Sei sulla pagina 1di 82

Formulario

Fabio Bagarello
Dipartimento di Metodi e Modelli Matematici,
Facolt`a di Ingegneria dellUniversit`a di Palermo.
pagina web: www.unipa.it/

bagarell
e-mail: bagarell@unipa.it
2
Copyright c 2012 Fabio Bagarello. Tutti i diritti riservati.
Questo documento `e libero: pu`o essere ridistribuito e modicato liberamente. [29 aprile
2012]
Indice
1 Funzioni trigonometriche ed iperboliche 1
1.1 formule trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 sulle funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2 Serie, sviluppi e somme 5
2.1 sviluppi in serie di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.2 somme di serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.3 somme nite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3 Equazioni dierenziali 11
3.1 funzioni speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3.2 alcune equazioni dierenziali ordinarie: cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.3 equazioni dierenziali della sica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4 Integrali, limiti e derivate 17
4.1 integrali indeniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4.2 integrali deniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
4.3 trasformate di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
4.4 trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.5 derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.6 limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
5 formulette varie 27
5.1 equazione del secondo grado . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.2 equazione del terzo grado x
3
+a
1
x
2
+a
2
x +a
3
= 0 . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.3 decomposizione in fattori di polinomi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.4 regola della mano destra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.5 poche regole sulla di Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
5.6 disequazioni del secondo grado . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
5.7 disequazioni di grado n . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
3
4 INDICE
5.8 inverso di una matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
5.9 diagonalizzazione di una matrice arbitraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
5.10 teoremi di Gauss, Stokes e Green . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
5.11 propriet`a degli esponenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
5.12 propriet`a dei logaritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
5.13 cambio di variabili nellintegrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
5.14 cambio di variabile nella derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
5.15 sviluppo di Taylor per funzioni di pi` u variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
6 Geometria analitica e sistemi di coordinate 33
6.1 spazio R
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
6.2 spazio R
3
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
6.3 coordinate cartesiane (x, y, z) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
6.4 coordinate sferiche (r, , ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
6.5 coordinate cilindriche (r, , z) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
6.6 coordinate paraboliche (, , ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
6.7 elementi di volume e di supercie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
7 Fisica classica 41
7.1 termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
7.2 momenti di inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
8 Gruppi classici 45
8.1 denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
8.2 esempi discreti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
8.3 esempi continui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
9 Uguaglianze vettoriali, tensoriali ed operatoriali 49
9.1 Vettori in R
n
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
9.2 Spazi vettoriali lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
9.3 Operatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
9.4 informazioni topologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
10 Disuguaglianze 57
10.1 disuguaglianze numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
10.2 vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
10.3 operatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
10.4 funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
INDICE 5
11 Meccanica quantistica 61
11.1 operatori bosonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
11.2 operatori quonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
11.3 altri operatori quonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
11.4 regole di commutazione chiuse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
11.5 sulle rappresentazioni posizione e momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
11.6 diverse rappresentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
11.7 matrici di Pauli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
11.8 stati coerenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
11.9 oscillatore armonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
12 Analisi funzionale 69
12.1 Spazi a dimensione nita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
12.2 Spazi a dimensione innita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
12.3 formule funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
12.4 spazi L
p
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
13 Informazioni teoriche sparse 73
13.1 Analisi matematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
13.1.1 scambio di limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
13.1.2 scambio di limite e derivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
13.1.3 scambio di limite ed integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
13.1.4 scambio di limite e serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
13.1.5 scambio di derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
13.1.6 scambio di derivata ed integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
13.1.7 scambio di derivata e serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
13.1.8 scambio di integrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
13.1.9 scambio di integrale e serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
13.1.10scambio di due serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
6 INDICE
Capitolo 1
Funzioni trigonometriche ed
iperboliche
1.1 formule trigonometriche
1.
sin(x y) = sin(x) cos(y) cos(x) sin(y)
2.
cos(x y) = cos(x) cos(y) sin(x) sin(y)
3.
tan(x y) =
tan(x) tan(y)
1 tan(x) tan(y)
4.
cos
2
(x) + sin
2
(x) = 1
5.
sin(2x) = 2 sin(x) cos(x)
6.
cos(2x) = cos
2
(x) sin
2
(x) = 2 cos
2
(x) 1 = 1 2 sin
2
(x)
7.
sin(x) =
1
2i
_
e
ix
e
ix
_
, cos(x) =
1
2
_
e
ix
+e
ix
_
8.
e
ix
= cos(x) i sin(x)
1
2 CAPITOLO 1. FUNZIONI TRIGONOMETRICHE ED IPERBOLICHE
9.
sin(x) sin(y) = 2 sin
_
x y
2
_
cos
_
x y
2
_
10.
cos(x) + cos(y) = 2 cos
_
x y
2
_
cos
_
x +y
2
_
11.
cos(x) cos(y) = 2 sin
_
x +y
2
_
sin
_
x y
2
_
12.
tan(x) tan(y) =
sin(x y)
cos(x) cos(y)
, cot(x) cot(y) =
sin(x y)
sin(x) sin(y)
13.
1 + tan
2
(x) =
1
cos
2
(x)
= sec
2
(x), 1 + cot
2
(x) =
1
sin
2
(x)
= csc
2
(x)
14.
cot(x y) =
cot(x) cot(y) 1
cot(y) cot(x)
15.
tan(2x) =
2 tan(x)
1 tan
2
(x)
, cot(2x) =
cot
2
(x) 1
2 cot(x)
16.
sin(3x) = 3 sin(x) 4 sin
3
(x), cos(3x) = 4 cos
3
(x) 3 cos(x)
17.
tan(3x) =
3 tan(x) tan
3
(x)
1 3 tan
2
(x)
, cot(3x) =
cot
3
(x) 3 cot(x)
3 cot
2
(x) 1
18.
sin
_
x
2
_
=
_
1 cos(x)
2
, cos
_
x
2
_
=
_
1 + cos(x)
2
19.
tan
_
x
2
_
=

1 cos(x)
1 + cos(x)
, cot
_
x
2
_
=

1 + cos(x)
1 cos(x)
20.
sin(x) sin(y) =
1
2
(cos(x y) cos(x +y))
21.
sin(x) cos(y) =
1
2
(sin(x +y) + sin(x y))
22.
cos(x) cos(y) =
1
2
(cos(x +y) + cos(x y))
1.2. SULLE FUNZIONI IPERBOLICHE 3
23.
sin(x) =
2 tan(x/2)
1 + tan
2
(x/2)
, cos(x) =
1 tan
2
(x/2)
1 + tan
2
(x/2)
24.
tan
1
(x) + cot
1
(x) = arcsin(x) + arccos(x) = sec
1
(x) + csc
1
(x) =

2
25. Valori particolari del seno e del coseno
x sin(x) cos(x)

12
0.26 0.965

6
1
2

3
2

2
2

2
2

3
2
1
2
5
12
0.965 0.26
1.2 sulle funzioni iperboliche
1.
sinh(x) =
e
x
e
x
2
, cosh(x) =
e
x
+e
x
2
2.
cosh
2
(x) sinh
2
(x) = 1
3.
sinh(x y) = sinh(x) cosh(y) cosh(x) sinh(y)
4.
cosh(x y) = cosh(x) cosh(y) sinh(x) sinh(y)
5.
tanh(x y) =
tanh(x) tanh(y)
1 tanh(x) tanh(y)
6.
sinh(2x) = 2 sinh(x) cosh(x)
7.
cosh(2x) = 2 cosh
2
(x) 1 = cosh
2
(x) + sinh
2
(x)
8.
tanh(2x)
1 +
_
1 tanh
2
(2x)
= tanh(x)
4 CAPITOLO 1. FUNZIONI TRIGONOMETRICHE ED IPERBOLICHE
9.
sin(ix) = i sinh(x), cos(ix) = cosh(x)
10.
tan(ix) = i tanh(x), sinh(ix) = i sin(x)
11.
cosh(ix) = cos(x), tanh(ix) = i tan(x)
Capitolo 2
Serie, sviluppi e somme
2.1 sviluppi in serie di Taylor
1.
sin(x) = x
x
3
3!
+
x
5
5!
=

k=0
(1)
k
x
2k+1
(2k + 1)!
2.
cos(x) = 1
x
2
2!
+
x
4
4!
=

k=0
(1)
k
x
2k
(2k)!
3.
log(1 +x) = x
x
2
2
+
x
3
3
=

k=1
(1)
k1
x
k
k
4.
e
x
= 1 +x +
x
2
2!
+
x
3
3!
+ =

k=0
x
k
k!
5.
(1 +x)
n
= 1 +nx +
n(n 1)
2!
x
2
+ =
n

k=0
_
n
k
_
x
k
dove
_
n
k
_
=
n!
(nk)!k!
6.
(x +y)
n
=
_
n
0
_
x
n
+
_
n
1
_
x
n1
y +
_
n
n 1
_
xy
n1
+
_
n
n
_
y
n
5
6 CAPITOLO 2. SERIE, SVILUPPI E SOMME
7.
cosh(x) =

k=0
x
2k
(2k)!
8.
sinh(x) =

k=0
x
2k+1
(2k + 1)!
9.
1
1 +x
2
=

k=0
(1)
k
x
2k
10.
1

1 x
2
=

k=0
_
1/2
k
_
(x
2
)
k
dove
_

k
_
=
(1)(k+1)
k!
, con
_

0
_
= 1
11.
arctan(x) =

k=0
(1)
k
x
2k+1
2k + 1
12.
1
1 x
=

k=0
x
k
, |x| < 1
13.
x
(1 x)
2
=

k=0
k x
k
=

k=1
k x
k
, |x| < 1
14.
log
_
1
1 x)
_
=

k=1
x
k
k
, |x| < 1, x reale
15.
e
ikz
=

l=0
i
l
(2l + 1)j
l
(kr)P
l
(cos()),
in cui j
l
`e la funzione di Bessell e z = r cos()
2.2. SOMME DI SERIE 7
2.2 somme di serie
1.

n=1
n
n!
= e
2.

n=1
n
2
n!
= 2e
3.

n=1
1
n
2
=

2
6
4.

n=1
1
n
4
=

4
90
5.

n=1
1
n
6
=

6
945
6.

n=1
n
n!
= e
7.

n=0
q
n
=
1
1 q
, |q| < 1
8.

n=1
(1)
n+1
1
n
= log(2)
9.

n=1
(1)
n+1
1
2n 1
=

4
10.

n=1
(1)
n+1
1
n
2
=

2
12
11.

n=1
1
(2n 1)
2
=

2
8
8 CAPITOLO 2. SERIE, SVILUPPI E SOMME
12.

n=1
(1)
n+1
1
(2n 1)
3
=

3
32
13.

n=1
1
(2n 1)
4
=

4
96
14.

n=1
(1)
n+1
1
(2n 1)
5
=
5
5
1536
15.

n=1
1
n(4n
2
1)
= 2 log(2) 1
16.

n=1
1
n(9n
2
1)
=
3
2
(log(3) 1)
17.

n=1
1
4n
2
1
=
1
2
18.

n=1
(1)
n+1
1
n
4
=
7
4
720
19.

n=1
(1)
n+1
1
n
6
=
31
6
30240
2.3 somme nite
1.
n

k=1
k =
n(n + 1)
2
2.
n

k=1
k
2
=
n(n + 1)(n + 2)
6
3.
n

k=1
k
3
=
_
n(n + 1)
2
_
2
2.3. SOMME FINITE 9
4.
n

k=1
q
k1
=
q
n
1
q 1
, q = 1
5.
1 + 2
n

k=1
cos(k ) =
sin
_
2n+1
2

_
sin
_

2
_
per = 2m, m Z
6.
n

k=1
sin((2k + 1)) =
sin
2
((k + 1))
sin()
per = m, m Z
10 CAPITOLO 2. SERIE, SVILUPPI E SOMME
Capitolo 3
Equazioni dierenziali
3.1 funzioni speciali
1. funzioni conuenti ipergeometriche
z
d
2
f
dz
2
+ (c z)
df
dz
af = 0,
e la soluzione `e f(a, c, z) = 1 +
a
c
z
1!
+
a(a+1)
c(c+1)
z
2
2!
+ , con c = 0, 1, 2, . . . e converge
z.
2. funzioni ipergeometriche
x(1 x)y

+ [c (a +b + 1)x]y

aby = 0
e la soluzione `e
y(x) = 1 +
ab
c
x
1!
+
a(a + 1)b(b + 1)
c(c + 1)
x
2
2!
+. . .
con c = 0, 1, 2, . . .. La serie converge per |x| < 1.
3. equazione di Whittaker
d
2
W
dz
2
+
_

