Sei sulla pagina 1di 33

1

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO SANITARIO .................................................................................... 4

Riferimenti normativi.........................................................................................................................4 Prescrizioni tecniche generali ............................................................................................................4


Sistemi per la somministrazione dell'acqua..................................................................................................... 4 Rete di distribuzione acqua fredda .................................................................................................................. 5 Rete di distribuzione acqua potabile................................................................................................................ 6 Rete di distribuzione acqua calda .................................................................................................................... 7 Rete di ventilazione ......................................................................................................................................... 7 Rete di scarico acque di rifiuto e piovane........................................................................................................ 8

Caratteristiche dellimpianto in progetto.......................................................................................11


Consistenza delle opere ................................................................................................................................. 11

Dimensionamento impianto .............................................................................................................11


Unit di carico per le utenze .......................................................................................................................... 11 Il calcolo della portata dacqua massima contemporanea.............................................................................. 13 Calcolo dei diametri da adottare per le tubazioni .......................................................................................... 14 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO ............................................................................................... 17

Premessa............................................................................................................................................17
Riferimenti normativi .................................................................................................................................... 17 La fornitura di energia elettrica ..................................................................................................................... 17 Denominazione impianto............................................................................................................................... 18

Descrizione dellimpianto.................................................................................................................18
Tipologia di cavi utilizzati............................................................................................................................. 18 Impianto di terra ............................................................................................................................................ 19 Criteri per il dimensionamento delle protezioni da sovraccarichi e da corto circuiti. ................................... 19 Misure di protezione da contatti diretti ed indiretti secondo la norma CEI 64-8........................................... 20

Descrizione componenti - distribuzione luce forza motrice ..........................................................20


Cavi ............................................................................................................................................................... 20 Conduttori rete di terra .................................................................................................................................. 21 Quadri di distribuzione .................................................................................................................................. 21 Canaline portacavi ......................................................................................................................................... 22 Tubi portacavi................................................................................................................................................ 22 Scatole di derivazione.................................................................................................................................... 22 Pressacavi ...................................................................................................................................................... 22 Interruttori e pulsanti luce ............................................................................................................................. 22 Prese a spina f.m............................................................................................................................................ 23 Apparecchi di illuminazione.......................................................................................................................... 23 Impianto allarme antincendio ........................................................................................................................ 23 IMPIANTI SPECIALI ............................................................................................................................................ 24 Impianto illuminazione di emergenza ........................................................................................................... 24 Impianto antenna ........................................................................................................................................... 24 Impianto telefonico........................................................................................................................................ 24 Impianto citofonico ....................................................................................................................................... 24 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO ...................................................................................................................... 25 Caldaia a gas.................................................................................................................................................. 25 Radiatori ........................................................................................................................................................ 25 Circuito di alimentazione .............................................................................................................................. 25 Generatore di calore ...................................................................................................................................... 25

ALLEGATI: IMPIANTO IDRICO SANITARIO: IMPIANTO IDRICO-SANITARIO E FOGNARIO: ELABORATO EDIFICI IN LINEACOMPARTO C4: - EDIFICI COMPARTO C4 - SCHEMA GENERALE; IMPIANTO IDRICO-SANITARIO E FOGNARIO: ELABORATO EDIFICI A PALAZZINA-COMPARTO C5: - EDIFICI COMPARTO C5 - SCHEMA GENERALE; IMPIANTO ELETTRICO: IMPIANTO ELETTRICO: ELABORATO EDIFICI IN LINEA - COMPARTO C4: - EDIFICI COMPARTO C4 - SCHEMA GENERALE; IMPIANTO ELETTRICO: ELABORATO EDIFICI A PALAZZINA -COMPARTO C5: - EDIFICI COMPARTO C5 - SCHEMA GENERALE; IMPIANTO ELETTRICO: IMPIANTO UNIT ABITATIVA TIPO: - IMPIANTO UNIT ABITATIVA TIPO.

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO SANITARIO


La presente relazione tecnica costituisce parte integrante, unitamente alla documentazione allegata, del progetto definitivo (articolo 28 del D.P.R. n. 554 del 21 dicembre 1999) per la realizzazione degli impianti idrico-sanitario allinterno degli edifici previsti nei comparti C4 e C5, siti nel sub-comprensorio Quadraro e rispettivamente ubicati in Via O. Pierozzi e Via Degli Angeli. RIFERIMENTI NORMATIVI Per una corretta e funzionale progettazione saranno osservate le seguenti norme: UNI 6363: Tubi in acciaio, senza saldatura e saldati, per condotte dacqua, aggiornata con FA 199 - 86 UNI 6507: Tubi in rame senza saldatura per distribuzione fluidi. Dimensioni, prescrizioni e prove UNI 7441: Tubi in PVC rigido (non plastificato) per condotte di fluidi in pressione. Tipi, dimensioni e caratteristiche UNI 7448 Tubi in PVC rigido (non plastificato). Metodi di prova UNI 7611 Tubi di polietilene ad alta densit per condotte di fluidi in pressione. Tipi, dimensioni e requisiti UNI 7615: Tubi di polietilene ad alta densit. Metodi di prova UNI 9338: Tubi di materie plastiche per condotte di fluidi caldi sotto pressione. Tubi di polietilene reticolato (PE X). Tipi, dimensioni e requisiti. UNI 9349: Tubi di polietilene reticolato (PE X) per condotte fluidi caldi sotto pressione. Metodi di prova. UNI 8318: Tubi di polipropilene (PP) per condotte fluidi in pressione. Tipi, dimensioni e requisiti. UNI 8321: Tubi di polipropilene. Metodi di prova. PRESCRIZIONI TECNICHE GENERALI Sistemi per la somministrazione dell'acqua Gli impianti idrico-sanitari, alimentati dall'acquedotto locale, devono essere previsti con il sistema di somministrazione a contatore. - Sistema di somministrazione a contatore Il contatore sar installato: - a cura dell'Ente distributore dell'acqua; - a cura della Ditta aggiudicataria; tale contatore deve essere conforme alle norme stabilite dall'Ente erogatore, ed alle caratteristiche indicate nello specifico paragrafo. Qualora le caratteristiche idrauliche dell'acquedotto, cui si allaccia l'impianto in oggetto, siano tali da non poter assicurare il fabbisogno corrispondente alla portata massima di contemporaneit, deve essere prevista una adeguata riserva, per usi non potabili. Quando la pressione della rete cittadina soggetta a variazioni in taluni periodi dell'anno e del giorno che rendono insufficiente l'alimentazione dell'impianto, occorre provvedere ad una soluzione diretta a mantenere nella rete il valore della portata utile assunta a base dei calcoli. Sulla condotta principale di derivazione del contatore (o dei contatori), immediatamente a valle dello stesso, deve essere installata una saracinesca di intercettazione. Ove la pressione di 4

