Sei sulla pagina 1di 2

Siti preistorici e romani

Castelli, torri e dimore visitabili


11
15

Castelli, torri e dimore


10
12

visitabili esternamente

Chiese e santuari
3

Architettura tradizionale
11

21

32

18

30

13

Ponte romano Pont-Saint-Martin Il Ponte romano di Pont-SaintMartin fa parte di tutta una serie di opere viarie realizzate dai romani per agevolare i trasporti e il controllo del territorio. Questo monumentale ponte scavalca le acque del torrente Lys a 23 metri di altezza, con ununica arcata della lunghezza eccezionale di 36 metri. Fino a met Ottocento costituiva ancora un passaggio obbligato della strada verso Aosta, ed oggi uno dei pi belli e meglio conservati del mondo romano.

Ponte di pietra Aosta Il Ponte romano sul Buthier, di epoca augustea, costituito da un arco a sesto ribassato di grossi conci di pietra, del diametro di circa 17 metri. Nel corso dei secoli diverse alluvioni lo interrarono progressivamente nch, nellXI secolo, il torrente spost il suo alveo nei pressi dellArco di Augusto, dove scorre ancora oggi.

Porta Prtoria Aosta La Porta, che costituiva lingresso orientale della citt, la pi grande giunta a noi dalla romanit. Perfettamente conservata, risale al periodo della fondazione di Augusta Praetoria ed formata da una doppia cortina muraria di blocchi di puddinga, aperta in basso da tre arcate.

12

Criptoportico romano Aosta Il criptoportico, edicio seminterrato di et augustea, costituito da una galleria a due navate, sostenuta da imponenti arcate in travertino. La sua funzione era principalmente strutturale e venne progettato per regolarizzare il dislivello del terreno e reggere il porticato che circondava ladiacente area sacra (di cui ancora visibile il basamento di due templi afancati). Si trattava probabilmente di un passaggio coperto che prolungava il porticato del Foro.

Ponte-acquedotto romano di Pondel Aymavilles Il ponte-acquedotto fu realizzato nel 3 a.C. Di propriet del potente colono Caio Avilio Caimo, venne costruito molto probabilmente per consentire lapprovigionamento idrico di una propriet terriera ipotizzabile nel sito del villaggio odierno. Particolarmente suggestivo e ardito, costituito da un passaggio coperto e da una sovrastante condotta per lacqua.

Castel Savoia Gressoney-Saint-Jean Il castello fu fatto costruire dal re Umberto I in omaggio alla regina Margherita. La reale palazzina di Gressoney, progettata in stile eclettico, fu terminata nel 1904. Nel 1990 nel parco del castello stato allestito un giardino botanico.

Castello di Verrs Il castello fu fatto costruire, intorno al 1390, da Ibleto di Challant. La struttura un imponente cubo di pietra ingentilito da bifore, nestre crociate e porte ad arco. Al suo interno si trovano un monumentale scalone e alcuni grandi camini, fra i pi belli della Valle dAosta.

Castello di Sarre Situato su di un poggio nella conca di Aosta, il castello domina lingresso allalta Valle. Il suo aspetto attuale risale ai primi decenni del XVIII secolo, ma la struttura si articola intorno ad un nucleo pi antico, eretto probabilmente nel XII secolo. Nel 1869 fu acquistato dal re Vittorio Emanuele II per farne la sua dimora di caccia. Signicative sono la galleria e il salone dei trofei. Oggi si presenta come museo della presenza dei Savoia in Valle.

Castello di Gamba Chtillon Commissionato dal barone Maurice Gamba, fu realizzato nel 1911 su progetto di Carlo Saroldi. Si tratta di un imponente edicio caratterizzato da una torre centrale. circondato da un grande parco con alberi centenari, in cui possibile effettuare passeggiate.

Castello di Aymavilles Gli scavi archeologici di questi ultimi anni hanno portato alla luce i resti di un primitivo donjon. Ai notevoli interventi del Trecento, agli inizi del XV secolo furono aggiunte le quattro torri angolari. Nel primo Settecento, lantico maniero fu trasformato in unelegante dimora signorile. Il castello circondato da un ampio parco.

Chiesa di San Giacomo (Museo) Issime Ledicio attuale fu interamente ricostruito alla ne del XVII secolo, epoca a cui risalgono gli affreschi della facciata, rafguranti il Giudizio Universale. Il grandioso altare maggiore fu realizzato alla ne del Seicento. Allingresso allestito il museo darte sacra.

