Sei sulla pagina 1di 13

INDICE

Zapping per la rete in cerca di idee


La scrittura creativa La scrittura creativa: mondi immaginari Il laboratorio di scrittura: la funzione della scuola Bibliolab. Laboratorio di scrittura creativa Il libro mosso. Laboratorio di scrittura creativa

La proposta: un laboratorio di scrittura creativa


La scheda del progetto Le attivit

I prodotti: un esempio di book sfogliabile Valutazione del percorso progettuale

La scrittura creativa
Con la definizione di scrittura creativa ci si riferisce a un ventaglio piuttosto ampio di pratiche di scrittura. A titolo esemplificativo: scrittura ludica: filastrocche, nonsense, esercizi di stile; riscrittura di testi letterari per parodie, trasposizioni di genere, e cos via; scrittura di testi letterari come imitazione di un genere, di un modello particolare o come semplice gioco inventivo; scrittura espressiva di tipo autobiografico (autoritratti, diari, autobiografie, ecc.). Queste attivit hanno in comune: lenfasi sugli aspetti ludici della lingua, la dominanza della funzione espressiva, laccento su contenuti dinvenzione. La scrittura creativa ha un ruolo molto importante nella motivazione allo scrivere, nel far vincere il timore della pagina bianca, nel favorire la fluenza e la fluidit inventiva, contribuire a ristabilire un contatto tra la parola scritta e lesperienza, che rischia di venire meno nelle generazioni giovani. Questa pratica, facendo leva su aspetti affettivi delluso linguistico scritto, permette dunque agli allievi di cimentarsi nella scrittura in modo gratificante, magari pi vicino al loro immaginario e alla loro soggettivit [] da Didattica della Scrittura/Scrittura creativa (Indire/Materiali di studio):

http://puntoeduri.indire.it/ocse/lo/349/2948.htm

La scrittura creativa: mondi immaginari


Ora, la scrittura di racconti non mai stata un costume culturale delle nostre scuole e, se gli studenti delle scuole secondarie di primo grado scrivono, lo fanno quasi sempre nei limiti dei testi d'uso: per lo pi cronache, riassunti, lettere, diari, relazioni, testi argomentativi. E al classico tema si affida ancora, purtroppo, il terreno per sbizzarrire fantasia e improvvisazione [] Le attivit di (percorso di scrittura creativa ) si (possono proporre) come una vera e propria officina nella quale sono attivi vari laboratori che, di volta in volta, propongono strategie diverse di lavoro. Obiettivi di apprendimento per lo studente Acquisire consapevolezza del carattere dialettico, flessibile e dinamico dei processi di scrittura. Essere in qualsiasi circostanza un lettore consapevole del testo letterario, tramite un approccio attivo ed emotivamente coinvolgente alla scrittura di un racconto. Competenze di riferimento per lo studente Capacit di operare delle scelte tecnicamente efficaci nella scrittura, per poter esprimere un frammento di visione del proprio mondo agli altri. Consapevolezza dell'importanza dell'espressione scritta di idee, esperienze ed emozioni personali per la formazione del senso, da contrapporre quotidianamente alla formazione del consenso, operante attraverso processi di omologazione in ambito extrascolastico.

da Mondi Immaginari: scrittura creativa ( Indire/Percorso didattico): http://forum.indire.it/repository_cms/working/export/6082/index

Il laboratorio di scrittura: la funzione della scuola


E evidente che la scuola potrebbe fare molto, cavalcando questo trend: un laboratorio di scrittura una risorsa impareggiabile per linsegnamento della lingua e della letteratura italiana. Lutilit degli esercizi che andremo a proporre non investe soltanto lo sviluppo (o lacquisizione) delle competenze strettamente linguistiche nei ragazzi, ma anche labitudine allosservazione del testo scritto, al riconoscimento degli stili e dei toni della scrittura, al concetto di registro linguistico, al giudizio critico su testi letterari o non letterari. Mira, insomma, a quella che un tempo si chiamava lettura consapevole. Il bieco tecnicismo con cui insegniamo in classe le tipologie di scrittura (giornalistica, saggistica, argomentativa ecc.) per abituare i ragazzi a sostenere la prima prova dell'Esame di Stato (Tipologia A, B, C) potrebbe essere eclissato da una serie di corsi di scrittura creativa, con i quali si potrebbero educare gli allievi non al meccanico distinguo delle tecniche, bens ad un'unica capacit: "sentire" il tono, lo stile, di brano d'autore, inserirvisi, riscriverlo. Si capisce bene il trucco: dietro all'imparare a scrivere c' sempre e solo l'imparare a leggere. La scuola pubblica, dunque, piuttosto che abbandonare gli allievi a sedicenti scuole virtuali, pu fare molto sul fronte della scrittura-lettura, anche contando sullascendente che un insegnante pu esercitare sugli allievi, sulla sua reperibilit in caso di bisogno, su un regime misto di presenza e distanza.

