Sei sulla pagina 1di 74

Parte III - Le legioni anglo-italiane 227

Parte II
L’Armata italiana
di Lord Bentinck
(1812-1816)
Parte III - Le legioni anglo-italiane 228

Pagina bianca
Parte III - Le legioni anglo-italiane 229

6. LE LEGIONI ANGLO-ITALIANE
(ITALIAN LEVY, ROYAL PIEDMONTESE LEGION)
(1812-16)

A. Il progetto dell’Armata Italiana di liberazione


(1811-12)

Tre reggimenti per sognare un Regno


Nel 1812-13 Lord Bentinck organizzò in Sicilia 3 reggimenti italiani,
il primo reclutato fra i prigionieri presi in Spagna e gli altri due fra gli
stranieri congedati dal servizio siciliano e sardo. Impiegato prima in
Catalogna e poi in Toscana, Liguria e a Marsiglia, il corpo ebbe il nome
inconsueto di “leva italiana” (Italian Levy) e, pur figurando tra i
“Foreign Corps in British Pay”, fu l’unico non incluso nell’Army List.
Non faceva quindi parte, formalmente, dell’esercito britannico; ma
neppure di alcun altro esercito alleato. Sotto il profilo della sovranità, era
in una sorta di limbo politico, che spiega anche la scarsa attenzione
dedicatagli dalla storiografia militare britannica, per non parlare di
quella italiana, in generale lacunosa riguardo al periodo napoleonico.
Eppure il retroscena politico dell’Italian Levy, indispensabile per
comprendere fino in fondo le sue vicende militari, è di estremo interesse
anche per la storia dell’Italia napoleonica e del proto-risorgimento. La
“leva italiana” al soldo inglese nacque infatti nel quadro di una strategia
più vasta, mirante a sollevare l’Italia centro-settentrionale contro
Napoleone e a farne “una seconda Spagna”, creando a tale scopo
un’Armata di liberazione indipendente; finanziata dall’Inghilterra e agli
ordini di Bentinck, aveva infatti come referente politico l’arciduca
Francesco d’Austria, il quale pianificò le sue nozze con la primogenita
del Re di Sardegna (privo di eredi maschi) per poter rivendicare la
successione al trono sabaudo e la corona di un regno esteso all’Italia
centro-settentrionale.

Il colonnello Vittorio Amedeo Ferdinando Sallier de La Tour


Il progetto, che in definitiva affidava l’Italia al protettorato inglese per
sottrarla alla dipendenza dalla Francia o dall’Austria, fu animato dal
Parte III - Le legioni anglo-italiane 230

comandante dell’Italian Levy, il savoiardo Vittorio Amedeo Ferdinando


Sallier de La Tour, figlio del generale di cavalleria Giuseppe Maria
Amedeo, marchese di Cordon. Nato a Chambéry il 18 novembre 1773,
paggio reale dal 1785, aiutante di campo del padre in Savoia nel 1793,
capitano dei dragoni nel 1796, maggiore in Sardegna alla fine del 1799,
rimpatriato dopo Marengo, passato al servizio austriaco nel 1805 e
distintosi a Caldiero, maggiore soprannumerario nel 1806, “Latour”
[com’è talora indicato nei documenti] fu assegnato allo stato maggiore
generale, dove lavorò a vari piani di guerra contro la Francia. Il 1° marzo
1809, promosso tenente colonnello, fu inviato a Palermo con la richiesta
d’inviare una squadra inglese in Adriatico e con proposte per le corti di
Palermo e di Cagliari relative a spedizioni diversive su Napoli e Genova
coordinate con l’offensiva austriaca. Latour arrivò il 26 marzo, ma influì
poco nella spedizione di Ischia e Procida, non essendo autorizzato a
negoziati formali né a conoscenza della data d’inizio delle operazioni
austriache. Dopo il ritiro anglo-siciliano da Ischia, Latour si recò a
Cagliari, dove in agosto progettò operazioni combinate anglo-sardo-
siciliane sulla costa toscana. A questo periodo risalirebbero, secondo il
suo biografo e discendente Giuseppe Gallavresi, una proposta di
organisation militaire de l’Italie e un progetto organico circa le Troupes
insurrectionelles italiennes. Insieme al barone Auguste de Sourdiaux,
ufficiale della marina austriaca, Latour svolse poi missioni segrete nei
Balcani per conto dell’arciduca Giovanni, prendendo contatti con l’abate
Giacomo Brunazzi di Lissa, stratega della resistenza sulla sponda
orientale dell’Adriatico.

Le ambizioni politico-dinastiche di Francesco d’Austria Este


Rientrato a Vienna il 30 gennaio 1810, Latour riprese servizio presso il
maresciallo Bellegarde, presidente del consiglio aulico della guerra, e si
ventilò pure di porlo a capo della marina. Ma un articolo segreto della
pace imponeva all’Austria il licenziamento degli ufficiali stranieri, e il
20 novembre Latour dovette essere congedato, col grado di colonnello
onorario. Fu così libero di dedicarsi interamente alle ambizioni politiche
dell’arciduca Francesco d’Austria Este, il quale, sfumati i progetti
nuziali con Paolina Bonaparte e con l’arciduchessa Maria Luisa,
aspirava alla primogenita del re di Sardegna, benché Maria Beatrice
fosse figlia di sua sorella, l’arciduchessa e regina Maria Vittoria Teresa.
Questo matrimonio aveva una grande rilievo politico, perché in
Sardegna, a differenza del Piemonte, non vigeva la legge Salica e, in
mancanza di figli maschi del re, Maria Beatrice era candidata alla
successione. In realtà la legge Salica era stata estesa alla Sardegna dai
Parte III - Le legioni anglo-italiane 231

patti di famiglia sabaudi; ma senza il consenso del parlamento sardo (gli


Stamenti), il che consentiva all’occorrenza di invalidare un eventuale
trasferimento della successione al ramo collaterale della dinastia, e cioè
al principe di Carignano Carlo Alberto, tanto più in considerazione degli
atteggiamenti filo-francesi della sua famiglia (lui stesso era allora
tenente dell’8e dragons). Latour ebbe un ruolo nel convincere l’arciduca
a meritare la futura riconoscenza dell’Inghilterra mettendosi a capo di un
grande movimento di liberazione dell’Italia, che poteva aprirgli, dopo la
vittoria, non solo il riconoscimento internazionale della successione
sabauda, ma anche la possibile corona di un’Italia unita.

La convenzione di Palermo del 28 agosto 1811


Nel dicembre 1810 l’arciduca partì per combinare le nozze con la
principessa sua nipote, lasciando al generale austro-irlandese Nugent il
compito di perorare l’appoggio inglese tramite il conte di Münster, un
diplomatico annoverese esule a Londra e collegato con la resistenza
antifrancese in Germania. Partirono con l’arciduca Latour e il lorenese
Charles Louis Fiquelmont, nonché sette ufficiali trentini che avevano
combattuto in Tirolo con Andreas Hofer e che il 18 settembre 1810
avevano ottenuto a Brod un passaporto spagnolo dal barone José
Cappelletti [erano il maggiore Roberto A. Markenstein, i capitani Luigi
Cristoforo Frizzi e Francesco de Campi di Campodenno e 4 subalterni: il
18 aprile 1809, alla testa di 70 volontari, de Campi aveva catturato 280
francesi a Molveno]. Durante il viaggio l’arciduca prese contatti con
Brunazzi (che nel febbraio 1811 era a Scutari), sostò a Salonicco, Smirne
e Malta e arrivò a Cagliari con Fiquelmont il 31 maggio 1811.
Il 23 luglio – mentre l’arciduca stava ancora combinando le proprie
nozze – sbarcò a Palermo Lord Bentinck, nuovo comandante delle forze
britanniche nel Mediterraneo nonché rappresentante diplomatico presso
il re di Sicilia. Latour, che il 16 agosto era a Gibilterra, lo raggiunse in
Sicilia per negoziare l’ingaggio di un certo numero di ufficiali inferiori
licenziati dal servizio austriaco in quanto originari di province annesse
all’Impero francese o agli stati satelliti. Già ai ferri corti con la corte
siciliana circa l’arresto dei baroni ribelli, Bentinck si accingeva a tornare
in Inghilterra per consultazioni: salpò il 27 agosto, ma la sua firma
figura, insieme a quella del generale Maitland (suo temporaneo
supplente), in calce ad una “convention” stipulata a Palermo con Latour
in data “28 agosto 1811”, che riconosceva agli ufficiali la stessa paga dei
parigrado siciliani, ma in dollari spagnoli. L’accordo prevedeva inoltre
una guarnigione inglese a Lissa, “a standard adapted to connect and
unite central all Italy”, e il trasporto a Zante di Frizzi, incaricato di
Parte III - Le legioni anglo-italiane 232

mettersi in contatto con l’unico agente inglese rimasto a Vienna (mister


King), il quale doveva a sua volta ingaggiare gli ufficiali (selezionati dal
fratello di Latour, il colonnello austriaco Vittorio Amedeo Giano detto
“Janus”) e farli arrivare a Messina.
Naturalmente l’arciduca e Latour agivano a titolo puramente personale
e anzi in contrasto con la politica, ufficialmente filo-francese, del
governo austriaco. Le loro istruzioni per Frizzi erano infatti di riferire
unicamente a Nugent, e di tornare poi attraverso l’Italia, per riconoscere
le forze napoleoniche stanziate nella penisola, appurare l’entità delle
truppe italiane in Spagna e sondare gli umori della gente nei confronti
della dominazione francese.

Il memorandum di Latour sulla sollevazione italiana


Per quanto la convenzione di Palermo non ne parli, nelle intenzioni di
Latour gli ufficiali ex-austriaci dovevano essere impiegati per inquadrare
l’“armata italiana” necessaria per dare visibilità e sostanza al progetto di
mettere l’arciduca a capo dell’insurrezione anti-francese in Italia. Un suo
memorandum a Bentinck sosteneva che l’Italia, con 18 milioni di
abitanti, costituiva un terzo della potenza francese: sottrarla a Napoleone
significava vincere la guerra. L’Austria aveva fallito nel 1800, 1805 e
1809 per aver voluto usare le sole forze regolari: «nulle connection
efficace n’étant formée dans le pays, et les Italiens étaient laissés dans un
telle indécision sur leur sort politique avenir qu’il y aurait eu de la folie à
espérer qu’ils s’armassent pour l’obtenir». Tuttavia nel 1809, quando i
proclami austriaci erano stati «un peu plus encourageants pur la Nation»,
si era verificata una «fermentation générale».
L’Austria era ormai fuori gioco, ma l’Inghilterra, pur avendo forze
modeste e paralizzate dalla situazione in Sicilia e in Sardegna (esposta
ad un colpo di mano francese), aveva l’immenso vantaggio strategico di
poter scegliere, grazie alla superiorità navale, i tempi e i luoghi
d’invasione; e quello politico di «offrir à la nation (italienne) la
perspective d’une organisation politique conforme aux voeux de
l’immense majorité des habitants».
L’imminente matrimonio dell’arciduca con l’erede del re di Sardegna
indicava in prospettiva la riunione del Piemonte all’Italia centrale.
Mettendogli a disposizione una forza di 3.000 italiani, pari agli effettivi
regolari sardi, gl’inglesi ottenevano un sensibile aumento delle forze
antifrancesi nel Mediterraneo, che si potevano impiegare in un primo
momento per prendere la Corsica o Corfù (allo scopo i togliere i punti di
Parte III - Le legioni anglo-italiane 233

riunione alle squadre navali nemiche) e in seguito per creare teste di


ponte a Genova, Ancona o Venezia da cui poter sollevare l’Italia.

La missione di Alessandro Turri (14 agosto-15 settembre 1811)


Contemporaneamente al progetto di Latour, Bentinck ne ricevette un
altro a carattere più politico da Alessandro Turri, sedicente emissario di
un’“unione per l’unità e l’indipendenza italiana”. Organizzatore della
guardia nazionale del Basso Adige, Turri si era dimesso da viceprefetto
di Camerino per uno screzio col generale Lemarois. Nell’aprile del 1811
era partito da Ferrara, tentando di passare in Sicilia prima da Napoli e
poi da Livorno. Di qui era invece finito in Corsica, intercettato durante la
traversata da un corsaro siciliano e alleggerito – a suo dire – di 20.000
franchi oro di cui chiese il rimborso agl’inglesi. Il 14 agosto scriveva a
Bentinck dalla Maddalena, dicendosi inviato dal «gran partito dell’unità
e indipendenza italiana», incentrato sulla massoneria ma formato da
«primari personaggi d’Italia di ogni paese e d’ogni ceto, militari,
magistrati, preti, vescovi, massoni, ricchi e dotti». Costoro aborrivano gli
eccessi della rivoluzione francese, rifiutavano il principio d’uguaglianza
ed erano stati spinti all’azione dalle nozze austriache di Napoleone, in
cui vedevano perpetuarsi la «schiavitù» italiana, e chiedevano l’aiuto
inglese per una grande insurrezione che stavano comunque preparando,
sicuri di contare non solo sulle truppe italiane e la guardia nazionale per
impadronirsi delle piazzeforti, ma anche sugli altri «militari italiani
comunque incorporati nelle truppe francesi».
Bentinck fece sondare il personaggio dal console a Cagliari William
Hill, che gliene scrisse in termini abbastanza positivi il 15 settembre,
allegando tre documenti redatti su sua richiesta dallo stesso Turri. Il
primo era una nota di tre condizioni per avviare il negoziato, in cui si
chiedeva l’impegno inglese a non aspirare alla sovranità sull’Italia, a non
restaurarvi gli antichi sovrani e a mantenere segreto il negoziato anche in
caso di fallimento. Il secondo era un elenco di 40 personalità che
secondo Turri aderivano alla cospirazione: 17 politici del Regno italico
[tra cui Melzi, Aldini, Agucchi, Prina, Testi e i bolognesi Guastavillani,
Caprara e Tassoni], 10 militari [Peyri, Pino, Danna, Zucchi, Fontanelli,
Arese, Cavedoni, l’ex maresciallo austriaco Manfredini e i corsi Casalta
e Ristori], 3 vescovi [di Crema, Adria e Ravenna] e altri napoletani [i
duchi di Monteleone e di Gallo], romani [principi Chigi e Aldobrandini,
fratello del principe Borghese], veneziani [Erizzo, Dandolo e Pisani],
genovesi [Cambiagi], piemontesi [Breme] e lucchesi [Lucchesini].
Aveva già preso contatti con Peyri in Spagna, e Pino, comandante della
guardia reale italiana, si teneva pronto ad arrestare il viceré Eugenio.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 234

Agl’inglesi Turri chiedeva infine uniformi, armi e munizioni per almeno


10.000 uomini, l’appoggio di due «piccole» squadre nell’Adriatico e nel
Tirreno, e un corpo di sbarco di 8-10.000 uomini, «possibilmente tutti
italiani», reclutati fra i prigionieri e i disertori in Spagna, Portogallo,
Inghilterra, Sicilia e Sardegna. Il corpo doveva portare in Italia la
costituzione della cui redazione lo stesso Turri si diceva incaricato.

Il memorandum di Nugent e la proposta di basare l’Armata a Lissa


Il 7 settembre G. C. Smith informava il tenente colonnello sir Henry
Edward Bunbury, sottosegretario alla guerra, che era stato approvato il
progetto di reclutare 1.200 prigionieri italiani che si trovavano in
Inghilterra per formare un corpo destinato a servire nel Mediterraneo.
L’11 settembre il conte di Münster riferiva a Latour che il ministro degli
esteri, marchese di Wellesley, gli aveva dichiarato di “sentire tutta
l’importanza dei piani del principe Francesco”, allegando alla lettera la
traduzione di un memorandum segreto sull’entrata in guerra dell’Austria
e il sostegno inglese all’arciduca. Il memorandum – probabilmente
concordato tra Nugent e Bentinck – sosteneva che, dovendosi creare non
un semplice battaglione, ma il nucleo di un’intera armata, bisognava
formarlo “sul piede” austriaco, meno dispendioso di quello britannico; e
[per evitare gelosie e diserzioni] organizzarlo in un porto in cui non vi
fossero truppe nazionali inglesi o altre meglio pagate. Il memorandum
proponeva Cefalonia, sia perché le derrate erano lì meno care che
altrove, sia perché il corpo, una volta raggiunti 2.000 effettivi, poteva
efficacemente difendere l’emporio di Lissa [d’importanza fondamentale
per la guerra economica contro il blocco continentale e attaccato dalla
fallita spedizione franco-italiana del 13 marzo 1811]. Lissa avrebbe
inoltre costituito un’ottima base strategica e politica per l’arciduca, che
poteva estendere l’occupazione anche alle isole del Quarnero (Cherso,
Veglia e Lussino) e aumentare le sue forze a 5.000 uomini, e anche 8-
10.000.
La scelta di Lissa era insidiosa, perché, senza escludere formalmente il
progetto di far insorgere l’Italia sbarcando a Venezia, Comacchio o
Ancona, implicava la possibilità d’impiegare il corpo prioritariamente a
Ragusa o in Dalmazia, usandolo per i piani stilati da Brunazzi e per la
futura cooperazione militare anglo-austriaca, e sottraendolo al progetto
“sabaudo” dell’arciduca, incentrato sullo sbarco in Toscana o in Liguria.
Allarmato da Latour, l’arciduca approfittò della pausa imposta dalla
necessità di ottenere la dispensa papale alle nozze con la nipote, per
recarsi personalmente a Palermo a chiedere che la futura armata fosse
organizzata in Sardegna. Maitland rispose tuttavia che per il momento
Parte III - Le legioni anglo-italiane 235

era “meglio non reclutare truppe” e limitarsi ai soli ufficiali. Questi


dovevano essere esclusivamente di nomina inglese: l’arciduca non
poteva nominare neppure i cappellani e i chirurghi. In compenso gli
ufficiali potevano risiedere in Sardegna, dove avrebbero ricevuto la paga
tramite il ministro inglese a Cagliari (Rowland Hill).

I prigionieri italiani di Portsmouth e la scelta di basare il corpo a Malta


In realtà il Foreign Office aveva già ordinato il reclutamento della
truppa, e, tra la dislocazione a Cefalonia oppure in Sardegna, aveva
scelto una soluzione intermedia, che lasciava aperte entrambe le opzioni.
Con lettera “segreta” del 7 ottobre 1811 il sottosegretario agli esteri
Charles Culling Smith diceva infatti al collega alla guerra Bunbury che
«il marchese di Wellesley (gli aveva) chiesto di fare passi per riunire al
più presto a Portsmouth un corpo di 1.200 uomini abili al servizio e che
vo(lessero) battersi contro la Francia per portarli a Malta. (Dovevano)
essere presi tra i prigionieri italiani che si trova(va)no in Inghilterra, (e)
il corpo (doveva) essere destinato a servire nel Mediterraneo». L’8
ottobre il conte di Münster spedì a Latour una lettera del “Com. de N”
(Nugent) aggiungendo che «l’objet dont il vous parle (était) fort avancé:
1.200 prisonniers Italiens sont en chemin pour être envoyés à la
Méditerranée», sotto il comando del maggiore Bourke. [Gallavresi lo
identificava con l’austro-irlandese Richard, ufficiale di collegamento in
Catalogna nel 1812, ma nei documenti inglesi figurano un “J. Burke” e
poi un “Thomas Burke”, mentre nelle sue memorie (pubblicate nel 1845)
il colonnello Montgomery Maxwell ricordava con affetto «the jovial,
gay, kindhearted, hard fighting Paddy B----e.», comandante del 1°
reggimento italiano a Genova e Marsiglia nel 1815].
Da Malta il battaglione poteva essere inviato sia in Adriatico che nel
Tirreno: e le due opposte destinazioni erano in certo modo rappresentate
dai due agenti segreti che si trovavano alla Valletta: il capitano Leveroni,
uno dei capi dell’insorgenza ligure, e l’abate Brunazzi, stratega di quella
balcanica, che erano tra loro ai ferri corti e scrivevano a Latour peste e
corna uno dell’altro. Volendo far pendere la bilancia dalla parte del
Tirreno, l’arciduca cercò l’appoggio del futuro suocero. In novembre,
tornato da Palermo, gli espose il progetto di impadronirsi della Corsica
turbolenta e di far insorgere l’Italia sbarcando in Liguria o in Toscana,
ma riuscì a strappargli solo un avallo generico, non il consenso a sfidare
apertamente la reazione della Francia accogliendo in Sardegna truppe al
soldo inglese.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 236

Il progetto di organizzazione dell’Armata italiana (2 gennaio 1812)


Il 2 gennaio 1812, mentre l’arciduca iniziava il suo giro di quattro
mesi per conoscere l’Isola che contava un giorno di ereditare da Vittorio
Emanuele, Latour firmò a Cagliari uno schema di organizzazione della
futura Armata indipendente (Ebauche d’un projet d’organisation pour
les troupes italiennes qui se forment actuellement sous la protection de
l’Angleterre). Le truppe in formazione dovevano essere impiegate per lo
“sbarco in Italia”, destinandole «à former le noyau de l’Armée italienne»
e considerandole «comme une espèce de cadre dans lequel seraient
ensuite placées le nouvelles levées italiennes». La loro organizzazione
doveva perciò contenere il principio fondamentale dell’organizzazione
della futura Armata italiana, e includere anche nuclei di cavalleria e
truppe tecniche. Latour prevedeva perciò non “reggimenti”, ma “quadri”
di 1.400 uomini (800 fucilieri, 200 granatieri, 200 cacciatori, 50
cannonieri, 50 pionieri e pontonieri e, possibilmente, 100 cavalieri), in
grado, una volta sbarcati, di trasformarsi in “legioni” di 8.400 (con
l’aggiunta di 5 insorti per ogni soldato regolare), su 12 battaglioni (48
compagnie di 25 regolari e 125 reclute inquadrate dai subalterni e dai
sottufficiali promossi al grado superiore), 4 squadroni, 2 compagnie
d’artiglieria (una a piedi e una leggera) e 2 di pionieri (con plotone
pontonieri). Lo stato maggiore sarebbe stato formato da un generale (il
comandante del “quadro”), un brigadiere, 2 colonnelli (i comandanti dei
battaglioni quadro), 3 tenenti colonnelli (i comandanti dei granatieri, dei
cacciatori e della cavalleria), 4 ufficiali di SMG regolari e alcuni
aggiunti tratti dalla gioventù locale.
Latour immaginava di poter disporre di 4 quadri legionari, sufficienti
per organizzare una forza di 33.600 uomini su 4 legioni, con numero e
colore distintivo (e distintivi particolari dei battaglioni e compagnie).
Ipotizzando uno sbarco “anglo-italiano” a Livorno, Latour prevedeva di
formare le prime due legioni a Livorno e Firenze e le altre, a seconda
della successiva direzione di marcia, a Bologna e Lucca oppure a
Civitavecchia e Perugia. Lo stesso si poteva fare in caso di sbarco a
Venezia, Ancona o Genova, mediante leve e requisizioni di derrate e
cavalli: queste ultime dovevano essere pagate in contanti, rimborsando
poi gl’inglesi sulle contribuzioni imposte ai paesi conquistati. Nei centri
di formazione delle legioni si dovevano infine stabilire delle riserve col
sistema austriaco delle “commissioni economiche”, per ottimizzare la
distribuzione delle risorse e bilanciare i carichi tra le varie province.
Altre legioni avrebbero potuto essere organizzate nei territori man
mano liberati; ma con quadri tratti dalle prime legioni e non con «les
officiers et corps de l’Armée Italique» (l’esercito del Regno Italico)
passati dalla parte dell’arciduca. Questi ultimi dovevano essere invece
Parte III - Le legioni anglo-italiane 237

incorporati nelle prime legioni per «fondre l’ancienne armée Italique,


dans la nouvelle, sans qu’il paraisse qu’on cherche à l’annuler; au lieu
que si on conservait la formation ordinaire par régiment, on aurait aucun
prétexte plausible pour dessoudre les régiments italiens formés par la
France, ce qui dans certains circonstances pourrait être dangereux. Les
généraux italiens qui viendraient nous joindre seraient ainsi annexés
comme surnuméraires, à leur rang, dans les anciennes légions jusqu’au
moment où l’on croirait pouvoir leur confier des commandements
particuliers de légions, places, villes, etc. Enfin lorsque le nombre des
légions se multiplierait on pourrait en réunir deux ou même trois pour
former ce que les Français appellent un Corps d’Armée».
Lo scopo politico dell’incorporazione dell’esercito italiano nella nuova
armata era di «dividere» i residui sostenitori dei francesi, impedendo
loro di «former corps» e obbligandoli a «suivre la nouvelle impulsion
qui leur serait donnée». Gli altri vantaggi dell’organizzazione proposta
erano, secondo Latour, di poter aumentare considerevolmente, e in modo
rapido e al tempo stesso regolare, gli effettivi; di stabilire la base del
futuro esercito italiano, conciliando «le Nationalisme Italien, qu’il est
important de réveiller, avec l’obéissance due aux Autorités Militaires
Anglaises»; e, infine, «de composer [à l’archiduc François] une armée
qu’il aurait pu dès son origine pénétrer de son esprit, et qui serait ainsi
l’instrument le plus propre pour l’accomplissement de ses glorieux
desseins».

