Sei sulla pagina 1di 55

Linee-guida per gli impianti di depurazione di acque reflue

Applicazione di sistemi di gestione ambientale secondo la norma ISO 14001: 1996 agli impianti di depurazione di acque reflue

Collana no. 11
Revisione 0 del 31.07.2003
In Internet potete trovare lattualizzazione delle linee-guida. www.provincia.bz.it/agenzia-ambiente

Agenzia provinciale per la protezione dellambiente e la tutela del lavoro Provincia Autonoma di Bolzano

Linee-guida per gli impianti di depurazione di acque reflue


Applicazione di sistemi di gestione ambientale secondo la norma ISO 14001: 1996 agli impianti di depurazione di acque reflue

Collana no. 11
Revisione 0 del 31.07.2003 In Internet potete trovare lattualizzazione delle linee-guida. www.provincia.bz.it/agenzia-ambiente

Agenzia provinciale per la protezione dellambiente e la tutela del lavoro Provincia Autonoma di Bolzano

IMPRESSUM IMPRESSUM
Editore: Agenzia Provinciale per la protezione dellambiente e la tutela del lavoro Provincia Autonoma di Bolzano via Amba Alagi 5 - 39100 Bolzano dott.ssa Debora Predenz, dott. Luca Pandini - Bolzano dott.ssa Debora Predenz Agenzia Provinciale per la protezione dellambiente e la tutela del lavoro via Amba Alagi 35 - 39100 Bolzano 0471 - 41 18 17 debora.predenz@provincia.bz.it Nova Grafica - Bolzano Nova Grafica - Bolzano luglio 2003 Revisione 0 del 31.07.2003

Autori:

Indirizzo di riferimento:

Telefono: E-Mail: Progetto grafico: Stampa: Data di stampa:

PREMESSA
Il crescente interesse, al livello internazionale, della certificazione ambientale, dimostra il successo dellapproccio alla tutela dellambiente cos come proposto dalle norme ISO 14001, nei pi variegati e diversi settori economici e produttivi. Un sistema di gestione ambientale propone, infatti, risposte e strumenti adeguati per realizzare la propria cultura ambientale, in equilibrio con le proprie finalit economico-produttive. Il compito di unistituzione pubblica consiste anche nel supportare e nel sensibilizzare la cultura ambientale e il rispetto per lambiente. Queste linee guida sono state scritte per sollecitare enti pubblici e privati operanti in impianti di depurazione di acque reflue a introdurre in modo semplice e corretto un Sistema di gestione Ambientale. Tale sistema deve permettere di valutare e gestire tutti gli aspetti e gli impatti ambientali di un impianto di depurazione e delle sue attivit, nonch garantire il rispetto delle prescrizioni e degli adempimenti previsti dalla legislazione. Un impianto di depurazione eco-efficiente deve valorizzare allesterno il proprio impegno ambientale mediante il coinvolgimento della comunit locale. Lutilizzo della certificazione ISO 14001 permette di accrescere laffidabilit della gestione dellimpianto, di salvaguardare la salute e lambiente dei cittadini. La maggior parte delle acque reflue in Alto Adige confluiscono nei relativi impianti di depurazione. In futuro lo scopo sar di mantenere la qualit della depurazione delle acque e, ove necessario tale qualit dovr essere miglioriata. Limplementazione di un sistema di gestione ambientale lo strumento adatto per soddisfare tale scopo. Con questa pubblicazione, si intende fornire agli impianti di depurazione di acqua reflue linee guida pratiche ed operative per la realizzazione di un Sistema di gestione Ambientale semplificato e certificabile. Sono fermamente convinto che queste linee guida, il cui contenuto stato adottato e messo in pratica nellimpianto di depurazione di acque reflue di Bolzano, offrano agli impianti di depurazione un buon supporto per lintroduzione di Sistemi di gestione Ambientali e quindi servizi compatibili con lambiente.

dott. Michl Laimer

Assessore allambiente, energia, urbanistica ed informatica

SOMMARIO
0
0.1

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

1
1.1 1.2 1.3 1.4

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Scopo e struttura delle linee guida . . . . . . . . . . . . Cosa il Sistema di gestione Ambientale (SGA) ? Cosa significa applicare un SGA . . . . . . . . . . . . . I vantaggi dellapplicazione del SGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 6 8 9

2
2.1 2.2 2.3 2.3.1 2.3.2 2.3.3

Impegno e Politica Ambientale

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

Il ruolo dellalta direzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 La Politica Ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 LAnalisi Ambientale Iniziale (AAI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Il pre-audit ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Identificazione delle prescrizioni legislative applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Lanalisi input-output ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

3
3.1 3.2 3.3 3.4

La pianificazione del SGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15


La valutazione degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS) Le prescrizioni legali applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Obiettivi e traguardi ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I programmi ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 . . . . 21 . . . . 24 . . . . 25

4
4.1 4.1.1 4.1.2 4.1.3 4.2 4.3 4.3.1 4.3.2 4.3.3 4.4 4.4.1 4.4.2 4.4.3 4.4.4 4.5
4

La realizzazione e il funzionamento del SGA . . . . . . . . . 27


Come procurarsi le competenze ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 La struttura organizzativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 Obblighi e responsabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Motivazione, consapevolezza, competenza e formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 La comunicazione interna ed esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 La gestione della documentazione del SGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Struttura standard dei documenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Numerazione dei documenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Responsabilit per la gestione dei documenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Il controllo operativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 La gestione dellimpianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La gestione delle sostanze utilizzate nellimpianto di depurazione La gestione dei rifiuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Acquisti e fornitori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............. ............. ............. ............. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 37 38 39

Le emergenze ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

SOMMARIO
5
5.1 5.1.1 5.2 5.3 5.4 5.5

Misurazioni e valutazioni del SGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


Misurare e sorvegliare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Indicatori ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 La gestione delle Non Conformit . . . . Azioni correttive e preventive . . . . . . . . La gestione delle registrazioni del SGA Laudit ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 44 45 46

6
6.1 6.2

Il riesame e il miglioramento del SGA

. . . . . . . . . . . . . . . 48

Il riesame del SGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Il miglioramento continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

Allegati
Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo Modulo 1: 2: 3: 4: 5 6: 7a: 7b: 8: 9a: 9b: 10: 11: 12: 13: 14: 15: 16: 17: 18: 19: 20: 21: 22: Politica ambientale Check list audit sul posto Analisi input/output Matrice degli Aspetti Ambientali Significativi Registro leggi ambientali Registro autorizzazioni Programma ambientale Programma ambientale Organigramma Matrice delle responsabilit Mansionario Programma di formazione Registrazione della formazione Rapporto di non conformit Gestione della documentazione Programma di manutenzione, controllo e sorveglianza Catasto delle sostanze Piano gestione rifiuti Piano delle emergenze Programma di monitoraggio Archiviazione delle registrazioni Programma di audit Rapporto di audit Riesame della Direzione
5

1 INTRODUZIONE INTRODUZIONE
1 Introduzione

1.1 Scopo e struttura delle linee guida


Lo scopo delle seguenti linee-guida quello di fornire agli impianti di depurazione di acque reflue, istruzioni operative, molto pratiche e concrete, per lintroduzione di un sistema di gestione ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001:1996. Lo smaltimento indenne delle acque reflue comunali, industriali e commerciali, ecc. un punto fondamentale nella tutela delle acque reflue. La gestione di tali acque senza dubbio un tema centrale della politica ambientale del nostro paese. Linteresse della gestione della tutela delle acque non riguarda soltanto i gestori degli impianti di depurazione ma soprattutto la popolazione in generale. Tramite limplementazione di un sistema di gestione ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001 si assicura un miglioramento continuo nella qualit delle acque e di conseguenza una gestione di ottimizzazione dellimpianto nel suo complesso. Utilizzando la documentazione consigliata di seguito, si potr raggiungere la certificazione ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001:1996 del proprio impianto di depurazione. Per semplificare lapplicazione pratica da parte del lettore le linee-guida sono suddivise in due parti. Nella prima parte sono spiegati in dettaglio, con numerosi esempi, i requisiti, sia operativi che documentali, da rispettare per raggiungere la certificazione ambientale. Si ricorda che la struttura di questa sezione riprende i capitoli e paragrafi delle norma UNI ISO 14004:1997 Sistemi di gestione ambientale. Linee guida generali su principi, sistemi e tecniche di supporto. Questa scelta dettata dal processo pi chiaro e pratico proposto dalla norma UNI ISO 14004 rispetto alla norma UNI EN ISO 14001, la quale indirizzata in particolar modo alla certificazione ambientale fine a se stessa. Ricordiamo che lo scopo di queste linee guida quello di semplificare limplementazione di un sistema di gestione ambientale idoneo ad essere certificato. La seconda parte consta esclusivamente di moduli da utilizzare che rappresentano la documentazione semplificata necessaria per raggiungere la certificazione. Questi documenti sono di facile utilizzo, dato che sono stati realizzati sulla base dellesperienza di una certificazione ambientale di un impianto di depurazione.

1.2 Che cosa il Sistema di gestione Ambientale (SGA) ?


Le organizzazioni di ogni tipo sono sempre pi impegnate a raggiungere e a dimostrare un buon livello di comportamento nei confronti dellambiente. Questi comportamenti, peraltro, si inseriscono in un contesto economico-sociale sempre pi articolato: legislativo, politico-economico (in prima linea la necessit di perseguire lo sviluppo sostenibile), sociale (la crescente attenzione della societ alle problematiche ambientali). Unorganizzazione pu effettivamente inserirsi in questo scenario solamente se: controlla limpatto delle proprie attivit, prodotti e servizi adotta una politica ambientale si pone degli obiettivi di salvaguardia ambientale Per essere efficaci, le attivit di tutela ambientale devono essere realizzate nel quadro di un sistema di gestione, correttamente strutturato e integrato con il resto dellorganizzazione. Affrontare tramite un sistema di gestione gli aspetti ambientali delle proprie attivit ha un grande vantaggio per limpianto di depurazione: utilizzare strumenti di gestione gi conosciuti e comunque affini ai pi diffusi ed efficaci strumenti di conduzione dimpresa. In ambito ambientale, in aiuto alle organizzazioni, sono state emanate una serie di norme internazionali orientate alla definizione dei Sistemi di gestione Ambientali (SGA), le ISO della serie 14000 (riprese dalle UNI EN 14000).
6

1 INTRODUZIONE
Esse hanno lo scopo ben preciso di: individuare i principi per unefficace gestione ambientale aiutare ad individuare e perseguire gli obiettivi ambientali integrare la gestione ambientale con le altre esigenze di gestione dellorganizzazione Il termine ISO deriva dal greco iso che significa standard: lISO lorganizzazione internazionale che uniforma a livello mondiale le norme tecniche, pertanto definisce una standardizzazione delle normative di riferimento a livello internazionale. A livello europeo, le norme sono recepite dal CEN (Comitato Europeo di Normazione, che aggiunge lacronimo EN - European Standard) ed a livello italiano dallUNI (Ente Nazionale di Unificazione). Quindi, la norma UNI EN ISO 14001:1996 definisce uno standard a livello internazionale per la corretta applicazione di un Sistema di gestione Ambientale. Come tale, essa costituisce il riferimento normativo per leventuale certificazione del SGA. Le altre norme della serie ISO 14000 (14004, 14050, ecc.) sono di supporto alla norma di riferimento principale, che resta lISO 14001: sarebbe buona norma, per coloro che intendono applicare sistemi di gestione ambientale conoscere anche le altre norme della serie 14000. Il SGA si caratterizza per la propria volontariet: nessuna azienda, ne tantomeno impianti di depurazione, obbligato ad introdurre e applicare i requisiti normativi della norma ISO 14001. Sono sostanzialmente una libera scelta anche le modalit con cui unorganizzazione persegue i propri obiettivi ambientali, ma con una precisa raccomandazione: le modalit scelte da un impianto di depurazione devono essere in sintonia e rispettare i tre obiettivi dellapproccio ambientale proposto dalle norme ISO 14001:1996: il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali la prevenzione dellinquinamento il rispetto degli obblighi legislativi in campo ambientale

Per spiegare in concreto cosa un Sistema di gestione Ambientale, proponiamo lo schema inserito nella stessa norma ISO 14001:1996:

Miglioramento continuo

Impegno e politica ambientale Riesame e miglioramento del SGA Pianificazione Misurazione e valutazione del SGA

Realizzazione e funzionamento

Il miglioramento continuo del SGA e delle prestazioni ambientali, tra cui la riduzione dellinquinamento e il costante rispetto delle norme cogenti, si persegue adottando un ciclo di pianificazione, realizzazione e verifica. Il primo passo per limpianto di depurazione definire il proprio impegno in ambito ambientale. Per fare ci, si analizzano e valutano i propri aspetti ambientali significativi, in funzione degli adempimenti previsti dalla legislazione ambientale vigente ed in funzione della capacit di controllo degli impatti ambientali delle proprie attivit (per esempio emissioni in atmosfera, contaminazione del suolo, presenza di sostanze pericolose, ecc.). Si determinano, in sostanza, i punti deboli e i problemi di natura ambientale delle proprie attivit, dei prodotti e dei servizi erogati. Formalizzare limpegno ambientale (tramite la cosiddetta Politica Ambientale) significa definire i principi e
7

1 INTRODUZIONE INTRODUZIONE
le intenzioni in ambito ambientale, in funzione dei propri punti deboli, del contesto in cui lorganizzazione opera (per esempio il territorio, lambiente sociale), della tecnologia e delle risorse a disposizione, naturalmente dei vincoli legislativi esistenti. La Politica fornisce in conclusione - lo schema di riferimento per la definizione di obiettivi e traguardi ambientali. Dallimpegno (Politica) scaturisce la pianificazione: individuazione di obiettivi e traguardi concreti e misurabili, individuazione dei cosiddetti programmi di gestione ambientali (definizione di responsabilit, tempi e risorse). Al fine di rendere efficace la pianificazione, devono essere definite e coordinate tutte le attivit con impatto ambientale, le collegate responsabilit, le risorse necessarie per la realizzazione dei programmi. In pratica si realizza e si fa funzionare il proprio SGA: un ruolo molto importante ricoperto dallaccrescimento se necessario - del livello di competenza ambientale dei collaboratori. Lultimo passo consiste nel misurare e valutare lefficienza e lefficacia del SGA e dei programmi ambientali, in funzione degli obiettivi e dellimpegno verso lambiente; ne consegue, che solamente il riesame definitivo di tutto il SGA permette di individuare le necessit di miglioramento, gli scostamenti dai propri principi ambientali, nuovi punti deboli. Sulla base di questa fase ricomincia il ciclo di pianificazione (e si concretizza il principio cardine dei SGA: il miglioramento continuo).

1.3 Cosa significa applicare un SGA


E necessario, per coloro che intendono applicare un SGA, essere consapevoli della portata di una siffatta scelta. Questo vale anche per il settore specifico degli impianti di depurazione. Perseguire un approccio di carattere ambientale significa essere consapevoli di: intraprendere una strada senza ritorno confrontarsi apertamente con la normativa ambientale e i relativi vincoli affrontare eventuali investimenti tecnici o strutturali non preventivati impegnarsi ad accrescere la competenza e sensibilit ambientale dei propri collaboratori aprire lorganizzazione a tutte gli eventuali stakeholder (parti interessate): istituzioni, mass media, associazioni ambientalistiche, clienti, cittadini, fornitori un impegno continuo al miglioramento delle prestazioni ambientali E una strada senza ritorno: opportuno che un impianto di depurazione che decide, applica e mantiene un SGA integri lapproccio di carattere ambientale allinterno della gestione aziendale, modificando definitivamente la propria struttura organizzativa e produttiva. La normativa ambientale ampia e in continua evoluzione; pretende da parte dellorganizzazione continue verifiche e lacquisizione di competenze specifiche. Gli investimenti tecnici, strutturali oppure procedurali necessarie per realizzare un efficace SGA possono essere di lunga durata e impegnativi. Il ritorno economico dellinvestimento ambientale non da disdegnare (per esempio la riduzione delle risorse, i risparmi energetici, ecc.) e come tale pretende una attenta valutazione economico-finanziaria. I processi di controllo ambientale e di miglioramento delle prestazioni ambientali devono essere svolti da operatori competenti e attenti agli impatti ambientali di prodotti e procedure: significa elevare le capacit di non pochi collaboratori. Le norme della serie ISO 14000 prevedono un atteggiamento di trasparenza verso lesterno dellorganizzazione, procedure di comunicazione e di trattamento attivo e non passivo degli input provenienti dai cosiddetti stakeholders (parti interessate).

