Sei sulla pagina 1di 38

Eni S.p.A.

Exploration & Production Division

SPECIFICA

INSTALLAZIONE DI CONDOTTE CON METODOLOGIE TRENCHLESS

27400.PLI.CIV.PRG
Rev. Settembre 2009

ENGINEERING COMPANY STANDARD


Documento riservato di propriet di Eni S.p.A. - Divisione Exploration & Production. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 2 di 38

PREMESSA Durante la scelta del tracciato di una condotta, lipotesi di installazione in trincea pu risultare difficile se non addirittura impossibile, in alcuni tratti, dove si incontrino particolari ostacoli naturali o artificiali. Nel caso in cui non possano essere identificate alternative di tracciato o le alternative comportino un incremento della lunghezza, non accettabile dal punto di vista economico, possono essere prese in considerazione alternative di installazione mediante tecnologie trenchless. Oggigiorno sono disponibili diversi metodi di installazione trenchless, di cui esiste una estesa casistica di realizzazione, attraverso cui stato raggiunto un elevato livello tecnico che pu garantire linstallazione con successo di condotte, dove siano utilizzati un metodo idoneo e siano valutati accuratamente tutti gli aspetti prima della realizzazione. Lapplicabilit di un metodo piuttosto che di un altro dipende da diversi fattori, inclusi le caratteristiche dei suoli, la lunghezza della condotta, il diametro della condotta, ecc... e per la scelta finale devono essere considerati anche i costi di realizzazione. Lo scopo della presente specifica di fornire una panoramica dei possibili metodi trenchless applicabili, definendo le informazioni necessarie e i criteri per la scelta di una soluzione appropriata.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 3 di 38

INDEX

INSTALLAZIONE DI CONDOTTE CON METODOLOGIE TRENCHLESS ......................................... 1 1. 2. 3. 4. 5. 6. 6.1 6.2 6.3 6.4 6.5 7. 7.1 7.2 7.3 7.4 8. 8.1 8.2 8.3 8.4 9. 9.1 9.2 9.3 9.4 10. 10.1 10.2 10.3 10.4 11. 12. SCOPO ............................................................................................................................. 4 DEFINIZIONI..................................................................................................................... 6 ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI .................................................................................... 6 CODICI E STANDARD DI RIFERIMENTO ...................................................................... 7 DISEGNI DI RIFERIMENTO............................................................................................. 8 STUDI PRELIMINARI ED INDAGINI ............................................................................... 9 STUDIO DEL TRACCIATO............................................................................................. 10 STUDI GEOLOGICO/GEOTECNICI............................................................................... 11 STUDI IDROLOGICO/IDRAULICI .................................................................................. 12 STUDI AMBIENTALI....................................................................................................... 13 CONFRONTO TRA I COSTI DINVESTIMENTO ........................................................... 14 TRIVELLA SPINGITUBO ............................................................................................... 15 REQUISITI GENERALI ED APPLICABILIT DELLA TRIVELLA SPINGITUBO ........... 15 STIMA DEI COSTI .......................................................................................................... 16 DATI DI INPUT E PROGETTAZIONE DELLATTRAVERSAMENTO ............................ 17 PROCEDURA DI LAVORO ............................................................................................ 19 TRIVELLAZIONE ORIZZONTALE CONTROLLATA (TOC) ......................................... 20 REQUISITI GENERALI ED APPLICABILIT DELLA TRIVELLAZIONE ORIZZONTALE CONTROLLATA (TOC) .................................................................................................. 20 STIMA DEI COSTI .......................................................................................................... 22 DATI DI INPUT E PROGETTAZIONE DELLATTRAVERSAMENTO ............................ 22 PROCEDURA DI LAVORO ............................................................................................ 24 MICROTUNNEL E MINITUNNEL................................................................................... 25 REQUISITI GENERALI ED APPLICABILIT DELLA TECNOLOGIA DEL MICROTUNNEL.............................................................................................................. 26 STIMA DEI COSTI .......................................................................................................... 28 DATI DI INPUT E PROGETTAZIONE DELLATTRAVERSAMENTO ............................ 28 PROCEDURA DI LAVORO ............................................................................................ 30 POZZO VERTICALE/SUB-VERTICALE (RAISE BORING).......................................... 31 REQUISITI GENERALI ED APPLICABILIT DEL METODO RAISE BORING ............. 32 STIMA DEI COSTI .......................................................................................................... 33 DATI DI INPUT E PROGETTAZIONE DELLATTRAVERSAMENTO ............................ 34 PROCEDURA DI LAVORO ............................................................................................ 35 CRITERI GENERALI PER LA SCELTA DEI METODI DI INSTALLAZIONE TRENCHLESS ............................................................................................................ 36 BIBLIOGRAFIA E RIFERIMENTI................................................................................... 38

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
1. SCOPO

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 4 di 38

La presente specifica intende definire i criteri generali ai quali un Engineering Contractor, un Construction Contractor o un EPC Contractor devono attenersi, al fine di valutare e selezionare una soluzione ottimale per superare ostacoli che impediscono l'installazione di gasdotti secondo le normali procedure di installazione. Infatti, l'esistenza di attraversamenti (come fiumi, torrenti, strade e ferrovie) pu essere un ostacolo per l'installazione di condotte a cielo aperto. I metodi di installazione trenchless sono stati sempre pi adottati nel tempo dalle Societ Petrolifere e dalle ditte appaltatrici; queste soluzioni utilizzare per superare degli ostacoli, sono attualmente considerate affidabili e, in molti casi, economicamente pi vantaggiose per risolvere i problemi di tracciato e per la realizzazione degli attraversamenti. I metodi di installazione trenchless descritti nel presente documento sono: Trivella Spingitubo: la tecnica di costruzione pi comunemente usata per lattraversamento di ostacoli di lunghezza limitata come strade, ferrovie, canali o altri servizi; il tubo di protezione o direttamente la condotta di trasporto vengono installati per perforazione e spinta. Trivellazione Orizzontale Controllata (TOC): Si tratta di un processo in due fasi, che consiste nel trivellare un foro pilota di piccolo diametro lungo un percorso prestabilito, e successivamente nellalesaggio del foro pilota per portarlo al diametro necessario ad accogliere la tubazione che verr installata allinterno del foro mediante tiro. Il metodo TOC consente di monitorare la posizione della testa di perforazione e di orientarla durante il processo di trivellazione. Il profilo longitudinale del foro tipicamente curvilineo e nel foro stesso viene pompato il fluido di perforazione (di solito fango bentonitico) cos da costituire un intorno fluido piuttosto che un foro aperto. Questa miscela fluida fornisce un supporto continuo alle pareti del foro. Microtunnel: un processo telecontrollato e guidato di inserimento di elementi tubolari che forniscono un sostegno continuo al fronte di scavo. Il sistema di guida di solito costituito da un laser installato nel pozzo di spinta che fornisce un linea di riferimento ad un obiettivo/ricevitore installato nella testa fresante allinterno del microtunnel. Il processo di realizzazione del microtunnel consente di controllare la stabilit del fronte di scavo mediante l'applicazione di pressione meccanica o del fluido, per controbilanciare la pressione del terreno e quella idraulica. Tipicamente i microtunnel hanno un diametro interno inferiore a 2000 mm. Minitunnel:

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 5 di 38

Il minitunnel pu essere concettualmente descritto come microtunnel di diametro pi grande (in genere tra il 2000 mm e 3500 millimetri), controllato dalloperatore sul fronte di scavo e in cui il materiale di scavo pu essere evacuato tramite attrezzature meccaniche. Pozzo di trivellazione verticale/subverticale (Raise Borer): Si tratta di una combinazione di diverse tecnologie; alla base del pozzo viene realizzata una galleria sub orizzontale, con metodo tradizionale oppure mediante Tunnel Boring Machine, da cui sar possibile eseguire tutte le successive operazioni. Il metodo Raise Boring fondamentalmente un processo in tre fasi che consiste nel realizzare una galleria di base, un foro pilota verticale o sub verticale di piccolo diametro, mediante trivella, lungo un percorso prestabilito, per poi procedere con lalesaggio del foro pilota fino al diametro desiderato tirando indietro una fresa che realizzer il pozzo finale per l'installazione della condotta.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
2. DEFINIZIONI Cliente Engineering Contractor

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 6 di 38

ENI E&P, che il Cliente finale dei lavori oggetto del Contratto la Societ di Ingegneria a cui sono stati commissionati dal Cliente uno studio di fattibilit, o un Front End Engineering Design (FEED) o uningegneria di dettaglio

Construction Contractor

la societ di costruzione o la Joint Venture a cui il Cliente ha assegnato i lavori, sulla base dellingegneria sviluppata da altri

EPC Contractor

la societ di costruzione o la Joint Venture a cui il Cliente ha assegnato la responsabilit dei lavori; lEPC Contractor, sulla base dei documenti di FEED, avr la responsabilit dellingegneria, acquisto materiali e costruzione/ installazione fino al commissioning dellintero impianto.

