Sei sulla pagina 1di 9

Jack London

Jack London
Jack London, nome completo John Griffith Chaney London (San Francisco, 12 gennaio 1876 Glen Ellen, 22 novembre 1916), stato uno scrittore statunitense, noto per romanzi quali Il tallone di ferro, Martin Eden, Zanna Bianca, Il richiamo della foresta e Il popolo degli abissi..

Biografia
Il futuro scrittore nacque a San Francisco in California nel 1876, figlio illegittimo (secondo Clarice Stasz e altri biografi) di un astrologo ambulante irlandese, William Henry Chaney, e di Flora Wellman figlia di un ricco inventore dell'Ohio. Il padre si disinteress di lui, anche perch otto mesi dopo la sua nascita la madre si rispos con John London, contadino vedovo con due figli. Jack venne cresciuto dalla madre e dal padre adottivo.
Jack London prima del 1916.

Terminata la scuola elementare nel 1889, London inizi a passare da un lavoro all'altro frequentando compagnie assai poco raccomandabili, come ladri e contrabbandieri. Dopo numerose esperienze lavorative, torn a Oakland per frequentare la Oakland High School, dove partecip alla redazione del giornale scolastico, "The Aegis". Nel 1896 riusc ad entrare all'Universit della California, che lasci nel 1897 a causa di problemi finanziari. Il 25 luglio di quell'anno part per unirsi alla corsa all'oro del Klondike: in o su quella regione che scriver i suoi primi racconti di successo. Tutta la sua vita fu caratterizzata da lavori, professioni e interessi personali diversi, coerenti con uno stile di vita vagabondo: fece lo strillone di giornali, il pescatore clandestino di ostriche, il lavandaio, il cacciatore di foche, il corrispondente di guerra (guerra russo-giapponese), l'agente di assicurazioni, il pugile, il coltivatore e, appunto, il cercatore d'oro, prima di realizzarsi, dopo innumerevoli tentativi, come scrittore di successo. In questo periodo, a partire dal 1894 circa, London ader al socialismo, battendosi in difesa delle fasce deboli della societ: partecip ad es. a una marcia di disoccupati su Washington per chiedere al Presidente il finanziamento di programmi di lavori pubblici contro la povert e la mancanza di lavoro (richiesta che precorreva di decenni il New Deal Roosveltiano). Abbandonata questa marcia, si diede al vagabondaggio per gli States, di cui tenne un diario trasformato anni dopo nel romanzo itinerante The Road, cui si ispirarono anche scrittori come Jack Kerouac e, in parte, lo stesso Hemingway. Nel 1894, volendo iscriversi alla Berkeley University, decise di concludere gli studi secondari, finanziandosi con lavoretti di pulizia nella scuola, sul giornale della quale scrisse alcuni racconti ispirati soprattutto a Stevenson e Kipling. Due anni dopo si iscrisse a Berkeley e si diede a un'intensa e confusa attivit politica, invocando la lotta di classe, la rivoluzione, ma interessandosi anche a Darwin e all'evoluzionismo e ader alle teorie relative alla sopravvivenza del pi forte sul pi debole proprie del darwinismo sociale, "il quale ritiene che il concetto di "struggle for life and death" (lotta per la vita e la morte) debba essere la regola delle comunit umane." (Wikipedia.it). Nell'estate del 1897, venuto a conoscenza della scoperta di ricchi giacimenti d'oro nel Klondike, sul confine fra Canada e Alaska, parte con un amico per unirsi alla "Corsa all'oro", che aveva al centro la citt di Dawson, dove incontra avventure e disavventure d'ogni tipo, spesso tragiche e crudeli, che saranno fonti ispiratrici di molti suoi scritti. Nel 1898 rientra a San Francisco con un misero sacchetto d'oro, che gli frutter pochi dollari. Si dedica allora intensissimamente al lavoro letterario, riuscendo a far pubblicare solo una minima parte dei suoi numerosi scritti. Come tale riusc ben presto a diventare uno tra i pi prolifici, famosi e meglio retribuiti del suo