alimentazione, misurata a valle del contatore, sia superiore a 5 atm., sulla derivazione suddetta dovr prevedersi un riduttore di pressione con annesso manometro, saracinesche di intercettazione e by-pass. Contatori per acqua I contatori per acqua, di tipo normalizzato secondo le norme UNI 1064-1077, dovranno essere dimensionati in modo che sia la portata minima di esercizio sia la portata massima di punta siano comprese nel campo di misura; dovr inoltre verificarsi che la perdita di carico del contatore, alla portata massima, non superi il valore previsto nella progettazione dell'impianto. I contatori, montati su tubazioni convoglianti acqua calda, dovranno avere i ruotismi e le apparecchiature di misura costruiti con materiale indeformabile sotto l'effetto della temperatura. Rete di distribuzione acqua fredda Generalit Per rete di distribuzione acqua fredda si intende l'insieme delle tubazioni (collettori, colonne montanti e diramazioni) a partire dall'organo erogatore (contatore, serbatoio, autoclave) sino alle utilizzazioni. Materiali ammessi Nella realizzazione della rete acqua fredda, sono ammesse tubazioni realizzate con i seguenti materiali: - acciaio zincato a caldo, (tubi UNI 3834 o UNI 4148 o UNI 4149 - zincati a caldo secondo UNI 5745) con giunti filettati e pezzi speciali di raccordo in ghisa malleabile secondo UNI 5192 e UNI 5212, bordati, filettati e zincati a caldo, secondo UNI 4721. Sono tassativamente vietate saldature di qualsiasi genere, per il collegamento delle tubazioni di acciaio zincato; - resina sintetica (tubi PVC 312 - UNI 5443, tubi in polietilene alta densit - UNI 7611/7612/7613/7614/7615/7616, tubi in polipropilene - UNI 8318), con giunzioni filettate e pezzi speciali di raccordo. Dimensionamento Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete sar determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneit, dei diametri minimi delle utilizzazioni, delle velocit , delle portate e delle pressioni residue alle utilizzazioni. Contemporaneit Il valore del coefficiente di contemporaneit di funzionamento (contemporaneit: portata delle utilizzazioni funzionanti contemporaneamente divisa per la portata totale delle utilizzazioni) determinato in relazione alle tipologie di utilizzo (abitazioni permanenti, uffici, centri sportivi, scuole, ecc.) Diametri minimi alle utilizzazioni I diametri interni delle diramazioni alle utilizzazioni non potranno avere valori inferiori ai minimi indicati nella seguente tabella: - cassette WC, fontanelle, orinatoi con lavaggio continuo 14 mm - 1/2 - lavabi, bidets, vasche, docce, lavelli, orinatoi comandati, rubinetti attingimento, idranti per pavimenti, lavastoviglie, lavabiancheria 14 mm - 1/2" - vasche da bagno per alberghi, idranti per autorimesse 20 mm - 3/4" - flussometri e passi rapidi per WC 24 mm - 1"

Velocit dell'acqua La velocit dell'acqua non dovr superare 1,1 m/s nelle tubazioni sino a 1/2 pollice (14 mm), 1,5 m/s nelle tubazioni di 3/4 di pollice (20 mm), e 2,0 m/s nelle tubazioni di diametro di 1" e superiore (24 mm ed oltre). La velocit dell'acqua dovr essere compresa tra 0,5 e 1,5 m/s con valore massimo di 1,1 per diametro di 1/2 pollice per le tubazioni installate all'interno degli appartamenti. Potr raggiungere i 2 m/s nelle tubazioni di diametro non inferiore a 1 pollice interrate nelle cantine, nelle officine, nei locali, in genere, lontani da quelli di abitazione, di degenza e di studio. Portata delle utilizzazioni Le portate alle singole utilizzazioni nelle condizioni pi sfavorevoli non potranno avere valori inferiori ai minimi indicati nella seguente tabella: - orinatoio a lavaggio continuo, fontanella 0,05 1/s - cassetta WC, lavabo, bidet, lavapiedi 0,10 1/s - doccia, lavello cucina e vuotatoio 0,15 1/s - vasca da bagno 0,20 1/s - idranti lavaggio pavimento 0,30 1/s - WC con flussometro o passo rapido 1,50 1/s Pressioni residue La pressione residua alla utilizzazione non potr essere inferiore a 5 m H2O. Rete di distribuzione acqua potabile Generalit Per rete di distribuzione acqua da bere si intende l'insieme delle tubazioni, in circuito indipendente, in diretta derivazione dall'acquedotto (o dalla bocca tarata) il quale garantisca acqua sempre in movimento e la pi fresca possibile. La distribuzione avverr con acqua a temperatura naturale; nella quale, la circolazione deve essere continua. Tutta la rete dovr essere protetta contro le condensazioni e perci sar opportunamente coibentata. Materiali ammessi - acciaio zincato a caldo, (tubi UNI 3834 o UNI 4148 o UNI 4149 - zincati a caldo secondo UNI 5745) con giunti filettati e pezzi speciali di raccordo in ghisa malleabile secondo UNI 5192 e UNI 5212, bordati, filettati e zincati a caldo, secondo UNI 4721. Sono tassativamente vietate saldature di qualsiasi genere, per il collegamento delle tubazioni di acciaio zincato; - resina sintetica (tubi PVC 312 - UNI 5443, tubi in polietilene alta densit - UNI 7611/7612/7613/7614/7615/7616, tubi in polipropilene - UNI 8318), con giunzioni filettate e pezzi speciali di raccordo; - scambiatore in controcorrente con fascio tubiero in acciaio inossidabile del tipo estraibile flangiato con corpo in acciaio. - elettropompe, in bronzo o acciaio inossidabile. - valvole ad asse inclinato, a flusso libero, in bronzo con guarnizioni Jenkins. Dimensionamento Il valore del coefficiente di contemporaneit verr determinato in base al tipo di utenza; La velocit dell'acqua non dovr superare 1,00 m/s; La portata delle singole utilizzazioni non deve essere inferiore a 5 lt/min; La pressione residua alle utilizzazioni non potr essere inferiore a 5 m H20. 6

Rete di distribuzione acqua calda Generalit Per la rete di distribuzione acqua calda si intende l'insieme delle tubazioni a partire dal generatore sino alle utilizzazioni. Materiali ammessi Nella realizzazione della rete acqua calda, sono ammesse tubazioni dei seguenti materiali: - acciaio zincato a caldo (tubi UNI 3824 o UNI 4148 o UNI 4149, zincati a caldo secondo UNI 5745), con giunzioni filettate e pezzi speciali di raccordo in ghisa malleabile secondo UNI 5192 e UNI 5212, bordati, filettati o zincati a caldo secondo UNI 4721. Sono tassativamente vietate saldature di qualsiasi genere per il collegamento delle tubazioni di acciaio zincato. Qualora siano necessarie tubazioni di diametro superiore a 4", ammesso l'uso di tubazioni di acciaio nero, con giunti a flangia, il tutto zincato a caldo per immersione dopo l'esecuzione delle necessarie saldature. Dimensionamento Il valore del coefficiente di contemporaneit di funzionamento (contemporaneit: rapporto tra la portata di utilizzazioni funzionanti contemporaneamente e la portata totale delle utilizzazioni) determinato in base alla tipologia di utilizzo. I diametri delle tubazioni rete acqua calda saranno determinati in modo da soddisfare le condizioni di cui ai punti seguenti. I diametri interni delle diramazioni alle utilizzazioni non potranno avere valori inferiori ai minimi indicati nella seguente tabella: - lavabi, bidets, vasche, docce, lavelli, rubinetti di attingimento, lavastoviglie, lavabiancheria 14 m/m - 1/2" - vasche da bagno per alberghi 20 m/m - 3/4" La velocit dell'acqua non dovr superare 1,10 m/s nelle tubazioni fino a 1/2", 1,5 m/s fino ad 1" e 2 m/s nelle tubazioni di diametro superiore. Le portate alle singole utilizzazioni non potranno avere valori inferiori ai minimi indicati nella seguente tabella: - lavabo, bidet, lavapiedi 0,10 1/s - doccia, lavello cucina o vuotatoio 0,15 1/s - vasca da bagno 0,20 1/s La pressione residua alle utilizzazioni non potr essere inferiore a 5 metri di colonna d'acqua. Le condizioni indicate ai punti precedenti, dovranno essere assicurate quando funzioni un numero di utilizzazioni pari a quello ricavato dalla contemporaneit, secondo la dislocazione delle utilizzazioni medesime stabilita dalle modalit di collaudo. Rete di ventilazione Generalit Si intende per rete di ventilazione di un impianto di scarico per acque di rifiuto, il complesso delle colonne e delle diramazioni che assicurano la ventilazione naturale delle tubazioni di scarico, collegando le basi delle colonne di scarico ed i sifoni dei singoli apparecchi, con l'ambiente esterno. Ogni colonna di scarico dovr essere collegata ad un tubo esalatore che si prolunghi fino oltre la copertura dell'edificio, per assicurare l'esalazione dei gas della colonna stessa. Le colonne di

