Sei sulla pagina 1di 2

Accedi

domenica24 casa24 moda24 motori24 job24

viaggi24 salute24 shopping24

diritto24 altri
tools altri

Italia&Mondo

Norme e Tributi

Finanza&Mercati

Nova24 Tech

Impresa&Territori

Plus24 Risparmi

Commenti&Inchieste

Strumenti di lavoro

Agor Nva100
Ricerca Cerca

dynamo di Elena Comelli

0
Tw eet

5
Recommend

Successivo Precedente Commenti (0) TrackBack (0) 2 luglio 2010 - 12:33

La corsa all'oro nell'Italia Saudita


Li chiamano wildcatters. Spuntano come funghi dopo la pioggia quando il prezzo del petrolio sale e la ricerca di nuovi giacimenti diventa remunerativa anche per i piccoli esploratori, che non possono usufruire di economie di scala, ma hanno la flessibilit del mordi e fuggi. Di solito gente del mestiere, che ha fatto esperienza nelle grandi compagnie petrolifere e ora cerca la fortuna in proprio, come ai tempi della corsa all'oro. In Europa, il loro Eldorado l'Italia, molto meglio del Mare del Nord, dove la trivellazione in acque profonde ha costi proibitivi. Sono prevalentemente australiani, britannici, canadesi o texani, ma sempre coadiuvati da una quinta colonna locale. Le loro societ si chiamano Northern Petroleum o Petroceltic, Mediterranean Gas o Po Valley, a seconda delle zone in cui operano. In Italia ce n' una cinquantina, che trivellano allegramente sotto i nostri piedi senza che nessuno se ne accorga. Nel 2006 sono stati perforati ben 49 pozzi, di cui 34 per raggiungere giacimenti gi scoperti e 15 per cercare nuove riserve. Nel 2007 37, di cui 10 in localit non ancora sfruttate, su un centinaio di concessioni di ricerca. Nel 2008 altri 40. E malgrado la marea nera sulle coste della Louisiana, le trivellazioni continuano. Basta scorrere l'elenco dei titolari di concessione nel bollettino ufficiale della Direzione Generale Energia e Risorse Minerarie del ministero dello Sviluppo Economico, per scoprire anche qualche wildcatter locale. Tra le 52 ditte esploratrici, accanto a Eni, Edison, alle municipalizzate e a multinazionali come Shell, Total, Esso e Bp, figura il geometra Paolo Bonucci, che scava su un terreno di 3 chilometri quadrati a Lizzano in provincia di Bologna, o il signor Maurizio Turchi, che oltre a gestire la sua lavanderia industriale perfora un'area di 670 metri quadri a Trignano nel Modenese. Sono loro i Glenn McCarthy della nuova corsa all'oro all'italiana, anche se assomigliano poco al leggendario texano che tra il '30 e il '40 ci ha preso ben 38 volte, costruendo un impero sul petrolio per poi sperperarlo al gioco. Il mitico capostipite dei wildcatters fu interpretato da James Dean nel film Giant, con Elizabeth Taylor e Rock Hudson, uscito nel '56 quando ormai il povero Jimmy si era gi schiantato con la sua Spider. Pi somiglianti al capostipite della categoria sono i suoi conterranei di Panther Gas, che hanno tentato per anni di sfruttare un giacimento di metano in una delle zone pi trivellate d'Italia, fra Noto e Ragusa, dove l'Eni estrae petrolio. Jim Smitherman, rampollo di una dinastia di petrolieri texani, aveva ottenuto nel marzo 2004 una

