Sei sulla pagina 1di 2

Lezione 122 (GRE) Gli aggettivi greci della prima classe

Nota In greco ci sono due classe o gruppi di aggettivi. Alla prima classe, che studiamo in questa lezione, appartengono gli aggettivi che si declinano secondo la prima o la seconda declinazione, che abbiamo gi imparato.

Abbiamo gi notato come si presentano i vocaboli greci del vocabolario. Cos, giusto per ripassare, se cerchiamo la parola , troveremo:

, -, ; regno
Sappiamo che larticolo identifica la parola come femminile e che la terminazione (genitivo singolare) ci dice che il vocabolo appartiene alla prima declinazione. Ora, se cerchiamo nel vocabolario la parola , la troveremo definita cos:

, -, -; regale
Cosa notate di diverso? Se avete fatto caso, manca larticolo. Gi questo ci indica che si tratta di un aggettivo. Anche in un vocabolario italiano, c questa differenza. Ad esempio:

Come si nota, per il vocabolo amore indicato sostantivo maschile (s. m.), mentre per amoroso indicato che si tratta di un aggettivo (agg.); anche se dato al maschile, non viene ovviamente indicato il genere, perch ogni aggettivo pu assumere il genere sia maschile sia femminile. Vediamo ora un esempio tratto da un vocabolario greco:

Qui vediamo la differenza tra la il sostantivo (indicato con il suo articolo) e laggettivo (indicato solo con le sue terminazioni del maschile, del femminile e del neutro). Gli aggettivi, esattamente come i nomi, hanno il genere (maschile, femminile, neutro) e il numero (singolare, plurale). Ovviamente hanno anche i casi. Vediamo subito unapplicazione. In Gc 2:8 si parla di legge regale; nel testo greco troviamo: , qui al caso accusativo perch si tratta di complemento oggetto: Se adempite [che cosa?] la legge regale. Il vocabolo legge (, -, ) maschile e qui allaccusativo singolare: anche il suo aggettivo deve essere quindi concordato allaccusativo maschile singolare. Ci sempre, come del resto avviene anche in italiano. Le tre terminazioni stanno anche a indicare che gli aggettivi maschili e i neutri seguono la seconda declinazione, mentre i femminili seguono la prima. Anche per gli aggettivi femminili della prima classe, che seguono la prima declinazione, vale quanto detto circa lalfa pura e impura (lezione 88): Per quanto riguarda i vocaboli che escono in , occorre distingue tra alfa pura e alfa impura. L alfa pura quella che preceduta da oppure da oppure da . Questo spiega perch alcuni aggettivi hanno la terminazione del femminile in , mentre altri la presentano in . Questi ultimi sono quelli che non hanno la desinenza preceduta da oppure da oppure da . Ma, sebbene sia utile saperlo per capire la differenza, non dovete preoccuparvi di ci: c il vocabolario a presentare le terminazioni esatte. Ora, come esempi e come occasione per far pratica, diamo i paradigmi di alcuni aggettivi di uso biblico (che non sarebbe male memorizzare):

, -, -; buono
CASO Nom. Gen. Dat. Acc. Voc. MASCHILE SINGOLARE FEMMINILE NEUTRO MASCHILE PLURALE FEMMINILE NEUTRO

, -, -; piccolo
CASO Nom. Gen. Dat. Acc. Voc. MASCHILE SINGOLARE FEMMINILE NEUTRO MASCHILE PLURALE FEMMINILE NEUTRO

, -, -; giusto
CASO MASCHILE Nom. Gen. Dat. Acc. Voc. SINGOLARE FEMMINILE NEUTRO MASCHILE PLURALE FEMMINILE NEUTRO

Uso degli aggettivi


Gli aggettivi possono essere usati in tre modi distinti: 1. Attributo. Luso attributivo dellaggettivo attribuisce una qualifica (aggettivo qualificativo) al vocabolo cui riferito. Ci sono due sue possibili posizioni in relazione al vocabolo: prima oppure dopo il vocabolo. Esempio: oppure ; entrambe vanno tradotte la buona parola. Si noti che laggettivo immediatamente preceduto dallarticolo definito. 2. Predicato. In questo uso predicativo, laggettivo fa una asserzione sul none di riferimento. Anche qui si hanno due possibili posizioni dellaggettivo: oppure ; entrambe vanno tradotte la parola () buona. Si noti che qui laggettivo non immediatamente preceduto dallarticolo definito. Questa una caratteristica molto importante per linterpretazione del testo greco. 3. Sostantivo. Si tratta delluso sostantivato dellaggettivo. In questi casi laggettivo usato come nome. Cos, , il buono, pu significare il buon (uomo) e pu significare la buona (donna).