Sei sulla pagina 1di 127

Comportamento delle strutture in c.a.

in zona sismica

Pagina i/127

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Prof. Paolo Riva Dipartimento di Progettazione e Tecnologie Facolt di Ingegneria Universit di Bergamo V. Marconi, 5 24044 Dalmine (BG) E-Mail: paolo.riva@unibg.it

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina ii/127

INDICE pag. A.K. Chopra, Dynamics of Structures: Theory and Applications to Earthquake Engineering 2nd Edition, Prentice Hall, 2000..................................................................................................................................................................... v 1. INTRODUZIONE............................................................................................................................................... 7 1.1 2.1 Performance Based Design.............................................................................................................................. 10 Oscillatore ad 1 Grado di Libert .................................................................................................................... 15 Equazione del moto: ................................................................................................................................. 15 Vibrazioni Libere di un oscillatore NON smorzato:................................................................................. 16 Risposta di un oscillatore non smorzato soggetto ad un carico impulsivo ............................................... 17 Risposta di un oscillatore non smorzato soggetto ad una forzante qualsiasi ............................................ 17 Vibrazioni Libere di un oscillatore smorzato: .......................................................................................... 18 Risposta di un oscillatore smorzato soggetto ad una forzante qualsiasi ................................................... 19 Risposta di un oscillatore smorzato soggetto ad una Sollecitazione Sismica ........................................... 19 Definizione di Spettro di Risposta............................................................................................................ 21 Risposta Sismica di Sistemi ad n gradi di libert...................................................................................... 29 Il Metodo delle Spettro di Risposta per Sistemi ad N g.d.l....................................................................... 32

2. RICHIAMI DI DINAMICA DELLE STRUTTURE ..................................................................................... 15 2.1.1 2.1.2 2.1.3 2.1.4 2.1.5 2.1.6 2.1.7 2.1.8 2.2 2.2.1 2.2.2

Sistemi a N Gradi di Libert............................................................................................................................ 27

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina iii/127

2.3 2.4 2.5

Metodo di Rayleigh-Ritz per lanalisi modale................................................................................................. 35 Il Metodo delle Forze Statiche Equivalenti ..................................................................................................... 37 Esempio di calcolo di telaio piano................................................................................................................... 41 Risposta dinamica di uno Shear Building................................................................................................. 41 Esempio di analisi..................................................................................................................................... 42 Spettro di risposta ..................................................................................................................................... 44 Analisi modale.......................................................................................................................................... 45 Combinazione modale .............................................................................................................................. 54 Analisi statica lineare................................................................................................................................ 56

2.5.1 2.5.2 2.5.3 2.5.4 2.5.5 2.5.6 2.6

Determinazione del I Modo di vibrare: metodo di Rayleigh ........................................................................... 58

3. TEORIA DEL FATTORE DI DUTTILIT................................................................................................... 63 4. INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE SISMICA........................................................................... 67 4.1 4.2 4.3 5.1 6.1 Regole Base ..................................................................................................................................................... 67 Misure Specifiche ............................................................................................................................................ 68 Terreno di Fondazione..................................................................................................................................... 68 Spettro di Risposta Elastico e di Progetto........................................................................................................ 72 Esempio Portale Semplice ............................................................................................................................ 84

5. DETERMINAZIONE DELLE FORZE DI PROGETTO............................................................................. 69

6. CAPACITY DESIGN ....................................................................................................................................... 80

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina iv/127

6.2 6.3 6.4 6.5 7.1 7.2 8.1

Verifica delle Deformazioni (Duttilit Locale) ............................................................................................... 86 Duttilit dei Pilastri.......................................................................................................................................... 87 Esempio di Calcolo di Telaio Piano ................................................................................................................ 88 Dimensionamento..................................................................................................................................... 98 Verifica Collasso ............................................................................................................................................. 99 Regolarit ...................................................................................................................................................... 103 Elementi strutturali secondari ........................................................................................................................ 110 Analisi da Normativa..................................................................................................................................... 112 Analisi Statica Lineare............................................................................................................................ 112 Analisi Dinamica Modale ....................................................................................................................... 114 Analisi Statica Non Lineare (Analisi Push-Over)................................................................................... 115

6.4.1

7. CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI EDIFICI ............................................................................... 103

8. MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ED ANALISI......................................................................... 111 8.1.1 8.1.2 8.1.3 8.2 8.3 8.4 8.5 8.6 9.1

Combinazione delle Componenti dellAzione Sismica ................................................................................. 120 Fattori di Importanza ..................................................................................................................................... 120 Valutazione degli Spostamenti ...................................................................................................................... 121 Considerazione di elementi non strutturali .................................................................................................... 121 Impianti.......................................................................................................................................................... 123 Duttilit e capacit di spostamento ................................................................................................................ 126

9. VERIFICHE DI SICUREZZA ...................................................................................................................... 124

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina v/127

9.2 9.3 9.4

Stato Limite di danno .................................................................................................................................... 126 Giunti sismici................................................................................................................................................. 127 Diaframmi orizzontali.................................................................................................................................... 127 BIBLIOGRAFIA

T. Paulay, M.J.N. Priestley, Seismic Design of Reinforced Concrete and Masonry Buildings, John Wiley, 1992. G.G. Penelis, A.J. Kappos, Earthquake Resistant Concrete Structures, E&FN Spon, 1998. R.E. Englekirk, Seismic Design of Reinforced and Precast Concrete Buildings, John Wiley, 2003. A.K. Chopra, Dynamics of Structures: Theory and Applications to Earthquake Engineering 2nd Edition, Prentice Hall, 2000.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina vi/127

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 7/127

1. INTRODUZIONE MAPPA DELLA PERICOLOSIT SISMICA MONDIALE

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 8/127

MAPPE DELLA PERICOLOSIT SISMICA ITALIANA E LOMBARDA

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 9/127

CLASSIFICAZIONE SISMICA 2004

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 10/127

1.1

Performance Based Design Processo di Progettazione per il Performace Based Design (Progetto Prestazionale) Selezionare Obiettivi Prestazionali Effettuare il Progetto Preliminare

Verificare lEffettiva Capacit di Soddisfare il Criterio Prestazionale

Progetto Esecutivo

Sperimentazione

Verifiche

Costruzione

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 11/127

Tipici criteri prestazionali e deformativi per Strutture Duttili

Tipici criteri prestazionali e deformativi per Strutture Non Duttili

Esemplificazione del Performance Based Design.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 12/127

Tipici Stati Limite e Livelli Prestazionali Associati con Probabilit di Occorrenza (FEMA)
Stato Limite Obiettivi

Funzionale

Danneggiamento

Criterio Prestazionale

Probabilit Evento Sismico

Occupazione continua Nessun danno significativo Forze inferiori al valore di snervamento delle strutture senza alle strutture, agli elementi (comp.elastico). Spostamenti e sbandamento Servizio significative non-strutturali, o al contenuto inferiori alla soglia di danno. Accelerazioni interruzioni di servizio delledificio limitate per minimizzare il rischio di crolli. Possibilit di continuare ad usufruire delle strutture, dopo qualche interruzione di servizio. Danno limitato agli elementi non-strutturali ed al contenuto delledificio, ma nessun danno significativo alle strutture. Struttura riparabile. Forze appena superiori al limite elastico. Spostamenti e sbandamenti leggermente superiori alla soglia di danno. Accelerazioni limitate per minimizzare il rischio di crolli.

x1% in y1 anni (50% in 30 anni) Frequente (43 anni) x2% in y2 anni (50% in 50 anni) Raro (73 anni)

Danno

Ultimo

Sopravvivenza degli occupanti. Nessun collasso o Occupanti non corrono rischi vitali. significativi rischi di crolli. Limitare il danno strutturale Mantenere la potenziale operativit alla soglia che ne consenta degli utenti o del una riparazione economicamente proprietario. conveniente. Occupanti non corrono rischi vitali, ma ledificio difficilmente pu essere riparato Danno severo, ma collasso strutturale impedito. Elementi non strutturali possono collassare, Riparazione generalmente non possibile.

Pre Collasso

Meccanismo di deformazione plastico, con rotazioni plastiche inferiori alla soglia di capacit ultima. Limitare sbandamento e x % in y3 anni spostamenti per evitare instabilit. Limitare le 3 (10% in 50 accelerazioni per evitare crolli o aggiungere anni) elementi che consentano di prevenire il Raro distacco e la caduta di parti. Limitare rotazioni (475 anni) e spostamenti a valori che consentano la riparazione. Localizzare il danno a zone facilmente riparabili. Meccanismo di deformazione plastico, con x4% in y4 anni rotazioni plastiche appena inferiori alla soglia (10% in 100 anni) di capacit ultima. Limitare sbandamento e spostamenti per evitare instabilit. Ci possono Molto Raro essere crolli parziali. (970 anni)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 13/127

Tipici Livelli di sbandamento Laterale (Drift) Ammissibili (FEMA)


Stato Limite Servizio Danno Ultimo Pre Collasso Massimo Valore Ammissibile del Drift (%) 0.2 0.5 1.5 2.5 Drift Permanente Ammissibile (%) trascurabile trascurabile 0.5 2.5

PERFORMANCE BASED DESIGN COME SI FA? Approccio agli Stati Limite (evidente dalle definizioni!) Capacity Design (Criterio della Gerarchia delle Resistenze) EC8, Ordinanza 3274, Praticamente tutte le Normative Moderne; Displacement Based Design (Criterio Basto sul Controllo degli Spostamenti) Approccio Futuro. Argomento di ricerca, ma non ancora recepito dalle normative.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 14/127

PERFORMANCE BASED DESIGN APPROCCIO INTERDISCIPLINARE

Diagramma di flusso che illustra le discipline che contribuiscono alla Performance Based Seismic Engineering e le connessioni che intercorrono tra esse (Chandler & Lam, 2001).

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 15/127

2. RICHIAMI DI DINAMICA DELLE STRUTTURE 2.1 Oscillatore ad 1 Grado di Libert 2.1.1 Equazione del moto:

Forzante Generica FI(t) + FD(t) + FE(t) = F(t)


&&(t ) FI (t ) = mu & (t ) FD (t ) = mu FE (t ) = ku (t )

Moto del Terreno


&&t = u && + u &&g u &&t (t ) FI (t ) = mu & (t ) FD (t ) = mu FE (t ) = ku (t )

Equilibrio allistante t

Forza dinerzia Forza dovuta allo smorzamento Forza di richiamo elastico

Accelerazione della massa Forza dinerzia Forza dovuta allo smorzamento Forza di richiamo elastico

&& + cu & + ku = F (t ) mu

&&t + cu & + ku = 0 mu && + cu & + ku = mu &&g mu

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 16/127

2.1.2 Vibrazioni Libere di un oscillatore NON smorzato:


&& + 2u = 0 ; u u(t ) = &0 u

sint + u0 cos t

dove:

= k / m (rad/sec)

&0 e u0 sono la frequenza circolare delloscillatore, u la velocit e lo spostamento iniziali del sistema, rispettivamente. La frequenza ed il periodo proprio delloscillatore si esprimono come:
f =

1 2 ( Hz ) e T = = (sec .) . 2 f

Lampiezza del moto risulta infine:


& u 2 R = 0 + u0
2

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 17/127

2.1.3 Risposta di un oscillatore non smorzato soggetto ad un carico impulsivo Se t1 << T u(0) 0
& = Fdt Ponendo: mu

quantit di moto dellimpulso


Fdt = m

&0 u

u=

&0 u

Fdt sin t = sin t m

2.1.4 Risposta di un oscillatore non smorzato soggetto ad una forzante qualsiasi La risposta pu essere vista come la somma delle risposte ad una sequenza di carichi impulsivi. Definendo con du() lincremento di spostamento per un impulso che termina al tempo ed ha durata d si ottiene:
du ( ) = F (t )d F (t ) sin t ' = sin (t )d m m (Integrale di Duhamel)

u (t ) =

F (t ) sin (t )d m 0

Essendo la soluzione basata sul principio di sovrapposizione degli effetti, valida solo per sistemi elastici lineari

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 18/127

2.1.5 Vibrazioni Libere di un oscillatore smorzato:

Equazione del Moto: Dove:

&& + 2u & + 2u = 0 u

c 2m

c ccr

lo smorzamento relativo allo smorzamento critico (fattore di smorzamento). Per valori del fattore di smorzamento inferiori ad 1, le vibrazioni libere risultano:
u (t ) = e t (

& 0 + u 0 u

sin D t + u 0 cos D t )

Dove:

D = 1 2
Vibrazioni libere di un oscillatore smorzato

la frequenza circolare delloscillatore con smorzamento Lampiezza del moto risulta:


R = e
t

& + u 0 u 2 = 0 + u0 D

Risposta di un oscillatore con smorzamento critico

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 19/127

2.1.6 Risposta di un oscillatore smorzato soggetto ad una forzante qualsiasi Lintegrale di Duhamel per un sistema smorzato risulta:
u (t ) = F ( ) ( t ) e sin D (t )d 0 m D
t

2.1.7 Risposta di un oscillatore smorzato soggetto ad una Sollecitazione Sismica La risposta di un oscillatore soggetto a sollecitazione sismica si ricava dallintegrale di Duhamel imponendo che la forzante sia uguale a:
&&g ( ) F ( ) = mu

Inoltre, se 0.20 D
1
t (t )

(strutture in c.a. 0.050.07, strutture in acciaio 0.030.05)


sin (t )d = 1

Si ottiene:

u (t )

&&g ( )e u
0

V (t )

(1) taglio alla base)

Si pone infine: Q(t ) ku (t ) = m 2 u (t ) = mV (t ) (Forza sismica efficace


NB Il segno irrilevante ai fini della valutazione della risposta.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 20/127

La struttura tende ad oscillare con periodo proprio prossimo a quello del sistema; Gli spostamenti massimi tendono a crescere allaumentare del periodo proprio; Gli spostamenti massimi diminuiscono allaumentare del fattore di smorzamento.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 21/127

2.1.8 Definizione di Spettro di Risposta Ottenere la risposta sismica ad ogni istante tramite leq. (1) estremamente oneroso. Dal punto di vista della progettazione, in molti casi sufficiente valutare lo spostamento relativo massimo, il che equivale a valutare il valore massimo di V(t). Tale valore viene indicato con Sv (pseudo-velocit spettrale):
t &&g ( )e ( t ) sin (t )d (pseudo-velocit spettrale) Sv = u 0 max

(2)

Sd =

Sv

(spostamento relativo massimo o spostamento spettrale) (pseudo-accelerazione spettrale)

(3) (4)

Sa = Sv

da tali relazioni si ottiene:


umax = Sd = Sv

Sa

(spostamento relativo massimo) (taglio alla base massimo)

(5) (6)

Qmax = kSd = m 2 Sd = mSv = mSa

valutando leq.(2) per sistemi caratterizzati da diversi e diagrammando i valori di Sv, si ottiene una curva di pseudovelocit spettrali che viene detta spettro di risposta.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 22/127

OSSERVAZIONI 1. Sv ha le dimensioni di una velocit. Si chiama PSEUDO Velocit poich u max =


t &&g ( )e (t ) cos (t )d u (t ) = u Sv 0 max

dellapprossimazione D , mentre la effettiva velocit massima delloscillatore sarebbe data da:


& max u

S v esatta, a meno

Tale relazione potrebbe essere utilizzata per costruire un vero spettro di velocit. Peraltro, Sv pi utile, essendo correlata al massimo spostamento, e quindi alle massime forze di richiamo elastico. 2. Dallequazione del moto si ha:

& + 2 u = (u &&g + u &&) 2u Se lo smorzamento piccolo, il primo termine trascurabile. Quindi si ottiene:
&&g + u &&) (Pseudo-accelerazione spettrale) S a 2 S d = (u da cui si deriva che la massima forza dinerzia delloscillatore risulta essere uguale a Fi,max = mSa.

