Sei sulla pagina 1di 24

29/12/13

ENCI CLOPEDI A SCUOLA

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani


REPETI TA WEB TV MAGAZ I NE COMMUNI TY I STI TUTO CATALOGO
Login Registrati

Enciclopedia

Vocabolario

Sinonimi

Dizionario Biografico degli I taliani

autoritarismo
Home Enciclopedia Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali
CO ND IV ID I

(0)

Autoritarismo
Enciclopedia delle scienze sociali (1991) di Juan J. Linz Autoritarismo sommario: 1. Definizione. 2. Per una tipologia dei regimi autoritari. 3. Regimi autoritari burocratico-militari. 4. Lo statalismo organico. 5. Regimi autoritari di mobilitazione nelle societ post-democratiche. 6. Regimi autoritari di mobilitazione dopo l'indipendenza. 7. Il dominio personale. 8. I regimi autoritari post-totalitari. 9. Conclusione. Bibliografia. 1. Definizione

CATEGORIE
STORIA CONTEMPORANEA in Storia LINEE E TENDENZE POLITICHE in Scienze Politiche POLITOLOGIA in Scienze Politiche
Vedi tutte le categorie

TAG
totalitarismo theodor geiger

Definiamo autoritari diversi sistemi politici non democratici e non totalitari, se sono: "sistemi a pluralismo politico limitato, la cui classe politica non rende conto del proprio operato, che non sono basati su un'ideologia guida articolata, ma sono caratterizzati da mentalit specifiche, dove non esiste una mobilitazione politica capillare e su vasta scala, salvo in alcuni momenti del loro sviluppo, e in cui un leader, o a volte un piccolo gruppo, esercita il potere entro limiti mal definiti sul piano formale, ma in effetti piuttosto prevedibili" (v. Linz, 1964, p. 225). Questa definizione, elaborata contrapponendo i sistemi autoritari alle democrazie competitive, da una parte, e al tipo ideale di sistema totalitario, dall'altra (v. Linz, 1964, Opposition..., 1973, The future..., 1973), opera una distinzione netta tra sistemi autoritari e sistemi democratici, mentre non distingue altrettanto nettamente i primi dai sistemi totalitari, in quanto pu adattarsi anche alle situazioni e ai regimi pre- e post-totalitari. Un'ulteriore delimitazione consiste nell'esclusione dei regimi tradizionali legittimi, delle monarchie semicostituzionali del XIX secolo, liberali ma non democratiche, e delle democrazie censitarie, in cui il CREA UN EBOOK CON QUESTA VOCE (0) suffragio ristretto rappresent un passo avanti nel processo evolutivo verso le moderne democrazie competitive basate sul suffragio universale maschile. Le democrazie oligarchiche, che, soprattutto in America Latina, hanno resistito alle spinte verso un'ulteriore democratizzazione conservando limitazioni al suffragio basate sull'analfabetismo, sul controllo o sulla manipolazione delle elezioni, sul frequente ricorso al potere moderatore dell'esercito, sull'esistenza di partiti non differenziati, si collocano in una posizione di confine, pi vicine alla democrazia per quel che riguarda la concezione della costituzione e dell'ideologia, ma pi simili da un punto di vista sociologico ad alcuni regimi autoritari.Il nostro concetto di autoritarismo incentrato sul modo di esercitare e organizzare il potere, sui suoi legami con la societ, sulla natura dei sistemi di credenze che lo sostengono e sul ruolo dei cittadini nel processo politico, mentre non considera il contenuto effettivo delle varie politiche, gli obiettivi perseguiti, la raison d'tre dei regimi autoritari. Esso non ci dice molto sulle istituzioni, sui gruppi e sugli strati sociali che fanno parte del pluralismo limitato, o su quelli che ne sono esclusi. Il fatto che sottolinei gli aspetti pi strettamente politici espone questo concetto ad alcune di quelle stesse accuse di formalismo mosse al concetto generale di totalitarismo, e peraltro anche di democrazia. Noi caratterizziamo i regimi, indipendentemente dalle politiche che perseguono, in base al particolare modo in cui trattano problemi che tutti i sistemi politici si trovano ad affrontare, per esempio i rapporti tra politica e religione, o tra
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/

cursus honorum haile selassie max weber status quo action francaise

APPROFONDIMENTI IN TRECCANI
Autoritarismo si trova anche nelle opere

E NC IC LO PE D IA ITA LIA NA - V A PPE ND IC E (1991)

AUTORITARISMO
AUTORITARISMOIn prim a approssim azione l'a. si pu considerare com e quel com plesso di fenom eni che si m anifestano nell'im posizione dall'alto, in form a gerarchica e con il ricorso alla coercizione, di com andi, ordini, obbedienza. Abitualm ente, l'a. v ie...
Vedi tutti i ris ultati

D IZ IO NA R IO D I S TO R IA (2010)

AUTORITARISMO
autoritarism o Term ine usato in rapporto a tre tipi di fenom eni: personalit, ideologie, regim i. I tratti della personalit autoritaria sono essenzialm ente la sottom issione e laggressione, la ricerca esasperata dellordine e il rifiuto dellam biguit...
Vedi tutti i ris ultati

ALTRI APPROFONDIMENTI

1/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

politica e intellettuali. Anche le condizioni in cui i regimi emergono, si stabilizzano, si trasformano ed eventualmente crollano sono piuttosto differenziate. Il carattere generale e astratto della definizione proposta rende necessario abbandonare il piano dell'astrazione per addentrarci nello studio dei vari sottotipi.La caratteristica fondamentale rimane l'elemento pluralistico, ma non si sottolineer mai abbastanza che, al contrario di quanto avviene nelle democrazie, con il loro pluralismo politico quasi illimitato e istituzionalizzato, ci troviamo qui di fronte a un pluralismo limitato. stato suggerito che avremmo potuto definire questi sistemi 'regimi a monismo limitato', termini che suggerirebbero la sfera entro cui questi regimi operano. La limitazione del pluralismo pu essere de iure o de facto, attuata in modo pi o meno efficace, circoscritta a gruppi strettamente politici o estesa a gruppi di interesse, purch si tratti di gruppi non creati n dipendenti dallo Stato, che influenzano il processo politico. Alcuni regimi arrivano persino a istituzionalizzare la partecipazione politica di un numero limitato di gruppi o di istituzioni indipendenti e anche a incoraggiarne l'affermazione, senza comunque lasciare alcun dubbio sul fatto che, in ultima istanza, sono i governanti a determinare quali gruppi possano esistere e a quali condizioni. Il potere politico non tenuto, n de iure n de facto, a rendere conto del proprio operato, attraverso tali gruppi, ai cittadini, in contrasto con quanto avviene nei governi democratici, dove le forze politiche dipendono formalmente dal sostegno dei collegi elettorali. Nei regimi autoritari gli uomini che salgono al potere come rappresentanti dei punti di vista di diversi gruppi e istituzioni non devono la loro posizione solo al sostegno di questi gruppi, ma anche alla fiducia riposta in loro dal leader o dal gruppo dirigente, che tengono conto del loro prestigio e della loro influenza. Grazie a un processo costante di cooptazione dei leaders, diversi settori o istituzioni entrano a far parte del sistema; questo meccanismo spiega le caratteristiche dell'lite: una certa eterogeneit sotto il profilo della formazione culturale e dei modelli di carriera e una prevalenza di burocrati, tecnici specializzati, militari di carriera, rappresentanti di gruppi d'interesse e, a volte, di gruppi religiosi rispetto ai politici di professione. In alcuni di questi regimi un partito - ufficiale, unico o privilegiato - costituisce una componente pi o meno importante del pluralismo limitato. Sulla carta partiti del genere spesso pretendono lo stesso potere monopolistico dei partiti totalitari e presumibilmente svolgono le stesse funzioni, ma in realt vanno tenuti ben distinti. L'assenza, o la debolezza, di un partito politico spesso fa s che organizzazioni laiche legate alla Chiesa o da essa patrocinate diventino un serbatoio di quadri dirigenti, con una funzione non molto diversa da quella che svolgono nel reclutamento delle lites dei partiti democratico-cristiani (v. Hermet, 1973). Il partito unico basato il pi delle volte sulla fusione di elementi diversi anzich su un corpo unico irreggimentato ed pi una creazione di coloro che sono al potere che un partito che ha conquistato il potere, come accade invece nei sistemi totalitari. Useremo il termine 'mentalit' anzich 'ideologia', seguendo la distinzione fatta dal sociologo tedesco Theodor Geiger (v., 1932, pp. 77-79). Secondo Geiger, le ideologie sono sistemi di pensiero pi o meno elaborati e strutturati, spesso in forma scritta, da intellettuali o pseudointellettuali, o con il loro aiuto; le mentalit sono modi di pensare e di sentire, pi emotivi che razionali, che influenzano il comportamento senza codificarlo.I regimi autoritari burocratico-militari riflettono in misura maggiore la mentalit dei loro governanti. In altri regimi troviamo un consenso sul programma e in altri ancora un complesso di idee mutuate da varie fonti e messe insieme alla rinfusa per dare l'impressione che costituiscano un'ideologia nell'accezione valida per i sistemi totalitari. I regimi autoritari che si trovano alla periferia di centri ideologici si sentono costretti a imitare, incorporare e manipolare gli stili ideologici dominanti, e ci pu creare equivoci fra gli studiosi. La complessa coalizione di forze, interessi, tradizioni politiche e istituzioni - che fanno parte del pluralismo limitato - esige che i governanti usino come referente simbolico il minimo comune denominatore. Valori generici quali il patriottismo e il nazionalismo, lo sviluppo economico, la giustizia sociale e l'ordine, oltre all'assimilazione cauta e pragmatica di elementi ideologici mutuati dai centri politici dominanti, danno ai governanti privi del sostegno di una mobilitazione di massa la possibilit di neutralizzare gli oppositori, di cooptare una vasta gamma di sostenitori, di decidere
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/

VOCABOLARIO
autoritarismo
autoritarism o s. m . [der. di autoritario, sullesem pio del fr. autoritarism e]. Form a esasperata di abuso dellautorit, che in quanto tale pu essere riferita a persone, istituzioni e ideologie. Pi correntem ente, atteggiam ento o

autoritario
autoritrio agg. [der. di autorit, sullesem pio del fr. autoritaire]. Che fa v alere la propria autorit, che im pone ferm am ente e talora duram ente o dispoticam ente la propria v olont su chi gli sottoposto: un capo, un preside, un diri

Vedi tutti

2/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

in modo pragmatico quali politiche adottare. Le mentalit e le semi- o pseudoideologie diminuiscono la tensione utopistica in politica e in tal modo riducono i conflitti, che altrimenti richiederebbero o l'istituzionalizzazione o una maggiore repressione. La mancanza di ideologia limita la capacit di mobilitare la popolazione, di creare l'identificazione psicologica ed emotiva delle masse. L'assenza di un valore supremo, di obiettivi di lungo respiro, di un modello di societ ideale riduce l'attrattiva dei regimi autoritari agli occhi di coloro che danno alle idee e ai valori un'importanza centrale e pu spiegare l'estraniazione degli intellettuali, degli studenti, dei giovani e delle persone profondamente religiose. La scarsa e limitata mobilitazione politica una caratteristica dei regimi autoritari. In alcuni la spoliticizzazione delle masse rientra nelle intenzioni dei governanti, in altri i governanti, all'inizio, intendevano indurre i loro sostenitori e la popolazione a un coinvolgimento attivo. La lotta per l'indipendenza da un potere coloniale, il desiderio di integrare nel processo politico settori della societ trascurati da tutte le leaderships precedenti, o la sconfitta di un oppositore con grande seguito popolare in societ in cui la democrazia aveva permesso e incoraggiato tale mobilitazione fanno emergere regimi autoritari di mobilitazione, nazionalisti, populisti o fascisti. La necessit di mantenere un equilibrio all'interno del pluralismo limitato riduce l'efficacia della mobilitazione di un partito unico e in ultima analisi conduce all'apatia i membri e gli attivisti.Il pluralismo limitato dei regimi autoritari genera modelli complessi di semiopposizione e di pseudoopposizione (v. Linz, Opposition..., 1973). La semiopposizione propria di gruppi non dominanti n rappresentati nel gruppo di governo, parzialmente critici, ma disposti a partecipare al potere senza sfidare fino in fondo il regime. Essi distinguono tra il governo e alcuni aspetti dell'ordinamento istituzionale e il leader del regime, e accettano la legittimit storica o almeno la necessit della formula autoritaria. Non raro che la semiopposizione diventi un'opposizione extralegale: essa ha perso la speranza di trasformare il regime dall'interno, ma non ancora pronta a intraprendere attivit illegali o sovversive e gode di una tolleranza intermittente, a volte basata su legami personali. Anche la debolezza dei tentativi di socializzazione politica spiega perch la terza generazione, una volta scoperta la politica, opti per un'opposizione extralegale. L'autonomia di certe organizzazioni sociali, la tendenza a una relativa liberalizzazione, una maggiore partecipazione alle organizzazioni del regime e la parziale apertura verso altre societ creano i presupposti per l'emergere di un'opposizione extralegale, che a volte serve da facciata per un'opposizione illegale, pronta a infiltrarsi nelle organizzazioni del regime. L'opposizione spesso incanalata in organizzazioni formalmente apolitiche a carattere culturale, religioso o professionale. La posizione particolare della Chiesa cattolica sotto un governo autoritario le assicura una certa autonomia, che serve a convogliare l'opposizione di classi sociali, minoranze culturali, giovani ecc. e a far emergere nuovi leaders. Poich si tratta di un'istituzione destinata a sopravvivere a qualsiasi regime, anche a quelli con cui si identificata in un particolare momento storico, probabile che riacquisti la sua autonomia quando compaiono segnali di crisi, allo stesso modo di altre istituzioni, che potrebbero avere conservato una notevole autonomia, come la magistratura, la categoria dei professionisti e quella dei funzionari statali.I regimi autoritari sono difficili da studiare, poich non hanno mai, in nessun caso, acceso l'immaginazione di intellettuali e attivisti, n hanno ispirato un'internazionale fra i partiti sostenitori del loro modello, e i loro leaders si sono sentiti obbligati a scimmiottare i pi attraenti modelli totalitari. Negli anni trenta, grazie alla capacit dell'ideologia del corporativismo di combinare una grande variet di retaggi ideologici e di collegarsi alla dottrina sociale cattolica conservatrice, sembr che i regimi autoritari offrissero un'alternativa, ma il loro evidente fallimento ha pregiudicato questo terzo modello politico. 2. Per una tipologia dei regimi autoritari Se la definizione astratta, sopra proposta, di regime autoritario utile, dovrebbe permetterci di delineare alcuni sottotipi. Il pluralismo limitato, al contrario del monismo, produce tipologie che tengono conto di quali istituzioni e quali gruppi
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 3/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

