Sei sulla pagina 1di 34

Manuale di Scienze e Tecnologie Cosmetologiche

a cura di

Maurizio Giuliani
Presentazione di

Ferdinando di Orio

ARACNE

Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06) 93781065
ISBN

8854801313

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dellEditore. I edizione: giugno 2005 I ristampa aggiornata: settembre 2006

A coloro che, ieri ed oggi, con professionalit, impegno e sacrificio, hanno speso i migliori anni della loro vita per il bene e lo sviluppo della Facolt Medica aquilana

INDICE DEGLI ARGOMENTI

Presentazione Ferdinando di Orio ................................................................................................... Struttura e funzione della cute G. Torlone, D. Altamura ........................................................................................... Struttura e Funzione dellEpidermide C. Luzi, A. Bozzi ......................................................................................................... Le proteine della pelle Oratore, A.M. DAlessandro ..................................................................................... Lesioni elementari cutanee ed esame clinico M.C. Fargnoli, K. Peris ............................................................................................. Dermatiti da agenti fisici e chimici T. Micantonio, A. Ferrari, K. Peris ........................................................................... Micosi cutanee F. Formicone, M.C. Fargnoli, K. Peris ..................................................................... Parassitosi cutanee G. Lozzi, T. Surrenti, K. Peris ................................................................................... Piodermiti Ferrari, M.C. Fargnoli, K. Peris .............................................................................. Virosi cutanee Ferrari, D. Piccolo, K. Peris ...................................................................................... Acne ed eruzioni acneiformi Cotellessa, T. Manunta, K. Peris .............................................................................. Rosacea P. Valeri, M.C. Fargnoli ............................................................................................ Dermatiti da contatto D. Piccolo, T. Micantonio, K. Peris ........................................................................... Dermatite atopica Pacifico, A. Di Cesare, K. Peris ................................................................................. Dermatite seborroica Carboni, S. Chimenti ................................................................................................. Orticaria T. Surrenti, M.C. Fargnoli, K. Peris ........................................................................ Patologia cutanea da farmaci Costanzo, S. Chimenti ............................................................................................... Psoriasi K. Peris, R. Cavallaro, M.C. Fargnoli ...................................................................... Lichen G. Torlone, A. Biamonte ........................................................................................... Malattie autoimmuni del tessuto connettivo M.C. Fargnoli, A. Di Cesare, K. Peris ....................................................................... Dermatosi bollose M.C. Fargnoli, T. Spica, K. Peris ............................................................................. Tumori epiteliali L. Bianchi, S. Chimenti ............................................................................................. Nevi D. Piccolo, M.C. Fargnoli, K. Peris ...........................................................................

11 13 21 37 51 56 70 77 85 93 101 107 111 118 125 129 135 141 146 150 160 170 177

Indice

Melanoma cutanea K. Peris, D. Piccolo, MC Fargnoli ............................................................................. Alterazioni della pigmentazione cutanea C. Cotellessa, E. Giannetti ........................................................................................ Alopecia L. De Angelis, C. Cotellessa, K. Peris ........................................................................ Patologie ungulari G. Torlone, C. Cotellessa ........................................................................................... La Cellulite P.A. Bacci, D. Mazzaracchio ..................................................................................... I disordini dellunit pilosebacea S. Sorgentone, S. Francavilla ................................................................................... Linvecchiamento cutaneo B. Cinque, C. De Simone, G. Cifone ......................................................................... Menopausa e Invecchiamento G. Mascaretti ............................................................................................................ Biochimica e Cosmesi G. Amicosante, A. Del Borrello, D. Altamura, M. Giuliani .................................. Farmacologia dei prodotti cosmetici D. Fanini ................................................................................................................... Veicoli Cosmetici F. Alhaique ................................................................................................................ La Chirurgia Estetica M. Giuliani ................................................................................................................ Chirurgia estetica del volto M. Giuliani, D. Mazzaracchio ................................................................................. Chirurgia estetica del tronco e degli arti M. Giuliani, E. Angelone, D. Mazzaracchio ............................................................ Anestesia e Chirurgia Estetica N. Lo martire, D. Mazzaracchio .............................................................................. Laserchirurgia cutanea A. Nibid, D. Altamura, M. Giuliani .......................................................................... Alimenti e principi dietetici P. Fracassi, D. Mazzaracchio ................................................................................... Bellezza, benessere e psiche M. Casacchia, R. Roncone ........................................................................................ Norme legislative S. Giuliani .................................................................................................................. Sistemi qualit G. Toro ...................................................................................................................... Glossary S. Marottoli ...............................................................................................................

185 191 196 203 207 232 251 265 276 302 345 385 389 398 413 435 449 473 495 548 578

ELENCO DEGLI AUTORI E AFFILIAZIONI


Alhaique F., Universit degli Studi Roma - La Sapienza. Altamura D., Universit degli Studi - LAquila. Amicosante G., Universit degli Studi - LAquila. Angelone E., Universit degli Studi LAquila. Bacci P.A., Universit degli Studi Siena. Biamonte A., Universit degli Studi LAquila. Bianchi C., Universit degli Studi Roma Tor Vergata. Carafa M., Universit degli Studi G. DAnnunzio Chieti. Carboni I., Universit degli Studi Roma Tor Vergata. Casacchia M., Universit degli Studi - LAquila. Cimenti S., Universit degli Studi Roma Tor Vergata. Cifone M.G., Universit degli Studi - LAquila. Cinque B., Universit degli Studi - LAquila. Costanzo A., Universit degli Studi Roma Tor Vergata. Cotellessa C., Universit degli Studi - LAquila. DAlessandro A.M. Universit degli Studi - LAquila. De Angelis C., Universit degli Studi - LAquila. Del Borrello A., Tecnico Cosmetologo. De Simone C., Universit degli Studi - LAquila. Di Cesare A., Universit degli Studi - LAquila. Di Marzio C., Universit degli Studi G.DAnnunzio Chieti. Domicole F., Universit degli Studi - LAquila. Fanini D., Universit degli Studi - LAquila. Fargnoli M.C., Universit degli Studi - LAquila. Ferrari A., Universit degli Studi - LAquila. Formicone F., Universit degli Studi - LAquila. Fracassi P., Tecnico Cosmetologo. Francavilla S., Universit degli Studi - LAquila. Giannetti E., Universit degli Studi - LAquila. Giuliani M., Universit degli Studi - LAquila. Giuliani S., Universit degli Studi LAquila. Lomartire N., Specialista in Anestesia e Rianimazione. Lozzi G., Universit degli Studi - LAquila. Manunta T., Universit degli Studi - LAquila. Marianecci C., Universit degli Studi Roma-La Sapienza. Marottoli S., Universit degli Studi - LAquila. Mascaretti G., Universit degli Studi - LAquila. Mazzaracchio D., Universit degli Studi - LAquila. Memoli A., Universit degli Studi Roma - La Sapienza. Micantoni T., Universit degli Studi - LAquila. Nibid A., Specialista in Dermatologia.

