Sei sulla pagina 1di 4

PANORAMA DELLA STAMPA (23.01.14) Poste Italiane, la guerra latente dei partiti alla privatizzazione. http://www.formiche.

net/2014/01/22/poste italiane privatizzazione catricala/ !iserve, critiche e scetticismo accomunano le forze politiche riguardo al progetto di vendita del 40 per cento del colosso pu""lico annunciato dal governo. Infatti nel corso di un#audizione del viceministro allo $viluppo economico, %ntonio &atrical'... (n gigante industriale detenuto dal )esoro, direttamente o tramite la &assa depositi e prestiti. (na galassia produttiva che inglo"a "anca, servizi finanziari, assicurazioni, telefonia mo"ile, provider Internet, logistica, corriere, recapito. Il pi* grande datore di lavoro in Italia con 14+mila funzionari, 400 miliardi di risparmi raccolti, 1, miliardi di premi assicurativi sulla vita. &onglomerato pi* diversificato rispetto alla -consorella. tedesca, Poste Italiane fattura oltre 24 miliardi di ricavi e 1 miliardo di utili ogni anno. Il governo vuole promuovere entro il 2014 una vendita parziale del colosso pu""lico mettendo sul mercato il 40 per cento delle azioni e puntando a guadagnare 4,/ miliardi. (n tipo di privatizzazione che anche su 0ormiche.net ha alimentato le riflessioni di esperti e che ieri 1 stata illustrata dal vice ministro per lo $viluppo economico Antonio Catrical in &ommissione )rasporti della &amera dei deputati. COME PRIVATIZZARE 23iniziativa, che rientra nel programma di collocazione sul mercato del capitale di gruppi imprenditoriali di $tato, non prevede nessuno -spezzatino dei rami aziendali.. 2a notevole diversificazione dei servizi, l3integrazione delle piattaforme, la valorizzazione del prodotto 4 ha spiegato l3esponente dell3esecutivo 4 richiedono il mantenimento dell3unitariet' di Poste. Pertanto la privatizzazione riguarder' porzioni del capitale azionario e non asset produttivi. 2e forme concrete di vendita 4 5uotazione in 6orsa o alienazione con trattativa diretta 4 verranno sta"ilite dal &omitato per le privatizzazioni presso il 7inistero dell38conomia e 0inanze. &ontrollo e maggioranza proprietaria resteranno in ogni caso in mano allo $tato. 7entre le risorse derivanti dalla cessione saranno destinate al miglioramento e ampliamento dell3offerta di servizi e al fondo di riduzione del de"ito pu""lico. LA CONVENZIONE CON LA CDP )ema nevralgico 1 il rapporto di Poste con &assa depositi e prestiti. &ome messo in rilievo da un articolo pu""licato sul &orriere 8conomia di luned9 scorso, l3azienda di spedizione e recapiti vende nei propri sportelli i prodotti di &:P come li"retti e "uoni fruttiferi. Per retri"uire 5uesto servizio l3istituto finanziario presieduto da Franco Bassanini versa ogni anno una 5uota, 1,; miliardi nel 2012. 2a convenzione finora 1 stata annuale ed 1 scaduta il ,1 dicem"re 201,. < per tale ragione che l3amministratore delegato di Poste Massimo Sarmi, in vista della vendita parziale ha chiesto per i prossimi tre anni la garanzia statale di circa + miliardi come compenso complessivo per la gestione e la raccolta del risparmio postale. 23accordo, rileva &atrical', 1 in corso di rinegoziazione. 7a un dato 1 certo: -I contenuti devono essere inseriti in un contratto pluriennale.. LAVORATORI AZIONISTI %ltro punto 5ualificante del progetto governativo 1 il via li"era all3ingresso dei lavoratori di Poste nel capitale aziendale. %i dipendenti, ha spiegato l3e= presidente dell3%ntitrust, saranno riservate gratuitamente azioni per un3entit' da definire. 23esecutivo guarda a esperienze internazionali -che hanno coinvolto e responsa"ilizzato i lavoratori nella migliore gestione industriale.. (n modello effettivamente seguito da + operatori postali europei su ; 5uotati in 6orsa: la portoghese &tt che ha ceduto azioni a sconto per il + per cento del capitale, l3inglese !o>al 7ail con il 10 di 5uote gratuite, la "elga 6post con lo 0,4;, la tedesca :eutsche Post :hl con il ;, l3austriaca Post con il +,4. LA POSIZIONE DEI SINDACATI 7a un3innovazione cos9 originale rischia di provocare una frattura tra le pi* rappresentative organizzazioni sindacali. % riprova di un3antica divaricazione culturale sul ruolo dei lavoratori in un3azienda e sui confini del rapporto tra management e maestranze.

