Sei sulla pagina 1di 2

1 La traduzione nel mondo moderno

Nella storia la traduzione non ha mai avuto un riconoscimento vero e proprio. Nei manuali linguistici o grammaticali la traduzione non mai stata enunciata. Anche le leggi non la riconoscevano come arte a s stante, il traduttore era un semplice artigiano allombra dello scrittore, che neanche era tanto apprezzato e riconosciuto. Naturalmente oggi non pi cos. Il traduttore una figura professionale di prestigio che preparato da scuole specialistiche che fanno parte spesso di importanti universit. Dal 1932 (o meglio 1948) lUnesco ha fatto una stima di opere tradotte in altre lingue di ogni paese. I dati sono importanti perch ci mostrano quante opere nazionali siano state tradotte per lestero e per quali lingue. Ma i dati non sono completamente attendibili, in alcuni paesi non furono calcolati alcuni libri o dati, mentre in altri furono sovrastimati. Anche per questo motivo, si comprese che il semplice Index Translationum non bastava, cos non fu pi aggiornato.

2 Qualche definizione
Traducteur viene sicuramente dallitaliano che deriva dal latino. presente per la prima volta nella Deffence et illustration de la langue franaise di Du Bellay, dove si concentra per ben tre capitoli sullopera della traduction. -Solo dal XVI secolo in Francia si hanno i seguenti termini: translater, translateur e translation. -Prima abbiamo il latino con interpres e interpretari che riunisce sia lopera compiuta nellorale sia nello scritto. -Dal XII secolo esiste il termine truchement, che si separer pian piano da translateur. Quindi con la fine della latinit esister gi una piccola distinzione fra interprete (orale) e traduttore (scritto). Nellet moderna quindi si opter per il termine traduzione come ci che fa passare che deriva da tra-du-co e trans-fero. Lo studioso Bryan Walton non confonde la versione, la versione interlineare, la traduzione, linterpretazione e la perifrasi. Secondo lui, la versione linterpretazione letterale di unopera. Mentre la traduzione si occupa principalmente del trasferire i pensieri espressi e renderli pi convenienti nella lingua in cui si traduce. Quindi lantitesi versione-traduzione semplicemente lantitesi traduzione letterale-traduzione letteraria. A complicare il tutto ci sar luso contemporaneo che si fa delluso di queste due parole. Traduzione si usa per definire il lavoro oggettivo di un testo, mentre la versione una versione del tutto sconnessa dallopera originaria La traduzione moderna -traduzione interlineare: posta fra le righe del testo originario o a fronte pagina. La traduzione letterale, soprattutto quella posta fra le righe. -traduzione letterale: parola per parola, corrisponde alla versione che usavano gli antichi traduttori della Bibbia, i quali traducevano parola per parola, rompendo la retorica o lestetica del testo originario, per dei dettami di fedelt allo scritto. -traduzione moderna: cerca di rispettare la lingua originale in ogni parola, in ogni costruzione, e nei modi stilistici. Ma si preoccupa anche di non violare eccessivamente la lingua in cui si va a tradurre. Resta lo spirito originale della lingua e quello della lingua in cui si traduce.

La traduzione come metafora La stenografia non pu essere considerata traduzione. -Quando un messaggio orale passa allo scritto una trascrizione -Quando un testo scritto passa da un tipo di scrittura ad unaltra, semplicemente un cambio di codice. (ad esempio quando un testo in italiano passa ad un testo Morse o Braille), queste operazioni sono translitterazioni.