15

33

Chiesa di San Martino (Museo) Antagnod Lattuale edicio, a tre navate separate da colonne monolitiche, il risultato di un rifacimento ottocentesco. Linterno conserva uno tra i pi imponenti altari barocchi della Valle: consacrato nel 1716, ornato di numerose e pregevoli statue di epoche diverse. Nella cappella del cimitero si trova il museo darte sacra.

17

25
Forte di Bard La prima citazione di un insediamento forticato a Bard risale allXI secolo. Il castello medievale fu raso al suolo dalle truppe napoleoniche nel 1800 dopo aver resistito per diversi giorni. La costruzione della fortezza attuale fu terminata nel 1838. Dismessa dal demanio militare nel 1975, oggi sede del Museo delle Alpi. Castello di Ussel La costruzione del castello, che conserva ancora la struttura originaria, risale al 1343. Nel corso del XIX secolo pass ai Passerin dEntrves e da questi ai Bich. Dopo lultimo restauro, sede di mostre temporanee.

12
Castello di Nus Ledicio, nella sua parte pi antica, risale almeno al XIV secolo. Lassetto denitivo, pi volte modicato nel corso del tempo, presumibilmente frutto di una ristrutturazione avvenuta intorno al 1595, data incisa sullarchitrave dellingresso. Santuario di Machaby Arnad Situato in mezzo ad un bosco di castagneti, questo santuario mariano raggiungibile a piedi percorrendo una mulattiera. Esistente gi nel Cinquecento, alla ne del XVII secolo ledicio venne ingrandito con laggiunta delle navate laterali. Il 5 agosto vi si celebra la festa della Madonna delle Nevi.

2
Arco dAugusto Aosta LArco onorario di Augusto fu eretto allepoca della fondazione della citt, nel 25 a.C., per commemorare la vittoria delle truppe romane sulla popolazione dei Salassi. Larco, con un solo fornice, costruito in blocchi di puddinga e presenta una mescolanza di stili. Lattico mancante venne sostituito nel 1716 da un tetto dardesia a quattro spioventi.

Strada romana Donnas Aosta divenne un fondamentale punto di passaggio lungo la via che da Ivrea andava a Lione. La strada consolare delle Gallie rimase in uso praticamente no allOttocento ed oggi ancora visibile attraverso i suoi resti: pareti rocciose tagliate, tratti di terreno accidentato spianati, muri di sostegno costruiti sugli strapiombi delle montagne, arditissimi ponti innalzati a scavalcare i torrenti. In particolare, meritano di essere visitati il tratto spettacolare di Pierre Taille, in comune di Avise, e quello di Donnas. Qui larco che sovrasta il tratto di strada lastricata ricavato nella roccia viva e presenta un archivolto accuratamente lavorato e rinito.

Teatro romano Aosta Limponente edicio risale probabilmente allet augustea, anche se successivi interventi ne modicarono parzialmente la struttura. La monumentale facciata presenta in basso una sequenza di arcate sovrastate da nestre di dimensioni varie. Caratteristica la cavea, inserita in una struttura rettangolare, che facilitava la copertura stabile dello spazio riservato al pubblico.

18
Cromlech del Piccolo San Bernardo La parola cromlech indica un grande cerchio di pietre insse nel terreno. Si tratta di un tipo di costruzione destinata ad attivit di culto e/o di osservazione. La datazione esatta ancora incerta, ma il sito potrebbe risalire allet del bronzo, anche se alcuni lo ritengono pi antico. Il grande cerchio di pietre situato sul Colle del Piccolo San Bernardo, al conne tra Italia e Francia, uno dei pochi ritrovati in Italia, e pertanto riveste un grande interesse storico e astronomico. Il cromlech attualmente costituito da 46 pietre disposte a formare vagamente una circonferenza, e non da escludere la possibilit che in origine vi fosse un dolmen nel centro.

10

14

Area megalitica di St-Martin-de-Corlans Aosta Il sito megalitico rimase in uso circa dal 3.000 al 1.900 a.C. Si tratta di unarea sacra, delimitata da unaratura rituale, che comprende allineamenti di pali e varie strutture: menhir, dolmen, sepolture, grandi stele antropomorfe decorate e una piattaforma triangolare.

Chiesa paleocristiana di San Lorenzo Aosta La chiesa primitiva, del V secolo, presentava una pianta a forma di croce latina e unabside al termine di ogni braccio. Distrutta in epoca carolingia, fu ricostruita nei secoli XI-XII e modicata in epoca tardogotica. Lattuale edicio risale al Seicento.