1 INTRODUZIONE
Infine, il vincolo al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali non permette allimpianto di depurazione di sedersi sugli allori di una certificazione e neppure di trascurare le modifiche ambientali derivanti dai propri cambiamenti produttivi e dagli sviluppi tecnologici.

1.4 I vantaggi dellapplicazione del SGA


Per rispondere a questa domanda disponibile un ampia e qualificata bibliografia. Proteggere lambiente costa: vero, per applicare un SGA sono necessarie risorse altrimenti non richieste: investimenti, nuove risorse umane oppure ulteriore formazione, apporto di specialisti esterni (consulenti, tecnici per analisi ambientali), modifiche produttive o di processo, introduzione di controlli non sempre compatibili con le esigenze produttive o organizzative. Ancora: abbiamo visto nel precedente paragrafo il nuovo assetto - anche culturale - con il quale lorganizzazione deve confrontarsi. Prima di tutto occorre cambiare punto di vista: realizzare un SGA non pu essere considerato solo come un fattore di costo immediato, ma come un investimento nel medio-lungo periodo. Il SGA una opportunit ! Esistono da un lato vantaggi di tipo ambientale che si concretizzano anche in vantaggi economici immediati: la riduzione degli impatti ambientali (emissioni, scarichi) e di rifiuti (con i relativi costi), la riduzione di rischi di incidenti ambientali, la maggiore certezza di conformit legislativa, il risparmio di risorse energetiche.

A lungo termine, avere un SGA costituisce un vantaggio competitivo perch: inserirsi ed integrarsi nel territorio migliora i rapporti con le Autorit Pubbliche e di Controllo, con gli Enti e le Comunit Locali, ladozione di un SGA consente di conseguire caratteristiche gestionali e produttive in continuo miglioramento, non solo dal punto di vista ambientale, con positive ricadute sotto laspetto dellimmagine, della competitivit produttiva, del clima aziendale interno, della motivazione e del coinvolgimento dei collaboratori, avviene una effettiva riduzione dei costi di produzione.

2 IMPEGNO IMPEGNO E E POLITICA POLITICA AMBIENTALE AMBIENTALE


2 Impegno e Politica Ambientale

2.1 Il ruolo dellalta direzione


Prima di tutto, cosa si intende con il termine utilizzato dalle normative ISO di alta direzione? Il termine sinonimo di vertice dellorganizzazione ed ha il significato di persona o gruppo di persone che, dal livello pi elevato di unorganizzazione, la guidano e la gestiscono. Fin dalle prime fasi di applicazione e di sviluppo del SGA, l'impegno, la motivazione e la capacit di comando dell'alta direzione dellimpianto di depurazione sono fondamentali. Essenziale, inoltre, da parte dellalta direzione, la continuit di impegno nel migliorare la gestione ambientale delle attivit dellimpianto di depurazione. Molto spesso le organizzazioni che scelgono limplementazione di un SGA, iniziano a prendere in considerazione temi e problematiche che, fino a quel momento, erano poco o per nulla conosciute. Lalta direzione dellimpianto di depurazione pu quindi ritenere pi semplice iniziare da dove vi sono vantaggi pi immediati ed evidenti: garantire il rispetto della normativa ambientale; ottimizzare le risorse e le competenze aziendali; ottimizzare il flusso delle attivit. Decisioni relative alle prestazioni ambientali e alle scelte tecnologiche pi evolute per la tutela dellambiente possono arrivare in seguito, una volta che il SGA applicato. Col passare del tempo e se il sistema fondato su una profonda convinzione della direzione, lalta direzione dellimpianto di depurazione arriva a prendere le decisioni considerando la componente ambientale alla pari degli altri fattori che influenzano le scelte aziendali. Quindi la prima cosa che la direzione deve chiedersi il perch abbia deciso di creare un SGA, trovando gli stimoli giusti proprio nella risposta a questa domanda, che pu variare di caso in caso. Successivamente e sulla base di questa fase, comincia il ciclo di pianificazione del SGA.

2.2 La Politica Ambientale


La Politica Ambientale dellimpianto di depurazione stabilisce la direzione che si intende seguire e i criteri di base con cui si intende percorrere la strada che si prefissata in tema di tutela dellambiente. Senza dubbio, la Politica Ambientale lo strumento guida per introdurre e successivamente per migliorare il proprio SGA: la Politica Ambientale un documento che esprime la volont dellalta direzione dellimpianto di depurazione in ambito ambientale. Per essere completa, essa deve rispettare alcuni requisiti:

deve essere adeguata alla realt dellimpianto di depurazione; deve contenere un esplicito impegno al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali; deve contenere un impegno alla prevenzione dellinquinamento; deve indicare la volont della direzione dellimpianto di depurazione di agire in conformit alla vigente legislazione ambientale (europea, nazionale e locale), nonch ad ogni altro regolamento o accordo cui limpianto di depurazione si impegna ad aderire (ad esempio patti territoriali o iniziative di settore); deve essere il riferimento per lelaborazione degli obiettivi di miglioramento ambientale, dei traguardi e dei programmi ambientali; deve essere esposta e spiegata a tutti i Collaboratori dellimpianto di depurazione; deve essere disponibile per le parti interessate esterne.

Si consiglia di produrre un documento semplice, di immediata comprensione, allinterno del quale i requisiti sopra espressi siano riscontrabili in modo diretto.
10

2 IMPEGNO E POLITICA POLITICA AMBIENTALE AMBIENTALE


Il documento dovrebbe essere legato alla vita dellimpianto di depurazione e quindi: non dovrebbe essere una dichiarazione di intenti generica e buona per tutte le occasioni; dovrebbe esprimere la propria reale volont di carattere ambientale; non dovrebbe contenere impegni ai quali limpianto di depurazione non sar in grado di far fronte; lideale definire allinterno della politica impegni che si sviluppano nel SGA secondo il seguente percorso logico:

impegno di politica

obiettivo ambientale traguardi ambientale programmi ambientali

dovrebbe essere periodicamente revisionata e, se opportuno, modificata per tener conto dei cambiamenti avvenuti allinterno dellimpianto di depurazione (organizzativi, produttivi, legislativi, ecc.), delle mutate priorit di miglioramento ambientali, delle esigenze tecnologiche e finanziarie, dei risultati gi raggiunti. Internamente tutti i Collaboratori devono conoscere la Politica Ambientale e condividerla; si consiglia di esporla ben visibile sia ai Collaboratori sia ai visitatori dellimpianto. La Politica deve essere firmata dalla persona che rappresenta lalta direzione dellimpianto di depurazione. Per quanto riguarda le modalit di diffusione della Politica Ambientale allesterno dellimpianto di depurazione, i metodi adottabili sono i pi vari: internet, pubblicazioni su quotidiani locali, la disponibilit della politica aziendale per tutti coloro che ne facciano richiesta. In questa sede proposto uno schema di Politica Ambientale di riferimento, applicando il quale possibile elaborare la propria politica ambientale: infatti, la politica ambientale deve essere elaborata secondo la propria visione e secondo i propri obiettivi ambientali.

Schema di Politica Ambientale 1) Descrizione del Chi sono io. I dati identificativi dellimpianto di depurazione e dellorganizzazione che lo gestisce: nome dellimpianto, nome della societ di gestione, dislocazione geografica dellimpianto, ecc. 2) Descrizione del Cosa faccio. Breve descrizione delle attivit, in particolare evidenziando i propri punti di forza e di distinzione delle attivit e dellimpianto stesso. Per esempio: una consolidata esperienza nella conduzione e nella gestione degli impianti di depurazione; Collaboratori esperti e qualificati; ecc. 3) La definizione chiara e precisa dellimpegno verso lambiente. Per esempio: garantire lottimale depurazione delle acque reflue; sfruttare adeguate tecnologie di tutela dellambiente, compatibilmente con le risorse a disposizione; limitare limpatto ambientale complessivo dellimpianto; ottimizzare i consumi energetici e delle materie prime; incrementare il ricorso e luso di materiali riutilizzabili e riciclabili; promuovere una gestione dei rifiuti orientata alla loro riduzione e riutilizzo; il coinvolgimento e la formazione dei Collaboratori al fine di raggiungere gli obiettivi ambientali; aumentare gli interventi pubblici per sensibilizzare i cittadini alla collaborazione nella limitazione dellimpatto ambientale delle acque reflue; sensibilizzare i fornitori alle tematiche di rispetto dellambiente, ecc. 4) Oltre a questi impegni specifici, devono essere obbligatoriamente definiti nella politica ambientale i seguenti impegni: un esplicito impegno al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, la conformit alla legislazione ambientale applicabile ed un impegno alla prevenzione dellinquinamento. Un esempio di Politica Ambientale per un impianto di depurazione di acque reflue riportato nel modulo n.1 La Politica Ambientale.

11

2 IMPEGNO IMPEGNO E E POLITICA POLITICA AMBIENTALE AMBIENTALE


2.3 LAnalisi Ambientale Iniziale (AAI)
Per ottenere un primo quadro complessivo e sistematico della situazione ambientale dellimpianto di depurazione si deve effettuare una valutazione iniziale, una cosiddetta analisi ambientale iniziale (AA). Elemento fondamentale la normativa ambientale, il cui rispetto rappresenta il primo presupposto per la certificazione. Tale analisi ha lo scopo di identificare eventuali punti di debolezza e non-conformit rispetto agli adempimenti legislativi ed ai requisiti della norma. Si viene in questo modo a creare il punto di partenza per la definizione di obiettivi di miglioramento e per la costruzione del sistema di gestione ambientale.

Come si effettua unanalisi ambientale iniziale?

2.3.1 Il pre-audit ambientale


Il pre-audit ambientale una fase preparatoria, in cui sono raccolte in modo sistematico le prime informazioni esistenti dellimpianto di depurazione. Si tratta in particolare di rilevare: i documenti esistenti sulla legislazione ambientale (vedi punto 2.3.2) i dati ambientali (vedi punto 2.3.3) Sulla base delle informazioni raccolte si deve fare un sopralluogo per valutare in campo cosa viene effettivamente fatto dal punto di vista ambientale. Attraverso tale audit si devono esaminare: le tecnologie esistenti le prassi in uso e procedure in campo ambientale la competenza ambientale dei collaboratori Per effettuare un audit in campo sono generalmente utilizzate delle check-list (liste di riscontro) che permettono di raccogliere in modo sistematico informazioni sulleffettiva realizzazione della gestione ambientale. In altre parole si tratta di una lista di domande che permette a chi effettua laudit di non dimenticare nulla. Si consiglia inoltre di formare, per laudit in campo, un gruppo di collaboratori dellimpianto di depurazione per un duplice motivo: i collaboratori hanno un immediato coinvolgimento dellapproccio ambientale unampia e dettagliata raccolta di dati e informazioni che contribuiscono ad unAnalisi Ambientale Iniziale completa e affidabile (p.es. il preposto alla gestione dei rifiuti ha competenza tecnica e legislativa nel campo specifico) A queste linee-guida sono allegate delle check-list finalizzate a svolgere attivit in proprio. Le check-list contengono sia domande di carattere generale (come ad es. la caratterizzazione del sito nel contesto ambientale) da compilare in maniera pi descrittiva, che domande specifiche sullottemperanza a determinati obblighi legislativi. Le domande sono suddivise per tematiche specifiche e comprendono tutti gli aspetti ambientali che possono riguardare un impianto di depurazione. Sar quindi cura del singolo cancellare eventuali domande non applicabili alla propria realt. La compilazione delle check-list fornite dalle linee-guida un attivit puntuale di cui per bisogna mantenere registrazione. Le check-list compilate rappresentano quindi la documentazione delleffettuazione dellanalisi ambientale iniziale.

Effettuate il Vostro audit sul posto utilizzando le relative check-list (modulo n.2)

12

2 IMPEGNO E POLITICA POLITICA AMBIENTALE AMBIENTALE


2.3.2 Identificazione delle prescrizioni legislative applicabili
Anche se i sistemi di gestione ambientale si basano sulla volontariet, il rispetto degli obblighi legislativi il primo presupposto per la certificazione. In occasione dellanalisi ambientale iniziale si deve quindi valutare, fino a che punto lazienda rispetti la legislazione ambientale di riferimento. Questo avviene su due livelli: 1. in fase di pre-audit si devono raccogliere tutti i documenti presenti in azienda, che possono dimostrare il rispetto di specifici requisiti legislativi (ad es. autorizzazioni, pareri, prescrizioni, ecc.) 2. attraverso laudit sul posto si deve invece verificare leffettiva applicazione pratica degli adempimenti normativi. In questa fase di pre-audit si tratta quindi soltanto di raccogliere e valutare tutti i documenti esistenti. Questo non un compito difficile; il problema consiste nellesaminare la completezza, dato che questo presuppone conoscenze precise su tutti gli obblighi legislativi. Le presenti linee-guida intendono supportare operativamente il lettore anche nel valutare operativamente la conformit legislativa del proprio impianto di depurazione. Per non complicare inutilmente la documentazione da compilare nellambito dellanalisi ambientale iniziale, troverete nelle check-list per leffettuazione dellaudit sul posto le domande riguardanti i documenti di carattere legislativo di cui dovrete disporre. Tali domande saranno contrassegnate con il simbolo *.

Identificate quindi nelle check-list per laudit sul posto (modulo n.2) le domande contrassegnate con il simbolo * e controllate di disporre di tutta la documentazione richiesta !
Attenzione: per i depuratori della Provincia di Bolzano, la legislazione in materia di gestione delle acque non classifica il fango prodotto come un rifiuto fintanto che si trova allinterno dellimpianto stesso (L.P. nr.8/2002, art. 43, comma 1).

2.3.3 Lanalisi input-output ambientale


Il passo successivo per completare la fase dellAnalisi Ambientale Iniziale, consiste nel realizzare lanalisi inputoutput ambientale. Questa analisi unelencazione dei flussi di risorse ambientali impiegate in entrata (input) e dei flussi di carattere ambientale in uscita (output), in modo tale da rendere misurabili gli impatti ambientali. Gli input sono le materie e le forme di energia impiegate nelle attivit produttive dellimpianto di depurazione; gli output sono il risultato delle attivit medesime: le emissioni, i prodotti di scarto delle attivit, scarichi, rumore, ecc. Input ed output rappresentano pertanto gli impatti ambientali delle attivit, in entrata ed in uscita, del ciclo produttivo. La rappresentazione dellanalisi input-output ambientale deve essere un elenco complessivo e sistematico dei principali input ed output ambientali. Grazie allo schema input-output si pu quindi cominciare a capire pi a fondo la filosofia del SGA, che non si concentra soltanto sulloutput ambientale (ovvero emissioni, scarichi, rifiuti ecc.), ma anche sullinput (consumo di risorse, materiali, ecc.). Lanalisi input-output ambientale deve servire non per effettuare unanalisi dettagliata di tutti gli impatti ambientali, ma per rappresentare in un quadro complessivo gli impatti ambientali delle attivit dellimpianto di depurazione, correlati ai diversi processi operativi della depurazione delle acque. In questa veste, essa molto utile anche per permettere, successivamente, la delicata fase di identificazione degli Aspetti Ambientali Significativi (vedi sezione 3.1). Infine, da non trascurare leffetto visivo dellanalisi input-output ambientale: essa utile per comprendere in un colpo docchio i principali impatti ambientali, per individuare immediatamente le criticit ambientali dei processi produttivi e per spiegare tutto questo ai propri Collaboratori, fornitori e agli altri soggetti interessati.

13

2 IMPEGNO IMPEGNO E E POLITICA POLITICA AMBIENTALE AMBIENTALE


Di seguito presentiamo unanalisi input-output ambientale applicata ad un impianto di depurazione standard; ovviamente, ciascun impianto potr avere processi diversi e conseguentemente altri input ed output ambientali. Nel diagramma sono rappresentati in colore nero i processi della linea trattamento acque (trattamento biologico), in verde della linea trattamento fanghi (trattamento anaerobico) e in grigio le attivit di recupero energetico. Da notare, infine, che nello schema proposto sono stati presi in considerazioni impatti ambientali in condizioni operative normali; necessaria anche una valutazione degli impatti ambientali in condizioni anomale oppure di emergenza.

Prendete il modulo n.3 e descrivete la vostra analisi INPUT/OUTPUT !