Il piano del capitano Pölt per sorprendere Venezia (23 gennaio 1812)
L’idea di poter amalgamare – in poche settimane, nel corso delle
operazioni e su larga scala – un’accozzaglia di mercenari, insorti e
transfughi del nemico era abbastanza assurda. Ma è interessante il
tentativo di conciliare il progetto “italianista” con un eventuale impiego
in Adriatico, facendo leva non più sulla corona sabauda, ma su quella del
Regno italico di Napoleone. Del resto Latour conservava in archivio un
progetto del 23 gennaio 1812, redatto dal capitano Pölt (già aiutante
generale della marina austriaca), per impadronirsi di Venezia con un
colpo di mano, grazie al tradimento di 4 ufficiali della marina italiana
provenienti dalla k. k. Venezianische Marine (il capitano di fregata
Dandolo, il capo dei movimenti del porto Gianxich e il suo vice Petrina e
il comandante dell’artiglieria di marina Lugo), tutti – secondo Pölt –
«decisi per la buona causa» e disposti a tradire in cambio di avanzamenti
di grado e pensioni ai loro eredi in caso di insuccesso.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 238

Il declino politico dell’arciduca (febbraio-giugno 1812)


Il progetto di Lissa, come abbiamo visto, era ancora incentrato sulla
guida politica dell’arciduca, anche se quest’ultima doveva essere resa
compatibile con una cooperazione anglo-austriaca e attenta perciò a non
ledere gl’interessi di Vienna. Lo spostamento a Malta dava però modo a
Bentinck di assumere egli stesso la guida politica dell’insurrezione
italiana, ad esclusivo vantaggio dell’Inghilterra. Ciò spiega anche perché
i militari inglesi nel Mediterraneo cercavano di screditare Francesco
d’Este. In una nota del 5 novembre 1811 al Foreign Office, l’ammiraglio
Freemantle riferiva ad esempio di aver appreso da una spia inviata a
Cagliari [Carl Metzzer, già capitano del 12° ussari austriaco] che
l’arciduca dissuadeva gli ufficiali austriaci dal prendere servizio al soldo
inglese, millantando di poter presto offrire loro un ingaggio migliore. La
stessa spia riferiva che il cosiddetto “partito francese” della corte di
Palermo lo considerava “un visionario” e aveva una pessima opinione di
Latour [confidenze di un agente della polizia segreta della regina, l’esule
dalmato e sedicente barone G. B. Domenico Jacobi, collegato al cavalier
Castrone e rancoroso creditore di 24.000 dollari dal governo inglese].
Il declino politico dell’arciduca fu accelerato, nel febbraio 1812, dalle
dimissioni del marchese di Wellesley, suo sponsor nel governo inglese,
determinate sia dalla sensazione che il governo non facesse abbastanza
per sostenere suo fratello (Lord Wellington) sia per il suo appoggio
all’Emancipazione Cattolica.

La morte di Janus de La Tour e il reclutamento di Carlo Catinelli


Contemporaneamente anche la cellula viennese dell’arciduca subì un
duro colpo. Sempre nel febbraio 1812, informato dalle spie che a Vienna
si reclutavano cittadini francesi o italiani per conto dell’Inghilterra,
Napoleone impose infatti al governo austriaco di arrestare Janus de La
Tour e altri 14 ufficiali. L’esercito austriaco se ne indignò, anche perché
erano tutti decorati dell’ordine di Maria Teresa: alla fine gli ufficiali
furono scarcerati, col permesso di recarsi in Sicilia a proprie spese, ma
Janus rimase a Vienna, dove poi morì di “febbre cerebrale”. Il progetto
rimase così interamente in mano a Nugent, il cui referente politico non
era l’arciduca Francesco, ma suo fratello Massimiliano Giuseppe, più
leale al governo austriaco.
Nugent reclutò inoltre un personaggio di spicco. Nato a Gorizia il 30
marzo 1780, universitario a Vienna, volontario nella leva generale del
1797, uscito dall’accademia del genio nel 1799, Carlo Catinelli aveva
combattuto a Marengo e in Trentino nel 1801 e si era distinto a Caldiero
Parte III - Le legioni anglo-italiane 239

(30-31 ottobre 1805), dov’era stato gravemente ferito. Impiegato come


invalido negli archivi della guerra, amico di Nugent, nel 1808 era stato
richiamato col grado di maggiore e addetto all’arciduca Massimiliano,
con il quale aveva fatto la campagna del 1809 distinguendosi ad
Abensberg, Eckmühl e Ratisbona. Schiantato dal dolore fisico, nel luglio
1810 aveva ottenuto la pensione di ritiro col grado di tenente colonnello.

L’intervento di Lord Bentinck (27 novembre 1811 – 26 giugno 1812)


Il colpo finale alla leadership dell’arciduca fu inferto tuttavia da Lord
Bentinck. Fin dal suo arrivo in Sicilia aveva inteso riprendere i piani di
sbarco in Italia, anche se Wellesley, in una lettera del 27 novembre 1811,
gettava acqua sul fuoco rammentandogli il fallimento del 1809. Bentinck
aveva però una tempra ben diversa dal generale Stuart, e la sua rete
informativa gli fece presto comprendere che le forze francesi in Italia
erano sul punto di essere richiamate per la campagna di Russia: inoltre
gli agenti mettevano in buona luce le capacità insurrezionali dei vari
movimenti di resistenza. Deciso a investire il capitale di forze militari a
sua disposizione, già il 25 gennaio 1812 l’energico generale proponeva a
Lord Liverpool, in alternativa, uno sbarco diversivo in Catalogna o a
Valencia per neutralizzare il santuario francese abilmente creato da
Suchet, oppure all’Elba e/o in Corsica per farle insorgere. Il 23 febbraio
Bentinck affidò al fratello Frederick, in partenza per la Spagna, una
lettera per Wellington, in cui lo informava della proposta inviata a
Londra: personalmente avrebbe preferito uno sbarco in Corsica, ma era
in grado di distaccare 10.000 uomini contro Suchet. Nella risposta del 4
marzo, Liverpool bocciò l’opzione corsa o italiana: nonostante il diffuso
malcontento delle popolazioni, non c’erano, a suo avviso, le prove di una
sistematica cospirazione per scuotere il giogo francese. Lo entusiasmava,
invece, l’opzione spagnola: ne aveva già scritto a Wellington, il quale
avrebbe potuto amplificare gli effetti della diversione distaccando parte
della guarnigione di Cadice; e l’ammiraglio Pellew, comandante della
stazione del Mediterraneo, avrebbe fornito l’appoggio navale. Taceva
però a Bentinck di aver appreso dall’ammiragliato che in autunno la
testa di sbarco avrebbe dovuto essere ritirata, non essendo possibile
rifornirla dal mare durante la cattiva stagione (lo comunicò invece il 5
marzo al solo Wellington).
Tuttavia Bentinck non archiviò l’opzione italiana. Il dispaccio di
Liverpool gli dava del resto un ampio margine di discrezionalità, perché
subordinava la diversione in Catalogna a migliori opportunità in Italia
(«unless the project of resistance to the French power in Italy should
appear to rest upon much better grounds than those of which we are at
Parte III - Le legioni anglo-italiane 240

present apprised»). Entrato in corrispondenza segreta con Nugent, il


proconsole inglese continuò a progettare operazioni in Italia, rinviando
la partenza delle truppe per la Spagna anche nel timore di cospirazioni
fra le truppe napoletane in Sicilia fomentate dal cosiddetto “partito
francese”. Ancora il 9 giugno scriveva a Wellington che le truppe erano
già state imbarcate, ma che c’erano opportunità d’intervento in Italia [a
seguito della partenza dell’Armée d’Italie per la Polonia] e perciò non
intendeva intraprendere alcuna operazione sulla costa orientale della
Spagna finché non avesse tentato il successo di un altro piano per lo
sbarco sulle coste italiane. Infine consentì la partenza di Maitland, ma
con forze ridotte a 247 ufficiali e 6.543 uomini (inclusi 4 e 338 del corpo
franco calabrese), che, salpate il 25 giugno, arrivarono in vista di
Palamos (in Catalogna) solo il 31 luglio.

L’occupazione di Lissa e l’arrivo di Nugent e Catinelli in Sicilia


Indipendentemente dalla destinazione degli sforzi, il decisionismo di
Bentinck e i mezzi di cui disponeva guadagnarono stabilmente alla causa
inglese gli stessi fiduciari dell’arciduca. Impaziente di agire, Fiquelmont
andò in Spagna: il 14 giugno [sei giorni prima delle nozze dell’arciduca
con Maria Beatrice di Savoia] scriveva da Ponferrado a Latour che era il
momento di sforzi generali e simultanei in Spagna e in Italia. La
decisione di Bentinck di organizzare la brigata italiana in Sicilia anziché
a Malta e poi di darne il comando a Latour, sottrasse all’arciduca anche
il suo agente principale.
La corrispondenza segreta tra Bentinck e Nugent riguardava anche
l’organizzazione del corpo italiano e l’occupazione permanente di Lissa
con parte delle truppe inglesi a Cefalonia. Partito in marzo per la Sicilia,
il 2 aprile Nugent scriveva a Latour da Scutari, informandolo che era in
procinto di proseguire il viaggio e che Frizzi era già in avanscoperta a
Lissa assieme all’agente inglese a Vienna J. M. Johnson. Il 24 aprile
l’isola fu occupata da Duncan Robertson con 1.300 uomini (460 inglesi,
280 corsi, 260 svizzeri e 300 calabresi). Intanto Catinelli e gli altri
ufficiali destinati alle leve italiane, unitisi ad una carovana in transito per
la Bosnia, arrivavano a Durazzo, dove si imbarcarono assieme a Nugent
su una nave inglese. Il 29 giugno Nugent scriveva a Latour da Palermo
di essere arrivato dopo un viaggio di 2 mesi e di essere già in procinto,
su consiglio di Bentinck, di ripartire per l’Inghilterra.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 241

B. L’organizzazione dell’Italian Levy


(1812-13)
La creazione dei primi due reggimenti (estate 1812)
Tra le accuse rivolte da Bentinck alla corte di Palermo nell’agosto
1811 c’era quella di mantenere nel suo esercito 5.000 disertori e
prigionieri “francesi” che in caso d’invasione potevano essere più di
impedimento che di aiuto. Ciò non gl’impedì, tuttavia, di approfittare dei
tagli di truppe imposti dalla disastrosa situazione finanziaria siciliana,
per trasferirne gran parte al servizio inglese. Nel febbraio 1812 il solo
Reggimento Estero dell’esercito siciliano [formato da svizzeri, tedeschi
ecc.] contava circa 70 ufficiali e 2.000 uomini, per metà ex-prigionieri
presi in Spagna o nel Regno di Napoli. Il 1° maggio il re di Sicilia, fra
“diverse disposizioni per diminuire il suo Esercito”, consentì “a coloro
che lo desider(avano)”, di “passare alle bandiere britanniche”.
La cessione era collegata al contemporaneo arrivo a Malta delle
reclute di Portsmouth, e all’effettiva organizzazione della “leva italiana”,
disposta con le Regulations for the formation of an Italian Levy to be
raised for His Majesty’s service, emanate a Palermo il 13 maggio e
controfirmate dal tenente colonnello sir John Hamil Macgil Dalrymple,
già ispettore dei Calabrian Free Corps e figlio del generale esonerato
per la vergognosa capitolazione di Cintra. L’organico reggimentale era di
1.297 uomini (43 ufficiali, 38 sottufficiali, 32 caporali, 32 carabinieri, 18
tamburi e 1.136 comuni), su 8 compagnie di 160 (4+4+4+4+2+142) e
uno stato maggiore di 17 (colonnello, 2 maggiori, aiutante maggiore, 2
aiutanti, pagatore, quartiermastro, chirurgo, aiuto, cappellano, master
sergeant, 2 aiutanti, 2 sergenti maggiori e tambur maggiore). Le
compagnie erano riunite in due battaglioni (“1st Right”, “2nd Left”)
comandati dai maggiori e la 1a e 5a avevano anche un piffero. In ogni
compagnia era previsto un pioniere scelto tra «intelligent and active
privateers». Sottufficiali e truppa erano ingaggiati per 5 anni con un
premio («bounty») di 14 dollari e con giuramento («oath of allegiance»)
di servire il re d’Inghilterra e i suoi alleati nei paesi rivieraschi del
Mediterraneo. Il vestiario includeva giacca («jacket»), pantaloni, mezze
ghette e 2 paia di scarpe con due suole di ricambio.
Il 20 maggio, nella lettera di accompagnamento delle Regulations
spedite a Londra, Bentinck aggiungeva che gli ex-prigionieri avrebbero
formato il 1° reggimento, che, una volta «clothed» a Malta, doveva
essere spedito in Sicilia a Iccacia (Palermo) e inquadrato dagli ufficiali
ex-austriaci, al comando del “tenente colonnello” Burke, mentre un 2°
reggimento sarebbe stato costituito (a Carini, a 16 miglia da Palermo)
con gli italiani licenziati dal servizio siciliano, dandone il comando al
Parte III - Le legioni anglo-italiane 242

capitano Grant, che aveva servito ai suoi ordini in India nelle truppe
dell’East India Company ed era uomo “d’onore e di coraggio”; «many»
degli ufficiali ex-siciliani (piemontesi, svizzeri, austriaci) erano «very
respectables».
I non italiani erano invece destinati ai battaglioni della King’s German
Legion di guarnigione in Sicilia. In giugno passarono al 2° reggimento
16 ufficiali (1 maggiore, 5 capitani, 9 tenenti e 1 alfiere), 2 cadetti e 581
“reclute venute dalla Spagna”, ossia i disertori e i prigionieri delle truppe
murattiane. In luglio il Reggimento Estero dell’esercito siciliano aveva
già ceduto alle truppe inglesi 1.157 uomini (di cui circa 250 alla KGL e
900 al 2° italiano); i restanti formarono il “3° reggimento estero”
dell’esercito siciliano [il 1° e il 2° erano formati dalle truppe napoletane,
che a seguito della rivoluzione costituzionale erano state classificate
“straniere”].

La conversione di Latour ai progetti di Bentinck (12 settembre 1812)


Nonostante l’ostilità del “partito francese” di Palermo nei confronti
dell’arciduca, il 26 luglio la regina Maria Carolina gli fece un’apertura,
scrivendo a Latour [il quale doveva trovarsi ancora a Cagliari], che a
Palermo era in corso «une mauvaise parodie singerie, aber plump und
ungeputz [pesante e grossolana] de la révolution française, sous la
protection et la direction du ministre anglais». Questo sfogo con un’altra
supposta vittima della perfida Albione era però indirizzato all’uomo
sbagliato.
Tornato a Palermo, Latour fu infatti nominato da Bentinck, con o. d. g.
del 12 settembre, brigadiere generale dell’esercito inglese e capo dei
reggimenti dell’Italian Levy; con lo stesso provvedimento Catinelli [che
era stato in precedenza incaricato d’ispezionare le difese costiere della
Sicilia] fu nominato tenente colonnello nello stato maggiore del corpo:
entrambi con anzianità dal 1° gennaio.
La data del 12 settembre 1812 è significativa: è quella della revisione
del trattato anglo-siciliano che metteva a disposizione di Bentinck una
divisione siciliana di 7.314 uomini, 681 cavalli e 24 pezzi, con impiego
illimitato nel Mediterraneo, comandante inglese e brigadieri designati da
Bentinck fra i generali borbonici. Ed è anche la data apposta da Latour
ad un suo manifesto che segnava il suo definitivo addio all’Austria [del
resto sempre detestata dalla tradizione politica sabauda] e la sua
entusiastica adesione ai titanici progetti geopolitici di Bentinck; un
manifesto redatto sotto forma di una Lettera [da Cadice] di uno
Parte III - Le legioni anglo-italiane 243

spagnolo ad un italiano per incitare gli italiani a seguire l’esempio della


Spagna nel difendersi e rendersi indipendenti.
L’Italia, secondo Latour, aveva tutti i requisiti per diventare non già
una “Seconda Spagna”, ma addirittura il perno della resistenza contro la
dominazione napoleonica. La frammentazione in piccoli stati, rivali tra
loro e troppo deboli per resistere all’invasione, poteva spiegare perché
l’Italia fosse caduta più facilmente della Spagna «unita in un sol corpo
politico». I «piccoli stati» erano però «caduti»; «Una (era) rimasta
l’Italia, siccome Uno (era) il Tiranno». Perché dunque, al contrario della
Spagna, l’Italia non era risorta? La ragione era che «negli affari della
Spagna, vi intervenne l’Inghilterra, e negli affari d’Italia vi intervennero
dei Poteri Continentali. Onde in Spagna si cercava di liberare, cioè di
dare la libertà, mentre in Italia solo si cercava di introdurre altro
padrone». Un «servo popolo, Gallo, Tedesco, Russo» veniva solo per
«signoreggiare», non per «liberare» gl’italiani. «L’Inghilterra chiamava
il Spagnolo alla libertà, all’armi, alla gloria; il Straniero imponeva
all’Italiano, obbedienza, silenzio e contribuzioni».
Esemplare era l’appoggio inglese alla rivoluzione costituzionale in
Sicilia: «domandatelo ai Siciliani; ognuno d’essi vi risponderà, gli
Inglesi pur armarono la libertà, e la forza Nazionale; la libertà, col
formare un libero Parlamento, e un giusto governo; la forza,
coll’organizzare un’armata Siciliana». Gli inglesi avrebbero fatto lo
stesso a Napoli, Roma, Firenze, Milano, creando «una forte e libera
Nazione italiana, che con pari virtù e più stabile Governo, forse farebbe
dimenticare al mondo gli antichi Itali, comunemente chiamati Romani».

Il trasferimento del 1° e 2° reggimento in Catalogna (autunno 1812)


Il 5 ottobre Bentinck riferiva al War Office sulle nomine di Latour
(«an officer of disguished merit and attacked to the person of Archduke
Francis») e Catinelli («who is universally considered and respected
throughout the Austrian Army, and a follower of the Archduke
Maximilian»). [L’indicazione dei referenti politici di Latour e Catinelli
sembra suggerire che la doppia nomina intendeva bilanciare due diverse
visioni circa il ruolo strategico dell’Austria e dell’Adriatico nell’impiego
della leva italiana.] Bentinck si dichiarava inoltre soddisfatto del “rapido
progresso” nell’organizzazione dei due reggimenti italiani, di cui aveva
scambiato le sedi, trasferendo il 1° a Carini e il 2° a Palermo, per averli
entrambi sott’occhio e farne il modello delle truppe napoletane (ossia del
“2° Estero”, già Reali Presidi, chiamato a tale scopo a Palermo).
Parte III - Le legioni anglo-italiane 244

Latour sperava che queste truppe fossero impiegate in Italia, come


scrisse il 13 settembre a Nugent. Nella risposta del 20 ottobre il generale
austro-irlandese gli spiegò invece che l’intenzione del governo inglese
era che Bentinck inviasse tutti i rinforzi che poteva al generale Maitland
[già sbarcato ad Alicante il 10 agosto]; lo scopo del viaggio di Nugent
[in Sicilia] era proprio di portare a Bentinck questa richiesta, passando
dalla Spagna per raccogliere informazioni. A Londra – spiegava Nugent
– anche le persone più inclini [alla causa italiana], come Bunbury, erano
convinte che lo sforzo decisivo si doveva fare in Spagna. «C’eut été
inutile de lutter contre le torrent (…) l’opinion publique (était) sur ce
point d’accord avec celle des ministres, et c’(était) un crime de penser
d’employer de troupes autre part qu’en Espagne». Non era pensabile che
le truppe tornassero dalla Spagna prima di una vittoria decisiva. E poiché
solo dopo si sarebbe fatto qualcosa da un’altra parte, bisognava
contribuire a decidere la guerra in Spagna. Inoltre Bentinck era il solo da
cui si poteva sperare qualcosa per l’Italia, e bisognava perciò aumentare
il suo credito.

Il negoziato sull’incorporazione degli esuberi sardi (autunno 1812)


Nella lettera, Nugent aggiungeva che il numero dei prigionieri italiani
in Inghilterra era in continuo aumento: si poteva pensare di formare un
terzo reggimento, oltre a completare i primi due. Circa un mese prima, il
26 settembre, l’arciduca aveva scritto da Cagliari a Latour che l’articolo
segreto della pace di Vienna relativo agli ufficiali sudditi francesi in
Austria era stato annullato. Conseguenza implicita era la possibilità di
richiamarli al servizio austriaco, e dunque l’interruzione di quel canale
di reclutamento per le leve italiane. In compenso se ne apriva uno nuovo
in Sardegna, per la decisione di licenziare un quinto delle truppe,
imposta, come in Sicilia, dalla crisi finanziaria. Probabilmente anche su
consiglio dell’arciduca, il governo sardo offerse i militari in esubero agli
inglesi. Il 9 ottobre il segretario di stato e di guerra, cavalier Gioacchino
Alessandro Rossi, scriveva a Latour di fargli sapere se i siciliani o gli
inglesi erano interessati a prendere in carico i «4-500» militari stranieri
che dovevano essere licenziati, badando a specificare di non poter
provvedere al loro trasporto in Sicilia per mancanza di naviglio militare
idoneo e per l’impossibilità di pagare un viaggio a nolo e il vitto a bordo.
Dai sondaggi di Latour scaturì un’offerta formale, tramite il ministro
inglese a Cagliari: il 4 novembre Hill informava Castlereagh di aver
ricevuto l’offerta di «5-600» uomini, inclusi alcuni ufficiali, da sistemare
in qualche esercito alleato o nelle truppe inglesi in Sicilia, aggiungendo
di aver avuto il consenso di Bentinck; credeva che il generale intendesse
Parte III - Le legioni anglo-italiane 245

incorporarli nell’«Italian Legion, the greater part of their recruits being


from different parts of Italy». In appoggio alla richiesta, sottolineava che
il governo sardo aveva agito saggiamente preferendo ridurre le truppe
piuttosto che accettare il sussidio offerto dall’Inghilterra [che avrebbe
compromesso la formale neutralità della Sardegna].

Gli ufficiali provenienti dal servizio sardo (marzo 1813)


Nel marzo 1813 un regio viglietto di Vittorio Emanuele autorizzò 15
ufficiali inferiori sardi a passare al servizio inglese nel 3rd Regiment
Italian Levy, accordando loro anche una gratifica di 50 scudi. Gli
ufficiali erano, in particolare:
• 3 capitani (Giovanni B. Pigner e Carlo Borra dei cacciatori di Savoia e Onorato
Spinetta del corpo franco);
• 1 tenente (Paolo Onnis del corpo franco);
• 1 chirurgo maggiore (Giovanni Antonio Boini, del corpo franco);
• 8 sottotenenti (G. Piccaluga, Giuseppe Fancello, Giuseppe Ciusa e Luigi Grixoni
della R. marina, Carboni giubilato, Luigi Fontana del reggimento provinciale di
Bosa, de Carrion de Valverde dei cavalleggeri ed E. Accordi Pastour del genio);
• 2 guardie del corpo (G. Mameli Clavesana e A. Mercolini).

Al servizio inglese furono trasferiti inoltre anche 7 forzati. Forse si


tratta degli stessi 7 soldati del Reggimento nazionale posto di guardia al
convento di San Lucifero in cui venivano acquartierate le reclute della
leva italiana. L’11 marzo 1813 il capitano del 2nd italian levy Giuseppe
De Bouvier (o De Boviere), di professione negoziante, riferiva al barone
Sourdiaux, comandante del deposito di Cagliari, sulle aggressioni
commesse da fucilieri del reggimento nazionale contro 2 reclute (tra cui
il quattordicenne Loddo) e le mogli di due soldati della leva italiana, e
sul tumulto delle reclute contro l’ordine di consegna in caserma.
negoziante nella vita civile e capitano al servizio inglese. Il 22 marzo
l’arciduca scrisse a Latour che gli avrebbe mandato il suo cavallo bruno
mediante il 1° tenente Barro, uno dei tre ufficiali incaricati di condurre le
reclute al [deposito] dei reggimenti italiani a Palermo. Barro, che aveva
servito con molta bravura e distinzione nei cacciatori di Savoia, aveva il
permesso del re di passare nelle leve italiane. Il 26 maggio, prima di
partire per Zante, l’arciduca raccomandò per il grado di capitano anche
De Grandis, già insegna del reggimento svizzero Christ e autore dello
schizzo sulla battaglia dell’Authion (1793). [Dopo lo scioglimento del
reggimento (1800), De Grandis aveva cercato impiego in Sardegna:
ammesso come volontario nell’esercito borbonico, era finito come
Parte III - Le legioni anglo-italiane 246

cadetto aggregato all’Officio topografico di Palermo. Da qui era andato a


Vienna, chiamato dal padre che sperava d’impiegarlo nella Landwehr,
ma il 22 novembre 1812 era partito via Smirne e Malta arrivando a
Cagliari ai primi di marzo del 1813, latore di una lettera per Latour.]
Nella leva italiana fu in seguito ammesso anche il capitano Gaspare
Andreis, nato a Barge nel 1785, entrato nell’artiglieria francese nel 1806
e catturato in Spagna nel 1813. Infine vi fu trasferito, quale tenente
colonnello del 3rd Regiment, Giambattista Ciravegna di Narzole, già
granatiere volontario del Reggimento Piemonte, ferito a Tolone nel
1793, poi sottotenente degli ussari di Condé nel 1799-01. Passato al
servizio inglese nel Reggimento svizzero Watteville, aveva combattuto
sotto Abercrombie in Egitto, dove era stato ferito. Tornato in Egitto nel
1807 come capitano dei granatieri della fanteria leggera siciliana, aveva
espugnato la ridotta di Cleopatra presso Alessandria, difesa da 600 turchi
con 16 cannoni.