Jack London tempo: in tutta la sua carriera letteraria scrisse oltre 50 volumi. Dopo il successo del suo romanzo pi famoso, Il richiamo della foresta, London si dedic interamente all'attivit letteraria, trattando i temi sociali che suscitavano via via i suoi interessi; tra gli appassionati di fantascienza tuttavia anche i suoi racconti di questo particolare genere narrativo godono fama di classici in netto anticipo sui tempi, sebbene questo lato della sua attivit sia poco noto al grande pubblico. In numerosi di questi scritti ricorre il tema del 'giorno dopo', che descrive un'umanit ritornata ai primordi o in procinto di farlo e prospetta anticipazioni dellancora inesistente 'guerra batteriologica' (contro una Cina divenuta enormemente popolosa e pericolosamente concorrenziale sul piano produttivo). London decide di darsi alla letteratura, ma per il momento non riesce a farsi notare e pubblicare. Fra la fine del secolo XIX e il 1916 London giunge finalmente al successo, seppur con alti a bassi notevoli, come scrittore, giornalista e inviato speciale. Nel 1903 (dopo un viaggio in Gran Bretagna) scrive "The Call of the Wild", pubblicato in seguito in circa 6.500.000 esemplari solo in lingua inglese, ma pagato all'autore solo una somma irrisoria, diritti compresi. Nel 1904 salpa per la Corea, dove seguir come corrispondente la Guerra russo-giapponese. Nel 1906 decide di farsi costruire uno yacht per effettuare, in sette anni, il giro del mondo, cosa che non far mai. Fra il 1907 e il 1909 viaggia e soggiorna nei Mari del Sud e in Australia e nel frattempo d alle stampe "The Iron Heel" ("Il tallone di ferro"), romanzo fantapolitico che immagina la presa del potere, negli Stati Uniti, da parte di una ristretta oligarchia dittatoriale, con situazioni che sembrano precorrere le nascita dei regimi fascisti europei. Nel 1909 esce il lungamente preparato "Martin Eden", una sorta di liberissima autobiografia che ottiene enorme successo di pubblico. Nel 1910 pu permettersi di acquistare il Beauty Ranch, a Glen Ellen, Sonoma County, California, dove muore nel 1916 a soli 40 anni, probabilmente per un'overdose di antidolorifici, sulla volontariet o meno della cui assunzione si dibattuto a lungo. Un recente studio realizzato negli Stati Uniti da medici della Divisione di Nefrologia e Ipertensione della facolt di Medicina della University of North Carolina, partendo dal fatto che lo scrittore in una fotografia presenta sul viso i segni di una dermatite da mercurio, metallo utilizzato nella terapia della sifilide, ha sostenuto che verosimile che questa malattia venerea possa essere stata la causa della morte di Jack London. Le sue idee politiche e sociali possedevano una grandissima vitalit ed erano potentemente espresse, ma la concezione del socialismo e della lotta di classe di London era approssimativa, romantica e volubile, tanto pi che oscillava fra suggestioni riferibili a Nietzsche e Kipling e Firma di Jack London. disordinate letture di Marx, Proudhon, Saint-Simon, Spencer. London stato, e probabilmente ancora, l'autore statunitense pi tradotto all'estero; fra laltro le sue opere di denuncia sociale sono state utilizzate a scopo propagandistico e hanno incontrato fortuna nei paesi del blocco sovietico, ma per contro la celebrazione della forza da lui esaltata fece s che fosse uno degli autori pi diffusi anche nelle biblioteche nell'Italia fascista del ventennio. In ogni caso, per quanto confuse fossero le sue idee, le interpretazioni che ne davano questi regimi furono pretestuose, grossolane e scorrette. Oggi, leggendolo e valutandolo con una certa imparzialit, London pu essere forse considerato un entusiasta paladino del progresso e insieme un fervente ambientalista ante litteram. La sua prosa rimane una delle pi potenti e solide della narrativa statunitense.