Analisi input/output ambientale delle attivit operative di un depurature di acque reflue


Input ambientali Macro processi della depurazione
Afflusso Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Grigliatura Conferimento fanghi esterni Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Consumo di energia elettrica Consumo di energia elettrica Consumo di materie prime (solfato ferroso, alluminato di sodio, ecc.) Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Produzione di rifiuti (grigliato) Emissione di odori Produzione di rifiuti Emissione di odori Inquinamento acustico Produzione di rifiuti Emissione di odori Emissione di odori

Output ambientali

Dissabbiatura e disoleatura

Sedimentazione primaria

Defosfatazione biologica Nitrificazione e denitrificazione Fango fresco

Inquinamento acustico

Sedimentazione finale

Scarico finale Fango di ricircolo Consumo di mat. prime (floculante) Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Consumo di acqua (lavaggi) Consumo di energia elettrica Consumo di mat. prime (floculante) Consumo di energia elettrica Consumo di acqua (lavaggi) Ispessimento meccanico

Scarico di acque reflue

Emissione di odori Produzione di rifiuti (grigliato) Inquinamento acustico Emissione in atmosfera (biogas) Inquinamento acustico

Setacciatura fanghi

Digestione anaerobica (Silo fanghi)

Recupero energetico

Ispessimento finale

Emissione di odori

Disidratazione

Produzione di rifiuti (fanghi) Emissione di odori Inquinamento acustico Produzione di rifiuti (fanghi) Emissione di odori Inquin. atmosferico da trasporto Produzione di rifiuti (FE2S3) Inquinamento acustico Inquin. atmosferico da combustione Produzione di rifiuti (olii esausti)

Consumo di mat. prime (polielettrolita)

Smaltimento

Consumo di energia elettrica

Gasometro Desolforazione

Cogenerazione

14

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


3 La pianificazione del SGA

3.1 La valutazione degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS)


LAnalisi Ambientale Iniziale (AAI) non espressamente prescritta dalla norma ISO 14001:1996, anche se consigliata per tutte le organizzazioni che non posseggono un SGA: abbiamo visto, infatti, al precedente punto 2.3 lutilit di effettuare unanalisi ambientale delle attivit dellimpianto di depurazione. LAnalisi Ambientale Iniziale utile anche perch facilita la valutazione degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS) e dei relativi impatti ambientali significativi associati con le attivit, i prodotti e i servizi erogati dallimpianto di depurazione; lidentificazione degli impatti ambientali significativi invece obbligatoria ed espressamente prescritta dalla normativa ISO 14001:1996. Questa fase ricopre un ruolo fondamentale nel SGA. Tutto il SGA si fonda infatti sulla corretta valutazione degli aspetti ambientali, e come tale opportuno soffermarsi su questo capitolo. Lidentificazione degli aspetti ambientali deve essere per un impianto di depurazione un processo continuo, che rende evidente gli impatti delle proprie attivit sullambiente nel passato, nel presente e nel futuro. Questo processo offre peraltro molteplici vantaggi: lidentificazione dei rischi correlati al non rispetto di vincoli normativi ambientali, lidentificazione degli impatti sulla salute e sulla sicurezza dei Collaboratori, la valutazione del rischio ambientale delle attivit dellimpianto di depurazione. La relazione fra gli aspetti e gli impatti ambientali di causa ed effetto: un aspetto, infatti, riguarda un elemento delle attivit dellimpianto di depurazione che pu avere un impatto benefico oppure negativo sullambiente. Quando, a causa di un aspetto ambientale, si produce un cambiamento nellambiente si ha un impatto ambientale. Un esempio di relazione causa-effetto tra laspetto e limpatto ambientale per lattivit di grigliatura di un impianto di depurazione: attivit grigliatura

aspetto ambientale impatto ambientale percezione di odori emissione di odori

Alcuni esempi di aspetti, rispettivamente impatti ambientali, individuabili in un impianto di depurazione possono essere i seguenti:

Attivit

Aspetti ambientali

Impatti ambientali

Conferimento fanghi esterni

Smaltimento del grigliato

Scarichi liquidi

Conferimento fanghi esterni

Area di percezione degli odori limitata

Emissione di odori

Grigliatura

Smaltimento del grigliato

Produzione di rifiuti

Grigliatura

Area di percezione degli odori limitata

Emissione di odori

Dissabbiatura e disoleatura

Disturbo da rumore

Inquinamento acustico

15

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA

Attivit

Aspetti ambientali

Impatti ambientali

Dissabbiatura e disoleatura

Perdite dalle vasche di acqua reflua non depurata Smaltimento della sabbia Smaltimento dei galleggianti Scarichi anomali nelle acque reflue (idrocarburi,sostanze tossiche), danneggiamenti ai trattamenti fanghi e alla biologia = produzione di rifiuto Perdite dalle vasche di acqua reflua non depurata

Contaminazione del suolo e del sottosuolo

Dissabbiatura e disoleatura

Produzione di rifiuti

Dissabbiatura e disoleatura

Produzione di rifiuti

Sedimentazione primaria

Contaminazione del suolo e del sottosuolo

Sedimentazione primaria

Consumo acqua per lavaggi

Consumo di risorse idriche

Defosfatazione chimica

Consumo acqua per preparazione soluzioni

Consumo di risorse idriche

Nitrificazione e denitrificazione

Disturbo da rumore in area localizzata Afflusso di sostanze tossiche con inibizione dellattivit batterica = emissione di odori Afflusso di sostanze tossiche con inibizione dellattivit batterica = danneggiamenti ai trattamenti fanghi e alla biologia Afflusso di sostanze tossiche con inibizione dellattivit batterica = depurazione insufficiente Elevato consumo di energia elettrica quantificabile Aggiunta al processo di depurazione del solfato ferroso oppure alluminato di sodio Disturbo da rumore

Inquinamento acustico

Nitrificazione e denitrificazione

Emissione di odori

Nitrificazione e denitrificazione

Produzione di rifiuti

Nitrificazione e denitrificazione

Scarichi liquidi

Nitrificazione e denitrificazione

Consumo di risorse energetiche

Nitrificazione e denitrificazione

Consumo di materie prime

Impianto ispessimento meccanico e setacciatura fanghi Impianto ispessimento meccanico e setacciatura fanghi Digestione anaerobica (digestori) Digestione anaerobica (digestori)

Inquinamento acustico

Aggiunta di floculante (polielettrolita) al processo di depurazione Guasti apparecchi di sicurezza impianto Biogas = emissione in atmosfera di Biogas Fuoriuscita di schiuma: otturazione tubazioni con uscita Biogas in atmosfera

Consumo di materie prime

Emissioni in atmosfera

Emissioni in atmosfera

16

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA

Attivit

Aspetti ambientali

Impatti ambientali

Disidratazione

Trattamento dei fanghi

Produzione di rifiuti

Disidratazione

Aggiunta di floculante (polielettrolita) al processo di depurazione

Consumo di materie prime

Flottazione

Disturbo da rumore

Inquinamento acustico

Flottazione

Trattamento dei fanghi

Produzione di rifiuti

Gasometro e desolforatore

Emissioni incontrollata in atmosfera di Biogas Produzione rifiuto tossico nocivo: FE2S3

Emissioni in atmosfera

Gasometro e desolforatore

Produzione di rifiuti

Gasometro e desolforatore

Consumo di energia elettrica

Consumo di risorse energetiche

Impianto di cogenerazione

Produzione di olii esausti

Produzione di rifiuti

Impianti lavaggio dellaria

Produzione di rifiuto come contenitori dei prodotti chimici Utilizzo prodotti chimici: soda, cloro, acido solforico

Produzione di rifiuti

Impianti lavaggio dellaria

Consumo di materie prime

mpianti per trattamenti chimici

Utilizzo prodotti chimici

Consumo di materie prime

Laboratorio

Produzione di rifiuti tossici, speciali e pericolosi Produzione di rifiuti vari assimilabili allurbano Produzione di olii esausti + produzione di rifiuti vari

Produzione di rifiuti

Mensa e palazzina uffici

Produzione di rifiuti

Officina meccanica

Produzione di rifiuti

Trasformatori

Presenza di PCB < limiti legge

PCB-PCT

Per lidentificazione e la valutazione degli aspetti e degli impatti ambientali necessario definire una procedura scritta che preveda la metodologia, i criteri, i tempi e le responsabilit.
17

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


In particolare, opportuno che lanalisi sia eseguita almeno con cadenza annuale e comunque ogniqualvolta cambiano le condizioni produttive. Per esempio, se le condizioni operative oppure gli impatti ambientali sono variati in modo significativo (a seguito dellampliamento delle attivit lavorative, oppure per lacquisto di nuove attrezzature oppure per modifiche agli impianti o strutture), opportuno elaborare una nuova analisi di identificazione e valutazione degli aspetti ambientali. Il processo di identificazione e di valutazione degli aspetti e degli impatti pu essere suddiviso in 4 fasi: 1. individuare le attivit dellimpianto di depurazione: ci si ottiene tramite unanalisi dei processi produttivi dellimpianto; 2. identificare il maggior numero possibile di aspetti ambientali associati alle attivit dellimpianto; 3. identificare il maggior numero possibile di impatti ambientali associati con ciascun aspetto ambientale precedentemente identificato; 4. valutare la significativit di aspetti e conseguenti impatti. Per operare con ordine e seguire il flusso dei processi produttivi dellimpianto di depurazione, utile rifarsi allanalisi input-output ambientale (vedi sezione 2.3.3). Si consiglia inoltre di evitare di considerare i microprocessi in modo troppo puntiglioso, con il rischio di identificare troppi elementi con elevato grado di significativit: ci potrebbe condurre ad un sistema eccessivamente complicato che perde di vista le valutazioni e gli aspetti veramente importanti. La 4. fase della valutazione degli impatti ambientali la pi importante ed fondamentale per impostare correttamente il SGA. La metodologia di valutazione degli impatti ambientali una libera scelta dellimpianto di depurazione. Nella pratica sono utilizzabili diversi metodi (per esempio lanalisi ABC, le matrici di rischio/probabilit, lanalisi FMEA). In queste linee guida proposta una metodologia conforme alla normativa ISO 14001:1996 e molto utile per una pi facile realizzazione di tutto il SGA dellimpianto di depurazione. Questa metodologia si fonda su 2 presupposti. Prima di tutto, limpianto di depurazione deve identificare i propri aspetti ed impatti ambientali significativi; successivamente deve metterli sotto controllo oppure deve monitorali. Per applicare questa metodologia fondamentale definire innanzi tutto cosa vuol dire significativo ?: significativo laspetto ambientale che si deve controllare e monitorare. La domanda allora: quando un aspetto ambientale identificato come significativo ? I criteri di significativit che definiscono un aspetto ambientale sono tre: la conformit legislativa; la Politica Ambientale dellimpianto di depurazione; le parti interessate (i cosiddetti stakeholders: cittadinanza, enti pubblici, media, ecc.). Ci significa che limpianto di depurazione individua i propri aspetti ambientali in funzione di uno di questi tre criteri. Per esempio, se nella Politica Ambientale dichiarato limpegno di ridurre il consumo di materie prime, tutte le attivit che hanno influenza sul consumo di materie prime producono aspetti ambientali significativi; il conseguente impatto sullambiente classificato significativo e come tale deve essere controllato e monitorato. Definita la significativit, laspetto ambientale potr esser oggetto di obiettivi, traguardi e programmi di miglioramento ambientali oppure semplicemente essere messo sotto controllo tramite una procedura. La procedura facilmente applicabile utilizzando la seguente Matrice degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS) (modulo n. 4). Vediamo i passaggi per applicare la matrice. Prima di tutto le attivit dellimpianto di depurazione sono sviluppate in microprocessi e per ciascuno di essi: sono identificati i singoli aspetti ambientali generati dalle attivit, sono valutati gli aspetti ambientali nelle varie condizioni operative (normali, anomale e di emergenza),
18

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


sono identificate le interazioni ambientali e i consumi di risorse degli aspetti ambientali, classificata la significativit degli aspetti ambientali, in funzione dei tre citati criteri (la conformit legislativa, la Politica Ambientale, le parti interessate), sono identificati gli impatti ambientali significativi. Nota bene: le condizioni anomale sono operazioni che si discostano dal normale funzionamento, ma in modo controllato ed atteso: per esempio la manutenzioni, la fermata e lavviamento di macchinari. Le condizioni di emergenza sono operazioni associate a situazioni di rischio non preventivate, per esempio le rotture di vasche. Conclusa la fase di identificazione degli impatti ambientali significativi, necessario mettere gli impatti sotto controllo, oppure, monitorarli. Per ottenere ci, limpatto ambientale classificato significativo deve essere, in ordine di importanza: oggetto di obiettivi, traguardi e programmi di miglioramento oppure posto sotto controllo/monitoraggio tramite una procedura documentata oppure posto sotto controllo/monitoraggio tramite unadeguata formazione ai Collaboratori di quellarea. Per decidere la suddetta priorit di intervento si calcola un indice di priorit, tramite una matrice di rischio elaborata in funzione della frequenza o probabilit (P) che un impatto si verifichi moltiplicata la gravit (G) dellevento sullambiente. I singoli impatti sono infine messi in graduatoria, in funzione dellindice calcolato: impatti con valori pi elevati devono avere priorit di trattamento rispetto ad altri con valori inferiori. I criteri per applicare la matrice sono i seguenti: P: probabilit, indica la probabilit che un evento accada: Punteggio 1 2 3 4 Criterio Probabilit di accadimento praticamente nulla oppure in condizioni estreme Probabilit rara oppure in condizioni anormali Probabile di accadimento anche in condizioni normali, a causa principalmente di possibili errori e/o malfunzionamenti Accade in condizioni normali G: gravit (conseguenza), indica la gravit dellevento sullambiente: Punteggio 1 2 3 4 Criterio Conseguenze limitate nel tempo e praticamente non misurabili nellestensione sullambiente Disturbo locale, non duraturo e immediatamente rimediabile Impatto limitato e/o a breve termine, significativo per lambiente e che comunque richiede controlli per minimizzare il ripetersi Impatto dannoso, esteso e duraturo nel tempo per lambiente

Infine, nellultima colonna della matrice si registra il riferimento alle procedure di emergenza adottate per ciascun aspetto ed impatto ambientale valutato precedentemente in condizioni di emergenza. In conclusione, evidente come ladozione di questa procedura permette di: identificare in modo semplice ed oggettivo agli aspetti e gli impatti ambientali; sviluppare tutto il SGA, a partire dalla definizione di programmi e obiettivi ambientali.

19

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA

20

Matrice degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS) - Anno: 2003

Classificazione della significativit degli Aspetti Ambientali in funzione dei tre criteri (=AAS) : Matrice di rischio da 0 a 16: PxG Messa sotto controllo e monitoraggio degli AAS:

Descrizione Aspetti Consumi Interazioni Condiz. Impatti Procedura del Ambientali risorse Legislazione Politica Parti Probab. Gravit Indice Programma Procedura Piano di amb. degli operative: ambientali di microproces(AA) energ. applicabile Ambientale interessate (0-4) (0-4) priorit ambientale documentata formazione AA N; A; E significativi emergenza so identificati AA

Disidratazione

Aggiunta di floculante N X 4 4 1

Materie prime

Consumo di materie prime

PA01

PR01

No

Le interazioni da inserire nella colonna INTERAZIONI AMBIENTALI DEGLI AA sono (per esempio): Acqua (in falda); Aria (emissioni); Suolo; Rifiuti; Rumore

I consumi da inserire nella colonna CONSUMI RISORSE ENERGETICHE AA sono (per esempio): Acqua; Energia elettrica; Gasolio; Metano; Materie prime

Le condizioni operative possono essere le seguenti: N: normali A: anormale E: emergenza

I possibili impatti ambientali da inserire nella apposita colonna possono essere: rilascio di sostanza pericolose; emissioni in atmosfera; scarichi liquidi; produzione di rifiuti; contaminazione del suolo e del sottosuolo; inquinamento acustico; emissione di odori; produzione di vibrazioni; consumo di combustibili; consumo di risorse energetiche; consumo risorse idriche; consumo di materie prime; consumo di risorse naturali; altro: emissioni elettromagnetiche, amianto, PCB-PCT, produzione pericolose per lozono, elettrosmog, radiazioni ionizzanti, traffico veicolare, altro non altrimenti previsto

Infine, nelle colonne del gruppo MESSA SOTTO CONTROLLO E MONITORAGGIO DEGLI AAS, possibile inserire dei codici di riferimento (per esempio: per la procedura nr.1 il codice PR01; per un determinato programma ambientale il codice PA01, ecc.).

