Sei sulla pagina 1di 24

Archive All Download Newest

android
Java it.wikipedia.org app it.wikipedia.org android it.wikipedia.org

Archive All Download Newest


Java

it.wikipedia.org SPECIAL_I A!E"http#$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$it$th%&'$($(e$Java_Logo.svg$)*p+" Java_Logo.svg.png",EPLACE_ E Java Logo.svg Java Autore Ja&es !oslingS%n icros.ste&s Data di origine /))0 Utilizzo !eneral p%rpose Paradigmi 1rientato agli oggetti Tipizzazione 2orte Specifiche di linguaggio 3he Java Lang%age Speci4ication- Java SE 5 Edition Estensioni comuni 6av- 6ava Influenzato da Ada 78- C99- Ei44el- !eneric Java- esa- od%la"81'eron- 1'6ective"C- :CSD Pascal- S&alltalk Ha influenzato Ada (;;0- <eanShell- C=- Clo6%re- DEC AScript- !roov.- J=- JavaScript- P>P- P.thon- Scala- Seed5- ?ala Implementazione di riferimento Implementazione interprete con JI3ter Sistema operativo @indows- Lin%+- ac 1S A Licenza !N: !eneral P%'lic License- Java Co&&%nit. Process Sito e! Per svil%ppatori Java Java B %n ling%aggio di progra&&aCione orientato agli oggetti- creato da Ja&es !osling e altri ingegneri di S%n icros.ste&s. Java B %n &archio registrato di 1racle.D/E :n '%on p%nto di partenCa per i&parare Java B il t%torial %44icialeD(E. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$/$/F$Ja&es_!osling_(;;7.6pg$ ((;p+"Ja&es_!osling_(;;7.6pg",EPLACE_ E Java B stato creato a partire da ricerche e44ett%ate alla Stan4ord :niversit. agli iniCi degli anni Novanta. Nel /))( nasce il ling%aggio 1ak Gin italiano HI%erciaHJ- prodotto da S%n icros.ste&s e realiCCato da %n gr%ppo di esperti svil%ppatori capitanati da Ja&es !osling.D8E 3ale no&e 4% s%ccessiva&ente ca&'iato in Java a ca%sa di %n pro'le&a di cop.right Gil ling%aggio di progra&&aCione 1ak esisteva giKJ.DFE Per 4acilitare il passaggio a Java ai progra&&atori old-fashioned- legati in particolare a ling%aggi co&e il C99- la sintassi di 'ase Gstr%tt%re di controllo- operatori e cosL viaJ B stata &anten%ta pressochM identica a I%ella del C99D0ED*EN t%ttavia- non sono state introdotte caratteristiche riten%te 4onti di %na co&plessitK non necessaria a livello di ling%aggio e che 4avoriscono lOintrod%Cione di deter&inati '%g d%rante la progra&&aCione- co&e lOarit&etica dei p%ntatori- lOereditarietK &%ltipla delle classi- e lOistr%Cione goto.D5E Per le caratteristiche orientate agli oggetti del ling%aggio ci si B ispirati al C99 e sopratt%tto allO1'6ective C.D7E In %n pri&o &o&ento S%n decise di destinare I%esto n%ovo prodotto alla creaCione di applicaCioni co&plesse per piccoli dispositivi elettroniciN 4% solo nel /))8 con lOesplosione di internet che Java iniCiP a 4arsi notare co&e str%&ento per iniCiare a progra&&are per internet. Conte&poranea&ente Netscape Corporation ann%nciP la scelta di dotare il s%o allora o&oni&o e cele'erri&o 'rowser della Java ?irt%al achine GJ? J. Q%esto segna %na rivol%Cione nel &ondo di Internet# graCie alle applet- le pagine we' diventarono interattive a livello client Govvero le applicaCioni vengono eseg%ite diretta&ente s%lla &acchina dellO%tente di internet- e non s% %n server re&otoJ. !li %tenti poterono per ese&pio %tiliCCare giochi diretta&ente s%lle pagine we' ed %s%4r%ire di chat dina&iche e interattive. Java 4% ann%nciato %44icial&ente il (8 &aggio /))0 a S%n@orld. Il /8 nove&'re (;;* la S%n icros.ste&s ha distri'%ito la s%a i&ple&entaCione del co&pilatore Java e della &acchina virt%ale Gvirt%al &achineJ sotto licenCa !PL. Non t%tte le piatta4or&e 6ava sono li'ere. LOa&'iente Java li'ero si chia&a Iced3ea.D)E LO7 &aggio (;;5 S%n ha p%''licato anche le li'rerie Gtranne alc%ne co&ponenti non di s%a proprietKJ sotto licenCa !PL- rendendo Java %n ling%aggio di progra&&aCione la c%i i&ple&entaCione di ri4eri&ento B li'era.D/;E Il ling%aggio B de4inito da %n doc%&ento chia&ato The Java Language Specification Gspesso

a''reviato JLSJ. La pri&a ediCione del doc%&ento B stata p%''licata nel /))*.D//E Da allora il ling%aggio ha s%'ito n%&erose &odi4iche e integraCioni- aggi%nte di volta in volta nelle ediCioni s%ccessive. Ad oggi- la versione piR recente delle speci4iche B la Java SE 7 Edition GI%artaJ.D//E Java venne creato per soddis4are I%attro scopi#D/(E essere orientato agli oggettiN essere indipendente dalla piatta4or&aN contenere str%&enti e li'rerie per il networkingN essere progettato per eseg%ire codice da sorgenti re&ote in &odo sic%ro. I progra&&i scritti in ling%aggio Java- dopo %na 4ase iniCiale di co&pilaCione con otteni&ento del cosiddetto '.tecode- sono destinati allOesec%Cione s%lla piatta4or&a Java attraverso %na 4ase di interpretaCione Gper I%esto &otivo il ling%aggio Java B detto anche se&i"interpretatoJ ad opera di %na Java ?irt%al achine e- a te&po di esec%Cione- avranno accesso alle API della li'reria standard. Q%esti d%e step 4orniscono %n livello di astraCione che per&ette alle applicaCioni di essere intera&ente indipendenti dal siste&a hardware s% c%i esse saranno eseg%ite. :nOi&ple&entaCione della piatta4or&a 6ava B il Java ,%nti&e Environ&ent GJ,EJ- necessario per lOesec%Cione del progra&&a co&pilato- &entre per lo svil%ppo dei progra&&i in Java a partire dal codice sorgente B necessario il Java Develop&ent Sit GJDSJ che incl%de anche il J,E. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$;$;d$Java"6v&.png$((;p+" Java"6v&.png",EPLACE_ E LOesec%Cione di progra&&i scritti in Java deve avere %n co&porta&ento si&ile in contesti di esec%Cione diversi. Per raggi%ngere I%esto o'iettivo- si lavora s% livelli diversi- e il pri&o di essi B nat%ral&ente il ling%aggio- il I%ale B stato progettato apposita&ente proprio per I%esto scopo. Ad ese&pio- esso 4ornisce %na sintassi %ni4icata per de4inire le seCioni critiche- co&pito che in altri ling%aggi si svolge tipica&ente ricorrendo a li'rerie di terCe parti o pri&itive di siste&a.D/8E Inoltre- pratica&ente non lascia spaCio ai co&porta&enti non de4initi Gundefined behaviorJ o dipendenti dallOi&ple&entaCione dellOa&'iente di esec%Cione. Le speci4iche di ling%aggio richiedono %n a&'iente di esec%Cione che vigila s%llOesec%Cione del progra&&a e che proi'isce deter&inate operaCioni che altri&enti ris%ltere''ero insic%re. Esse 4anno ri4eri&ento esplicito alla Java ?irt%al achine- indicandola co&e il destinatario tipico del '.tecode prodotto dalla co&pilaCione iniCiale di %n progra&&a Java- e in4atti il co&pilatore 6avac incl%so nel JDS co&pila proprio in '.tecode. 3%ttavia- B possi'ile la co&pilaCione verso architett%re diverse- e in4atti B possi'ile prod%rre codice oggetto speci4ico di %n certo siste&a operativo- servendosi di %n co&pilatore apposito- ad ese&pio il !N: Co&piler Collection. In linea di principio- si dovre''e essere in grado di scrivere il progra&&a %na sola volta e di 4arlo eseg%ire dov%nI%e Gdi I%i il 4a&oso slogan di S%n# Hwrite once- r%n ever.whereHJ. La porta'ilitK B %n o'iettivo tecnica&ente di44icile da raggi%ngere- e il s%ccesso di Java in I%esto a&'ito B &ateria di alc%ne controversie. Se''ene sia in e44etti possi'ile scrivere in Java progra&&i che si co&portano in &odo consistente attraverso &olte piatta4or&e hardware diverse- 'isogna tenere presente che I%esti poi dipendono dalle &acchine virt%ali che sono- a loro volta- progra&&i a sM e che hanno inevita'il&ente i loro '%g- diversi lO%na allOaltra# per I%esto B nata %na parodia dello slogan di S%n H@rite once- r%n ever.whereH GHScrivi %na volta- eseg%i ov%nI%eHJ- che B diventato H@rite once- de'%g an.whereH GHScrivi %na volta- correggi ov%nI%eHJ.D/FE Il ling%aggio in sM de4inisce solo %na &ini&a parte delle li'rerie %tiliCCa'ili in co&'inaCione con il ling%aggio stesso. La parte restante B de4inita dalla piatta4or&a s%lla I%ale il progra&&a sarK eseg%ito. La 1racle &ette a disposiCione tre piatta4or&e %44iciali# In aggi%nta- il progra&&atore p%P %tiliCCare %n n%&ero ar'itrario di li'rerie di terCe parti. Per approfondire, vedi Applet Java. La piatta4or&a Java 4% %no dei pri&i siste&i a 4ornire %n largo s%pporto per lOesec%Cione del codice da sorgenti re&ote. :n Java applet B %n particolare tipo di

applicaCione che p%P essere avviata allOinterno del 'rowser dellO%tente- eseg%endo codice scaricato da %n server we' re&oto. Q%esto codice viene eseg%ito in %nOarea Gsand'o+J alta&ente ristretta- che protegge lO%tente dalla possi'ilitK che il codice sia &alevolo o a''ia %n co&porta&ento non desideratoN chi p%''lica il codice p%P applicare %n certi4icato che %sa per 4ir&are digital&ente le applet dichiarandole Hsic%reH- dando loro il per&esso di %scire dallOarea ristretta e accedere al 4iles.ste& e al network- pres%&i'il&ente con lOapprovaCione e sotto il controllo dellO%tente. In realtK gli applet non hanno av%to &olta 4ort%na. In4atti pres%ppone che il client in c%i essi vengono eseg%iti a''ia installata la J,E Gdeve eseg%ire il codice dellOappletJ. >anno av%to 4ort%na le applicaCioni che prevedono il cosiddetto thin"client- cioB %n client OleggeroO che non ha 'isogno di particolari str%&enti per eseg%ire il codice re&oto Ga volte B necessario solo il 'rowserJ. Seg%e il codice sorgente di %n se&plice progra&&a che sta&pa il testo H>ello worldH s%lla console. Co&e si evince %n progra&&a &ini&ale in Java deve o''ligatoria&ente contenere la de4iniCione di classe tra&ite la parola chiave class seg%ita dal nome classe e il &etodo &ain o &etodo principale nonchM entr. point del progra&&a in c%i vengono de4inite varia'ili glo'ali- oggetti e richia&ati &etodi statici s% varia'ili e$o dina&ici s%gli oggetti. NellOese&pio soprastante il main contiene lOistr%Cione per la sta&pa a video della stringa !ello "ord &a- p%r essendo per4etta&ente 4%nCionante e se&plice da co&prendere- non viene s4r%ttata la 4iloso4ia ad oggetti che viene nor&al&ente applicata ad ogni progra&&a scritto in Java. Seg%e I%indi il codice sorgente di %n progra&&a che svolge lo stesso co&pito del precedente&a %sando la progra&&aCione orientata agli oggetti. Il &etodo main a44ida la sta&pa del &essaggio a %n oggetto creato apposta per I%esto co&pitos% c%i B invocato il &etodo dina&ico print de4inito pri&a del &ain assie&e al costr%ttore della classe ovvero I%el particolare &etodo Gcon %g%al no&e della classeJ che serve per iniCialiCCare lOattri'%to della classe toPrint dellOoggetto creato$istanCiato nel &ain. I &etodi de4ini'ili possono essere dichiarati privati Gcontrassegnati dalla parola chiave privateJ se richia&a'ili solo allOinterno della stessa classe opp%re pubblici Gcontrassegnati dalla parola chiave publicJ se richia&a'ili anche da altre classi- di tipo statico Gcontrassegnati dalla parola chiave staticJ se invoca'ili li'era&ente allOinterno della classe Gad es. s% varia'ili glo'aliJ- dinamici se invoca'ili s% oggetti. Scrivendo n%ove classi che s%pportano lOoperaCione print- si p%P adattare il progra&&a per &ostrare &essaggi di tipi radical&ente diversi- lasciando il main pressochM i&&%tato G'asta ca&'iare la &etK riga che seg%e il ne#J. Per ese&pio- si p%P considerare %n &essaggio la scritta in %na 4inestra che appare s%llo scher&o del co&p%ter in %so- opp%re %na stringa inviata s% connessione di rete per apparire s%lla 4inestra di %n co&p%ter client. 1pp%re il progra&&a p%P dialogare con lO%tente s%lla riga di co&ando o in %na 4inestra Gconsiderando il dialogo co&e %n H&essaggio interattivoHJ. Si p%P &odi4icare radical&ente il co&porta&ento del progra&&a con &odi4iche circoscritte e in p%nti predisposti a priori Gpoli&or4is&oJ# il progra&&a p%P resistere ad aggiorna&enti ed esigenCe non previste. Seg%e il codice sorgente di %n progra&&a che &ostra lo stesso testo allOinterno di %na 4inestra. Il codice proposto crea degli oggetti %tiliCCati per gestire lOinter4accia gra4ica. ?iene iniCial&ente creata %na 4inestra il c%i titolo sarK !ello "orld$N allOinterno di I%esta 4inestra viene inserita %nOetichetta che contiene al centro la scritta !ello "orld$. In4ine viene sta'ilita la di&ensione della 4inestra e- 4inal&ente- viene resa visi'ile Gassie&e allOetichetta che porta la scritta da vis%aliCCareJ. Anche in I%esto codice si 4a %so della progra&&aCione a oggetti- &a in %n &odo diverso# il main non conosce i &eccanis&i necessari per creare %na inter4accia gra4ica s%llo scher&o- e I%esti sono decisi dalle classi J2ra&e e JLa'el che sono state predisposte a priori Gincaps%la&entoJ. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$F$F;$@ave.svg$/0;p+" @ave.svg.png",EPLACE_ E Java B %n ling%aggio t.pe sa4e- a tipiCCaCione statica- con %n