Jack London

=Onorificenze
Cavaliere di VII Classe dell'Ordine della Corona Preziosa

Opere
Romanzi
La crociera del Saetta (The Cruise of the Dazzler, 1902) La figlia delle nevi (A Daughter of the Snows, 1902) Il richiamo della foresta (The Call of the Wild, 1903) (The Kempton-Wace Letters, 1903) (romanzo pubblicato anonimo in collaborazione con Anna Strunsky) Il lupo dei mari oppure Il lupo di mare (The Sea-Wolf, 1904) Il romanzo di un boxeur (The Game, 1905) Zanna Bianca (White Fang, 1906) Prima di Adamo (Before Adam, 1907) Il tallone di ferro (The Iron Heel, 1908) Martin Eden (Martin Eden, 1909) Burning Daylight oppure Radiosa aurora (Burning Daylight, 1910) L'avventura (Adventure, 1911) La peste scarlatta (The Scarlet Plague, 1912) Un figlio del sole oppure Il figlio del sole (A Son of the Sun, 1912) Il bruto delle caverne (The Abysmal Brute, 1913) La valle della Luna (The Valley of the Moon, 1913) L'ammutinamento della Elsinore (The Mutiny of the Elsinore, 1914) Il vagabondo delle stelle (The Star Rover oppure The Jacket, 1915) La piccola signora della grande casa (The Little Lady of the Big House, 1916) Jerry delle isole (Jerry of the Islands, 1917) Michael, fratello di Jerry (Michael, Brother of Jerry, 1917) Tre cuori (Hearts of Three, 1920) (tratto da una sceneggiatura di Charles Goddard) Assassini S.p.A. (The Assassination Bureau, Ltd, 1963) (lasciato incompiuto, completato da Robert L. Fish nel 1963)

Racconti
Le mille morti (A Thousand Deaths), 1899) L'amore della vita Il figlio del lupo (Son of the Wolf, 1900) (Chris Farrington, Able Seaman, 1901) Il Dio dei suoi padri (The God of His Fathers and Other Stories, 1901) I figli del freddo (Children of the Frost and Other Stories, 1902) La fede degli uomini (The Faith of Men and Other Stories, 1904) Racconti della pattuglia guardiapesca (Tales of the Fish Patrol, 1906) (Moon-Face and Other Stories, 1906) (Love of Life and Other Stories, 1907) (Lost Face, 1910)

Jack London I racconti del Pacifico e dei mari del sud (South Sea Tales, 1911) (When God Laughs and Other Stories, 1911) La casa dell'orgoglio: racconti delle isole Hawaii (The House of Pride and Other Tales of Hawaii, 1912) Smoke Bellew oppure Fumo Bellew(Smoke Bellew, 1912) (The Night Born, 1913) (The Strength of the Strong, 1911) Le tartarughe di Tasman (The Turtles of Tasman, (1916) (The Human Drift, 1917) (The Red One, 1918) La legge della vita e altri racconti (On the Makaloa Mat, 1919) (Dutch Courage and Other Stories, 1922)

Copioni teatrali
(Theft, 1910) (Daughters of the Rich: A One Act Play, 1915) (The Acorn Planter: A California Forest Play, 1916)

Memorie o Saggi narrativi


Il popolo degli abissi (The People of the Abyss, 1903) La strada (The Road, 1907) La crociera dello Snark (The Cruise of the Snark, 1911) John Barleycorn. Memorie alcoliche oppure Ricordi di un bevitore (John Barleycorn, 1913)

Saggi
(How I Became a Socialist, 1903) Guerra di classe (The War of the Classes, 1905) Rivoluzione (Revolution, and other Essays, 1910)

Filmografia
Dalle opere di Jack London sono stati tratti numerosi film, tra i quali: The Call of the Wild, regia di David Wark Griffith (1908) The Sea Wolf, regia di Hobart Bosworth (1913) The Sea Wolf, regia di George Melford (1920) The Star Rover, regia di Edward Sloman (1920) The Mutiny of the Elsinore, regia di Edward Sloman (1920) Adventure, regia di Victor Fleming da L'avventura (1925) White Fang, regia di Laurence Trimble (1925) Dura lex, regia di Lev Vladimirovi Kuleov (1926) The Devil's Skipper, regia di John G. Adolfi - da Demetrios Contos (1928) Il lupo dei mari, regia di Alfred Santell (1930) Construire un feu, regia di Claude Autant-Lara (1930) Il richiamo della foresta, regia di William A. Wellman (1935) L'ammutinamento dell'Elsinore, regia di Pierre Chenal (1936)

White Fang, regia di David Butler (1936) Uomini e lupi (Wolf Call), regia di George Waggner (1939) Romance of the Redwoods, regia di Charles Vidor (1939)