C. L’Italian Levy in Catalogna


(1812-14)

L’Italian levy e la Brigata siciliana in Spagna (14 nov. – 31 dic. 1812)


Nello “state” del 25 ottobre il 1° Reggimento italiano (Burke) contava
40 ufficiali e 1.153 uomini. Il 14 novembre il 2° (Grant) s’imbarcò a
Milazzo con 33 ufficiali e 1.184 uomini, insieme a 605 granatieri e 155
artiglieri siciliani e 2.500 inglesi. Salpato il 15, il convoglio arrivò il 25 a
Port Mahon, tranne alcuni trasporti costretti dalla burrasca a tornare a
Palermo. Latour e Catinelli partirono il 26 col generale James Campbell
(aiutante generale dell’Armata di Sicilia) e col 2° estero siciliano, il
2/27th Foot e parte del 1° italiano (tutti gli ufficiali e circa 900 uomini:
ne rimasero infatti in Sicilia 288, secondo lo “state” del 10 dicembre). Il
27 il primo convoglio proseguì per Alicante, dove le truppe sbarcarono il
3 dicembre, acquartierate nei dintorni della città a Santa Fas, San Juan e
Muchamiel.
I reggimenti italiani furono assegnati a due differenti divisioni: di
conseguenza Latour non ebbe il comando della brigata e rimase, come
Catinelli, addetto allo stato maggiore di Campbell (e poi di Clinton). In
compenso i reggimenti avevano come maggiori due sudditi sabaudi, il
savoiardo Henri Joseph Milliet barone di Faverges e di Challes, e il
torinese Giuseppe Righini di San Giorgio. Sottotenente dei granatieri nel
1793, Righini era passato nel 1805 al servizio di Ferdinando IV e nel
Parte III - Le legioni anglo-italiane 247

1812 a quello inglese. Faverges, nato nel 1775, ufficiale nel 1792, due
volte gravemente ferito nella guerra delle Alpi, era passato al servizio
austriaco nel 1796, ricevendo ancora una ferita nel 1799 e distinguendosi
nel 1809 sull’Isonzo. Chirurgo maggiore del corpo era Thomas Shortt,
già chirurgo del 20th light dragoons e futuro capo dell’équipe di cinque
chirurghi inglesi che il 5 maggio 1821 eseguì a Sant’Elena l’autopsia di
Napoleone certificando la morte per cancro allo stomaco.
Il 25 dicembre erano presenti ad Alicante 1.262 fanti (77 ufficiali) e
226 cavalieri (22 ufficiali) siciliani. Lo stesso giorno salparono dalla
Sicilia altri 2 ufficiali e 176 uomini del 2° italiano, 14 e 325 calabresi, 22
e 204 cavalieri e 77 e 1.185 fanti siciliani (1° estero), arrivati in Spagna
il 31. L’“Armata Combinata” contava 15.280 fanti, 1.000 cavalieri e 36
pezzi, al comando interinale di Campbell, in attesa di Bentinck. Oltre
alla brigata “siciliana” (in realtà tutti “esteri” napoletani) comandata dal
colonnello brigadiere Gaetano Pastore, e ai due reggimenti italiani, il
corpo includeva la divisione Carey dei corpi franchi calabresi (352 con
16 ufficiali), 5.400 spagnoli (la Divisione “Mallorquina” formata nelle
Baleari da Whittingham), 3.900 fanti (1/10th, 1 e 2/27th, 1/58th, 1/81st
Foot e battaglione granatieri) e 800 cavalli (20th light dragoons e ussari
di Brunswick–Oels) inglesi, 2.000 annoveresi e 400 svizzeri (Dillon).
Cooperavano con l’Armata anglo-siciliana anche altri 3.500 spagnoli
(Divisione Roche, 4a dell’Armata di Murcia comandata dal generale
Elio).

Il disarmo del 2° reggimento italiano a Xixona (8-10 febbraio 1813)


Il 2° reggimento rivelò fin dall’inizio di essere assai meno affidabile
del 1°: nei primi due mesi ebbe infatti 137 disertori, un ottavo della
forza. La ragione di fondo stava nell’essere composto in gran parte da
galeotti napoletani che avevano già disertato dall’esercito murattiano per
passare in Sicilia con la speranza di poter tornare da lì nel continente o
almeno di vivere tranquilli in qualche sonnolenta guarnigione, e che non
gradivano affatto di essere riportati in Spagna, e al fuoco. Contribuiva
però anche l’atteggiamento del colonnello Grant, che, secondo una nota
riservata di Clinton, mancava delle qualità e dell’esperienza di Burke ed
era «cordially detested by all the men of his regiment» per aver adottato
«all the minute worry of the old British school». Non si può escludere,
però, che le diserzioni – con passaggio al nemico – avessero almeno in
parte una motivazione politica analoga a quelle che imperversavano nel
battaglione di Brunswick–Oels (inquadrato nella 7th Division), i cui
ufficiali scrivevano al loro sovrano in esilio in Inghilterra di richiamarli
dalla Spagna per farli sbarcare alle foci dell’Elba e far insorgere la loro
Parte III - Le legioni anglo-italiane 248

patria. Sentimenti – come vedremo nel prossimo paragrafo – condivisi


anche dagli ufficiali delle legioni annoverese e italiana.
Assegnato alla Divisione Clinton, il 2° era dislocato a Xixona (Jijona),
poco a Nord di Alicante. L’8 febbraio Clinton avanzò in ricognizione su
Alcoy col 2° e un battaglione spagnolo. Durante la marcia 2 compagnie
italiane furono decimate dalle diserzioni, malgrado gli sforzi degli
ufficiali per trattenere gli uomini, tanto che Clinton ritenne più prudente
tornare a Xixona. Durante la notte le diserzioni continuarono e in due
giorni passarono al nemico 86 uomini: l’ultimo gruppo si portò via pure
un ufficiale, e solo l’intervento di un caporale evitò che l’uccidessero.
Grant e gli altri ufficiali dissuasero Clinton dal rimandare il reggimento
ad Alicante, dicendogli che avrebbe disertato in massa strada facendo, e
il generale spedì una staffetta a chiedere istruzioni a Campbell. Arrivato
di persona il mattino del 10, quest’ultimo ordinò di disarmare gli italiani
e di rimandarli ad Alicante scortati dal battaglione spagnolo (Murcia) e
seguiti da una colonna inglese (1/27th e uno squadrone del 20th light
dragoons), arrivata alle 5 di sera. Radunati in uno spazio aperto e sotto
tiro degl’inglesi, gli italiani si lasciarono disarmare senza opporre
resistenza, e, una volta arrivati ad Alicante, furono messi al sicuro a
bordo delle navi da trasporto e sotto il tiro dei vascelli all’ancora. L’11
febbraio Campbell ne informava Bentinck, dando atto a Grant di essere
stato «unremitting and zealous» e al 1° reggimento (dislocato a 4 miglia
da Alicante) di essere rimasto «steady». Dai 900 uomini che restavano
nel 2° si poteva inoltre ricavare il “fondo” («foundation») di un corpo
considerevole, «but much and careful needing will be required».
Clinton scrisse più tardi al cognato Whittingham che la decisione di
disarmare gli italiani era stata provvidenziale, perché erano sicuramente
d’accordo coi francesi, i quali, appena un’ora dopo, mossero da Alcoy
per attaccare Xixona, contando certamente sulla defezione italiana e
ignorando la contromisura adottata da Campbell. A Clinton era rimasto
solo un debole battaglione di granatieri, ma alle 8 di sera arrivò da
Palamos il 1/58th (David Walker), in tempo per respingere la colonna
nemica, che perse 6 prigionieri. Secondo Clinton la cosa peggiore, se la
sorpresa fosse riuscita, sarebbe stato «the moral effect which it would
have produced in the country [Spain]; where it would have been
generally believed that a British battalion (for, being dressed in scarlet,
they would have been supposed to be Britain) had fired upon the
Spaniards and joined the French. To do away such an impression would
have been a work of time and difficulty». Il 13 febbraio la posizione di
Xixona fu rilevata dalla brigata siciliana. Il 18, inoltrando a Wellington
lettere ricevute a Cadice da Campbell, sir H. Wellesley commentava: «it
seems that no great things are to be expected from the Italian levy».
Parte III - Le legioni anglo-italiane 249

La battaglia di Biar e Castalla (12-13 aprile 1813)


Secondo i progetti il corpo doveva essere comandato da Bentinck, ma
il tentativo di Ferdinando IV di riassumere il potere costrinse il generale
ad annullare la partenza, e così, il 25 febbraio, il comando fu assunto dal
generale Sir John Murray, il quale si propose di fissare le forze di Suchet
sulla linea dello Xucar, per coprire uno sbarco di sorpresa a Valencia. Il
3 marzo la brigata siciliana prese parte alla prima ricognizione su Alcoy
(ancora più a N di Xixona) e il 6 i granatieri, col 27th Foot, penetrarono
in Alcoy tallonando la ritirata nemica. Il 1° italiano, partito il 5 marzo in
ricognizione su Tibi, ebbe molti ammalati in conseguenza di un bivacco
notturno (pneumonia tifoide) e fu colpito da oftalmia (probabilmente
contratta a Palermo) in misura più ampia degl’inglesi. Occupata la linea
Tibi–Alcoy, il 17 un battaglione estero fu inviato all’estrema sinistra (a
Sax, presso Elda, a NO di Alicante). Il 19 tutta l’armata si concentrò a
Castalla [40 km a N di Alicante e ad O di Alcoy] su tre linee, con la
destra a Castalla e la sinistra alle montagne di Tibi. Il 20 la brigata
siciliana avanzò su Biar, alle falde dei monti Cids, per sostenere
l’avanguardia del colonnello Frederick Adam (includente i calabresi e il
1° italiano) che occupava gli sbocchi del passo. Il 26 marzo Murray
ricevette però ordine da Bentinck di rimandargli 2 battaglioni per
fronteggiare il colpo di stato reazionario in Sicilia. I battaglioni (6th
KGL e granatieri inglesi) sbarcarono a Palermo il 1° aprile, quando la
crisi era già stata risolta, ma tanto bastò per scoraggiare Murray e porre
fine alla sua offensiva.
Fu allora Suchet a prendere l’iniziativa: travolta il 10 aprile una
divisione spagnola a Yecla, il 12, muovendo da Villena, l’avanguardia
francese attaccò il passo di Biar. Barricato nel villaggio coi soli calabresi
e aggirato dal nemico, Adam si ritirò in perfetto ordine, sostenuto dal
resto della brigata e poi anche dai granatieri reali siciliani. L’Armata era
schierata con la destra (Clinton) a Castalla e il centro (Mackenzie e
Adam) e la sinistra (Whittingham) su un fronte di 3 km ad O della città,
appoggiato alle colline e fortemente trincerato.
Il 13 aprile Suchet scese da Biar e, visto impossibile l’aggiramento
dell’ala destra inglese, concentrò l’attacco sulla sinistra, tenuta dagli
spagnoli. Malgrado la superiorità numerica (18.716 uomini e 30 pezzi
contro 13.564 e 24 francesi) e l’ottima posizione, Murray rischiò di
perdere la battaglia mandando Catinelli da Whittingham con l’ordine di
aggirare a sua volta l’ala destra nemica, lasciando così una falla tra gli
spagnoli e Adam. Murray in seguito negò di aver dato un tale ordine; tra
le ipotesi ricordate da Oman, c’è che Catinelli l’avesse equivocato per la
Parte III - Le legioni anglo-italiane 250

sua scarsa padronanza dell’inglese. In ogni modo Whittingham riportò in


tempo gli spagnoli sulle posizioni, mentre il 121e de ligne, che aveva
tentato di sfondare la sinistra di Adam (2/27th), fu respinto e inseguito,
provocando la ritirata di Suchet sullo Xucar. Nell’azione si distinsero
ancora una volta i calabresi e il 1° italiano, le cui perdite complessive (a
Biar e Castalla) furono di 59 e 103 uomini: in particolare i calabresi
ebbero 8 morti e 51 feriti (inclusi 2 ufficiali), il 1° italiano 23, 52 (3) e
28 dispersi, contro 18, 92 (2) e zero del 2/27. Il 2° italiano (con
Mackenzie) e il 2° estero (con Clinton, presso il quale si trovava Latour),
schierati al centro e all’ala destra, furono impegnati solo nel tardivo
inseguimento ordinato da Murray.

Tab. 1 – L’Anglo–Sicilian Army alla battaglia di Castalla (12-13 aprile 1813)


Grande Unità Comandante Btg Forza Unità
Advance Guard Adam, 3 1.179 2/27th (Inniskilling) Foot
Frederick 1 coy De Roll’s (1th rifles)
Calabrese Free Corps
1st Italian Levy Regt (Burke)
1st Division Clinton, 5 4.036 1° Regg. Estero (Pastore) (2 Btg)
William 4th Line Bn, King’s German Legion
(Latour, 1/58th (Ruthlandshire) Foot
Catinelli) 2/67th (South Hampshire) Foot
2nd Division Mackenzie, 5 4.045 De Roll–Dillon Provisional Bn
John 2nd Italian Levy Regt (Grant)
1/10th (North Lincoln) Foot
1/27th (Inniskilling) Foot
1/81st Foot
Cavalry (7) 1.036 20th Light Dragoons (2 sqs)
Foreign hussars (80 men)
Brunswick–Oels Hussars (2 sqs)
1° Cavalleria siciliano (2 sq)
Hus. de Almansa e Drag. Olivenza
Artillery - 500 30 pezzi
1st Spanish Div. Whittingham, 6 3.901 Reg. 2° Murcia, Reg. Guadalajara
“Mallorquina” Sir Samford Reg. Córdoba, Reg. Mallorca (caz. y
(Col. Serrano) granad.), Reg. 5° Granaderos
2nd Spanish Div. Roche Philip K. 5 4.019 ?
TOTALE. Sir John 24+7 18.716 30 pezzi
Murray
NOTA. Al 25 dicembre 1812 il 1° Estero contava 1.262 uomini (77 ufficiali) e il 1° e 2°
squadrone del 1° cavalleria 226 (22 ufficiali). Nell’agosto 1813 restavano in Spagna 1.150
fanti (50 ufficiali) e 161 cavalieri (11 ufficiali). Al 1° ottobre la forza era di 597 granatieri e
1.335 fanti del 1° estero.

Il fiasco di Tarragona (31 maggio-19 giugno 1813)


Murray si limitò a rioccupare Alcoy, e giustificò la sua inazione con il
richiamo di forze in Sicilia e l’oggettiva mancanza di carreggio e di
Parte III - Le legioni anglo-italiane 251

rifornimenti, che arrivavano solo dalla Sicilia e dall’Algeria. Tuttavia


circa un mese dopo Wellington cominciò a preparare l’offensiva contro
Giuseppe Bonaparte che avrebbe portato alla battaglia di Vitoria e
assegnò a Murray il compito di bloccare Suchet insieme alle armate
spagnole dei generali Elio, del Parque e Copons, per impedirgli di
accorrere a Nord in sostegno di Giuseppe. In particolare Murray doveva
minacciare Tarragona insieme con le forze catalane (Copons), mentre
Elio e del Parque dovevano investire Valencia. La manovra impegnava
ben 75.000 uomini, 43.000 spagnoli con 34 pezzi su Valencia, e 16.052
di Murray e 15.761 di Copons su Tarragona. L’Armata di Murray
conservava lo stesso ordine di battaglia precedente, con una forza di
14.345 fanti, 801 dragoni e ussari e 906 artiglieri con 24 pezzi da
campagna (2 batterie inglesi e 1 portoghese), più un parco d’assedio. Il
1° italiano era sempre con Adam, e il 2° con Mackenzie: il 31 maggio
avevano insieme 67 ufficiali e 1.451 uomini. Il 4 giugno l’Armata
contava 739 ufficiali e 15.313 uomini, inclusi 67 e 1.041 del 1° estero,
228 e 4.624 di fanteria spagnola, 37 e 764 cavalieri (726 cavalli) e 53 e
767 artiglieri.
Imbarcatasi il 31 maggio, l’Armata sbarcò il 2 giugno nella baia di
Salou, 8 miglia a S di Tarragona, e, rinforzata da 7.000 catalani, il 4
giugno investì la piazza, difesa dal generale Bertoletti con appena 1.600
uomini. Metà erano italiani del I/7° di linea, e il maggiore Faverges fu
incaricato di indurli a disertare mandando nottetempo agli avamposti
agenti di fiducia per convincere le sentinelle e offrire premi (16 pezzi
forti di Spagna, aumentati a 20 e oltre per chi disertava con le armi e a
30 per gli zappatori). Qualche risultato fu certo ottenuto, se il maggiore
A’Court chiedeva di designare un ufficiale per inquadrare i disertori.
Nonostante l’esigua guarnigione e le opere in parte diroccate durante il
precedente assedio francese, la piazza resistette eroicamente al fuoco
delle batterie e delle cannoniere inglesi, effettuando sortite e respingendo
un attacco debolmente abbozzato contro il Forte San Carlo. Non avrebbe
però potuto resistere se Murray avesse avuto il coraggio di attaccare la
breccia aperta il 7 giugno. L’assalto era previsto per l’11 giugno, e il 2°
italiano doveva prendere il Forte Reale: ma, respinta da Bertoletti
l’intimazione di resa, e avuta notizia di movimenti di forze francesi in
direzione della piazza, Murray non volle rischiare e ordinò il reimbarco,
piantando in asso gli spagnoli, abbandonando 18 pezzi pesanti e 6.200
proiettili e concludendo l’assedio con 600 perdite contro 120 della
guarnigione. Le truppe si reimbarcarono il 12, ma l’indomani, comparsa
in lontananza una debole ricognizione francese, Murray fece sbarcare di
nuovo 2 compagnie del 1° italiano, che non riuscirono però a prendere
Parte III - Le legioni anglo-italiane 252

contatto col nemico. Salpata finalmente il 16 giugno, l’Armata fece scalo


a Balaguer, dove incontrò Bentinck in arrivo dalla Sicilia.

La campagna di Bentinck in Catalogna (19 giugno – 21 settembre)


Piegato con la forza il conato di Ferdinando IV e ristabilito il vicariato
generale (29 marzo), e assicuratosi che Murat non avrebbe attaccato la
Sicilia, Bentinck era partito il 30 maggio col vascello America, unendosi
poi alla squadra dell’ammiraglio Pellew. Sbarcato a San Felipe e rilevato
il comando da Murray [sottoposto nel 1814 alla corte marziale, che fu
clemente], Bentinck pensò giustamente che il modo migliore di eseguire
il compito assegnato da Wellington all’Armata della Spagna orientale era
di raggiungere Elio e Del Parque a Valencia. Fatto saltare il forte di
Balaguer per non dovervi lasciare un presidio, salpò il 19 [due giorni
prima della battaglia di Vitoria]. Ritardata da una tempesta che costò 4
navi, l’Armata sbarcò il 22 ad Alicante, seguita il 25 da rinforzi siciliani.
La Divisione Clinton fu riorganizzata su 2 brigate, la “destra” siciliana e
la “sinistra” italiana (comandata da Latour); la cavalleria siciliana fu
riunita con l’inglese agli ordini di Lord Frederick Bentinck, fratello del
generale in capo, e i calabresi rimasero nell’avanguardia (Adam).
Avendo Suchet abbandonato Valencia per concentrare le forze in
Catalogna, Bentinck decise di occuparla e il 3 luglio mosse su Alcoy. Lo
stesso giorno riferiva a Latour di aver parlato a Wellington della
situazione sanitaria della brigata italiana e che uno dei chirurghi era stato
rimosso. Contava di partire per l’Inghilterra e di essere a Portsmouth
entro tre settimane. Il 9 luglio l’Armata entrò a Valencia. Ripresa la
marcia il 18, il 21 la 1a Divisione era a Vinaroz, dove fu raggiunta il 23
dalla 2a. Intanto si cercava di costruire un ponte sull’Ebro, traghettato
poi il 26 e 27, mentre la 1a Divisione era già arrivata via mare a
Balaguer, dove il 28 si riunì tutta l’Armata. Il 29 Bentinck mosse su
Tarragona e il 30 investì la piazza, occupando il colle dell’Olivo. Qui si
trovava la brigata siciliana, sostenuta da quella italiana, mentre Adam era
al caposaldo esterno di Altafulla [sulla costa, poco a N di Tarragona]. Da
un dispaccio di Clinton del 14 agosto risulta che Latour aveva qualche
difficoltà con la lingua inglese: contava però sulla traduzione del
capitano Shearman, ufficiale di collegamento con gli italiani. Tarragona
fu comunque soltanto bloccata e il 17 agosto, fatte saltare in aria le
rimanenti fortificazioni, il presidio si ritirò dietro il Llobregat presso
Barcellona.
Occupate Tarragona, Reus e Villaseca, l’Amata avanzò poi sulla linea
da Villafranca a Vinaroz, con posti avanzati alle gole di Ordal (tra le valli
di Villafranca e il Llobregat) e un posto intermedio a S. Golgat. Il 25
Parte III - Le legioni anglo-italiane 253

agosto i due reggimenti italiani (Divisioni Clinton e Mackenzie),


avevano 1.946 presenti (989+957), inclusi 71 ufficiali (35+36). Il 26
Clinton ordinava a Latour di lasciare agli spagnoli il blocco di Tortosa e
d’inseguire il nemico con Sarsfield e l’Armata di Catalogna. Attestatosi
sul Llobregat, il 12 settembre Suchet sferrò la controffensiva da Molinos
del Rey. Troppo sicuro della sua posizione, Adam aveva trascurato di
collocare un avamposto al burrone che proteggeva il suo accampamento:
così, verso mezzanotte, i francesi poterono attraversare indisturbati lo
stretto ponte, schierarsi e sorprendere il campo inglese nel sonno. Adam
riuscì a malapena a ritirasi in disordine a Villafranca, con un bilancio di
600 perdite contro 270. Il 13 Bentinck ripiegò dietro Arbos protetto da 8
pezzi e dalla cavalleria di Frederick. Nell’azione si distinse la cavalleria
siciliana, caricando quella francese che cercava di penetrare in
Villafranca. La ritirata proseguì poi per Vendell e Tarragona, lasciando
un caposaldo a Santa Cristina. Intanto Tarragona fu fortificata
trasportandovi tutto il materiale da guerra lasciato ad Alicante e il 21
settembre le truppe assunsero i loro quartieri; la cavalleria e gli spagnoli
a Reus, la fanteria a Tarragona.

Il ritorno di Bentinck a Palermo (3 ottobre – 4 dicembre 1813)


In Sicilia, intanto, il partito costituzionale era stato messo alle corde
dall’appoggio strumentale dei reazionari alla fazione rivoluzionaria, con
la paralisi del parlamento e la formazione (il 28 luglio) di un nuovo
ministero reazionario. Il 15 agosto il duca d’Orléans, sostenitore della
rivoluzione liberale, scriveva a Bentinck da Palermo che il “partito
francese” (cioè la corte borbonica) aveva rialzato la testa e che il
generale doveva tornare subito, perché la situazione stava precipitando.
A suo avviso il comando del Mediterraneo non era cumulabile con
quello della Spagna Orientale: sperava che le truppe siciliane, la leva
italiana e qualche battaglione inglese potessero tornare per agire in Italia.
Era prematuro portare la guerra in Francia, come sembrava volere
Wellington; piuttosto si dovevano sollevare le province del Midi. Il duca
riferiva inoltre della partenza dell’arciduca Francesco d’Austria Este per
Zante, da dove gli aveva scritto il 27 luglio.
La sconfitta di Ordal consentì a Bentinck di sganciarsi dalla Spagna,
ovviamente col consenso (e con sollievo) di Wellington. Imbarcatosi il
22 settembre a Tarragona, sbarcò a Palermo il 3 ottobre, e subito riprese
il controllo, impose al vicario generale Francesco di Borbone la nomina
di un nuovo ministero costituzionale, fece sciogliere il parlamento e, con
proclama del 30 ottobre, assunse provvisoriamente i poteri di polizia. Il
4 dicembre espose al vicario generale il progetto, poi definito da lui
Parte III - Le legioni anglo-italiane 254

stesso un mero “sogno filosofico”, di cedere l’isola all’Inghilterra in


cambio della restaurazione sul trono di Napoli e di un ingrandimento
territoriale a spese del papa.

Le operazioni in Spagna dall’ottobre 1813 al marzo 1814


A seguito della caduta di San Sebastian e Pamplona e della ritirata
francese ai Pirenei, il 22 ottobre il quartier generale e la divisione
Mackenzie avanzarono a Villafranca e il 24 la brigata napoletana fu
alloggiata a Torreybarra. Burke fu inviato in Inghilterra a reclutare altri
prigionieri italiani, e il comando dei due reggimenti italiani fu attribuito
a Righini e Faverges, promossi tenenti colonnelli. L’Armata rimase a
Sud di Barcellona, sostenendo occasionali scontri a Ordal, finché il 18
gennaio Clinton forzò le posizioni di San Vicente e penetrò nella valle
del Llobregat. Il 6 febbraio l’Armata bloccò Barcellona. Il 14 la brigata
napoletana fu inviata con una inglese alle gole di Martorell per catturare
le guarnigioni di Lerida, Mequinenza e Moncoa le quali, ingannate da un
falso ordine scritto da un aiutante di Suchet (Juan van Hallen) si erano
arrese a condizione di potersi liberamente ritirare a Barcellona:
accerchiate, dovettero deporre le armi: tra esse c’era anche il generale
Lamarque. Il 19 febbraio la brigata tornò sotto Barcellona attestandosi a
San Felice e Sarria, dove il 23 respinse una sortita francese. Il 3 marzo
Ferdinando VII di Spagna passò per Sarria, salutato dall’esercito,
proseguendo per Molinos del Rey e Valenza.

D. La ripresa del progetto italiano


(24 febbraio-3 luglio 1813)

La ripresa del progetto italiano (24 febbraio 1813)


Come scrive Oman, nell’inverno 1813 Wellington dovette «discourage
side-shows», ossia progetti di distogliere forze dalla Spagna per aprire
fronti insurrezionali in Olanda (capeggiato dal principe d’Orange, allora
ADC di Wellington), Germania (con l’impiego della King’s German
Legion) e in Italia. La sconfitta di francese in Russia sembrava infatti
riaccreditare la teoria di Lord Liverpool che Napoleone si sarebbe
ritirato dalla Spagna per difendere la Germania: ma questi progetti
rischiavano di compromettere il piani di Wellington per la campagna
decisiva, culminata il 21 giugno a Vitoria.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 255

Il più insidioso di questi progetti riguardava l’Italia. Bentinck aspirava


ad emulare Wellington con una “sua” guerra Peninsulare, e anche per
questo aveva inizialmente rinunciato a comandare l’Armata di Alicante.
Inoltre aveva incontrato l’ammiraglio Greig, comandante della squadra
russa del Mar Nero, il quale, di propria iniziativa, aveva offerto agli
inglesi 15.000 uomini dell’Armata del Danubio, da imbarcare a Odessa e
impiegare in Italia o, in alternativa, in Spagna. Inoltre i commercianti
inglesi di Messina premevano per riaprire le esportazioni nel Continente:
e fu su loro impulso che Bentinck decise la rioccupazione della vecchia
base borbonica di Ponza, evacuata alla fine del 1809. Il 15 febbraio
1813, a Palermo, il fuoriuscito napoletano Tommaso Reale presentò a
Bentinck un promemoria su un piano insurrezionale in Piemonte,
Svizzera e Tirolo. Il 24 febbraio, proprio mentre una forza navale inglese
cominciava l’attacco contro Ponza, il generale scriveva a Bathurst che
era necessario agire in Italia. La soluzione della guerra non poteva
avvenire in Germania, perché la Russia sapeva combattere solo in difesa;
le forze inglesi nella Spagna Occidentale erano sprecate, perché
Wellington era troppo distante, né si poteva avanzare verso di lui, senza
la cavalleria necessaria per operare in terreno aperto e con truppe
spagnole buone a nulla. Senza contare che in Spagna gl’inglesi erano
solo ausiliari, mentre in Italia sarebbero stati protagonisti. L’esercito
siciliano finalmente funzionava, le forze francesi in Calabria erano al
minimo, e una volta presa Napoli si poteva marciare al Nord con 30-
40.000 uomini, sfruttando l’arciduca Francesco e il duca d’Orléans,
generi dei re di Sardegna e di Sicilia, per far defezionare sia italiani che
francesi. L’arciduca era poi ottimo anche come capo politico.

