Sei sulla pagina 1di 24

SQUADRE DI LONDRA

Arsenal Squadra della zona nord di Londra Emirates Stadium, Avenell Road, N5. Tel: +44 (0)20 7704 4000 Sito Web: www.arsenal.com

Charlton Athletic squadra della zona sud-est di Londra. The Valley, Floyd Road, SE7. Tel: +44 (0)20 8333 4000 Sito Web: www.charlton-athletic.co.uk

Chelsea Squadra della zona ovest di Londra. Stamford Bridge Ground, Fulham Road, SW6. Tel: +44 (0)20 7385 5545 Sito Web: www.chelseafc.com

Fulham Squadra della zona sud-ovest di Londra. Craven Cottage, Stevenage Road, Fulham, SW6. Tel: +44 (0)870 442 1234 Sito Web: www.fulhamfc.com

Tottenham Hotspur Squadra della zona nord di Londra 748 High Road, N17. Tel: +44 (0)20 8365 5000 Sito Web: www.spurs.co.uk

Watford Poco distante dal centro di Londra Vicarage Road, Watford, Hertfordshire, WD1 8ER. Tel: +44 (0)1923 496010 Sito Web: www.watfordfc.co.uk West Ham United Squadra della zona est di Londra Boleyn Ground, Green Street, E13. Tel: +44 (0)20 8548 2748 Sito Web: www.whufc.com

Championship League Crystal Palace Squadra della zona sud di Londra. Selhurst Park, SE25. Tel: +44 (0)20 8771 8841 Sito Web: www.cpfc.co.uk Millwall Squadra della zona sud-est di Londra The Den, Zampa Road, SE16. Tel: +44 (0)20 7231 9999 Sito Web: www.millwallfc.co.uk Queens Park Rangers Squadra della zona ovest di Londra Loftus Road Stadium, South Africa Road, W12. Tel: +44 (0)20 8740 2575 Sito Web: www.qpr.co.uk

Arsenal Fondato nel 1886 a Woolwich comeDial Square da un gruppo di operai dellomonima fabbrica di esplosivi, la Royal Arsenal (da qui il soprannome The Gunners, i cannonieri), lArsenal il club che da pi tempo milita in Premier Leagu e (ininterrottamente dalla stagione 1919-1920) e anche il pi titolato della capitale. Nel 2006 ha fatto ritorno vicino al luogo di origine trasferendosi dal mitico stadio di Highbury allEmirates Stadium (capienza 60.000 spettatori, sempre esaurito nella scorsa stagione), che si trova ad Holloway nel London borough of Islington, nel nord di Londra. LArsenal conta su una schiera di tifosi molto nutrita ed la squadra londinese pi popolare. La rivalit pi forte il North London derby con i seguaci del Tottenham. Essendo uno dei club di maggiore successo del paese, lArsenal si spesso distinto non solo in ambito calcistico ma anche nella cultura britannica. Segnaliamo la pubblicazione nel 1992 del libro Febbre a 90, unautobiografia di Nick Hornby nella quale sono messe in luce le sue relazioni con lArsenal. Chelsea Fondato nel 1905, il Chelsea la squadra londinese che vanta insieme al Tottenham Hotspur il maggior numero di successi a livello internazionale (due Coppe delle Coppe e una Supercoppa europea, oltre a un secondo posto in Champions League). Sin dalla fondazione disputa le partite casalinghe nello stadio Stamford Bridge (42.000 spettatori, sempre sold out nella stagione 2010/11), situato nel quartiere di Fulham, West London, e non di C helsea come sarebbe lecito supporre. Il Chelsea quinto nella classifica dell'affluenza media di tifosi negli stadi inglesi e tra le squadre londinesi quella che ha la fama di essere seguita dai ceti pi abbienti. Negli anni la tifoseria del Chelsea si costruita la fama di tifoseria di destra, nazionalista e talvolta razzista. I suoi hooligans, e in particolare il gruppo de gli Headhunters, sono stati fra i pi temibili degli anni 70 e 80. Le rivalit pi accese sono quelle con i vicini dellArsenal e del Fulham, ma anche con il Tottenham Hotspur, il Millwall e il West Ham, mentre sono gemellati a livello internazionale con la Lazio e il Verona (amicizia nata nella met degli anni 70 quando alle Brigate Giallobl fu concesso di esporre il loro striscione nella temutissima Shed) e nel Regno Unito con gli scozzesi dei Rangers e i nordirlandesi del Linfield. Fulham Fondata nel 1879, la squadra di calcio inglese pi vecchia della Lega. Lo stadio Craven Cottage (25.000 spettatori, sempre esaurito nella stagione 2010/11), situato sulle rive del Tamigi a Royal Borough of Kensington and Chelsea, secondo molti il pi suggestivo dellintera Inghilterra. Non a caso il Times lo ha definito uno dei dieci stadi pi belli al mondo. Squadra di nicchia, il Fulham non ha mai avuto un grandissimo seguito (specie fino a pochi anni fa quando militava nelle categorie inferiori). Il derby pi sentito quello contro il Chelsea, conosciuto come il West London Derby, ignorato invece dai Chelsea che considerano quella con il Fulham una rivalit di seconda fascia. Il miglior risultato della sua storia la finale di Europa League raggiunta nel 2010 e persa per 2-1 contro l'Atltico Madrid ad Amburgo. Queens Park Rangers Anche il Qpr ha sede nello stesso sobborgo londinese di Fulham e Chelsea. Contrariamente a quanto suggerirebbe il nome una squadra molto popolare e, chiss perch, tifata da un cospicuo numero di grandi cantanti, musicisti e compositori quali Ben Harper, Alan Wilder dei Depeche Mode, Ian Gillan dei Deep Purple, Mick Jones dei Clash, Glen Matlock dei Sex Pistols, Robert Smith dei Cure e Michael Nyman. Altro apparente controsenso, visto il nome, che il Qpr gode di ampio seguito allinterno della comunit irlandese di Londra per il fatto che negli anni 60 il suo stadio era il pi vicino allenclave irlandese che si trovava a nord -ovest di Londra. Attualmente gioca nel piccolo Loftus Road (18.000 spettatori, 15.000 di media lo scorso anno nella cavalcata trionfale che ha condotto il Qpr in Premier) a S hepherds Bush, nel borough di Hammersmith and Fulham. Tottenham Hotspur LHotspur FC fu costituito nel 1882 da alcuni studenti di grammatica della All Hallows Church membri dellHotspur Cricket Club. Il nome Hotspur si riferisce a Sir Henry Percy (Sir Harry Hotspur), lHarry Hotspur di cui si parla nellEnri co IV di Shakespeare e che viveva in quel luogo nel XIV secolo (i suoi discendenti erano proprietari terrieri presso Hotspur). Il Tottenham da sempre una delle squadre inglesi pi importanti e una di quelle pi sostenute oltremanica. Nella stagione 1960-1961 divent la prima squadra a conquistare il double, vincendo FA Cup e Premier League e raggiungendo il record di 115 gol segnati. Due anni dopo il primo trofeo europeo vinto, la Coppa delle Coppe 1962-1963, fece diventare il Tottenham la prima compagine inglese capace di vincere una competizione continentale. In ambito europeo ha vinto anche due Coppe Uefa (1971-1972, 1983-1984). Lo stadio che ospita le partite casalinghe del Tottenham il White Hart Lane (36.000 spettatori, sempre pieno la scorsa stagione), inaugurato nel lontanissimo 4 settembre 1899. Tradizionalmente, tra i tifosi degliSpurs vi sono molti inglesi di origine asiatica ed ebraica (Tottenham

il quartiere londinese a pi alta concentrazione ebraica), tanto da essere chiamati in senso dispregiativo Yids (contrazione di yiddish, giudei). West Ham United Tra le compagini londinesi che militano nella Championship, la pi famosa senza dubbio il West Ham che, al contrario di quanto sembrerebbe suggerire il nome, ha il suo feudo nellEast End londinese. Fo ndato nel 1895 con il nome di Thames Ironworks F.C. (da qui il vero soprannome dei tifosi, Irons, di gran lunga preferito ad Hammers, a sua volta derivante dai martelli incrociati che ne costituiscono lo stemma ufficiale) e trasformato in West Ham United nel 1900, disputa gli incontri casalinghi nel Boleyn Ground (35.000 spettatori, 33.000 di media nella stagione scorsa, quella della retrocessione), stadio spesso chiamato Upton Park dal nome della zona in cui sorge (il borough di Newham). Il West Ham ha lottato per il titolo solo una volta, nel 1985-1986, ma rimasto per la maggior parte della sua storia nella massima serie. Ha vinto la FA Cup tre volte e la Coppa delle Coppe nel 1964-1965. La tifoseria ha rivalit particolarmente accese, prima su tutte quella col Millwall, culminata spesso in vere e proprie guerriglie tra le rispettive bande hooligan. Iniziata come una fiera rivalit tra una squadra di costruttori di navi ed una di operai portuali si trasformata in aperta ostilit durante lo sciopero generale del maggio 1926 quando tutti gli operai dei Royal Docks, sulla sponda nord del Tamigi (la zona di West Ham) fecero sciopero, mentre i portuali dei Millwall Docks continuarono a lavorare. Quel conflitto tra operai in sciopero e crumiri si trasfer sui campi da calcio, infiammando la rivalit tra le due squadre e dando origine allEast London Derby. Tra gli anni 70 e gli anni 80 la banda hooligan denominata Inter City Firm, si rese protagonista di durissimi scontri salendo alla ribalta come una delle bande pi violente in assoluto del panorama nazionale. Millwall Secondo alcuni, assistere negli anni 70 e 80 ad una partita del Millwall al vecchio The Den significava fare unesperienza unica nel suo genere. Uno stadio scomo do, malfatto, irregolare e asimmetrico, ma proprio per questo unico, nel bel mezzo di una delle zone pi povere e problematiche di Londra (Bermondsey, Cold Blow lane, Isle of Dogs), abitata da portuali e manovali ad estrazione sociale rigorosamente working class. Non a caso i tifosi del Millwall erano (e ancora lo sono) tra i pi violenti e razzisti (insieme a quelli di Chelsea e Leeds) di Inghilterra: il loro principale gruppo hooligan, i Bushwackers, sono uno dei gruppi pi famosi di tutta la storia hooligan inglese ed europea. loro linvenzione del Millwall brick, unarma fatta con un giornale arrotolato. Il motivo della fama del Millwall tutto qua da l momento che calcisticamente il Millwall si sempre barcamenato tra la seconda e la terza divisione. Il nuovo The Den pu ospitare fino a 20.000 spettatori ma la scorsa stagione in Championship la media di presenze si attestata sulle 12.000 unit, a testimonianza del fatto che quella del Millwall non mai stata una tifoseria di massa. Crystal Palace Fondato nel 1905, il Crystal Palace si chiama cos perch stato fondato nel celebre palazzo di cristallo londinese. Nella sua storia ha raggiunto i migliori risultati all'inizio degli anni 90 con la finale di FA Cup del 1990 persa al replay e il terzo posto in campionato nel 1991. Lo stadio Selhurst Park (26.000 spettatori, 15.000 presenza di media lo scorso anno in Championship) si trova nel sud di Londra, in South Norwood, borough di Lambeth. I fans del Crystal Palace, che garantiscono al club sempre un buon seguito, hanno nel Charlton Athletic (con cui giocano il South London Derby), nel Millwall e nel Brighton & Hove Albion i principali rivali. Charlton Athletic La squadra londinese col maggior seguito in League One (la terza serie inglese) senza dubbio il Charlton Athletic. Fondata nel 1905, gioca al The Valley (27.000 spettatori, una media di ben 15.000 la scorsa stagione), nel Borough di Greenwich, nellest di Londra, su un terreno scavato nella roccia agli inizi del secolo scorso da volontari ti fosi degli Addicks (termine la cui etimologia di fatto ignota). Acerrimi rivali del Charlton sono il Crystal Palace e il Millwall. Brentford Fondato nel 1889, il Brentford ha ottenuto il suo miglior risultato con i quarti di finale in FA Cup nella stagione 1988/89. Lo stadio Griffin Park (costruito nel 1904, 12.000 spettatori, 5.000 presenza medie lo scorso anno in League One) si trova a Brentford, nel Borough di Hounslow, sud-ovest di Londra. noto per essere lunico stadio di calcio inglese ad avere un pub in ogni angolo ed situato in una zona prevalentemente residenziale. Griffin Park sotto la postazione del London Heathrow Airport e i tetti dello stadio sono utilizzati come spazi pubblicitari di grandi dimensioni. Rivali storiche de le api (the Bees) sono il Fulham e il Qpr che per molti anni hanno militato col Brentford nelle categorie inferiori.