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


3.2 Le prescrizioni legali applicabili
Dopo aver valutato gli aspetti ambientali significativi bisogna effettuare un ulteriore attivit preparatoria per poter pianificare al meglio il sistema di gestione ambientale, ovvero riassumere sistematicamente tutti gli adempimenti legislativi cui limpianto di depurazione deve ottemperare e definire responsabilit e modalit operative specifiche. Uno dei principi-guida su cui si basa la certificazione ambientale il rispetto della legislazione ambientale vigente, che rappresenta in ogni caso il primo presupposto per la certificazione. Le prescrizioni legali per la gestione di un impianto di depurazione variano da Regione a Regione; da Provincia a Provincia. Qui di seguito i principali riferimenti normativi applicati in Provincia di Bolzano.

SICUREZZA SUL LAVORO


ARGOMENTO E TIPO DI LEGGE LEGGE N 46 DATA EMISSIONE 05.03.1990 DESCRIZIONE Norme per la sicurezza degli impianti

DECRETO LEGISLATIVO

277

Attuazione delle direttive CEE N 1107/80, 605/82, 477/83, 188/86 e 642/88, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da 15.08.1991 esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro (rischi derivanti dallesposizione ad amianto, piombo e rumore) 19.09.1994 02.03.1999 / Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro; e succ. mod. e int. Macchine impianti ed apparecchi soggetti a collaudo e verifiche periodiche Linee guida al DPGP 7/1999

DECRETO LEGISLATIVO DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE LINEE GUIDA

626 7 /

DECRETO LEGISLATIVO

25

Attuazione della direttiva 98/24/CE sulla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori 02.02.2002 contro i rischi derivanti da agenti chimici durante il lavoro (inserimento Titolo VII bis DLgs. 626) 24.04.1955 19.03.1956 Norme per la prevenzione degli infortuni Norme generali per ligiene del lavoro Servizio Multizonale di Medicina del Lavoro e Agenzia Provinciale per la Protezione dellAmbiente e la Tutela del Lavoro Attuazione della direttiva CEE 57/92 concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA LEGGE PROVINCIALE

547 303

20.01.1984

DECRETO LEGISLATIVO

494

14.08.1996

TUTELA DELLE ACQUE


ARGOMENTO E TIPO DI LEGGE LEGGE PROVINCIALE N 8 DATA EMISSIONE 18.06.2002 DESCRIZIONE Disposizioni sulle acque
21

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 29.01.1980 (Art. 12) Regolamento di esecuzione della Legge Provinciale n 63 del 06.09.1973 recante norme sulla disciplina degli scarichi Testo coordinato del decreto legislativo 11 maggio 1999 DECRETO LEGISLATIVO 152 11.05.1999 Allegato 5: Limiti di emissioni degli scarichi idrici Attuazione della direttiva 86/278 CEE concernente la protezione dellambiente, in particolare 27.01.1992 del suolo, nellutilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura

DECRETO LEGISLATIVO

99

TUTELA ARIA - EMISSIONI


ARGOMENTO E TIPO DI LEGGE N DATA EMISSIONE DESCRIZIONE

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

203

Attuazione delle direttive CEE N 779/80, 884/82, 360/84 e 203/85 concernenti norme in materia di qualit dellaria, relativamente a specifici agenti 24.05.1988 inquinanti, e di inquinamento prodotto dagli impianti industriali, ai sensi dellart. 15 della legge 16.04.1987, N 183 21.07.1989 16.03.2000 12.07.1990 Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni per lattuazione ed interpretazione del DPR 203/88 Norme per la tutela della qualit dellaria Linee guida per il contenimento delle emissioni inquinanti degli impianti industriali e la fissazione dei valori minimi di emissione

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI LEGGE PROVINCIALE DECRETO MINISTERIALE

/ 8 51

RUMORE
ARGOMENTO E TIPO DI LEGGE LEGGE PROVINCIALE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 66 DATA EMISSIONE 20.11.1978 DESCRIZIONE Provvedimenti contro linquinamento prodotto da rumore Regolamento di esecuzione della Legge Provinciale n 66 del 20.11.1978 Provvedimenti contro linquinamento prodotto da rumore

06.03.1989

RIFIUTI
ARGOMENTO E TIPO DI LEGGE DECRETO LEGISLATIVO N 95 DATA EMISSIONE 27.01.1992 DESCRIZIONE Attuazione delle direttive CEE 439/75 e 101/87 relative alla eliminazione degli olii usati

DECRETO LEGISLATIVO

99

Attuazione della direttive CEE 278/86 concernente la protezione dellambiente, in particolare del 27.01.1992 suolo, nellutilizzazione dei fanghi da depurazione in agricoltura

22

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


Norme per la semplificazione degli adempimenti in materia ambientale, sanitaria e di sicurezza pubblica, nonch lattuazione del sistema di ecogestione e di audit ambientale Attuazione delle direttive CEE 156/91 sui rifiuti, 689/91 sui rifiuti pericolosi, sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio DECRETO LEGISLATIVO (RONCHI) 22 05.02.1997 Allegato A: Categorie di rifiuti Allegati G, H ed I: Categorie generiche di rifiuti pericolosi, costituenti e caratteristiche LEGGE PROVINCIALE 61 06.09.1973 Norme per la tutela del suolo da inquinamenti e per la disciplina della raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi e semisolidi

LEGGE

70

25.01.1994

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

30

Regolamento di esecuzione della legge provinciale 06.09.1973 n 61 Norme per la tutela del suolo da 28.06.1977 inquinamenti e per la disciplina della raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi e semisolidi Regolamento recante norme tecniche relative alleliminazione degli olii usati Allegato C: Caratteristiche dei depositi per stoccaggio Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31 e 33 del D.L. 05.02.1997 N 22

DECRETO MINISTERIALE

392

16.05.1996

DECRETO MINISTERIALE

05.02.1998

Allegato 1: Norme tecniche generali per il recupero dei rifiuti Allegato 2: Norme tecniche per lutilizzazione dei rifiuti come font energetica

DECRETO MINISTERIALE

145

Regolamento recante la definizione del modello e 01.04.1998 dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi del D.L. 05.02.1997 N 22 01.04.1998 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi del D.L. 05.02.1997 N 22 Regolamento recante norme sulla riorganizzazione del catasto dei rifiuti Indicazioni per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n. 2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco dei rifiuti Attuazione della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti Criteri di ammissibilit dei rifiuti in discarica

DECRETO MINISTERIALE

148

DECRETO MINISTERIALE

372

04.08.1998

DIRETTIVA MINISTERO AMBIENTE

09.04.2002

DECRETO LEGISLATIVO DIRETTIVA MINISTERO AMBIENTE

36 /

13.01.2003 13.03.2003

Prendete il modulo n. 5 Registro delle leggi ambientali allegato a questa linee-guida. Vi troverete un elenco di tutti gli obblighi legislativi che possono riguardare un impianto di depurazione in Provincia di Bolzano; inoltre indicate nelle caselle il luogo di archiviazione e il responsabile dellaggiornamento legislativo. Nel modulo n. 6 Registro delle principali licenze, autorizzazioni e permessi o documenti contenenti prescrizioni troverete un elenco di autorizzazioni, ecc. che sono applicate in Provincia di Bolzano. La compilazione di tale modulo Vi aiuter nella gestione di tale documentazione.
23

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


Attenzione: per i depuratori della Provincia di Bolzano, la legislazione in materia di gestione delle acque non classifica il fango prodotto come un rifiuto fintanto che si trova allinterno dellimpianto stesso (L.P. nr.8/2002, art. 43, comma 1).

3.3 Obiettivi e traguardi ambientali


Abbiamo visto che attraverso lidentificazione e la valutazione degli aspetti ambientali significativi sono chiaramente individuati quelli pi critici per la tutela dellambiente (vedi precedente punto 3.1). Limpianto di depurazione ha ora la possibilit di definire le attivit e le misure concrete per eliminare, ad ogni modo per ridurre, i punti di debolezza rilevati e innescare il processo di miglioramento delle proprie prestazioni ambientali (che rappresenta, ricordiamo, lo scopo principale per introdurre un SGA !). Abbiamo altres chiarito che gli impatti ambientali classificati significativi possono essere sottoposti, in ordine di importanza, a tre livelli di intervento: oggetto di obiettivi, traguardi e programmi di miglioramento oppure posti sotto controllo/monitoraggio tramite una procedura documentata oppure posti sotto controllo/monitoraggio tramite unadeguata formazione ai Collaboratori di quellarea In questa e nella successiva sezione delle linee guida ci dedichiamo al primo e pi importante livello di intervento: la definizione del programma ambientale. Il primo passo per redigere il proprio programma ambientale la definizione di obiettivi e traguardi ambientali. Che differenza passa tra obiettivi e traguardi ambientali ? Lobiettivo ambientale il fine ultimo complessivo che limpianto di depurazione decide di perseguire e deriva direttamente dalla Politica Ambientale; se possibile, lobiettivo deve essere quantificato. Il traguardo ambientale, invece, una dettagliata richiesta di prestazione che definita per raggiungere gli obiettivi ambientali; i traguardi devono essere rigorosi, misurabili e raggiungibili; i traguardi servono, in definitiva, per conseguire gli obiettivi ! Da queste definizioni si deducano alcuni importanti aspetti, da tenere in considerazione nellindividuazione dei propri obiettivi e traguardi. 1) Gli obiettivi ambientali devono essere definiti in modo da realizzare la Politica Ambientale; ciascun impianto di depurazione individua la propria Politica e pertanto i propri obiettivi e traguardi specifici. 2) Due obiettivi che la norma ISO 14001:1996 prescrive e che devono essere contenuti dalla Politica Ambientale dellimpianto di depurazione, sono limpegno per la prevenzione dellinquinamento e per il miglioramento continuo delle prestazioni (vedi precedente punto 2.2). 3) Importante che gli obiettivi ambientali siano stati stabiliti dalla Direzione dellimpianto di depurazione (unico livello gerarchico in grado di incidere nellorganizzazione dellimpianto di depurazione). 4) Gli obiettivi e i traguardi ambientali devono essere chiari, concreti e attinenti alla realt dellimpianto di depurazione; definire obiettivi e traguardi distanti dalla propria realt significa condizionare negativamente tutto il SGA ! 5) Gli obiettivi e i traguardi ambientali devono essere documentati e periodicamente riesaminati e revisionati; di queste attivit deve essere data evidenza formale (tramite statistiche, verbali di riunioni, ecc.). 6) Attenzione: per ciascun obiettivo e traguardo ambientale opportuno individuare indicatori (vedi punto 5.1.1). 7) Per raggiungere i propri traguardi, fondamentale stabilire riferimenti temporali appropriati (entro due anni; entro lanno 2003; rispetto lanno di riferimento 2000; ecc.). 8) Per definire obiettivi e traguardi si consiglia di coinvolgere i Collaboratori maggiormente interessati e competenti nellarea di pertinenza. Un esempio: Impegno definito nella Politica Ambientale: conservare le risorse naturali Obiettivo: minimizzare luso dellacqua, dove tecnicamente ed economicamente possibile

24

3 3 LA LA PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA


Traguardo: ridurre lattuale consumo di acqua del 10% in un anno Indicatore : quantit di acqua consumata per unit di tempo (anno, mese) oppure per unit di produzione

3.4 I programmi ambientali


Una volta che abbiamo stabilito obiettivi e traguardi ambientali conformi alla Politica Ambientale e ai risultati emersi dallanalisi degli aspetti ambientali significativi (vedi sezione 3.1), possibile innescare il processo di miglioramento delle prestazioni ambientali, ovvero redigere il programma ambientale. La formulazione di uno o pi programmi lelemento chiave per mettere in atto con successo un SGA ! In un buon SGA, i programmi di gestione ambientale sono integrati nella strategia complessiva dellorganizzazione dellimpianto di depurazione. Aver definito obiettivi e traguardi significa aver stabilito il cosa voglio fare; ci corretto ma non sufficiente ! Il passo successivo stabilire il come realizzare obiettivi e traguardi. Il programma ambientale serve proprio a stabilire le modalit, gli strumenti e le azioni per perseguire e realizzare i propri obiettivi e traguardi ambientali. In pratica, quando limpianto di depurazione ha individuato la propria meta ambientale attraverso i processi di cui sopra, deve sviluppare un programma, oppure pi programmi, per raggiungerla. Ogni programma ambientale deve definire: Le azioni decise: un programma si realizza tramite azioni coerenti con gli obiettivi, i traguardi e gli indicatori ambientali gi individuati. E opportuno identificare le azioni in una sequenza di priorit. Le scadenze temporali di ciascuna azione, ovviamente a propria discrezione e in funzione delle priorit: le azioni necessarie per ottemperare alla conformit legislativa sono prioritarie ! La definizione di responsabilit: occorre nominare la persona responsabile per la realizzazione di ciascuna azione. La disponibilit di risorse economiche (budget), umane e gestionali; non sempre possibile definire le risorse economiche. I programmi ambientali devono essere dinamici: in altre parole, periodicamente revisionati seguendo i cambiamenti di obiettivi e traguardi. Una periodicit almeno annuale accettabile. La Direzione dellimpianto di depurazione responsabile di definire i programmi ambientali, coinvolgendo i Collaboratori e i settori interessati direttamente al programma. Il flusso logico di sviluppo dei programmi ambientali pertanto il seguente: Impegno della Politica ambientale Obiettivo ambientale Traguardo ambientale Programma ambientale Risorse Indicatore Azioni Responsabilit

Verifica di obiettivi / traguardi / azioni

Nella presente linea guida si propongono due differenti metodi per realizzare i programmi ambientali; ciascun impianto di depurazione pu scegliere quello che ritiene pi idoneo alle proprie necessit. Per entrambi utilizziamo lesempio gi sfruttato per gli obiettivi e i traguardi (vedi precedente sezione 3.3; utilizza i moduli allegati n.7a oppure 7b). Il primo metodo sviluppato in funzione dei singoli programmi ambientali, il secondo invece in funzione degli impegni di politica ambientale.
25

A) Schema da realizzare in funzione dei singoli programmi ambientali; si elabora uno schema per ciascun programma ambientale individuato

3 LA PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL SGA

26

Nome del Programma ambientale: riduzione consumo dellacqua Impegno di Politica Ambientale: conservare le risorse naturali Data: 7.1.2003

Obiettivo Azioni Verifica Resp.

Traguardo

Indicatore: quantit di acqua consumata/anno

Risorse

Esito

Minimizzare luso dellacqua, dove tecnicamente ed economicamente possibile 31.12.03 2000: 1.050 mq 2001: 1.000 mq 2002: 1.100 mq Acquisto e utilizzo per i lavaggi dei componenti dellimpianto di un pulivapor 31.12.03 Responsabile manutenzione

Ridurre lattuale consumo di acqua del 25% in un anno

Installare un impianto per utilizzare una parte dellacqua reflua depurata per le attivit industriali dellimpianto di depurazione Responsabile Impianto

Budget 100.000

Budget 5.000 Fornitore: XY

B) Schema da realizzare in funzione degli impegni previsti nella Politica Ambientale; si elabora una tabella complessiva del programma ambientale globale dellimpianto di depurazione

Data: 7.1.2003

Impegno di Politica Ambientale Traguardo Indicatore

Obiettivo

Azioni

Verifica

Resp.

Risorse

Esito

31.12.03

Responsabile Impianto

Budget 100.000

Conservare le risorse naturali

Installare un impianto per utilizzare una parte Quantit di acqua dellacqua reflua depuMinimizzare luso rata per le attivit Ridurre lattuale consumata/anno dellacqua, dove industriali dellimpianto consumo di tecnicamente ed di depurazione acqua del 25% 2000: 1.050 mq economicamente 2001: 1.000 mq Acquisto e utilizzo per i in un anno possibile 2002: 1.100 mq lavaggi dei componenti dellimpianto di un pulivapor

31.12.03

Responsabile manutenzione

Budget 5.000 Fornitore: XY

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


4 La realizzazione e il funzionamento del SGA

4.1 Come procurarsi le competenze ambientali


Quanto spiegato finora nei capitoli precedenti era finalizzato a pianificare tutte le attivit in campo ambientale, identificando punti-chiave e quindi priorit di intervento su cui operare e definendo principi-guida (Politica ambientale), obiettivi e programmi di azione. Il passo successivo consiste nel realizzare quanto pianificato, identificando responsabilit specifiche e stabilendo modalit operative, da un lato, per tenere sotto controllo le principali attivit che possono provocare impatti ambientali significativi e, per un altro aspetto, per raggiungere gli obiettivi di miglioramento. Una volta portata a termine questa fase di implementazione, si dovr controllare se quanto pianificato stato raggiunto (vedi sezione 6. Il Riesame e il miglioramento del SGA). In questa fase di realizzazione e funzionamento del SGA si tratter di stabilire in particolare:

la struttura organizzativa (punto 4.1.1), responsabilit e obblighi nellambito del SGA (punto 4.1.2), motivazione, consapevolezza, competenza e formazione (punto 4.1.3), la comunicazione interna ed esterna (punto 4.2), la gestione della documentazione del SGA (punto 4.3), il controllo operativo (punto 4.4), le emergenze ambientali (punto 4.5).