1
4
+
k
z
+
1/4
2
z
2
_
W = 0,
e la soluzione `e
W
k,
(z) =
z
k
e
z/2

_
1
2
k +
_
_

0
t
k
1
2
+
_
1 +
t
z
_
k
1
2
+
e
t
dt
4. Polinomi di Hermite
d
2
H
n
(x)
dx
2
2x
dH
n
(x)
dx
+ 2nH
n
(x) = 0
11
12 CAPITOLO 3. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
e la soluzione `e
H
n
(x) = (1)
n
e
x
2
/2
d
n
dx
n
e
x
2
/2
Valgono le H
n+1
(x) = 2xH
n
(x) 2nH
n1
(x), H

n
(x) = 2nH
n1
(x).
5. funzioni di Bessel
d
2
J
p
dz
2
+
1
z
dJ
p
dz
+
_
1
p
2
z
2
_
J
p
= 0
e la soluzione `e
J
p
(z) =

k=0
(1)
k
k! (k +p + 1)
_
z
2
_
p+2k
.
Se poi p `e intero si denisce una funzione di Neumann tramite la
N
p
(z) =
1
sin(p)
(J
p
(z) cos(p) J
p
(z)) ,
e la funzione di Hankel
H
(1)
p
(z) = J
p
(z) +iN
p
(z), H
(2)
p
(z) = J
p
(z) iN
p
(z)
Abbiamo ancora
J
n
(x) =
1

_

0
cos(n xsin()) d, n = 0, 1, 2, . . .
ed in particolare
J
0
(x) =
1
2
_
2
0
exp(ixsin()) d =
1
2
_
2
0
exp(ixcos()) d
6. funzioni di Bessel modicate
d
2
I
p
dz
2
+
1
z
dI
p
dz

_
1 +
p
2
z
2
_
I
p
= 0
e la soluzione `e
I
p
(z) = J
p
(z)e
ip

2
=

k=0
(z/2)
p+2k
k! (p +k + 1)
Inoltre I
n
= I
n
.
7. funzione
(z) = lim
n,
1 2 3 n
z(z + 1) (z +n)
n
z
= 2
_

0
e
t
2
t
2z1
dt
se (z) > 0. Ancora
(z) =
_
1
0
_
log
_
1
t
__
z1
dt =
_

0
dt e
t
t
z1
3.1. FUNZIONI SPECIALI 13
Valgono le
(z + 1) = z(z),
(1) = 1, (2) = 1, (2) = 2, (n) = (n 1)!,
_
1
2
_
=

Inoltre
() =
1

+O(), ( 1) =
1

+ 1 +O()
(2z) =
1

2
2z1
(z) (z + 1/2)
Abbiamo poi la formula di Stirling:
(z + 1)

2 e
z
z
z+1/2
, (n + 1) = n!

2 e
n
n
n+1/2
_
1 +
1
12n
_
8. funzione Beta
B(m+1, n +1) = B(n +1, m+1) =
m!n!
(m+n + 1)!
= 2
_
/2
0
cos
2m+1
() sin
2n+1
() d
ovvero ancora
B(m+ 1, n + 1) =
_

0
u
m
du
(1 +u)
n+m+2
=
_
1
0
t
m
(1 t)
n
dt =
1
2
_
1
0
t
2m+1
(1 t
2
)
n
dt
Si ha poi
B(p, q) =
(p)(q)
(p +q)
9. funzioni di Legendre
(1 x
2
)P

n
(x) 2xP

n
(x) +n(n + 1)P
n
(x) = 0
e la soluzione `e
P
n
(x) =
[n/2]

k=0
(1)
k
(2n 2k)!x
n2k
2
n
k!(n k)!(n 2k)!
che esplicitamente `e:
P
0
= 1, P
1
= x, P
2
=
1
2
(3x
2
1), P
3
=
1
5
(5x
3
3x)
P
4
=
1
8
(35x
4
30x
2
+ 3), P
n
(x) =
1
2
n
n!
d
n
dx
n
(x
2
1)
n
10. funzioni associate di Legendre
(1 x
2
)v

2xv

+
_
n(n + 1)
m
2
1 x
2
_
v = 0
con
v(x) = (1 x
2
)
m/2
d
m
dx
m
P
n
(x) = P
m
n
(x)
P
1
1
= (1 x
2
)
1/2
= sin(), P
1
2
= 3x(1 x
2
)
1/2
= 3 cos() sin(),
P
2
2
= 3(1 x
2
) = 3 sin
2
()
14 CAPITOLO 3. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
11. funzioni di Laguerre
xy

(x) + (1 x)y

(x) +ny(x) = 0
con
y
n
(x) =
1
2i
_
e
xz/(1z)
(1 z)z
n+1
dz = L
n
(z) =
e
x
n!
d
n
dx
n
(x
n
e
x
)
per n N
0
. Ad esempio si ha
L
0
= 1, L
1
= x + 1, L
2
= x
2
4x + 2, L
3
= x
3
+ 9x
2
18x + 6, . . .
12. polinomi di Chebichev del I tipo
(1 x
2
)T

n
(x) xT

n
(x) +n
2
T
n
(x) = 0,
e si ha
T
n
(x) =
n
2
[n/2]

m=0
(1)
m
(n m1)!
m!(n 2m)!
(2x)
n2m
13. polinomi di Chebichev del II tipo
(1 x
2
)U

n
(x) 3xU

n
(x) +n(n + 2)U
n
(x) = 0,
e si ha
U
n
(x) =
[n/2]

m=0
(1)
m
(n m)!
m!(n 2m)!
(2x)
n2m
3.2 alcune equazioni dierenziali ordinarie: cenni
1.
y

(x) = f(x)g(y),
_
dy
g(y)
=
_
f(x)dx
se g(x
0
) = 0.
2.
y

(x) = f(ax +by)


col cambio di variabile u = ax +by diventa
u

= a +bf(u)
3.
y

(x) = f
_
y
x
_
col cambio di variabile u = y/x si ottiene
u

=
f(u) u
x
3.3. EQUAZIONI DIFFERENZIALI DELLA FISICA 15
4.
y

(x) = f
_
ax +by +c
a

x +b

y +c

_
con ab

ba

= 0 e c, c

= 0 col cambio di variabile x = + , y = + , con (, )


punto dintersezione delle rette ax +by +c = 0 e a

x +b

y +c

= 0 si ottiene
d
d
= f
_
a +b/
a

+b

/
_
5.
y

(x) = (x)y(x) + (x) y(x) = e

(x)dx
_
c +
_
dx(x)e

(x)dx
_
6.
y

(x) = (x)y(x) + (x)y


n
(x)
che col cambio di variabile u = y
1n
diventa
u

= (1 n)((x)u + (x))
3.3 equazioni dierenziali della sica
1. equazioni di Maxwell: forma dierenziale


E =
1
c
H
t
,


H = 0


H =
1
c
E
t
+
4
c

j,


E = 4
2. equazioni di Maxwell: forma integrale
_

E

dl =
1
c

t
_

H

d,
_

H

d = 0
_

H

dl =
1
c

t
_

E

d +
4
c
I,
_

E

d = 4e
3. equazioni di Maxwell: scelta di gauge

H =


A,

E =
1
c


A
t

in cui

A e sono i potenziali vettore e scalare.
La gauge di Lorentz `e


A+
1
c

t
= 0
La gauge di Coulomb `e


A = 0
16 CAPITOLO 3. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
4. equazioni di Heisemberg
q
i
=
H
p
i
, p
i
=
H
q
i
,
L
t
=
H
t
per i = 1, 2, . . . , n, n essendo i gradi di libert`a del sistema.
5. equazioni di Lagrange
d
dt
_
L
q
i
_

L
q
i
= 0,
per i = 1, 2, . . . , n, n essendo i gradi di libert`a del sistema.
6. equazione di Scrodinger

t
+H = 0
7. equazione di Heisenberg
dA(t)
dt
=
i

[H, A(t)]
8. equazione di Klein-Gordon
(k
2
) = 0
in cui =
2

1
c
2

2
t
2
e k =
mc

.
9. equazione di Dirac: forma 1

t
+H = 0, H =
c
i
3

k=1

x
k
+ mc
2
,
con
2
i
=
2
= 1, {
i
,
j
} = 2
ij
e {
j
, } = 0.
10. equazione di Dirac: forma 2
(

+k) = 0,
k
= i
k
,
4
=
e {

} =
,
Capitolo 4
Integrali, limiti e derivate
4.1 integrali indeniti
1.
_
x
m
dx =
x
m+1
m+ 1
, m = 1, m R
2.
_
sin(x) dx = cos(x),
_
cos(x) dx = sin(x)
3.
_
dx
1 +x
2
= arctan(x)
4.
_
dx

1 x
2
= arcsin(x)
5.
_
dx
x

x
2
1
= arcsec(x)
6.
_
dx
x
= log |x|,
_
f

(x) dx
f(x)
= log |f(x)|
7.
_
a
x
dx =
a
x
log(a)
8.
_
xdx

ax +b
=
2(ax 2b)
3a
2

ax +b
17
18 CAPITOLO 4. INTEGRALI, LIMITI E DERIVATE
9. _
dx
sin(ax)
=
1
a
log

tan
_
ax
2
_

10. _
dx
sin
2
(x)
= cot(x)
11. _
dx
cos
2
(x)
= tan(x)
12. _
dx
1 sin(ax)
=
1
a
tan
_
ax
2


4
_
13. _
dx
cos(ax)
=
1
a
log

tan
_
ax
2
+

4
_

14. _
log(x)
dx
x
2
=
log(x)
x

1
x
15. _
log(x) dx = xlog(x) x
16. _
tan(x) dx = log | sec(x)|
17. _
cot(x) dx = log | sin(x)|
18. _
sec(x) dx = log | sec(x) + tan(x)|
19. _
csc(x) dx = log | csc(x) cot(x)|
20. _
dx

a
2
x
2
= arcsin
_
x
a
_
21. _
dx

a
2
+x
2
= sinh
1
_
x
a
_
= log(x +
_
x
2
+a
2
)
22. _
dx

x
2
a
2
= log |x +
_
x
2
a
2
|
4.2. INTEGRALI DEFINITI 19
23.
_
dx
a
2
+b
2
x
2
=
1
ab
arctan
_
bx
a
_
24.
_
dx
a
2
b
2
x
2
=
1
2ab
log

a +bx
a bx

4.2 integrali deniti


1.
_

0
e
q
2
x
2
dx =

2q
, q > 0
2.
_

e
q
2
x
2
ax
dx =

q
e
a
2
4q
2
, q > 0
3.
_

0
x
2n
e
p x
2
dx =

p
(2n 1)!!
2(2p)
n
, p > 0, n > 1
in cui (2n)!! = 2 4 6 (2n) e (2n + 1)!! = 1 3 5 (2n + 1)
4.
_

e
ix
2
dx = (1 i)
_

2
5.
_

e
i(xa+x
2
b)
dx = (1 +i)
_

2b
e
i
a
2
4b
2
6.
_

e
ibp
e

p
2
a
dp =

a e

ab
2
4
7.
_
a
0
cos
2
(x) dx =
_
x
2
+
1
2
sin(x) + cos(x)
_
a
0
8.
_
a
0
x
2
cos
2
(x) dx =
_
x
3
6
+
x
4
cos(2x) +
1
4
_
x
2

1
2
_
sin(2x)
_
a
0
9.
_
a
0
x
2
sin
2
(x) dx =
_
x
3
6

x
4
cos(2x)
1
4
_
x
2

1
2
_
sin(2x)
_
a
0
10.
_
R
e
x
2
H
n
(x) H
m
(x) dx =

2
m
m!
m,n
20 CAPITOLO 4. INTEGRALI, LIMITI E DERIVATE
11.
_

0
cos(bx) e
ax
2
dx =
1
2
_

a
e

b
2
4a
12.
_

0
(sin(x))
2l+1
dx = 2
2l+1
(l!)
2
(2l + 1)!
13.
_
/2
0
(sin(x))
2l1
dx = 2
2(l1)
[(l 1)!]
2
(2l 1)!
per l = 1, 2, 3, . . .
14.
_

0
e
ax
x
3
dx =
6
a
4
15.
_

0
e
ax
x
n
dx =
n!
a
n+1
16. parametrizzazione di Feynman
1
AB
=
_
1
0
dx
[Ax +B(1 x)]
2
17. ancora parametrizzazione di Feynman
1
ABC
= 2
_
1
0
dx
_
x
0
dy
1
[A+ (B A)x + (C B)y]
3
18.
_
1
0
. . .
_
1
0
dx
1
dx
n
(1

n
j=1
x
j
)
(x
1
A
1
+ x
n
A
n
)
n
=
1
(n 1)!
1
A
1
A
2
. . . A
n
19.
_
1
0
. . .
_
1
0
dx
1
dx
n
x

