Sei sulla pagina 1di 1

http://it.bertha-dudde.

org/

Il Perdono dei peccati

B.D. No. 0444


31 maggio 1938

ntrate in voi e riconoscete i vostri peccati. E quando avete sbagliato, chiedete al Signore il Perdono e la Sua Grazia. Ma se credete che delle ininterrotte preghiere che non provengono dal pi profondo del cuore giungano a Dio, se credete che il Signore perdoni solamente a coloro che per questa vita attraverso il privilegio siano pi vicini al Signore, coloro che si sono preparati uno schema secondo il quale tutti i peccati vengono rimessi in un tempo determinato secondo un programma, il Signore vuole insegnarvi qualcosa di meglio. Attraverso il divino Amore del Salvatore vi siete conquistati il diritto di potervi liberare dai vostri peccati, se li confessate nel cuore pi interiore, ne sentite un sincero pentimento e supplicate contemporaneamente il Signore e Salvatore per la Sua divina Compassione, che Egli voglia togliervi questi peccati, e che vi proponete seriamente, di evitare questi peccati per amore per il divino Salvatore. Tutto ci che luomo riconosce come ingiustizia, deve anche essere aborrito nel cuore, e questo far anche di nuovo maturare in loro la premessa di evitare il peccato, e se poi portate anche una seria mentalit come un figlio verso il Padre, di non volerLo mai rattristare attraverso una tale ingiustizia, se si unisce con questo abominio verso il peccato un profondo pentimento e la premessa di migliorare, allora il Signore prende amorevolmente al Suo Cuore il pentito peccatore e gli perdona i suoi peccati. Ma nel mondo si sono instaurati degli usi e costumi, secondo i quali si pu essere sollevati dai peccati in modo del tutto meccanicamente. E con ci ad un male ed oltraggio maggiore stato dato un favoreggiamento allumanit. Perch la remissione dei peccati diventato un malcostume che uccide la fede, perch si svolto in modo che con ci stato menzionato infine bens il sentimento del cuore, ma che i meno dei peccatori si adoperano di entrare in una totale presa di contatto con il Signore, che sono state bens adempiute tutte le condizioni cerimoniali, ma il vero atto del perdono dei peccati ha lasciato gli uomini nella credenza di aver compiuto il loro dovere, ma che il cuore delluomo non ha per nulla adempiuto le condizioni, che sono necessarie per il Perdono dei peccati attraverso il Signore. E con ci un insegnamento errato ha conquistato sempre di pi il sopravvento, che bens buono e nobile nel suo fondamento ed intenzione, ma abitua gli uomini solamente ad un esercizio obbligatorio di una azione, che in tutta la sua profondit non viene afferrato abbastanza seriamente, ma che cos infinitamente necessario per la salvezza dellanima degli uomini. Interruzione

Bertha Dudde - B.D. br. 0444 - 1/1