Sei sulla pagina 1di 17

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

MANDELA, L'INVICTUS
fiorella villa

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

INVICTUS

Invictus (poesia) - Wikipedia


it.wikipedia.org December 22, 2013 Invictus una poesia scritta dal poeta ingleseWilliam Ernest Henley (1849-1903). Il titolo proviene dal latino e significa "non vinto", ossia "mai sconfitto". Fu composta nel 1875 All'et di 12 anni, Henley rimase vittima del morbo di Pott, una grave forma di tubercolosi ossea. Nonostante ci, riusc a continuare i suoi studi e a tentare una carriera giornalistica a Londra. Il suo lavoro, per, fu interrotto continuamente dalla grave patologia, che all'et di 25 anni lo costrinse all'amputazione di una gamba per sopravvivere. Henley non si scoraggi e continu a vivere per circa 30 anni con una protesi artificiale, fino all'et di 53 anni. Henley era amico di Robert Louis Stevenson, che si ispir a lui per il personaggio di Long John Silver ne L'isola del tesoro. La poesia Invictus fu scritta proprio sul letto di un ospedale. La poesia era usata da Nelson Mandela per alleviare gli anni della sua prigionia durante l'apartheid. Per questo anche citata nel film Invictus - L'invincibile, del 2009, diretto da Clint Eastwood con Morgan Freeman e Matt Damon , in cui doppiaggio e titolatura in italiano hanno preferito la traduzione libera di invictus con invincibile, anzich con il significato pi corretto di invitto, imbattuto, indomito.

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

Dal profondo della notte che mi avvolge,

Out of the night that covers me, Buia come un pozzo che va da polo a polo, Black as the pit from pole to pole, Ringrazio qualunque dio esista I thank whatever god may be For my unconquerable soul. Per l'indomabile anima mia. In the fell clutch of circumstance Nella feroce morsa della circostanza I have not winced not cried aloud. Non ho esitato n gridato. Under the bludgeonings of chance Sotto i colpi dascia della sorte My head is bloody, but unbowed. Beyond this place of wrath and tears Looms but the Horror of the shade, And yet the menace of the years Finds and shall find me unafraid.
Il mio capo sanguinante, ma non chino. Oltre questo luogo d'ira e di lacrime Il solo Orrore delle ombre incombe, E ancora il minaccioso scorrere degli anni Mi trova e sempre mi trover senza paura.

It matters not how strait the gate, Non importa quanto stretto sia il percorso, How charged with punishments Quanto piena di castighi sia la vita, the scroll, I am the master of my fate; Io sono il padrone del mio destino; I am the captain of my soul.
Io sono il capitano della mia anima.

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

SIMPLE MINDS: Mandela Day

Simple Minds - Mandela Day (Lyrics)