1
1
1
x

n
1
n
(1 x)
(x
1
A
1
+ x
n
A
n
)

n
j=1
(
j
)
()
1
A

1
1
A

2
2
. . . A

n
n
dove x =

n
j=1
x
j
ed =

n
j=1

j
. Ad esempio si ha
1
A

=
( + )
()()
_
1
0
_
1
0
dxdy
x
1
y
1
(xA+yB)
+
(1 x y)
20.
_
R
e
ax
2
+bx
dx =
_

a
e

b
2
4a
, a < 0
4.2. INTEGRALI DEFINITI 21
21.
_
R
e
ax
2
dx =
_

a
, a < 0
22.
_
R
e
a(x
1
x)
2
+b(x
2
x)
2
dx =
_

a +b
exp
_
ab
a +b
(x
1
x
2
)
2
_
23.
_
R
e

a
x
2
bx
2
dx =
_

4b
e
2

ab
24.
_
T
0
e

a
Tt

b
t
dt
_
(T t)t
3
=
_

bT
exp
_

1
T
(

a +

b)
2
_
25.
_
/2
0
e
q sin(x)
sin(2x) dx =
2
q
2
[(q 1)e
q
+ 1]
26.
_

0
e
p cos(x)
sin(p sin(x)) sin(ax)dx =
p
a
2a!
27.
_

0
e
p cos(x)
cos(p sin(x)) cos(ax)dx =
p
a
2a!
28.
_

0
e
x
m
x
k
dx =
1
m

(k+1)/m

_
k + 1
m
_
29.
_
d
D
P
1
(P
2
+K)
a
=

D/2
(a 1)!
(a D/2)
K
aD/2
30.
_
d
D
P P
2
e
P
2
=
D
2

D/2

D/21
31.
_
d
D
P
P
2
(P
2
+K)
2
= K
D/21
D
D/2
2
(2 D/2)
1 D/2
32.
_
d
D
P
P
2
(P
2
+K)
a
= K
D/2+1a
D
D/2
2(a 1)!
(a D/2)
a D/2 1
33.
_
R
e
ipxp
2
/
dx =

e
x
2
/4
22 CAPITOLO 4. INTEGRALI, LIMITI E DERIVATE
34. _
R
e
ipx
dx
x
2
+a
2
=

a
e
a|p|
, a > 0, p R
35. _

0
x
2n+1
e
px
2
dx =
n!
2p
n+1
, p > 0
36.
_
R
x
n
e
px
2
+2qx
dx =
1
2
n1
p
_

p
d
n1
dq
n1
(qe
q
2
/p
), p > 0
37. _
R
(A+Bx +Cx
2
+Dx
3
+Ex
4
) e
x
2
+qx
dx =
=

e
q
2
/4
_
A+
C
2
+
3E
4
+q
_
B
2
+
3D
4
_
+q
2
_
C
4
+
3E
4
_
+q
3
D
8
+q
4
E
16
_
4.3 trasformate di Fourier
Usiamo qui la denizione seguente:

f(p) =
1

2
_
R
f(x) e
ipx
dx, f(x) =
1

2
_
R

f(p) e
ipx
dp
f(x)

f(p)
1

2 (p)
1
x
i
_

2
sign(p)
(x)
1

2
|x|
1
|p|
1
|x|
a
, (a) ]0, 1[
_
2

(1a) sin(
a
2
)
|p|
1a
e
iax
, a R

2(p a)
e
a|x|
, a > 0 a
_
2

1
p
2
+a
2
xe
a|x|
, a > 0 2aip
_
2

1
(p
2
+a
2
)
2
|x| e
a|x|
, a > 0
_
2

a
2
p
2
p
2
+a
2
e
a x
|x|
1/2
1

p
2
+a
2
_
a
2
+
_
a
2
+p
2
e
a
2
x
2
1
a

2
e
p
2
/4a
2
(a
2
+x
2
)
1
, (a) > 0
_

2a
2
e
a|p
x(a
2
+x
2
)
1
, (a) > 0
i p
2a
_

2
e
a|p
sin(ax
2
)
1

2a
sin
_
p
2
4a
+

4
_
cos(ax
2
)
1

2a
cos
_
p
2
4a


4
_
sin(ax)/x
_

2
, se |p| < a, 0, se |p| > a
x
sinh(x)
_
2

3
e
p 1
(1+e
p
)
2
4.4. TRASFORMATA DI LAPLACE 23
4.4 trasformata di Laplace
Le denizioni sono le seguenti:
F(z) =
_

0
f(t) e
zt
dt, f(t) =
1
2i
_
x+i
xi
F(z) e
zt
dz
in cui x `e un valore reale maggiore della parte reale di ogni singolarit`a della F(z).
f(t)

F(z)
1
1
z
t
n
, n > 0
n!
z
n+1
, (z) > 0
t

, > 1
()
z
+1
, (z) > 0
e
at
(z +a)
1
, (z) > (a)
t e
at
(z +a)
2
, (z) > (a)
t
1
e
at
, () > 0
()
(z+a)

, (z) > (a)


sin(az)
a
z
2
+a
2
, (z) > |(a)|
sin(az)
z
tan
1
_
a
z
_
, (z) > |(a)|
cos(az)
z
z
2
+a
2
, (z) > |(a)|
4.5 derivate
1.
(arctan(x))

=
1
1 +x
2
2.
(arcsin(x))

=
1

1 x
2
3.
(arccos(x))

=
1

1 x
2
4.
(arcsec(x))

=
1
x

x
2
1
5.
(cos(x))

= sin(x)
6.
(lg
a
(x))

=
1
x
lg
a
(e)
7.
(a
x
)

= a
x
lg
e
(a)
24 CAPITOLO 4. INTEGRALI, LIMITI E DERIVATE
8.
(tan(x))

= sec
2
(x)
9.
(cot(x))

= csc
2
(x)
10.
(sec(x))

= tan(x) sec(x)
11.
(csc(x))

= cot(x) csc(x)
4.6 limiti
1. Teorema di Cesaro, 1: sia {a
n
} una successione arbitraria, {b
n
} una successione
divergente a allora, se esiste lim
n,
a
n+1
a
n
b
n+1
b
n
= l, allora esiste anche lim
n,
a
n
b
n
e
tale limite e pari ad l.
2. Teorema di Cesaro, 2: siano {a
n
} e {b
n
} due successioni innitesime, una delle
quali monotone. Se esiste lim
n,
a
n+1
a
n
b
n+1
b
n
= l, allora esiste anche lim
n,
a
n
b
n
e tale
limite e pari ad l.
3. conseguenze dei teoremi di Cesaro
lim
n,
x
n
n
= lim
n,
(x
n+1
x
n
)
lim
n,
x
n
= lim
n,
x
1
+x
2
+ +x
n
n
= lim
n,
n

x
1
x
2
x
n
lim
n,
x
n
x
n1
= lim
n,
n

x
n
4.
lim
x,
_
1 +
1
x
_
x
= e
5.
lim
x,
_
1 +
a
x
_
x
= e
a
6.
lim
x,c
x
n
c
n
x c
= nc
n1
4.6. LIMITI 25
7.
lim
x,
x
n
a
x
= 0, se |a| > 1
8.
lim
n,
a
n
n!
= 0
9.
lim
x,
x
1
x
= 1
26 CAPITOLO 4. INTEGRALI, LIMITI E DERIVATE
Capitolo 5
formulette varie
5.1 equazione del secondo grado
ax
2
+bx +c = 0 x =
1
2a
_
b
_
b
2
4ac
_
5.2 equazione del terzo grado x
3
+ a
1
x
2
+ a
2
x + a
3
= 0
Introdotti Q ed R tramite le 9Q = 3a
2
a
2
1
, 54R = 9a
1
a
2
27a
3
2a
3
1
, e poi S =
3
_
R +
_
Q
3
+R
2
, T =
3
_
R
_
Q
3
+R
2
, si ha
x
1
= S +T
a
1
3
, x
2,3
=
1
2
(S +T)
a
1
3
i

3
2
(S T)
5.3 decomposizione in fattori di polinomi particolari
Abbiamo
(x
2n+1
y
2n+1
) = (x y)
_
x
2n
+x
2n1
y +x
2n2
y
2
+ +y
2n
_
(x
2n+1
+y
2n+1
) = (x +y)
_
x
2n
x
2n1
y +x
2n2
y
2
+y
2n
_
5.4 regola della mano destra
a

b = c
Si mette lindice lungo a, il medio lungo

b ed allora il pollice da la direzione ed il verso di c
27
28 CAPITOLO 5. FORMULETTE VARIE
5.5 poche regole sulla di Dirac
(r r

) =
1
r
2
sin()
(r r

) (

) (

)
(r r

) =
2
r
2
(r r

) (cos() cos(

)) (

)
(x
2
a
2
) =
1
2|a|
((x a) + (x +a)) , a = 0
(ax) =
1
|a|
(x), a = 0
(g(x)) =

i
1
|g

(x
i
)|
(x x
i
),
in cui g(x
i
) = 0. Questa `e la versione generale delle 2 formule precedenti.
_
0

e
it
dt := lim
,0
+
_
0

e
it(i)
dt = lim
,0
+
i
i
= () iP.V.
_
1

_
_

0
e
it
dt := lim
,0
+
_

0
e
it(+i)
dt = lim
,0
+
i
+i
= () +iP.V.
_
1

_
Allora, sommando e sottraendo,
P.V.
_
1

_
= lim
,0
+
x
x
2
+
2
(x) =
1

lim
,0
+

x
2
+
2
formula di Sochockij:
P.V.
_
1
x
_
= lim
,0
+
1
x +i
+i(x) = lim
,0
+
1
x i
i(x)
Ancora abbiamo:
1

lim
t,
sin
2
(xt)
x
2
t
= (x)
5.6 disequazioni del secondo grado
= b
2
4ac soluzione della soluzione della soluzione della
ax
2
+bx +c = 0 ax
2
+bx +c > 0 ax
2
+bx +c < 0
a > 0, > 0 x
1,2
=
1
2a
_
b

_
x < x
1
, x > x
2
x
1
< x < x
2
= 0 x
1
= x
2
=
b
2a
x = x
1
mai
< 0 nessuna soluzione reale x R nessuna soluzione
5.7. DISEQUAZIONI DI GRADO N 29
5.7 disequazioni di grado n
Vogliamo considerare la disuguaglianza
A(x) >
n
_
B(x)
La soluzione dipende da n nel senso che:
se n `e pari allora la disequazione sopra `e equivalente al seguente sistema di disequazioni:
_

_
B(x) 0
A(x) > 0
(A(x))
n
> B(x).
Se invece n `e dispari allora la disequazione sopra `e equivalente alla singola (A(x))
n
> B(x).
Consideriamo invece la
A(x) <
n
_
B(x)
Anche in questo caso c`e dierenza a seconda che n sia pari o dispari. Per n pari la
disequazione `e equivalente al sistema
_
A(x) < 0
B(x) 0.
e
_
A(x) 0
(A(x))
n
< B(x).
Se invece n `e dispari allora la nostra disequazione `e equivalente alla (A(x))
n
< B(x).
5.8 inverso di una matrice
Data una matrice A la matrice A
1
, se esiste, `e ottenuta come
A
1
=
1
detA
_
_
_
_
_
A
11
A
21
(1)
n+1
A
n1
A
12
A
22
(1)
n+2
A
n2

(1)
n+1
A
n1
(1)
n+2
A
n2
A
nn
_
_
_
_
_
in cui A
ij
`e il determinante della matrice (n 1) (n 1) che si ottiene eliminando da A
la iesima riga e la jesima colonna.
Ad esempio si ha
_
a b
c d
_
1
=
1
ad bc
_
d b
c a
_
30 CAPITOLO 5. FORMULETTE VARIE
5.9 diagonalizzazione di una matrice arbitraria
Sia M una matrice arbitraria n n. MM