Last but not least, per dirla allinglese visto che il tema ce lo consente, lAFC Wimbledon, i cui tifosi hanno scritto una delle pagine pi commoventi e pregevoli del calcio britannico. Il Wimbledon che tra la fine degli anni 80 e linizio dei 90 riusc a conquistare la FA Cup ha traslocato nel 2003 a Milton Keynes, nel Buckinghamshire, contro il volere dei propri tifosi. Mentre il Milton Keynes Dons FC cancella ogni legame col suo passato, i tifosi del Wimbledon la rifondano col nome di AFC Wimbledon ripartendo dalla decima serie. Al momento il club ne ha scalate gi sei. Oltre 4.000 tifosi di media hanno accompagnato lo scorso anno la trionfale promozione dalla Conference (la quinta serie). I loro rivali pi acerrimi? In questo caso, pi che parlare di rivali lecito parlare di nemici, peraltro mai incontrati finora. Stiamo parlando ovviamente dellMK Dons, al momento militante un gradino pi in alto, in League One.

ARSENAL:
L'Arsenal Football Club, meglio noto come Arsenal, unasociet inglese di calcio con sede a Londra, pi precisamente in Holloway,[2] distretto situato nel London Borough of Islington. Fondato nel 1886, uno dei quattordici club che rappresentano la citt di Londra a livello professionistico,[3][4] nonch uno dei pi antichi nel paese britannico, militando nella massima serie del campionato nazionale (nota come English Premier Leaguedal 1992) ininterrottamente dalla stagione 1919-1920 (record). la prima squadra della capitale del Regno Unito per successi sportivi e, in ambito federale, la terza dopo Manchester Unitede Liverpool, essendosi aggiudicata nel corso della sua storia tredici First Division/Premier Leagues, dieci FA Cups, dueCoppe di Lega inglesi e dodici (di cui una condivisa)Charity/Community Shields,[5] mentre che in ambito internazionale ha conquistato una Coppa delle Coppe e unaCoppa delle Fiere (ancorch competizione non riconosciuta dall'Unione Europea delle Federazioni Calcistiche). Inoltre, una delle dodici squadre che hanno raggiunto le finali di tutte le tre principali competizioni gestite dall'UEFA: Champions League(2005-2006), Coppa UEFA (1999-2000) e Coppa delle Coppe (1979-1980, 1993-1994 e 1994-1995).[6] I colori sociali, rosso vivo per la maglietta e bianco per i pantaloncini, hanno subito variazioni pi o meno evidenti nel corso degli anni. Anche la sede del club stata cambiata pi volte. Se inizialmente la squadra giocava a Woolwich, nel 1913si spost all'Arsenal Stadium, ad Highbury. Dopo 93 anni, nel2006, si nuovamente spostato, seppur di meno di cinquecento metri nel nuovo Emirates Stadium. Lo stemma stato modificato ripetutamente, ma al suo interno sempre comparso almeno un cannone. Proprio per questo i giocatori e i tifosi dell'Arsenal sono soprannominati Gunners, in italiano "Cannonieri". L'Arsenal conta su una schiera di tifosi molto nutrita, distribuita in ogni parte del mondo. Nel corso degli anni sono sorte profonde rivalit con i sostenitori di club concittadini, la pi degna di nota delle quali quella con i seguaci del Tottenham, con i quali i Gunners giocano regolarmente il North London derby.[7] L'Arsenal anche uno dei club pi ricchi del calcio inglese, con un patrimonio stimato in 520 milioni di euro a fine 2008 [8] e un fatturato di oltre 270 milioni di euro, e grazie alla sua influenza occupa un posto di rilievo nella cultura britannica.

L'Arsenal, fondato come Dial Square da un gruppo di operai dell'omonima officina del Royal Arsenal, fu presto rinominato Royal Arsenal e poi Woolwich Arsenal nel 1891 con il passaggio al professionismo.[9] Il club si un alla Football League nel1893 debuttando in Second Division, dove rimase per undici anni prima di guadagnare la promozione in First Division. L'isolamento geografico del club non favoriva un'affluenza di pubblico nutrita come quella degli altri club e questo port a problemi finanziari e quasi al fallimento nel 1910, quando venne acquistato da Henry Norris.[10] Nel 1913, poco dopo la retrocessione in Second Division, Norris spost la sede del club presso l'Arsenal Stadium di Highbury, North London; negli anni successivi il nome "Woolwich" scomparve.[11] Nel 1919, pur arrivando solo quinto, l'Arsenal venne promosso in First Division a spese dei rivali del Tottenham Hotspur a causa di un errore del regolamento.[12]

Nel 1925 l'Arsenal nomin come allenatore Herbert Chapman che gi aveva vinto il campionato con l'Huddersfield Town nelle due stagioni precedenti. La rivoluzione tecnico-tattica di Chapman port l'Arsenal al suo periodo di maggior successo, l'acquisto di giocatori di grande fama come Alex James e Cliff Bastin segnarono l'inizio del dominio del club nel calcio inglese degli anni trenta.[13] Sotto la sua guida l'Arsenal conquist i suoi primi maggiori trofei una FA Cup nel 1929/30 e due campionati nel 1930/31 e nel 1932/33. Inoltre, Chapman fu responsabile del cambio di denominazione della stazione locale della metropolitana di Londra, che da "Gillespie Road Station" divenne "Arsenal tube station", facendo di questa l'unica stazione metropolitana ad essere rinominata in onore di una squadra di calcio.[14]

Alla morte prematura di Chapman, nel 1934 a causa di una polmonite fulminante, gli successe dapprima Joe Shaw e in seguito George Allison. Sotto la loro presidenza l'Arsenal vinse molti titoli (19331934, 1934/35 e 1937 1938) e una FA Cup (1935/36). Tuttavia il club stava cominciando ad indebolirsi verso la fine del decennio, quando a causa della seconda guerra mondiale vennero sospese tutte le competizioni professionali d'Inghilterra.

Dopo la guerra, sotto la guida di Tom Whittaker, il successore di Allison, l'Arsenal attravers un secondo periodo costellato di successi vincendo il campionato nel19471948 e nel 19521953, e la FA Cup nel 1949/50. Successivamente la squadra ebbe una flessione dovuta, tra le altre cose, ad una campagna acquisti poco indovinata. Cos, tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, non conquist alcun trofeo di prestigio. Neppure l'ex capitano inglese Billy Wright nelle vesti di allenatore tra il1962 e il 1966 riusci nell'intento. L'Arsenal incominci a trionfare di nuovo grazie al sorprendente incarico delfisioterapista Bertie Mee come allenatore nel 1966. Dopo aver perso due finali diLeague Cup, la squadra vinse la Coppa delle Fiere, il suo primo trofeo europeo, nel1969/70.[15] Segu quindi un altro evento positivo: il primo double di campionato e FA Cup, nel 1970/71. Ma dopo questo periodo favorevole segu un momento di rottura e nel decennio successivo la squadra sfior vari titoli senza raggiungerli. L'Arsenal si classific secondo in Premier League nel 19721973, perse tre finali di FA Cup (1971/72, 1977/78 e 1979/80) e perse la Coppa delle Coppe 1979/80 airigori. L'unico successo ottenuto, in una partita che tuttora considerata un classico, fu una FA Cup nel 1978/79 agguantata all'ultimo minuto contro il Manchester Unitedper 32.[16] Nel 1986 il ritorno dell'ex calciatore George Graham come allenatore port un terzo periodo di gloria. L'Arsenal vinse la League Cup nel 19861987, nella prima stagione di carica di Graham. Questa vittoria fu seguita da quella in campionato nel 19881989, anche questo vinto grazie ad un goal realizzato all'ultimo minuto nella partita di fine stagione contro il Liverpool, anch'egli in lotta per il titolo. L'Arsenal di Graham vinse un altro campionato nel 1990/91 (perdendo solo un match), il double di FA Cup e di League Cup nel 1992/93 ed il secondo trofeo europeo, la Coppa delle Coppe, nel 1993/94. Ma la reputazione di Graham fu macchiata quando fu rivelato che aveva accettato un pagamento illegale dall'agente Rune Hauge,[17] e fu esonerato nel 1995. Il suo sostituto, Bruce Rioch, rimase solamente una stagione, lasciando la squadra dopo una lite con il consiglio di amministrazione. [18] I successi del club degli anni novanta e duemila sono in parte merito dell'allenatore Arsne Wenger, ingaggiato nel 1996. Wenger adott nuove tattiche, un nuovo regime di allenamento e acquis alcuni giocatori stranieri che servirono da complemento per i talenti inglesi gi in squadra. L'Arsenal vinse un secondo double di coppe nel 1997-1998 e un terzo nel2001-2002. Inoltre, il club raggiunse la finale di Coppa UEFA nel 1999-2000 (persa ai rigori contro il Galatasaray), vinse la FA Cup nel 2002-2003 e nel 2004-2005 e vinse la Premier League nel 20032004 senza perdere una sola partita, guadagnandosi cos il soprannome di Invincibili";[19] in tutto, il club ottenne 49 risultati utili consecutivi tra il 7 maggio 2003 ed il 16 ottobre2004 (le ultime due partite della stagione 20022003, tutte le trentotto di quella 2003-2004 e le prime nove di quella 2004-2005), conseguendo il record d'imbattibilit della Premier League.[20] La serie fu interrotta il 24 ottobre 2004, quando i Gunnersfurono sconfitti per 0-2 dal Manchester United ad Old Trafford (reti di Ruud van Nistelrooy e Wayne Rooney).

Da quando Wenger allenatore, l'Arsenal, in otto dei sedici anni della sua gestione, risultato sempre primo o secondo in classifica.[21] La squadra , insieme al Manchester United, al Blackburn Rovers, al Chelsea e al Manchester City, una delle sole cinque ad aver vinto la Premier League dalla sua costituzione nel 1992. Tuttavia non mai riuscita a conservare il titolo ogni volta che diventata campione. [22] Fino al 20052006 l'Arsenal non aveva mai superato i quarti di finale in Champions League: in questa competizione raggiunse la finale in quell'anno, divenendo cos il primo club di Londra a riuscire in questo traguardo (poi eguagliato dal Chelsea nella stagione 2007-2008), ma venne battuto per 21 dal Barcellona.[23] Nel luglio 2006 il club si trasfer nel nuovo Emirates Stadium, cambiando cos impianto dopo 93 anni di permanenza ad Highbury.[24]

CHARLTON ATLHETIC:

Il Charlton Athletic Football Club una squadra calcistica con sede a Londra e pi precisamente a Charlton, nel sud est della citt, nel London Borough of Greenwich. Milita in Championship, la seconda serie inglese, e gioca le partite in casa al The Valley.