youtube.com

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

BIOGRAFIA ESSENZIALE
Nelson Mandela nacque il 18 Luglio 1918 nella famiglia reale dei Thembu, una trib di etnia Xhosa che viveva in una fertile valle del Capo Orientale (Sudafrica), in un villaggio di capanne bianche. Sua madre lo partor lungo la riva di un fiume. Il suo nome in lingua Xhosa, Rolihlahla, ha un significato profetico: attaccabrighe. Sar chiamato Nelson solo quando inizier a frequentare il collegio coloniale britannico di Healdtown. Un nome affibbiato dallinsegnante, che sceglieva nomi inglesi a caso per i ragazzini sudafricani, al posto degli impronunciabili appellativi tribali. Forse il nome di Mandela ispirato allammiraglio britannico Lord Nelson. Gli anni 30 sono stati un periodo difficile per il Sudafrica, con deportazioni, leggi restrittive per gli spostamenti interni e altri provvedimenti di segregazione. Mandela frequentava lUniversit di Fort Hare quando emerse la sua forza di volont e la sua indignazione per lingiustizia: fu espulso dalluniversit nel 1940 per aver guidato una manifestazione studentesca insieme a Oliver Tambo. Era gi chiaro che nessuno era in grado di dire a questo giovane come doveva comportarsi. Tornando al suo villaggio, quando scopr che il suo capotrib aveva deciso che era giunto per lui il tempo di sposare una ragazza del suo rango e che era gi stata pagata la dote, Nelson Mandela scapp a Johannesburg. A 22 anni trov lavoro come guardiano alle Miniere della Corona di Johannesburg, con fischietto e manganello. In contrasto con le sue nobili aspettative, gli uffici della miniera erano baracche di lamiera arrugginita in unarea brutta e spoglia, con lo stridulo rumore dei montacarichi, delle trivelle, e i remoti boati della dinamite. Il contrasto rispetto alla sua tranquilla vita di campagna deve essere stato scioccante, e Mandela verific rapidamente la realt della miseria opprimente e dello sfruttamento disumano dei suoi compagni lavoratori. La politica cominci a giocare un ruolo molto significativo nella sua vita. Mossi dallumiliazione e dalle sofferenze della loro gente, e offesi dalle leggi sempre pi ingiuste e intollerabili, nel 1944, Nelson Mandela, Walter Sisulu e Oliver Tambo insieme ad altri costituirono la Lega Giovanile dellANC (African National Congress), e in pochi anni Mandela ne divenne presidente. Con ambizione e determinazione, complet i suoi studi di legge e con Tambo avvi il primo studio legale per i neri. Cos cominci la pericolosa e appassionata vita totalmente dedicata alla lotta contro i mali dellapartheid. Mandela si dedic anima e corpo a condurre una campagna non violenta di disobbedienza civile, aiutando ad organizzare scioperi, marce di protesta e manifestazioni, incoraggiando la gente a rifiutarsi di obbedire alle leggi discriminatorie. La rabbia della gente cresceva e si scatenava la repressione. Mandela fu arrestato per la prima volta nel 1952. Fu assolto, ma seguirono successive vessazioni, arresti e detenzioni, culminati nellinfame Processo di Treason del 1958. Nello stesso anno,

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

Mandela spos Winnie. Ben quattro anni dopo linizio del processo, dette la sua appassionata e articolata testimonianza; fu giudicato non colpevole e venne scarcerato. Fino ad allora, aveva cercato di mantenere la pratica legalitaria, ma dopo il processo, di fronte alle crescenti repressioni e la messa a bando dellANC, la lotta armata divent lunica soluzione. Fu cos che Mandela sacrific la sua vita privata e la sua pratica legale e si dedic allinsurrezione armata. Nel 1962 Mandela fu arrestato di nuovo per alto tradimento e fu condannato a cinque anni di carcere. Li scont sapendo di non essere colpevole di alcun crimine: era divenuto un criminale per la legge, non per ci che aveva fatto ma per quello in cui credeva. Mentre scontava la condanna, fu di nuovo accusato di sabotaggio al processo di Rivonia. La sua eloquente e appassionante arringa, durata 4 ore, fin con le famose parole: Ho nutrito lideale di una societ libera e democratica, in cui tutte le persone vivono insieme in armonia Questo un ideale per cui vivo e che spero di realizzare. Ma se necessario, unideale per il quale sono pronto a morire. Nel 1964 Nelson Mandela fu giudicato colpevole di sabotaggio e alto tradimento e fu condannato con i suoi compagni alla punizione suprema: ergastolo a Robben Island, quellisolotto piatto in mezzo alle onde delloceano Atlantico (di fronte a Citt del Capo, ndt), che rappresenta in maniera pi completa di qualsiasi altro pezzo di terra sudafricana laspetto detestabile degli ultimi tre secoli di storia del Sudafrica. L, in una cupa giornata nuvolosa, sferzato dal freddo vento invernale, Mandela si trov di fronte due severe guardie armate, che gli ordinarono di spogliarsi e di rimanere nudo in piedi fuori dalla vecchia prigione di pietra e poi gli fecero indossare la semplice uniforme kaki del carcere di massima sicurezza. I precetti dellapartheid si estendevano anche allabbigliamento: al fine di ricordare ai prigionieri neri che erano dei ragazzini, venivano costretti ad indossare pantaloni corti, una maglietta, una casacca di tela e scarpe senza calzini. I compagni di prigionia indiani avevano invece pantaloni lunghi e calzini. Allet di 46 anni, Nelson Mandela entr per la prima volta nella piccola, angusta cella nella Sezione B, che sarebbe stata la sua casa per molti anni a venire. Cerano una piccola finestra con le sbarre e una porta spessa di legno coperta da una inferriata di metallo. La cella era cos piccola che il prigioniero poteva percorrerne la lunghezza in tre passi, e quando si coricava non aveva spazio per distendersi completamente. Robben Island era senza dubbio il luogo pi duro e spietato del sistema penale dellapartheid sudafricano. Ai prigionieri era permesso di scrivere e ricevere solo una lettera e una visita ogni sei mesi: un isolamento in un vero e proprio inferno privato. Per riempire le giornate, erano sottoposti a lavori forzati: spaccare con grandi mazze carichi di pietre per trasformarle in ghiaia, e poi lavorare come schiavi nel calore della vicina cava di calcare, bianco accecante sotto il sole. Non era consentito parlare e chi fischiettava era punito. La vita era tremendamente dura. Cominci cos una nuova e diversa battaglia, quella per migliorare le condizioni di prigionia, terribilmente ingiuste e disumane. Prima di tutto, bisognava occuparsi della questione dei pantaloni: a nessuno piace essere chiamato pantaloni corti, tanto meno a Nelson Mandela. Dopo mesi di discussioni e proteste ufficiali, un giorno un paio di vecchi pantaloni kaki fu