siano ammessi a partecipare alla vita politica, e in che modo, e quali ne siano esclusi. Se il rifiuto della mobilitazione a distinguere tali regimi dal totalitarismo, le ragioni della mobilitazione limitata e la sua natura dovrebbero fornire un ulteriore parametro.Il pluralismo limitato assume una variet di forme, a seconda della posizione pi o meno preminente dei diversi gruppi o istituzioni. I regimi autoritari vanno da quelli dominati da un'lite burocratico-tecnocratico-militare, preesistente al regime, ad altri in cui la partecipazione politica viene mediata da un partito unico o dominante che emerge dalla societ. In altri regimi diversi gruppi e istituzioni sociali vengono creati o ammessi a partecipare al processo politico nella forma del cosiddetto statalismo organico, spesso definito - in termini ideologici 'corporativismo' o 'democrazia organica'.Se guardiamo invece all'aspetto della partecipazione limitata e/o controllata, dell'apatia politica della maggior parte dei cittadini, tollerata o incoraggiata che sia, troviamo che nei regimi burocraticotecnocratico-militari sono pochi - seppure esistono - i canali che danno adito alla partecipazione e che i governanti non hanno neppure interesse a manipolarla. Troviamo anche regimi che tentano di mobilitare i cittadini attraverso canali monopolistici ben precisi, soprattutto un partito unico o dominante e le organizzazioni di massa e funzionali che ne dipendono. Nella misura in cui un tale partito non viene concepito per escludere altre organizzazioni e istituzioni da un pluralismo politico limitato e non le invade completamente, ci troviamo di fronte a regimi di mobilitazione, diversi sia da quelli burocratico-tecnocratico-militari, sia da quelli che abbiamo raggruppato sotto l'etichetta di statalismo organico. A seconda delle circostanze in cui sono apparsi, questi regimi rientrano in due categorie: a) i regimi retti da un partito di mobilitazione, unico o dominante; b) le societ post-democratiche. Il partito unico (o dominante) emerge dalla societ nel corso della lotta per l'indipendenza, conquistandosi una posizione di dominio, che protegger sia abolendo quelle libert politiche che porterebbero all'affermazione di altri partiti, sia cooptando o persino corrompendo i potenziali concorrenti. All'inizio questi regimi si basano su una notevole mobilitazione e potrebbero prendere una direzione totalitaria, ma poi divengono regimi in cui il partito, che in origine faceva affidamento sulla mobilitazione, costituisce una componente importante della struttura del potere. Nelle societ post-democratiche un governo puramente burocratico-militare o uno basato sulla rappresentanza, propria dello statalismo organico, di un numero ben definito di gruppi sociali e di interessi istituzionali non sono realizzabili, perch gran parte della societ conta su una qualche forma di partecipazione. Regimi del genere si affermano quando la lotta per l'esclusione di specifici settori della societ ha richiesto una certa mobilitazione e la creazione di un partito, di organizzazioni di massa e persino di organizzazioni coercitive in aggiunta alle strutture burocratiche della polizia e dell'esercito. Se questi partiti e movimenti hanno mirato, senza ottenerlo, a un monopolio totalitario del potere, possiamo parlare di sistemi totalitari difettosi o bloccati. Dal momento che il processo di instaurazione di un sistema totalitario vero e proprio non si conclude il giorno stesso della presa del potere, possiamo includere tra le situazioni autoritarie anche le fasi pre-totalitarie di certi sistemi politici. Infine il modo in cui il pluralismo limitato si afferma dopo un governo totalitario ci induce a parlare di regimi post-totalitari. Le varie forme di pluralismo limitato corrispondono, pi o meno, a modi diversi di articolare le idee che legittimano il sistema. Nel caso di governi burocratico-militari, le idee non sono molto articolate in termini intellettuali; possiamo parlare pi che altro di mentalit, prestando scarsa attenzione alle formule ideologiche, che tendono a essere semplicistiche e spesso di seconda mano. probabile invece che i regimi autoritari di mobilitazione, soprattutto quando assegnano un ruolo importante al partito unico o dominante e tentano di incoraggiare la partecipazione dei cittadini, si affidino a formule ideologiche. La relativa mancanza di articolazione e di complessit di queste formule e spesso il loro carattere secondario contribuiscono a deteriorare la componente di mobilitazione e quindi il partito e la partecipazione di massa. Ne risulta un avvicinamento di molti regimi autoritari di mobilitazione al tipo burocratico-militare o allo statalismo organico. Solo nel caso di regimi autoritari di mobilitazione post-democratici, dominati da un partito fascista che gi prima di prendere il potere era una forza politica rilevante, l'ideologia rimane in effetti un importante fattore indipendente,
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 4/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

non del tutto riducibile alla nostra nozione di mentalit.I regimi autoritari burocratico-militari, che non hanno elaborato n un'istituzionalizzazione pi complessa del pluralismo limitato sotto forma di statalismo organico, n un partito unico, sono in qualche modo i regimi autoritari paradigmatici, lontani dai sistemi politici democratici, ma anche dal totalitarismo moderno. Le occasioni di partecipazione alla vita politica e quindi di accesso al potere, proprie dei regimi autoritari di mobilitazione, avvicinano questi al tipo ideale di sistema democratico. Tuttavia questi regimi rappresentano un ostacolo alla sopravvivenza e all'influenza politica del pluralismo societario, e si contrappongono alla libert di organizzazione caratteristica dei sistemi democratici. Lo statalismo organico, istituzionalizzando il pluralismo esistente e incorporandolo nel processo politico, senza accordare il monopolio a un'unica organizzazione politica, pi vicino al pluralismo che si sviluppa spontaneamente nel quadro di una societ libera, ma sacrifica maggiori possibilit di partecipazione del cittadino medio agli interessi di varie lites. Lo statalismo organico pi distante dall'idea di partecipazione dei cittadini di quanto non lo siano i regimi di maggiore mobilitazione.Molti regimi si trovano a cavallo tra questi vari tipi ideali e molti combinano elementi pi o meno importanti in diverse fasi della loro storia. Molti regimi si affermano come burocrazie militari, ma, dopo essersi consolidati al potere, esplorano le altre alternative e tentano di trasformarsi in statalismi organici e, senza successo, in regimi di mobilitazione. 3. Regimi autoritari burocratico-militari Il sottotipo pi frequente costituito da quei regimi in cui una coalizione, controllata in modo prevalente ma non esclusivo da ufficiali dell'esercito, burocrati e tecnocrati, assume il controllo del governo ed esclude o include altri gruppi senza affidarsi a un'ideologia specifica, agisce in modo pragmatico nei limiti della mentalit burocratica e non crea un partito unico di massa, n gli consente di svolgere un ruolo dominante. Questi regimi possono operare senza partiti, ma spesso hanno creato un partito unico ufficiale sostenuto dal governo, il quale, pi che mirare a una mobilitazione controllata della popolazione, tende a ridurne la partecipazione politica. In diversi casi questi regimi permettono l'esistenza di un sistema pluripartitico, assicurandosi per che le elezioni non offrano, neppure ai partiti autorizzati, alcuna possibilit di libera competizione per ottenere il sostegno popolare, e, ricorrendo a manipolazioni, che vanno dalla cooptazione e dalla corruzione alla repressione, tentano di assicurarsi la collaborazione o la sottomissione dei partiti stessi, o di neutralizzarne l'azione (v. Janos, 1970).La letteratura di stampo pi polemico tende a tacciare di fascismo i regimi di questo genere, soprattutto perch - negli anni tra le due guerre mondiali - essi adottarono slogan, simboli e uno stile fascisti, nonch alcuni degli elementi pi opportunistici dei movimenti fascisti. Il ruolo dominante rivestito dall'esercito e il fatto che molti ufficiali svolsero una funzione importante, anche dove l'esercito - in quanto istituzione - non assunse il potere, hanno indotto a classificare questi regimi come dittature militari; ma anche quando essi nacquero come dittature militari, non si pu ignorare la loro struttura politica assai pi complessa e il ruolo importante dei leaders civili, soprattutto dei pi alti funzionari statali, ma anche dei professionisti e degli esperti, oltre che degli esponenti politici dei partiti preesistenti al colpo di Stato (v. Janos, 1970 e 1982; v. Roberts, 1951; v. Tomasevich, 1955; v. Cohen, 1973; v. Macartney, 1962; v. Payne, 1987). In molti di questi regimi le istituzioni tradizionali, come la monarchia e, in misura minore, la Chiesa, o le classi sociali premoderne, come quella dei grandi proprietari terrieri, svolsero un ruolo importante, ma sarebbe errato definire tradizionali tali sistemi. Tanto per cominciare, la legittimazione tradizionale della monarchia nei paesi con regimi del genere era, salvo qualche eccezione, relativamente debole (v. Clogg e Yannopoulos, 1972).Nonostante un certo arbitrio nell'esercizio del potere, questi regimi fecero un notevole sforzo per operare in un quadro legalitario: promulgarono costituzioni modellate su quelle delle democrazie liberali occidentali, conservarono il pi a lungo possibile forme parlamentari pseudocostituzionali, fecero uso delle procedure legali e dei tribunali e, soprattutto,
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 5/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

pretesero dai funzionari e dagli ufficiali un'obbedienza basata non tanto sull'accettazione delle loro politiche, dei loro programmi o del loro carisma, quanto sull'autorit della legge. Questo legalitarismo, inerente alla formazione di molti detentori del potere funzionari statali e politici di un precedente sistema democratico pi liberale -, porta spesso a curiose contraddizioni: esso assicura sorprendentemente un certo spazio alla libert individuale, ma si rende responsabile di alcuni tra i pi oltraggiosi abusi di potere, quali l'assassinio politico, l'esecuzione di oppositori "mentre cercavano di fuggire" (anzich dopo un processo o, come nei sistemi totalitari, dopo un processo farsa) e l'uso della violenza privata con la connivenza delle autorit. In questi regimi, invece di una 'legalit rivoluzionaria', si attua una distorsione o una perversione della legalit. In tempi pi recenti il fenomeno dei desaparecidos in Argentina, in Cile e in altri paesi rappresenta una nuova forma di repressione messa in atto da questo tipo di regimi. Alcuni degli uomini che assumono il controllo sono alti funzionari statali, spesso esperti in materia fiscale, incaricati di realizzare riforme fiscali, di promuovere un certo grado di intervento governativo nell'economia e di incoraggiare l'industrializzazione, senza, comunque, creare un settore pubblico su vasta scala (v. Janos, 1970, pp. 212-216). Le loro politiche sono pragmatiche, attente ai cicli economici e al sistema economico internazionale, e quindi tendono ad adottare una variet di misure spesso non troppo dissimili da quelle in vigore nei paesi con altri sistemi politici. Questi regimi sono comparsi in societ ancora poco industrializzate, con un'agricoltura scarsamente modernizzata e con una popolazione rurale numerosa, composta in genere di contadini poveri e/o di braccianti agricoli o di affittuari; societ caratterizzate, nonostante lo scarso livello di sviluppo economico, da un processo di urbanizzazione piuttosto avanzato, da una diffusione dell'istruzione relativamente ampia e quindi dalla crescita di un ceto medio di professionisti alla ricerca di un impiego statale o parastatale. I sostenitori principali e i quadri di questi regimi provengono da quella classe che gli studiosi delle societ dell'Est europeo hanno chiamato 'borghesia di Stato', anche se i maggiori beneficiari delle politiche governative potrebbero essere altri gruppi sociali: le classi rurali pi ricche o gli appartenenti ai pochi settori commerciali ben ammanicati.Nelle societ pi avanzate, i disagi provocati dalla guerra e/o l'esempio di rivoluzioni straniere crearono sacche di protesta e, nei momenti di crisi, tentativi rivoluzionari condannati al fallimento, o ondate di terrorismo e di controterrorismo. L'esperienza di una minaccia rivoluzionaria diede a molti sistemi un forte carattere controrivoluzionario e reazionario.L'obiettivo di questi regimi di impedire alle masse - soprattutto agli operai, ai braccianti agricoli, ai contadini non privilegiati e, a volte, alle minoranze religiose, etniche o culturali, che rivendicano una quota maggiore delle risorse della societ - di organizzarsi e di partecipare al potere in modo indipendente e senza controlli. Questi regimi permettono un maggiore o minore pluralismo all'interno di altri settori della societ e assicurano un ruolo importante ai militari e ai burocrati capaci di tenere a freno le masse. difficile che essi introducano sostanziali cambiamenti strutturali nella societ, ma spesso limitano anche il potere, la capacit organizzativa e l'autonomia delle lites privilegiate: i gruppi economici, le categorie di professionisti, i capitalisti stranieri, persino le organizzazioni religiose e, di rado, l'esercito. Questi regimi si affermano in genere dopo che un periodo di democrazia liberale ha permesso la mobilitazione delle classi non privilegiate. Il grado di autonomia che essi sono disposti a concedere alle classi socioeconomicamente pi privilegiate pu variare in funzione della minaccia che il dominio di questi strati potrebbe rappresentare per coloro che si sono assunti il compito di proteggere il regime e se stessi dalle rivendicazioni radicali rivoluzionarie dei non privilegiati. A seconda della forza del regime, si conceder ai notabili tradizionali una parte del potere. Sar lo sviluppo economico a determinare fino a che punto si conceder a coloro che controllano i mezzi di produzione di far parte della coalizione al potere o di esercitare un'influenza dominante. Sar il livello di mobilitazione dei non privilegiati prima dell'avvento del regime autoritario a determinare in gran parte in quale misura i burocrati e i militari, impegnati a difendere il sistema, svolgeranno un ruolo
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 6/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

