Sei sulla pagina 1di 27

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

3 Fatto di Napoli; gli azzurri travolgono lInter; 5 Il Punto sulla Serie A, successo nellultima giornata; 8 Fatto di Serie B, il Palermo si porta in testa; 9 Un occhio allestero, i principali campionati europei; 11 Fatto di Calciomercato; le ultime trattative; 13 Supersfida, Kak VS R.Alvarez; 14 Uefa Youth League, i sorteggi;

15 Campionato Primavera, la 12 giornata; 18 Fatto di Pallanuoto, ; 21 Fatto di Social e Sport, lo sport pu cambiare il mondo; 22 Fatto di tutti gli sport; 25 Scoviamo gli sport; DragonBoat; 27 Sport e Cinema, avete mai visto he got game?

Al San Paolo la partita pi attesa della stagione. Con la Juve un appuntamento che si attende per principio, per lo spettacolo agonistico di rivalit che offre il match. Ma con lInter la gara in grado di fare il punto della situazione. Il passato e il presente di due allenatori delle stesse squadre. Lo scambio di panchine. I successi e i fallimenti. La partita non tra Napoli ed Inter ma tra Benitez e Mazzarri. Il tecnico, dalla c aspirata, a Napoli ha regalato i momenti pi felici di un popolo che vive di passione per il calcio. Portando gli azzurri, sempre, nelle zone pi calde della classifica tra qualificazioni per Europa e Champions League, l dove i sogni pian piano diventavano realt, quello di accarezzare competizioni internazionali e calcare erbette degne del Grande Calcio. Mazzarri a Napoli vince, di concreto, poco una Coppa Italia che vale pi di qualunque altro trofeo. Il tecnico livornese non mai stato esonerato. A differenza di Benitez che pi volte stato esonerato ma che ha vinto molto di pi, se non tutto. Vincendo ben 10 trofei tra competizioni nazionali (6) e non (4). Una coppa del mondo per club proprio con lInter, vinta nonostante le voci che volevano il tecnico esonerato dopo una serie di insuccessi. Un matrimonio finito prima che si potesse giocare una sfida tra le due societ. Per questo i due si confronteranno per la prima volta in Serie A. Statistiche e dati che vanno contro entrambi gli allenatori. Il Napoli di Mazzarri un anno fa, a questo punto, era seconda a due punti dalla capolista mentre Benitez terza a otto punti di distacco dalla stessa capolista. Mentre a Milano non riesce a fare meglio di Stramaccioni.

Bene la serata al San Paola tra Napoli ed Inter regala non poche emozioni. Dai fischi agli applausi, agli striscioni per Mazzarri. Poi solo Napoli, Napoli, Napoli e Napoli. Ancora sorpresa tra i pali, ancora Rafael. Soltanto 9 minuti per togliere dal viso di Hguain le lacrime di mercoled. Cambiasso accorcia le distanze pochissimi minuti dopo Mertens rimonta ma non basta Dzemaili vuole star sicuro mandando i compagni pi tranquilli negli spogliatoi ma Nagatomo decide per il 3-2. Mentre il San Paolo esplode di gioia. A dieci minuti dalla fine non poteva mancare la rete di Callejon che chiude il match per 4-2. Ottima ripresa del Napoli in Campionato, in attesa dellEuropa League. Benitez vince su Mazzarri. KARINA ORNELLA PALOMBA

La vita porta a cambiamenti continui, questi possono avvenire nella vita di tutti i giorni, come nello sport. La parola ex nella vita quotidiana viene intesa come un ritorno al passato e, nello sport,prende il significato di un qualcosa lasciato. Nel calcio gli ex sono numerosi fra i giocatori, gli allenatori, i dirigenti e tutti coloro che,a vario titolo, vivendo in questo sport possono cambiare bandiera e colori. Ci sono degli incontri sportivi che, proprio per quanto inteso con il termine ex nellaccezione sportiva, rappresentano questo collegamento fra il presente ed il passato con un sapore particolare. Domenica 15 dicembre allo stadio San Paolo, in occasione dellincontro di calcio tra Napoli e Inter sembrava, ironicamente, una vera e propria riunione di ex. Per la prima volta da ex si sono ritrovati come avversari Mazzarri, Campagnaro e Rolando dellInter, e Benitez e Pandev per il Napoli, conquestultimo, ormai pi abituato essendo al sesto incontro contro la sua vecchia maglia. La tifoseria di casa si divisa per questa manifestazione, poich una parte dello stadio ha riaccolto il figliol prodigo Mazzarri, per il buon ricordo lasciato, mentre laltra lha attaccato senza piet per labbandono del capoluogo. Questo match per metteva per la prima volta contro ancheBenitez contro lInter squadra da lui allenata nel 2010. Le due squadre si sono presentate con motivazioni e stati di forma diversi, infatti i padroni di casa venivano, pur se purtroppo ininfluente, dalla prestigiosa vittoria, in Champions contro lArsenal, mentre lInter, non essendo impegnata in altre competizioni oltre il campionato, sicuramente beneficiava di una forma fisica pi riposata. La partita, essendo considerata un big match ha regalato un grande spettacolo in campo e sugli spalti. Il punteggio finale per 4 reti a 2 a favore dei partenopei ha ampiamente soddisfatto la societ. Benitez riuscito a riprendersi la rivincita sulla societ, che prima ha punt su di lui per poi esonerarlo senza gloria, mentre Mazzarri tornato a casa con 0 punti, addebitando polemicamente ad un arbitraggio, a suo dire non adeguato il risultato. Una regola non scritta degli ex recita, che comunque vada uno dei due non potr mai essere soddisfatto. Stefano Limongelli

Alla sedicesima giornata arriva un primo verdetto ufficioso, la Juventus a stabilirlo, che come si suol dire diventa campione di Natale. Questo in virt del poker che i bianconeri hanno rifilato al modesto Sassuolo allo Juventus Stadium. Un Tevez scatenato (tripletta e un assist) regalano alla Juve lottava vittoria di fila. Roma invece che perde il passo, a Milano inciampa contro il Milan e la rocambolesca gara termina due a due. Nel Monday Night, quindi, le due squadre si dividono la posta in palio. Laltro match degno di nota quello andato in scena al San Paolo di Napoli, dove i partenopei hanno surclassato lInter per quattro reti a due. Il confronto tra i due ex coach della gara va a Benitez, che batte il collega Mazzarri. La viola continua a volare ed quarta, al Franchi vince tre a zero contro il Bologna. Pepito Rossi, il capocannoniere della Serie A, mette la sua firma, ed ora il tecnico felsineo Pioli rischia seriamente. Come la Fiorentina, anche gli aquilotti laziali spiccano il volo grazie al ritrovato Klose, che con una doppietta regola il Livorno di Nicola. Mihajlovic continua a stupire, e la sua Sampdoria sbanca anche il Bentegodi di Verona dove vince per uno a zero contro il Chievo, Eder il mattatore di giornata. Facciamo un passo indietro e torniamo al sabato, al match che ha aperto la giornata: CataniaHellas Verona. La gara si conclude con il risultato ad occhiali e con pochissime emozioni. Etnei sempre nel fondo della classifica e a rischio, situazione opposta per i veneti che sono al sesto posto e sono la vera e propria rivelazione del campionato. Dopo il Verona, in classifica, segue il Torino, che con una bella vittoria fuori casa si porta a ventidue a punti. Espugnato per due reti a zero il Friuli di Udine e Udinese battuto. Gli altri due match di giornata terminano in pareggio ed hanno poco da raccontare: Parma-Cagliari 0-0 e Genoa-Atalanta 1-1.

Ora si attende lultima giornata del 2013, il match di cartello sicuramente il derby di Milano, ma tutte le squadre ci terranno a fare bene per regalare un felice Natale ai propri tifosi.
Dario Mainieri 5