Villa della Consolata Aosta La villa, di epoca romana, presenta una pianta di forma rettangolare, compatta, in cui predominano gli ambienti a carattere residenziale. Loriginario impianto tardorepubblicano appare modicato pi volte, in particolare nel corso del II secolo d.C.

Castello di Issogne Edicato su un sito frequentato in epoca romana, il castello assunse lattuale aspetto di palazzo residenziale alla ne del Quattrocento. Si deve a Giorgio di Challant-Varey la decorazione degli interni con rafnate pitture murali. Nel cortile, circondato da un porticato con affreschi rafguranti scene di vita quotidiana, si trova la celebre fontana del melograno in ferro battuto.

Castello di Fnis Il castello noto per la sua straordinaria architettura e soprattutto per la potenza evocativa delle sue torri e mura merlate. Laspetto odierno il risultato di trasformazioni succedutesi nel tempo, di cui la pi rilevante quella promossa da Aimone di Challant verso la met del XIV secolo. Sono celebri gli affreschi del cortile e della cappella eseguiti nei primi decenni del Quattrocento. Il castello ospita il museo dellarredamento valdostano.

Castello Sarriod de La Tour Saint-Pierre Il castello si erge, protetto da unampia cortina muraria, nel comune di Saint-Pierre. Appartenuto no agli inizi del XXI secolo alla famiglia Sarriod de La Tour, presenta unarchitettura complessa. Composta da pi corpi di fabbrica, il risultato di ampliamenti e trasformazioni duso risalenti a epoche diverse. La cappella conserva affreschi della met del XIII secolo, mentre la sala principale nota per il softto ligneo sorretto da 171 mensole scolpite.

Castello di Chtel Argent Villeneuve Costruito su un fortilizio romano, il castello gode di una posizione particolarmente strategica. Si caratterizza per la presenza di una torre circolare e di una cappella di impianto romanico.

17

34

Castello di Quart Il castello costituito da diversi corpi di fabbrica dislocati allinterno di un recinto forticato. Tra questi, si segnalano lantico mastio, eretto sul punto pi alto del roccione, con frammenti di affreschi del XIV secolo, e la cappella, ricostruita allinizio del Seicento e ornata di pregevoli decorazioni a stucco. Il castello circondato da un bosco in cui si trovano alcune piante monumentali.

Castello di Introd Il castello menzionato nei documenti a partire dalla met del XIII secolo. La sua struttura, formata da un corpo di abitazioni a pianta poligonale, racchiude al suo interno una torre a pianta quadrata presumibilmente pi antica. Nel XIX secolo, una serie di incendi distrussero i fabbricati, gli archivi e il prezioso arredamento. Il castello venne restaurato nel 1910.

Chiesa di San Martino (Museo) Arnad La chiesa fu riportata allaspetto originario romanico negli anni Cinquanta del XX secolo, quando furono recuperati il caratteristico portale in tufo lavorato e le murature in pietra. Ledicio conserva interessanti affreschi di epoca quattrocentesca.

Collegiata e Priorato di SantOrso Aosta Testimonianza di grande rilievo artistico nel contesto del capoluogo aostano, la collegiata fu costruita, nei primi decenni dellXI secolo, sui resti di un edicio paleocristiano, gi trasformato in epoca carolingia. Della chiesa romanica restano la cripta e alcuni frammenti di affreschi. Al secolo successivo si deve la realizzazione del chiostro, ornato di stupendi capitelli istoriati datati 1133, e del mosaico pavimentale rafgurante Sansone che uccide il leone. Laspetto tardogotico risale ai rifacimenti della ne del Quattrocento, epoca in cui venne anche costruito ladiacente Priorato, adornato con rafnate decorazioni in cotto. La collegiata custodisce un patrimonio di opere darte e arredi, tra cui gli stalli e gli altari lignei, di grande rilievo.