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

bruscamente gettato sul pavimento della sua cella, ma egli si rifiut di indossarli fino a che i suoi compagni di prigione neri non avessero ottenuto la stessa concessione. Ci furono anche altre battaglie: per luguaglianza nei pasti, per il diritto di indossare occhiali da sole nelle cave di calcare, e per avere nelle celle sgabelli a tre gambe, per far sedere i prigionieri esausti quando studiavano a tarda sera sui corsi per corrispondenza. Mentre otteneva tutte queste piccole vittorie, Nelson Mandela non dimenticava la battaglia pi importante, e - nonostante che gli anni passassero inesorabilmente - il mondo non si dimenticava di lui. A met degli anni 80 la crescente condanna internazionale port a colloqui segreti tra il governo e Mandela e finalmente, l11 Febbraio 1990, egli fu incondizionatamente liberato. Nessuno lo vedeva in fotografia da 27 anni; questo uomo alto, magro e distinto si trovava improvvisamente di fronte alla grande folla venuta a salutarlo. Si pu immaginare lo shock di Mandela, immerso in una arena pubblica di questo tipo dopo anni trascorsi virtualmente in silenzio. Durante la sua carcerazione, sua madre e suo fratello erano morti, i suoi 5 bambini erano diventati adulti, sua moglie era unestranea e, ovviamente, la tecnologia aveva fatto passi da gigante. Ironia della sorte, questi anni orribili in prigione sono stati un arricchimento: Nelson Mandela la prova vivente del trionfo dellanimo umano contro avversit e privazioni insopportabili. Nonostante 27 anni lunghi e bui di privazioni e di prigionia repressiva, pur avendo assistito a casi estremi di crudelt, dolore, sofferenza e disperazione, in qualche modo questo uomo meraviglioso uscito nobilitato, indomito e ostinato, rafforzato nella sua volont di combattere sempre di pi contro lapartheid. Alz la sua mano destra verso la folla, e si ud un boato che lo riemp di gioia indescrivibile. Quando finalmente usc dai cancelli del carcere, Mandela sent che, allet di 71 anni, la sua vita stava cominciando di nuovo. Era davvero come se egli avesse passato questi anni di prigione conservando con cura le sue energie, che gli sarebbero servite per sorridere nei turbini di flash dei fotografi, per fare nuove strategie con lANC, per negoziare con i politici intransigenti, per socializzare con le personalit pubbliche, e per dare a ciascuno dei suoi numerosi sostenitori un pezzettino di Nelson Mandela. Cos tornava nel trambusto della politica mondiale. Nel 1990 lANC ha sospeso la lotta armata dopo circa 30 anni, e lanno successivo Mandela ne diventato Presidente e si unito al governo e agli altri partiti politici nei negoziati per il futuro del Sudafrica postapartheid. Nel 1992 Nelson Mandela si separato dalla moglie Winnie, dopo alcune divergenze politiche e molte speculazioni giornalistiche. Il perdono divent la sua arma principale. Cerc la riconciliazione con il Presidente F.W. De Klerk, e insieme a lui nel 1993 ricevette il Premio Nobel per la Pace per il comune impegno nella promozione di un Sudafrica democratico. Un governo provvisorio di unit nazionale, una costituzione democratica, una frenetica campagna per le elezioni presidenziali, la vittoria dellANC alle prime elezioni interraziali del paese e, nel Maggio 1994, lelezione di Nelson Mandela a Presidente. In