3. La massima forza di richiamo elastica per loscillatore risulta pari a: Fe,max = kSd = 2mSd =mSa

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 23/127

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 24/127

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 25/127

Spettri di risposta per il terremoto di El Centro, 1940

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 26/127

Per periodi propri alti (T) la pseudo-accelerazione massima tende a zero; Per periodi propri bassi (T0) la pseudo-accelerazione massima tende allaccelerazione del suolo massima.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 27/127

2.2

Sistemi a N Gradi di Libert

Equazione del moto:


&& + Cu & + Ku = f (t ) Mu

dove M, C, K sono le matrici delle masse, di smorzamento e di rigidezza, rispettivamente, u il vettore degli spostamenti ed f(t) il vettore delle forze nodali.

Vibrazioni Libere (Non Smorzate):


&& + Ku = 0 Mu
&& = 2 sin (t t 0 ) moto armonico u = sin (t t 0 ) ; u

(K 2 M )u = 0 i , i con i t M j = 0 ; i t K j = 0 se i j (autovettori ortogonali)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 28/127

Disaccoppiamento delle equazioni del moto:

1 2
Def. = [1 , 2 , L , n ];
=
2

22
O

n 2
(2.2.1)

u = 1 y1 + 2 y 2 + L + n y n = y dove yi sono dette coordinate principali.


&& + C y & + K y = f (t ) eq. del moto: M y

premoltiplicando la (2.2.1) per n T , tenendo presente che per lortogonalit degli autovettori si ha:
0 n T M m = M n

mn 0 ; n T K m = m=n K n

mn m=n

0 ed assumendo: n T C m = C n

mn si ottiene: m=n

&n + C n y & n + K n y n = n T f (t ) = f n (t ) Mn& y

(2.2.2)

inoltre: n T K n 2 n T M n = 0 K n = n 2 M n ponendo infine: Cn = 2 n n M n si ottiene :


& &n + 2 n n y & n + n 2 yn = y f n (t ) Mn

(2.2.3)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 29/127

2.2.1 Risposta Sismica di Sistemi ad n gradi di libert


&&g = Mru &&g dove, con le ipotesi di edificio tipo shear building, r T = [1, L ,1] Nel caso di sisma: f (t ) = mu

&&g = Ln u &&g dove Ln = fattore di partecipazione modale f n (t ) = nT Mru


&n + 2 n n y & n + n 2 yn = & y

Ln
Mn

&&g u

Ln 1 t Ln 1 n (t ) & & y (t ) = u ( ) e sin ( t ) d = V (t ) (2.3.1) g n M n n M n n 0


u i (t ) = in y n (t ) = in
1 1 n n

Ln 1 V (t ) M n n

(2.3.2)

L 1 u (t ) = y = n V (t ) M n n

(2.3.3)

per quanto riguarda le forze di richiamo elastiche si pu scrivere:

f S (t ) = Ku = K y osservando che K = M 2 si ottiene:


L f S (t ) = M 2 y = M n nV (t ) M n

(2.3.4)

la (2.3.4) fornisce la distribuzione di forze lungo la struttura al tempo t.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 30/127

Nel caso di shear buildings, il taglio alla base pu essere calcolato come:
L V0 (t) = f Si (t ) = r T f S (t ) = r T M n nV (t ) M n 1
n

poich r M = [L1
T

L2 L Ln ] si ottiene:

V0 (t) =
1

L 2n
Mn

nV (t )

(2.3.5)

dove:

L 2n
Mn

ha le dimensioni di una massa e viene detta massa modale efficace;

Ln = fattore di partecipazione modale;


M n = massa modale.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 31/127

Per shear buildings, la massa modale efficace pu essere interpretata come la quota parte della massa totale che risponde al sisma per ciascun modo proprio. Infatti, per edifici tipo shear building si pu scrivere:
M T = r T Mr , dove r il consueto vettore con componenti = 1. Tale vettore pu essere espresso in coordinate principali come:

r = y , dove le quantit scalari yn possono essere determinate pre-moltiplicando r per nT M :


L L nT Mr = nT M y = nT M n y n = M n y n y n = n r = n 123 Mn M n

Ln

MT

Ln Ln Ln n Ln 2 T QED = r M M = = 1 4 2 4 3 M M M M n n matrice di M n 1 n n
T

Inoltre, se i modi propri vengono normalizzati in modo che:


n M n = 1
T

( n, j =

n, j
( n M n )
T
1/ 2

si ottiene M n = 1. Quindi, la massa modale efficace pari a Ln 2 , cio al quadrato del fattore di partecipazione modale, mentre la massa totale della struttura risulta essere pari alla somma dei quadrati dei fattori di partecipazione. Tale metodo per la normalizzazione dei modi propri viene detto orto-normalizzazione ed adottato da diversi codici di calcolo commerciali, quali quelli della famiglia SAP ed affini.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 32/127

2.2.2 Il Metodo delle Spettro di Risposta per Sistemi ad N g.d.l. Adottando la tecnica della sovrapposizione modale la soluzione di un sistema a N g.d.l. pu essere affrontato come sol. di N sistemi ad 1 g.d.l.
& &n + 2 n n y & n + n 2 yn = y

Ln
Mn

&&g u

Ln 1 t Ln 1 n (t ) & & y (t ) = u ( ) e sin ( t ) d = V (t ) g n M n n M n n 0


per shear buildings si pu scrivere:
u in (t ) = in y n (t ) = in

Ln 1 V (t ) M n n Ln
Mn V (t )

spostamento piano i per il modo n accelerazione efficace al piano i per il modo n forza al piano i per il modo n

&&in,eff . (t ) = n 2 in y n (t ) = n in u

f si ,n (t ) = mi n 2 in y n (t ) = mi n in

Ln
Mn

V (t )

Dal punto di vista del comportamento sismico, siamo interessati ai valori massimi dello spostamento e della forza a ciascun piano. Dalla definizione di pseudo-veloci e pseudo-accelerazione spettrale possiamo scrivere:
u n,max = n y n,max = n

Ln S vn L S = n n an M n n M n n2

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 33/127

&n,max = M n f sn,max = M n & y

Ln
Mn

S an = M n

Ln
Mn

n S vn

dove un il vettore degli spostamenti massimi, fsn il vettore delle forze massime di piano, Svn la pseudo velocit spettrale, e San la pseudo-accelerazione spettrale relativamente al modo n.
PROBLEMA: modo per modo conosco i valori massimi di forza e spostamento, ma non gli istanti in cui essi si manifestano e neppure il loro segno. Come si definiscono pertanto i valori massimi per la struttura?

Gli effetti vengono generalmente combinati sulla base di considerazioni statistiche. Il metodo di combinazione pi comune la
SRSS (Square Root of Sum of Squares):
max uk (t ) = [ukn , max ]2
n 1

max qk (t ) = [qkn , max ]2


n 1

Questa approssimazione generalmente (ma non necessariamente) conservativa e si basa sullipotesi che i modi siano completamente scorrelati. Da buoni risultati quando le frequenze proprie sono distanti.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 34/127

Altre alternative che riducono gli errori sono:


CQC (Complete Quadratic Combination):

max uk (t ) = uki ij ukj ;


i j

max qk (t ) = qki ij qkj


i j

dove i coefficienti ij vengono detti coefficienti di cross-correlazione modale e sono funzione della durata e del contenuto in frequenza dellinput sismico, delle frequenze modali, e del coefficiente di smorzamento della struttura. Se la durata del terremoto lunga rispetto al periodo proprio della struttura, se lo spettro di risposta continuo su un campo ampio di frequenze per un dato smorzamento, il coefficiente di cross-correlazione pu essere approssimato come:

ij =

(1 r )
ji

8 i j ( i + r ji j )r ji 3 / 2

2 2

+ 4 i j r ji 1 + r ji 2 + 4 i 2 + j 2 r ji 2

) (

dove: r ji =

j , ij=1 se i = j, ij0 se i>> j, i, j sono i coefficienti di smorzamento relativi ai modi i e j. i

NUREG 1.92 (Nuclear Reg. Commission 10% method):


max uk (t ) = (ukn )2 + 2 uki ukj
n i< j

dove i e j includono tutti i modi vicini, per i quali:

i j < 0.1 j

con i < j

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 35/127

2.3

Metodo di Rayleigh-Ritz per lanalisi modale

Dato un sistema ad N gradi di libert, si vogliono determinare le frequenze proprie del sistema e le forme modali. La deformata modale pu essere definita come:
u(t ) = 0 Z 0 sin 0 t dove: 0 la forma modale, arbitrariamente assunta e Z0 lampiezza,

la velocit risulta pertanto:


& (t ) = 0 0 Z 0 cos 0 t u
2 & max per sistemi ad 1gdl): Sotto tali ipotesi, la massima energia cinetica del sistema risulta ( Tmax = 1 mu 2 1 T 1 2 2 T & max Mu & = 0 Tmax = u Z 0 0 M 0 2 2 2 Similmente, la massima energia potenziale del sistema risulta (Vmax = 1 ku max per sistemi ad 1gdl): 2 1 1 2 T Vmax = uT Ku = Z 0 0 K 0 max 2 2 Dal principio di conservazione dellenergia (Tmax = Vmax) si ottiene:
2 0

T 0 M 0 se 0 approssima sufficientemente bene la I forma modale, 0 una buona approssimazione della pulsazione propria del primo modo di vibrare.

T 0 K 0

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 36/127

Lapprossimazione pu essere migliorata utilizzando come nuova forma modale la deformata che si ottiene applicando alla struttura la distribuzione di forze di inerzia che risulta dalla iterazione precedente.
u0 max = Z 0

spostamento massimo dalliterazione iniziale; massime forze di inerzia alliterazione iniziale; spostamento massimo alliterazione 1 dovuto alle forze di inerzia delliterazione 0; spostamento relativo alliterazione 1;

2 f I0,max = 0 Z 0M

1 0 u1 max = K f I ,max

2 u1 = K 1f I0,max sin 1t = 0 Z 0K 1M 0 sin 1t

La massima energia potenziale e la massima energia cinetica risultano pertanto: Vmax = 1 0,T 1 1 4 2 T f I ,maxu = 0 Z 0 0 MK 1M 0 2 2

1 1,T 1 4 2 T & max Mu & 1 = 12 0 Tmax = u Z 0 0 MK 1MK 1M 0 2 2

Dal principio della conservazione dellenergia si ottiene infine lautovalore cercato:


2 1

1 1 T 0 MK MK M 0

1 T 0 MK M 0

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 37/127

2.4

Il Metodo delle Forze Statiche Equivalenti

Il Metodo delle Forze Statiche Equivalenti si basa sullipotesi che la risposta sismica della struttura possa essere caratterizzata solamente dal I modo di vibrare. In particolare, se la risposta fosse governata esclusivamente dal I modo di vibrare, il massimo valore delle forze elastiche agenti su di una struttura pu essere valutato come:
max f S (t ) = max Ku1 = K1 y1,max = K1

L1 S v1 L S = K1 1 a1 M 1 1 M 1 1 2

= M1

L1
M1

S a1

Pertanto, osservando che in questo caso la massa totale pu essere espressa come:
M T = r T M1

L1
M1

si ottiene che la forza totale agente sulla struttura pari a:


FT = f S , k =M T S a1
1 1

(2.4.1)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 38/127

IL METODO DELLE FORZE STATICHE EQUIVALENTI SI ARTICOLA NEI SEGUENTI PUNTI:

1. Stima del I Modo di vibrare; 2. Scelta del coefficiente sismico appropriato (ordinata dello spettro di risposta); 3. Calcolo della risultante delle Forze Sismiche Equivalenti; 4. Distribuzione sulla struttura delle Forze orizzontali sismiche; 5. Analisi statica della struttura soggetta alle forze sismiche equivalenti; 6. Stima degli spostamenti e dello spostamento di interpiano. 1. Valutazione del I Modo di vibrare Si pu usare lanalisi modale ed estrarre solo il I modo. Altrimenti, utilizzando il metodo di Rayleigh il I modo dato da:

T1 = 2

Wi i
1

g Fi i
1

dove Fi un sistema di forze orizzontali di tentativo con distribuzione qualsiasi (ad esempio lineari con laltezza), Wi il peso del piano i-esimo, i lo spostamento elastico del piano i-esimo dovuto alle forze Fi,, e g laccelerazione di gravit.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 39/127

Infine, possono essere usate formule approssimate quali quella suggerita dallOrdinanza che, per edifici che non superino i 40m di altezza fornisce il seguente valore di T1:
T1 C1 H 3 / 4 ,

con H altezza delledificio dal piano di fondazione, espressa in metri, C1 = 0,085 per edifici con struttura a telaio in acciaio, C1 = 0,075 per edifici con struttura a telaio in c.a., C1 = 0,050 per edifici con qualsiasi altro tipo di struttura.

2.

Scelta del coefficiente sismico Tale coefficiente dato dallordinata dello spettro di risposta di progetto, definito dalla normativa in funzione della tipologia strutturale, dellimportanza delledificio, delle caratteristiche del sito, ecc.

3.

Calcolo della risultante delle Forze Sismiche Equivalenti (Taglio alla Base) FT = M T S a (T1 )

4.

