Sei sulla pagina 1di 6

Speciale“San Matteo” www.voxpopuli.

info

VOX POPULI
Mensile gratuito di politica, attualità, cultura
SALERNO
La città che aspetta il
miracolo

La città di Salerno vista con occhi


diversi, disincantati. Lontani
dalle grandi promesse, dalle
opere faraoniche, ma vicini ai
cantieri eterni, ai disagi delle
persone. Un viaggio nella
Salerno incompiuta. In questo
numero: la metropolitana
leggera, la raccolta differenziata
e il turismo
ALLE PAGINE 2, 3 E 4

SALERNO
La Salerno degli sprechi
e dei favori
A leggere le delibere comunali
che approvano svariati
finanziamenti alle associazioni
culturali, un po’ ci si diverte e un
po’ ci si domanda: ma come e a
chi vengono dati i nostri soldi?
A PAGINA 5

SALERNO
La festa di San Matteo
tra il sacro e il profano,
tra la storia e le
tradizioni
A PAGINA 6
SALERNO
La storia della metropolitana di Salerno è una vicenda
LA METRO... grottesca: tra ritardi e lungaggini i cantieri sono aperti da dieci
anni. Per costruire il Colosseo, i Romani ne impiegarono otto.
eccetera eccetera DI ANTONIO

“A luglio abbiamo
sollecitato la Regione per
la stipula con le Ferrovie
dello Stato, ma siamo in dirittura
capogiro: 40 milioni di euro anzi, per
adeguarci a quei tempi, 80 miliardi
di lire. I lavori vennero così
consegnati il 30 novembre del 1999:
per il mese di giugno di quest’anno.
Ma sapete quanto è stato speso,
finora, per quest’opera incompiuta?
46.481.120 milioni di euro. Un
d’arrivo”. Non è che l’ultima dieci anni fa! Per costruire il vagone di soldi pubblici! Per non
promessa che De Luca fa a riguardo Colosseo, i Romani ne impiegarono dire di sgradevoli sorprese che
della Metropolitana di Salerno, una otto. Ai nostri amministratori, preoccupano e non poco: per un
vicenda grottesca, una barzelletta. invece, sono stati appena sufficienti problema tecnico che riguarda il
SE NE PARLA DA TEMPO, DA per aprire una delle otto stazioni traffico in entrata e in uscita dalla
TROPPO TEMPO progettate. stazione centrale, partirà un
A Salerno di Metropolitana si parla E che via via sono sopravvissute a convoglio ogni 75 minuti. Questione
da quasi vent’anni: gli egiziani reperimenti archeologici, lungaggini che il sindaco definì “delicata”.
impiegarono lo stesso tempo per burocratiche. Intervenne addirittura Tagliamo corto: una metropolitana
costruire le piramidi. Erano gli anni la Regione per rifissare il termine così non servirebbe a nulla.
di Giordano, di Conte ministro delle dei lavori, ovviamente non LE STAZIONI MAI UTILIZZATE
aree Urbane. Quel progetto, come rispettato. Altro problema che nessuno
altri dello stesso periodo naufragò LE PROMESSE ED IL LORO COSTO sottolinea sono le condizioni delle
sotto le inchieste e la tempesta di Decisioni prese, annunciate, stazioni: praticamente terminate (ci
Tangentopoli. O meglio fu solo contestate e rimangiate. Era ottobre mancherebbe, ci lavorano da 10
accantonato. dello scorso anno quando De Luca anni!) sono vittime del degrado e
Difatti , nel 1994, la metropolitana prometteva l’apertura della metro dell’abbandono. Quando aprirà la
veniva inserita nel famoso metro ci sarà bisogno di rimetterle a
documento programmatico per un problema posto, con un’ulteriore spesa di
sviluppato da Bohigas. Ovvero denaro pubblico. Stazioni mai
quindici anni fa. Ad Alessandro
tecnico che riguarda il utilizzate e già da rimettere a
Magno ne bastarono tredici per traffico in entrata e in uscita nuovo! Il tutto mentre si pensa, e
conquistare il mondo. L’opera fu dalla stazione centrale, già si finanzia, il prolungamento
però approvata ufficialmente solo partirà un convoglio ogni 75 verso Pontecagnano. Che senso c’è
nel 1997, con un finanziamento da se quei binari sono deserti?
minuti
LA METROPOLITANA DI SALERNO
LA STORIA LE STAZIONI
Nel 1994 la città di Salerno commissionò Le otto stazioni progettate e in fase di
il Documento Programmatico dello realizzazione sono le seguenti: Centro Storico,
Sviluppo Cittadino agli architetti dello via Vernieri, Stazione FS-Centro, Via del Pezzo-
studio MBM ARQUITECTES S.A. Sulla base di Torrione, Via Rocco Cocchia-Pastena, Parco
quel documento il Comune di Salerno ha del Mercatello-Mariconda, Arbostella, Stadio
deciso di dotarsi di un sistema di Arechi.
metropolitana leggera. Fonte: Comune di Salerno