Termina 4-0 lo spettacolo andato in scena allo Juventus Stadium con uno show di Tevez autore di una tripletta e dellassist per la rete di Peluso. Una Juventus che ha risposto bene dopo la caduta in Turchia contro il Galatasaray che gli costata leliminazione dalla Champions. La banda Conte chiude cos la pratica Sassuolo, un avversario non di grande livello, ma che poteva sicuramente nascondere delle insidie. I bianconeri adesso si portano a 43 punti, tenendo a debita distanza la Roma e allungando la striscia di partite senza subire reti (adesso 8). Spettatore non pagante Gigi Buffon, chiamato in causa una sola volta e porta a 730 i minuti di imbattibilit personale che lo collocano allottavo posto nella classifica di inviolabilit della Serie A. Davanti a lui c De Sanctis con 744, ma il vero obiettivo il primato detenuto da Sebastiano Rossi con 929, unimpresa non impossibile viaggiando a questi ritmi. Solito 3-5-2 per Conte che deve ridisegnare il centrocampo, viste le assenze dello squalificato Marchisioe dell'infortunato Pirlo. Turn over sulle fasce, con Isla al posto di Lichtsteiner e Peluso sulla sinistra. Asamoah interno di centrocampo con Vidal e Pogba. Anche Di Francesco schiera un 3-5-1-1 inedito, viste le assenze di Berardi e Acerbi. A sorpresa il tecnico lascia fuori dalla formazione iniziale anche il gioiello Zaza, schierando in attacco Floro Flores davanti a Missiroli. Tre giri di lancette dal fischio dinizio e il Sassuolo prova subito a rendersi pericoloso con Longhi: lesterno, pescato da Gazzola tutto solo in area, tenta il tiro ma vola alto. Ci metta un po invece la Juve per rispondere e si fa vedere al 12 direttamente da punizione con Vidal, bravo a far passar la palla sotto la barriera, ma questa termina fuori. E solo il preludio a goal che arriva dopo 3 minuti con Tevez che sigla lottavo goal stagionale. Lazione parte dai piedi di Llorente, bravo a recuperare palla sullout di destra, che serve immediatamente al centro Vidal. Il cileno si libera, calcia sul primo palo, Pegolo respinge corto ma Tevez e pi rapido di un falco e insacca. Nonostante qualche timida sortita in avanti dei neroverdi sempre la Juventus ad essere pericolosa e sfiorare il raddoppio al 25 conAsamoah che, dopo un aggancio imperfetto, con gran velocit riesce a toccare il pallone tra Pegolo in uscita e un difensore, ma la sfera lentamente termina fuori. Passano i minuti ma il copione sempre lo stesso e gli uomini di Conte trovano il raddoppio: punizione di Tevez pennellata perfettamente in mezzo per la testa di Peluso, lesterno ex Atalanta salta pi in alto di Antei, che sembra disinteressarsi del proprio uomo, e trafigge Pegolo. Un piccolo rischio per laVecchia Signora arriva da calcio dangolo, con i vari calciatori bianconeri che fanno fatica ad allontanare. Poi sale di nuovo in cattedra la Juventus con Asamoah prima, che non riesce a spingere in rete da 2 passi su assist di Isla, e conTevez poi da calcio piazzato, ma lestremo difensore neroverde bravo a volare e deviare in angolo. Al 44 nuovamente Asamoah a provarci con unaccelerazione fantastica che fa fuori 3 avversari e serve la palla in area dove arriva Isla che tenta la botta immediatamente, ma ancora una volta Pegolo miracoloso e salva sulla linea di porta. Un solo giro di lancette e la Juve trova la terza rete, nuovamente con Tevez bravo a saltare Pegolo in uscita e insaccare comodamente, trovando la sua prima doppietta italiana. Si conclude con un netto dominio della Juventus la prima frazione di gioco e gli uomini di Di Francesco nulla possono contro un avversario cos. Il secondo tempo inizia proprio comera finito, con i bianconeri con il piede totalmente sullacceleratore. E Tevez il pi pericoloso dei suoi cheeapprofitta dellerrore di Marzoratti per provare la conclusione, ma da solo lillusione del goal. I ritmi calano, i bianconeri si rilassano un pochino, mentre il Sassuolo si riversa spesso nella met campo avversario e si rende pericoloso al 59 con Zaza, che riceve palla dopo un errore di Bonucci, ma trova un tiro tanto forte quanto impreciso. Sospiro di sollievo per Buffon. Passano altri minuti di gioco e al 69 Tevez fa 3: lapache viene servito da Isla dalla destra e trafigge per lennesima volta il povero Pegolo che aveva tentato di evitare la rete. Tevez il protagonista della serata e 2 minuti pi tardi Conte lo richiama in panchina per concedergli la meritata standing ovation. Al suo posto entra Fabio Quagliarella. Per gli ultimi venti minuti di gioco gli uomini di Conte si limitano a controllare la gara abbassando il ritmo e difendendosi con ordine, e il non subire reti per aumentare limbattibilit di Buffon diventa lobiettivo principale. Proprio sul finire Zaza che prova a segnare il goal della bandiera ma la conclusione dalla distanza debole e facile preda del portierone della Nazionale. Dopo 2 minuti di recupero Bergonzi si porta il fischietto alla bocca e pone fine alle ostilit. Vincenzo Vitale

Juventus e Napoli chiamano, la Roma non risponde. Nel posticipo della 16 giornata, tra Milan e Roma finisce 2-2. Un pari che non accontenta nessuno, o forse, qualcuno si! A sorridere , proprio, la Juventus che ingrana la prima e si allontana dal gruppo che insegue. Infatti, la Roma perde, sempre pi, la scia dei bianconeri ora a cinque punti. Il Milan, fa un piccolo passo in avanti, ma non sufficiente, per muovere significativamente la classifica. Buona la prestazione dei rossoneri, che hanno il merito di aver segnato due reti alla migliore difesa del campionato. Ma se il Milan fa gioco, solo per rispondere agli attacchi giallorossi. E la Roma, infatti, a rendersi pericolosa, gi in avvio del match; con un Gervinho indemoniato, che con la sua velocit mette in difficolt la retroguardia rossonera. Al 12, linserimento di Strootman coglie impreparata la difesa del Milan, che indisturbato, mette in mezzo per Destro. Lattaccante, in scivolata, mette la palla in rete e, sigla il secondo gol, in due partite. La rete subita fa svegliare il Milan, che trova, cos, il coraggio per impensierire gli avversari. Lazione pi pericolosa, si trova sui piedi di Emanuelson che, in area di rigore, salta due avversari e, prova il tiro, ma De Sanctis non si fa trovare impreparato. Da questa strepitosa azione del terzino sinistro, arriva la rete del pari, rossonera. Proprio dal calcio d angolo; Muntari crossa in mezzo, la palla raggiunge Zapata, che ci mette la faccia. Il centrocampista, infatti, colpisce male la palla, ma lo sfortunato colpo, si trasforma in una fortunata conclusione. E una gara di botta e risposta, questa tra Milan e Roma. Dopo tre minuti dal pari agguantato, il Milan rischia grosso; Bradley, tutto solo, colpisce la palla di esterno, ma proprio nel momento in cui la palla rotola in porta, Bonera salva il risultato e, salva il suo Milan. E un match equilibrato, con un Milan, rinvigorito dal passaggio del turno, in Champions League; la Roma, dopo la vittoria contro la Fiorentina, sembra aver trovato lo splendore di inizio campionato. Nellintervallo, linfluenza diventa pi forte del portierone Abbiati, che da forfait e, cede il posto al piccolo Gabriel. Linesperto portiere, commette uningenuit: fa fallo su Gervinho; per Rocchi non c alcun dubbio, rigore ed ammonizione per il brasiliano. Dal dischetto si presenta Strootman. Lolandese, da assistman si veste da goleador e, sigla il gol del momentaneo vantaggio. Il Milan non ci sta! Non ci sta a sentire i fischi dei propri tifosi e, cos, con tutta la rabbia in corpo, Muntari, manda la palla alle spalle di De Sanctis. Straordinaria azione rossonera, manovrata dal ritrovato Kaka, che passa per Balotelli; il numero 45, in area, controlla la palla, si gira e trova Muntari libero, che con un tiro rasoterra, manda la palla alla sinistra del portiere della Roma. E 2-2. Nel finale c spazio alla felicit, per i tifosi della Roma, che rivedono in campo, il proprio capitano; spavento, invece, per i milanisti; Emanuelson, esce in barella, dopo lo scontro con Gabriel. Nel prossimo match, il derby con lInter, il Milan dovr trovare la vena vincente che da sempre lo contraddistingue in Italia, ma soprattutto in Europa. Annalisa Moccia

A Reggio Calabria il fattore "R", Rosina e Rosseti, schianta la Reggina con un secco 0-2 in favore del Siena che scala la classifica. Pareggio spettacolare per 2-2 tra Bari e Carpi, con le segnature di Ceppitelli e Statella, per i padroni di casa, e la doppietta di Mbakogu, per il Carpi. L' Empoli non guadagna i tre punti in casa col Cesena ma solo un misero pari senza reti e con poche occasioni perdendo la vetta della classifica. Prosegue la striscia negativa della Juve Stabia che cade tra le mura amiche contro il Novara. Dopo essere passata in vantaggio con Di Carmine, viene rimontata e addirittura sorpassata a causa delle realizzazioni di Farag, prima, e Rubino, poi. Il Crotone passa a Latina in un match rocambolesco caratterizzato da un autorete per parte, protagonisti degli sventurati episodi Del Prete e Brosco. Autori in positivo Cottafava, per il Latina, e Ligi ma soprattutto De Giorgio per gli ospiti; finisce 2-3 col Crotone che inizia davvero a sperare in un' eventuale e stoica promozione in A. Le rondinelle bresciane sbancano il Braglia grazie alla rete di Scaglia che arriva 43' del secondo tempo quando gi scorrevano i titoli di coda tra Modena e Brescia. E' 1-1 tra Padova e Ternana. I gol vengono segnati entrambi nella ripresa da Viola, per gli ospiti, e da Vantaggiato che sigla il pareggio definitivo dopo il rosso a Carini. Anche Trapani ed Avellino non vanno oltre il risultato di 1-1. Dopo la rete di Arini per i campani, il capocannoniere del torneo, Mancosu riequilibra il match. Importantissima vittoria del Palermo che schiaccia il Cittadella 3-1 e acquista il primato in classifica superando l' Empoli. Artefici del successo Munoz, con una doppietta ed Hernandez; il Cittadella trova il gol grazie ad un autogol di Andjelkovic. Goleada del Varese; 4-0 sullo Spezia che viene rispedito a casa a testa bassa. Pavoletti, Zecchin, Forte e Bjelanovic le star. Nel posticipo colpo di scena a Lanciano. Il Pescara espugna il Biondi e si aggiudica il derby d' Abruzzo con il rigore realizzato da Maniero al minuto 11 del primo tempo. Il Lanciano scende al quarto posto mentre i biancoazzurri salgono in sesta posizione.