4.1.1 La struttura organizzativa


Innanzi tutto, per implementare un SGA necessario definire tramite un organigramma le funzioni-chiave in campo ambientale oppure se, non esistente, si potr creare una struttura organizzativa. Si tratta quindi di definire chi fa che cosa ! Lorganigramma inoltre indica le dipendenze funzionali tra le varie figure. Il primo passo per creare lorganigramma con le funzioni-chiave in campo ambientale consiste nel nominare un responsabile ambientale, il quale fondamentalmente il coordinatore di tutte le attivit connesse al SGA, in altre parole responsabile per limplementazione, mantenimento e il miglioramento dello stesso. Egli ha limportante compito di valutare per la Direzione tutti i dati possibili (audit, registrazioni, ecc.) e di pianificare i relativi provvedimenti. Raccoglie le osservazioni del personale in riferimento al SGA e valuta con la Direzione i provvedimenti da intraprendere. Un altro compito importante consiste nel determinare il bisogno di formazione di carattere ambientale del personale; anche tale aspetto discusso con la Direzione. Inoltre, pu essere responsabile dellaggiornamento legislativo e della relativa informazione e adattamento allinterno della struttura. Lorganigramma sottostante potr esserVi di aiuto:

27

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL

Direzione sig. verdi Responsabile ambientale sig. Giallo Responsabile gest. Rifiuti sig. Marrone

Responsabile Amministrazione sig. Bianchi

Responsabile Gest. Impianto sig. Rossi

Responsabile Manutenzione sig. Verdone

Responsabile Laboratorio sig. Viola

Trattamento acqua

Trattamento fanghi

Imp. di cogenerazione

Create quindi il Vostro organigramma compilando il modulo n. 8

4.1.2 Obblighi e responsabilit


Tutte le funzioni chiave del SGA hanno degli obblighi e delle responsabilit da rispettare. Tali requisiti possono essere presentati in due modi diversi a) la matrice dei compiti e delle responsabilit b) il mansionario per ogni singola funzione chiave a) La matrice dei compiti e delle responsabilit rappresentata da una matrice in cui si elencano tutti i compiti da svolgere allinterno del SGA. In relazione ad ogni compito indicata, con una crocetta, la persona responsabile del compito. Inoltre possiamo indicare anche la modalit del compito da eseguire. Prendete quindi il modulo n. 9a Matrice delle Responsabilit e seguite lesempio descritto; vedrete come semplice definire chi fa che cosa e quando Indicate sulle colonne in alto a destra le funzioni-chiave che avete stabilito con il Vostro organigramma. Indicate il responsabile di ogni singolo compito, contrassegnando con una X la casella corrispondente alla riga del compito e alla colonna delle funzioni-chiave. Il seguente esempio di matrice delle responsabilit compilato pu esserVi di aiuto:

28

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


Responsabilit Responsabile gestione rifiuti Responsabile ambientale Responsabile Impianto Responsabile acquisti

Compiti

Modalit

Valutazione e adattamento della politica, degli obiettivi e dei programma ambientali Controllo della realizzazione del programma e del raggiungimento degli obiettivi Raccolta dei dati ambientali e chiusura del bilancio (anche dati su rifiuti e sostanze pericolose) Valutazione del bilancio e creazione degli indicatori Valutazione degli aspetti ambientali significativi Raccolta di informazioni sulle nuove leggi, adattamento del registro ed archiviazione dei documenti di carattere legislativo Controllo conformit legislativa Definizione delle responsabilit ed aggiornamento dellorganigramma Redazione programma di manutenzione/sorveglianza/controllo Effettuazione interventi di manutenzione /controllo Effettuazione sorveglianza ambientale Gestione e controllo fornitori per aspetti ambientali Redazione programma di formazione Effettuazione formazione interna Elaborazione reclami ambientali Rilevazione non-conformit Gestione delle registrazioni Elaborazione documenti Pianificazione audit interni Effettuazione riesame della direzione

1 x anno 1 x anno 1 x anno 1 x anno 1 x anno (oppure pi spesso se necessario) In continuo 2 x anno Secondo necessit 1 x anno Secondo programma Secondo programma In continuo 1 x anno Secondo programma Secondo necessit In continuo In continuo Secondo necessit 1 x anno (oppure pi spesso se necessario) 1 x anno

Direzione

X X

X X X X

X X X X X X X X X X X X

X X X X X

Figura: Esempio di una matrice delle responsabilit

29

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


Il vantaggio di compilare una matrice delle responsabilit consiste nellindividuare le funzioni-chiave del SGA in correlazione con i proprio compiti e responsabilit, ma possono nascere delle incomprensioni tra il personale se la suddivisione dei compiti non stata comunicata in modo chiaro. b) Un ulteriore modo per rappresentare le responsabilit per ogni singola funzione coinvolta nel SGA di predisporre un mansionario. Nel mansionario sono descritti i compiti e responsabilit assegnate alle singole posizioni della struttura organizzativa. Prendete quindi il modulo n. 9b Mansionario

In conclusione, si pu affermare che indipendentemente dalla scelta effettuata di descrivere le responsabilit e gli obblighi delle singole funzioni del SGA, sia essa la matrice delle responsabilit o siano i mansionari, il requisito della norma da rispettare consiste nel definire, documentare e comunicare alle singole funzioni compiti e responsabilit allinterno del SGA. E discrezione di ogni impianto di depurazione decidere in che modo comunicare al proprio personale le singole mansioni; la cosa importante di definire in modo esplicito i compiti e responsabilit di ogni singolo addetto e la comunicazione degli stessi.

4.1.3 Motivazione, consapevolezza, competenza e formazione


A prescindere dalle misure strettamente tecniche, il successo e lefficienza di un SGA dipendono in primo luogo dalla motivazione, coinvolgimento, dalla competenza e dalla continua formazione del personale. I collaboratori devono essere coinvolti nel sistema, sono loro che sono confrontati quotidianamente con il lavoro. Il loro contributo al SGA indispensabile! Come indispensabile una corretta formazione del personale. Tutti i dipendenti devono quindi venir formati sia sui principi-guida dellazienda sia sui requisiti operativi legati alle loro mansioni specifiche. Il tema della formazione riguarda soprattutto la sensibilizzazione e consapevolezza ai temi ambientali intesi come conoscenza della politica ambientale, dei requisiti della norma e delle prescrizioni legislative, degli impatti ambientali associati alle attivit operative in modo che tutte le risorse, a tutti i livelli aziendali, operino in modo consapevole e appropriato, migliorando di continuo il sistema stesso. La formazione prende anche in considerazione le attivit pratiche come le pulizie tecniche degli impianti, la gestione dei rifiuti, le prove per le emergenze ambientali, la gestione delle non conformit ambientali, la taratura degli strumenti di misura utilizzati (sonde di prelievo di pH, del flusso), ecc. I responsabili operativi hanno perci il compito di individuare il fabbisogno di formazione dei propri collaboratori legati alle loro mansioni specifiche. A tale scopo si deve innanzi tutto pianificare le attivit di formazione e poi eseguirle. Per pianificare al meglio le Vostre attivit di formazione: Prendete il modulo n. 10 Programma di formazione per pianificare i corsi di formazione annuale controllate che le tematiche indicate nel modulo siano consone alla Vostra realt e aggiungetene eventualmente altre che Vi sembrano opportune; Definite il personale che dovr essere formato sulle singole tematiche; Stabilite le modalit di effettuazione di tale formazione, in particolare, in caso di formazione effettuata internamente, dovrete definire una responsabilit specifica; Stabilite la frequenza dei corsi di formazione. Il seguente esempio di programma di formazione potr esserVi di aiuto:
30

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


Argomento Nozioni-base sul sistema di gestione Comportamento in caso incidente / incendio Manipolazione sostanze pericolose Gestione rifiuti Manutenzione impianti Audit ambientale interno Pulizie periodiche Organizzazione della formazione Collaboratori da addestrare interno funzione esterno corso tutti Frequenza 1 x anno; in caso di necessit 2 x anno; in caso di necessit 1 x anno; in caso di necessit 1 x anno; in caso di necessit 1 x anno; in caso di necessit

resp. ambientale resp. sicurezza resp. sicurezza resp. gestione rifiuti resp. gestione impianti resp. ambientale resp. impianto

tutti

addetti pulizia

addetti pulizia addetto allimpianto Resp. ambientale resp. impianto + addetti allimpianto

" Laudit ambientale "

in caso di necessit 1 x anno; in caso di necessit

Figura: Estratto di un programma di formazione

Una volta pianificato il programma di formazione, bisogna registrare leffettuazione dello stesso.

Prendete il modulo n. 11 Modulo Registrazione della formazione


Tale modulo fatto in modo che, anche se non riuscite, per motivi di carico di lavoro, ad effettuare la formazione in cui riunite tutto il personale, potrete almeno registrare la formazione o laddestramento fatto in campo, indicando la persona e la data in cui stato effettuato e facendo firmare il modulo nellapposita casella al collaboratore addestrata. Questo vale anche per laffiancamento. Per affiancamento si intende la formazione iniziale di un collaboratore che ha appena cominciato a lavorare nel Vostro impianto di depurazione, cui dovrete spiegare le regole di comportamento da rispettare e le specifiche mansioni che la persona andr a svolgere. Anche queste spiegazioni iniziali, ovviamente riguardanti il SGA, dovranno essere documentate nel modulo sopra indicato.

4.2 La comunicazione interna ed esterna


Un altro importante principio-base del SGA consiste nella comunicazione interna ed esterna. Si intende per comunicazione interna il flusso di informazioni allinterno della struttura organizzativa tra le diverse funzioni coinvolte nel SGA. La struttura organizzativa deve adottare modalit operative e documentarle per ricevere le comunicazioni. Affinch si sviluppi labitudine a produrre comunicazione interna, la struttura deve avere un buon clima gestionale delle risorse. Un clima favorevole, una buona informazione e consapevolezza possono portare delle sollecitazioni benefiche al SGA, attraverso segnalazioni di fenomeni, episodi, situazioni ed effetti ambientali negativi ma anche attraverso suggerimenti e proposte operative di miglioramento. Si intende per comunicazione esterna la disponibilit della struttura di rendere pubbliche informazioni sugli effetti ambientali dellimpianto di depurazione. Peraltro la norma ISO 14001 prescrive espressamente lobbligo di trattare adeguatamente le richieste proveni31

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


enti dallesterno (requisito 4.4.3 b della ISO 14001:1996), proprio per una precisa volont di diffondere verso lesterno dellorganizzazione i principi di tutela ambientale. Per la comunicazione esterna si distinguono fondamentalmente due vie: a) comunicazione dallesterno verso linterno b) comunicazione dallinterno verso lesterno a) Per quanto riguarda la comunicazione dallesterno verso linterno obbligatorio registrare gli eventuali reclami/segnalazioni e proposte riguardanti lambiente, provenienti dallesterno, come per esempio dal vicinato, dagli enti di controllo, dai comuni, dagli stakeholders, dai media, dai giornali, ecc. e rispondere loro sempre per iscritto. In questa sede si propone di utilizzare i rapporti di non-conformit (vedi sezione 5.3) come modulo di registrazione dei reclami, nei quali deve essere barrata la casella reclamo. Nella casella azione correttiva dovrete indicare quando stata mandata la risposta scritta a chi ha effettuato il reclamo.

Documentate i reclami provenienti dallesterno con il modulo n. 12 !


b) Anche se non ci sono obblighi specifici al riguardo, sicuramente molto importante, soprattutto ai fini di immagine, gestire in modo sistematico la comunicazione di carattere ambientale verso lesterno dellimpianto di depurazione. Usando il proprio stile gi assodato nella comunicazione aziendale, si tratta in particolare di gestire queste aree di azione: 1) Sfruttare gli strumenti di comunicazione generalmente utilizzati, come brochure, pagine Internet, ecc., per mettere in evidenza le proprie attivit in campo ambientale. 2) Offrire agli interlocutori esterni informazioni sulle iniziative di carattere ambientale, naturalistico ecc. 3) Informare i fornitori sul comportamento da adottare nel rispetto dellambiente (metodologie di imballaggio, ricorso a prodotti chimici maggiormante ecocompatibili), nonch sul comportamento da tenere sia per evitare i rischi di incendio, sia per mettersi in salvo in caso di emergenza. 4) Incentivare le visite allimpianto di scuole, enti pubblici, gruppi dinteresse e giornalisti informandoli sulla propria gestione ambientale. La comunicazione in campo ambientale diviene in questo modo unopportunit di trasparenza per ottenere maggiore credibilit riguardo alla propria gestione dei problemi ambientali. Per la gestione di tali attivit sarebbe opportuno individuare un responsabile della comunicazione, che coordini sia eventuali reclami provenienti dallesterno che la comunicazione esterna. Suggerimento gestionale: Si consiglia di nominare il responsabile ambientale anche responsabile comunicazione.

4.3 La gestione della documentazione del SGA


I documenti del SGA (procedure, istruzioni, ecc.) devono rispondere ai requisiti formali previsti dalla norma ISO 14001:1996, che sono di seguito esposti. Per ottenere la certificazione si devono redarre dei documenti. La cosa pi importante comunque concentrarsi su ci che veramente importante e necessario. La quantit di documenti una responsabilit della struttura organizzativa e non prescritta dalla norma. Si devono soltanto rispettare delle regole ben definite ! I documenti devono essere da un lato redatti secondo modalit standardizzate ed essere sempre facilmente identificabili. Dallaltro, devono essere definite le responsabilit per la redazione, approvazione, revisione e distribuzione degli stessi. Un ulteriore obiettivo della gestione della documentazione del SGA consiste nel rendere evidente, quali sono i documenti vigenti da applicare nellambito del Vostro SGA. Attenzione: la norma ISO di riferimento (ISO 14001:1996) non prescrive espressamente la redazione di un
32

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


Manuale Ambientale: la norma prescrive lobbligo di stabilire e mantenere linformazione necessaria, sua carta o su sistemi elettronici, per descrivere gli elementi fondamentali del SGA e le loro interazioni e per fornire direttive sulla documentazione correlata (requisito 4.4.4 della ISO). Questo sta a significare che sufficiente stabilire procedure per la gestione dei documenti e realizzare un elenco della documentazione del SGA (vedi il modulo n. 13 Gestione della documentazione). Leventuale Manuale Ambientale pu essere daiuto come strumento di sintesi di tutta la documentazione el SGA. Attenzione: la documentazione pu anche essere solamente in forma elettronica, a patto che si rispettino i requisiti gestionali di seguito esposti. Di seguito un esempio chiarificatore: La prima volta che avete applicato il SGA (ad es. a partire dal 01.01.2003), avete utilizzato per la gestione dei rifiuti il piano gestione rifiuti che Vi viene proposto tra i moduli allegati a queste linee guida. Nel corso dellanno avete per notato che Vi utile aggiungere altri dati sugli smaltitori, aggiungendo alcune colonne alla tabella. Per lanno 2004 decidete di raccogliere i dati con questo secondo modulo revisionato. Questo modulo entrer in vigore il 01.01.2004; avr per la revisione n.1, che indicher appunto che il modulo stato revisionato e da quel momento in poi vale come documento in vigore. Lentrata in vigore del documento dovr essere registrata in un elenco Gestione della documentazione in questo modo questo modo: Titolo del documento Piano gestione rifiuti ... ... n. revisione/data Rev. 0 del 01.01.2003 ... ... n. revisione/data Rev. 1 del 01.01.2004 ... ...

Prendete quindi il modulo n. 13 ed indicate per ogni singolo documento il numero di revisione e
la data in entrata in vigore (ovvero il momento in cui entra in funzione il Vostro sistema di gestione). Quando in futuro deciderete di cambiare dei documenti ricordateVi di indicarlo su questo modulo secondo le modalit sopra indicate.

Indicate infine nella matrice delle responsabilit la persona che avr il compito di gestire
lemissione della Vostra documentazione (vedi sezione 4.1.2).