Il CIPE (Comitato Interministeriale di Programmazione Economica) diede il via


QUANTO
libera al progetto alla fine del 1999 stanziando 75 miliardi. Altri 5 miliardi furono
È STATO
in seguito stanziati dal Comune di Salerno. Ad oggi la spesa complessiva è di
SPESO
46.481.120 milioni di euro

2 VOXPOPULI # Speciale “San Matteo”


SALERNO
Ad un anno dall’inizio della
SALERNO si differenzia, raccolta differenziata,
raccontiamo quello che non va.
vi

ma in che modo? DI ALESSANDRO


ormai trascorso più di un anno lettori vittime da innamoramento

È dell’inizio del progetto


“raccolta differenziata” e c’è
ancora qualcuno che non ci ha
amministrativo, patologia che fa
raggrinzire il collo in modo tale da
rendere impossibile guardare oltre il
rassegne di elemosina in nome del
Santo Patrono bensì programmi da
completare entro il 21 Settembre).
capito niente, vuoi per una proprio giardino, che a Settembre Che talento Machiavellico.
mediocre informazione, vuoi per 2009 molte famiglie dei rioni ALTRI PROBLEMI IRRISOLTI
un’eccessiva frettolosità da parte collinari (Giovi, Ogliara, Rufoli, Un altro problema è rappresentato
del Comune nell’educare una Cappelle, Matierno e Sordina) dalle cosiddette campane per il
cittadinanza non particolarmente ancora devono ricevere il vetro le quali, essendo svuotate
avvezza alla diversificazione dei celeberrimo “Kit di due bidoncini”, rarissimamente dagli operatori ed
rifiuti, il progetto di punta nonostante sia stato proclamato essendo praticamente ignorate dalla
dell’amministrazione De Luca l’avvio di questo step. Parlando in Polizia Municipale, sono diventate
sembra essere un gigante dai piedi termini più venali questo vuol dire vere e proprie mini isole ecologiche
d’argilla. Vediamo di fare un po’ di che il Comune ha continuato a ai cui piedi è accatastato di tutto
chiarezza. spendere fior di quattrini fuori come al ricordare il celebre slogan
LA RACCOLTA DIFFERENZIATA tempo massimo al fine di pagare del centro commerciale Harrods:
DOVEVA GIÀ ESSERE COMPLETATA tutti gli enti e i facilitanti impegnati “dallo spillo all’elefante”.
Forse non tutti sanno che il vostro nel progetto Start Up. Ultima ma non meno importante è
(purtroppo ancora non riesco ad UN FALLIMENTO PREANNUNCIATO la riflessione sulla pulizia della
appropriami dell’aggettivo L’impossibilità di attuare un piano nostra città. Un capoluogo che
possessivo) amato sindaco promise, del genere in così poco tempo (6 vanta il 90% di riciclaggio dovrebbe,
quasi due anni or sono, che l’intera mesi per 150.000 abitanti) era almeno in apparenza, dare
città sarebbe entrata in un regime di chiara fin dall’inizio, tuttavia il un’impressione di pulizia, senso
riciclaggio entro i primi mesi del Fontanella non ha voluto prendere civico ed educazione ambientale.
2009. Purtroppo devo rattristare i in considerazione il vecchio adagio Fontane strabordanti di acqua
“non farti debiti con la bocca” e stagnante, vie che dovrebbero
L’impossibilità di allora ha dovuto ricorrere; con un essere ribattezzate Avenue de le
attuare un piano del guizzo ed un colpo di coda ha Preservatif ed una lungomare
genere in così poco tempo (6 inserito il progetto Salerno si popolata dalla movida dei ratti
Differenzia nel listone delle opere contribuiscono si a differenziarci,
mesi per 150.000 abitanti) per San Matteo (le quali non sono ma in negativo.
era chiara fin dall’inizio
IL BLUFF DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Stando alle parole del Sindaco, la città sarebbe entrata in