La stroncatura di Wellington
Sapendo che occorreva il consenso di Wellington, Bentinck indirizzò
anche a lui una copia del progetto: ma il duca protestò energicamente
con Bathurst, sostenendo che operazioni limitate come lo sbarco della
leva italiana non bastavano a incoraggiare insurrezioni, per quanto ostili
fossero ormai gli italiani al dominio francese. Per riuscire, occorreva
impiegare inizialmente almeno 30-40.000 uomini. Gl’italiani preferivano
certamente il dominio inglese a quello francese o austriaco, e avrebbero
formato una grande armata: ma il governo inglese era pronto ad armarla
ed equipaggiarla, e a sostenere una nuova guerra su vasta scala?

Reale, la “Vienna Branch”, i piani di Latour e la nota per Nugent


Parte III - Le legioni anglo-italiane 256

Reale aveva un posto nei piani di Bentinck, come risulta da una sua
“Nota di persone disposte a dirigere e sostenere sollevazioni contro i
francesi in diverse città d’Italia”, datata Palermo 14 marzo 1813. Il 21
marzo Bentinck informava Castlereagh di aver scelto come capo della
“Vienna Branch” il maggiore Dumont, già ufficiale austriaco e fiduciario
di Latour, al quale, insieme a Nugent, era ovviamente attribuita l’alta
direzione del moto insurrezionale.
In una nota per Nugent, Latour gli chiedeva di reclutare addirittura
250-300 ufficiali austriaci, soprattutto subalterni, di tutte le armi, inclusi
cavalleria, artiglieria genio, facendoli passare da Giannina o da Scutari
e Durazzo, perché Bentinck voleva mettere in campo un’armata di
20.000 uomini, inquadrata da ufficiali austriaci. Nugent doveva inoltre
coordinare direttamente il piano insurrezionale italiano e stabilire un
comitato centrale per coordinarlo coi piani insurrezionali in Dalmazia,
Illiria, Tirolo e Svizzera. Doveva designare capi nelle città principali
italiane, comunicando loro solo la parte indispensable del piano. Lo
scopo finale era la liberazione totale dell’Italia, «à laquelle l’Angleterre
désire donner une organisation politique forte, durable, libérale et
nationale»; il modello costituzionale del nuovo stato restava imprecisato,
perché «le voeu seul de la nation italienne décidera en dernière analise
de son organisation politique future, puisque l’Angleterre, animée d’un
noble désinteréessement veut se borner à la soutenir». La propaganda
doveva però puntare sulla riforma parlamentare, con una camera dei pari
(senato) e una dei comuni (rappresentanza delle città), sul ristabilimento
del Santo Padre, sul ruolo “antinazionale” al quale i francesi avevano
condannato l’esercito italiano, sull’abolizione della coscrizione e delle
imposte.
Le speranze di Latour furono però di breve durata. La prova di forza
con la corte di Palermo, seguita dalle aperture negoziali di Murat, misero
ancora una volta in soffitta l’apertura del fronte italiano. Ancora ai primi
di luglio, però, Latour approfittò dell’annunciata partenza di Bentinck
per l’Inghilterra per indirizzargli un ultimo appello, in cui vantava la
buona prova data dal 1° reggimento a Castalla e la fondata speranza che
anche il 2° [in ricostituzione in Spagna] e il 3° [in formazione a Palermo
con gli esuberi sardi] potessero comportarsi altrettanto bene. Le persone
di buon senso, sosteneva Latour, dicevano di mandarli in Italia: e invece
li mandavano ad Alicante, dove si tenevano inutilmente 8.000 uomini,
perduti in ogni caso per le febbri. Senza pensare che, se l’Italia restava
francese, avrebbe fornito nell’anno l’equivalente di 10 armate di Suchet.

Il ritorno dell’arciduca a Lissa e Fiume (luglio-novembre 1813)


Parte III - Le legioni anglo-italiane 257

Cominciando a percepire che gli ozi di Cagliari potevano costargli


l’estromissione dalla questione italiana, già nel marzo 1813 l’arciduca
aveva progettato di partire per Zante prima dell’estate. Il 27 maggio,
dopo aver incontrato Andreis e Gregg, reduci da Castalla e in quarantena
a Cagliari, scrisse a Latour che gli ufficiali della leva italiana erano
disgustati di essere impiegati in una guerra e in una forma ben diverse
dalle loro aspettative. Come risulta da una lettera del 26 giugno, la
partenza fu però decisa a seguito della notizia dell’armistizio tra
Napoleone e gli Alleati e della conferenza di pace, che faceva ritenere
imminente l’evacuazione della Spagna. La lettera menziona anche
Catinelli (aveva scritto dalla rada di Salou), Andreis (contava di andare a
Mahon alla prima occasione), De Grandi (sperava di ottenere a Palermo
il grado di capitano o almeno di primo tenente esibendo un attestato che
lo qualificava “ufficiale matematico” del reggimento Christ) e il barone
de Guenoens (intendeva andare in Catalogna per chiedere un posto di
capitano nella leva italiana).
Il 3 luglio il maggiore A’Court informava Latour che il Tremendous
(capitano Campbell) era diretto a Mahon per imbarcare l’arciduca e la
moglie: li compiangeva, data la notoria rozzezza di Patrick Campbell. Il
27 luglio l’arciduca comunicava da Zante al duca di Orléans di essere in
partenza per Cefalonia e di lì per Vienna, dove Metternich gli aveva
imposto di tornare, con l’intimazione di troncare i rapporti con i suoi
sostenitori italiani. La situazione mutò tuttavia radicalmente con la
ripresa delle ostilità in Germania, l’entrata in guerra dell’Austria (12
agosto) e la ritirata franco-italiana (30 settembre). Tornato a Lissa e
sbarcato poi a Fiume il 16 ottobre, il 6 novembre l’arciduca ragguagliava
Latour sulla vittoria di Lipsia, la capitolazione del castello di Trieste,
l’avanzata a Treviso, la presa delle Bocche di Cattaro da parte di
Brunazzi. Il maggiore Frizzi gli aveva portato le lettere scrittegli da
Latour il 9 agosto e 22 settembre da Tarragona e lo pregava di salutargli
Andreis e Leveroni.

E. Il corpo Nugent sulla destra del Po


(3 novembre 1813 – 17 aprile 1814)

Il piano di Nugent
Il 14 ottobre, da Palermo, il duca d’Orléans aveva affidato al capitano
di SMG siciliano Francesco Saverio Del Carretto, in partenza per la
Spagna, una lettera per Wellington in cui gli comunicava che Nugent era
Parte III - Le legioni anglo-italiane 258

in Croazia e intendeva fare “un salto preparatorio e combinato col


nostro” in Italia. L’accenno si riferisce chiaramente al progetto di uno
sbarco simultaneo da Fiume in Romagna e da Milazzo in Lunigiana, per
sollevare i due versanti degli Appennini, tagliare i collegamenti tra la
Lombardia e l’Italia centrale e agevolare l’aggiramento dell’Armée
d’Italie dalla destra del Po. L’idea di Nugent fu recepita a Palermo da
Catinelli, il quale – come diremo meglio nel prossimo paragrafo –
presentò il 7 novembre a Bentinck un piano per sbarcare in Toscana e
sollevare la Lunigiana col 3° reggimento della leva italiana. Lo sbarco
avvenne effettivamente il 10 dicembre, ma l’operazione si risolse in un
fiasco.
Favorito dal fatto di avere un grado più elevato di quello di Catinelli,
da una piena intesa con il comandante della forza navale inglese in
Adriatico, ammiraglio Thomas Freemantle, dal prestigio guadagnato con
la fulminea liberazione della Croazia e dell’Istria, dalla prossimità alle
linee di operazione dell’Armata austriaca d’Italia e dal mutamento di
fronte dell’Armata napoletana, Nugent riuscì invece a raggiungere tutti
gli obiettivi che si era prefissato, anche se le esitazioni di Hiller e poi di
Bellegarde, l’ambiguo atteggiamento di Murat, e la valorosa resistenza
dell’Armée d’Italie non consentirono di sfruttare fino in fondo le
opportunità che aveva aperto alle operazioni alleate.
Il piano di Nugent riprendeva quello già abbozzato il 27 novembre
1812 dall’agente a Lissa J. M. Johnson per prendere Comacchio, basata
su una ricognizione personale dei luoghi e delle forze nemiche. L’idea di
Johnson era però di una semplice dimostrazione tesa a mettere in
evidenza che l’Italia era sguarnita e il nemico vulnerabile, allo scopo
d’incoraggiare gl’italiani a insorgere. Quello di Nugent era invece un
vero e proprio piano strategico e operativo, funzionale allo sfondamento
della seconda linea di resistenza franco-italiana, al blocco di Venezia e
alla manovra aggirante da Occhiobello sulla destra del Po.
La debolezza del piano era di non tener conto alcuno dell’Armata
napoletana. Quello che in origine era un azzardo, si trasformò poi, col
passaggio di Murat nel campo alleato, in un fattore più ambiguo; da un
lato un vantaggio, perché la presenza delle forze napoletane dissuadeva
una controffensiva decisa delle forze franco-italiane; ma dall’altro lato di
freno, perché l’ordine di Bellegarde di cooperare a tutti i costi con un
alleato infido impedì a Nugent di sviluppare fino in fondo il suo disegno
strategico. Perciò si trovò spesso ai ferri corti con Murat: e non a caso fu
proprio a lui che Metternich commissionò la puntigliosa confutazione
(diffusa nel novembre 1814) del Mémoire historique sulla propria
condotta politica e militare dalla battaglia di Lipsia alla pace di Parigi
presentato da Murat al congresso di Vienna.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 259

La preparazione della spedizione (3-13 novembre 1813)


Dopo la liberazione dell’Istria, Nugent aveva concorso al blocco di
Trieste. A seguito della resa della città (29 ottobre), la sua brigata fu
assegnata di rinforzo all’ala sinistra dell’Armata austriaca; concertatosi
con Freemantle, il 3 novembre Nugent chiese al suo superiore, tenente
maresciallo Radivojevich, di autorizzarlo a sbarcare alle foci del Po,
riuscendo a convincerlo che 2.000 uomini in più sul fronte dell’Adige
sarebbero serviti a poco, mentre, impadronendosi dei punti di passaggio
del Po, avrebbero consentito all’ala sinistra austriaca di manovrare sulla
destra del Po in direzione di Piacenza, tagliando le comunicazioni del
nemico con l’Italia centrale e costringendolo a ritirarsi sul Ticino per
evitare l’aggiramento.
Tenuto conto della cattiva stagione e della mancanza – nella sponda
italiana dell’Alto Adriatico – di porti in grado di ricevere grosse navi,
Freemantle e Nugent scelsero come punto di sbarco la baia di Goro,
protetta dalla bora anche se esposta allo scirocco. Freemantle distaccò
per l’operazione il commodoro Charles Rowley col suo vascello Eagle e
col Tremendous di Campbell [quello che aveva portato l’arciduca in
Adriatico], più il brick Wizard (capitano Moresby), la bombarda N. 8, 3
cannoniere austriache e 29 trasporti requisiti a Trieste e nei porti vicini.
Non potendo tenere nascosti i preparativi, si cercò d’ingannare il nemico
sulla destinazione della spedizione, spargendo la voce che fosse diretta a
Venezia, mentre con acquisti di carte della Dalmazia e piani delle sue
piazzeforti, si cercò di far credere che il vero obiettivo segreto fosse
Zara.
La notte del 9-10 novembre furono imbarcati 13 compagnie (2.060) di
confinari croati (GR N. 5 Warasdiner Kreuzer) e fanti ungheresi (IR N.
52 Herzherzog Franz Carl), il battaglione anglo-svizzero di Lissa (600)
comandato da Robertson, mezzo squadrone di ussari (73) e 41 artiglieri
con 14 cavalli e 12 pezzi (6 austriaci e 6 inglesi, inclusi 2 da montagna),
molte munizioni, attrezzi e putrelle e 16 giornate di viveri. Al mattino
l’Elizabeth (capitano Power) e 4 trabaccoli salparono con a bordo il
capitano Zuccheri, addetto allo SM del QMG, e 1 compagnia di croati,
incaricati di effettuare una diversione alle foci del Sile e del Piave.
Rowley salpò invece a mezzanotte, sfilando lungo la costa meridionale
dell’Istria per confondere le spie francesi. Al mattino dell’11 volse però
la prora, e il 12 giunse in vista della costa italiana. La sera ci si preparò
per lo sbarco, ma la bora levatasi durante la notte spinse la flottiglia fino
a Rimini. I marinai inglesi riuscirono a tenere unita la flottiglia (sia pure
con la perdita di 2 trasporti, uno affondato e uno, con 143 croati,
Parte III - Le legioni anglo-italiane 260

disperso), anche se Rowley dovette gettare l’ancora in mare aperto per


evitare lo schianto dei vascelli sulla costa. La bora aveva però favorito la
diversione di Zuccheri, che il mattino del 13 prese i forti di Cortellazzo
(70 uomini e 4 pezzi) e del Cavallino. Il mattino del 14 il vento si calmò
e a sera Rowley poté gettare l’ancora a 3 km da terra.

Lo sbarco a Goro e l’avanzata su Ferrara e Rovigo (15-20 novembre)


All’alba del 15 il capitano Birnstiel sbarcò con 2 compagnie croate e 1
ungherese e prese il Forte di Volano (3 ufficiali e 93 uomini). Mentre il
nemico ripiegava dal Bosco Grande su Mesola, Birnstiel prese senza
colpo ferire i Forti di Gorino, di Goro (armato con III-36 e I-3) e della
Gnocca (II-24, I-3 e 41 uomini). Intanto Nugent sbarcava la riserva, e il
capitano D’Aspre e Robertson, prese l’Opera e la Torre di Volano e 1
scialuppa cannoniera, si irradiavano a O su Pomposa e a S su Comacchio
e Magnavacca.
Il 16, mentre Nugent fortificava Volano, Birnstiel si spinse a NO
occupando Mesola, Ariano e l’isola di Papozze, dove, rimontando il Po
di Goro, arrivarono le 3 cannoniere austriache, quella presa a Volano
(con equipaggio inglese) e qualche trasporto con attrezzi da zappatore
per sbarrare la strada da Ferrara. A O, il maggiore Wittman avanzò da
Pomposa a Codigoro col battaglione ungherese, mentre a S, occupate
Magnavacca e Comacchio evacuate dal nemico, i croati si attestarono a
S delle Valli, con due teste di ponte in prima linea verso Ravenna sulla
destra del Lamone, e due in seconda sulla destra del Po di Primaro (a
Sant’Alberto e verso la foce del Reno). In due giorni le foci del Po erano
in mano a Nugent, e il nemico si era ritirato in opposte direzioni, dopo
aver perduto 11 opere, 18 bocche da fuoco e almeno 200 prigionieri.
Avvisato dello sbarco la notte del 16-17, il principe Eugenio distaccò
il maggiore Merdier con 2 battaglioni (42e de ligne e V/1er étranger), 50
cavalli e 4 cannoni per coprire o riprendere Ferrara. La città, evacuata
dal presidio (500 italiani), fu però occupata la sera del 18, e Birnstiel si
spinse fino all’importante nodo fluviale di Pontelagoscuro, catturando un
convoglio di viveri per Venezia. Il 19, raggiunto a Ferrara dagli
ungheresi, Nugent spiccò partite a O (su Bondeno) e a SE (a Malalbergo
e Traghetto sul Reno), per collegarsi coi croati attestati sul Lamone, e
una colonna volante a sequestrare le merci dirette via Po a Venezia, e,
passato il Po, a sera entrò a Rovigo, già evacuata dai francesi, dove il 20
si collegò con la Divisione Rebrovich, mandatagli incontro da Hiller e
proveniente da Cavarzere. Intanto Birnstiel, con 82 fanti e 10 ussari,
prese il posto di Badia Polesine difeso da 125 fanti e 60 cacciatori
Parte III - Le legioni anglo-italiane 261

francesi, catturando 3 ufficiali e 50 uomini, e aprendo le comunicazioni


con gli austriaci.

La fallita controffensiva franco-italiana (23 novembre – 3 dicembre)


Nugent continuava a stupirsi della facilità con cui stava affondando il
coltello nel burro. Non conosceva infatti il suo avversario, il generale
italiano Domenico Pino, un ambizioso che preferiva l’intrigo politico
all’assunzione di rischi e responsabilità. Resosi finalmente conto di aver
sottovalutato la pericolosità delle operazioni di Nugent, il 23 il viceré
ordinò al generale di brigata Vincent Martel de Conchy di marciare
dall’Adige su Ferrara con 1.200 fanti francesi e 200 cacciatori a cavallo
italiani (del 3° reggimento). Mentre Conchy avanzava da Trecenta, Pino
ordinò alle truppe italiane di Ravenna di attaccare Comacchio per
tagliare le comunicazioni di Nugent col mare. Il 24, 500 italiani
attaccarono il Forte di Magnavacca, difeso da 800 inglesi e croati: altri
250, entrati a Comacchio, furono messi in fuga dagli abitanti, mentre
l’intervento del Wizard salvò il forte facendo ritirare gli italiani. Il 25
Nugent era a Ferrara con 1.000 uomini, mentre l’arciduca Massimiliano
teneva Pontelagoscuro con 3 compagnie e 2 pezzi; il resto assicurava,
lungo il Reno, le comunicazioni con Rowley, attestato a Volano.
Il 26 Pino e Merdier sloggiarono gli avamposti e attaccarono Porta
Reno; la difendeva Robertson, che, smascherati i pezzi, inchiodò
l’attacco a 50 passi dalle mura della città. Fallì anche un secondo attacco
notturno, ma intanto l’arciduca vide sfilargli davanti Conchy diretto a
Polesella, sul Po a valle di Ferrara, mentre Rowley comunicò che una
colonna di 1.800 italiani (colonnello Scotti) era in marcia da Ravenna su
Comacchio. Temendo di essere tagliato fuori, Nugent evacuò nottetempo
Ferrara (occupata il 27 da Pino e Merdier) e si ritirò a Finale di Rero sul
Po di Volano, mentre l’arciduca, sulla sinistra del Po, si attestò a
Crespino.
Fortunatamente per gli austriaci, Pino rimase inattivo a Ferrara e
Conchy si avvicinò tanto lentamente a Rovigo da dare il tempo agli
austriaci di spiccarvi un battaglione, e il 29 si ritirò nuovamente su
Trecenta (presso la piazza di Legnago). Ricevuti rinforzi, il 3 dicembre
Conchy prese Rovigo infliggendo al nemico 611 perdite contro 48, ma
stupidamente si ritirò di nuovo. Secondo Maurice Weil (III, 162-3), la
mancata rioccupazione di Rovigo ebbe conseguenze incalcolabili per la
campagna; impedì infatti di sbloccare Venezia e di costringere Nugent al
reimbarco, e, soprattutto, incoraggiò Murat a proseguire la sua marcia su
Ancona e il suo progetto di defezione da Napoleone.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 262

La controffensiva di Nugent e il proclama di Ravenna (6-10 dicembre)


Intanto Nugent aveva ristabilito le comunicazioni con l’Armata per
Mesola, e, ricevuti rinforzi, il 6 dicembre attaccò con 2.000 uomini la
linea nemica alle foci del Reno, mentre Moresby, attraversata la laguna
di Comacchio, sbarcava a S. Alberto. Diretti personalmente da Rowley, i
marinai inglesi misero a terra alcuni battelli e, sotto il fuoco nemico,
improvvisarono un ponte di barche consentendo il passaggio del Primaro
all’avanguardia di Nugent (comandata dal valoroso tenente colonnello
degli ussari barone Mathias von Gavenda). Il nemico dovette ritirarsi di
nuovo a Ravenna, e Rowley consolidò il ponte e il Forte. Sfruttando il
successo, il 7 Nugent proseguì su Ravenna, catturando 200 prigionieri ed
entrando in città, già evacuata da Scotti, che divise le sue forze tra
Cervia e Forlì. Restavano, sul fianco meridionale di Nugent, le forze
napoletane in arrivo ad Ancona. E in effetti il comandante della piazza,
Barbou, ne richiese l’intervento su Rimini, ma il generale d’Ambrosio
rispose di non potersi muovere senza ordine del suo sovrano.
L’8 dicembre l’arciduca Massimiliano s’imbarcò per Trieste, e il 10
Nugent lanciò da Ravenna un proclama in cui spiegava agli italiani che
le armi alleate erano «venute a liberar(l)i interamente»; era loro offerto
«un nuovo ordine di cose, destinato a riprodurre la (loro) felicità». Essi
dovevano «divenire una nazione indipendente», «un nuovo Regno
indipendente d’Italia». Il proclama dichiarava aboliti la coscrizione e le
tasse di successione e degli atti e contratti, la carta bollata e i diritti
erariali d’importazione ed esportazione, mente le imposte di consumo
erano ridotte di un terzo. Intanto il conte Carlo Comelli von Stuckenfeld,
di Gradisca, indirizzava, a nome dei “capi congiurati di Francia e
d’Italia” e dei “malcontenti”, un appello al governo inglese in appoggio
all’idea di offrire il “trono dei Cesari” a Casa Savoia.

Il corpo franco italiano (Mistruzzi) e il corpo franco Finetti


Ben consapevole dell’esiguità delle sue forze, già il 16 novembre
Nugent aveva chiesto l’invio del “corpo franco italiano” (Italienische
Freikorps) formato a Trieste dal capitano Mistruzzi, che il 10 dicembre
guarniva le opere costiere. I partigiani comacchiesi formarono inoltre il
“corpo franco Finetti”, operante a Traghetto e Molinella per minacciare
le comunicazioni tra Bologna e Ferrara, e in particolare il nodo di
Malalbergo. Respinti a Longastrino [a SO delle Valli di Comacchio] a
fine novembre dalla colonna Armandi, i romagnoli continuarono ad
attaccare i capisaldi attorno a Bologna, tanto che il 9 dicembre, non
Parte III - Le legioni anglo-italiane 263

appena arrivate in città le truppe murattiane, il generale Fontane,


credendole ancora alleate, chiese loro di riaprire le comunicazioni con la
Romagna. [centotrent’anni dopo, operò nella stessa area la 28a Brigata
Garibaldi “Mario Gordini” comandata da Arrigo Boldrini “Bülow”; e il
disegnatore Hugo Pratt vi ambientò poi una delle storie del “tenente
Koinski”].

I cacciatori franchi italiani e gl’insorgenti dell’Appennino


Intanto, il 10 dicembre, l’Hofkriegsrath ordinava al nuovo comandante
dell’Armata d’Italia, maresciallo Bellegarde, di favorire la costituzione
di 2 battaglioni di cacciatori franchi italiani, alla cui testa s’intendeva
porre il colonnello Schneider del 2° battaglione cacciatori austriaco.
Reclutato non fra i partigiani ma fra i disertori e i prigionieri
dell’esercito italiano e comandato da Mistruzzi, il 1° battaglione italiano
fu costituito a Ravenna (dove rimase di guarnigione) su 18 ufficiali, 67
sottufficiali e caporali, 12 tamburi e 509 volontari [Kriegsarchiv, XII,
100a]. Il 20 dicembre, da Comacchio, Nugent sollecitava la costituzione
di due compagnie franche italiane anche a Ferrara.
Il 25 dicembre un centinaio d’insorgenti protessero il fianco sinistro
dell’avanguardia di Nugent in marcia su Forlì, portandosi poi verso
Forlimpopoli, mentre altri sbarrarono la via Emilia all’altezza della
Casuca. Il giorno dopo il posto di blocco romagnolo costrinse i resti
della colonna Armandi che da Forlì volevano ritirarsi ad Imola, a deviare
in territorio toscano (Terra del Sole). Qui si trovavano altri 5-600 insorti
toscani: nella lettera del 22 dicembre al ministro Clarke, la granduchessa
Elisa diceva che s’erano già impadroniti di parecchi grandi comuni della
Valdarno e premevano verso Modigliana [17 km a Sud di Faenza, la
zona dove operò, centotrent’anni dopo, la Banda Corbari].
Queste forze non vanno confuse col corpo franco Finetti, che era
regolarmente inquadrato nel corpo Nugent e il 30 dicembre entrò ad
Argenta insieme a 2 compagnie austriache (maggiore Wittmann). Il 31
Modigliana fu attaccata dalla banda Mariani, che mise in rotta il presidio
(60 guardie prefettizie e 60 finanzieri italiani e 30 reclute francesi del
deposito del 53e de ligne), catturandone un terzo. A Cesenatico 1
ufficiale e 37 cannonieri litorali passarono al servizio austriaco. Il 4
gennaio furono spiccate da Firenze 4 colonne mobili [incluso il 3e Bon
étranger accorso da Livorno] costringendo gl’insorti toscani ad evacuare
Modigliana e a rifugiarsi a Forlì.