4.3.1 Struttura standard dei documenti


La norma ISO 14001:1996 non definisce requisiti per la strutturazione dei documenti. Generalmente si usano per analogia le norme riguardanti la stesura di manuali della qualit secondo la ISO 10013 Guida per lelaborazione dei manuali della qualit. La documentazione ha una struttura standardizzata che indica in alto a destra il numero di pagina in riferimento alla totalit delle pagine del documento stesso, un numero di revisione ed una data. La data si riferisce ai contenuti del modulo (ad esempio la data di redazione del catasto delle sostanze pericolose), mentre il numero di revisione si riferisce al documento, ovvero alla struttura dello stesso. Ogni documento deve contenere determinate informazioni di base, come ad esempio il numero di identificazione (cfr. punto 4.3.2), il numero di pagina ed il numero complessivo delle pagine del documento, la data di redazione ed il numero di revisione. Inoltre, leventuale manuale e le procedure devono prevedere delle caselle, che contengono le firme dei responsabili per la redazione, verifica e approvazione. In questo modo il documento entra in vigore. Generalmente viene standardizzata anche la struttura delle procedure, dove vengono spiegati scopo e campo di applicazione, eventuali definizioni e documenti di riferimento e descritte le attivit da svolgere.

33

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


Il seguente esempio pu esserVi di aiuto:

Ditta XY

La valutazione degli effetti ambientali Procedura PA-00-01

Pagina 1 di 1 Rev. 0 Data:

INDICE 1. 2. 3. 4. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI DESCRIZIONE E RESPONSABILIT RIFERIMENTI

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questa valutazione serve a mantenere aggiornate le informazioni riguardanti gli effetti ambientali dellimpianto di depurazione. Ci riguarda tutte le attivit, servizi dellimpianto, ecc. 2. DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI Aspetto ambientale: elemento di unattivit, prodotto o servizio di unorganizzazione che pu interagire con lambiente. Impatto ambientale: Qualunque modificazione dellambiente, totale o parziale, conseguente ad attivit, prodotti o servizi di unorganizzazione. 3. DESCRIZIONE E RESPONSABILIT Al fine di poter valutare il miglioramento degli effetti ambientali, devono venir raccolti e valutati tutti i dati che possono essere rilevanti. La direzione amministrativa responsabile di..... Il responsabile ambientale valuta una volta allanno attraverso la creazione di indicatori i flussi di materia ed energia, ...... 4. RIFERIMENTI MAQ Sezione 3: Registro degli effetti ambientali CA-02 Aspetti ambientali CA-03 Obiettivi e traguardi (...) Redatto: RA Firma: Verificato e approvato: DG Firma:

4.3.2 Numerazione dei documenti


La struttura gerarchica del manuale ambientale riportata sulla numerazione dei documenti. Attraverso tale numerazione ogni documento deve essere facilmente identificabile. La numerazione dei capitoli avviene secondo la strutturazione dellindice, ad es. CA-00 (numero progressivo dei capitoli). La numerazione delle procedure avviene con riferimento al relativo capitolo del manuale, ad es. PA-00-01, dove 00 sta per il numero progressivo dei capitoli e 01 per il numero progressivo della procedura associata al capitolo del manuale. La numerazione dei moduli e delle istruzioni avviene con riferimento al relativo capitolo e procedura, ad es. IA-00 (numero progressivo dei capitoli) - 01 (numero progressivo della procedura) - 01(numero progressivo dellistruzione). In certi casi listruzione pu riferirsi direttamente ad un capitolo del manuale e quindi diventare inutile la numerazione della procedura.
34

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


4.3.3 Responsabilit per la gestione dei documenti.
Si devono definire chiare responsabilit per la redazione, approvazione, revisione e distribuzione di documenti. Questo rappresenta un chiaro requisito della norma ISO 14001:1996, che generalmente gestito direttamente attraverso una procedura/capitolo del manuale Gestione della documentazione. Si tratta dei seguenti punti-chiave: Redazione, verifica ed approvazione La responsabilit per la redazione, verifica ed approvazione del manuale e delle procedure devono essere chiaramente definite e documentate. Attraverso la firma di tali responsabili sulle specifiche caselle i documenti entrano in vigore. Ci non necessario per le istruzioni ed i moduli, date che essi entrano in vigore automaticamente con i relativi capitoli del manuale o le relative procedure. Generalmente la redazione di documenti avviene da parte del responsabile ambientale, mentre la verifica e lapprovazione sono compito della Direzione. Controllo della distribuzione Il manuale stampato in un numero predefinito di esemplari, che sono soggetti a revisione. Esso pu essere per dato anche ad esterni. La direzione pu decidere in quali casi ci possa avvenire. Tali esemplari non sono per soggetti a revisioni e sono contrassegnati in modo specifico. Anche gli altri documenti del SGA sono stampati e distribuiti in un numero predefinito di esemplari. Essi vengono infatti distribuiti soltanto a quelle persone, che hanno responsabilit nella specifica procedura o istruzione. La distribuzione decisa dal responsabile ambientale ed documentata attraverso la firma del ricevente. Revisione ed archiviazione I documenti possono essere rivisti soltanto dalla persona che responsabile della loro redazione. Proposte di miglioramento possono per ovviamente pervenire da ogni persona coinvolta nelle attivit previste dal documento. A revisione avvenuta, i nuovi documenti devono essere distribuiti alle persone previste. I riceventi dei documenti hanno il compito di distruggere i documenti superati. Le ultime tre revisioni degli originali vengono generalmente archiviate dal responsabile ambientale, per un periodo stabilito (si consigliano tre anni, perch questa la validit della certificazione).

4.4 Il controllo operativo


Le norme sui Sistemi di gestione Ambientali richiedono che limpianto di depurazione esegua controlli per soddisfare la propria politica ambientale (vedi sezione 2.2): linsieme di queste modalit denominato controllo operativo. In definitiva, limpianto di depurazione deve specificare come si svolgono le operazioni e le attivit che provocano o che possono provocare impatti ambientali significativi (vedi sezione 3.1). E importante precisare che la norma di riferimento ISO 14001 richiede che il controllo operativo sia esteso solamente alle operazioni e attivit associate agli aspetti ambientali significativi (vedi il requisito 4.4.6 della norma ISO 14001:96). Inoltre, la stessa norma ISO contiene una frase sibillina allorch afferma che devono essere pianificate attivit associate ad aspetti ambientali significativi (mediante procedure documentate), ove la mancanza delle medesime procedure potrebbe portare a difformit rispetto alla propria politica ambientale e agli obiettivi ambientali. Che cosa significa tutto ci ? Prima di tutto che il ricorso a procedure documentate deve essere assolutamente limitato allo stretto necessario: attenzione, in queste linee guida non si propone assolutamente una semplificazione

35

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


delle attivit di controllo. E nostro intenzione invece consigliarVi un approccio che sia efficace ma anche efficiente. Efficace nel realizzare la Vostra politica ambientale ed i Vostri obiettivi, efficiente in funzione delle risorse disponibili e delle procedure gi esistenti. Infatti, limpianto di depurazione (per la sua stessa natura) gi applica procedure e controlli operativi, indirizzati alla sicurezza e al rispetto dei parametri di depurazione delle acque definiti in via obbligatoria. Semmai, applicare un SGA deve costringere limpianto di depurazione ad analizzare le proprie procedure anche in funzione dellanalisi ambientale e dellidentificazione degli aspetti ambientali significativi. Affrontando il tema del controllo operativo, quindi, si ribadisce una volta di pi la centralit dellanalisi ambientale; ergo, effettuare a monte una corretta analisi ambientale faciliter la realizzazione delle procedure e delle attivit di controllo. Sempre in unottica di semplificazione, ricordiamo che, dopo aver classificato significativo un impatto ambientale, esso pu essere posto sotto controllo tramite una procedura documentata oppure tramite unadeguata formazione ai Collaboratori di quellarea. Le modalit operative per realizzare un corretto controllo operativo sono esposte di seguito e ricalcano lapproccio sopra descritto: rispetto della normativa ISO di riferimento, efficacia ed efficienza.

4.4.1 La gestione dellimpianto


Lattivit di gran lunga pi importante per affrontare correttamente il tema del controllo operativo la gestione dellimpianto di depurazione e di tutte le apparecchiature connesse (pompe, filtri, macchinari, presse, ecc.). Nella gestione dellimpianto rientrano le attivit di manutenzione periodica, ordinaria e straordinaria, le pulizie e le attivit di modifica dellimpianto. E ragionevole immaginare che il Vostro impianto di depurazione possiede gi una procedura per leffettuazione delle manutenzioni delle attrezzature; ad ogni modo, applicare un SGA costringe limpianto di depurazione a sottoporre ad adeguata manutenzione limpianto, perch una buona parte degli impatti ambientali significativi sono riconducibili al funzionamento dellimpianto. Per esempio: lattivit di manutenzione produce rifiuti di vario genere (attrezzature metalliche obsolete oppure guaste, materie plastiche, oli esausti, sostanze pericolose, imballaggi, ecc.); la pulizia della struttura (vasche, macchinari, attrezzatura, ecc.) richiede grandi quantit di acqua e di eventuali prodotti chimici; il funzionamento dellimpianto e delle attrezzature produce inquinamento acustico, emissione di odori, emissioni in atmosfera; un cattivo funzionamento dellimpianto, causato da errata manutenzione oppure dal l o g o r i o , p u c a u s a re u l t e r i o r i i m p a t t i ambientali aggiuntivi, tra cui la non corretta depurazione delle acque. Pertanto, il controllo operativo dellimpianto si traduce fondamentalmente in una procedura che ne garantisce il miglior funzionamento. A tal fine potete utilizzare il Programma di manutenzione, controllo e sorveglianza (vedi modulo n.14) che individua attivit, frequenza, responsabilit e regi-

36

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


strazione della manutenzione; il Programma rappresenta quindi a tutti gli effetti unefficace procedura documentata. Attenzione: operando coerentemente con lapproccio incentrato sugli impatti ambientali classificati significativi, sufficiente individuare e sottoporre alla suddetta procedura solamente i macchinari, le attrezzatura e gli impianti che contribuiscono agli impatti ambientali significativi. Attenzione: diverse apparecchiature dellimpianto devono essere sottoposte anche a regolare calibratura e taratura (per esempio le sonde di rilevazione del pH; bilance di precisione del laboratorio): anche queste attivit rientrano nel controllo operativo perch da una corretta misurazione dei dati, garantita da strumenti di misura precisi, derivano gli indicatori ambientali (vedi sezione 5.1.1) Per realizzare il Programma di manutenzione, controllo e sorveglianza potete utilizzare la seguente matrice, dove si intersecano le attrezzature con gli impatti ambientali significativi e si individuano le attrezzature da sottoporre obbligatoriamente a controllo e manutenzione: Impatti ambientali significativi individuati nella Matrice degli Aspetti Ambientali e/o Analisi input/output Nome macchinario / Impianto Pompa nr.1 Eventuale numero di matricola 123 Consumo energia elettrica X Consumo acqua Produzione di rifiuti Contami. suolo e sottosuolo Scarichi idrici Da sottoporre a controllo S / No

Infine, occorre porre la massima attenzione anche al software e al hardware che gestiscono i dati e il funzionamento delle stesse apparecchiature: essi rientrano a tutti gli effetti tra le attrezzature dellimpianto e come tale richiedono una corretta gestione. Controllare il software e lhardware significa sostanzialmente: garantire la conservazione e la protezione dei dati e delle informazioni registrate a livello elettronico, che rappresentano non solo un dato di utilit pubblica ma anche, da un punto di vista ambientale, le pi importanti registrazioni della depurazione delle acque e pertanto dei risultati del SGA; nel caso limpianto di depurazione (e le connesse apparecchiature) sia gestito, controllato e monitorato da un sistema informatico, una efficace manutenzione del software e del hardware semplifica notevolmente le attivit di controllo operativo sopra descritte. Infatti, il Programma di manutenzione, controllo e sorveglianza pu essere sostituito da un piano automatico di scadenza delle manutenzioni, correlato per esempio alla rilevazione delle ore di funzionamento della apparecchiature. Come realizzare una buona procedura di gestione del software e del hardware ? Si consiglia di: 1) formalizzare in una istruzione operativa, che pu essere anche nel formato elettronico di help, le principali funzioni del software, 2) realizzare idonei interventi formativi alle persone che operano con il software e, se possibile, individuare una figura responsabile della gestione informatica, in possesso delle idonee competenze e capacit professionali. 3) prevedere una procedura (vedi sezione 4.3) per la conservazione dei dati elettronici , in che significa: proteggere i dati da virus informatici, conservare e proteggere i supporti informatici (dischetti, nastri, CD, ecc.) per un periodo prestabilito in idonei luoghi (cassette ignifughe, casseforti, ecc.), effettuare costanti operazioni di backup dei dati.

4.4.2 La gestione delle sostanze utilizzate nellimpianto di depurazione


In un impianto di depurazione sono utilizzate sostanze chimiche pi o meno pericolose. Per esempio: nelle attivit del laboratorio per leffettuazione delle analisi (reagenti, kit di analisi, ecc.), in alcune fasi della depurazione delle acque (polielettroliti, ecc.), nellattivit di officina, se prevista, e di manutenzione dellimpianto (oli, vernici, solventi,ecc.).

37

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


Una corretta gestione delle sostanze utilizzate nellimpianto di depurazione si deve concentrare su alcuni aspetti: raccolta e analisi delle Schede di sicurezza dei prodotti in ragione non solo degli aspetti di sicurezza e igiene ma anche degli impatti ambientali, elaborazione delle Istruzioni di lavoro per lutilizzo delle sostanze pi problematiche e comunque per quelle classificate pericolose (etichetta arancione); (vedi sito dellAgenzia Provinciale per la protezione dellambiente e la tutela del lavoro). Installate sul Vostro computer il software secondo le modalit definite nella homepage. Immettete i dati delle schede di sicurezza secondo quanto Vi verr indicato dalla finestra suggerimenti del software. In questo modo creerete automaticamente unistruzione operativa. effettuazione e registrazione della formazione ai collaboratori sullo stoccaggio, manipolazione, trasporto interno delle sostanze e sulle procedure di emergenza in caso di incidente (sversamento, incendio, pronto soccorso). Si consiglia, ad ogni modo, di elaborare un Catasto delle sostanze presenti nellimpianto di depurazione cos costituito (vedi moduli n. 15). Dati desumibili dalla Scheda di sicurezza Nome del prodotto Gruppo (vernice, ecc.) Stato Grado di Smalt. Smalt. Nome del Quantitativi Luogo di (liquido, pericolosit del del produttore annui conservazione solido, ambientale materiale contenitore - fornitore consumati ecc.) Frasi R/S residuo residuo

Suggerimento gestionale: designate un Responsabile delle sostanze pericolose che gestisce le procedure di pertinenza, aggiorna il Catasto, verifica le Schede di sicurezza dei prodotti, redige le Istruzioni di lavoro, si occupa della corretta informazione e formazione interna in tema di gestione delle sostanze pericolose, collabora con la funzione degli acquisti per quanto attiene i prodotti chimici, si informa su procedure e prodotti eventualmente pi eco-compatibili, nonch vigila sulla corretta manipolazione dei prodotti.

4.4.3 La gestione dei rifiuti


La gestione dei rifiuti non un fattore particolarmente problematico per un impianto di depurazione delle acque reflue. Dallanalisi ambientale dovrebbe emergere che i rifiuti prodotti sono riconducibili sostanzialmente al fango e al grigliato (vedi sezione 2.3.3 Analisi input/output), nonch alle attivit di manutenzione dellimpianto (componenti metallici obsoleti, oli esausti, contenitori, ecc.) e alle normali attivit dufficio (quindi poco rilevanti). Attenzione: come gi detto (vedi sezione 3.2), per i depuratori della Provincia di Bolzano, la legislazione in materia di gestione delle acque non classifica il fango prodotto come un rifiuto fintanto che si trova allinterno dellimpianto stesso (L.P. nr.8/2002, art. 43, comma 1). Il controllo operativo dei rifiuti si rif sostanzialmente agli obblighi legislativi di cernita, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti. A tal fine senza dubbio opportuno creare un Piano di gestione dei rifiuti.
38

4 LA REALIZZAZIONE FUNZIONAMENTO DEL 4 LA REALIZZAZIONE E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA


Utilizzate il modulo n. 16 per il piano di gestione dei rifiuti. Attenzione: per i depuratori della Provincia di Bolzano non necessario riportare nel Piano il rifiuto fango. Suggerimento gestionale: Designate un Responsabile della gestione dei rifiuti, che gestisce le procedure di pertinenza, aggiorna il Piano, si occupa della corretta informazione e formazione interna in tema di gestione dei rifiuti, collabora con la funzione degli acquisti per quanto attiene la possibilit di ridurre i rifiuti di imballaggio gi in fase di acquisto, si impegna nella ricerca di procedure e modalit per la riduzione delle quantit di rifiuti.