Dal 1985 il Charlton ha giocato le partite casalinghe allo stadio del Crystal Palace, ilSelhurst Park, per via della crisi economica che imped alla squadra di restaurare la struttura. La promozione in First Division (l'attualePremier League) evit il fallimento del club, ma lo stadio rest abbandonato. Nel 1990 la squadra venne retrocessa in Second Division (l'attualeFootball League Championship). In quello stesso anno i tifosi del Charlton formarono un loro movimento politico, che con 15.000 voti pot fare pressioni al consiglio del London Borough of Greenwich per dare il via ai lavori di ristrutturazione necessari per lo stadio The Valley. L'anno seguente il Charlton lasci il Selhurst Park per trasferirsi, provvisoriamente, ad Upton Park, stadio del West Ham United. Nel 1992 la squadra ritorn nel nuovo The Valley e, grazie all'allenatore Alan Curbishley, nel 1998 riusc a rientrare nella massima serie, la Premiership. Nel 1999 conobbe un'altra retrocessione, prima di tornare in Premier League nel 2000, dove rimase fino alla stagione 2006-2007. Dopo la sconfitta per 0-2 patita in casa ad opera del Tottenham Hotspur retrocesse inFootball League Championship, dove rimasto per due stagioni prima di cadere in League One nel 2009. Nel settembre 2005 la squadra si ritrov senza sponsor: la societall:sports, il cui marchio campeggiava sulle divise, entr in amministrazione controllata e fu sostituita sulle maglie dalla spagnola Llanera. Fu la prima volta che un team di massima divisione fu costretto a sostituire lo sponsor a met stagione. Nel 2011-2012 tornata in Football League Championship con un punteggio record: 101 punti conquistati, meglio anche delReal Madrid campione di Spagna, fermatosi a quota 100.

CHELSEA:
Il Chelsea Football Club, meglio noto come Chelsea F.C. o semplicemente Chelsea (pron. 'tlsi), una societ calcisticainglese con sede a Londra. Fondata nel 1905, la squadra londinese che vanta il maggior numero di successi a livello internazionale, ed l'unica ad aver vinto una UEFA Champions League. Dalla stagione 1989-1990 milita nella prima divisione del campionato inglese (denominata, dal 1992, Premier League), dove ha trascorso la maggior parte della propria storia. Sin dalla fondazione disputa le partite casalinghe nello stadio Stamford Bridge (41 837 posti), situato nel quartiere diFulham, West London.[1] Nel 2009 la rivista Forbes ha indicato il club come l'ottavo pi ricco al mondo, con un patrimonio stimato in 800 milioni di dollari.[2] Ha conosciuto due epoche di successi: la prima dagli anni sessanta ai primi anni settanta e la seconda dalla fine degli anni novanta ai giorni nostri. Nel suo palmars figurano quattro titoli inglesi, sette FA Cup, quattro Coppe di Lega inglesi, nonch cinque titoli internazionali: una UEFA Champions League, unaUEFA Europa League, due Coppe delle Coppe e unaSupercoppa europea.[3] Insieme alla Juventus, all'Ajax e alBayern Monaco, uno dei quattro club che sono riusciti a vincere tutti e tre i maggiori tornei europei di calcio per club, ed , inoltre, insieme alle medesime squadre, uno dei club europei che ha vinto tutte le competizioni UEFA a cui ha partecipato.[4] il primo club londinese per numero di trofei vinti a livello internazionale, ed il terzo inglese dopo Liverpool e Manchester United. Nonostante il nome, il club non ha sede nell'omonimo quartieredi Londra, bens nel vicino borough of Hammersmith and Fulham. I giocatori vengono soprannominati The Blues (I Blu) per via dei colori sociali, o, pi anticamente, The Pensioners (I Pensionati), per via del vecchio stemma. Il completo tradizionale del club una maglietta di colore blu reale con abbinati dei pantaloncini ancora blu. Il simbolo stato quasi sempre, invece, un leone cerimoniale con un bastone, che nel2005 ha subito un restyling.[5] Il Chelsea quinto nella classifica dell'affluenza media di tifosi negli stadi inglesi.[6] I suoi sostenitori non vivono rivalit accesissime: la maggiore quella con i vicini dell'Arsenal, seguita da quelle con gli altri concittadini del Fulham e delTottenham Hotspur; a livello nazionale, invece, le sfide pi sentite sono quelle con Leeds United, Liverpool e Manchester United.[7] Il Chelsea fu fondato il 10 marzo 1905 nel pub The Rising Sun (odierno The Butcher's Hook), situato di fronte all'attuale ingresso principale dello stadio di Fulham Road e, poco dopo, venne ammesso alla Football League. Nei primi anni di vita non consegu successi, tanto che il miglior risultato fu il raggiungimento della finale di FA Cup nel 1915, vinta dallo Sheffield United.[8] Il Chelsea accrebbe la sua popolarit mettendo sotto contratto

calciatori di grande nome,[9] ma negli anni tra le due guerre mondiali il suo impatto sul calcio inglese fu di scarso rilievo. Negli anni successivi alla ripresa delle competizioni dopo la prima guerra mondiale, il Chelsea altern anni di prestazioni soddisfacenti (come il terzo posto in campionato e la semifinale di FA Cup del 1919-1920) ad altri di delusioni (come la retrocessione del 1923-1924). Nella stagione 1929-1930, il club torn in First Division, dove rimase per i successivi trentadue anni. Nonostante i risultati non positivi e le molte sterline spese per giocatori rivelatisi al di sotto delle aspettative, fin dalla sua fondazione la formazione londinese era stata comunque una delle pi tifate d'Inghilterra.[10] Durante il secondo conflitto mondiale, la squadra disput ancora alcune partite nella War Cup, arrivando a giocarsi la finale nel 1944-1945. Nel 1952 fu nominato allenatore l'ex centravanti della Nazionale inglese Ted Drake, il quale inizi un processo di profonda modernizzazione del club, sia dentro che fuori dal campo. Uno dei suoi primi provvedimenti fu il miglioramento delle modalit di allenamento, al quale partecipava attivamente lui stesso (pratica rara nell'Inghilterra dell'epoca), e condusse il club alla prima vittoria del campionato nazionale, nel 1954-1955.[11] La stagione seguente vide la nascita della Coppa dei Campioni d'Europaad opera della UEFA, ma il Chelsea fu convinto dalla Football League e dalla FA a ritirarsi dalla competizione ancor prima del suo inizio.[12] Durante gli anni sessanta l'ascesa di Tommy Docherty sulla panchina del Chelsea signific un nuovo periodo di risultati positivi per il club. Infatti, i londinesi si batterono per gli allori pi importanti nel corso di tutto il decennio, pur andando incontro a numerose sconfitte al momento di tagliare il traguardo. Nella stagione 1964-1965, infatti, bench fossero in corsa per il treble, League, FA Cup e League Cup, vinsero soltanto quest'ultimo trofeo.[13] Nelle tre successive stagioni la squadra fu battuta in altrettante semifinali, arrivando solamente una volta in fondo alla FA Cup, senza per riuscire ad ottenerla. Il Chelsea fu in grado di vincerla solo nel 1970, sconfiggendo per 2-1 il Leeds United. Grazie a tale trionfo si qualific per la Coppa delle Coppe dell'anno seguente, che conquist ad Atene superando per 2 - 1 nella ripetizione della partita il pluriblasonato Real Madrid, aggiudicandosi cos il suo primo trofeo internazionale. I tardi anni settanta e gli anni ottanta si rivelarono un periodo ricco di eventi per il Chelsea. Un ambizioso progetto di ristrutturazione dello Stamford Bridge mise a repentaglio la stabilit finanziaria della societ, [14] costringendola a cedere le sue stelle e provocandone cos la retrocessione. Ulteriori problemi furono causati dalla piaga degli hooligan, la cui presenza in seno alle schiere della tifoseria segn tutto il decennio.[15] Il Chelsea fu quindi acquistato da Ken Bates per la cifra nominale di 1, nonostante la propriet fondiaria assoluta di Stamford Bridge fosse stata venduta ai promotori immobiliari, con il rischio concreto per il club di dover lasciare il proprio stadio.[16] Sul campo la squadra non si comport molto meglio, andando vicina per la prima volta alla retrocessione nella Third Division: per sua fortuna, nel 1983 l'allenatore John Neal fu in grado di assemblare una formazione di buon livello con un esborso minimo, permettendo al Chelsea di aggiudicarsi la Second Division nel 1983-1984. Dopo essere rimasto alcune stagioni nella massima serie, il club retrocesse di nuovo nel 1988, per poi tornare immediatamente in First Division con la vittoria del campionato di seconda divisione nel 1988-1989. Dopo una lunga battaglia legale, Bates fuse la propriet fondiaria assoluta con il club nel 1992, raggiungendo un accordo con i promotori immobiliari, andati in bancarotta per via di un crollo del mercato. [17] Nella neonata Premier League l'andamento del Chelsea non fu convincente, sebbene la squadra raggiunse la finale della FA Cup del 1994. Ciononostante fu necessario attendere il 1996, con la nomina del Pallone d'oro 1987 Ruud Gullit come allenatore-giocatore, perch le sorti del sodalizio londinese mutassero. L'olandese aggiunse all'organico molti calciatori di prima qualit, nazionali dei loro paesi, tra cui spiccava il nome dell'italiano Gianfranco Zola. Il club fu in grado di vincere la FA Cup nel 1997 e di affermarsi nuovamente come una delle compagini di vertice del calcio inglese. Gullit fu rimpiazzato da Gianluca Vialli che, a sua volta nelle vesti di allenatore-giocatore, condusse la compagine alla vittoria della League Cup e della Coppa delle Coppe nel 1998 a Stoccolma contro lo Stoccarda battuto per 1 - 0, sempre nel 1998 a Monaco il Chelsea vinse la sua prima Supercoppa Europea battendo per 1 - 0 il Real Madrid , il Chelsea conquist in seguito la FA Cup

nel 2000 e giunse ai quarti di finale della UEFA Champions League 1999-2000. Dopo il suo esonero, la guida della squadra fu affidata ad un altro italiano, Claudio Ranieri, che port il Chelsea alla finale di FA Cup nel 2002. Nel giugno 2003, Bates vendette il club per la cifra di 140 milioni di sterline al miliardario russo Roman Abramovi, completando la vendita di un club inglese pi costosa di tutti i tempi.[18] Dopo la sua prima stagione ai vertici della societ, il neo proprietario rimase per deluso dai risultati successivamente ottenuti da Ranieri, decidendo cos di sostituirlo col portoghese Jos Mourinho, vincitore della Champions League con il Porto. Nel 2005, centenario della societ, i Bluesriconquistarono la Premier League a cinquant'anni di distanza dall'ultimo titolo nazionale, interrompendo cos il dominio di Arsenal e soprattutto Manchester United, che si spartivano la vittoria del campionato da dieci anni. La squadra vinse anche laLeague Cup (3-2 in finale contro il Liverpool). Nella stagione 2005-2006, dopo aver vinto il Community Shield, il Chelsea si conferm campione d'Inghilterra.[19]Nell'annata successiva la squadra non riusc a difendere il titolo, ma primeggi in FA Cup e League Cup.[20][21] Il 20 settembre 2007, all'inizio della stagione 2007-2008, Mourinho rescisse consensualmente il contratto con il Chelsea e fu sostituito da Avraham Grant, gi direttore tecnico.[22] Dopo un'annata caratterizzata da secondi posti in quasi tutte le competizioni, compresa la prima finale di Champions League, persa contro il Manchester United ai calci di rigore,[23] Grant abbandon la panchina del Chelsea, venendo rimpiazzato da Luiz Felipe Scolari. Sotto la guida del brasiliano il Chelsea raccolse risultati deludenti, che indussero la dirigenza a sollevare il tecnico dall'incarico nel febbraio 2009. Con il nuovo allenatore Guus Hiddink, rimasto in carica fino all'estate 2009, il Chelsea vinse la sua quinta FA Cup.[24] Per la stagione successiva, la societ ingaggi come tecnico l'italiano Carlo Ancelotti,[25] il quale durante la sua prima annata port la squadra alla vittoria delCommunity Shield e della Premier League, entrambi conquistati dopo quattro anni,[26] oltre che della FA Cup, realizzando cos il double per la prima volta nella storia del club. L'anno successivo avaro di soddisfazioni, con la sconfitta nel Community Shield, il secondo posto in campionato e l'eliminazione ai quarti di finale diChampions League, tutte per mano del Manchester United. Nella stagione 2011-2012 la squadra viene affidata ad Andr Villas-Boas,[27] fresco vincitore dell'Europa League col Porto. I risultati per non soddisfano la dirigenza, bench i blues siano ancora teoricamente in corsa su tutti i fronti. Il tecnico quindi esonerato il 4 marzo 2012 e la panchina viene affidata a Roberto Di Matteo,[28]l'allenatore in seconda. La squadra di Londra si distingue in Champions League, rimontando negli ottavi di finale il 3-1 subito alSan Paolo contro il Napoli nella gara d'andata: nel ritorno allo Stamford Bridge, i Blues trionfano ai supplementari per 4-1. Superato ai quarti il Benfica con un complessivo 3-1, il Chelsea elimina in semifinale il favorito Barcellona, vincendo a Londra 1-0 con gol di Drogba e pareggiando al Camp Nou grazie alle reti di Ramires e Fernando Torres, nonostante l'iniziale 2-0 degli spagnoli. In attesa della finale del torneo continentale, il 5 maggio 2012 il Chelsea ottiene la sua settima FA Cup battendo 2-1 ilLiverpool, mentre conclude con un deludente sesto posto la Premier League. Il 19 maggio 2012, all'Allianz Arena, contro ilBayern Monaco, la squadra di Di Matteo conquista la sua prima Champions League, diventando la prima squadra di Londra a vincere il torneo. Dopo l'1-1 alla fine dei tempi supplementari (pareggio di Drogba dopo il momentaneo vantaggio di Mller), il Chelsea trionfa 4-3 ai calci di rigore, con rete decisiva dell'attaccante ivoriano.[29] Con la vittoria del trofeo, il Chelsea accede alla fase a gironi della UEFA Champions League 2012-2013. La stagione successiva, inizia per male per il Chelsea. Il 31 agosto allo Stade Louis II di Monaco i blues perdono laSupercoppa UEFA contro l'Atltico Madrid per 4-1. A dicembre poi il club viene eliminato dalla Champions, chiudendo il proprio girone al terzo posto dietro la Juventus e lo Shakhtar diventando la prima squadra detentrice del trofeo a non passare la fase a gironi. Intanto il 21 novembre Roberto Di Matteo era stato sostituito in panchina da Rafael Bentez, il quale il 16 dicembre, all'International Stadium di Yokohama, perse la finale del Mondiale per club per 1-0 contro i brasiliani del Corinthians. A fine stagione per arriva la prima Europa League della sua storia, vincendola per 2-1 nella finale contro il Benfica all'Amsterdam Arena, entrando cos nella cerchia dei club vincitori di tutte le competizioni UEFA