Il laboratorio di scrittura: il valore aggiunto delle T.I.C


Chi ha gi tenuto un Laboratorio di scrittura nella propria scuola conosce i problemi ad esso connessi: orari, coincidenza con i corsi di recupero, necessit della compresenza continua del gruppo-classe, giustificazione per i compiti del giorno dopo. I docenti, conciliate tutte queste variabili, devono inoltre essere dotati di un certo carisma, dimostrare di saper fare sempre alla perfezione ci che chiedono agli allievi, sottostare alla marginalit di questo faticoso progetto rispetto al sacrosanto curricolo. Il laboratorio on-line consente di superare tutti questi ostacoli, di garantire ai docenti il loro legittimo ruolo di guide ai percorsi formativi e non di guru della conoscenza, di riguadagnare alunni svantaggiati o emarginati, sia in senso materiale (per esempio i pendolari) che psicologico (ragazzi che non si adeguano, per vari motivi, al normale curricolo). Il contributo principale delle TIC dunque dato qui in termini di: forme di condivisione, visibilit del lavoro svolto, velocit degli scambi di idee [] Anche il lavoro del docente dovrebbe essere migliore: la correzione dei testi frontale egualmente efficace rispetto a quella on-line sincronica solo se si dispone di una lavagna luminosa e di lucidi da sovrapporre. E il lavoro preparatorio dei lucidi, per linsegnante, decisamente pi faticoso (stampa, fotocopia dei testi su lucido, sovrapposizione di lucidi con le correzioni, correzioni con colori diversi per errori diversi ecc.). Inoltre il ragazzo sar pi attento alle correzioni on line del proprio racconto. Anche se probabilmente lo sar di meno a quelle dei racconti altrui. Gli strumenti necessari saranno, prevalentemente, la bacheca elettronica, il web forum, la chat. Chiunque abbia tenuto un laboratorio di scrittura sa che i ragazzi fremono dal desiderio di farsi leggere, non appena hanno scritto. Questo fattore-entusiasmo pu essere esaltato dai lavori in sincronia. Il valore pi importante, dunque, quello della comunicazione veloce a distanza (compiti a casa, esercizi cosiddetti scalda penna ecc.) e quello della pubblicazione finale dei lavori (vetrina). Con votazioni, ovviamente, on-line, forme di coinvolgimento della scuola e dellextra-scuola, 5

adozione di formule tipo mini-premio letterario da Il laboratorio di scrittura come progetto cooperativo on line: http://www.didacta.altervista.org/scrittura/

Bibliolab. Laboratorio di scrittura creativa


L'ipotesi da cui muove il percorso che, facendo leva sulle potenzialit inventive dei ragazzi e proponendo input per l'invenzione di storie a partire da racconti esistenti, divisi per genere letterario (fantascienza, mistero, giallo, rosa) si possano stimolare, insieme, la loro fantasia e la loro curiosit e si possa avvicinarli al piacere della lettura, rendendoli lettori non ingenui ma esperti, capaci cio di giudizio. Il gioco duplice. Da una parte si punta a attivare limmaginazione e le capacit creative, dall'altra si propone una sfida di tipo emulativo con un racconto di cui si d solo un accenno, enucleando, di volta in volta uno degli elementi tipici della scrittura di un racconto (titolo, narratore, personaggio, ambiente). Questo input serve ad incuriosire il ragazzo alla lettura e ponendolo in una condizione di confronto che induttivamente pu sollecitare l'acquisizione di abilit di comprensione e di analisi del testo. Questo tipo di approccio si avvicina, per alcuni aspetti, alle tecniche della scrittura creativa, e consente perci la libera espressione tanto delle capacit fantastiche quanto dell'universo di valori e di problemi tipici dell'et adolescenziale. Nello stesso tempo abitua a pensare, a progettare un testo narrativo e a porsi il problema della sua efficacia sia in ordine alla coerenza complessiva del racconto sia in relazione alla strategia con cui viene proposto il messaggio che si vuole giunga al lettore. Il ragazzo, divenendo autore e confrontando poi il suo prodotto con quello di un vero autore, affronta in modo attivo il problema dell'ideazione, delle tecniche narrative, della scrittura, entra nell'"officina" dello scrittore e ne comprende i trucchi, i segreti, perdendo cos il distacco, la reverenza, il senso di difficolt che spesso prova nei confronti di un testo letterario. Pu imparare, insomma, a cooperare attivamente alla lettura; pu imparare a criticare. Questo tipo di lavoro pu essere svolto a livello individuale ma si consiglia la modalit del lavoro di gruppo. I racconti possono essere scritti al computer e, se si ha una classe virtuale, condivisi tramite forum o, meglio ancora, redatti collaborativamente mediante un wiki da Bibliolab. Laboratorio di scrittura creativa (percorsi didattici) http://www.bibliolab.it/scrittura_creativa/index_creativa.htm