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

modo sorprendente, egli dette un ricevimento per le vedove dei politici che lo avevano imprigionato e pranz con il magistrato che sosteneva la sua impiccagione dopo che era diventato Presidente. Mandela si preoccupava della costruzione della Nazione e faceva ogni sforzo possibile per fugare le paure delle minoranze in Sudafrica. Era linizio del suo nuovo ruolo di negoziatore e intermediario per la pace e la riconciliazione. Lungi dal cercare vendetta per quegli anni lunghi e solitari, il suo desiderio di libert per il suo popolo divenuto desiderio di libert per tutti, neri e bianchi. Grazie a questo impegno, la nuova costituzione sudafricana bandisce la discriminazione nei confronti di tutte le minoranze. Il 18 Luglio 1998, il giorno del suo ottantesimo compleanno, Nelson Mandela ha di nuovo preso tutti di sorpresa sposando la sua attuale moglie, Graca Machel, vedova del defunto Presidente del Mozambico Samora Machel. Nella sua vita, Mandela ha avuto tre mogli, che hanno dovuto competere con la politica, la prigione e la pubblica piazza per ottenere lattenzione del marito. Alla fine dei conti, ora Mandela ha 30 nipoti e 6 pronipoti. Gi nel 1994, allepoca delle prime elezioni libere in Sudafrica, Mandela era dellidea che non fosse opportuno fare il Presidente allet di 76 anni. Dovette essere convinto, ma fin dallinizio ha voluto mettere in chiaro che avrebbe portato a termine un solo mandato. Nelson Mandela si ritirato ufficialmente dalla vita pubblica nel 1999, ma non ha mai interrotto la sua misericordiosa azione umanitaria, portando la sua instancabile battaglia per la pace e la comprensione umana oltre i confini del Sudafrica. Mandela muore Il 5 Dicembre 2013 nella sua casa di Johannesburg. } Fondazione Mandela mandelaforum.it March 21, 2013

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

APARTHEID
L'apartheid (lingua afrikaans, letteralmente "separazione") era la politica di segregazione razziale istituita nel dopoguerra dal governo di etna bianca del Sudafrica, rimasta in vigore fino al 1993. L'apartheid fu dichiarato crimine internazionale da una convenzione delle Nazioni Unite, votata dall'assemblea generale nel 1973 ed entrata in vigore nel 1976 ( International Convention on the Suppression and Punishment of the Crime of Apartheid ), e fu successivamente inserito nella lista dei crimini contro l'umanit.

Origini
Il termine apartheid fu usato in senso politico per la prima volta nel 1917 dal primo ministro sudafricano Jan Smuts, ma solo dopo la vittoria del Partito Nazionale anche nelle elezioni del 1948 l'idea venne trasformata in un sistema legislativo compiuto. I principali ideologi dell'apartheid furono i primi ministri: Daniel Franois Malan (in carica dal 1948 al 1954), Johannes Gerhardus Strijdom (dal 1954 al 1958) e Hendrik Frensch Verwoerd (vero e proprio "architetto dell'apartheid", in carica dal 1958 fino al suo assassinio nel 1966). Quest'ultimo definiva l'apartheid come "una politica di buon vicinato". L'apartheid aveva due manifestazioni la separazione dei bianchi dai neri nelle zone abitate da entrambi (per esempio rispetto all'uso di mezzi e strutture pubbliche); l'istituzione dei bantustan, i territori semi-indipendenti in cui molti neri furono costretti a trasferirsi. In Sudafrica, mentre i neri e i meticci costituivano l'80% circa della popolazione, i bianchi si dividevano in coloni di origine inglese ed afrikaner. Gli afrikaner, che costituivano la maggioranza della popolazione bianca, erano da sempre favorevoli ad una politica razzista; mentre i sudafricani di origine inglese, malgrado il sostanziale appoggio dell'apartheid, erano pi concilianti nei confronti dei connazionali neri. Durante la seconda guerra mondiale un gruppo di intellettuali afrikaner influenzati dal nazismo complet la teorizzazione del progetto dell'apartheid. La filosofia dell'apartheid affermava di voler dare ai vari gruppi razziali la possibilit di condurre il proprio sviluppo sociale in armonia con le proprie tradizioni. Pi tardi venne creata un'organizzazione segreta per promuovere gli interessi degli afrikaner. Istituzione dell'apartheid L'apartheid prese definitivamente forma nel 1948. Le principali leggi che costituivano il sistema erano:

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

proibizione dei matrimoni interrazziali; legge secondo la quale avere rapporti sessuali con una persona di razza diversa diventava un fatto penalmente perseguibile; legge che imponeva ai cittadini di essere registrati in base alle loro caratteristiche razziali (Population Registration Act); legge che permetteva di bandire ogni opposizione che venisse etichettata dal governo come "comunista" (usata per mettere fuorilegge nel 1960 l'African National Congress (ANC), la pi grande organizzazione politica che includeva i neri, di stampo socialista, ma non comunista); legge che proibiva alle persone di diverse razze di entrare in alcune aree urbane; legge che proibiva a persone di colore diverso di utilizzare le stesse strutture pubbliche (fontane, sale d'attesa, marciapiedi, etc.); legge che prevedeva una serie di provvedimenti tutti tesi a rendere pi difficile per i neri l'accesso all'istruzione; legge che sanciva la discriminazione razziale in ambito lavorativo; legge che istituiva i bantustan, ghetti per la popolazione nera, nominalmente indipendenti ma in realt sottoposti al controllo del governo sudafricano; legge che privava della cittadinanza sudafricana e dei diritti a essa connessi gli abitanti dei bantustan. legge che costringeva la popolazione nera a poter frequentare i quartieri della gente "bianca" solo con degli speciali passaporti Nel 1956 la politica di apartheid fu estesa a tutti i cittadini di colore, compresi gli asiatici. Negli anni '60 3,5 milioni di neri, chiamati bantu, furono sfrattati con la forza dalle loro case e deportati nelle "homeland del sud". I neri furono privati di ogni diritto politico e civile. Potevano frequentare solo l'istituzione di scuole agricole e commerciali speciali. I negozi dovevano servire tutti i clienti bianchi prima dei neri. Dovevano avere speciali passaporti interni per muoversi nelle zone bianche, pena l'arresto.

La lotta contro l'apartheid

In un primo tempo sia neri che bianchi organizzarono proteste contro l'apartheid, in genere brutalmente soffocate dalle forze di sicurezza governative. Nei primi anni sessanta l'ala armata dell'ANC, inizi a usare la forza, limitandosi per ad azioni di sabotaggio contro obiettivi strategici come centrali elettriche e altre infrastrutture. Nel 1975, i burocrati decisero di fare rispettare una legge a lungo dimenticata: ogni norma doveva essere scritta in lingua afrikaans. La legge fu estesa a tutte le scuole,

10

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

imponendo che le lezioni fossero tenute met in inglese e met in afrikaans. Forti furono anche le pressioni internazionali, anche nel mondo dello sport; infatti a causa dell'apartheid il Sudafrica fu escluso fino agli anni ottanta dalle partecipazioni alle Olimpiadi. Inoltre ci fu il boicottaggio africano alle Olimpiadi del 1976, come protesta perch la nazionale di rugby neozelandese aveva giocato alcune partite con la squadra sudafricana.

Fine dell'apartheid
La liberazione di Nelson Mandela, avvenuta nel 1990 dopo 27 anni di prigionia, e la sua successiva elezione a capo dello Stato decretarono la fine dell'apartheid. Le elezioni del 1994 videro la schiacciante vittoria dell'ANC con il 62,65% dei voti, al di sotto per della soglia dei due terzi necessaria per modificare la costituzione. Da allora l'ANC governa ininterrottamente il paese, prima con Nelson Mandela e oggi con Jacob Zuma. La Commissione per la Verit e la Riconciliazione, istituita nel 1995, si occupata di raccogliere testimonianze sulle violazioni dei diritti umani e ha concesso l'amnistia a chi confessasse spontaneamente e pienamente i crimini commessi agli ordini del governo. Il Sudafrica post-apartheid, aggiungendo nove lingue africane, ha portato il totale degli idiomi ufficiali a undici. Un altro gesto del nuovo governo stato l'abbattimento dell'arsenale bellico sudafricano. L'anniversario delle elezioni del 27 aprile giorno festivo in Sudafrica, la Festa della Libert.