Distribuzione sulla struttura delle Forze orizzontali sismiche La forza al piano i-esimo pu essere definita come: Fi = FT uiWi u jW j con ui ed uj spostamenti dovuti al modo 1.

Oppure, assumendo una distribuzione lineare di forze:


Fi = FT ziWi z jW j

dove zi e zj sono le quote dei piani i e j.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 40/127

Gli effetti torionali accidentali possono essere considerati amplificando le forze da applicare a ciascun elemento verticale con il fattore risultante dalla seguente espressione: = 1 + 0,6x/Le dove: x la distanza dellelemento resistente verticale dal baricentro geometrico delledificio, misurata perpendicolarmente alla direzione dellazione sismica considerata; Le la distanza tra i due elementi resistenti pi lontani, misurata allo stesso modo. 5. Analisi statica della struttura soggetta alle forze sismiche equivalenti Tale analisi pu essere effettuata con qualsiasi metodo di analisi strutturale. 6. Stima degli spostamenti e dello spostamento di interpiano Gli spostamenti effettivi della struttura sono ottenuti moltiplicando gli spostamenti ricavati dallanalisi statica per un coefficiente di struttura che consente di considerare il comportamento non-lineare della struttura.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 41/127

2.5

Esempio di calcolo di telaio piano

2.5.1 Risposta dinamica di uno Shear Building Le ipotesi alla base del modello considerato sono: o Le masse sono concentrate a livello dei piani. o Gli impalcati sono infinitamente rigidi. o Le colonne sono assialmente indeformabili. o Non si tiene conto dello smorzamento e si suppone un comportamento perfettamente elastico della struttura.
y3(t) y2(t) y1(t)

m3 m2 m1
ag
k3(y2-y3)

m3a3,T m2a2,T k2(y1-y2) m1a1,T k1(y1) ai,T = ag + ai

Fig. 2-1 - Equilibrio dinamico.


m1a1 + k1y1 k 2 ( y 2 y1 ) = m1a g m2 a 2 + k 2 ( y 2 y1 ) k 3 ( y3 y 2 ) = m2 a g m3a 3 + k 3 ( y3 y 2 ) = m3a g
m1 0 M = 0 m2 0 0 0 0 m3 k1 + k 2 K = k2 0 k2 k2 + k3 k3 0 k3 k3

(1)

M a + K y = M r a g

(2)
1 r = 1 1

a1 a = a 2 a3

y1 y = y2 y3

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 42/127

2.5.2 Esempio di analisi In questo paragrafo viene presentato il calcolo delle azioni sismiche su di un telaio piano in acciaio. Lo scopo di fornire un esempio per il calcolo della risposta dinamica di una struttura tipo Shear Building.
2.5.2.1 Specifiche

Si analizza un telaio in acciaio di un edificio multipiano. Lorditura in pianta a maglia quadrata con lato di 6 m, linterpiano di 3.5 m per un totale di 3 piani fuori terra (Fig. 2-2).

3.5

3.5

3.5 6.0 6.0 6.0 6.0

Fig. 2-2 - Schema del telaio.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica


2.5.2.2 Profili

Pagina 43/127

Le colonne che compongono ledificio sono HE 400 B, con momento d`inerzia pari a 5.7710-4 m4. Le travi sono HE 360 B, con momento dinerzia pari a 2.5210-4 m4. Il modulo di elasticit dellacciaio stato assunto pari a 200106 kN/m2.
2.5.2.3 Carichi

Si considera un carico permanente g pari a 8 kN/m2 e un carico variabile q pari a 3 kN/m2.


2.5.2.4 Ipotesi sul modello di calcolo

Nel modello si sono adottate le seguenti ipotesi:


o Le masse sono concentrate a livello dei piani. o Gli impalcati sono infinitamente rigidi. o Le colonne sono assialmente indeformabili. o Si trascura la massa delle colonne. o Non si tiene conto dello smorzamento e si suppone un comportamento perfettamente elastico della struttura.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 44/127

2.5.3 Spettro di risposta Lo spettro di risposta di progetto calcolato in base Ordinanza n 3274 del 20/03/2003. Si suppone che la struttura sia ubicata su un terreno di categoria C, utilizzando i seguenti parametri per il calcolo delle forze sismiche agenti sul telaio: Fattore di struttura q: 6,5 Accelerazione orizzontale massima del terreno ag: Fattore del profilo stratigrafico S: TB = 0,15 sec TC = 0,50 sec
S d (T) agS
0 T TB T B T TC T 2 ,5 S d (T ) = a g S 1 + T ( q 1) B 2 ,5 S d (T ) = a g S q S d (T ) = a g S S d (T ) = a g 2 ,5 T C q T 2 ,5 T C T D S 0,2 a g q T2

0,35g 1,25

Periodi che separano i diversi rami dello spettro dipendenti dal profilo stratigrafico del suolo: TD = 2 sec

a g S 2.5/ q

TC T T D T > TD

0,20a g

TB

TC

TD

Fig. 2-3 Spettro di progetto per il calcolo delle azioni sismiche orizzontali.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 45/127

2.5.4 Analisi modale

y3 y2 y1

m3 m2 m1

Fig. 2-4 - Gradi di libert della struttura.

Fig. 2-5 - Modello di calcolo.

Calcolo delle masse: m1 = m2 = m3 = 18 6 ( 3 + 8 ) / 9.81 121 t

Matrice delle masse M:

0 121 0 M = 0 121 0 0 121 0

(3)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 46/127

Calcolo del coefficienti di richiamo elastico per una colonna del telaio (Fig. 2-6):

12 Es J c 12 2 108 5.77 104 4 k= = = 3.23 10 kN/m h3 3.53

Fig. 2-6 - Coefficienti di richiamo elastico.

Il calcolo della matrice di rigidezza effettuato tramite la sovrapposizione degli effetti, imponendo uno spostamento unitario a tutti i gradi di libert e sommando i diversi contributi:
1

k
Fig. 2-7 - Procedura per il calcolo della matrice di rigidezza.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 47/127

Matrice di rigidezza K:
0 258400 129200 K = 129200 258400 129200 0 129200 129200

(4)

Calcolo autovalori e frequenze proprie del sistema:


det ( K 2 M ) = 0

(5)

12 = 211.49
Tj =
2

22 = 1660.34 j
fj =

32 = 3467.02 (6)
1 Tj

(7)

Primo modo

Secondo modo

Terzo Modo

1 =14.54 (rad/sec)
f1=2.33 (Hz) T1=0.43 (sec.)

2 = 40.75
f2 = 6.67 T2=0.15

3 = 58.88
f3 = 9.09 T3=0.11

Tabella 1 - Valori della pulsazione, frequenza e periodo proprio per ogni modo.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 48/127

Calcolo degli autovalori del sistema (forme modali del telaio):

(K

2 j

M) j = 0

1 (8)1 = 1.80 2.25


2.25 1.80 1 -0.80 0.45 1

1 2 = 0.45 0.80
0.55 -1.25 1

1 3 = 1.25 0.55

Fig. 2-8 - Modi principali di oscillazione del modello.

Ortonormalizzazione dei modi principali:

j =

T j

M j )

1/ 2

(9)

0.0298 1 = 0.0537 0.0669

0.0670 2 = 0.0298 0.0537

0.0537 3 = 0.067 0.0298

(10)

dove: T i = 0
j

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 49/127

Calcolo dei fattori di partecipazione:


Lj = T Mr j 1 r = 1 (11) 1

L1 = 18.22

L2 = 5.22

L3 = 2.00

Calcolo della massa modale efficace per ciascun modo ( L2j ) e relative percentuali rispetto alla massa totale ( L2j / M Tot. 100 ):
Primo Modo Secondo Modo Terzo modo

Massa modale efficace (t) Percentuale (%)

331.81 91.4

27.18 7.5

4.08 1.1

Calcolo le azioni sismiche di progetto per ciascun modo in base ai periodi propri: Primo modo:
Sd ,1 = ag S 2,5 2,5 = 0,35 9,81 1, 25 = 1,65 m / sec 2 q 6,5 2,5 2,5 = 0,35 9,81 1, 25 = 1,65 m / sec 2 q 6,5

(12)

Secondo modo:
S d ,2 = ag S

(13)

Terzo modo:
T 2,5 0,11 2,5 S d ,3 = ag S 1 + 1 = 0,35 9,81 1 + 1 = 1,88 m / sec 2 0,15 6,5 TB q

(14)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 50/127

Calcolo delle massime forze (kN) dinerzia per ogni modo:


Fj ,max = M j Lj Sd , j (15) F1,max 108, 43 = 195, 40 243,66 F2,max 69,73 = 31,03 55,93 F3,max 24, 47 = 30,52 13,57

T M j j

Le azioni interne modo per modo si ricavano dal prodotto della matrice di rigidezza dei pilastri per gli spostamenti nodali:
v ij = K ij y ij ,max

(16)

dove: j = j-esimo Modo; i = i-esimo piano., K ij = Matrice di rigidezza del pilastro al i-esimo piano per il j-esimo modo; y ij ,max = Massimi spostamenti orizzontali della i-esima colonna nel j-esimo modo. I momenti nei pilastri si ricavano dalla relazione riportata in Fig. 2-9:

m l v1 m
Fig. 2-9 - Azioni interne in una singola colonna.

m= v1l/2

v2

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 51/127

Primo modo
0,0042 _ 12 EJ / l 3 i 2 = ( L1 S d ,1 / 1 ) 1 = 0,0076 m K j = K = 12 EJ / l 3 0,0095 0 547, 49 v = K = 547, 49 0,0042
1 1 _ 2 1 _

y1,max

12 EJ / l 3 12.92 12.92 = 104 (kN / m) 3 12 EJ / l 12.92 12.92 0,0076 243,66 v = K = 243,66 0,0095
3 1 _

0,0042 439,05 v = K = 439,05 0,0076


243,66 53,33

106,66

60,91

195,39

106,7 298,74 192,08 431,6

149,37 215,7

298,74 431,56

109,76

108,43

136,87

547,47

239,52

V(kN)

F(kN)

M(kNm)

Fig. 2-10 - Distribuzione azione di taglio e forze di piano su una colonna e diagramma dei momenti (1o modo).

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 52/127

Secondo modo
24,31 12,23 55,9 24,31 35,35 13,97 31 10,89 35,35 6,53 9,95 44,63 17,74 24,45 6,53

6,22

69,52

3,27

V(kN)

17,42

F(kN)

M(kNm)

Fig. 2-11 Distribuzione azione di taglio e forze di piano su una colonna e diagramma dei momenti (2o modo).
0,00035 = ( L2 Sd ,2 / 22 ) 2 = 0,00015 m 0,0003

y 2,max

_ 0 44,84 2 _ 0,00035 24,89 3 _ 0,00015 55,92 v12 = K = 44,84 v 2 = K 0,00015 = 24,89 v 2 = K 0,0003 = 55,92 0,00035

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 53/127

Terzo modo
5,96 13,6 3.73 1,45 7,41 4,23 1,88 7,54 3,31 24,47 4,1 2,06 2,97

3,4

30,53

0,72 1,45

4,10

V(kN)

F(kN)

M(kNm)

Fig. 2-12 - Distribuzione azione di taglio e forze di piano su una colonna e diagramma dei momenti (2o modo).
0,00006 = ( L3 Sd ,3 / 32 ) 3 = 0.00008 m 0.00003 0,00006 16,93 3 _ 0.00008 13,57 v = K = 16,93 v 3 = K 0.00003 = 13,57 0.00008
2 3 _

y 3,max

0 7,53 v = K = 7,53 0,00006


1 3 _

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 54/127

2.5.5 Combinazione modale SRSS:


max yi =

( y )
n 1 j,i

(17)

dove: yi = massimo spostamento dell`i-esimo grado di libert. yj,i = massimo spostamento delli-esimo grado di libert del j-esimo modo. n = numero di modi considerati.
4, 26 = 7,6 mm 9,5

y max

Si applica lo stesso procedimento (17) alle forze di interpiano:


131,11 = 200,16 kN 250,35

Fmax

Fmax = 547, 47 2 + 44,632 + 7,542 = 549,3 kN

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 55/127

CQC (Complete Quadratic Combination):


yi =

y
j=1 k =1 j,i

j,k

y k ,i

(18)

dove: yi = massimo spostamento dell`i-esimo grado di libert; yj,i = massimo spostamento delli-esimo grado di libert del j-esimo modo: yk,i = massimo spostamento delli-esimo grado di libert del k-esimo modo; j,k = Coefficienti di crosscorrelazione modale. I coefficienti di cross-correlazione modale sono in funzione della durata e del contenuto in frequenza del carico, delle frequenze modali e del coefficiente di smorzamento della struttura. Se la durata del sisma lunga rispetto al periodo della struttura, se lo spettro di risposta continuo su un campo ampio di frequenza per un dato smorzamento, i coefficienti di correlazione possono essere presi pari a:

j,k =

(1 r )
2 kj

+ 4 j k rk , j (1 + r

8 j k ( j + rk , j k ) rk1.5 ,j
2 i,k

) + 4 (

2 j

2 k

)r

2 k,j

(19)

dove: i = Coefficiente di smorzamento per l`i-esimo modo; rk , j =

k ; j,k = 1 se k uguale a j e j,k = k,j. j

Si suppone un coefficiente di smorzamento pari al 5% per ciascun modo. Nella seguente tabella sono riportati i valori riassuntivi 1,2 1,3 2,3 0,0137 0,0066 0,023
y1 y2 y3

4,22 mm 7,60 mm 9.50 mm

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 56/127

2.5.6 Analisi statica lineare Il calcolo delle azioni orizzontali basato sullOrdinanza n 3274 del 20/03/2003, paragrafo 4.5.2:
Fi = Fh ( zi Wi ) /( z j W j )
j

(20)

dove: Fh = Sd ,1 W Fi la forza da applicare al piano i; Wi e Wj sono i pesi delle masse ai piani i e j rispettivamente; zi e zj sono le altezze dei piani i e j rispetto alle fondazioni; Sd,1 l`ordinata dello spettro di risposta di progetto del primo modo di vibrare; W il peso complessivo della costruzione; un coefficiente pari a 0.85, avendo l`edificio pi di tre piani e avendo un primo periodo proprio inferiore a 1s Per ledificio in oggetto si sono considerati i seguenti valori: Fh = 1,65 121 3 0,85 = 509,11 kN z1 = 3,5 z2 = 7 z3 = 10,5 F1 = 509,11 (3,5 121) /[121 (3,5 + 7 + 10,5)] = 84,85 kN F2 = 509,11 (7 121) /[121 (3,5 + 7 + 10,5)] = 169,7 kN F3 = 509,11 (10,5 121) /[121 (3,5 + 7 + 10,5)] = 254,56 kN Taglio totale alla base = 84,85 + 169,7 + 254,56 = 509,11 kN Lanalisi statica equivalente fornisce dei valori minori rispetto al primo modo dellanalisi modale e alla combinazione modale SRSS. Ci dovuto al coefficiente =0,85. Si osserva che il rapporto tra il taglio alla base dato dallanalisi statica equivalente e quello derivante dallanalisi modale praticamente uguale, a meno del coefficiente , alla percentuale di massa partecipata nel primo modo (rapporto tra la massa modale efficace al primo modo e la massa totale).