un regime di riciclaggio entro i primi mesi del 2009. Invece,
a Settembre 2009 molte famiglie dei rioni collinari ancora
devono ricevere il “Kit di due bidoncini”: l’ultimo step della
raccolta differenziata, quindi, è stato avviato nonostante
sia ancora incompleto.

Sono ancora molte i problemi da risolvere: l’orario di ritiro


da parte degli operatori non è quasi mai rispettato, nel
Centro Storico la raccolta non decolla a causa di orari di
conferimento illogici e, non da ultimo, le campane per la
raccolta del vetro sono svuotate raramente .

VOXPOPULI # Speciale “San Matteo” 3


SALERNO
A scarseggiare sono i servizi e le
Una città TURISTICA. strutture ricettive, soprattutto per i
giovani. E mentre la provincia cresce,
Peccato che mancano i turisti.
Salerno perde quota.
DI MARZIO

T urismo sostenibile, turismo


incoming, turismo last minute
e low cost… Peccato che con
queste locuzioni la nostra Città
abbia poco o nulla a che fare. Non è
“Divina” Amalfitana e la Cilentana, e
un litorale lunghissimo
assolutamente non sfruttato, nella
Città stessa non v’è alcun luogo di
svago e divertimento (eccezion fatta
Nella stessa estate, la densità in
discorso nella provincia Salernitana
era di 35 persone ogni Km², 22 in
meno rispetto a Lecce, la metà
rispetto alla provincia di Rimini! Di
sicuramente una scoperta che il per una sola discoteca degna di nota qui, constatando che il turismo
settore economico facente capo al in un Comune confinante) che sia provinciale di Salerno, sempre più
turismo incida in maniera capace di soddisfare la domanda del giornaliero e proveniente
consistente sulla produzione di turismo giovanile. Ciò comporta che dall’hinterland napoletano, si
ricchezza di un paese. Stime del gli alberghi siano vuoti e, concentra essenzialmente lungo le
Worl Travel ci parlano di un chiaramente, allo stato di cose non coste d’Amalfi e del Cilento, in città
contributo, nel 2008, del 10,2% al Pil vale la pena costruirne altri in rimane davvero poco: sulla
europeo, del 9,7% a quello assenza di una seria superficie di 59 Km², i posti letto
nazionale (155,5 miliardi di euro). programmazione economica. sono appena 1.900 (32 per Km²).
Soldi, tanti soldi. QUALCHE DATO PER CAPIRE Sempre per rimanere nel leccese, in
I PROBLEMI Diamo qualche numero per una delle località più belle, Otranto
La crescita del turismo segue dimostrare l’assunto da cui sono (superficie di 76 Km²), i posti sono
necessariamente politiche di partito, prendendo come parametri 9.930, 130 per Km²…
sviluppo volte alla creazione e al di riferimento e di confronto la ED ANCORA PROBLEMI
sostegno, sul territorio, di strutture provincia di Lecce e quella di Rimini, In definitiva, quanto sopra scritto è
ricettive, alberghiere e quest’ultima plus ultra del turismo per rilevare che, attese le chiare e
complementari (campeggi, villaggi nazionale. Nel leccese, in cui ostacolanti problematiche legate al
turistici e alloggi vari), necessarie nell’ultimo decennio i flussi turistici parassitismo camorrista presente
per l’apprezzamento delle bellezze si sono moltiplicati in maniera sul territorio, gli pseudo-lidi (più o
naturalistiche e dei punti esponenziale, facendo sì che la meno abusivi) di albanese memoria
d’aggregazione e divertimento che il costa salentina assurgesse, sempre di Pastena, Torrione e Mercatello,
territorio stesso offra. Qui da noi, più, a meta di riferimento una metropolitana invisibile e un
però, il problema è a monte: fondamentale del turismo italiano, aeroporto sul cui futuro sono da
nonostante il Comune di Salerno nell’estate del 2007 le presenze di tempo aperte scommesse, non
vanti la vicinanza delle coste tra le turisti, invero soprattutto italiani, bastano affinché Salerno possa
più belle al mondo (che la Riviera sono state 2.776.000 circa, con una definirsi una «città europea»…
Romagnola “se le sogna!”), la densità di 57 presenze ogni Km².