Contractor Lavoro/i

societ appaltatrice sono tutte le attivit, i materiali e le installazioni comprese nello scopo del lavoro contrattuale.

3.

ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI ASME ASTM BS EPC FEED TOC TVC MT MTBM TBM USCS American Society of Mechanical Engineering American Society for Testing of Material British Standard Engineering, Procurement e Construction Front End Engineering Design Trivellazione Orizzontale Controllata Trivellazione Verticale Controllata Microtunnel Microtunnel Boring Machine Tunnel Boring Machine Unified Soil Classification System

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
4. CODICI E STANDARD DI RIFERIMENTO

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 7 di 38

Decreto Ministeriale 17/04/2008 Regola Tecnica per la Progettazione, Costruzione, Collaudo, Esercizio e Sorveglianza delle Opere e degli Impianti di Trasporto Gas Naturale con densit non superiore a 0,8 (applicabile in Italia)

Decreto Ministeriale n. 2445 del 23/02/1971 Norme tecniche per gli attraversamenti e per i parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto (applicabile in Italia).

Decreto Ministeriale 10/08/2004 Modifiche alle Norme tecniche per gli attraversamenti e per i parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto (applicabile in Italia).

UNI-EN 1594 Gas supply System Pipeline for maximum operating pressure over 16 bar-Functional requirements (applicabile per le condotte in Europa)

ASME B 31.8 (ultima edizione) Gas Transmission and distribution piping system (applicabile alle condotte per il trasporto di gas a livello internazionale)

ASME B 31.4 (ultima edizione) Pipeline Transportation System for Liquid Hydrocarbons and Other Liquids (applicabile alle condotte per il trasporto di olio a livello internazionale)

API RP 1102 Steel Pipelines Crossing Railroads and Highways

British Standard BS 5930 BS 1377 Code of practice for site investigation Methods of Test for Soils for Civil Engineering Purposes Unified Soil Classification System

USCS

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
5. DISEGNI DI RIFERIMENTO

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 8 di 38

27416-E-PLI-CIV-DWG 27417-E-PLI-CIV-DWG 27418-E-PLI-CIV-DWG 27419-E-PLI-CIV-DWG 27435-I-PLI-CIV-DWG 27436-I-PLI-CIV-DWG 27437-I-PLI-CIV-DWG 27432-I-PLI-CIV-DWG 27433-I-PLI-CIV-DWG 27434-I-PLI-CIV-DWG

Attraversamento interrato tipo di ferrovie (condotte gas) Attraversamento interrato tipo di ferrovie (condotte olio) Attraversamento interrato tipo di autostrade e strade ad esse assimilabili (condotte gas) Attraversamento interrato tipo di autostrade e strade ad esse assimilabili (condotte olio) Geometria di un attraversamento mediante trivellazione orizzontale controllata (T.O.C.) Geometria di un attraversamento con metodologia microtunnel/minitunnel Geometria del superamento di un ostacolo sub-verticale con metodologia trenchless raise borer Postazione di spinta e/o di recupero per trivellazioni Struttura con palancolato metallico infisso Postazione di spinta e/o di recupero per trivellazioni Struttura con diaframma continuo in c.a. Postazione di spinta e/o di recupero per trivellazioni Struttura in c.a. a cassone

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
6. STUDI PRELIMINARI ED INDAGINI

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 9 di 38

La decisione di adottare una o pi di una soluzione trenchless lungo il percorso di una condotta deve essere il risultato finale dello studio del tracciato, inclusi studi idraulici, studi geologico/geotecnici, studi ambientali. I dati di cui sopra forniscono le informazioni di base per la valutazione del tracciato, la localizzazione dei principali vincoli, la natura di tali vincoli e la fattibilit di soluzioni trenchless. I Contractors devono prendere atto del fatto che il Cliente generalmente favorevole all'utilizzo di tecnologie trenchless dove necessario e richieder studi approfonditi e relazioni a supporto delle soluzioni proposte, unitamente ad un confronto economico rispetto a metodi convenzionali di installazione. Per chiarire questo concetto, si deve considerare che le soluzioni trenchless possono consentire una riduzione della lunghezza della condotta in aree morfologicamente complesse o in zone collinari geologicamente instabili. I Contractors dovranno supportare le loro proposte dando adeguata evidenza dei problemi riscontrati, illustrando le soluzioni tecniche proposte ed i relativi vantaggi e dei costi connessi. Prendendo come esempio lattraversamento di un fiume importante, una soluzione trenchless pu essere selezionata dopo aver analizzato il regime idraulico del fiume, la presenza di argini artificiali, la stratigrafia letto del fiume, la presenza di aree protette lungo gli argini del fiume. Le metodologie trenchless possono inoltre consentire la soluzione di problemi legati al profilo idraulico degli oleodotti, permettendo di tagliarne il profilo piezometrico, o in altri casi possono essere di aiuto nel superare pendii verticali o sub verticali. Tenuto conto delle considerazioni generali esposte, i Contractors dovranno indagare gli aspetti tecnici coinvolti come descritto in seguito.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 10 di 38

6.1

Studio del tracciato

Nella scelta del tracciato di una condotta, lEngineering Contractor dovr valutare la fattibilit di percorsi diversi, considerando tutti gli aspetti tecnici, ambientali ed economici, ed evidenziare i punti critici dove pu essere richiesta uninstallazione trenchless. Lo studio dovr tenere conto delle evidenze morfologiche derivanti da cartografia esistente o prodotta allo scopo e da sopralluoghi in campo, di aree protette ambientali (naturali o siti archeologici) e di altre limitazioni nella zona di interesse. In tratti particolari, potr essere valutata la possibilit di installazione con metodi trenchless al posto del tradizionale metodo mediante scavo a cielo aperto, ove se ne preveda un beneficio in termini di costo o di impatto ambientale (ad esempio se si pu ottenere una riduzione della lunghezza della condotta rispetto ad un altro tracciato in cui sia possibile linstallazione a cielo aperto). In altre situazioni, l'installazione della condotta mediante metodi trenchless potrebbe essere l'unico modo per installarla senza interferire con i servizi esistenti, con i vincoli ambientali e mantenendo la morfologia superficiale allo stato originale (ad esempio: autostrade, ferrovie, fiumi, attraversamento di aree ambientali protette). Lo studio del tracciato dovr fornire una proposta preliminare per lutilizzo di una particolare metodologia di installazione trenchless da applicare per la soluzione di uno specifico problema. Il Contractor dovr presentare al Cliente la mappa del tracciato e una relazione, contenente tutta la documentazione e gli studi necessari e dove le alternative dovranno essere descritte e confrontate per la scelta della soluzione finale.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 11 di 38

6.2

Studi geologico/geotecnici

Le caratteristiche geologiche della zona interessata sono di importanza fondamentale per selezionare il percorso ottimale di una condotta e per definire il metodo di installazione nei diversi tratti. Le informazioni geologiche di carattere generale dovranno essere riferite allintero percorso, mentre indagini in sito dedicate dovranno essere eseguite dove si intende valutare una soluzione trenchless. LAppaltatore dovr produrre uno studio inclusivo dellinquadramento geologico generale dellarea e lindicazione delle indagini geotecniche specifiche (prove in sito e di laboratorio), necessarie per il progetto della soluzione trenchless proposta. La posizione dei sondaggi e la loro profondit dovranno consentire la caratterizzazione degli strati di terreno lungo la sezione di attraversamento, includendo anche i possibili pozzi di entrata ed uscita da realizzare. Dovranno essere eseguite tutte le indagini specifiche e le prove richieste per la metodologia trenchless prescelta ed i relativi rapporti dovranno inclusi nella documentazione di FEED o nella progettazione di dettaglio. Indagini, test e classificazione dovranno indicativamente essere eseguiti ed i rapporti finali prodotti secondo la norma BS 5930 e BS 1377 o ASTM equivalente, e USCS.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 12 di 38

6.3

Studi Idrologico/Idraulici

Per l'attraversamento di fiumi principali, lEngineering Contractor dovr raccogliere le seguenti informazioni al fine di selezionare il metodo ottimale di installazione: informazioni generali sul corso dacqua dati idraulici, se disponibili, relativi al corso dacqua portata velocit trasporto solido

