Sei sulla pagina 1di 12

Suoneranno a distesa le campane di Posina!

In quel giorno, consacrato al Mistero della Resurrezione di Cristo, esse si risveglieranno come da un sonno profondo, per offrire a tutti il tripudiante annuncio: E' risorto! E' risorto! . Il loro suono argentino, gentile e melodioso, ci sembrer pi vibrante ed armonico, pi gaio e festante delle mille altre volte che lo udimmo con indifferenza e svogliatezza. Tutto attorno a noi, si colorir di nuova luce, dalle valli oscure alle splendenti cime delle nostre storiche montagne, gloriose di epiche e leggendarie immolazioni. La primavera sorrider danzando nel suo svariatissimo tappeto verde, trapuntato quasi ad arte da fiocchi di fiori bianchi. Sentiremo canterellare tra sasso e sasso, armonioso pi che mai, il nostro fiume Posina. PASQUA ci dar la sensazione di un concerto generale di cuori gaudenti, di sorridente natura e di paesaggio vivificato. Ma tutto questo ad una condizione: che il Mistero del Cristo Risorto si compia prima di tutto nei nostri cuori. Cristo non il dio delle tenebre, invece il Dio della Luce. Cristo non il dio Dio della Gioia. della tristezza, il

Cristo non il dio del tormento, il Dio della Tranquillit e della Pace. Cristo non la luce di alcuni privilegiati, la Luce di Tutti.

Cristo non la gioia dei fortunati, la Gioia dei sofferenti. Cristo non pace dei potenti, la Pace dei poveri. Portiamo Cristo nelle nostre anime! Apriamo le porte del nostro cuore al Re trionfatore della morte, al Risorto per noi, al Vincitore del peccato e di satana. Cristo risorto in noi, porter con s il Paradiso: saremo inondati dalle sue grazie, trasformati in Lui. Nel candore di questa trasformazione personale, tutto, attorno a noi ci sembrer vivere e pulsare in un modo meraviglioso e sorprendente. Quando il cielo brilla di limpidezza, anche l'infinito mare sorride di azzurro e di luce. Facciamo Pasqua! Prepariamoci bene alla nostra Pasqua! Canteremo con le campane la nostra immensa gioia: E' risorto! E' risorto! !
DON FERDINANDO

BOLLETTINO PARROCCHIALE

Cari amici vicini e lontani:

Buona Pasqua!

E' presto detto ma non altrettanto compreso! Quel Buona Pasqua sembra ormai diventato una formalit di convenienza, o, per non essere troppo maliziosi, un'occasione di pi per ricordare semplicemente i nostri cari, i nostri amici e conoscenti, i nostri lontani di tutti i continenti. Ho espresso un parere personale, che pu valere ed anche no. Non vale certamente per voi cari emigrati dell'Australia, del Sud Africa, della Francia, del Luxemburgo, del Belgio, del Canada e degli U.S.A., che, con le vostre letterine natalizie, avete esternato quei cari e dolci sentimenti di fede, di bont e di soavi ricordi, che dimostrano, in queste belle ricorrenze, il vostro attaccamento alla Religione, alla Patria, al Paese che vi ha visti nascere e crescere ed alle vostre contrade ormai spopolate. Non vale senz'altro, quel parere, per i miei cari vicini, che, ancora una volta, co-

me nella notte di Natale, consolantissima e indimenticabile, sapranno, sia pur nel silenzio devoto, offrirmi l'augurio pi bello, pi gradito e pi desiderati con la loro presenza ai Sacri Misteri della Settimana Santa e con l'accostarsi al Banchetto Eucaristico. Sono i fatti che convincono e commuovono! E quella idea, non vale neppure per me, sebbene l'abbia formulata. Dirvi Buona Pasqua e lasciarvi con la bocca asciutta ed il cuore vuoto non proprio di mia natura. Con l'augurio pasquale vi voglio fare un gran regalo: vi regaler Ges! Venite tutti a riceverLo. A Ges dir di vivere sempre con voi, di accrescere la vostra Fede, di aiutarvi nel quotidiano sforzo di seguirlo portando la vostra Croce, di benedire le vostre fatiche, i vostri sudori, il vostro lavoro, di dare salute e prosperit alle famiglie, di proteggere ed amare i cari lontani. Voglia Ges esaudire il mio augurio pasquale e la mia preghiera costante. Buona Pasqua! Buona Pasqua a tutti!