Premier League
Ha del clamoroso quello che accaduto in questa sedicesima giornata di Premier League. La capolista Arsenal affonda sotto i colpi di uno straripante Manchester City. La partita terminer con il punteggio di 6-3. E dire che il primo tempo si era concluso sul 2-1 per i Citizens. . Pellegrini, dopo aver battuto in settimana Guardiola, batte anche Wenger e si porta cosi al quarto posto, a tre punti dai Gunners capolisti. Del passo falso degli uomini di Wenger ne approfittano il Chelsea, vittorioso in casa per 2-1 sul Crystal Palace, e l Everton, che vince in casa 4-1 sul Fulham. Con questo risultato la squadra di Mourihno si porta a due punti dall Arsenal. In caduta libera il Southampton, dopo un avvio strepitoso la squadra di Pochettino non riesce pi a vincere, pareggia in casa del Newcastle per 1-1 allontanandosi dalla zona europea. Importante vittoria del Manchester United, dopo aver vinto il girone di Champions, la squadra di Moyes si riprende anche in campionato, vincendo per 3-0 sul campo dell Aston Villa. Momento molto difficile per il Tottenham, la squadra di Villas Boas cede in casa ad un formidabile Liverpool per 5-0. I Reds, in coabitazione con il Chelsea si trovano al secondo posto. Il tecnico portoghese sempre pi in discussione. In chiave salvezza. importante vittoria del Cardiff sul West Bronwich, la partita termina 1-0. Terminano in pareggio entrambe con il risultato di 0-0 le sfide West Ham Sunderland, ed Hull City Stoke City. Termina 1-1 invece la sfida tra Norwich City e Swansea. .
LIGA BBVA
Finalmente Neymar, dopo un periodo di apprendistato, il fenomeno brasiliano ha iniziato a segnare,complice anche lassenza di Messi, lasso brasiliano ha messo ha segno una doppietta, dopo i tre gol rifilati al Celtic in Champions League. LA partita termina con il punteggio di 2-1. Rallenta il Real Madrid, la squadra di Ancellotti con molta fatica riesce a recuperare il doppio svantaggio nella sfida contro lOsasuna. I blancos sono distanti dalla vetta ora cinque punti. Nella partita di domenica, l Atletico Madrid, impegnato in casa contro il Valencia ha la possibilit di rispondere ai blaugrana. Continua il buon momento della Real Sociedad, la squadra di San Sebastian, vince in casa 5-1 sul Betis, portandosi in piena zona Europa League. Vince il Granada 2-0 in trasferta sul campo del Rayo Vallecano, si impone anche il Malaga 1-0 contro il Getafe. Nell anticipo del venerd, il Levante ha la meglio sul l Elche per 2-1. Termina 0-0 lincontro Almeria-Espanyol. Chiudono la giornata gli incontri Siviglia Atletico Bilbao e Valladolid Celta Vigo.

Bundesliga

Con la vittoria sull Amburgo per 3-1 il Bayern Monaco si laurea campione dinverno. La squadra di Guardiola ottiene questo risultato con un turno danticipo, ora i bavaresi potranno concentrarsi sul mondiale per club. Ancora in crisi il Borussia Dortmund, la squadra di Kloop dopo aver faticato con il Marsiglia in Champions League non va oltre il 2-2 sul campo dell Hoffenheim. Perde anche il Bayer Leverkusen, la squadra delle aspirine , viene sconfitta in casa per 1-0 dall Eintracht Francoforte, allontanandosi dalla vetta che ora dista sette punti. Non va oltre lo 0-0 anche il Borussia Monchenglabach sul campo del Mainz. In chiave europea vincono il Wolfsburg 3-1 in casa contro lo Stoccarda, e lo Schalke 04 di Boateng, vittorioso per 2-0 sul Friburgo. Spettacolare pareggio tra Hannover e Norimberga, la gara termina con il punteggio di 3-3, con entrambe le squadre relegate nelle ultime posizioni in classifica. Perde ancora il Braunschweig , sempre pi ultimo, la squadra della bassa Sassonia viene sconfitta dall Augusta per 4-1. Nellanticipo del venerd l Herta Berlino vince per 3-2 sul Werder Brema

Ligue 1
Vince e convince il Paris Saint Germain, la squadra di Blanc grazie ai tanti campioni in rosa ha vita facile sul campo del Rennes per 3-1 mantenendo inalterato il vantaggio sul Monaco. Vince anche la squadra di Ranieri 2-0 sul campo del Guingamp. Riprende la propria marcia anche il Lille, vittorioso in casa per 2-1 sul Bastia. In ottica europea per il Nantes, sconfitto per 2-1 in casa dal Tolosa. Ne approfitta il Bordeaux, vittorioso in casa per 2-1 sul Valenciennes. Con questa vittoria i girondini superano in classifica proprio il Nantes portandosi al quarto posto. Perde ancora l Ajaccio, la squadra dell ex allenatore Ravanelli cede in casa al Lorient per 2-1. Vince il Nizza 1-0 sul Sochaux. La diciottesima giornata si concluder con un classico del calcio francese, Lione Marsiglia

Lino Iorio

10

Inter, Guarin verso il Chelsea: la chiave per Lavezzi!


Secondo fonti provenienti dalla Gran Bretagna, il Chelsea di Mourinho avrebbe messo gli occhi sul colombiano dellInter. Lofferta dei Blues si aggirerebbe intorno ai 15 milioni di euro: lInter ne vorrebbe almeno 20. Con i soldi ricavati da questa cessione, il club neroazzurro darebbe lassalto a Lavezzi, nome in cima alla lista di Mazzarri e suo ex pupillo a Napoli.

Juventus, scambio Vucinic-Nani con il Manchester United?


Nani considerato da Conte lesterno perfetto per il suo gioco: giovane con esperienza, veloce, tecnico e dribbling fulmineo, e capace di ricoprire anche il ruolo di seconda punta o trequartista. La Juve pronta ad inserire nellaffare Mirko Vucinic, giocatore molto apprezzato da Ferguson, che ora membro del cda dei Red Devils.

Napoli, si pensa a Lamela!


Il giovane giocatore argentino, sbarcato al Tottenham la scorsa estate per 35 milioni di euro, gioca col contagocce e secondo alcune fonti sarebbe disposto a tornare in Italia. De Laurentiis sarebbe disposto a pagare circa 30 milioni dilazionati in pi rate per avere quello che uno dei pi promettenti talenti del calcio mondiale. Benitez avrebbe cos il suo top player. Giuseppe Memoli 11

Nella penultima giornata del girone di andata, la Serie A ci regala il derby di Milano. E' vero, le due squadre non sono pi quelle di un tempo e i campioni in campo scarseggeranno ma, questa partita mantiene sempre un fascino immutato. E' difficile trovare una favorita, l'Inter per la classifica o il Milan per i nuovi stimoli arrivati dagli ottavi di Champions? Per noi nessuna delle due il segno X sembra il pi probabile, poi guardando bene le statistiche ti accorgi anche che manca addirittura da nove sfide e allora come non giocarlo? Il Bologna ha un bisogna vitale di punti ma al Dall'Ara arriva il Genoa rinfrancato dalla cura Gasperini. Sar dura ma gli emiliani possono spuntarla. Se non vi piace azzardare sugli esiti finali e preferite esultare per chiunque segna, vi segnaliamo tre partite che possono esaudire i vostri desideri. Stiamo parlando di: Arsenal-Chelsea, Valencia-Real Madrid e B.M'Gladbach-Wolfsburg, partite dallo spettacolo garantito. Il Napoli sar di scena al Sant'Elia di Cagliari, gara insidiosa che comunque si pu tranquillamente portare a casa. Due squadre in un momento difficile sono il Livorno e l'Udinese, nell'anticipo delle 18:00 ci sar aria tesa e paura di sbagliare, l'under ci sta tutto. In Serie B la sorpresa Crotone attende il fanalino di coda Juve Stabia. La quota buona per essere quasi un testa-coda, la squadra c' e in pi c' una legge non scritta "All'Ezio Scida non si passa!", purtroppo per le vespe ricavare qualcosa di buono da questa trasferta un'utopia. Per gli amanti della doppia combinazione, ovvero l'esito finale in coabitazione con i gol, consigliamo di dare uno sguardo a Fulham-City, ottima per scommettere 2+Over.
Le nostre proposte: Inter - Milan X(3,35) Bologna - Genoa 1(2,15) Arsenal - Chelsea Gol(1,55) Valencia - Real Madrid Gol(1,50) M'Gladbach - Wolfsburg Over(1,77) Con 5euro se ne potrebbero vincere 155,61 Antonio Greco Cagliari - Napoli 2(1,95) Livorno - Udinese Under(1,60) Crotone- Juve Stabia 1(1,83) Avellino - Modena Over(2,07) Fulham - Manch.City 2+Over(1,82) Con 5euro se ne potrebbero vincere 112,92

A pochi mesi dall'inizio del Mondiale quale spot peggiore per il Brasile se non la gigantesca rissa tra i tifosi di Vasco Da Gama e Atletico Paranaense? C' poco da dire, botte da orbi a non finire, tanta paura e una partita sospesa per pi di un'ora. Domenica scorsa a Coritiba nel corso della gara tra le due squadre, sul risultato di 1-0 per l'Atletico, squadra di casa, sugli spalti si scatenato il putiferio. E' dovuto atterrare perfino un elicottero in campo per soccorrere i feriti di cui 5 in condizioni gravi. La gara, che era valida per l'ultima giornata del Brasilerao, poi ripresa terminando con il punteggio di 5-1 per i padroni di casa. Ora a una settimana di distanza sono arrivati gli arbitrati che hanno inflitto una pesantissima stangata a entrambi i club. All'Atletico Paranaense sono stati inflitti ben dodici turni di squalifica da disputare ad almeno 100km da Coritiba, sei dei quali a porte chiuse. Per il Vasco invece otto turni di squalifica da giocare ad almeno 100km da Rio De Janeiro, quattro dei quali a porte chiuse. Insomma venti giornate complessive di squalifica con in pi una multa salatissima. La federazione vuole quindi dare l'esempio ma, tra morti sul lavoro e risse sugli spalti il Mondiale 2014 non parte di certo con buoni auspici. Antonio Greco

SUPERSFIDA una rubrica che mette a confronto i big che si affronteranno nella prossima giornata di campionato. Nel prossimo turno andr in scena, nel posticipo domenicale delle 20:45, il Derby della Madoninna tra Inter e Milan. Allo stadio Giuseppe Meazza di Milano, per la diciassettesima giornata, il campionato saluter il 2013 con un match che promette scintille. I nerazzurri vogliono vincere contro i cugini per rimanere stabilmente in zona Europa e per rimediare da subito la scoppola subita a Napoli. I rossoneri, invece, non vincono da due partite, perci proveranno a fare il colpaccio contro gli uomini di Mazzarri per avvicinarli e per cercare una vittoria che potrebbe rilanciarli. Ad animare la gara ci penseranno due fantasisti che gi hanno lasciato il segno. In comune hanno corsa, piedi e portano lo stesso nome, stiamo parlando di Ricky Alvarez e Ricky Kak. Questa gara sar loccasione del rilancio per le due compagini, quindi una opportunit per questi due talenti di mettere in mostra le loro doti tecniche. Andiamo a scoprire chi avr vinto la nostra SUPERSFIDA!