10

Oratore A. Universit degli Studi LAquila. Pacifico A. Universit degli Studi LAquila. Pennino P., Tecnico Cosmetologo. Peris K., Universit degli Studi - LAquila. Petralito E., Universit degli Studi Roma - La Sapienza. Piccolo D., Universit degli Studi - LAquila. Roncone R., Universit degli Studi - LAquila. Santucci E., Universit degli Studi Roma - La Sapienza. Sorgentone S., Universit degli Studi - LAquila. Spica T., Universit degli Studi - LAquila. Surrenti T., Universit degli Studi - LAquila. Toro G., Specialista in Ostetricia e Ginecologia

PRESENTAZIONE La Cosmetologia un settore scientifico e di ricerca in continuo sviluppo per la crescente richiesta di Operatori del settore qualificati e di prodotti industriali specifici che in termini di qualit e di efficacia rispondano al meglio alle richieste di una utenza sempre pi esigente. Nellottica di una offerta formativa in continuo divenire ed attenta alle esigenze ed agli orientamenti che scaturiscono dal mondo del lavoro, lUniversit degli Studi di LAquila ha attivato recentemente e con successo il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Cosmetologiche gratificato annualmente da un elevato numero di iscritti provenienti da tutto il territorio nazionale. Pertanto la realizzazione di un Manuale di Scienze e Tecnologie Cosmetologiche dunque unopera meritoria poich arricchisce il settore editoriale specifico con un testo di riferimento originale, esaustivo ed utile al corso degli studi. Senza soffermarmi sugli aspetti specifici dei singoli argomenti trattati, mi preme sottolineare linquadramento semplice ma metodologicamente rigoroso in cui stato strutturato lampio corpo dottrinale del volume che dopo una breve parte generale dedicata allanatomia ed alla fisiologia della cute raggruppa ed ordina le pi comuni malattie cutanee su base semeiotico-morfologica permettendo di risalire dalla singola lesione elementare alla patologia ed alla clinica di ciascun quadro morboso. Nella seconda parte trovano spazio temi pi specialistici quali linvecchiamento cutaneo, la biochimica applicata alla cosmesi, la farmacologia dei prodotti cosmetici, i veicoli cosmetici, la chirurgia estetica, le norme legislative. Il capitolo sui sistemi qualit ed un glossary dei termini tecnici concludono la trattazione con una nota di originale attualit. Grande attenzione infine stata rivolta alla parte iconografica, ricca di schemi, tabelle riassuntive e foto che agevolano la lettura e la comprensione dei contenuti nel generale convincimento che spesso pi delle parole sono le immagini che rimangono impresse per anni nella memoria. E doveroso dunque da parte mia ringraziare Maurizio Giuliani che, oltre ai contributi scientifici personali, ha ideato il testo e ne ha curato la realizzazione con entusiasmo e dedizione. Un plauso a tutti i Colleghi che ancora una volta hanno dimostrato grande affetto nei confronti dell Ateneo aquilano offrendo con spirito di servizio il loro prezioso contributo di conoscenza e professionalit. Personale e collegiale gratitudine,

11

12

Presentazione

infine, allEditore che ha tradotto in essere il volume riservando grande cura alla veste tipografica. Ferdinando di Orio Magnifico Rettore Universit degli Studi LAquila

STRUTTURA E FUNZIONI DELLA CUTE Giancarlo Torlone, Davide Altamura La cute un organo molto grande del corpo umano, dotato di unampia gamma di funzioni che esulano dal semplice e banale rivestimento e protezione meccanica. La sua estensione media varia da 1, 3 a 2 m, il suo peso pu arrivare anche ad una decina di Kg, il suo spessore compreso tra 0, 4 mm nelle regioni palpebrali e 3-6 mm in quelle palmo-plantari. Il colore della cute dipendente da fattori individuali (razza, costituzione, et, regione corporea) ed determinato dalla presenza di pigmenti (melanina, carotenoidi) e dalla quantit di sangue contenuta nei vasi. La superficie cutanea non appare levigata. Vi si osservano pieghe permanenti (pieghe genitali) e transitorie (da contrazione muscolare o articolare), orifizi dei follicoli piliferi e delle ghiandole eccrine (pori sudoripari), creste e solchi riscontrabili a livello palmo-plantare. Le creste appaiono come leggere rilevatezze a disposizione parallela separate da piccole depressioni dette solchi. Peculiari caratteristiche meccaniche della cute sono la distensibilit e lelasticit. CARATTERI MICROSCOPICI La cute divisa in due strati separati da una membrana (membrana basale o giunzione dermo-epidermica). Lo strato superficiale di natura epiteliale e di derivazione ectodermica detto epidermide, mentre lo strato profondo, di origine mesodermica e struttura connettivale, costituito dal derma e dal tessuto adiposo sottocutaneo. La presenza nel derma di vasi, nervi ed annessi cutanei (follicoli pilosebacei, ghiandole apocrine, ghiandole eccrine) completa il quadro microscopico della cute. EPIDERMIDE Lepidermide un epitelio pluristratificato in cui lelemento cellulare predominante il cheratinocita, cellula di origine epiteliale in continuo rinnovamento e soggetta al fenomeno della cheratinizzazione. I cheratinociti si dispongono a formare quattro diversi strati: basale, spinoso, granuloso e corneo; nelle regioni

13

14

Giancarlo Torlone Davide Altamura

palmo-plantari tra gli strati granuloso e corneo presente un quinto strato denominato lucido. Ognuno di questi possiede delle caratteristiche morfologiche proprie e rappresenta la fase evolutiva del sottostante strato. Il cheratinocita, infatti, si riproduce e migra progressivamente dalla sede basale verso la superficie cutanea subendo il processo della cheratinizzazione. Il tempo necessario affinch una cellula dello strato basale raggiunga lo strato corneo dipende dallet, dalla stagione, dal sesso, da influenze ormonali, ed di circa 28 giorni. Interposte ai cheratinociti si osservano poi le cellule ospiti dellepidermide, tra cui vengono annoverate i melanociti, di derivazione neuroectodermica, le cellule dendritiche di Langerhans, che sono di origine midollare, le cellule di Merkel, di probabile derivazione epidermica ed i linfociti T epidermotropi. Nel complesso la superficie epidermica presenta un aspetto orizzontale rettilineo, mentre il limite inferiore confinante con la membrana basale ha un aspetto ondulato con estroflessioni dermiche (papille dermiche) alternate a proiezioni epidermiche (creste epidermiche). Lo strato basale costituito da 1-2 file di cheratinociti colonnari a maggior asse orientato perpendicolarmente rispetto alla linea di confine con il derma. Queste cellule hanno un grande nucleo di forma ovalare e citoplasma basofilo ricco di ribosomi e tonofilamenti (filamenti intermedi di cheratina distribuiti con ordine nel citoplasma). La membrana plasmatica del polo basale fa parte della giunzione dermo-epidermica e vi si osservano gli emidesmosomi, strutture di ancoraggio per mezzo delle quali gli elementi cellulari aderiscono alle porzioni pi interne della membrana basale. Nella regione apicale questa cellula invece dotata di veri desmosomi tramite cui avviene lunione e la comunicazione intercellulare. Nel complesso lo strato basale svolge le funzioni proliferativa e di ancoraggio dermoepidermico. Lo strato spinoso o malpighiano costituito da 4-8 filiere di cellule poligonali, con nucleo rotondo e citoplasma ben rappresentato ricco di filamenti di cheratina. La caratteristica principale la presenza di numerosissimi desmosomi che conferiscono un aspetto spinoso a questi elementi cellulari. Nel citoplasma delle cellule localizzate nelle assisi superiori dello strato spinoso si osservano anche i granuli lamellari o corpi di Odland. Lo strato granuloso formato da 2-3 strati di cellule appiattite in cui si osservano grossi granuli citoplasmatici di cheratoialina contenenti proteine, enzimi e fosfolipidi. Questo strato cellulare assente nelle