Prima di presentarvi l'orario delle Funzioni Sacre della Settimana Santa, permettete alcune paterne raccomandazioni ed alcuni doverosi avvertimenti: La Settimana Santa ci ricorda il Mistero fondamentale della nostra Religione: Passione, Morte e Risurrezione di Ges, nostro Salvatore . Siate presenti, sempre in orario, a tutte le Funzioni Sacre. Un vero cristiano deve vivere ogni santo giorno della Settimana Maggiore con fede profonda e con riconoscente amore. Venite alla benedizione delle Palme per cantare il vostro Osanna al Figlio di Davide e ricevere l'olivo benedetto, che porterete nelle vostre famiglie come simbolo di pace. Non mancate alle ore di Adorazione stabilite per i fedeli della vostra contrada. E' un atto di amore e di riconoscenza a Ges, che pat e mor per tutti. All'ultima ora di Adorazione (ore 19-20) della Domenica delle Palme, del Luned Santo e del Marted Santo, sono invitati gli uomini ed i giovani e tutti quei fedeli, che non hanno potuto venire durante il giorno. Verr celebrata la Santa Messa vespertina e distribuita la Comunione a chi lo desiderasse.

Il nostro Altare

BOLLETTINO PARROCCHIALE

Si fa un invito particolare alle signore e alle signorine, di accostarsi al Sacramento della confessione durante le 40 Ore. Noi sacerdoti saremo sempre a disposizione. Esse, cos facendo, avranno la possibilit di ricevere Ges in ogni giorno della Settimana Santa. Il Gioved Santo pomeriggio riservato alla confessione dei bambini, delle signorine e delle signore. Nel pomeriggio del Sabato Santo, dalle ore 15 in poi, Confessioni per tutti. Alla sera, e precisamente dalle 19 alle 22,45, i sacerdoti confesseranno soltanto gli uomini ed i giovani. Si raccomanda la presenza alle suggestive cerimonie dalla Vigilia Pasquale, che avranno inizio alle 22,45 del Sabato Santo. Attenzione alle regole del digiuno Eucaristico: Dalla Chiesa prima della Comunione comandato: 1) Il digiuno di tre ore dai cibi solidi e dalle bevande alcooliche. 2) Il digiuno di un'ora dalle bevande non alcooliche. 3) L'acqua non rompe il digiuno eucaristico.

Ore Ore

Lighezzoli - Zamboni - Fuccenecco - Maso; 10 Roma - Canderle - Battiston Cavrin; 11 Scuole; 12 Suore - Macello - Munari - Garibaldi e Piazza. Pomeriggio 13 Cervi - Pr - Ronzi - Ase - Costa - Nolle; 14 Bezze - Spagnoli - Spini e tutte le contrade del Mogentale; 15 Bettale - Radar - Benetti; 16 Canova - Ressi - Masolo; 17 Costamala - Pistore - Sella - Tamazzolo - Fornasa - Piombi - Rotonda; 18 Collo - Leparo - Paoli - Molesini - Mazzolati - Scrivan; 19 Uomini e giovani con S. Messa e discorso; 20 Chiusura. GIOVEDI' SANTO S. Messa di Gloria e Comunione Pasquale dei bambini e delle donne. Dopo la S. Messa inizio adorazione del S. Sepolcro. VENERDI' SANTO Via Crucis; S. Messa dei Presantificali - Predica e Processione.