Jack London Torture Ship, regia di Vicotr Halperin (1939) La via dell'oro, regia di Phil Rosen (1940) Il lupo dei mari, regia di Michael Curtiz (1941) The Adventures of Martin Eden, regia di Sidney Salkow (1942) Alaska, regia di George Archainbaud (1944) Schiavi della paura di Peter Godfrey (1950) Intrepidi vendicatori (The Fighter) di Herbert Kline (1952) Larsen il lupo di Harmon Jones (1958) Assassination Bureau di Basil Dearden (1969) Il richiamo della foresta di Ken Annakin (1972) Zanna Bianca di Lucio Fulci (1973) L'imperatore del Nord di Robert Aldrich (1973) Il ritorno di Zanna Bianca di Lucio Fulci (1974) I figli di Zanna Bianca di Maurizio Pradeaux (1974) Zanna Bianca alla riscossa di Tonino Ricci (1974) La spacconata di Alfonso Brescia (1975) Il lupo dei mari di Giuseppe Vari (1975) Il richiamo del lupo di Gianfranco Baldanello (1975) The Call of the Wild di Jerry Jameson (1976) Zanna Bianca e il cacciatore solitario di Alfonso Brescia (1976) Zanna Bianca e il grande Kid, regia di Vito Bruschini (1977) L'abbraccio dell'orso (A Deadly Game), regia di Jack Gold (1979) Klondike Fever, regia di Peter Carter (1980) Zanna Bianca, un piccolo grande lupo, regia di Randal Kleiser (1991) Zanna Bianca, serie televisiva canadese (1993-94) La leggenda di Zanna Bianca (White Fang 2: Myth of the White Wolf), regia di Ken Olin (1994) The Sea Wolf, regia di Gary T. McDonald (1997) Burning Daylight, regia di Sanzhar Sultanov (2010)

Nel 1943, negli USA stato girato il film Jack London, regia di Alfred Santell con Michael O'Shea nel ruolo di London. stata inoltre tratta la serie televisiva antologica Jack London (Jack London's Tales of the Klondike), trasmessa nel 1981.

Jack London nella cultura successiva


Forse Ernesto "Che" Guevara deve il suo nome di battesimo a Ernest Everhard, nome dell'eroico protagonista de Il tallone di ferro: questo romanzo infatti da quasi un secolo considerato un testo fondamentale da intere generazioni di socialisti di tutto il mondo.Wikipedia:Uso delle fonti Lo stesso Guevara ricorda nel suo scritto Alegria de Pio il racconto Farsi un fuoco di London, ambientato nei deserti ghiacciati del Nord America durante la corsa all'oro. Nei fumetti, Jack London appare all'interno della Saga di Paperon de' Paperoni di Don Rosa nell'episodio Cuori nello Yukon, come cronista al seguito del colonnello delle Giubbe Rosse Sam Steele. Al termine del fumetto, c' anche un accenno ad uno dei pi famosi romanzi dell'autore: egli afferma, infatti, di voler intitolare il suo romanzo ispirato alle sue avventure nel Klondike Il richiamo del papero. Altra apparizione di Jack London nell'universo dei fumetti la troviamo nel volume La giovinezza, avventura retrospettiva di Corto Maltese scritta e disegnata da Hugo Pratt. La vicenda si svolge in Manciuria durante la guerra russo-giapponese e lo scrittore americano ne praticamente il protagonista. Hugo Pratt aveva gi ripreso l'idea alla base del racconto Perdifaccia (che si pu trovare nella raccolta di racconti Le mille e una morte) nella storia Teste e funghi, con Corto Maltese come protagonista.

Jack London Nell'albo a fumetti L'Uomo di Tsushima, scritto e disegnato da Bonvi, appare anche Jack London nei panni dell'alter ego dell'autore. Jack London appare anche in un doppio episodio della serie TV Star Trek - The Next Generation dal titolo Un mistero dal passato (Time's Arrow), ambientato nel passato. Viene rappresentato come un giovane tuttofare che deve ancora scoprire il suo talento di scrittore. Jack London compare anche in due libri del Ciclo del Mondo del Fiume (Riverworld), una serie di cinque romanzi e di alcuni racconti di fantascienza dello scrittore statunitense Philip Jos Farmer. Jack London stato uno degli autori preferiti di Christopher McCandless, il ragazzo statunitense che nel 1990, dopo la laurea, abbandona la societ per andare a vivere nelle terre selvagge, in Alaska. La storia raccontata nel celebre film Into the Wild - Nelle terre selvagge, diretto da Sean Penn e tratto dall'omonimo libro di Jon Krakauer (uscito in Italia con il titolo Nelle terre estreme). in Eroi dell'Olimpo di Rick Riordan viene citato come il figlio di Mercurio e il costruttore della casa del lupo.

