Sei sulla pagina 1di 4

Universit`a di Torino

Corso di Laurea in Matematica,


Corso di Analisi 4
Convergenza puntuale serie di Fourier
Denizione 1. Data f : R C, periodica di periodo a, diciamo che f `e
regolare a tratti, indichiamo f R
pw
(a), se:
1. f `e continua su [0, a), salvo al pi` u un numero nito di punti;
2. f `e derivabile su [0, a), salvo al pi` u un numero nito di punti;
3. la derivata di f dove esiste `e continua e limitata.
f regolare a tratti `e continua a tratti, ossia continua salvo un numero nito di
punti in cui per`o esistono niti limite destro e sinistro, si scrive f C
pw
(a).
Indichiamo per t
0
R: f(t
+
0
) = lim
tt
+
0
f(t), f(t

0
) = lim
tt

0
f(t).
Ricordiamo che per f periodica continua a tratti si pu`o costruire il polinomio
di Fourier di generico grado N N: f
N
(t) =
N

n=N
c
n
e
2in
t
a
,
dove c
n
=
1
a
_
a
0
f(x)e
2in
x
a
dx `e il generico coeciente di Fourier.
Lemma 1 (di Riemann-Lebesgue). Data f periodica di periodo a, f con-
tinua su [0, a) salvo al pi` u un numero nito di punti, f limitata, si ha:
lim
n
_
a
0
f(x)e
2in
x
a
dx = 0 ;
lim
n+
_
a
0
f(x) sin(2n
x
a
) dx = 0; lim
n+
_
a
0
f(x) cos(2n
x
a
) dx = 0 .
Sotto le ipotesi del Lemma di Riemann-Lebesgue otteniamo che per ogni
m intero positivo: lim
n
_
a/m
0
f(x)e
2in
x
a
dx = 0 (Lo stesso vale per gli
integrali in seno e coseno).
Teorema 1 (di Dirichlet). Data f R
pw
(a), per ogni t
0
R si ha:
lim
N
f
N
(t
0
) =
1
2
[f(t
+
0
) + f(t

0
)].
Se inoltre f `e continua in t
0
allora lim
N
f
N
(t
0
) = f(t
0
)
Procedimento dimostrativo:
cercare di esprimere f
N
(t
0
)
1
2
[f(t
+
0
) + f(t

0
)] nella forma
_
a/m
0
(x) sin((2N + 1)
x
a
) dx;
vericare che (x) `e limitata;
applicare il Lemma di Riemann-Lebesgue.
Lemma 2. Dati N N, y R si ha:
N

n=N
e
2iny
=
sin[(2N + 1)y]
sin y
. (1)
Proof. Verichiamo per induzione:
1. per N=0 luguaglianza (1) `e ovviamente vericata;
2. assunta vera per N1 luguaglianza (1), e applicando opportunamente
la formule goniometriche di somma si ha:

N
n=N
e
2iny
=

N1
n=N+1
e
2iny
+ e
2iNy
+ e
2iNy
=
sin[(2N1)y]+2 cos(2Ny) sin y
sin y
=
sin(2Ny) cos y+cos(2Ny) sin y
sin y
=
sin[(2N+1)y]
sin y
.
Diciamo nucleo di Dirichlet: D
N
(x) =
sin[(2N+1)
x
a
]
sin(
x
a
)
Lemma 3. Per ogni N N il nucleo di Dirichlet D
N
(x) `e una funzione a
valori reali, pari, periodica di periodo a.
Proof. Poiche
sin[(2N + 1)(y + )]
sin(y + )
=
sin[(2N + 1)y + ]
sin(y + )
=
sin[(2N + 1)y]
sin y
,
sin[(2N+1)y]
sin y
ha periodo , dunque D
N
(x) ha periodo a. La parit`a di D
N
(x)
`e ovvia.
Lemma 4. Data f C
pw
(a), ssato t
0
R si ha:
f
N
(t
0
) =
1
a
_
a/2
0
[f(t
0
+ x) + f(t
0
x)]D
N
(x) dx. (2)
Proof. Considerando c
n
=
1
a
_
a/2
a/2
f(x)e
2ix
x
a
dx
, possiamo esplicitare:
f
N
(t
0
) =
1
a
N

n=N
_
a/2
a/2
f(x)e
2in
x
a
e
2in
t
0
a
dx
=
1
a
N

n=N
_
a/2
a/2
f(x)e
2in
t
0
x
a
dx
=
1
a
_
a/2
a/2
f(x)
N

n=N
e
2in
t
0
x
a
dx
Utilizzando il Lemma 2 e il Lemma 3 si ottiene:
f
N
(t
0
) =
1
a
_
a/2
a/2
f(x)
sin (2N + 1)
xt
0
a
sin
xt
0
a
dx =
1
a
_
a/2
a/2
f(x)D
N
(x t
0
) dx.
Eettuando il cambio di variabile x x t
0
, e utilizzando nuovamente il
Lemma 3, otteniamo:
f
N
(t
0
) =
1
a
_
a
2
t
0