nominative t.pe s.ste&- e dotato di manifest t%ping. In virtR di I%este caratteristiche- viene general&ente considerato %n ling%aggio a tipiCCaCione 4orte. Il ling%aggio disting%e chiara&ente i tipi pri&itivi Gche de4iniscono valori ato&iciJ dai tipi str%tt%rati Gche de4iniscono str%tt%re dati co&posteJ. I tipi pri&itivi sono detti anche tipi atomici e tipi base e sono de4initi nelle speci4iche di ling%aggio# di ogn%no sono noti lOinsie&e esatto dei valori a&&essi e gli operatori s%pportati. I tipi str%tt%rati sono anche tipi ri4eri&ento- cioB de4iniscono oggetti- e sono classi o inter4acce. 3ra I%este- le classi degli arra. sono de4inite nelle speci4iche di ling%aggioN t%tti gli altri tipi str%tt%rati sono Hde4initi dallO%tenteH Guser-definedJ- cioB dal progra&&atore. I tipi de4initi dallO%tente che sono legati al ling%aggio per I%alche &otivo sono ri%niti nel package 6ava.lang e nei s%oi sottopackageN il ling%aggio sta'ilisce per alc%ni di essi G1'6ect- String- Itera'le- e altriJ delle regole sintattiche o se&antiche aggi%ntive. I tipi ri4eri&ento incl%dono le classi per la gestione delle stringhe- gli arra. e le colleCioni Gliste&appe- ecc.J. 3ipi 'ase Da t%tto ciP conseg%e che i valori dei tipi 'ase non sono oggetti. 3%ttavia- per ogni tipo 'ase B de4inita %na corrispondente classe Gde4inita in gergo tipo #rapper o tipo contenitoreJ nel package 6ava.lang- la I%ale per&ette di incaps%lare dentro %n oggetto %n valore di tipo pri&itivo. 1pport%ni &etodi della classe wrapper per&ettono di ottenere lOoggetto che incaps%la %n certo valore- e il valore incaps%lato da %n certo oggetto. Dalla versione 0.; in poi- sono s%pportati lOautobo&ing e lOunbo&ing- che per&ettono di convertire da tipo pri&itivo a corrispondente classe #rapper e viceversa. Il co&pilatore- Hdietro le I%inteH- trad%ce la conversione in %na opport%na invocaCione a &etodo s%lla classe contenitoreN I%indi non si tratta di %na vera conversione- &a di %na sintassi co&oda che HnascondeH la creaCione di %n oggetto della classe wrapper. Co&e &olti altri ling%aggi di progra&&aCione anche Java possiede tra le str%tt%re dati gli arra. Gvedi arra. in JavaJ. ?alori costanti in Java si identi4icano con la parola chiave pre4issa# final seg%ita dal no&e della costante e dal valore assegnato# final tipo_costante Tno&e_costanteUVvaloreN es# final String pippoVHCiaoHN Sono s%pportate le seg%enti str%tt%re di controllo# Str%tt%re selettive# i4 ... else e switch- co&e in C Str%tt%re iterative# while e do ... while co&e in C 4or &%t%ato dal C for each che agisce s% %n arra. o colleCioneD/0E La gestione delle ecceCioni in Java viene gestita dalla sintassi tr. ... catch ... 4inall. si&ile a I%ella del C99. Al di lK dei costr%tti per la progra&&aCione ad oggetti il resto della sintassi di Java B detta li'e (- cioB derivata o si&ile a I%ella del ling%aggio C. Java B %n ling%aggio ob)ect-oriented. LOidea che sta alla 'ase della 11P B di rappresentare le entitK reali o astratte- che deter&inano le dina&iche del pro'le&a risolto dal so4tware- sotto 4or&a di entitK %nitarie- dotate di speci4iche dO%so e di 4%nCiona&ento de4inite a priori- e chia&ate oggetti. Le speci4iche che de4iniscono le caratteristiche di I%este %nitK Ge in 'ase alla I%ale le stesse vengono create o- in gergo- istan*iateJ sono chia&ate classi. Java t%ttavia non B %n ling%aggio ad oggetti p%ro- &a sola&ente ob)ect oriented Gorientato agli oggettiJ Gad ese&pio- i valori dei tipi pri&itivi non sono oggettiJ. Nel ling%aggio Java- gli oggetti sono dotati di ca&pi Gde4initi anche attributi o variabili di istan*a o di esemplareJ e di &etodi. I &etodi sono a'it%al&ente %sati per i&ple&entare agevol&ente &olti altri costr%tti che alc%ni altri ling%aggi 4orniscono nativa&ente- co&e la gestione degli eventi Gi&ple&entata attraverso i listenersJ o delle proprietK Gi&ple&entata tra&ite gli accessor &ethods e- piR

in generale- con oggetti Java<eansJ. In Java non esistono le 4%nCioni# i 'locchi di codice che Hnon appartengono a ness%n oggettoH sono i&ple&entati co&e metodi statici di %na certa classe GI%indi se&pre &etodiJ. In Java si pone %n 4orte accento s%lla distinCione tra interfaccia e implementa*ione di %na classe o oggetto# la pri&a B lOinsie&e delle speci4iche p%''liche di c%i gli %tiliCCatori di %n certo oggetto possono servirsi- &entre la seconda B lOinsie&e delle str%tt%re interne e delle istr%Cioni eseg%i'ili chenel co&plesso- ade&piono a tali speci4iche. Il ter&ine interfaccia B %sato anche in %nOaltra acceCionespiegata nel seg%ito. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$5$55$Java"graphics(d"shape" hierarch..png$((;p+"Java"graphics(d"shape"hierarch..png",EPLACE_ E W s%pportata lOereditariet+ tra tipi. Q%esto per&ette di sta'ilire la gerarchia delle classi che co&pongono %n progra&&a. Il ling%aggio i&pone che a capo della gerarchia ci sia la nota classe 6ava.lang.1'6ect.D/*E In Java non esiste ereditarietK &%ltipla tra classi.D/5E Da %n lato- I%esto vincolo per&ette di avere %na gerarchia di classi lineare e previene gli svantaggi introdotti dallOereditarietK &%ltipla. DallOaltro- esso viene agevol&ente s%perato 4acendo ricorso alle interfacce- ovvero a tipi analoghi alle classi- &a progettati apposta per essere estesi e soggetti a deter&inate restriCioni i&poste dal ling%aggio.D/7ED/)E Di conseg%enCa esse 4orniscono alc%ni vantaggi dellOereditarietK &%ltipla Gco&e la possi'ilitK che %no stesso oggetto appartenga a tipi diversi tra loroJ senCa gli svantaggi Gco&e lOa&'ig%itK introdotta dal 4atto che %na classe possa ereditare i&ple&entaCioni diverse di %no stesso &etodoJ. Dopo lOavvento di Java- lOereditarietK singola si B grad%al&ente a44er&ata co&e &odello standard di ereditarietK nelle tecnologie o'6ect"oriented- ed B stata a''racciata- per ese&pio- anche dai ling%aggi del 4ra&ework .NE3 icroso4t. Le speci4iche di ling%aggio non i&pongono %na deter&inata sintassi per la doc%&entaCione dei sorgenti- t%ttavia nel te&po si B i&posto co&e 4or&ato standard I%ello riconosci%to dal tool Javadoc e regolato da speci4iche %44iciali 'en de4inite Gsepp%re esterne al ling%aggioJD(;E. Q%esto standard prevede che la doc%&entaCione sia 4ornita allOinterno di co&&enti inseriti diretta&ente nei sorgenti e dotati di %na speciale 4or&attaCione- che viene ignorata dal co&pilatore- &a riconosci%ta da tool specialiCCati. CiP rende 4acile aggiornare la doc%&entaCione- in I%anto essa acco&pagna diretta&ente lOele&ento sintattico da essa &arcatoN inoltre- d%rante la lett%ra dei sorgenti di %n progra&&a- ciP per&ette di avere sottOocchio insie&e le speci4iche e lOi&ple&entaCione dellOele&ento di progra&&a preso in consideraCione. :n altro str%&ento %tiliCCa'ile per la doc%&entaCione sono le annotaCioni- introdotte nella terCa versione delle speci4iche di ling%aggioD(/E. P%r avendo %na sintassi 4or&al&ente di44erente dai co&&enti Javadoc- esse sono %sate per lo stesso scopo- cioB 4ornire &etadati che descrivono le entitK di progra&&a &arcate. 3%ttavia- &entre i co&&enti riportano le speci4iche in &aniera discorsiva Gsepp%re str%tt%rataJ- le annotaCioni per loro stessa nat%ra sono ideali per lOela'oraCione tra&ite i toolpiR che per la lett%ra da parte di esseri %&ani. Inoltre- sotto opport%ne condiCioniD((E- le in4or&aCioni che 4orniscono sono co&pilate insie&e al codice e possono essere lette per4ino a te&po di esec%Cionecosa che i co&&enti non possono 4are. JDS /.; GnoneJ (8 gennaio /))* JDS /./ GnoneJ /) 4e''raio /))5 JDS /./.F GSparklerJ /( sette&'re /))5 JDS /./.0 GP%&pkinJ 8 dice&'re /))5 JDS /./.* GA'igailJ (F aprile /))7 JDS /./.5 G<r%t%sJ (7 sette&'re /))7 JDS /./.7 GChelseaJ 7 aprile /))) J(SE /.( GPla.gro%ndJ F dice&'re /))) J(SE /.(./ GnoneJ 8; &arCo /))) J(SE /.(.( GCricketJ 7 l%glio /))) J(SE /.8 GSestrelJ 7 &aggio (;;; J(SE /.8./ GLad.'irdJ /5 &aggio (;;/ J(SE /.F.; G erlinJ /8 4e''raio (;;( J(SE /.F./ G>opperJ /* sette&'re (;;( J(SE /.F.(