Cattedrale di Santa Maria Assunta Aosta Le vicende architettoniche e artistiche della cattedrale abbracciano un lungo arco cronologico, dallepoca romana no al XIX secolo. Gli scavi archeologici hanno consentito di ricostruire le diverse fasi costruttive della chiesa, le cui origini risalgono alla ne del IV secolo. Il primitivo edicio, di dimensioni imponenti, sorse sulle strutture di un edicio preesistente romano, collocato a est del criptoportico, successivamente utilizzato per il culto della prima comunit cristiana. La costruzione della chiesa romanica, nucleo dellattuale struttura, viene assegnata dalle fonti ad Anselmo, vescovo di Aosta dal 994 al 1026. Del grande cantiere dellXI secolo sopravvissuto il ciclo di affreschi ritrovato nel sottotetto. Nel terzo decennio del XVI secolo venne realizzata la monumentale facciata, dedicata allAssunzione della Vergine. Nel corso del XIX secolo ledicio sub ulteriori trasformazioni, di gusto neoclassico. Nel deambulatorio si trova il Museo del Tesoro della Cattedrale, che espone importanti opere darte sacra.

Chiesa di Santa Maria Assunta Morgex La parrocchia, che tra le pi antiche della Valle dAosta, ha svolto un ruolo di primo piano nel comprensorio della Valdigne, come dimostrano le sue importanti testimonianze artistiche. Limpianto romanico della chiesa stato oggetto nel tempo di numerosi e radicali rimaneggiamenti, tra i quali quello della ne del XVII secolo che ha dato alledicio lassetto attuale. Allinterno si custodiscono testimonianze pittoriche di epoca diversa e pregevoli altari barocchi, oltre al ricco museo parrocchiale.

Villaggio di Mascognaz Ayas Si tratta di un tipico villaggio dalta quota, la cui costruzione risale alla prima met del XVII secolo. I fabbricati si caratterizzano per il notevole valore architettonico e storico.

Cascina La Ola Introd Costruita a sud del muro di cinta del castello, la cascina La Ola risale ai secoli XV e XVI. La costruzione principale, caratterizzata da porte ad arco, ospitava le scuderie e due enili. Un secondo corpo comprendeva labitazione e vasti locali per lessiccazione e la conservazione dei prodotti della cascina.

14
Petit-Monde Torgnon Il comprensorio noto con il nome di Petit-Monde include i tre villaggi di Triatel, Etirol e Ronc, che hanno mantenuto laspetto tipico del paesaggio abitato di montagna. Nel villaggio di Triatel si trova un interessante museo etnograco, allestito in edici della tradizione architettonica rurale.

33

26

Santuario di Notre-Dame de Gurison Courmayeur Situato in localit Berrier, nella cornice maestosa del Monte Bianco, tra i santuari pi conosciuti e frequentati della Valle dAosta. Consacrato dal vescovo Jans nel 1868, ledicio ha le pareti tappezzate di quadri, tavolette e oggetti ex-voto, a testimonianza della secolare devozione rivolta verso la Vergine qui venerata.

10

Maison Bruil Introd Si tratta di un edicio di notevoli dimensioni con una corte interna coperta. La forma attuale il frutto di unevoluzione architettonica articolata, databile tra il 1680 e il 1856. Allinterno stato allestito il Museo dellalimentazione alpina (apertura estiva).

19

Chiesa di Santa Maria Villeneuve Sorge in prossimit del castello di Chtel-Argent. Lattuale edicio, di impianto romanico, conserva numerose testimonianze delle fasi decorative interne.

Borgo di Etroubles In epoca romana era probabilmente laccampamento invernale della guarnigione del valico. Napoleone vi fece sosta nella sua discesa in Italia. Nel 1317 venne fondato lospizio, ancora funzionante nel XIX secolo. Il borgo ospita un interessante museo a cielo aperto di arte contemporanea.

Maison de Mosse Avise La famiglia dei DAvise costru questa casaforte nel villaggio di Runaz, nei pressi della strada romana delle Gallie. Verso la ne del 400 la casaforte fu trasformata in abitazione. Risalgono infatti al XVI secolo le belle nestre in stile tardogotico. E sede di esposizioni temporanee.