SUPERSFIDA ALVAREZ 8.5 7 8 8.5 8 8 TIRO COLPO DI TESTA SENSO DEL GOL TECNICA VELOCITA GIOCO DI SQUADRA KAKA 9 7.5 8.5 8 9 8.5

TOTALE
48 50.5

Dario Mainieri

Di Annalisa Moccia
Saranno Real Madrid e Chelsea, le squadre che affronteranno le due squadre italiane rimaste in lizza; Napoli e Milan. Difficili gli impegni per gli azzurrini che affrontano il Real Madrid, passato primo nel girone C. Girone, della sfortunata Juventus, che ha visto rifilategli ben 8 reti dalle merengues; sei, nella gara dandata, due; a Torino. Peri i rossoneri di Filippo Inzaghi, lurna di Nyon, pesca la migliore squadra della fase a gironi; il Chelsea, unica squadra ad aver collezionato i 18 punti a disposizione, vincendo contro Schalke, Basilea e Steaua Bucarest. Ottavi di finale Quarti di finale andata il 11/12 marzo andata il 18/19 febbraio ritorno il 18/19 marzo ritorno il 25/26 febbraio 1 Barcelona/Kbenhavn - Arsenal/Shakhtar 2 Chelsea/Milan - Real Sociedad/Schalke FC Barcelona (ESP) - FC Kbenhavn (DEN) 3 CSKA/PSG - Real Madrid/Napoli PFC CSKA Moskva (RUS) - Paris Saint-Germain (FRA) 4 Atltico/Manchester City - Benfica/Austria Club Atltico de Madrid (ESP) - Manchester City FC Semifinali (11 aprile, Nyon) (ENG) Vincente quarto di finale 3 - Vincente quarto di finale 4 Chelsea FC (ENG) - AC Milan (ITA) Vincente quarto di finale 2 - Vincente quarto di finale 1 Real Madrid CF (ESP) - SSC Napoli (ITA) SL Benfica (POR) - FK Austria Wien (AUS) Finale (14 aprile, Nyon) Arsenal FC (ENG) - FC Shakhtar Donetsk (UKR) Vincente semifinale 1 - Vincente semifinale 2 Real Sociedad de Ftbol (ESP) - FC Schalke 04 (GER)

Nel girone A, il Torino non conosce la parola sconfitta e, continua a vincere. E il Parma lennesima vittima di questo inarrestabile Toro. Con il 2-0, i granata si portano a quota 30 punti in classifica, allungando di 5 le distanze dallEmpoli. Empoli che rimane la rivale pi accreditata dei granata, infatti vincendo per 1-2 sul Cesena, sono secondi in solitaria. Sconfitta, invece, la Juventus; dalla Sampdoria di Enrico Chiesa. Dopo leliminazione beffa dalla Youth League, i bianconeri continuano la loro serie negativa e, contro una Samp rinvigorita, non riesce a ribaltare lo svantaggio, nonostante il supporto di Simone Pepe, aggregatosi alla squadra primavera, per valutare le sue condizioni fisiche. Al Chisola, scende in campo una Juventus spenta, demotivata e stanca, che dal 35 del primo tempo, non in grado di acciuffare, almeno il pari. E di Caracciolo, lunica rete del match, che porta i blucerchiati terzi in classifica e, allontana, cos, i ragazzi di Zanchetta dai cugini torinesi, ma soprattutto dalla vetta. Speranze di ribaltare la classifica, per i bianconeri, che dovranno, il prossimo mese, recuperare la sfida con il Siena. Bianconeri che, ora, dovranno guardarsi anche le spalle. E il Bologna, che, a soli due punti, impensierisce la Juventus. Nel derby emiliano, il Bologna si impone per 3-1 contro il Modena di Simone Barone. A pari punti con i rossoblu, c lo Spezia che vince 2-1, in casa, con il Sassuolo. Verdenero che, perdono, anche, la possibilit di portarsi quarti, alle spalle della Juventus. Al Sassuolo, con i suoi 17 punti si accodano Parma e Novara, che viene sconfitto dal Carpi, per 3-1. Fanalino di coda, sempre il Genoa, che rimedia lennesima sconfitta. E il Siena, che con la doppietta di Monni, fa sprofondare sempre pi il grifone. Nel girone B lAtalanta vince soffrendo contro il Varese. Il rigore trasformato da Ungaro, nei minuti di recupero del primo tempo, porta in vantaggio i bergamaschi, ma a dieci minuti dallinizio del secondo tempo, il rigore per il Varese, ripristina gli equilibri del match. E come si direbbe non c due senza tre, il direttore di gara fischia il terzo penalty. Il rigore decisivo del match accordato allAtalanta. Ungaro, specialista dagli undici metri, non sbaglia. L1-2 regala allAtalanta i tre punti, che la portano sempre pi prima in classifica, con 32 punti. Dietro, il Chievo non molla. Vince e convince nel derby veronese, strapazzando per 3-1 lHallas. Al quarto minuto del primo tempo, Magri, porta in vantaggio il Chievo, che raddoppia, poi, dopo venti minuti, con Alimi. Il Rigore trasformato da Gatto, fa accorciare le distanze allHallas, ma tre minuti pi tardi, Costa, chiude la pratica per il Chievo Verona. LInter di Cerrone, insidia il secondo posto veronese. Con il netto 5-0 sulla Ternana, i neroazzurri, si portano ad un solo punto dal Chievo, aspettando, ancora, di recuperare il derby. Il Milan, vince 2-1 contro lUdinese. Passati in svantaggio; i rossoneri, agguantano prima il pari, con il penalty realizzato da Pinato per poi, strappare i tre punti grazie alla rete di Vido. Con questa vittoria, i rossoneri si portano a due punti dai cugini neroazzurri, i bianconeri di Udine, invece, sprofondano al settimo posto, lontani 17 punti dalla vetta della classifica. Staccato di sei punti, il gruppo di met classifica vede il Verona e il Brescia, che pareggia 1-1 con il Pescara, a 19 punti. Il Cagliari con la vittoria per 3 reti a 0, con il Padova, si allontana dalle squadre di bassa classifica; dove il Cittadella, perde contro il Lanciano, per 4-1. Gli abruzzesi lasciano i veneti allultimo posto.

Nel girone C passo falso per la Lazio, che viene bloccato dalla Reggina, sullo 0-0. La Fiorentina ringrazia e ne approfitta. I viola non fanno nessuno sconto e, al Bari, rifila quattro reti. Vittoria importante, dunque, per la squadra toscana, che si porta ad un solo punto dalla Lazio, capolista. Dopo aver ceduto il passo, proprio, ai cugini laziali, la Roma, non perde terreno e, vince con il Napoli. Nel derby del Sud, i giallorossi, vincendo per 3-1 sugli azzurrini, consolidano il terzo posto. Quarta sconfitta, invece per il Napoli di Saurini, che sprofonda al settimo posto e, vede allontanarsi la vetta della classifica. 13 sono i punti che separano i partenopei dagli aquilotti, primi. In campo, il Napoli sembra essere distratto, ubriaco, ancora, di felicit, per la qualificazione conquistata in Youth League, ai danni dei tedeschi del Borussia Dortmund.Nel primo tempo, il Napoli, subisce due reti. Al 10 Mazzitielli che, da un corner battuto corto, calcia la palla, che attraversa tutta larea di rigore e si insacca alle spalle di Contini. Otto minuti pi tardi, la difesa azzurra, si fa, ancora, sorprendere. Stavolta Romagnoli, che trafigge il portiere partenopeo. Nella ripresa, il rigore, procurato e poi trasformato da Tutino, riapre la partita, ma gli azzurrini non riescono a fermare le avanzate pericolose dei giallorossi. Al 59, infatti, la Roma, chiude la partita, mettendo in cassaforte i tre punti, grazie a Calabresi. Nel finale, Lombardi e Rubino provano ad impensierire la retroguardia romanista, ma Skorupski con poca difficolt chiude la propria porta ai giovani attaccanti. Con questa sconfitta il Napoli viene scavalcato, nuovamente, dal duo siciliano: Palermo e Catania, che vincono rispettivamente con il Livorno, per 0-1 e, con il Trapani per 0-2. Il Latina, vincendo di misura contro lAvellino, per0-4, acciuffa, a 18 punti, laltra squadra campana; il Napoli. Laltra campana del girone, la Juve Stabia, non va oltre l1-1, in casa, con il Crotone. Annalisa Moccia