I dati di cui sopra possono essere considerati sufficienti ai fini di uno studio preliminare del tracciato finalizzato alla proposta di alternative, mentre per il completamento dello studio dovr essere incluso quando segue: la portata massima calcolata nella sezione di interesse, per il periodo di ritorno di 10, 20, 50 e 100 anni e velocit connesse il calcolo dellerosione del letto del fiume e delle sponde, in relazione alla portata massima, come sopra descritto le protezioni spondali, se necessarie, e il loro dimensionamento.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 13 di 38

6.4

Studi Ambientali

Oltre a considerare tutti gli aspetti tecnici relativi alla scelta del metodo di installazione in corrispondenza di un attraversamento, anche gli aspetti ambientali devono essere valutati e tenuti in considerazione per la valutazione di metodi alternativi di installazione. In effetti, quando si incontrano lungo il percorso delle aree sensibili dal punto di vista ambientale, obbligatoria la loro conservazione allo stato originario. Tuttavia, per la prima fase di studio dei tracciati vengono richiesti solo studi bibliografici ed osservazioni visive del sito. La valutazione definitiva delle aree da preservare sar il risultato di studi ambientali dedicati (Valutazione di Impatto Ambientale o equivalente, come richiesto dalle normative nazionali). Le prescrizioni emesse da parte delle autorit nazionali e locali dovranno essere incorporate nella progettazione definitiva e rispettate nella costruzione.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 14 di 38

6.5

Confronto tra i costi dinvestimento

La proposta finale di una soluzione trenchless per linstallazione di una condotta in una particolare sezione, deve essere supportata dalla stima dei costi e dal confronto con le alternative: convenzionale a cielo aperto (se applicabile) o altre soluzioni trenchless. La scelta del metodo di installazione viene di solito effettuata in fase di fattibilit o nella fase di progettazione di base; per ogni possibile soluzione trenchless il costo totale dellopera deve essere stimato con una precisione di + / -20%.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
7. TRIVELLA SPINGITUBO

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 15 di 38

Il metodo di installazione mediante trivella spingitubo consiste nellesecuzione di un foro da un pozzo di spinta, utilizzando una testa fresante a rotazione, e nella successiva installazione di un tubo (in acciaio o in cemento armato) con funzione di tubo di protezione per servizi (tubazioni, cavi, ecc...); pu essere eseguita anche linstallazione diretta di una condotta di trasporto. Il metodo della trivella spingitubo richiede la realizzazione di un pozzo di spinta e di un pozzo di ricevimento. E un procedimento a pi fasi che prevede la costruzione di un muro reggispinta temporaneo e di un binario allineato, posto alla quota desiderata allinterno del pozzo di spinta. Il tubo di protezione o la condotta di trasporto vengono quindi spinti secondo lallineamento iniziale con scavo simultaneo del terreno ottenuto tramite la testa fresante a rotazione collocata sul fronte di avanzamento. Il materiale di risulta viene quindi asportato dalle coclee (vite senza fine) rotanti poste allinterno della condotta. Qualora si installi un tubo di protezione, il diametro dello stesso dovr essere superiore a quello della condotta di trasporto di almeno 48 pollici; lintercapedine tra le due tubazioni aumenta allaumentare del diametro della condotta di trasporto, al fine di garantire una facile installazione della condotta allinterno del tubo di protezione. Se indicato nella normativa nazionale, il diametro del tubo di protezione dovr essere selezionato nel rispetto del limite minimo/massimo imposto per lintercapedine. Per linstallazione della condotta di trasporto allinterno del tubo di protezione, la stessa dovr essere protetta utilizzando collari distanziatori posti alla distanza definita nel progetto; alle estremit del tubo di protezione dovranno essere installati tappi di chiusura termorestringenti cos come gli eventuali tubi di sfiato richiesti da norme e codici nazionali ed internazionali (si vedano i disegni 27416-I-PLICIV-DWG, 27417-I-PLI-CIV-DWG, 27418-I-PLI-CIV-DWG e 27419-I-PLI-CIV-DWG). Se richiesto da norme e codici nazionali ed internazionali, il tratto di condotta di trasporto da installare in corrispondenza dellattraversamento dovr essere pre-testato idraulicamente, al livello di pressione definito nelle specifiche di progetto. Questa metodologia viene generalmente utilizzata per linstallazione di condotte in corrispondenza di attraversamenti stradali o ferrroviari o per superare fiumi/canali di dimensioni ridotte.

7.1

Requisiti Generali ed Applicabilit della Trivella Spingitubo

Le principali condizioni e requisiti di fattibilit che lEngineering Contractor dovr verificare al fine di proporre linstallazione tramite trivella sono i seguenti: a) Copertura di terreno minima

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 16 di 38

Dovr essere garantita una copertura di terreno minima pari a 2,5 volte il diametro del foro, cos come la copertura minima richiesta da normative e standard nazionali applicabili o in base alle prescrizioni delle autorit locali competenti. b) Geometria Linstallazione tramite trivella spingitubo pu essere solo rettilinea, alla profondit prestabilita dei pozzi di entrata e di uscita. Normalmente si riesce a raggiungere una precisione al punto di arrivo pari a 1% della lunghezza attraversata; fanno eccezione le tubazioni di piccolo diametro in cui il rischio di deviazione pu aumentare con la lunghezza. Prima della installazione della condotta di trasporto allinterno di un tubo di protezione, dovr essere verificata la deviazione finale dello stesso; in caso la geometria e lo scostamento totale non siano accettabili, per cui l'installazione della condotta di trasporto risulti non essere materialmente possibile, dovr essere eseguita una nuova trivellazione. c) Lunghezza di attraversamento La lunghezza limite normalmente accettata per ritenere fattibile linstallazione tramite trivella spingitubo di circa 100150 metri, in funzione del diametro del foro/del tubo; il Contractor pu valutare la fattibilit di una lunghezza di attraversamento maggiore, dando al Cliente le informazioni e assicurazioni appropriate. d) Diametro del foro/tubo La trivella spingitubo pu essere utilizzata per linstallazione di tubi di protezione/condotte di trasporto con diametro variabile tra 4 e 60 pollici, ma i diametri pi comuni delle condotte installate variano tra 8 e 48 pollici. Per diametri superiori, il microtunnel da considerarsi unalternativa migliore in quanto garantisce maggior precisione e efficacia in termini di costi. e) Quadro geologico/geotecnico La tecnica della trivella spingitubo pu essere utilizzata in terreni coesivi, non coesivi e in roccia, purch si selezioni la testa fresante in funzione delle caratteristiche dei terreni. La trivella spingitubo non praticabile in presenza di falda freatica in terreno permeabile. f) Aree di lavoro necessarie E richiesta la realizzazione di due pozzi alle estremit del foro. Le dimensioni del pozzo di spinta dipendono dal diametro del foro e dalla lunghezza del tubo di protezione/condotta da inserire. Deve essere considerato anche lo spazio sufficiente per il carico, lo scarico e lo stoccaggio di materiali ed attrezzature.

7.2

Stima dei costi

La stima dei costi relativa alla realizzazione di un attraversamento con trivella spingitubo dovr tenere in considerazione, come minino, le seguenti voci: Mobilitazione/smobilitazione

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
-

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 17 di 38

Preparazione delle aree di cantiere: aree di lavoro, stoccaggio materiali, pozzi, ecc Manodopera e costo delle attrezzature per la durata stimata Materiali: tubo di protezione (se previsto) e tutti gli altri accessori Smaltimento del materiale di risulta Ripristino finale

7.3

Dati di Input e Progettazione dellAttraversamento a) Studio di fattibilit per trivella spingitubo Per valutare la fattibilit di un attraversamento mediante trivella spingitubo, devono essere analizzati i dati topografici e geologici relativi alle aree interessate. In particolare devono essere esaminati i seguenti aspetti: ubicazione del progetto: verifica della disponibilit di spazio per i pozzi di spinta e di ricevimento e per le altre aree di lavoro (materiali ed attrezzature), della distanza dagli impianti esistenti. A tale scopo, possono essere utili mappe topografiche in scala da 1:25000 fino a 1:500 Caratteristiche del terreno: per lo studio di fattibilit sono sufficienti dati bibliografici ed indagini visive. Geometria della strada/ferrovia/canale: dovranno essere definite in maniera indicativa la massima larghezza e la massima profondit di attraversamento Sulla base delle informazioni raccolte, l'applicabilit del metodo della trivella spingitubo pu essere confermata con riferimento ai requisiti di cui al punto precedente 7.1. b) Progettazione di base per un attraversamento con trivella spingitubo Per la progettazione di base, dovranno essere acquisite le seguenti informazioni relative al sito: Rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio dellattraversamento in scala 1:200, incluso il profilo dei fiumi secondari o canali eventuali Campagna geognostica: dovr essere definito il tipo, il numero e la profondit dei sondaggi geotecnici (saggi poco profondi o sondaggi profondi), e le prove in sito e di laboratorio, in funzione dellimportanza dellattraversamento. Come minimo dovr essere definita la stratigrafia e la classificazione dei terreni ed il livello delleventuale falda freatica. Con queste informazioni aggiuntive potr essere confermata la fattibilit dellattraversamento mediante trivella spingitubo; i dati topografici e geotecnici dovranno essere inclusi nella documentazione di FEED per le successive fasi del progetto. Se ritenuto necessario, potr essere prodotto anche il disegno preliminare dellattraversamento. c) Progettazione di dettaglio dellattraversamento con trivella spingitubo