G antisJ (* gi%gno (;;8 J(SE 0.; G/.0.;J G3igerJ () sette&'re (;;F Java SE * G/.*.;J G %stangJ // dice&'re (;;* Java SE 5 G/.5.;J GDolphinJ (7 l%glio (;// Java SE 7 G/.7.;J prossi&a &a6or release Java 4% iniCial&ente distri'%ito co&e Java Develop&ent Sit /.; GJDS /.;J. Q%esto co&prende il runtime Java Gla virt%al &achine e le li'rerie di classiJ- e gli str%&enti di svil%ppo Gil co&pilatore Java e altri str%&entiJ. S%ccessiva&ente- S%n 4ornL %n pacchetto che co&prendeva solo il r%nti&echia&ato Java ,%nti&e Environ&ent GJ,EJ. Nor&al&ente le persone si ri4eriscono ad %na particolare versione di Java attraverso la versione del JDS Ges. JDS /.FJ Le versioni JDS /.( e s%ccessive sono spesso chia&ate Java (. Per ese&pio- il no&e %44iciale del JDS /.F B Java G3 J ( Plat4or&- Standard Edition /.F. Il ling%aggio B ri&asto sta'ile dal JDS /.; al JDS /.F.+- con la J(SE 0.; sono state introdotte n%ove 4%nCionalitK nel ling%aggio. La li'reria di classi che viene 4ornita con JDS B stata progressiva&ente a&pliata e &odi4icata in alc%ne parti. ?ersioni delle speci4iche di ling%aggio I ca&'ia&enti nel ling%aggio sono 4or&aliCCati nelle speci4iche di ling%aggio. 1gni n%ova ediCione delle speci4iche integra i ca&'ia&enti richiesti 4ino a I%el &o&ento tra&ite le Java Speci4ication ,eI%est e conseg%ente&ente i&ple&entati nel co&pilatore 6avac. 3he Java Progra&&ing Lang%age- 2irst Edition 3he Java Progra&&ing Lang%age- Second Edition 3he Java Progra&&ing Lang%age- 3hird Edition 3he Java Progra&&ing Lang%age- Java SE 5 Edition Per svil%ppare progra&&i in Java B teorica&ente s%44iciente %n I%alsiasi editor di testoN in pratica- se si v%ole scrivere I%alcosa di piR del classico hello #orld- occorre %n a&'iente di svil%ppo integrato GIDEJ. Esistono diversi IDE G,ntegrated -evelopment Environment- a&'iente di svil%ppo integratoJ- alc%ni grat%iti ed altri a paga&ento. La S%n Gora 1racleJ &ette a disposiCione %n so4tware develop&ent kit speci4ico- chia&ato Java -evelopment .it Go J-.J. Esso incl%de %n certo n%&ero di tool di %so co&%ne- 4ra c%i 6avac- 6avadoc6ar- e altri- atti ad ela'orare Gco&pilareJ i 4ile sorgenti e$o giK co&pilati- incl%dendo d%nI%e il Java ,%nti&e Environ&ent GJ,EJ. Essi lavorano s%l codice giK scritto e salvato s%l siste&a# ness%no di essi 4ornisce %n a&'iente visivo di scritt%ra con I%elle caratteristiche che tornano %tili nella realiCCaCione di progra&&i co&plessi co&e lOevidenCiaCione della sintassi tra&ite colori diversi- lOa%toco&pleta&ento- o la possi'ilitK di navigare tra i sorgenti tra&ite il click del &o%se. La S%n stessa ha pro&osso lo svil%ppo di %n a&'iente di svil%ppo grat%ito e open so%rce chia&ato Net<eans. P%P essere scaricato da soloD(8E- opp%re G4acoltativa&enteJ insie&e con S%n Java St%dio o con il JDSD(FE. :n IDE open"so%rce larga&ente %tiliCCato B Eclipse- donato alla co&%nitK di svil%ppatori da I< e il c%i svil%ppo B seg%ito da %na enor&e co&%nitK di %tenti. :no degli IDE co&&erciali piR di44%si B J<%ilder prodotto dalla <orland. 2ra gli IDE I%ello piR pre&iatoDsenCa 4onteE B IntelliJ IDEA- vincitore- 4ra lOaltro- del pre&io <est Java IDE (;;0 con4erito da J-J /eaders (hoice A#ard. :n a&'iente di svil%ppo per Java grat%ito- e sopratt%tto leggero- B <l%eJ- di chiara i&postaCione didattica. :n altro IDE per Java B JCreator- i c%i pregi sono sopratt%tto la se&plicitK dellOinter4accia e la leggereCCa. Se&'ra che il no&e 1ak derivi dal 4atto che !osling e i s%oi colleghi- nel periodo in c%i

svil%pparono il ling%aggio- avessero av%to co&e %nica co&pagnia I%ella di %na I%ercia che si trovava proprio 4%ori la 4inestra dellO%44icio in c%i lavoravano. :na leggenda &etropolitana "&ai con4er&ata" v%ole che il no&e del ling%aggio sia stato intesoin %n secondo &o&ento e dagli stessi creatori- co&e acroni&o per HJust Another 0acuum Acron%mH GHSoltanto un altro vuoto AcronimoHJ- con ri4eri&ento ironico allOaltissi&o n%&ero di a''reviaCioni %tiliCCate in a&'iente in4or&atico. Dato che gli ideatori del ling%aggio si trovavano spesso ad %n ca44B presso il I%ale disc%tevano del progetto- se&'rere''e che il ling%aggio prese il no&e e il si&'olo da tale a'it%dine GJava B %na I%alitK di ca44B dellOo&oni&a isola dellOIndonesiaJ- tanto che il &agic n%&'er che identi4ica %n 4ile di '.tecode otten%to dalla co&pilaCione di %n 4ile Java B ;+CA2E<A<E- che in inglese signi4ica ragaCCa G'a'eJ del ca44B Gca4eJD(0E. Il progetto ,o'ocode ha co&e scopo lOinsegna&ento del ling%aggio Java 4acendo divertireattraverso la scritt%ra del codice di ro'ot- identici tra loro &a progra&&ati diversa&ente- da 4ar scontrare in %nOarena virt%ale. 2onti %sate per la stes%ra della voce SeCione HStoriaH# Java 1 2icro Edition basics 3P-45. 6/L consultato il 7 maggio 1899. The Java Language Specification, Java SE 7 Edition Gvedi sottoJ Speci4iche di ling%aggio Le diverse ediCioni delle speci4iche sono accessi'ili s%l sito della 1racle. LO%lti&a ediCione B la seg%ente# 3esti di appro4ondi&ento 3E:5 .en Arnold, James ;osling, -avid !olmes, The Java Programming Language, 4ourth Edition, Addison-"esle% Professional, 1887. ,S<: 8-=19-=>?@8-A. @iki'ooks contiene testi o &an%ali s% Java Co&&ons contiene i&&agini o altri 4ile s% Java Portale In4or&atica# accedi alle voci di @ikipedia che trattano di in4or&atica it.wikipedia.org

app

it.wikipedia.org Con il neologis&o app sOintende %na variante delle applicaCioni in4or&atiche dedicate ai dispositivi di tipo &o'ile- I%ali s&artphone e ta'let. Il ter&ine deriva proprio dallOa''reviaCione di HapplicaCioneH. :na app per dispositivi &o'ili si di44erenCia dalle tradiCionali applicaCioni sia per il s%pporto con c%i viene %sata sia per la conceCione che racchi%de in sM. Si tratta a t%tti gli e44etti di %n so4tware che per str%tt%ra in4or&atica B &olto si&ile a %na generica applicaCione &a B caratteriCCata da %na se&pli4icaCione ed eli&inaCione del s%per4l%o- al 4ine di ottenere leggereCCa- essenCialitK e velocitK. Il no&e stesso- di per sM %nOa''reviaCione- p%P essere percepito co&e %na se&pli4icaCione del no&e co&pleto HapplicaCioneH per dare lOidea di %n I%alcosa di se&plice e piccolo- tali app si s%ddividono in mobile app- #eb app e app native. Consiste in %no str%&ento in4or&atico che si installa e si %tiliCCa s%l proprio dispositivo &o'ilevale a dire %n insie&e di istr%Cioni in4or&atiche progettate con lo scopo di rendere possi'ile %n serviCio o %na serie di serviCi o str%&enti riten%ti %tili o desidera'ili dallX%tente. Le app- in4atti- vanno ad a&pliare le capacitK native del dispositivo incl%se allOinterno del siste&a operativo Gcon4ig%raCione di 'aseJ. :na volta acI%istato il dispositivo- sia esso s&artphone o ta'let- si ha la possi'ilitK di personaliCCarlo aggi%ngendo n%ove applicaCioni a seconda dei propri g%sti ed esigenCe.D/ED(ED8E entre %na mobile app B installata 4isica&ente s%l dispositivo dellX%tente- %na #eb app B sostanCial&ente %n collega&ento verso %n applicativo re&oto. Q%esta sol%Cione co&porta delle i&portanti conseg%enCe in ter&ini di 4%nCiona&ento# il vantaggio principale di %na #eb app consiste nel 4atto di non incidere in alc%n &odo s%lle capacitK di &e&oria del dispositivo e s%lle s%e capacitK di calcolo dei dati. 3%ttavia- per 4%nCionare- %na #eb app richiede il costante accesso a internet e le s%e prestaCioni dipenderanno in &odo sensi'ile dalla velocitK della connessione. :na app native B %n so4tware per dispositivi &o'ili creata apposita&ente per %no speci4ico siste&a operativo. LOinteraCione diretta con le API &esse a disposiCione dal costr%ttore del siste&a operativo garantirK accesso i&&ediato a t%tte le 4%nCionalitK del dispositivo oltre a per&ettere prestaCioni otti&ali e &igliorare sensi'il&ente lO%sa'ilitK. :na app p%P essere svil%ppata per diversi tipi di siste&i operativi &o'ili e non t%tte sono co&pati'ili con ogni tipo di siste&a operativo- per evitare pro'le&i di inco&pati'ilitK %nOapplicaCionedisponi'ile per diversi tipi di siste&i- di44erisce nella propria estensione- co&e ogni altro progra&&a o 4ile. Al 4ine di se&pli4icare la ricerca e lO%tiliCCo delle applicaCioni da parte di %tenti anche inesperti- la loro distri'%Cione B gestita da appositi distri'%tori digitali Gconosci%ti perlopiR con i ter&ini anglosassoni store o mar'etJ- trad%ci'ili in italiano con il ter&ine HnegoCioH. 1gni tipo di distri'%tore B vincolato a %n siste&a operativo- a44inchM contenga al proprio interno solo applicaCioni co&pati'ili con il siste&a operativo del dispositivo &o'ile che si sta %tiliCCando. 3%ttavia- col di44ondersi delle applicaCioni- esse sono reperi'ili ov%nI%e- anche diretta&ente dai siti di coloro che le svil%ppano- o dalle aCiende o I%alsiasi privato che voglia &ettere a disposiCione %na propria applicaCione.D(E

Sistemi operativi supportati e relativi distri!utori digitali"modifica # modifica sorgente$


I principali siste&i operativi per dispositivi &o'ili che o44rono %n co&pleto s%pporto per le app di n%ova generaCione sono *# Android B il siste&a operativo &o'ile piR di44%so ed essendo li'ero GB 'asato s%l kernel Lin%+J lo svil%ppo nel proprio a&'iente B aperto a chi%nI%eN per tal &otivo dispone anche di diversi

distri'%tori digitali. Il distri'%tore %44iciale B !oogle Pla. che nel (;/( ha 4esteggiato (0 &iliardi di applicaCioni scaricate in &eno di F anni GB stato lanciato %44icial&ente nel (;;7JDFED0E. Altri distri'%tori sono App"Shop di A&aCon e App<rain. Il distri'%tore di ri4eri&ento per i dispositivi <lack<err. B <lack<err. App @orld. Il distri'%tore digitale per lOa&'iente i1S B lOApp Store. Il siste&a operativo @indows Phone B s%pportato dal distri'%tore %44iciale @indows Phone Store. Lo svil%ppo di &o'ile app era iniCial&ente destinato escl%siva&ente alla prod%ttivitK individ%ale e aCiendale# C, - E,P- 1LAP- pro6ect &anage&ent- e"co&&erce- posta elettronicacalendario e contatti 'anche dati. S%ccessiva&ente- co&plice la crescente do&anda p%''lica dov%ta alla rapida di44%sione dei &oderni dispositivi &o'ili- B stata registrata la rapida espansione in altre areeco&e ad ese&pio giochi per cell%lari- scienCa applicata- a%to&aCione ind%striale- !PS e acI%isti di 'iglietti. 1ggi esistono centinaia di &igliaia di app# giochi e widget di varia nat%ra- cons%ltare riviste e I%otidiani online- ascoltare la radio- 4otogra4are e &odi4icare le 4oto con particolari e44etti gra4icitrovare indiriCCi e ottenere indicaCioni stradali- ricevere in4or&aCioni t%ristiche- prenotare e acI%istare 'iglietti del treno e dellXaereo o diretta&ente al'erghi- seg%ire ricette e corsi di varia nat%racondividere e sca&'iare in4or&aCioni- 4oto con i propri a&ici con le app dei principali social network. La popolaritK delle app ha contin%ato a crescere- cosL co&e il loro %tiliCCo 4ino a diventare str%&enti indispensa'ili e irrin%ncia'ili da avere al pari di %no s&artphone. :no st%dio comScore di &aggio del (;/( ha- in4atti- riportato %n dato rilevante# lO%tiliCCo di app &o'ile ha s%perato I%ello della navigaCione we'- rispettiva&ente 0/-/Y vs F)-7Y.D/E it.wikipedia.org