Madagascar 2.0 - Perdenti in Europa. Tranquilli, non il quarto capitolo della fortunata saga animata che ha per protagonisti un leone, una giraffa e altri simpatici animali della savana. Questa la storia del Sainte Marienne, squadra di calcio di una minuscola isola de La Reunion a largo del Madagascar, nel bel mezzo dell'Oceano Pacifico. Politicamente, l'isolotto vulcanico un territorio doltremare francese e la squadra locale, dopo aver vinto il campionato (la Reunion Premier League), ha avuto la possibilit di giocarsi la qualificazione in coppa di Francia. E cos dopo aver eliminato il Paris Football Club nel settimo turno, il Sainte Marienne volato in Lorena pe giocarsi una storica qualificazione. I francesi dell'Oceano Pacifico hanno disputato il match contro il Raon LEtape, sobbarcandosi un viaggio lungo 10mila chilometri e 12 ore di volo. Risultato? L'incontro valido per l'ottavo turno di coppa nazionale terminato 2 a 0 per i padroni di casa: Il portiere, Rudy Pounoussamy, esce in modo avventuroso, fa un fallo da rigore, ma l'arbitro lo grazia. A inizio ripresa, per, arriva il primo gol dei continentali, bissato una ventina di minuti dopo. La parola fine la scrive Fidel Commune, che si fa cacciare. In dieci, la rimonta impossibile. Avete gi comprato tutti i regali per le feste? Per gli amanti del calcio, Football Mundial consiglia un bel libro da leggere sotto l'albero: dal 9 dicembre in tutte le librerie San Lorenzo de Almagro. La squadra del cuore di Papa Francesco. La passione di Pope Francis per il calcio ben nota e cos il giovane giornalista e telecronista Stefano Borghi ha raccontato la leggendaria storia del San Lorenzo, ex squadra del Pocho Lavezzi e del Pitu Barrientos. "Io vi do il campo, voi venite a messa". Cos nacque il San Lorenzo, fondato da un prete salesiano Lorenzo Massa, che decise di ospitare le partite nel cortile dell'oratorio della sua parrocchia in Calle Mxico. Il 1 aprile 1908 la squadra fu fondata ufficialmente, e fu chiamato San Lorenzo de Almagro in onore di padre Lorenzo e del quartiere.. "Il club di Buenos Aires nato grazie al supporto materiale, in termini di strutture e sostegno continuo, delloratorio San Antonio. La matrice cattolica significativa: la storia di tante espressioni calcistiche nel mondo, che sono nate tra oratori e campi parrocchiali". Cos Stefano Borghi, recentemente passato a Sky Sports, esalta la spiritualit del Pontefice e il suo forte legame con il club argentino. Il cronista prende spunto dai mitici racconti dello scrittore Osvaldo Soriano: il San Lorenzo non il River, il Boca o il Milan, ma ha il cuore grande come la lingua di un cinghiale. Per la straordinaria presenza di aneddoti e situazioni ai limiti del leggendario il San Lorenzo ha un posto di diritto tra le squadre mitiche del calcio mondiale. Nel mio testo ho cercato di narrare oltre cento anni di storia. E stata una missione complicata, ma mi sono concentrato sulle figure, i grandi personaggi, le vicende incredibili. E per questo che alla fine le mie storie hanno assunto le sembianze di un romanzo, di una favola, pi che quelle di un saggio. Insomma, per un Natale tra calcio, passione, fede e spiritualit non vi resta che correre in libreria e aprire i vostri cuori. "Unabenedizione per tuttie che vinca il San Lorenzo!" (Jorge Bergoglio) Valerio Castorelli

A soli 21anni Marco Verratti uno dei cardini di una delle squadre pi forti d'Europa e un convocato fisso della Nazionale di Cesare Prandelli. Insomma uno che brucia le tappe e, per essere coerente, lo anche dal punto di vista familiare. Il giovane pescarese infatti, in un'intervista al quotidiano Le Parisienne ha rivelato la prossima paternit. "Sto con la mia bellissima fidanzata da quattro anni, avremo un bambino, e la mia vita cambier. Certo ho solo 21 anni, ma penso di essere pronto ad assumermi le mie responsabilit , queste sono state le parole entusiaste del centrocampista. Marco ha anche parlato del sogno Mondiale e della sua scelta di giocare a Parigi. Qui dice di trovarsi benissimo e ha un grande rapporto con i compagni in particolare con Lavezzi e vuole che suo figlio nasca proprio nella capitale francese. Ammette per un pizzico di malinconia se pensa all'Italia che un p gli manca ma infondo pi lui a mancare al calcio italiano. 16 Antonio Greco

La Uefa ha aggiornato il ranking stagionale della massima confederazione europea. In vetta c' il Bayern Monaco di Pep Guardiola, seguito dal Real Madrid e Atletico Madrid. Il Milan, qualificato agli ottavi di finale di Champions, la prima squadra italiana, al 13esimo posto seguita dal Napoli al 14esimo. La Juventus, eliminata dalla Champions si piazza in 19esima posizione, seguita dalla Fiorentina, 20esima, mentre la Lazio si piazza al 29esimo posto e lUdinese al 70esimo. Nella top ten figurano: lArsenal quarto, seguita dal Manchester United, Manchester City, PSG, Barcellona, Tottenham ed infine il Chelsea di Mourinho.

Ferruccio Montesarchio

Philippos Stavrou, un 51enne tifoso cipriota dellex campione del calcio francese e attuale presidente dellUefa Michel Platini, vuole battere il Guinness World Record per la pi grande collezione di memorabilia sportive. Stavrou ha raccolto, infatti, 21.137 oggetti legati a Platini, che lui crede sia stato il pi grande giocatore di calcio al mondo, come foto, riviste, palloni, t-shirt, tazze degli ultimi 32 anni e ha messo lintera collezione in un Museo da lui creato nel sudest di Cipro, al villaggio di Mosfiloti, nel distretto di Larnaka dove si stabilito nel 1987. <<Mi piaceva giocare a calcio quando ero giovane, gli altri giocatori mi dicevano che sembravo Platini, cos mi hanno chiamato Platin. Quando ho saputo che Platini era un famoso giocatore, ho avuto subito lidea di raccogliere qualcosa legata a lui>> cos spiega la sua passione il collezzionista. Allinizio, Stavrou ha raccolto foto, articoli di giornale, riviste ed ha comprato magliette ed altri accessori da negozi e collezionisti privati. <<Da quando arrivato internet ho cominciato a comprare in tutto il mondo - ha spiegato - tutto diventato molto pi facile>>. Stavrou ha anche mostrato una maglia <<pagata un sacco di soldi>> che si ritiene sia stata indossata dal fuoriclasse francese in una partita amichevole. Ferruccio Montesarchio

DI NUNZIA CASOLARO

Chi pi ne ha, pi ne metta. Non manca proprio nulla in questa decima giornata di campionato: c chi vince, c chi perde e c chi pareggia. Nessuno per scala la classifica e mentre qualcuno tiene la sua posizione, in questa giornata solo lAcquachiara, altri scivolano di una posizione come il Posillipo mentre altri ancora declassano di addirittura di due posizioni e in questo caso sempre la Canottieri, lultima arrivat5a, che va a rimetterci.

Ancora una sconfitta per i giovani del Molosiglio che dal terzo quarto in poi non riescono pi a finalizzare e a mettere palla nella rete della seconda classificata. Delle uniche tre reti effettuate, due sono state messe a segno nel primo quarto e lunica e ultima nel secondo. proprio il goal di Primorac ad aprire il match, ma solo dopo le cinque reti del Pro Recco messe a punto da Madaras, Felugo, Ivovic, Figari e ancora Madaras arriva la seconda rete dei giallorossi grazie a Borrelli, chiudendo questo primo scoraggiante quarto per 5-2. Nel secondo quarto Felugo torna a segnare seguito da Fondelli. Alle due reti dei padroni di casa risponde Brguljan che metter cos a segno lultima rete non solo di questo parziale, ma dellintero match. In questa seconda fazione c per ancora una rete del Recco ancora di Madaras concludendo con un parziale di 3-1. Dalla terza fazione in poi tutto in discesa per il Pro che nonostante tutto rispetta i ragazzi di Zizza non abbassando mai i ritmi del gioco, e ci lo dimostrano i risultati parziali del terzo e dellultimo quarto. Il terzo tempo termina infatti con un 5-o per le reti di Fondelli, Aicardi, Giacoppo e una doppietta di Figlioli. Nellultima fazione ancora Aicardi e Madaras vanno a rete, di cui Madaras ben per la quarta volta durante tutta la partita. stata una gran mazziata per i giallorossi come afferma il capitano Buonocore ma la sua speranza, e non solo la sua, sia che questa sconfitta permetta cos alla squadra di crescere. E in ua sola giornata la Canottieri Napoli si ritrova ad affrontare una corpulenta discesa; scivola infatti di due posizioni aggrappandosi cos al settimo posto in classifica con i suoi soliti 13 punti, mentre il Recco nonostante resti secondo in classifica, accorcia le distanze con il Bresca e va a meno uno.

Pro Recco: Tempesti, Lapenna, Madaras 4, Figlioli 2, Fondello 2, Felugo 2, Giacoppo 1, Aicardi 2, Jovanovic, Ivovic 1, Fiorentini, Pastorini. All: Tempestini Circolo Canottieri Napoli: Turiello, Buonocore, Campopiano, Borrelli 1, Brguljan 1, Morelli, Ronga, Primorac 1, Parisi, Velotto, Esposito, Lanzetta. All: Zizza Arbitri: Colombo e Taccini.

18

Brescia ancora imbattuto, ma il Posillipo riesce comunque ad interrompere la catena di vittorie rubandogli un pareggio e concedendogli solo un punto; punt che gli permette ancora di essere lunica prima in classifica nonostante la breve distanza dal Recco. Scende infatti in vasca un ottimo Posillipo che nel primo quarto risponde da subito alla rete di Nora con Radovic e Klikovac e a contrstare la rete di Molina ci pensa capitan Gallo che cos chiude in vantaggio con u prmo parziale di 2-3. Nel secondo quarto sono ancora i rossoverdi a farla da padrone con da subito una rete di Dolce che li porta a pi due dagli avversari. La risposta del Brescia tarda ad arrivare ma arriva comunque con lulteriore rete di Nora e ancora un botta e risposta tra Gallo e Di Fulvio. Ancora un doppio vantaggio per il Dooa per la rete di Radovic dopo pi di quattro minuti di gioco. Ma negli ultimi due minuti di gioco sono i biancoceleste a dominarla portandosi al pareggio con le ultime due reti di Bodegas e ancora Nora. Lultima fazione di gioco risulta nulla in parte per alcune decisioni arbitrali e in parte per lottima difesa attuata da entrambe le squadre. Ma se quellunico punto al Brescia basta per restare al vertice della classifica, per i rossoverdi un solo punto non sufficiente a restare sul podio declassando cos in quarta posizione a seguito dei cugini biancoazzurri. Nonostante tutto per La migliore partita dellanno afferma il coach Cufino che vede finalmente la sua squadra rientrare in gioco.

