Sei sulla pagina 1di 2

PSICOLOGIA GENERALE 17 OTTOBRE 2012

LA TEORIA DELLAPPRENDIMENTO MECCANICO DI HULL (1884-1952) La storia del comportamentismo si chiude negli anni 50. Si cominciano a percepire i primi problemi della storia del comportamentismo. Le diatribe che la coinvolgono si risolvono sul campo dellesperimento. Hull era uno psicologo di formazione: era un ingegnere. Si ha un primo tentativo sistematico di costruire una psicologia matematica. I requisiti per costruire un sistema quantitativodeduttivo sono: 1. Contenere un numero finito di postulati; 2. Postulati che vengono definiti con un lavoro di osservazione empirica di processi molto generali; 3. Lo scopo dei postulati di porre in relazione delle variabili indipendenti a delle variabili dipendenti considerando ange lazione delle variabili interferenti. 4. I teoremi possono essere enunciati sulla base di verifica sperimentale dei comportamenti ipotizzati a partire dai postulati. Hull voleva descrivere i fenomeni psichici con il linguaggio matematico, ma la natura umana sfugge per natura alle regole matematiche. Hull era comunque un comportamentista, voleva costruire una scienza psicologica. La psicologia di Hull di tipo modernistico (vedi punto 3). H. ha unimportanza storica, ma molto settoriale. Gli stimoli per H. non sono solo quelli che provengono dallambiente. Cerca di descrivere tutte le variabili come una serie di input quantitativi, cercando di prevedere il comportamento tramite le categorie dellampiezza, della velocit e della resistenza allestinzione. Il tentativo di H. stato quello di costruire modelli matematici di connessione fra input di diverso tipo. H. introduce per la prima volta delle variabili intermedie, ipotetiche, che possono essere dedotte dai comportamenti: il manifesto del puro comportamentismo inizia a cadere, poich H. mette in luce empiricamente che non possibile costruire una spiegazione del comportamento se non inserendo delle variabili intermedie.

Il lavoro di H. si evoluto nel tentativo di creazione di unintelligenza artificiale, robotica, e nel tentativo di costruire una realt artificiale. TOLMAN: LULTIMO COMPORTAMENTISTA ED IL PRIMO COGNITIVISTA Tolman potrebbe essere definito come il bambino ribelle della psicologia. Secondo Tolman lapprendimento non una serie di collegamenti fra stimoli e risposte, e definisce il COMPORTAMENTO MOLARE (in cui il soggetto attivo). Il comportamento secondo Tolman ha fondamento teleologico, cio ha una meta, un fine. Il comportamento fa frequentemente uso dei sostegni ambientali per raggiungere la sua meta. Esiste una preferenza di scelta per le attivit facili rispetto a quelle lunghe o difficili (la legge del minimo sforzo). Un topo posto in un labirinto sceglier sempre senza errori la strada pi breve per raggiungere il cibo, e questo dimostrer che il topo costruisce una propria rappresentazione dellambiente (una mappa cognitiva). Tolman era un eclettico, e per questo fu spesso molto criticato: ma lo psicologo deve essere flessibile.