concessione dalla Regione Sicilia per esplorare un'area di 700 chilometri quadrati, contigua ai campi dell'Eni fra Modica e Ragusa. Ma l'esploratore yankee ha estratto solo guai dal territorio siciliano, cui era stato introdotto da Guglielmo Moscato, ex presidente dell'Eni e ora consulente indipendente con la sua GM&P, una societ di studi d'ingegneria attiva anche in Kazakhstan. La sua vasta e articolata esperienza non stata sufficiente ad appianare le resistenze incontrate dalle attivit di esplorazione in prossimit dei tesori del barocco siciliano, difesi da Andrea Camilleri con un appello che ha raccolto 70mila firme. Il caso del Val di Noto non un'eccezione assoluta. C' il blocco allo sfruttamento dei giacimenti di metano in Alto Adriatico. E ci sono altre opposizioni sparse lungo la penisola, spesso dovute alla cronica incapacit di comunicazione fra le aziende e gli enti locali. Ma tra un blocco e l'altro il clima da corsa all'oro resta vivo: non stupisce, con i prezzi che corrono... Pozzi se ne trovano nelle zone pi impensate. Basta un po' d'occhio e si scoprono facilmente: dal terreno esce un tubo d'acciaio alto un metro e mezzo con un paio di grosse valvole, di solito recintato in qualche modo per difenderlo dalle macchine agricole o dai vandalismi. Come nel caso del giacimento di Villafortuna, sotto il Parco del Ticino, che stato raggiunto perforando orizzontalmente per sbucare lontano dalle zone protette. Ma non ne mancano neanche nel pieno degli insediamenti urbani: nel quartiere milanese di Lambrate ci sono quattro pozzi di metano trivellati dall'Agip, che arrivano fino a 1.700 metri di profondit. Due sono considerati ancora validi e attingono a un giacimento di gas che si estende sotto i piedi dei milanesi, fra il quartiere dell'Ortica, lo stabilimento dell'Innocenti e la tangenziale. A Roma, a due passi dal Vaticano, ci sono due pozzi di petrolio che si spingono fino a 3mila metri. E di lato al Viale Cristoforo Colombo, non lontano dal raccordo anulare, stato avviato un pozzo esplorativo dall'Italmin. I britannici di Ascent Resources stanno trivellando alla ricerca di gas accanto all'aeroporto di Fiumicino: il loro obiettivo sono gli strati sabbiosi del Pliocene a circa mille metri di profondit. In complesso, il territorio italiano sbucherellato da quasi settemila pozzi alla ricerca di metano e di greggio. Al momento attuale ce n' una sessantina in attivit, per un'area complessiva di quasi ventimila chilometri quadrati. Sotto all'Italia ci sono riserve sicure e documentate ancora da estrarre di 800 milioni di barili di greggio e 150 di metano. Altre, tutte da scoprire, tra i 400 e gli 800 milioni di barili di petrolio e da 120 a 200 miliardi di metri cubi di gas, dicono i geologi. Non sono giacimenti da nababbi del Golfo Persico, ma sufficienti a mettere il Belpaese tra i produttori pi rilevanti. Le riserve scoperte finora dormono nel sottosuolo di una specie di mezzaluna che percorre l'area padana, la costa adriatica per poi tagliare la Puglia e l'Appennino Lucano (dov' nascosto l'Eldorado italiano, la Val d'Agri e Tempa Rossa) fino alla Sicilia. Il grosso dei giacimenti sta in Basilicata, dove si estraggono quasi 80mila barili al giorno sugli oltre centomila della produzione italiana complessiva. In base agli accordi con la Regione, entro il 2012 dai campi di Pisticci e Viggiano si estrarranno 150.000 barili al giorno. Di questi, 20.000 barili proverranno dallo sviluppo delle attivit di Agip nei campi gi attivi in Val dAgri e circa 50.000 dal secondo centro oil, quello di Tempa Rossa, operato da Total (50%), Esso e Shell (25% ciascuna). Ma dall'Italia Saudita stanno emergendo nuove zone interessanti: le pi appetitose per le future scoperte di giacimenti sono al largo della costa ionica della Calabria, la Sicilia occidentale, il braccio di mare tra la Sicilia e Malta. La maggior parte delle perforazioni esplorative attualmente si concentra in Emilia Romagna, Basilicata, Abruzzo, Lombardia e Piemonte. In mare, si cerca soprattutto in Adriatico, Ionio e nel Canale di Sicilia. L ' a n n os c o r s o ,s t a n d oa id a t id e lm i n i s t e r o ,l ap r o d u z i o n ed o m e s t i c ad ip e t r o l i os ia t t e s t a t aa 4 2 , 6m i l i o n id ib a r i l i .L aB a s i l i c a t ac o n t i n u aaf a r l ad ap a d r o n e ,a r r i v a n d oac o p r i r ei l7 4 %d e l l a p r o d u z i o n ep e t r o l i f e r an a z i o n a l ec o nis u o i3 , 2m i l i o n id ib a r i l i .As e g u i r e ,ic a m p io f f s h o r e( c o n u np e s od e l1 3 % ) ,l aS i c i l i a( 9 % )ei lP i e m o n t e( 2 % ) .C o n s i d e r a n d ou np r e z z om e d i oa n n u od i5 1e u r o ab a r i l ep e ri lg r e g g i oi t a l i a n o ,i lv a l o r ec o m p l e s s i v od e lb o t t i n os u p e r ai2 , 1 7m i l i a r d i .Q u a n t o a lg a sn a t u r a l e ,l ap r o d u z i o n ei t a l i a n as t a t ad i9 , 6m i l i a r d id im e t r ic u b i .C o n s i d e r a n d ou n p r e z z om e d i od i2 4 , 5e u r o c e n ta lm e t r oc u b o ,i lv a l o r ec o m p l e s s i v oa r r i v aa2 , 3 3m i l i a r d id ie u r o . I lb i l a n c i od e l l ' a n n oi nc o r s os a r o v v i a m e n t em o l t op i i n t e r e s s a n t e ,v i s t ol ' a u m e n t od e l l e q u o t a z i o n id e lg r e g g i o . Scrivi un commento CATEGORIE: energia RIPRODUZIONE RISERVATA Clicca per Condividere

Commenti Scrivi un commento


Verifica il tuo commento