AN Brescia: Del Lungo , Valentino , Presciutti , Guerrato Stefano , Rios Molina 1, Rizzo , Giorgi , Nora 3, Presciutti , Bodegas 1, Di Fulvio 1, Napolitano , Dian. All. Alessandro Bovo. DOOA Posillipo: Cappuccio, Dolce 1, Rossi, Foglio, Mattiello, Radovic 2(1R), Renzuto Iodice, Gallo 2(1R) Klikovac 1, Bertoli, Mandolini, Saccoia, Negri. All. Bruno Cufino. Arbitri: Brasiliano e Piano. 19

Fila tutto liscio per lAcquachiara in questa decima giornata di campionato in cui andata a scontrarsi con lultima ruota del carro di questa serie A1. LAlbaro Nervi resta infatti nel suo baratro della classifica con i suoi nessun punto, mentre grazie ai tre punti guadagnati la Carpisa Yamamay mantiene la sua postazione bronzea tenenendo inalterate le distanze con il Recco. Gi da subito il match in mani partenopee dadone inizio con le reti di Di Costanzo e Petkovic, seguite dallunica rete del primo quarto dellAlbaro realizzata da Giordano terminando con un parziale per 2-1. Dopo un primo quarto non molto significativo, la vce di De Crescenzo sprona i ragazzi a fare di meglio e ci riescono; riescono infatti a chiudere il secondo quarto con un vantaggio di pi tre. Ad andare a rete sono Petkovic, Mattiello e ben due volte il capitano Ferrone, tenendo testa le uniche due reti di Merino e Pesenti per il Nervi. La terza fazione abbastanza equilibrata finendo con un parziale in parit per due reti ciascuno,Draskovic e ancora Ferrone per i biancoazzurri e Giordano e Hazui per gli ospiti. Ma i napoletani sono ancora in vantaggio di pi tre. Vantaggio nettamente ampliato con altre quattro reti di Mattiello, Petkovic e doppietta di Draskovic, tutti e tre migliori in campo. Un'unico goal messo a segno dagli avversari quella messa a punto da Oneto, ma con lulteriore rete di Saviano lultima fazione non pu che chiudersi con un evidente vittoria.

Carpisa Yamamay Acquachiara: Kacic, Perez, Mattiello 2, Postiglione, Tozzi, Petkovic 3, Gambacorta, Ferrone 3, Saviano 1, Draskovic 3 (1 rig.), Di Costanzo 1, Sadovyy, Lamoglia. All. De Crescenzo. Albaro Nervi: Vio, Hazui 1, Giordano 2, Colombo, Priolo, Benedetti, Nunome, Messina, Oneto 1, Bonomo, Acosta Merino 1, Pesenti 1, Ferretti. All. Ivaldi. Arbitri: Alfi e Fusco.

Undicesima giornata Circolo Canottieri Napoli Promogest Sabato 21 Dicembre ore 15:00
Dooa Posillipo Como Nuoto Sabato 21 Dicembre ore 16:30 SS Lazio Nuoto Carpisa Yamamay Acquachiara 20 Sabato 21 Dicembre ore 15:00

Lo sport pu cambiare il mondo Questo quello che ci insegna uno che il mondo lha cambiato per davvero, Nelson Mandela. E allora proviamo a seguire i suoi insegnamenti! Qualcuno che li segue, c gi. Parliamo dellassociazione Acc nisciuno fess che raccoglie fondi per terapie domiciliari del tutto gratuite ai bambini disabili. LAnefitalia per raggiungere i suoi solidali obiettivi ha infatti cercato la disponibilissima collaborazione della squadra di pallanuoto presenziata da Franco Porzio, la Carpisa Yamamay Acquachiara, per dodici scatti con Gaia, protagonista assoluta del calendario grazie al suo splendido sorriso. Tutta la squadra, compreso lormai anche ballerino Amaurys Perez, offrono la loro immagine e posano per ottenere proventi che andranno a finanziare le terapie domiciliari. Alla conferenza stampa per la presentazione del calendario 2014 Anef, tenutasi l11 dicembre, sono presenti la presidentessa dellassociazione Carmen Manfellotto, Amaurys Perez e Franco Porzio in rappresentanza di tutta la squadra Acquachiara, e la mamma di Gaia che mette a disposizione la sua esperienza di madre che soffre quanto soffre un figlio disabile. La parola va da subito ad Amaurys al quale si chiede perch? Non mi sono nemmeno chiesto il perch; io vengo da un paese umile e mi viene del tutto naturale partecipare alliniziativa. Queste le umili e sentite parole del difensore biancoazzurro che dimostra in tutto e per tutto la sua naturalezza nellaiutare chi di aiuto ha bisogno. E poi la presidentessa a prender parola raccontando la storia dellassociazione quale progetto giovane, nato da soli tre anni: il progetto si offre di schierarsi dalla parte delle famiglie con bambini disabili che restano sole perch non ne hanno le potenzialit economiche tali da permettersi terapie domiciliari. La Manfellotto continua descrivendone letimologia della sigla dellassociazione, precisando che Acc nisciuno fess non un nome a caso ma un modo colorato per dire che non si stupidi, e che si a conoscenza del fatto che i tagli vanno sempre fatti alle fasce pi deboli, mentre vanno sempre rinforzate le alte cariche della politica. Lobiettivo? Alleggerire le famiglie e le persone disabili come atto di misericordia che si possa diffondere a quante pi persone possibili, regalando unora di fisioterapia e svago quale unico contatto con il mondo esterno sottolinea la presidentessa. Ad intervenire ancora il presidente Porzio che conferma che lAcquachiara da subito chiamata in causa intervenuta, cos come da ben sedici anni partecipa alle iniziative in favore dei pi deboli. Chi ha la fortuna di avere delle cose nella vita, deve mettersi al servizio di chi ne ha veramente bisogno. con queste parole che il presidenze Franco quindi dimostra che lo sport al servizio della societ. Lultima a parlare mamma Marisa, forse la persona con pi voce in capitolo in quanto vive dallinterno lesperienza della disabilit, testimone della discriminazione e della negligenza subita dalla piccola e solare Gaia. La signora Tavano racconta: Cominciavo a perdere la fiducia ma Carmen mi ha aperto gli occhi a una nuova prospettiva e alla speranza che, nonostante i tempi in cui viviamo, ci siano ancora persone che fanno qualcosa per gli altri ed effettivamente lassociazione Anef fa tanto e di pi soprattutto per quegli altri che si ritrovano nella maggiore difficolt. Tutti per possiamo fare qualcosa, un semplice gesto, acquistare lo splendido calendario dellassociazione cos che, ad ogni mese sfogliato, si ricordi della piccola felicit regalata ad una persona meno fortunata ma che con laiuto di ciascuno di noi acquista di volta in volta una piccola fortuna possibile acquistare il calendario attraverso il sito dellassociazione www.anefitalia.it. Nunzia Casolaro

21

Chi meglio di lei poteva rappresentare lItalia ai massimi livelli

in vasca? Corta, lunga non ha importanza; la Pellegrini vince in lungo, in largo e stavolta anche in corto. Con 15280 scavalca Russia e Francia agli europei di Herning, grazie ad una spettacolare rimonta e porta a casa loro nei 200 stile libero, lasciando largento e il bronzo alla Bonnet e alla Popova. Laltra italiana in gara, Alice Mizzau, arriva solo ottava con 15596. "Non me lo aspettavo proprio, ma questo risultato significa che in Europa comando ancora io. E' una buona indicazione in vista dell'appuntamento dell'anno, gli Europei in vasca lunga", queste le parole di Federica con un pizzico di presunzione, che con lo sguardo in prospettiva alla vasca lunga vede dei possibili buon risultati. Nelle altre gare Erika Ferraioli accede alla finale dei 50 stile, a cui per non arriva Silvia Di Pietro, e mentre Matteo Rivolta va fuori nella semifinale dei 50 farfalla, a Codia spetta invece lo spareggio per laccesso alla semifinale con il polacco Czerniak. Ma non c solo ora per lItalia. A conquistare largento ci pensano i Magnifici quattro della staffetta Luca Dotto, Federico Bocchia, Filippo Magnini e Marco Orsi che con un tempo di 12437 seguono solo alla Russia per circa un secondo, lasciandosi alle spalle il Belgio per pochi centesimi. Ovviamente dopo loro e largento non poteva mancare anche il bronzo. Uno quello conquistato da Stefano Mauro Pizzamiglio nei 100 misti che, nonostante i suoi soli 22 anni, segue i russi Morozov eFesikov. E mentre Ilaria Bianchi arriva dolo sesta alla finale dei 100 farfalla, laltro bronzo va allex pellegrinino Filippo Magnini che con il tempo di 14334 segue come Piazzamiglio i russi; stavolta si tratta di Izotov e Lobintsev. Andrea Mitchell D'Arrigo, laltro italiano in gara, arriva sper solo ottavo. Facendo un bilancio lItalia porta come souvenir da Herning ben undici medaglie, di cui un oro, cinque argenti e cinque bronzi, a dispetto delle sole nove dello scorso anno. Ma le migliori annate restano ancora quelle di Rijeka nel 2008 e di Eindhoven nel 2010, con ben 18 podi. Nunzia Casolaro