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 57/127

Analisi Statica Lineare:


84,85 F1 = 169,7 kN 254,56

Taglio totale alla base = 84,85 + 169,7 + 254,56 = 509,11 kN


SRSS:
131,11 = 200,16 kN 250,35

FSRSS

Taglio totale alla base = 547,47 2 + 44,632 + 7,542 = 549,3 kN (91.7% Statica Equiv./)
Primo modo:
F1,max
108,43 = 195,39 243,66

Taglio totale alla base = 108,43 + 195,39 + 243,66 = 547,6861 kN (91.4% Statica Equiv./ )
Inoltre, si osserva che, sempre a meno del coefficiente =0,85, lanalisi statica equivalente sovrastima le forze di piano nella parte bassa della struttura e le sottostima nella parte alta.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 58/127

2.6

Determinazione del I Modo di vibrare: metodo di Rayleigh

Si suppone in prima approssimazione la seguente deformata modale per dimostrare lefficacia del metodo:
1

m3 m2 m1

0 1 121 0 0 = 1 ; M = 0 121 0 ; 1 0 0 121

0 258400 129200 K = 129200 258400 129200 0 129200 129200

T 0 M 0 = 363 t T 0 K 0 = 129200 kN/m 1,0 = 129200 = 18.87 rad/sec 363

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 59/127

Prima iterazione: Calcolo massime forze di inerzia:


2 1,0 121 43085.3 2 2 = 1,0 M 0 = 1,0 121 = 43085.3 KN 2 43085.3 1,0 121

f I,max

Calcolo massimi spostamenti di interpiano:


1,1 43085.3 3/129200 1.0 1 = = + K f 43085.3 2 /129200 I,max 1,2 1,1 = 1.67 m 2.0 1,3 1,2 + 43085.3/129200
2.01 1.67 1.01

m3 m2 m1

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 60/127

Calcolo energia potenziale V:


1 T 1 V = f I,max 1,max = 4305.3 (1 + 1.67 + 2.0 ) = 1.0056 105 KJ 2 2

Calcolo energia cinetica T:


0 1.0 121 0 1 2 T 1 2 2 KJ T = 1,1 I ,max M I,max = 1,1 [1.0 1.67 2.0] 0 121 0 1.67 = 471.23 1,1 2 2 0 121 0 2.0
2 1,1 =

100560 = 213.4 sec-2 471.23

Il valore esatto della pulsazione propria del primo modo calcolato precedentemente pari a 212.28 sec-2.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 61/127

Un metodo pi rapido per calcolare un valore approssimato della prima pulsazione propria del sistema di entrare direttamente nella prima iterazione con una distribuzione lineare delle forze di inerzia di interpiano, tramite la seguente espressione:
f i = ( Wi ) Wi h i Wi h i

1780.5 KN 1187 KN 593.5 KN

1,1 (593.5 + 1187 + 1780.5) /129200 0.028 1 mm = = + + (1187 1780.5) /129200 0.051 K f 1,2 I 1,1 1,2 + 1780.5 /129200 0.065 1,3

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 62/127

Calcolo energia potenziale V:


0.028 1 1 V = f IT 1 = [593.5 1187 1780.5] 0.051 = 95.42 KJ 2 2 0.065

Calcolo energia cinetica T:


0 0.028 121 0 1 2 T 1 2 2 T = 1,1 1 M 1 = 1,1 [ 0.028 0.051 0.065] 0 121 0 0.051 = 0.45 1,1 KJ 2 2 0 121 0 0.065
2 1,1 =

95.42 = 212.04 sec-2 0.45

Come si pu vedere questa procedura fornisce un valore in prima approssimazione pi preciso di quella vista precedentemente, tramite un numero inferiore di calcoli.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 63/127

3. TEORIA DEL FATTORE DI DUTTILIT


Se si effettua una analisi dinamica sismica di una struttura caratterizzata da comportamento elasto-plastico, si osserva che il taglio risultante alla base dovuto ad un evento sismico minore del taglio alla base che si avrebbe per il medesimo evento se il comportamento della struttura fosse indefinitamente elastico lineare. In altre parole, la risultante delle forze dovute al sisma minore nel caso di comportamento elasto-plastico rispetto al caso elastico lineare. In particolare, analisi dinamiche non-lineari di oscillatori semplici elasto-plastici, con resistenza al limite di snervamento R volte inferiore del valore delle forza elastica dovuta al sisma (Fy=FE/R), mostrano che la risposta funzione del periodo proprio delloscillatore.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 64/127

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 65/127

Con riferimento alle figure, si osserva quanto segue:


per strutture con periodo proprio T>Tm, lo spostamento massimo nel caso di comportamento elasto-plastico ha entit molto simile allo spostamento massimo per comportamento indefinitamente elastico lineare. Ci implica che la duttilit del sistema uguale al fattore di riduzione delle forze sismiche R: =R principio di uguaglianza degli spostamenti;

per strutture con periodo T Tm, larea sottesa al diagramma forza spostamento nel caso elastico lineare o elastoplastico circa uguale. Tale area rappresenta lenergia totale assorbita dalloscillatore per spostamento monotonicamente crescente fino al valore m, ed il fattore di duttilit pu essere espresso come: = (R2 + 1)/2 principio di uguaglianza delle energie

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica


Pagina 66/127

per strutture con periodo molto basso, al limite T 0, si osserva che duttilit ancora superiori possono essere richieste. In questo caso si pu affermare che se una struttura rigida non in grado di sostenere laccelerazione del terreno, allora si avr il collasso. In questo caso si avr, indipendentemente dal fattore di duttilit della struttura: R=1 principio di uguaglianza delle accelerazioni.

importante osservare che tali principi hanno valore qualitativo, pi che non rigorosamente quantitativo. Quanto esposto costituisce quella che viene comunemente indicata come Teoria del Fattore di Duttilit. Sulla base di tale teoria, si deduce che le effettive forze sismiche su di una struttura possono essere determinate con una analisi elastica utilizzando uno spettro di risposta anelastico, avente ordinate scalate rispetto allo spettro di risposta elastico della struttura in proporzione al coefficiente di duttilit della struttura stessa, secondo i principi elencati.

Infine, poich lanalisi viene effettuata considerando un comportamento elastico lineare, mentre la struttura soggetta al sisma esibisce comportamento non-lineare, gli spostamenti reali della struttura saranno ottenuti moltiplicando gli spostamenti elastici per il coefficiente di duttilit: = el

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 67/127

4. INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE SISMICA 4.1

Regole Base
Le strutture devono essere progettate e costruite cos da garantire che: non avvenga il collasso per il sisma di progetto; venga limitato il danneggiamento per il sisma di esercizio. dopo il terremoto (evento con probabilit di essere ecceduto non maggiore del 10% in 50anni), la struttura deve avere resistenza e rigidezza residua nei confronti delle azioni orizzontali e lintera capacit portante nei confronti dei carichi verticali; la struttura deve quindi avere resistenza e duttilit specificate; resistenza e duttilit che una struttura deve avere sono legate allestensione accettabile per il comportamento nonlineare. Tale equilibrio tra i valori di resistenza duttilit espresso dal fattore di comportamento q; le costruzioni nel loro complesso, includendo gli elementi strutturali e quelli non strutturali, ivi comprese le apparecchiature rilevanti alla funzione delledificio, non devono subire danni gravi ed interruzioni duso in conseguenza di eventi sismici che abbiano una probabilit di occorrenza pi elevata di quella della azione sismica di progetto (non maggiore del 50% in 50 anni); un grado adeguato di affidabilit deve essere garantito nei riguardi di danni inaccettabili per strutture importanti dal punto di vista della protezione civile, rigidezza e resistenza devono essere tali da garantire luso in seguito ad un evento sismico con appropriato periodo di ritorno.

Stato Limite Ultimo Stabilit (SLU):


Stato Limite di Servizio Danneggiamento (SLD):


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 68/127

4.2

Misure Specifiche
Le strutture devono avere forme semplici e regolari. Se necessario possono essere divise in sottostrutture; per assicurare un comportamento globalmente duttile, rottura fragile o formazione di meccanismi di collasso instabili devono essere evitati. Ci pu essere ottenuto impiegando il Criterio della Gerarchia delle Resistenze (Capacity Design); i dettagli strutturali nelle regioni critiche devono essere tali da garantire la capacit di trasmettere forze e dissipare energia sotto azioni cicliche di tipo sismico; lanalisi deve essere effettuata su modelli strutturali adeguati.

4.3

Terreno di Fondazione
Il sito di costruzione ed i terreni in esso presenti dovranno in generale essere esenti da rischi di instabilit di pendii e di cedimenti permanenti causati da fenomeni di liquefazione o eccessivo addensamento in caso di terremoto. Loccorrenza di tali fenomeni dovr essere indagata e valutata secondo quanto stabilito nelle Norme tecniche per il progetto sismico di opere di fondazione e di sostegno dei terreni e dalle disposizioni vigenti, in particolare dal D. M. 11.3.1998 ed eventuali sue successive modifiche ed integrazioni. Scopo delle indagini anche quello di classificare il terreno ai fini della definizione dello spettro di risposta elastico e di progetto.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 69/127

5. DETERMINAZIONE DELLE FORZE DI PROGETTO

Le forze di progetto possono essere determinate mediante: 1. Analisi modale semplificata + Analisi statica equivalente Tale metodo adeguato per edifici semplici e regolari, sia in pianta che in elevazione, ed aventi periodo fondamentale T 2.5TC (da 1.0sec a 2.0sec). 2. Analisi dinamica con Spettro di Risposta. In tale caso si deve considerare un numero di Modi tale da garantire che la somma delle Massa Modali Efficaci sia almeno pari al 85% della Massa delledificio, e che tutti i Modi con Massa Modale Efficace 0.05MT siano inclusi; 3. Metodi alternativi (Analisi non-lineare Push-Over, Analisi Dinamica Non-Lineare passo-passo, etc.)

Ai fini della Ordinanza il territorio nazionale viene suddiviso in zone sismiche, allinterno delle quali la pericolosit sismica pu essere ritenuta costante; per gran parte delle applicazioni la pericolosit sismica definita da un singolo parametro, laccelerazione di picco del terreno su roccia o terreno compatto.

ag = accelerazione di progetto del terreno (PGA)


laccelerazione di progetto corrisponde ad un periodo di ritorno di 475 anni, oppure evento che ha il 10% di probabilit di essere ecceduto in 50 anni; lazione sismica pu essere rappresentata da uno spettro di risposta elastico; lazione sismica orizzontale descritta da due componenti ortogonali considerate come indipendenti e caratterizzate dal medesimo spettro; lazione sismica verticale pu essere rappresentata da uno spettro di risposta verticale;

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 70/127

A causa del comportamento non-lineare delle strutture, le forze sismiche reali risulteranno inferiori a quelle ottenute utilizzando lo spettro di risposta elastico. Al fine di evitare una analisi non-lineare, possibile effettuare lanalisi utilizzando uno spettro di risposta di progetto, ottenuto dallo spettro di risposta elastico scalando le ordinate mediante un coefficiente di comportamento q (analogo al coefficiente di duttilit), che tiene conto della potenziale duttilit della strutture (vd. Teoria del Fattore di Duttilit) e del coefficiente di smorzamento; Il valore di progetto Ed delle forze sismiche per lo SLU e SLD deve essere determinato combinando le azioni come segue: Ed = IE + Gkj + Pk + 2iQki dove: Gkj I E Pk 2i Qki

implica la combinazione degli effetti; sono i valori caratteristici dellazione permanente j il fattore di importanza della struttura; valore di progetto dellazione sismica per il periodo di ritorno di riferimento. il valore caratteristico della azioni di precompressione, scontate le perdite; il coefficiente che fornisce il valore quasi permanente delle azioni variabili; il valore caratteristico dellazione accidentale i.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 71/127

Gli effetti dellazione sismica Ed per lo SLU e SLD devono essere valutati considerando la presenza di tutti i carichi gravitazionali secondo la combinazione seguente: Gkj + EiQki dove:

Ei un fattore di combinazione per lazione accidentale i che tiene conto della probabilit che i carichi accidentali agiscano contemporaneamente. Vale 2i.

Destinazione duso
Abitazioni, Uffici Uffici aperti al pubblico, Scuole, Negozi, Autorimesse Tetti e coperture con neve Magazzini, Archivi, Scale Vento

2i 0.30 0.60 0.20 0.80 0.00 1.0 0.5 1.0 1.0 0.8 0.5

Carichi ai Piani
Carichi Indipendenti Archivi Carichi correlati ad alcuni piani Ultimo Piano Altri Piani Copertura Piani con Carichi correlati Altri Piani

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 72/127

5.1

Spettro di Risposta Elastico e di Progetto

Spettro di Risposta Elastico Orizzontale:


S e (T) a g S 2.5

0 T TB TB T TC TC T TD T > TD

T S e (T ) = a g S 1 + T ( 2,5 1) B S e (T ) = a g S 2,5 T S e (T ) = a g S 2,5 C T T T S e (T ) = a g S 2,5 C 2D T

agS

TB

TC

TD

dove: ag accelerazione del terreno di progetto per terreni Tipo A; = 10 /(5 + ) 0.55 fattore di correzione per 5% ( = fattore di smorzamento viscoso equivalente); S parametro che dipende dalle caratteristiche del terreno; TB, TC, limiti del tratto ad accelerazione costante; TD limite del tratto a spostamento costante.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 73/127

Per strutture con fattore di importanza I > 1, erette sopra o in vicinanza di pendii con inclinazione > 15 e dislivello superiore a circa 30 metri, lo spettro di risposta elastico dovr essere incrementata moltiplicandola per un coefficiente di amplificazione topografica ST. In assenza di studi specifici si potranno utilizzare per ST i seguenti valori: a) ST = 1,2 per siti in prossimit del ciglio superiore di pendii scoscesi isolati; b) ST = 1,4 per siti prossimi alla sommit di profili topografici aventi larghezza in cresta molto inferiore alla larghezza alla base e pendenza media > 30; c) ST = 1,2 per siti del tipo b) ma con pendenza media inferiore. Il prodotto S*ST pu essere assunto non superiore a 1.6.