`e hermitiana ed i suoi autovalori


j
sono non
negativi. Esiste una matrice unitaria S, S
1
= S

, che diagonalizza MM

:
S

MM

S =

M
2
:=
_
_
_
_
_
m
2
1
0 0
0 m
2
2
0

0 0 m
2
n
_
_
_
_
_
Sia dunque

M la sua radice quadrata,

M = diag(m
1
, m
2
, . . . , m
n
). Nellipotesi che

M
1
esista (m
j
> 0 per ogni j) vale la
M = S

MT

, in cui T

:=

M
1
S

M
come si dimostra immediatamente. Inoltre T `e unitaria: TT

= T

T = 11. Se se deduce che

M = S

MT.
5.10 teoremi di Gauss, Stokes e Green
teorema di Gauss
_

V d =
_
V
(


V ) d
teorema di Stokes
_

V ) d =
_

V ds
formule di Green
_

f(x, y) dx =
_ _

f
y
dxdy,
_

f(x, y) dy =
_ _

f
x
dxdy
5.11 propriet`a degli esponenziali
Siano p, q R e a, b R
+
. Abbiamo:
a
p
a
q
= a
p+q
, a
p
/a
q
= a
pq
, (a
p
)
q
= a
pq
a
0
= 1, se a = 0, a
p
=
1
a
p
, (ab)
p
= a
p
b
p
5.12. PROPRIET
`
A DEI LOGARITMI 31
5.12 propriet`a dei logaritmi
Se a
x
= b allora x = log
a
(b) e valgono le
log
a
(b c) = log
a
(b) + log
a
(c), log
a
_
b
c
_
= log
a
(b) log
a
(c), log
a
(b
n
) = nlog
a
(b).
Attenzione: log
a
(b +c) = log
a
(b) + log
a
(c), ovviamente.
Abbiamo ancora log
10
(b) = log
e
(b) log
10
(e) e, pi` u in generale,
log
a
(x) =
log
b
(x)
log
b
(a)
5.13 cambio di variabili nellintegrale
Siano A e B due aperti di R
n
e g un dieomorsmo tra A e B. Sia E un insieme misurabile
contenuto in B ed f(y) una funzione integrabile in E. La funzione composta F(x) := f(g(x))
`e integrabile in g
1
(E) e si ha
_
E
f(y) dy =
_
g
1
(E)
f(g(x)) | det J
g
(x)| dx,
in cui
J
g
(x) =
(x

1
, x

2
, . . . , x

n
)
(x
1
, x
2
, . . . , x
n
)
,
in cui a numeratore ci sono le vecchie variabili ed a denumeratore le nuove variabile.
Esempio: consideriamo il cambio di variabile x = r cos(), y = r sin(), per cui
J
1,1
=
x
r
= cos(), J
1,2
=
x

= r sin(),
J
2,1
=
y
r
= sin(), J
2,2
=
y

= r cos(),
J
g
(r, ) =
_
cos() r sin()
sin() r cos()
_
det J
g
= r
5.14 cambio di variabile nella derivazione
Consideriamo il cambio di variabile (z
1
, z
2
) (x
1
, x
2
) ed una funzione f(z
1
, z
2
). Allora
f(z
1
, z
2
) = f(z
1
(x
1
, x
2
), z
2
(x
1
, x
2
)) =

f(x
1
, x
2
),
per cui
f
x
j
=

k
f
z
k
z
k
x
j
32 CAPITOLO 5. FORMULETTE VARIE
Esempio: sia f(z
1
, z
2
) = (z
1
z
2
)
k
, e siano x
1
= z
1
z
2
e x
2
= z
1
+z
2
(da cui z
1
=
x
1
+x
2
2
e z
2
=
x
2
x
1
2
). Abbiamo quindi
f
(z
1
z
2
)
= k(z
1
z
2
)
k1
ed anche
f
(z
1
z
2
)
=
f
x
1
=
f
z
1
z
1
x
1
+
f
z
2
z
2
x
1
=
= k(z
1
z
2
)
k1
1
2
+k(z
1
z
2
)
k1
(1)
_

1
2
_
= k(z
1
z
2
)
k1
5.15 sviluppo di Taylor per funzioni di pi` u variabili
Detti P
0
= (x
0
, y
0
), a = x x
0
e b = y y
0
si ha
f(x, y) = f(x
0
, y
0
) +
_
a
_
f
x
_
|
P
0
+b
_
f
y
_
|
P
0
_
+
+
1
2!
_
a

x
+b

y
_
2
f(x, y)|
P
0
+. . . =
= f(P
0
) +af
x
(P
0
) +bf
y
(P
0
) +
1
2!
_
a
2
f
xx
(P
0
) + 2abf
xy
(P
0
) +b
2
f
yy
(P
0
)
_
+. . .
A pi` u variabili si ottiene, posto P = (x
1
, . . . , x
n
) e P
0
= (x
0
1
, . . . , x
0
n
),
f(P) = f(P
0
) +
n

j=1
f
x
j
|
P
0
(x
j
x
0
j
) +
1
2!
_
_
n

j=1
f
x
j
|
P
0
(x
j
x
0
j
)
_
_
2
+
Capitolo 6
Geometria analitica e sistemi di
coordinate
6.1 spazio R
2
1. condizione di allineamento di 3 punti nel piano
Siano P
j
= (x
j
, y
j
), j = 0, 1, 2. Questi sono allineati se
det

1 1 1
x
0
x
1
x
2
y
0
y
1
y
2

= 0
2. retta passante per 2 punti
Siano P
0
= (x
0
, y
0
) e P
1
= (x
1
, y
1
). Lequazione parametrica della retta `e
P = (x, y) = P
0
+ (P
1
P
0
)
_
x
y
_
=
_
x
0
+ (x
1
x
0
)
y
0
+ (y
1
y
0
)
Lequazione cartesiana della retta `e invece
det

1 1 1
x x
0
x
1
y y
0
y
1

= 0
3. retta passante per un punto e con direzione data
Siano P
0
= (x
0
, y
0
) e n = (n
x
, n
y
). Lequazione parametrica della retta `e
P = (x, y) = P
0
+ n
_
x
y
_
=
_
x
0
+ n
x
y
0
+ n
y
33
34 CAPITOLO 6. GEOMETRIA ANALITICA E SISTEMI DI COORDINATE
Lequazione cartesiana del piano `e invece
det

1 1 0
x x
0
n
x
y y
0
n
y

= 0
4. fasci di rette
Il fascio di rette passante per il punto P
0
= (x
0
, y
0
) ha equazione parametrica P =
(x, y) = P
0
+ n, al variare di n, ed equazione cartesiana
n
y
(x x
0
) n
x
(y y
0
) = 0,
al variare di n = (n
x
, n
y
).
La famiglia di rette parallele ad un vettore n
0
ssato ha la forma parametrica (x, y) =
P + n
0
, con (x, y) variabile, ovvero la forma cartesiana
(n
0
)
y
x (n
0
)
x
y +c = 0
6.2 spazio R
3
1. condizione di complanarit`a di 4 punti
Dati i punti P
j
= (x
j
, y
j
, z
j
), j = 0, 1, 2, 3, questi appartengono ad un unico piano
qualora risulti
det

1 1 1 1
x
0
x
1
x
2
x
3
y
0
y
1
y
2
y
3
z
0
z
1
z
2
z
3

= 0
2. condizione di allineamento di 3 punti
Dati i punti P
j
= (x
j
, y
j
, z
j
), j = 0, 1, 2, questi appartengono ad ununica retta se il
rango della matrice
_
_
_
_
_
1 1 1
x
0
x
1
x
2
y
0
y
1
y
2
z
0
z
1
z
2
_
_
_
_
_
`e pari a 2.
3. piano passante per 3 punti non allineati
Siano P
j
= (x
j
, y
j
, z
j
), j = 0, 1, 2 tre punti non allineati. Lequazione parametrica del
piano `e
P = (x, y, z) = P
0
+
1
(P
1
P
0
) +
2
(P
2
P
0
)
6.2. SPAZIO R
3
35
_
_
_
x
y
z
_
_
_ =
_

_
x
0
+
1
(x
1
x
0
) +
2
(x
2
x
0
)
y
0
+
1
(y
1
y
0
) +
2
(y
2
y
0
)
z
0
+
1
(z
1
z
0
) +
2
(z
2
z
0
)
Lequazione cartesiana del piano `e invece
det

1 1 1 1
x x
0
x
1
x
2
y y
0
y
1
y
2
z z
0
z
1
z
2

= 0
4. piano passante per un punto e contenente due vettori l.i.
Siano P
0
= (x
0
, y
0
, z
0
), n = (n
1
, n
2
, n
3
) e m = (m
1
, m
2
, m
3
). Lequazione parametrica
del piano `e
P = (x, y, z) = P
0
+
1
n +
2
m
_
_
_
x
y
z
_
_
_ =
_

_
x
0
+
1
n
1
+
2
m
1
y
0
+
1
n
2
+
2
m
2
z
0
+
1
n
3
+
2
m
3
Lequazione cartesiana del piano `e invece
det

1 1 0 0
x x
0
n
1
m
1
y y
0
n
2
m
2
z z
0
n
3
m
3

= 0
5. piani passanti per un punto ssato
Sia P
0
= (x
0
, y
0
, z
0
) un punto ssato. I piani che passano per P
0
hanno la forma
P = P
0
+
1
n +
2
m, con n e m arbitrari ma l.i.
In forma cartesiana lequazione di tali piani `e
n
2
(x x
0
) +n
1
(y y
0
) +n
3
(z z
0
) = 0,
con n =

0.
6. piani paralleli ad un vettore ssato
Sia n
0
= (n
x
, n
y
, n
z
) un vettore ssato. I piani paralleli a tale vettore hanno la forma
P +
1
n
0
+
2
m, con m arbitrario ma l.i. rispetto a n
0
e P arbitrario.
In forma cartesiana lequazione di tali piani `e
ax +by +cz +d = 0,
con (a, b, c) =

0 e tale che (a, b, c) n


0
= 0.
36 CAPITOLO 6. GEOMETRIA ANALITICA E SISTEMI DI COORDINATE
7. retta passante per 2 punti
Siano P
0
= (x
0
, y
0
, z
0
) e P
1
= (x
1
, y
1
, z
1
). Lequazione parametrica della retta `e
P = (x, y, z) = P
0
+ (P
1
P
0
)
_
_
_
x
y
z
_
_
_ =
_

_
x
0
+ (x
1
x
0
)
y
0
+ (y
1
y
0
)
z
0
+ (z
1
z
0
)
Lequazione cartesiana della retta `e invece ottenuta richiedendo che si abbia
rango
_
_
_
_
_
1 1 1
x x
0
x
1
y y
0
y
1
z z
0
z
1
_
_
_
_
_
= 2
8. retta passante per un punto e con direzione data
Siano P
0
= (x
0
, y
0
, z
0
) e n = (n
x
, n
y
, n
z
). Lequazione parametrica della retta `e
P = (x, y, z) = P
0
+ n
_
_
_
x
y
z
_
_
_ =
_

_
x
0
+ n
x
y
0
+ n
y
z
0
+ n
z
Lequazione cartesiana del piano `e invece ottenuta dalla richiesta che sia soddisfatta
la
rango
_
_
_
_
_
1 1 0
x x
0
n
x
y y
0
n
y
z z
0
n
z
_
_
_
_
_
= 2
6.3 coordinate cartesiane (x, y, z)
1.

f =
f
x
+
f
y
+

k
f
z
= grad(f).
Qui grad sta per gradiente
2.


A =
A
x
x
+
A
y
y
+
A
z
z
= div(

A).
Qui div sta per divergenza
3.

f) =
2
(f) =

2
f
x
2
+

2
f
y
2
+

2
f
z
2
= (f),
dove `e il laplaciano
6.4. COORDINATE SFERICHE (R, , ) 37
4.


A =

x

y

z
A
x
A
y
A
z

= rot(

A)
Qui rot sta per rotore
6.4 coordinate sferiche (r, , )
_

_
r =
_
x
2
+y
2
+z
2
= arccos
_
z
r
_
= arctan
_
y
x
_
_

_
x = r sin() cos()
y = r sin() sin()
z = r cos()
1. gradiente

f = r
f
r
+

1
r
f

+
1
r sin()
f

= grad(f).
2. divergenza


A =
1
r
2
(r
2
A
r
)
r
+
1
r sin()
(sin()A

+
1
r sin()
A

= div(

A).
3. laplaciano

f) =
1
r
2

r
_
r
2
f
r
_
+
1
r
2
sin()

_
sin()
f

_
+
1
r
2
sin
2
()

2
f

2
= f
4. rotore


A =
1
r
2
sin()

r r

r sin()

A
r
r A

r sin() A

6.5 coordinate cilindriche (r, , z)


_

_
r =
_
x
2
+y
2
= arccos
_
x
r
_
= arctan
_
y
x
_
z = z
_

_
x = r cos()
y = r sin()
z = z
1. gradiente

f = r
f
r
+

1
r
f

+ z
f
z
= grad(f).
38 CAPITOLO 6. GEOMETRIA ANALITICA E SISTEMI DI COORDINATE
2. divergenza


A =
1
r
(r A
r
)
r
+
1
r
A

+
A
z
z
= div(

A).
3. laplaciano

f) =
1
r

r
_
r
f
r
_
+
1
r
2

2
f

2
+

2
f
z
2
= f
4. rotore


A =
1
r

r r


z
A
r
r A

A
z

6.6 coordinate paraboliche (, , )


_

_
r =
1
2
( + )
= r +z, = r z
= arctan
_
y
x
_
_

_
x = ( )
1/2
cos()
y = ( )
1/2
sin()
z =
1
2
( )
laplaciano

f) =
4
+
_

_
+

_
+
1

2
f

2
_
6.7 elementi di volume e di supercie
Consideriamo la trasformazione
_

_
x
1
= x
1
(q
1
, q
2
, q
3
)
x
2
= x
3
(q
1
, q
2
, q
3
)
x
3
= x
3
(q
1
, q
2
, q
3
)
_