22

Dodicesimo successo interno consecutivo per Oklahoma, i Trail Blazers superano all'overtime i Pistons di Datome. Vittorie anche per Kings, TWolves, Nuggets e Suns. Sei partite giocate nella notteNba. Regge il fortino diOklahoma City con i Thunder che superano 101-98 gli Orlando Magic. Continuano a vincere anche i Trail Blazers, che a Detroit sconfiggono 111109 i Pistons di Datome, in panchina per tutta la gara. Minnesota a Memphis supera i Grizzlies 101-93 per la prima volta dal 2010. Nelle altre gare vincono Sacramento, Denver e Phoenix rispettivamente contro Houston, New Orleans e Golden State. Ancora panchina e 0 minuti sul parquet per Datome, spettatore alla sconfitta dei suoi Pistons a opera di Portland che, dopo un overtime, trova la forza di chiudere il match grazie al solito terzetto Lillard-Aldridge-Batum: 23 punti per il play al secondo anno in Nba con un brutto 6 su 21 dal campo ma un quasi perfetto 11 su 12 ai tiri liberi. Doppia cifra anche per l'ala francese, 18 punti, e per la stella della squadra che con 27 sigilli e 12 rimbalzi conferma la sua stagione d'oro. Per Detroit, che incassa l'ottava sconfitta interna, ottima la prova di Josh Smith, che chiude con 31 punti, ma resta forte il rammarico per essersi fatti rimontare quindici punti di vantaggio nel solo ultimo quarto. Resta inviolata la Chesapeake Arena di Oklahoma e ora, le vittorie interne dei Thunder,salgono addirittura a 12. Il punteggio di 101-98 bugiardo rispetto ad una partita condotta interamente da Kevin Durant e compagni che si fanno rimontare nell'ultimo quarto rendendo il punteggio meno pesante per i Magic. Ottime le prove di Durant e Westbrook, 28 punti e 9 rimbalzi per il primo, 20 punti e 6 assist per il secondo, cos come di Jeremy Lamb che esce dalla panchina e mette a referto 16 punti. Ad Orlando non basta che tutto il quintetto chiuda in doppia cifra, con Afflalo autore di 25 punti e Vucevic di 13 segnature e 16 rimbalzi.Minnesota supera Memphis 101-93 per la prima volta in quattro anni grazie alla miglior prova stagionale dalla linea da tre. Sono 12 le bombe messe a segno dai T-Wolves con Kevin Love che ne segna 4 per complessivi 30 punti segnati. Male, invece, la serata al tiro di Martin che sbaglia tutte le 5 conclusioni tentate e resta sul campo solo 19 minuti. Ai Grizzlies continua a pesare l'assenza di Marc Gasol e non basta la doppia doppia di Zach Randolph, 20 punti e 12 rimbalzi, e i 28 centri di Mike Conley. Nelle altre gare, Sacramento supera Houston 106-91 grazie alla prima partita in casa del neo arrivato Rudy Gay che non ci mette molto ad ambientarsi nella nuova Sleep Train Arena e conduce le danze con 26 punti. Vittoria anche per i Nuggets 102 a 93 contro i Pelicans: doppia doppia per il veterano J.J. Hickson e 14 punti per Nate Robinson in uscita dalla panchina. Inaspettato tonfo invece per Golden State, a cui non bastano i 30 punti del solito Steph Curry. In Arizona finisce 106 a 102 per Phoenix che ottiene cos l'ottava vittoria interna. Luigi Bruno

"Finalmente sono guarito dalla Schistosomiasi!" Queste sono state le raggianti parole di Cris Froome, ultimo vincitore del Tour de France nell'anno del centenario. Nel corso di un'intervista al giornale inglese Independent ha parlato per la prima volta della sua malattia che fino ad ora nessuno conosceva. Quale occasione migliore se non questa a pochi giorni dalle sue ultime analisi che finalmente hanno dato esito negativo. Il campione britannico di origine sudafricana ha confessato di soffrire di questa patologia da ben 4anni e questo, sarebbe il motivo, della sua tarda esplosione nel panorama ciclistico mondiale. La malattia debilitativa e per le statistiche sanitarie seconda al Mondo per diffusione soltanto alla malaria e anch'essa tipica delle regioni africane. Il contagio avverrebbe per lo pi tramite l'assunzione di acqua contaminata e fa parte della famiglia delle parassitosi. Nonostante ci Froome quest'anno ha stradominato il Tour asfaltando praticamente tutti i suoi avversari guadagnandosi l'appellativo di Vroome (Il tipico suono usato per indicare il rumore dei motori). Ora, appena guarito il ciclista crede possa ancora migliorare le sue performance: "Si, da adesso sar ancora pi forte!".

Antonio Greco.

Il 14 Dicembre 2013 si tenuto, a Boston, il 14 annuale Santa Speedo Run, un divertente e unico evento, finalizzato alla raccolta fondi, come nessun altro abbia mai osato fare. iniziato proprio a Boston nel 2000 con cinque ragazzi che provarono a far diffondere un po di spirito natalizio correndo per le strade della citt con addosso solo i costumi e i cappelli di Babbo Natale. Da quel giorno levento cresciuto cos tanto da veder parteciparvi 700 persone (uomini e donne) ogni anno, diventando una tradizionale festa annuale che ha ospitato migliaia di spettatori, contribuendo alla raccolta di oltre 1,4 milioni di dollari per i bambini bisognosi Francesco Perfetto

Con il termine dragon boat o dragonboat (letteralmente: barca drago) si indica una canoa a 20 posti, il nome proviene dalla sua caratteristica testa di drago posta sulla punta dell'imbarcazione. I rematori sono 20 pi un timoniere alla poppa e un tamburino a prua per dare il ritmo di remata agli atleti. La pagaia del dragonboat solitamente in fibra di carbonio, pi piccola della pagaia della canoa canadese e solitamente decorata con qualche disegno che ricorda l'origine cinese. Questa imbarcazione misura 1,12 metri di larghezza e 12,40 m di lunghezza con un peso che, per i modelli in materiale composito, si aggira sui 250 kg. La storia delle gare dei dragonboat risalgono a miti e leggende, il cui punto centrale tuttavia rimane sempre il drago. Le gare dei dragonboat sono parte della omonima Festa delle barche drago o anche Festa di Duanwu, che ha luogo il quinto giorno della quinta luna secondo il calendario lunare cinese. Secondo la leggenda pi popolare, il Dragon Boat Festival ricorda il tentativo di salvare il poeta nazionale cinese Qu Yuan dall'annegamento nel 277 a.C. Ancora oggi le gare dei dragon boat vengono organizzate in tutto l'oriente il quinto giorno della quinta luna in onore del poeta. D'altra parte la Festa di Duanwu esisteva gi prima che nascesse Qu Yuan. Si tratta infatti della Festa dei Wuyue, un'antica trib il cui totem era il drago. I Wuyue in questo giorno facevano sacrifici in onore del drago.Gli studiosi ritengono che l'origine del Dragon Boat vada ricercato nel sud della Cina, in particolare nella regione del Chang Jiang, verso il 500 a.C. Ma sembra che Gare organizzate di Dragon Boat vi si disputavano gi molto prima e competizioni regolamentate si svolgevano in Cina gi durante la dinastia Sui (581-618) e la dinastia Tang (618907). I Dragon Boat sono barche aperte con una chiglia lunga, leggermente incurvata. Il loro scafo costruito tipicamente senza tiranti e cassoni d'aria, la propulsione avviene mediante pagaie. I Dragon Boats sono costruiti in modo da raffigurare un dragone stilizzato, con la testa e la coda di drago cinese a prua e a poppa e le scaglie decorative dipinte sulle fiancate dell'imbarcazione. Si possono distinguere grosso modo i seguenti tipi di barca:

-barca drago cinese tradizionale; -barca drago di Hong Kong; -barca drago di Singapore; -barca drago da gara IDBF standard.
Tra le barche tradizionali rientrano la barca drago cinese tradizionale, la barca drago di Hong Kong e la barca drago di Singapore. Comune a tutte la massiccia struttura in tek. Sono munite di artistiche, grandi teste di drago, che danno loro un aspetto particolarmente sgargiante. Oltre a ci su ogni barca sono dipinti caratteri cinesi che ne mostrano i particolari pregi. Le barche tradizionali sono lunghe fino a 25 metri e sono fabbricate in legno. Possono essere da 20 o da 50 per le gare, ma esistono imbarcazioni da sfilata con oltre cento pagaiatori. Diverso il caso delle barche da gara regolamentata a livello internazionale. Gli standard di queste barche sono stati fissati dalla International Dragon Boat Federation (IDBF) per la prima volta nel 1994 e da allora (situazione al 2006) sono disponibili nella 4 versione. Le barche sportive IDBF standard da gara richiamano quelle tradizionali, ed in particolare il progetto fa riferimento al modello di Hong Kong con 20 pagaiatori un timoniere ed un tamburino. La testa e la coda di drago, uguali per tutte le barche, sono rimovibili e trovano impiego solo nelle manifestazioni. Le barche IDBF standard, senza testa e coda, sono lunghe 12,49 m, larghe 1,16 e pesanti 250 kg, possono essere ad un pezzo o divisibili per facilitarne il trasporto. Lo scafo in vetroresina, con panche e rifiniture in legno. Esistono due modelli, a 20 posti o a 10 posti, queste ultime utilizzate per i Dragon Festivalo per le attivit aziendali di incentive e team building.