android

it.wikipedia.org Android SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$/$/7$Android_F.F_with_stock_ la%ncher.png$(0;p+"Android_F.F_with_stock_la%ncher.png",EPLACE_ E Scher&ata principale di Android F.F SitSat Sviluppatore !oogle Inc. 1pen >andset Alliance %amiglia S& &o'ile operating s.ste&s 'odello del sorgente 1pen so%rceD/E D(ED8E (elease iniziale /.; G(8 sette&'re (;;7DFEJ (elease corrente F.F.( Sit Sat G) dice&'re (;/8J Tipo di )ernel Lin%+ kernel G&onoliticoJ 'etodo di aggiornamento 13A Gdisponi'ile dalla 1S /JD0E e PC Licenza Apache (.; Stadio di sviluppo in prod%Cione- corrente Sito e! www.android.co& SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$a$ad$!ala+._Ne+%s_s&artpho ne.6pg$((;p+"!ala+._Ne+%s_s&artphone.6pg",EPLACE_ E Android B %n siste&a operativo per dispositivi &o'ili organiCCato in %nOarchitett%ra so4tware che incl%de %n siste&a operativo di 'ase- i &iddleware per le co&%nicaCioni e le applicaCioni di 'ase.D*E Android Inc. B stata 4ondata nellOotto're (;;8 da And. ,%'in Gco"4ondatore di DangerJ-D5E ,ich iner Gco"4ondatore di Danger e di @ild4ire Co&&%nicationsJ-D7E Nick Sears Gvicepresidente di 3" o'ileJD)E e Chris @hite Gprincipale a%tore dellOinter4accia gra4ica di @e' 3?J-D/;E per lo svil%ppo di I%ello che ,%'in de4inZ- [ D...E dispositivi cell%lari piR consapevoli della posiCione e delle pre4erenCe del loro proprietario\ Gda ciP pro'a'il&ente scat%rL la scelta del no&e AndroidJ. IniCial&ente la societK operP in segreto- rivelando solo di progettare so4tware per dispositivi &o'ili. D%rante lo stesso anno il '%dget iniCiale si esa%rL- &otivo per c%i 4% 4onda&entale %n 4inanCia&ento di /; ;;; dollari da parte di Steve Perl&an Ga&ico inti&o di ,%'inJ per poter contin%are lo svil%ppo. Steve Perl&an consegnP a ,%'in il denaro in %na '%sta e ri4i%tP la partecipaCione nella societK. Il /5 agosto (;;0 !oogle ha acI%isito lOaCienda-D//E in vista del 4atto che la societK di o%ntain ?iew desiderava entrare nel &ercato della tele4onia &o'ile. W in I%esti anni che il tea& di ,%'in co&incia a svil%ppare %n siste&a operativo per dispositivi &o'ili 'asato s%l kernel Lin%+. La presentaCione %44iciale del Hro'ottino verdeH avvenne il 0 nove&'re (;;5 dalla neonata 1>A G1pen >andset AllianceJ- %n consorCio di aCiende del settore >i 3ech che incl%de !oogle- prod%ttori di s&artphone co&e >3C e Sa&s%ng- operatori di tele4onia &o'ile co&e Sprint Ne+tel e 3" o'ile- e prod%ttori di &icroprocessori co&e Q%alco&& e 3e+as Instr%&ents Incorporated. Il pri&o dispositivo eI%ipaggiato con Android che venne lanciato s%l &ercato 4% lO>3C Drea&- il (( otto're del (;;7.D/(E Dal (;;7 gli aggiorna&enti di Android per &igliorarne le prestaCioni e per eli&inare i '%g delle precedenti versioni sono stati &olti. 1gni aggiorna&ento o release- si&il&ente a I%anto accade per &olte versioni di Lin%+- seg%e %n ordine al4a'etico e %na precisa convenCione per i no&i- che in I%esto caso sono I%elli di dolci%&i# la versione /.0 prese il no&e (upca'e che venne seg%ita dalla versione /.* -onut- la (./ venne chia&ata Eclair- la (.( 4ro%o- la (.8 ;ingerbread- la 8.; !one%comb- la F.; ,ce (ream Sand#ich- la F./ Jell% <ean e in4ine la versione piR recente B la F.F che prende la deno&inaCione Sit Sat in seg%ito ad %n accordo con la NestlM. Nel &arCo (;/8 Larr. Page ann%ncia che And. ,%'in ha lasciato la presidenCa di Android per dedicarsi ad altri progetti di !oogle. ?iene ri&piaCCato da S%ndar Pichai. Android si caratteriCCa per la str%tt%ra open so%rce Gescl%se alc%ne versioni inter&edieJ-D/8ED/FE D/0E e il s%o 'asarsi s% kernel Lin%+. La caratteristica open so%rce ed il tipo di licenCa GLicenCa ApacheJ per&ette di &odi4icare e distri'%ire li'era&ente il codice sorgente. Inoltre- Android dispone di %na vasta co&%nitK di svil%ppatori che realiCCano applicaCioni con lOo'iettivo di a%&entare le 4%nCionalitK dei dispositivi. Q%este applicaCioni sono scritte sopratt%tto con %na versione &odi4icata del

ling%aggio di progra&&aCione Java. NellOotto're (;/( le applicaCioni disponi'ili presenti s%l &arket %44iciale Android G!oogle Pla.J hanno raggi%nto le 5;;.;;; %nitK.D/*E Q%esti 4attori hanno per&esso ad Android di diventare il siste&a operativo piR %tiliCCato in a&'ito &o'ile- oltre a rappresentare- per le aCiende prod%ttrici- la &igliore scelta in ter&ini di 'assi costi- personaliCCaCione e leggereCCa del siste&a operativo stesso- senCa dover scrivere %n proprio siste&a operativo da Cero.D/5E Il progetto 1pen So%rce Android B g%idato da !oogle- e con il co&pito di &anteni&ento e allo svil%ppo di AndroidD/7E Secondo il progetto HlBobiettivo C Duello di creare un vero e proprio successo, in modo da migliorare lBesperien*a mobile per gli utentiHD/)E A1SP &antiene anche la co&pati'ilitK Android progra&&i- la de4iniCione di %n dispositivo HAndroid co&pati'ileH- co&e I%ella che possi'ile eseg%ire I%alsiasi applicaCione scritta da svil%ppatori di terCe parti che %tiliCCano il Android SDS e NDS. H- per prevenire inco&pati'ili i&ple&entaCioni AndroidD/)E Il progra&&a di co&pati'ilitK B 4acoltativo e grat%ita&ente- con la s%ite di test di co&pati'ilitK anche grat%ito e open"so%rceD(;E SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$a$a4$Android"S.ste&" Architect%re.svg$((;p+"Android"S.ste&"Architect%re.svg.png",EPLACE_ E Android B costit%ito da %n Sernel 'asato s%l kernel Lin%+ (.* e 8.+ Gda Android F.; in poiJ- con &iddleware- Li'rerie e API scritte in C Go C99J e so4tware in esec%Cione s% %n 4ra&ework di applicaCioni che incl%de li'rerie Java co&pati'ili con li'rerie 'asate s% Apache >ar&on.. Android %tiliCCa la Dalvik virt%al &achine con %n co&pilatore 6%st"in"ti&e per lOesec%Cione di Dalvik de+"code GDalvik E+ec%ta'leJ- che di solito viene tradotto da codice '.tecode JavaD(/E La piatta4or&a hardware principale di Android B lOarchitett%ra A, . LOarchitett%ra +7* B s%pportata graCie al progetto Android +7*D((E e !oogle 3? %tiliCCa %na speciale versione +7* di Android. Il kernel Lin%+ di Android &ette a disposiCione &odi4iche allOarchitett%ra create da !oogle al di 4%ori del ciclo di svil%ppo del kernel. :n tipico siste&a Android non possiede %n A @indow S.ste& nativo- nM s%pporta il set co&pleto standard di li'rerie !N:- e nel caso del C99 vi B solo %na i&ple&entaCione parCiale delle S3L. 3%tto ciP rende di44icile il porting di applicaCioni Lin%+ o li'rerie per Android.D(8E Per se&pli4icare lo svil%ppo di applicaCioni C$C99 sotto Android si %sa SDL che tra&ite %n piccolo @rapper 6ava per&ette lO%tiliCCo della JNI dando %nOidea di %tiliCCo si&ile a %nOapplicaCione nativa in C$C99. Le applicaCioni Android sono Java"'asedN in e44etti le applicaCioni scritte in codice nativo in C$C99 devono essere richia&ate dal codice 6ava- t%tte le chia&ate a siste&a 4atte in C Go C99J devono chia&are codice virt%al &achine Java di Android# in4atti lOAPI &%lti&ediale SDL sotto Android richia&a &etodi di Java- I%esto signi4ica che il codice dellOapplicaCione C$C99 deve essere inserito allOinterno di %n progetto Java- il I%ale prod%ce alla 4ine %n pacchetto Android GAPSJ. Alc%ne 4%nCionalitK i&ple&entate da !oogle hanno contri'%ito al kernel Lin%+- in particolare %na 4%nCione di gestione dellOenergia deno&inata wakelocks- che perP B stata respinta dagli svil%ppatori del kernel &ainline- in parte perchM gli svil%ppatori del kernel hanno riten%to che !oogle non &ani4estasse alc%na intenCione di &antenere il proprio codice.D(FED(0ED(*E Anche se !oogle ha ann%nciato nel &ese di aprile (;/; che avre''ero ass%nto d%e dipendenti per lavorare con la co&%nitK del kernel Lin%+-D(5E !reg Sroah">art&an- lOatt%ale responsa'ile del kernel di Lin%+ per il ra&o sta'ile- ha dichiarato nel dice&'re (;/; che era preocc%pato del 4atto che !oogle non se&'rava piR intenCionata a 4ar incl%dere le &odi4iche al codice nel ra&o principale di Lin%+. Alc%ni svil%ppatori di !oogle Android hanno 4atto capire che Hil tea& di Android si B stancato del processoH- perchM erano %na piccola sI%adra e avevano &olto lavoro %rgente da 4are s% AndroidD(7E In Lin%+ B stato incl%so lOa%tosleep e le capacitK wakelocks nel kernel 8.0- dopo &olti precedenti tentativi di 4%sione. Le inter4acce sono le stesse &a la realiCCaCione di Lin%+ ha d%e diverse &odalitK di sospensione# a &e&oria Gle sospensione tradiCionale che %tiliCCa AndroidJ- e s% disco Gi'ernaCione- co&e B noto s%l desktopJ.D()E Nel &ese di agosto (;//- Lin%s 3orvalds ha detto che Halla

4ine Android e Lin%+ sare''ero ven%ti di n%ovo ad %n n%cleo co&%ne- &a pro'a'il&ente non sarK per I%attro o cinI%e anniHD8;E Nel &ese di dice&'re (;//- Sroah">art&an ha ann%nciato lOiniCio del progetto &ainlining Android- che &ira a &ettere %n poO di Android driver- le patch e le caratteristichenel kernel di Lin%+ a partire da Lin%+ 8.8.D8/E La &e&oria 4lash s%i dispositivi Android B divisa in diverse partiCioni- ad ese&pio H$s.ste&H per il siste&a operativo stesso e H$dataH per i dati %tente e le installaCioni delle app. Diversa&ente rispetto alle tradiCionali distri'%Cioni !N:$Lin%+- agli %tenti di dispositivi Android non sono disponi'ili i privilegi di s%per%tente- o root- per lOaccesso al siste&a operativo e alle s%e partiCioni- I%ali H$s.ste&H- per le I%ali lO%tente dispone dei per&essi di sola lettura. 3%ttavia- lOaccesso co&e root s%l dispositivo B I%asi se&pre possi'ile# in certi casi tra&ite richiesta al prod%ttore- in altri s4r%ttando certe 4alle di sic%reCCa di Android. LOaccesso root viene %tiliCCato 4reI%ente&ente dalla co&%nitK open so%rce- per &igliorare le capacitK dei loro dispositivi- &a anche da soggetti &alintenCionati per installare vir%s e &alware. LOinter4accia %tente di Android B 'asata s%l concetto di direct &anip%lationD8(E per c%i si %tiliCCano gli ingressi &ono e &%lti"to%ch co&e strisciate- tocchi e piCCichi s%llo scher&o per &anipolare gli oggetti visi'ili s%llo stesso.D8(E La risposta allOinp%t dellO%tente B stata progettata per essere i&&ediata e tentare di 4ornire %nOinter4accia 4l%ida. Sensori hardware interno co&e accelero&etri- giroscopi e sensori di prossi&itK sono %tiliCCati da alc%ne applicaCioni per rispondere alle aCioni da parte dellO%tente- ad ese&pio la regolaCione dello scher&o da verticale a oriCContale a seconda di co&e il dispositivo B orientato o che consentono allO%tente di g%idare %n veicolo in %na corsa virt%ale r%otando il dispositivo- si&%lando il controllo di %n volante.D88E La cosiddetta !omescreen B si&ile al desktop trovato s% @indows ed B la scher&ata principale che ci si trova appena il device B stato avviato- opp%re pre&endo il tasto >o&e. LXho&escreen di Android B in genere occ%pata sia dalle icone delle applicaCioni che dai widget cioB delle sorti di gadgets con varie 4%nCioniN ci sono widget che &ostrano vari stili di orologi- I%elli che &ostrano gli %lti&i video di ]o%3%'e- altri che vis%aliCCano in4or&aCioni &eteo- I%elli relativi alle e&ail.D8FE La ho&escreen p%P essere costit%ita da piR pagine tra c%i lO%tente p%P scorrere avanti e indietro. Se&pre presente nella parte s%periore dello scher&o si trova %na 'arra di stato- che &ostra le in4or&aCioni s%l dispositivo e la s%a connettivitK. 3rascinando la 'arra di stato verso il 'asso co&pare %na scher&ata di noti4ica in c%i le applicaCioni possono vis%aliCCare noti4iche relative ad in4or&aCioni i&portanti o aggiorna&enti co&e ad ese&pio %na e"&ail appena ricev%ta o %n S S- in &odo da non interro&pere i&&ediata&ente lO%tente.D80ENelle pri&e versioni di Android tali noti4iche potevano essere s4r%ttate escl%siva&ente per aprire lOapplicaCione in I%estione- &a gli aggiorna&enti piR recenti hanno 4ornito &aggiori 4%nCionalitK- co&e ad ese&pio la possi'ilitK di chia&are %n n%&ero diretta&ente dalla noti4ica della chia&ata persa- senCa dover aprire lOapplicaCione tele4onoD8*E Le noti4iche sono persistenti 4ino alla loro lett%ra o cancellaCione da parte dellO%tente. La piatta4or&a %sa il data'ase SQLite- la li'reria dedicata S!L per la gra4ica 'idi&ensionale Ginvece del classico server A delle altre distri'%Cioni lin%+J e s%pporta lo standard 1pen!L ES (.; per la gra4ica tridi&ensionale.D*E Le applicaCioni vengono eseg%ite tra&ite la Dalvik virt%al &achine- %na &acchina virt%ale adattata per lO%so s% dispositivi &o'ili. Android B stato progettato principal&ente per s&artphone e ta'let- &a il carattere aperto e personaliCCa'ile del siste&a operativo per&ette che sia %tiliCCato anche s% altri dispositivi elettronici tra c%i portatili e net'ook- s&art'ook-D85E e<ook reader- 4otoca&ere e s&art 3? G!oogle 3?J. Il &ercato delle Hs&art thingsH B cresci%to in &aniera notevole in I%esti %lti&i periodi a tal p%nto da sti&olare la creativit^ delle persone. :n ese&pio B lo S&artwatch dotato di siste&a operativo Android in versione HlightHD87E c%44ie-D8)E lettori a%to CD e D?D-DF;E occhiali intelligenti GPro6ect !lass o google glassJ- 4rigori4eri- siste&i di navigaCione satellitare per veicoli- siste&i di a%to&aCione per la casa- console di gioco- specchi-DF/E teleca&ere- lettori P8$ PF e tapis ro%lant.