Ore 19

Ore 15 19

DOMENICA DELLE PALME Ore 10,30 Benedizione delle Palme e Santa Messa cantata. Segue esposizione solenne ed inizio 40 ore. Pomeriggio delle Palme Ore 12 Adorazione Suore; 13 Signorine; 14 Classi I, II, III, IV, V della Dottrina Cristiana; 15 VI classe e adolescenti; 16 Donne; 17 Contr Munari - Macello - Garibaldi e Piazza; 18 Canova e Roma; 19 Uomini e giovani con S. Messa e discorso; 20 Chiusura. LUNEDI' e MARTEDI' SANTO Mattino Ore 7 Esposizione e S. Messa; 8 Doppio - Lissa - Lambre - Ganna - Beber - Ruste;

SABATO SANTO Ore 22,45 Benedizione del Fuoco e del Sacro Fonte e S. Messa del Gloria. Comunione generale degli uomini e dei giovani. DOMENICA DI PASQUA Ore 10,45 S. Messa cantata; 15 Vesperi solenni. Buona Pasqua!

Benedizione Pasquale delle famiglie


Dopo Pasqua, il sacerdote far una visitina a tutte le famiglie, portando gli auguri e la benedizione pasquale. Accoglietelo con figliale devozione. Ricordate per che la benedizione della gioia e della prosperit condizionata agli animi ben preparati e ben disposti. In qualche diocesi del Trentino, il parroco non benedice quelle famiglie dove, anche un solo membro di esse, non abbia fatto pasqua. Che cosa dovrei fare per molte famiglie di Posina? Il sacerdote porta la benedizione a tutti: cosa lodevole allora che tutti siano presenti.

BOLLETTINO PARROCCHIALE

Le spose e le mamme preparino sulle loro tavole le fotografie degli sposi e dei figlioli lontani. Essi forse non avranno la gioia di avere la benedizione pasquale, perch vivono in ambienti dove non c' questa bella usanza. La riceveranno dalla mano e dal cuore del vostro stesso sacerdote nel momento in cui essa scender copiosa nelle vostre famiglie.

Possiamo arrivare in tutte le contrade per rivolgere una parolina a tutti i devoti di Maria? E' cosa impossibile! Per quest'anno i Fioretti saranno predicati ogni sera nella Chiesa parrocchiale alle ore 20,30 ed a sere alternate: nella Chiesetta dei Cervi, ore 19,45; davanti al Capitello del Doppio, ore 20,15; nella Chiesetta della contr Bettale, ore 19,45; davanti al Capitello della contr Lighezzoli, ore 19,45. Non dimenticheremo poi le altre contrade che desiderassero la presenza del sacerdote almeno una volta alla settimana.

Nel 1917, la Vergine Santissima, apparendo ai tre pastorelli di Fatima, aveva detto: Ges vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato. A chi la praticher prometto salvezza. Queste anime saranno predilette da Dio e come fiori saranno collocate da me dinanzi al suo trono . Ecco dunque quanto ci chiede la Madonna: che siamo devoti al suo Cuore Immacolato. E ci ha pure indicato quello che dobbiamo fare: Rosario tutti i giorni. A Lourdes lo raccomand, a Fatima, in tutte le sei apparizioni, esort a recitarlo quotidianamente. Come risponderemo noi all'invito della Madonna? La nostra risposta deve essere solo questa: recitare ogni giorno il Santo Rosario. In tutte le contrade ci si raccolga ogni sera davanti al capitello, sia recitato il Rosario devotamente, adagio e meditando i misteri. Cos, in questo mese di maggio 1960, onoreremo il Cuore Immacolato di Maria. Lei ci prender sotto il suo manto e ci custodir come suoi figli prediletti.