Classificazione delle tipologie di Sottosuolo


Ai fini della definizione della azione sismica di progetto si definiscono le seguenti categorie di profilo stratigrafico del suolo di fondazione (le profondit si riferiscono al piano di posa delle fondazioni): A - Formazioni litoidi o suoli omogenei molto rigidi caratterizzati da valori di VS30, superiori a 800 m/s , comprendenti eventuali strati di alterazione superficiale di spessore massimo pari a 5 m. B - Depositi di sabbie o ghiaie molto addensate o argille molto consistenti, con spessori di diverse decine di metri, caratterizzati da un graduale miglioramento delle propriet meccaniche con la profondit e da valori di VS30 compresi tra 360 m/s e 800 m/s (ovvero resistenza penetrometrica NSPT > 50, o coesione non drenata cu >250 kPa). C - Depositi di sabbie e ghiaie mediamente addensate, o di argille di media consistenza, con spessori variabili da diverse decine fino a centinaia di metri, caratterizzati da valori di VS30 compresi tra 180 e 360 m/s (15 < NSPT < 50, 70 < cu <250 kPa). D - Depositi di terreni granulari da sciolti a poco addensati oppure coesivi da poco a mediamente consistenti. caratterizzati da valori di VS30 < 180 m/s (NSPT < 15, cu < 70 kPa). EProfili di terreno costituiti da strati superficiali alluvionali, con valori di VS30 simili a quelli dei tipi C o D e spessore compreso tra 5 e 20 m, giacenti su di un substrato di materiale pi rigido con VS30 > 800 m/s.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 74/127

In aggiunta a queste categorie, per le quali nel punto 3.2 vengono definite le azioni sismiche da considerare nella progettazione, se ne definiscono altre due, per le quali sono richiesti studi speciali per la definizione dellazione sismica da considerare: S1 - Depositi costituiti da, o che includono, uno strato spesso almeno 10 m di argille/limi di bassa consistenza, con elevato indice di plasticit (PI > 40) e contenuto di acqua, caratterizzati da valori di VS30 < 100 m/s (10 <cu< 20 kPa) S2 - Depositi di terreni soggetti a liquefazione, di argille sensitive, o qualsiasi altra categoria di terreno non classificabile nei tipi precedenti Nelle definizioni precedenti VS30 la velocit media di propagazione entro 30 m di profondit delle onde di taglio e viene calcolata con la seguente espressione:
VS 30 =

30 h i i =1, n Vi

dove h, e V, indicano lo spessore (in m) e la velocit delle onde di taglio (per deformazioni di taglio < 10-6) dello strato i-esimo, per un totale di N strati presenti nei 30 m superiori. Il sito verr classificato sulla base del valore di VS30, se disponibile, altrimenti sulla base del valore di NSPT.

Valori dei parametri per la definizione dello spettro elastico Categoria suolo S TB TC TD A 1,00 0,15 0,40 2,0 B, C, E 1,25 0,15 0,50 2,0 D 1,35 0,20 0,80 2,0

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 75/127

Spettro di Risposta Elastico Verticale:


S ve (T) 0,9a g S 3,0
0 T TB T B T TC TC T T D T > TD T S e (T ) = 0,9 a g S 1 + T ( 3,0 1) B S e (T ) = 0,9 a g S 3,0 T S e (T ) = 0,9 a g S 3,0 C T T T S e (T ) = 0,9 a g S 3,0 C 2D T

0,9a g S

TB

TC

TD

Valori dei parametri per la definizione dello spettro Verticale Categoria suolo S TB TC TD A, B, C, D, E 1,00 0,05 0,15 1,0

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 76/127

Spettro di Risposta di Progetto (SLU):

Componente Orizzontale
S d (T) agS
0 T TB T B T TC T 2 ,5 S d (T ) = a g S 1 + T ( q 1) B 2 ,5 S d (T ) = a g S q S d (T ) = a g S S d (T ) = a g 2 ,5 T C q T 2 ,5 T C T D S 0,2 a g q T2

a g S 2.5/ q

TC T T D T > TD

0,20a g

TB

TC

TD

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 77/127

Componente Verticale
Sv d (T) 0,9a g S
0 T TB T B T TC T 3,0 + 1 ( 1 ) S d (T ) = 0 ,9 a g S T q B 3,0 S d (T ) = 0 ,9 a g S q S d (T ) = 0 ,9 a g S S d (T ) = 0 ,9 a g 3,0 TC q T 3,0 TC T D S q T2

0,9a g S 3,0/ q

TC T T D T > TD

TB

TC

TD

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 78/127

Spettro di Risposta per lo Stato Limite di Danno (SLD: Lo spettro viene calcolato utilizzando lo spettro elastico, scalato per un coefficiente = 2.5.
S SLD (T) agS
0 T TB T B T TC TC T T D T > TD S SLD (T ) = ag S T 1 ( 2 , 5 1 ) + 2 ,5 T B

S SLD (T ) = a g S T S SLD (T ) = a g S C T T T S SLD (T ) = a g S C 2D T

a g S/2,5

TB

TC

TD

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 79/127

CONFRONTO TRA SPETTRI DI RISPOSTA ELASTICO, DI PROGETTO, E DI DANNO


1.20 1.10 1.00 0.90 0.80 0.70 0.60 0.50 0.40 0.30 0.20 0.10 0.00 0.00 Sel. - Sag=0,4375g Sslu - q = 5 Sdanno

SLU

Fel

S (g)

FSLD (elastica!) FSLU=Fel/q y


0.50 1.00 1.50 T (sec) 2.00 2.50 3.00

SLD

SLU =qy

Confronto tra gli Spettri di risposta da Normativa

Spostamenti per lo SLU e SLD secondo Teoria del Fattore di Duttilit (Uguaglianza degli Spostamenti)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 80/127

6. CAPACITY DESIGN
Le strutture in zona sismica dovrebbero essere progettate in maniera tale da garantire che per il sisma di esercizio (SLD) il comportamento sia prevalentemente elastico lineare. Nel caso di sisma di progetto (SLU), si ammette che la struttura esibisca comportamento non-lineare, tale comunque da non compromettere la stabilit della stessa. La struttura deve pertanto essere dimensionata in maniera da garantire un comportamento sufficientemente duttile. Nella progettazione quindi di fondamentale importanza dimensionare la struttura in maniera tale che i meccanismi di comportamento non-lineare che si possono instaurare sotto azioni sismiche siano caratterizzati da elevata duttilit e comportamento stabile (meccanismi flessionali), inibendo lo sviluppo di meccanismi di rottura fragile (taglio per il c.a. e fenomeni di instabilit).

Esempi di comportamento ciclico di alcuni componenti strutturali (Paulay & Priestley, 1992).

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica


50 40 30 20 10 0 -10 -20 -30 -40 -50 -150
Specimen: P3 Section: 200x300 Reinforcement: 4#16 Stirrups: 1#8@75mm Re = 536 MPa Rm = 632 MPa Agt = 12% No Axial Load

Pagina 81/127

Load (kN)

-100

-50

0 Displacement (mm)

50

100

150

Schema di formazione di cerniera plastica allestremit di travi.

Esempio di Comportamento non-lineare stabile -Mensola ad armatura simmetrica soggetta a carico concentrato allestremit.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 82/127

La progettazione di strutture nei confronti di azioni sismiche pu essere efficacemente effettuata secondo i principi del Capacity Design, che possono essere cos elencati:

Un meccanismo di collasso cinematicamente ammissibile viene preliminarmente individuato.

Meccanismi di collasso tipici per alcune tipologie strutturali (Paulay & Priestley, 1992).

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 83/127

Tale meccanismo deve esser tale da consentire la massima duttilit possibile in termine di spostamenti, con la minima richiesta possibile di duttilit locale nelle singole sezioni.

Confronto tra meccanismi indesiderabili (a) e preferibili (b) (Paulay & Priestley, 1992).

Le zone di potenziale sviluppo di cerniere plastiche per la struttura sono quindi individuate. Queste regioni devono essere dimensionate cos da sviluppare una resistenza di progetto (Rd) il pi prossima possibile ai valori di sollecitazione di progetto (Sd). I dettagli costruttivi in tali regioni devono quindi essere particolarmente curati al fine di garantire che la duttilit richiesta possa essere effettivamente sviluppata. Meccanismi di comportamento non-lineare non desiderabili in elementi nei quali prevista la formazione di cerniere plastiche vengono inibiti garantendo che le forze necessarie allo sviluppo di tali meccanismi siano superiori alle forze massime che possono essere sviluppate dalle cerniere plastiche, tenendo conto di una eventuale sovraresistenza (RdRd). Regioni potenzialmente fragili, o comunque non adatte allo sviluppo di meccanismi stabili di dissipazione, sono progettate in maniera tale che la loro resistenza sia superiore alla resistenza massima, considerando anche eventuali sovrareristenze, sviluppata dalle cerniere plastiche. Ci comporta che tali regioni rimangano elastiche per qualsiasi valore delle azioni sismiche. Il meccanismo scelto risulta lunico meccanismo di collasso possibile ed, oltre che essere cinematicamente ammissibile, risulta anche staticamente ammissibile. In conseguenza di ci, il carico associato al meccanismo leffettivo carico ultimo della struttura.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 84/127

6.1

Esempio Portale Semplice

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 85/127

Si vuole assicurare che il meccanismo di collasso sia duttile (formazione di cerniere plastiche a flessione nei punti di estremit dei pilastri).

Progetto a flessione delle sezioni: MRd,i MSd,i, dove MSd,i sono i momenti derivati dallanalisi;

Progetto a taglio: sufficiente progettare le sezioni a taglio in maniera che il taglio resistente sia superiore al valore delle forze di taglio che si manifestano per il meccanismo di collasso prescelto nellipotesi di comportamento elastico-perfettamente plastico delle sezioni. Nello scrivere lequilibrio limite pertanto di fondamentale importanza considerare il massimo momento resistente che potrebbe essere effettivamente sviluppato dalle cerniere plastiche. In particolare, osservando che MSd viene calcolato introducendo dei fattori di sicurezza sui materiali (coefficienti M) si potrebbe usare il valore caratteristico MRk del momento flettente. Per sezioni a comportamento duttile, si pu scrivere: MRk S MRd (S=1.15) In realt, i materiali impiegati hanno generalmente caratteristiche meccaniche migliori di quelle espresse dai valori caratteristici. In particolare, lacciaio da armatura caratterizzato da un comportamento incrudente, con valori della resistenza ultima (ft) ben superiori al valore dello snervamento caratteristico (fyk) utilizzato nel calcolo. Pertanto, in corrispondenza delle cerniere plastiche potrebbero riscontrarsi dei momenti resistenti superiori al valore caratteristico. Lequilibrio limite viene quindi scritto considerando dei valori pi elevati dei momenti plastici, ottenuti moltiplicando il momento resistente di progetto MRd per un coefficiente di sovraresistenza Rd (es. Rd=1.25) che tiene conto sia del coefficiente di sicurezza applicato al materiale sui valori caratteristici, che di altri effetti, quale lincrudimento dellacciaio, che possono comportare valori pi elevati del momento plastico. Un esempio di valutazione del taglio di progetto riportato in figura.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 86/127

6.2

Verifica delle Deformazioni (Duttilit Locale)

La struttura viene progettata ipotizzando un coefficiente di duttilit assegnato. Lo spostamento massimo risulter: max |u(t)| = uy e max |up| = max |u(t)|- uy = ( -1) uy con riferimento alla figura, ipotizzando che la rotazione plastica avvenga attorno ad un asse passante per il punto medio della cerniera, si potr scrivere:
max p = max u p (t ) L Lp = ( 1)u y L Lp = L2 L ( 1) ( 1) y = y L(1 p ) 6 (1 p ) 6

dove si posto: Lp=pL; y=My/EI = curvatura al limite elastico, uy=yL2/6 per il portale in esame. Ipotizzando che la rotazione plastica possa essere espressa come:

p=pLp =ppL
si ottiene che la curvatura plastica della sezione dovr essere:
max p = ( 1) y 6 p (1 p )

pertanto, se per la struttura si ipotizza un coefficiente di duttilit =5, e si assume che il coefficiente p 0.05, si ottiene:

5 1 14 6 0.05 (1 0.05)

da cui si ottiene che le sezioni critiche dovranno avere un coefficiente di duttilit minimo in termini di curvatura:
1 6 p (1 p )

Risulta pertanto evidente che, ai fini di garantire una prefissata duttilit in termini di spostamento di interpiano di una struttura, sufficiente garantire che le sezioni critiche abbiano duttilit sufficiente.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 87/127

6.3

Duttilit dei Pilastri

Dal diagramma di interazione M-N si osserva che il picco corrisponde ad una sezione per cui si ha il primo snervamento dellarmatura tesa. Quindi, il momento ultimo in questo caso coincide con il momento di primo snervamento (MRD = MY e u = y). Ne consegue che per valori dellazione assiale superiori al valore in corrispondenza del quale si ha il picco, la sezione non ha alcuna duttilit (in realt c comunque una duttilit, seppur modesta, dovuto al fatto che il calcestruzzo confinato e lacciaio non elastico-perfettamente plastico); Ai fini del predimensionamento, per strutture ad alta duttilit, si dovrebbe scegliere una dimensione di sezione per cui lazione assiale sia inferiore a quella a cui corrisponde il picco di momento flettente. Il valore adimensionale dellazione assiale per cui si ha il picco risulta circa pari a: 0.85 x b f cd 0.85 [ cu /( cu + sy ] d N sd D = = 0.5 (x = pos. asse neutro, cu = 3.5%o, sy = fsyd/Es). Ac f cd b h f cd h

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 88/127

6.4

Esempio di Calcolo di Telaio Piano

TELAIO PIANO IN C.A. (NODI RIGIDI) Dimensioni:


Campate: L = 6,50m Altezza di Interpiano: H = 3,40m Travi: bxh = 40x45cm Pilastri: 45x45cm

