Sei sulla pagina 1di 754

"Opera eccellente che dovrebbe trovarsi sul tavolo di ogni studioso, qualora si tendesse a restituire alla matematica il posto

che ebbe per duemila anni nel patrimonio intellettuale delle persone colte: il che, come osservano gli autori, auspicabile sotto tanti aspetti. E un libro di elevata divulgazione. ma nel quale persino gli specialisti possono trovare prospettive, scorci, idee di notevole interesse. Le conoscenze presupposte sono quelle del nostro insegnamento liceale. Tuttavia l'opera non pu leggersi come saggio di scienza piu o meno romanzata o agghindata all'Algarotti. Essa richiede una certa maturit e qualche sforzo di pensiero per la penetrazione dei concetti fondamentali. Personalmente sono entusiasta dell'apporto che questo libro d alla campagna che vado conducendo contro il soverchio e pericoloso astrattismo della matematica contemporanea. L'analisi critica dei fondamenti e dei concetti stata ed preziosa, ma essa non deve farci trascurare l'attivit creatrice, che deve procedere con fare pi libero. Applaudo perci vivamente quando leggo che 'la tendenza odierna per la generalit rappresenta soltanto un lato della questione, poich la vitalit della matematica dipende decisamente dalla fisionomia individuale dei problemi e dei metodi'." Francesco Severi