Il libro mosso. Laboratorio di scrittura creativa


Messa di fronte al dilemma se preferibile insegnare a scrivere o imparare a farlo, ho scelto la via pi facile: l'insegnamento. Ma la scelta non mi ha sottratto l'entusiasmo dell'apprendere, anzi... Ogni volta che mi accingo a tener banco - anzi, cattedra- di fronte ai miei alunni, mi ripeto come un mantra << bello imparare, bello imparare, bello...>> con la speranza di far risuonare queste parole nelle orecchie distratte dei miei alunni. Qualche volta sembrano udirle, altre no...! Un'arma invincibile contro la disattenzione e la noia della classe sicuramente la prospettiva di dare un corpo concreto, un prodotto finale, una creatura tangibile ai loro sforzi di attenzione. Se dico ai miei allievi, ad esempio <<ora leggiamo una storia e poi la scriviamo in maniera sintetica>>, posso star certa che l'impegno produttivo da parte loro sar minimo. Se invece propongo loro di trascrivere la storia su un supporto anomalo, quale potrebbe essere un cartoncino illustrato, un libro origami, un semplice foglio piegato a fisarmonica, chiuso in una busta da lettere da consegnare a un parente o un amico, l'impegno aumenta notevolmente, cos come il grado di correttezza e precisione esecutive. Da questa premessa nata l'idea di creare in classe un piccolo libro di poesie e filastrocche, su temi determinati, corredato di esercizi ideati dai bambini stessi, destinato ad essere pubblicato sul web e letto da altri bambini... da Il libro mosso. Laboratorio di scrittura creativa per le classi seconde: http://www.latecadidattica.it/libromosso/libromosso.htm

SCHEDA

DEL

PROGETTO : LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA

ISTITUTO: Scuola secondaria di primo grado Saverio Griffini(Casalpusterlengo in provincia di Lodi) FINALITA FORMATIVE: motivazione e curiosit per la scrittura intesa come pratica comunicativa che favorisce lo sviluppo delle capacit espressive e creative; consolidare la competenza ortografica attraverso pratiche testuali non necessariamente mirate alladdestramento AREA: Formazione e Cultura NUCLEO TRASVERSALE: Comunicazione e Linguaggio COMPETENZE osservate e verificate: COMUNICARE, PROGETTARE, IMPARARE AD IMPARARE, COLLABORARE E PARTECIPARE OBIETTIVI Obiettivi formativi : - stimolare negli alunni modalit di pensiero divergente - far emergere negli alunni i processi sociali che sono sottesi alla pratica cooperativa e collettiva della scrittura Obiettivi cognitivi: - comprendere le caratteristiche del codice lingua: flessibilit, ricchezza, economicit, creativit - applicare le procedure di manipolazione del testo - applicare le procedure generative di un testo narrativo - applicare le procedure per elaborare un testo multimediale e digitale PERCORSO DIDATTICO ATTUATO Tipologia dellorganizzazione: laboratorio di interclasse; gruppi misti a turnazione Destinatari: alunni delle classi 1^C e 2^C Insegnanti coinvolti: proff. di Lettere delle classi coinvolte Collocazione temporale nell'anno scolastico: da Gennaio a Maggio 2013 Articolazione temporale: 1 ora curricolare nellora di Lettere (Narrativa) 1 ora di Compresenza (venerd 4^ora Let/Mat) LABORATORI: classe dotata di L.I.M e laboratorio di informatica MODALITA DI COMUNICAZIONE: a. sintopica/sincrona tramite lezioni in presenza in cui gli alunni apprendono gli oggetti dell'apprendimento o svolgono attivit on line anche in modo autonomo; b.asintopica/asincrona ossia la possibilit di utilizzare la posta elettronica e di condividere i documenti prodotti attraverso l'utilizzo del social learning platform Edmodo. COMPITO OPERATIVO: a. scrivere i propri profili di scrittura e di scrittore; elaborare il decalogo dello scrittore s-creativo; b. trattare e allestire tipograficamente testi e immagini per la pubblicazione on line PRODOTTO FINALE: realizzazione e pubblicazione di book cartacei e di book digitali. STRUMENTI e SUPPORTI INFORMATICI: l.I.M ; software in Ambiente Window: Publisher, Word, Power Point , Screenpresso, Issuu, fotocopiatrice, scanner CRITERI E MODALITA DI VALUTAZIONE: L' obiettivo raccogliere informazioni sulle competenze raggiunte dagli alunni durante e al compimento del percorso formativo per evidenziare i progressi o gli eventuali problemi 9