Il logo di Android B stato progettato insie&e con la 4a&iglia di caratteri G4ontJ Droid di Ascender Corporation- il verde B il colore del ro'ot che rappresenta il siste&a operativo Android. Il colore di sta&pa B P S 85*C e il colore ,!< in valore esadeci&ale B = AFC*8)- co&e speci4icato dalle linee g%ida del archio di Android Il carattere personaliCCato di Android si chia&a :orad. ?iene %tiliCCato solo nel logo di testo. Android ha %n rapido ciclo di rilascio- con il rilascio di n%ove versioni ogni sei"nove &esi. !li aggiorna&enti sono in genere di nat%ra incre&entale- apportando &igliora&enti del so4tware a intervalli regolari- pi%ttosto che revisioni co&plete del siste&a ogni d%e o tre anni Gpratica co&%ne per i siste&i operativi desktop co&e @indowsJ. 3ra %na &a6or release e lOaltra vengono &essi a disposiCione rilasci inter&edi per risolvere pro'le&i di sic%reCCa e altri '%g del so4tware. La &aggior parte dei dispositivi Android sono in grado di ricevere gli aggiorna&enti in &odalitK H13AH Gover the airJovvero senCa necessitK di %n collega&ento ad %n PC. ,ispetto ad altri siste&i operativi &o'ili- co&e i1S- in genere trascorre parecchio te&po- a volte diversi &esi- 4ra il rilascio %44iciale di %n aggiorna&ento Android e lOe44ettiva distri'%Cione- da parte dei vari prod%ttori- ai dispositivi in grado di s%pportarlo. Q%esto non avviene perP con dispositivi I%ali Ne+%s 5- Ne+%s F- Ne+%s 0- !ala+. Ne+%s o Ne+%s /;.DF(E Nel (;//- !oogle ha siglato %n accordo con %n certo n%&ero di prod%ttori ann%nciando lOHAndroid :pdate AllianceH e i&pegnandosi a 4ornire aggiorna&enti te&pestivi ad ogni dispositivo per /7 &esi dalla s%a i&&issione in co&&ercio. Il &otivo per c%i si veri4icano I%esti ritardi B dov%to a vari 4attori. In pri&is vi B la necessitK di personaliCCare il siste&a s%llo speci4ico hardware di ogni dispositivo. !li aggiorna&enti %44iciali vengono in4atti rilasciati da !oogle per i device di ri4eri&ento Gatt%al&ente !oogle Ne+%s 0 !oogle Ne+%s 5 e !oogle Ne+%s /;J. 1gni prod%ttore dovrK poi adattare il siste&a ai propri dispositivioperaCione che richiede te&po e investi&enti non indi44erenti. Per I%esto &otivo &olti prod%ttori si concentrano pri&a di t%tto ad aggiornare i loro dispositivi piR recenti- all%ngando ancor di piR i te&pi per i vecchi dispositivi. In alc%ni casi i prod%ttori hanno rin%nciato addiritt%ra ad aggiornare dei vecchi dispositivi p%r in grado di s%pportare le n%ove versioni del siste&a operativo. Ad aggravare %lterior&ente il pro'le&a- si aggi%nge il 4atto che la stragrande &aggioranCa dei prod%ttori personaliCCano lOinter4accia di Android per di44erenCiarsi s%l &ercato e- ad ogni aggiorna&ento- devono riportare le proprie personaliCCaCioni s%lla n%ova versione. Alc%ni co&&entatori hanno notato che- allo stato att%ale- i prod%ttori sono incentivati a HnonH aggiornare i propri dispositivi- incentivando gli %tenti a passare ad %n &odello piR recente Ge aggiornatoJ.DF8E Alc%ni &archi co&&erciali hanno rilasciato del so4tware antivir%s per dispositivi Android- in particolare- A?! 3echnologies-DFFE Avast_-DF0E 2"Sec%re-DF*E Saspersk.-DF5E cA4eeDF7E e S.&antec.DF)E :n articolo del (;// apparso s% E+tre&e3ech ha sollevato il pro'le&a che gli antivir%s disponi'ili allOepoca- s% Android- non ri%scivano a rilevare t%tte le &inacce-D0;E perchM per il principio di minimo privilegio le app non possono agire a livello di kernel &a soltanto applicativo.D0;E Al 4ine di &igliorare la sic%reCCa del siste&a- !oogle ha introdotto dei &eccanis&i a%to&atici di analisi del so4tware per 'loccare event%ali applicaCioni &alevoli presenti nel &arket !oogle Pla.. D0/E Q%este sol%Cioni hanno ridotto il pro'le&a &a delle analisi tecniche hanno evidenCiato che le analisi a%to&atiche possono essere aggirateDsenCa 4onteE. :nOanalisi cA4ee sti&a che nel (;/( lO70Y dei vir%s per dispositivi &o'ili sia stato svil%ppato per dispositivi Android.D0(E I tele4oni che %tiliCCano Android co&e 1S possono ottenere GgraCie al lavoro di alc%ne co&%nitK- co&e I%ella di ADAJ i per&essi di root- essendo Android 'asato s% kernel lin%+. Q%esto Hs'loccoH per&ette- ai dispositivi di accedere a 4%nCioni avanCate- co&e gestire diretta&ente CP: e app di siste&a- altri&enti inaccessi'ili- &a per&ettono anche allO%tente di ca&'iare il 4ir&ware del tele4ono GsenCa avere i per&essi aggi%ntivi B co&%nI%e possi'ile installare event%ali aggiorna&enti 4ir&ware %44iciali del prod%ttore del tele4ono- senCa perdere la garanCiaJ.

IniCial&ente t%tto il lavoro si era concentrato s%llO>3C Drea& con 4ir&ware co&e ikhaelJac>ero- 3heD%des e altri. Ad oggi la co&pleteCCa dei 4ir&ware preinstallati dai prod%ttori non spinge gli %tenti a sostit%ire il 4ir&ware con altri creati dalle co&%nitK online- &a ri&ane co&%nI%e &olto popolare la ,1 C.anogen odD08E co&pati'ile con &olti ter&inali 4ra c%i il Ne+%s 1ne- lO>3C agic e lO>3C Desire e s%ccessiva&ente con !ala+. S e !ala+. S II- 1ne A- 1ne S- L! 1pti&%s L)- L! 1pti&%s !!ala+. Ne+%s- !ala+. SIII e !ala+. SF. W p%r vero che le ,1 Hc%cinateH spesso per&ettono %na &aggiore li'ertK di gestione da parte dellO%tente- incl%dendo 4%nCionalitK particolari e a&pia possi'ilitK di personaliCCaCione. Esistono raccolte di 4ir&ware co&e I%ella di AndroidPedia.D0FE Il /( nove&'re (;;5 lO1>A ha rilasciato il so4tware develop&ent kit GSDSJ che incl%de# gli str%&enti di svil%ppo- le li'rerie- %n e&%latore del dispositivo- la doc%&entaCione Gin ingleseJ- alc%ni progetti di ese&pio- t%torial e altro. W installa'ile s% I%alsiasi co&p%ter +7* co&pati'ile che %si co&e siste&a operativo @indows AP- ?ista- ac 1S A- dalla versione /;.F.7- o Lin%+. LOIDE %44icial&ente s%pportato per lo svil%ppo di applicaCioni per Android B Eclipse-D00E per c%i B 4ornito %n pl%g"in. Il (8 sette&'re del (;;7 viene rilasciata la versione /.; di Android che co&prendeva il &arketil 'rowser- la gestione delle cartelle GcreaCione- cancellaCione e rideno&inaCioneJ-D0*E accesso ai serviCi di posta elettronica e il s%pporto di reti wi"4i- 4otoca&ere e le pri&e !oogle Apps per s&artphone Android. Le pri&e release non avevano no&i speci4ici- &a venivano indicati in &aniera piR generale co&e Astro <o. e <ender Gin4atti si pensava di no&inare ogni release con il no&e di %n ro'ot della televisione o del cine&aJ. Dalla versione /.0 si sta'ilL di %tiliCCare invece no&i di dolci. LOSDS 4% aggiornato alla versione /./ il ) 4e''raio (;;)N I%esta n%ova versione sostit%iva la versione /.;_r( e &anteneva la retro co&pati'ilitK con i sorgenti creati tra&ite le vecchie release dellOSDS G/.;_r/ e /.;_r(J ed aggi%nge n%ove caratteristiche alle API- oltre ad %na &aggiore 4l%iditK e sic%reCCa.D05E La versione dellOSDS %scita il /8 aprile (;;) B la /.0- diven%ta 4a&osa sopratt%tto con il s%o secondo no&e C%pcake. COB retroco&pati'ilitK con le vecchie versioni e i&ple&enta le n%ove API 8rendendo lOS1 ancora piR veloce e sta'ile.D07E 2% poi aggiornato e il /* sette&'re (;;) venne rilasciata la /.* chia&ata anche Don%t. COB retroco&pati'ilitK con le vecchie versioni e i&ple&enta n%ove 4%nCioni e tecnologie co&e il s%pporto alle reti CD A- diverse risol%Cioni di scher&o e %na ricerca glo'ale interna nel tele4ono e s% internet conte&poranea&ente- oltre ai vari 4i+ '%g. I pri&i cell%lari con Android /.* nativo sono s%l &ercato da otto're (;;).D0)E Il (5 otto're (;;) !oogle p%''lica la versione (.; del s%o siste&a operativo 1pen So%rce-D*;E no&e in codice Eclair- che introd%ce la possi'ilitK dOinviare dati tra&ite <l%etooth- &entre in precedenCa era possi'ile %tiliCCarla solo per la co&%nicaCione vocaleD*/E seg%ita da %na &inor release dellOSDS- la versione (.;./- il F dice&'re (;;).D*(E Il /( gennaio (;/; B stato rilasciato lOAndroid SDS (./- chia&ato se&pre Eclair per le s%e poche novitK introdotte. In4atti 4%rono sola&ente risolti dei critical '%g riscontrati in vari dispositivi associati alla sic%reCCa dei dati. Il (; &aggio (;/; al !oogle I$1 con4erence B stato rilasciato lOAndroid SDS (.(- no&e in codice 2ro.o. Sono stati rilasciati i&portanti aggiorna&enti# n%ovo kernel lin%+ (.*.8(- n%ovo co&pilatore JI3- ?7 Engine per il 6avascript- 3ethering @i"4i Nativo per %tiliCCare il ter&inale co&e >otspot @ireless- n%ove Icone per la >o&e- 3ele4ono GSinistraJ e <rowser GDestraJ. Ado'e 2lash Pla.er /;./ e Ado'e AI, Integrato. Possi'ilitK di installare le apps s%lla &e&oria SD- 4eat%re &olto attesa dalla co&&%nit. &ondiale. Aggiorna&ento a%to&atico 1ver"the"Air delle ApplicaCioni. N%ove Api per gli svil%ppatori- tra c%i le 1pen!L ES (.;. Il t%tto si B tradotto in ("8A di velocitK &aggioreper4or&ance e 4l%iditK rispetto alla precedente versione (./ Eclair. Il ) l%glio (;/; lOAndroid SDS (.(D*8E B stato revisionato e aggiornato con gli %lti&i 4ile.i&g