Note Bibliografia
Dizionario Letterario Bompiani degli autori di tutti i tempi e di tutte le letterature, vol. II, 1957, voce London, Jack LONDON - "Il richiamo della foresta, Zanna Bianca e altre storie di cani" - Saggio introduttivo di Mario Picchi, Premesse di Goffredo Fofi e Mario Picchi, Newton Narrativa, 2011 Izzo, Carlo, "La letteratura americana", Sansoni/Accademia, 1967 La Piccola Treccani, vol. VI, 1993, voce London, Jack Le Garzantine - Letteratura, 1997, voce London, Jack

Opere pubblicate in italiano


Il richiamo della foresta, trad. Gastone Rossi, Sonzogno 1928; trad. Dienne Carter e Gian Duli, Modernissima 1928 I cercatori d'oro (poi ristampato come L'amore della vita), trad. G. Delaudi, Monanni 1928 (racconti) Il tallone di ferro, Monanni 1928 (romanzo) La valle della luna, trad. G. Delchiaro, Monanni 1928 L'avventura di Giovanna Lackland, trad. Gianni D'Arezzo, Modernissima 1928 La rivolta dell'Elsinore (stampato anche come L'ammutinamento dell'Elsinore), trad. Mario Benzi, Modernissima 1928; trad. Giuseppina Taddei, Bietti 1931; Barion 1940; trad. Mario Malatesta, Sonzogno 1952, trad. Livio Crescenzi e Silvia Zamagni, Mattioli 1885 - 2011 Tre cuori in lizza, Modernissima 1928 La figlia delle nevi, trad. Giovanni Marcellini, Modernissima 1928; trad. Adelel Levi, Barion 1929 Il vagabondo delle stelle, trad. di G. Delchiaro, Monanni 1928; trad. di S. Manferlotti, Adelphi 2005 La guardia di pesca, trad. Gastone Rossi, Sonzogno 1928 Jerry delle isole, trad. Gian Duli, Modernissima 1928 Zanna bianca, trad. Gian Duli, Modernissima 1928 Il lupo dei mari (stampato anche come Il lupo di mare), trad. Gastone Rossi, Sonzogno 1928; trad. Mario Benzi, Barion 1929; trad. Amy Coopmans De Yoldi, Longanesi 1972 Martin Eden, trad. Gastone Rossi, Sonzogno 1928; trad. Gian Duli, Modernissima 1928; trad. Mario Benzi, Bietti, 1928; trad. Amy Coopmans de Yoldi, Longanesi 1972; trad. Giovanni Baldi, Garzanti 1989 Nella tempesta, trad. Dienne Carter e Gian Duli, Modernissima 1928 La peste scarlatta, trad. Dienne Carter e Gian Duli, Modernissima 1928

Jack London La piccola signora della grande casa, trad. Aldo Traverso e Gian Dauli, Modernissima 1928 Tre cuori in lizza, trad. Mario Benzi, Modernissima 1928 Quando Dio ride, trad. Gian Duli, Modernissima, 1928; Bietti 1930 Il popolo dell'abisso, trad. Gianni D'Arezzo, Corticelli 1928; trad. Giovanni Marcellini, Modernissima 1928; Bietti 1930 Radiosa aurora, trad. Gastone Rossi, Sonzogno 1928 Racconti del Mare del Sud, trad. Teresa Novi, La nuova Italia 1928 Ricordi di un bevitore, trad. Dienne Carter e Gian Duli, Delta 1928; sotto il titolo "Memorie", trad. G. Delchiaro, Monanni 1929 Il dio rosso - Il pianto di Ah Kim, trad. Tullio Silvestri, Barion 1929 Il Dio dei suoi padri, trad. Tullio Silvestri, Modernissima 1929 Micaele, fratello di Jerry, cane da circo, trad. Gian Dauli, Modernissima 1929 All'osteria dell'ultima fortuna, trad. Lucia Krasnik, Modernissima 1929 L'avventura, trad. Rosalia Gwis-Adami, Bietti 1929; Essedue edizioni 1982 I figli del gelo, trad. Ida Lori, Bietti 1929 I cercatori d'oro, trad. G. Delchiaro, Monanni 1929 La strada, trad. L. Viscardini, Modernissima 1930

