Sei sulla pagina 1di 2

InStoria - Ges storico: indagine attorno a un " problema" - Parte V

Pagina 1 di 2

.
. FILOSOFIA & RELIGIONE

[ISSN 1974-028X]

N. 65 - Maggio 2013 (XCVI)


.

GES STORICO: INDAGINE ATTORNO A UN PROBLEMA PARTE V IL SABATO: QUESTIONE DI POTERE?


.

di Luigi Pezzella

Nella civilt giudaita la festa del sabato inizia col tramonto del venerd e termina col tramonto del sabato. Amos 8,5 fa pensare che il sabato fosse celebrato gi in et preesilica. Il riposo sabbatico svolse, comunque, una funzione centrale per lidentit giudaita, come mostra Ez. 20,12. Per i non giudei, la caratteristica del sabato sta nel divieto di lavorare; in verit il riposo dal lavoro non il culto, ma la condizione per il culto, ovvero per lo studio della Torah e soprattutto per godere del sabato come dono di Dio. In questo periodo si pu parlare con certezza di pratica del riposo sabbatico, a prevedere una mancata osservanza di tale precetto sono soltanto situazioni in cui, per i pi diversi motivi, non ci si pu attenere alla condotta prevista. Allargando un po lorizzonte e contestualizzando gli eventi vediamo che, se analizziamo I Mac.2,31-41, durante la crisi della persecuzione seleucida e della liberazione maccabaica, allora, si stabil che il precetto del sabato in presenza di pericolo di morte soppiantato. Il sabato non deve causare la rovina delluomo, resta da discutere per se vi deve essere pericolo di morte o estrema necessit per soppiantare il riposo sabbatico, il presupposto di Mt 12,11(Ed egli disse loro: Chi tra voi, avendo una pecora, se questa gli cade di sabato in una fossa, non l'afferra e la tira fuori?) senzaltro questo. Se si osservano attentamente i casi discussi dai rabbi ovvio concludere che in caso di dubbio consentito di sabato tutto ci che utile alla salute e alla salvaguardia delluomo, e questo gi prima di Ges. Se prendiamo il Vangelo, tranne che per lepisodio in cui i discepoli raccolgono le spighe di sabato (Mc. 2,23-28), tutti gli altri passi evangelici che hanno al centro il riposo sabbatico sollevano il problema delle guarigioni di Ges in giorno di sabato. Questa centralit dimostra che qui non in questione losservanza o meno del terzo comandamento, quanto soprattutto la figura di Ges e del suo gruppo. Due esempi tratti dai Vangeli. Lepisodio dei discepoli che raccolgono spighe di sabato (Mc. 2,23-28): In giorno di sabato Ges passava per i campi di grano, e i discepoli, camminando, cominciarono a strappare le spighe. I farisei gli dissero: Vedi, perch essi fanno di sabato quel che non permesso?. Ma egli rispose loro: Non avete mai letto che cosa fece Davide quando si trov nel bisogno ed ebbe fame, lui e i suoi compagni? Come entr nella casa di Dio, sotto il sommo sacerdote Abiatr, e mangi i pani dell'offerta, che soltanto ai sacerdoti lecito mangiare, e ne diede anche ai suoi compagni?. E diceva loro: Il sabato stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato! Perci il Figlio dell'uomo signore anche del sabato. Per Stegemann, di per s, stando alla allora contemporanea Legge mosaica raccogliere spighe di sabato permesso, infatti, Deut. 23,26: se entri nel campo di grano del tuo vicino, puoi strappare le spighe con la mano ma non devi entrare con la falce. Questo, oltre a dirci che la Torah disciplina anche la propriet privata in funzione dellidentit collettiva, ci dice anche che se compiuto di sabato con la falce potrebbe apparire come mietitura e quindi lavoro. Si sempre criticata anche lartificiosit delle situazioni che vengono rappresentate. In proposito Sanders, ad esempio, scrive che: non si dovrebbe lasciar passare inosservata lambientazione straordinariamente irrealistica di molti racconti relativi a conflitti, i farisei non si sono di certo organizzati in gruppi per passare il sabato sui campi di grano della Galilea nella speranza di sorprendere qualcuno intento a compiere atti trasgressivi. Nella sua risposta Ges giustifica la loro condotta come situazione di emergenza(avevano fame) e al riguardo si rif a David e ai suoi compagni che trovandosi anchessi in situazione di necessit avevano fatto cosa proibita. Visto cos, il principio di Ges ben incluso nella mentalit giudaita dai Maccabei in poi, cio che il pericolo di morte soppianta il riposo sabbatico. Ges con il passo:il sabato stato fatto per luomo e non luomo per il sabato si colloca nella tradizione interpretativa di cui si detto. Cos anche nellepisodio di Ges che guarisce di sabato la mano inaridita con la sola parola (Mc. 3,1-6): In quel tempo, Ges entr di nuovo nella sinagoga. Cera un uomo che aveva una mano inaridita, e lo osservavano per vedere se lo guariva in

GBE EDITA E PUBBLICA:


.

