Sei sulla pagina 1di 9

Prof. A.

Soranzo
Appunti di Analisi Matematica I
Regole di derivazione
Der. della funzione composta
Applicazioni
Lezione 7
Universit`a degli Studi di Trieste - Facolt` a di Ingegneria
ANTONIO PECHIAR
antoniopechiar@gmail.com - http://antoniopechiar.wordpress.com
Lezione del 22 novembre 2012
Regole di derivazione
Teorema 1 (della derivata della somma). Se f e g sono derivabili in un x
0
di accumula-
zione per dom f dom g, allora f +g `e derivabile in x
0
e
(f +g)

(x
0
) = f

(x
0
) +g

(x
0
)
Dimostrazione.
(f +g) (x) (f +g) (x
0
)
x x
0
=
f (x) g (x) (f (x
0
) +g (x
0
))
x x
0
=
f (x) f (x
0
)
x x
0
+
g (x) g (x
0
)
x x
0
e per x x
0
il primo membro tende a
(f +g)

(x
0
)
e lultimo a
f

(x
0
) +g

(x
0
)
Teorema 2 (della derivata del prodotto). Nella ipotesi del Teorema 1, f g `e derivabile
in x
0
e
(f g)

(x
0
) = f

(x
0
) g (x
0
) +f (x
0
) g

(x
0
)
Dimostrazione.
(f g) (x) (f g) (x
0
)
x x
0
=
f (x) g (x) f (x
0
) g (x
0
)
x x
0
=
f (x) g (x) +
0
..
(f (x) g (x
0
) f (x) g (x
0
)) f (x
0
) g (x
0
)
x x
0
=
(f (x) f (x
0
)) g (x
0
) +f (x) (g (x) g (x
0
))
x x
0
=
f (x) f (x
0
)
x x
0
g (x
0
) +f (x)
g (x) g (x
0
)
x x
0
che per x x
0
tende a
f

(x
0
) g (x
0
) +f (x
0
) g

(x
0
)
(Per denizione di derivata, per i teoremi sul limite del prodotto e della somma, e per la
continuit` a di f, perche `e derivabile).
Teorema 3 (della derivata della reciproca). Se f `e derivabile in x
0
e f (x
0
) = 0, allora
1
f
`e denita in un intorno di c
0
, `e derivabile in x
0
e
_
1
f
_

(x
0
) =
f

(x
0
)
(f (x
0
))
2
Dimostrazione. f `e derivabile in x
0
, allora l`a `e continua e = 0, allora per la permanenza
del segno `e = 0 in un intorno di x
0
e l` a esiste
1
f
. Poi
_
1
f
_
(x)
_
1
f
_
(x
0
)
x x
0
=
1
f(x)

1
f(x
0
)
x x
0
=
f (x
0
) f (x)
f (x) f (x
0
)

1
x x
0
=
1
f (x) g (x
0
)

f (x) f (x
0
)
x x
0
1
che per x x
0
tende a

1
f (x
0
) f (x
0
)
f

(x
0
) =
f

(x
0
)
(f (x
0
))
2
(per la continuit` a di f, per la denizione di derivata e per il teorema della derivata del
prodotto).
Teorema 4 (della derivata del quoziente). Nella ipotesi del Teorema 1, se g (x
0
) = 0
allora
f
g
`e denita in un intorno di x
0
, `e derivabile in x
0
e
_
f
g
_

(x
0
) =
f

(x
0
) g (x
0
) f (x
0
) g

(x
0
)
(g (x
0
))
2
Dimostrazione.
_
f
g
_

(x
0
) =
_
f
1
g
_

(x
0
)
(T2)
= f

(x
0
)
_
1
g
_
(x
0
) +f (x
0
)
_
1
g
_

(x
0
)
(T3)
= f

(x
0
)
1
g (x
0
)
+f (x
0
)
g

(x
0
)
(g (x
0
))
2
=
f

(x
0
) g (x
0
) f (x
0
) g

(x
0
)
(g (x
0
))
2
Teorema 5.
Dtan x =
1
cos
2
x
= 1 + tan
2
x
Dcot x =
1
sin
2
x
= 1 cot
2
x
Dimostrazione. Ricordando che Dsinx = cos x e Dcos x = sin x
Dtan x = D
_
sin x
cos x
_
=
(Dsinx) cos x sin xDcos x
cos
2
x
=
cos xcos x sin x(sinx)
cos
2
x
=
cos
2
x + sin
2
x
cos
2
x
=
1
cos
2
x
=
cos
2
x
cos
2
x
+
sin
2
x
cos
2
x
= 1 +
_
sin x
cos x
_
2
= 1 + tan
2
x
2
Dcot x = D
_
cos x
sinx
_
=
(Dcos x) sin x cos xDsinx
sin
2
x
=
sin xsin x cos xcos x
sin
2
x
=
1
sin
2
x
=
sin
2
x
sin
2
x

