Sei sulla pagina 1di 3

Tratto da oo 130 Il Cristianesimo esoterico e la Guida spirituale dellUmanit Ed.

. Antroposofica Prefazione1 di Marie Steiner del 1947 La Societ Teosofica fondata da H. P. Blavatsky2 aveva il compito di conferire una connotazione occulta al sensazionale interesse per la spiritualit orientale suscitato in Europa intorno alla met del XIX secolo da Schopenhauer e da altri importanti filosofi. Lenorme successo riscosso dal libro di H. P. Blavatsky La dottrina segreta3 consent alla Societ Teosofica di diffondersi rapidamente nei paesi anglofoni. Nel suo libro la Blavatsky non tenne alcun conto del cristianesimo. In precedenza era gi stato frustrato il tentativo promosso da alcuni occultisti rosicruciani di porre il cristianesimo al centro della nuova corrente avvalendosi delle facolt medianiche dellautrice. Simponeva, tuttavia, la necessit di conciliare il patrimonio sapienziale orientale con quello occidentale. La sapienza di un antichissimo passato doveva continuare a vivere nella futura configurazione dellumanit la cui redenzione era stata suggellata dal Mistero del Golgota. Come in passato il cristianesimo, ancora giovane e ricolmo di fervore religioso, aveva accolto la scienza sullonda dellarabismo operando una trasformazione della visione della natura in scienza naturale, cos occorreva ora infondere nuova linfa vitale nellumanit attuale, caduta in preda del materialismo e inaridita, compenetrandola di conoscenze di antichissima sapienza. Lintento si realizz attraverso la conoscenza della filosofia buddista che condusse molte anime ad accogliere e comprendere la dottrina del karma e della reincarnazione. Le opere di Max Mller, Deussen4 ed altri importanti filosofi dischiusero agli europei un mondo di grandiosa spiritualit e di immaginazioni ricolme di vita. Tuttavia, la scienza intellettualistica doveva ancora ricevere la chiave necessaria alla comprensione di quei mondi. A tal fine lopera della Blavatsky e dei suoi discepoli non era sufficiente. Occorreva trovare delle personalit atte a fungere da mediatori. Oltre ad essere particolarmente ricettiva agli influssi dei mondi spirituali grazie alla speciale conformazione del suo organismo fisico, H. P. Blavatsky era anche dotata di una grande forza di volont che la rese capace di compiere alcune difficili missioni al servizio dellumanit. Discontinua nel pensiero, ma esuberante di carattere, le accadeva spesso di non riuscire a controllare il suo temperamento e di cadere cos in preda ad impetuosi accessi passionali con disastrose conseguenze e persino cambiamenti di rotta. Va detto, comunque, che vi furono degli occultisti che si contesero la Blavatsky quale strumento straordinariamente permeabile allo Spirito. La trasformazione della conoscenza dei mondi spirituali in una scienza dello spirito atta ad essere gradualmente conquistata dagli uomini disposti ad applicarsi seriamente a questi studi, esigeva unindividualit totalmente dedita a tale impegno, capace sia di tenere completamente sotto controllo carattere e temperamento sia di dominare complessivamente, e gestire, lintero scibile della sua epoca e, al tempo stesso, di padroneggiare i singoli ambiti scientifici ad un livello tale da consentirle di tenere testa alle obiezioni della critica pi aspra. Era inoltre necessario che questuomo disponesse di un organismo fisico dacciaio e, in pari tempo, duttile, capace di resistere agli attacchi che gli sarebbero stati sferrati. Un uomo cos era Rudolf Steiner. Egli visse la sua giovinezza, per cos dire, in socievole solitudine e studi indefessi5. Inizi a guadagnarsi da vivere, quasi ancora bambino, impartendo
Marie Steiner scrisse la prefazione per ledizione singola delle conferenze di Lugano e Locarno, tenute rispettivamente il 16 e il 19 settembre 1911, Der Christus-Impuls im historischen Werdegang, Dornach 1947. 2 Helena Petrovna Blavatsky, nata von Hahn (1831-1891), fond a New York nel 1875, insieme al colonnello H. S. Olcott, laTheosophical Society il cui centro venne trasferito in India (ad Adyar presso Madras) poco tempo dopo la fondazione. 3 The Secret Doctrine. The synthesis of Science, religion and philosophy. Volume I Cosmogenesis. Volume II Anthropogenesis, London 1888. Un terzo volume, curato da Annie Besant sulla base di manoscritti, usc a Londra nel 1897. 4 Max Mller (1823-1900), uno dei pi importanti orientalisti del XIX secolo. Paul Deussen (1845-1919), filosofo e indianista. 5 Cfr. Rudolf Steiner, La mia vita (1923-25), Opera Omnia n. 28, Ed. Antroposofica, Milano.
1