del siste&a Android (.(. Il 5 dice&'re (;/; lOAndroid SDS (.8D*FE B stato rilasciato- col no&e in codice !inger'read. Nel gennaio del (;// viene rilasciato il siste&a 8.; G>one.co&'J dedicato ai soli ta'let-D*0E &entre il (5 gennaio (;// viene rilasciata la preview dellOAndroid SDS 8.;D**E la versione di Android per i dispositivi 3a'let. La versione de4initiva dellOSDS 8.; B stata invece %44icialiCCata solo il (8 4e''raio (;//.D*5ED*7E LO// &aggio (;// B stata rilasciata la versione SDS 8./.D*)E Il /) otto're (;// B stata presentata la versione F.; GIce Crea& SandwichJ conte&poranea&ente alla presentaCione del n%ovo Sa&s%ng !ala+. Ne+%s-D5;E I%esta versione B destinata a diversi dispositivi- I%ali s&artphone e ta'let- a''andonando la precedente sit%aCione- dove s&artphone e ta'let %tiliCCavano siste&i operativi di44erenti. Il /) 1tto're B stato rilasciato lOSDS F.;.D5/E Il (( &arCo (;/( B stato rilasciato lOAndroid SDS versione /5 che introd%ce il s%pporto nativo per i chip +7* e la possi'ilitK di %tiliCCare %n device Android in collega&ento con il PC co&e dispositivo di inp%t &%ltito%ch.D5(E Il () otto're (;/( doveva essere presentata la versione di Android Jell. <ean F.(- &a- a ca%sa dellO:ragano Sand.- la presentaCione B stata ann%llata. I pri&i dispositivi 'asati s% Android F.( sono stati rilasciati il /8 nove&'re (;/(. La versione si presentava piena di &igliora&enti e novitK- co&e il Circle Photosphere di !oogle- t%ttavia incl%deva n%&erosi '%g. Il * nove&'re (;/( !oogle rilasciP per i s%oi dispositivi Ne+%s %na patch che portP Android alla versione Jell. <ean F.(./. Il (F l%glio (;/8 !oogle rilascia- per i dispositivi Ne+%s- la versione Android F.8 Jell. <ean che porta diverse &igliorie- tra c%i il s%pporto allO1pen!L ES 8.;. Il 8 sette&'re (;/8 !oogle ann%ncia la versione Android F.F SitSat- rilasciata il 8/ otto're (;/8 per i dispositivi Ne+%s ad escl%sione del !ala+. Ne+%sD58E. Per %n &aggior grado di appro4ondi&ento s%lle caratteristiche principali di t%tti gli aggiorna&enti del siste&a operativo Android- cons%ltate la pagina Gin ingleseJ s%lla Storia delle versioni di Android. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$/$/7$3" o'ile_!/_la%nch_event_(.6pg$((;p+"3" o'ile_!/_la%nch_event_(.6pg",EPLACE_ E Il pri&o dispositivo &o'ile dotato della piatta4or&a Android B stato il 3" o'ile !/- prodotto dalla societK taiwanese >3C e co&&ercialiCCato dal carrier tele4onico 3" o'ile. Il prodotto B stato presentato il (8 sette&'re (;;7 a New ]ork- &entre la data di %scita nel &ercato B stata il (( otto're (;;7. Le caratteristiche principali del dispositivo sono# tastiera Q@E,3]- scher&o to%chscreen da 8.( pollici con risol%Cione di 8(;+F7; pi+el- s%pporto per la connettivitK 8! : 3S$>SDPA a 5-( 'it$s/)( < di ,A e (0* < di &e&oria 4lash. Il preCCo di lancio era di /5) ` negli Stati :niti- con o''ligo di sottoscriCione ad %n contratto 'iennale con il carrier 3" o'ile- &entre in Italia il dispositivo B noto con il no&e di >3C Drea& ed il preCCo iniCiale 4% di F0; a senCa contratto. Il dispositivo B stato iniCial&ente distri'%ito negli Stati :niti dOA&erica il (( otto're (;;7 e nel ,egno :nito il 8; dello stesso &ese. In seg%ito B stato co&&ercialiCCato in Italia >3C agic- %n dispositivo con caratteristiche si&ili a I%elle del 3" o'ile !/- sepp%r non dotato di %na tastiera a livello hardwareN in seg%ito B stato introdotto da parte di Sa&s%ng il dispositivo !ala+. dotato di scher&o A 1LED in seg%ito il !ala+. S dotato di %na 4otoca&era senCa 4lash- presente perP nel s%o s%ccessore !ala+. S II. Il pri&o dispositivo dotato di Android (.; B il otorola ilestone- presentato nellO%lti&a parte del (;;) e co&&ercialiCCato in Italia intorno ai F)) e%ro. Il F gennaio (;/; B stato rilasciato il n%ovo Ne+%s 1ne- dotato di Android (./- prodotto da >3C e !oogle. A stretto giro di posta- la versione (./ diventa disponi'ile anche per gli altri dispositivi Android I%ali >3C- otorola e altri. Nel (;/; sono stati poi presentati e &essi in co&&ercio %na n%ova generaCione di s&artphone con siste&a operativo Android che spinti dal Ne+%s 1ne hanno caratteristiche tecniche di livello

s%periore Gprocessore da / !>C e ,A !ala+. S e lOL! 1pti&%s <lack.

4ino a 0/( <J. 3ra I%esti trovia&o lO>3C Desire- Sa&s%ng

SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$F$F0$>3C_Evo_F!.6pg$((;p+" >3C_Evo_F!.6pg",EPLACE_ E Il /* dice&'re (;/; B stato rilasciato il s%ccessore di Ne+%s 1ne# il Ne+%s S- prodotto da Sa&s%ng- B il pri&o ter&inale Android a &ontare in partenCa la release (.8 dellO1S- deno&inata !inger'read. Secondo @iki&edia 2o%ndation- il siste&a operativo Android ha %na di44%sione tra t%tti i dispositivi &o'ili pari al ((-)FYD77E Gaggiorna&ento agosto (;//JN nellO%lti&o tri&estre del (;/; Android B ri%scito a s%perare S.&'ianDsenCa 4onteE- lOincontrastato siste&a operativo di Nokia per oltre /; anni- vendendo nel &ondo 'en 8(-) &ilioni di s&artphone contro i 8;-* &ilioni di S.&'ianDsenCa 4onteE. Dal (;;7 Android B cresci%to- anno s% anno- del */0./YDsenCa 4onteE. Nel (;;) la 3oshi'a ha presentato il ta'let )ourn.e Touch- con scher&o da 5 pollici e siste&a Android (.;. D%rante il (;/; sono stati presentati &olti ta'let che %tiliCCano Android co&e siste&a operativo. Q%ello che ha ricev%to piR interesse dei &edia B stato sic%ra&ente il Sa&s%ng !ala+. 3a' con la versione (.( 2ro.o- che si B posto in diretta concorrenCa con lOiPad di Apple. Il prodotto B stato presentato d%rante lOI2A di <erlino (;/; ed B stato &esso in co&&ercio a partire dalla 4ine di sette&'re (;/;.D7)E La n%ova versione di Android dedicata ai ta'let B la versione 8.; >one.co&' e il pri&o ta'let ann%nciato %44icial&ente con I%esta versione dellO1S B stato il otorola Aoo&.D*0E Il pri&o ta'let ad entrare in co&&ercio con >one.Co&' 8./ preinstallato B stato il Sa&s%ng !ala+. 3a' /;./ nel gi%gno (;//. Se&pre in I%esto periodo cOB da segnalare anche la linea di Acer- Iconia 3a'. In generale- a t%tto &arCo (;/( si B co&inciato ad avere %na disponi'ilitK s%l &ercato di dispositivi con versione di siste&a F.;- co&e lOAs%s 3rans4or&er Pri&e anche se iniCial&ente alc%ni venivano proposti con la versione in4eriore Gaggiorna'ileJ perchM ancora non era stato reso disponi'ile il pl%gin 2lash per I%esta versione di siste&a. Il (7 !i%gno (;/( B stato presentato il pri&o ta'let di !oogle prodotto in colla'oraCione con AS:S- chia&ato Ne+%s 5 ed iniCial&ente dotato di Android F./ Jell. <ean. La seconda generaCione del dispositivo- con versione F.8 di Android B stata presentata il (F L%glio (;/8. I dispositivi targati H!oogle Ne+%sH- che vengono prodotti s% licenCa !oogle da diversi prod%ttori di dispositivi mobile- hanno la caratteristica di avere %na versione di Android che viene aggiornata e s%pportata dalla stessa !oogle Inc. Gla 4ondatrice del tea& di AndroidJ.D);E S%i dispositivi Ne+%s B presente la versione vanilla di Android 1S. Le applicaCioni !oogle sono installate di stock. Android ha la caratteristica di accettare i dispositivi di &e&oriCCaCione esterni GSD cardpennine :S<- ecc...J- al pari di &olti siste&i operativi per PC. entre non cOB 'isogno di alc%na preca%Cione per il collega&ento di I%esta &e&oria esterna al dispositivo Android- 'isogna e44ett%are %na certa proced%ra pri&a di scollegarla. S% Android (.('isogna cliccare s%lla voce di &en% H,mposta*ioni E Scheda S- e memoriaH e da I%i scegliere la voce HSmonta scheda S-H opp%re H6nmount 6-dis'H GSmonta disco 6S<J. A I%esto p%nto p%P essere scollegata dal dispositivo. Il &otivo della necessitK di e44ett%are la proced%ra di s&ontaggio B che allOinterno di tali &e&orie potre''ero esserci ad ese&pio doc%&enti o so4tware che lO%tente sta %tiliCCandoN appena %na app richiede di accedere ai dati di tali 4ile e I%esti non sono piR disponi'ili- Android la chi%de 4orCata&ente. :n altro pro'le&a della ri&oCione Ha caldoH di %na &e&oria esterna B che il salvataggio dei dati di %na applicaCione non avviene i&&ediata&ente &a dopo %n certo te&po. Il rischio B I%indi che I%el salvataggio Gad ese&pio %n doc%&ento scritto dallO%tenteJ venga &e&oriCCato in &aniera parCiale Gdivenendo spesso in%tiliCCa'ileJ- o che il 4ile vada perso.