per club e diventando anche l'unica squadra ad essere contemporaneamente campione d'Europa in carica e campione dell'Europa League anche se solo per pochi giorni.[30] Il 30 agosto 2013 perde la Supercoppa UEFA contro il Bayern Monaco ai rigori (4-5, errore di Lukaku), dopo esser stata in vantaggio due volte (il secondo gol del Bayern arriv al 121', portando il risultato sul 2-2).

FULHAM:
Il Fulham Football Club, o semplicemente Fulham, unasociet di calcio di Fulham, quartiere di Londra, in Inghilterra. Dalla stagione 2001-2002 milita in Premier League. Il Fulham Football Club la pi vecchia tra le squadre dell'area di Londra, dato che la sua nascita risale al 1879 per opera di un gruppo di fedeli della Chiesa d'Inghilterra. Ha celebrato il suo 125 anniversario nel 2004. Il club ha trascorso svariate stagioni nella vecchia First Division per tutti gli anni sessanta. Nel 1975, quando militava in Second Division, ha disputato la finale di FA Cup per la prima e sinora unica volta nella sua storia, uscendo battuto per 2-0 contro il West Ham United. Nell'estate del 1997 il club fu acquistato dal miliardario di origineegiziana Mohamed Al-Fayed, che possedeva i grandi magazziniHarrods di Londra ed conosciuto anche per essere il padre diDodi Al-Fayed, il quale mor nell'incidente di Parigi in cui perse la vita anche la principessa Diana Spencer. Con l'acquisto di Al-Fayed la squadra risalita dalle serie inferiori fino ad esordire nel 2001 in Premier League. Nel 2002 vinse la coppa Intertoto e si qualific in Coppa UEFA. Nella stagione 2009-2010 ha raggiunto la sua prima finale in una competizione europea, giocando l'ultimo atto della UEFA Europa League contro l'Atltico Madrid ad Amburgo. Gli inglesi guidati da Roy Hodgson, dopo aver eliminato squadre pi quotate comeJuventus e lo stesso Amburgo, hanno perso per 2-1 dopo itempi supplementari. Il Fulham gioca dal 1896 al Craven Cottage, stadio che sorge nell'omonimo quartiere, a sud-ovest di Londra, sulle rive delTamigi. I giocatori del Fulham traggono il soprannome di Cottagers proprio dal nome del loro storico stadio, mentre i colori sociali sono il bianco e il nero. Tra i suoi ex giocatori pi rappresentativi si ricordano il campione del mondo George Cohen, che fece parte dellaNazionale inglese vincitrice del campionato del mondo 1966, il grande George Best, Pallone d'oro 1968, Bobby Robson,Johnny Haynes e Bobby Moore. Dagli anni Duemila il Fulham ha alzato il tasso tecnico della propria formazione acquistando giocatori di buona qualit comeDanny Murphy, Andy Johnson e Damien Duff. Nella stagione 2007-2008 il Fulham ha conquistato la salvezza nelle ultime giornate compiendo quella che stata definita The Great Escape. Nella stagione 2008-2009 la squadra ha conquistato la partecipazione alla nuova UEFA Europa League raggiungendo il 7 posto davanti a squadre importanti come il Manchester City, il Tottenham Hotspur e il West Ham United.

Nel 2009-2010 il Fulham ha vissuto la stagione pi fruttuosa della sua storia. In campionato si piazzato dodicesimo, ma ha brillato nella UEFA Europa League. Battuti i lituani del Vetra con un doppio 3-0 nel terzo turno preliminar, ha poi eliminato i russi dell'Amkar Perm' (3-2). Nel girone E ha conquistato il secondo posto dietro la Roma e si quindi qualificato ai sedicesimi di finale, dove ha avuto la meglio contro i campioni in carica dello Shakhtar Donetsk per 3-2. Agli ottavi ha affrontato una delle squadre pi forti del torneo, la Juventus e, pur perdendo nella partita di andata a Torino per 3-1, a Londra ha ribaltato il risultato, vincendo per 4-1 e qualificandosi ai quarti di finale, dove ha trovato i neocampioni tedeschi del Wolfsburg. Anche questa volta si sono imposti i londinesi, vittoriosi con il punteggio complessivo di 3-1. In semifinale stata la volta dei tedeschi dell'Amburgo. Alla HSH Arena la gara di andata terminata 0-0, ma nel ritorno a Londra il Fulham ha sconfitto gli avversari per 2-1, conquistando, per la prima volta nella storia del club, una finale a livello continentale. Qui ha sfidato gli spagnoli dell'Atltico Madrid, che hanno prevalso per 2-1 dopo i tempi supplementari. L'allenatore Roy Hodgson lascia il Fulham il 1 luglio 2010 per accasarsi al Liverpool, lasciando il posto al gallese Mark Hughes. Al termine della stagione 2010-11 il tecnico gallese si dimesso dalla guida del club che stata affidata per la stagione 2011-12 all'olandese Martin Jol. Al termine della stagione 2010-2011 il Fulham, pur arrivando ottavo in campionato, si qualificato per la Uefa Europa Leaguepiazzandosi secondo nel UEFA Fair Play ranking. Il 13 luglio 2013 la squadra viene acquistata per 200 milioni di dall'imprenditore Shahid Khan, gi proprietario dei Jacksonville Jaguars, squadra di NFL.

TOTTENHAM:
Il Tottenham Hotspur Football Club (ttnm htspr), noto come Tottenham F.C. o semplicemente Tottenham, unasociet calcistica inglese avente sede nell'omonimo quartiere diLondra. Milita in Premier League e disputa le partite interne nello stadio White Hart Lane, che ha una capacit di 36 230 posti. I calciatori sono conosciuti come Spurs o anche comeLilywhites, mentre il motto del club Audere est Facere, in inglese To dare is to do, che in entrambe le traduzioni significa "Osare fare". Celebre anche il coro dei tifosi "Come on you spurs!" Il Tottenham da sempre una delle squadre inglesi pi importanti e una di quelle pi sostenute oltre Manica. Nella stagione 1960-1961 divent la prima squadra del XX secolo a conquistare il double, vincendo FA Cup e Premier League e raggiungendo il record di 115 gol segnati. Quell'anno il Tottenham riusc a vincere le prime 11 gare consecutivamente. Due anni dopo il primo trofeo europeo vinto, la Coppa delle Coppe 1962-1963, fece diventare il Tottenham la prima compagine inglese capace di vincere una competizione continentale. In ambito europeo ha vinto anche due Coppe Uefa (1971-1972, 1983-1984), tra cui la prima edizione della competizione sotto il controllo della confederazione continentale, nel 1972. La prima FA Cup vinta dagli Spurs, nel1901, fu l'unica conquistata da una squadra che non militava in alcun campionato. Nonostante il club non abbia conseguito vittorie importanti negli ultimi anni (ma comunque stabilmente partecipante alle competizioni europee), risultato uno dei pi ricchi della Premier League e la dodicesima squadra per fatturato al mondo con 178,2 milioni di euro nel 2012, secondo un rapporto pubblicato dalla Deloitte & Touche.[1]

Origini
LHotspur Football Club fu costituito nel 1882 da alcuni studenti di grammatica della All Hallows Church, che erano anche membri dell'Hotspur Cricket Club. Il nome Hotspur si riferisce a Sir Henry Percy (Sir Harry Hotspur), lHarry Hotspur di cui si parla in Enrico IV, parte I, dramma storico di Shakespeare e che viveva in quel luogo nel XIV secolo. I suoi discendenti erano proprietari terrieri presso Hotspur. Nel 1884 il club fu ridenominato Tottenham Hotspur Football and Athletic Club per distinguersi da un'altra squadra dal nome London Hotspur.

All'inizio gli Spurs giocavano in tenuta blu scuro. I colori sociali variarono dall'azzurro con maniche bianche al rosso con pantaloncini blu, passando per il marrone e il giallo oro, fino a giungere, nel 1899-1900 al bianco per le magliette e al blu scuro per i pantaloncini, in onore del Preston North End, il club di maggiore successo a quell'epoca. Nel 1888 il Tottenham si trasfer dal Tottenham Marshes al Northumberland Park, dove inizi a guadagnare dall'ingresso degli spettatori. Nel 1892 fall il tentativo del club di accedere alla Southern League, lega poi scomparsa creata dal Royal Arsenal (antesignano dell'Arsenal): il Tottenham fu l'unico dei 23 club richiedenti a non ricevere voti. Prima del Natale 1895 divenne club professionistico e fu poi ammesso alla Southern League. In quel periodo la media di affluenza allo stadio del Tottenham era di 15.000 spettatori. Nel 1898 divent presidente Charles Roberts, che sarebbe rimasto in carica sino al 1943. Nel 1899 gli Spurs scelsero come proprio campo di gioco un terreno in precedenza coltivato per scopi commerciali e noto come White Hart Lane, dal nome di una delle vie principali del quartiere di Tottenham.