dominante e in quale misura tenteranno di integrare nel sistema i non privilegiati attraverso organizzazioni controllate, quali i sindacati ufficiali, le organizzazioni corporative, o partiti di tipo populista o fascista. Come ha dimostrato Schmitter (v., Corporatist..., 1974, Still the century..., 1974), riprendendo il modello bonapartista sviluppato da Marx, questi regimi autoritari possono spingersi molto lontano nel rendere indipendente lo Stato e nel logorare di giorno in giorno il potere politico della borghesia, proprio mentre ne proteggono il potere materiale. Quando esiste una popolazione contadina non mobilitata politicamente, o sicura di s e soddisfatta, tale classe sociale fornisce un sostegno al regime. I limiti imposti alle classi privilegiate e gli ostacoli alla libera attuazione degli interessi della classe media, in particolare di quelli dei suoi settori pi sofisticati sul piano intellettuale, portano al paradosso per cui la stabilit di questi regimi minacciata pi dalle classi che li hanno portati al potere e che traggono i maggiori vantaggi dal loro governo, che non da quelle escluse dal pluralismo limitato. Un problema che molti regimi non sono riusciti a risolvere quello delle profonde divisioni etniche e nazionali, in particolare nell'Europa dell'Est, con le sue minoranze pi o meno oppresse a volte leali a un paese confinante. Conflitti del genere hanno rafforzato il nazionalismo sciovinista e il ruolo politico dell'esercito. Janos (v., 1970) e Nagy-Talavera (v., 1970) hanno dimostrato come la posizione sociale degli ebrei nell'Europa orientale, in particolare la loro preponderanza tra i laureati in societ caratterizzate da una disoccupazione intellettuale su larga scala, gener sentimenti antisemiti manipolati dai governanti.In societ pi complesse, con livelli di mobilitazione sociale pi alti e una tradizione intellettuale cattolica, i regimi autoritari consolidati di tipo militare-burocratico hanno rafforzato la propria istituzionalizzazione, realizzando una rottura esplicita con le forme costituzionali liberal-democratiche. Alcuni hanno optato per forme di governo miste, ottenute combinando in varia misura lo 'statalismo organico' con sistemi basati su partiti unici di mobilitazione di ispirazione fascista (la Spagna nel 1926, il Portogallo nei primi anni trenta, l'Austria nel 1934, il Brasile di Vargas dal 1937 al 1945 e la Spagna di Franco). Il modello ottimistico secondo il quale lo sviluppo socioeconomico favorirebbe la pluralizzazione politica e quindi l'avvento della democrazia stato smentito in due dei paesi pi avanzati dell'America Latina. Guillermo O'Donnell (v., 1973) ha proposto un modello alternativo, che associa un grado pi elevato di sviluppo economico e sociale all'emergere di un autoritarismo burocratico volto a escludere dalla vita politica settori popolari politicamente attivi, in particolare le classi lavoratrici urbane, tramite la coalizione fra un nuovo tipo di lite militare e i tecnocrati dei settori pubblico e privato, con il sostegno delle classi sociali minacciate dalla mobilitazione. Come ha dimostrato Stepan (v., 1973 e 1978), i tecnocrati dell'esercito, della burocrazia e delle imprese moderne condividono la stessa concezione dei requisiti necessari allo sviluppo, fra cui annoverano, in particolare, l'esclusione e la neutralizzazione delle classi popolari, e mantengono collegamenti internazionali con lites analoghe presenti in altre societ industriali avanzate, che li hanno portati a credere fermamente nelle proprie capacit di risolvere i problemi sociali e di esercitare un maggiore controllo sui settori cruciali delle loro societ. La loro coalizione golpista mirer a rimodellare il contesto sociale in modo da favorire l'applicazione delle conoscenze tecnocratiche e da ampliare l'influenza dei settori sociali dove la loro presenza, a causa della modernizzazione, pi massiccia. A met degli anni sessanta il Brasile e l'Argentina cominciarono a escludere dall'arena politica la classe popolare urbana, gi politicizzata, rifiutando di soddisfarne le richieste, ricorrendo alla coercizione diretta e/o bloccando i canali elettorali di accesso alla politica. Questi tentativi sono destinati a un grado maggiore o minore di successo. A un estremo si pu ottenere la completa neutralizzazione politica di un settore escluso attraverso la distruzione delle sue risorse (soprattutto della sua base organizzativa); all'estremo opposto possibile che questa neutralizzazione non si realizzi. Questi paesi sono passati da un sistema politico coinvolgente, che tentava esplicitamente di mobilitare la classe popolare e le permetteva di far sentire la sua voce in una fase di populismo e di industrializzazione orizzontale, all'esclusione. Si trattava di paesi in cui la crisi mondiale degli anni trenta e la seconda guerra mondiale avevano accelerato l'affermarsi dell'industria nazionale e di una classe operaia urbana, e dove esisteva
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 7/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

un'ampia coalizione populista, capeggiata da leaders come Vargas e Pern, contro le vecchie oligarchie e le imprese straniere. Queste coalizioni favorirono l'industrializzazione; sul piano sociale ci signific l'ampliarsi delle funzioni dello Stato e procur un'occupazione a molti impiegati e tecnici della classe media. Nazionalismo e industrializzazione incontrarono il favore dell'esercito, portarono vantaggi ai lavoratori urbani, incoraggiarono l'inurbamento, fecero salire i livelli di consumo, incrementarono la sindacalizzazione e favorirono i settori agricoli i cui prodotti erano destinati al consumo interno. Il governo destin una quota significativa delle sue entrate allo sviluppo e al consumo interni, a spese del tradizionale settore dell'esportazione. Tuttavia l'importanza economica delle esportazioni permise a questo settore di conservare un'influenza politica sproporzionata rispetto al suo contributo, decrescente, al prodotto nazionale lordo. Esaurita la fase pi semplice dell'industrializzazione, la politica della sostituzione delle importazioni gener l'esigenza di nuove importazioni, in un periodo in cui l'instabilit dei prezzi delle esportazioni aggravava la scarsa produttivit dei settori dediti all'esportazione, che stavano pagando il prezzo delle politiche populiste. Tutto ci provoc carenze di valute estere. Vargas e Pern avevano incoraggiato la sindacalizzazione dei lavoratori e concesso alla classe popolare urbana la prima opportunit di avere un peso politico effettivo. Emersero nuovi problemi, che portarono al crollo dell'alleanza populista. Nei sistemi politici democratici pi aperti, come quelli che succedettero a Vargas, il peso elettorale, la possibilit di indire scioperi e manifestazioni e la pi intensa attivazione politica vennero percepiti come una minaccia. In Argentina e Brasile la maggior parte delle classi dei possidenti fu d'accordo nel ritenere eccessive le richieste delle classi popolari, sia in termini di consumi che di partecipazione al potere, e impossibile l'accumulazione di capitale senza tenerle sotto controllo. La componente classista di questa polarizzazione port all'adozione di una soluzione politica che avrebbe eliminato queste minacce, rese pi gravi dallo spettro della rivoluzione cubana. Il cambiamento di mentalit del corpo ufficiali, in seguito all'addestramento antisovversivo ricevuto negli Stati Uniti, e l'impatto delle dottrine militari francesi in fatto di conflitto politico e di guerra civile generarono la teoria della sicurezza nazionale, che contemplava anche lo sviluppo socioeconomico come risposta alla sovversione interna. La diminuzione del reddito dell'ampia classe media salariata ne determin una disaffezione nei confronti di un sistema formalmente democratico e una pronta risposta all'appello per la legge e l'ordine. Il divario tra richieste e relative soddisfazioni e tra differenziazione e integrazione port a una situazione che stata definita di 'pretorianesimo di massa' (v. Huntington, 1968). Le istituzioni politiche e i parlamenti furono ulteriormente indeboliti e l'esecutivo si trov al centro di un'ondata di richieste. I governi furono ingannati e collaborarono con il 'pretorianesimo'. La situazione arriv a un punto morto, con elevati livelli di conflitto incontrollato; la debolezza del governo, che impediva l'attuazione di qualsiasi politica, e l'ansia di conservare il potere portarono a una serie di politiche volte a placare i personaggi politici pi minacciosi, con scarso interesse per la reale soluzione dei problemi. La competizione si avvicinava sempre pi a una situazione di stallo e i progressi erano precari. Si arriv cos alla soglia di una crisi definitiva, quando la maggior parte dei protagonisti politici si impegn a cambiare completamente le regole del gioco politico.La modernizzazione aveva fatto emergere una classe di tecnocrati, che auspicavano la formazione di governi disposti a garantire loro un potere decisionale. Queste lites si trovarono a operare in un ambiente nuovo; nacquero nuove scuole aziendali, accademie militari avanzate e nuove iniziative editoriali capaci di orientare l'opinione pubblica. Come ha dimostrato Stepan (v., 1973), apparve una nuova mentalit. Data la loro formazione, queste lites privilegiavano la soluzione tecnica dei problemi, respingevano gli aspetti emotivi, erano consapevoli delle ambiguit insite nelle contrattazioni, consideravano la politica un ostacolo alle soluzioni razionali e il conflitto una disfunzione.In contesti altamente modernizzati, il tentativo di escludere e neutralizzare il settore popolare, senza offrirgli contropartite psicologiche o economiche, richiese misure coercitive decise e sistematiche. La risposta fu l'autoritarismo burocratico, che soppresse i partiti politici e le elezioni, addomestic i sindacati attraverso la cooptazione, se non la coercizione, e tent di
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 8/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