Struttura e funzioni della cute

15

mucose e pu apparire ridotto o pi evidente a seconda che il processo della cheratinizzazione sia molto attivo o rallentato. Lo stadio maturativo successivo comporta la perdita del nucleo e lappiattimento della cellula. Lo strato corneo infatti costituito da numerose assisi (15-20) di cellule piatte (corneociti), prive sia di nucleo che di organuli citoplasmatici e in cui si evidenzia un citoplasma eosinofilo costituito completamente da filamenti di cheratina aggregati in macrofibrille. Questi corneociti vengono continuamente rilasciati nellambiente esterno sotto forma di squame. Nelle regioni palmoplantari tra gli strati granuloso e corneo poi presente un quinto strato, denominato lucido, costituito da 2-3 assisi di cellule contenenti eleidina una sostanza omogenea e rifrangente. Lepidermide ospita anche diversi tipi di cellule: i melanociti, le cellule di Merkel, le cellule dendritiche di Langerhans e i linfociti T epidermotropi. I melanociti originano dalle creste neurali e raggiungono lepidermide intorno alla settima settimana di gestazione. Si localizzano a livello dello strato basale ma possono essere presenti anche nel derma medio, nel bulbo del pelo e in regioni extracutanee quali le mucose del cavo orale e del naso, luvea, la retina e le leptomeningi. Il rapporto melanocita/cheratinocita varia considerevolmente in relazione alla regione corporea: di 1 a 4 al volto e di 1 a 10 agli arti superiori. I melanociti presentano un aspetto dendritico con grandi prolungamenti citoplasmatici, sono privi di desmosomi e la loro funzione principale la melanogenesi. Nel loro citoplasma sono presenti caratteristici organuli, i melanosomi, allinterno dei quali contenuto lenzima tirosinasi capace di convertire laminoacido tirosina in melanina. I melanosomi vengono trasportati lungo i prolungamenti dendritici e quindi trasferiti nei cheratinociti determinando la pigmentazione dellepidermide. Linsieme del melanocita e delle cellule basali che vengono raggiunte dai suoi prolungamenti (circa 36) costituisce lunit melanica epidermica. Le cellule di Langerhans sono cellule dendritiche di origine midollare con un fenotipo simile alle cellule della serie monocito-macrofagica. Esprimono infatti gli antigeni del complesso maggiore di istocompatibilit (MHC) di classe II, i recettori per il frammento FcIg, la proteina S-100 e lantigene Ia. Sono situate negli strati soprabasali dellepidermide ed i loro processi dendritici si estendono in alto fino allo strato granuloso ed in basso fino alla giunzione dermo-epidermica. La loro funzione principale quella di processare

16

Giancarlo Torlone Davide Altamura

gli antigeni e presentarli ai linfociti T in associazione con le molecole MHC di classe II, consentendo, in tal modo, la risposta immunitaria. Le cellule di Merkel, di probabile derivazione epidermica, si localizzano preferenzialmente in distretti cutanei sprovvisti di peli e dotati di unelevata sensibilit tattile. Sono situate nello strato basale, intercalate tra i cheratinociti, ai quali sono adese tramite una fitta rete di desmosomi. Presentano un nucleo lobulato, un citoplasma chiaro contenente granuli specifici di forma sferica e si associano a terminazioni nervose amieliniche tanto da essere considerati dei veri meccanorecettori. Infine nellepidermide possibile trovare i linfociti T, che non risiedono ma transitano attraverso la cute e che possono aumentare in maniera esponenziale in condizioni patologiche di natura infiammatoria. GIUNZIONE DERMO-EPIDERMICA La giunzione dermo-epidermica la struttura che separa lepidermide dal derma. E costituita dalla sovrapposizione di due diversi strati che sono, dallesterno verso linterno, la membrana plasmatica del polo basale dei cheratinociti e la lamina basale propriamente detta, a sua volta costituita da tre strati sovrapposti: la lamina lucida, la lamina densa e la lamina fibroreticolare. Nellinsieme la giunzione dermo-epidermica appare come una linea omogenea, positiva alla colorazione PAS, interposta tra lepidermide ed il derma. DERMA Il derma un tessuto di supporto per lepidermide costituito da sostanza fondamentale in cui sono immerse sia una componente cellulare (fibroblasti, cellule di origine ematica) che una componente di natura fibrosa (fibre collagene ed elastiche). Il derma contribuisce in maniera rilevante a determinare alcune caratteristiche della cute quali lo spessore, la distensibilit, lelasticit, la forza di tensione. Nel derma sono contenuti vasi sanguigni e linfatici, nervi e recettori sensoriali, che svolgono un ruolo nella termoregolazione, nellomeostasi dei liquidi, nella percezione sensoriale e nel sostegno e nutrizione dellepidermide. In base allorganizzazione strutturale si distinguono due diversi compartimenti dermici: il derma papillare e il

Struttura e funzioni della cute

17

derma reticolare. Il derma papillare compreso tra la giunzione dermo-epidermica ed il plesso vascolare superficiale. E costituito da piccoli fasci di fibre collagene e da fibre elastiche immerse nella sostanza fondamentale e con una disposizione perpendicolare alla superficie cutanea. Il derma reticolare invece compreso tra il plesso vascolare superficiale ed il tessuto sottocutaneo. I fasci di fibre collagene ed elastiche presentano spessore maggiore e decorso parallelo rispetto al piano cutaneo, mentre le componenti cellulare e vascolare sono modeste, come anche la quantit di sostanza fondamentale che appare inferiore rispetto al derma papillare. TESSUTO SOTTOCUTANEO Il tessuto sottocutaneo rappresentato quasi esclusivamente da adipe organizzato in lobi e lobuli separati da setti di natura connettivale. Il grasso sottocutaneo svolge le funzioni di riserva energetica e di isolamento dermico. VASI E NERVI La circolazione sanguigna della cute organizzata secondo uno schema che prevede lo sviluppo di due plessi vascolari localizzati rispettivamente al confine tra il derma papillare e reticolare (plesso superficiale) e tra il derma reticolare ed il tessuto sottocutaneo (plesso profondo). Esistono vasi sanguigni che mettono in comunicazione i due plessi, mentre dal plesso superficiale si distaccano vasi capillari che si dirigono nelle papille dermiche. La circolazione prevede che il sangue arterioso raggiunga il plesso superficiale tramite i vasi comunicanti e quindi si diriga verso lepidermide percorrendo i capillari allinterno delle papille. Il sangue refluo percorre invece vasi venosi che hanno un orientamento parallelo a quelli arteriosi. La componente nervosa della cute costituita da una ricca rete di fibre afferenti sensitive e fibre simpatiche efferenti. I recettori della componente sensitiva possono essere rappresentati da fibre nervose libere o associati in strutture quali i corpuscoli del Pacini, di Golgi e di Meissner. Le fibre simpatiche regolano la perviet ed il diametro dei vasi e la secrezione ghiandolare.

