Sei sulla pagina 1di 9

Tratto da: Sonia Baillini & Silvia Consonno "I Verbi Italiani", Alma Edizioni, Firenze, Italia.

tempi uerbari che si usano Ir passato prosimo e rimperfetto sono due

in

mod.o diuerso per parlare

di azioni al passato'

& per

rAccontare un'esperienza Passata e conclusa

& per

che b auuenuto on o

pit

uobe' ma non in

raccontdre un'esperienza abituale del pdssato:

modo abituale:

Ieri ho lavorato fino alle 6'


Mercoledi scorso sono andato al cinema' Sono andato all'isola d'Elba tre volte: nel 1992, nel 1996 e I'anno scorso'

In qtiel periodo lavoravo fino alle 6' (abitudine)


al Quando ero student e.(situazione),,anavo (abitudine)' ogni mercoled\

"i.r.*"

Da bambino andavo \nvacanza all'isola d'Elba (abitudine).

G} #
C

G'' ;r

G A

@ oer rncconttre azioni

successe

&

'rno

ffC -

d'opo

I'alta:

oer descriuere azioni che si 'rono ,roh, in modo Parallelo:

&

'si

oer raccontare un'azione che inserisce in un'altra iniziata Prima. L'azione che b iniziata' Prima raPPresenm la

situazine (il contesto in cui

il
o

fatto accade) e ua
L'azi o n e
ch

si insirise raPPresenta il fano (quello'ihe ?' successo) e ua al Passato Prossttno'

t'lrrp"rfttto.

Ieri prima ho stirato e Pot o guardato la TV'

Mentre stiravo, guardavo la TV.


stiravo guardavo la TV (azioni parallele)

Mentre stiravo' suonato il telefono'

ho

stirato ho guardato la TY (azione 2) (azione 1)

+#

c
.\tu/
(o
:e/ ""qo,

-t
stiravo (situazione)

:
r

,--ri"r+,

tM,.: :,:a:verbi italiani

ruellel rqra

ffi
t_:
'eueu8ne e olepue ouos
..

f Ezue)e^rp Euerunns eun are; { -

fl

ornrop o1 ornoi o orniod o

__"_

'::::::::-1::":::::::'.::::::::"K!:-:::!::-::::"::!:::::"
(amznTaat uou auouuatut)

d1:?:2,.-"-i

'eJeJ p

oJo BI oddor o:raa


(rtrznTaa.t

eu
e

auorzualur)

'eueu8vreg B oleprre ouos

@ @

ezuere^ rP

?us.'ntrs Eun

(auouuawl) f o,re,roq e :H:t


srBJ

.. :
:-.--*,.--

:ou o ot?zzxlpa"t tuassa qnd nd aqt asoqanb a,wl ry auotzuatux<l ouarx?ut onaltadrut1

*.**".

uD

=*.-*-..**.**.=j

# -a

s # *) $
# #

'olasn alpqlaa odutal lup ouopuadty aqr asralttp tuotzuryf ouuuol a.alod 'a"tano?

'asedilJ?q$rd erros

lur

appadso.1-r gra

il{3,c}ndsf

, ,,",'ai1opE!!breru ,1qqqq 4prs


,

uol ;qq oaadrg


o-q tolerrlrre

.,, :.i,'3{P1B-drrils

auotz?(unourrrrui:tlrff,t'';k':';:':;,f:
:olzlulJ
aJs0uoJ ts uou rnJ xp auoE?nfls

,, alorl

yun

ouaJxpux

,'"1, ,,:,,.,-r ,,,eu{}$fd : r: 'r :: :. ,{Og


:

uou illf,rad Ersal


.

,*f*dde ..a:AfUf: r.OlnSS+$ C OIlm o )lo^ uoN


EIIE aJEPUE

oaaltadrut,1 u0) 'opsn apqon odaat pp a?uoras ? lsanly 1latfiu81s ruupq a.udos a aacsoaor lqra(t J

r3lrsr${}-rrrral

qq pupb.+ oppg E^af,E{ Ir 6333

.,'o,{nrrfop fq:nd'oury1ar ll,orurcs, or{ uCIg[

'atonv

'lsoc 'tputnb a 'autoJnts

7qcnd'a 'auuznrt
ut
ossads

:xnxlpuulJ quanSas t uot

tw'{

euu$ern 6ys6 oq,'Etsrl lp tr* or\

errrxtrs

0u?n0u

r ouaJtadrut,l

a oanssotd otussud 1

Una storia cotne tante


,.