11

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

I GRANDI DEL MONDO PER MANDELA


I Grandi del mondo per Mandela: stretta di mano tra Obama e Castro L'emozione. La commozione. La folla. La pioggia battente. Il dolore, l'amore, l'omaggio. E la stretta di mano - quella tra l'America e Cuba - che L'Avana definir di l a poco un "gesto di speranza" e che segner, a suo modo, una giornata interamente dedicata a celebrare colui che, con una sola parola, stato definito "gigante". Perch "le idee non possono essere rinchiuse tra le mura di una prigione, o essere uccise dalla pallottola di un assassino. Madiba mi ha reso un uomo migliore". Lo ha detto il presidente Usa, Barack Obama, 'salutando' Nelson Mandela durante il proprio intervento commemorativo a Johannesburg. Oggi, infatti, il mondo celebra il padre della lotta all'apartheid morto gioved scorso a 95 anni. E lo fa sotto una pioggia battente che si ripercuote - ritardandola - sulla tempistica stabilita. Il maltempo, per, non scalfisce l'euforia della folla anche perch, come ha detto pi d'uno, nella tradizione africana la pioggia 'apre le porte del cielo'. E cos, al memorial organizzato nello stadio di Soweto per omaggiare la figura di Mandela prendono parte 80mila persone pi 91 capi di Stato e di governo. [...] Nel discorso pi atteso della giornata - quello di Obama - il primo parallelo tracciato sar quello con Gandhi e Martin Luther King: perch come loro "Mandela stato un'icona del XX secolo". Il secondo accostamento, invece, quello con Abraham Lincoln: "Seppe tenere insieme il suo Paese che rischiava di spaccarsi". E' dunque un elogio a tutto campo quello reso a 'Madiba' dal presidente Usa. Che dice ancora: "Ringraziamo il Sudafrica per aver condiviso con noi Mandela. La sua lotta stata la nostra lotta. Il suo trionfo, il nostro trionfo. La vostra dignit, la vostra speranza, hanno trovato espressione nella sua vita, e la vostra libert, la vostra democrazia sono il lascito di quest'uomo. Io e Michelle abbiamo beneficiato delle battaglie di Mandela per i diritti civili. Negli Stati Uniti e in Sudafrica c' voluto il sacrificio di innumerevoli persone per risolvere la questione del razzismo. Mandela l'ultimo grande liberatore del XX secolo. Mandela unico e non vedremo mai pi uno come lui". Nel ribadirlo, Obama lancia un appello ai giovani perch ne raccolgano gli insegnamenti.

A ruota, per, improvvisa arriva la sferzata: "Troppi leader nel mondo - dice il numero uno degli Stati Uniti - sono solidali con la lotta di Mandela per la libert, ma non tollerano il dissenso dal proprio popolo". Seduti in platea, tra gli altri, anche il presidente cubano Raul Castro, il vicepresidente cinese Li Yuanchao e il numero uno dello Zimbabwe, Mugabe. Tuttavia, prima di avvicinarsi ai microfoni, Obama ha scambiato qualche breve battuta con Castro. Poi accaduto ci che ha catalizzato l'attenzione: i due si sono stretti la mano dinanzi alla folla oceanica. E' stata la prima volta tra i due capi di Stato e la seconda tra i leader dei due Paesi in oltre 50 anni di storia, dopo il breve scambio di parole avuto da Bill Clinton e Fidel Castro nel 2000, in occasione del 'Millennium Summit' all'Onu. Dal 1960 Washington e
12