Cari amici lontani, Maggio in tutto il mondo! Voi senz'altro ricorderete i gruppi devoti attorno ai Capitelli e alle piccole nicchie, che i vostri nonni hanno eretto in ogni contrada. Qualche volta, forse, o per forza o per buona volont, vi siete trovati in essi, a pregare con cuore la Mamma di tutti, la Mamma dei poveri. A Lei avete domandato salute, lavoro, una sistemazione pi cristiana! La Regina del Cielo vi ha aiutati! Ora siete contenti, sistemati, accasati. Lo dovete anche a Lei, che si premura della vostra sistemazione materiale, perch, meno preoccupati di essa, abbiate il tempo di pensare di pi alla vostra anima. Cos, lontani da tutti, anche dai ricordi pi cari, abbiate fiducia: c' una Mamma che veglia e che prega per voi. La vostra mamma terrena, durante questo bel mese di Maggio, sgrana piangendo e sospirando il suo caro Rosario; ma non potete sentire il suo affetto, non potete vedere quelle lacrime d'amore e di preoccupazione. Ve le porta per, esile, silenziosa e sorridente la Mamma di tutti: Maria Santissima Le raccoglie qui in Italia e in un lampo in tutto il mondo. A sera raccoglietevi un momentino. Ascoltate... nel cuore vostro vibrer dolcemente la voce della Mamma. Sentirete la carezza soave della Regina dei Cieli invocata da quella creatura lontana che vi ha dato alla luce. Pregate anche voi: Ave Maria . Forse in quel momento stesso, si muovono le labbra care della vostra mammina, dai capelli d'argento, per dire sussurrando: Ave Maria . E Maria sar presente da un capo all'altro del mondo per confortare, benedire ed aiutare!

BOLLETTINO PARROCCHIALE

Nella seconda Domenica di Maggio una ventina di bambini e di bambine faranno la loro Prima Comunione. Sar uno spettacolo commovente, un tripudio dei cuori e una festa delle famiglie. Voi, genitori carissimi, godete che i vostri figli si incontrino con Ges per la prima volta. Nel prepararli siate pi preoccupati della loro anima che del loro corpo; della veste interna della grazia di Dio, che deve ornare l'anima pi che della veste esterna, che deve coprire il corpo. Tenete lontano da loro ogni vanit e frivolezza. Nei giorni immediatamente precedenti alla grande festa aiutateli a prepararsi alla loro prima confessione. Allontanate dalla vostra casa ogni motivo di disordine, di dissipazione, di discordia; fate intorno ai vostri piccoli un ambiente di preghiera, di raccoglimento, di bont. Preparatevi voi stessi a fare una bella S. Comunione insieme con i vostri piccoli e con i loro fratelli e familiari. Fate in modo che il giorno della Prima Comunione sia un giorno di paradiso per i piccoli neocomunicati e per tutta la famiglia. Portateli alla S. Comunione pi spesso che possibile, magari ogni giorno. Non abbiate paura di Ges: Egli la vera Vita dell'anima. Sia vostra suprema cura che i vostri piccoli conservino e accrescano sempre la bont del loro grande giorno.

Nel giorno di S. Marco e nel triduo precedente la festa dell'Ascensione si fanno in tutte le parrocchie le processioni dette delle Rogazioni . Le Rogazioni hanno lo scopo di impetrare le benedizioni di Dio sulle nostre campagne e di allontanare da noi i flagelli della Giustizia divina. Questa pia pratica delle Rogazioni ebbe inizio nella diocesi di Vienne (Francia) nel secolo V, per iniziativa del Vescovo S. Mamerto, il quale ordin che si facessero solenni processioni di penitenza nei tre giorni che precedevano la Festa della Ascensione. Nell'anno 816 il Papa Leone III la stabil per Roma e di qui si diffuse rapidamente in tutta la Chiesa. A Posina le processioni si terranno con il seguente programma: 25 Aprile: S. Messa in parrocchia alle ore 7 e processione ai Zamboni. 23 Maggio: Processione alla Ganna con partenza alle ore 7 e S. Messa ai Cervi. 24 Maggio: S. Messa in parrocchia alle ore 7 e processione al Collo. 25 Maggio: Processione in contr Spagnoli e S. Messa al Cimitero. Tutti i buoni cristiani devono sentirsi in dovere di partecipare a queste pubbliche suppliche, implorando con fede e spirito di penitenza la benedizione del Signore sui nostri campi e su tutte le nostre cose.