Le unità austro-italiane nella campagna del 1814


Parte III - Le legioni anglo-italiane 264

Con proclama dell’8 gennaio 1814 da Udine, il governatore civile e


militare del Veneto, Feldzeugmeister principe Henri XV di Reuss
Plauern, esortava gl’italiani ad arruolarsi nelle Legioni di volontari
italiani. Con altro proclama del 14 da Ravenna, Nugent mutò il nome
della commissione insediata due settimane prima in quello di Reggenza
Italiana Indipendente. Il 20 gennaio Wittmann fu inviato a Ferrara, da
dove distaccò Finetti davanti a Traghetto: il 23, spintosi sulla destra del
Po Grande, staccò una compagnia in avamposto davanti alle Papozze e a
Crespino. Al 31 gennaio il corpo franco Finetti era a Castel San
Giovanni e il Mistruzzi con 3 compagnie a Ravenna e 1 Forlì. Il corpo
Nugent includeva anche 2 battaglioni “inglesi” (croato e italiano), uno a
Cesenatico e Ravenna e uno in marcia verso Bologna, nonché 5
compagnie (Lazarich) di landwehr istriana (sloveni) a Comacchio.
L’11 febbraio Nugent iniziò la marcia su Parma. Della colonna faceva
parte una “legione italiana” di 4 compagnie (il 1° battaglione Mistruzzi),
mentre Finetti rimase nel Bolognese [il 13 il sindaco di Molinella
denunciava al prefetto di Bologna. allora occupata dai murattiani, alleati
dell’Austria, i soprusi inflitti alla popolazione dal corpo Finetti.] Il 14, a
Parma, Nugent ricevette l’ordine di organizzare 3 battaglioni franchi di
prigionieri e disertori italiani. Intanto si spingevano distaccamenti
austriaci in Lunigiana e già il 22 quello di Pontremoli segnalava 400
contadini in armi presso Cerri e Rocca. Il 1° marzo, a Guastalla, 200
uomini del Mistruzzi opposero dura resistenza alla colonna Villata (5° di
linea italiano, con cavalleria e 2 pezzi), ripiegando poi a Reggio dopo
aver perduto 98 prigionieri (inclusi 3 ufficiali). Il 5 marzo il corpo franco
era sulla Secchia presso Sorbara; il 9 rioccupò San Benedetto. Infine il 3
aprile il corpo Finetti fu sciolto e incorporato a Sant’Ilario d’Enza nel
battaglione Mistruzzi. Questo rimase a Piacenza fino al 5 maggio e fu
“reduzirt” nel 1815.
L’11 aprile gli austriaci formarono inoltre a Parma una “compagnia
piemontese” di disertori e prigionieri dell’esercito francese. Trasferita a
Voghera, la compagnia fu ampliata e riorganizzata come 1° battaglione
italiano al comando del conte Emilio Robert, e il 1° maggio passò al
servizio sardo col nome di 1° reggimento di fanteria.

F. L’incursione di Catinelli in Toscana


(7 novembre-15 dicembre 1813)
Parte III - Le legioni anglo-italiane 265

Il progetto insurrezionale di Catinelli (7 novembre)


La funzione dei partigiani era in realtà ancor più rilevante, se si pensa
al progetto presentato il 7 novembre da Catinelli e approvato da Lord
Bentinck, di sbarcare con 1.000 uomini dell’Italian Levy a Viareggio, far
insorgere Lucca e Pontremoli, far disertare i due reggimenti croati e il
battaglione straniero dislocati in Toscana e sfruttare le masse di disertori
e renitenti per accendere fuochi di guerriglia in Garfagnana e minacciare
le province limitrofe e le retrovie dell’Armée d’Italie.
Il piano prevedeva di installarsi nell’alta valle del Serchio e riunirvi gli
insorti delle valli di Chiavari (Fontanabuona) e Pontremoli, della Secchia
e del Taro: «ces vallées, aussi fortes et aussi inaccessibles que celles de
la Catalogne et du Tyrol, sont habitées par des gens de la trempe des
Catalans et des Tyroliens, et fourmillent de conscrits et des déserteurs
qui, à la première apparition de nos troupes, s’attacheront à nous et il n’y
aura de conscription ni en Toscane, ni dans le Modenais ni dans le
Parmesan. Maître des Apennins à l’endroit où la Peninsule italienne
s’attache à la Lombardie, je me tiendrai comme à cheval sur ces
montagnes, maneuvrant tantôt dans la vallée du Po sur Parme et
Modène, tantôt le long dela rivière de Gênes, tantôt dans celle de l’Arno
sur Pise, Pistoia et Florence». Catinelli chiedeva solo il 3° reggimento
delle leve italiane ancora in formazione a Palermo, poco denaro e poche
munizioni, contando sulla diserzione delle forze francesi in Toscana,
composte in gran parte di croati.
Weil interpreta il documento (PRO, WO, V, 481) come un’autonoma
iniziativa di Catinelli: in effetti il piano non accenna a collegamenti con
operazioni sul versante romagnolo dell’Appennino, né a Palermo poteva
essere ancora giunta notizia dei successi austriaci e tanto meno della
spedizione in Romagna che si stava allora allestendo a Trieste. Furono
però proprio le notizie arrivate in seguito a convincere Bentinck ad
autorizzare l’operazione. Il 19 mise per iscritto le istruzioni già date
verbalmente il 18 a Catinelli: i soldati dovevano essere informati dello
scopo della missione solo dopo l’imbarco. «Son objet (était) d’arborer
sur la côte occidentale d’Italie l’étendard italien», attorno al quale si
dovevano riunire tutti i patrioti civili e militari che volevano contribuire
ad effettuare la librazione ed indipendenza dell’Italia. Considerati i rischi
di una spedizione con forze tanto esigue, Bentinck preferiva che fosse
tentata da soli volontari, lasciando a bordo chi non se la sentiva. Il 25
novembre Bentinck ne informò Bathurst, il 27 conferì ufficialmente
l’incarico a Catinelli, e il 29 dette ordine al 3° italiano di prepararsi
all’imbarco.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 266

Comandato da Ciravegna (promosso tenente colonnello il 21 giugno) e


dal maggiore Luigi Dell’Oste di Pisa, il reggimento contava ancora solo
900 uomini, inclusi i 600 esuberi ceduti in marzo dalle truppe sarde: fu
perciò rinforzato da un reparto del 1° (pare 2 compagnie di romagnoli),
portando la forza a oltre 1.000. Catinelli ricevette inoltre 2 pezzi da sei
libbre con munizioni e 50.000 franchi, più il materiale per l’armamento
degl’insorti, da lasciare in deposito a Ponza. La forza navale, comandata
da Josias Rowley, era composta dai vascelli da 74 America (Rowley) ed
Edinbourg (G. H. L. Dundas), dalle fregate Furieuse (William Mounsey)
e Mermaid (David Dunn) da 32 e dal brick da 18 Termagant (John
Lampen Manley).

Lo sbarco e il combattimento di Viareggio (10-12 dicembre 1813)


Salpati da Palermo il 29, il 30 l’America e il Termagant gettarono
l’ancora davanti a Milazzo, dove furono raggiunti dalle altre unità con a
bordo le truppe. Il 1° dicembre Rowley fece vela sulla Toscana; il 7 si
unirono alla forza il vascello da 74 Armada (Charles Grant) e la fregata
da 38 Impérieuse (Henry Duncan), incontrati lungo la rotta, e nel primo
pomeriggio del 9 gettarono l’ancora a 2 miglia da Viareggio. Il mattino
del 10 trenta scialuppe sbarcarono gli italiani: una dell’America affondò
e annegarono il TV Moody e 2 marinai. Il fortino (armato con II-18 e I-
12) si arrese nel pomeriggio. Intanto, allarmata dalla notizia che una
squadra inglese era comparsa davanti alla costa, e temendo un attacco
degl’insorti dell’Appennino sulla capitale, la granduchessa Elisa aveva
deciso di abbandonare Firenze e ritirarsi a Lucca. Catinelli però la
precedette: requisiti cavalli per il trasporto dei pezzi, in due ore era
davanti a Lucca, e a mezzanotte, con un paio di cannonate, aperse la
porta, occupando 3 bastioni. L’11 Rowley prese e fece saltare un fortino
a N di Viareggio, ed Elisa ordinò allora al generale Pouchin, comandante
la 29e Division Militaire di Firenze, di riunire tutte le truppe a Pisa.
Informato del movimento, e deluso e preoccupato dalla freddezza dei
lucchesi e dal loro rifiuto di ricevere le casse di fucili offerte dagli
inglesi, la sera Catinelli evacuò la città per non restare tagliato fuori da
Viareggio, e decise di prendere il forte di Avenza con un attacco da terra
sostenuto da Rowley, e coperto da una diversione di un vascello su
Lerici, all’ingresso del golfo della Spezia.
Perduti per strada 50 disertori, a mezzogiorno del 12 Catinelli arrivò a
Viareggio, con l’intenzione di risalire la valle della Magra verso Sarzana
e l’Appennino. Appreso però che Pouchin stava marciando in forze da
Pisa, dovette rinunciare al progetto e si trincerò a difesa del villaggio.
L’attacco francese scattò alle 4 del pomeriggio: i volteggiatori del 3e
Parte III - Le legioni anglo-italiane 267

Bataillon étranger presero il villaggio, e avevano già passato il ponte,


quando i coscritti toscani del 112e de ligne ripiegarono in preda al
panico, costringendo Pouchin a richiamare i volteggiatori dietro il
Serchio e abbandonare 200 prigionieri e i 2 cannoni messi in batteria
davanti Viareggio, i cui conduttori (civili requisiti) erano fuggiti coi loro
attiragli.

Il combattimento di Livorno (13-14 dicembre 1813)


Appreso dai prigionieri che Livorno era quasi del tutto sguarnita,
Catinelli propose a Rowley di aggirare la colonna in ritirata dal mare,
imbarcando le truppe su scialuppe e barche requisite, rimorchiandole con
le navi e sbarcando a N di Livorno per impedire al nemico di rientrare in
città. Alle tre di notte del 13, dopo una ricognizione dell’Impérieuse, le
truppe sbarcarono a Calambrone [3 km a N di Livorno], sotto il tiro
inefficace della Torre. Un’unità inglese di passaggio [la fregata da 28
Rainbow, ex-francese Iris, capitano Gawen William Hamilton] si
aggiunse di propria iniziativa: il capitano Dundas prese il comando delle
compagnie da sbarco delle otto navi, e a sera, con parte dei volontari,
occupò i sobborghi di Livorno. In città erano rimasti solo pochi veterani,
guardacoste, doganieri, gendarmi e una compagnia di impiegati civili
armati, ma in compenso erano arrivati da Portoferraio i brick Alacrity
(CF Mackao) e Adonis (TV Lebors), col capobattaglione Armand
Dubois-Aymée [già autore di rastrellamenti nell’Appennino Parmense e
nell’Alessandrino], portando i difensori a circa 500.
Una ricognizione constatò che i rampari, troppo alti, larghi e protetti
da fossati per essere scalati, erano dominati d’infilata da alcune case del
sobborgo. Collocati i marinai in osservazione sulla strada da Pisa con
uno dei due pezzi, e 3 compagnie del 3° nelle case dominanti le porte di
Livorno, il resto delle truppe formò la riserva, con l’altro pezzo da sei. Il
piano era di dare l’assalto notturno alle porte con i petardi, coprendolo
con una diversione dal mare sul porto e col lancio di razzi alla Congrève
sull’abitato: il maltempo impedì tuttavia di sbarcare le munizioni
necessarie. All’alba del 14 iniziò lo scambio di fucilate tra i difensori e i
volontari annidati sui tetti e nei piani superiori delle case dominanti:
l’artiglieria della piazza ripose finché i serventi non furono eliminati dai
cecchini.
Un gendarme toscano, offertosi di passare le linee nemiche, riuscì a
raggiungere Pisa e ad avvisare Pouchin prima di morire per le gravi
ferite ricevute all’atto della sortita. Alle dieci, la colonna Pouchin sboccò
dalla strada di Pisa attaccando i marinai di Dundas, appostati ad un km
fuori città nel cimitero di S. Antonio. Anche stavolta i coscritti del 112e
Parte III - Le legioni anglo-italiane 268

rifiutarono di combattere gettandosi a terra alle prime scariche. Il 3e


étranger tenne finché non cadde ucciso il comandante, capobattaglione
Salles: allora ripiegarono essi pure, e 50 ne approfittarono per disertare. I
marinai e il reparto del 1° italiano li inseguirono alla baionetta: 40 ussari
(toscani) del 13e régiment tentarono di fermarli, ma una scarica dei
marinai dell’America ne abbatté 14 (o 7?) mentre passavano, e tutti gli
altri (tranne un ufficiale) furono poi colpiti alle spalle.

Il reimbarco del corpo Catinelli (15 dicembre 1813)


La rotta della colonna di soccorso faceva credere che Livorno avrebbe
capitolato: invece il comandante della piazza, colonnello Dupré, respinse
l’intimazione di resa, e il consiglio di difesa avvisò il sindaco che stava
per ordinare di incendiare e far saltare le case del sobborgo. Spinse così
le autorità municipali ad inviare una delegazione, ricevuta da Rowley a
bordo dell’America per convincerlo a desistere dall’attacco, sostenendo
che sarebbe stato contrario agli usi di guerra, e di nessun vantaggio per
gl’inglesi, provocare la distruzione del sobborgo, abitato da 15-20.000
persone inermi. Il commodoro promise di adoperarsi per ottenere un
cessate il fuoco: uomo della blue–water school e fin dall’inizio scettico
sull’efficacia della guerriglia anfibia, convinse Catinelli a desistere,
perché il mare grosso non consentiva di trattenersi più a lungo davanti a
Livorno ed era ormai evidente che la città non sarebbe insorta e che non
era più possibile passare l’Arno e raggiungere gli Appennini. Al mattino
del 15 il reimbarco era completato, anche se le navi si trattennero in rada
fino alla sera del 16. Dopo aver fatto vela a N per far credere al nemico
di voler proseguire l’azione sulla Spezia, Rowley virò di bordo per la
Sicilia. Dai ruoli risulta che sotto Livorno furono feriti il capitano Joseph
Oberhauser e il tenente Giuseppe Cella, di Piacenza, ma i rapporti di
Dundas, Rowley e Catinelli non danno indicazioni sulle perdite subite
dall’Italian levy: quelle francesi furono di 44 morti, 76 feriti e 100
disertori del 3e étranger (in maggioranza passati al nemico). Viceversa
un certo numero di disertori “francesi” e italiani arruolati a forza da
Catinelli, disertò e chiese di rientrare nei ranghi. Il 28 dicembre il
principe Felice Baciocchi incorporò i “francesi” nel 112e e mandò
gl’italiani a Bologna, mettendo a disposizione de1 generale Carlo
Filangieri i pochi napoletani che figuravano nel gruppo.

G. La Royal Piedmontese Legion


e l’Italian Levy nella campagna del 1814
Parte III - Le legioni anglo-italiane 269

La quarta leva in Inghilterra e la legione reale anglo-piemontese


In una lettera del 17 agosto 1813 da Palermo, Dalrymple informava
Latour sullo stato dei reclutamenti per la leva italiana: Malta era «out of
question» per via della peste e della quarantena; Lissa andava meglio,
ma il suo vecchio amico Robertson era «by for the most disorganizing
Genius you ever met with», mentre la compagnia croata era solo un
mucchio di banditi, tanto che si era deciso di lasciarla di guarnigione a
Lissa. Dopo la ritirata da Ordal, Burke aveva lasciato il comando del 1°
reggimento per reclutare a Portsmouth altri prigionieri italiani. Il 9
gennaio 1814 segnalava al War Office che altri 700 (oltre al migliaio già
reclutati) erano «ready to volunteer». Era la «quarta» leva del genere, ed
era destinata in Sicilia per completare il 2° e il 3° reggimento, mentre il
1° era già sopra organico, con 1.400 effettivi. Tuttavia il reclutamento
per la leva italiana fu limitato dalla concorrente iniziativa del governo
sardo di prendere al proprio servizio i prigionieri piemontesi (18 dei
quali, incorporati “nel 8 Battaglione del 60 Reg.to delli Cacciatori”, cioè
del 60th Royal American!, avevano indirizzato una supplica al re di
Sardegna).
Inizialmente Vittorio Emanuele aveva fatto chiedere dal suo ministro a
Londra, conte di Front, un contributo inglese di un milione e mezzo di
lire piemontesi per reclutare e mantenere per un anno un reggimento di
2.500 fanti e uno di 400 cavalli. In seguito al rifiuto di Londra, il 7
ottobre 1813 il nuovo rappresentante diplomatico (l’incaricato d’affari
conte Cesare Ambrogio Saint Martin d’Aglié) presentò un projet de
convention che, enfatizzando la secolare alleanza tra la Casa di Savoia e
l’Inghilterra, prevedeva la creazione da parte inglese di una Legion
Royale Piémontaise organizzata «en manière nationale» e destinata a
combattere agli ordini di generali inglesi nell’«Italie supérieure», allo
scopo di liberare non solo il Piemonte (definito «la Citadelle de l’Italie»)
«mais de tout le reste de l’Italie» e di favorire il ritorno del re negli stati
di Terraferma. Vittorio Emanuele avrebbe però preso al suo servizio la
legione solo quando sarebbe stato in grado di poterla pagare.
La bozza britannica, datata 27 dicembre 1813, prevedeva la creazione
di un corpo di ufficiali e soldati piemontesi, con l’aggiunta dei necessari
ufficiali britannici. Il corpo, equipaggiato e pagato dall’Inghilterra, era
destinato nel Mediterraneo, ma con facoltà di essere impiegato anche
fuori della Sicilia e in ogni parte del mondo, pur se di preferenza in
appoggio ad un’insurrezione generale in Piemonte; il re doveva inoltre
impegnarsi a prendere a suo carico la legione non appena rientrato nei
suoi stati di Terraferma. Gl’inglesi gli offrivano inoltre di partecipare
Parte III - Le legioni anglo-italiane 270

con un proprio contingente al corpo d’armata destinato ad operare “nella


riviera di Genova e alle frontiere del Piemonte”, con “gli onori della
felice condotta delle operazioni”. La bozza, tradotta in francese, fu
comunicata a d’Aglié il 30 dicembre. Il 7 gennaio 1814 William
Hamilton riferiva a Castlereagh che la Sardegna aveva offerto di levare
“pochi” reggimenti al servizio e al soldo inglese, con gli stessi principi
adottati per la “leva d’Orange”. Enfatizzando il desiderio dei prigionieri
di combattere per la liberazione del Piemonte e per il loro re, e i meriti
dell’Armata sarda, “una delle più antiche d’Europa”, che per cinque anni
aveva ritardato l’invasione francese dell’Italia, il memorandum d’Aglié
del 15 gennaio chiedeva di lasciare al re di Sardegna la nomina degli
ufficiali e la decisione sull’impiego della legione. La convenzione,
firmata il 3 febbraio da Bathurst e d’Aglié, previde infine un corpo di
3.000 uomini, da completare, in mancanza di un numero sufficiente di
piemontesi, con prigionieri di altre regioni dell’Italia settentrionale.
Il corpo, organizzato sul piede dell’antica Armata Piemontese a spese
dell’Inghilterra, con tre mesi di paga anticipata, doveva essere impiegato
esclusivamente nel Mediterraneo e, per quanto possibile, nel modo più
utile agli interessi del re di Sardegna. Quest’ultimo si impegnava a
prenderlo a suo carico dal momento dello sbarco in Sardegna o in altro
punto di suo gradimento: qualora le circostanze non glielo avessero
consentito, la legione avrebbe continuato a servire come corpo estero al
servizio inglese. Seguì in marzo un memorandum anglo-sardo sui
dettagli organizzativi, che prevedeva il concentramento di 2.500
prigionieri piemontesi a Colchester, la formazione di battaglioni di 600
uomini con giacca blu a mostre rosse e bottoni gialli e l’attribuzione agli
ufficiali di un premio di 20 sterline per l’equipaggiamento e di una
gratifica pari alla differenza tra la paga piemontese e quella prevista per i
corrispondenti gradi inglesi.

L’armistizio anglo-napoletano e l’accordo di cooperazione


Come si vede, già nel dicembre 1813 il governo britannico intendeva
impiegare il corpo anglo-siciliano in Liguria, il che implicava una stretta
cooperazione con l’Austria e con Napoli. Bentinck si opponeva però
strenuamente al riconoscimento politico del “maresciallo Murat”, che
contrastava col suo progetto d’indurre Francesco di Borbone a cedere la
Sicilia all’Inghilterra in cambio della restaurazione sul trono di Napoli, e
cercò di mutare in extremis la destinazione del corpo anglo-siculo. L’8
gennaio, da Palermo, comunicava infatti a Bathurst di aver concentrato
6.000 inglesi e 5.000 siciliani, con 400 cavalli e 18 cannoni, per sbarcare
in Corsica e farla insorgere: un piano concordato con Neipperg, ma che
Parte III - Le legioni anglo-italiane 271

fu bloccato dalle vincolanti istruzioni del suo governo di concludere la


pace con Napoli. Forzando ancora una volta il suo mandato, Bentinck
riuscì ad imporre a Murat un semplice armistizio, firmato a Napoli il 3
febbraio; e inoltre a dettare le sue condizioni per la cooperazione
militare contro l’Armée d’Italie che resisteva agli austriaci tra il Mincio
e il Po. Il piano limitava l’azione delle truppe napoletane alla destra del
Po (fino a Piacenza e Alessandria) e riservava alle forze inglesi la costa
tirrenica da Livorno a Genova. Incaricato da Bentinck di trattare con
Murat la questione della linea di demarcazione anglo-napoletana,
Catinelli era a Bologna l’11 febbraio, ma il re lo ricevette solo il 17,
dopo aver già spontaneamente accettato di modificare il suo piano
d’operazioni.

Il corpo d’armata anglo–siciliano per la Toscana e la Liguria


Intanto si allestiva in Sicilia il “corpo d’armata anglo-siciliano”, forte
di 14.656 combattenti, di cui oltre 5.000 borbonici (4.500 dell’esercito
siciliano e 618 calabresi al soldo inglese), 4.700 inglesi, 3.000 tedeschi,
1.200 anglo-italiani e 300 greco–albanesi.

Tab. 2 –Corpo d’armata anglo-siciliano 15 febbraio 1814 (Weil)


Componenti 1st Division 2nd Division Tr. Inglesi in Sicilia
Comandanti Lord Bentinck Ltn Gen McFarlane
Brigadieri M. G. Montrésor M. G. Carnet
M. G. Hornstedt M. G. Gosselin
Brig. sic. Roth
Ufficiali 345 244 164
Impiegati e cadetti 53 - -
SU e Tamburi 568 543 180+92
Soldati 7.558 5.347 4.200
Ordinanze non comb. 262 49 n.d.
Totale 8.786 6.183 4.636
Donne 249 196 n.d.
Cavalli e muli 624 353 n.d.
Truppe inglesi: 1/21st e 1/63rd Foot 14th e 31st Foot 20th Light Dragoons
battaglioni 3rd, 6th, 8th KGL 35th e 75th Foot
rd
3 Italian Levy 7th King’s German Leg.
1st Greek Light Infantry
Distaccamenti Greek Light Inf. Resto dell’8th KGL Italian Levies
Calabrese Free C. Art. Italian Levy Royal Artillery
1st Italian Levy Royal Engineers
R. Artillery Staff Corps
Truppe siciliane 2° Estero (C. Mari) Guardie Siciliane -
1 sq. 2° cavalleria 3° Estero (del Conte)
4° Estero (Catalano)
2 sq 2° Cavalleria
Brigata Artiglieria
Cp Pionieri
Parte III - Le legioni anglo-italiane 272

Su 14.656 combattenti delle due Divisioni, circa 4.500 erano regolari borbonici, 1.200
volontari italiani, 618 calabresi (inclusi 29 ufficiali, 60 sottufficiali e 7 ordinanze, più 28
donne), 300 greci e circa 3.000 tedeschi. Gl’inglesi erano circa 4.700.

La residua guarnigione inglese in Sicilia era ridotta a 4.636


combattenti. Il corpo era articolato in due divisioni, la 1a al diretto
comando di Bentinck, la 2a del generale McFarlane. Inglesi erano i
quattro generali di brigata, sebbene alla 1a divisione fosse aggregato
anche un brigadiere “siciliano” (Filippo Roth). Borbonici erano però i
“quartiermastri” (capi di SM) delle divisioni, capitano Roberto Desauget
della 1a e maggiore Della Rocca della 2a); al comando era aggregato
anche il nizzardo Pietro Vial.
Il contingente siciliano, equivalente al resto della Divisione mobile
prevista dal trattato addizionale del 12 settembre 1812, includeva il
battaglione guardie siciliane, i reggimenti esteri 2° (C. Mari), 3° (Del
Conte) e 4° (Catalano), il 2° cavalleria su 3 squadroni, una brigata
d’artiglieria su 2 compagnie e 1 compagnia pionieri. Alla 1a Divisione
(8.786 uomini, con 345 ufficiali e 624 cavalli e muli) erano assegnati il
3rd Italian levy (ten. col. Ciravegna e magg. Dell’Oste) e il grosso delle
truppe siciliane (2° estero, I/2° cavalleria, 2 squadre d’artiglieria a
cavallo con 4 pezzi da campagna, 1 compagnia d’artiglieria a piedi con
12 pezzi da montagna, 1 compagnia ingegneri da campagna). Il resto del
contingente era ripartito fra le due brigate della 2a Divisione, includente
anche l’artiglieria della leva italiana.

Lo sbarco a Livorno e la marcia a M. Fascia (20.II-12.4.1814)


La 1a Divisione, al comando interinale del maggior generale
Montresor, s’imbarcò il 20 febbraio a Palermo (siciliani) e Milazzo
(inglesi) e il 9 marzo sbarcò a Livorno, già presidiata da un battaglione
del 7° di linea napoletano. Il 3° italiano sbarcò con 1.220 uomini, al
comando di Ciravegna e dei maggiori Righini e Faverges. Il 13 i
trasporti tornarono a Palermo per imbarcare la 2a divisone e Montresor
iniziò una lenta marcia su Pisa e Lucca, entrando il 23 a Sarzana. Il 24,
approfittando di una negligenza dei francesi attestati alla batteria di
Santa Croce che dominava la foce della Magra, il 5th German rifles e i
canotti delle navi Edinburgh e Swallow presero le opere. Il 25 Montresor
si attestò sulla Magra mettendo in batteria i suoi pezzi mentre nel Golfo
della Spezia arrivava l’ammiraglio Josias Rowley con le navi America,
Edinburgh, Furieuse, Swallow e Cephalus e la corvetta siciliana Aurora.
Presa Lerici ed entrati alla Spezia, gl’inglesi bloccarono il Forte Santa
Maria (arresosi il 30 con 3 ufficiali e 75 uomini). Il 28 marzo salpò da
Parte III - Le legioni anglo-italiane 273

Palermo il 1° scaglione (4.000 uomini) della 2a Divisione, seguito il 3


aprile dal 2°. Il 1°-5 aprile Montresor si recò a conferire con Bentinck,
lasciando in comando Roth con istruzioni di non muoversi.
Arrivata il 7 aprile a Livorno la 2a Divisione, Bentinck si portò alla
Spezia con l’America, ordinando a Montresor di avanzare su Sestri e
Chiavari. L’8 la brigata Roth attaccò i granatieri e i volteggiatori del
101e de ligne che si ritirarono dopo accanita resistenza per non essere
tagliati fuori dai partigiani della Val Fontanabuona comandati dal
“maggiore” Leveroni. Il 9 la squadra bombardò Recco, occupata il 10.
L’11 la squadra fece una finta su Savona simulando uno sbarco e
l’Abukir inviò un parlamentare al comandante della piazza di Genova,
generale di divisione Maurizio Fresia, con proposte d’accordo. Il mattino
del 12 Montresor attaccò la posizione di Monte Fascia: i francesi si
difesero tutto il giorno, ripiegando poi a notte su quella di Sturla (alture
di Albaro, 7 km ad E di Genova), con la destra al mare coperta da una
batteria di 4 pezzi e la sinistra appoggiata a Forte Richelieu.