incapsulare con la burocrazia la maggior parte dei settori sociali per massimizzarne il controllo. O'Donnell collega il suo modello a quello presentato da Barrington Moore (v., 1966), parlando per di una terza via storica all'industrializzazione, accanto alla rivoluzione borghese e a quella comunista. Questa terza via comporta la coalizione fra la burocrazia statale e le classi dei possidenti (compresa una borghesia industriale subalterna) contro i contadini e un proletariato emergente. Questo modello non rimasto esente da critiche (v. Collier, 1979). Crisi politiche pi specifiche, i fallimenti della leadership, l'impatto del terrorismo, i conflitti istituzionali fra presidenti e Congresso, l'alienazione dell'esercito in seguito a iniziative presidenziali mal consigliate sono stati tra i fattori che portarono al crollo della democrazia. Dopo solo due decenni in America Latina gli autoritarismi burocratico-militari entrarono in crisi e in Uruguay, in Argentina e in Brasile ebbe luogo una transizione verso la democrazia. Questi regimi, in un contesto culturale che identificava la legittimit con i valori democratici, in un mondo largamente ostile alla loro politica repressiva, resisi responsabili di una politica economica fallimentare, sconfitti nella guerra delle Falkland-Malvinas, delegittimati (soprattutto in Argentina) in quanto autori di una repressione illegale, imprevedibile e crudele, incontrarono una resistenza sempre maggiore. La rinascita della societ civile attraverso il ripristino delle associazioni, della stampa, dei sindacati, la posizione critica della Chiesa (in Brasile), gli errori di valutazione riguardo all'appoggio che potevano incontrare i loro schemi costituzionali (in Uruguay), indussero alcuni leaders a cercare forme di liberalizzazione - la distenco - e un processo di transizione controllata - l'apertura (in Brasile), un'uscita di scena negoziata o un'abdicazione al potere. La transizione non ancora completa ed minacciata di tanto in tanto dai retaggi del passato, in particolare dalle violazioni dei diritti umani (in Argentina) e dalla difficolt di ridurre le prerogative dell'esercito (v. O'Donnell, Schmitter e Whitehead, 1986; v. Stepan, 1988). 4. Lo statalismo organico Alcuni regimi autoritari, che perseguono politiche molto diverse in termini di interessi di classe e di organizzazione dell'economia, hanno tentato di andare oltre il governo autoritario di tipo burocratico-tecnocratico-militare controllando la partecipazione e la mobilitazione della societ mediante 'strutture organiche'. Il rifiuto dei presupposti individualistici della democrazia liberale, unito al desiderio di fornire un canale istituzionale attraverso cui gli interessi eterogenei delle societ moderne o in via di modernizzazione potessero essere rappresentati evitando il modello del conflitto di classe, ha prodotto una vasta gamma di formulazioni teoriche e ideologiche e svariati tentativi di renderle operanti attraverso istituzioni politiche.Il retaggio ideologico del conservatorismo controrivoluzionario ottocentesco, che respingeva sia il liberalismo individualista che l'assolutismo statale, e le reazioni di settori pre-industriali - quali gli artigiani, i contadini e, a volte, persino i professionisti - all'avanzata del capitalismo industriale e finanziario hanno dato origine a un insieme di ideologie corporative (v. Schmitter, Corporatist..., 1974, Still the century..., 1974). La risposta antiliberale, anticapitalistica e antistatalista fornita dalla Chiesa cattolica in encicliche come la Rerum Novarum ha contribuito alla fortuna di queste ideologie. La tradizione sindacalista del movimento operaio, che rifiutava l'autoritarismo marxista, il persistere dello Stato come strumento di oppressione e la cooptazione del movimento operaio socialdemocratico dei lavoratori, tramite la sua partecipazione alle elezioni e alla politica parlamentare, hanno contribuito alla ricerca di forme di partecipazione da attuarsi tramite l'istituzione di consigli indipendenti dei produttori a livello di fabbrica e di comunit, destinati a creare di comune accordo organizzazioni pi estese. Persino alcuni liberali democratici, temendo l'accrescersi del potere dello Stato e l'anomia di individui isolati, imputabile alla divisione del lavoro e alla crisi delle istituzioni tradizionali, si sono resi conto che le organizzazioni professionali corporative sarebbero potute servire al controllo sociale (v. Durkheim, 1902). La disponibilit delle forze conservatrici antirivoluzionarie, cattoliche, sindacaliste e
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 9/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

liberalsolidariste ha dato i suoi frutti sotto forma di formulazioni teoriche, leggi e commentari giuridici. Perch il corporativismo si andato identificando con i regimi autoritari ed diventato, come puntualmente lo caratterizza Stepan, statalismo organico? Le ragioni sembrano tre: le difficolt logiche e pratiche di organizzare la vita politica come espressione esclusiva di interessi 'corporativi'; l'obiettivo sociopolitico perseguito nel determinato contesto storico-sociale in cui tali soluzioni sono state messe in pratica; la natura della comunit politica e dello Stato nonch le tradizioni intellettuali e giuridiche su cui si basa l'idea di Stato.I teorici della democrazia organica sottolineano che le persone fanno parte di numerosi gruppi naturali, basati su relazioni sociali primarie - relazioni che si instaurano sul luogo di lavoro, nelle associazioni professionali, nelle universit, nei quartieri, ecc. -, in contrasto con gruppi pi estesi creati artificialmente, come i partiti politici. La teoria propone quindi elezioni su pi livelli, cio indirette, all'interno di una serie di collegi elettorali basati sul raggruppamento di tali unit primarie, fino ad arrivare a una camera nazionale di corporazioni (v. Aquarone, 1965) o ad una serie di camere specializzate, allo scopo di organizzare, sulla base di questa democrazia indiretta, una politica democratica nazionale, anche quando sembrerebbe difficile ottenere di rendere responsabile la leadership nazionale nei confronti dei singoli cittadini. Questo modello inficiato da alcuni assunti falsi: il presupposto che tali unit primarie rappresentino interessi comuni anzich essere divise da conflitti interni; il presupposto che, a livello nazionale, non esistano interessi pi importanti di quelli rappresentati dalle unit primarie e che tali interessi, di portata pi generale, non dividano la societ e non meritino di essere rappresentati. Se esistono interessi del genere, lecito supporre che i partiti, basati sull'aggregazione di un gran numero di interessi generali, si affermerebbero comunque su scala nazionale, mentre i rappresentanti eletti secondo il sistema corporativo non disporrebbero di alcuna base su cui prendere decisioni circa tali interessi e non sarebbero scelti per le loro opinioni in merito.Il problema di delimitare i collegi elettorali pi serio. Limitarsi a riconoscere le organizzazioni preesistenti, formatesi spontaneamente, rivelerebbe quanto sia diseguale la mobilitazione organizzativa di vari interessi; pertanto lo Stato si assume inevitabilmente il compito di stabilire delle categorie non competitive in modo funzionale, legalizzandole o autorizzandole e concedendo loro un monopolio della rappresentanza. Risulta pi difficile scegliere quale peso assegnare, nel processo decisionale, agli interessi organizzati e quale criterio adottare per conferire una rappresentanza a interessi non economici e non professionali. Le scelte sarebbero soggette a continue revisioni, con conseguenti modifiche della struttura economica e sociale, al cui confronto i conflitti concernenti la distribuzione dei collegi elettorali nelle democrazie 'inorganiche' apparirebbero come un gioco da ragazzi. Le decisioni autoritarie dei burocrati e/o dei gruppi politici al governo predeterminerebbero la natura e la composizione dei corpi decisionali, che quindi sarebbero tutt'altro che un prodotto organico della societ. Da un punto di vista sociologico, come ha notato Max Weber, la funzione latente di ogni sistema di questo tipo di privare del diritto di voto determinati strati sociali. Pu trattarsi di un sistema estremamente conservatore (quando concede mandati politici alle categorie professionali, privando cos, di fatto, del diritto di voto le masse pi numerose) o radicalmente rivoluzionario (quando limita in modo formale e aperto il suffragio al proletariato, privandone cos quelle classi il cui potere si fonda sulla posizione economica). questo che ha indotto i regimi autoritari a preferire la rappresentanza corporativa, soprattutto nelle societ in cui le masse di operai, braccianti e contadini potrebbero conferire la maggioranza ai partiti classisti di massa. Tutto ci, oltre alla possibilit di manipolare i responsi elettorali facendo ricorso a elezioni indirette e su pi livelli, spiega l'esistenza di sistemi politici basati su princip del genere. Su molte questioni i rappresentanti di interessi finirebbero col non avere un'opinione e sarebbero disposti a dare il loro voto in cambio di misure che favorissero i loro interessi particolari. Il potere finisce in mano a un gruppo dominante che organizza il sistema, assegna le quote di rappresentanza, arbitra i conflitti tra interessi e prende decisioni su tutte le questioni che esulano dagli interessi dei rappresentanti. Anche a proposito di sistemi basati sulla democrazia
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 10/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

organica sarebbe meglio parlare di 'statalismo organico': in tali sistemi le lites burocratico-tecnocratico-militari e/o i leaders di un partito unico detengono la quota maggiore del potere. Le strutture corporative costituiscono uno dei tanti elementi di questi sistemi, ma, anche se deboli, rappresentano, soprattutto a livello di base, un limite alle ambizioni monistiche dell'lite politica, che tenta di mobilitare una societ per i propri scopi utopistici.In nessun sistema politico previsto che il governo debba rendere conto a un'assemblea legislativa di tipo corporativo. Anche se da un punto di vista puramente teorico la partecipazione politica potrebbe essere organizzata attraverso collegi elettorali corporativi ed elezioni corporative, non mai esistita una democrazia senza partiti politici.Lo statalismo organico rappresenta una tentazione soprattutto per le lites burocratiche, militari e tecnocratiche, che respingono l'idea di un conflitto aperto e credono in soluzioni razionali, in ultima analisi amministrative, dei conflitti d'interesse, e non sono guidate da una visione utopistica della societ, ma piuttosto da considerazioni pragmatiche. Lo statalismo organico si addiceva a un sistema economico che respingeva il capitalismo basato sul libero mercato e sull'impresa, ma anche la propriet pubblica di tutti i mezzi di produzione e la pianificazione centralizzata. La disillusione nei confronti della democrazia liberale e di un sistema economico puramente capitalistico ha costituito un terreno fertile per l'accettazione di soluzioni corporative. Parecchi regimi autoritari hanno attinto alle idee della democrazia organica per legittimare il proprio governo e per organizzare una partecipazione limitata. L'Estado Novo portoghese costituito da Salazar rappresenta, da un punto di vista teorico, il caso pi puro (v. Schmitter, Corporatist..., 1974, Still the century..., 1974; v. Lucena, 1976). Come avvenne in Austria tra il 1934 e il 1938 con Dollfuss e in Spagna con Franco, dopo un periodo fascista pre-totalitario, i governanti, combinando un'eredit ideologica cattolica con l'esperienza fascista italiana, crearono sistemi con una componente di democrazia organica. Mussolini, collegandosi all'inizio con la tradizione sindacalista, rafforzata dall'eredit intellettuale del nazionalismo di destra, e cercando l'approvazione dei cattolici, costru una sovrastruttura corporativa, che serviva gli interessi conservatori privando del diritto di rappresentanza una classe operaia altamente mobilitata e fornendo un canale di espressione ai molteplici interessi in gioco in una societ relativamente sviluppata. Le forti tendenze pre-totalitarie di molti leaders fascisti e il concetto di 'Stato etico', al di sopra degli interessi, mutuato dalla tradizione idealistica, crearono, tuttavia, un equilibrio instabile tra le due componenti del regime: quella corporativa e quella di mobilitazione, propria del partito unico. In Per l'esercito tent un esperimento analogo, creando il SINAMOS (Sistema Nacional de Apoyo a la Mobilizacion Social) in campi diversi, quali i pueblos jovenes, le periferie urbane pi diseredate e le organizzazioni rurali, giovanili, operaie, culturali, professionali ed economiche. In una fase iniziale l'idea dei soviet (consigli di operai, o di operai, contadini e soldati) esercit un fascino notevole sui rivoluzionari avversi al partito socialdemocratico marxista (disposto a far parte di regimi democratici parlamentari), in quanto essi vedevano nei soviet un mezzo per espropriare del diritto di rappresentanza altri settori della societ e per fornire un efficace terreno di scontro agli attivisti rivoluzionari, pronti a soppiantare la leadership degli altri partiti di sinistra. Tuttavia il partito d'avanguardia fece a meno di questa forma di partecipazione. Anche la Jugoslavia, con la gestione operaia e l'autogoverno locale, cre un sistema di camere a carattere corporativo, complementari alla struttura politica basata sul partito, sulle sue organizzazioni funzionali e sull'oligarchia rivoluzionaria. 5. Regimi autoritari di mobilitazione nelle societ post-democratiche La rivoluzione democratica dell'Europa occidentale si propag in societ molto diverse fra loro sotto il profilo dello sviluppo economico, culturale e istituzionale. In molte di esse la successione delle crisi di sviluppo - costruzione dello Stato, legittimazione, partecipazione, incorporazione di nuove forze sociali, rappresentanza negli organi legislativi e infine partecipazione al potere esecutivo - si concentr in un breve periodo di tempo. Nella maggior parte dei casi lo sviluppo economico non
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 11/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