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 18 di 38

La progettazione di dettaglio di un attraversamento con trivella spingitubo dovr essere eseguita dal Construction Contractor o dallEPC Contractor sulla base delle attrezzature specifiche e delle procedure che il Contractor intende utilizzare per eseguire tale installazione trenchless. Il Contractor avr la responsabilit di reperire tutte le informazioni necessarie alla progettazione, in aggiunta a quelle eventualmente incluse nella documentazione di FEED, includendo come minimo: rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio dellattraversamento in scala 1:200 campagna geognostica: il Contractor dovr definire la distanza, la posizione e la profondit dei sondaggi, il numero dei campioni e delle prove di laboratorio necessari per la classificazione dei terreni lungo il profilo di perforazione per ridurre al minimo il rischio di costruzione. La progettazione di dettaglio dovr includere, come minimo, quanto segue: disegno di dettaglio dellattraversamento verifiche di stress analysis, considerando i carichi longitudinali e verticali (spinta durante l'installazione, carichi verticali permanenti e accidentali durante lesercizio come richiesto dai codici e dalle norme internazionali o nazionali). disegno di dettaglio e progettazione dei pozzi di spinta e ricevimento.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 19 di 38

7.4

Procedura di lavoro

Il Construction Contractor o lEPC Contractor, congiuntamente alla progettazione di dettaglio dellattraversamento, dovr sviluppare una procedura di lavoro dettagliata che dovr includere come minimo quanto segue: Layout delle aree di lavoro Tipo e potenza della trivella spingitubo Descrizione delle fasi di lavoro Procedura per lo smaltimento del materiale di scavo e per il ripristino finale

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
8. TRIVELLAZIONE ORIZZONTALE CONTROLLATA (TOC)

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 20 di 38

Dal punto di vista concettuale, la procedura utilizzata nella trivellazione orizzontale controllata la stessa utilizzata per la perforazione dei pozzi petroliferi, con la differenza che le attrezzature di perforazione sono montate su una rampa inclinata, a formare un angolo di ingresso prefissato (tra 7 e 12 gradi) con il suolo, la direzione di perforazione continuamente monitorata rispetto alla geometria di progetto ed eventualmente corretta durante la trivellazione del foro pilota. La rimozione del terreno realizzata in circolazione di fango bentonitico, ed il foro finale, ottenuto attraverso operazioni successive di alesaggio, mantenuto stabile mediante fango bentonitico a densit controllata. Successivamente, la stringa prefabbricata viene tirata allinterno del foro usando le aste di perforazione. La metodologia che stata sinteticamente descritta viene normalmente utilizzata per realizzare lattraversamento di fiumi principali, al fine di minimizzare linterferenza con le sponde e con il letto del fiume, la loro stabilit allerosione o al sifonamento, ed il disturbo dellambiente (pesci, anfibi, insetti, vegetali). La stessa metodologia, a condizione che siano favorevoli tutte le altre condizioni di fattibilit, pu essere applicata per l'attraversamento di zone sensibili dal punto di vista ambientale o su cui sono presenti vincoli (aree archeologiche o altre), per creste collinari o per lapprodo di condotte a mare. Il foro normalmente non rivestito e la condotta viene inserita in presenza di fango bentonitico senza altri rivestimenti di protezione in aggiunta al normale rivestimento anticorrosivo (HDPE, resine epossidiche, ecc..). Il tratto di condotta da installare in corrispondenza dellattraversamento dovr essere sottoposto preventivamente a prova idraulica in accordo alle normative e codici nazionali ed internazionali vigenti, come definito nella specifica di progetto. La configurazione geometrica tipica di un attraversamento da realizzare tramite trivellazione orizzontale controllata mostrato nel dis. 27435-I-PLI-CIV-DWG "Geometria di un attraversamento mediante trivellazione orizzontale controllata (T.O.C.)".

8.1

Requisiti Generali ed Applicabilit della Trivellazione Orizzontale Controllata (TOC)

Le principali condizioni di fattibilit che l'Engineering Contractor dovr verificare, al fine di proporre una soluzione tramite TOC, sono descritte di seguito: a) Copertura

Dovr essere rispettata una copertura minima di 15/20 metri al di sotto della zona di massima erosione del letto del fiume, al fine di evitare possibili dispersioni di bentonite in superficie o nel letto fluviale e quindi nellacqua del fiume.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 21 di 38

La profondit al di sotto delle sponde del fiume dovr essere tale da creare condizioni di sicurezza contro possibili fenomeni di erosione laterale del fiume, disturbo delle sponde o sifonamento al di sotto di argini artificiali. b) Geometria La geometria dellattraversamento dovr essere progettata con un raggio di curvatura superiore rispetto al raggio di curvatura elastico calcolato per la condotta; come regola generale, un raggio pari a 1000 volte il diametro esterno del tubo pu essere considerato adeguato e conservativo c) Lunghezza dellattraversamento La lunghezza che viene normalmente considerata come limite per lapplicabilit della TOC di circa 1200 1500 m, ma il Contractor pu valutare una trivellazione di lunghezza superiore purch fornisca al Cliente le adeguate informazioni ed assicurazioni. d) Diametro del foro/del tubo Lalesatura del foro pilota pu essere eseguita in un unico passaggio o, per i diametri maggiori, per passaggi successivi con aumento progressivo del diametro dellalesatore; indicativamente, il diametro dellalesatore circa 1,21,5 volte il diametro della condotta da inserire. Il diametro del foro, associato alla lunghezza dellattraversamento, costituisce un limite alla fattibilit della TOC: maggiore il diametro, pi difficile risulta mantenere la stabilit del foro ed inserire un tubo di diametro grande tirandolo allinterno del foro stesso. Normalmente il diametro limite accettato per installazione tramite TOC il 42, anche se ci sono stati alcuni casi di installazione di condotte 48. Va considerato che, allaumentare del diametro, aumenter la forza di tiro necessaria; allo stesso tempo aumenta anche la spinta di galleggiamento dovuta al fluido bentonitico e la rigidezza del tubo diventa pi importante. Il Contractor dovr analizzare tutti questi fattori e fornire la soluzione adeguata per il progetto. e) Condizioni geologico / geotecniche Le condizioni geologiche pi favorevoli per l'esecuzione di una trivellazione orizzontale controllata si hanno in terreni omogenei e relativamente compatti, classificati come terreni a grana grossa, con esclusione di ghiaie pulite e terreni a grana fine, con l'esclusione dei terreni organici. La TOC in teoria potrebbe essere eseguita anche in roccia, ma durante loperazione di tiro si potrebbe danneggiare il rivestimento e questo deve essere evitato. Strati orizzontali di consistenza diversa possono deviare la trivellazione ed obbligare a prendere in considerazione un tipo diverso di fresa, mentre uno strato ghiaioso importante pu portare alla dispersione di bentonite e al collasso del foro eseguito. Il Contractor dovr eseguire tutte le indagini del terreno e le prove che ritiene necessarie per valutare la stratigrafia del terreno lungo la sezione di attraversamento, la loro consistenza ed i parametri geotecnici che possono comportare un rischio o un vincolo per lesecuzione di una TOC. f) Aree di lavoro necessarie

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 22 di 38

Da un lato dellattraversamento, dovr essere disponibile lo spazio per la trivella, per le aste di trivellazione, per le vasche di preparazione dei fanghi bentonitici e per tutti gli altri materiali ed attrezzature; dallaltro lato dellattraversamento, dovr essere disponibile lo spazio per lo stoccaggio delle tubazioni, le vasche per il riciclo del fango bentonitico, lassemblaggio della stringa da varare e tutte le attrezzature necessarie.