cos
2
x
sin
2
x
= 1 cot
2
x
Denizione 1. Se f

`e derivabile, la sua derivata si indica con f

o f
(2)
(derivata seconda
di f) e cos` via.
Osservazione 1. Le funzioni razionali intere (fratte) sono derivabili innite volte nel
loro dominio e le loro derivate sono ancora funzioni razionali intere (fratte). Per esempio
D
_
3x
2
+ 7x + 11
_
= 6x + 7 e D
x
4
x
2
+1
=
4x
3
(x
2
+1)x
4
(2x)
(x
2
+1)
2
= ecc...
Denizione 2. (n N
+
) (I R, intervallo )
f
(0)
(x) := f (x)
f
(n+1)
= Df
(n)
C
(n)
(I) :=
_
f : I R : f `e derivabile in I (almeno) n volte e f
(n)
`e continua
_
C

(I) :=
_
f : I R : (n N) f
(n)
`e derivabile in I
_
Corollario 1 (dei Teoremi 1 2). Se f e g sono derivabili in x
0
di R, allora
(f +g)

(x
0
) = f

(x
0
) +g

(x
0
)
Dimostrazione. Per il Teorema 1 ed il Teorema 2 si ha
(f)

(x
0
) = ()

f (x
0
) +f

(x
0
) = f

(x
0
)
perche D = 0.
Osservazione 2. Se f e g sono derivabili in E = I intervallo e , R, allora f +g
`e derivabile in I e D(f +g) = Df +Dg, ossia linsieme delle funzioni derivabili su
I `e uno spazio vettoriale e lapplicazione di derivazione `e lineare.
Ne segue in particolare che, come gi`a C
(0)
(I), C
(1)
(I), C
(2)
(I), . . . , C
(n)
(I), . . . , C

(I) sono
spazi vettoriali su R.
3
Derivazione della funzione composta
Esempio.
f (x) := 3x
g (x) := 7x
g (f (x)) = g (3x) = 7 (3x) = 21x
D(g (f (x))) = 21
e magari ci viene lidea semplicistica che sia il prodotto di g

(x) per f

(x)
Esempio.
f (x) := x
3
g (x) := x
7
g (f (x)) = g
_
x
3
_
=
_
x
3
_
7
= x
21
D(g (f (x))) = Dx
21
= 21x
20
che esclude lidea di prima perche
_
3x
2
_

_
7x
6
_
= 21x
8
.
Teorema 6 (derivata della funzione composta). Se f : A( R) B( R) e g : B R
sono derivabili in x
0
A e in y
0
:= f (x
0
) B rispettivamente, allora la funzione composta
g f : A R `e derivabile in x
0
e
(g f)

(x
0
) = g

(f (x
0
)) f

(x
0
)
Dimostrazione. Considerando lapprossimante lineare di g in y
0
:= f (x
0
), g (y) = g (y
0
) +
g

(y
0
) (y y
0
) + (y) (y y
0
) (dove (y) `e prolungata per continuit` a in y = y
0
ponendo
(y
0
) := 0) che con y := f (x) d` a
g (f (x)) g (f (x
0
)) = g

(f (x
0
)) (f (x) f (x
0
)) + (f (x)) (f (x) f (x
0
))
e dividendo per x x
0
g (f (x)) g (f (x
0
))
x x
0
= g

(f (x
0
))
f (x) f (x
0
)
x x
0
. .

(x
0
)
+ (f (x))
. .

y
0
. .

0
f (x) f (x
0
)
x x
0
. .

