Sei sulla pagina 1di 3

Lattimo e il momento/ Filosofia. Scritto il 15-04-2012. Milano; Italia. Di Gianluca Giri al!i" scrittore e filosofo Italiano.

#$era letterale %ratuita $er il $u lico.

Lattimo tutto; che sia chiuso o aperto, sempre tutto. Anche tu sei tutto e niente davanti a lui; lo puoi aprire, cercare, magari ingenuamente inventare. Lattimo non sorride, ma tu puoi farlo. Lattimo non verr mai da te, ma tu puoi cercarlo. Lattimo pu scomparire ma a differenza dello spirito scomparso lui c sempre; se mancasse lo si pu anche creare, creando vita, almeno per un momento, ma per un momento; scomparir lattimo che non si vuole. Lattimo pu levare come dare; pu costruire, dividere il momento tra le persone. Non si pu ignorare perch se ne costruisce il proprio momento sin dallinizio dove poi nasce il momento, uello importante; forse non ti chiaro, ma presto si schiarir, come gli attimi nei momenti. Nellattimo c cosi tanto che tutto travolge; se ne pu intravedere il mondo, le sue tristezze cosi come le sue !ellezze; pu persino diventare con il mondo in un momento e vederlo in un istante, con te, ma durer solo un attimo mentre fortificher un altro momento; forse il tuo. Non inizia per caso ma per forza perch spontaneo; pu diventare !anale, uasi inutile, forse anche tu con lui se gli credi perch credi che sia diventato un momento, un tuo momento, mentre forse era solo lattimo di ualcun altro. "orse gli attimi e i momenti si confondono, e con essi la prova che si presenta al tuo momento. Lattimo si pu affiancare al momento, far crescere, erigere grandi vedute ma non potr mai creare altri attimi o momenti perch ognuno ha il suo da interpretare, con tutta la sua persona; la confusione tra momenti e attimi, ma si ha sempre il proprio momento per difendersi; potre!!e persino investire e far percepire gli attimi degli altri creando un grande momento, in comune; allora lattimo pu essere rimpicciolito e condiviso, costruirne una morale cosi come una menzogna che divider il momento per creare ancora un altro attimo perch esiste chi si creduto pi# fur!o dellattimo e del momento, ne

rimasto prigioniero per poi insegnarlo come attimo e momento, ma non gli credere se non ne sei rimasto vittima; esiste altro oltre lunione tra lattimo e il momento, anche se forse !asta dividere lattimo dal momento e prendere aria, dividendo attimo per momento, e tu con loro riprendendo vita perch se ne rimarr coinvolti dimenticandosi il proprio momento; se lo hai costruito, lui torner, e ti aiuter. Adesso vedi tutto il tempo che ti rimane per fortificarne una morale ma se la dividerai potre!!e essere infranto, essere distrutto il momento, in un attimo. Adesso per lattimo veramente chiuso e non ci puoi pi# fare proprio niente ma ne potrai cercare, ed aprire, sempre un altro, in un altro momento, anche se il tuo momento ti seguir. $l momento anche costituito dalla morale dellattimo, tuo e degli altri, e cosi come pu essere negativo ce ne possono essere anche dei positivi; la propulsione della vita che ti chiede di avanzare mentre lamore solo il sole che illumina il cammino e non il sole che scalda i raccolti, e lac ua,dove forse hai costruito il tuo attimo in un momento, forse senza maturazione e condivisione. %e ti stato chiesto di camminare, tra momenti e attimi, ed hai accettato sino alla meta che solo tu puoi decidere e vedere, allora sei diventato una persona degna di uesto nome anche se lattimo si ripresenter, ancora e ancora, perenne da ogni tempo, a differenza di noi. Non resta che costruirne un altro, magari un momento, anche se ancora croller&si pu cam!iare, ricorda, cam!iare il momento che si condivide anche se adesso si costruito un momento e se ne percepisce lattimo per un attimo, uasi come la luce sui raccolti e carpire tutto uello che si pu fare con le proprie sole forze sino a sentirsi scaldati dal sole e privati ancora di momenti forse per colpa degli attimi non condivisi, degli altri; ma non ancora il tuo momento, e si pu ancora resistere. "orse si impossesseranno del tuo momento, che tu hai costruito, ma non ti devi preoccupare perch solo tuo, e torner se tuo; a differenza della materia lattimo non si pu ru!are, ma solo imitare perch il tuo momento appartiene a uello che riesci a vedere dove si dovre!!e capire di fare parte del mondo; anche per scegliere; e uello che vedi, ti appartiene, non sono gli attimi degli altri. Anche se tutto ricomincer, ancora, anche se non lo vuoi o non ti piace non ci puoi fare proprio niente tranne crescere sempre pi# sino a crollare ancora, e ancora, come gli attimi insensati dentro al momento che tu sei riuscito'a ad eludere sino al momento pi# !ello, li!ero, senza pi# attimi. ( il tuo momento, conservalo con tutte le tue forze; te ne potresti dimenticare tra i tanti attimi, in un solo attimo;

tienilo con te, custodiscilo, ti servir uando rimarrai perplesso dallistante in un momento de!ole; potre!!e punirti, anche se ti puoi difendere con il tuo momento. )li attimi torneranno ancora, che tu a!!ia accettato o no di affrontarli, ma a differenza di chi si negato e rimastone prigioniero tu sei li!ero nei momenti, apparentemente senza pi# attimi. Li potresti far sorridere cercando di creare un momento senza per calpestare la tua dignit e creare un altro momento, lunico potere possi!ile e condivisi!ile che hai ancora per fare, e costruire, apparentemente senza pi# attimi, gli stessi dove sintravede il mondo dal tuo punto di vista e poi di uello degli altri; una condivisione in un solo attimo, senza momenti, anche se il tuo momento ti sta seguendo perch hai deciso di costruire e di diventare senza rimpianto come chi invece rimasto un istante; forse ti deve dire ualcosa, degno di ascolto. Anche se non ce la farai pi# a resistere tra attimi e momenti, prova a ridere di loro, perch forse loro, sorrideranno di te. )ianluca )iri!aldi. "ilosofo, scrittore italiano. *recedenti pu!!licazioni filosofiche+$l filosofo e la filastrocca.

Diritti dautore riservati. Ne vietata la riproduzione e la pubblicazione senza lautorizzazione dell artista qui nominato.