18

Giancarlo Torlone Davide Altamura

ANNESSI CUTANEI Gli annessi cutanei sono costituiti dalle ghiandole sebacee, dalle ghiandole sudoripare apocrine ed eccrine, dalle unghie e dai follicoli piliferi. -Ghiandole Sebacee: hanno una struttura acinoso-ramificata, una secrezione olocrina ed una distribuzione preferenziale al volto, cuoio capelluto, regione sternale e perineo. I lobi della ghiandola sono connessi con il follicolo del pelo e la secrezione, regolata dagli ormoni androgeni, drena in un comune dotto escretore detto sebaceo. La sostanza secreta (sebo), costituita da una miscela di lipidi frammisti a detriti cellulari, contribuisce alla formazione del film idrolipidico cutaneo. -Ghiandole Sudoripare: sono ghiandole tubulari semplici e si dividono in apocrine ed eccrine. Le ghiandole apocrine fanno parte del complesso follicolo-sebaceo localizzandosi soprattutto nelle regioni ascellari ed anogenitali. Prendono origine dallepitelio follicolare e sono formate da una componente secretoria, situata nel derma profondo, e da un lungo dotto che le collega con il follicolo pilifero. Le ghiandole eccrine sono pi numerose, non associate ai follicoli piliferi e maggiormente distribuite nelle regioni ascellari, palmoplantari e al volto. Anchesse sono costituite da un dotto escretore e da una porzione glomerulare secernente una sostanza a base di NaCl, urea, acidi grassi, aminoacidi e proteine. Le ghiandole sudoripare svolgono importanti funzioni quali la termoregolazione e la formazione del film idrolipidico. -Follicoli piliferi: sono costituiti dal pelo e dalle guaine ad esso associate e si trovano distribuiti su tutta la superficie corporea ad eccezione di alcune aree quali palmo delle mani e pianta dei piedi, glande, prepuzio, piccole labbra e falangi ungueali. Il follicolo pilifero pu essere considerato unintroflessione dellepidermide la cui struttura, particolarmente complessa, divisa in senso prossimodistale in tre differenti tratti: infundibolo, istmo e tratto inferiore. La porzione compresa tra il punto in cui lepidermide si invagina e lo sbocco del dotto sebaceo denominata infundibolo; listmo rappresenta la parte centrale che dallo sbocco sebaceo giunge fino al

Struttura e funzioni della cute

19

punto di inserzione del muscolo erettore del pelo; la porzione pi distale e profonda, o tratto inferiore, la regione del follicolo in cui presente il bulbo pilifero dalle cui cellule (cellule della matrice pilifera) originano il fusto del pelo e la guaina interna. Il fusto del pelo a sua volta costituito da tre strati concentrici quali cuticola e corticale, i pi esterni e con funzione di sostegno, e una porzione centrale chiamata midollare. Nel complesso il pelo contornato da tre diverse guaine che dallesterno verso linterno sono la guaina perifollicolare, la guaina esterna e la guaina interna. - Muscolo erettore del pelo: un piccolo muscolo liscio annesso al follicolo pilifero la cui contrazione favorisce lo svuotamento della ghiandola sebacea e lerezione del pelo. - Unghie: sono costituite da una lamina dura di cheratina (lamina ungueale) e da alcuni tessuti strutturalmente e funzionalmente ad essa connessi (matrice ungueale, letto ungueale, perinichio, iponichio). La lamina ungueale una formazione cornea in continuo rinnovamento. Ha un aspetto ovoidale, una superficie liscia o lievemente convessa e si localizza in regione dorsale delle falangi distali. E adagiata sul letto ungueale, strutturalmente costituito da epitelio squamoso cheratinizzato ed circondata prossimolateralmente da una piega cutanea denominata perinichio. La lamina ungueale origina dalla matrice ungueale il cui epitelio germinativo localizzato al di sotto della porzione prossimale del perinichio, mentre allestremit delle dita separata dalla cute del polpastrello tramite un solco denominato iponichio. FUNZIONI DELLA CUTE La cute pu essere considerata un vero e proprio organo che svolge numerose e complesse funzioni: Rivestimento e protezione: ricoprendo completamente la superficie corporea e grazie ad alcune caratteristiche quali lelasticit e la resistenza, la cute svolge funzione di protezione verso insulti di natura meccanica (traumi), chimica (acidi, alcali) e fisica (raggi ultravioletti, corrente elettrica). Rappresenta anche la prima barriera nei confronti degli agenti patogeni, svolgendo sia un ruolo di passiva opposizione fisica che unattiva sorveglianza immunitaria.

20

Giancarlo Torlone Davide Altamura

Termoregolazione: la cute agisce sia da regolatore termico che da isolante. Unimportante quota di calore viene rimossa dallorganismo per mezzo dellevaporazione del sudore, mentre lalternarsi di vasocostrizione e vasodilatazione determina un rapido cambiamento della portata ematica capillare in relazione alla temperatura dellambiente esterno. Grazie poi alla bassa capacit termica del pannicolo adiposo la cute avvolge ed isola lintero organismo consentendo di mantenere costante la temperatura corporea interna. Funzione sensoriale: la cute dotata di uninnervazione sensoriale per mezzo della quale in grado di percepire stimoli di natura meccanica, termica e dolorifica. E in comunicazione con il sistema nervoso centrale e consente allindividuo di adattarsi alle condizioni ambientali esterne. Funzione secretiva: la cute in grado di eliminare cataboliti prodotti dallorganismo. Tramite le ghiandole sudoripare e sebacee vengono di fatto secreti acqua, anidride carbonica, sebo e piccole quantit di ioni minerali (calcio, cloro, potassio, magnesio e sodio). Tale processo aumenta con laumentare dellattivit metabolica. Funzione di assorbimento: funzione selettiva, sempre pi sfruttata per la somministrazione transdermica dei farmaci. Funzione semeiotica: importante organo spia di patologie interne in grado di comunicare con le sue variazioni molti segnali quali pallore, cianosi, secchezza, pastosit ed edema. BIBLIOGRAFIA 1. Braun-Falco O.: Dermatologia. Edizioni Springer Verlag,2002 2. Ribuffo A.: Manuale di Dermatologia e Venereologia. Lomardo Editore,1987. 3. Saurat J.H.: Manuale di Dermatologia e Venereologia Edizioni Masson,1992.

STRUTTURA E FUNZIONE DELLEPIDERMIDE


Carla Luzi, Argante Bozzi 1.1 Anatomia dellEpidermide La conoscenza dettagliata della struttura dellepidermide dei mammiferi ebbe inizio con lo studio di sezioni istologiche preparate opportunamente per lanalisi microscopica. La maggior parte delle informazioni sulla organizzazione generale dellepidermide furono ottenute mediante indagini microscopiche altres utilizzate per: a) le osservazioni delle divisioni cellulari nello strato pi profondo, lo strato basale; b) la conformazione spinosa di parecchi strati di cellule sopra lo strato basale; c) la conformazione granulosa di numerosi altri strati di cellule sopra lo strato spinoso; d) losservazione di molti strati di cellule appiattite, apparentemente non unite tra di loro, nello strato corneo pi esterno. Maggiori dettagli sono stati evidenziati da studi successivi dellepidermide mediante microscopia elettronica, quali ad esempio la presenza di granuli lamellari nelle cellule spinose ed in quelle granulari, labbondanza di filamenti citoplasmatici allinterno di tutte le cellule vitali, lorganizzazione dei desmosomi e la presenza di lamelle lipidiche tra le cellule dello strato corneo. Di particolare importanza per le teorie che identificano nellepidermide una funzione di barriera, stata losservazione al microscopio elettronico che le cellule dello strato corneo sono strettamente aderenti tra loro, anzich avere delle separazioni o gap come invece sembrava dalle immagini al microscopio ottico. Alcune delle caratteristiche anatomiche essenziali dellepidermide sono mostrate in Figura 1. 1.2 Cellule basali Lo strato pi profondo, basale, quello responsabile della generazione di nuovo tessuto mediante proliferazione cellulare. Nello strato basale, ciascuna cellula unita alle vicine dai desmosomi e poggia sulla membrana basale, adiacente al derma, mediante gli emidesmosomi. Sul lato del derma della membrana basale, si affacciano delle fibrille che rinforzano laderenza delle cellule basali al derma.