3,40

Materiali:
Calcestruzzo: C25/30 (fck = 25 MPa) Armatura: FeB 44k (fyk = 430MPa)

Coefficienti Parziali:
c = 1,6: s = 1,15

6,50 Vento: (Rugosit B Categoria IV)

ANALISI DEI CARICHI


Zona Sismica Z=1 (a5 = 0,35g) Terreno C (S=1,25) Permanenti: Distribuiti 650kg/m2 (450 kg/m2 cop.) = 6,5 kN/m2 (4,5 kN/m2) Gk = 45 kN/m sulle travi incl. P.Travi Gk = 30 kN/m sulle travi in copertura

Da + 0,0m a 8,0m Sopravvento : p = 50,9 kg/m2 = 0,51 kN/m2 Qk,3 = 3,3 kN/m sui pilastri Sottovento : p = 25,5 kg/m2 = 0,25 kN/m2 Qk,3 = 1,65 kN/m sui pilastri Sommit (Lineare da +8,00m) Sopravvento : p = 56,3 kg/m2 = 0,56 kN/m2 Qk,3 = 3,65 kN/m sui pilastri Sottovento : p = 28,2 kg/m2 = 0,28 kN/m2 Qk,3 = 1,83 kN/m sui pilastri

Variabili: Uso Abitazione: Piano I e II 200kg/m2 = 2 kN/m2 Qk,1 = 13 kN/m sulle travi Neve: Tetto = 130 kg/m2 = 1,3 kN/m2 Qk,2 = 8,5 kN/m sulle travi

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 89/127

CONDIZIONE DI CARICO 1 PERMANENTE Gk


30 kN/m

CONDIZIONE DI CARICO 2 PERMANENTE Gk


30 kN/m 30 kN/m

45 kN/m

45 kN/m

45 kN/m

45 kN/m

45 kN/m

45 kN/m

CONDIZIONE DI CARICO 3 ACCIDENTALE Qk1

CONDIZIONE DI CARICO 4 ACCIDENTALE Qk1

13 kN/m

13 kN/m

13 kN/m

13 kN/m

13 kN/m

13 kN/m

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 90/127

CONDIZIONE DI CARICO 5 NEVE Qk2


8.5 kN/m

CONDIZIONE DI CARICO 6 NEVE Qk2


8.5 kN/m 8.5 kN/m

CONDIZIONE DI CARICO 7 VENTO Qk3


-1.65 kN/m -1.65 kN/m <|> -1.83 kN/m

CONDIZIONE DI CARICO 8 VENTO Qk3


1.65 kN/m 1.65 kN/m <|> 1.83 kN/m
-3.3 kN/m -3.3 kN/m <|> -3.65 kN/m -3.3 kN/m

3.3 kN/m3.3 kN/m <|> 3.65 kN/m

1.65 kN/m

-1.65 kN/m

3.3 kN/m

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 91/127

SLU CARICHI VERTICALI 1.4xC1 + 1.0xC2 + 1.5xC3 + 1.5xC5

SLU CARICHI VERTICALI 1.0xC1 + 1.4xC2 + 1.5xC4 + 1.5xC6

SLU CARICHI VERTICALI + VENTO 1.4xC1 + 1.0xC2 + 0.7x1.5xC3 + 0.7x1.5xC5 + 1.5xC7

SLU CARICHI VERTICALI + VENTO 1.0xC1 + 1.4xC2 + 0.7x1.5xC4 + 0.7x1.5xC6 + 1.5xC7

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 92/127

SLU DIAGRAMMA INVILUPPO (Momenti allestremit delle Travi in kNm)


135.9 154.2 152.2

237.6

236.0

237.4

230.3

248.3

243.5

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 93/127

CALCOLO DEL PERIODO CON IL METODO DI RAYLEIGH COMBINAZIONE SISMICA PESI


Gk + EiQki dove: Ei = 2i PI: Ei = 0,5x0,3 - PII: Ei = 1,0x0,3 - Cop.: Ei = 1,0x0,2

AZIONI ORIZZONTALI Forze di piano: Fi = FT


dove: FT = WTot Wi zi
154.2 kN 308.5 kN

Wi z i Wi z i

il peso di tutta la struttura; il peso del piano i-esimo la quota del piano i-esimo;
308.5 kN 154.2 kN All loads 317.3 kN 158.6 kN All loads 76.15 kN All loads All loads 152.3 kN All loads All loads

31.7 kN/m

31.7 kN/m

31.7 kN/m

All loads 158.6 kN 317.3 kN All loads 76.15 kN 152.3 kN All loads

All loads

48.9 kN/m

48.9 kN/m

48.9 kN/m

All loads

46.95 kN/m

46.95 kN/m

46.95 kN/m

All loads

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 94/127

METODO DI RAYLEIGH (SPOSTAMENTI VALUTATI CON E = 0.5Ec) CALCOLO CON SHEAR BUILDING RISULTATO DA ANALISI
18.5
2.01 5.24

m3

4.43 13.9
1.01 2.78

1.67

m2 m1

6.4
k1 = 4 Wi 2 i = T = 2 gFi i 859.2 6.4 2 + 894.9 13.9 2 + 580.1 18.5 2 = 2 = 981(456.9 6.4 + 951.8 13.9 + 925.4 18.5) = 0.7 sec 12 EI L
3

= 4 12 EI
3

12 1525 45 4 / 12
3

L 280 u1 = 2334.2/839.6 = 2.78cm = 27.8mm u2 = u1 + 1877.3/1139.5 = 4.43cm = 44.3mm u3 = u2 + 925.4/1139.5 = 5.24cm = 52.4mm Wi 2 i T = 2 = gFi i

k2 = k3 = 4

= 4

310 12 1525 45 4 / 12
3

= 839.6kN / cm = 1139.5kN / cm

859.2 2.78 2 + 894.9 4.43 2 + 580.1 5.24 2 = 2 = 981(456.9 2.78 + 951.8 4.43 + 925.4 5.24) = 0.40 sec

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 95/127

SPETTRO DI RISPOSTA DI PROGETTO (q=5.85)


0.50 0.45 0.40 0.35 0.30 0.25 0.20 0.15 0.10 0.05 0.00 0.00 0.50 1.00 1.50 T (sec) 2.00 2.50 3.00 Sd

SLU

Z1 - ag = 0,35g Z2 - ag = 0,25g Z3 - ag = 0,15g

SLU Zona 1 ag = 0.35 Terreno C s = 1.25 Periodo da Analisi: T1 = 0.70sec Pseudo Accelerazione Spettrale: Sa = 0.133g Taglio Alla Base: FT = WTSa = 2334.2x0.133 = 310.5kN Periodo da Shear Building: T1 = 0.40sec Pseudo Accelerazione Spettrale: Sa = 0.188g Taglio Alla Base: FT = WTSa = 2334.2x0.188 = 438.8kN COMBINAZIONE SISMICA FORZE DINERZIA Wz Forze di piano: Fi = S aWT i i Wi z i
41.03 kN 41.03 kN All loads 21.1 kN 42.2 kN All loads 42.2 kN All loads 21.1 kN All loads 20.26 kN 10.13 kN All loads All loads All loads 20.52 kN All loads

COMBINAZIONE SISMICA AZIONI VERTICALI Gk + 2iQki P.I e P II: 2i = 0,3 - Copertura: 2i = 0,2
31.7 kN/m 31.7 kN/m 31.7 kN/m
20.52 kN

48.9 kN/m

48.9 kN/m

48.9 kN/m

All loads 10.13 kN 20.26 kN All loads

All loads

48.9 kN/m

48.9 kN/m

48.9 kN/m

All loads

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 96/127

AZIONI VERTICALI

AZIONE SISMICA

VERTICALE + SISMA

VERTICALE SISMA

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 97/127

SISMA DIAGRAMMA INVILUPPO (Momenti allestremit delle Travi ed alla Base dei Pilastri in kNm)
128.1 148.4 140.3

239.1

249.2

242.7

257.6

274.0

260.1 100.3 107.3

28.9 125.6

99.6

94.5

1.6 184.2

110.4 120.5

174.8

176.9

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 98/127

6.4.1 Dimensionamento I calcoli svolti dimostrano che il momento sollecitante allestremit delle travi e nei pilastri governato, come atteso, dalla combinazione di carico sismica, mentre il momento in campata governato dai carichi gravitazionali in condizioni non sismiche. Sulla base del diagramma inviluppo della combinazione sismica si possono pertanto determinare le armature flessionali allestremit delle travi. Tali armature possono essere determinate con una usuale verifica flessionale allo stato limite ultimo. Ad esempio, la verifica pu anche essere effettuata in via approssimata con lusuale formula:
M Rd As f yk

0.9d .

Per ci che riguarda le armature alle estremit delle travi, si rammenta che larmatura compressa deve essere almeno pari a met di quella tesa, da cui si deduce che il momento che tende le fibre sotto sempre almeno pari alla met del momento resistente che tende le fibre sopra (M+Rd 0.5 M-Rd). Per quanto riguarda il dimensionamento delle armature a taglio nelle travi e delle armature nei pilastri, si deve fare ricorso al Capacity Design: Taglio sollecitante nelle Travi
= RD
M Rt M p
Mp2,analisi MRD,t2 MRD,t1 Mp1,analisi

L Momento sollecitante nei pilastri

Se i momenti dei pilastri hanno verso discorde, il minore va sommato ai momenti resistenti delle travi Per sezione di base, utilizzare il maggiore tra il momento dellanalisi e quello allintradosso dellimpalcato superiore

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 99/127

PROGETTO DELLE SEZIONI CRITICHE

6.5

Verifica Collasso

La verifica a collasso sotto azioni orizzontali pu essere svolta assumendo che il legame momento rotazione delle sezioni critiche sia rigido-plastico, ed assumendo che le cerniere plastiche si formino allestremit delle travi ed alla base delle colonne. Con tale ipotesi, il meccanismo di collasso risulta essere quello illustrato in figura (meccanismo cinematicamente ammissibile). Se i criteri di dimensionamento (Capacity Design) consentono di garantire che le cerniere scelte siano le uniche possibili, tale meccanismo r di collasso risulta essere lunico possibile, e quindi il carico determinato leffettivo carico di collasso. Tale carico rappresenta il massimo taglio alla base che la struttura in grado di sopportare.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 100/127

Il carico di collasso si determina mediante applicazione del principio dei lavori virtuali, imponendo luguaglianza tra il lavoro esterno ed interno:
LE = (0.196 Ft H + 0.408 Ft 2 H + 0.396 Ft 3H ) c
+ + + 1 2 LI = 2M c c + 2M c c + 3M 1 b + 3M 1 b + 3M 2 b + 3M 2 b + 3M 3 b + 3M 3 b

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 101/127

Da cui, osservando che H=3,4m ed utilizzando la relazione tra rotazione delle cerniere delle travi e delle colonne illustrata in figura e i valori dei momenti resistenti precedentemente calcolati, si ottiene: L E = (0.196 Ft H + 0.408 Ft 2 H + 0.396 Ft 3H ) c = Ft 7.48 c
+ + 1 2 L I = 2( M c + Mc + M1 + M3 ) + [ 6( M 1 ) + 3( M 3 )] 1.15 c

2( 235 .5 + 264 .8) + [6( 256 .9 + 128 .5) + 3(171 .3 + 85.6)]1.15 = 607 .8kN 7.48 Il taglio alla base resistente risulta essere notevolmente superiore al taglio alla base utilizzato per il dimensionamento. Pertanto, leffettivo fattore di struttura utilizzato risulter essere pure considerevolmente inferiore rispetto a quello inizialmente ipotizzato: Ft ,el qFsd 5.85 x310.5 = = = 2.99 qeff Ft Ft 607.8 Ft = Essendo tutta lanalisi basata sulla risposta di solamente un modo di vibrare, quanto ottenuto ha carattere qualitativo pi che non quantitativo. comunque evidente che la struttura, data la sovraresistenza che discende dal dimensionamento dellarmatura flessionale, ha caratteristiche di resistenza parecchio in eccesso da quanto inizialmente richiesto. Si osserva infine che il calcolo del taglio alla base resistente ultimo stato fatto a prescindere dalleventuale sovraresistenza delle sezioni critiche. Pertanto, leffettivo taglio resistente sar ulteriormente superiore. Da quanto esposto, risulta evidente che la richiesta di duttilit sulla struttura progettata sar sensibilmente inferiore a quanto preventivamente ipotizzato. Sulla base delle precedenti considerazioni, si potrebbe pensare di progettare la struttura sfruttando le attese propriet di sovraresistenza delle sezioni terminali delle travi. A titolo di esempio, si pu pensare di ridurre larmatura in tutte le sezioni critiche, come mostrato nella figura successiva.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 102/127

PROGETTO DELLE SEZIONI CRITICHE BASATO SUL COMPORTAMENTO PLASTICO

Con i medesimi calcoli precedentemente svolti si ottiene: Ft ,el qFsd 5.85 x310 .5 2( 235 .5 + 264 .8) + [6( 219 + 112 ) + 3(112 + 56)]1.15 = 516 .6kN = = = 3.52 Ft = q eff 7.48 562 Ft Ft Risulta evidente che un dimensionamento basato sul calcolo plastico comporterebbe notevoli risparmi. importante osservare che in tal caso risultano particolarmente importanti i dettagli costruttivi, al fine di garantire adeguata duttilit, e le verifiche allo SLU per le condizioni non sismiche, con particolare riferimento al vento, che potrebbe risultare critico, soprattutto per zone a bassa sismicit.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 103/127

7. CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI EDIFICI 7.1 Regolarit


Gli edifici devono avere quanto pi possibile caratteristiche di semplicit, simmetria, iperstaticit e regolarit, questultima definita in base ai criteri di seguito indicati. In funzione della regolarit di un edificio saranno richieste scelte diverse in relazione al metodo di analisi e ad altri parametri di progetto. Si definisce regolare un edificio che rispetti sia i criteri di regolarit in pianta sia i criteri di regolarit in altezza. Un edificio regolare in pianta se tutte le seguenti condizioni sono rispettate: a) la configurazione in pianta compatta e approssimativamente simmetrica rispetto a due direzioni ortogonali, in relazione alla distribuzione di masse e rigidezze; b) il rapporto tra i lati di un rettangolo in cui ledificio risulta inscritto inferiore a 4; c) eventuali rientri o sporgenze non superano il 25% della dimensione totale delledificio nella direzione del rientro o della sporgenza d) i solai possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano rispetto agli elementi verticali.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 104/127

Effetti torsionali indotti dalleccentricit tra centro delle rigidezze e centro delle masse.