7entre la &?I2 conferma l3ostilit' alla rappresentanza dei lavoratori nel consiglio d3amministrazione di Poste -poich@ il rischio d3impresa va assunto dai manager., la &I$2 ritiene che investire anche i lavoratori grazie a una 5uota proprietaria, seppur minoritaria, possa stimolare una maggiore produttivit'. POLITICA OSTILE? (n sentimento di opposizione e scetticismo verso il progetto di vendita parziale di Poste giunge, in modo apparentemente sorprendente e trasversale, da tutti i gruppi parlamentari. Per "occa di I an Catalano il 7ovimento &in5ue $telle ha puntato il dito contro una cessione compiuta -per delegare a gruppi privati la gestione di complicate e impopolari vertenze amministrative e lavorative.. 8d evoca lo spettro della svendita di una realt' produttiva cruciale pari a 5uelle di )elecom e %litalia, -che concorre a vanificare l3universalit' dell3offerta e non contri"uisce a risolvere il pro"lema del de"ito pu""lico.. $confessando il richiamo ormai remoto a un orizzonte li"erale li"erista, le forze del centro destra sem"rano ritrovare un terreno unificante. 0orza Italia ha manifestato con San!ro Biasiotti molte perplessit' sulla privatizzazione di un3azienda -che va "ene perch@ gestita al 100 per cento dallo $tato.. 8 teme il ripetersi della vicenda )elecom con il controllo e gestione industriale da parte di gruppi privati detentori di una porzione irrilevante del capitale. Il Auovo &entro destra tramite Vincen"o #aro$alo ha espresso l3esigenza di maggiore chiarezza sugli assetti di governance e chiede di valorizzare adeguatamente il capitale di Poste -per evitare l3ennesima spoliazione di industrie nazionali con finalit' speculative.. 0ortemente contrarie le formazioni progressiste. Paolo Co%%ola del Partito democratico non riesce a capire come il semplice ingresso di un socio privato possa rendere pi* efficiente l3offerta aziendale. 8 la sua collega Romina M&ra -anticipa lo scenario di privatizzazione di un servizio pu""lico universale. denunciando il malfunzionamento dell3ufficio di smistamento di Poste, affidato in gestione a privati che hanno sostituito il personale 5ualificato con addetti generici. 7entre Ste$ano '&aranta di $inistra e 2i"ert' evidenzia le contraddizioni di una privatizzazione in antitesi con il ruolo di Poste nel capitale di %litalia. 8 ricorda come lo stesso $armi fosse contrario alle strategie di vendita ai privati. &ritiche a cui &atrical' replica riconoscendo che -privatizzazione 1 una "rutta parola ripensando a operazioni 5uali )elecom.. 7a ne rivendica il valore osservando che la vendita di 5uote minoritarie puB esercitare una forza di attrazione per gli investitori di mercato, anche grazie agli stimoli derivanti da partnership pu""lico privata nell3azienda.. ((( Il commento dell#imprenditore ed editorialista, 8doardo Aarduzzi, sul percorso di dismissione di 5uote del gruppo Poste Italiane delineato dal governo 2etta Grazie allautorizzazione del gruppo Class editori pubblichiamo il commento di Edoardo Narduzzi apparso su Italia Oggi, il quotidiano diretto da Pierluigi Magnaschi I governi inglese e svedese proprio di recente si sono cimentati nelle privatizzazioni postali, mentre negli (sa il Postal $ervice 1 ancora tutto pu""lico e perde a rotta di collo. I tedeschi, invece, privatizzando "ene e per tempo la conglomerata postale hanno incassato tra il 2000 e il 200C circa 20 miliardi e oggi "en il 21,2D delle azioni 1 detenuto da investitori americani. Era il governo 2etta pare si sia deciso a collocare sul mercato tra il ,0 e il 40D delle Poste italiane, un conglomerato perfino pi* diversificato di 5uello germanico che fattura oltre 24 miliardi e nel 5uale i servizi tradizionalmente postali contri"uiscono solo per il 1+D. $i tratta, dun5ue, di una privatizzazione all3apparenza postale ma nella sostanza conglomerale, perch@ le attivit' svolte dal gruppo statale sono molto diversificate. 2e assicurazioni, ad esempio, nel primo semestre hanno prodotto il ;1D dei ricavi delle Poste, pi* del doppio dei tradizionali servizi del 6ancoPosta, servizi ai 5uali si aggiungono 5uelli in materia di e commerce, di logistica, di telecomunicazioni e cos9 via. (n conglomerato a""astanza originale nel panorama postale internazionale che puB candidarsi a sfruttare anche alcune opportunit' in materia di digitalizzazione del "usiness: Postel, ad esempio, rinnovata nell3ultimo "iennio 1 ottimamente posizionata per essere leader nel mercato della dematerializzazione dei documenti cartaceiF in materia di sicurezza informatica il ruolo di Poste puB essere altrettanto importante. &ome hanno dimostrato tanti decenni fa i Ao"el 7odigliani e 7iller i gruppi conglomerali non creano ricchezza per gli azionisti che possono sempre replicare in piena autonomia la diversificazione di portafoglio. 7a nel caso di Poste la 5uotazione in "orsa potre""e essere un formida"ile strumento di sollecitazione al miglioramento della creazione di valore, perch@ gli azionisti privati diventere""ero i pi* diretti interessati a far s9 che il conto economico dei "usiness pi*