8.2

Stima dei costi

La stima dei costi relativa alla realizzazione di un attraversamento con trivellazione orizzontale controllata dovr tenere in considerazione, come minino, le seguenti voci: Mobilitazione/smobilitazione Preparazione delle aree di cantiere: aree di lavoro, stoccaggio materiali, vasche per i fanghi bentonitici, ecc Manodopera e costo delle attrezzature per la durata stimata Assemblaggio e pre-collaudo idraulico della lunghezza da varare Smaltimento del materiale di risulta e dei fanghi Ripristino finale

8.3

Dati di Input e Progettazione dellAttraversamento a) Fattibilit dellattraversamento con trivellazione orizzontale controllata Per valutare la fattibilit di un attraversamento mediante trivella spingitubo, devono essere analizzati i dati topografici e geologici relativi alle aree interessate. In particolare devono essere esaminati i seguenti aspetti: ubicazione del progetto: verifica della disponibilit di spazio per la trivella, per laccatastamento delle tubazioni, per lassemblaggio della stringa e per tutte le altre attrezzature di cantiere, mantenendo la distanza minima consentita da edifici esistenti. A tale scopo, possono essere utili mappe topografiche in scala da 1:25000 fino a 1:500. Caratteristiche del terreno: necessario identificare la stratigrafia del terreno lungo il profilo ipotizzato per la valutazione preliminare dellaccettabilit della TOC come metodo di installazione. Geometria del fiume/canale: dovranno essere definite a livello di massima la massima larghezza e la massima profondit di attraversamento Per lo studio di fattibilit tecnica preliminare dellattraversamento possono esser utilizzati mappe esistenti e dati storici. Se sono disponibili, possono anche essere utilizzati dati da progetti precedenti realizzati nella stessa area.

b) Progettazione di base per un attraversamento con trivellazione orizzontale controllata

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 23 di 38

Per la progettazione di base, dovranno essere acquisite le seguenti informazioni relative al sito: Rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio in scala 1:200, incluso il rilievo delleventuale fiume/canale per determinarne il profilo del letto. Campagna geognostica: dovr essere definito il tipo, il numero e la profondit dei sondaggi geotecnici (sondaggi profondi), e le prove in sito e di laboratorio, in funzione della geometria dellattraversamento e delle condizioni geologiche del sito. Come minimo dovr essere definita la stratigrafia e la classificazione dei terreni ed il livello delleventuale falda freatica. Con queste informazioni aggiuntive potr essere confermata la fattibilit dellattraversamento mediante trivellazione orizzontale controllata; i dati topografici e geotecnici dovranno essere inclusi nella documentazione di FEED per le successive fasi del progetto. Se ritenuto necessario, potr essere prodotto anche il disegno preliminare dellattraversamento. c) Progettazione di dettaglio dellattraversamento con trivellazione orizzontale controllata La progettazione di dettaglio di un attraversamento con trivellazione orizzontale controllata dovr essere eseguita dal Construction Contractor o dallEPC Contractor sulla base delle attrezzature specifiche e delle procedure che il Contractor intende utilizzare per eseguire tale installazione trenchless. Il Contractor avr la responsabilit di reperire tutte le informazioni necessarie alla progettazione, in aggiunta a quelle eventualmente incluse nella documentazione di FEED, includendo come minimo: rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio in scala 1:200 campagna geognostica: il Contractor dovr definire la distanza, la posizione e la profondit dei sondaggi, il numero dei campioni e delle prove di laboratorio necessari per la classificazione dei terreni lungo il profilo di trivellazione ipotizzato per ridurre al minimo il rischio di costruzione. La progettazione di dettaglio dovr includere, come minimo, quanto segue: disegno di dettaglio dellattraversamento verifiche di stress analysis, considerando i carichi longitudinali e verticali (forza di tiro durante l'installazione, galleggiamento lungo il profilo di varo agente sulla stringa allinterno del foro riempito di fango bentonitico). Determinazione della potenza minima della trivella.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 24 di 38

8.4

Procedura di lavoro

Il Construction Contractor o lEPC Contractor, congiuntamente alla progettazione di dettaglio dellattraversamento dovr sviluppare una procedura di lavoro dettagliata che dovr includere come minimo quanto segue: Layout delle aree di lavoro Tipo e potenza della trivella, in funzione delle caratteristiche del terreno e della lunghezza dellattraversamento Scelta della fresa appropriata e dellalesatore Descrizione delle fasi di lavoro Procedura per lo smaltimento del materiale di scavo e del fango bentonitico (preparazione e riciclo) Ripristino finale

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
9. MICROTUNNEL E MINITUNNEL

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 25 di 38

Un microtunnel / minitunnel si realizza fresando roccia o terreno ed inserendo contemporaneamente un tubo di protezione al fine di superare un ostacolo. Il metodo si diversifica in funzione del diametro del tubo, di come si esegue la rimozione del materiale di scavo, del metodo di scavo e del sistema di controllo della testa fresante. Per la costruzione di un microtunnel/minitunnel richiesta la realizzazione di due pozzi: un pozzo di spinta ed un pozzo di ricevimento, che devono essere adeguatamente sostenuti (ad es. muri in cemento armato, palancole, si vedano i disegni tipici 27432-I-PLI-CIV-DWG, 27433-I-PLI-CIV-DWG). La fresa per la realizzazione del microtunnel / minitunnel (Tunnel Boring Machine) viene quindi posizionata nel pozzo di spinta ed il sistema di spinta principale spinge la fresa che inizia lo scavo. Mano a mano che la fresa avanza allinterno del terreno, vengono inseriti degli elementi tubolari (di solito prefabbricati in cemento armato). Il sistema di spinta principale spinge il tubo e simultaneamente la macchina perforatrice scava il terreno; questa operazione viene ripetuta fino allinstallazione di tutti gli elementi tubolari necessari, fino a ricoprire tutta la lunghezza del microtunnel/minitunnel in progetto. Quando necessario, per parzializzare la spinta sui tubi gi inseriti, si inseriscono sistemi di spinta intermedi. Sia lo scavo che linserimento degli elementi tubolari vengono normalmente eseguiti in circolazione di fango bentonitico. In alternativa e/o in sostituzione degli elementi tubolari in cemento armato, per il rivestimento del tunnel possono essere utilizzati dei conci o settori circonferenziali (questa soluzione si applica per i diametri pi grandi). Convenzionalmente si identificano due diversi metodi: Microtunnel: la fresa viene controllata da remoto dallesterno del tunnel, in quanto il diametro piuttosto ridotto (< 2000 mm) Minitunnel: la fresa viene controllata localmente dal fronte di scavo. Questo possibile solo per i diametri pi grandi ( 2000 mm) Il sistema di guida e controllo costituito da un laser che fornisce lallineamento alla testa fresante. Il laser posizionato nel pozzo di spinta e colpisce un punto di riferimento fisso sulla testa fresante. Il terreno viene scavato dal pozzo di spinta tramite una fresa a rotazione. Per quanto riguarda la rimozione del terreno, ci sono due metodi: con fango: il fango viene pompato sul fronte di scavo, davanti alla fresa, quindi il materiale di scavo mescolato al fango (di solito una miscela bentonitica) fuoriesce nel pozzo di spinta e viene scaricato in vasche di separazione interrate, dove il fango viene riciclato. con nastro trasportatore: il materiale di scavo viene trasportato allesterno del tunnel tramite nastro trasportatore e scaricato direttamente sul terreno

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 26 di 38

Quando il microtunnel / minitunnel completato, dopo aver eseguito tutti i controlli ed i lavori preparatori, si procede al varo della condotta preassemblata; la condotta sar munita di collari distanziatori per garantire unadeguata protezione al rivestimento della condotta nei confronti della frizione tra superficie esterna del tubo e pareti del microtunnel. Nel caso in cui si debbano inserire allinterno del microtunnel pi tubazioni, queste verranno preassemblate su strutture di supporto prefabbricate. Indipendentemente dal tipo di applicazione (condotta singola o pi condotte), il Construction Contractor o lEPC Contractor dovr presentare una procedura di installazione che includa come minimo: Assemblaggio della stringa di tubo nellarea di cantiere Sollevamento e posizionamento della stringa allingresso del microtunnel / minitunnel Varo della stringa, saldata ad una testa di varo, mediante argano; nel caso di installazione di ununica condotta, si raccomanda di eseguire il varo dellintera stringa, cos da avere ununica fase di tiro e ridurre cos il rischio di fallimento della procedura; nel caso in cui debbano essere inserite pi condotte allinterno del microtunnel / minitunnel, la fase di tiro si ripete per tratti preassemblati su strutture di supporto, saldando ciascun tratto al precedente in accordo alla procedura adottata e alle verifiche di stress analysis eseguite allo scopo Sigillatura delle estremit del microtunnel / minitunnel e riempimento con miscela bentonitica o equivalente Ripristino delle aree

Qualora ritenuto necessario, il tratto di condotta inserito allinterno del microtunnel intasato con bentonite, potr essere isolato dal resto della condotta e protetto attraverso un idoneo sistema di protezione catodica. La configurazione geometrica tipica per lattraversamento di un ostacolo mediante microtunnel mostrata nel dis. 27436-I-PLI-CIV-DWG Geometria di un attraversamento con metodologia microtunnel/minitunnel ".