4 VOXPOPULI # Speciale “San Matteo”


SALERNO
A leggere le delibere comunali che approvano svariati
La SALERNO finanziamenti alle associazioni culturali, un po’ ci si diverte e un
po’ ci si domanda: ma come e a chi vengono dati i nostri soldi?
degli sprechi e dei favori DI ANTONIO

I l 12 giugno, in una Salerno che


aspetta il caldo che tardava ad
arrivare, la Giunta del Comune di
Salerno si riuniva per approvare la
delibera numero 752 per un
altri generi musicali e così si è deciso
di finanziare un festival di musica
antica con una rassegna dedicata ad
Handel. E poi, siccome i salernitani
sono legati al loro mare, seppure
dell’Augusteo.
IL METODO DI CONCESSIONE
Cifre esigue ma concesse ad una
numero impressionante di
associazioni: il finanziamento si
finanziamento circa un concorso di sporco e inquinato, come negare disperde così in mille rivoli, così che
writing dal nome “Graffiti Rockin’it”. soldi per il convegno “Storia e il singolo finanziamento non fa
Concorso di primaria importanza, modernità in una fusione ideale gridare allo spreco ma, a ben
voleva “portare a Salerno 4 grandi della Salerno di ieri e di oggi”? E con vedere, il totale ci consegna cifre
artisti tedeschi: Atom, Smash, Can quale coraggio tirarsi indietro di notevoli, che potrebbero essere
Two e Ken, artisti di fama fro nt e a ll’ A np i: per un spese in miglior modo. Seguendo
mondiale”. Questa è solo una del documentario che hanno visto solo questo schema, in tre anni
centinaio di delibere raccolte nel loro, il Comune si è fatto carico delle l’amministrazione De Luca ha speso
periodo compreso tra gennaio e spese per la pellicola, la pratica circa 4milioni di euro, finanziamenti
giugno di quest’anno. L’elenco dei SIAE, il macchinista, la maschera, concessi puntualmente sempre alle
beneficiari è lunghissimo. Le oltre a concedere l’uso gratuito stesse associazioni, il che fa pensare
motivazioni a tratti divertenti. Le ad una volontà di fidelizzare il
cifre ore esigue, ora considerevoli. consenso. Insomma la triste realtà è
Cifre esigue ma
I FINANZIAMENTI SOSPETTI che ogni associazione che abbia un
Ad esempio, c’è un contributo di
concesse ad una consigliere come sponsor e che è
80mila euro per Salerno Jazz numero impressionante di capace di smuovere voti quando
Orchestra, una manifestazione che associazioni: il servono, riesce a portare a casa
in due anni ha attinto dalle casse finanziamento si disperde soldi distribuiti solo
comunali 307mila euro. Sistemato il apparentemente in modo casuale.
jazz, non si potevano trascurare gli così in mille rivoli

SPESE FOLLI
Nei primi sei mesi dell'anno il Comune di Salerno ha investito più di 5.000 euro al
giorno per finanziare attività nei settori della cultura e dello spettacolo.
Complessivamente nel periodo gennaio-giugno 2009, l'amministrazione comunale
ha speso 866.421 euro, con un aumento del 40% rispetto allo stesso periodo
dell'anno precedente.
A denunciare la gestine della concessione dei finanziamenti sono stati i consiglieri
circoscrizionali Rosario Peduto e Vincenzo Musto

LE CIFRE
Periodo Spesa complessiva
Luglio - Dicembre 2006 € 719.800
Gennaio - Giugno 2007 € 663.546
Agosto - Dicembre 2007 € 584.899
Gennaio - Giugno 2008 € 579.592
Luglio - Dicembre 2008 € 730.522
Gennaio - Giugno 2009 € 866.421

VOXPOPULI # Speciale “San Matteo”