ventilazione dovranno collegare le basi delle colonne di scarico e le diramazioni di ventilazione con le esalazioni delle colonne di scarico o direttamente con l'aria libera. Le diramazioni di ventilazione dovranno collegare i sifoni dei singoli apparecchi con le colonne di ventilazione. L'attacco della diramazione alla tubazione di scarico dovr essere il pi vicino possibile al sifone senza peraltro nuocere al buon funzionamento sia dell'apparecchio servito che del sifone. Le tubazioni di ventilazione non dovranno mai essere utilizzate come tubazioni di scarico dell'acqua di qualsiasi natura, ne essere destinate ad altro genere di ventilazione, aspirazione di fumo, esalazioni di odori da ambienti, e simili. Le tubazioni di ventilazione saranno montate senza contropendenze. Le parti che fuoriescono dall'edificio saranno sormontate da un cappello di protezione. Sistemi di aerazione delle reti di ventilazione La ventilazione pu essere realizzata nelle seguenti maniere: - ventilando ogni sifone di apparecchio sanitario; - ventilando almeno le estremit dei collettori di scarico di pi apparecchi sanitari in batteria (purch non lavabi o altri apparecchi sospesi); Materiali ammessi Nella realizzazione della rete di ventilazione, sono ammesse tubazioni realizzate con i seguenti materiali: - ghisa catramata centrifugata, con giunti a bicchiere sigillati a caldo con corda e piombo fuso, od a freddo con opportuno materiale (sono tassativamente vietate le sigillature con materiale cementizio); - acciaio, trafilato o liscio, con giunti a vite e manicotto o saldati con saldatura autogena od elettrica; - acciaio leggero catramato internamente, con giunti saldati; - piombo di prima fusione con giunti saldati a stagno; - PVC con pezzi speciali di raccordo con giunto filettato o ad anello dello stesso materiale; - polietilene PEAD con giunti saldati; - fibro-cemento ecologico, non contenente amianto, con giunti a bicchiere sigillati con materiale plastico. Dimensionamento delle tubazioni di ventilazione Il diametro del tubo di ventilazione di ogni singolo apparecchio dovr essere almeno pari ai tre quarti del diametro del corrispondente tubo di scarico, senza superare i 50 mm. Quando una diramazione di ventilazione raccoglie la ventilazione singola di pi apparecchi, il suo diametro sar almeno pari ai tre quarti del diametro del corrispondente collettore di scarico, senza superare i 70 mm. Il diametro della colonna di ventilazione sar costante e sar determinato in base al diametro della colonna di scarico alla quale abbinato, alla quantit di acqua di scarico ed alla lunghezza della colonna di ventilazione stessa. Tale diametro non potr essere inferiore a quello della diramazione di ventilazione di massimo diametro che in essa si innesta. Rete di scarico acque di rifiuto e piovane Generalit Con il nome generico di scarichi, si indicano le tubazioni in cui scorrono tutte le acque di rifiuto e le acque piovane. Le tubazioni destinate alla raccolta delle acque di rifiuto e quelle destinate alla raccolta delle acque piovane, dovranno essere separate, fino al recapito esterno. La rete di scarico dovr corrispondere ai seguenti requisiti:

- allontanare rapidamente le acque di rifiuto per le vie pi brevi, senza che si formino sedimentazioni di materie putrescibili od incrostazioni; - garantire la perfetta tenuta con materiale di giunzione dotato di propriet plastiche allo scopo di consentire un conveniente grado di scorrevolezza del giunto in caso di variazioni termiche e di possibili assestamenti del fabbricato; - impedire il passaggio di esalazioni dalle tubazioni agli ambienti. Tutte le tubazioni di scarico per acque piovane non dovranno essere usate come reti di esalazione naturale delle fogne cittadine e delle reti di scarico delle acque di rifiuto. Materiali ammessi per la rete delle acque di rifiuto Nella realizzazione della rete di scarico acque di rifiuto, sono ammesse tubazioni dei seguenti materiali: - ghisa centrifugata e catramata, giunti a bicchiere sigillati con corda e piombo fuso, o a freddo con idoneo materiale ( tassativamente vietato l'uso di materiale cementizio per i giunti); - piombo di prima fusione, con giunti saldati a stagno; - rame, con giunti saldati e raccorderia in rame; - grs ceramico, con pezzi speciali parimenti di grs ceramico; - PVC con pezzi speciali di raccordo con giunto filettato o ad anello dello stesso materiale; - polietilene PEAD con giunti saldati; Dimensionamento delle tubazioni di scarico delle acque di rifiuto Il dimensionamento delle tubazioni dovr effettuarsi in base alla portata di acqua di scarico che compete ad ogni apparecchio sanitario, secondo il prescritto coefficiente di contemporaneit. Il diametro delle diramazioni sar stabilito in rapporto alla portata di acqua di scarico ed alla pendenza delle tubazioni. Il diametro delle colonne di scarico, da mantenersi costante per l'intera altezza, sar stabilito tenendo conto del massimo numero di apparecchi sanitari che insistono su tutta la colonna e per ogni piano, e dell'altezza massima della colonna, compreso il tratto esalatore provvisto di torrino. Il diametro dei collettori di scarico dovr essere determinato in rapporto alla massima quantit di acqua che verr in essi convogliata ed alla pendenza costruttiva tenuto conto del tipo di materiale impiegato. Scarichi degli apparecchi sanitari e delle reti Ogni apparecchio sanitario dovr essere corredato di un dispositivo a chiusura idraulica, inserito sullo scarico, ispezionabile e collegabile alla diramazione di ventilazione. I collettori di scarico dovranno essere dotati, prima del loro collegamento con il recapito esterno, di un idoneo dispositivo ispezionabile a chiusura idraulica provvisto di attacco per la ventilazione Materiali ammessi per le tubazioni di scarico delle acque piovane Per i canali di gronda ammesso l'uso della lamiera zincata o smaltata, del rame, del piombo, fibro-cemento ecologico, non contenente amianto, con giunti a bicchiere sigillati con materiale plastico. Per i pluviali ammesso l'uso della ghisa; se esterni ammesso anche l'uso della lamiera zincata o smaltata. La parte terminale dei pluviali dovr essere in ghisa od in acciaio catramato per un tratto di altezza non inferiore a 2 metri dal suolo. Dimensionamento delle tubazioni di scarico delle acque piovane Il dimensionamento dei canali di gronda e dei pluviali dovr effettuarsi in base alla superficie del tetto, in proiezione orizzontale, servita dal tronco di grondaia e dal pluviale che si vuole dimensionare, in rapporto al locale regime pluviometrico.