9.1

Requisiti Generali ed Applicabilit della Tecnologia del Microtunnel

Le principali condizioni di fattibilit che l'Engineering Contractor dovr verificare, al fine di proporre una soluzione tramite microtunnel/minitunnel, sono descritte di seguito: a) Copertura Dovr essere rispettata una copertura minima di 6-7 metri al di sotto della zona di massima erosione del letto del fiume, al fine di evitare possibili dispersioni di bentonite in superficie o nel letto fluviale e quindi nellacqua del fiume.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 27 di 38

La profondit al di sotto delle sponde del fiume dovr essere tale da creare condizioni di sicurezza contro possibili fenomeni di erosione laterale del fiume, disturbo delle sponde o possibili sifonamenti al di sotto di argini artificiali. b) Geometria Il profilo longitudinale del microtunnel / minitunnel pu essere curvilineo o rettilineo. Il vantaggio di realizzare un microtunnel curvilineo quello di ridurre la profondit dei pozzi di spinta/ricevimento, per cui le operazioni di costruzione possono essere eseguite in prossimit del piano campagna; come contropartita, la riduzione della profondit dei pozzi comporta un aumento della lunghezza del microtunnel / minitunnel. Il profilo del microtunnel curvilineo deve essere progettato in funzione del raggio elastico di curvatura della condotta da installare. c) Lunghezza dellattraversamento La lunghezza che viene normalmente considerata come limite per la fattibilit di un microtunnel/minitunnel di circa 1200 1500 m, ma il Contractor pu valutare una trivellazione di lunghezza superiore purch fornisca al Cliente le adeguate informazioni ed assicurazioni. g) Diametro del foro/del tubo Il diametro di un microtunnel pu variare da 8 (200 mm) fino a 136 (3500 mm), anche se i diametri pi comunemente realizzati variano da 24 (600 mm) a 100 (2600 mm). Il diametro del microtunnel aumenta allaumentare della lunghezza, indipendentemente dalla grandezza della condotta da installare, in quanto allaumentare della lunghezza aumenta la spinta necessaria ed aumenta anche la possibilit di dover eseguire interventi di manutenzione sulla fresa. h) Condizioni geologico / geotecniche Le condizioni geologiche pi favorevoli per la realizzazione di microtunnel con fango si hanno in terreni sabbiosi saturi mentre per microtunnel realizzato a secco sono preferibili argille sabbiose stabili. In ogni caso, sono disponibili diverse tipologie di frese, capaci di operare in presenza di tipologie di terreno diverse, anche in presenza di massi (fino al 2030% del diametro della fresa) e anche in roccia solida. La presenza di acqua di falda non costituisce una limitazione per lesecuzione di microtunnel/minitunnel, in quanto la pressione idrostatica pu essere bilanciata dalla contropressione esercitata sul fronte di scavo. E preferibile che il profilo del microtunnel sia per quanto possibile collocato allinterno di strati uniformi, al fine di evitare possibili deviazioni. i) Aree di lavoro necessarie E necessario realizzare due pozzi, alle estremit del microtunnel/minitunnel. Le dimensioni del pozzo di spinta dipendono dalla geometria del microtunnel (profondit in corrispondenza del pozzo di spinta) e dallo spazio richiesto dal sistema di spinta, dai conci e dalla condotta da installare. Si dovr anche verificare la disponibilit di spazio per carico, scarico e stoccaggio dei materiali e delle attrezzature nellarea di cantiere.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 28 di 38

Il pozzo di ricevimento ha solitamente dimensioni pi contenute e a volte non necessario nel caso in cui si recuperi la fresa direttamente a livello del piano campagna.

9.2

Stima dei costi

La stima dei costi relativa alla realizzazione di un attraversamento con microtunnel/minitunnel dovr tenere in considerazione, come minino, le seguenti voci: Mobilitazione/smobilitazione Preparazione delle aree di cantiere: aree di lavoro, stoccaggio materiali, vasche per i fanghi bentonitici, ecc Manodopera e costo delle attrezzature per la durata stimata Materiali: tubi in c.a. prefabbricato (o conci/settori circolari in cemento armato) e tutti gli altri accessori Assemblaggio e pre-collaudo idraulico della lunghezza da varare Varo della stringa (tubo singolo o stringa multipla) Sistema di protezione catodica Riempimento del microtunnel con miscela bentonica o equivalente Smaltimento del materiale di risulta e dei fanghi Ripristino finale

9.3

Dati di Input e Progettazione dellAttraversamento a) Fattibilit dellattraversamento con microtunnel / minitunnel Per valutare la fattibilit di un attraversamento con microtunnel / minitunnel, devono essere analizzati i dati topografici e geologici relativi alle aree interessate. In particolare devono essere esaminati i seguenti aspetti: ubicazione del progetto: verifica della disponibilit di spazio per il pozzo di spinta, larea di stoccaggio dei materiali, larea di assemblaggio delle tubazioni e per le altre attrezzature di cantiere e verifica della distanza da edifici esistenti. A tale scopo, possono essere utili mappe topografiche in scala da 1:25000 fino a 1:500. Caratteristiche del terreno: necessario identificare la stratigrafia del terreno lungo il profilo ipotizzato per la valutazione preliminare dellaccettabilit del microtunnel/minitunnel come metodo di installazione. Per In caso di attraversamento di un fiume/canale: dovranno essere definite a livello di massima la massima larghezza e la massima profondit di attraversamento lo studio di fattibilit tecnica preliminare dellattraversamento mediante microtunnel/minitunnel possono esser utilizzati mappe esistenti e dati storici. Se sono disponibili, possono anche essere utilizzati dati da progetti precedenti realizzati nella stessa area.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 29 di 38

d) Progettazione di base per un attraversamento con microtunnel/minitunnel Per la progettazione di base, dovranno essere acquisite le seguenti informazioni relative al sito: Rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio in scala 1:200, incluso il rilievo delleventuale fiume/canale per determinarne il profilo. Campagna geognostica: dovr essere definito il tipo, il numero e la profondit dei sondaggi geotecnici (sondaggi profondi), e le prove in sito e di laboratorio, in funzione della geometria dellattraversamento e delle condizioni geologiche del sito. Come minimo dovr essere definita la stratigrafia e la classificazione dei terreni ed il livello delleventuale falda freatica. Se necessario, possono essere eseguiti anche sondaggi orizzontali (ad es. per attraversare una collina o una montagna mediante microtunnel/minitunnel). Con queste informazioni aggiuntive potr essere confermata la fattibilit dellattraversamento con microtunnel/minitunnel; i dati topografici e geotecnici dovranno essere inclusi nella documentazione di FEED per le successive fasi del progetto. Se ritenuto necessario, potr essere prodotto anche il disegno preliminare dellattraversamento. e) Progettazione di dettaglio dellattraversamento con microtunnel/minitunnel La progettazione di dettaglio di un attraversamento con microtunnel/minitunnel dovr essere eseguita dal Construction Contractor o dallEPC Contractor sulla base delle attrezzature specifiche e delle procedure che il Contractor intende utilizzare per eseguire tale installazione trenchless. Il Contractor avr la responsabilit di reperire tutte le informazioni necessarie alla progettazione, in aggiunta a quelle eventualmente incluse nella documentazione di FEED, includendo come minimo: rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio in scala 1:200 campagna geognostica: il Contractor dovr definire la distanza, la posizione e la profondit dei sondaggi (se necessario devono essere eseguiti anche sondaggi orizzontali e devono essere utilizzati tutti i sistemi di indagine geotecnica come indagini sismiche, indagini geoelettriche, ecc), il numero dei campioni e delle prove di laboratorio necessari per la classificazione dei terreni lungo il profilo di trivellazione ipotizzato, per ridurre al minimo il rischio di costruzione. In caso di attraversamento di un corso dacqua, fondamentale conoscere le caratteristiche dei terreni al di sotto del letto del corso dacqua per garantire la riuscita dellinstallazione. La progettazione di dettaglio dovr includere, come minimo, quanto segue: disegno di dettaglio dellattraversamento: microtunnel/minitunnel e condotta disegni di dettagli e dimensionamento dei pozzi di spinta e di ricevimento dimensionamento degli elementi tubolari in c.a.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
-