Le applica*ioni sono la 4or&a piR generica per indicare so4tware installa'ili s% Android. Chia&ate- in gergo or&ai di44%so- HappsH- I%esto ter&ine B a&pia&ente %sato nella co&%nitK di %tiliCCatori. 3ali HappsH possono essere scaricate sia dal &arket %44iciale G!oogle Pla.J e sia dal &arket di A&aCon.co& GA&aCon AppstoreJ.D)/E Le applicaCioni Android possono anche essere installate co&e 4ile APS da &arket di terCe parti. Per &otivi di sic%reCCa in4or&atica- le apps dovre''ero essere scaricate e %tiliCCate &ediante %n serviCio di distri'%Cione 4idato- che %tiliCCi %n siste&a di certi4icati di sic%reCCa Gso4twareJ. Per venire incontro alle necessitK degli svil%ppatori- B stata perP prevista la possi'ilitK di disattivare il controllo di tali certi4icati- attraverso %na voce presente nel &en% HI&postaCioniH GAndroid versione (.(J. Android B 4ornito di %na serie di applicaCioni preinstallate che vanno dal 'rowser alla radio analogica 2 - dal calendario allOapplicaCione !&ail- dalla calcolatrice al navigatore satellitare 3%rn" '."3%rn e co&prende anche la ricerca vocale !oogle ?oice Search con la possi'ilitK di scegliere la ling%a in italiano. Q%ando si v%ole aggi%ngere allOa&'iente Android %na 4%nCionalitK non presente- co&e ad ese&pio %n so4tware per lO%44icio- %n videogioco o %nOi&&agine di s4ondo G#allpaperJ- si %sa ricercarla in %n H arketH Gco&e ;oogle Pla%J e HinstallarlaH- ossia copiarla allOinterno del dispositivo a44inchM sia se&pre presente e %tiliCCa'ile. Dalla versione (.( di Android B possi'ile installare %na app- oltre che nella &e&oria interna del dispositivo- s% %na card esterna. Q%esta n%ova feature viene spesso chia&ata dalla co&&%nit. Happ1sdH Go Happs1sdHJ- derivata dai no&i dei pri&i esperi&enti e44ett%ati da progra&&atori indipendenti# attraverso del so4tware nativo Gscripts in ling%aggio shellJ- spostavano s% card esterna sia i so4tware installati che alc%ne cartelle di siste&a- %tiliCCando poi dei link si&'olici per i collega&enti e 4acendo anche delle copie di riserva per poter ripristinare la sit%aCione precedente in sic%reCCa. :44icial&ente perP- in 4ase di installaCione- la scelta del s%pporto di destinaCione G&e&oria interna o cardJ B lasciata allo svil%ppatore del so4tware e non allO%tente 4inale. Al rig%ardo- alc%ni prod%ttori di dispositivi hanno &esso a disposiCione degli %tenti- nel &en% H,mposta*ioni E Applica*ioniH- %na Hcasella di sp%ntaH chia&ata HApp1sdH. Q%esta per&ette di scegliere se direCionare t%tte le n%ove installaCioni s%lla card opp%re s%lla &e&oria interna del dispositivo. In assenCa di tale opCione- si p%P installare lOHappH pri&a s%lla &e&oria interna Gse s%44icienteJ e poi tras4erirla s%lla card- aprendo la voce di &en% H,mposta*ioni E Applica*ioni E ;estisci applica*ioniH- seleCionando lOHappH appena installata e pre&endo il 'ottone HSposta s% scheda SDH. S% ;oogle Pla% sono presenti varie HappsH- tal%ne o&oni&e di Happ(sdH- che per&ettono di se&pli4icare %lterior&ente la gestione delle applicaCioni installate- aggi%ngendo varie 4%nCionalitK co&e ad ese&pio la possi'ilitK di scegliere- in 4ase di installaCione- I%ale sia il s%pporto di destinaCione G&e&oria interna opp%re cardJ. La necessitK di spostare le applicaCioni s%lla &e&oria esterna B data dal 4atto che- al &o&ento del lancio di Android (.(- la &e&oria interna Ge non di &assaJ dei dispositivi era a''astanCa ristretta. Nei prodotti di 4ascia alta I%esta esigenCa B sco&parsa. !iK dal (;/;- il !ala+. S &ette a disposiCione ( !< per lOinstallaCione di applicaCioni. Nei dispositivi di 4ascia 'assa- invece- il pro'le&a s%ssiste ancora. La sit%aCione B %lterior&ente evol%ta con il lancio di Ice Crea& Sandwich e del terCo s&artphone !oogle- !ala+. Ne+%s# la &e&oria interna diventa dina&ica. :n ese&pio B proprio I%esto ter&inale# la s%a &e&oria interna viene dina&ica&ente allocata tra applicaCioni installate e &e&oria di &assa. W I%indi possi'ile installare /* !< di applicaCioni o %sare la &e&oria intera&ente per i 4ile &%lti&ediali. Q%esta sol%Cione co&porta perP lo svantaggio di perdere il riconosci&ento co&e archivio di &assa da parte di %n Personal co&p%ter- co&portando %na co&pati'ilitK con siste&i operativi piR ristretta.

Per approfondire, vedi ;oogle Pla%. Il &arket %44iciale di Android B !oogle Pla.. Il no&e att%ale B stato adottato a partire dal * &arCo (;/( &entre la deno&inaCione precedente era HAndroid arketH . Il &arket o44re la possi'ilitK di acI%istare non solo applicaCioni- &a- dal (;/(- anche li'ri e &%sica- rispettiva&ente Pla. <ooks e Pla. %sic. 3%tti o I%asi i dispositivi Android hanno preinstallata %na icona deno&inata arket opp%re !oogle Pla.. Per accedere al 2ar'et B necessario possedere %n acco%nt !oogle. 1ltre a poter acI%istare s%l &arket %tiliCCando il serviCio !oogle checko%t- B prevista la possi'ilitK di adde'itare lOacI%isto s%l credito prepagato o s%llOa''ona&ento %sato per il serviCio tele4onicoN in Italia I%esta &odalitK di paga&ento B garantita solo dagli operatori ?oda4oneD)(E e @ind.D)8E In 1tto're (;/( le applicaCioni presenti s%l &arket %44iciale Android G!oogle Pla.J hanno raggi%nto le 5;;.;;; %nitK.D/*E W %n se&plice a&'iente di svil%ppo 'asato s% piatta4or&a Java per coloro i I%ali non hanno 'asi di progra&&aCioneN con I%esto str%&ento si possono scrivere se&plici applicaCioni- per %so escl%siva&ente personale- tra&ite %na inter4accia gra4ica.D)FE App ,nventor 4aceva parte di ;oogle Labs- l%ogo virt%ale ove gli ingegneri di !oogle svil%ppano le n%ove applicaCioni speri&entali- &a il /; agosto (;// !oogle ha co&%nicato che App Inventor sare''e stato chi%so- cosa che B avven%ta il 8/ dice&'re (;//. La scelta B pro'a'il&ente dov%ta o al &ancato s%ccesso dello stesso opp%re a ca%sa di %na den%ncia da parte di 1racle per violaCione dei diritti della piatta4or&a Java- che 1racle detiene- s% c%i B svil%ppato App Inventor. Il siste&a B stato perP preso in carico dal I3 Center 4or o'ile Learning che ora lo s%pporta con il no&e HApp Inventor Ed%H.D)0E Le Apps svil%ppate con App Inventor non possono essere p%''licate s% !oogle Pla.. Ai 4ini della progra&&aCione- il tea& di Android ha speci4icato nella doc%&entaCione %44icialeD)*E vari ter&ini per de4inire i vari tipi di applicaCioni. Le attivit+ sono I%elle applicaCioni destinate a %na interaCione diretta con lO%tente. :n ese&pio sono i videogiochi- le applicaCioni per lO%44icio e i vis%aliCCatori GreaderJ di E"'ook. Le attivitK vengono general&ente distri'%ite sotto 4or&a di 4ile .AP. - vengono poi installate in diverse cartelle nella &e&oria del dispositivo Go in %na card estrai'ileJ- in4ine viene creata %na icona per lO%tente- che gli per&etterK di eseg%irla in I%alsiasi &o&ento.D)5E W anche possi'ile disinstallare le attivitK &ediante %na %tilit. integrata con Android. Le attivitK vengono create co&e oggetti di classe Activit% da c%i ereditano proprietK e &etodi.D)5E I serviCi sono- al contrario- I%elle applicaCioni che per loro nat%ra svolgono delle operaCioni a%tono&e e che vengono richia&ati dalle attivit+ al 'isogno. Il siste&a operativo 4ornisce alle applicaCioni vari serviCi giK pronti allO%so- per ottenere lOaccesso allOhardware o a risorse esterne Gad ese&pio dei we' services di &essaggisticaJ. I serviCi sono oggetti di classe Services.D)5E :n ese&pio di serviCio B co&.android.inp%t&ethod.latin- ossia il co&ponente che 4a co&parire la tastiera I%ando si seleCiona Gcon i tasti o con %n HtoccoH s%l to%ch"screenJ %n ca&po di inp%t test%ale. I serviCi possono essere eseg%iti o interrotti diretta&ente dallO%tente- se''ene siano event%alitK alI%anto rare. I content provider sono dei contenitori di dati generati dalle applicaCioni che ne 4orniscono %na condivisioneN i dati possono essere conten%ti nel 4ile s.ste&- in %n data'ase SQLite- s%l we' o in %na I%al%nI%e locaCione di dati.D)5E La classe alla I%ale appartengono I%esti oggetti B (ontentProvider. D)5E (icevitori di trasmissioni diffuse *Broadcast receivers+"modifica # modifica sorgente$ I <roadcast receivers per&ettono alle apps di ricevere segnali rivolti a t%tte le apps in esec%Cione- per la condivisione di dati o di segnali di serviCio Gco&e ad ese&pio I%ello di 'atteria scaricaJ. I broadcast receivers- se''ene non %sino lOinter4accia del siste&a- possono 4ar apparire

&essaggi in4or&ativi che si sovrappongono allOo%tp%t dellOactivit. corrente.D)5E Il 4ra&&ento B I%ella porCione di codice GI%indi di applicaCioneJ che gestisce la parte gra4icain 'ase alle possi'ilitK del dispositivo s% c%i B stato installato. Il pro'le&a dello svil%ppatore B evidente I%ando si trova a dover svil%ppare %na applicaCione che 4%nCioni- ad ese&pio- sia s% %n ta'let Ggeneral&ente I%esti hanno %no scher&o to%ch"screen di grandi di&ensioniJ che s% alc%ni tipi di s&artphone Gche possono avere ( scher&i e non B detto che entra&'i siano to%ch"screenJ. W stato allora deciso- dal tea& di Android- di creare il concetto di H4rag&entsH- ossia %na classe tanto generica da per&ettere lo svil%ppo di %na applicaCione con la parte gra4ica slegata a I%ella HdecisionaleH- in &odo da rendere agevole lOadatta&ento dellOapplicaCione alle varie sit%aCioni. Il progra&&atore creerK vari 4ra&&enti della parte gra4ica e poi Android la ridisegnerK corretta&ente per il dispositivo in %so. LOalternativa per il progra&&atore sare''e stato di scriversi da solo %n 4ra&ework che 4acesse lo stesso lavoro Ge lOavre''e dov%to 4are per t%tti i s%oi progettiJ opp%re avre''e dov%to creare piR versioni- ogn%na destinata a %na tipologia di dispositivo- I%indi costringendolo a riscrivere diverse parti del proprio so4tware. Q%esti co&ponenti non sono sostit%i'iliN al &assi&o sono aggiorna'ili alc%ne parti per correggere event%ali pro'le&i di sic%reCCa. Q%ando viene rilasciata %na n%ova versione di Androidsigni4ica che alc%ne di I%este parti sono state aggiornate o sostit%ite. Il so4tware viene solita&ente distri'%ito sotto 4or&a di pacchetto a%toinstallante- I%indi %n 4ile con estensione .AP. . Q%esto non B altro che %n 4ile co&presso- contenente il so4tware G4ile con estensione .de&J le s%e risorse Gi&&agini- s%oni ecc...J e alc%ni 4ile F2L. LO%tente &edio non ha necessaria&ente 'isogno di conoscere tale tipologia di 4ile- dato che il dispositivo gestisce t%tta la parte di installaCione &ediante we' services co&e ;oogle Pla%. AllOinterno di I%esto 4ile cOB anche %n certi4icato digitale che per&ette lOinstallaCione di %n pacchetto .AP. s% %n dispositivo Android se I%esto non B stato co&pro&esso o revocato. Il certi4icato deve essere presente in I%alsiasi pacchetto- altri&enti Android non installerK lOapplicaCione al s%o interno. Il certi4icato viene creato dallo svil%ppatore dellOapplicaCione- che p%P scegliere di crearne %no di Hde'%ggingH GI%indi a %so internoJ o di H&ercatoH Gper la distri'%CioneJ e p%P deciderne la s%a di44%sione delle copie Gli'era o li&itataJ. Il distri'%tore Gper ese&pio ;oogle Pla%J ci aggi%ngerK poi %na s%a chiave- che potrK s%ccessiva&ente revocare- se necessario. In caso di revoca- lOapplicaCione non B piR installa'ile nM eseg%i'ile in ness%n dispositivo Android. Se %no svil%ppatore indipendente v%ole poter distri'%ire %n s%o so4tware con pacchetto .AP. senCa passare per %n we' service certi4icato- p%P a%tocerti4icarsi il certi4icato. In tal caso- lO%tente riceverK %n avviso che sta installando %n so4tware di I%esto tipo GHself-signedHJN a I%esto p%nto potrK ann%llare lOinstallaCione o 4arla proseg%ire a s%o rischio. La classe B %n concetto della progra&&aCione orientata agli oggetti. Per se&pli4icare- consiste nella s%ddivisione di %n so4tware in Hco&ponentiH- I%esto per evitare di %sare il vecchio paradig&a della progra&&aCione proced%rale- che consiste nello stilare %na lista di istr%Cioni seI%enCiali che possono essere poco adatta'ili per lOaggi%nta di %lteriori 4%nCionalitK in 4%t%ro. S% Android t%tti i co&ponenti sono catalogati co&e classi e richia&a'ili da altri co&ponenti se il progra&&atore ne per&ette I%esta possi'ilitK. Per 4are I%alche ese&pio- nella versione 8.; livello // delle API di Android- le classi del package android.bluetooth per&ettono a %no svil%ppatore indipendente di incl%dere nella s%a applicaCione la possi'ilitK di co&%nicare con la s%a stessa applicaCione Gopp%re %nOaltraJ installata s% %n altro dispositivo &o'ile- senCa i cavi- &a solo via radio. Esiste anche il package android.gesturecon al s%o interno le classi che per&ettono a %na applicaCione di ricevere le HgesturesH- ossia i traccia&enti di %n dito che s4iora il to%ch"screen.