Dalla Premier League ad oggi (1992-)


Il Tottenham stato sempre presente in tutte le edizioni della Premier League (dal 1992). Nei tornei disputati ha occupato posizioni tra il 7 e il 14 eccezion fatta per il campionato 2005-06, nella quale si piazzato al 5 posto finale, perdendo il 4 a vantaggio dell'Arsenal a causa della sconfitta all'ultima giornata contro il West Ham al Boleyn Ground. Quel 5 posto ha comunque significato la qualificazione alla successiva Coppa UEFA, nella quale la squadra giunta ai quarti di finale e l eliminata dai futuri vincitori del Siviglia. Nel campionato 200910 riuscita ad arrivare sopra il settimo posto, esattamente al quarto, conseguendo cos la qualificazione ai preliminari di champions league poi vinti. Nel campionato 2011/12 si qualifica quarta ad un punto dalla rivale Arsenal. Nel periodo della Premier League hanno militato nel Tottenham calciatori di rilievo quali Gary Lineker, Jrgen Klinsmann, Les Ferdinand, Paul Gascoigne, David Ginola, Teddy Sheringham, Darren Anderton e Sol Campbell. Il 5 novembre 2004 fu nominato allenatore Martin Jol, poi confermato dopo l'ottima prima stagione disputata dai suoi giocatori. Nel calciomercato estivo del 2006 spicca la partenza di Michael Carrick per il Manchester United e gli arrivi dei francesi Steed Malbranque dalFulham e Pascal Chimbonda dal Wigan Athletic, dell'ivoriano Didier Zokora e dell'attaccante bulgaro Dimitar Berbatov dalBayer Leverkusen, l'acquisto pi costoso. Grazie a tali innesti il Tottenham della stagione 2006-2007 pu contare su una formazione di ottimo livello, comprendente elementi esperti e sicuri talenti: Paul Robinson (portiere della Nazionale inglese), Ledley King (il capitano), Robbie Keane,Jermain Defoe, Jermaine Jenas, Aaron Lennon, Tom Huddlestone e Michael Richard Dawson. In campionato la squadra ha avuto un rendimento altalenante, mentre in Coppa UEFA approdato ai quarti di finale, dove stato eliminato. In Coppa di Lega stato eliminato dopo i tempi supplementari dall'Arsenal. Nel calciomercato di gennaio 2007 sono stati acquistati ildifensore Ricardo Rocha dal Benfica, la giovane promessa Adel Taarabt dal Lens e l'attaccante Darren Bent dal Charlton per la cifra record di 24,8 milioni di euro. Il girone d'andata non molto positivo per la squadra, che riesce a recuperare nel girone di ritorno, piazzandosi infine al quinto posto e qualificandosi cos per la Coppa UEFA. Nell'annata seguente l'avvio di stagione degli Spurs molto negativo, con una sola vittoria nelle prime dieci partite giocate tra campionato e Coppa UEFA. Il 1 ottobre gli Spurs festeggiano i 125 anni in campo nel posticipo del luned sera contro l'Aston Villa: a White Hart Lane nel prepartita sfilano molti degli eroi di ieri, che ispirano una rimonta memorabile: da 1-4 a 4-4 con gol di Kaboul al 93'.[2] Un guizzo che salva la panchina bollente di Jol. Ma la fine del regno del tecnico olandese solo rimandata di qualche settimana: il 25 ottobre Jol esonerato e rimpiazzato da Juande Ramos[3] [collegamento interrotto].

Nel calciomercato invernale vengono acquistati i difensori Jonathan Woodgate, Alan Hutton, Chris Gunter ed il centrocampistaGilberto, mentre viene ceduto in prestito al Portsmouth l'attaccante Jermaine Defoe. Il 24 febbraio 2008 proprio Woodgate realizza il gol decisivo per la conquista della Coppa di Lega inglese nella finale di Wembley contro il Chelsea, successo che pone fine ad un periodo di nove anni senza trofei conquistati dal club. La stagione 2008-2009 inizia negativamente, con appena due punti ottenuti nelle prime otto partite. Tale rendimento induce la dirigenza, il 25 ottobre2008, a sollevare dall'incarico Juande Ramos e a ingaggiare al suo posto l'allenatore del Portsmouth Harry Redknapp, con conguaglio di 5 milioni di sterline[4] a favore dei Pompey. Le sorti degli Spurs cambiano a partire dalla vittoria per 2-0 contro il Bolton, a cui seguono un pareggio e 4 vittorie, una delle quali contro la capolista Liverpool. Il 1 marzo il Tottenham si ripresenta in finale nella Coppa di Lega, ma viene sconfitto ai tiri di rigoredal Manchester United. Il 22 novembre 2009, battendo il Wigan Athletic per 9-1, il Tottenham diventata la prima squadra a segnare nove reti in una partita di Premier League negli ultimi 14 anni[5] e Jermain Defoe, con 5 reti in una sola partita di Premier, ha eguagliato Alan Shearer e Andy Cole[6]. Il 5 maggio 2010, con la vittoria sul campo del Manchester City, si garantisce l'accesso al quarto turno preliminare di Champions League 2010-11. Due mesi dopo, pi precisamente il 17 agosto 2010, perde l'andata del preliminare della Champions League 3-2 sul campo degli svizzeri dello Young Boys Berna, complicando la qualificazione. Ma il 25 agosto, nella partita di ritorno a White Hart Lane, la vittoria per 4-0 (con tripletta di Peter Crouch) regala la qualificazione. la prima volta dalla Coppa dei Campioni 1961-1962 che gli Spurs partecipano alla massima competizione europea per club.[7]. Il Tottenham riesce a qualificarsi come primo nel girone davanti ad Inter, Werder Brema e Twente; il sorteggio degli ottavi assegna alla squadra londinese il Milan e, grazie alla vittoria per 1 a 0 a San Siro con goal di Crouch su assist di Lennon e al pareggio casalingo per 0-0, il Tottenham si qualifica ai quarti dove viene per eliminato dal Real Madrid. Chiude il campionato al 5 posto qualificandosi alle coppe europee. La stagione 2011-2012 inizia con 2 sconfitte, ma riesce dalla terza giornata a cogliere 11 risultati utili consecutivi, con 10 vittorie (da segnalare un 4 a 0 sul Liverpool e la vittoria del derby contro l'Arsenal) e un pareggio. Chiude il girone d'andata al terzo posto, mentre in Europa League si classifica terza nel girone eliminatorio con 10 pnt venendo eliminata.Chiude il campionato al quarto posto centrando i play-off di champions league, tuttavia gli Spurs sono stati retrocessi in Europa League a seguito della vittoria da parte del Chelsea, nella finale di Monaco, della Coppa dei Campioni. Nella stagione 2012-2013 dopo l'addio in panchina di Harry Redknapp, arriva il carismatico allenatore portoghese Andr Villas-Boas soprannominato "special two" perch considerato l'erede di Jos Mourinho. In estate arrivano 2 cessioni dolorose, il leader della mediana Luka Modri viene ceduto al Real Madrid per una cifra vicina ai 40 milioni di euro e Rafael van der Vaartviene venduto alla sua vecchia squadra Amburgo per 13 milioni di euro. In entrata si segnala Hugo Lloris, portiere della nazionale francese preso l'ultimo giorno di mercato dal Olympique Lione, il polivalente Moussa Dembl jolly di centrocampo, il giovane Gylfi Sigursson, l'ala americana Clint Dempsey, il bomber togolese Emmanuel Adebayor e il difensore belga Jan Vertonghen. Dopo un avvio altalenante in campionato il team londinese riesce ad andare all'Old Trafford e fare il colpo grosso, sconfiggendo il Manchester United 3-2. Il team londinese da novembre si piazza nella zona champions dove lotta a stretto contatto con Everton FC e Arsenal FC. Il 9 dicembre subisce una sconfitta agli ultimi minuti per 2-1 a causa dell'Everton FC, dopo questo passo falso gli Spurs mettono a segno una striscia di 10 risultati utili consecuti in campionato, il 3 marzo batte l'Arsenal nel derby 2-1 raggiungendo il dodicesimo risultato utile consecutivo in campionato, superando anche il Chelsea e raggiungendo il terzo posto. In Coppa di Lega la squadra viene eliminata dal Norwich City agli ottavi, mentre in F.A cup si fa sorprendere al quarto turno dal Leeds United militante in Championship. L'avventura europea si conclude con l'eliminazione ai quarti di finale di Europa League per mano della squadra svizzera del Basilea. In campionato gli Spurs mancano per la qualificazione in Champions arrivando a un solo punto dall'Arsenal quarto e tre dal Chelsea terzo e vincitore dell'Europa League.

WATFORD:
Il Watford Football Club una societ di calcio della citt diWatford, nell'Hertfordshire, in Inghilterra, nell'estremo nord della periferia di Londra. Attualmente gioca nel Football League Championship, la seconda divisione del campionato di calcio inglese. I calciatori della squadra sono soprannominati The Hornets (ICalabroni) per via dell'uniforme a strisce gialle e nere. Il club ha un'antica e accesa rivalit con il vicino Luton Town. La squadra nota per essere stata propriet, dal 1977 al 1987 e dal 1997 al2001, di Elton John, divenuto presidente onorario nel 2008[1].

Il periodo d'oro (1977-1987)


Nel 1977 Elton John, da sempre tifoso della squadra[1], rilev la societ e assunse, come sua prima mossa da presidente del Watford, Graham Taylor[2], allenatore allora esordiente sulla panchina. In sei anni Taylor condusse gli Hornets dalla Fourth Division alla massima serie, in cui il Watford esord nella stagione 1982-83 cogliendo un secondo posto finale alle spalle delLiverpool, grazie anche ai 27 goal di Luther Loide Blissett, capocannoniere della manifestazione. L'anno successivo la squadra, grazie al secondo posto ottenuto l'anno precedente, esord in Coppa UEFA, dove fu eliminata agli ottavi di finale dallo Sparta Praga, e raggiunse la finale di FA Cup, persa contro l'Everton.

Il declino (1987-1996)
La permanenza del Watford in massima serie dur fino alla stagione 1987-88, al termine della quale retrocesse in Second Division dopo che, ad inizio stagione, la squadra aveva perso Graham Taylor che era stato assunto all'Aston Villa. L'anno successivo la squadra sfior la promozione, perdendola ai playoff per la promozione, quindi, per tutti gli anni novanta gliHornets disputarono dei campionati a centroclassifica culminati con la retrocessione in Second Division nella stagione 1995-96.

Il ritorno in massima serie (1996-2001)


Nel 1996 fu assunto di nuovo Graham Taylor[3] alla guida della squadra: dopo due anni di transizione il Watford ottenne una doppia promozione ritornando nel 1999 in massima serie. La permanenza in Premier League dur per una sola stagione: dopo aver battuto alla prima giornata il Liverpool, la squadra concluse all'ultimo posto in classifica. Taylor diede le dimissioni al termine della stagione 2000-01, per essere sostituito da Gianluca Vialli che era appena stato esonerato dal Chelsea.

La crisi economica (2001-2005)

Al termine della stagione 2001-02, conclusasi con un quattordicesimo posto, Vialli fu esonerato[4] per lasciare il posto a Ray Lewington. Nonostante la squadra fosse stata colpita da una crisi economica (dovuta al fallimento di ITV Digital[5]) che costrinse la societ a decurtare del 12% gli stipendi[6], il Watford disput una buona stagione raggiungendo le semifinali di FA Cup. La squadra conferm la prestazione dell'anno precedente anche nella stagione successiva, posizionandosi a centroclassifica, ma nel campionato 2004-05, a causa di un pesante calo invernale, Lewington fu esonerato in favore di Adrian Boothroyd.

Periodo di stallo (2005-2011)


Nella prima stagione con Boothroyd il Watford raggiunse il terzo posto nella Football League Championship ottenendo la promozione dopo aver battuto il Leeds ai playoff. Anche in questo caso la permanenza del Watford in Premier League fu breve in quanto retrocesse in seconda divisione con alcune giornate di anticipo, come ultimo classificato. Nella stagione 2007-08 il Watford ha nuovamente mancato la promozione perdendo ai play-off contro l'Hull City. Dal novembre 2008 l'allenatore della squadra Brendan Rodgers, assunto dopo le dimissioni di Boothroyd presentate dopo un brutto inizio di stagione [7]. Oltremanica si torna a parlare di un possibile interessamento da parte di Giampaolo Pozzo (proprietario dell'Udinese eGranada) per il Watford. Gi nel 2011 questa voce era rimbalzata, senza per trovare seguito.

L'era Pozzo (2011-oggi)


Il 29 giugno 2012 arriva l'ufficialit dell'acquisto della famiglia Pozzo. Gli acquisti inaugurali della nuova gestione di Pozzo sono stati il portiere ex Arsenal Manuel Almunia, arrivato a parametro zero, e l'ex romanista Marco Cassetti, in prestito dall'Udinese. Il 7 luglio 2012 viene annunciato come nuovo allenatore, Gianfranco Zola, il quale firma un contratto biennale. Nella prima stagione sotto la propriet della famiglia Pozzo il Watford manca la promozione in Premier League perdendo la finale dei play-off 0-1 contro il Crystal Palace. Nella sessione di mercato estiva del 2013 giungono in Inghilterra altri numerosi e validi rinforzi dal club friulano quali Davide Faraoni, Gabriele Angella e Diego Fabbrini.