_
q
1
= q
1
(x
1
, x
2
, x
3
)
q
2
= q
2
(x
1
, x
2
, x
3
)
q
3
= q
3
(x
1
, x
2
, x
3
)
Per iniziare vogliamo trasformare lelemento di lunghezza
ds
2
= dx
2
1
+dx
2
2
+dx
2
3
nelle coordinate q
j
. Abbiamo dx
j
=
x
j
q
1
dq
1
+
x
j
q
2
dq
2
+
x
j
q
3
dq
3
, per j = 1, 2, 3. Denendo
h
2
i
=
_
x
1
q
i
_
2
+
_
x
2
q
i
_
2
+
_
x
3
q
i
_
2
=
3

j=1
_
x
j
q
i
_
2
, i = 1, 2, 3
6.7. ELEMENTI DI VOLUME E DI SUPERFICIE 39
allora
ds
2
= h
2
1
dq
2
1
+h
2
2
dq
2
2
+h
2
3
dq
2
3
perche tutti i contributi del tipo dq
i
dq
j
si annullano se le coordinate che consideriamo sono
ortogonali.
elemento di lunghezza in coordinate cilindriche
x
1
= q
1
cos(q
2
), x
2
= q
2
cos(q
1
), x
3
= q
3

h
2
1
= 1, h
2
2
= q
2
1
, h
2
3
= 1 ds
2
= dq
2
1
+q
2
1
dq
2
2
+dq
2
3
elemento di lunghezza in coordinate sferiche
x
1
= q
1
cos(q
2
) sin(q
3
), x
2
= q
1
sin(q
2
) sin(q
3
), x
3
= q
1
cos(q
3
)
h
2
1
= 1, h
2
2
= q
2
1
sin
2
(q
3
), h
2
3
= q
2
1
ds
2
= dq
2
1
+q
2
1
sin
2
(q
3
) dq
2
2
+q
2
1
dq
2
3
trasformazione del gradiente
Cos` come in coordinate cartesiane si pone dx = x
1
+x
2

j +x
3

k, con ,

j ed

k i versori
delle coordinate cartesiane, in coordinate sferiche si pone
dq = h
1
dq
1
u +h
2
dq
2
v +h
3
dq
3
w
in cui u, v e w sono i versori delle coordinate curvilinee. Infatti, in accordo con quanto
ottenuto prima, si ha
ds
2
= dq dq = dq
2
1
+q
2
1
sin
2
(q
3
) dq
2
2
+q
2
1
dq
2
3
Se incrementiamo q
1
di q
1
allora ci stiamo muovendo nella direzione di u di s = h
1
q
1
che, al limite, ci dice che
q
1
s
1
=
1
h
1
. Analogamente, per le direzioni v ed w si ottengono
q
2
s
2
=
1
h
2
e
q
3
s
3
=
1
h
3
. Da ci`o segue la

f =
1
h
1
f
q
1
u +
1
h
2
f
q
2
v +
1
h
3
f
q
3
w
gradiente in coordinate cilindriche q
1
= r, q
2
= , q
3
= z

f =
f
r
u +
1
r
f

v +
f
z
w
gradiente in coordinate sferiche q
1
= r, q
2
= , q
3
=

f =
f
r
u +
1
r sin()
f

v +
1
r
f

w
40 CAPITOLO 6. GEOMETRIA ANALITICA E SISTEMI DI COORDINATE
trasformazione della divergenza
div

F =


F =
1
h
1
h
2
h
3
_

q
1
(h
2
h
3
F
1
) +

q
2
(h
1
h
3
F
2
) +

q
3
(h
1
h
2
F
3
)
_
divergenza in coordinate cilindriche q
1
= r, q
2
= , q
3
= z


F =
1
r
(rF
1
)
r
+
1
r
F
2

+
F
3
z
gradiente in coordinate sferiche q
1
= r, q
2
= , q
3
=


F =
1
r
2
(r
2
F
1
)
r
+
1
r sin()
F
2

+
1
r sin()
(sin(F
3
)

trasformazione del laplaciano


div
2
f =
1
h
1
h
2
h
3
_

q
1
_
h
2
h
3
h
1
f
q
1
_
+

q
2
_
h
3
h
1
h
2
f
q
2
_
+

q
3
_
h
1
h
2
h
3
f
q
3
__
laplaciano in coordinate cilindriche q
1
= r, q
2
= , q
3
= z
div
2
f =
1
r

r
_
r
f
r
_
+
1
r
2

2
f

2
+

2
f
z
2
gradiente in coordinate sferiche q
1
= r, q
2
= , q
3
=
div
2
f =
1
r
2

r
_
r
2
f
r
_
+
1
r
2
sin
2
()

2
f

2
+
1
r
2
sin
2
()

_
sin()
f

_
trasformazione del rotore


f =
1
h
1
h
2
h
3

h
1
u h
2
v h
3
w

1

2

3
h
1
F
1
h
2
F
2
h
3
F
3

Capitolo 7
Fisica classica
7.1 termodinamica
1. potenziali termodinamici Lenergia interna ed il suo dierenziale sono
U, dU = T dS p dV
Lentalpia ed il suo dierenziale sono
H = U +pV, dH = T dS +V dp
Lenergia libera ed il suo dierenziale sono
F = U TS, dF = S dT p dV
Lentalpia libera di Gibbs ed il suo dierenziale sono
G = H TS, dG = S dT +V dp
7.2 momenti di inerzia
1. asta sottile di lunghezza l e massa m
se r `e una retta ortogonale allasta e passante per il suo baricentro abbiamo I
r
=
1
12
ml
2
se r `e una retta ortogonale allasta e passante per una sua estremit`a abbiamo I
r
=
1
3
ml
2
2. piastra rettangolare di lati a e b e di massa m
se r `e una retta ortogonale alla piastra e passante per il suo baricentro abbiamo
I
r
=
1
12
m(a
2
+b
2
)
41
42 CAPITOLO 7. FISICA CLASSICA
se r `e una retta parallela al lato b della piastra e passante per il suo baricentro abbiamo
I
r
=
1
12
ma
2
3. piastra circolare di raggio a e massa m
se r `e una retta ortogonale alla piastra e passante per il suo baricentro abbiamo
I
r
=
1
2
ma
2
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
=
1
4
ma
2
4. piastra circolare forata di raggio esterno a, raggio interno b e massa m
se r `e una retta ortogonale alla piastra e passante per il suo baricentro abbiamo
I
r
=
1
2
m(a
2
+b
2
)
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
=
1
4
m(a
2
+b
2
)
5. anello circolare di raggio a e massa m
se r `e una retta ortogonale alla piastra e passante per il suo baricentro abbiamo
I
r
= ma
2
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
=
1
2
ma
2
6. parallelepipedo rettangolo di lati a, b e c e di massa m
se r `e una retta parallela al lato c del sistema e passante per il centro della faccia ab
abbiamo I
r
=
1
12
m(a
2
+b
2
)
se r `e una retta parallela al lato c del sistema e passante per il centro della faccia bc
abbiamo I
r
=
1
12
m(4a
2
+b
2
)
7. cilindro di raggio r ed altezza h
Se r `e lasse del cilindro abbiamo I
r
=
1
2
ma
2
Se r `e una retta passante per il baricentro ed ortogonale allasse del cilindro abbiamo
I
r
=
1
12
m(h
2
+ 3a
2
)
Se r coincide con un diametro di una base del cilindro abbiamo I
r
=
1
12
m(4h
2
+ 3a
2
)
8. cilindro cavo di raggio esterno a, raggio interno b ed altezza h
Se r `e lasse del cilindro abbiamo I
r
=
1
2
m(a
2
+b
2
)
Se r `e una retta passante per il baricentro ed ortogonale allasse del cilindro abbiamo
I
r
=
1
12
m(h
2
+ 3a
2
+ 3b
2
)
Se r coincide con un diametro di una base del cilindro abbiamo I
r
=
1
12
m(4h
2
+3a
2
+
3b
2
)
7.2. MOMENTI DI INERZIA 43
9. sfera di raggio a e massa m
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
=
2
5
ma
2
se r `e una retta tangente alla supercie abbiamo I
r
=
7
5
ma
2
10. sfera cava di raggio esterno a, raggio interno b e di massa m
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
=
2
5
m
a
5
b
5
a
3
b
3
se r `e una retta tangente alla supercie abbiamo I
r
=
7
5
m
a
5
b
5
a
3
b
3
+ma
2
11. sfera vuota di raggio a e massa m
se r `e una retta coincidente con un diametro abbiamo I
r
= ma
2
se r `e una retta tangente alla supercie abbiamo I
r
= 2 ma
2
12. ellissoide di semiassi a, b e c
se r coincide con lasse c abbiamo I
r
=
1
5
m(a
2
+b
2
)
13. cono circolare di raggio a, altezza h e massa m
se r `e lasse del cono abbiamo I
r
=
3
10
ma
2
se r `e un asse passante per il vertice ed ortogonale allasse del cono abbiamo I
r
=
3
20
m(a
2
+ 4h
2
)
44 CAPITOLO 7. FISICA CLASSICA
Capitolo 8
Gruppi classici
8.1 denizione
Un insieme G = {x} `e un gruppo rispetto alloperazione se sono soddisfatte le seguenti
propriet`a:
1. x, y G risulta x y G;
2. x, y, z G risulta (x y) z = x (y z);
3. e G tale che, x G risulta x e = e x = x;
4. x G esiste un elemento x
1
G per cui x x
1
= x
1
x = e.
Una rappresentazione di G `e una mappa da G in un gruppo di matrici quadrate che
preserva le operazioni. In particolare, detta una tale rappresentazione, risulta:
(e) = 11, (x y) = (x) (y), (x)
1
=
_
x
1
_
8.2 esempi discreti
1. GL(n, K) `e il gruppo delle matrici invertibili di ordine n a coecienti in C. I suoi
elementi sono della forma
Z GL(n, K) Z = e
X
2. U(n) `e il gruppo delle matrici di ordine n tali che
U

U = UU

= 11.
`
E detto gruppo unitario. Ovviamente U(n) GL(n, C). Inoltre se X U(n) allora
| det(x)| = 1.
45
46 CAPITOLO 8. GRUPPI CLASSICI
Le matrici di U(2) sono necessariamente matrici della forma
_
a b
b a
_
, con |a|
2
+ |b|
2
= 1, || = 1
3. SU(n) `e il gruppo delle matrici di ordine n tali che
U

U = UU

= 11, det(U) = 1.
I suoi elementi sono della forma
Z SU(n) Z = e
X
, con X

= X, tr(X) = 0.
Ovviamente SU(n) GL(n, C). Le matrici di SU(2) sono necessariamente matrici
della forma
_
a b
b a
_
, con |a|
2
+ |b|
2
= 1.
4. SO(n) `e il gruppo delle matrici reali di ordine n tali che
O
t
O = OO
t
= 11, det(O) = 1.
`e detto gruppo ortogonale speciale. I suoi elementi sono della forma
Z SO(n) Z = e
X
, con X
t
= X.
Ovviamente SU(n) GL(n, R).
5. O(n) `e il gruppo ortogonale delle matrici reali di ordine n tali che
O
t
O = OO
t
= 11.
Se A O(n) allora det(A) = 1.
8.3 esempi continui
1. gruppo delle traslazioni
Detti p = i
d
dx
e T
a
= e
i
a

p
= e
a
d
dx
linsieme G = {T
a
, a R} `e il gruppo delle
traslazioni. Vale la
T
a
f(x) = f(x a)
8.3. ESEMPI CONTINUI 47
2. gruppo delle rotazioni
Una rotazione di intorno allasse x, R
, x
, produce in una funzione f(x, y, z) la
seguente modica:
R
, x
f(x, y, z) = f(x, y +z, z y) f(x, y, z) +
_
z

x
y

z
_
f(x, y, z) =
=
_
11
i

L
x
_
f(x, y, z),
avendo introdotta la componente x del momento angolare

L, L
x
=

i
_
z

y
y

z
_
.
Ne segue che
R
, x
= e

L
x
In una direzione n arbitraria gli operatori di traslazione e di rotazione diventano:
T
a,n
= exp
_

a(n p)
_
, R
,n
= exp
_

(n

L)
_
48 CAPITOLO 8. GRUPPI CLASSICI
Capitolo 9
Uguaglianze vettoriali, tensoriali
ed operatoriali
9.1 Vettori in R
n
1.

r = 3
2.

A (

B

C) =

C (

A

B) =

B (

C

A)
3.

A

B) = (

B

)

A+ (

A

)

B +

B (


A) +

A (


B)
4.

A (


B) =

(

A

B) (

A

)

B
5.