21

22

Carla Luzi, Argante Bozzi

Figura 1. Alcuni dei cambiamenti che avvengono durante la differenziazione dellepidermide e che sono rilevanti per lo sviluppo delle strutture lipidiche coinvolte nella permeabilit della barriera.

1.3 Cellule spinose Le cellule generate dalla continua proliferazione dello strato basale migrano verso lesterno e diventano cellule spinose. Lo strato spinoso risulta formato da 2-3 ordini di cellule ed il suo spessore varia a seconda della localizzazione. Laspetto spinoso dovuto alle tensioni esistenti tra i desmosomi che uniscono le cellule tra loro. Fasci di fibre di cheratina attraversano ciascuna cellula per formare una struttura di rinforzo e di unione tra i desmosomi e i nuclei. Durante la maturazione le cellule spinose accumulano degli organelli specializzati chiamati corpi di Odland, granuli rivestenti la membrana, corpi lamellari, corpi granulari e granuli lamellari. In Figura 2 mostrata lorganizzazione di tali organelli. I granuli sono delimitati da una membrana e il loro contenuto costituito da un pacchetto di lamelle lipidiche parallele tra loro, probabilmente generate dalla sovrapposizione di numerose vescicole (liposomi) appiattite.

Struttura e funzione dellepidermide

23

Dischi lamellari

GRANULO LAMELLARE
Figura 2.- Il granulo lamellare ha una forma ovoidale e il suo diametro di 100 nm. E costituito da una membrana lipidica che delimita uno o pi fasci di dischi lamellari. Ogni disco formato dallo schiacciamento di un liposoma, come indicato in Figura 4.

1.4 Cellule granulari Le cellule dello strato spinoso migrando verso la superficie dellepitelio, diventano sempre pi appiattite e allungate e raggiungono lo strato granuloso. Questo strato costituito da 2-6 strati di cellule di cui i nuclei cominciano a mostrare evidenti segni di alterazione. Inoltre, il citoplasma di queste cellule contiene granuli di forma e di dimensioni irregolari, che contengono una sostanza chiamata cheratoialina. Il numero di tali granuli aumenta con lavvicinarsi della cellula verso la superficie e tendono ad accumularsi nella porzione citoplasmatica apicale di ogni cellula. 1.5 Cellule di transizione Le cellule pi esterne dello strato granuloso si trasformano in cellule morte e appiattite dello strato corneo. Tuttavia, durante questo processo di transizione le cellule perdono gradualmente i loro organelli subcellulari, compresi il nucleo e la membrana citoplasmatica. Nel corso del processo, i granuli di cheratoialina iniziano a fondersi con i fasci di filamenti di cheratina, con conseguente perdita dellaspetto granulare della cellula. Inoltre, il

24

Carla Luzi, Argante Bozzi

contenuto dei granuli lamellari riversato nello spazio intercellulare soprastante attraverso la fusione della membrana limitante di ogni corpo lamellare con la membrana cellulare, seguita dallestrusione del contenuto del granulo dei dischi lamellari. 1.6 Cellule cornee In seguito allo svuotamento dei granuli lamellari nello spazio intercellulare, le cellule di transizione completano la loro trasformazione in elementi lamellari estremamente appiattiti, completamente cheratinizzati e contenenti una bassissima percentuale di acqua. Le lamelle non contengono n nucleo n organelli cellulari, ma solo filamenti impacchettati di cheratina, orientati parallelamente alla dimensione pi lunga della cellula. Le fibre di cheratina sono incluse in una matrice derivata dalla cheratoialina. Le proteine di tale matrice appaiono degradate in materiale a basso peso molecolare, inclusi singoli aminoacidi. La resistenza chimica e meccanica delle cellule cornee rafforzata da un ispessimento delle pareti cellulari, conferendo un tipico aspetto ai corneociti. La cosiddetta parete cellulare notevolmente resistente ed formata da un gruppo di 8 proteine (involucrina, cheratoialina, vinculina, ecc.). Tali proteine sono sintetizzate sia nelle cellule spinose che in quelle granulose e si depositano sulla faccia interna delle membrane cellulari, ove vengono successivamente intrecciate con formazione di legami g lutamil)lisinici fra catene polipeptidiche adiacentiIl responsabile di tale intreccio lenzima transglutaminasi. La parete va cos a sostituire la membrana fosfolipidica a doppio strato tipica delle cellule normali. Struttura dei lipidi nellepidermide I lipidi sono coinvolti in diverse strutture anatomiche delle cellule epiteliali e rivestono un ruolo fondamentale nella struttura e nella funzione del tessuto epiteliale. La membrana plasmatica delle cellule epiteliali composta da lipidi, cos come tutte le membrane degli organelli subcellulari, inclusi il reticolo endoplasmatico, lapparato del Golgi e le membrane dei granuli lamellari. La composizione lipidica in queste strutture stata analizzata e risolta mediante lisolamento di sezioni dai rispettivi strati cellulari e, a volte, dallisolamento di organelli individuali, seguita dallestrazione e dallanalisi dei relativi costituenti lipidici.

Struttura e funzione dellepidermide

25

2.1 Lipidi delle cellule viventi Numerosi studi hanno stabilito la composizione lipidica delle cellule epidermiche. Alcuni di questi sono stati eseguiti su epidermide di maiali ed i lipidi estratti consistevano principalmente di fosfolipidi, colesterolo, e glucosilceramidi con tracce di acidi grassi liberi, trigliceridi e ceramidi7. Da tali studi si pu dedurre che la composizione lipidica delle cellule epidermiche viventi molto simile a quella di cellule di tessuti di mammifero. In queste ultime le membrane sono composte in maniera predominante da fosfolipidi e colesterolo. 2.2 Lipidi delle cellule cornee: Lipidi estraibili Dopo digestione con tripsina di cellule vitali di epidermide, lo strato corneo appare come una pellicola sottile che pu essere dissolta mediante estrazione con cloroformio/metanolo ottenendo lipidi liberi dello strato corneo. Le immagini ottenute mediante microscopia elettronica mostrano che questi lipidi sono localizzati principalmente negli spazi intercellulari tra le cellule cornee e sono praticamente assenti allinterno delle cellule. I lipidi estratti dallo strato corneo dellepidermide di maiale sono composti principalmente da ceramide (45%), colesterolo (25%), acidi grassi liberi (15%), e trigliceridi, colesterolo solfato, sfingosina e fosfolipidi (complessivamente 23%)9. I lipidi liberi estraibili dallo strato corneo dellepidermide umana sono costituiti da una miscela di ceramidi simile a quella presente nellepidermide di maiale ma contengono anche ceramidi peculiari nei quali il composto base sfingoide la 6-idrossisfingosina. Le strutture dei ceramidi presenti nellepidermide umana sono mostrate in Figura 3 . Proteine legate ai lipidi In seguito ad estrazione ripetuta dei lipidi liberi dallo strato corneo isolato dallepidermide di maiale, lidrolisi alcalina del residuo non estratto, libera altri lipidi rappresentati prevalentemente da ceramidi formati da catene molto lunghe (C30-C34) di -idrossiacidi legati con sfingosina. La microscopia elettronica mostra che questi lipidi legati dello strato corneo formano un involucro lipidico esternamente allinvolucro proteico. Nello strato corneo umano, i lipidi legati a proteine comprendono una seconda idrossiceramide nella quale il composto di base di

26

Carla Luzi, Argante Bozzi

nuovo la 6-idrossisfingosina. Le strutture di due idrossiceramidi legate a proteine dello strato corneo umano sono mostrate nella Figura 3.