WEST HAM:
Il West Ham United Football Club una societ calcisticabritannica del distretto londinese di West Ham. Milita nella Premier League inglese e disputa gli incontri casalinghi nel Boleyn Ground,stadio spesso chiamato Upton Park dal nome della zona in cui sorge. I media chiamano giocatori e sostenitori del club Hammers (dai martelli incrociati che ne costituiscono lo stemma ufficiale) e il clubL'Accademia del Football (per via della grande tradizione del suo settore giovanile), ma i tifosi preferiscono riferirsi alla squadra con il soprannome di Irons, poich in origine la squadra si chiamavaThames Iron Works F.C.. Ha lottato per il titolo solo una volta, nel 1985-1986, ed rimasto per la maggior parte della sua storia nella massima serie. Ha vinto la FA Cup nel 1964, 1975 e 1980 e la Coppa delle Coppe nel1964-1965, arrivando a disputare la finale di questa competizione anche nel 1975-1976. Il West Ham una delle quattro squadre (insieme a Real Saragozza, Bayer Leverkusen e Parma) ad essersi aggiudicato una coppa europea organizzata dalla UEFAsenza essersi mai aggiudicato un titolo nazionale. Dopo due stagioni passate nel Football League Championship, la seconda serie inglese, il West Ham ha ottenuto la promozione in Premier League per la stagione 2005-2006. Nella stagione 2011-2012 stata promossa in Premier Leaguedopo aver sconfitto ai playoff il Blackpool.

Storia
Dalla fondazione agli anni '50

Il club fu fondato nel 1895 dal filantropo Arnold Hills, direttore del cantiere navale londinese Thames Ironworks, come dopolavoro per i suoi operai. La squadra fu iscritta alla London League, che vinse nel 1898. L'anno dopo fu iscritta alla Seconda Divisione del campionato semi-professionistico della Southern League, vinse nuovamente il campionato e gioc per la prima volta le partite casalinghe al Memorial Grounds, nel quartiere di Canning Town. A quel punto, affinch la squadra fosse competitiva in Prima Divisione, si rese necessario l'ingaggio di calciatori professionisti. Il Thames Iron Works F.C. fu quindi sciolto nel giugno del 1900 e un mese dopo (esattamente il 5 luglio) fu costituito il West Ham United. In quell'occasione fu deciso che i colori sociali fossero il bordeaux e l'azzurro (claret and blue).

Il West Ham gioc la sua prima partita ufficiale il Primo settembre 1900, sul campo di casa. Davanti a 2.000 spettatori, gliHammers batterono il Gravesend 7-0 grazie ai quattro gol dello scozzese volante Billy Grassam (compreso il primo gol della storia del club, al 5 di gioco), alla doppietta di Jimmy Reid e al gol di Fergus Hunt. Il 2 settembre 1904 gli Hammers disputarono la loro prima partita casalinga al The Castle, un campo allora appena costruito il cui ingresso su Green Street, la via principale del quartiere di Upton Park, e dove il West Ham gioca ancora oggi. Nella sua prima partita nel nuovo stadio, il West Ham batt 3-0 il Millwall con tripletta di Billy Bridgeman. Nel 1919 la Football League riprese la disputa dei propri campionati dopo una pausa di quattro anni dovuta alla Prima guerra mondiale. La nuova organizzazione previde l'espansione della Prima e della Seconda divisione da 18 a 22 squadre. Al West Ham fu permesso di iscriversi al campionato di Seconda Divisione per la stagione 1919/20. Il 30 agosto 1919, gli Hammers esordirono nella nuova lega accogliendo il Lincoln City davanti a 20.000 spettatori. Il risultato finale fu di 1-1, con il City che pass in vantaggio grazie ad un rigore trasformato da Chesser e il pareggio dell'esordiente Jim Moyes. A fine stagione gli Hammers si ritrovarono settimi in classifica. Con 21 reti, il capocannoniere della squadra fu Syd Puddefoot, l'idolo dei tifosi che fu per ceduto un anno dopo in una delle operazioni di mercato pi costose dell'epoca, con gli scozzesi del Falkirk che lo pagarono 5.000 Sterline. Il 28 aprile 1923 si calcola ci fossero almeno 200.000 spettatori a Wembleyper assistere alla prima Finale di FA Cup giocata in quello stadio. Fu una prima anche per il West Ham, mai giunto alla Finale di FA Cup in precedenza. Il trofeo lo alz per il Bolton, che vinse per 2-0 una partita spesso interrotta dallo straripare della massa di spettatori sul terreno di gioco. Il West Ham concluse comunque la stagione 1922/23 vincendo il campionato di Seconda Divisione e guadagnandosi cos per la prima volta la promozione in Prima. Peraltro, il 1 maggio 1923, il West Ham fu la prima squadra inglese ad andare a giocare una partita di calcio in Germania dopo la Prima guerra mondiale. L'esperienza degli Hammers nella massima serie inizi con un pareggio a reti inviolate sul campo del Sunderland, una settimana prima di battere l'Arsenal per 1-0 nell'esordio casalingo del campionato 1923/24. La prima esperienza della squadra in First Division si concluse con la retrocessione al termine della stagione 1931/32. Nel 1933 il West Ham riusc comunque ad arrivare fino alle semifinali della FA Cup, dove fu sconfitto per 1-0 dall'Everton. Con lo scoppio della Seconda guerra mondiale la Football League fu nuovamente sospesa, dal 1939 al 1946, periodo nel quale il West Ham gioc in vari campionati regionali e vinse la Football League War Cup battendo in finale il Blackburn con il punteggio di 1-0. La stagione 1956/57 quella in cui si pu riconoscere l'inizio della grande tradizione del vivaio del West Ham. La squadra giovanile arriv infatti fino alla finale della FA Youth Cup, perdendo per in una gara di andata e ritorno con il Manchester United con il punteggio complessivo di 8-2. La stagione successiva, la Prima Squadra riconquist un posto in Prima Divisione vincendo il campionato di Seconda realizzando ben 101 gol in 42 partite. Nel corso della prima stagione di ritorno in First Division, precisamente l'8 settembre 1958, esord in Prima Squadra Bobby Moore, il pi grande giocatore che abbia mai vestito la maglia del West Ham. Nella stagione successiva, la squadra giovanile raggiunse nuovamente la finale della FA Youth Cup, uscendone sconfitta dai Bristol Rovers con il punteggio complessivo di 2-1.

CRYSTAL PALACE:
Il Crystal Palace Football Club una societ calcistica diLondra, che milita nella prima divisione inglese, la Premier League; il club fu fondato il 10 settembre 1905 da Daniel Lewis. La scelta dei colori sociali originari stata ispirata dalla presenza nell'ambito societario di Edmund Goodman, ex impiegato dei Villans che si occup dellaspetto organizzativo del nuovo club e che ne fu allenatore dal 1907 al 1925. Attualmente i colori adottati sono il rosso vermiglio ed il blu.

Dalla nascita al 1920


Il club stato costituito da alcuni lavoratori della omonima struttura costruita per ospitare l'Esposizione Universale di Londra del 1851. "Crystal Palace" anche il nome del primo stadio che ha ospitato le gare casalinghe degli "Eagles". Il Palace fece richiesta di entrare in Football League al pari di altre due squadre londinesi, Chelsea e Clapton Orient, ma la richiesta gli venne negata costringendo il club a ripiegare sulla Southern League, dove venne accettato e collocato in Second Division. La prima partita, giocata nell'impianto suddetto, termin 4-3 per il Southampton riserve (era il 2 settembre, tuttavia la squadra riusc in seguito a inanellare una serie di vittorie (e soprattutto, zero sconfitte) che risultarono nel titolo di campioni, garantendo laccesso alla First Division della Southern League. Ne seguirono diverse stagioni in prima divisione, con piazzamento migliore il secondo posto ottenuto nel 1914. Da l a poco sarebbe scoppiata in Europa la prima guerra mondiale, e lo scoppio della guerra port, tra le altre cose, labbandono forzato dellimpianto adiacente al Crystal Palace che venne destinato a usi militari; il club dovette pertanto spostarsi in una nuova casa, che venne trovata allHerne Hill, un impianto dedicato alla corsa, dopo aver rifiutato lofferta di dividere il campo fatto dal Millwall Athletic e dal Croydon Common. Dopo la sospensione dei campionati nel periodo 1915-1918 il Crystal Palace subentr proprio al Croydon Common nello stadio in cui questi giocavano, chiamato The Nest (il nid o) e situato nella zona di Selhurst. Successe infatti che il Croydon venne dissolto (1917) e il Palace ne approfitt per prendere in affitto il terreno di The Nest dalla compagnia ferroviaria che lo possedeva, la London, Brighton and South Coast Railway Company.

Dagli anni Venti al Dopoguerra


Nel 1920 la Football League accolse tutte le squadre di Southern League con la formazione della Division Three. Il Crystal Palace, soprannome del tempo the Glaziers (i vetrai), ne entr quindi a far parte. Nuovamente, fu successo al primo tentativo: il Crystal Palace vinse la Division Three e venne cos promosso in Division Two. Momento importante di questi anni la costruzione, decisa nel 1922 e portata a termine nel 1924, dello stadio che verr chiamato Selhurst Park. Il terreno su cui sorge lo stadio venne acquistato nel 1922 dalla Brighton Railway Company (come detto in apertura, ancora oggi lo stadio vicino a linee ferroviarie) per la cifra di 2.570 sterline; il

progetto venne affidato ad Archibald Leitch, larchitetto di stadi pi famoso di sempre, e la costruzione venne portata a termine in tempo per la stagione 1924/25, sebbene al momento dellinaugurazione (30 agosto 1924) risultasse ancora incompleto il settore corrispondente allattuale Main Stand. Dopo quattro anni di Division T wo, la squadra retrocesse in Division Three al termine della stagione 1925. Si apr cos un lungo periodo nelle serie minori, nonostante i goal di Peter Simpson, il marcatore record nella storia del Palace che nella stagione 1930/31 infil la palla in rete 46 volte in 42 partite, record per il club. Ma come detto non bast, e allo scoppio della nuova Guerra Mondiale il Crystal Palace era ancora invischiato in Division Three South. Il dopoguerra inizi dunque con il Palace ancora in Division Three South, una situazione destinata a durare ancora per anni. Nel frattempo, nel 1948, fece lesordio nel club il belga Marcel Gaillard, che non dice niente a prima vista e forse nemmeno a seconda ma che stato il primo giocatore a vestire la casacca claret & blue (perch, ricordiamolo, il Crystal Palace adottava ancora i colori simil Aston Villa al tempo, anche se la maglia era prevalentemente bianca e solo i particolari colorati) a provenire al di fuori delle isole britanniche. Una nota di colore che ci aiuta a superare stagioni grigie. Si giunge al 1958 senza grandi emozioni, anno in cui la Football League si rif il trucco, e la Division Three South diventa Division Four, e ovviamente il Crystal Palace finisce cos al quarto livello del calcio inglese. Nello stesso anno la presidenza viene assunta da Arthur Wait, presidente sotto il quale il club raggiunger i livelli pi alti fino ad allora toccati. Al termine della stagione 1960/1961 arriv la prima promozione, quella in Division Three; allinizio della stagione successiva il Palace ha lonore di vedere un suo giocatore,Johnny Byrne, convocato in Nazionale, una delle rare volte in cui un giocatore arriva a indossare la casacca dei tre leoni giocando al terzo livello delle gerarchie calcistiche inglesi; sar da l a poco ceduto al West Ham. Unaltra tappa importante di quella stagione (1961/62) fu lamichevole disputata a Selhurst Park contro il Real Madrid, celebrata in occasione dellinaugurazione del nuovo impianto di illuminazione dello stadio. Nuova promozione, stavolta in Division Two, nella stagione 1963/64, la stessa che vide per la prima volta adottata dai tifosi la canzone Glad All Over, dei Dave Clark Five (Dave Clark era tifoso del Palace, tra laltro), canzone che tuttora linno degli Eagles oltre ad esserlo diventata negli anni anche di altre squadre inglesi. Tra laltro sul finale di stagione venne adottata anche per le gare casalinghe una divisa gialla, originariamente casacca da trasferta. Nel 1968/69, finalmente, arriv la promozione inFirst Division, il massimo livello del calcio inglese: il manager Bert Head condusse i suoi al secondo posto finale dietro alDerby County. Head rimarr al Palace fino al 1973, mantenendolo sempre al massimo livello (1969/70, 1970/71, 1971/72, 1972/73), salvo essere sostituito (e contestualmente promosso a general manager) da Malcolm Allison, la cui guida si concluse, nel giro di due stagioni segnate da altrettante retrocessioni, con il ritorno in Division Three. Allison rimase nonostante ci alla guida del club, che se in campionato fall di poco il ritorno di Division Two in FA Cup raggiunse un traguardo in quel momento storico, le semifinali, dove per perse contro il Southampton, futuro vincitore del trofeo, a Stamford Bridge.