I pluviali avranno il diametro minimo di 80 mm. Per i pluviali esposti al gelo si dovr adottare il diametro almeno immediatamente superiore a quello valevole per i climi temperati. Il dimensionamento dei collettori di scarico delle acque piovane dovr effettuarsi in relazione alla massima superficie di raccolta ed alle pendenze costruttive in rapporto al materiale impiegato ed al locale regime pluviometrico. Calcolo collettore pluviale e di smaltimento acque nere Si esegue il dimensionamento del collettore per gli edifici del Comparto 4 avendo un area di bacino maggiore, la soluzione cosi ottenuta si adotter anche per il Comparto C5. -

Ampiezza del bacino imbrifero;

A = 0,92 ha Lunghezza del bacino imbrifero da monte sino alla sezione estrema di valle; L = 204 m Tempo di corrivazione; 204 T= + 0,05 = 0,107 h 3600 Calcolo altezza di pioggia; h = 111,6 T 0, 73 = 21,78 mm , per t sino a 50

h = 102 T 0,31 = 51,02 mm , per t da 50 a 10h e 30 Intensit media oraria; 21,78 mm i= = 203,58 0,107 h Afflusso meteorico; 203,58 m3 = = 0,56 360 sec ha Coefficiente di ritardo; r = 1 / 6 0,92 = 0,99 Coefficiente di afflusso; 1 = 0,70 (Centri cittadini) 0,70 indice di permeabilit: = = 0,1887 3 51,02

= 0,1887 3 21.78 = 0,53


Portata acqua di pioggia;

sec Si utilizza come collettore, per lo smaltimento delle acque piovane, un tubo a sezione ovoidale in calcestruzzo prefabbricato del tipo 400 con le seguenti caratteristiche di funzionamento: 3 Q i = 0,273 m v = 2,18 m sec , sec , p = 2,18 0 00 - Portata acqua di rifiuto domestico; 3 1,5 500 0,85 400 0,92 Qn ,max = = 2,71 l = 0,003 m sec sec 86400 invece, si utilizza per lo smaltimento delle acque nere un tubo in PVC (cloruro di polivinile) 300 con le seguenti caratteristiche di funzionamento:

Q i = 0,56 0,53 0,99 0,92 = 0,269 m

10

Q i = 0,027 m

sec ,

v = 0,38 m

sec , p = 1 0 00

CARATTERISTICHE DELLIMPIANTO IN PROGETTO Consistenza delle opere Limpianto idrico sanitario dei due edifici in linea del Comparto C4 si articola su un piano interrato, un livello a piano terra e tre impalcati tipo, pi un impalcato di copertura destinato a zona servizi, coperto da tetto a doppia falda; invece, per gli edifici a palazzina del Comparto C5, limpianto idrico sanitario si articola in una zona interrata organizzata a garage pi servizi e due torri, composte dal piano terra ed ulteriori quattro livelli, in cui sono collocate le unit abitative.
Gli edifici del comparto C4 prevedono: Edificio A - 6 Botteghe; - 34 Alloggi. Edificio B - 4 Botteghe; - 34 Alloggi. Gli edifici del Comparto C5 prevedono: - 40 Alloggi.

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO Unit di carico per le utenze Il dimensionamento di una distribuzione dacqua, sia essa fredda o calda, deve necessariamente partire dalla conoscenza della portata massima contemporanea: cio del valore massimo della portata contemporaneamente disponibile per tutte le utenze servite da una distribuzione durante tutta la durata del periodo di punta. Il calcolo della portata massima contemporanea pu essere fatto in vari modi, ad esempio partendo dai dati sullapprovvigionamento dacqua e sulle portate minime dei rubinetti di erogazione. Il metodo oggi pi usato quello proposto dalle norme UNI e basato sul concetto di unit di carico (UC). Lunit di carico un valore convenzionale che rappresenta la portata di un rubinetto erogatore e che tiene conto di diversi fattori caratterizzanti il punto di erogazione tra cui: portata reale; caratteristiche dimensionali; caratteristiche funzionali frequenza duso.
La Tab. 1 riporta i valori di unit di carico da assegnare ai pi comuni apparecchi sanitari riscontrabili in un edificio residenziale. Apparecchio Lavabo Bidet Unit di carico acqua fredda 0,75 0,75 Unit di carico acqua calda 0,75 0,75 Unit di carico acqua fredda + calda 1 1

11

Doccia Vaso con cassetta Vaso con Flussometro Lavello cucina Lavabiancheria(solo acqua fredda) Lavastoviglie(solo acqua fredda) Pilozzo Vasca

1,5 3 6 1,5 2 2 1,5 1,5

1,5 1,5 1,5 1,5

2 3 6 2 2 2 2 2

Tab. 1 - Unit di carico per apparecchi sanitari in edifici residenziali o assimilabili

Nel caso di pi apparecchi installati in uno stesso locale, combinazione di apparecchi, come ad esempio, bagni, cucine, necessario tenere conto della non contemporaneit di utilizzo. In pratica, si ipotizza che solo due degli apparecchi presenti in un singolo locale siano utilizzati contemporaneamente. La norma UNI riporta i valori delle unit di carico per le combinazioni di apparecchi pi comuni cosicch non necessario fare il conto dei singoli apparecchi sanitari ogni volta. I valori pi comunemente utilizzati sono riportati nella Tab.2. Apparecchio Unit di carico acqua fredda 4,5 7,5 5,5 Unit di carico acqua calda 2,25 2,25 2,25 Unit di carico acqua fredda + calda 5 8 6

lavabo+bidet+vasca+vaso con cassetta lavabo+bidet+vasca+vaso con flussometro lavabo+bidet+vasca+vaso con cassetta +lavabiancheria Lavabo+bidet+vasca+vaso con flussometro Lavabo+vaso con cassetta Lavabo+vaso con flussometro Lavabo+vaso con cassetta+lavabiancheria Lavabo+vaso con flussometro+lavabiancheri a Bagno completo(vaso con cassetta) e cucina Bagno completo(vaso con flussometro) e cucina

8,5 3 6 4 7

2,25 0,75 0,75 0,75 0,75

9 3 6 4,5 7

6 8,5

3,5 3,5

7 10

Tab. 2 - Unit di carico per combinazioni di apparecchi

Poich, come sopra evidenziato, lunit di carico tiene conto di fattori quali la frequenza duso e le caratteristiche funzionali, i valori riportati nelle Tab. 1 e 2 non rappresentano la portata