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

l'Avana hanno interrotto le relazioni diplomatiche. Ma ora il gesto tra i due nemici della Guerra fredda arriva simbolicamente durante una cerimonia che si concentra sull'eredit di riconciliazione del leader della lotta all'apartheid. I due Paesi hanno di recente compiuto piccoli passi di riavvicinamento, facendo crescere la speranza in una svolta nelle relazioni. Tuttavia, molti sono scettici perch gi in passato segnali simili sono stati valutati troppo positivamente e sono invece caduti nel nulla. Obama ha anche stretto la mano alla presidente brasiliana, Dilma Rousseff, che poco tempo fa ha avuto uno scontro con la Casa Bianca sulle azioni di spionaggio della National security agency (Nsa). La stretta di mano stata interpretata in modo differente da L'Avana e Washington. Cuba parla di svolta storica, Washington di stretta di mano non programmata. Una particolarit: quando Obama ha finito di parlare, in tanti hanno iniziato a lasciare lo stadio. Alla manifestazione l'Italia presente. In Sudafrica volato il premier Letta, secondo cui - lo scrive su Twitter - Mandela stato "un riferimento per tutta l'umanit, per cui un dovere essere qui". A ruota, il messaggio politico: "E' stato un uomo che ha lottato e unito, un grande esempio per la nostra politica e quella europea. Venendo qui si capisce che o l'Europa si unisce o l'Europa non conta niente". Con lui la presidente della Camera, Laura Boldrini. La cerimonia, peraltro, si svolge nella Giornata mondiale dei diritti umani, mentre ad Oslo, sempre oggi, si consegner il premio Nobel per la Pace. E il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon sottolinea: "Questo stadio contiene migliaia di persone, ma non pu contenere il dolore. Il Sudafrica ha perso un padre, il mondo ha perso un caro amico e un mentore. stato uno dei pi grandi insegnanti, insegnava con l'esempio. Lui odiava l'odio, non le persone. Ha mostrato il grande potere del perdono, trattando le persone con il massimo rispetto. Questa stata la sua lezione, che ha condiviso con tutta l'umanit". Dopo Ban e Obama, a intervenire lo stesso Castro. Che definisce Mandela "un simbolo supremo di dignit e di consacrazione incessante alla lotta rivoluzionaria per la libert e la giustizia. Un profeta dell'unit, della riconciliazione e della pace".
(Repubblica.it, 10 dicembre 2013)

13

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

CRONOLOGIA STORICA DEL SUDAFRICA


1487: Bartolomeuo Diaz raggiunge il Capo Tempestoso (Capo di Buona Speranza). 1652: La Compagnia Olandese delle Indie Orientali stabilisce un nuovo insediamento presso l'attuale Citt del Capo. In qesta stazione di rifornimentolavorano circa 90 persone bianche. 1657: La Compagnia Olandese delle Indie Orientali autorizza nove dei suoi dipendenti a stabilirsi liberamente presso il Capo. Questi diventeranno i primi coloni. Per porre rimedio alla carenza di mano d'opera, vengono importati degli schiavi da Batavia e dal Madagascar.k. 1691: L'insediamento coloniale del capo diventa ufficialmente la Colonia del Capo. 1700: I primi bantu raggiungono il fiume Vaal. 1770: Primi incontri tra i neri bantu e i bianchi, presso il fiume Fish a circa 900 km ad est del Capo. 1779: Prime ostilit tra neri e bianchi. Prima delle nove Guerre di Frontiera del Capo (1779-1878). 1795: Prima occupazione del Capo da parte delle forze britanniche, prima che la Francia rivoluzionaria s'impossessasse della colonia. 1806: I britannici prendono il potere presso la Colonia del Capo. 1855: I boeri fondano Pretoria. 1867: La scoperta dei diamanti presso Kimberley e dei giacimenti d'oro nello Witwatersrand suscitano la bramosia degli inglesi. 1879: Guerra anglo-zulu. Gli inglesi vengono sconfitti durante la Battaglia di Isandlwana, ma vinceranno la guerra. 1886: Nel Witwatersrand, a pochi chilometri da Pretoria, viene fondata la citt di Johannesburg. 1899-1902: Seconda guerra boera. Viene sancito il dominio britannico in tutto il Sudafrica e la sconfitta delle due repubbliche indipendenti. In questo periodo nascono i Campi di concentramento, dove morirono pi di 26.000 boeri tra vecchi, donne e bambini. 1912: Quando le leggi segregazioniste vengono attuate a livello nazionale, la popolazione di colore fonda, a Bloemfontein, un movimento dal nome African National Congress (ANC). 1914: Il generale Hertzog ed altri ufficiali boeri fondano il Partito Nazionale (NP). 1924: L'afrikaans diventa la lingua nazionale ed il paese adotta una propria bandiera ed un proprio inno nazionale. 1931: Grande crisi economica. Viene concesso il diritto di voto alle donne bianche. 1939: Il Sudafrica entra in guerraa fianco delle truppe alleate inglesi durante la Seconda guerra mondiale.

