Sei sulla pagina 1di 3

IL PREGIUDIZIO RELIGIOSO SUL WEB

Roberto RAPACCINI Premessa

Nel 2001 due alti ufficiali dell'esercito cinese hanno pubblicato un interessante saggio dal titolo La guerra senza limiti - L'arte della guerra asimmetrica fra terrorismo e globalizzazione . Il libro evidenzia che l'epoca attuale caratterizzata da una grande conflittualit che tuttavia non si esprime attraverso forme belliche tipiche, ma, facendo propria la filosofia della globalizzazione, utilizza strumenti di varia natura, come turbative finanziarie, attacchi informatici, diffusione di virus telematici, manipolazione dei media. Questa congettura si potrebbe riassumere dicendo che non tutte le iniziative militari sono operazioni di guerra in senso tradizionale, e che non tutte le operazioni belliche sono militari . In un tale contesto il terrorismo rappresenta la forma tipica di guerra globale, e Osama Bin Laden ne sarebbe l'eroe anche se in termini negativi . I gruppi di persone che sono parti delle pi varie conflittualit spesso non si aggregano intorno a idee di evidente definizione, ma traggono la loro identit dal concetto di alterit. Viviamo in un periodo di disordine nel quale i valori tradizionali sembrano subire una difficile demarcazione. Come conseguenza l'identit di un individuo o di un gruppo sociale, piuttosto che essere caratterizzata dai valori di cui dovrebbe essere espressione, sembra delinearsi attraverso la contrapposizione a qualcosa o a qualcuno.

In questi casi una personalit si specifica attraverso il negativo fotografico dei tratti del nemico, ovvero si esalta la pars destruens a danno di quella construens. In questo senso si intende l'alterit come criterio di precisazione di un'identit. Tornando alle conflittualit che segnano i nostri tempi, il pregiudizio sicuramente un grande strumento di propaganda, che opera come mezzo di discredito e delegittimazione dell'avversario. E' paradossale che, in una contingenza storica nella quale va sempre pi diffondendosi l'indifferenza religiosa che spesso il presupposto di una visione spirituale agnostica, la fede o un culto possano costituire l'elemento qualificativo di una civilt che si oppone ad un'altra. Un esempio lo scontro culturale e politico fra il mondo islamico e l'occidente cristiano. Il pregiudizio religioso come incisivo strumento di propaganda l'oggetto principale di questo saggio. Perch nel Web? Il Pregiudizio risulta particolarmente amplificato quando si sviluppa nella Rete, che un ambiente sempre pi sottilmente invasivo della nostra condizione quotidiana. La Rete una realt virtuale che si contrappone a quella fisica, dalla quale divisa da una precisa linea di confine. Tuttavia la realt virtuale sempre pi presente, tanto da interferire con le nostre occupazioni abituali. In Second Life Viewer , che un gioco online, gli utenti, rappresentati da un avatar , possono costruire una propria ipotetica personalit nel cyberspazio, interagire fra di loro, socializzando, incontrandosi, gestendo attivit di gruppo o individuali; qui possibile sposarsi, realizzare progetti, comprare terreni, costruire, lavorare. In Second Life Viewer, si possono anche acquisire guadagni da spendere nella vita reale: questo un chiaro esempio di come Cyberspazio e realt fisica possano interagire . Gli aspetti negativi e alienanti della virtualit non devono tuttavia far dimenticare i meriti di Internet, che ha realizzato una grande rivoluzione democratica consentendo ad ognuno di sottoporre alla comunit la propria opinione con mezzi facili e a basso costo. Come riflesso per l'inflazione delle opinioni che ne conseguita ha prodotto in molti contesti un'omologazione del pensiero, ovvero un appiattimento delle peculiarit culturali che orientano la mente e alimentano la tensione per la conoscenza, mentre la spiritualit

spinta verso modelli relativistici nei quali l'equivalenza delle variabili annulla il valore qualificante delle differenze. Roberto RAPACCINI