Sei sulla pagina 1di 2

Hai un rapporto di disagio nei confronti del tuo corpo?

ALLORA CHE FARE?


PERCORSI MULTIDISCIPLINARI (dietista e psicologa) A CARATTERE MOTIVAZIONALE, PSICOEDUCATIVO E TERAPEUTICO PER LA GESTIONE DEL PESO CORPOREO. COME STRUTTURATO IL PERCORSO
PASSO 1: COLLOQUI DI INQUADRAMENTO DIAGNOSTCO

Non c nulla di immutabile, tranne lesigenza di cambiare Eraclito


Per informazioni
E-MAIL:

Ti capita di guardarti allo specchio e non riconoscerti? Le forme del tuo corpo ti fanno sentire a disagio nel rapporto con gli altri? La tua alimentazione ti sembra sia condizionata dal tuo stato emotivo? Nellultimo periodo ti capitato di sentirti spesso triste e aver voglia di piangere? Hai momenti in cui ti sembra di non riuscire a controllare lassunzione di cibo? Hai fatto diversi tentativi per calare di peso ma non hai ottenuto risultati stabili nel tempo?

mioequilibrio@gmail.com
SITO INTERNET:

Con la dietista: raccolta anamnesi (storia del peso, anamnesi alimentare, pregressi trattamenti, presenza di patologie mediche correlate etc.) Con la psicologa: analisi del quadro psicologico connesso allatteggiamento alimentare e valutazione del profilo motivazionale.
PASSO 2: INCONTRO DI RESTITUZIONE

http:// mioequilibrio.weebly.com Dott.ssa Eleonora Roncarati Dietista 333.5890692 Dott.ssa Antonia Bolognesi PsicologaSpecialista in Psicoterapia 347.3955578

di quanto emerso dagli incontri di inquadramento e valutazione delle opzioni di trattamen-

to.
PASSO 3: PERCORSO TERAPEUTICO INDIVIDUALE O IN GRUPPO

Il ciclo vitale femminile caratterizzato da alcune fasi delicate per lequilibrio psicofisico; ladolescenza, la gravidanza, il post-partum e la menopausa sono momenti di passaggio che possono legarsi a condizioni di disagio psichico e fisico, transitorie o permanenti. In queste fasi pu capitare di provare vissuti di disagio e insoddisfazione corporea che possono arrivare a compromettere lequilibrio e la qualit di vita personale. Un intenso disagio corporeo pu favorire lo sviluppo e il mantenimento di atteggiamenti alimentari alterati che spesso sono alla base di problemi di peso. Questi atteggiamenti alterati possono andare da disordini a veri e propri Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), come il Disturbo da Alimentazione Incontrollata.

Che cos il Disturbo da Alimentazione Incontrollata ?


E caratterizzato dalla presenza di ricorrenti abbuffate nelle quali si tende a mangiare molto di pi di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe in circostanze simili, fino a sentirsi spiacevolmente pieni, senza riuscire a fermarsi e senza gustare il cibo. Dopo lepisodio vi sono spesso sensazioni di vergogna e di colpa. E molto diffuso tra la popolazione generale ma viene sottovalutato dai pazienti che lo confondono con lincapacit di stare a dieta per cui spesso non si rivolgono allo specialista. Questo disturbo spesso si associa a problemi di sovrappeso o obesit.

Diverse possono essere le ancore psicologiche che nel corso del ciclo vitale femminile possono ostacolare ladesione ad un regime alimentare equilibrato e ad uno stile di vita attivo favorendo linsorgere e il mantenimento di problemi di peso: Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata Ricorrere al cibo in risposta a particolari emozioni quali ad esempio rabbia, ansia o tristezza (alimentazione emotiva) spiluccando in continuazione piccole quantit di cibo o avere vere e proprie abbuffate. Avere un umore depresso Avere un intenso disagio corporeo Per ottenere RISULTATI STABILI lintervento terapeutico deve focalizzarsi anche su queste ancore psicologiche integrando le professionalit del dietista e dello psicologo.

E importante riconoscere al pi presto i segnali di disagio per poterli affrontare e risolvere chiedendo aiuto a personale qualificato.

Se affrontato con una adeguata terapia integrata ( supporto psicologico e dietoterapeutico) il Disturbo da Alimentazione Incontrollata pu risolversi nella maggior parte dei casi.