Figura 3. Struttura chimica dei ceramidi dello strato corneo.

2.3 Lipidi estranei Lanalisi della composizione dei lipidi epidermici, specialmente quelli degli strati superficiali, non esclude la possibilit di contaminazione da parte di lipidi derivanti dallambiente, oppure da lipidi prodotti dalle ghiandole sebacee della pelle. In molte specie animali, incluso luomo, notevoli quantit di lipidi di origine sebacea ricoprono la superficie della pelle, anche in quelle aree che non presentano ghiandole sebacee, come i palmi delle mani e le piante dei piedi. Questi ultimi contengono una quantit di lipidi molto bassa rispetto ad altre aree della pelle ed hanno una scarsa funzione barriera. Per ottenere una analisi di lipidi epidermici umani non contaminati dal sebo, stato necessario ricorrere allestrazione di lipidi da cisti

Struttura e funzione dellepidermide

27

epidermiche asportate. I contenuti delle cisti non presentano cere o squalene (markers del sebo umano) e pertanto possono essere considerati non contaminati da lipidi sebacei. I lipidi estranei nellepidermide umana che sono stati seguiti durante lo sviluppo includono idrocarburi saturi che sono ubiquitari sullepidermide umana. Lanalisi mediante gas cromatografia di tali idrocarburi mostra che sono simili in composizione a quelli ottenuti dalla distillazione del petrolio. Biosintesi dei lipidi dellepidermide Durante le due o tre settimane che intercorrono tra la divisione cellulare nello strato basale e la perdita delle cellule figlie dalla superficie della pelle, la composizione generale dei lipidi del tessuto epidermico resta costante. Tuttavia, allinterno di ogni cellula avvengono continuamente biosintesi, trasformazione e traslocazione dei lipidi epidermici. 3.1 Biosintesi dei lipidi nelle cellule vitali La microscopia elettronica indica che le cellule basali contengono pochi lipidi allinfuori di quelli che sono contenuti nelle membrane plasmatiche. I lipidi estraibili da cellule vitali di epidermide di maiale sono costituiti principalmente da fosfolipidi e colesterolo, presumibilmemte derivati dalle membrane cellulari. I fosfolipidi contengono unalta percentuale di acido linoleico, un acido grasso essenziale che non pu essere sintetizzato ma deve essere introdotto con la dieta. Questo fatto indica che probabilmente le membrane sono costruite a partire da lipidi preformati che provengono dal sangue. Risulta tuttavia evidente che le cellule che sono migrate dallo strato basale verso la superficie dellepidermide non sono capaci di assorbire i lipidi dalla circolazione e devono sintetizzare de novo alcuni lipidi utilizzando precursori a basso peso molecolare. Da tempo noto che il precursore idrosolubile per i lipidi della pelle il glucosio, ma esistono delle evidenze contrarie, quali ad esempio la biosintesi dello squalene che continua anche durante periodi di digiuno prolungato. Durante il differenziamento cellulare notevoli quantit di lipidi devono essere sintetizzate per costruire i granuli lamellari presenti nelle cellule granulari e spinose. I ceramidi e gli acidi grassi liberi che costituiscono tali strutture consistono quasi esclusivamente di acidi grassi saturi e monoinsaturi, e contengono pochissimo acido linoleico tranne quello esterificato degli i drossiacidi ceramidi. Queste

28

Carla Luzi, Argante Bozzi

osservazioni rafforzano lidea che le cellule che si stanno differenziando sono capaci di compiere la biosintesi de novo di molti dei lipidi che esse accumulano e sono altamente specializzate per questa funzione. Esperimenti eseguiti utilizzando precursori radioattivi mostrano che i lipidi sintetizzati sono inizialmente fosfolipidi e che questi sono trasformati prima in glucosilceramidi e poi in ceramidi e acidi grassi liberi dopo circa una settimana. 3.2 Trasformazioni biochimiche e traslocazione dei lipidi durante la differenziazione dellepidermide La microscopia elettronica mostra che i granuli lamellari sono esocitati dalle cellule granulari immediatamente prima che queste si trasformino in cellule cornee. Analisi chimiche di lipidi estratti da cellule granulari mostrano che le cellule vitali contengono solo glucosilceramidi, mentre lo strato corneo contiene solo ceramidi. Da questo si deduce che dopo la loro estrusione dalle cellule granulari, i glucosilceramidi diventano deglicosilati per trasformarsi in ceramidi. Come conseguenza del processo di esocitosi, le membrane dei granuli lamellari diventano parte della membrana plasmatica. Tale processo risulta in una distribuzione delle catene lunghe di -idrossiceramidi nellinvolucro immediatamente prima della formazione dei legami crociati con proteine dellinvolucro proteico. 3.3 Lamelle intercellulari In seguito allesocitosi del contenuto dei dischi lamellari da parte delle cellule granulari, le pile di dischi si disperdono lentamente negli spazi intercellulari, e si fondono formando una lamella intercellulare continua. A causa della modalit di formazione dei dischi lamellari, derivanti dallappiattimento delle vescicole lipidiche, i dischi lamellari risultanti (e, conseguentemente, i fogli lamellari intercellulari) sono doppi bilayer lipidici. Il processo di formazione di tale doppio bilayer mostrato in Figura 4. Lefficacia di un doppio strato lipidico dipende dallo stato fisico dei lipidi ed anche dalla coerenza dei gruppi polari. I lipidi in fase gel o fase cristallina sono meno permeabili allacqua rispetto a quelli in fase liquida. Inoltre, la resistenza alla permeabilit allacqua aumenta se esistono legami idrogeno tra i gruppi polari adiacenti che stabilizzano la loro associazione. Entrambi questi fattori favoriscono la funzione barriera delle lamelle dello strato corneo contro acqua e altre molecole polari. Lesistenza di lamelle lipidiche multiple in ogni spazio

Struttura e funzione dellepidermide

29

intercellulare aumenta indubbiamente la funzione barriera dellepidermide soprattutto perch la maggior parte delle lamelle sono strettamente legate tra loro e non esistono spazi attraverso i quali le molecole di acqua potrebbero infiltrarsi.

FOGLIO LAMELLARE

FUSIONE DEI DISCHI

DISCO LAMELLARE

LIPOSOMA

Figura 4.- Schema ipotetico per la formazione del doppio bilayer lipidico osservato nei dischi lamellari.