incontrati. In particolare nel processo di valutazione si terr conto della valutazione (autovalutazione) in itinere finalizzata a verificare l'acquisizione degli apprendimenti individuali e del workgroup; una valutazione sommativa, mirata a verificare il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento dell'intero percorso. LE ATTIVITA

1) Per cominciare: visione di alcune lezioni del video corso di narrazione Inventare e raccontare storie, realizzato da Giulio Mozzi per l'Istituto per la sperimentazione didattica ed educativa della Provincia di Trento (Iprase, http://www.iprase.tn.it ), nell'ambito del progetto "Scuola d'Autore". 2)Formazione dei gruppi di lavoro e discussione sui nuclei focali del video-corso seguita dalla condivisione delle risultanze.

2)Formazione dei gruppi di lavoro e discussione sui nuclei focali del video-corso seguita dalla condivisione delle risultanze. 3)Brainstorming sul focus Scrivere e navigazione sulle mappe realizzate. 4)Scrittura individuale e collettiva di giochi linguistici: pre-testi, anagrammi, inventari, calligrammi, acrostici, mesostici, calembour, scarti , definizioni impossibili. 5)Scrittura collettiva di testi: completamento dialoghi, riscrittura di testi (esercizi di stile di Queneau), testi alla rovescia, antidescrizioni alla Perec 6) Apprendimento in situazione dei tool (o di alcune funzioni mirate) Publisher, Issuu, Screenpresso; GIMP; 7) Scrittura individuale e collettiva dei testi: 1. La Compagnia delle penne screative (presentazione degli scrittori del laboratorio e dei profili di scrittura ); 2. Guida screativa (consigli di scrittura per chi desidera scrivere); 3. Giochi linguistici; 4. Registri linguistici alla Queneau 10

8) Elaborazione dei testi (book) e pubblicazione on line degli con il tool ISSUU

11

http://issuu.com/kiramelie/docs/1c2cguidascritturascreativa

12

La finalit guida, quella di motivare al piacere della scrittura come pratica comunicativa che favorisce lo sviluppo delle capacit espressive, stata pienamente raggiunta. Partendo da semplici giochi linguistici atti a stimolare l'immaginazione e la creativit, gli alunni hanno elaborato testi pi complessi (identikit, ritratti di personaggi, decaloghi, registri linguistici su un tema) che, pur privilegiando la libert creativa degli autori, hanno innescato in fase di revisione e di stesura la riflessione sulle procedure di pianificazione testuale, apprese nelle ore curricolari. La lettura di opere di autori cosiddetti creativi (Dahal, Piumini, Orengo, Queneau, Barrie, Perrac ) dai quali i ragazzi hanno tratto ispirazione ha guidato il lavoro favorendo un processo di imitazione "originale. E' stato poi simulato il lavoro di una vera e propria casa editrice. A gruppi o individualmente gli alunni hanno a turno ricoperto diversi ruoli (dal writer al rilegatore) apprendendo i processi fondamentali legati alla trasformazione di un testo in un libro finito. I risultati nell'area comportamentale sono stati lacquisizione di responsabilit nei confronti del gruppo, la partecipazione pi attiva e motivata derivata dalla consapevolezza di essere parte importante in un progetto, la valorizzazione del lavoro di gruppo, l'emergenza di ruoli e di attitudini individuali. Nellarea cognitiva, risultati confortanti sono stati il potenziamento delle capacit comunicative attraverso la manipolazione della parola, della frase enunciato e del testo. L'attivit ha prodotto risultati considerevoli, anche se gli obiettivi non erano prioritari, nel recupero della competenza ortografica, una competenza che stata consolidata attraverso pratiche testuali non necessariamente mirate alladdestramento.

13