procedette di pari passo con il mutamento politico. Si diffusero ideologie di protesta elaborate in societ pi avanzate e sorsero nuovi movimenti, che, oltre ad avanzare richieste di ridistribuzione della ricchezza e di partecipazione, si fecero portavoce dell'ostilit nei confronti dei mutamenti dovuti all'industrializzazione incipiente e alla disgregazione dei modelli economici e sociali tradizionali. L'accavallarsi di queste crisi durante il periodo di democratizzazione politica, mentre le istituzioni e le lites tradizionalmente legittime erano assenti o troppo deboli, imped l'istituzionalizzazione graduale e coronata da successo di processi democratici capaci di assimilare le richieste di nuovi gruppi sociali da poco consapevoli della propria identit culturale o di classe. La crisi della democrazia avrebbe portato a nuove formule politiche, compresa la componente plebiscitaria pseudodemocratica: il partito unico di massa. Quelle societ, tuttavia, avevano raggiunto un livello di sviluppo e di complessit tali da rendere difficile alla leadership del partito unico spingersi in direzione totalitaria, tranne che nella Germania nazista. Non un caso che, essendo la Francia il paese in cui il mutamento rivoluzionario aveva determinato la rottura maggiore con l'autorit tradizionale, il primo manifestarsi di una soluzione plebiscitaria, non liberale e autoritaria della crisi della democrazia sia stato il bonapartismo. Non sorprendente che alcuni marxisti, come Thalheimer (v., 1930), si siano valsi dell'analisi di Marx sul diciotto brumaio per comprendere i recenti regimi autoritari creati dal fascismo. Alla fine della prima guerra mondiale, la crisi delle societ europee fece emergere due movimenti politici che ruppero con i sistemi liberaldemocratici: il leninismo e il fascismo. Erano entrambi basati sul dominio di una minoranza, un'lite autoelettasi a rappresentare la 'maggioranza', il proletariato o la nazione, al servizio di una missione storica; un'lite definita non da caratteristiche ascrittive n da successi professionali, ma dalla volont di conquistare il potere e utilizzarlo per rovesciare condizioni storiche e sociali costrittive, ricorrendo all'appoggio delle masse, ma senza alcuna intenzione di farle interferire nel raggiungimento dei propri obiettivi. Il fascismo, in quanto risposta nazionalista all'internazionalismo ideologico del marxismo, collegandosi ad altre tradizioni ideologiche del XIX secolo l'irrazionalismo romantico, il darwinismo sociale, l'esaltazione hegeliana dello Stato, le idee di Nietzsche, le concezioni soreliane del ruolo del mito, l'immagine del grande uomo e del genio - divent esplicitamente antidemocratico (v. Gregor, 1969; v. Nolte, 1966, 1967 e 1968). In contrasto con altre concezioni dell'autoritarismo, esso cerc una nuova e diversa forma di legittimazione democratica, basata sull'identificazione emotiva dei seguaci con il leader, cio su quella forma di consenso plebiscitario che si era manifestata per la prima volta nel cesarismo napoleonico. Le circostanze eccezionali in cui si trovava la societ italiana dopo la prima guerra mondiale generarono un nuovo tipo di movimento, non tradizionalista, popolare e antidemocratico, portato avanti all'inizio da un numero ristretto di attivisti reclutati tra i nazionalisti interventisti, i veterani di guerra, un certo tipo di intelligencija, ebbra di nazionalismo, di futurismo e di ostilit per il trasformismo giolittiano e per l'egoismo della borghesia, e i sindacalisti rivoluzionari, che avevano scoperto la loro identit nazionale (v. De Felice, 1966, 1969 e 1970; v. Gentile, 1985). Tuttavia ci che cre le condizioni favorevoli al successo del movimento fu la mobilitazione della classe operaia italiana, promossa da un movimento operaio socialista massimalista, incapace di attuare una presa del potere rivoluzionaria e restio a seguire una via riformista. Il predominio delle sinistre nelle campagne settentrionali e l'occupazione delle fabbriche spinsero una borghesia impaurita a sostenere il movimento nascente. L'atteggiamento ambivalente dello Stato verso le azioni terroristiche dello squadrismo, il mancato appoggio dei riformisti allo Stato liberale democratico e le tensioni tra i vecchi partiti liberali, da una parte, e i socialisti e il nuovo Partito popolare dall'altra, insieme alla mancanza di scrupoli e all'opportunismo di Mussolini, portarono il nuovo movimento al potere. Erano nati cos un'ideologia nuova e sfaccettata, una nuova forma di azione politica e un nuovo stile, che avrebbero trovato eco in gran parte dell'Europa (v. Nolte, 1966 e 1968; v. Laqueur, 1978; v. Rogger e Weber, 1966; v. Payne, 1980; v. Larsen e altri, 1980) e persino in America Latina e in Asia. In un primo momento si poteva pensare che il fascismo
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 12/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

fosse una conseguenza peculiare della crisi italiana (v. De Felice, 1966, 1969 e 1970; v. Nolte, 1968), pi tardi che fosse una risposta a uno sviluppo economico e a una modernizzazione tardivi e mal riusciti (v. Borkenau, 1933); ma in seguito al successo di Hitler divenne necessario spiegarlo in termini di alcune caratteristiche fondamentali della societ occidentale. Come ideologia e come movimento il fascismo pu essere caratterizzato in base a ci che rifiuta, al suo nazionalismo esasperato e alle nuove forme di azione e di stile politici che introduce. Ci a cui il fascismo si oppone essenziale per comprenderne la natura e il fascino, ma non basta a spiegarne il successo. Il fascismo antiliberale, antiparlamentare, antimarxista, e soprattutto anticomunista, anticlericale, o perlomeno non clericale, e, in un certo senso, antiborghese e anticapitalista. Pur riallacciandosi alla tradizione storica nazionale, reale o presunta, non propugna una continuit conservatrice col passato recente o un ritorno ad esso puro e semplice, ma proiettato verso il futuro. Quelle posizioni antagonistiche sono la conseguenza logica del suo approdo tardivo sulla scena politica e del suo tentativo di prendere il posto dei partiti di ispirazione liberale, marxista, socialista e clericale. Esse sono anche il frutto del nazionalismo esasperato, che rifiuta la solidariet di classe al di l dei confini nazionali e la sostituisce con la solidariet tra tutti i produttori di una nazione contro le altre, ricorrendo al concetto di nazione proletaria: i paesi poveri contro le ricche plutocrazie, che si d il caso fossero anche potenti democrazie. Queste posizioni negative avevano una specie di distorto complemento positivo. L'antimarxismo compensato da un'esaltazione del lavoro, che fa appello alla crescente classe media impiegatizia, la quale rifiuta di identificarsi con il proletariato secondo la richiesta marxista. Il suo populismo induce il fascismo a sostenere politiche da Stato assistenziale e a parlare di socialismo nazionale, di socializzazione delle banche, ecc., giustificando cos l'interventismo economico e lo sviluppo di un importante settore pubblico. L'anticapitalismo, che fa presa sugli strati precapitalistici e piccolo borghesi, ridefinito come ostilit nei confronti della borsa valori finanziaria internazionale e del capitalismo ebraico e come esaltazione della borghesia imprenditoriale nazionale. L'enfasi posta sul bene comune della nazione si combina facilmente con l'ostilit per il libero gioco degli interessi del liberalismo economico e trova espressione in scelte politiche protezionistiche e autarchiche, che incontrano il favore degli industriali minacciati dalla concorrenza internazionale. L'ostilit nei confronti delle politiche clericali nutrita da un'intelligencija laica composta da nazionalisti accaniti e la competizione tra forze laiche e partiti democraticocristiani per la conquista della stessa base sociale sono all'origine dell'anticlericalismo, che va di pari passo con la tesi secondo cui la tradizione religiosa fa parte della tradizione storico-culturale nazionale. La Guardia di Ferro, l'unico movimento fascista che abbia avuto successo in un paese greco-ortodosso, dovendo fronteggiare una borghesia laica non animata da sentimenti nazionalisti e un'influente comunit ebraica, fece pi direttamente ricorso al simbolismo religioso. In Germania le confuse dichiarazioni programmatiche a proposito del cristianesimo positivo e l'appoggio dato da molti protestanti a una religione di Stato conservatrice furono utilizzati dai nazisti, ma alla fine l'ideologia razzista divenne incompatibile con qualsiasi forma di impegno cristiano. Le prese di posizione antireligiose del marxismo e del comunismo permisero ai fascisti di trarre vantaggio dal rapporto ambivalente con l'eredit religiosa. Il loro anticlericalismo fece presa sulle classi medie laiche, per nulla intenzionate ad appoggiare i partiti clericali e democraticocristiani, mentre le loro prese di posizione antiliberali, antimassoniche e persino antisemite, insieme al loro anticomunismo, facilitarono la collaborazione con le chiese, quando giunsero al potere. L'atteggiamento antiborghese e l'esaltazione romantica del contadino, dell'artigiano e del soldato si contrapponevano al capitalismo impersonale e alla borghesia egoista, richiamandosi alla critica della moderna societ industriale e urbana. Il rifiuto dell''egoismo di classe' del proletariato e dell'egoismo individuale borghese e l'affermazione dei comuni interessi nazionali al di sopra e al di l delle divisioni di classe fecero leva sul desiderio di solidariet interclassista sviluppatosi tra i veterani di guerra. Tutti questi appelli deliberatamente ambigui e in larga parte contraddittori
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 13/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

sarebbero rimasti, e rimasero, inascoltati in quelle societ in cui la guerra e la sconfitta non avevano provocato una crisi seria. Nelle nazioni sconfitte o in quelle che, come l'Italia, pur vittoriose, si sentivano private dei frutti della vittoria, l'ondata nazionalista venne incanalata dai nuovi partiti.L'ideologia fascista dovette respingere i presupposti della politica liberaldemocratica basata sulla partecipazione pluralistica, sulla libera espressione e sulla mediazione degli interessi, anzich sull'affermazione degli interessi collettivi al di sopra degli individui, delle classi e delle comunit culturali e religiose. L'evidente deformazione dell'idea di democrazia nei primi anni del XX secolo e l'incapacit della leadership democratica di istituzionalizzare meccanismi di risoluzione dei conflitti crearono un terreno favorevole alla fortuna del fascismo. Gli interessi minacciati da un potente movimento operaio imbevuto di retorica rivoluzionaria, soprattutto dopo alcuni tentativi rivoluzionari falliti, sostennero le squadre fasciste in quanto paladine dell'ordine sociale. L'ideologia fascista offr una nuova alternativa, che prometteva l'integrazione della classe operaia nella comunit nazionale e l'affermazione dei suoi interessi contro le altre nazioni, se necessario mediante una mobilitazione e persino un'aggressione militare (v. Neumann, 1942). N i suoi richiami ideologici, n gli interessi che serv bastano a spiegare il successo del fascismo. Il fascismo svilupp nuove forme di organizzazione politica, diverse tanto dai partiti basati sul sostegno elettorale e da quelli socialisti di massa a base sindacale, quanto dai partiti religiosi a guida clericale. Come la controparte comunista, il fascismo offr un'occasione di partecipazione, che interrompeva la monotonia della vita quotidiana. A una generazione che aveva vissuto azioni di guerra eroiche e avventurose e - ancor pi - a una che, data la giovane et, aveva vissuto quell'esperienza indirettamente, lo squadrismo e le camicie nere offrirono un buon surrogato. Molti di quelli le cui carriere e i cui studi erano stati irrimediabilmente interrotti dalla guerra e dalla crisi economica e alcuni disoccupati divennero attivisti del partito; l'intervento diretto degli attivisti a sostegno di specifiche rimostranze - come quelle dei contadini destinati a essere sfrattati, degli agricoltori cui i sindacati stavano imponendo l'impiego di manodopera, degli industriali minacciati dagli scioperanti - procur loro un appoggio che nessuna propaganda elettorale avrebbe potuto ottenere. Questo nuovo stile politico soddisfaceva, come nessun altro, alcuni bisogni psicologici ed emotivi.Infine il fascismo era caratterizzato da uno stile peculiare, che si rifletteva nelle uniformi - le camicie -, simbolo della rottura con le convenzioni borghesi e con l'individualismo dell'abbigliamento borghese, nelle dimostrazioni e nelle cerimonie di massa, che permettevano agli individui di immergersi nel collettivo e di sfuggire alla privatizzazione della societ moderna. Le ambiguit e le contraddizioni dell'utopia fascista, insieme agli inevitabili compromessi raggiunti, sul piano pragmatico, con molte delle forze dapprima criticate, spiegano il fallimento del modello, tranne che in Italia (fino a un certo punto) e in Germania. Il nucleo iniziale avrebbe dovuto conquistarsi un sostegno in tutti gli strati sociali, e in particolare nella classe operaia, oltre che tra i contadini, ma la penetrazione organizzativa dei movimenti operai socialista, comunista e anarcosindacalista condann tali speranze al fallimento. In alcuni paesi i contadini cattolici, le classi medie e persino molti operai avevano aderito ai partiti democratici clericali e/o cristiani, impegnati nella difesa della religione, e avevano trovato nella dottrina sociale della Chiesa una risposta a molti dei problemi che il fascismo presumeva di poter risolvere. Le classi medie e medio-alte, a meno che non fossero state terrorizzate dai tentativi rivoluzionari abortiti, o rovinate dalle continue crisi economiche o sradicate dalla guerra, rimasero fedeli ai vecchi partiti.L'eterogeneit della base e l'incapacit di conquistare gli strati sociali a cui si rivolgevano, che si spiegano con il loro ingresso tardivo sulla scena politica, indussero i fascisti a un'incessante lotta per conquistare il potere e a una politica di alleanze opportunistiche con una serie di gruppi di potere e con forze conservatrici non democratiche o antidemocratiche, che a loro volta speravano di poter manipolare la loro popolarit e il loro seguito di attivisti. Tali gruppi, ben radicati nell'establishment e nello Stato, potevano fornire uomini pi capaci di governare. Il risultato fu l'instaurazione di regimi autoritari - a pluralismo notevolmente limitato - guidati da un partito unico, che, a seconda dei
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 14/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