La pagaia utilizzata nel dragonboat quella semplice, formata da pala, manico e impugnatura (oliva). Anche le pagaie sono standardizzate dal regolamento della Federazione Internazionale, e sono ammesse alle gare solo quelle prodotte da rivenditori autorizzati che le producano secondo le caratteristiche tecniche originali. Il manico unisce la pala all'impugnatura. Vicino al pomello, all'estremit superiore dell'asta, si distinguono due tipi di impugnatura, quella a vanga (impugnatura a T) e quella palmare. La gamma dei materiali utilizzati nelle pagaie va dal legno convenzionale fino a moderni materiali come alluminio/plastica o carbonio. Nello sport agonistico la lunghezza della pagaia regolamentata e varia da un minimo di 1,05 m a 1,30 m, mentre la forma della pala rigorosamente standard ed ha una larghezza massima di 18 cm. Il timone della barca costituito da un remo dritto lungo circa 3 metri, di regola fissato al blocco del timone e sporge in acqua per lo pi a babordo (cio sul lato sinistro). impugnato da un timoniere che tiene la rotta della barca. La tecnica di guida delle barche drago quella degli sport di tipo ciclico, in cui cio movimenti omogenei si trasformano l'uno nell'altro in modo fluido. Lo svolgimento del movimento, consistente in due fasi, fase principale costituita da attacco, trazione e uscita e la fase aerea di preparazione del colpo successivo. La frequenza dei colpi ammonta in una gara tra 70 e 80 colpi al minuto. Nella fase di partenza tuttavia una squadra pu arrivare anche fino a 120 colpi al minuto. Il dragonboater siede sulla panca nella barca drago con un lato del bacino alla murata esterna della barca. La pagaia tenuta con l'interno della mano sopra l'impugnatura. La mano dal lato dell'acqua afferra il manico vicino alla pala. La gamba dal lato dell'acqua chiamata gamba d'appoggio e dovrebbe essere saldamente incastrata con la coscia il pi possibile orizzontale tra la murata e il fondo della barca. L'asse del bacino perpendicolare all'asse della barca, cio obliquo alla direzione di marcia. Il busto piegato verso l'interno in posizione ottimale sopra la cintura del bacino dal lato di trazione e leggermente piegato in avanti. Il braccio che tira, cio il braccio dal lato dell'acqua, disteso, il braccio che preme leggermente piegato, la mano che preme si trova leggermente oltre e davanti alla testa dello sportivo.La pagaia viene immersa in acqua con decisione, il pi possibile in avanti (pressappoco all'altezza della panca di seduta del secondo atleta della fila davanti). A tal fine la mano che tira, con l'aiuto della mano che spinge, schiaccia completamente la pala della pagaia in acqua, velocemente e senza sollevare schizzi, oltre il braccio disteso. La mano che spinge si trova fino a due mani di distanza sopra la testa. L'angolo di appoggio della pala in questo caso di 50-80. Solo quando la pala della pagaia completamente immersa nell'acqua, la pagaia viene tirata immediatamente a ridosso della murata esterna della barca drago, e tenuta contemporaneamente il pi possibile perpendicolare all'asse centrale della barca e allo specchio d'acqua. Il passaggio comincia in modo esplosivo (la curva di potenza sale ripidamente), dopodich segue il passaggio con una velocit ancora crescente mediante una rotazione all'indietro e un contemporaneo sollevarsi del busto, coordinati con il movimento di trazione del braccio che tira. Il braccio e la mano che premono svolgono un lavoro di appoggio statico e fungono da snodo ed elemento di guida per la pagaia. La cintura del bacino e le gambe assicurano, mediante il mantenimento della posizione fondamentale, la trasmissione alla barca dell'impulso di potenza generato dal colpo di pagaia. Dopo che la mano che tira ha raggiunto la coscia della gamba di appoggio, la mano che tira e quella che preme sollevano la pagaia rapidamente e il pi possibile senza alzare spruzzi direttamente al di sopra fuori dall'acqua. L'uscita dovrebbe essere completata all'altezza del bacino dello sportivo. La mano che tira conduce la pagaia in un leggero arco nella direzione di marcia verso la prua, la pala rimane circa 58 cm sopra la superficie dellacqua. La mano che preme conduce in modo molto leggero il pomello della pagaia (oliva) nella barca, e quindi avanti in alto dinanzi alla testa nella posizione di partenza. In coordinazione temporale e spaziale tra il braccio che tira e quello che preme, il tronco sostiene il movimento in avanti mediante una rotazione ottimale della cintura scapolare verso il lato di trazione con una corrispondente curvatura dell'intero busto verso la cintura del bacino. La parte inferiore del corpo agisce come contrappeso e deve stare il pi possibile ferma e assicurare la trasmissione della potenza alla barca. La testa mantenuta in prolungamento della colonna, lo sguardo rivolto diagonalmente sul vogatore seduto davanti. Oggi sono poche le gare organizzate per i dragonboat poich sono imbarcazioni molto grandi e difficilmente trasportabili. Le prime organizzate furono sulle 700 iarde (circa 640 m), ora invece sono sulle distanze di 250 m, 500 m e 1.000 m e possono partecipare equipaggi: -maschili, dove pagaiano 20 maschi; -femminili, dove pagaiano 20 ragazze; -misti, dove possono pagaiare al massimo 12 maschi e 8 ragazze (fino ad un massimo di 12). Eleonora Brangi

Salve a tutti e bentornati. Oggi ci tufferemo nel mondo del parquet. Calmi, non parleremo di negozi che vendonopavimentazione in legno ma di basket! Lo faremo ovviamente con laiuto di Spike Lee, uno dei pi celebri registiafroamericani, e il film scelto He got Game (1998). Jake Shuttlesworth (interpretato alla grande da Denzel Washington) si trova in galera da 6 anni nel carcere di Attica, un quartiere di New York, per scontare una pena di 20 anni per omicidio preterintenzionale della moglie. Jake ha un figlio di nome Jesus. Questultimo una grande promessa del basket liceale e le pi importanti universit americane lovogliono a tutti i costi nella loro squadra nellanno che verr. Jesus ha appena vinto il titolo del campionato statale e, ad una settimana dallo scadere del termine prefissato, Jesus non ha ancora deciso in quale Universit andare. Il governatore dello stato di New York un amante del basket e acceso sostenitore delluniversit di Big State, e della relativa squadra di pallacanestro. Per questo Jake viene convocato dal direttore del carcere e, su espressa richiesta del governatore gli propone un patto: 7 giorni di libert vigilata per riuscire a convincere il figlio ad accettare loffertadelluniversit sopracitata, con notevole riduzione della pena in caso di successo. Il galeotto appena iniziata la limitata libert incontra sua figlia Mary, una ragazzina che va alle scuole medie e che entusiasta di rivedere suo padre. Totalmente opposta invece la situazione con Jesus, che rifiuta di ospitarlo e di parlargli. Jake decide cos di spostarsi in un albergo a Coney Island (quartiere di Brooklyn), zona in cui viveva con la moglie e dove sono cresciuti i suoi figli. Qui conosce Dakota, una prostituta di cui si innamora, e che cerca in tutti i modi di farla uscire da quel mondo, soprattutto dopo le violenze subite dal suo protettore Sweetness. Jesus intanto vive una settimana molto complicata e stressante. Ovunque si giri ci sono persone che cercano di convincerlo a fare una scelta piuttosto che un'altra. Gli zii con cui cresciuto dopo la morta della madre e la condanna del padre, e il suo allenatore lo pressano continuamente. La stessa fidanzata Lola accetta denaro per esercitare su di lui influenza. Le stesse universit continuamente gli propongono giri e visiti nei loro campus per far si che il ragazzo accetti. Improvvisamente Jesus traballa quando gli si presentano 2 procuratori che gli promettono di entrare direttamente nel NBA. Si trova cos davanti ad un dilemma: entrare subito nel NBA e poter abbandonare cos il quartiere povero in cui vive e poter badare adeguatamente alla piccola sorella, ma dover dire addio alluniversit e trovarsi circondato da parassiti e da mille pericoli che lo sport professionistico porta. Tutti vedono il ragazzo solo come una fonte di guadagno e questa cosa non fa altro che far chiudere Jesus in se stesso senza prendere una decisione e rimandare cos tutto allultimo momento. Jake intanto continua a provare a stabilire un legame con il figlio e gli spiega il perch del suo nome: in onore del suo idolo "BlackJesus", come era chiamato il cestista Earl Monroe, campione NBA con i New York Knicksnel 1973 e in passato stella dei Baltimore Bullets. Lultima sera prima del ritorno in carcere il padre confessa al figlio il perch dello stato di semilibert e decide di sfidarlo a basket in uno uno-contro-uno e se Jake avrebbe vinto Jesus avrebbe dovuto accettare luniversit di Big State, altrimenti sarebbe stato libero di fare quello che riteneva pi opportuno. Durante la prova nel playground i 2 si confessano i loro segreti pi nascosti, andando a creare quel dialogo che non cera mai stato. Alla fine della sfida Jesus vincer e strapper le carte per liscrizione per Big State. Per il ragazzo colpito dalla sincerit e dallaffetto del padre e il giorno della conferenza al suo liceo dichiarer di accettare lofferta delluniversit di Big State. Jake intanto tornato in carcere, ma purtroppo, nonostante la decisione del figlio, il direttore della prigione si rimangia la parola data per la riduzione di pena! Nella pellicola oltre a Denzel Washington nelle vesti di protagonista troviamo molti camei di vari ex cestisti professionisti tra cui Michael Jordan, Shaquille ONeill e Charles Barkley. Si tratta di un film in cui Spike Lee ha usato il tema del basket come veicolo di comunicazione e di critica, dove vengono trattati i temi del potere, del denaro, degli sfruttatori. Un mondo in pratica dominato dallindustria in cui trova anche spazio il complicato rapporto padre-figlio Non vi resta che mettervi comodi e godervi questa splendida pellicola. Buona Visione! Vincenzo Vitale

Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Giuseppe Vecchione e Silvana Ventriglia Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.

27