Una Valle di castelli, torri e caseforti

Architettura forticata
Ad Aosta, nel corso dellXI secolo, alcune tra le pi importanti famiglie valdostane erigono, sui resti di antichi edici romani, le proprie dimore, a scopo difensivo e di controllo. cos che la citt si guarnisce di torri e caseforti, come la Tourneuve, la Torre dei signori di SantOrso, la Tour Fromage, la Torre dei Balivi e la Torre di Bramafan, utilizzando talvolta materiale di spoglio degli edici romani. Laffermazione delle signorie locali allorigine della nascita delle numerose dimore forticate che caratterizzano il paesaggio lungo lasse centrale della Valle. A partire dal XII secolo, infatti, il fenomeno di emigrazione di importanti famiglie locali verso i territori rurali porta alla costruzione o al rinnovamento di edici forticati, nella maggior parte dei casi situati in posizione strategica. I castelli di Graines (Brusson), Cly (Saint-Denis) e Chtel-Argent (Villeneuve) rappresentano alcuni esempi della tipologia pi antica di architettura castellana. Attorno alla met del XIV secolo la tipologia costruttiva evolve nelle costruzioni monoblocco, caratterizzate dal progressivo attenuarsi degli elementi difensivi: ne sono esempio i castelli di Ussel e di Verrs. Proprio il castello di Verrs, nonostante il suo aspetto imponente, segna un ulteriore passo verso il prevalere delle esigenze residenziali, come dimostra la diffusa presenza di particolari decorativi di eccezionale qualit. Uno dei pi signicativi modelli di dimora tardogotica costituto dal castello di Fnis, oggetto di vaste campagne di ricostruzione e di decorazione tra la met del 300 e linizio del secolo successivo, volte ad adattare laustera dimora forticata alle esigenze della vita cortese. Il castello di Issogne rappresenta, alla soglia del XVI secolo, lultima tappa del processo di evoluzione verso il palazzo signorile urbano. Il castello deve il suo aspetto attuale a Giorgio di Challant, mecenate rafnato, al quale si lega la straordinaria oritura artistica della stagione tardogotica in Valle dAosta.

Un viaggio tra fede e arte

Architettura e arte sacra


La precoce diffusione del cristianesimo attestata, ad Aosta, dalla presenza di resti di edici paleocristiani di notevole interesse. Tra questi, possibile visitare, nei rispettivi siti, le fondazioni della chiesa di San Lorenzo e della primitiva cattedrale. Ai prelati borgognoni Anselmo e Burcardo si deve, in apertura di XI secolo, il rinnovamento architettonico delle pi importanti chiese urbane, la cattedrale e la collegiata di SantOrso, nei cui sottotetti sono ancora visibili brani di affreschi coevi. Nel XII secolo, i mosaici del coro della cattedrale, il mosaico pavimentale e i capitelli istoriati del chiostro di SantOrso, uno dei pi notevoli complessi di scultura romanica del mondo occidentale, testimoniano una produzione artistica di alta qualit, contrassegnata da inuenze transalpine. In epoca romanica e gotica, in parallelo allorganizzazione ecclesiastica del territorio, si assiste alla vasta edicazione di chiese, campanili e cappelle rurali. A questa fase costruttiva corrisponde una signicativa produzione di orecerie, sculture e arredi lignei. Eseguite in prevalenza da botteghe locali, queste opere sono tuttavia afancate da un cospicuo nucleo di oggetti importati dalle terre dOltralpe. Nel Quattrocento la produzione artistica valdostana raggiunge alti vertici di qualit: mecenati laici ed ecclesiastici legano il proprio nome a imprese di grande rilievo, che si inseriscono allinterno del panorama della produzione gotica cortese diffusa nel ducato di Savoia. Nei secoli successivi, la stagione barocca si denota come altro momento di particolare vivacit. Si caratterizza, tra la ne del XVII e linizio del XVIII secolo, dalla comparsa di maestri intagliatori valsesiani che realizzano grandiosi altari lignei, intagliati e riccamente scolpiti, tipica espressione della cultura gurativa di questo periodo in area alpina. Nei numerosi musei darte sacra, una trentina circa, presenti allinterno delle maggiori chiese parrocchiali valdostane, possibile ammirare questo notevole patrimonio artistico.

Le prime tracce delluomo

Epoca preistorica
Incisioni rupestri, tumuli, necropoli: in Valle dAosta sono decine i siti preistorici che raccolgono importanti testimonianze archeologiche e ci consentono di conoscere chi ha abitato questi territori in epoca preromana. Uno dei siti pi importanti senzaltro larea megalitica di Saint-Martin-de-Corlans ad Aosta, che n dal III millennio a.C. fu luogo di culto e poi di sepoltura, come testimoniato dal ritrovamento di stele antropomorfe, tombe e menhir. Nel territorio della Valle sono stati riportati alla luce insediamenti preistorici, come quello di Chtelet (Saint-Pierre), oltre a necropoli del periodo Eneolitico, come quelle di Villeneuve e di Vollein (Quart). Sono inoltre numerosi i siti che presentano delle caratteristiche incisioni rupestri: il caso di Bard, di Chenal (Montjovet) e di Barmasse (Valtournenche). Ai Salassi, popolazione celto-ligure dellet del ferro, appartenevano diversi insediamenti e siti forticati daltura, i cosiddetti castellieri, come quello di Lignan a Saint-Barthlemy. Questi coraggiosi e eri guerrieri mantennero il possesso del territorio no allarrivo dei romani, combattendo sessantanni di guerre no alla conquista denitiva e alla fondazione di Augusta Prtoria nel 25 a.C.