5
SALERNO
San Matteo ‘09

San Matteo tra SACRO e PROFANO


I l legame di San Matteo con la città di Salerno ha antiche origini. Sebbene le reliquie del Santo sono conservate
in zona dal 954, è nel 1691 che i Salernitani si impegnarono a condurre in processione ogni anno la statua del
santo patrono.
I MIRACOLI DI SAN MATTEO
Diversi sono i miracoli che la città di Salerno ricorda: il “miracolo della manna”, che trasudava dal corpo del Santo
venendo poi raccolta in un’anfora di argento, festeggiato il 6 maggio, giorno dell'anniversario della Translazione
delle sacre reliquie a Salerno ; nel 1544, secondo la tradizione, il Santo Patrono salvò Salerno dalla distruzione
costringendo alla fuga i pirati Saraceni capeggiati da Ariadeno "Barbarossa" (in segno di riconoscenza lo stemma
della città venne impreziosito con la figura di San Matteo ), l'anniversario veniva ricordato ogni anno con la "Festa
del Barbarossa" durante la quale si portava in processione una teca con alcune reliquie del Santo; nel 1656, l’anno
della diffusione della peste a Salerno, San Matteo soccorse la popolazione e nel 1688 quando la città fu salvata dal
terremoto.
LA FESTA
I festeggiamenti per San Matteo hanno due date fondamentali: il 21 agosto,
ovvero l’”alzata del panno”, e il 21 settembre, giorno della processione per
LA CURIOSITÀ
le strade del centro cittadino.
NIENTE BACIO ALLA RELIQUIA
Nel giorno dell'alzata del panno, dopo una solenne messa nella cripta, un
Niente bacio per il braccio di San
corteo porta il panno di San Matteo - con la scritta “Salerno è mia: io la
Matteo; i fedeli potranno toccare
difendo” - nel quadriportico della Cattedrale. È qui che l’arcivescovo
la reliquia soltanto con la mano. È
benedice i credenti con il braccio del Santo Patrono; la sacra teca gotica
quanto hanno deciso l’Asl e le
risalente al 1330 che custodisce una reliquia dell’Apostolo.
autorità ecclesiastiche salernitane
I festeggiamenti si concludono il il 21 settembre con la processione che
come misura di prevenzione per
dalla Cattedrale procede lungo via Duomo, via Mercanti, passando per
evitare il diffondersi del contagio
piazza Portanova ed attraversando il corso V. Emanuele, scendendo per via
dell’influenza A, la cosiddetta
Cilento, corso Garibaldi e via Roma, risalendo al duomo per largo Ragno,
suina. Si tratta solo di una
via Portacatena, via Da Procida.
precauzione, non sussistendo al
Aprono la processione le tre statue d'argento dei Santi Martiri Salernitani,
momento allarmismi da riferire al
Anthes, Gaio e Fortunato,
contagio.
definiti come le "tre sorelle" di
San Matteo per i loro volti dai
lineamenti dolci ed i capelli lunghi. Avanza poi la preziosissima statua,
risalente al 1742, di San Gregorio VII, papa morto a Salerno nel 1085,
durante il suo esilio. Più indietro, sorretta dalla "paranza" , sfila la
statua più pesante, il busto ligneo di San Giuseppe, risalente al tempo
della Scuola Medica Salernitana . Infine la magnifica statua d'argento
di San Matteo, riccamente adornata di fiori . La processione si
conclude con la corsa dei portatori della statua del Santo dai Mercanti
fino al Duomo, dove in segno di gioia e riconoscenza, fanno ruotare
più volte in cima alle scale della cattedrale per benedire e salutare i
numerosi fedeli
LA TRADIZIONE
Alla festa religiosa si accompagna il folklore popolare che dipinge il
giorno dedicato al patrono di caratteristiche usanze. Il 21 settembre
viene festeggiato nelle case dei salernitani mangiando la milza con
l’aceto, l’uva sanginella, le noci fresche e le alici fritte.
21 SETTEMBRE 2008 - UN MOMENTO DELLA PROCESSIONE La giornata di festeggiamenti si conclude con i fuochi pirotecnici,
ammirati dal lungomare dalla cittadinanza lì riunita.

Interessi correlati