(Ottobre 1959 - Marzo 1960) Battesimi: Losco Graziano di Giuseppe (Baruccio); Cervo Nereo di Italo (Cervi); Costabeber Dario di Antonio (Beber); Bonetti Daria di Bruno (Benetti). Matrimoni: Zambon Adelchi con Toldo Luigina; Cervo Angelo (Francia) con Canderle Elsa; Costaganna Ren con Benetti Maria; Fabris Angelo (Padova) con Losco Rina. Morti: Sella Silvio, anni 53 (Costamala); Canderle Maria, anni 43 (Canova); Cecchellero Giuseppe, anni 43 (Munari); Zambon Maddalena, anni 79 (Ase); Gorlin Martina, anni 73 (Xomo); Beber Angelo, anni 99 (Doppio); De Pretto Bruno, mesi 6 (Spagnoli); Ferracin Teresa, anni 73 (Lambre); Costaganna Oliva, anni 68 (Lambre); Cortiana Severina, anni 51 (Macello).

BOLLETTINO

PARROCCHIALE

Giovani, amici miei! Dopo un lungo inverno tanto freddo e noioso, attendiamo ansiosamente il ritorno della primavera, che abbia da mutare il triste paesaggio invernale, in un ridente paesaggio, pieno di verde, di fiori, di luce, di sole, di canti, di profumi. Tutto si attende dalla primavera: la stagione della speranza. Forse voi sarete meravigliati come mai in questo tempo si parli tanto di voi, dei giovani in genere: sui giornali, alla radio, alla televisione, nelle conferenze. Si parla di voi in bene e in male, a proposito e a sproposito. Il perch di tanto parlare unico: voi siete la speranza del domani, voi siete la primavera della societ. Anche in casa vostra, gli occhi di tutti sono fissati su di voi, si spera tutto da voi. Una famiglia senza giovani una famiglia senza speranza, senza vita, senza gioia. Cos anche in una parrocchia: se manca la giovent, la vita parrocchiale intristisce, muore. Qui a Posina ci sono giovani e tanti giovani, ma come sono? Ormai vi conosco tutti: siete dei bravi giovani, pieni di buona volont, bravi lavoratori, allegri, gioviali, simpatici. Religiosamente siete altrettanto? Vorrei dir di s, o quasi s, ma per ora non posso. Non vivete ancora la vita parrocchiale. Venite anche a Messa, alla festa: ma per un giovane d'oggi, troppo poco per potersi dire buon giovane e mantenersi buon giovane. Nostro Signore ha istituito i Sacramenti per comunicarci la Sua vita, per farci felici. Non frequentando i Sacramenti, non si ha la vita di Dio in noi, allora ecco il perch di tanti giovani disorientati e tristi. Ma voi avete tanta buona volont e allora si pu sperare ad un domani pi bello e si possa avere anche a Posina una fiorente

Azione Cattolica con dei giovani buoni e generosi. Mi dispiace che ancora non si abbia un ritrovo attrezzato, ove voi possiate passare le vostre serate in serena letizia, lontani da ambienti tante volte non adatti, ove si impara di tutto, fuorch il bene e l'onesto. Ma speriamo nella Provvidenza e si possa avere quanto necessario per accontentare i vostri gusti e i vostri desideri. Allora non ci vedremo soltanto al sabato sera per una breve conferenza, ma i nostri incontri saranno pi frequenti e impareremo insieme tante belle cose e passeremo le nostre serate in perfetta letizia. Colgo l'occasione per farvi anch'io, cari giovani vicini e lontani, il mio pi bel augurio di Buona Pasqua col Signore Risorto in tutti i cuori! Don Giovanni

Sono certamente pochi i paesi come il nostro dove la giovent quasi completamente manca alla vita religiosa. Da uno sguardo in Chiesa, durante la Messa domenicale, si pu pensare che il paese di Posina sia abitato soltanto da persone di mezza et o anziane. E' questo il primo e pi valido elemento per dedurre che manca nella giovent la educazione religiosa, cristiana. Deduzione, che del resto si pu fare assistendo ai discorsi o conversazioni che si tengono in piazza o nei ritrovi pubblici ove raramente si coglie qualche frase e pensiero ispirati a sentimenti cristiani. Al contrario invece, si coglie con assidua frequenza e regolarit la bestemmia, inutilmente, sembra, condannata con tanta rigorosit dal Codice Penale (articolo 724). Ma quali sono le cause per cui cos poco sentita la vita religiosa nella giovent nostra? Si pu assolutamente escludere che la colpa sia del Clero. Infatti questo non ha mai mancato di rivolgere continui ed affettuosi appelli per una maggiore frequenza alla Chiesa ed ai Sacramenti. Credo che la causa di questa indifferenza vada ricercata nella educazione familiare. Qui da noi, gl'interessi materiali, hanno sempre nettamente dominato sugli interessi