casi, occupava una posizione abbastanza preminente e attiva o svolgeva un ruolo minore all'interno della coalizione di forze. Solo in Germania il partito unico sarebbe diventato dominante fino a fondare un regime totalitario. Il fascismo introdusse una componente populista di mobilitazione, un canale per un certo livello e un certo tipo di partecipazione politica volontaria, una fonte di malcontento ideologico verso lo status quo e di giustificazione del mutamento sociale, che contraddistingue i regimi autoritari di mobilitazione. Anche dove, come in Spagna (v. Linz, 1970), questa mobilitazione fu alla fine annullata di proposito, il regime autoritario, per met statalismo organico e per met sistema burocratico-tecnocratico-militare, che si afferm dopo gli anni quaranta, non sarebbe mai stato identico, per esempio, al regime di Salazar, dove il fascismo non aveva mai messo radici. I regimi autoritari fascisti di mobilitazione furono meno pluralistici, pi ideologici e a maggior partecipazione dei regimi burocratico-militari o degli statalismi organici guidati da un partito unico debole. Furono pi vicini alla 'democrazia' che al 'liberalismo', pi disposti a offrire ai cittadini la possibilit di partecipare che la libert individuale, pi orientati al mutamento che alla conservazione. La maggior legittimazione ideologica e la maggior mobilitazione a loro sostegno li rese meno vulnerabili di altri tipi di governo autoritario all'opposizione interna e al rischio di esserne rovesciati, e solo la sconfitta esterna riusc a distruggerli. 6. Regimi autoritari di mobilitazione dopo l'indipendenza Regimi autoritari di mobilitazione apparvero in alcuni Stati in lotta per l'indipendenza dal dominio coloniale o in via di emancipazione dalla dipendenza da una potenza straniera. Non molti di questi regimi si sono dimostrati stabili: in alcuni casi colpi di Stato militari hanno escluso i civili dal governo (v. Jackson e Rosberg, 1982; v. Bienen, 1968 e 1974; v. Lee, 1969; v. Welch, 1970); in altri si avviato un processo di decadenza, che spesso ha dato origine a uno Stato senza partiti (v. Wallerstein, 1966; v. Potholm, 1970; v. Bretton, 1973). Regimi autoritari di mobilitazione a partito unico non creati dall'alto da chi deteneva il potere, ma da leaders emersi dalla base e capaci di mobilitarla, furono possibili in societ a basso sviluppo economico, con una struttura sociale contadina relativamente egualitaria, in cui la moderna lite economica era ristretta e spesso costituita da stranieri o da membri di un gruppo etnico esterno e in cui le autorit coloniali non avevano permesso n incoraggiato la crescita di una classe media di professionisti, di funzionari statali dotati di un rango e di una dignit specifici e di un esercito professionale. Il dominio coloniale aveva distrutto o screditato le autorit tradizionali pre-coloniali, perlomeno agli occhi dei settori urbani emergenti, istruiti e pi modernizzati. In questo contesto, tra coloro che si erano formati all'estero o nelle poche scuole create dal potere coloniale, si afferm una nuova leadership nazionalista, i cui membri venivano a volte incoraggiati a diventare leaders sindacali o rappresentanti delle nuove istituzioni di autogoverno dai partiti della sinistra e da qualche intellettuale nazionalista (v. Wallerstein, 1961; v. Hodgkin, 1961; v. Carter, 1962; v. Coleman e Rosberg, 1964). Questi leaders si fecero portavoce delle rivendicazioni della popolazione indigena, degli operai e dei contadini, colpiti dallo sconvolgimento dell'ordine tradizionale, dovuto al mutamento economico e all'introduzione di istituzioni giuridiche occidentali. Le autorit coloniali alternavano la repressione alla cooptazione, politiche che, soprattutto se applicate in modo incoerente, contribuirono a rafforzare questa leadership emergente. In un primo momento il desiderio d'indipendenza occult l'importanza di altri problemi; il sottosviluppo e il carattere straniero del settore economico moderno limitarono l'importanza delle politiche classiste. Nelle assemblee elette poco prima o subito dopo l'indipendenza, i rappresentanti dei movimenti nazionalisti ottennero la maggioranza relativa o assoluta, che spesso estesero cooptando i rappresentanti di gruppi pi particolaristici, quali i gruppi tribali, religiosi o tradizionali. Si sperava che l'adozione degli ordinamenti costituzionali inglesi o francesi avrebbe dato vita a nuove democrazie, ma ben presto le azioni dell'opposizione, o la percezione che ne ebbero i leaders del partito al governo, l'idea di questi ultimi che una nazione andasse costruita ignorando le richieste della periferia, di settori specifici, di particolari gruppi etnici e tribali, i
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 15/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

problemi economici e quelli creati da nuove aspettative indussero i leaders a ostacolare, limitare o eliminare la libera competizione politica ed elettorale. In molti paesi l'indipendenza e l'assetto statuale vennero a identificarsi simbolicamente con un leader, che spesso vantava un'autorit carismatica. Il carattere artificiale dei confini, le differenze etniche, linguistiche e religiose, il divario tra lo sviluppo sociale dei pochi centri urbani e delle zone costiere e quello della periferia rurale e la debolezza delle istituzioni amministrative convinsero i leaders che il loro partito potesse servire da strumento per la costruzione della nazione. Nel contesto di una cultura politica che non aveva istituzionalizzato i valori liberaldemocratici, il partito dominante, dovendo affrontare i problemi dell'integrazione nazionale, un'opposizione non sempre leale e la paura delle influenze straniere, divenne presto un partito unico. Alcuni leaders respinsero l'idea di un partito unico monolitico. Cos si espresse ad esempio Senghor: "siamo contrari al partito unico (parti unique); siamo favorevoli a un partito unificato (parti unifi)" (v. Foltz, 1965, p. 141). Molti leaders di partiti dominanti incoraggiarono l'ingresso nei propri partiti di leaders con un forte seguito regionale, comunale, tribale o settoriale, che all'inizio avevano sostenuto i partiti d'opposizione sconfitti.I regimi a partito unico non riuscirono a reperire risorse sufficienti a sostenere la propria prospettiva di trasformare in modo radicale la societ mediante metodi organizzativi. I pochi leaders politicamente consapevoli e istruiti servivano come personale di governo e dei numerosi enti governativi, a detrimento dell'organizzazione del partito. Rapporti clientelari primari e personali distolsero l'organizzazione periferica del partito dai compiti che il centro voleva assegnarle. Le discrepanze tra la retorica ideologica (v. Friedland e Rosberg, 1964) e la realt politica e il malcontento delle nuove generazioni, che rientravano dall'estero e non trovavano posizioni di potere adeguate alle loro ambizioni, crearono tensioni con le organizzazioni giovanili, i sindacati, ecc., evitabili ponendo meno l'accento sul partito. Le formulazioni ideologiche erano in gran parte di seconda mano, ambigue e in contraddizione con le politiche pragmatiche a cui la leadership si sentiva vincolata dalla realt sociale ed economica, e quindi non offrivano agli iscritti obiettivi chiari e immediati. Di conseguenza il partito unico, invece di diventare uno strumento totalitario di mobilitazione, il centro monistico, divenne una componente in pi nella struttura del potere. Paradossalmente, stato sostenuto che i partiti unici avevano maggiori possibilit di sopravvivenza nelle societ meno mobilitate e pi arretrate che nei paesi con pi risorse, dove, proprio per questo, tendeva a svilupparsi un processo inflazionistico di formazione della domanda (v. Zolberg, 1966) e dove i piani rivoluzionari contro il settore moderno dell'economia non riuscivano a provocare un vero danno.In alternativa il partito unico si trasform da movimento di massa disciplinato e ideologico in un meccanismo flessibile, che manteneva viva la solidariet tra i suoi membri facendo leva sui loro interessi personali, tollerando l'esistenza di fazioni e confidando pi nell'attrattiva di ricompense materiali, ottenute anche tramite la corruzione, che nell'entusiasmo per princip politici. La coercizione avrebbe assunto la forma di una macchina politica (v. Zolberg, 1966 e 1969; v. Bretton, 1973). Solo pochi partiti unici di mobilitazione sono riusciti a conservare una qualche funzione per alcuni anni dopo l'indipendenza. Quelli che non sono stati scalzati da colpi di Stato militari hanno conosciuto una notevole trasformazione. Le tipologie elaborate all'inizio sono risultate fuorvianti, perch spesso basate sull'immagine che di s i partiti africani volevano trasmettere. La variabilit delle politiche di consolidamento dello Stato e di conquista, legittimazione e gestione del potere ha generato regimi difficili da concettualizzare se non in termini di dominio personale. 7. Il dominio personale A prescindere dai camuffamenti euromorfici (forme costituzionali, partito unico, organizzazione burocratica) e dai tentativi simbolici di collegarsi alla tradizione, i nuovi Stati africani possono essere caratterizzati nel modo migliore come regimi di dominio personale. Dal punto di vista organizzativo essi hanno alcune caratteristiche in comune con il patrimonialismo descritto da Weber, bench il contesto storicowww.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 16/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

culturale sia del tutto diverso da quello delle monarchie assolute europee postfeudali, a capo di societ complesse, con una Chiesa potente, una tradizione di diritto romano, governi municipali autonomi, gilde, ecc. Il concetto di neopatrimonialismo utilizzato dagli africanisti - andrebbe quindi adoperato con cautela. Nei casi che Jackson e Rosberg (v., 1982) definiscono 'tirannie' (Amin, Macias, Bokassa, Mobutu) il patrimonialismo assume la forma definita da Weber 'sultanismo'. Anzich descrivere i diversi casi di dominio personale in termini di orientamenti ideologici e di politiche, distinguendo quelli ispirati al pensiero marxista (Sekou Ture) da quelli pi concilianti nei confronti degli interessi occidentali (HouphouetBoigny), studiosi come Jackson e Rosberg hanno tentato di descriverne le differenze in base ai rapporti tra i governanti e i loro collaboratori, da una parte, e la societ, dall'altra. A loro avviso, nell'Africa subsahariana, la politica si occupa pi della gestione del potere che dell'attuazione di un qualche indirizzo politico; Machiavelli e persino Hobbes ci offrono paradigmi pi efficaci, per comprenderla, di quanto non facciano Marx e molte teorie contemporanee. Essi sottolineano la scarsa differenza tra i governanti con una preparazione militare e i civili, tra coloro che si sono serviti di un partito politico per conquistare il potere e coloro che lo hanno creato una volta al potere.Il dominio personale un sistema di relazioni che non collega (perlomeno non direttamente) i governanti al 'pubblico', n ai sudditi, ma piuttosto ai notabili, agli alleati, ai clienti, ai sostenitori e ai rivali che costituiscono il 'sistema'. Non sono le istituzioni, ma gli stessi politici a strutturare il sistema; e questa dipendenza dalle persone spiega la sua sostanziale vulnerabilit. Esso drasticamente restrittivo nei confronti delle libert politiche, mentre in genere tollerante (salvo che nei regimi tirannici) verso i diritti non politici. I governanti dispongono di una competenza giuridica pressoch illimitata. Utilizzano, combinandoli in vari modi: 1) la cooptazione e la consultazione; 2) il clientelismo; 3) il patto e l'accordo; 4) l'intimidazione e la coercizione. Dalla sorte del leader dipende quella della classe politica che lo sostiene e spesso la solidit dell'ordinamento politico. Se aggiungiamo le restrizioni e le incertezze determinate da fattori politici ed economici esterni e la povert di cui soffrono i paesi dove vige questo tipo di regime, paesi che dipendono da poche esportazioni di prodotti primari, soggette a fluttuazioni dei raccolti dovute al clima, possiamo comprendere l'instabilit del dominio personale. Un altro fattore da considerare l'assistenza militare ed economica fornita dall'estero, anche da paesi confinanti, ai governanti o agli esuli e ai ribelli. Il dominio personale quindi caratterizzato dal paradosso di un potere relativamente autonomo, e persino arbitrario, ma soggetto a vincoli e incapace di realizzare politiche per la mancanza di risorse e di funzionari esperti. Jackson e Rosberg distinguono quattro tipi ideali di dominio personale: il principesco, l'autocratico, il profetico e il tirannico. Il tipo profetico caratterizza in misura maggiore alcuni dei capi fondatori, come Nkruhma e Nyerere, e si avvicina agli ideali, se non alla realt, dei regimi di mobilitazione a partito unico. La distinzione tra principi e autocrati getta luce su questo tipo di regime autoritario. Il principe un osservatore astuto e un manipolatore di luogotenenti e di clienti; egli tende a governare insieme con altri oligarchi e a coltivarne la lealt, tenendo sotto controllo la loro tendenza a sopraffarsi a vicenda. Alcuni principi, come Kenyatta o Kaunda, sono stati artefici dell'indipendenza del proprio paese; il loro pi eminente rappresentante stato Leopold Senghor, il dotto presidente del Senegal. L'autocrate si distingue per la maggior libert di azione e per l'ostilit verso la politica dei politici e verso il potere e l'autorit altrui; egli costringe alla cospirazione o all'esilio coloro che rifiutano di diventare suoi dipendenti. Il potere dell'autocrate basato sulla sua abilit e sulla sua esperienza personali, difficilmente trasferibili a un altro leader. Questo fatto, unito alla minore probabilit che siano disponibili politici capaci ed esperti, in grado di assicurare una successione pacifica, fa nascere una condizione di instabilit, finch qualcun altro non si impadronisce saldamente del potere e non impara a esercitare un dominio personale. N il dominio personale di tipo principesco, n quello autocratico trasformano la struttura sociale (come quello profetico tenta di fare e quello tirannico fa tramite la coercizione e la corruzione), ma la manipolano, la controllano e la subordinano a s.
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 17/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