- Archeologia e Storia
.

- Architettura
.

- Edizioni dArte
.

- Libri fotografici
.

- Poesia
.

- Ristampe Anastatiche
.

- Saggi inediti
. .

EXTEMPORANEA

InStoria.it cerca
by FreeFind

http://www.instoria.it/home/gesu_storico_V.htm

22/05/2013

InStoria - Ges storico: indagine attorno a un " problema" - Parte V

Pagina 2 di 2

giorno di sabato per poi accusarlo. Egli disse alluomo che aveva la mano inaridita: Mettiti nel mezzo!. Poi domand loro: lecito in giorno di sabato fare il bene o il male, salvare una vita o toglierla?. Ma essi tacevano. E guardandoli tuttintorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse a quelluomo: Stendi la mano! La stese e la sua mano fu risanata. E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire. Qui ora ovviamente non se ne fa unindagine medica, ma si analizza il contesto e Ges non fa nessun atto lavorativo di sabato ma attualizza solo la priorit delluomo dettata dalla tradizione e quindi dalla Legge ebraica. In questo contesto Ges si comporta da ebreo, magari come dice Meier un ebreo marginale che radicalizza la Legge, ma non la sovrasta. Inoltre, quale che sia il punto di vista, sbagliato dire Ges ha infranto il riposo sabbatico. In merito a questo argomento da rilevare il modello di Joseph Ratzinger che tocca in modo tangenziale il discorso etnico di Stegemann. Ratzinger dice: Il sabato non solo una questione che riguarda la religiosit dellindividuo, il cuore di un ordine sociale che rende lIsraele Eterno ci che : il popolo che, come Dio nella creazione del mondo, il settimo giorno riposa dalla creazione. Per Ratzinger linterpretazione corrente tende a dire che Ges ha scardinato una prassi legalistica restrittiva introducendo al suo posto una visione pi generosa e liberale, che apre una porta ad un agire ragionevole, commisurato a ogni situazione, ne prova la frase: il sabato stato fatto per luomo e non luomo per il sabato, che rivela una visione antropocentrica dellintera realt, dalla quale risulterebbe evidente uninterpretazione liberale dei comandamenti. Inoltre, Ratzinger concorda con uninteressante posizione di Jacob Neusner, ebreo osservante e rabbino, sulla questione centrale del conflitto. Neusner sostiene che: Ges difende il modo con cui i discepoli calmano la fame, facendo dapprima riferimento a Davide che, con i suoi compagni, nella casa di Dio, mangi i pani dellofferta, che non era lecito mangiare n a lui n ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti. Poi continua: o non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa?. E Neusner commenta: egli e i suoi discepoli possono fare di sabato ci che fanno, perch hanno preso il posto dei sacerdoti nel tempio, il luogo sacro si spostato; esso consiste ora nel gruppo formato dal maestro con i suoi discepoli. Un potere, quindi, in concorrenza con i poteri gi esistenti in Giudea. Il nocciolo della questione non losservanza o meno del precetto sabbatico ma il comportamento di Ges, poich se Ges rimane nellambito della Legge (es. David) e non si scosta totalmente, perch avrebbe dovuto creare questa diatriba il suo comportamento di sabato? E evidente che in discussione la rivendicazione di autorit da parte di Ges. La questione lautorit; unautorit che al di l della sua natura, qualsiasi essa sia, sicuramente entra in collisione con le autorit che facevano parte della casta elitaria del suo tempo. Al lettore non potr sfuggire il ricordo del quesito posto da sommi sacerdoti, scribi e anziani quando decidono di affrontare Ges dopo il gesto della cacciata dei mercanti dal Tempio per rendere loro conto di tutto. Infatti, chiedono a Ges: con che autorit fai queste cose?, la questione lautorit di Ges, essi sentono di aver subto una perdita di prestigio. Interessante anche leggere questi episodi alla luce della questione (affrontata nel precedente articolo) inerente la volont di Ges di abolire o superare la Torah. Ratzinger argomenta: Ges non vuole abolire le finalit del sabato secondo la creazione. Il giusto intreccio di Antico e Nuovo Testamento era ed un elemento costitutivo per la Chiesa: proprio i discorsi del Risorto sottolineano che Ges pu essere compreso solo nel contesto di Legge e Profeti e che la sua comunit pu vivere solo in questo contesto inteso in modo giusto. Tuttavia sarebbe sbagliato qualificare simili tendenze come una giudaizzazione del cristianesimo, poich Israele pone la sua obbedienza ai concreti ordinamenti sociali della Torah in riferimento alla comunit genealogica dellIsraele Eterno. In sintesi, alla cristianit farebbe bene guardare con rispetto a questa obbedienza di Israele e cos cogliere meglio i grandi imperativi del Decalogo.

[REGISTRAZIONE AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA N 577/2007 DEL 21 DICEMBRE]

http://www.instoria.it/home/gesu_storico_V.htm

22/05/2013