4.4.4 Acquisti e fornitori


Sostanzialmente le attivit di acquisto sono trasversali alle altre attivit del controllo operativo gi viste. La direzione dellimpianto di depurazione deve coinvolgere nelle attivit di tutela ambientale i fornitori che in qualche modo hanno uninfluenza sugli aspetti ambientali significativi dellimpianto di depurazione, tramite: operazioni di sensibilizzazione (per esempio per la riduzione degli imballaggi), il coinvolgimento nelle procedure ambientali di pertinenza (per esempio i trasportatori che ritirano il grigliato raccolto oppure il fango prodotto), la valutazione della loro compatibilit ambientale (per esempio nella valutazione del dettaglio delle informazioni ambientali contenute nella Scheda di sicurezza delle sostanze pericolose). Un capitolo a parte meritano i fornitori di servizi che hanno influenza sugli aspetti ambientali significativi dellimpianto di depurazione. Per esempio i fornitori che: svolgono attivit di manutenzione straordinaria, interventi di modifica agli impianti, effettuano analisi di laboratorio e altre misurazioni e prove (per esempio relative alle emissioni in atmosfera, alle emissioni sonore, ecc.). Essi sono, in ambito ambientale, da mettere sotto controllo. Questi devono fornire allimpianto di depurazione le proprie procedure adottate per lo svolgimento delle prestazioni, e limpianto di depurazione deve valutarle in funzione dei requisiti previsti nella propria analisi ambientale. Per esempio, per leffettuazione delle prove, il laboratorio esterno deve dimostrare le proprie credenziali e accreditamenti relativi alle analisi da eseguire. Se quanto proposto dal fornitore non soddisfa i requisiti dellimpianto di depurazione, sar limpianto a creare le opportune procedure e vincolare, anche contrattualmente, il fornitore al loro rispetto.

4.5 Le emergenze ambientali


Le condizioni operative dellimpianto di depurazione possono essere classificate in: Condizioni normali: operazioni di routine, condotte sotto pieno controllo, in condizioni attese e in presenza di procedure di funzionamento e di regolazione; Condizioni anomale: operazioni che si discostano dal normale funzionamento, ma in modo
39

E IL IL FUNZIONAMENTO DEL SGA 4 LA LA REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL


controllato ed atteso (per esempio le attivit di manutenzione dellimpianto e delle apparecchiature); Condizioni demergenza: operazioni associate a situazioni di rischio non preventivate. Per il trattamento delle emergenze ambientali ci rifacciamo, per lennesima volta, allAnalisi degli Aspetti Ambientali Significativi (vedi sezione 3.1). Infatti, applicando la Matrice degli Aspetti Ambientali Significativi (AAS) potete individuare anche i potenziali incidenti ambientali, le cosiddette emergenze ambientali. In altre parole, lanalisi degli aspetti ambientali significativi Vi permette di individuare le condizioni demergenza e, quindi, anche gli impatti ambientali reali e/o potenziali associati a situazioni di emergenza. Ottimale sarebbe lassenza di situazioni di emergenza: ma incidenti imprevisti o causali possono avvenire. Limpianto di depurazione deve pertanto predisporre una procedura finalizzata a ridurne i danni sullambiente. Gli obiettivi da raggiungere nel trattamento delle emergenze ambientali sono sostanzialmente due: 1) limitare i danni allambiente; 2) garantire un comportamento corretto e non improvvisato da parte del personale interessato. Per realizzare unefficace procedura di gestione delle situazioni di emergenza, si consiglia di predisporre un Piano delle emergenze (vedi modulo n. 17).

Descrizione

Causa dellemergenza

Possibile effetto ambientale

Interventi da intraprendere

Il Vostro Piano delle emergenze dovrebbe comprendere: la descrizione dellemergenza: per esempio incendio la causa dellemergenza: per esempio corto circuito i possibili effetti sullambiente: per esempio emissioni di fumi la descrizione degli interventi da intraprendere, che significa: lindividuazione delle responsabilit di gestione delle emergenze; lindividuazione del personale competente; lindividuazione della strumentazione di emergenza disponibile; le modalit di comunicazione con i vigili del fuoco e il pronto intervento; le modalit di primo intervento

Di seguito si elencano alcune emergenze possibili di cui tenere conto: incendio; incidenti allimpianto di depurazione e delle attrezzature di natura meccanica, elettrica ed informatica; arresto del processo di depurazione biologico (morte dei batteri); scoppi di serbatoi; emissioni accidentali nellatmosfera, sversamenti accidentali

Suggerimenti gestionali: Se possibile, gli interventi dovrebbero venire periodicamente testati, al fine di verificarne lefficacia; sono da aggiornare se si rivelano inadeguati. Il Piano delle emergenze dovrebbe tener conto degli incidenti gi avvenuti. Inoltre, si consiglia di non limitate il Piano alle sole condizioni di emergenza, ma di estenderlo anche alle condizioni anomale, che, abbiamo visto allinizio del paragrafo, sono operazioni che si discostano dal normale funzionamento, ma in modo controllato ed atteso (per esempio le attivit di manutenzione dellimpianto e delle apparecchiature).
40

MISURAZIONI E E VALUTAZIONI DEL SGA 5 MISURAZIONI VALUTAZIONI DEL


5 Misurazioni e valutazioni del SGA

5.1 Misurare e sorvegliare


Anche il requisito della normativa ISO 14001:1996 denominato Sorveglianza e misurazioni (capitolo 4.5.1 della norma) risponde alla medesima logica che abbiamo gi ampiamente descritto e utilizzato in queste linee guida: il concetto di impatto ambientale significativo (vedi sezione 3.1) sul quale si basa il SGA. Limpianto di depurazione, in definitiva, deve avere un sistema che misuri e sorvegli le prestazioni in funzione ai propri obiettivi e i traguardi: ma attenzione, devono essere misurate e sorvegliate solamente le caratteristiche di quelle attivit e operazioni dellimpianto di depurazione che possono avere un impatto significativo sullambiente. Ricapitolando, il flusso logico complessivo di sviluppo del SGA, fino alla fase della sorveglianza e misurazione il seguente:

Aspetti Ambientali Significativi


Limpianto di depurazione individua, tramite lAnalisi Ambientale, gli aspetti ambientali significativi (vedi sezione 3.1) e definisce in funzione di questi i propri obiettivi e traguardi (vedi sezione 3.3 e 3.4). Per realizzare obiettivi e traguardi sono necessarie una serie di attivit e operazioni che limpianto di depurazione realizza tramite il cosiddetto controllo operativo (vedi sezione 4.4). Infine, limpianto di depurazione individua un sistema per misurare e sorvegliare queste attivit, ovviamente in funzione di quanto pianificato.

Obiettivi e traguardi

Controllo operativo

Sorveglianza e misurazioni
Infine, avere un efficace sistema di misurazione e sorveglianza permette di individuare e gestire efficacemente le non conformit ambientali, argomento trattato nella successiva sezione 5.2.

5.1.1 Indicatori ambientali


Passiamo a focalizzare lattenzione sul concetto di sorveglianza e misurazione: per sorvegliare un impatto ambientale significativo devo poterlo misurare, quindi, in pratica, devo raccogliere e analizzare i dati ad esso correlati. Per avere sotto controllo le misurazioni individuate, opportuno che limpianto di depurazione individui, per ciascun aspetto ambientale da mettere controllo, un indicatore da misurare e sorvegliare. Nel caso del Vostro impianto di depurazione, molti dati di valenza ambientale sono gi presenti e senza dubbio ben gestiti: basti pensare alla mole di misurazioni e dati che scaturiscono dalla depurazione delle acque reflue (per esempio i valori di BOD, COD, ph, azoto, temperatura; i dati relativi alla quantit di acqua depurata; ecc.) e dal trattamento dei fanghi (valori di ph, quantit di fango disidratato, ecc.).
41

5 MISURAZIONI MISURAZIONI E VALUTAZIONI DEL SGA E VALUTAZIONI


A questi si possono aggiungere altri indicatori: qualora le emissioni in atmosfera, il rumore oppure gli odori sono valutati come aspetti significativi, deve essere prevista unattivit di rilevazione periodica degli stessi; il consumo di energia elettrica; il consumo di acqua industriale; il consumo di sostanze chimiche; la produzione di rifiuti. Per gestire gli indicatori individuati, consigliabile raccoglierli in un Programma di monitoraggio (utilizza il modulo nr.18) che prevede: gli indicatori da sottoporre a misurazione e sorveglianza; il metodo di esecuzione della misurazione e sorveglianza del dato (pu bastare anche una semplice carta di controllo), il che significa definire chi e come eseguire la misurazione; la frequenza temporale delle misurazioni (una vola al giorno, al mese, ecc.).

Vediamo un esempio: Aspetto ambientale Inquinamento acustico Indicatore Rumore ph Depurazione acqua reflua Azoto totale ecc. Parametri di riferimento Emissioni sonore ex L. nr. 447/95 6,5 7,5 < 10 mg / litro Metodologia di rilevazione Affidamento a laboratorio esterno Sonda in automatico Sonda in automatico Responsabilit Resp. ambientale Resp. Impianto Resp. Impianto Periodicit 1 volta lanno Continuo Continuo

Altrimenti, una seconda alternativa per rappresentare le attivit di misurazione consiste nellinserire nel flusso dei processi dellimpianto di depurazione le misurazioni e le sorveglianze da effettuare; vediamone un estratto:

Processi
Afflusso

Misurazioni e frequenza

pH, afflusso acqua reflua - In continuo

Grigliatura Conferimento fanghi esterni ecc.

Emissione odori - 1 volta lanno

Quantit fanghi - Per ogni conferimento

Si pu notare che, per realizzare il flusso dei processi dellimpianto di depurazione, possibile sfruttare il grafico dellAnalisi input/output ambientale, gi vista alla sezione 2.3.3 di queste linee guida. Attenzione: gli eventuali strumenti di misura utilizzati nelle attivit di misurazione devono essere sottoposti a regolare taratura e manutenzione (per esempio, le bilance di precisione per le attivit di laboratorio oppure le sonde per la rilevazione del PH dellacqua). Senza dubbio, quindi, questi strumenti devono essere sottoposti al controllo operativo (vedi sezione 4.4).
42

MISURAZIONI E E VALUTAZIONI DEL SGA 5 MISURAZIONI VALUTAZIONI DEL


Attenzione: gli aspetti ambientali collegati alla conformit alle leggi, per il solo fatto di essere cogenti, sono classificati significativi (vedi sezioni 2.3.2 e 3.1). Ne consegue che dovete prevedere un metodo per garantire (e garantiVi !!!) la Vostra periodica conformit alle leggi ambientali applicabili. Una volta individuate le norme ambientali di Vostro interesse (vedi sezioni 2.3.2 e 3.1), necessario evidenziare gli adempimenti (per esempio: compilazione del formulario secondo il D.Lgs 22/97) e quindi valutare la conformit normativa delle attivit dellimpianto di depurazione. Limpianto di depurazione, in tal senso, si dota di una tabella di controllo nella quale siano specificati: adempimenti da attuare; scadenze connesse agli adempimenti; conformit degli adempimenti (SI/NO); periodicit della verifica degli adempimenti; responsabile.

Se in particolare ladempimento unautorizzazione (autorizzazione allo stoccaggio, ecc.) opportuno che la tabella di controllo preveda: il tipo di autorizzazione; la scadenza; il tempo entro cui attivarsi per il rinnovo; lente preposto per il rilascio (provincia, comune etc.); il responsabile.

5.2 La gestione delle Non Conformit


Una non-conformit uno scostamento rispetto a risultati attesi, che derivano da criteri e modalit definiti nellambito del SGA. La non-conformit deve essere documentata per poter valutare in sede di Riesame della Direzione (cfr. sezione 6.1), almeno una volta allanno, quali sono i punti deboli su cui concentrare la pianificazione dellanno successivo. Per gestire al meglio le non-conformit agite secondo il seguente iter:

Identificate da quali attivit possono scaturire delle non-conformit,


generalmente esse possono essere: Attivit di manutenzione: la non-conformit pu nascere ad esempio dal mancato funzionamento di una stazione di pompaggio Attivit di controllo: la non conformit pu nascere ad esempio dal superamento dei valori limite del ph in uscita, a seguito delle previste misurazioni effettuate nel canale di scarico Attivit di sorveglianza: la non conformit pu nascere ad esempio dal mancato rispetto delle istruzioni per la corretta gestione dei rifiuti da parte del personale addetto Attivit di audit: la non conformit pu nascere ad esempio dalla mancata consapevolezza del responsabile amministrativo sui principi guida di carattere ambientale da implementare durante le attivit di acquisto di materie prime Reclami: la non-conformit pu nascere ad esempio dalle lamentele del vicinato in seguito alle emissioni di odori Emergenza: la non-conformit pu nascere dalla non applicazione delle istruzioni di intervento in casi di emergenze ambientali Riesame della direzione: la non-conformit pu nascere, ad esempio, dallestremo peggioramento di un indicatore ambientale considerato molto importante (valori del BOD).

Tutti i Collaboratori dellimpianto di depurazione possono rilevare non-conformit:


distribuite loro il modulo n. 12.
43

5 MISURAZIONI MISURAZIONI E VALUTAZIONI DEL SGA E VALUTAZIONI


Ciascun Collaboratori si rivolge al proprio responsabile per comunicare una non-conformit, che infine deve essere consegnato al Responsabile Ambientale per il trattamento.

Istruite i Collaboratori sulle modalit di compilazione di tale modulo


La non-conformit deve essere descritta in maniera chiara dal Collaboratore che lha rilevata, devono essere specificate le cause che lhanno generata al fine di fornire alle persone coinvolte tutti gli strumenti per risolvere la non-conformit sollevata. Documentate quindi le non-conformit con il modulo n. 12 vedi esempio (cfr. successivo punto 5.3)

5.3 Azioni correttive e preventive


Le azioni correttive sono le azioni intraprese quando vengono identificate attivit non conformi o scostamenti dalle politiche e dalle procedure del SGA o nelle attivit tecniche. Nel SGA devono essere definite delle responsabilit che analizzino sistematicamente le non conformit in modo da individuare eventuali scostamenti dalle politiche o dalle procedure, non conformit che potrebbero ripresentarsi o ogni altro problema che richiede azioni correttive che necessitano di tempi e/o risorse particolari. Lo stato di avanzamento e lefficacia di tutte le azioni correttive sono oggetto di discussione durante le riunioni di riesame del SGA da parte della direzione. La gestione delle azioni correttive comprende la definizione delle modalit adottate per assicurare lefficacia gestione delle non conformit mediante: la ricerca delle cause delle non conformit relative ai processi ed al sistema di gestione in generale; la definizione delle azioni correttive necessarie per eliminare le cause delle non conformit; lesecuzione di verifiche per assicurare che le azioni correttive siano attuate nei modi e nei tempi prestabiliti e risultino efficaci; lesecuzione di verifiche ispettive immediate, quando lidentificazione delle non conformit o scostamenti suscitano dubbi circa la conformit nei confronti delle politiche e procedure utilizzate nella gestione dellimpianto di depurazione. Le azioni preventive sono le azioni intraprese al fine di ridurre la probabilit del verificarsi di una non conformit e trarne vantaggio dalle opportunit di miglioramento. Lindividuazione di azioni preventive effettuata in sede di riesame della direzione. Nel SGA devono essere stabilite le modalit e le responsabilit per assicurare: luso di idonee fonti di informazione, quali: verifiche ispettive, attivit di assistenza, reclami, registrazione in genere, per evidenziare, analizzare ed eliminare cause potenziali di non conformit; lindividuazione dei mezzi necessari ad affrontare i problemi che richiedono azioni preventive; lattivazione delle azioni preventive e lesecuzione di verifiche per assicurare che tali azioni siano attuate nei modi e nei tempi prefissati e risultino efficaci; il riesame da parte della direzione delle informazioni relative alle azioni preventive intraprese. Documentate quindi le azioni correttive/preventive con il modulo n.12 = NON CONFORMITA !