Interna&ente- t%tti i processi dei serviCi in esec%Cione vengono eseg%iti con tali no&i e sono visi'ili- s% Android (.(- nel &en% ,mposta*ioni. SPECIAL_I A!E"$$%pload.wiki&edia.org$wikipedia$co&&ons$th%&'$)$)4$PackageE+plorer.png$((; p+"PackageE+plorer.png",EPLACE_ E Le applicaCioni di Android sono svil%ppate allOinterno di %n 4ra&ework- ossia di %na str%tt%ra dati speci4ica. La str%tt%ra del 4ra&ework B &olto chiara se si %tiliCCa lOa&'iente di svil%ppo GAndroid SDSJ con EclipseN il &ancato %tiliCCo di Eclipse- t%ttavia- non i&pedisce di scrivere applicaCioni Android 4%nCionanti. Le applicaCioni Android sono caratteriCCate da %na certa d%alitK# parti dina&iche scritte in Java e parti statiche scritte in A L. 3ipico delle parti statiche possono essere I%elle caratteristiche che non ca&'iano d%rante lOesec%Cione dellOapplicaCione- co&e per ese&pio il colore dello s4ondo. 3ipico delle parti dina&iche sono invece gli aspetti progra&&atici co&e per ese&pio la gestione degli eventi. Q%esta d%alitK B perP solo apparente. D%rante lOesec%Cione- in4atti- lOa&'iente di esec%Cione o r%n"ti&e noto co&e Dalvik virt%al &achine GD? J- che in tale a&'ito sostit%isce la cons%eta acchina virt%ale Java GJ? J- eseg%e se&pre %n progra&&a. Per lo svil%ppo delle applicaCioni B disponi'ile %na co&pleta doc%&entaCioneD)7E la I%ale- anche gra4ica&ente- riprende la str%tt%ra tipica della doc%&entaCione JavaD))E del sito 1racle. 3ra&ite lOSDS possia&o passare dalla descriCione della nostra applicaCione alla s%a e44ettiva esec%Cione sia in e&%laCione- sia s% %n dispositivo concreto. Per descrivere lOapplicaCione al dispositivo prescelto si %tiliCCa il 4ile 2anifest.&ml. Possia&o I%indi a44er&are che %nOapplicaCione B descritta co&pleta&ente da %na tripletta# (odice JavaN /isorse statiche &mlN 2anifest.&ml. Il codice Java viene poi co&pilato insie&e allOA L per generare %n 4ile con estensione .ap'# esso contiene il '.tecode per la cosiddetta Dalvik ?irt%al achine GD? J. I passi s%ccessivi servono per installare il '.tecode nel dispositivo Ged eseg%irlo in e&%laCioneJ. Il ling%aggio per applicaCioni Android B in realtK %n HdialettoH del ling%aggio Java cosL co&e B diversa anche la virt%al &achine di r%nti&e GDalvik virt%al &achine anCichM J? J. Nella tipica applicaCione Android non cOB %n entr. point Gil classico &etodo H&ainHJ da dove nor&al&ente %n progra&&a co&incia a caricare le s%e parti so4tware e avviarsi# t%tto B pensato per essere %n Hco&ponenteH pilotato dagli eventi GHEvent DrivenHJ dellOhardware o di altri co&ponenti. Q%esto paradig&a 4a sL che il progra&&atore svil%ppi per ogni hardware delle ro%tine il piR possi'ile indipendenti. :n vantaggio B che il siste&a operativo potrK otti&iCCare le risorse- ad ese&pio rin%nciando a caricare co&ponenti Ge hardwareJ non s%pportati o non prioritari perchM in%tiliCCati. Inoltre- i co&ponenti possono condividere le loro 4%nCionalitK# se ad ese&pio %n videogioco trova installato nel dispositivo %n progra&&a che ritocca le 4otogra4ie appena scattate con la we'ca&p%P avviarlo Gse lO%tente concede il per&essoJ per per&ettere allO%tente di ritoccare tali 4oto- sceglierne %na e H4arsela passareH per scopi l%dici. Il t%tto con %na inter4accia gra4ica per4etta&ente integrata e I%indi senCa tante apert%re e chi%s%re di progra&&i. a sopratt%tto- il progra&&atore di videogiochi B cosL sollevato dallOonere di dover creare %n sottoprogetto per i&ple&entare %na 4%nCionalitK giK esistente sotto altra 4or&a.D/;;E W la parte dichiarativa contenente varie in4or&aCioni# in4or&aCioni di la.o%t s%pporto &%ltiling%e 3ale 4ile descrive lOapplicaCione al dispositivo. Il ani4est elenca la lista delle necessitK del progra&&a per poter operare nel siste&aN per ese&pio- se %na ap' richiede la connessione alla ,ete- lo noti4ica nel ani4est e- I%alora la connessione non sia disponi'ile- lOapplicaCione verrK 'loccata a r%n"

ti&e. In generale B opport%no ai 4ini della sic%reCCa vagliare attenta&ente il conten%to del ani4estsopratt%tto se proviene da 4onte non veri4ica'ile- e non installare il progra&&a I%alora le richieste del ani4est non siano congr%e con gli o''iettivi dichiarati del progra&&a stesso- sopratt%tto nel caso di richieste di connessione a linee di tele4onia. 3ra&ite lOSDS Go &eglio# tra&ite gli str%&enti %tiliCCati &ediante lOSDSJ tras4or&ia&o la nostra applicaCione Android in %n codice inter&edio chia&ato '.tecodeN I%esto B esatta&ente I%ello che accade a'it%al&ente in Java- ossia# Codice Java# co&pilaCione# '.tecode# ? b esec%Cione reale del progra&&a Q%esto '.tecode viene eseg%ito da %n progra&&a chia&ato &acchina virt%ale G?irt%al achine- ? J. Negli a&'ienti Android non viene %tiliCCata la acchina virt%ale Java# B stata in4atti scritta %na n%ova ? chia&ata Dalvik ?irt%al achine GD? J. 1gni ter&inale Android ha la s%a D? installata- co&e descritto nellOarchitett%ra del siste&a- ed il s%o co&pito B solo eseg%ire il '.tecode. Avre&o I%indi la seg%ente catena di esec%Cione# ApplicaCione Android# co&pilaCione# '.tecode# D? b esec%Cione reale dellOapplicaCione Android LOidea B I%esta# essendo la D? %g%ale per t%tti i dispositivi Android- ogni applicaCione p%P essere eseg%ita s% ogni ter&inale- indipendente&ente dal costr%ttore e dallOi&ple&entaCione. La conseg%enCa di I%esta idea- che B anche %na visione- B stata I%esta# &olti costr%ttori di dispositivi &o'ili scelgono AndroidN in I%esto &odo possono 4ornire ai propri %tenti %n a&'iente condiviso da &oltissi&i altri %tenti. :n s%pporto che per&ette agli svil%ppatori di ricevere le n%ove release Android in anticipo rispetto alla data di co&&ercialiCCaCione- per poter aggiornare le applicaCioni piR rapida&ente. Al 4ine di 4avorire lo svil%ppo di applicaCioni per la piatta4or&a lOaCienda !oogle ha indetto nel (;;7 %n concorso a pre&i legato allo svil%ppo di applicaCioni per Android. Il concorso a pre&i assegnerK %na serie di pre&i e incentivi alle applicaCioni- la scelta delle applicaCioni vincenti verrK e44ett%ata interna&ente da !oogle e la so&&a dei pre&i B di /; &ilioni di dollari. Dal concorso ris%ltano escl%si i progra&&atori residenti a C%'a- Iran- Siria- Nord Corea- S%dan- <%r&a G .an&arJQ%e'ec e Italia.D/;/E Le naCioni sono state escl%se per ade&piere alla legislaCione stat%nitense contro il terroris&o o per i&pedi&enti '%rocratici locali. LOItalia ris%lta escl%sa per via della legislaCione locale s%lle vincite a pre&i se''ene la s%a escl%sione sia ancora in disc%ssione.D/;(E Il pri&o tele4onino con Android vend%to in Italia 4% >3C Drea&- con lOoperatore &o'ile 3I al preCCo di F() a senCa contratto opp%re a %n preCCo &inore con %n contratto. Il dispositivo 4% privato di alc%ne 4%nCionalitK da parte della 3I stessa. A seg%ire- anche ?oda4one vendette il tele4onino. Il secondo H!ooglephoneH- nato dalla colla'oraCione tra !oogle- >3C e ?oda4one- si chia&P >3C agic e 4% co&&ercialiCCato il 0 &aggio da ?oda4one e il /c &aggio in coloraCione nera- poi anche 'ianca. Entra&'i gli operatori lo vendettero a F0; a- &a I%ello di ?oda4one incl%deva %na &icro SD da 7 !<- &entre I%ello di 3I ne incl%deva %na da / !<. La 3I - inoltre- installP nel dispositivo la versione di Android /.0 di >3C- non di !oogle. A l%glio del (;;) arrivP- tra&ite lOoperatore @ind- il Sa&s%ng !ala+.- il pri&o s&artphone dotato di siste&a operativo Android p%ro della casa coreana- al costo di 8)) a. Il F sette&'re (;;)- !oogle- dopo aver ann%nciato lo svil%ppo di %n n%ovo applicativo dellOAndroid arket- con4er&P che sare''e stato possi'ile inserire le applicaCioni a paga&ento anche per svil%ppatori Italiani. Co&p%ter@orld ha riportato in %n articolo che le condiCioni dO%so di Android e dello store delle applicaCioni prevedono che Hnel caso in c%i %n I%alsiasi prodotto violi lOaccordo di distri'%Cione con gli svil%ppatori- !oogle si riserva il diritto di ri&%overle da re&oto s% ogni dispositivo a propria discreCioneH.D/;8E Il (8 gi%gno (;/;- !oogle B ricorsa a I%esta &odalitK per &otivi di sic%reCCa e p%liCia- dato che le applicaCioni erano state create solo a scopo di ricerca.D/;FE

:n tea& di svil%ppatori si B visto rigettare %nOapplicaCione regolar&ente inserita nellOAndroid arket. LOapplicaCione in I%estione- H@i2i 3ether 4or ,oot :sersH- B dedicata al tethering Gper&ette ai dispositivi di 4%nCionare co&e veri e propri ro%ter wi"4i per 4ornire a loro volta connettivitK wi"4i ad altri apparecchiJ. La &otivaCione era che 3" o'ile Gpri&o carrier %44iciale di AndroidJ vieta il tethering- I%indi le applicaCioni a esso dedicate creano %n con4litto di interessi. Le notiCie scatenarono pesanti pole&iche tra gli %tenti- indignati dalla poca 4lessi'ilitK di&ostrata da !oogle- la I%ale 4ecero pensare che il siste&a non 4osse in realtK tanto HopenH co&e 4% presentato.D/;0E Il tethering wi"4i 4% co&%nI%e introdotto %44icial&ente con la versione di Andoird (.( H2ro.oH- integrata nel siste&a.D/;*E Nel (;/( B e&erso co&e le applicaCioni potre''ero estrapolare le 4oto personali dellO%tente dal proprio dispositivo.D/;5E 3alvolta Android 1S- per via delle scarse otti&iCCaCioni di alc%ni prod%ttori di devices Android- B stato criticato per la poca 4l%iditK del siste&a d%rante lO%tiliCCo.DsenCa 4onteE :nOaltra critica B volta alla 4%nCione sveglia- la I%ale non si attiva con il ter&inale spentoD/;7EN I%estO%lti&a &ancanCa B aggira'ile tra&ite alc%ne applicaCioniD/;)E A seg%ito ad %na ricerca- %n %tente Android B ven%to a conoscenCa che alc%ni dispositivi &o'ili in co&&ercio- &ontano in realtK %na versione &odi4icata del siste&a operativo- progra&&ata apposita&ente per inviare dati personali ai server dei prod%ttori del tele4onino. LOarticolo rivolgeva principal&ente le critiche verso la otorola- colpevole di inviare ai s%oi server- password di e&ailsocial network e dati di %tiliCCo degli %tenti. D//;E Nel corso del (;//- Android B ris%ltato essere %no tra i siste&i operativi per siste&i &o'ili &eno sic%ri- alCando diverse critiche s%lle s%e di4ese e s%i siste&i di prevenCione att%ati-D///ED//(E con %n a%&ento di &alware sti&ato a oltre il 8;;;Y.D//8E Per arginare il 4eno&eno- !oogle ha ann%nciatonel 4e''raio (;/(- lOintrod%Cione di <o%ncer- che e44ett%a %na scansione dettagliata delle applicaCioni per rilevarne &alware di ogni tipo nascosti. Inoltre si eseg%e %na si&%laCione s%l 4%nCiona&ento delle applicaCioni.D//FE Andre%cci !iaco&o- Applica*ioni iGS e Android con ;oogle 2aps- EdiCioni 2A!- ilano(;//- pp. 8F7. Carli assi&o- Sviluppare applica*ioni per Android- EdiCioni Apogeo- (;//- pp. F/*. Stark Jonathan- Sviluppare applica*ioni per Android con !T2L, (SS e JavaScript- Ed. 3ecniche N%ove- (;//- pp. /0). it.wikipedia.org d Archive All Download Newest