Fumo Bellew, Barion 1931 Memorie, Monanni 1931 Il figlio del lupo, Barion 1936 La peste scarlatta, Barion 1936 (comprende altri otto racconti), Adelphi 2000 (a cura di Ottavio Fatica). Sui mari del sud, Sonzogno 1961 Assassini S.p.A., traduzione di Maria Gallone, I Delfini Fabbri Editori, 2003, Bergamo Le mille e una morte, a cura di O. Fatica, Adelphi 2006 Il nemico del mondo, (Finisterrae, Mantova, 2008). Guerra di classe. Il sogno di Debs. Saggi sulla lotta di classe negli Stati Uniti e un racconto, a cura di Orlando Micucci, prefazione di Valerio Evangelisti, traduzione di Laura Emilia Barchiesi, Gwynplaine, 2009. Opere complete di Jack London a cura di Gian Duli: Confessione, Sul treno, Figure, Acciuffato, Il Penitenziario, Vagabondi che passan nella notte, Sbarazzini e ladruncoli, Duemila vagabondi, Poliziotti, Radiosa aurora; Appunto di Mamas Patata per Mavalepami. Guerra alla Cina. L'inaudita invasione, O barra O Edizioni, Milano, 2012

Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni di o su Jack London Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Jack London (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Jack_London?uselang=it)

Collegamenti esterni
Bibliografia italiana di Jack London (http://www.fantascienza.com/catalogo/NILF13235) nel Catalogo Vegetti della letteratura fantastica pubblicata in Italia Il richiamo della foresta, riduzione radiofonica di Radio 3 Rai (http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/ alta_voce/archivio_2005/eventi/2005_02_01_ilrichiamodellaforesta/index.cfm) (Il Terzo Anello - Ad alta voce): 10 puntate, formato .ram Controllo di autorit VIAF: 46764200 (http:/ / viaf. org/ viaf/ 46764200) LCCN: n78086415 (http:/ / id. loc. gov/ authorities/names/n78086415)

Jack London

Portale Biografie

Portale Giornalismo

Portale Letteratura

Fonti e autori delle voci

Fonti e autori delle voci


Jack London Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=63442722 Autori: Afranz, Aleksander Sestak, Alexander VIII, Andrea.gf, Aplasia, Ask21, Assianir, Azazello&margherita, Brum, Bufo Bufo, Calaglin, Cisco79, Dedda71, Diuturno, Elitre, Euphydryas, Filoberto, Fradeve11, Gattorosso71, Giac83, Gian-, Giovanni Zenone, Gliu, Highestcrown, Hill, Icedlake, Ignisdelavega, Ivana51, Kibira, Larry, Leopold, Lserni, Manzo, Maquesta, Marcel Bergeret, Marcok, Micione, Midnight bird, Moloch981, Monguz, Mox83, Narayan89, Nencio, Nicc, Nrykko, Nubifer, Paopp, Phantomas, Pratodellago, Quandary, Romero, Senpai, Shadowfax, Shaka, Snow Blizzard, Srell, Steed, StefanoRR, Tener, Tomi, Tommaso Ferrara, Tooby, ValterVB, Vituzzu, Vmoscarda, Wikit2006, Zappis, 133 Modifiche anonime

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:JackLondon.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:JackLondon.jpg Licenza: Public Domain Autori: Fred J, Gabor, Janneman, Joolz File:Jack London signature.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jack_London_signature.jpg Licenza: Public Domain Autori: Jack London File:JPN Hokan-sho 7Class BAR.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:JPN_Hokan-sho_7Class_BAR.svg Licenza: Creative Commons Zero Autori: Mboro File:Wikiquote-logo.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wikiquote-logo.svg Licenza: Public Domain Autori: -xfi-, Dbc334, Doodledoo, Elian, Guillom, Jeffq, Krinkle, Maderibeyza, Majorly, Nishkid64, RedCoat, Rei-artur, Rocket000, 11 Modifiche anonime File:Commons-logo.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Commons-logo.svg Licenza: logo Autori: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by Reidab. File:Crystal Clear app Login Manager.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Crystal_Clear_app_Login_Manager.png Licenza: GNU Free Documentation License Autori: Abu badali, Bouncey2k, CyberSkull, It Is Me Here, Mike.lifeguard, Mmxx File:Nuvola_apps_knewsticker.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nuvola_apps_knewsticker.png Licenza: GNU Lesser General Public License Autori: AVRS, Alno, Alphax, F l a n k e r, Liftarn, Luinfana, PFHLai, Pseudomoi, Shizhao, Tkgd2007, 1 Modifiche anonime File:Nuvola apps bookcase.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nuvola_apps_bookcase.svg Licenza: GNU Lesser General Public License Autori: Peter Kemp

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 //creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/