3.4 Trasformazioni dei lipidi nello strato corneo Generalmente si ritiene, sbagliando, che le cellule dello strato corneo siano metabolicamente inattive e incapaci di trasformazioni enzimatiche. La prima trasformazione operata da queste cellule la sostituzione del colesterolo solfato con colesterolo libero sulla superficie dello strato corneo. Recentemente stato dimostrato inoltre che questo tessuto in grado di idrolizzare ceramidi per produrre sfingosina libera. Tali trasformazioni possono avere rilevante significato strutturale e fisiologico. 3.5 Idrolisi del colesterolo solfato Unelevata concentrazione di colesterolo solfato sulla superficie dellepidermide correlata con una grave malattia della pelle, lictiosi lamellare. In questa patologia i livelli di colesterolo solfato appaiono notevolmente aumentati e lo strato corneo diventa ispessito e con

30

Carla Luzi, Argante Bozzi

aspetto squamoso. E stato dimostrato che la desquamazione correlata con la trasformazione del colesterolo solfato in colesterolo libero ma non stato ancora chiarito perch lincapacit di idrolizzare il colesterolo solfato dia origine a questa grave malattia. 3.6 Idrolisi dei ceramidi I lipidi dello strato corneo contengono dal 2 al 3% di sfingosina libera, ed stato dimostrato che lo strato corneo pu produrre questo composto attraverso lidrolisi enzimatica dei ceramidi. La sfingosina viene ritenute essere un agente dotato di una potente attivit biologica, specialmente come un inibitore della protein chinasi C. Particolarmente sorprendente stata losservazione che la concentrazione di sfingosina libera nello strato corneo circa mille volte pi alta di quella richiesta per i suoi effetti biologici in altri tessuti. Tuttavia, resta da chiarire il motivo per cui lepidermide pu tollerare una cos alta concentrazione di sfingosina libera. 3.7 Funzione protettiva dei lipidi epidermici I lipidi che si trovano nello strato corneo sono peculiarmente idonei per la formazione di una barriera impermeabile a causa del loro alto punto di fusione e della loro polarit, che risulta efficace nella formazione di un doppio strato lipidico idrofobico. Tuttavia, altri fattori nelle lamelle intercellulari oltre allinvolucro lipidico dei corneociti, servono ad incrementare lefficacia della barriera lipidica. 3.8 Linvolucro lipidico corneo I lipidi dellinvolucro corneo, come i lipidi delle lamelle intercellulari, sono in gran parte composti da acidi grassi saturi e con alto punto di fusione. La funzione barriera delle cellule cornee abbastanza diversa da quella della membrana plasmatica delle cellule viventi, nella quale i lipidi sono liquidi e altamente permeabili allacqua. La funzione barriera dellinvolucro lipidico corneo spiega come le cellule dello strato corneo possono trattenere aminoacidi a basso peso molecolare che sembrano contribuire alle propriet caratteristiche dellepidermide. Linvolucro lipidico dello strato corneo contribuisce inoltre alla formazione e al mantenimento dei lipidi lamellari intercellulari agendo come substrato su cui i lipidi non legati possono aderire assumendo la loro organizzazione lamellare. Questo effetto stato dimostrato in esperimenti in cui corneociti isolati venivano incubati in presenza di

Struttura e funzione dellepidermide

31

sospensioni di soluzioni liposomi costituidi da lipidi provenienti dallo strato corneo. Leffetto osservato era laderenza e laccumulo dei lipidi lamellari ai corneociti. 3.9 Mantenimento della barriera epidermica Numerosi processi biologici e biochimici sono richiesti per la generazione, modificazione e traslocazione dei lipidi epidermici responsabili della formazione delle propriet della barriera. Tuttavia, leggi puramente fisiche governano lassociazione dei lipidi e lassunzione di specifiche conformazioni macroscopiche. E stato dimostrato che i lipidi lamellari nello strato corneo possiedono la capacit, in vivo e in vitro, di ricostituire la loro conformazione tipica di barriera in seguito a modificazioni fisiche quali calore, abrasione o esposizione a solventi. Tale capacit molto importante e supporta lidea che lapplicazione di miscele lipidiche sintetiche possa essere di notevole aiuto nel trattamento di carenze nella funzione barriera dellepidermide. La pelle come barriera Questo capitolo si occupa dello strato corneo inteso come barriera e in particolare sulla correlazione tra struttura e funzione. Pertanto, necessario descrivere alcuni aspetti fisiologici dellepidermide che riguardano la sua funzione protettiva. E ormai universalmente accettato che la pelle adibita a prevenire lingresso di materiali estranei nellorganismo, ma una teoria pi approfondita identifica la pelle come una barriera che ha il compito di impedire la perdita di acqua dallorganismo. Lomeostasi dellacqua assolutamente necessaria per la normale fisiologia degli esseri umani e il ruolo dei reni quello di mantenere questo equilibrio. Attraverso la pelle, anche in assenza di sudorazione, si verifica costantemente perdita di calore, detta perspiratio insensibilis, che contribuisce ai meccanismi di termoregolazione disperdendo parte del calore prodotto dal corpo mediante levaporazione di modeste (10 ml/h) quantit di acqua. Lacqua agisce come modulatore della cheratina dei corneociti e conferisce alle cellule le necessarie propriet elastiche. Una pelle asciutta tende pi facilmente a rompersi in seguito a stimoli meccanici. Lumidit relativa dellambiente varia significativamente ma i corneociti si idratano utilizzando una sorgente permanente di acqua, il corpo. Il fatto che la perspiratio insensibilis sia costante

32

Carla Luzi, Argante Bozzi

rivela che questa perdita di acqua non un difetto della barriera ma un fattore indispensabile per la funzione richiesta. 4.1 I corneociti costituiscono unimpalcatura per la barriera lipidica Lintero strato corneo pu essere visto come una barriera esterna della pelle, esso continuamente esposto al contatto con lambiente e subisce gli effetti di agenti chimici e fisici che possono causare una continua perdita di materiale. Si ritiene che la perdita di materiale sullintera superficie corporea (~1, 8 m2) corrisponde ad una pellicola equivalente allo spessore di un corneocita. Considerando che la superficie di un corneocita circa 1000 m2, larea complessiva di questo film corrisponde circa a 1,8 x 109 cellule e poich lo spessore di un corneocita ~ 0, 3 m e pesa ~ 0, 75 kg m-3, stata calcolata una perdita quotidiana approssimativamente di 40 mg di cellule cornee. Dunque, la quantit totale di materiale biologico perso in questo ricambio incessante non irrilevante. Questo continuo rinnovamento di cellule un prerequisito fondamentale per conservare lo strato corneo costante e la barriera funzionale in tutti i suoi aspetti. Mediante analisi autoradiografiche stato dimostrato che un corneocita protegge sotto la sua area da 1 a 20 cellule basali. Questo spazio viene chiamato unit proliferativa ed mostrata in Figura 5. Le cellule della lamina basale comunicano tra loro attraverso le gap junctions, e attraverso queste possibile una regolazione di divisioni cellulari allinterno di ogni unit proliferativa. Questultima controlla la migrazione delle cellule figlie dallo strato basale a quello corneo assicurando cos il regolare mantenimento della superficie cutanea. Un ulteriore meccanismo di controllo rappresentato dalla variazione del rapporto ioni Na+/ioni K+ che avviene dentro la cellula durante la migrazione nello strato spinoso. Elevate concentrazioni di Na+ e basse concentrazioni di K+, rispetto ai valori normali, dentro le cellule dello strato superiore, bloccano il ciclo di divisione cellulare rallentando cos lintero meccanismo.