Il pluralismo sociale ancora vivo, ma, dato il retaggio delle societ africane e del colonialismo, fondamentalmente debole. D'altra parte pur vero che nei centri pi moderni la stampa, i professionisti, svariate associazioni, ecc. tentano di affermare la propria autonomia, mentre in altre zone i governanti tradizionali, o i loro discendenti, i capi di clan locali o di trib e i notabili religiosi non possono essere ignorati, persino quando, sotto il dominio di un autocrate, non partecipano al potere. Strutture moderne, quali l'esercito e la burocrazia, non vanno confuse con i rispettivi modelli europei, perch prima del colonialismo in pratica non esistevano, i loro vertici se ne andarono alla fine del dominio coloniale e l'africanizzazione le ha del tutto trasformate. Il dominio personale dunque pi imprevedibile, pi paternalistico o arbitrario, in potenza persino pi oppressivo, tirannico e corruttore, ma tutto sommato pi debole e pi instabile, degli altri regimi autoritari pi 'strutturati'. Questo carattere informe (v. Sartori, 1976) ostacola gli sforzi diretti a costruire istituzioni democratiche, in quanto i politici eletti democraticamente non erediteranno strutture istituzionalizzate operanti secondo procedure giuridiche formali. Il fallimento, in situazioni di crisi, dei funzionari eletti democraticamente, la loro inefficienza e la loro corruzione legittimeranno i leaders militari a rovesciarli e a ricominciare il ciclo del dominio personale illegale e, dopo breve tempo, illegittimo. Nelle societ pi moderne, come la Nigeria o il Ghana, le richieste di ritorno alla democrazia si riproporranno e il ciclo potrebbe ricominciare da capo (v. Diamond, Linz e Lipset, 1988-1989). Sebbene coloro che esercitano un dominio personale vantino, e a volte abbiano, un certo carisma che li circonda di un'aura pseudoreligiosa, la loro legittimazione non basata su quella che stata definita una 'religione politica', un'ideologia politica sacralizzata, come nei sistemi totalitari, n pu essere confusa con la tradizionale autorit sacralizzata premoderna del dispotismo orientale, incarnata dall'imperatore cinese, dai sultani turchi, o persino dal cesaropapismo bizantino o russo. Con la parziale eccezione di un autocrate tradizionale come Hail Selassi in Etiopia e di alcuni governanti arabi, la religione non serve da fonte di legittimazione del dominio personale. Nell'autoritarismo africano non facile separare gli elementi derivati dall'Occidente, in particolare il partito unico di mobilitazione ispirato al modello comunista, gli elementi di patrimonialismo propri del governante e della sua famiglia, degli amici e dei clienti, collegati alla corruzione in societ dove il controllo del potere statale e del settore pubblico quasi l'unica fonte di ricchezza e di status, gli elementi derivati dai tentativi di richiamarsi a una cultura o a una tradizione indigene, spesso inventate per dare un senso al potere, e infine la repressione e il sospetto ai danni di nemici effettivi o potenziali, atteggiamenti che allignano in Stati la cui integrazione attraverso fratture etniche, tribali, cultural-religiose risulta incerta. 8. I regimi autoritari post-totalitari Pochi problemi fanno discutere di pi del modo di concettualizzare i mutamenti verificatisi in Unione Sovietica e in alcuni paesi comunisti dell'Est nella fase che precede l'era Gorbav: il periodo successivo, caratterizzato dal passaggio alla democrazia competitiva dei paesi dell'Europa centrale e dai contestuali rivolgimenti in URSS, cade ovviamente fuori di questo articolo. Dopo alcuni tentativi teorici risalenti al primo periodo post-staliniano, si sono prodotti studi (v. Hough, 1977; v. Bialer, 1980), per lo pi descrittivi, che evitano i dibattiti sul totalitarismo, bench respingano in modo esplicito o implicito l'applicabilit di quel tipo ideale alle realt presenti. I regimi in questione si avvicinano o potrebbero avvicinarsi al modello autoritario, ma, dato che se ne differenziano per alcuni aspetti significativi, li definiamo 'posttotalitari'. Il fatto che questi regimi siano sorti dopo la trasformazione della societ da parte del totalitarismo, il fatto che le istituzioni e le organizzazioni che hanno sostenuto tale trasformazione, soprattutto il partito unico, non siano state smantellate (eccettuati l'imponente apparato del terrore e i gulag), il linguaggio rigido dell''ideologia fredda' tuttora usato e il ricordo del recente passato sono tutti fattori che rendono i sistemi post-totalitari diversi dai sistemi autoritari propri di societ che non hanno subito gli stessi mutamenti. Si pu affermare che il
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 18/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

totalitarismo abbia fallito nelle sue pi ambiziose aspirazioni di cambiare l'uomo dando uno scopo e un significato alla sua vita; ma riuscito a cambiare la societ e a distruggere ampiamente le basi del pluralismo socioculturale della societ civile, l'autonomia e l'autorevolezza delle chiese, l'etica specifica delle varie professioni e delle loro associazioni e, nelle societ socialiste, l'indipendenza degli operatori economici, proprietari e managers, trasformando tutti (tranne alcuni agricoltori e gli imprenditori dell'economia sommersa) in dipendenti statali e impedendo qualsiasi forma di organizzazione autonoma. Gli accademici, gli intellettuali e forse gli artisti sfuggono in qualche modo a questa Gleichschaltung, ma come individui, non come gruppi organizzati. Il risultato che il pluralismo sociale, che avrebbe potuto dare origine a un pluralismo latente e forse, in condizioni di crisi, politicamente rilevante, non mai esistito. Inoltre, come accade nella maggior parte dei regimi autoritari, la relativa chiusura di queste societ e il controllo esercitato su tutti i mass media impedirono alla stragrande maggioranza della popolazione di pensare a modelli politici alternativi. Nei regimi post-totalitari si lascia spazio alla privatizzazione e alla dissidenza su una scala intollerabile per il totalitarismo, ma non all'ampia gamma di opposizioni extralegali (come nella maggior parte dei regimi autoritari). D'altronde i potenziali oppositori non trovano, se non lungo i confini occidentali dell'Unione Sovietica, il sostegno protettivo e incoraggiante di una societ civile. La Polonia, anche prima dell'affermarsi di Solidarno come movimento politico extralegale ma potente, era un regime autoritario, grazie alla posizione particolare mantenuta dalla Chiesa cattolica (v. Staniszkis, 1984). Perch considerare questi sistemi regimi autoritari post-totalitari, anzich varianti del totalitarismo? Si potrebbe sostenere che i cambiamenti, avvenuti all'interno di un sistema totalitario, sono pi quantitativi che qualitativi e non rappresentano pertanto una 'vera' rottura con il passato; inoltre il ritorno del totalitarismo sempre possibile. Un'analisi del genere pu essere valida per alcuni paesi o alcune fasi di sviluppo dei sistemi sovietici (trascurando quelli in cui la spinta totalitaria non si ancora esaurita, come nel Sudest asiatico e nella Corea del Nord). Tuttavia i seguenti mutamenti giustificano la nozione di post-totalitarismo. 1. L'ossificazione dell'ideologia, l'idologie froide, ripetuta meccanicamente e utilizzata pi per ostacolare il cambiamento delle strutture sociali che per promuoverlo, la crescente accettazione, nell'attivit politica, di criteri pragmatici o razionali non derivanti dai dogmi ideologici e addirittura incompatibili con essi, la ritualizzazione dell'indottrinamento, il sempre pi raro ricorso al sostegno degli intellettuali e la tolleranza per espressioni artistiche non soggette a dettami ideologici. Solo la formulazione e la diffusione di idee pericolose viene ancora limitata. L'ideologia, accettata in modo universale e acritico, pu servire da 'mentalit' all'apparatchikis, ma non occupa pi la posizione centrale di un tempo. 2. Il partito unico e il suo gruppo dirigente continuano a essere la struttura decisionale centrale, tuttavia i cambiamenti nelle attivit delle organizzazioni di partito, nei criteri di reclutamento e di promozione attraverso la nomenklatura e nella composizione del gruppo dirigente non possono essere ignorati. La burocratizzazione e un ininterrotto cursus honorum, uniti a tendenze gerontocratiche, hanno caratterizzato il partito, sebbene Gorbav abbia dimostrato che il gruppo dirigente pu invertire questi processi. Il partito ancora un'lite, l'accesso alla quale viene filtrato con attenzione, ma, anzich l'attivismo puro e semplice, il fervore ideologico, le attivit di propaganda o di controllo coercitivo, diventano importanti e vengono premiate la competenza e le prestazioni tecnicoprofessionali, nonch le reti clientelari. La spiegazione dello stalinismo in termini di 'culto della personalit' e il desiderio di sicurezza dell'lite hanno portato a una parvenza di leadership collettiva e all'uso di qualche meccanismo formale, come le votazioni e le elezioni negli organi di vertice del sistema.All'interno del partito e del governo possono affermarsi interessi funzionali e persino un certo pluralismo burocratico, ma nessun pluralismo sociale si articola attraverso organizzazioni indipendenti quali i sindacati, e i disaccordi politici, pur tollerati, vengono dibattuti soprattutto dall'lite, anzich da fazioni organizzate e coesive operanti sotto gli occhi di un pubblico pi vasto. 3. Fra i cambiamenti pi significativi in direzione dell'autoritarismo vi sono la
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 19/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

diminuzione degli sforzi di mobilitazione totale e di partecipazione all'attivit politica e una tolleranza crescente nei confronti della privatizzazione e degli incentivi non ideali, inclusi gli interessi economici personali. L'apatia e l'indifferenza politica sono tollerate. Le attivit parallele - compresa la corruzione - tese al conseguimento di fini personali sono aumentate e sono diventate un problema serio. Si sta sperimentando (Ungheria, Cina) o prendendo in considerazione la possibilit di sfruttare le motivazioni pi grette dell'interesse personale e dell'avidit per ottenere migliori prestazioni economiche, consentendo, in deroga al modello ideale della societ, qualche attivit imprenditoriale, l'autonomia delle imprese e la creazione di un'economia di mercato. Questi mutamenti derivano dal riesame, compiuto dall'lite, di quanto sia costato, anche alla stessa classe dirigente, il modello totalitario, specie in termini di instabilit (le purghe, la rivoluzione culturale, ecc.), e da valutazioni delle proprie capacit economiche, tecnologiche e militari in un sistema mondiale competitivo. Non c' dubbio che la destalinizzazione, la liquidazione del terrore massiccio e indiscriminato, l'introduzione della legalit socialista (anche se per i dissidenti si tratta di una legalit repressiva) abbiano contribuito a far accettare e persino a legittimare il sistema.Qual l'obiettivo, la raison d'^tre ultima, del sistema che controlla e soffoca la societ? Secondo alcuni il mantenimento dello status quo, e quindi dei privilegi acquisiti dalla 'nuova classe', la prevedibilit di una societ burocratica e la difesa dell'ordine esistente, soprattutto contro il pericolo di insurrezioni indipendentiste, promosse da nazionalismi non assimilati o emergenti, che si sta profilando alla periferia del sistema, nel Baltico e nella fascia sudasiatica dell'Unione Sovietica. Per Castoriades (v., 1982) lo 'stato di difesa' diventa il fine ultimo, cui altri obiettivi, come una migliore qualit della vita, sono subordinati, e conferisce uno status privilegiato ai militari, ai tecnici e agli scienziati che operano nel settore militare dell'economia. Questo nuovo tipo ideale suggestivo, ma discutibile. Poteva forse essere valido all'epoca di Breznev, ma non oggi alla luce degli sviluppi pi recenti. difficile avanzare ipotesi sul futuro. La riaffermazione della societ e, in particolare, della classe operaia, che in Polonia ha dimostrato le sue potenzialit, la maggiore o minore sopravvivenza di una classe contadina non integrata in un sistema di kolchozy e il ruolo dei conflitti di nazionalit sono alcuni dei fattori che potrebbero permettere alla leadership di seguire percorsi alternativi in situazioni di crisi. Gli sviluppi saranno diversi in Romania (dopo il governo personalizzato di Ceausescu), nei paesi cattolici e in quelli greco-ortodossi, come la Bulgaria. I sistemi post-totalitari - salvo quello polacco - dovranno subire molti mutamenti prima che il loro autoritarismo (perlomeno a livello politico) diventi paragonabile a quello della maggior parte dei regimi autoritari capitalistici occidentali. L'assenza di alternative realistiche, specialmente in Unione Sovietica, l'isolamento dei dissidenti e il retaggio della repressione diminuiscono le probabilit che quei regimi incontrino un'opposizione attiva, militare e violenta, e quindi essi tendono a essere meno repressivi dei regimi autoritari pi 'liberali'. 9. Conclusione Il nostro excursus attraverso il mondo dei regimi autoritari pu concludersi all'insegna di un moderato ottimismo. L'utopia di un'lite autodesignata, intenzionata a riformare in modo totalitario l'uomo e la societ, che sembrava la tendenza del futuro negli anni trenta con il fascismo e, in modo pi specifico, con il nazismo, stata sconfitta e la versione stalinista del leninismo stata screditata e si trova ad affrontare una crisi profonda. Molte formule politiche autoritarie hanno perso il loro puntello ideologico e non esiste alcun paese importante che possa fungere da modello. Negli anni settanta tornata la democrazia in Grecia, in Portogallo e in Spagna, e negli anni ottanta abbiamo assistito alla restaurazione della democrazia in paesi latino-americani, nelle Filippine, nella Corea del Sud e in Pakistan. Tutto questo ha fatto nascere un'ampia e crescente letteratura sulle transizioni dall'autoritarismo alla democrazia (v. O'Donnell, Schmitter e Whitehead, 1986), complementare agli studi precedenti volti a comprendere il crollo delle democrazie
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 20/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