Il combattimento di Sturla e la presa di Genova (13-17 aprile)


Il 13 Bentinck pose il quartier generale a Nervi, dove emanò un
proclama e ricevette emissari di vari partiti genovesi, e su sua richiesta la
squadra di Tolone fece vela su Genova. L’arrivo dei trasporti dalla Sicilia
facilitò l’avanzata a Sturla, consentendo effettuarla via mare anziché
attraverso la tortuosa e difficile strada delle montagne. Dal 13 al 16
l’artiglieria preparò l’attacco finale, mentre in città si svolgevano
manifestazioni con l’antica bandiera della Repubblica e inneggiando alla
pace. Alle 2:00 del 17 aprile la squadra dell’ammiraglio Sir Edward
Pellew giunta da Tolone (Caledonian, Boyne, Union, Prince of Wales,
Pembroke) e la divisione Rowley (America, Aboukir, Iphigenie,
Furieuse, Swallow e Cephalus) apersero il fuoco contro le batterie
costiere e alle 5:00 iniziò quello delle batterie terrestri contro le opere di
Sturla. Intanto il 3° italiano di Ciravegna prese l’opera esterna del Forte
S. Tecla, evacuato dai difensori e il tenente colonnello Travers, coi
calabresi e i greci scesi da Monte Fascia, ottenne la resa del Forte
Richelieu. A mezzogiorno i francesi erano dietro il Bisagno. Il 18 Fresia
firmava la resa a S. Martino d’Albaro. Dal 13 al 17 aprile il corpo anglo-
siculo aveva avuto 37 morti (1 ufficiale) e 174 feriti (7 ufficiali), la
marina 3 (1 ufficiale) e 10, più 1 disperso. Sotto Genova furono feriti il
capitano Auguste Sourdeau e le insegne Paolo Mancini e Giovanni Salvi,
entrambi romani. Il 25 aprile un reparto del 3° italiano raggiunse Novi
Ligure e vi rimase di guarnigione, con una granguardia di 67 uomini a
Palazzo Negrotti.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 274

Imbarcatosi il 16 aprile a Tarragona, Latour sbarcò a Genova il 27 col


1° e 2° reggimento italiano e la brigata siciliana. Bentinck lo inviò subito
a Torino come suo plenipotenziario per stipulare, insieme al tenente
colonnello austriaco Neumann e al generale Clément de La Roncière,
plenipotenziari di Bellegarde e del principe Borghese, una convenzione
simile all’armistizio del 17 aprile col viceré Eugenio. Catinelli fu invece
inviato in missione a Vienna presso il generale conte Fiquelmont, ADC
del feldmaresciallo Bellegarde.
Con una serie di promozioni disposte il 5 maggio 1814, l’Italian Levy
assunse la struttura definitiva. Lo stato maggiore della Brigata includeva
Latour, promosso maggior generale e comandante, Burke e Catinelli,
promossi colonnelli, i maggiori de Andreis, Birnstiel e John Dumont
(aggiunto il 1° maggio) e il capitano Frizzi. Righini, promosso tenente
colonnello, sostituì Burke al comando del 1st Regiment, mentre gli altri
due restarono al comando di Millet e di Ciravegna. Furono inoltre
promossi maggiori i capitani Lignana (aggiunto come terzo maggiore del
1st Regiment) e Sourdeau (secondo maggiore del 3rd). Gli altri del grado
erano San Martino e Leveroni del 1st, Rosenheim e Gleyesses del 2nd e
Dell’Oste del 3rd.

H. L’Italian Levy in Liguria e Provenza


(1814-15)

Il protettorato inglese su Genova (26 aprile 1814 – 7 gennaio 1815)


Le istruzioni del 28 dicembre 1813 del ministro della guerra Bathurst
autorizzavano Bentinck a prendere possesso di Genova “in nome e per
conto del Re di Sardegna” a condizione che “vi concorre(sse) la più
completa adesione degli abitanti”. Forzando tali istruzioni, dieci giorni
dopo la resa, con proclama del 26 aprile 1814, Bentinck dichiarò invece
“ristabilita” la “costituzione degli Stati genovesi quale esisteva nell’anno
1797” (cioè la repubblica aristocratica fondata sullo statuto del 1576) e il
1° maggio nominò il governo provvisorio della Repubblica presieduto
dal senatore Domenico Serra.
L’11 maggio, ancora a bordo del vascello Boyne con cui era giunto
nella rada di Genova, Vittorio Emanuele chiese a Bentinck di mettergli a
disposizione la leva italiana, “composta in gran parte di suoi sudditi”,
per riprendere possesso dei suoi stati. Bentinck rispose l’indomani che
accettava di mettere l’Italian Levy a disposizione del re di Sardegna “per
Parte III - Le legioni anglo-italiane 275

mantenere il buon ordine nei suoi stati” e di aver dato disposizioni in tal
senso a Latour, promosso “maggior generale” inglese.
Lo stesso 11 maggio, da Downing (Street), Bunbury informava
Bentinck che il governo inglese aveva fatto un passo formale col re di
Sardegna offrendogli di prendere al suo servizio l’Italian Levy. In attesa
nulla poteva essere deciso riguardo allo sbandamento della brigata o al
passaggio di ufficiali o soldati al servizio di altre potenze. In caso di
scioglimento, Bentinck doveva accordare sei mesi di paga agli ufficiali e
semplici lettere di raccomandazione [senza gratifiche speciali] a Latour,
Catinelli e altri di particolare merito. Il ministro Bathurst (aggiungeva il
sottosegretario) temeva che accordare a questi ultimi “un compenso più
cospicuo”, potesse indurre gli altri ufficiali a tempestare il ministero di
suppliche per ottenere gli stessi benefici.
Sbarcato il 14 maggio, il re intendeva dare il comando della piazza a
Latour, col grado di tenente generale piemontese. Bentinck lo convinse
però a trattenerlo a Torino, dal momento che la leva italiana doveva
essere impiegata per occupare il Piemonte. Quanto al passaggio della
brigata al soldo sardo, era per il momento fuori questione per mancanza
assoluta di risorse finanziarie. Il comando della piazza di Genova rimase
così a Dalrymple, e, in assenza di truppe piemontesi, la guarnigione
rimase formata da truppe britanniche e da un nucleo di ricostituite truppe
locali.
Il 24 maggio Vittorio Emanuele scrisse a Bentinck che gli austriaci
stavano per evacuare il Piemonte a causa delle elevatissime spese, e gli
chiese di ordinare ai tre reggimenti, dislocati a Nizza, Savona e Acqui
(1°), di avanzare al primo cenno che avrebbe fatto da Torino, su
Fenestrelle, Alessandria e Novara «ou autres endroits du Piémont», e,
possibilmente in Savoia, dove aveva nominato maresciallo e governatore
il padre di Latour. Il 25 maggio Torino fu occupata dall’unico corpo di
cui il re poteva direttamente disporre in Terraferma, ossia il citato 1°
reggimento del conte Robert [poi “battaglione cacciatori italiani”].
Biasimato dal suo governo per il proclama di Genova e per aver
incoraggiato gli appelli indipendentisti del governo provvisorio di
Milano, e richiamato ad astenersi da ogni atto potenzialmente in
contrasto con le decisioni delle Alte Potenze, il 29 maggio Bentinck partì
per Palermo, lasciando il comando delle truppe al generale Hornstedt e a
Dalrymple l’incarico di regolare sul posto le questioni relative alla leva
italiana.

Latour e la brigata italiana dal maggio 1814 al gennaio 1815


Parte III - Le legioni anglo-italiane 276

Non più necessaria nel Piemonte settentrionale per la costituzione di


nuovi corpi sardi formati coi reduci napoleonici, la leva italiana finì per
restare nella parte meridionale dello stato sabaudo, col 3° reggimento a
Nizza, il 2° a Savona e il 1° ad Acqui. Fino a giugno il 3° ebbe due
distaccamenti a Novi e Gavi (capitani Pigner e Kregg), probabilmente
sostituiti poi dal 1° battaglione genovese. In agosto il 2° aveva uno ad
Albenga e Oneglia (capitano de Campi, che ebbe poi dei grattacapi per
via di una barca rubata da un disertore). Per Novi passarono anche i
tenenti Robertson e Marco Stoppani di Roma, il sottotenente de Cravero,
gli ufficiali Ignazio Arduini, Bartolomeo Catanzaro, Giovanni Michelis,
Berardo Mojardeau e Pedro Sova (spagnolo), i cannonieri della Royal
Artillery Marcantonio Umer della Valcamonica e Gervaso Pevestrelli di
Nerviano (MI) (passati il 17 aprile 1815) e 29 militari congedati dal
servizio inglese (19 maggio 1815).
L’organizzazione della legione reale piemontese era stata ritardata
dagli ammutinamenti dei prigionieri che temevano di essere mandati a
combattere in Francia e da un’inchiesta del colonnello, conte Spiridione
Bommio di Robassomero, sulle frodi del maggiore Carlo D’Aprotis
denunciate dagli ufficiali. L’unica cosa che sembrava funzionare era la
banda musicale di 38 elementi: formata dai francesi e catturata in blocco
in Spagna, s’era portata in prigionia gli strumenti. Finalmente il 16
giugno la legione (1.884 uomini, inclusi 38 ufficiali, 4 chirurghi, 78
sergenti e 15 tamburi, con un costo di 3.693 sterline per tre mesi di paga)
partì da Colchester per Harwick, dove s’imbarcò il 19. La partenza slittò
tuttavia di 5 settimane per i venti contrari; salpata il 24 luglio, la legione
sbarcò un battaglione a Villafranca il 9 settembre e l’altro a Genova il
12, passando il 16 al servizio e al soldo sardi col nome di “legione
leggera”. Il 5 ottobre fu costituito il 2° battaglione genovese (a Savona?).
Alla fine dell’anno la leva italiana fu concentrata nello stato genovese:
uno dei reggimenti sbarcò a Genova il 6 dicembre. Gli altri erano a
Spezia e Portovenere.
Latour rimase a capo della brigata, occupandosi dell’organizzazione
dei servizi logistici e dell’avanzamento dei quadri, con l’intento di
trasformarla in un elemento permanente di un’armata regolare. Non
rinunciò tuttavia agli studi politici, sempre ispirati alla visione liberale di
Bentinck, come risulta da un Abbozzo sul futuro del Piemonte, in cui
collegava la possibilità di ripristinare l’antica forma di governo
(temperata comunque da un consiglio di stato composto dai «primari
impiegati» e dalle «persone più cospicue del paese») al mantenimento
delle frontiere d’anteguerra; riteneva infatti che l’annessione della
Lombardia avrebbe comportato inevitabilmente l’adozione del governo
costituzionale.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 277

La questione del comando a Genova (7 gennaio - 1° marzo 1815)


Il 14 agosto 1814 Vittorio Emanuele conferì all’incaricato d’affari a
Londra, conte Cesare Ambrogio Saint Martin d’Aglié, i pieni poteri per
negoziare la riunione al suo dominio e alla sua sovranità della città di
Genova e delle sue riviere e dipendenze. Nonostante la protesta formale
del marchese Antonio Brignole Sale, ministro plenipotenziario della
repubblica e inviato straordinario al congresso di Vienna, il 12 dicembre
Genova fu riunita al Piemonte. Il 26 Dalrymple, a nome del suo sovrano
e delle Potenze Alleate, dichiarò cessate le funzioni del senato
repubblicano e assunse il governo provvisorio dello Stato. Con lettere
patenti del 30 dicembre fu nominata una regia delegazione per
l’impianto dell’amministrazione sabauda nello stato genovese e con
proclama del 3 gennaio 1815 il re di Sardegna formalizzò l’annessione.
Il 7 gennaio Dalrymple rimise i poteri al governatore sabaudo, cavalier
Ignazio Thaon di Revel e di S. Andrea, conte di Pratolongo, e il 10 le
truppe genovesi giurarono fedeltà al re di Sardegna inalberando coccarde
e sciarpe da ufficiale azzurre (colore sabaudo).
Bentinck non aveva però ancora gettato la spugna: aveva infatti
mandato Catinelli in missione a Londra per chiedere cavillosamente se il
possesso rimesso al re di Sardegna si dovesse considerare definitivo
oppure provvisorio e lo stesso 7 gennaio scriveva a Castlereagh da
Firenze che l’Inghilterra non doveva apparire nell’«odious light of the
supporters of the most odious measure and most odious administration».
Comunicava peraltro di aver ottenuto dal conte Vallesa la rinuncia a far
occupare Genova dalle truppe piemontesi, e di aver rinforzato il presidio
anglo-genovese con un secondo reggimento italiano fatto venire da
Nizza: la popolazione, essendo abituata all’Italian Levy, «would not
have observed the change», mentre si creava così l’occasione buona per
trasferire la brigata italiana al servizio piemontese e liberarsi di quella
spesa. Il 17 gennaio, con evidente imbarazzo, Bunbury scriveva però a
Dalrymple che il ministro non poteva dare istruzioni circa la natura del
possesso, e neppure sul comportamento da tenere finché il presidio
inglese restava a Genova e in quale misura il comando piazza potesse
dipendere da un generale piemontese (come Revel). Aggiungeva che il 3
gennaio Latour gli aveva scritto da Torino di essere il più adatto, in virtù
del suo doppio grado sardo e inglese, a comandare a Genova, chiedendo
l’appoggio del governo inglese alla sua candidatura; quanto a
Dalrymple, avrebbe potuto conservare il comando dell’“auxiliary British
corps”.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 278

Il 15 gennaio, sempre da Firenze, Bentinck scriveva che l’Italia amava


Murat e che l’Inghilterra doveva sostenere l’unità italiana per erigere una
barriera tra l’Austria e la Francia, onde evitare il ripetersi di un’alleanza
continentale com’era avvenuto nella guerra dei Sette Anni. Il 21-22 ebbe
bruschi colloqui a Roma col cardinal Pacca e Pio VII e stava per recarsi
a Napoli quando un’improvvida lettera del ministro degli esteri
napoletano, marchese di Gallo, gli fece mutare idea. Il 17 febbraio il re
di Sardegna giunse a Genova in visita ufficiale, accompagnato da uno
squadrone di dragoni del Re; il 23 assistette alle manovre a fuoco delle
truppe di Dalrymple nella spianata del Bisagno e il 1° marzo nominò
Dalrymple comandante la guarnigione di Genova. In compenso rifiutò la
richiesta di Bentinck di poter insediare di nuovo il QG del Mediterraneo
a Genova, mentre i cacciatori piemontesi (ex 31e léger) occuparono
Savona e il reggimento Saluzzo Novi e Gavi. Il 22 marzo il reggimento
genovese partì per Torino, destinato di guarnigione a Chieri. Fu inoltre
concesso un indulto, a condizione di presentarsi entro 15 giorni per
riprendere servizio, ai soldati liguri della legione reale piemontese che al
momento dello sbarco avevano disertato per tornare alle proprie case, e
che a seguito dell’annessione di Genova avevano perso l’asilo politico.

Il dibattito parlamentare inglese sulla questione di Genova


Contemporaneamente l’avallo del governo inglese all’annessione di
Genova al Piemonte fu oggetto di dibattiti parlamentari, il 13 e 21
febbraio e il 27 aprile alla camera dei Comuni e il 25 aprile alla camera
dei Pari. La tesi dell’opposizione, riassunta da sir James Mackintosh,
esprimeva una concezione storicista e romantica del diritto pubblico,
ispirata a Savigny e diffusa tra gli avversari del trattato di Vienna, che,
trasportata dal diritto civile al diritto pubblico, non riconosceva alla
politica di gabinetto il diritto di mutare le forme di governo, considerate
“opera della natura” e non dell’uomo. Il punto di vista del governo,
esposto da Lord Liverpool, da Charles Grant jr e infine dallo stesso
Castlereagh di ritorno da Vienna, era ispirato al realismo politico: il
congresso di Vienna non si era riunito per discutere di principi morali,
ma per risolvere questioni pratiche e prevenire la guerra. L’assetto
precedente dell’Europa aveva lasciato “un’arena aperta tra Francia ed
Austria, in cui queste due potenze potevano impegnare guerra senza
intaccare materialmente i loro propri territori”; per eliminare quest’arena
occorreva rinforzare Belgio e Piemonte in modo da metterli in
condizione di potersi difendere da soli e da dissuadere perciò i potenziali
perturbatori della pace, in primo luogo il militarismo francese. Lo stesso
William Pitt aveva conosciuto, in una lettera del gennaio 1805 al conte
Woronzov, che era stata la vulnerabilità geostrategica del Piemonte,
Parte III - Le legioni anglo-italiane 279

determinata dall’insufficiente sbocco al mare, a consentire a Bonaparte


d’invadere e conquistare l’Italia. L’unione di Genova e Piemonte era il
miglior baluardo possibile per la difesa della frontiera (occidentale)
italiana. Il popolo genovese non poteva lagnarsi, perché “per la natura
aristocratica del governo, l’interesse (generale) dello stato era stato
sempre sacrificato a quello (particolare) della città”. I trasferimenti di
territori senza il consenso delle popolazioni rientravano infine nel diritto
pubblico europeo fondato sulla pace di Vestfalia, ed erano confermati da
innumerevoli precedenti, come, ad esempio, la cessione del Canada nel
1763 dalla Francia all’Inghilterra, o lo scambio tra la Sicilia e i territori
balcanici occupati dalla Francia proposto dallo stesso Napoleone a
Ferdinando IV di Borbone.

Latour al comando del corpo piemontese (12 marzo-25 maggio 1815)


Se le resistenze di Bentinck erano in qualche misura collegate con la
polemica dell’opposizione inglese, i termini della questione mutarono
improvvisamente con la notizia della fuga di Napoleone dall’Elba.
Catinelli s’imbarcò immediatamente per Genova, Bentinck vi tornò il 10
marzo per riassumere il comando e stavolta il re di Sardegna dovette
concedergli di stabilirsi a Genova: in compenso Ciravegna fu inviato col
3° reggimento di rinforzo alla guarnigione di Nizza, dove sbarcò il 15
marzo, mentre il 1° e il 2° furono riuniti a Genova. In una lettera del 16 a
Bathurst, Bentinck riconobbe che la riunione della brigata comportava la
riassunzione del comando da parte di Latour; ma di conseguenza
«officers having king’s commission» sarebbero stati posti agli ordini di
un generale sardo. Bentinck comunicava di aver risolto la questione
assumendo egli stesso il comando dell’Italian Levy, in attesa dell’arrivo
dalla Sicilia «of an officer of superior rank». Nelle direttive del 29 marzo
sul riordino delle guarnigioni di Malta, Messina, Corfù e Genova,
Bathurst ordinava a Bentinck di sospendere ogni trasferimento di militari
dell’Italian Levy al servizio piemontese, e di aumentare anzi gli effettivi
fino a 5.000 uomini «if good recruits are to be obtained at a low rate».
Il 23 marzo Bentinck inviò Dalrymple in missione esplorativa presso
Murat e attese il 5 aprile per dichiarare lo stato di guerra [misura che, ai
sensi dell’armistizio anglo-napoletano del 3 febbraio 1814, dava ancora
un termine di tre mesi prima dell’inizio delle ostilità]. Il 9 aprile il
ministro degli esteri sardo Vallesa scriveva ad Hill che, partendo da
Torino, Bentinck aveva incaricato Latour di presentare al re il piano
delle opere da realizzare per la difesa di Genova (preparato da Catinelli).
Intanto Bentinck ricevette il colonnello Macirone, inviato di Murat. Il 14
Parte III - Le legioni anglo-italiane 280

aprile Gallo gli trasmise la richiesta di re Gioacchino di intavolare un


negoziato per potersi conformare interamente ai voleri dell’Inghilterra.
La malattia di Revel riaperse la questione politica di Genova. Il re
incaricò infatti Latour di assumere provvisoriamente il governo dello
stato genovese. Il 23 aprile Bentinck riferiva però a Bathurst che il re
aveva accettato di rinunciare all’occupazione di Genova, lasciando
Latour e le truppe ad Alessandria, in funzione di corpo d’osservazione
alla frontiera con la Lombardia. Invece di aumentare l’Italian Levy, il 27
aprile Bentinck suggeriva a Castlereagh di sciogliere il corpo con
raccomandazioni per il passaggio degli ufficiali nei nuovi eserciti dei
sovrani restaurati e qualche mensilità di buonuscita per la truppa,
annunciando di avergli mandato il tenente colonnello Charles Ashe
A’Court [aiutante generale delle forze inglesi in Italia] «to explain more
fully the circumstances of the levy and to receive your orders».

Il censimento dei 167 ufficiali in servizio all’11 maggio 1815


Proprio in vista dello scioglimento, Bentinck fece disporre uno stato
degli ufficiali in servizio all’11 maggio 1815, che in seguito si portò a
casa e si trova oggi nel suo archivio presso l’Università di Nottingham.
Alla data la Brigata contava 167 ufficiali, inclusi:
• il maggior generale Latour;

• 15 ufficiali superiori: colonnelli Burke e Catinelli, tenenti colonnelli Righini,


Millet e Ciravegna, i maggiori de Andreis, Birnstiel, Dumont (Brigade Staff), San
Martino, Leveroni, Lignana (1st Regt), Rosenheim, Gleyesses (2nd), Dell’Oste e
Sourdeau (3rd);

• 10 ufficiali degli stati maggiori (capitano Frizzi, 2 assistant inspector, 3 aiutanti


maggiori, 2 quartiermastri, 2 pagatori);

• 9 chirurghi (3 maggiori e 6 aiutanti);

• 3 cappellani (due siciliani e un corso);

• 129 ufficiali di compagnia (32 capitani, 62 tenenti e 35 insegne).

Gli italiani erano 109: 32 siciliani, 24 piemontesi, 13 napoletani, 7


sardi, 3 romani, 3 toscani, 3 veneziani, 2 liguri, 2 bolognesi, 2 calabresi,
2 trentini, 2 triestini, 1 goriziano, 1 valtellinese, 1 istriano, 1 dalmata, 1
anconetano, 1 elbano, 1 piacentino, 1 modenese e 6 senza indicazione di
nascita. Dei 58 non italiani, 16 erano tedeschi, 7 svizzeri, 7 corsi, 5
nizzardi, 3 savoiardi, 3 francesi, 2 scozzesi, 2 irlandesi, 2 maltesi, 2
austriaci, 2 ungheresi, 1 moravo, 1 inglese, e 3 senza indicazione di
nazionalità. I sudditi delle Due Sicilie (47) superavano quelli del re di
Parte III - Le legioni anglo-italiane 281

Sardegna (41), ma tra questi ultimi c’erano il generale, metà degli


ufficiali superiori, un terzo dei capitani (10 su 32) e un quarto dei tenenti
(16/62). I sudditi austriaci (16, di cui 11 italiani) erano il triplo dei
britannici (5, di cui uno solo inglese).
Il rapido successo della controffensiva austriaca a cavallo degli
Appennini comportò intanto l’inserimento dell’Armata austriaca in Italia
nel piano generale di guerra contro la Francia e la richiesta austriaca di
aggregare il corpo d’osservazione sardo all’Armata di Frimont. Il 2
maggio, mentre iniziava la battaglia di Tolentino, Latour scriveva a
Bentinck da Torino di essere stato nominato comandante del contingente
piemontese (15.000 uomini) in radunata tra Pinerolo e Rivoli per coprire
la frontiera alpina e cooperare poi con Frimont; e gli chiedeva di fargli
sapere se poteva conservare il grado inglese e il comando dell’Italian
Levy. Per tutta risposta il 5 maggio Bentinck comunicò a Bathurst la
decisione di sospendere la cooperazione militare con gli austriaci e il 10
gli inoltrò la richiesta di Latour, ma informò il suo sottoposto che il
comando delle truppe piemontesi non era compatibile con quello
dell’Italian Levy e con la conservazione del grado e del soldo britannici.
Questa sfida agli alleati costrinse il governo inglese, su perentoria
richiesta di Metternich, a richiamare Bentinck in patria, sopprimendo il
comando delle forze terrestri del Mediterraneo. Il 21 maggio, in visita di
commiato a Torino, Bentinck revocò la sospensione della paga.
La British Army of the Mediterranean fu ufficialmente sciolta il 24
maggio, lo stesso giorno in cui il generale Macfarlane sbarcava a Napoli
con le truppe anglo-siciliane imbarcate a Milazzo. L’indomani Bentinck
partì da Genova, lasciando il comando dell’Italian Levy al colonnello
Thomas Burke, e il comando generale a Macfarlane, che l’11 giugno
s’imbarcò per Genova con le truppe inglesi di Napoli.