BOLLETTINO

PARROCCHIALE

spirituali: si pensa prima di avere completato il lavoro nel campo, nei prati, e poi, ma se c' tempo, si scende alla Chiesa, altrimenti le campane si lasciano suonare per gli altri. E' in base a questi principi, a questo modo di pensare che si regola la vita dei genitori, che vengono educati i figli. Quanto spesso si sente dire nelle famiglie: Oggi in Chiesa non ci vai, perch c' il tal lavoro da fare! . Oppure: Imparare a leggere, a scrivere e a fare i conti che questo che serve e non lo studiare la religione o l'andar dal prete! . E anche se non ci fossero queste frasi, basterebbe il comportamento ispirato a interessi materiali dei genitori, per inculcare nella mente del giovinetto l'idea che la religione un sovrappi, un qualche cosa cui

dedicarsi quando si ha tempo, ma sempre per niente. Non c' altro ambiente in cui si impari tanto, in bene o in male, come in quello familiare. E l che si assorbono quei principi, quelle direttive su cui si costruisce la propria vita. Per quanto si studi e si giri e si viva in ambienti diversi, ci si accorge un giorno che il nostro modo di pensare e di comportarci ha la sua prima origine nell'educazione e nell'esempio datoci in famiglia. Ci si potr dimenticare come si fa una divisione o qual' la capitale d'Italia, ma mai un' Ave Maria o una bestemmia imparata accanto al focolare domestico. Ricordiamo il detto del Maestro Divino: Non pu un albero buono dare frutti cattivi, come del resto nemmeno l'albero cattivo dar frutti buoni . Un giovane di Posina

Abbiamo, si o no, delle meravigliose rappresentanze di Posina in volta per il mondo? Questi graziosi bimbi, sono il vostro orgoglio, cari genitori lantani, ma sono anche il nostro onore e la nostra gioia. Come andata a Natale? Un tempaccio da Vigili, che prometteva una nottata tremenda. Acqua e neve, neve ed acqua! Tremavo per la riuscita della Messa di Mezzanotte. Ma invece tutt'altro! Sfidando la neve, il vento da tormenta, e il freddo i miei bravi uomini ed i buoni giovanotti sono venuti. Una bella Messa cantata, alla Comunione 150 uomini, pastorelle di Natale a 4 voci dispari, campane a distesa! Ho sentito diversi delle contrade pi scomode uscire in questa espressione: Se non fosse stato per quel tempaccio da Siberia, sarei venuto a costo di rompermi il collo! . Bene! Allora vi aspetto a Pasqua tutti! Speriamo che in quella notte il tempaccio e la Siberia se ne stiano a casa loro! E la neve? C' da ringraziare il Signore che non l'abbiamo pi sotto i piedi. S' ritirata sui mille metri e lass ce n' per tutta la estate! Questa volta le trote di Posina non si lascieranno prendere per la coda dai nostri ragazzini, perch acqua ce ne sar sempre in abbondanza, fresca e cristallina. A Posina quindi neve per tutto l'inverno. Ho detto a Posina, perch ad Arsiero riuscita appena a sporcare i tetti. Qui abbiamo visto il sole pallido pallido una o due volte.

Il sorriso di Robertino, agli amici vicini e lontani, questa volta sostituisce il pi bel fiore che avessi potuto cercare per voi, cari Emigrati. Egli vi dice ancora una volta: BUONA PASQUA! . Robertino ha gi un anno e mezzo... molto birichino, ma la nostra consolazione e il nostro giocattolo. Borbotta tanto ed tanto intelligente. Quando torna pap gli fa un sacco di moine: prende subito la sedia perch si sieda, e poi gli d tanti bacini e gli fa mille carezze. Se vedessero che tesoro!... . Le parole tra grafette le ho rubate da una letterina inviata da Johannesburg. E' contenta mamma Miriam? Sara contento senz'altro anche il buon pap di Robertino.