Struttura e funzione dellepidermide

33

CORNEOCITA diametro ~ 30 m

Strato corneo

EPIDERMIDE

Strato granuloso Strato spinoso 110-220 m

Strato basale

Figura 5.- Unit proliferativa come descritta da Potten9.

4.2 Struttura del corneocita Un corneocita pu essere descritto come una cellula molto appiattita, con un diametro di circa 30 m e uno spessore di 0, 3 m , contenente elevate quantit di cheratina. Questa proteina organizza in fibrille, altamente idrofilica e pu idratarsi notevolmente. Le fibrille hanno un diametro di 8 nm e attraversando il corneocita costituiscono un rinforzo interno che assicura la forma appiattita della cellula anche dopo prolungate esposizioni allacqua. Questa propriet dovuta da un orientamento delle fibrille lungo il piano della cellula come mostrato in Figura 6a.
X Z X,Z Y

CORNEOCITI

Y Z X CORNEO-DESMOSOMI

Figura 6.- (a) Il corneocita una struttura appiattita ed esagonale con una superficie di circa 1000 m2 ed uno spessore di 0.3 m. Allinterno di ogni corneocita ci sono

34

Carla Luzi, Argante Bozzi

fibrille di cheratina orientate casualmente sul piano della cellula . (b) I corneociti sono ancorati tra loro attraverso i corneo-desmosomi.

Nella dimensione verticale non ci sono fibrille di rinforzo e quindi le cellule hanno un certo grado di libert di movimento in questa direzione, che permette loro di assumere una conformazione meno appiattita e pi ellissoide. I corneociti sono legati tra loro da desmosomi che impediscono alle cellule di muoversi nelle altre direzioni del piano della pelle (Figura 6b). Questa struttura riduce il danno che le forze meccaniche di taglio avrebbero sul doppio strato lipidico dello spazio extracellulare (Figura 7).

CORNEOCITA
BILAYERS LIPIDICI

CORNEOCITA

Figura 7.- I bilayers (doppi strati) lipidici sono inseriti tra i corneociti che ne proteggono lintegrit.

4.3 Lo stato fisico dei lipidi determina le propriet della membrana. I lipidi (fosfolipidi) che costituiscono le membrane biologiche sono formati da una porzione idrofilica (testa) e da una porzione idrofobica (coda). Per questa ragione i fosfolipidi tendono ad organizzarsi in micelle o doppi strati lipidici quando si trovano in soluzioni acquose, formando un compartimento idrofobico costituito dalle catene carboniose che allontanano lacqua e da un compartimento idrofilico che si affaccia allesterno creando un confine tra il doppio strato idrofobico e lacqua. La stabilit di tali aggregati determinata da numerosi fattori quali temperatura, lunghezza delle catene carboniose, grado di saturazione (presenza o meno di doppi legami), presenza di ioni bivalenti, ecc.

Struttura e funzione dellepidermide

35

In genere il fattore pi importante la temperatura. E stato dimostrato che le membrane lipidiche esistono in due differenti stati fisici: uno estremamente chiuso ed impacchettato, lo stato cristallino, e laltro pi fluido, lo stato liquido-cristallino. In questo ultimo stato, la struttura pi permeabile e le singole molecole di fosfolipidi sono libere di diffondere, seppure lentamente, nel piano della membrana. Inoltre, in questo stato liquido-cristallino lacqua entra ed esce attraverso la membrana con una certa facilit. La transizione tra questi due stati determinata da variazioni di temperatura (Figura 8).

H 2O

H 2O

temperatura

H 2O

Figura 8.- Effetto della temperatura sullo stato fisico dei doppi strati lipidici.

4.4 Regolazione della permeabilit e omeostasi della barriera epidemica La permeabilit cutanea necessaria per una normale e fisiologica sopravvivenza. Alcuni disturbi come psoriasi e dermatiti atopiche distruggono tale barriera. Inoltre, un aumento della proliferazione dei cheratinociti, che determinano iperplasia epidermica, sono associati alla distruzione della barriera. Il mantenimento della permeabilit compete allo strato corneo dellepidermide. La composizione lipidica dello strato corneo differisce notevolmente da quella di altri strati dellepidermide e di altri tessuti. Lo strato corneo composto principalmente da tre classi di lipidi: steroli, acidi grassi liberi e ceramidi. I lipidi dello spazio intercellulare dello strato corneo derivano principalmente dallesocitosi dei corpi lamellari. Numerosi studi hanno dimostrato che la distruzione della barriera epidermica stimola la rigenerazione e la secrezione dei corpi lamellari. La distruzione della cute causa degli effetti sulla sintesi dei lipidi, che avviene in modo molto attivo nei vari strati dellepidermide. Subito dopo la distruzione della barriera, si evidenzia un aumento della

36

Carla Luzi, Argante Bozzi

sintesi di colesterolo associata ad un incremento dellattivit dellenzima HMG-CoA reduttasi. Questultimo uno degli enzimi chiave della sintesi di colesterolo. Anche la sintesi degli acidi grassi aumenta subito dopo la distruzione della barriera. Questo effetto dovuto allincremento delle attivit di due enzimi: lacetil-CoA carbossilasi e la acido grasso sintasi, entrambi coinvolti nel processo di sintesi. La distruzione della barriera causa anche laumento della sintesi di sfingolipidi ma tale processo ritardato di circa 6, 7 ore. La stimolazione della sintesi di sfingolipidi dovuta allincremento dellattivit della serina palmitoil tranferasi (SPT), lenzima che catalizza la reazione iniziale del processo. Tutte queste modificazioni di attivit enzimatiche mirano alla ricostruzione della barriera epidermica in seguito a disturbi di varia natura e ne garantiscono lomeostasi fisiologica. BIBLIOGRAFIA
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. Odland, G.F. (1991) Structure of the skin. Physiology, Biochemistry and Molecular Biology of the skin, 2nd edition, Goldsmith L.A., Ed., Oxford University Press, New York, 3. Downing, D.T. (1992) Lipid and protein structures in the permeability barrier of mammalian epidermis. J. Lipid Res., 33 : 301-313. Swartzendruber, D.C., Wertz, P.W., Kitko, D.J., Madison, K.C., Downing, D.T. (1989) Molecular models of the intercellular lipid lamellae in mammalian stratum corneum. J. Invest. Dermatol., 92: 251-257. Stewart, M.E., Downing, DT. (1999) A new 6-hydroxy-4-sphingeninecontaining ceramide in human skin. J Lipid Res., 40 : 1434-1439. Downing, D.T. (1992) In vivo studies of cutaneous lipid biosynthesis. Semin. Dermatol., 11 : 162-168. Downing, D.T. (1993) Metabolism of linoleate in the epidermis. Essential Fatty Acids and Prostaglandins, Sinclair, A., and Gibson, R., Eds., American oil Chemists Society, Champaign, IL, 433. Wertz, P.W., Downing, D.T. (1987) Covalently bound omegahydroxyacylsphingosine in the stratum corneum. Biochim Biophys Acta., 917: 108-111. Abraham, W., Downing, D.T. (1990) Interaction between corneocytes and stratum corneum lipid liposomes in vitro. Biochim. Biophys. Acta, 1021: 119125. Potten, C.S. (1981) Cell replacement in epidermis (keratopoiesis) via discrete units of proliferation. Int. Rev. Cytol., 69: 271-318.