14

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

1944: Fondazione della Lega giovanile dell' ANC di Nelson Mandela, Walter Sisulu e Oliver Tambo. 1945: Il Sudafrica membro fondatore delle Nazioni Unite. 1948: Il Partito Nazionale vince le elezioni. Daniel Franois Malan viene eletto primo ministro ed il suo governo composto esclusivamente da Afrikaner. 1949-1954: Approvazione delle principali leggi sull'Apartheid per il predominio della razza bianca. 1955: Redazione della Carta della Libert da parte dei movimenti anti-apartheid. I Meticci perdono la loro rappresentanza parlamentare. 31 maggio 1961 viene proclamata la nascita della Repubblica del Sudafrica. Espulsione dal Commonwealth. Inizio della lotta armata da parte dell' ANC. 1963: Nelson Mandela viene condannato all'ergastolo per terrorismo mentre altri leader dell'ANC vengono condannati a pene detentive inferiori o esiliati. 1975: Indipendenza dell'Angola e del Mozambico. L' esercito ed i servizi segreti sudafricani si schierano a fianco dei ribelli anti-marxisti angolani 1976: Disordini nella township di Soweto contro l' insegnamento obbligatorio dell'afrikaans. La polizia soffoca le manifestazioni studentesche nel sangue. 1977: Stephen Biko, leader del movimento Black Consciousness Movement, viene ucciso dalla polizia. 1979: Il Sudafrica testa il suo primo ordigno nucleare nel deserto del Kalahari. 1984: Viene promulgata la nuova costituzione. A seguito di un referendum, viene costituito un Parlamento tricamerale aperto a indiani e meticci. 1986: Viene decretato lo Stato di emergenza. Nel Natal si verificano scontri tra i vari movimenti di colore. Abolizione delle leggi simbolo dell'apartheid come l'obbligo del passaporto all'interno del paese. 30 settembre: Ronald Reagan nomina di un uomo di colore come ambasciatore USA in Sudafrica. 2 ottobre: Il Congresso degli Stati Uniti d'America, nonostante il veto del presidente Ronald Reagan, vota delle sanzioni economiche al Sudafrica. 1988 : Un accordo di pace sancisce la fine della guerra civile in Angola. Le truppe sudafricane e cubane si ritirano dal paese. 1989 Primo ministro a favore di Frederik Willem de Klerk. 6 settembre: Elezione del nuovo parlamento tricamerale (una camera per i bianchi, una per i meticci e la terza per gli indiani). 1991 : nel mese di giugno, viene formalizzata l'abolizione dell'apartheid. 1992Tramite referendum, il 68% dei bianchi approva i negoziati con l'ANC per una nuova costituzione. 27 aprile: Si svolgono per la prima volta le elezioni politiche multirazziali. 1994: L'ANC vince le elezioni politiche. Nelson Mandela il primo uomo di colore ad essere eletto presidente in Sudafrica e viene formato un governo multirazziale di unit nazionale. Viene adottata una nuova bandiera ed un nuovo inno nazionale e viene riorganizzato il settore amministrativo del

15

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

paese (provincie, distretti ecc.) 1995: Viene formata una Commissione per la verit e la riconciliazione 2001: A Durban si svolge la conferenza mondiale contro il razzismo organizzata dall'ONU. 2006 Il Sudafrica il primo paese del continente africano a legalizzare i matrimoni omosessuali e a dare loro gli stessi diritti delle coppie eterosessuali. Questa nuova legge entrata in vigore il 30 novembre. 2010: Si svolgono in Sudafrica i campionati mondiali di calcio. la prima volta che un paese africano ospita una manifestazione sportiva molto rilevante. 5 dicembre 2013 Muore Nelson Mandela, aveva 95 anni.

16

MANDELA, L'INVICTUS

fiorella villa

SITOGRAFIA - BIBLIOGRAFIA
Wikipedia.org Repubblica.it Mandelaforum.it YouTube

17