44

MISURAZIONI E E VALUTAZIONI DEL SGA 5 MISURAZIONI VALUTAZIONI DEL


Il seguente esempio potr esserVi di aiuto:

Descrizione e analisi della causa della Non Conformit Mancata esecuzione della manutenzione ordinaria periodica alla pompa nr.18, a causa dellerrato inserimento della scadenza della manutenzione nel programma delle manutenzioni Tipologia di Non Conformit non conformit emergenza ambientale reclamo del Cliente nome: Rilevata da: Responsabile manutenzioni Data 25.03.2003 Firma:

Azione Correttiva

Azione preventiva

Descrizione: 1) Effettuazione della manutenzione ordinaria prevista 2) Corretto inserimento della scadenza della Descrizione: manutenzione della pompa nr.18 nel programma delle manutenzioni Azione Correttiva in azione da: Data: 15.04.2003 Firma del responsabile: Azione Preventiva in azione da: Data: Firma del responsabile:

Verifica dellefficacia: Data: 06.06.2003 Punti 1) e 2) eseguiti Firma:

Verifica dellefficacia: Data: Firma:

Figura: Esempio di rapporto di non conformit compilato

5.4 La gestione delle registrazioni del SGA


Per registrazioni si intendono tutti i documenti e moduli compilati nellambito di queste linee guida. importante che tali registrazioni siano raccolte sistematicamente, in modo che siano sempre rintracciabili. Per gestire al meglio e nel modo pi semplice la documentazione che avete creato per il SGA, procedete come descritto: Create un raccoglitore, dove inserire tutti i moduli compilati e firmati, ove necessario, suddivisi per anno di competenza. Tenete tali registrazioni per 3-5 anni. Create un ulteriore raccoglitore, dove inserire tutti i documenti di carattere legislativo e le registrazioni riguardanti adempimenti legislativi e le misurazioni effettuate per la corretta depurazione delle acque. Tenete tali registrazioni per 3-5 anni, salvo periodi pi lunghi se previsti da leggi e regolamenti. Prendete il modulo n. 19 Archiviazione delle registrazioni ed indicate per ogni singola registrazione, ovvero modulo compilato, presso quale funzione/Ufficio del Vostro SGA esso archiviato. Il seguente esempio pu esserVi di aiuto: Registrazione: Catasto delle sostanze pericolose Non conformit ambientali Catasto delle sostanze pericolose ... Archiviata presso: Responsabile ambientale Responsabile ambientale Responsabile sicurezza ...

Attenzione: ricordateVi che questi documenti rappresentano levidenza oggettiva, ovvero la prova, che avete svolto determinate attivit. Tenete quindi la documentazione in modo ordinato per facilitare la rintracciabilit.
45

5 MISURAZIONI MISURAZIONI E VALUTAZIONI DEL SGA E VALUTAZIONI


5.5 Laudit ambientale
Dopo aver pianificato ed attuato il SGA, lultimo passo del ciclo leffettuazione di un cosiddetto audit ambientale interno. Gli scopi dellaudit ambientale sono: verificare lefficace e corretta applicazione del SGA, il raggiungimento degli obiettivi aziendali in tema ambientale, il rispetto dei principi della Politica Ambientale e il processo di miglioramento continuo, verificare la conformit del Sistema alla normativa di riferimento ISO 14001:1996 Le valutazioni devono essere svolte in modo sistematico, documentato ed indipendente. Durante laudit avviene una valutazione a campione del rispetto della legislazione ambientale. importante sottolineare che laudit non un controllo in senso stretto, ma uno strumento gestionale finalizzato allo sviluppo ed al miglioramento continuo. Sulla base dei risultati raccolti vengono, infatti, analizzati i punti deboli (per i quali si devono ricercare le cause e non i colpevoli), in virt dei quali la direzione dellimpianto di depurazione pu pianificare nuovi obiettivi di miglioramento. Evidente, quindi, limportantissimo ruolo svolto dalle attivit di audit per il mantenimento e il miglioramento del SGA. Lattivit di audit stata recentemente regolamentata con lapposita norma ISO 19011:2002, che sostanzialmente la linea guida per una efficace e corretta gestione del processo di audit. In particolare, la norma pone laccento sullo scopo dellaudit, sulla pianificazione, attivit e conduzione dellaudit, sul ruolo e sulla competenza degli auditor (i valutatori). Nelleffettuazione degli audit interni al SGA dellimpianto di depurazione appare conveniente rifarsi, almeno per sommi capi, a queste linee guida emanate dallISO. Per pianificare al meglio lattivit di audit dovete predisporre un programma di audit. Il seguente esempio potr esserVi di aiuto: Area/Attivit da sottoporre ad audit Attivit di pulizia Attivit trattamento fanghi Gestione rifiuti ... Valutatori Mario Rossi Mario Rossi Mario Rossi ... Mese programmato Giugno 2003 Giugno 2003 Giugno 2003 ... Osservazioni Auditor esterno Auditor esterno Auditor esterno ...

Figura: esempio di programma di audit

Stabilite dunque il programma di audit attraverso il modulo n. 20 !


La metodologia da utilizzare per laudit ambientale interno la stessa adottata per lo svolgimento dellaudit sul posto in fase di analisi ambientale iniziale (cfr. sezione 2.3.1), ovvero, si utilizzano delle check-list per svolgere le attivit in modo sistematico e per documentare i risultati. I risultati dellaudit sono riassunti in un cosiddetto rapporto di audit. Il modulo nr.21 rappresenta un possibile modulo per documentare il rapporto di audit. Si intendono per non-conformit di audit quei rilievi effettuati dallauditor in riferimento ad un mancato rispetto della norma o della legislazione ambientale. Si tratta fondamentalmente dello stesso approccio che Voi utilizzate per le Vostre non-conformit rilevate internamente. Si intendono invece per osservazioni quei rilievi di minore entit, che possono costituire potenziali non conformit future oppure suggerimenti per migliorare la gestione ambientale.

Effettuate dunque il Vostro audit ambientale interno e documentatelo attraverso il modulo 21 !


46

MISURAZIONI E E VALUTAZIONI DEL SGA 5 MISURAZIONI VALUTAZIONI DEL


Laudit ambientale deve essere svolto da personale opportunamente qualificato e indipendente dallarea esaminata. Anche in questo caso sarebbe opportuno rifarsi alla qualifica dellauditor descritta nella norma ISO 19011:2002. Ad ogni modo, laudit pu essere svolto da Collaboratori dellimpianto di depurazione oppure da esterni: importante dimostrare lidonea competenza dellauditor che deve: conoscere il processo/servizio oggetto della verifica avere una specifica competenza e una formazione teorica e pratica sulla conduzione di verifiche ispettive mediante corsi interni e/o esterni Attenzione: ricordatevi che laudit ambientale interno argomento del riesame della direzione e pertanto deve essere svolto prima del riesame stesso; inoltre, i risultati dellaudit interno sono oggetto di verifica da parte dellente di certificazione e come tale laudit deve essere svolto prima della visita dellente di certificazione (questo non vale solo per la prima visita, ma per tutele visite dellente) Per pianificare dunque al meglio la Vostra certificazione ambientale dovete implementare il SGA almeno tre mesi prima ed effettuare laudit ambientale interno ed il riesame della direzione (cfr. sezione 6.1) almeno un mese prima dellarrivo dellente di certificazione.

47

6 IL RIESAME RIESAME E IL MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEL E IL DEL SGA


6 Il riesame e il miglioramento del SGA

6.1 Il riesame del SGA


Lultimo passo da fare per essere pronti alla certificazione il cosiddetto riesame della direzione. Il riesame della direzione uno strumento gestionale che supporta lazienda a pianificare in modo efficiente ed efficace il proprio miglioramento. Il riesame effettuato almeno una volta lanno. La frequenza una Vostra libera scelta: la norma ISO 14001:1996 non prescrive, infatti, lanno, ma per garantire il requisito di riesaminare il SGA per assicurare che continui ad essere adeguato ed efficace (cft. requisito 4.6, ISO 14001:1996), comunemente riconosciuta la necessit di effettuarlo con cadenza, appunto, annuale. Ci garantisce infatti un controllo completo su un ciclo intero delle attivit del SGA (audit interni ed esterni, valutazione degli obiettivi, traguardi e misurazioni, ecc.). Attenzione: qualora avvengono cambiamenti considerevoli nelle attivit dellimpianto di depurazione oppure eventi particolari, si consiglia di effettuare riesami della direzione straordinari. La conduzione del riesame spetta alla direzione dellimpianto di depurazione, che ha la responsabilit di effettuare una valutazione formale dello stato del SGA, della sua adeguatezza e della sua efficacia, in relazione alla politica ambientale ed agli obiettivi definiti. Pertanto dovete effettuarlo dopo laudit ambientale interno, il quale fornisce importanti elementi di valutazione del SGA. I partecipanti al riesame sono scelti dalla direzione: si consiglia di fare partecipare i Collaboratori che hanno responsabilit nella conduzione del SGA. Il riesame si suddivide sostanzialmente in due grandi fasi: una verifica delle attivit svolte dallultimo riesame ed una pianificazione delle attivit future. Per verificare quanto realizzato, nella prima fase del riesame della direzione:

valutate lanalisi degli aspetti ambientali (vedi sezione 2.3); raccogliete i dati ambientali dellanno appena trascorso (cfr. sezione 5.1: misurazioni della
depurazione delle acque, catasto delle sostanze pericolose, piano gestione rifiuti, ecc.), calcolate gli indicatori specifici e confrontateli con quelli dellanno precedente; raccogliete le registrazioni che avete effettuato durante lanno; valutate se si sono verificati particolari problemi tramite le non conformit; valutate i risultati dellaudit ambientale interno e le relative non conformit ed osservazioni rilevate; valutate se gli obiettivi del programma ambientale (anche quelli legati agli indicatori) sono stati raggiunti; in particolare valutate se i traguardi misurabili che avevate definito per quellanno sono stati raggiunti o meno; riportate i risultati della verifica della conformit legislativa, in altre parole se sono stati rilevati problemi di conformit o se ci saranno nuovi adempimenti da rispettare nellanno successivo; valutate se la politica ambientale necessita di adeguamenti

Quindi effettuate la pianificazione delle attivit del SGA per lanno successivo. Si tratta quindi di:

valutare nuovamente i Vostri aspetti ambientali in base ad eventuali cambiamenti occorsi


durante lanno;

stabilire il programma ambientale per lanno successivo, definendo obiettivi di miglioramento


(cfr. sezione 3.3 e 3.4);

48

6 IL RIESAME RIESAME E IL MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEL DEL SGA


definite il programma di formazione per lanno successivo in base ad eventuali carenze rilevate
(cfr. sezione 4.1.3);

stabilite quando effettuare il prossimo audit ambientale interno attraverso il programma di audit
(cfr. punto 5.5). Documentate i principali risultati del riesame attraverso il modulo n.22, indicando lanno di competenza. Ovviamente, la prima volta che effettuate il riesame della direzione prima dellarrivo dellente di certificazione, non ci saranno da valutare e confrontare i risultati dellanno trascorso, ad esempio con indicatori, programmi, ecc. ma si tratter soprattutto di discutere quanto emerso dallaudit ambientale interno, sullo stato di implementazione del sistema e di partecipazione da parte del personale.

6.2 Il miglioramento continuo


Il concetto di miglioramento continuo lanima di un SGA. Il miglioramento continuo raggiunto attraverso la valutazione continua della prestazione ambientale in confronto con la politica ambientale, con gli obiettivi e traguardi dellimpianto di depurazione e con il suo SGA, al fine di individuare le opportunit per migliorare. I vantaggi di un SGA consistono in miglioramenti sostanziali nelle proprie prestazioni ambientali, identificando inefficienze e possibili aree di risparmio su costi spesso non immediatamente evidenti, ma consistenti. Si delinea cos un'immagine ambientale forte, che si traduce in capacit di risposta alle richieste rispetto alle proprie prestazioni ambientali e nel fornire informazioni continue ai cosiddetti stakeholder (le parti interessate: autorit, cittadini, gruppi ambientalisti, ecc.): la riduzione dei rischi ambientali garantisce all'impianto di depurazione, infatti, un importante credibilit nei confronti delle parti interessate. Il processo di miglioramento continuo deve: identificare le aree dove vi opportunit di migliorare il SGA, con conseguente miglioramento della prestazione ambientale; individuare la causa profonda o le concause delle non-conformit e delle insufficienze; sviluppare e attuare piani di azioni correttive e preventive per risolvere le cause profonde delle non conformit; verificare lefficacia delle azioni correttive e preventive; documentare ogni cambiamento di procedure che consegue a un processo di miglioramento; confrontare i risultati ottenuti con obiettivi e traguardi. Il miglioramento continuo dovrebbe essere un obiettivo permanente di una organizzazione dotata di un SGA e orientata alla tutela dellambiente !

49

7 CONCLUSIONE CONCLUSIONE
7 Conclusione

Al termine di queste linee guida, cosa possiamo aggiungere per aiutare un depuratore ad applicare un Sistema di gestione Ambientale, conforme alle norme ISO 14001:1996 ? Senza dubbio il settore cui si rivolgono queste linee guida , per quanto attiene la necessit di implementare Sistemi di gestione Ambientali, relativamente limitato; le ragioni che normalmente spingono unorganizzazione a dotarsi di un SGA sono solo in parte, infatti, rintracciabili in un depuratore. Eppure il ruolo strategico ricoperto dai depuratori nella conservazione della risorsa idrica dovrebbe sollecitare enti pubblici e privati operanti nel settore a confrontarsi con la sfida delle norme ISO 14001, per migliorare non solo la depurazione delle acque ma tutti gli impatti ambientali dellimpianto. Il crescente successo delle certificazioni ambientali a livello internazionale dimostra la bont dellapproccio alla tutela dellambiente proposto dalle norme ISO 14001, nei pi variegati e diversi settori economici e produttivi; un SGA propone, infatti, risposte e strumenti adeguati per realizzare la propria cultura ambientale, in equilibrio con le proprie finalit economico-produttive. Come il lettore avr notato, proponiamo un SGA fondato sullanalisi degli aspetti ambientali significativi: eseguire una corretta analisi facilita il successivo lavoro di realizzazione del Sistema e, aspetto cruciale, una sua gestione nel tempo facile ed efficace, nonch orientata al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali. Appare fondamentale per coloro che intendono realizzare nel proprio impianto di depurazione un SGA, da sottoporre anche alla certificazione ISO 14001, la metodologia da adottare. In queste linee guida abbiamo insistito in un modello il pi semplice ed efficace possibile: semplice nella realizzazione e gestione, efficace nel realizzare i propri obiettivi e traguardi ambientali, elementi questi che rappresentano il fine ultimo di un SGA orientato al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali. Non ci resta che augurarVi buon lavoro.

50

N NOTE OTE

51

NOTE NOTE

52

N NOTE OTE

53

Il crescente interesse, al livello internazionale, della certificazione ambientale, dimostra il successo dellapproccio alla tutela dellambiente cos come proposto dalle norme ISO 14001, nei pi variegati e diversi settori economici e produttivi. Un sistema di gestione ambientale propone, infatti, risposte e strumenti adeguati per realizzare la propria cultura ambientale, in equilibrio con le proprie finalit economico-produttive. Il compito di unistituzione pubblica consiste anche nel supportare e nel sensibilizzare la cultura ambientale e il rispetto per lambiente. Queste linee guida sono state scritte per sollecitare enti pubblici e privati operanti in impianti di depurazione di acque reflue a introdurre in modo semplice e corretto un Sistema di gestione Ambientale. Tale sistema deve permettere di valutare e gestire tutti gli aspetti e gli impatti ambientali di un impianto di depurazione e delle sue attivit, nonch garantire il rispetto delle prescrizioni e degli adempimenti previsti dalla legislazione. Un impianto di depurazione eco-efficiente deve valorizzare allesterno il proprio impegno ambientale mediante il coinvolgimento della comunit locale. Lutilizzo della certificazione ISO 14001 permette di accrescere laffidabilit della gestione dellimpianto, di salvaguardare la salute e lambiente dei cittadini. La maggior parte delle acque reflue in Alto Adige confluiscono nei relativi impianti di depurazione. In futuro lo scopo sar di mantenere la qualit della depurazione delle acque e, ove necessario tale qualit dovr essere miglioriata. Limplementazione di un sistema di gestione ambientale lo strumento adatto per soddisfare tale scopo. Con questa pubblicazione, si intende fornire agli impianti di depurazione di acqua reflue linee guida pratiche ed operative per la realizzazione di un Sistema di gestione Ambientale semplificato e certificabile. Sono fermamente convinto che queste linee guida, il cui contenuto stato adottato e messo in pratica nellimpianto di depurazione di acque reflue di Bolzano, offrano agli impianti di depurazione un buon supporto per lintroduzione di Sistemi di gestione Ambientali e quindi servizi compatibili con lambiente.

dott. Michl Laimer

Assessore allambiente, energia, urbanistica ed informatica