Scegli

il tempo giusto

Marilena, che argentina e abita in un piccolo paese vicino a Brescia, racconta la sua storia. "Ere iniziata malissimo. Mio marito ingegnere ed era stato chiamato qui in Italia Per un posto di lavoro. Siamo uenuti/Wniuamo \n Italia insieme ai nostri bambini, ma nel fratt..ttpo I'ari.ttd" .he lta douuto/d.oueua dargli l'impiego fallita. Abbiamo aissuto/Viueuamo mahssimo per un nno- Finalmente lui ba trouato/trouauA. trr posro come camionista e io ho cominciato/cominciauo a lavorare in una fabbrica. I bambini hanno irnparato/impdrauano berle l'italiano perch ogni giorno slno andati/andauano alla scuola materna e hanno auuto/aueuano molti amici. Mio marito, per, i stato/era sempre lontano, io sono ritornata/ritorndul a casa la sera tardi e cosi non siamo potuti/poteaamo mai srare con i nostri bambini. Ho saputo/Sapeuo che per loro stato/era importante avere i genitori vicini e cosi ho deciso/decideuo di lasciare la fabbrica. Ho cercato/Cercauo utioccupazione meno impegnativa per avere pi tempo per i miei frgli. Ho trouato/Thouaao lavoro come cameriera in un albergo: inizio presro la mattina e finisco nel primo pomeriggio, cosi posso passare pi tempo con i miei bambini. Abbiamo meno soldi ma siamo tutti pi felici." A v {-t
(adattato da Donna Moderna)

G (f''
q3

G
5*

Fani e situazioni Q .,i-'

gsssrva i disegni e scrivi delle frasi, come nell'esempio.


I

rc

.
I

Ero troDDo

srasso

cuindi
-

bo

fano

(fard
J

:una dieta.

2. Siccome (lui)
(prendere) un taxi.

verbi italiani

'Epens e1(aws"tanru4a)

o.lau o]l8 un

'nueluor

41d (atana)

(/aD

enual,'l't

(lou) '9

ffi
* t;,
Ji :5
{t?

Sl

,!

6"
'o3rlnrpr
cl Q"wu,wt q t
- o,t o1

)
uou eruoJJrs '7

'(s"wtuarutoppa)

(ot) anualy'E

(Jn aenerd) 17 o Ieri Sara ha avuto una giornata terribile: questa

I'e-mail che scrive ^lla sua amica Sabina' Completa il testo con i verbi al passato prossimo o all'imperfetto.

venerdi

17

Cara Sabina,

come stai? Scusami se non ti (auer) una giornataccia e per tutto il giorno non
che cosa mi
(succed.ere). Siccome

(rispondere) subito,

ma lerl

il computer. Senti (douer) essere in ufficio alle 8:30


(potere) usare

*t $
5' ^ ffi F*

A \d

w GT,
t

(alzarsi) presto. La giornata Per una rlunlone rmPortante' (sciuolare) (uscire) dalla doccia, (iniziare) subito male: mentre (preparare) la colazione, il (baxere) il gomito. Poi, mentre e barattolo della marmellata
Gadere) e (esserci) marmellata ovunque! Siccome

(rompersi)

mille pezzi:
ritardo, riunione

in (essere) in

(prendere)

la macchina per fare prima'


(arriuare)

(esserci) un

emendo ma, per fortuna, traffico -

in ufficio proprio mentre la


(douere) PreParare

6tare) cominciando. Nel

pomeriggio
(auere) un virus e non

dei documenti urgenti ma il computer (potere) usarlo fino alle 5. E in pi, per tutto

(noi - auere) problemi (esserc un guasto in tutta la zona. E per finire, con le linee telefoniche Perch (trouare) una (io - uscire) dall'ufficio, sulla macchina quando multa per dieto di sosta. Insomma, una giornata veralnente da dimenticare, proprio unvenerdi 17.

il giorno

Ci sentiamo presto per organizzare una cena, va bene? Un bacione


Sara

.: r ^ saPevrl ' ''.;1!,Z= '^--';? -' *:lrl Lo

;f 'i,-

i,'rrJl

molro sfornnato. sfomrnato. Lorigine di questa superstizione legata alla giorno molto l7 consideraro un giorno :rdi 17 venerdi refgione cristiana. Venerdi il giorn de[a mone di Ges e 17 numeri romani QryID *:*-:::"j:,::*:ij:=:"".:.1.*-:::.:--1.::'":=";=." che sigfica Lt p",ot" latina

vxl

ll_:_.",*":."