redditizi non sia costretto a sussidiare 5uello postale tradizionale. $e non c31 pi* posta fisica da consegnare, ,+ mila postini non si giustificano pi* e la loro riorganizzazione 1 "ene che sia GimpostaH nei tempi dagli investitori piuttosto che lasciata alla trattativa tra politica e sindacati Ila &isl rappresenta il +1,+D dei dipendentiJ. Il conglomerato postale 5uotato sar' pi* veloce nel far crescere i "usiness che rendono e a ristrutturare 5uelli che perdono. 7agari pi* sensi"ile a internazionalizzarsi e anche a sfruttare ancora meglio il canale di distri"uzione fisico che possiede, capillare, e che ha dimostrato di essere in grado di vendere di tutto con costi contatto ipercompetitivi. Kueste reti nel mondo disintermediato di internet valgono moltissimo, occorre solo sapersele far pagare il giusto. LLL

Pro$ili normati i) Ma %er entrare a $are %arte !el C)!)A) il Co!ice Ci ile %one limiti*
Co!ice Ci ile) Art) +,-. !&o!ecies Consi/lio !i sor e/lian"a) $alvo che lo statuto non preveda un maggior numero, il consiglio di sorveglianza si compone di un numero di componenti, anche non soci, non inferiore a tre. 0atta eccezione per i primi componenti che sono nominati nell#atto costitutivo, e salvo 5uanto disposto dagli articoli 2,+1, 244M e 24+0, la nomina dei componenti il consiglio di sorveglianza spetta all#assem"lea, previa determinazione del loro numero nei limiti sta"iliti dallo statuto. I componenti del consiglio di sorveglianza restano in carica per tre esercizi e scadono alla data della successiva assem"lea prevista dal secondo comma dell#articolo 2,;4 "is. 2a cessazione per scadenza del termine ha effetto dal momento in cui il consiglio di sorveglianza 1 stato ricostituito. %lmeno un componente effettivo del consiglio di sorveglianza deve essere scelto tra i revisori legali iscritti nell#apposito registro. I componenti del consiglio di sorveglianza sono rieleggi"ili, salvo diversa disposizione dello statuto, e sono revoca"ili dall#assem"lea in 5ualun5ue tempo con deli"erazione adottata con la maggioranza prevista dal 5uinto comma dell#articolo 2,M,, anche se nominati nell#atto costitutivo, salvo il diritto al risarcimento dei danni, se la revoca avviene senza giusta causa. 2o statuto, fatto salvo 5uanto previsto da leggi speciali in relazione all#esercizio di particolari attivit', puB su"ordinare l#assunzione della carica al possesso di particolari re5uisiti di onora"ilit', professionalit' e indipendenza. $e nel corso dell#esercizio vengono a mancare uno o pi* componenti del consiglio di sorveglianza, l#assem"lea provvede senza indugio alla loro sostituzione. Il presidente del consiglio di sorveglianza 1 eletto dall#assem"lea. 2o statuto determina i poteri del presidente del consiglio di sorveglianza. Non %ossono essere eletti alla carica !i com%onente !el consi/lio !i sor e/lian"a e0 se eletti0 !eca!ono !all1&$$icio*a2 coloro c3e si tro ano nelle con!i"ioni %re iste !all1articolo +45+672 i com%onenti !el consi/lio !i /estione6c2 coloro c3e sono le/ati alla societ o alle societ !a 8&esta controllate o a 8&elle sotto%oste a com&ne controllo !a &n ra%%orto !i la oro o !a &n ra%%orto contin&ati o !i cons&len"a o !i %resta"ione !1o%era retri7&ita c3e ne com%romettano l1in!i%en!en"a) 2o statuto puB prevedere altre cause di ineleggi"ilit' o decadenza, nonch@ cause di incompati"ilit' e limiti e criteri per il cumulo degli incarichi. Ness&n sin!acalista in atti it !i ser i"io 9 al momento 9 %&: entrare a $are %arte !el Consi/lio !i Sor e/lian"a !i &n;a"ien!a <o C!A2 a meno c3e non cam7i la norma =

Stam%ato in %ro%rio* l> ?@)-?)+-?,) Se/reteria #enerale Via !ell;Am7a Ara!am +,) --?5, Roma) Tele$) -A)@--B?-4 FaC -A)@--B+-@ Mail $ail%D$ail%)it