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 30 di 38

verifiche di stress analysis e procedura di installazione della condotta (condotta singola o tubazioni multiple) Determinazione della potenza minima del sistema di spinta idraulico Determinazione della potenza minima dellargano per il varo della condotta

9.4

Procedura di lavoro

Il Construction Contractor o lEPC Contractor, congiuntamente alla progettazione di dettaglio dellattraversamento dovr sviluppare una procedura di lavoro dettagliata che dovr includere come minimo quanto segue: Layout delle aree di lavoro Tipo e potenza del sistema di spinta idraulico e dellargano Scelta della fresa appropriata Descrizione delle fasi di lavoro Smaltimento del materiale di scavo e del fango bentonitico (preparazione e riciclo) Ripristino finale

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
10. POZZO VERTICALE/SUB-VERTICALE (RAISE BORING)

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 31 di 38

Questo metodo di installazione si applica convenzionalmente per la realizzazione di pozzi verticali o subverticali, eseguita con attrezzatura per raise boring; tale tecnica non esclude che si possano utilizzare altre tecnologie per superare una configurazione morfologia a parete sub verticale. I casi tipici in cui si utilizza questa metodologia sono le zone di montagna e le valli glaciali dalla tipica configurazione ad U. Concettualmente la soluzione geometrica costituita da una breve galleria tradizionale alla base del pendio e da un foro pilota realizzato dalla cima del pendio; il foro viene realizzato tramite una trivella verticale ( possibile perforare anche con una piccola deviazione rispetto alla verticale). Nei casi pi economici la trivellazione viene eseguita senza dispositivi incorporati di controllo direzionale e la precisione nel raggiungere la camera nel tunnel alla base determinata solamente dal corretto posizionamento della trivella Il foro pilota viene fresato ed allargato, nella fase successiva, fino alla dimensione richiesta, tirando verso lalto una fresa tramite l'asta di perforazione. La fresa viene trasportata allinterno del tunnel alla base e connessa alle aste di perforazione. Il metodo raise boring permette al materiale scavato cadere verso il basso nel tunnel alla base, da dove viene evacuato allesterno e e trasportato a discarica. La configurazione base a pozzo verticale pu essere modificata includendo un sistema di controllo della testa di perforazione e/o posizionando la trivella inclinata, allo scopo di ridurre la lunghezza della galleria alla base; questa possibilit dipende essenzialmente dal tipo di roccia e dalla sua struttura, dal tipo di trivella e dalla possibilit di rimuovere il materiale scavato. La classica fresa ascendente pu essere sostituita da una fresa discendente, considerando una testa fresante a forma di V che scarichi la roccia fresata verso il basso attraverso il foro pilota. Il pozzo trivellato, in funzione della stabilit della roccia e della sua compattezza, pu richiedere di essere stabilizzato con interventi localizzati o con linserimento di un tubo di protezione (casing). Il tubo di protezione (o la condotta di trasporto) verr poi saldato e calato nel pozzo tramite la trivella posta nella parte sommitale del pozzo; nella camera alla base del pozzo,in funzione dei risultati delle verifiche di stress analysis, potr essere necessario costruire una sella di appoggio o un blocco di ancoraggio da posizionare in corrispondenza della curva prefabbricata. Al termine dellinstallazione, lintercapedine tra la roccia e il tubo di protezione o la condotta principale dovr essere riempita con malta cementizia a bassa resistenza per fornire un supporto costante al tubo e per creare un adeguato ambiente non corrosivo. Unalternativa alla configurazione geometrica descritta pu essere quella di creare un pozzo verticale curvilineo per evitare di dover realizzare la galleria alla base; tale configurazione si pu definire una trivellazione verticale controllata (TVC). Questo metodo stato utilizzato prevalentemente per realizzare lapprodo di condotte a mare, ma considerati gli aspetti tecnici ed economici connessi, pu essere preso in considerazioni solo per installazioni piuttosto lunghe e non fattibili con altre soluzioni.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 32 di 38

La configurazione geometria tipica dellinstallazione tramite raise borier mostrata nel dis. 27437-IPLI-CIV-DWG " Geometria del superamento di un ostacolo sub-verticale con metodologia trenchless raise borer ".

10.1

Requisiti generali ed applicabilit del metodo raise boring

Le principali condizioni di fattibilit che l'Engineering Contractor deve verificare, al fine di proporre una soluzione raise boring sono descritte nei paragrafi seguenti. a) Copertura di terreno. Quando si definisce il profilo del pozzo verticale per linstallazione con metodo raise boring, dovr essere identificata la copertura minima del pozzo che permetta di evitare lo strato roccioso alterato. b) Geometria Larea da superare con la soluzione in oggetto dovr avere una morfologia tale da consentire di formulare unipotesi con la metodologia descritta; un dislivello tra il punto pi alto ed il punto pi basso del pendio di circa 200-250 m rientra nellintervallo di applicabilit del metodo. La galleria alla base pu essere realizzata con metodi di scavo tradizionali e dovr consentire la rimozione del materiale scavato nella maniera pi semplice; in aggiunta, le dimensioni del tunnel dovranno consentire lintroduzione allinterno del tunnel stesso della testa fresante e delle curve prefabbricate da collegare al tubo verticale. La sezione trasversale tipica della galleria orizzontale dellordine di 9-12 m2, con allargamento in corrispondenza della camera di ricevimento nella parte finale. La camera allintersezione galleria/pozzo deve rimanere possibilmente entro 30-50 m dalla parete rocciosa anteriore e consentire i lavori di installazione della condotta e la costruzione del blocco di ancoraggio, se necessario; il contenimento della lunghezza della galleria principalmente volto a ridurre rischi e problemi di costruzione cos come i relativi costi. Contemporaneamente alla costruzione del tunnel alla base, si pu iniziare la perforazione dallalto; la trivella dovr essere adeguatamente posizionata su di un basamento in calcestruzzo preventivamente realizzato e la sua posizione controllata, cos da allineare le aste di perforazione sulla linea di progetto per il raggiungimento della posizione prevista nella camera alla base. La direzione di progetto e la pendenza del pozzo verticale/sub-verticale, nonch la posizione della camera di ricevimento dovranno essere definite dopo unanalisi approfondita delle condizioni geologiche e geotecniche, ottenute attraverso unadeguata campagna di indagini. Ad esempio, un pozzo troppo corticale potrebbe trovarsi su strati instabili o rocce alterate, per cui si dovr cercare unottimizzazione che tenga conto delle condizioni di stabilit geologica, delle possibilit tecniche di costruzione e dei relativi costi di investimento. c) Condizioni geologico / geotecniche

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 33 di 38

Le condizioni geologiche pi favorevoli per la realizzazione di un pozzo verticale sono: roccia omogenea e massiccia, roccia sedimentaria a stratificazione sub-orizzontale, limitata presenza di giunzioni, assenza di fenomeni carsici. Strati sub-verticali di diversa consistenza o la presenza di giunzioni possono deviare la testa di perforazione e comprometterne la direzionalit. I Contractors dovranno eseguire una campagna geognostica e tutte le indagini ritenute necessarie per valutare la stratigrafia lungo la direzione di perforazione, per conoscere la consistenza degli strati ed i parametri geotecnici che consentono lesecuzione dei lavori, riducendone i rischi ed i vincoli. d) Foro / diametro della condotta Le dimensioni del foro pilota e delle aste di perforazione possono variare, ma generalmente il diametro di circa 150 mm; le barre dovranno avere lunghezza limitata e spessore tali da garantire la rigidezza direzionale. Il diametro tipico di pozzi realizzati tramite raise borer varia tra 1000 millimetri a 2400 mm. e) Aree di lavoro richieste La parte sommitale del pozzo verticale dovr essere accessibile o resa accessibile, per poter trasportare ed installare la trivella e gli altri materiali; allo stesso modo dovr essere assicurato lingresso del tunnel alla base.