Gli anni Settanta e gli Ottanta


Torniamo per un momento al 1973. Lanno, oltre allavvicendamento in panchina tra Head e Allison, segna una svolta epocale per quanto riguarda liconografia e la natura stessa della squadra. Viene ridisegnato il logo, con un'aquila che in origine sarebbe dovuta essere una fenice (a simboleggiare la rinascita dalle ceneri del palazzo, raso al suolo da un incendio, come tutti forse sapranno, nel 1936) a svettare imperiosa e che dar alla squadra anche un nuovo nickname, the Eagles appunto; anche i colori sociali mutarono, si abbandon il claret & blue optando per il rosso-blu, una scelta a nostro avviso avveduta perch, ancora oggi, ne fanno (strano ma vero per noi abituati ad avere molte squadre rosso-blu) un unicum nel panorama calcistico inglese. Torniamo alla storia. Peter Taylor eguaglio il record di Byrne, giocando per la Nazionale nonostante militasse in una squadra di Division Three, e non contento segn anche un goal, che fece di lui il primo giocatore degli Eagles a segnare con la maglia inglese. Nel 1976 venne nominato manager Terry Venables, che oggi sappiamo essere vecchia volpe del calcio inglese ma che allora era alla prima esperienza su una panchina; El Tel port immediatamente la squadra in Division Two.

Una stagione di consolidamente in seconda serie e fu di nuovo promozione, segnata anche dal record di presenze a Selhurst, quando 51.801 spettatori accorsero per la partita contro il Burnley. Lanno successivo, sempre sotto la guida di Venables, arriv il tredicesimo posto finale in First Division, dopo aver conquistato, livello massimo per il club, la prima piazza a fine settembre. El Tel lasci il club, in circostanze misteriose, lOttobre successivo, per andare ad allenare il Queens Park Rangersin Second Division; le redini del Palace vennero nuovamente prese da Malcolm Allison, che, nuovamente, condusse il club alla retrocessione, sebbene fosse stato rimosso dallincarico prima della fine della stagione, incarico affidato a Dario Gradi. Lo stesso Gradi venne anchesso licenziato, sostituito nel ruolo (inglese, una delle cose pi english che ci siano nel football) di player-manager da Steve Kember, leggenda locale essendo nato a Croydon e avendo fatto tutta la trafila giovanile e la prima parte di carriera proprio nel Crystal Palace. Anchegli venne licenziato a sua volta al termine della stagione. Il proprietario Ron Noades, che aveva assunto il controllo nel 1980, aveva cos licenziato tre allenatori nel giro di pochi anni. E non fin l, perch alla lista va aggiunto Alan Mullery, rimpiazzo di Kember e sostituito a sua volta da Dave Bassett, proveniente (come anni prima Gradi) dal Wimbledon che stava nel frattempo diventando grande. Bassett dur la bellezza di quattro giorni, dopo i quali infatti decise di dimettersi per tornare ai Dons. Noades nomin quindi come manager un ventinovenne, ex giocatore la cui carriera venne bruscamente interrotta dagli infortuni e di nome Steve Coppell: era lallenatore giusto per i piani di Noades ma che, come spesso accade, si trov l per caso (le dimissioni improvvise di Bassett). Alla fine della stagione 1988/89 e dopo i playoff (1-3 e 3-0 contro il Blackburn Rovers, disintegrato davanti ai 30.000 di Selhurst Park) il Palace torn finalmente in First Division, guidato in attacco da un giocatore di colore, molto dotato tecnicamente, con il fiuto del goal e voluto personalmente da Coppell dopo averlo visto in un provino rispondente al nome di Ian Wright, che segner in quella campagna trionfale 24 goals. Finalmente Noades aveva ottenuto la tanto agognata promozione, allaltare della quale erano stati sacrificati tre manager (Gradi, Kember, Mullery).

Dagli anni Novanta ai giorni nostri


Se la salvezza fu difficile da ottenere (ma venne comunque archiviata, nonostante una sconfitta record per 0-9 contro ilLiverpool), la stagione 1990/91 ricordata da ogni tifoso degli Eagles per un altro motivo: la finale, storica, di FA Cup, raggiunta non prima di aver eliminato in semifinale lo stesso Liverpool, battuto 4-3 in un match entrato di diritto nei classici del Crystal Palace con il goal di Alan Pardew al 109 che consegn lincredibile vittoria ai south londoners. In finale si trovarono di fronte il Manchester United, che vinse la partita al replay, visto che il primo match fin 2-2, con il pareggio dei Red Devils giunto negli ultimi minuti per opera di Mark Hughes dopo la doppietta di Ian Wright. Lo stesso Ian Wright che, ceduto nel frattempo allArsenal, condann per un destino beffardo gli Eagles alla retrocessione (avvenuta per differenza reti rispetto allOldham Athletic), con un goal nellultima partita di campionato ad Highbury. Era la stagione 1992/93, la prima di unaltalena che coinvolse il Palace. La squadra torn infatti immediatamente in Premier (Coppell, nel frattempo, si era dimesso), salvo retrocedere subito (1994/95) nonostante il quartultimo posto finale, che a causa della decisione della Premier League di ridurre le squadre a 20 quella stagione, significava retrocessione. La stagione 1994/95 vide anche il Palace raggiungere le semifinali sia di League Cup (eliminati dal Liverpool) sia di FA Cup (eliminati dal Manchester United) ed entrata nellimmaginario collettivo per il calcio volante di Cantona al tifoso Eagles, tale Matthew Simmons durante il match disputato a Selhurst Park. Una stagione di pausa (segnata dalla cessione di molti giocatori, tra cui Gareth Southgate) che vide dapprima il ritorno di Coppell, poi licenziato per far posto a quel Bassett il cui precedente regno era durato solo quattro giorni e che condusse il Palace ai playoff, dove persero in finale con il Leicester City. Bassett part in direzione Nottingham Forest e Coppell torn nuovamente alla guida del Palace per la stagione 1996/97, che termin nuovamente a Wembley per la finale dei playoff, stavolta vinta per 1-0 contro lo Sheffield United. Quando Coppell disse subito dopo la finale che lo avrebbero aspettato nine months of hell non si sbagliava, visto che, nuovamente, la retrocessione fu immediata, stagione tra laltro da noi italiani ricordo per la cquisto del nostro connazionale Attilio Lombardo, che la stagione successiva assumer un breve periodo il ruolo di player/manager. Noades cedette nel frattempo il club a Mark Goldberg, che giunse a Selhurst Park con proclami di Europa entro cinque anni (Europa

che il Palace conobbe per la prima volta in quella stagione giocando la mitica Coppa Intertoto), che assunse nuovamente Venables promuovendo Coppell a director of football e che invece trascin il club alla bancarotta, da cui si riprese solo nel 2001 con lavvento di Simon Jordan. Lultima apparizione in Premier datata 2005, quando gli Eagles giunsero nuovamente, sotto la guida dellex giocatore Ian Dowie, tramite i playoff alla massima serie battendo dapprima il Sunderland e poi in finale i concittadini del West Ham. Nemmeno a dirlo, si tratt di una fugace apparizione, per poi tornare in seconda serie. Nella sua storia ha raggiunto i migliori risultati all'inizio degli anni novanta, guidata in attacco da Ian Wright, con la finale di FA Cup del 1990 persa al replay e il terzo posto in campionato nel 1991. In quell'anno vinse anche la Full Members Cup, competizione per le squadre delle prime due divisioni, giocatasi fra il 1986 e il 1992. Il 27 maggio 2013, nella finale dei play-off, della stagione di Championship 2012-2013, il Crystal Palace sconfigge per 1-0 ai tempi supplementari il Watford tornando cos in Premier League dopo 8 anni. Esordisce in Premier League perdendo in casa per 1-0 contro il Tottenham, a causa di un rigore trasformato da Roberto Soldado.

QUEENS PARK RANGERS: Il Queens Park Rangers Football Club un club calcistico diLondra, attualmente militante nella Football League Championship. Il club ha sede a Loftus Road, nel boroughlondinese di Hammersmith and Fulham. Le rivalit pi sentite sono quelle con il Chelsea e con il Fulham, che provengono entrambe dallo stesso quartiere del QPR.

Gli inizi (1882-1940)


Non si conosce con precisione la data della fondazione della squadra. Lo stemma recita un chiaro 1882, ma pi facile ipotizzare che il team sia nato nel 1885 o nel 1886, a seguito della fusione tra St. Jude e Christchurch Rangers. Il reverendo Gordon Young, della chiesa di St. Jude, accreditato del maggior merito di questa fusione, assieme a Jack McDonald che, dalla sua casa di West London, reclut i ragazzi della locale Droop Street Board School. Grandi meriti vengono anche attribuiti a George Wodehouse, la cui famiglia mantenne a lungo un rapporto di stretta collaborazione con il neonato club. Il nome di Queens Park Rangers venne adottato dal 1887, in quanto la maggior parte dei giocatori proveniva dal quartiere londinese noto come Queen's Park. Nel 1899 la squadra pass al professionismo, iscrivendosi alla Southern League. Nel 1908, pur vincendo la Southern League, non venne accettata nella Football League. Al suo posto venne preferito il Tottenham, giunto ottavo in Southern. Nel 1920 la squadra fu tra i membri fondatori Third Divisionof the Football League, divenuta poi Third Division South a seguito della nascita della corrispettiva div III del nord, formata dai club settentrionali, mentre nel 1926 adott gli attuali colori sociali, bianco e blu.

La consacrazione (1940-1968)
Nel campionato 1947-48 gli Hoops vinsero per la prima volta la Third Divison South, ma dopo soli due campionati in seconda divisione retrocessero nuovamente in Third Division dove rimasero fino al 1966. Nonostante la categoria di appartenenza la squadra si impose all'attenzione dell'Inghilterra vincendo la Coppa di Lega, battendo in rimonta il pi quotato West Bromwichnella finale unica di Wembley. Tale trofeo, prima vittoria di una coppa nazionale per una squadra di Third Division, ancora oggi l'unico trofeo nazionale vinto dalla squadra. In quello stesso anno la squadra otterr la promozione in Second Divisionmentre l'anno successivo coglier la prima promozione in First Division.