12

massima degli apparecchi sanitari elencati. I valori assunti per le unit di carico sono valori convenzionali che servono per il calcolo della portata massima contemporanea. Per il calcolo della reale portata massima di un apparecchio possibile fare riferimento alla Tab. 3 dove sono riportate le massime portate, espresse in litri al secondo, di un rubinetto in funzione del suo diametro nominale e della pressione di esercizio. Pressione di esercizio 0,5 1 2 3 4 5 Portata massima in l/s per rubinetto DN10 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 Portata massima in l/s per rubinetto DN15 0,4 0,50 0,65 0,8 1 1,1 Portata massima in l/s per rubinetto DN20 0,6 0,85 1,2 2,1 2,4 2,7

Tab. 3 - Portata massima in litri al secondo di un rubinetto in funzione del suo diametro nominale e della pressione di esercizio

Il calcolo della portata dacqua massima contemporanea Assegnate le unit di carico a tutti gli apparecchi, o alle combinazioni, presenti sulla rete di distribuzione possibile calcolare la portata massima conoscendo la relazione tra la portata massima conoscendo la relazione tra la portata ed unit di carico. Sperimentalmente sono state ricavate alcune funzioni q = f(UC) che regolano il rapporto tra la portata dacqua (q) e unit di carico (UC). La successiva Fig. 1 mostra, tale funzione per una distribuzione caratterizzata da vasi a cassetta e per una con flussometri in un edificio. Sullasse delle ascisse riportato il logaritmo naturale delle unit di carico, su quello delle ordinate la portata espressa in l/s.

13

Fig. 1 - Il rapporto tra portata e unit di carico in edifici residenziali

Calcolo dei diametri da adottare per le tubazioni Il diametro da assegnare ad ogni tubazione funzione dei seguenti parametri : portata massima contemporanea Qmax assegnata alla tubazione; velocit massima ammissibile Vam dellacqua in tubazione. Noti Qmax e Vam possibile assegnare in prima approssimazione un diametro alle tubazioni utilizzando la seguente formula: Dint = 2(Qmax/*Vam) (1)

La (1) valida se si utilizza il Sistema Internazionale di unit di misura. Se si esprime la portata il litri al secondo, le velocit in metri al secondo e il diametro in pollici, la (1) diventa: Dint = 1,404822(Qmax/Vam) (2) Il valore che si ottiene utilizzando la (1) o la (2) il diametro interno della tubazione e va arrotondato per eccesso alla categoria merceologica dei tubi. Se non si vuole far riferimento a formule come la (1) possibile utilizzare tabelle come la Tab. 4 che riporta la portata dei tubi in acciaio in funzione del loro diametro nominale e della velocit dellacqua, o la Tab 5 che riporta la velocit dellacqua in una tubazione in funzione del diametro e delle unit di carico.

14

Tab. 4 Portata [l/s] di tubazioni in acciaio in funzione del diametro nominale e della velocit dellacqua

Tab. 5 Velocit dellacqua in funzione del diametro della tubazione e delle unit di carico(vasi a cassetta)

Per il dimensionamento delle diramazioni interne delle cucine o dei bagni non necessario utilizzare formule o tabelle. La buona pratica suggerisce di utilizzare tubi di diametro per tutti gli apparecchi sanitari ad eccezione di passi rapidi o flussometri per cui si utilizzano normalmente tubi da o 1. E buona norma collegare gli apparecchi dotati di flussometro direttamente alla colonna.

15

Si riportano nel seguito, rispettivamente per gli edifici del Comparto C4 e del Comparto C5, le tabelle riepilogative, riportanti, le dimensioni delle diramazioni principali per la distribuzione di acqua fredda ed acqua calda:

16

P ia n o s e r v it o P IA N O I-II- III- IV P IA N O T E R R A C o d ic e t u b a z io n e 002 001 n 4 4 n 4 4 Lavabi n 4 4 n 0 2 n 4 2 n 4 4 n 4 4 n 4 4 n 28 28 n U te n z e s p e c ia li 0 0 n 0 0 TOTALE utenze speciali Passi rapidi o flussometri TOTALE utenze normali Lavastoviglie Lavatrici Bidet Doccie Vasi con cassetta Vasche da bagno U t e n z e n o r m a li Lavelli da cucina

17

l/s 3 .6 3 .5 (* * ) (* * ) % 2 9 .2 5 2 9 .2 5 l/s 1 .0 5 3 1 .0 2 4 l/s 0 0 l/s 0 0 l/s 1 .0 5 3 1 .0 2 4 ( ) ( ) 1 " 1 /4 1 " 1 /4 l/s 2 .4 2 .3 (**) (**) % 2 9 .2 5 2 9 .2 5 l/s 0 .7 0 2 0 .6 7 3 l/s 0 .7 0 2 0 .6 7 3

Portata utenze normali

Tipo di contemporaneit

Contemporaneit

Portata contemporanea utenze normali Portata utenze speciali Portata contemporanea utenze speciali PORTATA CONTEMPORANEA TOTALE Tipo di dimensionamento DIAMETRO

ACQU A FRED DA

Portata utenze normali

Tipo di contemporaneit

Contemporaneit

Portata contemporanea utenze normali PORTATA CONTEMPORANEA TOTALE

AC Q U A C ALD A

Utenze normali TOTALE utenze normali

Utenze speciali TOTALE utenze speciali Passi rapidi o flussometri Tipo di contemporaneit

ACQUA FREDDA Tipo di dimensionamento

ACQUA CALDA

Tipo di contemporaneit

Portata contemporanea utenze normali

Portata contemporanea utenze speciali

Portata contemporanea utenze normali l/s 0.613 0.613 0.613 0.613 0.613 0.613 0.602 0.548 0.478 0.613 0.389 0.630 0.443 0.468 0.389

Portata utenze speciali

Portata utenze normali

Portata utenze normali

PORTATA CONTEMPORANEA TOTALE

Piano servito PIANO II-III PIANO II-III PIANO II-III PIANO II-III PIANO II-III PIANO I PIANO I PIANO I PIANO I PIANO I PIANO TERRA PIANO TERRA PIANO TERRA PIANO TERRA PIANO TERRA

Codice tubazione 205 204 203 202 201 105 104 103 102 101 005 004 003 002 001

n 4 4 4 4 4 4 4 3 3 4 3 4 2 3 3

n 4 4 4 4 4 4 4 3 3 4 3 4 2 3 3

n 4 4 4 4 4 4 4 3 3 4 0 4 2 3 0

n 2 2 2 2 2 2 1 0 2 2 3 3 2 2 3

n 2 2 2 2 2 2 3 3 1 2 0 1 0 1 0

n 2 2 2 2 2 2 1 1 1 2 0 3 2 2 0

n 2 2 2 2 2 2 1 1 2 2 0 3 2 2 0

n 2 2 2 2 2 2 1 1 2 2 0 3 2 2 0

n 22 22 22 22 22 22 19 15 17 22 9 25 14 18 9

n 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

l/s 2.7 2.7 2.7 2.7 2.7 2.7 2.35 1.9 2 2.7 1.05 3.05 1.7 2.2 1.05

(**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**)

% 32.25 32.25 32.25 32.25 32.25 32.25 34.43 39.13 36.78 32.25 51.88 30.75 40.30 35.60 51.88

l/s 0.871 0.871 0.871 0.871 0.871 0.871 0.809 0.743 0.736 0.871 0.545 0.938 0.685 0.783 0.545

l/s 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

l/s 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

l/s 0.871 0.871 0.871 0.871 0.871 0.871 0.809 0.743 0.736 0.871 0.545 0.938 0.685 0.783 0.545