L’Italian Levy a Marsiglia (4 luglio 1815 – 16 gennaio 1816)


L’Italian Levy non prese dunque parte alle operazioni contro Murat né
alle operazioni anglo-piemontesi in Savoia e nel Delfinato, cessate con
l’armistizio dell’11 luglio. Tuttavia il reggimento a Nizza (3° Ciravegna)
fronteggiò l’Armata del Varo comandata dal maresciallo Brune, e gli
altri due, con Burke, Faverges, Andreis e 1.406 effettivi, presero parte
alla spedizione in Provenza in sostegno delle forze monarchiche contro i
bonapartisti irriducibili. La forza di spedizione, che includeva anche 800
fanti del 2/14th Foot, 600 piemontesi (1° Asti) e una batteria leggera
(Gamble’s, del 6th Bn), salpò da Genova il 4 luglio al comando di
Hudson Lowe e il 14 sbarcò a Marsiglia con 500 marines (capitano Cox)
della squadra di Lord Exmouth. Rinforzato dagli Ussari di Brunswick e
Parte III - Le legioni anglo-italiane 282

da compagnie del 31st Foot e del 6th e 7th King’s German Legion
arrivati da Napoli, Lowe avanzò insieme alla guardia nazionale di
Marsiglia e ai volontari realisti su Tolone, che il 24 luglio innalzò infine
la bandiera del re. Pur formalmente dipendente da Macfarlane, Lowe era
a disposizione di Wellington, mentre la forza austro-napoletana sbarcata
a Genova e arrivata in Provenza via terra era comandata da Nugent.
Dopo la capitolazione di Tolone Lowe ed Exmouth chiesero di essere
impiegati per la spedizione all’Elba, ma la missione fu affidata alla sola
marina e alle truppe toscane. Quando Lowe partì per Sant’Elena, fu
sostituito interinalmente dal colonnello sir Montague Burrowes, cui
subentrò in settembre il maggior generale Charles Philips, richiamato da
Messina.
Il 5 settembre il brigante G. B. Grondona, detto “Bacicciola”, compì
con altri 4 malviventi una sanguinosa rapina sulla strada della Bocchetta.
Ferito e catturato il 16 settembre dalla gendarmeria genovese, fu portato
in lettiga al Molo di Genova, dove fu impiccato. I due briganti catturati
con lui erano disertori del 3° italiano e dei cacciatori Robert.

Lo scioglimento della leva italiana (29 settembre 1815 – gennaio 1816)


Tornato in Italia dopo Waterloo, il 15 settembre Bentinck scrisse a
Latour da Firenze che le ultime informazioni da lui apprese prima della
partenza da Londra circa la sorte della leva italiana erano che sarebbe
stata drasticamente ridotta, dando agli ufficiali congedati una parte della
paga, come si era fatto per i mercenari svizzeri. Il re Ferdinando VII di
Spagna gli aveva inoltre dato 20 decorazioni dell’ordine del merito per
l’Armata britannica della costa orientale: volendo riservarne metà per gli
ufficiali inglesi e darne 5 ai siciliani e 5 alla leva italiana, chiedeva a
Latour di indicargli 5 nomi, assicurandogli però che avrebbe messo in
cima il suo. Il 28 settembre, in una lettera ad Harrison, Bunbury scriveva
a sua volta che la leva italiana, dal momento della sua formazione, si era
comportata bene, ma che era ormai arrivato il momento di congedarla.
Il 6 dicembre sia MacFarlane che il capitano Lorenzo Paoli, ispettore
del corpo, scrissero a Latour di aver ricevuto ordine da Wellington di
licenziare immediatamente i reggimenti italiani, a meno che il re di
Sardegna o il granduca di Toscana non intendessero prenderli al loro
servizio. MacFarlane aveva già informato il governo sardo e spedito un
ufficiale a chiedere istruzioni più dettagliate a Torino, e invitava Latour a
prendere accordi con i conti Perey e Vallesa. Paoli aveva l’ordine di
recarsi a Torino solo dopo il previsto trasferimento della brigata da
Marsiglia a Genova: se il re di Sardegna voleva negoziare al riguardo,
Parte III - Le legioni anglo-italiane 283

riteneva che il progetto migliore fosse quello elaborato l’anno prima


dallo stesso Latour. La brigata era del resto completa ed equipaggiata:
dall’Inghilterra era appena arrivato il nuovo vestiario, «more complet
and excellent in every respect». L’armata sarda era però già stata
ricostituita e mobilitata per la campagna di Grenoble e doveva essere
rimessa sul piede di pace: il 20 dicembre il segretario agli esteri sardo
Vallesa scriveva alla legazione a Londra che gl’inglesi lasciavano l’Italia
e il Piemonte prendeva al suo servizio la leva italiana solo per
effettuarne lo scioglimento, congedando gli uomini in base allo stato di
appartenenza: se possibile imbarcati, o altrimenti scortati alla frontiera
da truppe piemontesi.
Su richiesta di San Marzano, il 25 dicembre Latour gli trasmise la lista
nominativa degli ufficiali sudditi del re, da considerare «comme l’élite
de ce corps», raccomandando i colonnelli Righini, Faverges e Ciravegna,
i maggiori conte di St Martin, Birnstiel (badese) e Leveroni (i primi due,
entrambi provenienti dal servizio austriaco, per lo stato maggiore
generale, l’altro per la marina), e infine il capitano irlandese Odeven,
aiutante maggiore della brigata italiana e cognato di Righini, esperto del
servizio di dettaglio e delle manovre di fanteria. Quanto al maggiore
Andreis, il suo ingaggio lo obbligava a restare ancora per qualche tempo
al servizio inglese.
Il 15 gennaio 1816, da Roma, Bentinck manifestò a Latour il suo
rincrescimento per l’«unjust decision» di sciogliere il corpo, ma «la
fattura è fatta e non c’è rimedio». Ormai era rassegnato, e «only afraid of
future intrigues». Aveva consigliato ad Andreis e Raverskill (?) di
passare anch’essi al servizio piemontese e ringraziava Latour di essersi
adoperato per trovare una sistemazione anche per Catinelli: era «a man
excellent and an excellent friend». Almeno 32 dei 41 sudditi sardi in
servizio come ufficiali dell’Italian Levy all’11 maggio furono ammessi
nell’Armata sarda: otto (incluso Ciravegna) furono compromessi nei
moti del 1821, mentre uno (Barolo) fu insignito dell’Ordine dei Santi
Maurizio e Lazzaro per la fedeltà dimostrata in quella circostanza. Degli
ufficiali superiori, divennero generali Milliet, Righini e San Martino.
Secondo i conteggi delle “Foreign and Colonial Troops in British Pay”
comunicati dall’ufficio dell’aiutante generale britannico il 6 marzo 1816,
al 25 dicembre 1815 l’Italian Levy aveva ancora in forza 2.772 uomini
(869, 813 e 958 dei tre reggimenti e 132 della “garrison company”, certo
quella di Lissa). Da una lettera del 30 ottobre 1815 di Andreis, allora
maggiore, sappiamo che era ad Aubagne insieme a 3 compagnie del 2°
reggimento, comandate dal capitano F. de Campi.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 284

I benserviti ai congedati
I benserviti a stampa, riquadrati, datati, timbrati con la ceralacca e
sottoscritti dall’aiutante maggiore, dal comandante la compagnia e dal
colonnello, recavano l’indicazione dell’unità di appartenenza (“Terzo
reggimento italiano / al servizio di S. M. britannica”) sormontata dallo
stemma britannico sorretto dal leone coronato e dal liocorno col motto
“Dieu - et mon – Droit”. Il testo recitava: «Certifico io sottoscritto che il
…. della … Compagnia del detto Reggimento / ha servito per lo spazio
di …. non avendo in tutto questo tempo mai dato motivo di lagnarsi di /
lui, essendosi sempre diportato con buona ed onorevole condotta dando
prove d’attività ed esattezza nel / servizio, per i quali motivi gli rilascio
il presente perché se ne possa valere dove il crederà necessario».
Tra gli attestati di servizio e le lettere di raccomandazione che ci sono
rimaste, citiamo quella di Righini (ora tenente colonnello) per il cadetto
diciottenne Giuseppe Rossetti di Nizza, figlio di Marco, capitano del 1°
reggimento, e fratello di Filippo, cadetto della Brigata Aosta. Altri
riguardano il carabiniere Giuseppe Pedri del 3° reggimento (compagnia
Gaffori) e Gaetano e Federico Bardet, tenenti del 3° reggimento e figli di
Luigi, ufficiale del genio borbonico alla difesa di Gaeta, poi direttore
dell’officio topografico di Palermo, divenuto maresciallo di campo e
ispettore del genio a Napoli. Il 2 aprile e il 1° agosto 1816 furono creati
cavalieri dell’Ordine sabaudo dei Santi Maurizio e Lazzaro i capitani
inglesi John Shearman, già Brigade Major dell’Italian Levy, e Alexander
Machlachlan, già comandante dell’artiglieria aggregata alla brigata in
Spagna. Le due mogli del bigamo tenente Jonas Oxley si contesero dal
1826 al 1832 la pensione vedovile, finché il governo dette finalmente
ragione alla prima, scozzese, e torto alla seconda, irlandese.
Tra i 586 sudditi pontifici reduci dalle guerre napoleoniche che dopo
la restaurazione presentarono domanda di impiego [v. Elenco dell’ASR,
cit. in Bibliografia] troviamo il bolognese Filippo Pellizzari (1782),
aiutante insegna delle leve italiane, e il romano Gabriele Mordini di
Luigi (1783), tenente delle guide inglesi in Portogallo (ammesso come
tenente nei carabinieri pontifici nel 1817, in ritiro nel 1843 come tenente
onorario). Il cadetto Francesco Donati, nato a Messina il 1° aprile 1793,
fu ammesso nel 1817 al servizio napoletano; capitano del Reggimento
Borbone nel 1845, passò poi alla gendarmeria e infine ai carabinieri a
piedi, di cui era aiutante maggiore nel 1850 e colonnello comandante nel
1860: fu congedato in settembre, al termine della campagna di Calabria,
e morì a Napoli il 14 gennaio 1882.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 285

I. Il dopoguerra dei protagonisti


(1814-1869)

Il penultimo duca di Modena (1814-1846)


Per togliere ogni illusione a Murat, che il 21 gennaio 1814 aveva
occupato Modena, il 7 febbraio Francesco d’Este fu frettolosamente
riconosciuto duca di Modena, che lui definiva “un guscio di castagna” e
di cui si rassegnò infine a prendere possesso il 15 luglio come IV
sovrano del nome. Non rinunciò tuttavia al tentativo, sostenuto dalla
regina sua sorella e suocera, di far sancire dal congresso di Vienna i
diritti della moglie nella successione di casa Savoia. Vittorio Emanuele
non volle però mutare i patti di famiglia che prevedevano la successione
del ramo secondogenito dei Carignano, e i suoi inviati a Vienna, Rossi e
San Marzano, riuscirono a spuntare il riconoscimento dei diritti del
giovane Carlo Alberto. Riaccese nel 1821 dall’abdicazione di Vittorio
Emanuele e dalle esitazioni di Carlo Felice, le speranze del duca furono
di breve durata. Detronizzato dai rivoluzionari il 6 febbraio 1831 e
rientrato in possesso dei suoi stati il 9 marzo, il duca affidò la
riorganizzazione della polizia politica e della sicurezza interna al
principino di Canosa, che dovette però allontanare nel 1834. L’anno
seguente il fratello Massimiliano divenne gran maestro dell’ordine
teutonico. Morto il 21 gennaio 1846, Francesco d’Este fu ricordato dalla
storiografia risorgimentale unicamente come uno spietato reazionario e
un temibile avversario dell’indipendenza italiana.

Il primo governatore generale dell’India (1815-1839)


Il 18 giugno 1815, lo stesso giorno di Waterloo, Bentinck indirizzò da
Londra a Bathurst un memoriale difensivo dai toni aspri e risentiti, e il
20 ottenne inutilmente un nuovo incarico presso Wellington. Tornato
privatamente a Napoli in settembre, fu convinto dal ministro austriaco a
reimbarcarsi come persona non grata, con grande sollievo di Ferdinando
IV (“se a voi ha reso l’appetito – disse a Circello – a me ha procurato
una nottata tranquilla!”). Caduto in disgrazia e rimasto senza impiego
fino al 1821, nel 1827 fu nominato governatore generale del Bengala,
dove giunse nel luglio 1828. Nel 1833 fu il primo a ricoprire la nuova
carica di governatore generale dell’India istituita con l’East India
Company Charter. Costretto da motivi di salute, nel 1836 lasciò l’India
per Parigi, dove morì nel 1839.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 286

Il capitano generale dell’esercito napoletano (1815-1862)


Nell’aprile-maggio 1815 l’ardita marcia attraverso la Toscana e lo
Stato Pontificio per tagliare la ritirata a Murat con una piccola brigata
rinforzata dalle truppe toscane e romane, confermò le qualità militari e
politiche di Nugent. Creato principe romano da Pio VII, insignito della
commenda di S. Leopoldo e autorizzato a passare al servizio napoletano,
Nugent fu dal 1817 al 1820 capitano generale dell’esercito borbonico.
Comandò poi le Divisioni di Vicenza (1820) e Padova (1826) e il
Küstenland (1829). Promosso feldzeugmeister (1838), fu comandante
generale in Moravia (1839), dei confini militari (1840) e dell’Austria
interna (1842). Nel 1848 ottenne di poter organizzare una spedizione di
soccorso a Radetzky in Lombardia: passato l’Isonzo il 25 aprile, batté gli
italiani ad Onigo rigettandoli su Montebelluna. Ceduto il comando per
malattia, organizzò poi un corpo di riserva sulle frontiere della Stiria e
dell’Ungheria, col quale sottomise i comitati di Szalàd, Somogy,
Baranya e Tolna, occupò Essegg il 213 febbraio 1849 e iniziò l’assedio
di Comorn, di cui lasciò il comando il 26 settembre, poco prima della
resa. Promosso feldmaresciallo il 16 ottobre, nel 1859 volle seguire
come volontario il quartier generale dell’imperatore Francesco Giuseppe
in Italia e assisté alla battaglia di Solferino. Morì presso Carlstadt il 21
agosto 1862.

L’ultimo maresciallo di Savoia (1814-1858)


Licenziato dal servizio inglese nel 1816, Latour fu promosso tenente
generale dell’armata sarda e comandante la Divisione di Novara (di cui
suo padre era stato governatore). Nel 1819 sposò Marietta Galleani,
figlia del 4° conte di Agliano, da cui ebbe sette figli e che gli premorì nel
1837. Nominato da Carlo Felice governatore generale degli Stati di
Terraferma, l’8 aprile 1821 vinse i costituzionali a Novara. Sostituito il
19 aprile dal luogotenente generale Ignazio di Revel, fu primo segretario
di stato per l’estero dal 10 gennaio 1822 al 21 marzo 1835, luogotenente
generale nel 1829, governatore generale di Torino dal 1835, vice
presidente annuale del consiglio di stato (nel 1835 e 1847), senatore del
regno dal 3 aprile 1848. Morì a Torino il 19 gennaio 1858. Divenuto
conte nel 1820 alla morte del padre, ne ereditò il titolo di marchese di
Cordon e fu insignito degli stessi onori e gradi (cavaliere della SS.
Annunziata e generale di cavalleria nel 1821, maresciallo di Savoia nel
1835). Era cavaliere di gran croce (13-VII-1815), e poi gran cordone (9-
XII-1831) dei SS. Maurizio e Lazzaro, commendatore dell’ordine
militare di Savoia (4-III-1816) e cavaliere dell’ordine civile (30-XI-
1831). Insignito della medaglia Mauriziana (17-XII-1839), ebbe anche le
Parte III - Le legioni anglo-italiane 287

principali onorificenze straniere [cavaliere di gran croce degli ordini di


San Luigi, di Leopoldo, di Alexander Nevskij, della Rote Adel e di S.
Stefano, e cavaliere degli ordini Supremo del Cristo (Santa Sede),
Costantiniano di S. Giorgio di Parma, e di Carlo III di Spagna.]

Ciravegna, Righini, Faverges, Odeven e Andreis


Colonnello della Brigata Aosta dal 1817, poi maggior generale
comandante la Divisione di Torino, noto per franchezza e generosità,
considerato un progressista per la sua estrazione popolare, nel gennaio
1821 Ciravegna si adoperò per moderare l’esagerata repressione del
moto studentesco e in marzo firmò – del resto come tutti gli altri
comandanti di corpo presenti a Torino – l’appello per la concessione
della costituzione spagnola, salvo poi ad obbedire all’ordine di Carlo
Felice di portare le truppe a Novara: Latour gli conservò il comando e lo
mandò poi di rinforzo a Genova, ma la sua carriera fu stroncata. Morì a
Collegno in data a noi ignota.
Tenente colonnello dei cacciatori italiani (ex-Robert) nel 1816,
comandante la Brigata Alessandria dal 1817, nel marzo 1821 Righini
obbedì all’ordine di Santarosa di marciare da Chambéry a Torino, ma,
inviso alla truppa, arrivato a San Giovanni di Moriana fu arrestato dai
liberali insieme al cognato Giorgio Odwen, capitano aiutante maggiore.
Confermato al comando della brigata (che assunse il nuovo nome di
“Acqui”), fu promosso maggior generale nel 1823 e tenente generale nel
1834. Comandò le Divisioni di Genova (1823) e Torino (1830) e fu
governatore di Novara (1834) e di Alessandria (1838). Collocato a
riposo nel 1841, morì nel 1871. “Odeven” fu poi colonnello del 2°
reggimento della Brigata Aosta e morì nel 1834.
Colonnello della Brigata Piemonte dal 1816, maggior generale e
governatore interinale di Cuneo nel 1820, nel marzo 1821 il barone di
Faverges era commissario regio presso l’armata austriaca intervenuta a
Napoli. Raggiunta la sua brigata a Novara (dov’era stata condotta
dall’energico maggiore Morra), prese parte al breve scontro dell’8 aprile
e il 10 rioccupò Torino. Ispettore delle scuole d’equitazione, nel 1823
accompagnò Carlo Alberto nella spedizione del Trocadero. Governatore
di Nizza (1827-30), poi di Cuneo (1830-35) col grado di tenente
generale, lasciò il servizio nel 1835 e morì nel 1839. Rimasto al servizio
inglese fino al 1817, Andreis fu poi ammesso come capitano del 2°
reggimento dell’artiglieria di marina sarda. Comandante di varie fortezze
marittime e terrestri, raggiunse il grado di maggior generale nel 1839. A
riposo nel 1843, morì a Torino nel 1865.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 288

Il presidente della Società goriziana di agricoltura (1816-1869)


Incaricato da Bentinck di riattare le fortificazioni di Genova, Catinelli
fu licenziato nel 1816 per la sospensione dei lavori decisa dal governo
sardo [oberato dalla contribuzione di 930.000 franchi pretesa dagli
inglesi per evitare di distruggere le opere all’atto del loro ritiro, come
avevano fatto invece gli austriaci ad Alessandria]. Tornato a Gorizia, si
sposò nel 1818. Richiamato nel 1821 per riorganizzare la scuola militare
di Modena e fatto nobile dal duca, tornò a casa nel 1824. I suoi studi
sulla questione agraria gli valsero la presidenza della Società goriziana
di agricoltura. Nel 1848 accompagnò Nugent nel Veneto, recandosi poi a
Vienna quale deputato di Gorizia al Reichstag. A seguito del congresso
di Parigi del 1856 redasse importanti Studi sulla questione italiana, poi
tradotti in francese dal dottor Henri Schid e pubblicati a Bruxelles nel
1859. Morì quasi novantenne a Gorizia il 27 luglio 1869.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 289

Allegato
Scarlet or Blue?
L’uniforme prescritta alla leva italiana dalle Regulations di Bentinck
del 13 maggio 1812 era blu con fodere e filettature rosse. La citata
lettera di Clinton al cognato, datata 22 febbraio 1813 da San Juan, attesta
però inoppugnabilmente che già in Spagna (e dunque fin dall’inizio) la
leva italiana (o almeno il 2° reggimento) era «dressed in scarlet», cioè
indossava la giacca rossa, tipica della fanteria inglese, e anche della
maggior parte dei corpi stranieri. Rossa è anche la giacca del capitano F.
de Campi conservata nel Museo del risorgimento di Trento, e i figurini
delle truppe inglesi a Genova e la stampa del Comune del 3° Regg.to
Italiano al servizio Inglese conservata nella civica raccolta delle stampe
“A. Bertarelli” di Milano rappresentano la leva italiana in giacca rossa
con mostre verdi, fodera bianca e nidi di rondine (distintivo delle truppe
leggere), shakot alto con pennacchio verde e pantaloni grigi infilati nelle
mezze ghette nere. Una spiegazione della difformità tra le prescrizioni e
le testimonianze potrebbe essere che Bentinck ci abbia ripensato, per
non confondere i “suoi” reggimenti con quelli siciliani, vestiti tutti di
blu. Oppure che gli uomini destinati a formare il 1° reggimento, una
volta arrivati a Malta, abbiano ricevuto, per economia, uniformi ivi
immagazzinate, forse un surplus del Sicilian Regiment, che vi era di
guarnigione e vestiva in giacca rossa con mostre verdi. O forse, più
semplicemente, che i commercianti inglesi di Messina abbiano imposto
al precipitoso Bentinck una variante di loro convenienza.
L’attribuzione alla leva italiana dell’uniforme riprodotta dal poliedrico
Charles Hamilton Smith (1776-1859) nel manoscritto dell’Università di
Harvard (e nella copia del 1814 posseduta dalla Bibliothèque Nationale
de Paris), e ripresa nel 2000 da René Chartrand, è senza dubbio erronea.
Infatti (come provano le stesse tavole che corredano il saggio dello
studioso canadese) l’uniforme attribuita alla leva italiana da Smith non
differisce in alcun modo da quella della Legione piemontese, e deve
dunque identificarsi con quest’ultima. Del resto la diversità del colore di
fondo (blu anziché rosso) riflette non a caso il diverso inquadramento
politico dei due corpi, reclutati in concorrenza fra loro fra i prigionieri di
Portsmouth, e manifesta proprio l’intenzione di distinguerli, anche
perché la legion era comunque destinata a passare presto al servizio
sardo. La giacca del figurino è blu con colletto, risvolti e paramani rossi
e bottoni gialli; i pantaloni sono grigi, lo shako cilindrico e nero con
visiera, coccarda nera, pennacchio e il corno da caccia distintivo delle
truppe leggere. Come nota Chartrand, il colore verde delle spalline e del
pennacchio indica un carabiniere, armato di moschetto con baionetta.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 290

I 167 Quadri dell’Italian Levy (Genova, 15 maggio 1815)

Italian Levy Officers – A) U. superiori e capitani


Brigade Staff Italian Levy
Major General Vittorio Della Torre Major Antonio (sic) D’Andreis
Colonel Thomas Burke Major Henry Birnstiel
Colonel Charles Catinelli Major John Dumont
Captain Franz Frizzi Assistant Inspector: Sigismund Hogam – John Bauer
Gradi 1st Regiment 2nd Regiment 3rd Regiment
Regimental Staff
Lt Col Righini Joseph Millet de Faverges Hen. Ciravegna John
Majors S. Martino Charles Rosenheim Louis Dell’Oste Luigi
Leveroni Emanuele Gleyesses Francis Sourdeau Auguste
Lignana Luigi (FG *) - -
AM Erdmann Friedrich (cap) Platen William (ten.) Marchesan Luigi
QM - Ferndenthal Charles Longo Francesco
Pay M. - Payass Giovanni B. Tedeschi Vincenzo
Surg. Calley William Black Elia White Pietro
Adj. Gemellaro Joseph * Rossi Alessandro Boini Giovanni Ant.
Surg. Cerale Giuseppe Roveri Franceso Fiorenza Rosario
Chap. Lorenzo don Louis Scivori Giambattista Belloassai Bonav.
Companies
Captain Rossetti Marc(o) Nidrist Rudolph Schmid Pasquale
Martinich Giovanni B. (De) Campi Francis Gaffori Paolo
Barolo Gioacchino Capezzalis Stefano Kubner Giorgio
Andreis Domenico * Seidler Alessio Pignier Giovanni B.
Damiani Valentino Ristori Stanislao Spinetta Onorato
Lightemberg Richard Odeven Giorgio Krautz Carlo
Filippini Giuseppe * Lebotti Pasquale Kregg Giuseppe Carlo
Salomone Joseph Reveroni Angelo Pozzo di Borgo Felice
Mauro Gerolamo Diversi Raffaele Oberhauser Gius. FL
Armand Louis Bermingham Giovanni Borra Carlo
BdeCap Edlinger Joseph - Perini Michele
* distaccato a Monaco. FL = ferito a Livorno (14.12.1813). FG = Ferito a Genova (14
e 18.4.1814).
Fonte: Nottingham University, Ms, Bentinck’s Papers, Pw Jd 6133-6139.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 291

Segue Italian Levy Officers – B) U. subalterni


Gradi 1st Regiment 2nd Regiment 3rd Regiment
Ltn Tiscker Charles Colinet Giovanni B. Canelles Antonio
Basadonna Pierre d(ella) Guardia Giov. Fancello Giuseppe
Tamajo 1° Louis Genovese Giovanni Ciusa Giuseppe
Sgambella Philip Oxley John Fontana Luigi
Minigrod Frederick Clarenza Enrico Schiena Antonio
Davico Joseph Fanelli Antonio Metzker Carlo
Loya Dominique Gagliani Liborio Scilhorst Giorgio
Pasio Charles Odeven Salvatore De Grandis Giuseppe
Saracco Paolo Paternò Girolamo Dais Filiberto
Tamajo 2° John Frank Valentin Carbone Giovanni
Blater Friedrich Graham Henry Bardet Federico
Recco Francis Caneo Giuseppe Ciaulandi Giuseppe
Bragale Raphael Donati Francesco Jenner Federico
Pirra Joseph Caracciolo Vespasiano Grixoni Luigi
Lozza Rodrighe Spadaro Alessandro Bariel Gaetano
Rosemberg Joseph Paternò Francesco Onnis Paolo
Gallina Joseph Florelli Francesco Mameli Clavesana
Roderors Blaise * Pulalla Francesco Olivieri Gabriele
Carlos August Donati Salvatore Cella Giuseppe (FL)
Bentivegna Mari(o) * Ferrante Giuseppe Marcovich Salvatore
Falletti Gaetano - Messineo Francesco
Ensign Locascio Giovanni B. * Rivarola Giovanni Martines Stefano
Desio Antonio Amorosa Luigi Santallo Romolo
Labianca Giovanni B. * Massimi Luigi Marchetti Cosimo
Fighiera Giuseppe Vecchi Giuseppe Vial Giuseppe
Gambini Luigi Moletti Giuseppe Ma(y)da Eugenio
Koe Frederick Schmidt Carlo Mancini Paolo (FG)
Paternò Camillo * Marini Giuseppe Salvi Giovanni (FG)
Mirone Paolo Pappenheim Christian Proto Silvestro
Paggi Giuseppe Eden Teophilus D’Amico Filippo
Kutter Francis Bermingham Edward Dalmass Giuseppe
- Torelli Paolo Demontand Luigi
BnAdj Pellizzari Philip Fioravanti Giovanni B. Lidonnici Ag. Dom.
* distaccato a Monaco. FL = ferito a Livorno (14.12.1813). FG = Ferito a Genova (14
e 18.4.1814).
Fonte: Nottingham University, Ms, Bentinck’s Papers, Pw Jd 6133-6139.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 292