Sfavorevole Favorevole Effetti di disposizioni sfavorevoli e favorevoli di elementi strutturali (Penelis, Kappos 1997) Configurazioni geometriche in pianta sfavorevoli e favorevoli (Penelis, Kappos 1997)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 105/127

Un edificio regolare in altezza se tutte le seguenti condizioni sono rispettate: a) tutti i sistemi resistenti verticali delledificio (quali telai e pareti) si estendono per tutta laltezza delledificio; b) massa e rigidezza rimangono costanti o variano gradualmente, senza bruschi cambiamenti, dalla base alla cima delledificio (le variazioni di massa da un piano allaltro non superano il 25 %, la rigidezza non si abbassa da un piano al sovrastante pi del 30% e non aumenta pi del 10%); ai fini della rigidezza si possono considerare regolari in altezza strutture dotate di pareti o nuclei in c.a. di sezione costante sullaltezza o di telai controventati in acciaio, ai quali sia affidato almeno il 50% dellazione sismica alla base c) il rapporto tra resistenza effettiva e resistenza richiesta dal calcolo nelle strutture intelaiate progettate in Classe di Duttilit Bassa non significativamente diverso per piani diversi (il rapporto fra la resistenza effettiva e quella richiesta calcolata ad un generico piano non deve differire pi del 20% dallanalogo rapporto determinato per un altro piano); pu fare eccezione lultimo piano di strutture intelaiate di almeno tre piani; d) eventuali restringimenti della sezione delledificio avvengono in modo graduale, rispettando i seguenti limiti: ad ogni piano il rientro non supera il 30 % della dimensione corrispondente al primo piano, n il 20 % della dimensione corrispondente al piano immediatamente sottostante. Fa eccezione lultimo piano di edifici di almeno quattro piani per il quale non sono previste limitazioni di restringimento

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 106/127

Sfavorevole Favorevole Sfavorevole Favorevole Configurazioni geometriche in elevazione sfavorevoli e favorevoli (Penelis, Kappos 1997)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 107/127

Irregolarit in elevazione

Discontinuit di disallineamento di travi e colonne che possono creare problemi nella risposta sismica delledificio

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 108/127

Irregolarit dovute a diverse quote di imposta in fondazione

Irregolarit dovute alla presenza di Irregolarit dovute alla presenza di un tamponamenti che riducono la luce dei pilastrii mezzanino

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 109/127

Edificio con rientri in pianta che soddisfano alla Normativa ((Penelis, Kappos 1997)

Criteri di regolarit in Elevazione (EC8)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 110/127

7.2

Elementi strutturali secondari

Alcuni elementi strutturali delledificio possono venire definiti secondari. Sia la rigidezza che la resistenza di tali elementi viene ignorata nellanalisi della risposta. Tali elementi tuttavia devono essere in grado di assorbire le deformazioni della struttura soggetta allazione sismica di progetto mantenendo la capacit portante nei confronti dei carichi verticali, pertanto i particolari costruttivi definiti per gli elementi strutturali si applicano limitatamente al soddisfacimento di tale requisito. La scelta degli elementi da considerare secondari pu essere cambiata a seguito di analisi preliminari, ma in nessun caso tale scelta pu determinare il passaggio da struttura irregolare a struttura regolare.

EC8 fornisce i seguenti criteri (punto 5.7):


1. Elementi secondari soggetti a deformazioni significative nella condizione di progetto sismica devono essere progettati in maniera tale da mantenere la loro capacit di sopportare le azioni gravitazionali, qualora siano soggetti alle massime deformazioni compatibili con le azioni sismiche; 2. Le massime deformazioni dovute alla condizione di carico sismico devono essere calcolate dallanalisi strutturale, considerando adeguatamente eventuali effetti P-. Esse devono essere calcolate utilizzando un modello strutturale nel quale il contributo di rigidezza degli elementi secondari sia trascurato, e gli elementi sismo-resistenti primari siano modellati utilizzando la rigidezza flessionale ed a taglio fessurata (ad esempio 0,50Ig); 3. Gli elementi secondari soddisfano il criterio in (1) se il momento ed il taglio sollecitante dovuto alle deformazioni impresse calcolate secondo (2), utilizzando la rigidezza fessurata degli elementi secondari, risultano inferiori ai momenti e tagli resistenti valutati secondo EC2.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 111/127

8. MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ED ANALISI


Il modello della struttura su cui verr effettuata lanalisi dovr rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa e rigidezza effettiva considerando, laddove appropriato (come da indicazioni specifiche per ogni tipo strutturale), il contributo degli elementi non strutturali. In generale il modello della struttura sar costituito da elementi resistenti piani a telaio o a parete connessi da diaframmi orizzontali. Se i diaframmi orizzontali, tenendo conto delle aperture in essi presenti, sono sufficientemente rigidi, i gradi di libert delledificio possono essere ridotti a tre per piano, concentrando masse e momenti di inerzia al centro di gravit di ciascun piano. Gli edifici regolari in pianta possono essere analizzati considerando due modelli piani separati, uno per ciascuna direzione principale. In aggiunta alleccentricit effettiva, dovr essere considerata uneccentricit accidentale, spostando il centro di massa di ogni piano, in ogni direzione considerata, di una distanza pari al 5% della dimensione massima del piano in direzione perpendicolare allazione sismica. Nel caso di edifici con struttura in cemento armato, composta acciaio-calcestruzzo e in muratura, la rigidezza degli elementi pu essere valutata considerando gli effetti della fessurazione, considerando la rigidezza secante a snervamento. In caso non siano effettuate analisi specifiche, la rigidezza flessionale e a taglio di elementi in cemento armato pu essere assunta pari sino al 50% della rigidezza dei corrispondenti elementi non fessurati, ad esempio in funzione dellinfluuenza dello sforzo normale permanente.

Valori usuali per strutture in c.a. Pilastri: 0,4-0,7 Ig in funzione di N (cresce al crescere di N); Travi in c.a.: 0,4-0,5 Ig Pareti in c.a.: 0.3-0.5 Ig

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 112/127

8.1

Analisi da Normativa

8.1.1 Analisi Statica Lineare Lanalisi statica lineare pu essere effettuata per costruzioni regolari in altezza, anche considerando due modelli piani separati, a condizione che il primo periodo di vibrazione della struttura (T1) non superi 2.5Tc. Per edifici che non superino i 40 m di altezza, in assenza di calcoli pi dettagliati, T1 pu essere stimato utilizzando la formula seguente.
T1 = C1 H 3 / 4

Dove H laltezza delledificio, in metri, dal piano di fondazione e C1 vale 0,085 per edifici con struttura a telaio in acciaio, 0,075 per edifici con struttura a telaio in calcestruzzo e 0,050 per edifici con qualsiasi altro tipo di struttura. Lanalisi statica consiste nellapplicazione di un sistema di forze distribuite lungo laltezza delledificio assumendo una distribuzione lineare degli spostamenti. La forza da applicare a ciascun piano data dalla formula seguente:
Fi = Fh z iWi z jW j

dove: Fh = Sd(T1) W Fi la forza da applicare al piano i Wi e Wj sono i pesi delle masse ai piani i e j rispettivamente zi e zj sono le altezze dei piani i e j rispetto alle fondazioni Sd(T1) lordinata dello spettro di risposta di progetto W il peso complessivo della costruzione, calcolato secondo quanto indicato per ogni tipo strutturale un coefficiente pari a 0,85 se ledificio ha almeno tre piani e se T1 < 2 Tc , pari a 1,0 in tutti gli altri casi

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 113/127

Gli effetti torsionali accidentali possono essere considerati amplificando le forze da applicare a ciascun elemento verticale con il fattore () risultante dalla seguente espressione: = 1 + 0.6 x/Le dove: x la distanza dellelemento resistente verticale dal baricentro geometrico delledificio, misurata perpendicolarmente alla direzione dellazione sismica considerata. Le la distanza tra i due elementi resistenti pi lontani, misurata allo stesso modo.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 114/127

8.1.2 Analisi Dinamica Modale Lanalisi modale, associata allo spettro di risposta di progetto, da considerarsi il metodo normale per la definizione delle sollecitazioni di progetto; va applicata ad un modello tridimensionale delledificio. Due modelli piani separati possono essere utilizzati a condizione che siano rispettati i criteri di regolarit in pianta. Dovranno essere considerati tutti i modi con massa partecipante superiore al 5%, e comunque un numero di modi per i quali la somma delle masse partecipanti sia superiore all85% della massa totale. La combinazione dei modi al fine di calcolare sollecitazioni e spostamenti complessivi potr essere effettuata calcolando la radice quadrata della somma dei quadrati (SRSS) dei risultati ottenuti per ciascun modo, a condizione che il periodo di vibrazione di ciascun modo differisca di almeno il 10% da tutti gli altri. In caso contrario dovr essere utilizzata una combinazione quadratica completa (CQC). (SRSS) E = (CQC) E =

Ei2 ij Ei E j
i j

dove: E il valore totale della componente della risposta sismica che si sta considerando Ei il valore della medesima componente dovuta al modo i Ej il valore della medesima componente dovuta al modo j 3/ 2 8 2 (1 + ij ) ij il coefficiente di correlazione tra il modo i e il modo j ij = 2 2 2 2 2 2 (1 ij ) + 4 ij (1 + ij ) + 8 ij il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ij il rapporto tra le frequenze di ciascuna coppia i-j di modi (ij = i/j). Gli effetti torsionali accidentali possono essere considerati in modo analogo a quanto indicato per il caso di analisi lineare statica.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 115/127

8.1.3 Analisi Statica Non Lineare (Analisi Push-Over) I metodi precedenti, essendo basati su un comportamento elastico-lineare della struttura, non sono in grado di tener conto in maniera esplicita della duttilit strutturale e dellevoluzione del comportamento non-lineare della struttura. In essi, la duttilit viene considerata esclusivamente mediante il coefficiente di struttura. Questi metodi non sono pertanto in grado di cogliere i cambiamenti nella risposta della struttura che si manifestano man mano che ciascun elemento abbandona il comportamento elastico e si comporta in modo duttile. A tal fine, la Normativa suggerisce che possano essere utilizzati metodi di analisi statica non-lineare (metodi di analisi push-over), i quali consentono di studiare levoluzione in campo non-lineare della struttura, rivelandosi strumenti molto utili in fase di analisi di una struttura al fine di verificare la correttezza delle ipotesi inerenti la sua effettiva duttilit strutturale e lentit degli spostamenti massimi. Lanalisi statica non lineare consiste nellapplicare alledificio i carichi gravitazionali ed un sistema di forze orizzontali monotonamente crescenti fino al raggiungimento delle condizioni ultime. Il metodo cos come definito nella norma applicabile solo alle strutture in pianta ed in elevazione, per le quali lanalisi possa essere affrontata studiando la risposta di due modelli piani scelti secondo due direzioni ortogonali. In questo caso, infatti, la risposta della struttura, oltre che essere disaccoppiata nelle due direzioni, dominata da un solo modo di vibrare, che caratterizzato da una massa modale efficace generalmente compresa tra il 60% ed il 90% della massa totale del sistema. Lanalisi push-over consiste nellapplicare in maniera incrementale delle particolari distribuzioni di forze laterali statiche ad un modello matematico della struttura soggetto ai carichi gravitazionali, considerando il comportamento non-lineare dei materiali e gli effetti del II ordine. Le forze orizzontali vengono scalate, mantenendo costante il rapporto tra le medesime, in modo da far crescere monotonamente, fino a collasso, lo spostamento di un punto di controllo, generalmente posto in corrispondenza del baricentro dellultimo impalcato. La curva taglio alla base spostamento del punto di controllo rappresenta la capacit

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 116/127

della struttura. Il massimo spostamento verr quindi confrontato con il massimo spostamento che la struttura si suppone subisca sotto il sisma di progetto. In corrispondenza di ogni punto della curva di capacit inoltre possibile verificare leffettivo comportamento della struttura con riferimento sia alla sua resistenza che deformabilit. Al variare della distribuzione delle forze orizzontali applicate e del maniera in cui si valuta lo spostamento del nodo di controllo si distinguono diverse tipologie di analisi statica non-lineare. Il metodo proposto dalla Normativa si articola nei punti seguenti. 1. Determinazione della risposta non-lineare della struttura e di un legame forza-spostamento di un punto di controllo del sistema a NGDL Si applicano ad un modello piano della struttura alternativamente due distribuzioni di forze orizzontali definite come: a. distribuzione di forze di piano proporzionale al prodotto delle masse di piano per lo spostamento di piano relativo al I modo di vibrare. Questa distribuzione di forze rappresentativa della risposta dinamica della struttura in campo elastico; b. distribuzione di forze di piano proporzionale alla sola massa di ciascun piano. Tale distribuzione rappresentativa del comportamento dinamico della struttura in campo plastico. Data che le distribuzioni di forze considerate rappresentano le condizioni limite per la struttura, vanno analizzate entrambe, eseguendo le verifiche esposte nel seguito. Definite le forze, si esegue una analisi non-lineare incrementale fino a collasso, mantenendo costante il rapporto tra le forze applicate, e si determina un legame forza-spostamento dove la forza il taglio alla base, e lo spostamento quello relativo ad un punto di controllo, generalmente coincidente con il baricentro della sommit della struttura.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 117/127

2.

Determinazione delle caratteristiche di un sistema non-lineare equivalente ad 1GDL

Una volta determinata lautovettore 1 (forma modale) relativo al primo modo di vibrare, normalizzato rispetto allo spostamento del punto di controllo posto uguale ad 1, si calcola il suo coefficiente di partecipazione come:

mii,1 = dove mi e i,1 sono la massa e lo spostamento del piano i, rispettivamente. 2 m i i,1
In campo elastico, la forza F* e lo spostamento d* sono legati al taglio alla base ed allo spostamento del punto di controllo dalle relazioni:
F* = Fb d e d* = c .

Una volta definita dallanalisi non-lineare push-over la curva Fb-dc, si definisce un legame elasto-plastico equivalente caratterizzato dai seguenti valori allo snervamento:
* Fy

* Fy Fbu * = e dy = * . k

Dove k* la rigidezza secante equivalente determinata imponendo luguaglianza delle aree illustrate in figura. Il periodo proprio del sistema equivalente ad 1GDL risulta pertanto:

T = 2

m* k*

dove m* = mii ,1

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 118/127

3.