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )

1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4 1" 1/4

l/s 1.9 1.9 1.9 1.9 1.9 1.9 1.75 1.4 1.3 1.9 0.75 2.05 1.1 1.5 0.75

(**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (**) (*) (**)

% 32.25 32.25 32.25 32.25 32.25 32.25 34.43 39.13 36.78 32.25 51.88 30.75 40.30 31.20 51.88

18

PORTATA CONTEMPORANEA TOTALE l/s 0.613 0.613 0.613 0.613 0.613 0.613 0.602 0.548 0.478 0.613 0.389 0.630 0.443 0.468 0.389

Vasi con cassetta

Vasche da bagno

Contemporaneit

Contemporaneit

Lavelli da cucina

Lavastoviglie

DIAMETRO

Lavatrici

Doccie

Lavabi

Bidet

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO


PREMESSA La presente relazione tecnica costituisce parte integrante, unitamente alla documentazione allegata, del progetto definitivo (articolo 28 del D.P.R. n. 554 del 21 dicembre 1999) per la realizzazione degli impianti elettrici allinterno degli edifici previsti nei comparti C4 e C5, siti nel sub-comprensorio Quadraro e rispettivamente ubicati in Via O. Pierozzi e Via Degli Angeli. Riferimenti normativi Lintervento stato progettato nel rispetto delle leggi, decreti, circolari attualmente vigenti nel settore. Sono state seguite le tecniche di settore ovvero Normativa UNI, Normativa CEI ed ogni altra raccomandazione tecnica, il tutto con particolare riferimento alle sotto elencate normative: - Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626 rubricato come attuazione delle direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; - Legge 5 marzo 1990, n. 46 rubricata Norme per la sicurezza degli impianti; - Decreto del Presidente della Repubblica 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione della Legge 5 marzo 1990, n. 46 in materia di sicurezza degli impianti; - Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro; - Legge 1 marzo 1968, n. 186 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchi, macchine, installazioni ed impianti elettrici ed elettronici. Nella realizzazione degli impianti dovranno essere utilizzati componenti rispondenti sia alle relative Norme CEI, sia alle corrispondenti Norme UNI, tutti i materiali dovranno essere provvisti di marcatura CE secondo quanto previsto dalle Direttive Europee di settore. La fornitura di energia elettrica La rete elettrica ACEA serve la zona in M.T. con cabine di trasformazione M.T. dislocate nellarea. Dalle planimetrie fornite dallente si evince che la cabina n. 6643 posizionata su via di Centocelle, ad angolo con via degli Angeli, poco distante dalle aree di progetto. Limpianto elettrico alimentato in bassa tensione con potenza contrattuale di 420 kW per gli edifici del Comparto C4 e 84 kW per gli edifici del Comparto C5. Calcolo Potenza Per Edifici Comparto C4 Edificio A 34 Unit Abitative 6 Botteghe 5 Cabine Ascensori 5 Unit Condominiali Tot. Edificio B 34 Unit Abitative 4 Botteghe 5 Cabine Ascensori 5 Unit Condominiali Tot. Totale Potenza Comparto C4

Potenza [kW] 102 54 30 30 216 Potenza [kW] 102 36 30 30 198 414

Relazione Definitiva

17

Calcolo Potenza Per Edifici Comparto C5 Edifici 20 Unit Abitative 2 Cabine Ascensori 2 Unit Condominiali Totale Potenza Comparto C5

Potenza [kW] 60 12 12 84

Denominazione impianto Ente distributore energia elettrica: ACEA Tipologia di circuito: Trifase/Monofase Stato del neutro: Distribuito Tensione di esercizio: 230/380 [V] Frequenza nominale: 50 [Hz] Cos : 0.9 Tipologia ambiente: ordinario Temperatura ambiente: 30 [C] In relazione alla tensione nominale di esercizio per la quale limpianto progettato, il sistema elettrico viene classificato come sistema di I categoria, (articolo 22.1 norma CEI 64-8) per cui dovr essere progettata una adeguata protezione contro i contatti indiretti prevista per il sistema TT dalla Norma CEI 64-8 allarticolo 413.1.4. La definizione del sistema TT viene data dalla Norma CEI: prima lettera T: collegamento diretto a terra di un punto del sistema di alimentazione. seconda lettera T: collegamento delle masse ad un impianto di terra elettricamente separato da quello del collegamento a terra del sistema di alimentazione. Nella progettazione dellimpianto viene previsto un conduttore di protezione denominato PE, collegato ad un impianto di terra indipendente. Per la protezione dai contatti indiretti, la progettazione effettuata prevede il rispetto della seguente relazione: Ra 50/Ia Ra = rappresenta la somma delle resistenze del dispersore oltre che dei conduttori di protezione delle masse. Ia = corrente che provoca lintervento del dispositivo automatico di protezione. DESCRIZIONE DELLIMPIANTO Per la distribuzione dei circuiti luce e forza motrice sono stati previsti impianti sottotraccia, per raggiungere le varie utenze saranno staccate opportune derivazioni posate in tubazione di PVC. Per il dimensionamento stato considerata una temperatura ambiente di 30C, per il calcolo della sezione delle condutture, siano esse montanti che derivazioni, stata utilizzata la norma CEI UNEL 35024/1. Il calcolo dellimpianto stato condotto avendo cura di contenere la caduta di tensione a pieno carico entro il 4% del valore della tensione nominale. Tipologia di cavi utilizzati I cavi che sono stati previsti per limpianto in oggetto sono: - FG7OM1- 0.6/1 kV;

Relazione Definitiva

18

- N07V-K. Tutti cavi dovranno essere dichiarati a norma CEI 20-22 II. Impianto di terra Limpianto di terra, per la protezione dai contatti indiretti, sar realizzato in osservanza della norma CEI 64-8/5, partendo dal calcolo teorico effettuato per determinare il massimo valore della resistenza di terra: Ra = 50/0.3 = 166,67 W Limpianto di terra costituito dalle seguenti parti: dispersori di fatto ed intenzionali, conduttori di terra, collettori principali di terra, conduttori di protezione, conduttori equipotenziali principali e supplementari, masse, masse estranee. Il tutto sintetizzato nelle schema seguente:

Considerando per il terreno una resistivit superficiale rt pari a 100 Wm, individuiamo una resistenza di terra del singolo dispersore pari a: Rd = rt/L = 100/3 = 33 W Con tale valore verificata la relazione Rd<Ra pur non avendo preso in esame il contributo dato dalla corda in rame che effettua il collegamento tra i singoli dispersori. Criteri per il dimensionamento delle protezioni da sovraccarichi e da corto circuiti. La difesa delle condutture rispetto a fenomeni di sovraccarico oppure di corto circuito viene espressamente richiamata dalla norma CEI 64-8 alla sezione 433 e seguenti. In esse viene prescritto che limpianto soddisfi le seguenti due condizioni: Ib<In<Iz If<1.45Iz laddove si deve intendere:

Relazione Definitiva

19

- Ib = corrente di impiego del circuito; - Iz = portata della conduttura in regime permanente; - In = corrente nominale della protezione; - If = corrente di sicuro funzionamento della protezione. La tipologia di protezione richiesta viene assicurata da interruttori di tipo magnetotermico e di tipo magnetotermico differenziale, scelti in modo tale da avere un potere di interruzione almeno pari alla corrente presunta di corto circuito nel punto di installazione e garantire un tempo di intervento inferiore a quello che condurrebbe la conduttura al limite termico. La condizione che definisce lenergia specifica passante ammessa dalle protezioni viene esplicitata tramite la relazione: 2 2 I2 t < K S
La caduta di tensione, come gi detto contenuta entro il 4%, viene stimata utilizzando la relazione: DU = K I L (R cos + X sin) con: -K = 2 per linee monofase (230 V); -K = 1.73 per linee trifase (400 V); -I = corrisponde alla corrente di impiego del circuito (Ib); -L = lunghezza della linea. Nei calcoli allegati si assunto un valore per il fattore di potenza, pari a cos = 0.9 per i circuiti luce monofase, mentre per i circuiti forza motrice, sia monofase che trifase, si assunto cos = 0.8.