Nazionalità degli Ufficiali dell’Italian Levy


Regno di Sardegna (41)
Nazionalità U superiori Chir. aiut. Capitani Tenenti Insegne
Savoia (3) Latour - Pignier - -
Millet
Nizza (5) - - Rossetti - Fighiera
Spinetta Torelli
Dalmass
Piemonte D’Andreis Cerale Rossetti Davico, Loya Vial
(24) Righini Roveri Barolo Pasio, Mayda
S. Martino Andreis Saracco,Pirra
Lignana Armand Falletti, Dais
Ciravegna Borra Ciaulandi
Perini Olivieri
Sardegna - - - Canelles
(7) Fancello
Ciusa, Onnis
Fontana
Grixoni
Mameli
Liguria (2) Leveroni - Ristori - -
TOTALE 8/16 2/19 9/32 16/62 5/35
Regno delle Due Sicilie (47)
Palermo Capitano Bermingham. Tenenti: Tamajo 1 e 2, Fanelli, Gagliani, Paternò
(13) G. e F., Caracciolo, Florelli, Pulalla, Donati S.. Insegne: Rivarola,
Amorosa
Milazzo (1) Insegne: Proto, D’Amico
Messina (4) Capitano Mauro. Tenenti Donati F., Spadaro, Ferrante
Catania (4) Tenente Clarenza. Insegne: Gambini, Mirone. Chir. aiut. Gemellaro.
Sciacca (1) Cappellano Lorenzo.
Sicilia (9) Maggiore Rosenheim. QM Longo. Capitano Tedeschi. Ten. Genovese.
Insegne Paternò, Moletti, Bermingham. Chir. aiut. Fiorenza. Cappellano
Belloassai.
Calabria (2) Tenente Carbone. Insegna Lidonnici.
Napoli (13) Capitani Odeven e Lebotti. Tenenti Recco, Bragale, Lozza, Odeven,
Bardet G. e F., Marcovich. Insegne Paggi, Desio, Schmidt, Marini.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 293

Segue: Nazionalità degli Ufficiali dell’Italian Levy


Impero Austriaco (16)
Venezia Capitano Reveroni. Tenente Caneo. Insegna Fioravanti.
Trieste Capitano Martinich. Insegna Vecchi.
Gorizia Colonnello Catinelli.
Illiria Tenente Messineo.
Istria Ven. Capitano Salomone.
Valtellina Tenente Schiena.
Trentino Capitano SM Frizzi. Capitano De Campi.
Austria Capitano Edlinger. Insegna Kutter (Domdorff).
Moravia Tenente Rosenberg (Laschitz).
Ungheria Capitani Kubner e Krautz.
Altri Stati Italiani (18)
Roma (3) Tenente Sgambella. Insegne Mancini, Salvi.
Ancona (1) Insegna Martines.
Toscana (3) Magg. Dell’Oste (Pisa). Ten. Colinet. Chir. aiut. Rossi (Siena).
Elba (1) Insegna Demontand.
Bologna (2) Insegne Pellizzari, Massimi.
Piacenza Tenente Cella.
Modena Tenente De Grandis G.
Imprecisati Capitano Filippini. Ten. Basadonna, Bentivegna. Insegne Locascio,
(6) Labianca. Chir. aiut. Boini.
Altri Stati Non Italiani (43)
Inghilterra Chir. magg. Calley.
Scozia (2) Tenente Oxley. Chir. magg. Black.
Irlanda (2) Colonnello Burke. Tenente Graham.
Malta (2) Capitano Marchesan. Pagatore Payass.
Corsica (7) Capitani Damiani, Capezzalis, Gaffori, Pozzo di Borgo. Insegne Santelli,
Marchetti. Cappellano Scivori.
Svizzera Maggiore Gleyesses. Capitani Nidrist, Diversi, Schmid. Insegne Gallina,
(7) Jenner, Blater (Berna).
Prussia (2) AM Platen (Berlino). Tenente Carlos (Festenberg).
Svevia (1) Assistant Inspector Hogam.
Coblenz (1) Tenente Tiscker.
Hannover Capitano Erdmann. Ten Minigrod. Insegna Eden. QM Ferndenthal.
Baden (2) Maggiore Birnstiel. Assistant Inspector Bauer.
Francoforte Tenente Franck. Insegna Pappenheim.
Westfalia Tenente Metzker.
Alsazia (1) Capitano Seidler.
Germania Capitani Kregg, Oberhauser. Insegna Koe.
Francia (3) Mag. Sourdeau. Ten. Roderors (Tolone) e Della Guardia (Perpignano).
Sconosciuta Maggiori Dumont. Ten. Scilhorst. Chir. magg. White.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 294

I Quadri della Legione Reale Piemontese (1814)

Tab. – I 42 ufficiali della Royal Piedmontese Legion (1814)


Stato Maggiore
Ufficiali Superiori Chirurghi
Colonnello S. Bommio di Robassomero Maggiore Emanuele Malvani
Maggiore Carlo D’Aprotis (*) Assistente Giuseppe Boschi
Maggiore Gaudin Aiutante Federico Perpano (?)
Aiutante Lorenzo De Simone
Capitani
Joseph de Bonne Antonio De Torre
Barthelemy Bonnet Gaetano Panario
Cresi Pico Pallavicini
Lazzaro Riccardi Oreglia
Tenenti
Gugliemo Panietti Louis Arnaud
Victor Wallin Cristoforo Fontana
Carlo Pedio Giuseppe Pellati
Sottotenenti Stn soprannumerari
Simone Nicolino Jean Joseph Deluy Mario Monforte
Francesco Saglietti Bartolomeo Martin Diego Maglione
Tommaso Vigna Luigi Ciampoli Fleury Catalan
Giuseppe Emperoni Galina François Louis Leblanc
Vincenzo Rosino Lorenzini Tommasi
Giuseppe Cansona (?) Giovanni Plasso Laure
Ferdinando Rossi (?) Giovanni B. Granara Raffetti
(*) In congedo a tempo indeterminato dal 1° giugno 1814 per recarsi in Piemonte.
Paghe al giorno (sterline): colonnello 22:6, maggiore 16:0, capitano 10:6, tenente 6:6,
sottotenente 5:3, chirurgo maggiore 11:4, chirurgo assistente o aiutante 7:6. Inoltre 78
sergenti a 0:6, 15 tamburi a 0:4, e 1.749 caporali e soldati a 0:3. Totale per tre mesi,
sterline 3.693.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 295

Fonti
British National Archives (Ruskin Avenue, Kew, Ricmond, Surrey):
WO 164/233 Royal Hospital Chelsea. Prize Records – Tarragona 1813. Payment of
Foreign Troops (Artillery Co., 1st and 2nd Regiment of Italian Levy).
WO 43/337 Secretary at War – Correspondence. Widow’s pension claimed by two
persons married, as to one in Scotland and one in Ireland. Scottish marriage valid.
Case of Lieut. Jonas Oxley, late Italian Levy. Legal opinion (1826-30).
WO 65/167 e 168 – Two manuscript Foreign Army Lists containing details of foreign
and mercenary units which are missing from the printed Army Lists of the period.
AO 1/232/805 Auditors of the Imprest and Commissioners of Auditor Declared
Accounts (or Rolls). Roll 805 Capt L. Pauli, Inspector of the Italian Levy.

Nottingham University – Library Department of Manuscripts and


Special Collections Papers of Lord William Cavendish Bentinck
(1774-1839) soldier, politician and statesman (Pw J):
Italian Levy. Pw Jd 5556 Commission as Commander of the forces on the Islands
and coasts of the Mediterranean (1 March 1811). 5562/1 Memoirs of conversations
at Cagliari (15 july 1811). 5563 Return of the Sicilian army (1 August 1811). 5564
Papers relating tho the Sicilian Flotilla (8 August 1811 – 21 june 1812). 5570
Heads of what was agreed upon in a conference between Lord W. Bentinck, Col.
de la Tour and Lt Gen. F. Maitland (28 August 1811). 5571 Memorandum
explanatory of the accompanying papers relative to the Archduke Francis (29
September 1811). [Attached to 5570]. 5605/2 Mem. from Count La Tour (1811).
5642 Arrangements for the passage of Austrian officers through Turkey (2 June – 8
July 1812). 1836 Mem. of Sir John Dalrymple about Italian Levy. 3032 Return of
strenght of Italian Levy 1814. 6040 Mem. of money advancement to the Italian
Levy. 6045 Statement of sum paid on account of the Italian Levy. 6046 Statement
of sums advanced for service of the Italian Levy (1814). 6130-6132 Returns of
strenght of 1st, 2nd and 3rd Italian Regiments (7 may 1815). 6133-6139 Registers of
Officers of the Italian Levy (11 May 1815). 6147 Note on the Italian Levy
(1815?). 3023 Proposals to Count Vallaise for transfer of Italian Levy to
Piedmontese service (1803-1918). 574 Copy of a petition to the Prince Regent
from Oberhausen, late of the Italian Levy (1790-1839).
Campagna di Alicante. Pw Jd 5848 – Weekly state of the British and Sicilian
forces commanded by Bentinck in Spain (30 July 1813). 5898/2 Letter of thanks
from the Italian officers taken prisoner (2 September 1813). 5899/1-4 Reports on
the affair at Ordal (15-17 September 1813). 6190 Mem. on siege of Tarragona.
6267-6269 Sketch maps of roads, mountain passes and “osteology” around
Tarragona.
Questione italiana. Pw Jd 5565-67 – Memorial of Mr de Turris on the views of
Italy towards independence (14 August 1811). 6233-6234 Mr Sario’s plans for
Italy. 5938 Proclamation by Marshall Bellegarde to people of Italy (5 February
1814). 5946 Bentinck’s proclamation to to the Italians (14 March 1814). 6013
Memorandum by Bentinck on Italian Constitution (15 May 1814). 6126 Extracts
from dispatches from Castlereagh (9-22 January 1815). 6127 Memoir on
Parte III - Le legioni anglo-italiane 296

proclamations issued by Bentinck at Leghorn and Genoa (1 March 1815). 6179


Mem. on Sardinia. 6218 Mem. on Piedmont.
Campagna del 1814. Pw Jd 5953-5963 Some account of proceedings at Reggio,
Verona and Bologna with Murat, Bellegarde etc. (March 1814). 5952/1-7 Reports
on siege of Santa Maria (30-31 March 1814). 5976 Return of killed, wounded and
missing of the allied British and Sicilian force before Genoa between 13 and 17
April 1814. 5973 State of French Garrison at Genoa (15 April 1814). 5977-5978
Plan of attack on Genoa (17 April 1814). 6140 Grant of prize to the captors of
Genoa (1 August 1815). 6077 Original plans of operations of Count Neippeg. 6092
Note on combined operations of corps of Bentinck and Count Nugent. 6076
Statement on capture of Ft Richelieu. 6091 Return of reinforcements received by
the Franch. 5979 e 5982 Capitulation of Genoa and articles additional (18 and 20
April 1814). 5988-5989 Austrian project of a convention with Price Borghese (22
April 1814). 5995 Convention between governor of Gavi and Count de la Tour (24
April 1814).
Questione Genovese: Pw Jd 5666 Papers relating to Genoa (4 October 1812).
6006, 6011 Requests to Bentinck and Note to Castlereagh by the Genoese
government (29 April and 11 May 1814). 6068-6069 Proclamations. 6072
Memorandum by Dalrymple on future of Geona. 6080 Adress from people of
Liguria to Bentinck. 6082 Mem. for marquis de Brignole. 6083 Mem. on
conditions of reunion of Genoa and Kingdom of Sardinia. 6088 Mem. on proposed
lines of Genoese frontier. 6089 Mem. By Dalrymple on future limites of the
Genoese state. 6235 Papers relating to Genova from M. Brignole. 6236 Mem. on
Genoa.
Piazzeforti di Genova e Savona. Pw Jd 5999 – Return of engineer store at
Genoa (27 April 1814). 6012 and 6129 Report on defenses of Genoa (11 May
1814 and 26 April 1815). 6029 Report on Savona (May 1814). 6015 e 6023-27
Note and Papers relating to Island of Capraia (17 May 1814). 6128 Brigading of
the army proposed for embarkation (21 April 1815).
Intelligence. Pw Jd 5655-5656 e 5661-5664 Secret service receipts and accounts (24
June – 3 November 1812). 5855-5597 Intelligence.
Proclami e diari di Bentinck. Pw Jd 5996-5998, 6001, 6005, 6007, 6030-36 –
Proclamations. 6093-6125 Proclamations and addessses (1811-14). 6454 Diary
1811. 6254-6264 Jornal ( January 1812-1 May 1814).

Bibliografia
ATKINSON, C. T. «The Foreign Elements in the British Army 1793-1815», in Journal
of the Royal United Service Institution, LVIII, March 1914. ID., «The British capture
of Genoa, 1814», ibidem, LX, November 1915.
AUSTRIA ESTE, Francesco d’, Descrizione della Sardegna (1812-13), a cura di Giorgio
Bardanzellu, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Le fonti, Roma, 1934.
BIANCO, Giuseppe, La Sicilia durante l’occupazione inglese (1806-1815), Palermo,
Alberto Reber, 1902.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 297

BUNBURY, Sir Henry Edward, A Narrative of military transactions in the


Mediterranean 1805-1810, London 1851. ID., Narrative of Some Passages in the
Great War with France from 1799 to 1810, London, 1927.
CAPOGRASSI, Antonio, Gl’Inglesi in Italia durante le campagne napoleoniche. Lord W.
Bentinck, Bari, Laterza, 1949.
CASTLEREAGH, Robert Stewart, Correspondance, Despatches and other Papers of
Viscount of Castlereagh, Second Marquess of Londonderry, edited by his brother,
Charles William Vane, Marquess of Londonderry, Third series (Military and
diplomatic), London, John Murray, 1853, 9th vol., pp. 147-8, 513.
CELIA, S., «Brunazzi, fra Giacomo», in Dizionario Biografico degli Italiani, Istituto
dell’Enciclopedia Italiana, Roma, XV, 1972, pp. 530-31. ID., «Catinelli, Carlo»,
ibidem, XXII, 1979, pp. 388-90.
CHAPLIN, Arnold, Thomas Shortt (principal medical officer in Saint Helena), with
Biographies of Some Other Medical Men Associated with the case of Napoleon from
1815 to 1821, Stanley Paul, 1914.
CHARTRAND, René e Patrice COURCELLE, Emigré & Foreign Troops in British Service
(2), 1803-15, Serie “Men-at-arms” No. 335, Osprey Military, 2000.
COW, John, Remarks on the Manner of Fitting Boats for Ships of ar and Transports:
Addressed to the Officers, W. Clowes, 1943, p. 35 (sull’impossibilità di sbarcare
artiglierie sulla spiaggia presso Livorno, «which was the sole cause of the failure of
the enterprise» del dicembre 1813).
CRAWLEY, C. W., «England and the Sicilian Constitution of 1812», in English
Historical Review, 55, No. 218, April 1940, pp. 251-274.
CROCIANI, Piero, «Reparti anglo-italiani nelle guerre napoleoniche», in Studi storico-
militari 1988, pp. 9-24. ID., «Italiani dall’altra parte», in Vittorio Scotti Douglas
(cur.), Gli italiani in Spagna nella guerra napoleonica (21807-1813). I fatti, i
testimoni, l’eredità, Atti del convegno internazionale di “Spagna contemporanea”,
Novi Ligure, 22-24 ottobre 2004, Alessandria, Edizioni Dell’Orso, 2006, pp. 191-99
(sulla Leva italiana pp. 198-99).
CURATO, Federico, «Le relazioni diplomatiche tra la Gran Bretagna e il regno di
Sardegna», in American Historical Review, 75, No. 4 (1970).
CUST, Edward, Annals of the Wars of the Nineteenth Century, compiled from the most
Authentic Histories of the Period, London, J. Murray, 1863, IV (1813-15), p. 139-40
(“Naval Operations on the Italian Coast”).
Enciclopedia Militare, Il Popolo d’Italia, Roma, 1930 (voci “Andreis”, “Ciravegna”,
“Milliet de Faverges”, “Righini”).
FIELD, Cyril, Britain’s Sea Soldiers: a history of the Royal Marines and heir
predecessors, The Lyceum Press, 1924.
GALLAVRESI, Giuseppe, Le maréchal Sallier de la Tour. Mémoires et lettres, Torino,
Bocca, 1917.
GATES, David, The Spanish Ulcer. A History of the Peninsular War (1986), Da Capo
Press, 2001.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 298

Gli Ufficiali del periodo napoleonico nati nello stato pontificio. Elenco compilato su
documenti a cura dell’Archivio di stato di Roma, Milano – Napoli – Roma, Società
Editrice Dante Alighieri di Albrighi Segati & C., 1914.
GOULD, Robert W., Mercenaries of the Napoleonic Wars, Tom Donovan, Brighton,
1995, pp. 23-24 (“Anglo-Italian Legion”).
GREGORY, Desmond, Sicily. The Insicure Base. A History of the Bitish Occupation in
Sicily, 1806-1815, London and Toronto, Associated University Press, 1988.
GREGORY, Desmond, Napoleon’s Jailer, Lt Gen Sir Hudson Lowe, A Life, Farleigh
Dickinson Univ. Press, 1996.
HANSARD, T(homas) C(urson), The Parliamentary Debates from the Year 1803 to the
Present Times (April 10, 1815, “Army Extraordinaries”), XXX, London, 1815, pp.
481-82 (risposta del cancelliere dello scacchiere ad un’interrogazione parlamentare
sulle 10.000 sterline concesse a Lord Bentinck per l’Italian Levy).
La Gazzetta di Genova, 1814-15
LORIOT, Jean Pierre, «Les affaires de Viareggio et de Livourne Décembre 1813», in Le
Bivouac, 1990/4.
MACKESY, Piers, The War in the Mediterranean 1803-1810, London–New York–
Toronto, Longmans, Green & Co., 1957.
MARTINI, Pietro, Storia della Sardegna dall’anno 1799 al 1816, Cagliari, Tip. Di A.
Timon, 1852.
MONTELEONE, Renato, «L’influsso inglese nell’Italia napoleonica e il Progetto
dell’Unione e Indipendenza di A. Turri con riferimento al Trentino», in Studi
Trentini di scienze storiche, 38, N. 1, 1959.
MORELLI, Emilia, Italia e Inghilterra nella prima fase del Risorgimento, catalogo della
mostra tenutasi presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra (dicembre 1951 –
gennaio 1952), Roma, Poligrafico dello Stato, 1952, pp. 71-82 (carteggio Alessandro
Turri – W. Hill e Lord Bentinck).
MAXWELL, Montgomery, My Adventures, London, Henry Colburn Publisher, 1845, II,
p. 144-5.
National Archives (Kew) – Accounting Office: AO1 Army – Foreign Corps – Roll 805
(Capt L. Pauli, Inspector of the Italian Levy 25 Mar. 1815 – 26 Apr. 1816). War
Office: WO 1/898-901 (Foreign Recruiting). WO 12/11623 (Foreign Corps
Detachment 5th Bataillon 60th Rifles). WO 25/3213 Estimates for Foreign Corps
1793-1815. 43/32/15812 (Deserters from the French Army in Spain). WO 67/168 e
169 (two manuscript Foreign Army Lists containing details of foreign and mercenary
units which are missing from the printed Army List of the period). WO 122/2/1-8
(Discharge documents of foreign pensioners). Guida al fondo: Michael Roper, The
records of the War Office and related dependences 1660-1964, PRO Lists and
indexes, supplementary series, Handbook 29, 1998.
OMAN, Sir Charles, A History of the Peninsular War (1922), London, Greenhill Books,
2005, Vols. V (pp. 342-7, 386, 408, 499, 565, 610), VI (pp. 222-3, 275-98, 310-3,
520-1, 748-50, 762) e VII (pp. 67, 81-5, 96-109, 532-3).
PASTORE, Mario, La legazione sarda a Londra (1730-1860), Ministero degli Affari
Esteri, Indice dell’Archivio storico, vol. IV, Tip. Riservata del MAE, 1952.
Parte III - Le legioni anglo-italiane 299

PINELLI, Ferdinando, Storia militare del Piemonte in continuazione di quella del


Saluzzo, cioè dalla pace di Aquisgrana sino ai dì nostri, Epoca seconda, dal 1796 al
1831, Torino, T. Degiorgis Libraio-editore, 1834, II, pp. 384 ss. e 391 ss.
PROUDFOOT, «On the Endemic Fevers in Spain», in The Edinburgh Medical and
Surgical Journal, XC, 1827, p. 32.
PUCCEMULTON, Domenico, «Giornale della guerra combattuta nella parte orientale
della Spagna dall’esercito Anglo-Napolitano comandato da Lord Bentinck», in
Antologia Militare, I, 1835, N. 1, pp. 161-191; «Giornale della spedizione in
Catalogna eseguita dalle milizie anglo–ispano–sicule», ibidem, VII, 1841, N. 15, pp.
199-214; «Continuazione del Giornale», ibidem, VIII, 1842, N. 16, pp. 198-212.
Recueil des Traités, Conventions et Actes diplomatiques concernant l’Autriche et
l’Italie, Paris, Amyot, 1859, pp. xiii-xiv (proclamation du général Nugent,
Ravenna, 10 décembre 1813. proclamation du général Bentinck, Livourne, 14
mars 1814).
RILEY, J. P., Napoleon and the World War of 1813. Lessons in Coalition Warfighting,
London, Frank Cass, 2000.
RODOLICO, Nicolò, Carlo Alberto, Principe di Carignano, Firenze, Le Monnier, 1931.
ROSSELLI, John, Lord William Bentinck and the British Occupation of Sicily 1811-1814,
Cambridge U. O. 1956 (recensione di Rosario Romeo nel Journal of Modern
History 30, No. 2, june 958, 145-147: trad. italiana Sellerio di Girgenti, Palermo,
2001).
ROSSELLI, John, Lord William Bentinck: The Making of a Liberal Imperialist, 1774-
1839, University of California Press, 1974.
SCHIAVO, Vittorio, «Notizie intono alla formazione di una legione piemontese in
Inghilterra in età napoleonica», in Studi piemontesi, XVIII, 1989, fasc. 2, pp. 641-49.
SCHIAVO, Vittorio, «Cenni sui prigionieri piemontesi nel Regno Unito», in Studi
piemontesi, XIX, 1990, fasc. 2, pp. 441-45.
SPADONI, Domenico, Carlo Comelli de Stuckenfeld e il trono de’ Cesari offerto a Casa
Savoia nel 1814, L’Aquila, Officine Grafiche Vecchioni, 1927.
The Annual Register, or a view of the History, Politics and Literature, for the Year
1814, London, Baldwin, Craddock and Joy, 1815, pp. 147-152 (sbarco a Livorno)
The Annual Register, or a view of the History, Politics and Literature, for the Year
1815, a cura di Edmund Burke, 1824, pp. 206-09 (impiego a Marsiglia).
The Gentleman’s Magazine and Historical Chronicle. From January to June, 1814, vol.
84 (being the Seventh of a New Series), by Silvanus Urban, Part 2, London, Nichols,
Son and Bentley, 1814, p. 184 (Livorno).
The Royal Military Calendar or Army Service and Commission Book (“containing the
services and progress of promotion of the Generals, Lieutenant-Generals, Major-
Generals, Colonels, Lieutenant-Colonels, and Majors of the Army, according to
seniority, with Details of the principal Military Events of the last century”), 3rd
Edition in Five volumes, London, A. J. Walpy, 1820, s. v. “Sir Henry Tucker
Montresor, Knt”, II, pp. 368-70 (spedizione di Genova, 1814).
Parte III - Le legioni anglo-italiane 300

TOWNSEND, Francis, Calendar of Knights: containing Lists of Knights Bachelors,


British Knights of Foreign Orders, W. Pieckering, 1828, pp. 101 (Machlachlan), 114
(Shearman).
VACANI, Camillo, Storia delle campagne e degli assedi degli Italiani in Spagna dal
1808 al 1813, Milano, I. R. Stamperia, 1823; Firenze, A. Carboni, 1827, 6 voll. In-
12° (“orrida contraffazione”); corredata da carte e piante, a cura di Francesco
Longhena, Milano, Paolo Pagnai Tip. Ed., 1845, 3 voll.
VILLETTE CHIVRON, Théophile de, Relation militaire des principaux mouvements et
combats de l’armée autrichiemnne commandée par S. E. le baron de Frimont en
1815, Turin, s. d. (1816) [AST, Biblioteca Antica, Mazzo 1., Y.XI.33].
WEIL, Maurice H., «La Cour de Sicile en 1809 par un diplomate anglais», in Revue
d’histoire diplomatique, 9eme année, N. 1, Paris, 1895. ID., Ferdinand IV et le duc
d’Orléans, Paris, 1898. ID., « Les négociations de Ponza », in Correspondances
historiques et archéologiques, N. 59, 5eme année, 25 nov. 1898, pp. 334-347.ID., Le
prince Eugène et Murat, 1813-1814. Opérations militaires négociations
diplomatiques, Paris, Albert Fontemoing, 1902, 5 voll. ID., Joachim Murat. La
dernière année du Règne, Paris, Albert Fontemoing, 1909, 5 voll.
WELLINGTON, Arthur Wellesley, Supplementary Despatches and Memoranda of Field
Marshal Arthur, Duke of Wellington, London, John Murray, 1859-72, pp. 7, 36.
WHITTINGHAM, Ferdinand (ed.), A Memoir of the services of Lieutenant General Sir
Samuel Ford Whittingham, new edition, London, Longmans, Green and Co., 1868.