La colonia romana

Epoca romana
Limperatore Augusto fece edicare Augusta Prtoria nel 25 a.C. I romani dominarono la regione per cinque secoli lasciando imponenti testimonianze della loro presenza. Augusta Prtoria Salassorum divenne cos il simbolo della colonizzazione romana, un centro strategico per il controllo dei territori conquistati e delle vie di accesso ai valichi alpini del Piccolo e del Gran San Bernardo. Il progetto urbanistico rivela ancora oggi il classico impianto di forma rettangolare, diviso da isolati a scacchiera e scandito da due assi viari principali: il Decumanus maximus e il Cardo maximus, e da altre strade minori perpendicolari tra loro che formavano dei quartieri, le cosiddette insulae. La citt romana ancora visibile nelle linee principali e in molti edici signicativi. LArco dAugusto, monumento simbolo della grandezza augustea, fu costruito probabilmente nello stesso anno della vittoria sui Salassi. La funzione strategico-militare di Aosta evidenziata dalle mura forticate che la circondano, fra le meglio conservate di tutto il mondo romano. Agli angoli delle mura e lungo tutto il perimetro, a intervalli regolari, sorgevano delle torri quadrangolari. Quelle che ancora oggi conservano la maggior parte delle caratteristiche originarie sono la Tour du Pailleron e quella del Lebbroso. Delle quattro porte di entrata alla citt ancora ben visibile quella orientale, la monumentale Porta Prtoria, che ne costituiva il principale ingresso. Lo spazio in prossimit di questa porta era destinato ai pubblici spettacoli. Qui furono costruiti il grandioso Teatro, di cui rimane limponente facciata meridionale, e lAnteatro, parzialmente leggibile perch inglobato nellattuale convento di Santa Caterina. Uno dei luoghi pi integri e suggestivi di Aosta romana il criptoportico, una galleria semisotterranea sostenuta da possenti arcate in travertino, che faceva parte dellampia struttura del Foro. Altra grandiosa opera la strada delle Gallie che inseriva la regione nel grande transito delle vie internazionali, raggiungendo Aosta per poi biforcarsi e dirigersi verso i valichi alpini. La strada consolare rimase in uso no allOttocento. Fra i ponti che furono costruiti lungo il percorso si ricordano quelli di Pont-Saint-Martin, di Saint-Vincent e di Chtillon.

Cromlech del Piccolo San Bernardo Stele antropomorfa, n. 30 Criptoportico, Aosta Frammento di volto maschile, MAR, Aosta Balteo di bronzo, MAR, Aosta

Castello di Fnis Castello di Verrs La lunetta del mercato, castello di Issogne

Chiostro, collegiata dI SantOrso, Aosta La Nativit, Cattedrale, Aosta Cristo crocisso, cappella del castello, Fnis

Chiese e santuari
1

Musei, biblioteche, sedi espositive e didattiche


9 10 11 12 13 14 15 16 17

Santuario di Notre-Dame-de-la-Garde Santuario di San Grato Chiesa di San Giacomo (Museo) Santuario della Madonna delle Grazie Chiesa di San Giovanni Battista (Museo) Santuario di Retempio Santuario di Notre-Dame-des-Neiges Santuario di Machaby

2 3 4

6 7

Chiesa di San Martino (Museo) Prevostura di Saint-Gilles Chiesa di San Martino (Museo) Chiesa di San Vincenzo (Museo) Chiesa di San Martino (Museo) Santuario di Saint-Julien Santuario di Cuney Santuario di Plout Collegiata e Priorato di SantOrso Cattedrale di Santa Maria Assunta

19 20 21 22 23 24 25 26

Chiesa di Saint-Etienne Chiesa di SantIlario (Museo) Eremo di San Grato Chiesa di La Madeleine Chiesa di San Maurizio Chiesa di Saint-Lger Chiesa di SantOrso Chiesa di Santa Maria