(v. Linz e Stepan, 1978). Le difficolt che alcune di queste democrazie si trovano ancora ad affrontare sollevano la questione delle condizioni migliori per il loro pieno consolidamento. Come dimostrano la transizione dal governo dello Sci a quello di Khomeini, le crisi a Haiti e in Nicaragua e i travagli delle democrazie in Sudamerica, questi sviluppi promettenti non sono per universali. bibliografia Aquarone, A., L'organizzazione dello Stato totalitario, Torino 1965. Bialer, S., Stalin's successors: leadership, stability, and change in the Soviet Union, Cambridge 1980 (tr. it.: I successori di Stalin, Milano 1985). Bienen, H., The military intervenes: case studies in political development, New York 1968. Bienen, H., Military and society in East Africa: thinking again about praetorianism, in "Comparative politics", 1974, VI, pp. 489-517. Borkenau, F., Zur Soziologie des Faschismus, in "Archiv fr Sozialwissenschaft und Sozialpolitik", 1933, LXVIII, 5, pp. 513-543. Bretton, H. L., Power and politics in Africa, Chicago 1973. Carter, G. M. (a cura di), African one-party states, Ithaca, N.Y., 1962. Castoriades, C., Devant la guerre, Paris 1982. Clogg, R., Yannopoulos, G. (a cura di), Greece under military rule, New York 1972. Cohen, L., The social background and recruitment of Yugoslav political lites: 1918-1948, in Opinion-making lites in Yugoslavia (a cura di A. H. Barton, B. Denitch e C. Kadushin), New York 1973. Coleman, J. S., Rosberg, C. G. jr. (a cura di), Political parties and national integration in tropical Africa, Berkeley, Cal., 1964. Collier, D. (a cura di), The new authoritarianism in Latin America, Princeton, N. J., 1979. De Felice, R., Mussolini il fascista, vol. I, La conquista del potere: 1921-1925 , Torino 1966. De Felice, R., Le interpretazioni del fascismo, Bari 1969. De Felice, R., Il fascismo: le interpretazioni dei contemporanei e degli storici, Bari 1970. Diamond, L., Linz, J. J., Lipset, M. S. (a cura di), Democracy in developing countries (Africa, Asia and Latin America), 3 voll., Boulder, Col., 1988-1989. Durkheim, ., De la division du travail social: tude sur l'organisation des socits suprieures, Paris 1902 (tr. it.: La divisione del lavoro sociale, Milano 1962). Finer, S. E., The man on the horseback: the role of the military in politics, London 1962. Foltz, W. J., From French West Africa to the Mali federation, New Haven, Conn., 1965. Friedland, W. H., Rosberg, C. G. jr. (a cura di), African socialism, Stanford, Cal., 1964. Geiger, T., Die soziale Schichtung des deutschen Volkes, Stuttgart 1932. Gentile, E., La natura e la storia del Partito nazionale fascista nelle interpretazioni dei contemporanei e degli storici, in "Storia contemporanea", 1985, XVI, 3, pp. 521-607. Germani, G., Fascismo, autoritarismo e classi sociali, Bologna 1975. Gregor, A. J., The ideology of fascism: the rationale of totalitarianism, New York 1969. Grilli Di Cortona, P., Le crisi politiche nei regimi comunisti: Ungheria, Cecoslovacchia e Polonia da Stalin agli anni ottanta, Milano 1989. Hermet, G., Les fonctions politiques des organisations religieuses dans les rgimes pluralisme limit, in "Revue franaise de science politique", 1973, XXIII, pp. 439472. Hermet, G., L'autoritarisme, in Trait de science politique (a cura di M. Grawitz e J. Leca), vol. II, Les rgimes politiques contemporains, Paris 1985, pp. 269-312. Hodgkin, T., African political parties: an introductory guide, Harmondsworth 1961. Hough, J. F., The Soviet Union and social science theory, Cambridge, Mass., 1977.
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 21/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

Huntington, S. P., Political order in changing societies, New Haven, Conn., 1968 (tr. it.: Ordinamento politico e mutamento sociale, Milano 1975). Huntington, S. P., Moore, C. H. (a cura di), Authoritarian politics in modern society, New York 1970. Jackson, R. H., Rosberg, C. G. jr., Personal rule in black Africa: prince, autocrat, prophet, tyrant, Berkeley, Cal., 1982. Janos, A. C., The one-party state and social mobilization: East Europe between the wars, in Authoritarian politics in modern society (a cura di S. P. Huntington e C. H. Moore), New York 1970. Janos, A. C., The politics of backwardness in Hungary: 18251945 , Princeton, N. J., 1982. Laqueur, W. (a cura di), Fascism: a reader's guide: analyses, interpretations, bibliography, Berkeley, Cal., 1978. Laqueur, W., Mosse, G. L. (a cura di), International fascism: 1920-1945 , New York 1966. Larsen, S. U., Hagtvet, B., Myklebust, J. P., Who were the fascists? Social roots of European fascism, Bergen 1980. Lee, J. M., African Armies and civil order, New York 1969. Linz, J. J., An authoritarian regime: the case of Spain, in Cleavages, ideologies and party systems (a cura di E. Allard e Y. Littunen), Helsinki 1964, rist. in Mass politics: studies in political sociology (a cura di E. Allard e S. Rokkan), New York 1970. Linz, J. J., From Falange to movimiento-organizacin: the Spanish single party and the Franco regime: 1936-1968, in Authoritarian politics in modern society (a cura di S. P. Huntington e C. H. Moore), New York 1970. Linz, J. J., Opposition in and under an authoritarian regime: the case of Spain, in Regimes and oppositions (a cura di R. A. Dahl), New Haven, Conn., 1973. Linz, J. J., The future of an authoritarian situation or the institutionalization of an authoritarian regime: the case of Brazil, in Authoritarian Brazil: origins, policies, and future (a cura di A. Stepan), New Haven, Conn., 1973. Linz, J. J., Totalitarian and authoritarian regimes, in Handbook of political science (a cura di F. I. Greenstein e N. W. Polsby), vol. III, Reading, Mass., 1975, pp. 175-411. Linz, J. J., Stepan, A. (a cura di), The breakdown of democratic regimes, Baltimore, Md., 1978. Lucena, M. de, Perspectivas e realidades, Lisboa 1976. Macartney, C. A., October 15: a history of modern Hungary: 1929-1944, 2 voll., Edinburgh 1962. Moore, B. jr., Social origins of dictatorship and democracy: lord and peasant in the making of the modern world, Boston, Mass., 1966 (tr. it.: Le origini sociali della dittatura e della democrazia: proprietari e contadini nella formazione del mondo moderno, Torino 1969). Morlino, L., Come cambiano i regimi politici: strumenti di analisi, Milano 1980. Nagy-Talavera, N. M., The Green Shirts and the others: a history of fascism in Hungary and Rumania, Stanford, Cal., 1970. Neumann, F., Behemoth: the structure and practice of national socialism, London 1942 (tr. it.: Behemoth: struttura e politica del nazionalsocialismo, Milano 1977). Nolte, E., Die faschistischen Bewegungen, Mnchen 1966. Nolte, E., Der Faschismus in seiner Epoche: die Action franaise, der italienische Faschismus, der Nationalsozialismus, Mnchen 1967 (tr. it.: Tre volti del fascismo, Milano 1971). Nolte, E., Die Krise des liberalen Systems und die faschistischen Bewegungen, Mnchen 1968 (tr. it.: La crisi dei regimi liberali e i movimenti fascisti, Bologna 1970). O'Donnell, G., Modernization and bureaucratic authoritarianism: studies in South American politics, Berkeley, Cal., 1973. O'Donnell, G., Schmitter, P. C., Whitehead, L. (a cura di), Transitions from authoritarian rule: prospects for democracy, Baltimore, Md., 1986. Payne, S. G., Fascism, Madison, Wis., 1980. Payne, S. G., The Franco regime: 1936-1975 , Madison, Wis., 1987.
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 22/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

Perlmutter, A., Modern authoritarianism, New Haven, Conn., 1981. Potholm, C. P., Four African political systems, Englewood Cliffs, N. J., 1970. Roberts, H. L., Rumania: political problems of an agrarian state, New Haven, Conn., 1951. Rogger, H., Weber, E. (a cura di), The European right: a historical profile, Berkeley, Cal., 1966. Rouqui, A., L'tat militaire en Amrique Latine, Paris 1982. Sartori, G., Parties and party systems, Cambridge 1976. Schmitter, P. C., Corporatist interest representation and public policy in authoritarian Portugal, London 1974. Schmitter, P. C., Still the century of corporatism?, in "Review of politics", 1974, XXXVI, pp. 85-131. Staniszkis, J., Poland's self-limiting revolution, Princeton, N. J., 1984. Stepan, A., The new professionalism of internal welfare and military role expansion, in Authoritarian Brazil: origins, policies, and future (a cura di A. Stepan), New Haven, Conn., 1973. Stepan, A., The State and society: Per in comparative perspective, Princeton, N. J., 1978. Stepan, A., Rethinking military politics: Brazil and the Southern Cone, Princeton, N. J., 1988. Thalheimer, A., ber den Faschismus, in "Gegen den Strom: Organ der KPD (Opposition)", 1930, rist. in Faschismus und Kapitalismus (a cura di W. Abendroth), Frankfurt a. M. 1967. Tomasevich, J., Peasants, politics, and economic change in Yugoslavia, Stanford, Cal., 1955. Wallerstein, I., Africa: the politics of independence: an interpretation of modern African history, New York 1961. Wallerstein, I., The decline of the party in single-party African States, in Political parties and political development (a cura di J. La Palombara e M. Weiner), Princeton, N. J., 1966. Weber, M., Wirtschaft und Gesellschaft, Tbingen 1922 (tr. it.: Economia e societ, 2 voll., Milano 1974). Welch, C. E. jr. (a cura di), Soldier and State in Africa: a comparative analysis of military intervention and political change, Evanston, Ill., 1970. Zolberg, A. R., Creating political order: the party-States of West Africa, Chicago 1966. Zolberg, A. R., One-party government in the Ivory Coast, Princeton, N. J., 1969.

I nvia articolo

Pubblica sul tuo blog o sito

Segnala alla redazione

APPROFONDIMENTI
AUTORITARISMO > ENCICLOPEDIA ITALIANA - V APPENDICE (1991)
AUTORITARISMOIn prim a approssim azione l'a. si pu considerare com e quel com plesso di fenom eni che si m anifestano nell'im posizione dall'alto, in form a gerarchica e con il ricorso alla coercizione, di com andi, ordini, obbedienza. Abitualm ente, l'a. v ie... Leggi

AUTORITARISMO > DIZIONARIO DI STORIA (2010)


autoritarism o Term ine usato in rapporto a tre tipi di fenom eni: personalit, ideologie, regim i. I tratti della personalit autoritaria sono essenzialm ente la sottom issione e laggressione, la ricerca esasperata dellordine e il rifiuto dellam biguit... Leggi

ARGOMENTI CORRELATI
www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/ 23/24

29/12/13

Autoritarismo in Enciclopedia delle scienze sociali Treccani

Movimento
movimnto Nelle scienze umane, termine con cui si designa l'azione convergente, pi o meno organizzata, di pi persone che hanno ideologie e programmi operativi comuni. Nel linguaggio politico, il movimento si differenzia dal partito per il suo carat

Antisemitismo
antisemitismo Lavversione e la lotta contro gli Ebrei. Anche se il termine venne usato per la prima volta agli inizi del 19 sec., si tratta di un fenomeno molto pi antico. A unostilit di carattere religioso, viva fi

Leggi

Leggi

Sociologia
sociologia Scienza che ha per oggetto i fenomeni sociali indagati nelle loro cause, manifestazioni ed effetti, nei loro rapporti reciproci e in riferimento ad altri avvenimenti. 1. Nascita e primi sviluppi La nascita della s. come scienza autonoma &e

Messia
messia NellAntico Testamento, il personaggio oggetto dellunzione divina, re o sommo sacerdote. Nelluso posteriore il nome si specializza a indicare lunto per eccellenza, inviato dal Signore come re e salvato

Leggi

Leggi

Argomenti successivi

Torna sopra

L'ISTITUTO
Profilo Attivit culturali Biblioteca Archivio s torico Contatti

L'ENCICLOPEDIA
Scienz e s ociali e Storia Arte, Lingua e Letteratura Sport e Tem po libero Scienz e naturali e Matem atiche Tecnologia e Scienz e applicate Elenco delle Opere

ALTRE RISORSE
Scuola Webtv Magaz ine Com m unity Catalogo Ras s egna s tam pa

NETWORK
Speciale Verdi Speciale Machiavelli Atlante Geopolitico Facebook Tw itter Y outube

Treccani All rights Res erved

Partita Iva 00892411000 Term ini e condiz ioni Condiz ioni d'us o

Privacy policy Aiuto

Redaz ione Credits

Feed Rss

www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo_(Enciclopedia_delle_scienze_sociali)/

24/24