lezioni private e, poi, come educatore. Su questo retroterra esistenziale venne cos configurandosi, gi in anni giovanili, la futura attivit di conferenziere e di scrittore. Essendo la vita nello Spirito il suo elemento naturale, Rudolf Steiner si impose in piena coscienza il compito di sollevare a se stesso tutte le obiezioni che i materialisti critici potessero essere in grado di opporre alle rivelazioni dello spirito, badando inflessibilmente a non discostarsi mai da questa linea. Per definire questo comportamento egli us la seguente espressione: infilarsi nella pelle del drago. Questa ardua lotta gli appariva un dovere, poich, se cos non fosse stato, non si sarebbe arrogato il diritto di combattere fino in fondo a favore dellumanit quella difficile battaglia che la vittoria dello spirito sullastratta intellettualit. Solo dopo aver vinto lavversario demoniaco interno sulle sue occulte vie oblique, avrebbe potuto esporre lazione del Buddha insieme allazione del Cristo come un tutto armonico, e, quale rappresentante dellantica dottrina della saggezza, indicare le vie della Redenzione mediante lazione compiuta dal Cristo. La Societ Teosofica era allarmata. Avvedutasi degli effetti profondi che la dottrina di Rudolf Steiner esercitava sulle anime alla ricerca del Cristo, non intese esporre i propri aderenti a quellazione, al pericolo che potessero accogliere gli insegnamenti steineriani venendo cos ad infrangere la fedelt alla corrente orientaleggiante. Ai temi scelti da Rudolf Steiner per il Congresso della Federazione delle Sezioni europee, convocato a Genova,6 e che avevano come contenuto la sapienza buddista e lesoterismo occidentale, la Societ Teosofica oppose, secondo la sua dottrina, il Cristo Ges reincarnato in un giovanetto indiano7. Una differenza cos macroscopica rendeva impossibile lindividuazione di un terreno comune su cui svolgere le dissertazioni scientifiche che il congresso di Genova si proponeva di presentare. Ci considerato, e visto il riconoscimento dellimportanza di Rudolf Steiner, la Societ Teosofica ritenne troppo rischioso partecipare al congresso. Essa decise, perci, che la migliore soluzione era quella di non avventurarsi affatto su quel pericoloso terreno. Per imperscrutabili motivi il congresso venne disdetto allultimo momento. Rudolf Steiner, che insieme con altri era gi partito per lItalia, pot parlare, perci, solo in cerchie ristrette, nellambito di riunioni convocate nelle singole sedi. Venuta a mancare la possibilit di trovare degli stenografi, fu solo laffettuosa dedizione di alcuni iscritti a consentire di fermare sulla carta gli elementi essenziali contenuti nelle conferenze. Ovviamente, per, la loro mano non poteva sostenere fino in fondo limpeto delle parole pronunciate con lardore dellentusiasmo. Riguardo alla conferenza tenuta a Locarno e a quelle di Neuchtel, vogliamo ricordare in questa sede la nostra cara collaboratrice Agnes Friedlnder, deceduta nel 1942 in un campo di concentramento in seguito ad una polmonite. Agnes Friedlnder era una di quelle persone la cui anima aveva recepito con particolare intensit gli impulsi trasformatori che vivono nel Mistero del Cristo. In relazione al tema scelto per Genova, Da Buddha a Cristo, risult, per cos dire, naturale che Rudolf Steiner, nelle conferenze che seguirono, illuminasse, sulla base della sapienza essena contenuta nei Vangeli, non solo i nessi scientifico-spirituali presenti nei rapporti intercorsi tra il Buddha e il Cristo Ges nel passato, ma anche quelli che si continuano nel tempo. Sono tali nessi a conferire a queste dissertazioni il carattere speciale che le contraddistingue che, senza la spiegazione del divenire storico della sapienza misterica, non sarebbe stato possibile rilevare. E tuttavia, le conferenze che abbiamo non sono complete. Le trascrizioni non sono buone. Lassenza di uno stenografo provetto, sicuro del suo mestiere, ci appare come un contrattacco sferrato dalle potenze demoniache. Accanto ai sunti delle conferenze di Kassel, quelli che abbiamo sono, in parte, o solo dei frammenti o composizioni di appunti. E tuttavia, essendo presenti le linee direttive sostanziali, se n tentata la compilazione. Se vero che il tentativo intrapreso non

Cfr. Rudolf Steiner, Die Geschichte und die Bedingungen der anthroposophischen Bewegung im Verhltnis zur anthroposophischen Gesellschaft, O.O. n. 258, Rudolf Steiner Verlag, Dornach. 7 Con il nome di Alcione, Jiddu Krishnamurti (1895-1986) fu propagandato come il Cristo rinato da Annie Besant e il suo seguito che, a tal fine, fondarono lordine della Stella dOriente. In seguito, Krishnamurti prese le distanze da questo ruolo ideato per lui.

stilisticamente sempre convincente, tale insufficienza varr ancora di pi a sollecitare lo spirito ad acuire il pensiero e a stimolare lo studio. Accanto al rilievo del carattere particolare della scienza dello spirito dellera cristiana, lobiettivo perseguito dalle conferenze tenute negli anni 1911 e 19128 era quello di porre laccento sullimportanza del karma come percorso di destino, e di consentirci di accedere ai suoi aspetti pi profondi. Sebbene il ductus complessivo di quelle dissertazioni sia stato fermato sulla carta solo in immagini mnemoniche riguardo ai nessi logici, le trascrizioni si sono rivelate spesso troppo brevi, e gli appunti e le note sommarie riuniti qua e l sono da considerarsi pi che altro dei richiami tuttavia, il senso degli impulsi spirituali trasmessi da Rudolf Steiner ci pervenuto inalterato, tanto da giustificare, forse, questo tentativo di compilazione. Se li assumeremo nelle nostre meditazioni, potranno continuare ad esplicare in noi la loro azione approfondendo la nostra anima. Marie Steiner

Vedi le conferenze tenute a Berlino e a Stoccarda in Wiederverkrperung und Karma und ihre Bedeutung fr die Kultur der Gegenwart, O.O. n. 135, R. Steiner Verlag.