A (

B

C) =

B(

A

C)

C(

A

B)
6.
(

A

B)

C =

B(

A

C)

A(

B

C)
7.
(

A

B) (

C

D)) = (

A

C)(

B

D) (

A

D) (

B

C)
8.
(

A

B) (

C

D)) =

C
_

A (

B

D)
_


D
_

A (

B

C)
_
=
=

B
_

A (

C

D)
_


A
_

B (

C

D)
_
49
50 CAPITOLO 9. UGUAGLIANZE VETTORIALI, TENSORIALI ED OPERATORIALI
9.

A) = (


A) + (

)

A
10.

A

B) =

B (


A)

A (


B)
11. se r =
_
(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
+ (z z
0
)
2
si ha

r =
1
r
_
(x x
0
) +(y y
0
) +

k(z z
0
)
_
12.

A (

B

C) = (

A

B)

C =

A
x
A
y
A
z
B
x
B
y
B
z
C
x
C
y
C
z

13.

f(r) =
r
r
f
r
14.
(

f(r)) dr =
f
x
dx +
f
y
dy +
f
z
dz = df
15.

2
_
1
r
_
= 4(r)
16.

_
1
r
1
r
2

_
= 4(r
1
r
2
)
17.

ilm

jmk
= (
ij

lk

ik

jl
)
18.

ilm

jlm
= 2
ij
,
ilm

ilm
= 6,
ilm
=
lim
19.
(

A

B)
i
= A
k

kim
B
m
9.2. SPAZI VETTORIALI LINEARI 51
9.2 Spazi vettoriali lineari
1. Identit`a di polarizzazione in un inner product space (IPS) su R:
< f, g >=
1
4
f +g
2

1
4
f g
2
2. Identit`a di polarizzazione in un inner product space su C:
< f, g >=
1
4
f +g
2

1
4
f g
2
+
i
4
f +ig
2

i
4
f ig
2
3. In generale, in un IPS vale la
f +g
2
+f g
2
= 2f
2
+ 2g
2
4.
4 < Af, g >=< A(f +g), f +g > < A(f g), f g > +
+i < A(f +ig), f +ig > i < A(f ig), f ig >
5.
_
n

k=1
x
k
y
k
_
2
=
_
n

k=1
x
2
k
__
n

k=1
y
2
k
_

1
2
n

k,l=1
(x
k
y
l
y
k
x
l
)
2
6. Identit`a di Apollonio
f g
2
+f h
2
=
1
2
g h
2
+ 2
_
_
_
_
f
g +h
2
_
_
_
_
2
7. Forma alternativa della norma in H. Detto H
1
= {g H : g = 1},
f = sup
gH
1
| < f, g > |
9.3 Operatori
1.
e
A+B
= e
A
e
B
e

1
2
[A,B]
, se [A, [A, B]] = [B, [A, B]] = 0
2. Se [A, B] = A allora
e
x(A+B)
= e
xB
e
(1e
x
)A
= e
(e
x
1)A
e
xB
3.
e
A
e
B
= e
B
e
A
e
[A,B]
, se [A, [A, B]] = [B, [A, B]] = 0
52 CAPITOLO 9. UGUAGLIANZE VETTORIALI, TENSORIALI ED OPERATORIALI
4.
e
A
Be
A
= B + [A, B] +
1
2!
[A, [A, B]] +. . .
5. se [A, B] = B, C allora
e
A
Be
A
= e

B
6. se [A, B] = B
2
, C allora
e
A
Be
A
= B(11 B)
1
,
per B < 1
7. se [A, B] = B
n
, C, n 2, allora esiste una funzione analitica g
n
(x), denita in
|x| <
1
n1
, tale che
e
A
Be
A
= Bg
n
_
B
n1
_
,
per B
n1
< 1. Tale funzione si pu`o ottenere utilizzando litem 9 che segue.
8. se [A, B] = h(A) B +g(A), con h(A) e g(A) regolari allora
e
A
Be
A
= e
h(A)
B +g(A)
e
h(A)
1
h(A)
9. se [A, B] = Bh(A) +g(A), con h(A) e g(A) regolari allora
e
A
Be
A
= Be
h(A)
+g(A)
e
h(A)
1
h(A)
10. se [A, B] = h(B), con h(B) per cui esiste H(x) =
_
dx
h(x)
ed `e invertibile, allora
e
A
Be
A
= H
1
(t +h(B))
11. Sia A = p
x
p
y
+ xy, con [x, p
x
] = [y, p
y
] = i. Allora
e
A
xe
A
= xcosh
_
ip
y
_

sinh
_

e
A
ye
A
= y cosh
_
ip
x
_

sinh
_

e
A
p
x
e
A
= p
x
cosh
_
+iy
_

sinh
_

e
A
p
y
e
A
= p
y
cosh
_
+ix
_

sinh
_

9.3. OPERATORI 53
12.
e
A
e
B
= exp{A+B +
1
2
[A, B] +
1
12
([A, [A, B]] + [B, [B, A]])
1
24
[A, [B, [A, B]]]+

1
720
[A, [A, [A, [A, B]]]]
1
120
[A, [A, [B, [A, B]]]] +
1
360
[B, [A, [A, [A, B]]]]+

1
360
[A, [B, [B, [A, B]]]] +
1
120
[B, [A, [B, [A, B]]]] +
1
720
[B, [B, [B, [A, B]]]] + }
13. se [A, B] = C, con [A, C] = 0 e [B, C] = k11 in cui k C,
e
A+B
= e
k/3
e
A
e
B
e

1
2
C
14. se [A, B] = C, con [A, C] = 2A e [B, C] = 2B in cui C allora, dette f(x) =
h(x) =
1

tan(x

/2) e g(x) =
1

sin(x

),
e
x(A+B)
= e
f(x)B
e
g(x)A
e
h(x)B
15.
_
e
A
, B

=
_
[A, B] +
1
2!
[A, [A, B]] +
_
e
A
16.
1
AB
=
1
A
+
1
A
B
1
AB
, se < 1
17.
1
A+B
=
1
A
_
11 B
1
A+B
_
18.
[AB, CD] = A[B, C]D +AC[B, D] + [A, C]DB +C[A, D]B
19. Identit`a di Jacobi
[A, [B, C]] + [B, [C, A]] + [C, [A, B]] = 0
20.
A
n
B
n
AB = (A
n
A)(B
n
B) +A
n
(B
n
B) + (A
n
A)B
21.
e
ia
j
= cos(a) +i sin(a)
j
, j = 1, 2, 3,
j
matrici di Pauli
22.
exp{ia(n )} = cos(an) +i
n
n
sin(an),
in cui n = n
54 CAPITOLO 9. UGUAGLIANZE VETTORIALI, TENSORIALI ED OPERATORIALI
23.
det(A) = exp(tr(log(A))), det(exp(A)) = exp(tr(A))
24.
d
dx
e
A(x)
=
dA(x)
dx
e
A(x)

_
A,
dA
dx
_
= 0
25. ogni operatore unitario U pu`o scriversi come
U =
11 iH
11 +iH
,
in cui H = H

26. Se A GL(n, C) = {matrici complesse n n con determinante non nullo} pu` o scri-
versi A = UB, con U

= U
1
e B = B

con autovalori positivi


27. ogni A B(H) pu`o scriversi come A = A
1
+iA
2
, con A

i
= A
i
, i = 1, 2. Esplicitamente
si ha A
1
=
1
2
(A+A

) ed A
2
=
1
2i
(AA

)
28. Se A `e una matrice n n allora pu`o essere scritta come A = U
1
DU
2
, con U
1
ed U
2
operatori unitari e D diagonale con elementi non negativi
29. Se A = A

ed A 1 allora, detti A

= Ai

11 A
2
, risulta
A
1
+
= A

+
, A
1

= A

, A =
1
2
(A
+
+A

)
30.
(
n
11 A
n
) = (11 A)
_

n1
11 +
n2
11 + +A
n1
_
31.
f(A) =
1
2i
_
|z|>A
f(z) (z A)
1
dz,
se f(z) `e analitica ed A B(H)
32.
e
A+B
= lim
n,
_
e
A/n
e
B/n
_
n
,
se A e B sono matrici k k
33. se A = A

, B = B

ed A+B `e a.a. su D(A) D(B), allora


s lim
n,
_
e
itA/n
e
itB/n
_
n
= e
it(A+B)
34. se A = A

, B = B

, A +B `e a.a. su D(A) D(B) ed A e B sono limitati dal basso,


allora
s lim
n,
_
e
tA/n
e
tB/n
_
n
= e
t(A+B)
9.4. INFORMAZIONI TOPOLOGICHE 55
35.
det(AB) = det(A) det(B), det(A
1
) = (det(A))
1
,
det(A) = det(A
t
), det(N
1
MN) = det(M)
36. se A `e una matrice n n con
A =
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
A
1
0 0 . . 0 0
0 A
2
0 0 . . 0
0 0 A
3
0 0 . .
. . . . . . .
. . . . . . .
0 0 0 . 0 A
m1
0
0 0 0 . 0 0 A
m
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
_
,
con A
j
matrice d
j
d
j
, d
1
+d
2
+ d
m
= n, si ha det(A) = det(A
1
) det(A
2
) det(A
m
).
37.
e
a
d
dx
f(x) = f(x +a)
38.
e
ax
d
dx
f(x) = f(e
a
x)
39.
e
a
d
dx
f(e
x
) = f(e
x+a
)
40.
e
ax
2 d
dx
f(x) = f
_
x
1 ax
_
, a|x| < 1
41.
_
x
d
dx
x
_
n
= x
n
d
n
dx
n
42.
_
x
2
d
dx
nx
_
n+1
= x
2n+2
d
n+1
dx
n+1
9.4 informazioni topologiche
1. se s lim
n
A
n
= A e s lim
n
B
n
= B allora s lim
n
A
n
B
n
= AB
2. se wlim
n
A
n
= A e slim
n
B
n
= B allora wlim
n
A
n
B
n
= AB ma wlim
n
B
n
A
n
non esiste
3. se w lim
n
A
n
= A allora w lim
n
A
n
B = AB e w lim
n
BA
n
= BA B B(H)
56 CAPITOLO 9. UGUAGLIANZE VETTORIALI, TENSORIALI ED OPERATORIALI
4. se w lim
n
A
n
= A allora w lim
n
A

n
= A

5. se s lim
n
A
n
= A allora w lim
n
A

n
= A

6. se < A
n
f, g >< Af, g > uniformemente per g = 1 allora A
n
f Af 0, e se
A
n
f Af 0 uniformemente per f = 1 allora A
n
A 0, A
n
f Af 0
[Halmos, 107]
7. se f
n
f debolmente e se A
n
A fortememente allora non `e detto che A
n
f
n
Af
debolmente [Halmos, 118].
Capitolo 10
Disuguaglianze
10.1 disuguaglianze numeriche
1. per ogni z
1
, z
2
C vale la |z
1
z
2
| ||z
1
| |z
2
||
2. se p
1
+q
1
= 1 allora, , 0 vale la


p
p
+

p

3. Se
j
0 e p 1 allora
(
1
+ +
n
)
p

p
1
+ +
p
n
4.
a, b R

a +b
2

p
+

a b
2

1
2
(|a|
p
+ |b|
p
) ,
se p 2
5.
a, b R
p
+
p
(
2
+
2
)
p/2
, p 2
6.
s, t > 0, s
1/p
t
1/q

s
p
+
t
q
,
se p
1
+q
1
= 1
7.
(1 + |a|)(1 + |b|) 1 + |b a|
per ogni a, b R
57
58 CAPITOLO 10. DISUGUAGLIANZE
8. Se
j
0 allora
(
1

2

n
)
1/n

1
n
(
1
+
2
+
n
)
9. se 0 < < 1, a 0 e b 0 allora
a

b
1
a + (1 )b
10. m, k N, con m k risulta
m!
(mk)!
m
k
11. disuguaglianza di Cebysev se a
1
a
2
a
n
e b
1
b
2
b
n
risulta
(a
1
+a
2
+ a
n
) (b
1
+b
2
+ b
n
) n(a
1
b
1
+a
2
b
2
+ a
n
b
n
)
10.2 vettori
1. La disuguaglianza di Schwartz `e:
f, g H, | < f, g > | f g
2.
|f g| f g f +g
3.
n

k=1
|x
k
y
k
|
_
n

k=1
|x
k
|
p
_
1/p
_
n

k=1
|y
k
|
q
_
1/q
,
con q
1
+p
1
= 1.
`
E la disuguaglianza di Holder
4. f(x), g(x) L
p
(R) L
q
(R) vale la
fg
1
=