Determinazione dello spostamento massimo atteso del sistema equivalente mediante lo spettro di risposta

Se T* Tc, il massimo spostamento per il sisma di progetto pu essere valutato mediante lutilizzo dello spettro elastico per il sisma di progetto (principio di uguaglianza degli spostamenti):
* d max = d e, max = S d , e (T * )

altrimenti, se T* < Tc, lo spostamento massimo del sistema non-lineare maggiore di quello del sistema elastico e risulta:
* d max =

d e, max Tc * 1 + ( q 1 ) d e, max q* T*

dove q* un fattore di riduzione della forza elastica massima pari al rapporto tra la forza elastica massima (prodotto tra la pseudo accelerazione spettrale Se(T*) e la massa equivalente m*) e la forza al limite di snervamento del sistema equivalente (F*y)
q =
*

m*Se (T * )
* Fy

4.

Verifica dello spostamento massimo del sistema non-lineare

La verifica consiste nel confrontare lo spostamento massimo del punto di controllo ottenuto dallanalisi non-lineare con lo spostamento massimo atteso precedentemente ottenuto, scalato per il coefficiente di partecipazione. La verifica risulta pertanto:
* d c 1,50d max

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 119/127

Noto lo spostamento del punto di controllo inoltre possibile eseguire la verifica delledificio, controllando in particolare la compatibilit degli spostamenti tra elementi duttili ed elementi fragili della struttura. Lanalisi illustrata consente di ricavare utili informazioni sulla effettiva risposta strutturale. In particolare, indicata per i seguenti scopi: valutare i rapporti di sovraresistenza u/1 della struttura; valutare leffettiva richiesta di resistenza su elementi ritenuti fragili; valutare leffettiva richiesta di duttilit negli elementi duttili; valutare una realistica distribuzione di domanda anelastica degli edifici progettati con un coefficiente di struttura q; possibilit di controllare gli effetti della perdita di resistenza di un elemento sulla risposta dellintera struttura; individuare le zone critiche nelle quali richiesta la maggiore duttilit; valutare la risposta di edifici esistenti. Per gli edifici in muratura il metodo prevede solo una verifica globale in spostamento, e non le verifiche nei singoli elementi. Le propriet degli elementi possono essere basate, salvo diversa indicazione, sui valori medi delle propriet dei materiali.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 120/127

8.2

Combinazione delle Componenti dellAzione Sismica

Le componenti orizzontali e verticali dellazione sismica saranno in generale considerate come agenti simultaneamente. I valori massimi della risposta ottenuti da ciascuna delle due azioni orizzontali applicate separatamente potranno essere combinati calcolando la radice quadrata della somma dei quadrati, per la singola componente della grandezza da verificare, oppure sommando ai massimi ottenuti per lazione applicata in una direzione il 30 % dei massimi ottenuti per lazione applicata nellaltra direzione. Lazione sismica verticale dovr essere obbligatoriamente considerata nei casi seguenti: presenza di elementi pressoch orizzontali con luce superiore a 20 m, di elementi principali precompressi, di elementi a mensola, di strutture di tipo spingente, di pilastri in falso, edifici con piani sospesi. Lanalisi sotto azione sismica verticale potr essere limitata a modelli parziali comprendenti gli elementi indicati. In ogni caso il modello, parziale o globale, dovr prendere correttamente in conto la presenza di masse eccitabili in direzione verticale. Quando per gli elementi di cui sopra lazione orizzontale produce effetti superiori al 30 % di quelli dovuti alle azioni verticali in qualche sezione, si considereranno gli effetti massimi risultanti dallapplicazione di ciascuna delle azioni nelle tre direzioni sommati al 30 % dei massimi prodotti dallazione in ciascuna delle altre due direzioni.

8.3

Fattori di Importanza Fattore di Importanza I Edifici la cui funzionalit durante il terremoto ha importanza fondamentale per la 1.4 protezione civile (ad esempio ospedali, municipi, caserme dei vigili del fuoco) Edifici importanti in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso (ad 1.2 esempio scuole e teatri) Edifici ordinari, non compresi nelle categorie precedenti 1.0 Edifici

Categoria
I II III

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 121/127

8.4

Valutazione degli Spostamenti

Gli spostamenti indotti dallazione sismica relativa allo stato limite ultimo potranno essere valutati moltiplicando gli spostamenti ottenuti utilizzando lo spettro di progetto corrispondente per il fattore di struttura q e per il fattore I di importanza utilizzati. Gli spostamenti indotti dallazione sismica relativa allo stato limite di danno potranno essere valutati moltiplicando gli spostamenti ottenuti utilizzando lo spettro di progetto corrispondente per il fattore di importanza utilizzato (spostamenti allo SLD uguali agli spostamenti relativi allo SLU divisi per 2,5). In caso di analisi non lineare, statica o per integrazione delle equazioni del moto, gli spostamenti saranno ottenuti direttamente dallanalisi.

8.5

Considerazione di elementi non strutturali

Tutti gli elementi costruttivi senza funzione strutturale, il cui danneggiamento pu provocare danni a persone, dovranno in generale essere verificati allazione sismica, insieme alle loro connessioni alla struttura. Leffetto dellazione sismica potr essere valutato considerando una forza (Fa) applicata al baricentro dellelemento non strutturale, calcolata secondo la relazione seguente:
Fa = Wa S a I qa

Dove:

Wa il peso dellelemento; I il fattore di importanza della costruzione; qa il fattore di struttura dellelemento, da considerare pari ad 1 per elementi aggettanti a mensola (quali ad esempio camini e parapetti collegati alla struttura solamente alla base) e pari a 2 negli altri casi (ad esempio per pannelli di tamponamento e controsoffitti)

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 122/127

Sa il coefficiente di amplificazione di cui alla relazione seguente


ag S a g S 3(1 + Z / H ) Sa = 0,5 2 g g 1 + (1 Ta / T1 )

dove:

Sag laccelerazione di progetto al terreno; Z laltezza del baricentro dellelemento rispetto alla fondazione; H laltezza della struttura; g laccelerazione di gravit; Ta il primo periodo di vibrazione dellelemento non strutturale nella direzione considerata, valutato anche in modo approssimato. T1 il primo periodo di vibrazione della struttura nella direzione considerata

Gli effetti dei tamponamenti sulla risposta sismica vanno considerati nei modi e nei limiti descritti per ciascun tipo costruttivo

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 123/127

8.6

Impianti

Le prescrizioni riportate nel seguito riguardano gli elementi strutturali che sostengono e collegano tra loro e alla struttura principale i diversi elementi funzionali costituenti limpianto. Ciascun elemento di un impianto che ecceda il 30% del carico permanente totale del solaio su cui collocato o il 10% del carico permanente totale dellintera struttura, non ricade nelle prescrizioni successive e richieder uno specifico studio. Leffetto dellazione sismica potr essere valutata considerando una forza (Fa) applicata al baricentro di ciascuno degli elementi funzionali componenti limpianto, calcolata utilizzando le equazioni di cui sopra. La progettazione degli elementi strutturali che sostengono e collegano i diversi elementi funzionali costituenti limpianto tra loro e alla struttura principale dovr seguire le stesse regole adottate per gli elementi strutturali degli edifici. Gli eventuali componenti fragili dovranno essere progettati per avere resistenza allo snervamento doppia di quella degli eventuali elementi duttili ad essi contigui, ma non superiore a quella risultante da unanalisi eseguita con coefficiente di struttura pari ad 1. Gli impianti non dovranno essere vincolati alledificio contando sul solo effetto dellattrito. Dovranno esser soggetti a verifica sia i dispositivi di vincolo che gli elementi strutturali o non strutturali cui gli impianti sono fissati. Gli impianti potranno essere collegati alledificio con dispositivi di vincolo rigidi o flessibili; gli impianti a dispositivi di vincolo flessibili sono quelli che hanno periodo di vibrazione T 0,1 s. Se si adottano dispositivi di vincolo flessibili i collegamenti di servizio dellimpianto dovranno essere flessibili e non dovranno far parte del meccanismo di vincolo. Impianti a gas dimensionati per un consumo superiore ai 50 m3/h dovranno essere dotati di valvole per linterruzione automatica della distribuzione in caso di terremoto. I tubi per la fornitura del gas, al passaggio dal terreno alledificio, dovranno essere progettati per sopportare senza rotture i massimi spostamenti relativi edificio-terreno dovuti allazione sismica di progetto. I corpi illuminanti dovranno essere dotati di dispositivi di sostegno tali da impedirne il distacco in caso di terremoto; in particolare, se montati su controsoffitti sospesi, dovranno essere efficacemente ancorati ai sostegni longitudinali o trasversali del controsoffitto e non direttamente ad esso.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 124/127

9. VERIFICHE DI SICUREZZA
Per tutti gli elementi strutturali e non strutturali, inclusi nodi e connessioni tra elementi, dovr essere verificato che il valore di progetto di ciascuna sollecitazione (Ed), calcolato in generale comprendendo gli effetti del secondo ordine e le regole di gerarchia delle resistenze (Capacity Design) indicate per le diverse tecniche costruttive, sia inferiore al corrispondente valore della resistenza di progetto (Rd), calcolato secondo le regole specifiche indicate per ciascun tipo strutturale. Gli effetti del secondo ordine potranno essere trascurati nel caso in cui la condizione seguente sia verificata ad ogni piano: = Pd/Vh < 0.1 dove: P il carico verticale totale di tutti i piani superiori al piano in esame d lo spostamento interpiano, ovvero la differenza tra gli spostamenti al solaio superiore ed inferiore V la forza orizzontale totale al piano in esame h laltezza del piano Quando compreso tra 0.1 e 0.2 gli effetti del secondo ordine possono essere presi in conto incrementando le forze sismiche orizzontali di un fattore pari a l/(l-). non pu comunque superare il valore 0.3.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 125/127

Si noti inoltre che rappresenterebbe linverso del moltiplicatore critico del carico assiale P:
dr P k

Condizione di equilibrio indifferente:


h

Pcr d r = kd r = V h

Pcr =

Vh dr

Pd r P 1 = = = mcr Pcr Vh

a)
Poich le sollecitazioni del 2 ordine possono essere ottenute, in modo approssimato, moltiplicando le sollecitazioni del 1 ordine per 1/(1-1/mcr), risulta spiegata la prescrizione dellOrdinanza per <0,2. Per 0,2<<0,3 lOrinanza 3431 e lEurocodice 8 prescrivono lanalisi del 2 ordine senza per dare indicazioni sulla sua esecuzione. Una possibilit consiste nelleseguire una analisi a spettro di risposta (o unanalisi statica equivalente), eseguita tenendo conto degli effetti del 2 ordine dovuti alle azioni assiali P effettive, ed utilizzando lo spettro elastico. I risultati di tale procedura non sono necessariamente realistici. Per 0,2<<0,3 sarebbe quindi corretta solo lanalisi dinamica non lineare! Si ritiene quindi generalmente pi semplice ed opportuno limitare a 0,2.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 126/127

9.1

Duttilit e capacit di spostamento

Dovr essere verificato che i singoli elementi strutturali e la struttura nel suo insieme possiedano una duttilit coerente con il fattore di struttura (q) adottato. Questa condizione si potr ritenere soddisfatta applicando le regole di progetto specifiche e di gerarchia delle resistenze indicate per le diverse tipologie costruttive. Alternativamente, e coerentemente con modello e metodo di analisi utilizzato, si dovr verificare che la struttura possieda una capacit di spostamento superiore alla domanda.

9.2

Stato Limite di danno

Per lazione sismica di progetto per lo SLD dovr essere verificato che gli spostamenti strutturali non producano danni tali da rendere temporaneamente inagibile ledificio. Questa condizione si potr ritenere soddisfatta quando gli spostamenti interpiano ottenuti dallanalisi (dr) siano inferiori ai limiti indicati nel seguito. a) per edifici con tamponamenti collegati rigidamente alla struttura che interferiscono con la deformabilit della stessa dr 0.005 h b) per edifici con tamponamenti progettati in modo da non subire danni a seguito di spostamenti di interpiano drp , per effetto della loro deformabilit intrinseca ovvero dei collegamenti alla struttura: dr drp 0.010 h, c) per edifici con struttura portante in muratura ordinaria dr 0.003 h d) per edifici con struttura portante in muratura armata dr 0.004 h dr = spostamento di interpiano; differenza tra gli spostamenti al solaio superiore ed inferiore e h l'altezza del piano. In caso di coesistenza di diversi tipi di tamponamenti o struttura portante nel medesimo piano dell'edificio dovr essere assunto il limite di spostamento pi restrittivo. Qualora gli spostamenti di interpiano siano superiori a 0.005 h (caso b) le verifiche della capacit di spostamento degli elementi non strutturali vanno estese a tutti i tamponamenti, alle tramezzature interne ed agli impianti.

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica

Pagina 127/127

9.3

Giunti sismici

Il martellamento tra strutture contigue deve essere evitato, creando giunti di dimensione non inferiore alla somma degli spostamenti allo stato limite ultimo delle strutture medesime. In ogni caso la distanza tra due punti degli edifici posti alla medesima altezza non potr essere inferiore ad 1/100 della quota dei punti considerati misurata dallo spiccato delle strutture in elevazione, moltiplicata per ag/0,35g. Lo spostamento massimo di un eventuale edificio contiguo esistente non isolato alla base potr essere stimato in 1/100 dellaltezza delledificio, moltiplicato per ag/0,35g.

9.4

Diaframmi orizzontali

I diaframmi orizzontali devono essere in grado di trasmettere le forze tra i diversi sistemi resistenti a sviluppo verticale. A tal fine si considereranno agenti sui diaframmi le forze ottenute dallanalisi, aumentate del 30 %. Quando tale verifica sia necessaria si considereranno agenti sui diaframmi le forze ottenute dallanalisi, aumentate del 30%. I solai potranno essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano, a condizione che le aperture presenti non ne riducano significativamente la rigidezza, se realizzati in cemento armato, oppure in latero-cemento con soletta in c.a. di almeno 40 mm di spessore, o in struttura mista con soletta in cemento armato di almeno 50 mm di spessore collegata da connettori a taglio opportunamente dimensionati agli elementi strutturali di solaio in acciaio o in legno. Nel caso di altre soluzioni costruttive l'ipotesi di infinita rigidezza dovr essere valutata e giustificata dal progettista In ogni caso, risulta di fondamentale importanza lorganizzazione dellimpalcato, soprattutto in presenza di pareti, le quali scambiano notevoli azioni tangenziali con gli impalcati. In particolare, importante introdurre cordoli e lesene che siano in grado di incassare le azioni derivanti dai setti.