(x)
e facendo tendere x a x
0
si conclude.
Esempio (1. bis).
f (x) = ax +b f

(x) = a
g (x) = ax + g

(x) =
g (f (x)) = (a +b) + = ax + (b +)
D(g (f (x))) = a
e infatti
g

(f (x)) f

() = a
4
Esempio (2. bis).
f (x) := ax
b
f

(x) = abx
b1
g (x) := x

(x) = x
1
g (f (x)) =
_
ax
b
_

= a

x
b
D(g (f (x))) = a

bx
b1
infatti
g

(f (x)) f

(x) =
_
ax
b
_
1
abx
b1
= a
1
x
b(1)
abx
b1
= a

bx
b1
Esempio.
D
1

2
e

x
2
2
Dcf=cDf
=
1

2
D
_
exp
_

1
2
x
2
__
Dexp=exp
=
1

2
exp
_

1
2
x
2
_
D
_

1
2
x
2
_
Dcf=cDf
=
1

2
e

1
2
x
2

1
2
_
Dx
2
Dx

=x
1
=
1
2

2
e

1
2
x
2
2x
=
x

2
e

1
2
x
2
Teorema 7. Se f : I ( R) R `e crescente (o decrescente) in I, I `e un intervallo, f `e
derivabile in x
0
I, allora f
1
: f (I) I ha derivata in y
0
:= f (x
0
) e risulta
_
f
1
_

(y
0
) =
_
_
_
1
f

(x
0
)
se f

(x
0
) = 0
+ se f

(x
0
) = 0 e f `e crescente
se f

(x
0
) = 0 e f `e decrescente
5
Applicazioni
Prima di tutto osserviamo che
Df
1
(x) =
1
(Df (y))
y=f
1
(x)
con la posizione := f
1
equivale a
D(x) =
1
(D
1
(y))
y=(x)
1.
D
n

x
avendo y =
n

x inversa x = y
n
D
n

x =
1
(Dy
n
)
y=
n

x
=
1
(ny
n1
)
y=
n

x
=
1
n(
n

x)
n1
=
1
n

n

x
x
con x = 0
E
_
D
n

x
_
x=0
= +
2.
Darcsin x
avendo := arcsin|
]1,1[
inversa sin|
]

2
,

2
[
Darcsin x =
1
(Dsin y)
y=arcsin x
=
1
(cos y)
y=arcsin x
=
1
cos arcsin x
=
e cos arcsin x 0 perche arcsin x
_

2
,

2

e ricordando la
cos x =
_
1 sin
2
x cos x > 0
=
1
_
1 (sinarcsin x)
2
=
1

1 x
2
|x| < 1
3.
Darccos x
avendo := arccos|
]1,1[
inversa cos|
]0,[
Darccos x =
1
(Dcos y)
y=arccos x
=
1
(sin y)
y=arcsin x
=
1
sin arccos x
=
6
e sin arccos x > 0 perche arccos|
]1,1[
]0, [
=
1

_
1 (cos arccos x)
2
=
1

1 x
2
|x| < 1
E

d
(1) =

s
(1) =
4.
Darctan x
avendo := arctan inversa tan|
]

2
,

2
[
Darctan x =
1
(Dtan y)
y=arctan x
=
1
(1 + tan
2
y)
y=arctan x
=
1
1 + (tan arctan x)
2
=
1
1 +x
2
5.
Dlog
a
x
avendo log
a
inversa exp
a
Dlog
a
x =
1
(Dexp
a
y)
y=log
a
x
=
1
(a
y
log a)
y=log
a
x
=
1
a
log
a
x
log a
=
1
x

1
log a
x > 0
Corollari. (I).
D[f (x)]
g(x)
= De
g(x) log f(x)
= ecc...
per esempio:
Dx
x
= De
x log x
= e
x log x
D(xlog x)
= e
x log x
_
1 log x +x
1
x
_
= x
x
(log x + 1)
(II).
D
_
log
f(x)
(g (x))
_
= D
_
log g (x)
log f (x)
_
= ecc...
Esercizio. Trovare
_
f
1
_

(1 +e)
per f (x) := x
2
+e
x
7
Svolgimento. E crescente su R perche somma di funzioni crescenti allora esiste f
1
;
ma non `e esprimibile con funzioni elementari.
Con la
_
f
1
_

(z) =
1
f

(f
1
(z))
calcoliamo
_
f
1
_

(1 +e) =
1
f

(f
1
(1 +e))
=
ovviamente f
1
(1 +e) = 1 (si vede perche f (1) = 1 +e)
=
1
f

(1)
=
essendo f

(x) = 3x
2
+e
x
=
1
3 1
2
+e
=
1
3 +e
8