BOLLETTINO PARROCCHIALE

Ormai tutti vogliono avere la comodit di poter tornare a casa... in automobile! Dalla contr Munari fino ai Ronzi sta per essere aperta una strada della larghezza di sette metri, sempre in previsione che venga aperta alla normale viabilit il Passo della Borcola. La prima nevicata del 1960 La provinciale (sic!) Arsiero-Posina, via S. Rocco, per quest'anno dovrebbe essere un fatto compiuto. Per essa si adoperano continuamente la nostra amministrazione e quella di Arsiero. Per questa benedetta strada, rimarr sempre vero il detto: Chi la dura la vince . Un grosso cantiere ha gi incominciato la erezione della Colonia in Via Cavrin. Pensano i Dirigenti che per il prossimo autunno sar portata al coperto. Ci son state due grosse nevicate: una da mare e l'altra da montagna: 70 centimetri di neve la prima volta e 50 centimetri la seconda. Non vi parlo delle altre nevicate minori. Che se la neve fosse rimasta sempre cos come era caduta, con la sovrapposizione delle diverse nevicate, avrebbe raggiunto il livello di due metri e mezzo qui in paese. Da Johannesburg han passato alcuni giorni in famiglia Giuseppe e Renato, partiti di l con altri amici della parrocchia di Fusine. Li abbiamo visti ben volentieri. A tutti quelli del Sud Africa un saluto affettuoso. A Giuseppe ed a Renato ancora una volta: Quando li mangeremo 'st confetti? . Le belle ragazze di Posina aspettano. Nel mese di marzo si son viste partire altre care persone di Posina. Chi per la Germania, chi per la Svizzera, chi per la Francia, chi per il Canad, chi per l'Australia! A tutti buona permanenza e buon lavoro! Amate e ricordate il Signore!.., Ren e la sua sposetta hanno fatto buon viaggio? Novit di rilievo: La prossima apertura di una cava di marmo posta sul Novegno in Val dei Grigi e in Salto delle capre . Fra giorni verr costruita la tramoja presso la contrada di Montefiore. I bravi uomini delle contrade Ganna e Ruste stanno costruendo una strada interpoderale, che parte dalla strada grande, attraversa la contrada Ganna e raggiunge poi le Ruste. A proposito di strade interpoderali in progetto quella che dalla Rotonda sale al Tamazzolo e su su fino alla Sella. Per finire! E' stato concluso il Corso di lingua francese, promosso dalla Camera di Commercio. La frequenza stata lodevole: 22 alunni hanno affrontato coraggiosamente gli esami e sono stati promossi nonch licenziati in belle lettere francesi . A Tutti la mia benedizione! Don Ferdinando

Zambon Elisa (Sud Africa) L. 1.000 Bettale Rodolfo (Francia) franchi 500 Sella Alfonso (Australia) sterline 2 Lighezzolo Agnese (Australia) L. 1.000 Lighezzolo Oreste (Australia) L. 5.000 Losco Sofia (Francia) L. 1.000 Costaganna Onorina (Sud Africa) L. 2.500 Sella Giuseppe (Sud Africa) L. 5.000 Zambon Renato (Sud Africa) L. 5.000 Costa Ernesto (Belgio) L. 5.000 Costaganna Ren (Australia) L. 2.000 Losco Natalina (Lussemburgo) franchi luss. 200 Lighezzolo Ivana e Maria (Australia) sterline 2. Un vivo ringraziamento a tutti. Vi ricorder in modo particolare al Signore, perch ricompensi degnamente la vostra generosit. Imprimatur - Vicenza, 6 Aprile 1959
MONS. C. FANTON, V. G.

Scuola Tipografica Istituto S. Gaetano - Vicenza