l'*"gt*-"

_.,

I rer itabar

ruellelr

rqra

ry"#

(oruafuag t? orET

rp orrlepe)

rod e euuop aluarls EI a^oP


er.{3 <olnrf,souof,s

EIIaP Euarqrs ellB Elorsrd EI 3ss33

"llE

'lPlos I rlSr?P rP arerssef, I" 'ouJnl ons Ir 'orul?3 eluaru?lnloss

ol il*;

'qurf ?l{aP a}"[oiJE aPrls 3l


EU rplos r

uof

otrJBds EJa :ErfsBJl

lrd

uou aJolEurdz.r lap eru 'Erzrlod EI JJBuJrq:)


aJoteurd?J
g+'R-

sluJujl?ug wgardrur r '?tuEq ?lFp

Ir oPunb

t1

Frrl ..Ht .v

'JJrSEaJ rp

rPumb

s g,
#t
h/ ^

olouef,orS ?ruJ(un olos

slolsrd l 3q3

f.**-.,, 'qrad 'ole8aldru1:I fta

s 4.

'orna 000'E Ip lld o:od 'oreuap r r3 ararssec 'erned ellBP tlvzztlEred ue3s 3l ne8ardrur ure r3 anue6 '"uuoP el oJluo3 ol e ourTlellof, un msEr sllBP Erolle otrpueq 11

'{"
I l
:

'Jorf,etap In'I lerour Ir lruagord ezuas r13 ouncenb ouJelur.fip a errod e1e elta8re,r un es uof 'eollenbnual j ar{f, o}nsa uag oruon un 'eJoteuldur 11 'aruaq, oo, ".ra ano 'orur8rafl Ip Bf,uEg Eun ur opuenb 1Z',t ol ouerg

'rle8adur runf,l pE e arouarlp

ry

pl

aurpJo ur ouos uou rgJe I ?uols nsrulsof,r od a oua.radurl,lp o ourrssod olussed IE IgJ^ I uoJ nsel r eladruoc rurJd 'aurpJosrp ul altp 'p.red 5 ur osrarp a olof,llJu olsan| prctoctn uoc ?Japq pun uatd?A

olotl?Jo!8

Pappagallo cercasi Q .
Scegli

il tempo giusto

scappato di casa: succedeua/ successo cinque giorni fa a Milano. I proprietari, il signor Mario e sua moglie Rosa, sono disperati. Il signor Mario ci parla di lui: "Si chiama Ugo, verde ma non so di che razza sia. Per noi come "r.rY uri ,.rro figlio. Era dei miei zii. Quando moriuano/sono morti io e mia moglie abbiarno deciso/decideuamo di prenderlo: da quel momento abitaua/ha abitato sempre con noi, per sette anni. Non parlaua/ha parlito moko, ha saputo/sapeua ripeterc solo due parole: Ugo, il suo nome' e Rosa, il nome di mia moglie. Di solito in casa lo lasciauamo/abbiamo lasciato libero. Giovedi scorso, per un colpo d'aria,l" n.rtr" si apriua/si aperta elui uolaua/b uolato via. Era impossibile non volergli b.r.' ,, b messo/si metteua sulla mia spalla e mi daua/mi ha dato i bacini." Mario e Rosa sono decisi a rirrovare il loro pappagallo. Cos\ preparaaano/ltanno Prepardto rn cartello: "Laura mancia a chi trova pappagallo", faceuano/hanno fatto 200 fotocopie e le metteuano/hannl messe in tutta la zona. Finalmente, sabaro hanno riceuuto/riceaeaAno qualche telefonata: due persone lo uedeuano/hanno uisto sopral'autolavaggio di Viale Crispi e in Via Varese. Quindi deve essere ancore in zona: allora basta andare ll e urlare: "ugoooooo...."

Un pappagallo

(adattato

deJ.

Corriere della Sera)

Iiorario dei miei desideri

Completa i testi con i verbi al passato prossimo o all'imperfetto. I verbi sono in ordine.
Come conciliare l'orario di lavoro con la famiglia? Due italiani raccontano la loro esperienza.