27 28 29 30

Chiesa di San Sulpizio (Museo) Chiesa di San Grato (Museo) Chiesa di SantOrso Chiesa di Santa Maria Assunta (Museo) Chiesa di San Nicola (Museo) Chiesa di San Pantaleone Santuario di Notre-Dame-de-Gurison

1 2

Alpenfaunamuseum Osservatorio astronomico di Saint-Barthlemy Centro Saint-Bnin Biblioteca regionale Museo archeologico regionale (MAR) Museo minerario alpino

7 8 9

3 4 5

Muse Cerlogne Museo Giovanni Paolo II Museo alpino Duca degli Abruzzi Museo delle Alpi Museo di scienze naturali

S U I S S E

2 11

31 32 33

18

20

19


10 9 29

Strada romana

Reperti

Ospizio (Museo)

30

F R A N C E


Chteau Verdun

Borgo di Etroubles

Villaggio La Tour

La Tornalla


15

8 30

Piemonte


7

Santuario di Cuney
8

Castello di Bosses

11

Villaggio di Soussun
6

33

32

Santuario di Notre-Dame de-Gurison

Chiesa di Santa Maria Assunta (Museo)


39

20

Osservatorio astronomico
7 13

PetitMonde

Chiesa di San Pantaleone


9

Chiesa di San Martino (Museo)

Tour de lArchet
38

Villaggio di Cunaz

Castelliere

Autostrada in costruzione

22

13


Terme

Museo alpino Duca degli Abruzzi


21

Chiesa di SantIlario (Museo)


28

19 15

Chiesa di San Martino (Museo)

Castello Jocteau (Scuola militare alpina)

Villaggio di Verrand

Castello di Chtelard

Strada romana
23 12 7 12 11 10 23

Castello di Nus
17 14

Villaggio di Mascognaz

Villaggio di Alpenz


Castello di Sarre

27

Torre di Gignod

18

20

31


Castello di Pilato

Castello di Cly

13 12

Maison Gerbollier

Pierre Taille

Villaggio di Vens

Muse Cerlogne

Castello Sarriod de La Tour

Castello di Saint-Pierre

Chiesa di San Maurizio

Chiesa di San Nicola (Museo)

37

Castelli e torre di Derby

Ponte acquedotto Grand Arvou

Castello Passerin dEntrves

Castello di Quart

12

11


Ponte romano

Chiesa di San Giovanni Battista (Museo) 1

Castello Passerin dEntrves (Parco)

Castello Gamba (Parco)

Ponte romano

Chiesa di San Vincenzo (Museo)

Terme Fons Salutis

24

29

4 8

Alpenfaunamuseum

Villaggio di Isollaz Tour de Bonot

Castello di Graines
6

32

Castel Savoia

5 10

Reperti

Chiesa di SantOrso
19

25


21

Castello di Ussel

Castello di Saint-Germain

Casaforte e torre di Ville


9

Maison de Mosse
36


16 16 7 14


Castello Vallaise

Santuario della Madonna delle Grazie

Cromlech


18 35

27

Castello di Aymavilles
24

Castello di Verrs
10

Chiesa di San Martino (Museo)


5

Chiesa di La Madeleine

22

31

Castello di Villa

Chiesa di San Giacomo

Castelli di Avise e Blonay

Borgo di Leverogne

Castello La Mothe

Chiesa di San Sulpizio (Museo)

Eremo di San Grato

Castello La Tour

Santuario di Plout

Castello di Saint-Marcel

Castello di Fnis

Santuario di Saint-Julien

Chiesa di Saint-Lger
21 11 25 6

Prevostura di Saint-Gilles

Castelli di Arnad

2
2

(Museo)


Museo minerario alpino

Santuario di San Grato

Castelli, torri e dimore visitabili esternamente


1 2 3 4 5

6 7 8 9 10 11 12 13

Torre di Pramotton Castello di Hrres Castello di Champorcher Castello Vallaise Castelli superiore e inferiore di Arnad Casaforte e torre di Ville Castello di Villa Tour de Bonot Castello di Graines Castello di Saint-Germain Terme Fons Salutis Castello Gamba (Parco) Castello Passerin dEntrves
(Parco)

20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39

14 15 16 17 18 19

Castello di Pilato Castello di Nus Castello di Saint-Marcel Castello di Quart Castello Passerin dEntrves Castello Jocteau
(Scuola militare alpina)

