& Anne pensava che il suo diario intimo potesse essere pu##licato* ?(on voglio far la fine di gran parte della gente, che non ha vissuto per uno scopo.@oglio essere utile o procurare gioia alle persone che vivono attorno a me ma che lo stesso non mi conoscono, voglio continuare a vivere anche dopo la morte>A $,ercoled; 1 aprile 3455&. /& Che cosa particolarmente interessante della testimonianza di Anne* B importante il punto di vista. (on una testimonianza tradizionale, ma lo sguardo di una #am#ina9 il suo mondo di fronte agli accadimenti della storia, davanti alla paura e al dolore. Ci fa vivere la tragedia dellColocausto da un punto di vista inusitato9 )uello di unCinnocente con tutto il suo mondo vivo di

sentimenti, affetti, desideri, speranze e preoccupazioni. (on la testimonianza di un sopravvisuto, ma di una persona che stata interrotta dalla catastrofe nel suo momento pi! vitale e pi! ricco. Ce ne rimane lCimpronta, come di certe figure rimaste sulla pietra a +ompei. D& Che momento della vita di Anne rappresenta e incarna e il suo diario* Il diario mostra una profonda trasformazione, dallCinfanzia alla vita adulta9 mostra unCevoluzione accelerata da due fattori, la drammaticit8 della situazione e la pratica della scrittura $il diario& come strumento per capire, per conoscere se stessi e il mondo.

1) Daniel &ennac. Diario di scuola

3. Cominciamo dallepilogo93 la mamma, )uasi centenaria, guarda un film su un autore che conosce #ene. Si vede lautore a casa sua, a +arigi, circondato dai suoi li#ri, nella sua #i#lioteca che anche il suo studio. La finestra d8 sul cortile di una scuola. Eaccano della ricreazione. Si viene a sapere che per un )uarto di secolo lCautore ha esercitato la professione di insegnante e che ha scelto )uesto appartamento affacciato sui cortili di due scuole un poC come/ un ferroviere che andasse in pensione sopra una stazione di smistamento. +oi si vede lautore in Spagna, in Italia, intento a chiacchierare con i suoi traduttori, a scherzare con gli amici veneziani, e sullaltopiano del @ercors a camminare solitario nella foschia delle vette, parlando di lavoro, di lingua, stile, struttura romanzesca, personaggi... Fn altro studio, )uesta volta affacciato sullincanto delle Alpi. Le scene sono inframmezzate da interviste ad artisti che lautore ammira, e che parlano anchCessi del l.oro lavoro9 il cineasta e romanziere Dai SiGie, il disegnatore Semp, il cantante 'homas .ersen, il pittore HIrg 6reien#Ihl. Jitorno a +arigi9 lCautore davanti al suo computer, tra i suoi dizionari, )uesta volta. (e ha la passione, dice. @eniamo peraltro a sapere, ed la conclusione del film,
3 "pilogo K conclusione, termine, compimento, fine. / Luesto <come= introduce una similitudine9 il vecchio professore vuole sentire il chiasso dei #am#ini a cui affezionato come un ferroviere in pensione ama sentire lo sferragliare dei treni. A #en guardare una similitudine straniante con effetto ancora una volta comico9 si paragonano gli alunni a treni $nel momento stesso in cui lautore <meccanizza= gli alunni mostra anche tutto laffetto che ha per loro&.

che ci entrato, nel dizionario, il Jo#ert, alla lettera +, alla voce +ennac, per esteso +ennacchioni, di nome Daniel. La mamma, dun)ue, guarda )uesto film in compagnia di mio fratello Eernard, che lha registrato per lei. Lo guarda dallinizio alla fine, immo#ile nella sua poltrona, con lCocchio fisso, senza spiccicare parola, nella sera che scende. .ine del film. 'itoli di coda. Silenzio. +oi, voltandosi lentamente verso Eernard, chiede9 <Credi che se la caver8, prima o poi*=. Miallo K anticipazione e similitudine @erde K reticenza e rivelazione Josso K amplificazione Azzurro K soluzione

Commento e note
Questo breve testo costituisce una specie di introduzione al libro di Daniel Pennac Diario di scuola, libro di cui abbiamo letto in classe anche il capitolo 3, che contiene lepisodio divertente del cane intelligente (vedi sullantologia Si accendono parole, pp. !" #. $autore lha posta allinizio per %ornire alcune chiavi di lettura del suo libro& innanzitutto vi cogliamo un elemento ironico e autoironico& lautore prende un po in giro il sistema di aspettative della societ' riguardo al successo, alla riuscita e alla realizzazione delle persone, ma anche prende in giro se stesso, il suo ruolo, il suo essere diverso, non per%ettamente integrato anche rispetto alla madre (che ancora nutre dubbi sulla sua riuscita#. ( interessante notare come lautore ottenga )uesto e%%etto )uasi comico attraverso alcune tecniche narrative& anticipazione, reticenza, ampli%icazione %ino alla rivelazione %inale e alla battuta conclusiva. Pennac in )uesto libro vuole guardare i problemi della scuola da un punto di vista insolito& non )uello degli esperti, dei pedagogisti e dei sociologi, ma da )uello degli alunni che con la scuola hanno avuto di%%icolt'& innanzitutto lui stesso, che * stato somaro ma poi * diventato insegnante e scrittore. +l libro mescola ricordi autobiogra%ici, a volte

bu%%i o toccanti, con ri%lessioni sul modo di insegnare e di imparare, sulla sete di sapere e sulla passione che comun)ue anima i giovani alunni di oggi come )uelli di ieri. Anticipazione& lautore racconta un episodio (che probabilmente gli * stato ri%erito dal %ratello# che sta alla %ine (epilogo# della storia che si accinge a raccontare e che lautore pone )uasi come lorigine, la causa del raccontare stesso, Reticenza& lautore non ci %a capire %in dallinizio che sta parlando di sua madre, di suo %ratello e di s-& dice la mamma, un autore (non mia madre e su di me#, Amplificazione& sempre senza dire che si parla di lui, Pennac mostra la ricchezza della vita culturale e sociale di )uellautore (che * poi lui#, %ino a dire che * entrato nellenciclopedia e a rivelare che si tratta proprio di lui, Pennac.

Si%o'rafia
http9NNcadutifani#log.#logspot.itN/OO4NO5NgenerePletterarioPilPdiario.html http9NNQQQ.treccani.itNvoca#olarioNdiarioN http9NNQQQ.federicopellizzi.itNlongoneNanneRfran0.pdf http9NNQQQ.federicopellizzi.itN0andins07N+ennacRDiario3RconS/Onote.pdf