Misure di protezione da contatti diretti ed indiretti secondo la norma CEI 64-8 La protezione dai contatti diretti, ovvero dai contatti con parti normalmente in tensione, sar garantita tramite linterdizione delle parti attive a mezzo di isolamento attuato con lausilio di involucri o barriere aventi grado di protezione minimo IP2X. Una ulteriore forma di protezione viene garantita dalla presenza di interruttori con modulo differenziale avente corrente differenziale nominale IDn = 30 mA La protezione dai contatti indiretti (contatti con parti accidentalmente in tensione, per esempio per difetto dellisolamento) sar assicurata dagli interruttori differenziali installati nei quadri secondari dellimpianto. DESCRIZIONE COMPONENTI - DISTRIBUZIONE LUCE FORZA MOTRICE Cavi I cavi saranno isolati in PVC, con guaina esterna anchessa in PVC. Dovranno avere la caratteristica di non propagare lincendio e la tipologia sar FG7OM1- 0.6/1 kV; rispondenti alle norme CEI 20.13 e CEI 20.22 II, la colorazione delle anime sar conforme alla norma UNEL 00722 78 e dovranno recare sulla guaina esterna: contrassegno del fabbricante, tipologia di cavo, normativa di riferimento nonch sezione e formazione. I cavi senza guaina saranno del tipo N07V-K e saranno anchessi non propaganti lincendio. Per i collegamenti equipotenziali saranno impiegati cavi N07V-K aventi guaina di colore gialloverde.

Relazione Definitiva

20

Conduttori rete di terra I conduttori da utilizzare per la rete di terra saranno costituiti da rame elettrolitico, le loro sezioni vengono indicate negli elaborati grafici relativi. I dispersori previsti saranno in acciaio zincato ed avranno una lunghezza di 3 metri, il loro diametro sar di 48 millimetri e verranno infissi nel terreno. (N.B. per definire questi dati necessario un calcolo precedente). Gli appositi pozzetti di ispezione premetteranno di controllare lo stato dei collegamenti. La connessione delle derivazioni, dal collettore principale di terra, NON dovr assolutamente creare interruzioni di questultimo. Alla rete di terra saranno connessi: - conduttori di terra; - conduttori di protezione; - conduttori equipotenziali principali; - quadri di distribuzione e di protezione. Quadri di distribuzione Tutti i quadri, QG quadro generale, QCT quadro centrale termica avranno tipologia di quadri a colonna, la cui carpenteria avr un grado di protezione IP44. I quadri degli appartamenti degli alloggi saranno di tipo modulare ad incasso e rispondenti alle CEI 23-51. Tutti gli interruttori magnetotermici e magnetotermici-differenziali sono indicati negli elaborati grafici di progetto ed avranno caratteristica di intervento curva C. Gli interruttori magnetotermici differenziali avranno caratteristica curva A. Si riportano in seguito lo schema del quadro generale per il singolo vano scala e lo schema di distribuzione per lunit abitativa tipo:

Fig. 2 Schema quadro generale principale per vano scala

Relazione Definitiva

21

Fig. 3 Schema di distribuzione per U.A.

Canaline portacavi Le canaline portacavi saranno rispondenti ai disegni di progetto in fase di progettazione esecutiva. Il coefficiente di riempimento delle canaline sar sempre tale da garantire che il rapporto tra la sezione delle canaline stesse e larea della sezione netta occupata dai cavi non sia inferiore a 2. Tubi portacavi Il diametro interno dei tubi sar sempre maggiore o uguale a 1.3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi contenuti, con un minimo di 13 mm. Il tubo rigido medio (750 N) di materiale termoplastico non propagante la fiamma, autoestinguente (V2 secondo UL 94), resistente al filo incandescente a 850 C e costruito secondo le norme CEI di prodotto non filettabile, sar impiegato nei locali dove pu essere soggetto a possibili urti meccanici di modesta entit. Il tubo per incasso nelle pareti in muratura saranno di tipo flessibile di tipo pesante secondo norma CEI di prodotto. Scatole di derivazione Le scatole di derivazione dovranno essere di materiale termoplastico o termoindurente, con coperchio munito di guarnizione di gomma antinvecchiante e di viti imperdibili di acciaio inossidabile, in esecuzione senza finestre e senza flange saranno del tipo autoestinguente (V2 secondo UL 94) e resistenti al filo incandescente a 850 C secondo le norme IEC 695-2-1; le cassette saranno munite di piastra di fondo di acciaio zincato e dovranno avere un grado di protezione minimo IP56. Pressacavi I pressacavi di materiale termoplastico saranno del tipo autoestinguente (V2 secondo UL 94) e resistenti al filo incandescente a 850 C secondo le norme IEC 695-2-1. I pressacavi saranno muniti di anello di tenuta e di controdado e sono da impiegare nei collegamenti diretti cavo scatola o cavo apparecchiatura, senza tubo o guaina di protezione. Interruttori e pulsanti luce Gli interruttori ed i pulsanti luce saranno in esecuzione stagna protetti da guaina cedevole e scatole portafrutto in materiale isolante per esecuzioni di posa in vista negli ambienti tecnologici. Saranno in esecuzione da incasso completi di scatole portafrutto e placche in oxidal negli altri ambienti. 22