_
R
f(x) g(x) dx

f
p
g
g
5.
_
n

k=1
|x
k
+y
k
|
p
_
1/p

_
n

k=1
|x
k
|
p
_
1/p
+
_
n

k=1
|y
k
|
p
_
1/p
,
che `e la disuguaglianza di Minkowski.
6.
f +g
p
f
p
+g
p
, f, g L
p
10.3. OPERATORI 59
10.3 operatori
1.
tr (Alog(A) Alog(B)) tr(AB),
con A = A

e B = B

2. Siano A e B operatori a.a. (illimitati) con spettro contenuto nel dominio di denizione
della funzione convessa f. Allora
tr[f(A) f(B) (AB)f

(B)] 0
3. Siano A e B due operatori a.a., positivi e di classe traccia. Allora
tr(Alog(A)) tr(Alog(B)) tr(AB)
4. Siano A e B operatori a.a. su C
n
. Allora

log
_
tr(e
A
)
_
log
_
tr(e
B
)
_

AB
5. Se A e B sono operatori a.a. per i quali esistono le quantit`a che seguono, allora
tr
_
e
A+B
_
tr
_
e
A
e
B
_
6. Detto A
2
:=
_
tr(A

A) risulta
|A| |B|
2

2 AB
2
in cui |A| =

A. Se poi A = A

e B

= B allora
|A| |B|
2
AB
2
7. Se [B, C] = iD allora, detti < X >=< f, Xf > e X :=< X
2
> < X >
2
, risulta
(A)
2
(B)
2

< D >
2
4
8. Con la stessa notazione si ha
(A)
2
(B)
2

1
4
_
< D >
2
+ < F >
2
_
,
dove < F >:=< BC +CB > 2 < B >< C > `e la correlazione tra A e B in f
9. Dal [?], Prop. 2.2.13: se A B 0 sono in B(H) allora
A A 11, A B, AA A
2
C

AC C

BC 0, C B(H)
(B + 11)
1
(A+ 11)
1
, > 0
60 CAPITOLO 10. DISUGUAGLIANZE
10.4 funzioni
1. Siano f(x) e g(x) due funzioni positive ed integrabili su I R, tali che
_
I
f(x) dx =
_
I
g(x) dx. Allora, vedi [Steeb, vol2, pg213],
_
I
f(x) log(f(x)) dx
_
I
g(x) log(g(x)) dx
Commento: scambiando il ruolo di f(x) e g(x) penso si mostri anche la disugua-
glianza opposta, e quindi luguaglianza
_
I
f(x) log(f(x)) dx =
_
I
g(x) log(g(x)) dx.
Capitolo 11
Meccanica quantistica
11.1 operatori bosonici
1.
[a, a

] = 11, N = a

a
2.
[a, (a

)
k
] = k(a

)
k1
, [a

, a
k
] = k a
k1
, k = 1, 2, 3, . . .
3.
[a
2
, (a

)
k
] = k(k 1)(a

)
k2
+ 2k(a

)
k1
a
4.
[a
3
, (a

)
k
] = k(k 1)(k 2)(a

)
k3
+ 3k(k 1)(a

)
k2
a + 3k(a

)
k1
a
2
5.
[a
4
, (a

)
k
] = k(k 1)(k 2)(k 3)(a

)
k4
+ 4k(k 1)(k 2)(a

)
k3
a+
+6k(k 1)(a

)
k2
a
2
+ 4k(a

)
k1
a
3
6.
[a
2
, a

2
] = 4a

a + 211
7.
[a
3
, a

3
] = 9a

2
a
2
+ 18a

a + 611
8.
[a
4
, a

4
] = 16a

3
a
3
+ 72a

2
a
2
+ 96a

a + 2411
9.
[a
5
, a

5
] = 25a

4
a
4
+ 200a

3
a
3
+ 600a

2
a
2
+ 600a

a + 12011
61
62 CAPITOLO 11. MECCANICA QUANTISTICA
10. per f sucientemente regolari si ha
af(N) = f(N + 1)a
11.
[N, a
k
] = ka
k
, [N, (a

)
k
] = k(a

)
k
12.
e
N
a

e
N
= e a

13.
(a

)
2
e
211+N
= e
N
(a

)
2
e
N
(a

)
2
e
N
= e
2
(a

)
2
14. se
0
`e tale che a
0
= 0, detto
l
=
(a

)
l

l!

0
allora
a
n

l
=

l!
(l n)!

ln
, l n, (a

)
m

l
=
_
(l +m)!
l!

l+m
15.
e
i

2
(a
2
(a

)
2
)
a

e
i

2
(a
2
(a

)
2
)
= cos()a

+i sin()a
16.
e
i

2
(a
2
(a

)
2
)
ae
i

2
(a
2
(a

)
2
)
= cos()a +i sin()a

17.
e
1
2
(a
2
(a

)
2
)
ae

1
2
(a
2
(a

)
2
)
= cosh(r)a +e
i
sinh(r)a

, = re
i
18.
e
1
2
(a
2
(a

)
2
)
a

1
2
(a
2
(a

)
2
)
= cosh(r)a

+e
i
sinh(r)a, = re
i
19. Se S() = exp{

2
a


2
a
2
}, con = r e
i
, allora
S() = exp{
1
2
a

2
e
i
tanh(r)} exp{
1
2
(a

a+aa

)} log(cosh(r)) exp{
1
2
a
2
e
i
tanh(r)}
20. Se T
,
:= e
a
2
+a

2
, , reali, allora
T
,
a T
1
,
= a cos(
_
4) a

sin(
_
4)
T
,
a

T
1
,
= a

cos(
_
4) +a
_

sin(
_
4)
21. Se S = exp{ a

a + a
2
+ a

2
}, allora
S a S
1
=
_
cosh

sinh
_
a 2

sinh a

S a

S
1
=
_
cosh +

sinh
_
a

+ 2

sinh a,
in cui =
_

2
4||
2
.
11.2. OPERATORI QUONICI 63
11.2 operatori quonici
1.
[B, B

]
q
= BB

qB

B = 11
2.
B

B
l+1
=
1
q
l
B
l
(B

B (1 +q + +q
l1
)11)
3.
B(B

)
l+1
= (B

)
l
_
q
l
B

B + (1 +q + +q
l1
)1 1
_
4.
B
0
= 0
n
=
1

0

n1
B

0
, n 1
5. If h = B

B then h
n
=
n

n
, with
0
= 0,
1
= 1 and
n
= 1 + q + + q
n1
for
n 1. Also,
2
n
= 1 +q + +q
n
, for all n 0. Hence
n
=
2
n1
for all n 1.
6.

n+1
=
1

n
B

n
, n 0 : <
n
,
k
>=
n,k
7.
B
n+1
=
n

n
, n 0.
11.3 altri operatori quonici
Fonte: R. Kibler, SIGMA, 3, 2007, 092
[a

, a
+
]
q
= 11, [N
a
, a

] = a

,
a
k

= 0, N

a
= N
a
, q := e
2i/k
, k N \ {0, 1}
Attenzione: N
a
non `e necessariamente pari a a

+
a
+
o simili, e se k = 2, , a
+
= a

.
11.4 regole di commutazione chiuse
1. se [a, a

] = 11 allora, detti K
+
=
1
2
(a

)
2
, K

=
1
2
a
2
e K
0
=
1
2
_
N +
1
2
_
, con N = a

a,
allora
[K
0
, K

] = K

, [K
+
, K

] = 2K
0
2. detti invece L
1
=
1
4
_
a
2
+a

2
_
, L
2
=
i
4
_
a
2
a

2
_
ed L
3
=
1
2
_
N +
1
2
_
, allora
[L
1
, L
2
] = iL
3
, [L
2
, L
3
] = iL
1
, [L
3
, L
1
] = iL
2
64 CAPITOLO 11. MECCANICA QUANTISTICA
3. Siano a
j
, a

j
tali che [a
j
, a

k
] =
j,k
. Deniamo L
0
= a

1
a
1
+ a
2
a

2
, L
+
= a

1
a

2
ed
L

= a
1
a
2
, si ha
[L
0
, L
+
] = 2L
+
, [L
0
, L

] = 2L

, [L
+
, L

] = L
0
11.5 sulle rappresentazioni posizione e momento
1. x, p = i

x
`e la rappresentazione delle coordinate.
2. x = i

p
, p `e la rappresentazione dei momenti.
3.
e
ia p
f(x) = f(x +a)
4.
e
ib x
e
ia p
f(x) = e
ib x
f(x +a) = e
ibx
f(x +a)
5.
e
ia p
e
ib x
f(x) = e
ia p
_
e
ixb
f(x)
_
= e
ib(x+a)
f(x +a)
6. Se
x
`e un autostato generalizzato di x, x
x
= x
x
, allora
e
ia p

x
=
xa
, e
ia p
<
x
, f >=< e
ia p

x
, f >
per ogni f H.
7.
_
x, e
ia p

= ae
ia p
11.6 diverse rappresentazioni
1. rappresentazione di Scrodinger

i
(t)
t
+H(t) = 0, (t) = V (t, t
0
)(t
0
),
con V (t, t
0
) soluzione dellequazione

i
V (t, t
0
)
t
+HV (t, t
0
) = 0
Se H non dipende dal tempo esplicitamente allora si ottiene
V (t, t
0
) = e

(tt
0
)H
11.6. DIVERSE RAPPRESENTAZIONI 65
Se invece H dipende da t esplicitamente allora
V (t, t
0
) = 11
i

_
t
t
0
H(t

)V (t

, t
0
) dt

,
che fornisce una soluzione perturbativa.
2. rappresentazione di Heisenberg
Deniamo, a partire da quanto fatto sopra,
H
(t) = V
1
(t, t
0
) = (t
0
) ed X
H
(t) =
V
1
(t, t
0
)XV (t, t
0
). Allora
H
(t) non evolve nel tempo mentre X
H
(t) soddisfa la
X
H
(t) =
i

[H, X
H
(t)]
3. rappresentazione di interazione
Sia H = H
0
+H
I
e deniamo

I
(t) = R(t
0
, t)(t), X
I
(t) = R(t
0
, t)X R
1
(t
0
, t),
in cui R soddisfa le

i
R(t
0
, t)
t
R(t
0
, t)H
0
= 0, R(t
0
, t
0
) = 11, =R(t
0
, t) = 11+
i

_
t
t
0
R(t
0
, t

) H
0
dt

Se H
0
non dipende dal tempo allora R(t
0
, t) = e
i

H
0
t
.
Le quantit`a
I
(t) ed X
I
(t) soddisfano le equazioni

I
(t)
t
+H
1,I

I
(t) = 0, X
I
(t) =
i

[H
0,I
, X
I
(t)] =
i

[H
0
, X
I
(t)],
in cui lultima uguaglianza vale qualora sia R(t
0
, t) = e
i

H
0
t
.
In alternativa possiamo denire

I
(t) = U(t, t
0
)
H
(t), X
I
(t) = U(t, t
0
)X
H
(t) U
1
(t, t
0
),
e si ha

i
U(t, t
0
)
t
+H
1,I
U(t, t
0
) = 0, U(t
0
, t
0
) = 11
Se H
0
ed H
1
non dipendono da t si ha
U(t, t
0
) = e
i

(tt
0
)H
0
e

(tt
0
)(H
0
+H
I
)
66 CAPITOLO 11. MECCANICA QUANTISTICA
11.7 matrici di Pauli
Sia

1
=
_
0 1
1 0
_
,
2
=
_
0 i
i 0
_
,
3
=
_
1 0
0 1
_
Valgono le seguenti identit`a:
det(
j
) = 1, tr(
j
) = 0, j = 1, 2, 3

2
j
= 11,
i

j
+
j

i
= 2
ij
,
i

j
= i
k
,
ciclicamente. Abbiamo inoltre Ancora
[
1
,
2
] = 2i
3
, [
2
,
3
] = 2i
1
, [
3
,
1
] = 2i
2
[a ,

b ] = 2i (a

b)
( a)(

b) = (a

b)1 1 +i (a

b)
e
ia
j
= cos(a) +i
j
sin(a)
o, pi` u in generale,
e
ia(n)
= cos(an) +i
n
n
sin(an), n = n
Siano adesso | > gli autostati di
3
:

3
| >= | >,
3
| >
1
= | >
1
,
3
| >
2
= | >
2
,
in cui, ad esempio, |+ >
1
`e autostato di
1
con autovalore +1. Abbiamo
| >
1
=
1

2
(|+ > | >), | >
2
=
1

2
(|+ > i | >)
Pi` u in generale
|+ >
u
= cos(/2) e
i/2
|+ > +sin(/2) e
i/2
| >,
| >
u
= sin(/2) e
i/2
|+ > +cos(/2) e
i/2
| >
che invertite forniscono
_
|+ >
| >
_
=
_
cos(/2) e
i/2
sin(/2) e
i/2
sin(/2) e
i/2
cos(/2) e
i/2
_ _
|+ >
u
| >
u
_
e
ia(n)
=
_
cos(a) +in
3
sin(a) sin(a)(n
2
+in
1
)
sin(a)(n
2
+in
1
) cos(a) in
3
sin(a)
_