10.2

Stima dei costi

La stima dei costi relativa ad un attraversamento con metodo raise borer dovr comprendere, come minimo, quanto segue: mobilitazione / smobilitazione preparazione del cantiere: zone di lavoro, stoccaggio materiale, ecc ... manodopera e costi delle attrezzature per la durata prevista materiali: tubo di protezione (se presente) e tutti gli altri accessori assemblaggio e pre-test (se applicabile) della condotta per la lunghezza di attraversamento installazione della stringa di tubi riempimento dellintercapedine con miscela di bentonite o equivalente blocco di ancoraggio (se necessario) smaltimento dei materiali di scavo ripristini

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 34 di 38

10.3

Dati di input e progettazione dellattraversamento

a) Fattibilit dellattraversamento con metodo raise borer Per valutare la fattibilit di un attraversamento con la metodologia raise borer, devono essere analizzate le informazioni topografiche e geologiche relative alle aree interessate. In particolare, devono essere esaminati i seguenti aspetti: ubicazione del progetto: verifica dello spazio disponibile per posizionare la trivella di perforazione e per la realizzazione del tunnel di entrata alla base, per lo stoccaggio del materiale, per lassemblaggio del tratto di condotta e per tutte le attrezzature di cantiere. A questo scopo, sono utili carte topografiche in scala da 1:25000 a 1:500 caratteristiche del terreno: informazioni bibliografiche sul suolo / caratteristiche della roccia, cos come survey visive di un geologo, devono essere la base per una accettazione preliminare del pozzo verticale come soluzione alternativa per l'installazione di condotte. Per gli studi preliminari possono essere utilizzati mappe esistenti e dati storici. Possono anche essere utilizzati dati di progetti precedenti nella stessa area, se disponibili. b) Ingegneria di base dellattraversamento tramite raise borer Per sviluppare la progettazione di base, devono essere acquisite le seguenti informazioni relative al sito: rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito il rilievo di dettaglio in scala 1:200 al punto di ingresso e di uscita, cos come dovr essere rilevato anche il profilo esterno campagna geognostica: dovranno essere eseguiti studi dedicati e prove in sito per caratterizzare le rocce del pendio da superare. Per la caratterizzazione delle rocce possono essere utilizzati anche metodi geofisici. Queste informazioni aggiuntive possono confermare la fattibilit dellattraversamento con il metodo raise borer; i dati topografici e geotecnici dovranno essere inclusi nella documentazione di FEED per lutilizzo nelle fasi successive del progetto. Se ritenuto necessario, pu essere prodotto un disegno preliminare dellattraversamento. c) Ingegneria di dettaglio dellattraversamento mediante raise borer Il Construction Contractor o EPC Contractor dovr eseguire il progetto di dettaglio dellattraversamento con raise borer tenendo conto dellattrezzatura specifica e della procedura che intende utilizzare per linstallazione di questa tipologia di opera. Il Contractor avr la responsabilit di reperire tutte le informazioni necessarie per la progettazione, oltre a tutti i dati messi a disposizione nei documenti di FEED (se presente), incluso ma non limitato a: rilievo topografico delle aree di cantiere: dovr essere eseguito un rilievo topografico dettagliato di verifica in scala 1:200

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
-

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 35 di 38

campagna geognostica: il Contractor dovr eseguire le indagini necessarie per la classificazione delle rocce al fine di ridurre al minimo il rischio di costruzione

Il progetto di dettaglio dovr includere come minimo quanto segue: disegno di dettaglio dellattraversamento: pozzo verticale e tubo di protezione/condotta di trasporto disegno di dettaglio del tunnel alla base procedimento di perforazione dettagliata verifiche di stress analysis e procedura di installazione del tubo di protezione/condotta di trasporto dimensionamento della blocco di ancoraggio (se necessario) definizione della potenza minima della trivella di perforazione determinazione potenza minima del verricello per l'installazione del tubo portante (per trattenere la stringa di tubi)

10.4

Procedura di lavoro

Il Construction Contractor o lEPC Contractor, congiuntamente alla progettazione di dettaglio dellattraversamento dovr sviluppare una procedura di lavoro dettagliata che dovr includere come minimo quanto segue: Layout delle aree di lavoro Scelta della trivella e fresa, con relative teste di perforazione (massima potenza della trivella, testa di perforazione adeguata per il foro pilota, tipo e diametro della fresa, tipo e precisione del controllo direzionale, se ritenuto necessario) Descrizione delle fasi di lavoro Tipo e potenza del verricello Procedura per lo smaltimento del materiale di scavo Ripristino finale.

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division
11. CRITERI GENERALI PER LA SCELTA DEI METODI

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 36 di 38 DI INSTALLAZIONE

TRENCHLESS Nelle tabelle che seguono, l'applicabilit di metodi di installazione stata classificata in base ai diversi parametri che interessano la progettazione: Tipo di terreno Diametro e Lunghezza dellattraversamento Acqua di falda Aree di lavoro richieste per ciascuna tecnologia

Le tabelle che seguono sono da considerarsi come indicative, la fattibilit di ciascuna tecnica dovr essere valutata dallAppaltatore dei lavori di Costruzione in base alla sua esperienza, alle attrezzature disponibili sul mercato e alle condizioni locali.

Tabella 11.1 FATTIBILITA DEI METODI DI INSTALLAZIONE TRENCHLESS IN FUNZIONE DEL TIPO DI TERRENO
METODO DI INSTALLAZIONE TRENCHLESS TIPOLOGIA DI TERRENO TRIVELLA SPINGITUBO T.O.C. MICROTUNNEL RAISE BORING

Argilla tenera, limo e terreno organico Argille e limi da mediamente o molto addensati Argille dure e scisti alterati Sabbie da sciolte a molto sciolte sopra falda Sabbie da medie a dense sotto falda Sabbie da medie a dense sopra falda Ghiaie e ciottoli (con diametro inferiore a 50100 mm) Terreno con presenza significativa di ciottoli, massi e trovanti (superiori a 100150 mm) Rocce alterate, marne, gessi e suoli cementati Rocce dure o debolmente alterate

SI

SI

SI

NO NO NO NO NO NO NO

SI SI DIFFICILE NO SI SI

SI SI SI SI SI DIFFICILE

SI SI SI SI SI SI

DIFFICILE

DIFFICILE

DIFFICILE

NO

SI SI

SI DIFFICILE

SI SI

DIFFICILE SI

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 37 di 38

Tabella 11.2 DIAMETRO E LUNGHEZZA MASSIMA PER LAPPLICABILIT DEI METODI DI INSTALLAZIONE TRENCHLESS
DIAMETRO TRIVELLA SPINGITUBO T.O.C. MICROTUNNEL RAISE BORING LUNGHEZZA

200 1200 mm (8 48 in) 150 1200 mm (6 48 in) 600 2600 mm (24 100 in) 1000 2400 mm (24 100 in)

< 100150 m < 12001500 m < 12001500 m < 200250 m

Tabella 11.3 FATTIBILITA DEI METODI DI INSTALLAZIONE TRENCHLESS IN FUNZIONE DEL LIVELLO DI FALDA E DELLA PERMEABILITA DEL TERRENO
METODO IN ASSENZA DI ACQUA DI FALDA TRIVELLA SPINGITUBO T.O.C. MICROTUNNEL SOTTO IL LIVELLO DI FALDA . TERRENI NON PERMEABILI SOTTO IL LIVELLO DI FALDA TERRENI PERMEABILI

FATTIBILE FATTIBILE FATTIBILE

DIFFICILE FATTIBILE FATTIBILE

NON FATTIBILE FATTIBILE FATTIBILE (*)

(*)

dovranno essere realizzati pozzi impermeabili e/o con impiego di well-point

Tabella 11.4 AREE DI LAVORO NECESSARIE


ENTRATA TRIVELLA SPINGITUBO USCITA

Pozzo di spinta Area per lassemblaggio della stringa da varare Accatastamento tubazioni Area di lavoro della trivella (foro pilota) Accatastamento aste del rig, vasche fanghi Pozzo di spinta - Area per lassemblaggio della stringa da varare Vasche fanghi Area di lavoro della trivella di perforazione (foro pilota) - Area per lassemblaggio della stringa Accatastamento tubazioni Tunnel di base Pozzo di ricevimento Pozzo di ricevimento

T.O.C.

Area per lassemblaggio della stringa da varare tubazioni Accatastamento

Vasche per il riciclaggio fanghi

MICROTUNNEL

RAISE BORING

Eni S.p.A.
Exploration & Production Division

27400.PLI.CIV.PRG Rev. Settembre 2009 Pag. 38 di 38

12. -

BIBLIOGRAFIA E RIFERIMENTI DCA-Europe: Information and Recommendations for the Planning, Construction and Documentation of HDD Projects C.Vescovo, U. Lazzarini (Snam Rete Gas): La costruzione di condotte in acciaio nel segno del rispetto ambientale: le Tecnologie Trenchless D. M. Abraham, H. S. Baik, S. Gokhale (Purdue University Indiana - Joint Transportation Research Program): Development of a Decision Support System for Selection of Trenchless Technologies to Minimize Impact of Utility Construction on Roadways