Gianluca Sorani, 4O anni, sposato, tre figli, direttore del personale del cinema Anteo di Milano.

"Quando

a lavorare ero

in

sala tutte le sere, dalle 18 alla chiusura del cinema,

un orario d'ufficio pi regolare e tranne il lunedi. Mia moglie piccoli, soltanto verso I'una di notte. I bambini pochissimo, le loro giornate al nido e alla scuola materna e io li
dalle 16 alle 18.
cosi, per tenermi impegnato, quasi tutta la giornata libera ma nessuno con cui condividerla. E di dedicarmi al canto. In poco tempo la musica

dedicarmi una grande passione a costo zero, tanto che questo progetto quando il mio orario di lavoro all'Anteo solo a quello. : adesso faccio 40 ore alla settimana durante il giorno e un week-end si e uno no. Mi piace il mio lavoro, ma vorrei un mese in pi di ferie, anche senza stipendio.

Iuellplr rqra

..=:,

ffi
.rt+:;t.

'aluud ?lpxzxux p'qlp,un


ux zJst,t2sul xs zqJ auolz?,ufl.2"lpluJal '2

q?uxqp
opout ux uou ?ut 'aqon ?rd o pun plnuzn(ru psnlJuoJ a ?russad rzuzxJzlsa,un 2,wluoJJ?t '?

*"'qnd lxo p ees ruSo orrrp e o.rl rc "'uorg8l tg. "' g G6l,, :opuaplr ouap eq r3 ra auorzal BIIrp aug eilV'7
(.Elsr^ RI8 oq,l a^op ?W,, :B ptrgJ rs Ieeqllry 'e,ru.rud alueu8asur,l arrual4J

a4l?,1 odop aun assmns apsspl ruotzp aJ?luoJJaJ 'J op11ruod opou't
ux aqo(ts ouos
xs

'E

'atlo
anp osrJJos q

aJl o

aqt awssad tuotz? annxtJsa? 'q

ral auorzal BI eruernq 'Z

olassad

pp alpnflq?

azuauadsa,un at?luoJJ?t 'P

'lssor rade: t uot ezze8eJ Bun pe oulf,I^ olnPes ? rs a ass?If, uI oluJlue g

'I

,?

alu,r.as os,tot

'ouvryult un oTt ztat aq PUqryw !.QI

:opuaprr otlrp Er{ r3 la auolzel ?ilep aug ?V .,ElsI^ I oq,l a^oP W, :e eParyt rs IeEqfII [ 'e,rerud olueu8asul,l JJruaW 'atlol aJl o enp osrJJos ?q 13 Iel auolzel EI etuEJnC 'rssor ladef, I uof, ezzeBet Eun p3 oursr^ olnpes ? Is 3 ass13 ur oluJlue g 'ouIIElr rP ePJas osJof un OI?IZIUI eq IaBqJII { IJaI

IaBr{lrIA['eas{orse BI arrurru

8 ,,"'qnd l"o F

aJorue orurd ons

"'lap olpJof,rJ ? rs elueruesl,r,rodur as ruSo orrru e oJl ro "'uorq8ug "'E66I,,

.osn o,rr$adsrJ uoJ eJlsrrs rp Eurolot Ir

"ilap

asu{ ruEo eugqe 'olsel F orral .ra,re odoq

on&qq Eps

lsa

(auuoV o Ep olerrepe)

'(('ounssau IBur ol auJ uou BJoug ?W 'Jrurl-led oueluof, un uoo ?unlerrr EI olos arcJo EI aqqaJes oleapll 'ouald odruar E aJ?Jo ?l e olerf,unuof,u oq 'rpuEJB 4rd ouos rurqtueq r er{f ossaPv'ollJerrr oru ?P arapuadrp uou etr { 'suJetBru Elonss ellE rru uou gqcrad elueluof, aqr oanb ISOJ A Iqrulq l opuenb e ou5 IuIrB aJl ad sm e asaru ru36 :anrs-fqeq e1arc?ed onnl trd ur a ourqueq luSo apunruof, oPru olrsB-f 'rruJerzuef,rl ed ona 0gZ r.nil) <apptq o Erlod 'larua8 anp I opuenb E ou5 'JuJg onnt otepue adruas Q oJo el [V,

?ssaruuroJ 'II8U

"rp

'elesods

(uropuoq Eurrv