a
2
t
0
f(x + t
0
)D
N
(x) dx =
1
a
_
a/2
a/2
f(x + t
0
)D
N
(x) dx
=
1
a
_
0
a/2
f(x + t
0
)D
N
(x) dx +
1
a
_
a/2
0
f(x + t
0
)D
N
(x) dx
=
1
a
_
0
a/2
f(t
0
x)D
N
(x) dx +
1
a
_
a/2
0
f(t
0
+ x)D
N
(x) dx
=
1
a
_
a/2
0
[f(t
0
+ x) + f(t
0
x)] D
N
(x) dx.
Lemma 5. Data f C
pw
(a), t
0
R, posto y
0
=
1
2
_
f(t
+
0
) + f(t

0
))
_
, si ha:
f
N
(t
0
) y
0
=
1
a
_
a/2
0
_
f(t
0
+ x) f(t

0
) + f(t
0
x) f(t

0
))

D
N
(x) dx.
Proof. Per introdurre in (2) il termine y
0
=
1
2
_
f(t
+
0
) + f(t

0
)
_
, cerchiamo di
esprimere anchesso in termini di integrale: y
0
=
_
a/2
0
. . . D
N
(x) dx.
A tale scopo osserviamo che la funzione g(t) 1 ammette i coecienti di
Fourier
c
n
=
1
a
_
a
0
e
2in
x
a
dx =
1
2
_
2
0
e
iny
dy =
_
0 n = 0
1 n = 0
,
da cui per ogni N N si ha polinomio di Fourier g
N
(t) 1. Applicando
allora (2) per g 1 si ottiene:
1 = g
N
(t
0
) =
1
a
_
a/2
0
[g(t
0
+ x) + g(t
0
x)]D
N
(x) dx =
2
a
_
a/2
0
D
N
(x) dx.
Osservato che per ogni N N,
1
a
_
a/2
0
D
N
(x) dx =
1
2
si ha:
y
0
=
1
2
_
f(t
+
0
) + f(t

0
)
_
=
1
a
_
a/2
0
_
f(t
+
0
) + f(t

0
)
_
D
N
(x) dx
e concludiamo
f
N
(t
0
) y
0
=
1
a
_
a/2
0
_
f(t
0
+ x) f(t
+
0
) + f(t
0
x) f(t

0
)

D
N
(x) dx.
Dimostrazione del Teorema di Dirichlet. Utilizzando le notazioni ed i risul-
tati del Lemma 5 possiamo scrivere:
f
N
(t
0
)y
0
=
1
a
_
a/2
0
f(t
0
+ x) f(t
+
0
) + f(t
0
x) f(t

0
)
sin

a
x
sin(2N+1)
x
a
dx.
Poniamo
(x) =
f(t
0
+ x) f(t
+
0
) + f(t
0
x) f(t

0
)
sin

a
x
.
Grazie al Teorema di Riemann Lebesgue, sar`a suciente vericare che (x)
sia limitata in (0,
a
2
) per concludere che lim
N
f
N
(t
0
) y
0
= 0.
Poiche f `e limitata e sin

a
x = 0 su (0,
a
2
) baster`a vericare che (x) sia
limitata in un opportuno intorno destro di 0.
Consideriamo su [0,
a
2
]:
F(x) =
_
f(t
0
+ x) f(t
+
0
) + f(t
0
x) f(t

0
) x = 0
0 x = 0;
G(x) = sin
x
a
, x = 0, G(0) = 0 .
Osserviamo che F(x) `e derivabile su [0,
a
2
] salvo al pi` u un numero nito di
punti
j
tali che t
0

j
= t
j
, dove t
j
, j = 1, . . . k, sono i punti di non
derivabilit`a di f(t). Possiamo allora considerare 0 < r <
a
2
in modo che, per
ogni j = 1, . . . , k, t
j
/ [t
0
r, t
0
) (t
0
, t
0
+ r]. Dunque F(x) e G(x) sono
continue su [0, r], derivabili su (0, r) e G

(x) =

a
cos
x
a
= 0 per x [0, r].
Allora per il Teorema di Cauchy possiamo determinare un valore (0, r)
tale che:
(x) =
F(x) F(0)
G(x) G(0)
=
F

()
G

()
=
f

(t
0
+ ) + f

(t
0
)

a
cos

a

.
Poiche per ipotesi f

(t) (ove esiste) `e limitata e cos



a
= 0 in [0, r], otteniamo
(x) limitata su (0, r) e concludiamo la dismostrazione.