Tour Fromage Torre dei Balivi Tour du Pailleron Torre di Bramafan Torre del Lebbroso Palazzo Roncas Tourneuve Ponte-acquedotto Grand Arvou Torre di Gignod La Tornalla Chteau Verdun Castello La Tour Castello di Aymavilles Castello di Chtel-Argent Castello di Introd Castello La Mothe Castelli di Avise e Blonay Castelli e torre di Derby Castello di Chtelard Tour de lArchet

8 28 14 34 13 33 26

Ponte acquedotto romano

Maison Dayn

Chiesa di SantOrso

Cascina Les Murasses

Castello di Hrres

Santuario di Machaby

Chiesa di San Grato (Museo)

Museo Giovanni Paolo II

Maison Bruil

Castello di Introd

Cascina La Ola

Castello di Chtel-Argent

Chiesa di Santa Maria.

Castello di Issogne
7 3


Santuario di Notre-Dame-

Santuario di Notre-Damedes-Neiges

de-la-Garde

Villaggio di Machaby


16


15

AOSTA AOSTE

Castello di Champorcher

26 25 5 19 16 15 18 14 21 10 17

Legenda

Siti preistorici e romani

17

Villaggio di Melignon

Tourneuve

Palazzo Roncas

Museo Chiesa di Archeologico Saint-tienne Regionale

Foro romano

Criptoportico Cattedrale di Villa romana della Santa Maria romano Consolata Assunta

Torre dei Balivi

Scavi archeologici e chiesa di San Lorenzo

Collegiata e Priorato di SantOrso


6 4 2 3


2 1

Villaggio di Pellaud

Tignet

Villaggi di Nex e

Castelli, torri e dimore visitabili Castelli, torri e dimore visitabili esternamente Chiese e santuari Architettura tradizionale


Musei, biblioteche, sedi

Santuario di Retempio

Ponte romano

Forte e borgo di Bard

Incisioni rupestri

Strada Torre di
romana Pramotton

Ponte romano

espositive e didattiche

Architettura tradizionale
1 2 3


12 13 14 15 16 17 18 19

Autostrada

Castelli, torri e dimore visitabili


1 2 3 4 5

Siti preistorici e romani


1 2 3 4 5 6 7 8 9

Villaggio di Alpenz Villaggio di Machaby Cascina Les Murasses


(sede espositiva)

Castel Savoia Forte e borgo di Bard Castello di Issogne Castello di Verrs Castello di Ussel
(sede espositiva stagionale)

7 8

Castello di Fnis Castello di Bosses


(sede espositiva stagionale)

9 10 11 12 13

Castello di Cly
(visitabile stagionalmente)

Ospizio (Museo) Castello di Sarre Castello di Saint-Pierre Castello Sarriod de La Tour Terme

Ponte romano Strada romana Incisioni rupestri Ponte romano Ponte romano Ponte romano Castelliere Ponte di pietra Arco dAugusto

10

Scavi archeologici e chiesa di San Lorenzo (sede espositiva) Porta Prtoria e cinta muraria Teatro romano Anteatro romano Villa romana della Consolata Criptoportico romano Foro romano Necropoli romana fuori Porta Decumana

18

Area magalitica di Saint-Martin-de-Corlans Reperti Strada romana Ponte-acquedotto romano di Pondel Strada romana Pierre Taille Reperti Cromlech
18 17 4 24 3 23 22 13 12 20 11 9 8

4 5 6 7 8 9 10
Area megalitica di St-Martinde-Corlans Necropoli romana

11 12 13 14 15 16 17

19 20 21

22 23 24 25

Villaggio di Isollaz Villaggio di Mascognaz Villaggio di Cunaz Villaggio di Soussun Petit-Monde Villaggio La Tour Borgo di Etroubles
(museo a cielo aperto)

Villaggio di Vens Cascina La Ola Maison Bruil (sede espositiva) Villaggi di Nex e Tignet Villaggio di Melignon Villaggio di Pellaud Borgo di Leverogne Maison de Mosse
(sede espositiva)

Raccordo autostradale

Strada statale Strada regionale Altre strade Ferrovia

20

Maison Gerbollier
(sede espositiva)

Conni Parco Nazionale

Biblioteca Regionale

Torre del Lebbroso

Centro Saint-Bnin

Torre di Bramafan

Tour du Pailleron

Anteatro romano

Teatro romano

Tour Fromage

Porta Prtoria e cinta muraria

Arco dAugusto

Ponte di pietra

21

Villaggio di Verrand

Conni Parco Regionale

11

Maison Dayn (sede espositiva)

Colle aperto in estate

Interessi correlati