Relazione Definitiva

I comandi saranno installati a 1,00 m dal pavimento finito salvo quando diversamente indicato nei disegni di progetto. Prese a spina f.m. Le prese a spina f.m. saranno del seguente tipo (nelle quantit e nelle posizioni indicati nei disegni di progetto): - prese a spina 2P + T 10/16 A a poli allineati in esecuzione stagna protette da guaina cedevole e scatole portafrutto; - prese a spina da incasso bipasso 2P + T 10/16 A a poli allineati nella tipologia e quantit rilevabili sui disegni di progetto; - prese a spine tipo CEE, in contenitore di materiale isolante, per montaggio da incasso con grado di protezione minimo pari a IP 55 singolo o in gruppi, completi di accessori, nelle tipologie e quantit indicate nei disegni di progetto allegati. Apparecchi di illuminazione Gli apparecchi di illuminazione delle aree comuni saranno rispondenti alle relative norme CEI di prodotto, con marcatura CE, per quanto possibile muniti anche di Marchio IMQ od analogo e secondo quanto di seguito descritto. Gli apparecchi di illuminazione fluorescenti per aree tecniche saranno in esecuzione con grado di protezione IP65 ed avranno le seguenti caratteristiche: - corpo di policarbonato autoestinguente classe V2; - riflettore di lamiera dacciaio stampata e verniciata; - schermo di policarbonato autoestinguente classe V2, liscio esternamente; - reattori a bassissime perdite, rifasato cos min. 0,92; - starter elettronico per accensione istantanea; - condensatore con resistenza di scarica; - fusibile di protezione 5x20, rapido 2 A del tipo con sabbia spegniarco; - cablato con conduttori per alte temperature; - lampada ad alta emissione diametro 26 mm; - potenza nominale di ciascuna lampada: 36 W; - accessori di fissaggio. Impianto allarme antincendio Limpianto dovr essere costituito da: a) una centralina a microprocessore per la segnalazione automatica di allarme in caso di incendio, certificata secondo la normativa vigente e costituita da: Funzioni: - identificazione del singolo rivelatore in allarme con relativa visualizzazione; - ripetuto controllo della segnalazione per evitare falsi allarmi; - predisposizione del sistema per segnalazioni manuali tramite appositi pulsanti; - possibilit di segnalazione di preallarme nelle zone presidiate o di allarme diretto in caso di mancanza di presidio; - presenza di adeguati canali di comando per gli avvisatori acustici ed ottici di allarme; - segnalazione di manomissione o rimozione del rivelatore e/o dei cavi; - segnalazione di batteria scarica; - sistema di diagnosi per lautocontrollo della centrale e di tutte le linee; - possibilit di controllo di almeno 4 zone.

Relazione Definitiva

23

Dati tecnici: - alimentazione: 220 V, 50 Hz; - autonomia: 24 ore. b) rivelatori ottici ad indirizzo individuale da soffitto con led di segnalazione dello stato del sensore negli appartamenti, nei corridoi, nelle centrali e comunque dove indicato sui disegni di progetto; c) pulsanti manuali per la segnalazione di allarme in caso di incendio (dove indicato sui disegni di progetto); d) pannello acustico/luminoso di abbandono locali in caso di incendio (dove indicato sui disegni di progetto); e) sirena allarme autoalimentata (dove indicato sui disegni di progetto); f) la rete di alimentazione della centrale e i pannelli di allarme acustico/luminoso dovranno essere realizzati con cavi resistenti al fuoco, le condutture che collegano i rilevatori e i pulsanti alla centrale saranno realizzati con tubi tipo medio (750N) e conduttori N07V-K. La rete di alimentazione dovr comprendere cavi, collegamenti, installazione dei vari componenti, materiali, verifiche, prove funzionali, certificazioni e tutto ci che necessita per un impianto efficiente. La centralina sar predisposta per un segnale di allarme remoto ai Vigili del Fuoco o ad un Ente predisposto.

IMPIANTI SPECIALI
Saranno realizzati i seguenti impianti: Impianto illuminazione di emergenza - Impianto illuminazione di emergenza, con lampade di sicurezza autonome del tipo fluorescente, grado di protezione IP40, ricarica completa in 12 ore e durata delle batterie non inferiore a 4 anni come da norma CEI EN 60598-2-22, autonomia di 1 ora. Impianto antenna - Impianto antenna, con cavi per TV impedenza 75 e conduttori argentati infilato in tubazione e presa TV coassiale semplice per serie civile componibile schermata fino a 1750MHz; Impianto telefonico - Predisposizione impianto telefonico, con cavo rispondente alle norme CEI 46-5 CEI 20-22 II Tabella UNEL 36754, non propaganti incendio ed a ridotta emissione di gas corrosivi, isolato in materiale termoplastico PVC e presa telefonica per uso civile compatibile; Impianto citofonico - Impianto citofonico, con pulsantiera esterna di alluminio anodizzato a due file con tastiera e porta cartellini luminosi, portalampada, lampada ed ogni accessorio, ogni alloggio sar dotato di un citofono da 12 V dotato di pulsante per serratura esterna, suoneria a ronzio e relativo trasformatore monofase per tensioni 110/220 V al primario e 4-8-12-24 V al secondario.

Relazione Definitiva

24

IMPIANTO DI RISCALDAMENTO
Limpianto di riscaldamento del tipo autonomo a gas dimensionato a norma di legge e costituito dai seguenti elementi: Caldaia a gas Caldaia a gas con rendimento superiore al 90% con carter di protezione dagli agenti atmosferici in quanto posizionata allesterno degli ambienti, completa di bruciatore atmosferico, vaso si espansione chiuso, pompa di circolazione a due velocit, apparecchiature di controllo e sicurezza compreso il by-pass contro chiusura totale delle valvole termostatiche, gruppo di rendimento. Collettore complanare semplice o compatibile di bronzo completa di cassetta con telaio in lamiera per lalloggio dello stesso. Sistema di termoregolazione con programmatore sigillabile che consente la regolazione della temperatura degli ambienti sul valore di 20C + 2C di tolleranza in condizione di attenuazione notturna. Radiatori Limpianto prevede la installazione di corpi scaldanti a radiazione in tutti gli ambienti delle unit immobiliari, questi, dovranno essere in alluminio, avranno interasse da 60 cm e saranno posizionati preferibilmente nei sottofinestra o in nicchie realizzate nello spessore del muro. Ogni radiatore sar dotato di valvola di intercettazione, detentore e valvola di sfogo aria manuale, emissione termica nominale certificata secondo norma UNI 6514. Circuito di alimentazione I tratti di tubazione saranno realizzati in rame, di diametro minimo 10 mm, rivestite singolarmente con materiale isolante di spessore secondo la legge 10/91 e lart. 5 del DPR 26 agosto 1993, n. 412 (minimo pari a 13 mm, conduttivit termica = 0,030 W/mC), coibentato, di sezione adeguata per il collegamento dei radiatori ai collettori complanari di distribuzione, che a loro volta saranno collegati al generatore di calore mediante tubazioni in acciaio nero, per i tratti verticali; mentre, per i tratti orizzontali saranno interrati, in acciaio preisolato in fabbrica del tipo da interro. Generatore di calore Lalimentazione dei generatore di calore, sar assicurata dalle linee del gas interrate, presenti nelle area di progetto e gestite dallItalgas. Infatti tale ente, serve la zona con una rete a 5 Bar, su Via degli Angeli e Via di Centocelle, poco distanti dallarea di insediamento. Dovr quindi, essere realizzato esclusivamente un breve tratto di linea gas in PEAD per la porzione interrata e in acciaio zincato per quella esterna, che dovr essere incamiciata negli attraversamenti delle murature. .

Relazione Definitiva

25

ALLEGATI

Relazione Definitiva

Impianto Idrico Sanitario e Fognario: Elaborato Edifici in Linea Comparto C4

Relazione Definitiva

Impianto Idrico Sanitario e Fognario: Elaborato edifici a Palazzina - Comparto C5

Relazione Definitiva

Impianto Elettrico: Elaborato Edifici in Linea Comparto C4

Relazione Definitiva

Impianto Elettrico: Elaborato edifici a Palazzina - Comparto C5

Relazione Definitiva

Impianto Elettrico: Impianto Unit Abitativa Tipo

Relazione Definitiva