+
=
1
2
(
1
+i
2
) =
_
0 1
0 0
_
,

=
1
2
(
1
i
2
) =
_
0 0
1 0
_
e si ha
(

)
2
= 0, [

,
3
] = 2

, [
+
,

] =
3
, {
+
,

} = 11
11.8. STATI COERENTI 67
11.8 stati coerenti
Sia z C, [a, a

] = 11, e |0 > il vettore che soddisfa la a|0 >= 0. Si pone


|z >= e
za

za
|0 >= e

1
2
|z|
2
e
za

= e

1
2
|z|
2

n=0
z
n

n!

n
,
in cui
n
=
(a

)
n

n!
|0 >. Abbiamo:
a|z >= z|z >, < z
1
, z
2
>= e
z
1
z
2

1
2
(|z
1
|
2
+|z
2
|
2
)
| < z
1
, z
2
> |
2
= e
|z
1
z
2
|
2
1

_
dz |z >< z| = 11 f =
1

_
dz |z >< z|f >
Detto D(z) = e
za

za
si ha
D(z) = e
za

za
= e

1
2
|z|
2
e
za

e
z a
,
D(z)

= D(z)
1
= D(z),
[a, D(z)] = zD(z)
D
1
(z)F(a, a

)D(z) = F(a +z, a

+z),
D(z +w) = D(z)D(w)e
1
2
(z wz w)
11.9 oscillatore armonico
H =
p
2
2m
+
1
2
m
2
x
2
=

2
2m
d
2
dx
2
+
1
2
m
2
x
2
diventa, posti

X :=
_
m

x,

P =
1

m
p, a =
1

2
_

X +i

P
_
e a

=
1

2
_

X i

P
_
,
H =

2
(

P
2
+

X
2
) =
_
a

a +
1
2
_
Risulta [x, p] = i, [

X,

P] = i, [a, a

] = 1. Gli autostati di H sono

0
(x) =
_
m

_
1/4
e

1
2
m

x
2
,

1
(x) =
_
4

_
m

_
3
_
1/4
xe

1
2
m

x
2
,

2
(x) =
_
m
4
_
1/4
_
2
m

x
2
1
_
e

1
2
m

x
2
,
68 CAPITOLO 11. MECCANICA QUANTISTICA
o, per generici n 0,

n
(x) =
_
1
2
n
n!
_

m
_
n
_
1/2
_
m

_
1/4
_
m

x
d
dx
_
n
e

1
2
m

x
2
,
o, in termini di funzioni di Hermite,

n
(x) =
1

2
n
n!
_

_
1/4
H
n
(x)e

1
2

2
x
2
,
in cui =
_
m

. Abbiamo ad esempio
H
0
(x) = 1, H
1
(x) = 2x, H
2
(x) = 2 + 4x
2
, H
3
(x) = 12x + 8x
3
,
H
4
(x) = 12 48x
2
+ 16x
4
, H
5
(x) = 120x 160x
3
+ 32x
5
Molto spesso si lavora in unit`a = 1.
Capitolo 12
Analisi funzionale
12.1 Spazi a dimensione nita
La fonte di questo capitolo `e il capitolo 9 di Problems in mathematical analysis, di Biler e
Witkowski, Dekker Ed. (1990)
1. Siano A e B due matrici. Se [[A, B], A] = [[A, B], B] = 0 allora [A, B]
2
= 0.
2. Siano A e B due matrici. Per ogni 1 p, q con p
1
+q
1
= 1 vale la
|tr(AB)| (tr|A|
p
)
1/p
(tr|B|
q
)
1/q
3. Siano A e B due matrici strettamente positive. Per ogni t [0, 1] vale la
(tA+ (1 t)B)
1
tA
1
+ (1 t)B
1
4. Siano A e B due matrici con A denita positiva e AB 1, BA 1. Vale allora
la
A
1/2
BA
1/2
1
5. Siano A e B due matrici denite positive. Per ogni t [0, 1] vale la
det(tA+ (1 t)B) (det(A))
t
(det(B))
1t
6. Per ogni a
j
, b
j
R, j = 1, . . . , n, vale la disuguaglianza di Hilbert
n

i,j=1
a
i
b
j
i +j

_
n

i=1
a
2
i
_
1/2
_
_
n

j=1
b
2
j
_
_
1/2
69
70 CAPITOLO 12. ANALISI FUNZIONALE
12.2 Spazi a dimensione innita
1. Linsieme
_
f(x) C

(0, 1) : f(0) = 0,
_
1
0
f(x)
x
dx = 0
_
`e denso in L
2
(0, 1)
2. Sia {e
n
} una base o.n. in uno spazio di Hilbert separabile H e sia F = {f
n
H} un
insieme di vettori o.n. per cui

n
e
n
f
n
< . Allora F `e una base.
3. Ogni operatore A positivo e limitato ammette radice di ogni ordine, anchesso positivo
e limitato. Questo segue dal teorema spettrale, ma pu`o anche dedursi denendo (vedi
il mio libro per la radice quadrata) la successione di operatori X
0
= 0, X
n+1
=
X
n
+
1
k
(AX
k
n
) che converge ad A
1/k
.
4. Teorema di Weyl-von Neumann: se H `e un operatore a.a. in H separabile allora
esiste un operatore compatto a.a. K tale che gli autostati di H +K formano una base
o.n. di H. Lo stesso risultato vale se H fosse un operatore unitario piuttosto che a.a.
5. Siano A e B due operatori a.a. su H. Allora
_
_
e
iA
e
iB
_
_
AB
6. Clarkson inequalities:
(i) Se f, g L
p
, p 2,
(f +g)/2
p
+(f g)/2
p
(f
p
+g
p
) /2
(ii) Se 1 < p < 2, f, g L
p
, 1/p + 1/q = 1,
(f +g)/2
q
+(f g)/2
q
((f
p
+g
p
)/2)
1/(p1)
7. Radon-Riesz theorem: se f
n
f debolmente in L
p
, 1 < p < , e se f
n

p
f
p
,
allora f
n
f
p
0
8. Siano A ed X due operatori limitati su uno spazio di Banach. La soluzione dellequa-
zione dierenziale
dX
dt
= XAX, X(0) = 11
`e X(t) = (11 +tA)
1
.
9. Supponiamo che
_
R
x
n
f(x) dx = 0 per ogni n = 0, 1, 2, . . .. Se si assume che f(x)
D(R) allora f(x) = 0 necessariamente. Questo non `e vero se invese si assume che sia
f(x) S(R).
10. Sia H uno spazio di Hilbert e f
n
, f H. Se f
n
f debolmente e f
n
f allora
f
n
f fortemente, [Halmos 20].
12.3. FORMULE FUNZIONALI 71
12.3 formule funzionali
(a) Una prima forma della formula di Poisson `e: se f S(R) allora

nZ
e
ina
f(x +nb) =
1
|b|

nZ

f
_
2n +a
b
_
exp
_
ix
2n +a
b
_
con a, b, x R, e con b = 0
(b) in particolare, se x = a = 0 e b = 1 si ottiene la

nZ
f(n) =

nZ

f (2n)
in cui, per`o, la denizione della

f(p) dierisce dalla mia per un

2. Abbiamo
qui

f(p) =
_
R
f(x)e
ixp
dx
(c) unaltra formula anchessa nota come Poisson summation formula `e la

nZ
e
inxc
=
2
|c|

nZ

_
x n
2
c
_
(d)
N1

k=0
e
2ikl/N
= N
l,0
12.4 spazi L
p
(a) se X R
d
con misura di Lebesgue (X) = 1 allora si ha
L
r
(X) L
s
(X), s r, ed inoltre f
s
f
r
,
per f L
r
(X). Se poi (X) < ma (X) = 1 allora si ha
f
s
(X)
rs
rs
f
r
(b) se p
1
+q
1
= r
1
, con p, q, r > 0, e se f L
p
e g L
q
, allora fg L
r
e
fg
r
f
p
g
q
72 CAPITOLO 12. ANALISI FUNZIONALE
Capitolo 13
Informazioni teoriche sparse
13.1 Analisi matematica
13.1.1 scambio di limiti
In generale si ha
lim
xx
0
lim
yy
0
f(x, y) = lim
yy
0
lim
xx
0
f(x, y).
Un esempio `e dato dalla f(x, y) =
x
2
y
2
x
2
+y
2
, con x
0
= y
0
= 0. Luguaglianza invece vale se
lim
xx
0
f(x, y) `e uniforme in y in un intorno di y
0
o se lim
yy
0
f(x, y) `e uniforme in x in
un intorno di x
0
.
13.1.2 scambio di limite e derivata
In generale si ha
lim
xx
0

y
f(x, y) =
d
dy
lim
xx
0
f(x, y).
Un esempio `e fornito dalla funzione
f(x, y) =
_
x arctan
_
y
x
_
, x = 0
0 x = 0
ed y = 0. Luguaglianza invece vale se f(x, y) e

y
f(x, y) convergono uniformemente rispetto
alla variabile y.
13.1.3 scambio di limite ed integrale
In generale si ha
lim
xx
0
_
b
a
f(x, y) dy =
_
b
a
lim
xx
0
f(x, y) dy.
73
74 CAPITOLO 13. INFORMAZIONI TEORICHE SPARSE
Ad esempio, basta considerare a = 0, b = 1 ed
f(x, y) =
_

|xx
0
|
sin
_
y
|xx
0
|
_
, 0 < y < |x x
0
|
0 altrimenti
Luguaglianza `e vera qualora esista una funzione integrabile g(y) tale che |f(x, y)| g(y)
per ogni (x, y) ovvero quando f(x, y) sia monotona in x.
13.1.4 scambio di limite e serie
In generale si ha
lim
xx
0

n=0
a
n
(x) =

n=0
lim
xx
0
a
n
(x).
Ad esempio non vale luguaglianza se x
0
= 0 e se a
n
(x) =
(n+1)
2
x
2
1
(n+1)
2
x
2
+1

n
2
x
2
1
n
2
x
2
+1
. Luguaglianza
vale se

n=0
a
n
(x) converge uniformemente in x.
13.1.5 scambio di derivate
In generale si ha

y
f(x, y) =

y

x
f(x, y).
Basta considerare x = y = 0 ed
f(x, y) =
_
xy
x
2
y
2
x
2
+y
2
, (x, y) = (0, 0)
0 (x, y) = (0, 0)
La formula `e valida se le due derivate miste

2
f
x y
e

2
f
y x
sono continue in (x, y).
13.1.6 scambio di derivata ed integrale
In generale si ha
d
dx
_
b
a
f(x, y) dy =
_
b
a

x
f(x, y) dy.
Basta considerare a = 0, b = 1 ed
f(x, y) =
_
x
3
y
2
e
x
2
/y
, y = 0
0 y = 0
Luguaglianza `e vera qualora esista una funzione integrabile g(y) tale che


y
f(x, y)


g(y) per ogni (x, y).
13.1. ANALISI MATEMATICA 75
13.1.7 scambio di derivata e serie
In generale si ha
d
dx

n=0
a
n
(x) =

n=0
d
dx
a
n
(x).
Basta considerare la a
0
(x) = arctan(x)x, a
n
(x) =
arctan((n+1)x)
n+1

arctan(nx)
n
. Luguaglianza
vale se le serie

n=0
a
n
(x) e

n=0
d
dx
a
n
(x) convergono uniformemente in x.
13.1.8 scambio di integrali
In generale si ha
_
b
1
a
1
_
b
2
a
2
f(x, y) dy dx =
_
b
2
a
2
_
b
1
a
1
f(x, y) dxdy.
Basta considerare a
1
= a
2
= 0, b
1
= b
2
= 1 ed
f(x, y) =
_

_
y
2
, 0 < x < y < 1
x
2
0 < y < x < 1
0 altrimenti
Luguaglianza vale se f(x, y) `e integrabile su [a
1
, b
1
] [a
2
, b
2
] (teorema di Fubini).
13.1.9 scambio di integrale e serie
In generale si ha

n=0
_
b
a
a
n
(x) dx =
_
b
a

n=0
a
n
(x) dx.
Basta considerare la a
n
(x) = g
n+1
(x) g
n
(x), in cui g
0
(x) = 0 per ogni x e
g
n
(x) =
_
n sin(nx), 0 x
1
n
0 altrimenti
Luguaglianza vale se a
n
(x) 0 per ogni x e per ogni n.
13.1.10 scambio di due serie
In generale si ha

n=0

m=0
a
n,m
=

m=0

n=0
a
n,m
Basta considerare la
a
n,m
_

_
2
mn
, n > m
0 n = m
2
nm
, n < m
Luguaglianza vale se la funzione f(x, y) = |a
n,m
| se n x < n + 1, m y < m + 1, `e
integrabile su R
+
R
+
.
76 CAPITOLO 13. INFORMAZIONI TEORICHE SPARSE