L'epoca dei mavericks (1968-1979)

La prima stagione in massima serie del Queens Park Rangers fu tutt'altro che positiva: la squadra retrocesse ottenendo il record negativo dei punti totalizzati (18), rimasto "imbattuto" fino alla stagione 1984-85, quando lo Stoke City totalizzer diciassette punti. La squadra torner in First Division al termine della stagione 1972-73 (che vedr l'acquisto di Stan Bowles, futuro punto di cardine della squadra, in sostituzione di Rodney Marsh passato al Manchester City), classificandosi secondi alle spalle del Burnley. Nella stagione 1973-74, che vedr i giocatori Phil Parkers e Stan Bowles convocati per la prima volta innazionale, i Mavericks concluderanno all'ottavo posto, prendendosi la soddisfazione di battere l'allora pericolante Manchester United per 3-0 a Londra nell'ultimo incontro ufficiale di George Best con la maglia dei Red Devils (1 gennaio 1974) e realizzando il record di affluenza al Loftus Road nella partita contro il Leeds United del 27 aprile 1974 con 35 353 paganti. Il campionato 1975-76 (durante la quale Gerry Francis venne nominato capitano della nazionale inglese e furono convocati anche Dave Clement e Don Masson) sar invece la miglior stagione mai disputata dal Queens Park Rangers: grazie agli schemi di Dave Sexton che si rifanno all'allora in voga calcio totale, i Mavericks lotteranno fino all'ultima giornata per il titolo, perdendolo in favore del Liverpool, che riusc in tredici minuti a segnare tre goal al Wolverhampton inizialmente passato in vantaggio. Il raggiungimento del secondo posto, miglior piazzamento della storia dei Rangers, permise alla squadra di qualificarsi per la prima volta ad una competizione europea, la Coppa UEFA, dove saranno eliminati ai quarti di finale dall'AEK Atene. Stan Bowles risulter alla fine della stagione capocannoniere della manifestazione. L'epoca d'oro del Queens Park Rangers si concluse con la retrocessione nella stagione 1978-79.

Gli anni ottanta e novanta (1979-1997)


Nella prima stagione dopo la retrocessione, che vide l'addio di Stan Bowles, la squadra mancher la promozione per una posizione. Nella stagione 1982-83 la squadra riusc a risalire abbastanza agevolmente (concluder il campionato con dieci punti di vantaggio sul Wolverhampton classificatosi secondo) in prima divisione, dove rester fino al 1996, con piazzamenti attorno al decimo posto. Per la stagione 1986-87, il presidente Jim Gregory, fautore dell'ascesa della squadra dalla terza alla prima divisione, cedette la squadra a Marler Eastes, non prima di aver ingaggiato il portiere David Seaman e l'attaccante Les Ferdinand. La presidenza Marler dur tuttavia poco tempo: il suo progetto di fondere il club con lo storico rivale Fulham provoc una sollevazione da parte dei tifosi che costrinse il presidente a dimettersi e a cedere la squadra a David Bulstrode, che nel 1989passer la mano a Kenny Sanson e David Bardsley. Come prima azione di mercato i due presidenti cederanno David Seamanall'Arsenal per un milione di sterline, ingaggiando in sua sostituzione il portiere della nazionale cecoslovacca Jan Stejskal. Membro fondatore della FA Premier League, il Queen's Park Rangers incominci, a partire dalla stagione 1994-95, ad accusare problemi finanziari: alle molte cessioni, tra cui quella di Les Ferdinand al Newcastle, non corrisposero adeguati ingaggi e cos, nella stagione seguente, la squadra retrocesse e Richard Thompson, proprietario della squadra, cedette a Chris Wright, proprietario della Chrysalis. Wright dette avvio ad una serie di operazioni finanziarie che dettero la possibilit ai tifosi di divenire azionisti. Alla fine della stagione Danni Dichio lasci il club divenendo il primo giocatore della squadra ad avvalersi della legge Bosman (approd allaSampdoria), mentre nel frattempo la crisi economica si aggrav a causa di un crollo del titolo della azioni dovuto alle speculazioni borsistiche sulle notizie riguardanti il flop della pay-per-view.

La crisi economica (1997-2007)


La crisi economica della squadra si aggrav di anno in anno fino a toccare il proprio culmine nel 2001: dopo un buon inizio di campionato la squadra scivol nelle parti basse della classifica suscitando il malcontento dei tifosi che, in seguito ad una sconfitta per 2-0 nel derby contro il Fulham, contestarono pesantemente Wright che, il 2 aprile 2001, mise la societ inamministrazione controllata. A febbraio, dopo una sconfitta esterna per 5-0 contro il Preston North End, si dimise anche l'allenatore Gerry Francis in sostituzione di Ian Holloway che non riusc ad evitare la retrocessione in Division Two.

Dopo un tentativo di fusione con il Wimbledon, anch'esso in crisi economica, la squadra fu rilevata da Nick Blackburn e riusc a concludere il campionato nelle parti alte della classifica nonostante fossero stati svincolati sedici giocatori. Il Queens Park Rangers torn infine in First Division alla fine della stagione 2003-04, grazie ad un secondo posto finale. Per la stagione successiva, che vide la First Division ribattezzata Football League Championship, la presidenza fu rilevata dall'italiano Gianni Paladini, il cui obiettivo di portare la squadra in massima divisione si scontr con la mancanza di soci con la possibilit di ingenti investimenti. Al termine della stagione la squadra si salv senza problemi, ma il malcontento dei tifosi crebbe, tanto che Paladini sub un attentato il 13 agosto 2005. La propriet pass poco dopo ad Antonio Caliendo che entr nella societ nelle vesti di azionista di maggioranza, lasciando Paladini alla presidenza.

L'era Ecclestone-Briatore (2007-2010)


Durante la stagione 2007-08 la squadra fu rilevata da Flavio Briatore, all'epoca manager della scuderia automobilistica dellaRenault F1 e da Bernie Ecclestone patron della Formula 1, seguiti successivamente dal miliardario indiano Lakshmi Mittal, che promisero subito gli investimenti necessari per riportare la squadra in massima divisione. Intanto la squadra, che aveva cominciato male il campionato, affidata a Luigi De Canio, si salv con largo anticipo sulla fine del campionato, grazie anche agli acquisti effettuati durante il mercato invernale. A sostituire Luigi De Canio viene chiamato Iain Dowie[1] ma la sua avventura alla guida della squadra dura solo da maggio ad ottobre, poi arriva l'esonero[2]. Dopo il licenziamento di Iain Dowie, la panchina stata affidata temporaneamente al "caretaker manager" Gareth Ainsworth per poi essere assegnata a Paulo Sousa[3]. Ma anche l'avventura dell'allenatore portoghese non fortunata e solo dopo cinque mesi, il 9 aprile, anche Sousa viene esonerato e la squadra viene nuovamente affidata a Gareth Ainsworth fino al termine della stagione[4]. Il 3 giugno la societ annuncia il nome del nuovo allenatore: Jim Magilton[5]. Dopo un inizio di stagione altalentante che ha sempre comunque visto i QPR nella parte alta della classifica, il 9 dicembre il club annuncia la sospensione con conseguente indagine interna[6] di Magilton sospettato di aver colpito con una testata il centrocampista ungherese Akos Buzsaky negli spogliatoi delVicarage Road Stadium di Watford al termine della partita tra i locali ed il QPR[7]. La situazione si risolve tra il 16 dicembre, giorno in cui viene comunicato ufficialmente la separazione consensuale tra il club e Jim Magilton[8] ed il 17 dicembre, giorno in cui viene annunciato il nome del nuovo allenatore: Paul Hart[9], anche se Hart rimane sulla panchina di Loftus Road solo 28 giorni. Le sue dimissioni arrivano infatti il 15 gennaio 2010[10]. Al suo posto viene temporaneamente nominato il suo vice: Mick Harford, gi primo 'allenatore traghettatore' dell'era Briatore, nell'ottobre 2007. L'ennesimo cambio di allenatore, unito ad un crollo verticale dei risultati della squadra e ad una sempre maggiore contestazione dei tifosi, porta Flavio Briatore a rassegnare le dimissioni dal ruolo di presidente della societ[11]. Contemporaneamente a quell'annuncio, viene anche detto che la famiglia di Lakshmi Mittal aumenta la propria partecipazione nel pacchetto azionario del club, anche se Flavio Briatore e Bernie Ecclestone ne rimangono azionisti, e che come nuovo presidente della QPR Holding Ltd. viene nominato l'indiano Ishan Saksena, mentre l'italiano Gianni Paladini riassume il ruolo di Presidente dei QPR FC. Il primo atto della nuova dirigenza quello di ingaggiare, quale nuovo allenatore, Neil Warnock, proveniente dal Crystal Palace[12]. Il QPR guidato da Warnockconclude il campionato al 13 posto[13], ottenendo la salvezza ben prima della fine del torneo.

Il ritorno in Premier League (2010-2011)


La stagione 2010-2011 inizia benissimo per la formazione allenata da Warnock. La squadra, trascinata da un ottimo Adel Taarabt inanella ben 19 risultati utili consecutivi, a cavallo tra agosto e dicembre, prima di cadere sconfitta dal Watford[14]. Questo inizio di stagione, oltre a far cadere il record storico di risultati utili consecutivi del Club che resisteva dal 1947/48[15], permette ai QPR di conquistare la vetta della classifica da cui non scenderanno pi praticamente per tutto l'arco del campionato (44 giornate su 46). Il Campionato si conclude cos con la vittoria finale dei QPR con 88 punti, frutto di 24 vittorie, 6 sconfitte e 16 pareggi, +39 di differenza reti, 25 "clean sheet" (partite senza subire reti), 71 gol fatti e solo 32 subiti (migliore difesa del campionato)[16]. La vittoria finale del campionato 2010-2011, matematicamente ottenuta con una giornata di anticipo, viene per confermata dalla Football Association solo ad un'ora dall'inizio dell'ultima partita, al termine di una lunga indagine a cui la FA ha sottoposto i QPR ed i suoi dirigenti in merito a presunti illeciti amministrativi nell'acquisto del giocatore

argentino Alejandro Faurln nel 2009. Dopo varie speculazioni di stampa[17], che ipotizzavano pesanti penalizzazioni in classifica (anche di 15 punti), l'indagine si conclusa con una multa di 875 000 sterline e nessuna penalizzazione[18]. Dopo 15 anni di assenza, i Queens Park Rangers tornano in Premier League.

L'era Fernandes (2011- )


I QPR approdano in Premier League con il pacchetto di maggioranza ancora saldamente in mano a Bernie Ecclestone (con il 65%) e del suo socio Flavio Briatore (1%), mentre il pacchetto di minoranza ancora in mano del magnate indiano Lakshmi Mittal. Fin dall'inizio del pre-campionato, per, si inseguono voci in merito alla possibile cessione delle quote di maggioranza ad un nuovo proprietario. Lakshmi Mittal chiede di rilevare l'intero pacchetto di azioni, ma le trattative si arenano di fronte alla richiesta di Ecclestone: 100 milioni di sterline[19]. A questo punto per entra in scena il magnate malaysiano Tony Fernandesche il 18 agosto 2011 dopo una breve trattativa rileva l'intero pacchetto di azioni della coppia Ecclestone/Briatore divenendo cos l'azionista di maggioranza del Club[20]. Contestualmente Fernandes, gi azionista di riferimento della compagnia aereaAirAsia, della casa automobilistica Caterham e del Team Lotus di Formula 1, assume la carica di Presidente della Queens Park Rangers Holding Ltd. ed Amit Bathia, genero di Lakshmi Mittal riassume la carica di Vice Presidente, lasciata in precedenza a causa di attriti con i precedenti proprietari. Dopo un inizio di stagione promettente, i QPR scivolano fino al limite della zona retrocessione ed il 10 gennaio 2012 l'allenatore Neil Warnock viene sostituito dal gallese Mark Hughes[21]. La squadra riesce a salvarsi proprio all'ultima giornata pur perdendo 3-2 sul campo del Manchester City per il contemporaneo pareggio del Boltoncon lo Stoke City. A lungo in vantaggio tra la disperazione dei tifosi di casa (al City serve una vittoria per conquistare il titolo atteso da 44 anni) il QPR soccombe, non senza polemiche, subendo due reti al 92' e al 94'. La stagione 2012-2013, nonostante fosse partita con grandi ambizioni ed una buona campagna acquisti, si rivelata essere altamente negativa, con la squadra costantemente bloccata sul fondo della classifica per la durata di tutto il campionato e retrocessa gi alla terzultima giornata, dopo un pareggio per 0-0 sul campo del Reading, anch'esso matematicamente condannato alla serie cadetta.