Sei sulla pagina 1di 1

Anno 11 Dicembre 2013

Numero 1

notizie dalla scuola materna di Venegono Superiore

Carissimi genitori, qualche piccola considerazione su questo nostro foglio informativo, ormai alla sua XI edizione. Quando si avvicina o si vive in un luogo educativo come la scuola si avverte , quasi fisicamente, qualcosa su cui riflettere, qualcosa da comunicare, qualcosa su cui essere sollecitati.. In fondo per quando si affronta il fatto educativo c sempre la percezione che si tratti non tanto di un problema di bambini ma di un problema di adulti. Di adulti, padri e madri, a cui i bambini guardano. Si, i bambini ci guardano. Anche se sembra che facciano altro, ci guardano ! Guardano ladulto che hanno davanti, il padre, la madre e poi , via via , la maestra, gli insegnanti.. La responsabilit delladulto rispondere alla domanda di significato, di bene, di felicit che nel cuore del bambino che abbiamo davanti. Che, poi, la domanda di tutti. La felicit e la certezza sono le domande del cuore delluomo. E il bambino che domanda, anche nel silenzio, cresce sano quando cresce certo! E la certezza viene dalladulto che gli davanti, che si accompagna a lui, a casa a scuola e poi via via nella vita. Un bambino, un ragazzo cresce quando la sua libert si confronta con una proposta precisa, con un adulto che non gli nasconde ci in cui lui crede, ci per cui vale la pena vivere, ci che per lui importante, vitale, bello. Leducazione non pu essere neutrale: una educazione cio che non presenti alcuna ipotesi, una educazione che non dia una spiegazione di tutta la realt, di ci che esiste, di tutto ci in cui la nostra vita inserita. La realt, infatti. Senza significato perch mai il bambino, il ragazzo dovrebbe appassionarsi, muoversi, coinvolgersi ed essere, quindi, felice ??? Noi vogliamo essere qui con una identit precisa per dare ai bambini che ci guardano quello sguardo che abbraccia tutta la realt e ne dichiara il suo significato: Riprendo le parole che un grande educatore, amico vero dei giovani del nostro tempo, sentiva dire dalla sua mamma , la mattina, andando alla Messa: Come bello il mondo ! Come grande Dio ! Ecco una mamma che con parole semplici ma convinte, certe, stupite, segna la vita del suo bambino per sempre! Ecco, pur nei limiti della nostra umanit, questo il cuore della nostra presenza e del nostro desiderio. Piera Santandrea
paolobustischool presso Scuola dellInfanzia Asilo Infantile Paolo Busti e Maria e Damiano Canziani Venegono Superiore tel. 0331 858067 fax 0331 861815 e-mail asilobusti@libero.it Comitato di Redazione: Piera Santandrea - Emanuela Canziani Maria Grazia Montonati